Page 1

16.06.2016 NATO Sofia appoggia la presenza dell’Alleanza nella regione del Mar Nero La Bulgaria appoggerà l'iniziativa romena per la difesa della zona del Mar Nero da eventuali aggressioni a seguito dell'annessione della Crimea da parte della Russia. Lo ha dichiarato il Presidente, Rossen Plevneliev, dopo un incontro con il suo omologo romeno Klaus Iohannis giunto in visita a Sofia. La posizione comune dei due Paesi balcanici per la presenza della NATO nella regione sarà presentata al vertice dell'Alleanza a Varsavia ai primi di luglio. “Non possiamo stare tranquilli quando alle nostre porte vi sono conflitti latenti”, ha detto Plevneliev. “Non vogliamo attaccare nessuno, ma vorremmo essere in grado di difenderci e avere l'ombrello della NATO”, ha detto da parte sua Klaus Iohannis. PARLAMENTO Approvata in prima lettura la legge sul divieto del burqa Il Parlamento ha approvato in prima lettura il disegno di legge che propone il divieto di indossare in luoghi pubblici indumenti che nascondono totalmente o parzialmente il volto umano. In totale 108 parlamentari hanno votato a favore del disegno di legge, proposto dal Fronte Patriottico (FP). Solo otto i parlamentari che hanno espresso parere contrario, con zero astenuti. All'inizio della seduta, il secondo più grande partito di opposizione, il Movimento per i Diritti e le Libertà (DPS), espressione della minoranza turca in Bulgaria, ha proposto il ritiro del disegno di legge. Tuttavia, questa proposta è stata respinta. Il disegno di legge sarà applicabile a tutte le istituzioni e luoghi che forniscono servizi amministrativi, educativi o sociali così come spazi pubblici per il relax, lo sport, la cultura e gli eventi ufficiali. In precedenza, i Consigli comunali di Pazargik, Stara Zagora, Sliven e Burgas avevano approvato un divieto simile nei rispettivi Comuni. ENERGIA Temenuzhka Petkova: Vogliamo sviluppare nuove capacità nel settore nucleare La Bulgaria è pronta a sviluppare nuove capacità nel settore nucleare solo a determinate condizioni. Lo ha dichiarato il Ministro dell’Energia di Sofia, Temenuzhka Petkova, intervenendo ad una conferenza internazionale tenutasi a Varna. “Lo Stato non può agire come investitore nel settore energetico, avendo l’obiettivo primario di salvaguardare l’equilibrio delle finanze pubbliche”. Temenuzhka Petkova ha aggiunto che “la futura espansione delle capacità nucleari della Bulgaria non dovrebbe arrivare ai danni di altri progetti già


delineati, come l’allungamento della vita operativa delle unità 5 e 6 della centrale nucleare di Kozloduy”. Fra i piani energetici di Sofia c’è la costruzione di una nuova unità, la numero 7, nell’impianto di Kozloduy.

News ccib 16 06 2016  

News ccib 16 06 2016