Page 1

13.05.2015 CREDITO La Bulgaria è il paese più a rischio in caso di collasso dell’economia greca La Bulgaria è il paese che rischia di più, rispetto alle vicine Romania e Serbia, in caso di un potenziale collasso dell’economia greca. È quanto emerge da un rapporto di Morgan Stanley secondo cui le “banche greche detengono una quota rilevante in Bulgaria, Romania e Serbia”, ma la percentuale più elevata di attività all’estero è quella in Bulgaria. “Mentre l'impatto economico diretto di una Grexit sembra gestibile, riteniamo che le banche sono di gran lunga il più grave potenziale canale di contagio”, si legge nel rapporto secondo cui le banche greche hanno circa il 14 per cento delle loro attività nei mercati del sud est Europa, con una quota di mercato di circa il 25 per cento e operazioni finanziate con depositi di circa 15 miliardi di euro. Gli istituti di credito greci costituiscono il 33 per cento delle attività estere in Bulgaria, il 18 per cento in Romania e il 23 per cento in Serbia. FRONTEX Aumenta il numero degli ingressi di immigrati clandestini nei Balcani Tra il 2013 e il 2014 sono aumentati di oltre il 60 per cento gli ingressi d’immigrati irregolari nell’Ue attraverso i paesi dei Balcani occidentali, passando da 40.027 a 66.079. È uno dei dati contenuti nel rapporto sull’Analisi dei rischi annuale sui Balcani presentato da Frontex, l’agenzia dell’UE per il controllo delle frontiere esterne. Nella relazione si legge che circa due terzi degli arrivi sono stati rilevati alla frontiera tra la Serbia e l’Ungheria. In Bulgaria, Romania e Slovenia i primi richiedenti asilo per numero sono stati i siriani, in Grecia gli afghani e in Croazia gli algerini. Il paese che ha ricevuto più richieste di asilo è la Germania con 202.700 domande, seguita da Svezia (81.200), Italia (64.600), Francia (62.800) e Ungheria (42.800). In Bulgaria sono state presentate 11.080 domande, in Romania 1.545, in Grecia 9.430, in Croazia 450 e in Slovenia 385. ENERGIA Hassan Rohani: La Bulgaria è un ponte fra Iran ed Europa per le risorse energetiche La Bulgaria potrà offrire un grande aiuto per trasportare le risorse energetiche iraniane in Europa. Lo ha detto il Presidente iraniano Hassan Rohani durante un incontro con il nuovo Ambasciatore bulgaro a Teheran, Christo Polendakov. Durante il colloquio il Capo dello Stato ha rilevato l’importanza della Bulgaria come porta d’accesso all’Europa sud orientale, Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg


notando che in futuro Sofia potrà divenire un importante ponte fra l’Iran e i paesi dell’Europa. Secondo Rohani, Teheran ha intenzione di espandere la cooperazione economica, politica e culturale con la Bulgaria, ricordando che entrambi i Paesi hanno molte potenzialità che potrebbero portare mutui benefici in futuro. Da parte sua Polenkadov ha dichiarato che durante il periodo della sua missione, si impegnerà ad avvicinare i rapporti fra Teheran e Sofia in tutti i possibili settori di interesse, da quello economico alla cultura. COMMISSIONE EUROPEA Il Commissario Cretu incontra oggi il Ministro Doncev Il Commissario europeo per le Politiche regionali, Corina Cretu, incontra oggi a Bruxelles il vicepremier bulgaro e responsabile per i Fondi UE, Tomislav Doncev. Al centro dei colloqui ci saranno i passi in avanti fatti da Sofia nell'assorbimento delle risorse comunitarie e le riforme necessarie per fare ulteriori progressi. Sempre oggi è previsto inoltre un incontro tra la vicepresidente della Commissione UE, Kristalina Gheorghieva, e il Ministro per lo Sviluppo regionale bulgaro, Liliana Pavlova.

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg

News ccib 13 05 2015  
News ccib 13 05 2015