Page 1

16.11.2015 TERRORISMO Parigi: tra le vittime anche un cittadino bulgaro Sebastian Proasi, un bulgaro con doppia cittadinanza bulgara e francese, è tra le vittime dell'attentato in uno dei bar attaccati dai kamikaze dello Stato islamico a Parigi. Lo ha reso noto il Ministero degli Esteri. Le reti sociali su Internet in Bulgaria hanno organizzato una manifestazione davanti all'Ambasciata francese con lo slogan “Oggi siamo tutti parigini, oggi siamo tutti francesi, oggi siamo tutti europei!”. Presso il Ministero dell'Interno si è svolta una riunione del Comitato per la sicurezza. È stato deciso di intensificare i controlli ai confini del Paese e sul traffico verso l'Europa occidentale. Il Presidente Plevneliev cancella la visita in Francia Il Presidente della Repubblica, Rossen Plevneliev, ha cancellato la sua visita di lavoro in Francia prevista per oggi in seguito agli attacchi terroristici avvenuti a Parigi. Il Capo dello Stato avrebbe dovuto visitare la capitale francese in occasione del 70° anniversario della nascita dell’Unesco, fondato il 16 novembre 1945. La maggior parte dei Capi di Stato attesi alla cerimonia hanno cancellato la loro partecipazione alla celebrazione. Rossen Plevneliev ha espresso le condoglianze alle famiglie e ai parenti delle vittime, definendo le violenze “degli atti barbarici”. Plevneliev, inoltre, ha deposto una corona di fiori dinnanzi all’Ambasciata francese a Sofia. INTERVISTA Rossen Plevneliev: La Russia pianifica una "guerra ibrida" per destabilizzare l'Europa Il Presidente Rossen Plevneliev, in un’intervista a The Independent ha accusato la Russia di aver lanciato continui e massicci attacchi informatici contro le istituzioni governative bulgare e di aver più volte provato a violare lo spazio aereo del Paese dopo l’annessione unilaterale della Penisola di Crimea dello scorso anno. “Il modo più efficiente e sicuro per la Russia di destabilizzare l'Europa è attraverso i Balcani ed è quello su cui Putin si sta concentrando”, ha detto il Presidente. “Il nostro messaggio per l'UE, il Segretario Generale della NATO, i nostri partner e alleati occidentali è che i Balcani dovrebbero essere nel cuore della politica di sicurezza europea. Fare di più per noi, al fine di fare di più per voi stessi” ha detto Plevneliev. BUSINESS Gli imprenditori aspettano un calo del 32,6 per cento negli investimenti Uno studio dell'Istituto Nazionale di Statistica della Bulgaria effettuato tra le imprese industriali, ha fatto emergere che gli imprenditori bulgari prevedono per il 2015 un calo del 32,6 per cento negli investimenti rispetto all'anno scorso. Secondo il rapporto di statistica la più alta quota relativa agli investimenti previsti nel 2015 riguarda il settore dell'energia e dell'acqua (33,7 per cento), seguito dall'industria di beni intermedi (31,9 per cento) e beni non durevoli (20,4 per cento). Secondo le previsioni degli industriali, il


volume di investimenti nel settore subiranno un ulteriore calo nel del 2,4% rispetto al 2015. TELEFONIA MOBILE Tre offerte d’acquisto per l’operatore Vivacom Sono tre le potenziali società interessate all'acquisto dell’operatore telefonico bulgaro Vivacom che hanno presentato le proprie offerte. Uno dei candidati è il gruppo greco Olympia, sostenuto dalla società di hedge fund Third Point con base negli Stati Uniti. Olympia è controllata dalla Panos Germanos, azionista principale. Third Point è una società di consulenza per investimenti con sede a New York e fondata da Daniel Loeb, suo amministratore delegato. La seconda offerta è stata presentata da Marc Schneider, co-fondatore dell’operatore cavo Upc, finanziariamente sostenuto da fondo di private equity statunitense Cvc. Il terzo candidato è l’imprenditore bulgaro Spas Russev residente nel Regno Unito. TRASPORTO AEREO Dal mese prossimo ripartiranno i voli regolari fra Sofia e Kiev Presto ripartiranno regolari voli passeggeri fra Sofia e Kiev, capitali di Bulgaria e Ucraina. Lo ha dichiarato il Ministro delle Infrastrutture di Kiev, Andrei Pivovarsky, durante un incontro col viceministro dei Trasporti bulgaro, Anton Ghinev, a Sofia. La compagnia aerea ucraina Wind Rose, ha detto Pivovarskj, entro un mese riprenderà la tratta Kiev - Sofia, confermando che l’aeroporto della capitale bulgara è pronto a contribuire allo sviluppo di una linea regolare. Pivovarsky e Ghinev hanno discusso anche di alcuni ostacoli che si frappongono a una maggiore efficienza delle linee marittime fra i due Paesi nel Mar Nero, in particolare nel collegamento fra il porto bulgaro di Varna e la località ucraina Ilicevsk.

News ccib 16 11 2015