Page 1

15-12-2016 EMERGENZA MIGRANTI La posizione di Sofia in vista del Consiglio UE, focus sulla questione migratoria Il Ministro degli Esteri dimissionario Daniel Mitov ha illustrato davanti ai giornalisti la posizione di Sofia in vista del Consiglio Europeo, che si terrà oggi a Bruxelles. I leader UE si concentreranno sulla questione migratoria e sulla Brexit, mentre il tema relativo alla Turchia è stato tolto dall’agenda della riunione. Come spiegato da Mitov, il Consiglio affari generali dell’UE non è riuscito ad adottare delle conclusioni condivise sulla questione dell’accesso di Ankara all’UE, motivo per cui il tema è stato rimosso dal programma di discussione. La posizione bulgara in merito, ha proseguito Mitov, è che l’accordo UeTurchia sui migranti raggiunto a marzo debba essere riconfermato. “La Bulgaria è convinta che sia necessario continuare il processo di negoziati con la Turchia”, ha detto il Ministro. Per quanto riguarda la questione migratoria, il Governo continuerà a ribadire l’esigenza di sostenere tutti i Paesi che si trovano in prima linea, e di assicurare una capacità di pronta risposta della Guardia di frontiera e costiera europea. Mitov ha poi chiarito come la Bulgaria chiederà di portare effettivamente a compimento l’accordo con l’Afghanistan sul tema dei rifugiati. Germania dona 12 veicoli alla polizia di frontiera bulgara La polizia di frontiera in Bulgaria ha ricevuto in dono 12 veicoli fuoristrada da parte del Ministero dell’Interno tedesco. “La Bulgaria negli ultimi tempi sta soffrendo una fortissima pressione migratoria, e, dal momento che la Germania è la meta di moltissimi migranti illegali, vogliamo aiutare il Governo di Sofia a contenere il flusso”, ha dichiarato il Capo della polizia federale tedesca, Helmut Teichmann. Il Viceministro dell’Interno bulgaro, Filip Gunev, ha affermato che “il sostegno della Germania è un chiaro segno dell’apprezzamento dell’Unione Europea per l’impegno che la Bulgaria sta mettendo nel contenimento dei migranti”. “Tutti i veicoli verranno utilizzati per la salvaguardia del confine con la Turchia”, ha concluso Gunev. ENERGIA

Banca cinese interessata a finanziare il progetto della centrale nucleare di Belene La Banca industriale e commerciale cinese ha mostrato interesse a finanziare il progetto per la costruzione della centrale nucleare di Belene sul Danubio, la seconda in Bulgaria dopo quella di Kozloduy. Rappresentanti dell'istituto finanziario si sono incontrati a Sofia con il Premier Boyko Borissov, il quale ha illustrato le condizioni poste dal Governo, in particolare l'impossibilità di finanziamenti statali da parte di Sofia e l'assenza di garanzie a lungo termine per l'acquisto dell'energia elettrica prodotta. I rappresentanti della Banca cinese hanno confermato l'interesse a finanziare il progetto osservando tali condizioni. Il controverso progetto della centrale nucleare di Belene ha una lunga storia. I lavori per la sua costruzione iniziarono


negli anni Ottanta, in epoca comunista, ma dopo la caduta del regime il progetto fu congelato. Fu rispolverato nei primi anni del Duemila e nel 2006 Sofia siglò un contratto con la compagnia russa Atomstroiexport per la costruzione di due reattori da mille megawatt ciascuno. Nel 2012 però Sofia annullò il contratto. In seguito, una sentenza della Corte d'arbitrato internazionale di Ginevra impose alla Compagnia Elettrica Nazionale bulgara (NEK) il pagamento di un risarcimento alla Atomstroiexport pari a circa 620 milioni di euro, estinto nei giorni scorsi.

KOSOVO La bulgara Ekaterina Trendafilova nominata a Presidente del Tribunale speciale per i crimini di guerra Il Capo della Missione Europea per lo Stato di Diritto in Kosovo (EULEX), Alexandra Papadopoulou, ha annunciato la nomina di Ekaterina Trendafilova alla Presidenza del Tribunale speciale per i crimini di guerra, dopo aver esaminato le proposte avanzate dalla giuria. Il nuovo Presidente del Tribunale speciale dell’AIA è un giudice molto rinomato in Bulgaria, con una notevole esperienza in diritto penale locale ed internazionale. Detentrice di una cattedra presso l’Università di Sofia, ha fornito svariate consulenze al Parlamento bulgaro, alla Corte suprema e a numerosi dicasteri per importanti questioni relative ai diritti umani e al diritto penale internazionale, per poi lavorare come giudice presso la Corte penale internazionale dal 2006 al 2015. “Sono molto onorata per la mia nomina a Presidente del Tribunale speciale del Kosovo: nel contesto attuale, è una dimostrazione di grande fiducia nei miei confronti. Mi rendo conto che assicurare l’efficace operato dell’organismo è una responsabilità enorme, ma farò tutto il possibile perché sia fatta giustizia, svolgendo i miei compiti con professionalità, impegno e determinazione”, ha dichiarato la Trendafilova. PARLAMENTO I deputati sospendono la propria attività dal 23 dicembre al 6 gennaio 2017 Il Parlamento esce in vacanza in occasione delle festività natalizie, dal 23 dicembre al 6 gennaio prossimo. La proposta per la sospensione delle attività è stata fatta dal partito conservatore GERB, ed è stata approvata con il voto favorevole di 108 parlamentari, 7 contrari e 24 astenuti. Il Blocco riformista, che aveva chiesto di ridurre di una settimana le vacanze natalizie, ha visto respinta la propria proposta. Il Parlamento si riunirà ancora una volta il 20 dicembre per una sessione straordinaria. Il dibattito parlamentare che ha accompagnato la votazione ha visto uno scambio di accuse incrociate di populismo da parte delle diverse fazioni presenti in aula.

News ccib 15 12 2016  

News ccib 15 12 2016

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you