Page 1

08.07.2016 BULGARIA – NATO Esercitazioni navali nel Mar Nero Sono iniziate ieri nelle acque territoriali bulgare del Mar Nero le esercitazioni navali multinazionali ‘Breeze 2016’. Le manovre, alle quali partecipano le marine militari di Paesi NATO, si protrarranno fino al 17 luglio. Lo scopo è perfezionare il livello di preparazione dei soldati nello svolgimento di operazioni militari congiunte, nonché migliorare il coordinamento con organizzazioni e istituzioni governative e non in casi di crisi e di difesa della popolazione. Alle esercitazioni prendono parte oltre 1.700 soldati delle marine militari di Bulgaria, Grecia, Romania, Turchia e Spagna, 25 unità navali, tre aerei e due elicotteri. BULGARIA –ISRAELE Colloqui a Sofia del Presidente Rivlin Tra pochi giorni la procura bulgara presenterà in tribunale l'atto d'accusa contro i mandanti e gli esecutori dell'attentato dinamitardo avvenuto il 18 luglio 2012 all'aeroporto di Burgas, sul Mar Nero, nel quale persero la vita cinque turisti israeliani appena giunti in Bulgaria, e il conducente bulgaro del loro autobus. Lo ha annunciato il Presidente Rossen Plevneliev in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo israeliano, Reuven Rivlin, in visita ieri a Sofia. Rivlin ha ribadito la riconoscenza di Israele per il ruolo della Bulgaria nel salvataggio di 48.000 ebrei bulgari durante la Seconda Guerra Mondiale, rifiutandosi di deportarli nei campi di sterminio nazisti. “Israele ricorderà sempre l'appoggio bulgaro anche alla costituzione dello Stato ebraico nel 1948”, ha aggiunto il Presidente israeliano. Nei colloqui con la dirigenza locale Rivlin ha passato in rassegna le relazioni economiche e commerciali fra Bulgaria e Israele, con particolare attenzione ai progetti energetici. ECONOMIA Individuati sette settori verso cui attrarre gli investimenti stranieri La Bulgaria si impegnerà per attrarre investimenti stranieri in sette settori dell’economia del Paese. Lo hanno dichiarato ad una conferenza stampa congiunta il Vice Ministro dell’Economia, Daniela Vezieva, e il Direttore esecutivo dell’Agenzia per gli investimenti, Stamen Yanev. I settori considerati più importanti sono quelli concernenti la produzione di computer, la tecnologia delle comunicazioni, la strumentazione elettronica, i macchinari industriali, i prodotti chimici, i materiali derivanti dalla gomma e dalla plastica e l’agroalimentare. L’obiettivo è di attrarre nuove imprese disposte a investire in settori già molto competitivi, cercando di distribuire le risorse a livello regionale e rendendo la Bulgaria un ponte commerciale ed economico ideale fra Oriente e Occidente. I Paesi europei individuati per le iniziative commerciali sono Germania, Regno Unito, Francia, Danimarca, Paesi Bassi, Svezia, Italia,


Belgio, Austria, Norvegia, Irlanda e Svizzera. A livello globale, potenziali partner per la Bulgaria potrebbero essere gli Stati Uniti, Cina, Giappone, Russia, Singapore, Israele, Kuwait, Turchia e Qatar. TRASPORTI Si procede al risanamento delle ferrovie nazionali La Bulgaria attende la decisione della Commissione Europea che permetta di destinare i fondi statali necessari per risolvere la situazione debitoria delle Ferrovie nazionali bulgare (BDZ). Lo ha affermato il Ministro dei Trasporti, Ivaylo Moskovski. Al momento sono stati stanziati circa 307 milioni di euro, che dovrebbero arrivare dalla concessione per l’aeroporto di Sofia annunciata ad inizio giugno. I debiti di BDZ si aggirano intorno ai 200 milioni di euro. Secondo le stime di Moskovski, gli altri 107 milioni di euro derivanti dalla concessione aeroportuale nella capitale saranno destinati all’acquisto di 15 nuovi locomotori.

News ccib 08 07 2016  

News ccib 08 07 2016