Page 1

13-04-2018 BULGARIA-UE Il commissario Stylianidis a Sofia, colloqui con il premier Borissov “La Bulgaria svolge un ruolo importante nel meccanismo europeo di protezione civile in tutti i settori, compresi gli incendi boschivi e le inondazioni”. Lo ha dichiarato a Sofia il commissario europeo per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi, Christo Stylianidis, dopo i colloqui con il premier Boyko Borissov. Il commissario Ue ha aggiunto che l'argomento principale dell'incontro è stata la proposta della Commissione europea di aggiornare il meccanismo per le operazioni di soccorso. Borissov e Stylianidis hanno concordato che le calamità naturali negli ultimi anni hanno dimostrato che l'attuale sistema di risposta in situazioni di emergenza in Europa non soddisfa i criteri di efficienza. Stylianidis ha aggiunto che il nuovo sistema europeo di risposta alle catastrofi naturali RescEU “serve a rafforzare e non a sostituire” le capacità di risposta dei singoli paesi membri dell'Ue. BULGARIA-BOSNIA Radev e Zvizdic costatano i progressi di Sarajevo La Bosnia-Erzegovina ha conseguito negli ultimi tempi “progressi visibili”, sia sul piano delle riforme sia dal punto di vista economico. Lo hanno constatato il presidente della Bulgaria Rumen Radev e il premier bosniaco Denis Zvizdic, durante la visita di quest'ultimo a Sofia. Zvizdic ha plaudito “la nuova dinamica nei rapporti bilaterali che si riflette in incontri, sempre più numerosi, tra i funzionari dei due paesi”. Radev ha ricordato che “la Bulgaria rappresenta uno dei primi paesi che hanno riconosciuto l'indipendenza della Bosnia e continua anche oggi a sostenere Sarajevo”. Radev si è congratulato con i vertici bosniaci per la recente consegna delle risposte al questionario dell'Ue sullo status del paese candidato. I due hanno inoltre costatato che i rapporti tra la Bosnia e la Bulgaria sono buoni e non appesantiti da questioni aperte.


STRASBURGO Simeone II non riavrà il palazzo di Krichim L'ex Re di Bulgaria, Simeone II, e sua sorella, Maria-Luisa hanno perso ogni speranza di poter recuperare la proprietà del palazzo reale di Krichim, ma possono ancora sperare di riottenere il controllo di altri beni. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha deciso, infatti, di dichiarare inammissibile il ricorso che gli ex reali hanno presentato per ottenere la restituzione di Krichim, una delle proprietà confiscate dopo l'abolizione della monarchia nel 1946. Allo stesso tempo i giudici di Strasburgo hanno stabilito che analizzeranno i ricorsi presentati da Simeone II e Maria-Luisa per quanto concerne i loro diritti a rientrare in possesso e poter disporre liberamente di altre proprietà che dichiarano essere appartenute alla loro famiglia. In questi ricorsi, che quindi restano pendenti, gli ex reali contestano la legittimità dell'atto parlamentare con cui nel 2009 è stato stabilito che non possono vendere o utilizzare commercialmente nessuno dei beni restituiti. Inoltre impugnano davanti alla Corte di Strasburgo le sentenze dei tribunali bulgari che hanno stabilito che dovevano restituire allo stato altre due proprietà, Saragyol e Sitnyakovo. VISITA Boyko Borissov a Pristina, focus sul vertice Ue di maggio a Sofia Il premier Boyko Borissov si recherà in visita in Kosovo lunedì 16 aprile, in risposta ad un invito del presidente Hashim Thaci. Nel corso della sua visita a Pristina, Borissov incontrerà anche il premier kosovaro Ramush Haradinaj e il presidente del parlamento Kadri Veseli. Lo riferisce il portale d'informazione di Pristina Gazeta Express, secondo cui la visita del capo del governo del paese che detiene la presidenza di turno del Consiglio Ue è stata confermata dall'ufficio del presidente kosovaro. Tra i temi oggetto di attenzione durante il colloquio, la prossima organizzazione del vertice Ue dedicato ai Balcani occidentali, in programma per il 17 maggio a Sofia, con un'attenzione particolare alla partecipazione del governo di Pristina e alle eventuali ripercussioni sul successo del vertice in Bulgaria, viste le possibili reazioni negative da parte dei cinque paesi dell'Unione che ancora non riconoscono l'indipendenza del Kosovo e della Serbia.

News ccib 13 04 2018  

News ccib 13 04 2018

News ccib 13 04 2018  

News ccib 13 04 2018

Advertisement