Page 1

07-10-2016 EMERGENZA MIGRANTI Al via la nuova Agenzia per la Guardia Costiera e di Frontiera “L’Agenzia Europea per la guardia Costiera e di Frontiera è una dimostrazione senza precedenti della solidarietà e della responsabilità condivisa dei Paesi UE”. Lo ha dichiarato il Commissario Europeo per i Problemi Migratori, Dimitris Avramopoulos, nel corso dell’inaugurazione della nuova struttura preposta a combattere il traffico illecito di migranti lungo i confini esterni dell’Unione. La cerimonia si è svolta al valico di Kapitan Andreevo, al confine della Bulgaria con la Turchia. Il Commissario ha aggiunto che la nuova agenzia, che prende il posto di Frontex, avrà un budget di 320 milioni di euro fino al 2020. “Forse due anni fa poteva considerarsi un’eresia, ma oggi è chiaro che i confini esterni dell’UE vanno chiusi”, ha dichiarato da parte sua il Premier Boyko Borissov. “Negli ultimi due anni l’Europa era come un cortile non recintato, ora non vogliamo trasformarla in una fortezza inaccessibile, ma dobbiamo mettere ordine ai suoi confini”, ha aggiunto. Secondo Borissov, la Turchia dovrebbe rimanere un partner strategico dell’UE, “perché ad appena 50 chilometri dal punto in ci troviamo ci sono oltre tre milioni di persone nei campi profughi in territorio turco e nessuna polizia di frontiera potrebbe fermare una loro eventuale ondata verso l'Occidente”. BUFERA POLITICA L’opposizione chiede le dimissioni di Borissov dopo l’insuccesso di Gheorghieva Aspre polemiche a Sofia dopo l'accordo al Consiglio di Sicurezza dell'ONU sulla nomina di Antonio Guterres a Segretario Generale delle Nazioni Unite, con l'insuccesso del candidato ufficiale della Bulgaria - la Vicepresidente della Commissione UE Kristalina Gheorghieva. “Sarebbe dignitoso che la Gheorghieva si dimettesse dalla sua carica immediatamente poiché, dopo il suo fiasco, non vedo come potrebbe continuare a lavorare e guardare la gente negli occhi”, ha dichiarato Gheorghi Parvanov, ex Presidente della Bulgaria e leader del partito di opposizione ABV. La candidatura di Kristalina Gheorghieva era stata lanciata pochi giorni fa dal Premier Boyko Borissov, in sostituzione di Irina Bokova, Direttore dell’UNESCO. Secondo Parvanov questa mossa dell’esecutivo “ha reso ridicola la diplomazia bulgara e in pratica ha cancellato la chance che l’Europa orientale aveva per ottenere la carica di segretario generale dell’ONU”. Il Partito Socialista (BSP) ha chiesto le dimissioni di Borissov e del suo


Governo. Il leader del BSP, Kornelia Ninova, ha dichiarato che con il cambio della candidatura all’ultimo momento Borissov “ha tradito gli interessi della Bulgaria e ha fatto il gioco di altri Paesi”. Secondo alcuni osservatori, sarebbe stata Angela Merkel a chiedere a Borissov di eliminare Irina Bokova come candidato ufficiale della Bulgaria. Anche il Partito Nazionalista VMRO ha chiesto le dimissioni del Governo e il ritiro di Kristalina Gheorghieva dalla sua carica alla Commissione Europea. “Non abbiamo sbagliato e non mi dimetto”, ha detto da parte sua Boyko Borissov. DIFESA Bulgaria inizierà una trattativa diretta per l’acquisto di dieci motori per i caccia MiG-29 Il Ministero della Difesa inizierà una trattativa diretta per l’acquisto di dieci motori per i caccia militari MiG-29. Lo ha annunciato lo stesso dicastero di Sofia, dopo un incontro avuto con i rappresentanti di Aviostart, l’unica compagnia ad aver partecipato alla gara d’appalto relativa all’acquisto dei motori. Aviostart ha offerto la consegna di 4 motori usati e sei riparati di recente, ma in seguito all’incontro fra i funzionari del Ministero della Difesa e i rappresentanti della compagnia è emerso come tali componenti non siano ancora pronti allo stato attuale e non lo saranno prima dell’autunno prossimo. Il Governo bulgaro ha predisposto 36 milioni di lev per l’acquisto dei motori, ma Aviostart aveva chiesto 43 milioni di lev per la commessa. TRASPORTI L’introduzione del pedaggio stradale potrebbe portare ricavi per 1,5 miliardi di lev I proventi dall’introduzione in Bulgaria del sistema di pedaggio stradale potrebbero ammontare a 1,5 miliardi di lev. Lo ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia per le infrastrutture stradali, Lazar Lazarov, il quale ha rilevato come i ricavi verranno utilizzati principalmente per la costruzione e la manutenzione delle strade. L’introduzione del sistema di pedaggio in Bulgaria è stata posticipata a causa di problemi burocratici. TURISMO Siglato un documento d'intesa con l’Arabia Saudita Il Ministro del Turismo, Nikolina Anghelkova, e il Presidente della Commissione per il Turismo saudita, Sultan bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, hanno siglato un documento d’intesa per la cooperazione nel settore


turistico fra i due Paesi. Lo riferisce il dicastero di Sofia con un comunicato. “Con la sigla del memorandum, si aprono nuove opportunità per lo sviluppo del settore del turismo, lo scambio di informazioni e l’approfondimento delle opportunità commerciali e di investimento fra Bulgaria e Arabia Saudita”, ha dichiarato Anghelkova. Il Ministro bulgaro e il rappresentante saudita hanno inoltre discusso le possibili modalità di cooperazione nell’ambito del turismo culturale. Angelkova ha presentato le grandi risorse della Bulgaria in termini di destinazioni estive e invernali.

News ccib 07 10 2016  

News ccib 07 10 2016