Page 1

CHI SIAMO Buona Compagnia Srl (precedentemente BSA Group Srl) nasce nel 2012 come agenzia di consulenza, comunicazione e marketing e nel tempo si è specializzata sempre di più nel settore food a seguito di commesse e collaborazioni con grandi aziende del settore alimentare offrendo oltre ai servizi di grafica, packaging, adv anche piani di marketing ed indagini di mercato a supporto della funzione commerciale per incrementare le vendite attraverso la ricerca di potenziali clienti dettaglianti, grossisti ed importatori. Data la specializzazione sempre più accentuata nel trade marketing, l’agenzia dal 2017 ha destinato le proprie risorse alla modifica del proprio core business dai servizi di comunicazione, ormai consolidati, ai servizi di rappresentanza e vendita, anche per conoscere più a fondo le dinamiche commerciali, logistiche e finanziarie della distribuzione alimentare. Nonostante ogni giorno ci impegniamo ad imparare cose nuove, possiamo tranquillamente dire che la nostra società ha acquisito il know how necessario per occuparsi del management di qualsiasi azienda operante nella produzione e distribuzione alimentare. A tal proposito, oggi ci sentiamo pronti per creare il team di collaboratori, consulenti ed imprenditori del settore e diventare uno dei player più importanti nel processo di innovazione tecnologica che per forza di cose interesserà il settore del food & beverage nel prossimo futuro.


ALCUNI NOSTRI LAVORI


VISION STIAMO SVILUPPANDO NUOVE STRATEGIE PER DIVENTARE: l’ “ALIBABA” del Food & Beverage! L’unica piattaforma di vendita on-line ed off-line nel Food & Beverage BtoB! la Prima Agenzia al Mondo di Comunicazione e Marketing nel settore Food! la Prima Agenzia di Rappresentanza di Food & Beverage al Mondo! la Prima Società di Food Consultancy al Mondo! … e contribuiremo a ridurre lo Spreco Alimentare!


MISSION La nostra mission è diventare uno dei player piÚ importanti a livello europeo nel brokeraggio alimentare, grazie ad una strategia commerciale che unirà le tradizionali tecniche di vendita basate su conoscenze personali a strumenti innovativi e piattaforme web per velocizzare le transazioni.


IL MERCATO STA CAMBIANDO… DA DOVE NASCE L’IDEA L’idea nasce dalla nostra conoscenza del mercato e dall’esigenza di ottimizzare l’incontro tra la domanda e l’offerta e quindi di snellire il processo di vendita tra venditore (produttore, importatore o grossista) ed acquirente (grossista o dettagliante) e allo stesso tempo creare nuove opportunità commerciali difficilmente rintracciabili dal singolo operatore. Crediamo che mai come oggi occorre Vendere Tanto e Velocemente e per farlo occorre puntare su una vasta Rete di Potenziali Clienti proponendo un Ottimo Rapporto Qualità/Prezzo grazie anche alla riduzione degli sprechi economici e soprattutto avendo la Sicurezza del Pagamento. Intendiamo portare avanti i nostri business puntando anche sulla Riduzione dello Spreco Alimentare nella distribuzione, inteso come recupero della merce non venduta da supermercati, grossisti e produttori sia perché sotto scadenza sia perché presenta difetti estetici e/o di packaging ma non di qualità. Il nostro motto nonché il nome di una nostra piattaforma sarà NO TASTE WASTE (nessuno spreco di gusto) che metterà in contatto produttori, grossisti ed esercenti con onlus.


LA NOSTRA RISPOSTA AL MERCATO…IL NOSTRO “CORE” BUSINESS Il nostro core business sarà rappresentato dall’intermediazione alimentare BtoB per grandi quantitativi (pallet, bilici e container) partendo dall’Europa per poi spingerci in tutti i continenti. La Strategia di Vendita che adotteremo sarà un mix tra vendite offline e vendite online; attualmente non sono presenti sul mercato competitor che adottano il sistema innovativo di vendita che stiamo mettendo a punto e che prevede una piattaforma web generica (Taste Buyer) collegata a tante piattaforme web e business unit per ogni categoria merceologica (ittica, ortofrutta, grocery, materie prime, etc.) e canale (ingrosso e dettaglio sia retail sia foodservice). Di seguito andiamo a rappresentare i report previsionali delle vendite partendo dal 2019, anno di start-up, dopo i mesi finali del 2018 in cui saranno affrontate le seguenti tappe: entrata dei Soci prevista entro Ottobre 2018 realizzazione delle Piattaforme Web entro Novembre 2018 organizzazione aziendale e formazione del Team prevista entro Dicembre 2018 Le previsioni tengono conto della stagionalità di alcune categorie merceologiche, della motivazione a vendere più forte da parte di produttori di alcune specifiche categorie in alcuni periodi dell’anno (si pensi al vino a settembre o ottobre per far spazio in cantina per la nuova annata o alla stagionalità di alcuni prodotti ortofrutticoli come le ciliegie per esempio, al settore ittico soprattutto rivolto al foodservice che vede il proprio picco nei periodi estivi quando la gente mangia fuori casa o si organizzano banchetti e matrimoni). Quindi ci sono delle ragioni ben precise nei numeri e nella ciclicità delle vendite che storicamente sia nel retail che nel foodservice sono basse nel primo e nell’ultimo trimestre e molto più importanti nei trimestri centrali. Altra cosa importante da evidenziare per la corretta lettura dei grafici e dei dati è la crescita esponenziale delle vendite di anno in anno che a qualcuno può sembrare spropositata ma che vi garantisco è del tutto normale al crescere delle competenze interne, del personale e degli agenti di vendita, delle sedi in Italia e all’estero e quindi alla crescita esponenziale di venditori e acquirenti.

FASI DI ORGANIZZAZIONE E CRESCITA AZIENDALE


2018


PERCHE’ INVESTIRE - SVILUPPO COMMERCIALE - VOLUMI DI VENDITA - COSTI E RICAVI DAL 2019 AL 2024

2019 Il primo anno lo consideriamo un anno di start-up e di organizzazione aziendale e per questo abbiamo voluto ragionare su numeri molto bassi ed infatti 2.830.000 € di intermediato è il fatturato di uno/due rappresentanti singoli e non di un’agenzia già strutturata. Ad ogni modo, vogliamo essere prudenti nelle stime per trovarci tranquillamente al di sopra degli obiettivi prefissati.

2020 Dal 12° al 24° mese di attività e quindi nel 2020 iniziamo a vedere numeri interessanti ed abbiamo stimato una vendita di circa 50.000 € al giorno di media x 20 gg al mese x 12 mesi = 12.000.000 € di intermediato che con 5 area manager e 10 venditrici telefoniche, siamo sicuri che riusciremo a superare tranquillamente tale obiettivo che è pari a meno di 500 € di vendite per ogni figura commerciale, al giorno.

2021 Nel 2021 le vendite raddoppiano al raddoppiare delle figure commerciali che diventano 10 area manager e 20 venditrici telefoniche ed anche in questo caso le stime sono molto prudenti. I costi variabili sono proporzionali alle vendite mentre i costi fissi crescono ma in proporzione meno rispetto ai ricavi.

2023 2022 Nel 2022 si raddoppiano ancora le vendite sia per l’incremento di venditrici telefoniche di cui una decina esclusivamente per i rapporti commerciali con l’estero sia per l’organizzazione di una rete commerciale all’estero con sedi di rappresentanza presso le più importanti capitali europee e non solo. Nel 2022 stimiamo di intermediare almeno il 50% con l’Estero inteso come import/export.

Nel 2023 contiamo che con alcune poche figure commerciali in più e con il consolidamento dei rapporti commerciali e delle conoscenze tecniche e personali della forza vendite, i volumi riusciranno a crescere del 50% rispetto al 2022 portando il valore dell’intermediato a 72.000.000 di euro pari a circa 300.000 € al giorno. Se consideriamo che a questo punto avremo circa 50 venditrici telefoniche di cui 15 esclusivamente per l’estero, 10 area manager italiani e 10 agenti all’estero in vari paesi europei ed extra-ue, le vendite stimate sono anche in questo caso facilmente raggiungibili.

2024 Nel 2024 incrementeremo ulteriormente le vendite del 50% rispetto all’anno precedente e otterremo un utile lordo superiore ai 5.000.000 euro che porteranno dividendi netti per circa 35.000 € per ogni 1% del capitale sociale posseduto dal singolo socio.


Volumi Vendite - Costi e Ricavi 2025 Nel 2025 ci prefiggiamo di raggiungere vendite per circa 500.000 € al giorno ossia 120 mln € all’anno che, come anticipato, dovrebbero essere raggiunte anche molto prima. L’Utile al netto dei costi variabili e fissi è stimato in 6,66 mln €. Dopo il 2025, stimiamo sempre prudenzialmente, una crescita del 20% ogni anno e oltre ai dividendi sempre crescenti, il socio che volesse uscire dalla società per monetizzare l’eventuale exit (ossia la vendita delle quote societarie) avrebbe nel 2025 un valore di stima di circa 600.000 € per ogni 1% di capitale posseduto in quanto con tali performance di vendita sempre in crescita si tratterebbe di un investimento che porta circa il 10% di rendimento annuo lordo senza rischi (infatti la società occupandosi di intermediazione avrà sempre rischi molto vicini allo 0%) e sarà un ottimo investimento per investitori privati e pubblici.


“NO CORE” BUSINESS – SERVIZI & CONSULENZA Per quanto riguarda i servizi sia di Merketing e Comunicazione sia di Consulenza Legale, Finanziaria, Logistica e Commerciale per noi rappresenteranno una parte marginale dei ricavi ma una parte importante nel risparmio di costi interni per l’attività principale. Tra le voci più significative troviamo: 

Graphic Design: soprattutto relativamente alla creazione di nuovi (o al restyling) di marchi e packaging o di adeguamento degli stessi per nuovi mercati

Web & Social: inteso sia come realizzazione e rivendita di piattaforme e software anche di vendita on-line sia come gestione della comunicazione social prevalentemente per aziende di produzione

Sponsorizzazioni: voce molto importante e significativa dovuta alla pubblicità di brand e prodotti attraverso banner pubblicitari sulle nostre piattaforme tra cui la più importante in tal senso sarà quella alla lotta per lo spreco alimentare

Consulenze di vario genere: dalla consulenza legale sulla contrattualistica nazionale ed internazionale nonché sulla tutela di marchi e brevetti soprattutto all’estero alla consulenza finanziaria per il reperimento di risorse finanziarie attraverso bandi regionali, nazionali e comunitari

Anche in questo caso parliamo di servizi che conosciamo molto bene e che offriamo già da tempo sebbene nel 2017 abbiamo sospeso in parte per concentrarci più sulla parte commerciale che come accennato diventerà il nostro core business e quindi richiedeva maggior attenzione. Tuttavia, dopo esserci organizzati, crediamo di poter riprendere bene tale attività ed anche con una certa crescita costante di circa il 50% di anno in anno, in quanto la notorietà che avremo nel settore ci porterà continue occasioni commerciali in tal senso. In passato abbiamo già fatturato discretamente con pochi clienti e quindi sappiamo bene che sono numeri facilmente raggiungibili soprattutto perché entreremo in contatto con tantissime aziende del settore. Il nostro punto di forza come agenzia di comunicazione sarà la forte specializzazione e la conoscenza approfondita del mercato e delle dinamiche commerciali e quindi avremo quel quid in più rispetto ad altre agenzie nostre concorrenti, che seppur altrettanto valide, non riusciranno a competere su determinati servizi per i quali potremmo anche lavorare a prezzi più alti. La nostra non sarà creatività fine a sè stessa ma sempre mirata al mercato ed a supporto della rete commerciale per far incrementare le vendite e quindi il fatturato del nostro cliente committente!


I NOSTRI PUNTI DI FORZA


Ogni socio di tipo di tipo “A” potrà acquistare quote da un minimo dello 0,1% fino ad un massimo del 5% per singolo socio e la somma delle quote di capitale sociale destinate ai soci di tipo “A” non potrà essere superiore al 20% in totale. Il valore di ogni 0,1% è di € 1.000. Ogni socio imprenditore del settore alimentare diventerà anche un nostro fornitore per la vendita dei propri prodotti alimentari sulle nostre piattaforme.


Ogni socio di tipo di tipo “B” potrà acquistare quote per un minimo dello 0,1% fino ad un massimo del 2,5% per singolo socio e la somma delle quote di capitale sociale destinate ai soci di tipo “B” non potrà essere superiore al 10% in totale. Il valore di ogni 0,1% è di € 1.000. Ogni socio consulente o imprenditore nei servizi aziendali diventerà nostro esclusivo fornitore e partner per i servizi da offrire ai nostri clienti.


IL TEAM DA CREARE PER IL BROKERAGGIO ALIMENTARE BTOB OFFLINE & ONLINE


EXIT STRATEGY Premesso che l’azienda sarà sempre in crescita e quindi non sarebbe consigliabile vendere una quota destinata a crescere ogni anno, ci potrebbero essere vari motivi per cui un socio possa decidere di monetizzare vendendo la propria quota e nel caso otterrebbe un corrispettivo molto alto e ci sarebbero molti investitori interessati ad acquistare le quote. Infatti, secondo le stime di vendite e di fatturato già precedentemente analizzate, la quota avrà una rivalutazione esponenziale. Ipotizziamo che fino al 2022 non ci sia distribuzione di utili che potrebbero essere destinati ad aumento di capitale, riserva ed investimenti e che dal 31/12/2022 gli utili vengano distribuiti in tal modo: 2022 = dividendi per € 25.200 € per ogni 1% posseduto 2023 = dividendi per € 39.000 € per ogni 1% posseduto 2024 = dividendi per € 52.600 € per ogni 1% posseduto 2025 = dividendi per € 66.000 € per ogni 1% posseduto Tenendo presente che ad oggi un buon investimento a basso rischio non rende più del 5% lordo, significa che il valore della quota deve essere moltiplicato per 20 ossia il dividendo deve essere il 5% del valore economico della quota; in sintesi, il valore della quota corrisponde a quanto, un investitore, sarebbe disposto a pagare la quota per ricevere in cambio un rendimento del 5% lordo. Ma ancora più prudenzialmente decidiamo di sottostimare tale quota ipotizzando che si trovino solamente investitori interessati se e solo se ricevono il 10% lordo e quindi se moltiplichiamo per 10 il dividendo, abbiamo la rivalutazione delle quote come appare nello schema che segue:


Quindi un investitore che decida di rivendere la sua quota o parte delle quote possedute per ogni 1% di capitale ossia per ogni € 10.000 euro investiti nel 2018 ne riceverà più di € 660.000 nel 2025 (dopo 7 anni). OTTIMO INVESTIMENTO!

Ricorda che se avessi investito in Alibaba nel 1999 un importo pari a € 10.000 per l’1% avresti potuto rivendere la tua quota nel 2017 (dopo 18 anni) a € 2,3 miliardi… si hai capito bene! Abbiamo tutte le carte in regola per far diventare Taste Buyer l’Alibaba del Food!


SE VUOI DIVENTARE SOCIO DI

CONTATTACI e-mail info@buonacompagnia.com tel 3477064125

Taste Buyer  
Taste Buyer  
Advertisement