Page 1

03-02-2017 ELEZIONI ANTICIPATE

È iniziata la registrazione dei partiti per il voto È iniziata ieri la registrazione dei partiti politici in vista delle elezioni anticipate, previste per il 26 marzo. Il GERB, il partito conservatore dell’ex Premier Boyko Borissov, è stato il primo a registrarsi. Il termine per la registrazione è l’8 febbraio. La campagna elettorale per le elezioni parlamentari inizierà ufficialmente il 24 febbraio e si concluderà il 24 marzo. Fino al 28 febbraio, i cittadini bulgari residenti all’estero potranno registrarsi per votare nei seggi ospitati nei Paesi stranieri. Nei giorni scorsi, il Governo ad interim ha comunicato che le elezioni anticipate avranno un costo complessivo di quasi trenta milioni di lev. Le precedenti elezioni anticipate in Bulgaria, tenutesi nell’ottobre 2014, erano costate quasi 26 milioni di lev, mentre quelle del maggio 2013 avevano determinato una spesa di 21 milioni di lev. Il Capo dello Stato Rumen Radev ha dato mandato al governo di transizione, guidato da Ognyan Ghergikov, di assicurare lo svolgimento di una campagna elettorale corretta e di votazioni regolari. In tutti i seggi elettorali ci saranno sistemi di voto a scansione ottica Le autorità bulgare provvederanno alla fornitura di apparecchiature per il voto a scansione ottica in tutti i seggi elettorali del Paese in occasione delle elezioni del 26 marzo. Lo ha dichiarato il Vicepremier ad interim Stefan Yanev. La Corte suprema bulgara ha imposto alle autorità di fornire tali apparecchiature per la registrazione del voto in tutti i 12.500 seggi elettorali che saranno aperti il 26 marzo. La sentenza della Corte suprema bulgara potrebbe duplicare i costi in precedenza stimati per l’organizzazione delle elezioni, ovvero 29,9 milioni di lev. Fra le opzioni al vaglio delle istituzioni bulgare per l’acquisto delle apparecchiature di registrazioni del voto, vi sarebbero l’Ecuador e le Filippine. Le autorità dovrebbero inoltre occuparsi della formazione degli operatori presenti ai seggi, al fine di assicurare il corretto impiego dei macchinari. BULGARIA-UE Ulteriori finanziamenti per le PMI Il Fondo d’Investimento Europeo (EIF) e il Fondo Nazionale di Garanzia Bulgaro (NGF) hanno siglato un accordo per la concessione di ulteriori 40 milioni di euro alle Piccole e Medie Imprese (PMI) della Bulgaria, nell’ambito del programma Cosme della Commissione Europea. Questo accordo è legato anche al sostegno fornito dal Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI), il fulcro del Piano di investimenti per l’Europa. L’EIF fornisce una contro-garanzia, che darà la possibilità al NGF di provvedere a un prestito di 20 milioni di euro in garanzia, permettendo l’accesso al finanziamento alle piccole e medie imprese bulgare con garanzie limitate.


In quest’ottica, nei prossimi tre anni, 330 piccole e medie imprese bulgare dovrebbero beneficiare dell’accordo. Il Vicepresidente della Commissione Europea, Jyrki Katainen, responsabile per il Lavoro, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato di essere felice che le PMI bulgare possano beneficiare del Piano d’investimenti per l’Europa per altri venti milioni. “Questi finanziamenti permetteranno alle aziende di proseguire con i loro piani di innovazione, espansione e creazione di posti di lavoro. Aspetto di poter ascoltare storie di imprenditori e cittadini che troveranno lavoro in Bulgaria grazie al sostegno dell’EFSI”, ha dichiarato Katainen. SMOG Protesta a Sofia, installate maschere antigas ai monumenti Su numerosi monumenti e busti di personaggi storici bulgari a Sofia sono state installate maschere antigas in segno di protesta contro le autorità municipali ritenute incapaci di combattere lo smog nella città che conta oltre due milioni di abitanti. Sono stati appesi anche cartelli con le scritte “Voglio respirare” e “Respirare nuoce gravemente alla vostra salute”. Gli organizzatori della protesta si sono rivolti al Sindaco di Sofia, Yordanka Fandakova, sollecitando misure urgenti per combattere l'inquinamento dell'aria che si ripete ogni anno a Sofia nei mesi invernali. Negli ultimi giorni i rilevamenti hanno registrato una concentrazione di particelle nocive nell'aria della capitale bulgara di cinque volte superiore alla norma. MALTEMPO Ghiacciato un ampio tratto del Danubio Le acque del fiume Danubio, che segna a nord il confine della Bulgaria con la Romania, sono completamente ghiacciate dalla zona del porto di Russe fino ai porti di Tutrakan e Silistra verso est. Le autorità bulgare informano che per questa ragione la navigazione è in sostanza bloccata e per il suo ripristino è necessario aspettare uno stabile miglioramento del tempo con temperature sopra lo zero. La statistica dimostra che l'ultimo fenomeno simile sul Danubio, nel suo tratto bulgaro, è stato registrato nel 2012. Intanto oltre 150 imbarcazioni varie sono state costrette ad accostare lungo il fiume per aspettare condizioni migliori per proseguire il viaggio.

News ccib 03 02 2017  

News ccib 03 02 2017

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you