Issuu on Google+

N.8 - Anno II° — Aprile 2014

Notiziario registrato al ROC

Valli Savena Idice Direttore responsabile Bruno Di Bernardo

Le promesse dei candidati sindaci? fumose, vaghe, generiche... di Bruno Di Bernardo C’è un fossato che separa le dichiarazioni di molti candidati sindaci e l’atteggiamento dei cittadini elettori. Molte promesse dei candidati attraversano le orecchie degli elettori senza arrivare né al cuore né al cervello. Nei pubblici incontri promossi dai candidati è difficile vedere più di 10 partecipanti ed anche i banchetti per strada sono deserti. E chi partecipa sono i parenti, gli amici e qualcuno capitato per sbaglio. Se analizziamo qualche dichiarazione programmatica, presa a caso tra quelle di candidati di ogni schieramento, forse comprendiamo perché ai pubblici incontri e ai comizi non va quasi nessuno. Diversi candidati sindaci affermano, ad esempio, di voler essere “più vicini ai cittadini”, di volere “un’amministrazione più trasparente”, di voler “rivedere il sistema di appalti e incarichi per rimettere al centro il merito e la competenza”. Tutti propositi generici e per questo in apparenza sacrosanti e condivisibili. Ma anche impegni impossibili da mantenere nella prassi. La “vicinanza ai cittadini” è un concetto astratto, impraticabile nella realtà. Basta andarsi a leggere una qualsiasi Relazione di fine mandato, resa obbligatoria per garantire la trasparenza. Quasi sempre viene

Editore Hemingway Sas

Le resistenze non solo dai 4 Comuni Montani

Unione a 6 Comuni, prime difficoltà

Imbaglione sotto scacco a Loiano

Non piace né a Loiano né a San Lazzaro. Dopo il no di Loiano ora si Ha fatto campagna elettorale nei dissocia anche Monterenzio, e Monghidoro rimanda il voto giorni di assenza per malattia di Giada Pagani Si fa sempre più tortuosa la strada verso la nascita della nuova unione ‘Valli Savena Idice’, che coinvolge i Comuni di San Lazzaro, Ozzano, Monghidoro, Monterenzio, Pianoro e Loiano. Le resistenze sono sia politiche che organizzative. Giovedì 3 aprile, nel corso del consiglio comunale di Loiano la maggioranza ha votato contro, con 12 contrari, 4 astenuti e nessun favorevole. Nulla di nuovo visto che ai loianesi il nuovo statuto non è mai piaciuto, avendo sempre respinto ogni ipotesi di aggregazione con San Lazzaro. Il sindaco Giovanni Maestrami, in veste di presidente dell'Unione Montana di cui Loiano fa già parte insieme ai comuni di Monghidoro, Monterenzio e Pianoro, ha spiegato che “la gestione associata dei servizi tra i nostri quattro comuni sta funzionando bene e abbiamo tutte le caratteristiche di legge per considerarci un unico ambito ottimale senza aver bisogno di aggregare San Lazzaro, che per tipicità e problematiche è completamente diverso da noi, al contrario di Ozzano che invece è più conforme al nostro territorio. Non trovo giusto che San Lazzaro nel nuovo statuto abbia tolto la parola “montana”, che ci contraddistingue e abbia persino preteso due consiglieri in più rispetto agli altri in Consiglio. Non credo

ci siano i presupposti per costruire un percorso condiviso con un Comune che avrà sempre la tendenza a considerarci di serie B. Non ci faremo soggiogare!”. E se non bastasse, nel Consiglio comunale di Monghidoro dell’11 aprile, al momento di votare lo Statuto, la minoranza è uscita e non essendoci i due terzi dei consiglieri votanti è saltata l’approvazione dello Statuto. Così ora tutto è rimandato ad un prossimo Consiglio. Dopo San Lazzaro e Ozzano quindi l’approvazione del nuovo statuto salta anche a Loiano e a Monghidoro, ed è difficile pensare che possa passare. Un effetto domino che ha contagiato anche il comune di Monterenzio. Sempre la sera del 3 Segue a pag. 13

www.unaideadiappennino.it

La regia dello tsunami che si è abbattuto nei primi giorni di aprile sulla candidata sindaco Tamara Imbaglione potrebbe avere una firma precisa: M5S. Ma se questa è la regia, non è mancata una certa “complicità” delle pagine bolognesi del Corriere della Sera, che ha dedicato una raffica di articoli all’ex segretaria di Cevenini. Tanto che gli articoli che accusavano la candidata hanno poi spianato la strada ad Andrea Defranceschi, capogruppo M5S in regione, che l’8 aprile ha spedito un esposto alla Corte dei Conti con un’accusa precisa: chi è a casa per malattia non dovrebbe essere in grado di fare campagna elettorale. Segue a pag. 10


Pagina 2

www.vallisavenaidice.it


Annunci dei Lettori Vuoi vendere un’auto o uno scooter? Cerchi casa o vuoi affittare un garage? Offri lavoro o ne stai cercando uno? Cerchi un cucciolo da adottare o vuoi regalare dei gattini? Da oggi puoi fare questo e molto altro con

un annuncio che tutti vedranno su questo notiziario, diffuso in tutta la zona di diffusione del notiziario. Scopri quanto è facile e conveniente leggendo le istruzioni qui di seguito! 1. 2. 3. 4.

5.

Scrivi il testo del tuo annuncio (max 15 parole, da 16 a 30 parole scatta il sovrapprezzo del 50%). Scatta una foto all’oggetto (casa, auto, etc.) e archiviala come file Jpg sul tuo PC se vuoi pubblicarla con l’annuncio. Calcola e paga l’importo dell’annuncio con bonifico sull’IBAN IT92P 06385 37044 10000 0001380 (conto bancario Carisbo intestato a Hemingway Sas) e salva sul tuo computer la scansione dell’ordine di bonifico (Jpg o Pdf). Non si accettano invii per fax. Copia il testo del tuo annuncio sulla mail (NON in stampatello, usa maiuscole solo quando servono). Aggiungi i dati fiscali da inserire in fattura: Nome e Cognome (e Ragione Sociale in caso di Ditta o Impresa), Indirizzo, Codice Fiscale (anche P. IVA per le Ditte) e Telefono. Controlla di aver indicato il numero di uscite dell’annuncio ed il Numero di Rubrica in cui pubblicarlo. Allega l’eventuale foto in Jpg o Pdf (max 250 Kb) da mettere nell’annuncio. Allega il file (JPG o Pdf) dell’ordine di bonifico. A questo punto invia la mail a: abbiamoqualcheidea@gmail.com. La fattura quietanzata per il costo dell’annuncio (se richiesta da una ditta o impresa con P.IVA) sarà spedita a giro di mail.

Nota bene Ogni numero viene chiuso in redazione l’ultimo giorno di ogni mese e viene stampato la prima settimana del mese successivo. Quindi un annuncio ricevuto ad es. entro il 30 luglio sarà pubblicato sul numero in uscita il 10 agosto, mentre un annuncio ricevuto il 5 Agosto sarà pubblicato il 10 Settembre, poiché il numero che esce il 10 Agosto è già chiuso e in stampa. Gli annunci gratuiti vengono pubblicati gratis solo la prima volta. E’ possibile però pubblicare qualsiasi annuncio per 3 o per 6 uscite (vedi sotto costi e tariffe). Sui pacchetti di almeno 10 annunci, purchè inviati assieme, va calcolato uno sconto del 30% prima di effettuare il pagamento. La redazione si riserva di respingere e non pubblicare annunci offensivi della morale. L’Editore non è responsabile per le conseguenze civili o penali legate agli annunci pubblicati. Le pubblicazioni di annunci possono essere interrotte in ogni momento inviando una mail che chiede l’interruzione. In questo caso, non si restituiscono gli eventuali importi versati al momento dell’acquisto. La redazione pubblica gli annunci come ricevuti e non risponde per equivoci, malintesi, etc. da questi generati. Il nostro servizio consiste unicamente nel mettere a disposizione degli spazi per chi vuole fare annunci. La rubrica degli annunci ha l’unica finalità di mettere in rapporto tra di loro persone interessate a vendere, comprare o scambiare beni e oggetti dei quali rispondono solo i proprietari. ANNUNCI GRATUITI (1° MESE) 10. Cerco lavoro 20. Cerco oggetto (arredo/hobby/collezione) 30. Cerco auto 40. Cerco moto/scooter 50. Cerco utensile/attrezzatura Leggi gli annunci 60. Cerco casa in affitto 70. Cerco casa da comprare di questo numero 80. Cerco negozio/garage in affitto 90. Cerco negozio/garage da comprare a pag. 25 100. Compro attività/licenza/impresa 110. Cerco animale da compagnia 120. Collezionismo cerco 130. Viaggi/compagnia cerco 140. Varie (Regali, Incontri, etc.) E’ possibile pubblicare lo stesso annuncio per più uscite inviando, assieme all’annuncio, la ricevuta del pagamento degli importi di seguito indicati (inclusa IVA): 1+3 mesi consecutivi € 12,20 1+3 mesi consecutivi con foto € 24,40 1+6 mesi consecutivi € 21,96 1+6 mesi consecutivi con foto € 43,92 Le foto sono pubblicate con queste misure: cm 4 (largh.) x 3 (alt.). Gli annunci di oltre 15 parole (max. 30 parole) costano il +50%. Gli annunci con foto costano il doppio.

11. 21. 31. 41. 51. 61. 71. 81. 91. 101. 111. 121. 131. 141.

ANNUNCI A PAGAMENTO (3 MESI) Offro lavoro € 12,20 Vendo oggetto (arredo/hobby/etc.) € 7,32 € 24,40 Vendo auto Vendo moto/scooter € 12,20 Vendo utensile/attrezzatura € 12,20 € 24,40 Offro casa in affitto Offro casa in vendita € 36,60 Offro negozio/garage in affitto € 24,40 € 36,60 Offro negozio/garage in vendita Vendo attività/licenza/impresa € 24,40 Vendo animali da compagnia € 12,20 € 7,32 Collezionismo offro Viaggi/compagnia offro € 7,32 Auguri, Incontri, etc. € 12,20

Tutte le tariffe sopra indicate includono l’IVA e valgono per tre uscite consecutive. Il prezzo di una sola uscita è la metà della tariffa per tre uscite. Gli annunci con foto (di cm 4 largh. x 3 alt.) e quelli di oltre 15 parole (max. 30 parole) costano il 50% in più. Es.: annuncio da € 7,32 con foto (o di oltre 15 parole): € 10,98, annuncio di oltre 15 parole e con foto € 14,64. I pacchetti di almeno 10 annunci (concessionarie auto/moto, agenzie immobiliari, etc.) sono scontati del 30% se raggruppati in un unico invio. Per 20 o più annunci, sconto 50%.

www.vallisavenaidice.it

Pagina 3


La vetrina di Monghidoro

Pagina 4

www.vallisavenaidice.it


Monghidoro Altezza s.l.m.: m. 841 Superficie Kmq.: 80,3 Abitanti: 3.842 Variazione abitanti in 10 anni: +201 Vigili Urbani: 051.6552036 Uffici comunali: 051.6555520 Stazione Carabinieri: 051.6555524 Ospedale: Loiano 051.6543708

La festa si è tenuta lo scorso 31 marzo a S.Maria Assunta

Lo scorso 8 marzo , in memoria di Stefano Berti

90 anni ...con devozione

La banca premia i progetti

Il paese si è stretto attorno a don Marcello e don Sergio Rondelli

Con gli studenti del Manfredi Tanari alla Cartiera dei Benandanti

Un’intera comunità in festa per i 90 anni dei gemelli don Marcello e don Sergio Rondelli di Monghidoro, che il 13 gennaio 2013 dopo 42 anni di servizio si sono ritirati nella casa del clero di La festa per i 90 anni di don Marcello e don Sergio Rondelli Bologna lasciando il posto a don Fabrizio Peli, il nuovo sa- grande dedizione la parrocchia di cerdote 37enne originario di Monghidoro e delle frazioni viciMercatale, che ha colmato il ne. Domenica 31 marzo, nella grande vuoto lasciato dai due chiesa di Santa Maria Assunta di parroci, amatissimi dai fedeli Monghidoro, gremita per l’occadella zona anche per l’instanca- sione, Don Fabrizio ha annunbile opera d’aiuto verso le fami- ciato ai presenti il compleanno glie in difficoltà e gli anziani. dei gemelli Rondelli, invitandoli a Nativi di Massumatico, frazione concelebrare la Santa Messa. di San Pietro in Casale, dopo il Dopo la cerimonia, nella sala seminario vennero assegnati ad “Don Bosco” è stato allestito un alcune parrocchie di San Bene- invitante rinfresco durante il detto Val di Sambro, come Ce- quale i due sacerdoti, ancora in drecchia, Zaccanesca e Madon- splendida forma, sono stati acna dei Fornelli, delle quali si colti con caloroso affetto dai loro occuparono nel difficile periodo ex parrocchiani e dal sindaco del dopoguerra. Ma la maggior Alessandro Ferretti, con tanto di parte della loro vita l’hanno tra- torta e candeline, che hanno scorsa nel cuore del vicino co- simpaticamente spento tra apmune montano, gestendo con plausi e sorrisi. (Giada Pagani)

In occasione della prima edizione posta da due insegnanti dell’Istidel “Premio Stefano Berti” istitui- tuto Manfredi Tanari, dal Presito in memoria del giovane dipen- dente e dal Direttore della Bcc, dente della BCC di Monterenzio ha ritenuto particolarmente meprematuramente scomparso, sabato 8 marzo, presso l’Agriturismo Cartiera dei Benandanti, sono stati premiati gli studenti dell’Istituto Manfredi Tanari di Monghidoro, che hanno presentato i loro lavori sul tema “Progetto per avviare un’impresa sul Gli studenti del Manfredi Tanari premiati dalla BCC di Monterenzio nostro territorio legata all’ambiente ed all’ecoso- ritevole il progetto “Valorizzare la stenibilità”. produzione di castagne nel noL’argomento era ambizioso e gli stro territorio”, presentato con un studenti hanno risposto con en- dettagliato piano commerciale e tusiasmo e convinzione. Tutti i di marketing per la vendita del risultati del loro impegno sono prodotto e dei suoi molteplici stati presentati con cura, ricchi derivati. Il gruppo che ha predi argomenti sia di carattere tec- sentato il progetto vincente era nologico che contabile, non solo formato da Giulia Nassetti, Nicocon piani economici, business las Sozzi e da Marco De Stefano. plan e valutazioni sulla concreta Secondi premi ex equo a due fattibilità, ma anche con partico- gruppi: Francesca Santi ed Aleslari di grande creatività. sandro Calandri hanno presenAlla presenza del Sindaco di tato un’ipotesi di realizzazione di Monghidoro, Alessandro Ferretti, impianti mini-idroelettrici per lo la commissione valutatrice, com- sfruttamento delle correnti dell’Idice e del Savena per mezzo di turbine funzionanti anche su piccoli corsi d’acqua e senza la Contro ogni pronostico, la finale della Coppa della Montagna ha visto sfidarsi due squadre monghidoresi necessità di manufatti impattanti per il territo“Avrei firmato per arrivare secondo, squadrina un po' seria, abbiamo l'hanrio. Diletta Alma anche terzo o quarto... C'è stata preso anche dei giocatori bravi, e n o bertazzi, Emauna volta che eravamo 64 a 69 e il voglio ringraziarli tutti perchè que- eliminuela Vartuli e mio compagno tira, fa sei punti e sta volta siamo davvero stati una n a t a Simone Santi vinciamo, io non ci credevo, guar- squadra. Siamo arrivati alle semifi- a l t r i , hanno propodavo i miei compagni di squadra nali e poi alla finale contro la squa- siamo sto la costituimpazziti e non ci credevo anco- dra più blasonata della montagna s t a t i zione di un’ara...”. Incontriamo Daniele Giarin- che è il Bar Pineta, sempre di Mon- p r o zienda agricola zi, presidente della squadra del- ghidoro. E’ andata che abbiamo p r i o biologica, con l'Happy bar di Monghidoro, dopo vinto il torneo! Per noi era un sogno, n o i annesso Bed & che si è aggiudicata la “Coppa del- non ci crede ancora nessuno. Mi n e l l a Breakfast a la montagna” nella finale di dome- telefona la gente qui al bar e mi f i n a ridotto impatto nica 23 marzo. “Le squadre in gara chiede se è vero o è uno scherzo, e l e . . . ambientale. erano di San Benedetto, Lagaro, quando gli dico "sì è vero" continua- non ci Madonna dei Fornelli, Monghidoro, no a pensare che è uno scherzo. Ma credo ancora”. Le squadre que- L’impegno profuso dagli studenti Monteacuto e Ripoli. In nove anni il fatto è che facciamo ancora fatica st'anno erano 7, nelle passate edi- è stato notevole: hanno dimoche abbiamo fatto tornei di biliardo, a crederci anche noi qui all'Happy zioni erano molte di più. Il Pineta strato capacità e idee chiare per siamo sempre arrivati penultimi o Bar. È una cosa meravigliosa - con- era sempre in finale e quindi al sviluppare le potenzialità del terzultimi. Quest’anno il nostro o- tinua a ripetere - e poi quello che è primo o al secondo posto, come nostro territorio, progetti concrebiettivo era "da paura": non arriva- proprio incredibile è che abbiamo quest'anno, ma la coppa con le ti ed ecosostenibili, a beneficio re proprio ultimi. Abbiamo fatto una vinto con la squadra più forte, non orecchie è andata all’Happy. (PGB) dell’intera comunità.

L’Happy Bar batte in finale i campioni del Bar Pineta

www.vallisavenaidice.it

Pagina 5


Pagina 6

www.vallisavenaidice.it


Monghidoro A piedi da Bologna a Firenze Flavio Alfieri l’ha fatto in 22 ore Partito alle 24 da Bologna, è arrivato a Firenze alle 21.50...

Le Pietre della Storia, il 21 aprile all’Arco della Cisterna Le opere sono illustrate dal maestro Severino Baraldi, su sceneggiatura dello scrittore Giordano Berti

Percorrere 120 chilometri in meno di 22 ore, attraversando di corsa l’Appennino tosco emiliano. E’ impresa dai contorni epici, quella portata a termine da Flavio Alfieri, 39 anni, trail runner di Varese, ma bolognese d'adozione. Venerdì 4 aprile scorso, allo scoccare della mezzanotte, è scattata la sua sfida: Alfieri è

cambio di scenario che si perce- Dopo le tre Pietre illupisce solo una volta giunti a ri- strate dedicate agli dosso delle verdi colline toscane, emigranti monghidoricche di ulivi e cipressi, ha af- resi, scoperte lo scorfrontato con tenacia l’ultimo so 31 agosto 2013 tratto verso Piazza della Signo- nella piazza del borgo ria. di Piamaggio, una Dopo un giorno intero di corsa nuova serie di Pietre continua, metodica e lineare, illustrate dal Maecalpestando terre aspre e selvag- stro Severino Baraldi, ge in una illustratore milanese straordinaria erede dei grandi A corsa contro il chille Beltrame e tempo, il gio- Walter Molino, verrà vane atleta ha scoperta lunedì 21 aprile alle 10, modo permanente sui muri del tagliato il tra- davanti all’Arco della Cisterna a centro storico, raccontano alcuni momenti signiguardo sabato ficativi del passato: scorso alle la fondazione del ca21.50, tingendo di gloria la stello di Scaricalasisua impresa. no, nel 1246; la na“Da ormai un scita dell’abbazia di anno - racS. Michele ad Alpes, conta entusianel 1528, voluta dal sta Flavio capitano di ventura sto preparanmonghidorese Armado questo tour ciotto de’ Ramazzotti; de force, fatto la creazione della Due delle tavole che saranno scoperte di duri allenaGrande Fiera di S. menti e di una Michele, nel 1592; preparazione Monghidoro. Dopo una straordimaniacale. Fin naria carriera artistica (circa ot- l’ospitalità data nel 1734 a Flavio Alfieri, primo a sinistra, verso l’alba del 5 aprile dalle parti di Pian di Balestra dal principio tomila tavole a colori illustrate Carlo I di Borbone, duca di in 50 anni), l’anziano Parma e futuro re di Spagna; la ho avuto il partito da Piazza Maggiore nel sostegno e l'aiuto di tanti amici Maestro, che ancora oggi colla- sosta nel 1739 di Francesco di cuore del capoluogo emiliano che si sono dati da fare seguen- bora con Famiglia Cristiana e Lorena e Maria Teresa d’Aualla volta di Piazza della Signoria domi negli allenamenti e coadiu- con altre riviste internazionali, stria, di lì a poco eletti imperadi Firenze. Macinare chilometri e vandomi nell'organizzazione di ha accettato di realizzare l’ambi- tori del Sacro Romano Impero. pensieri, solo, assaporando il questa giornata memorabile, cari- zioso progetto di dipingere la sto- L’evento fa parte di un più amria di Monghidoro seguendo la pio progetto culturale intitolato silenzio della notte e la poesia di ca di aspettative. una giornata primaverile tra bo- C'è voluta tanta determinazione, rigorosa sceneggiatura fornitagli “Monghidoro Crocevia dell’Euschi e sentieri impervi, è stata ma alla fine ce l’ho fatta. Per me dallo scrittore Giordano Berti. ropa”, curato dallo scrittore una sfida prima di tutto con se è stata la coronazione di un soLe opere d’arte di Ba- Giordano Berti e realizzato dalstesso. Ha attraversato l'intero gno”. Giada Pagani raldi, che resteranno fissate in l’ArtStudioLetizia. arco dell'Appennino, percorrendo l'antica strada Romea denominata la “Via degli Dei”, un percorso in cui a tratti le sue falcate veloci hanno ricalcato le antiche pavimentazioni della vecchia FlamiTre birre legate ai sapori e alla storia della montagna nia Militare, costruita nel 187 in cui sono nate: Ginetta, Cantoniera e 7.1 a.C., che collegava Bologna a Fiesole. I suoi sostenitori lo han- Con una serata di assaggi il 25 dizione delle bitter inno visto sudato e sorridente pas- marzo ed un aperitivo qualche glesi il dolce sapore dei sare per il Monte Adone, attra- giorno dopo, sono state presenta- malti del Belgio; la versando la piazza di Monzuno e te al Bar Touring due birre arti- Cantoniera, leggera e poi su fino a Monte Venere, se- gianali prodotte dal Birrificio del- dissetante, che al sapoguendo il crinale in cui i venti la Futa, una beer firm nata a re dell’estate unisce il Una delle birre prodotte dal Birrificio La Futa soffiano poderosi. Poi è stata la Monghidoro, per la precisione a sole e l’acqua di montavolta di San Benedetto Val di Valgattara. gna; infine la Ginetta, una birra di stabilimenti per avviare una Sambro, dove ha raggiunto il Michele, Giovanni e Riccardo fermentata con Gino, la storica produzione di serie. La birra punto più alto del suo percorso, hanno deciso di trasformare pasta madre del Forno Calzolari, Ginetta si può assaggiare a Bole Banditacce a 1202 metri sul quella che era una passione con- una birra naturale, buona e fre- logna da QuantoBasta in via del mare, per poi scivolare verso il divisa in un’attività produttiva sca come il pane di montagna. Pratello, all’Enoteca Faccioli di Passo della Futa, il suo primo vera e propria. Oggi i tre soci Da qualche mese si susseguono via Altabella, a Lortica di via traguardo al di là del territorio offrono tre birre: la 7.1, birra le iniziative per promuovere e far Mascarella, al Caffè Bazar di via emiliano. ambrata con una discreta grada- conoscere le birre del Birrificio Guerrazzi oppure a Monghidoro Spettatore privilegiato di quel zione (6,3°), che abbina alla tra- La Futa, che è alla ricerca anche al forno Calzolari.

Il Birrificio della Futa presenta le sue creazioni

www.vallisavenaidice.it

Pagina 7


Pagina 8

www.vallisavenaidice.it


www.vallisavenaidice.it

Pagina 9


Loiano Altezza s.l.m.: m. 714 Superficie Kmq.: 86,1 Abitanti: 4.393 Variaz. Abitanti in 10 anni: +199 Vigili Urbani: 051.6545144 Uffici comunali: 051.6543611 Stazione Carabinieri: 051.6544244 Ospedale: Loiano 051.6543708

Nei primi giorni di aprile scoppia una bufera sulla candidata PD

Dopo la fuoriuscita di Nannoni, ecco la nuova candidata Patrizia Carpani

Imbaglione sotto scacco

Piccole liste crescono...

Alcuni articoli del Corriere di Bologna scatenano un esposto M5S

Oltre a “Cittadini in Comune” e M5S, forse una quarta lista con Nannoni

Quindi l’ipotesi contenuta nell’esposto è che si trattasse di una “finta malattia”, con un conseguente possibile danno erariale. La notizia che ha scatenato la bufera è che la candidata si è assentata per malattia per ben 9 mesi dal suo posto di lavoro presso il Tamara Imbaglione, candidata dal PD per “Loiano nel cuore” Comune di Bologna. La malattia in questione era do- tà indirizzo “servizio sociale sanivuta ad un doppio intervento al tario, volontariato, infanzia”, tunnel carpale di entrambi i pol- Imbaglione ha trascorso la prosi, che non ha però impedito a pria vita lavorativa dal ‘74 all’81 Tamara Imbaglione di trovare il presso farmacie private di Bolotempo e le forze per fare campa- gna, poi dall’81 all’89 presso le gna elettorale a Loiano. Senza Farmacie Comunali, dove tra fermarsi neanche davanti ai foto- l’89 ed il ‘97 svolge l’incarico di grafi, che l’hanno immortalata segretaria di direzione. mentre ballava in una serata A seguito della privatizzazione elettorale con tanto di orchestra delle Farmacie comunali dal ‘98 di liscio, e foto pubblicata e poi al 2000 è trasferita all’ufficio ritirata sul suo sito elettorale patrimonio immobiliare del Cowww.tamaraimbaglione.it. mune di Bologna, finche nell’eLa vicenda ha fortemente inde- state del 2000 diventa Segretaria bolito la candidatura di Imba- dell’Ufficio di Presidenza del glione, che già non era del tutto Consiglio Comunale. Comincia condivisa all’interno dello stesso nel 2004 la sua collaborazione PD, che l’aveva nominata candi- come segretaria “di fiducia” con data senza passare dalle prima- Maurizio Cevenini, divenuto Prerie. Lo stesso Rizzo Nervo, asses- sidente del Consiglio Comunale, sore comunale a Bologna, nei cui che seguirà poi anche in Regione uffici Tamara Imbaglione presta- dopo la sua nomina a Consiglieva il proprio servizio, ha preso le re. Come si legge nel suo curridistanze dalla candidata, che culum sul suo sito elettorale, tra anziché stare a casa ad aspettare gli altri compiti di Imbaglione la visita fiscale (che c’è poi stata c’era anche la “gestione del banei giorni scorsi) organizzava dget del Consiglio e personale pubblici incontri coi cittadini e del Presidente”: il “badget” dovrebbe essere il budget… La preserate danzanti. Ora l’immagine integerrima che matura morte per suicidio del Imbaglione poteva vantare all’ini- compianto Cevenini, nel 2012, zio del confronto elettorale si è vede Imbaglione tornare al Coalquanto offuscata, sia dentro al mune di Bologna, nella segretesuo partito che tra gli elettori ria dell’assessore Rizzo Nervo. loianesi, spiazzati dalle accuse Qui resta, malattia permettendo, piovute addosso a quella che era come “addetta alla Consulta per considerata una candidatura lo Sport e alla Consulta per la sicura con buone ciance di vitto- Bicicletta”, fino alla sua recente ria. Ora sarà difficile per Tamara candidatura a sindaco di Loiano. Imbaglione convincere i suoi e- Scoppiato il bubbone, nei giorni lettori di essere portatrice del scorsi ha chiesto l’aspettativa nuovo con la sua lista “Loiano non retribuita. Durante un’internel cuore”. vista a E’Tv del 4 aprile ImbaDiplomata in “massaggi di primo glione ha salutato il medico filivello”, dopo aver dato la maturi- scale, definendolo “una persona tà come Dirigente di Comuni- molto simpatica”. bdb

Dopo l’improvvisa rinuncia di Angelo Nannoni, conosciuto in paese per la sua lunga esperienza professionale maturata all’interno del comune di Loiano, sarà Patrizia Carpani la candidata sindaco della lista civica “Cittadini in comune” di Loiano, in corsa per le prossime amministrative. Dopo 35 anni di lavoro, Nannoni ormai pensionato, aveva deciso di scendere in campo per tentare di conquistare la poltrona di primo cittadino, ma a causa Patrizia Carpani, nuova candidata di “Cittadini in Comune” di contrasti sorti all’inizio della neria, da quasi vent'anni è impecampagna elettorale, dovuti a gnata in numerose attività a facontrasti sorti a causa di vedute vore del paese, prima come prediverse col sindaco Maestrami sidente della Proloco e successiche era stato tra i promotori del- vamente come assessore alle la sua lista, Nannoni ha deciso di politiche sociosanitarie e alla tirarsi indietro a poco più di un cultura nell’uscente amministramese dal voto per entrare, anche zione guidata da Giovanni Maese a quanto è dato sapere non da strami. Contabile di professione, candidato sindaco, in una nuova i componenti e sostenitori del lista che vedrà la luce a metà movimento civico l’hanno scelta aprile. all’unanimità come capolista A scendere in campo al posto di ideale. Nannoni, dando forza a chi so- A questo punto le liste a Loiano stiene che la lista Cittadini in potrebbero essere quattro: una Comune” sia completamente sot- di centrosinistra e appoggiata to la regia del sindaco uscente dal PD (anche se si qualifica coGiovanni Maestrami, ci ha pen- me “civica), con candidata sinsato la Carpani, che si è dichia- daco Tamara Imbaglione; una rata “felice di lavorare con una del Movimento 5 Stelle, capegsquadra formata anche da tanti giata da Danilo Zappaterra, la giovani loianesi, mossi dall’entu- lista di Patrizia Carpani e quella siasmo di fare qualcosa di buono di cui farà parte, se le voci che per il nostro paese, dove la parola abbiamo raccolto saranno conirrealizzabile non esiste. Sono fermate, Angelo Nannoni. pronta a battermi senza paura Tra i candidati a succedere a per il bene comune e per le idee in Giovanni Maestrami, Danilo cui crediamo. Diventare sindaco – Zappaterra del Movimento 5 ha detto Carpani - per me signifi- Stelle sta lavorando per organizca progettare insieme ai cittadini zare un pubblico incontro di il futuro di Loiano e far sì che tutti i candidati sindaci davanti quanto di buono fatto fin’ora non ai cittadini, condotto da un giorvada sprecato. Il simbolo della nalista super partes. Per ora nostra lista rappresenta il portone pare che dall’Imbaglione sia arridel nostro municipio con le ante vata una risposta negativa, che aperte, a significare che pur rima- però potrebbe diventare positiva nendo un luogo istituzionale, il nel mese di maggio, quando arricomune deve diventare sempre veranno i giorni più caldi della più un luogo capace di accogliere i campagna elettorale. Sempre bisogni e le istanze dei cittadini, che non ci siano nuove sorprese che entrando troveranno cordiali- che riguardino lei o gli altri cantà, trasparenza ed onestà”. didati. Classe 1957, diplomata in ragiobdb

Segue da pag. 1

Pagina 10

www.vallisavenaidice.it


La vetrina di Loiano

www.vallisavenaidice.it

Pagina 11


Pagina 12

www.vallisavenaidice.it


Loiano Cittadinanza onoraria a Luigi Enzo Mattei, artista legato a Loiano

Molte le sue opere entrate nel patrimonio pubblico del comune Sabato 5 aprile il Consiglio Co- finestra sotto il portico dell’ antimunale di Loiano, riunito in se- ca locanda dove il grande poeta duta straordinaria, ha conferito tedesco Johann Wolfgang Von la cittadinanza onoraria al Pro- Goethe alloggiò, nel corso del suo fessore Luigi Enzo Mattei. Artista viaggio in Italia il 21 ottobre 178bolognese di larga fama, i cui 6. Negli anni Luigi Enzo Mattei lavori sono esposti in oltre ottan- ha arricchito il territorio loianese ta musei di tutto il mondo (tra con altre grandi opere: la Parete cui il Brooklyn Museum di New dei Viaggiatori nel capoluogo, il York, il Puskin di Mosca, il Mu- bassorilievo di San Lorenzo nella seo di Arte Contemchiesa di Roncastalporanea dell’Universido, il Rosone della tà di San Paolo del Sapienza di San GiuBrasile), Mattei ha seppe ed il Cenacolo insegnato per molti per l’Oratorio di anni in istituti e licei Quinzano, nella stesartistici bolognesi ed sa frazione il Monuall’Accademia di Belle mento alla Libertà, Arti. presso Palazzo Loup Le sue opere hanno il bassorilievo comottenuto il patrocinio memorativo del Condei massimi livelli vegno di Scanello del istituzionali e, per il 1859 e del passaggio loro valore morale e dalla lira all’euro del Monumento alla Libertà a per la loro ispirazione Quinzano e sotto il bassori- 1999. ideale oltre che per la lievo di Goethe a Loiano L ’ a mm in is tr a z io n e raffinata esecuzione, loianese ha scelto di sono state riconosciutributare il proprio te ed inserite nell’ericonoscimento non lenco del programma solamente in base U. N.E.S . C. O. alla notorietà ed alla “Patrimoines pour qualità del personagune Culture de la gio, ma privilegiando Paix”. l’aspetto umano del L’artista è particolarrapporto tra la persomente legato al Conalità insignita e i mune di Loiano per la cittadini. realizzazione di alcuPrima di Mattei il ne opere entrate a far Comune di Loiano parte del patrimonio aveva conferito la artistico loianese e che rappre- cittadinanza onoraria a Nino sentano un biglietto da visita del Benvenuti, il pugile che ha copaese. struito a Loiano alcuni dei più Le prime collaborazioni con Loia- importanti successi della sua no risalgono a vent’anni fa, con carriera, e a Franco Colomba, la Goethefenster, prima opera calciatore e allenatore, che ha loianese dell’artista. Si tratta di scelto la località appenninica coun bassorilievo in terracotta di- me residenza nei periodi di ripopinta, collocato nel vano di una so.

Unione dei Comuni in difficoltà Non piace né a Loiano né a San Lazzaro. Loiano non la vuole, Monterenzio e Monghidoro rimandano il voto aprile, durante il consiglio comunale non sono mancati i colpi di scena: lo statuto, che in un primo momento si pensava venisse approvato all’unanimità, è stato invece ritirato. “Eravamo a un passo dall’approvazione unanime - chiarisce il sindaco Giuseppe Venturi-, ma è saltato tutto perché i “No” degli altri comuni ci hanno scoraggiato. La palla a questo punto passa in mano alla prossima amministrazione”. Un passo indietro anche qui. In seguito alla legge regionale 21/2012, che ha imposto ai consigli comunali di formulare le loro proposte di aggregazione per lo svolgimento in forma associata di alcuni servizi tra i comuni, dopo riunioni e incontri, l’Unione Montana approva un nuovo statuto che apre a San Lazzaro e Ozzano: documento che, per essere valido, deve però ricevere un ‘sì’ da ogni consiglio comunale dei sei territori. Ma per ora ci sono stati solo risposte negative, rinvii e ripensamenti, che di fatto fanno sbiadire la visione di una Unione a 6 comuni. Anche se una piccola apertura è arrivata dal Consiglio comunale di San Lazzaro, che l’8 aprile ha approvato uno Statuto dell’Unione che lascia spazi di manovra ai 4 Comuni montani, restano le questioni grosse, a cominciare dalla sede dell’Unione, che da Pianoro si vorrebbe trasferire a San Lazzaro, fino al numero dei consiglieri. Quelli che per i comuni montani potrebbero essere segnali di apertura, sono visti come segnali di debolezza dai consiglieri di minoranza. E’ il caso di Massimo Bertuzzi, che ora è anche candidato civico a San Lazzaro con la sua lista Noi Cittadini. “Uno Statuto - osserva Bertuzzi in una nota - tutto orientato alla “tutela” dei comun i m o n t a n i “spaventati” dall’ingresso del comune di San Lazzaro; talmente orientato che viene ripetuto per ben quattro articoli che quest’unione è finalizzata alla tutela dei territori di montagna.. E quelli di pianura non li vogliamo tutelare?”. Già è difficile fare l’Unione a 6 Comuni. La campagna elettorale complica tutto. (G. P.) Segue da pag. 1

www.vallisavenaidice.it

Dal 6 aprile in Municipio

Nuovo ingresso con ascensore Taglio del nastro domenica 6 aprile per il nuovo ingresso comunale di Loiano, che si affaccia sulla centralissima Piazza Dante, nel cuore del piccolo comune montano. Il primo cittadino Giovanni Maestrami ha presentato ai cittadini i nuovi locali, in cui è stata allestita per l'occasione una mostra di opere realizzate da artisti loianesi. Fiore all’occhiello della struttura appena ultimata è il nuovo ascensore pubblico, che sarà attivo nei giorni e negli orari di apertura dell'ente, alla domenica mattina, nelle serate del consiglio comunale e in occasione delle feste che coinvolgono il centro del paese. Il nuovo ascensore sarà apprezzato soprattutto dagli anziani, che potranno accedere da Piazza Dante alla Piazza del Municipio con maggiore facilità. “Il comune di Loiano prosegue nel progetto "Loiano senza barriere"ha detto il sindaco -. Con l'apertura dell'ingresso sottostante al Municipio l’amministrazione ha reso possibile l'accesso al Comune e alla piazza comunale a tutte le persone con problemi di mobilità, come gli anziani e alle mamme con il passeggino che non dovranno più fare lunghi tragitti per raggiungere il centro del paese con il nuovo accesso utilizzando l'ascensore pubblico. I lavori sono stati eseguiti dal nostro personale e da personale della società comunale Gesco”. G.P.

Pagina 13


Monterenzio Altezza s.l.m.: m. 207 Superficie Kmq.: 105,35 Abitanti: 6.030 Variazione abitanti in 10 anni: +644 Vigili Urbani: 051.6548435 Uffici comunali: 051.929002 Stazione Carabinieri: 051.929917 Ospedale: Loiano 051.6543708

Presentata da Luciano Fiordalisi, già assessore nel primo mandato Venturi

Mancano solo le risorse regionali

Comunali, con “Progetto Monterenzio” le liste sono 3

Monte Bibele, il Parco si farà

Dopo Pierdante Spadoni (PD) e Margherita Locasto (M5S), in lizza anche Luciano Fiordalisi

Si chiama “Progetto ciazione "La Ca’ di comuni boloMonterenzio” la terza Brenno", organizzatrice gnesi a supera- E’ fissata per il 17 maggio l’inaulista civica che tenterà della tradizionale festa re gli obiettivi gurazione di una prima porzione del “Paes” – l’ascesa al comune di celtica, fiore all'occhieldi quello che sarà il Parco Archecontinua Monterenzio alle prossilo della promozione ologico di Monte Bibele. me amministrative. Doturistica di Monterenanche grazie al Le opere al momento completate po le due liste che già zio. Convinto “che in lavoro svolto abbiamo presentato sul da Venturi. Per sono la sistemazione di via delle politica contino solo i numero scorso, quella fatti”, Fiordalisi ha racquesto arrive- Carrozze e l’area urbana dell’andi centrosinistra guidacolto l’adesione di una ranno impor- tico villaggio con le capanne ricota da Pierdante Spadoni nutrito gruppo di citta- Margherita Locasto tanti finanzia- struite. Resta aperta la realizzae quella del M5S con la dini. “Le liste civiche – menti che in- zione del secondo stralcio, per il Luciano Fiordalisi La candidata sindaco del M5S di candidata Margherita ha spiegato il candidato tendiamo spendere sul territorio: quale è già stata bandita una Monterenzio, Margherita Locasto Locasto, presentiamo la nuova - hanno aperto anche a Monterenzio trasformeremo immobili pubblici e gara per i fornitori che lavoreranlista annunciata da Luciano Fior- un nuovo modo di fare politica, dan- privati in edifici a risparmio energe- no al centro servizi del Parco. Si dalisi, che ha presentato ufficial- do la possibilità ai cittadini di co- tico, incentivando l'isolamento ter- parla del mese di settembre per mente il suo programma elettorale struire azioni utili all'intera comuni- mico delle abitazioni con l’installa- il completamento del Parco vero ai cittadini, nel solco di quanto tà”. Il connubio tra ecologia, tecno- zione di cappotti termici. A trarne e proprio. Tale data è quella preintrapreso dal sindaco uscente logia e cultura è il cuore del suo beneficio saranno le famiglie con gli vista dal finanziamento europeo, Venturi. Sessant'anni, funzionario programma, e il candidato ha idee incentivi e le aziende di edilizia al quale dovrebbero aggiungersi assicurativo di professione e da chiare soprattutto sul tema della specializzate. Poi puntiamo ad ave- risorse della Provincia e della sempre impegnato sul territorio, è sostenibilità energetica e ambien- re internet veloce e punti wifi graRegione per poter essere realizGiada Pagani stato assessore durante il primo tale. “Il nostro sarà uno dei pochi tuiti”. zato. mandato del sindaco Giuseppe Venturi, con deleIn un’assemblea pubblica con una settantina di persone illustrato dal sindaco il regolamento della sanatoria ghe allo sport, alla Il Comune di Monterenzio il 3 apri- zioni forzose e multe conseguenti. proprietari, per mettersi in regola, scuola e alle le ha approvato definitivamente il L’azione non sarà indolore per i toccherà sborsare “210 euro annui attività pro- regolamento che aveva fatto stor- proprietari, ma risulta essere ne- oltre ad una sanzione ambientale duttive. Da cere il naso ad alcuni proprietari cessaria per regolarizzare una si- che va dai 25 ai 500 euro – chiariassessore si è terrieri, allevatori e agricoltori, con tuazione di abuso che non riguarda sce il sindaco -, per scongiurare gli prodigato su il quale “i proprietari di baracche il solo comune di Monterenzio, ma interventi della forestale, che in i m p o r t a n t i già regolarmente dichiarate tra i 6 e buona parte dei comuni della mon- questi casi prevedono sanzioni Pierdante Spadoni o b b i e t t i v i , i 40 mq dovranno versare 70 euro tagna, che ancora non prevedono salatissime, oltre all’abbattimento come la ristrutturazione della Pa- all’anno per coprire i diritti di segre- un piano strutturato di messa a forzoso delle strutture non dichiaralestra gestita dalla polisportiva taria, nel triennio 2014-2016”. L’as- norma di questi piccoli fabbricati te e alla denuncia per abuso edili"Luciano Menestrina", di cui è semblea pubblica, voluta dal sin- ad uso prevalentemente agricolo. zio, con i suoi risvolti penali”. A presidente e che oggi conta più di daco Giuseppe Venturi pochi gior- Pace fatta, dunque, per un caso rendere ancora più aggrovigliata la 500 iscritti, oltre alla realizzazione ni prima dall’approvazione del re- che esplose nel 2006, quando il matassa c’è poi la questione dell’adella nuova scuola materna e degli golamento, è servita per discutere corpo forestale fece abbattere alcu- gibilità sismica, richiesta dalla impianti sportivi al Parco dei Cilie- assieme ai cittadini le possibili ne baracche abusive e comminò Regione. “Per i manufatti dai 10 ai gi. Impegnato nel volontariato, da modifiche da apportare al regola- multe salatissime ai loro proprieta- 30mq esiste una procedura semanni è anche presidente dell'asso- mento. Sono state più di 70 le per- ri. Nel 2010, dopo svariati incontri plificata e poco onerosa - continua sone che hanno partecipato al con la cittadinanza, prese il via il Venturi -, mentre sopra ai 30mq dibattito che si è concluso con la progetto, approvato con voto unani- diventa più costosa”. “Il vero promaggioranza della platea a favore me di maggioranza e opposizione, blema - lamenta Paolo Dall’Olio, del progetto. L’iter procedurale che obbligava i proprietari a de- uno dei proprietari presenti in sala sarà il seguente: per prima cosa il nunciare le proprie baracche. Il - è stata la mancata chiarezza da comune subito dopo l’approvazio- sindaco Giuseppe Venturi rivendica parte dell’amministrazione: dal ne del regolamento, invierà a cia- tale progetto ancora oggi con orgo- 2011 al 2013 il regolamento è camscun proprietario di baracche l’in- glio, essendo stato Monterenzio il biato più volte e la gente si è trovaformativa, e l’accordo da sottoscri- primo comune della zona a regola- ta nell’incertezza e nella confusiovere con il comune per avere il rizzare questo genere di fabbricati. ne”. Di parere opposto Vittorio proprio manufatto autorizzato. “La tassazione annua – spiega il Cafasso, favorevole fin dall’inizio al Inoltre verrà consegnato un nume- sindaco - serve a togliere dall’abusi- progetto, che spiega: “Al contrario ro identificativo da attaccare a vismo le baracche e a scongiurare di molti altri comuni, la nostra amciascuna struttura. Subito dopo l'incubo di sanzioni da parte degli ministrazione è stata l’unica a repartirà il censimento, eseguito enti preposti”. Il nocciolo della que- golarizzare questo genere di fabbridagli uomini della forestale, che stione però è che oggi, tra tutte le cati e a toglierci dall’abusivismo, fino ad ora hanno temporeggiato baracche presenti sul territorio, sono sollevando il problema e affrontanproprio grazie all’intervento di ancora poche quelle regolarmente dolo assieme ai cittadini”. Venturi, per scongiurare demoli- dichiarate. Ciò significa che a molti Giada Pagani

Come ti regolarizzo la baracca...

Pagina 14

www.vallisavenaidice.it


La vetrina di Monterenzio

www.vallisavenaidice.it

Pagina 15


Valle del Sillaro Se ne parla nel nuovo libro di Emilio Prantoni “Alle radici del Sillaro”

Da San Mamante alle virtù terapeutiche della fonte di Vincareto Per la festa del Santo accorrevano da ogni parte pellegrini ... Immergersi nelle acque curative del rio “guariva il male alle ossa” Il libro di Emilio Prantoni risiedono la vita, il vigore, no parti doloranti, si benedicevaAlle radici del Sillaro, l’eternità [P. Pancaldi - no anche i gioielli: catenine bracA. Tempellini, in: Le trac- ciali orecchini... Venivano poi gli edito da Bacchilega Edice del sacro, University ambulanti abruzzesi in bicicletta, tore, offre moltissimi Press, Bologna, 2002, carichi di pesanti e ingombranti spunti sulla storia, l’economia e l’archeologia di pag. 87]. scatole di legno. Allestivano i loro Nel 2005 - narra sempre banchetti un territorio che deve ancora essere riscoperto. Prantoni nel suolibro a e vendevano oggettistica: coltelli, “Nella memoria degli abipag. 36 - la signora Lui- occhiali, piccoli giocattoli e i famosa Campomori, nata nel si fis-cì, che si gonfiavano soffiantanti dell’alta valle del 1919, che abitava a San do, poi, mentre si sgonfiavano, Sillaro - leggiamo a pag. 36 del libro - permane il Mamante, mi concesse emettevano un suono che man un’intervista su come si mano si affievoliva. ricordo della festa di San svolgeva la festa di San Di questi suoni era piena l’aria Mamante, la più memoraMamante: [...] veniva della festa. Questi ambulanti vebile della zona. La gente La casa padronale. Sotto, il vicino oratorio di San Mamante molta gente da Monteren- nivano in casa a cuocere i soliti vi accorreva da ogni parte il 17 agosto. Vi si svolgeva un ranti. Non dimenticavano di riem- zio, da Sassoleone, dalla Villa di maccheroni, lasciavano qualche piccolo mercatino e soprattutto pire una boccetta di quell’acqua Sassonero, dai Casoni, poi da regalino ai bambini che ne gioivache, era un’occasione per mangiare miracolosa per portarsela a casa Firenzuola perché “guariva il male alle os- insieme a quelli di l’anguria fresca. sa”. Piancaldoli e GiuForse questa ritualità poteva risa- gnola percorrevaL’acqua curativa lire a tempi pagani e potrebbe no il letto del Silladel rio Vincareto aver dato luogo a un culto delle ro. Venivano tre o acque, poi convertito in devozione quattro giorni priMa ciò che faceva accorrere tanta cristiana [...] La ierofania resta ma della festa gente erano le virtù terapeutiche legata all’acqua e al luogo in cui vera e propria e attribuite al ruscello che fianchegsgorga. Del resto l’acqua è stata dormivano all’agiava l’oratorio e che aveva origisempre considerata come la so- perto. Ilario della ne dalla fonte del Vincareto, anstanza magica e medicinale per Pineta, che gestiva cor oggi zampillante, fresca e diseccellenza: guarisce, ringiovani- una trattoria, vensetante, a monte dell’oratorio. La sce, assicura la vita eterna... ac- deva vino e bibite gente che doveva attraversare il qua viva, fontane della giovinez- sotto il portico; ruscello per raggiungere l’oratorio za, acqua di vita sono formule l’acqua non c’era. vi immergeva le gambe o le bracmitiche di una stessa realtà me- Nel ’44 una bomba cia o si bagnava quelle parti del tafisica e religiosa: nell’acqua rovinò il tetto del presbiterio; la no. Infatti mia figlia Graziella e i corpo che si manifestavano dologente di Piancaldoli, Giugnola, fratellini stavano sempre nascosti San Martino e Monterenzio raccol- nel granaio e da lassù sbirciavaUn culto ancora vivo nell’alta Valle del Sillaro se dei soldi, i Berti di Sassoleone no tutti quei forestieri che incuteci misero la manodopera e così il vano una certa paura; solo quandanno fu riparato. Se la festa do arrivavano gli ambulanti acadeva di sabato si ripartiva la bruzzesi scendevano a incontrardomenica, se la festa era di domeTra i capitoli più chiamarla “Mama”, appassionanti del cioè “mamma” in nica si ripartiva la libro, quello che latino. Con la morte domenica succespresenta la figura di di Amnia venne siva... tutte le matSan Mamante maraffidato al vescovo tine c’era la Messa tire, ricostruita gradi Cesarea, in se- alle 7.30. La gente zie alle notizie attinguito ucciso duran- si portava il mante da Franco Rute le persecuzioni giare da casa, scelli nella Biblioteanticristiane. Ma- comprava solo il ca Santorum e pubma, vista la sua bere. Nel rio del blicate nei Quaderni giovane età, venne Vincareto era stata Bisanesi (n. 2, 199risparmiato. Ancora allestita una poz6). “Questo santo giovanissimo iniziò za: qui i pellegrini L’Holter pressorio 24h martire onorato in a predicare il Cri- si bagnavano le Statua di San Mamante doloranti. Occidente, ma partistianesimo contro parti La fonte curativa di Vincareto a Villa di Sassonero colarmente in Oriente, visse nel- l’idolatria attirandosi l’ostilità dei Prendevano delle bottigliette e, siccola seconda metà del III secolo d. reggenti... Consigliato da un anC.. Nacque in Cappadocia nel gelo si ritirò sui monti. Qui pre- me in estate scorreva poca ac- li, perché confidavano nel tanto carcere di Cesarea, dove i genito- dicava alle belve che si raduna- qua, venivano a casa nostra a agognato regalino. Molti si ubriari Teodoro e Rufina erano stati vano per ascoltarlo e lo nutriva- prendere un cucchiaio per riem- cavano e allora scoppiavano liti imprigionati perché cristiani. Nei no col loro latte. Il governatore, pirle. L’acqua veniva benedetta in fino a tarda notte. Una volta ci giorni precedenti la nascita morì venuto a conoscenza di ciò, chiesa insieme all’olio per ungere scappò il morto e da allora i carail padre e anche la madre morì mandò alcuni soldati per arre- le parti doloranti; venivano bene- binieri cominciarono a fare visita. dopo il parto. Fu allevato da una starlo... Mama venne imprigio- dette anche cordelle bianche, con Molti chiedevano acqua da bere, ricca vedova di nome Amnia la nato e torturato, ma non abiurò le quali ci si cingeva la vita a mo’ allora noi andavamo ad attingere quale gli pose il nome di “Mama”, mai la sua fede, fino al martirio”. di cilicio. In sacrestia si benedice- alla cisterna del vicino podere di (continua) vano gli indumenti che ricopriva- San Clemente. dall’abitudine del bambino di

La festa di San Mamante cade il 17 agosto

Pagina 16

www.vallisavenaidice.it


www.vallisavenaidice.it

Pagina 17


Pianoro Altezza s.l.m.: m. 200 Superficie Kmq.: 107 Abitanti: 17.377 Variazione abitanti in 10 anni: +749 Vigili Urbani: 051.776613 Uffici comunali: 051-6529111 Stazione Carabinieri: 051.777014 Ospedale: Loiano 051.6543708

Dopo le candidature di Minghetti e di Mignogna

Al Museo Arti e Mestieri il 16 marzo

Matteo Gatti: ora anche Pianoro ha la sua lista M5S

Premiati 24 studenti “da lode”

Con la candidatura di Matteo Gatti per la lista del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, si aggiunge un altro tassello allo scenario della campagna elettorale, ormai giunta nel vivo ad un mese dalle elezioni del 25 maggio. Dal M5S di Pianoro riceviamo questo profilo del candidato. “Mi chiamo Matteo Gatti, ho 37 anni e sono originario di Pianoro dove vivo tutt'ora. Esercito la professione di geometra con studio a Bologna. Mi sono unito al Movimento prima, e ho deciso di provare questa candidatura poi, perché ho il desiderio di impegnarmi nell'attività politica per contribuire a quel cambiamento che tutti vorremmo vedere nelle istituzioni. In quest'ottica il Movimento è la realtà che rispecchia meglio il mio pensiero. Rispetto al programma, il gruppo che rappresento sta lavorando nella direzione della Sostenibilità; questa intesa in tutte le sue forme. Partendo dalle relazioni umane ed arrivando al r ap p o r to A m mi n i s tr az i o ne Cittadino-Imprese e a tutte le realtà locali. Vorremmo portare nel comune un rinnovamento in termini di energia pulita, trattamento dei rifiuti, conservazione e valorizzazione del patrimonio delle nostre colline, oltre a una

Pagina 18

Il candidato M5S, Matteo Gatti

serie di progetti concreti che partendo dalle scuole informano i bambini ed i genitori sulle innovazioni proposte. Progetti che esistono e funzionano anche in Italia, in tante altre realtà locali anche non lontane dai noi. Sappiamo di godere di un certo consenso, vogliamo portare un cambiamento dal basso nei valori delle persone, nell'approccio alla politica come coordinamento ed indirizzo del volere dell'elettorato. Siamo certi che sia la strada giusta da percorrere per ottenere ottimi risultati”. Senza volere scoraggiare il candidato né tanto meno i suoi potenziali elettori, trapela dalla sua faccia un felice e contagioso

ottimismo, tipico di chi non Con gli attestati di Eccellenza sembra avere ...la più pallida idea di che cosa lo aspetti. Guidare un comune di oltre 15mila Domenica 16 marzo pomeriggio abitanti come Pianoro è oggi un Pianoro ha festeggiato due volte: compito assai complesso già per per il 7° compleanno del Museo e un sindaco esperto, figurarsi per l'annuale premiazione degli per un neofita, completamente studenti meritevoli, che quest'ana digiuno dei “linguaggi comu- no ha coinvolto ben 24 giovani nali” e del burocratese locale. "studenti da lode" residenti nel Comune di Pianoro. A loro sono Non solo tutto è terribilmente complicato a causa dei mille paletti introdotti dagli ultimi Governi sull’uso delle (magre) risorse disponibili, che devono sottostare al patto di stabilità ed ai controlli della Corte dei Conti, ma anche per la delicata fase di transizione dalla ComuniLa sala del Museo gremita da genitori e studenti premiati tà Montana all’Unione dei 6 Comuni delle Valli stati conferiti gli attestati Savena e Idice. Chi sarà sinda- di Eccellenza negli Studi, un ricoco, chiunque vincerà, dovrà noscimento pubblico istituito daltraghettare la sua comunità, da l'Associazione Territorio e Civiltà una dimensione di Paese, ad dei Mestieri e diventato, con gli una nuova dimensione di Unio- anni, un appuntamento imporne, il che comporta far sacrifica- tante per il Museo e per la comure interessi di paese a vantag- nità di Pianoro. Alla cerimonia gio di quelli dell’Unione. Nasce- erano presenti il Sindaco Gabriele ranno forti movimenti di scon- Minghetti, l'Assessore all'Istruziotenti, trasversali alla popolazio- ne Franca Filippini, la Responsane ed ai partiti, con i quali il bile del Museo Maurizia Lazzarini nuovo sindaco dovrà fare i con- e lo storico della montagna Adriati. E per farlo dovrà avere espe- no Simoncini. Di seguito i nomi rienza ed anche un po’ di perfi- dei 24 premiati. dia, conoscenza delle regole va- Licenziati alla Scuola media di lide ai tavoli di confronto, e infi- Pianoro: Daniele Bondioli, Mane un certo stomaco, per ingoia- nuel Romeo, Nicolò Grandi. re rospi che gli pioveranno in Licenziati Scuola media di Rastibocca dall’alto, vivi e indigesti. gnano: Matteo Fabbri, Lorenzo Questo sarà - soprattutto - fare Faccioli. il sindaco dal 26 maggio in poi. Diplomati: Riccardo Faenza, SuChi pensa davvero di poter por- sanna Naldi. tare “un rinnovamento in termini Laureati: Giacomo Cesari, Daniedi energia pulita, trattamento dei la Fabbiani, Andrea Pierini, Davirifiuti, valorizzazione del patri- de Venturi, Filippo Maria Zanibomonio delle nostre colline” dovrà ni, Amadeo Agostino, Carmen fare i conti con le sabbie mobili Belardo, Karen Bergami, Manuela delle normative vigenti. Dovrà Lamborghini, Jari Lenzi, Eros mostrare doti da equilibrista e Monti, Ilenia Moschini, Giuliano da diplomatico, carisma e capa- Peta, Jacopo Pianella, Federico cità di rapportarsi coi cittadini. Stefanini, Enrico Webber, Martina Zappaterra. bdb

www.vallisavenaidice.it


La vetrina di Pianoro

www.vallisavenaidice.it

Pagina 19


Pagina 20

www.vallisavenaidice.it


Pianoro

Preannunciati disagi per il cantiere, che creerà intasamenti e ingorghi fino a fine lavori

Rotatoria delle Oche, mesi di lavoro e di passione “Dovrà risolvere i problemi dell’incrocio tra le vie Costa, De Gasperi (Ponte delle Oche per la Fondovalle Savena) e Marzabotto

La chiusura di via Marzadi supporto della linea botto in entrata a Rastiaerea per non dover ingnano di Pianoro, per circa tervenire successivaun mese al fine di consenmente con nuovi lavori e tire l’abbattimento di un nuovi disagi. Secondo il capannone all’angolo con cronoprogramma stabilivia Costa (l’ex statale ora to i lavori stradali, asfalSp 65 “della Futa”) è stato tatura compresa, douno dei primi assaggi dei vrebbero essere compledisagi da subire per realiztati tra la fine di luglio e zare una grande rotatoria. la metà di agosto per Una rotonda stradale decercare di ridurre il più stinata a risolvere definitipossibile i disagi al trafvamente i problemi dell’infico dei pendolari. L’affollata assemblea di presentazione dei lavori per la Rotonda crocio tra le vie Costa, De Come è stato detto in Gasperi (Ponte delle Oche assemblea per limitare i per la Fondovalle Savena) e Mar- tare i disagi. Le opere prevedono disagi sarebbe poi molto opporzabotto dove avvengono spesso anche lo spostamento di una tuno predisporre una segnaletica incidenti, anche gravi, tra veicoli cabina elettrica e di una di Hera per evitare l’attraversamento di sul lato ovest di via Costa per far Rastignano, lungo l’asse dell’ex soprattutto nelle ore di punta. Ma non solo perché, come ha posto al capolinea del 13. La via statale, di chi non vi si deve ferspiegato il sindaco di Pianoro Marzabotto sarà poi chiusa all’al- mare. Tutti i veicoli privati anche Gabriele Minghetti, il progetto è tezza del sottopasso ferroviario pesanti, diretti alle località a sud stato adottato anche da Tper per con transito consentito solo ai oltre Rastignano come Sesto, il tanto atteso prolungamento pedoni lungo un passaggio pro- Boaria, Pian di Macina, Pianoro, della linea di filobus 13 da via tetto. In pratica verrebbe liberata eccetera, dovrebbero imboccare Pavese, al Trappolone di San da ogni interferenza tutta l’area il ponte Bailey del Paleotto e imRuffillo, fino a Rastignano. Ac- tra le vie Costa e Marzabotto e la mettersi in Fondovalle Savena cantonando così definitivamente ferrovia “Direttissima”, per poter evitando di passare per l’area di la precedente idea di allungarlo consentire l’eliminazione dello cantiere. Invece veicoli che scendi altri cento metri fino al piaz- spartitraffico di via Marzabotto, dono verso Bologna, ma solo zale dell’ex fermata dell’autobus la realizzazione della mezza rota- quelli leggeri, non certo camion e G nei pressi della chiesa di Ra- toria est e dei nuovi parcheggi autoarticolati, giunti a Riolo (il con un tempo previsto di 15-20 borgo prima della chiesa di Rastignano. Come ha precisato il sindaco giorni. Successivamente sarà stignano, potrebbero imboccare nell’affollata e tumultuosa as- riaperta via Marzabotto con il via Lelli e raggiungere di nuovo semblea serale svoltasi nel cen- traffico, anche in uscita dal Pon- la strada di Toscana, oltre la tro civico di Rastignano, la frazione pianorese, passanrotatoria occuperà gran pardo per le vie della Fornace, te del sedime dell’ex fabbriMarzabotto (Conad e Centro ca lasciandovi spazio anche Feste), del Cappello e Buozper un parcheggio da una zi. Con la realizzazione della ventina di posti auto di cui rotatoria non ci sarà il conuno o due per portatori di testuale arrivo del filobus, handicap. Ma per poterla per via di un allungamento realizzare su un nodo così dei tempi burocratici. Al cruciale, dove transitano momento la Soprintendenza migliaia di veicoli, è necespaesaggistica non ha ancora saria una buona organizzadato il nulla osta e solo dozione del cantiere e alcuni I detriti dell’ex fabbrica demolita. Qui sorgerà la rotonda po potranno essere avviate disagi alla circolazione che le procedure di esproprio dei saranno compensati, in futuro, te delle Oche, deviato sulla nuo- suoli dove posare i pali a sosteda una maggiore fluidità e sicu- va mezza rotatoria con senso gno della rete di alimentazione rezza del traffico. unico alternato per poter fare la elettrica. Riguardo ai costi le Lo scorso marzo è stato demolito parte ovest. opere saranno finanziate con il vecchio edificio in disuso, ora Contestualmente alla realizzazio- 440 mila euro della Regione, 300 un cumulo di macerie, ma nel ne della rotonda saranno eseguiti mila dal Comune, e altrettanti concreto i lavori per la rotatoria tutti i lavori propedeutici all’al- da Tper per la linea aerea filoviainizieranno solo in giugno dopo lungamento della linea 13, come ria, con la nuova previsione dell’la chiusura delle scuole per limi- i plinti e gli alloggiamenti dei pali arrivo del filobus nel 2015. (G.F.)

www.vallisavenaidice.it

Inaugurato l’Ufficio postale E’ stato rifatto in via Matteotti 2 E’ stato inaugurato il 9 aprile, nella sede rinnovata di via Matteotti 2, l’ufficio postale di Pianoro che effettuerà il consueto orario al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 19.05 e il sabato dalle 8.20 alle 12.35.

Alla cerimonia erano presenti la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Simonetta Saliera, il sindaco del Comune di Pianoro Gabriele Minghetti, i responsabili territoriali di Poste Italiane Doriano Bolletta e Giorgio Tovoli, il responsabile della Filiale di Bologna 1, Giovanni Giacomozzi, e la direttrice dell’ufficio postale Patrizia Dondini.

Doc in Tour Biblioteca di Rastignano, 24 aprile Presso la Biblioteca Comunale Don Lorenzo Milani, P.za Piccinini, 4/a Rastignano, giovedì 24 aprile, alle ore 21, proiezione gratuita del documentario: “Lovebirds - Rebel lovers in India” storia di giovani amanti ribelli che in India rischiano la vita per stare insieme, costretti a fuggire dalle loro case e dal retaggio di una tradizione che vieta le unioni tra caste o religioni diverse. La Rassegna è curata da Regione Emilia-Romagna, Federazione Italiana Cinema d’Essai - EmiliaRomagna, l’Associazione Documentaristi EmiliaRomagna e Fondazione Cineteca di Bologna . Pagina 21


San Lazzaro di Savena Altezza s.l.m.: m. 62 Superficie Kmq.: 44 Abitanti: 31.934 Variaz. abitanti in10 anni: +1.543 Vigili Urbani: 051.6228122 Uffici comunali: 051-6228111 Stazione Carabinieri: 051.6276600

Si delineano gli schieramenti in vista delle comunali del 25 maggio

Certificata la lista

E’ Samuele Barillà il candidato del centrodestra

M5S correrà a San Lazzaro

Avvocato 45enne, sfiderà l’avvocato 30enne Isabella Conti del PD e gli outsider Massimo Bertuzzi ed Enrico di Oto. Possibile un’ulteriore lista del NCD con Roberto Amato

“Siamo al servizio dei cittadini”

Già coordinatore Come ci riferico». A San Lazzaro i “grillini” sono politico del Pdl, sce, i punti car«Mi impegnerò – ri- stati presi in contropiede dall’iper il territorio dine del suo prende Barillà – an- nattesa certificazione del loro sanlazzarese, l’avprogramma che per il ripristino di gruppo da parte di Beppe Grillo. vocato Samuele sono relativi «al una viabilità amica E nella serata dello scorso lunedì Barillà è ora cancittadino, alla del cittadino, sia esso 7 aprile si sono infatti ritrovati didato sindaco a sua sicurezza e pedone, cicliSan Lazzaro per alla riduzione sta o conduuna coalizione di delle imposte. cente di veicoSamuele Barillà, candidato centrodestra che Intendo rivolgeli, e del comdi centrodestra Isabella Conti, candidata comprende Forza re un’attenzione mercio sandi centrosinistra Italia, Fratelli d’Italia e Lega maggiore alla persona, lazzarese. Nord. Residente in città dal 199- alla famiglia e alle fasce più de- Tema questo, che assie1, Barillà è titolare di uno studio boli della popolazione. Ricordan- me a quello dell’urbanilegale che si occupa di consu- do che tra quelle fasce oggettiva- stica che ha sollevato Raymon Dassi, a destra, premiato a Abidjan lenza alle imprese nel settore mente deboli ci sono anche i gio- una marea di proteste e farmaceutico. vani, consapevole che di distinguo, è Sposato, 45 le amministrazioni stato affrontaanni a maggio comunali che si sono to in modo in concomisuccedute, specialdisastroso dal tanza con le mente negli ultimi 10 sindaco uscenBanchetto M5S per la campagna elettorale a San Lazzaro prossime eleanni, hanno parlato te. Ho infatti zioni comunamolto di iniziative riintenzione di semplifili, da tempo è volte ai giovani e fatto care la viabilità e di per raccogliere idee, proposte, impegnato in ben poco. Intendo poi bloccare qualsiasi ulte- segnalazioni di problemi da risolpolitica e conmigliorare la sicurezriore consumo di suolo vere, dando priorità assoluta alla sigliere dalle za, alla luce di un vergine puntando so- definizione del programma elettoMassimo Bertuzzi, della Enrico Di Oto, della lista scorse comu- lista visibile incremento prattutto sul recupero rale, già abbozzato nelle scorse civica “Noi Cittadini” civica “San Lazzaro” nali sotto il della microcriminalità di edifici e aree di- settimane, inserendovi anche le simbolo del Pdl. Ora tenta di al- sul territorio sanlazzarese. Non smesse, potenziando le aree segnalazioni e le motivate lamenlungare il passo, puntando diret- basta piazzare qualche telecame- verdi». tele dei cittadini che hanno partetamente alla poltrona di sindaco ra in più – osserva il candidato Il giovane avvocato intende infi- cipato al tour delle frazioni. e contando sul fatto di poter sindaco - ma occorre un piano di ne «puntare alla riduzione della Gli aderenti al movimento sono giungere al ballottaggio. prevenzione e contrasto specifi- pressione fiscale, nei limiti fissa- appunto convinti che “la demoti dal patto di stabilità, là dove crazia partecipata sia un impegno gli studi di Unindustria hanno morale che ogni cittadino ha con il purtroppo evidenziato che quella proprio paese, con la sua comuniche grava sul commercio – riba- tà e con sé stesso. Aderendo al disce il candidato concludendo - Movimento 5 Stelle ci siamo impeè la più alta nella provincia bolo- gnati a fare della democrazia dignese e tra le prime nella nostra retta un impegno concreto speranregione». Al momento non c’è do di poterlo fare insieme ai cittaancora nessun sostegno da par- dini di San Lazzaro”. te del Nuovo Centro Destra, «Per questo – scrivono sul loro sito rappresentato dall’ex consigliere – invitiamo la cittadinanza alla comunale Pri, poi Ccd-Cdu, Ro- firma a sostegno della nostra lista berto Amato, che cerca di pre- nell’ufficio elettorale o ai banchetsentare una propria lista e pro- ti. Ora siamo ufficialmente la lista babilmente una candidatura a del Movimento 5 Stelle, alle prossiprimo cittadino. Ma c’è anche la me elezioni comunali di San Lazpossibilità che si giunga a una zaro, ma soprattutto siamo felici e coalizione di centrodestra, a onorati di essere al servizio dei sostegno di Barillà, che com- cittadini che ci daranno fiducia». prenda anche Ncd. Mentre il Anche a San Lazzaro, le liste M5S consigliere Enrico di Oto, già potrebbero riservare sorprese, Pdl ora civico (“San Lazzaro”) forti del 25,6% preso un anno fa intende correre da solo con la alle politiche e del 23-25% di cui sua lista civica “Tu per San Laz- sono ora accreditati dai sondaggi. zaro”. Giancarlo Fabbri Giancarlo Fabbri Pagina 22

www.vallisavenaidice.it


www.vallisavenaidice.it

Pagina 23


San Lazzaro di Savena Lavori in città Quelli in corso e quelli finiti

Via Torreggiani I lavori di manutenzione straordinaria dei marciapiedi di via Torreggiani, iniziati lo scorso 15 aprile, andranno avanti fino al 10 maggio. Con questo intervento, che ha un costo di 23.000 euro, viene rifatto il tappetino di usura in conglomerato bituminoso di entrambi i marciapiedi della via (tratto da via Emilia a via Mezzini) e vengono abbattute le barriere architettoniche presenti lungo i percorsi pedonali. Per consentire lo svolgimento dei lavori viene istituito il divieto di sosta su entrambi i lati di via Torreggiani e il limite di velocità di 30 km/h fino al 10 maggio 2014 e comunque a segnaletica installata.

Via Jussi alta, nuovi parcheggi Mercoledì 2 aprile è stato inaugurato il parcheggio di via Jussi alta. All’inaugurazione c’erano il sindaco di San Lazzaro Marco Macciantelli, l’assessora alla qualità delle risorse Isabella Conti e, come madrine dell’evento, le cantanti Cristina D’Avena e Patrizia Orciani. L’intervento completa i lavori di riqualificazione di via Jussi alta, con la consegna di 28 nuovi stalli per autoveicoli, di cui due destinati a disabili; un'area destinata alla sosta di motocicli; percorsi pedonali interni al parcheggio di collegamento con via Jussi; la riqualificazione di parte del percorso che dall'accesso viabile del parcheggio porta alla scuola materna (intervento da completare). Costo dei lavori: 145 mila euro.

Pagina 24

Ufficio elettorale, ecco gli orari L'Ufficio Elettorale del Comune di San Lazzaro di Savena osserverà orari di apertura straordinaria in vista delle prossime elezioni amministrative ed europee, previste domenica 25 maggio 2014. Nel periodo dal 22 aprile 2014 al 26 aprile 2014, allo scopo di garantire l'immediato rilascio delle certificazioni relative alla presentazione delle candidature per le elezioni comunali: Martedì 22 aprile, ore 8/18. Mercoledì 23 aprile, ore 8/18. Giovedì 24 aprile, ore 8/18. Venerdì 25 aprile, ore 8/20. Sabato 26 aprile, ore 8/12.

Premio Gutemberg, Mediateca tra i vincitori La Mediateca di San Lazzaro, inaugurata il 31 marzo 2007, conta circa 14.000 iscritti ed è aperta quasi 300 giorni l’anno, con un’offerta di oltre 48.000 titoli e 74 periodici), un’area ragazzi con 10.000 volumi, lo spazio pubblico di lettura, cultura e informazione, l’informagiovani, lo spazio giovani ed i servizi informatici (33 postazioni gratuite per navigare in internet e 7 postazioni avanzate). La Mediateca di San Lazzaro è tra i vincitori del Premio Gutenberg 2013, il riconoscimento che l’Associazione Italiana del Libro assegna ogni anno alle 50 migliori iniziative di promozione del libro e della lettura.

Cambiate da aprile le modalità di conferimento

Stazione ecologica, si accede solo col tesserino sanitario

Inaugurata un’area verde pagata da Hera nel Parco Mondani Possono accedere alla Stazione Ecologica i cittadini intestatari della Tares nel Comune di San Lazzaro di Savena, di Castenaso e di Ozzano dell'Emilia e tutti coloro che vi svolgono un'attività economica. Dal mese di aprile l'accesso alla Stazione Ecologica comunale per il conferimento dei rifiuti, da parte delle utenze domestiche, può essere effettuato solo con il tesserino sanitario (su cui è indicato il codice fiscale) del titolare della tassa rifiuti. Le utenze non domestiche, al primo accesso, devono presentarsi con la tessera già rilasciata, che verrà associata o sostituita con un apposito cedolino sul quale è stampato un codice a barre, con indicazione del Codice Fiscale o Partita IVA, per consentire i futuri accessi. La nuova modalità di accesso con l’utilizzo del Codice fiscale o della partita IVA consente l’univocità della tessera, migliora la portabilità tra i diversi centri collegati (Castenaso e Ozzano) e riduce le problematiche legate alla gestione delle posizioni provvisorie; inoltre rientra nelle azioni di semplificazione amministrativa, che prevedono di adottare il codice fiscale come tessera multi servizi.

www.vallisavenaidice.it

Intanto è stata realizzata un'area verde presso il Parco Mondani, nello spazio antistante il Circolo ARCI di via Bellaria 7. L'inaugurazione dell'area verde è avvenuta lo scorso 15 aprile, alla presenza di Isabella Malagoli, Direttore Marketing e vendita Hera Comm Srl; Forte Clò, Presidente del Comitato per il Territorio di Bologna, Gruppo Hera; e di rappresentanti dell’Amministrazione comunale di San Lazzaro di Savena. A seguire, si è tenuto un laboratorio didattico sul compost rivolto ai bambini. Utilizzando imballaggi di recupero, come bicchieri e vasetti in plastica, hanno piantato un seme utilizzando il compost a disposizione. L’area verde è stata finanziata da Hera grazie all'introduzione della bollettazione elettronica. Nel comune di San Lazzaro i conti contrattuali con invio elettronico della bolletta sono, al 31 gennaio 2013, pari a 960 su 17.612. Le adesioni alla bolletta elettronica sono state 272 dal 31 ottobre 2012. Al traguardo intermedio delle 25.000 bollette on line Hera piantumerà i primi 500 alberi e a ciascun Comune verrà donato un numero di alberi in proporzione ai residenti. A San Lazzaro saranno 50 e sostituiranno piante che nel tempo si sono seccate.


Annunci dei Lettori 10. Cerco lavoro Stiratrice professionale a domicilio zona Vado/Monzuno anche per piccoli servizi 339.7779907 Autista referenziato, certificato anche per trasporto disabili, disponibile anche per accompagnamento minori, massima serietà 3331305130 Vado/Monzuno

11. Offro lavoro Parrucchiere I Metropolitani cerca personale esperto. Chiamare ore 9.00-19.00 Tel. 051.6552031

21. Vendo oggetto Montapanna Carpigiani, praticamente nuovo, portata 1 lt e mezzo, euro 1.500 trat-

tabili, visibile a Vado cell. 348.9720068. Montascale cingolato mobile a batteria sale scende in sicurezza e carrozzina euro

2500,00. Tel. 333.6484535.

31. Auto in vendita

man., 6 air bag, abs, fari fendinebbia, radio cd. € AUDI A3 2.0 16v TDI Quat- 8.700,00 - tel 051.6555662 tro Ambiente 3/2006, 3 FIAT Punto 1.2 5 pt. Actiporte, antracite, Km 10ve Natural Power, 2/2006, 3.000, 140 Cv, euro 4, cerarg., Km 67.000, 44chi lega, tettuccio apr., pelle, KW/60Cv, benz./metano, navig., park distance, cruise manuale, E4, alza cr. Elettr., control, CD concert con coclima, airbag, Abs, servo, mandi al volante, autoradioCD, chius centr., contr.autom. Clima bizona, imm. Elettr., fendin., € vetri elettr., 4 airbag, servo, 5.300,00, tel. 051.742184 fendi, sensori pioggia e luce cell. 392.2404030 € 10.900, tel. 051.742184 FIAT Panda 4x4 1.1 ie cell. 392. 2404030 Country Club, anno 1998, FIAT Panda 4x4 1.2 ie km 105.205, vetri elettrici, Climbing, 2008, km 43.660, chiusure centralizzate, stevetri elettrici, immobilizer, reo CD MP3. € 3.500,00 - tel chiusure centr., cerchi lega, 051.6555662 climatizzatore man., stereo FIAT 1.2 Dynamic Natural cd, sensori parcheg-gio. € Power, 7/2010, 5 porte, 8.900,00 - tel 051.6555662 viola, km 48.000, euro 4, board computer, CD+Mp3, FIAT Panda 1.2 ie usb, Abs, clima, barre al Climbing Natural Power, tetto, crist. Elettr., airbag 2009, km. 67.850, vetri eletanche passegg., immob. trici, chiusure centr., ABS, Elettronico, fendi, chius. stero cd mp3, cerchi in lega, Centr., servbo, Ok per neofari fendinebbia, sedile post. patentati, tel. 051.742184 sdoppiabile € 8.200,00 tel cell. 392.2404030 051.6555662 FIAT Freemont 2.0 Tdi FIAT Grande Punto Evo 1.2 Urban AWD Aut., 2012, km Dynamic 5p. 2010 km. 481.105, navigatore, cambio 3.350, argento met., clima automatico, sensori park,

cerchi in lega, cruise control, elet., chiusure centr., fari bluethoot € 22.300,00 - tel fendinebbia, ABS, cerchi in 051.6555662 lega, climatizzatore man., sedile post. sdoppiato. € FIAT Multipla 1.6 16v Na7.800,00 - tel 051.6555662 tural Power Dynamic, 9/2010 argento, Km 59.000, OPEL Zafira, metano, 1.6, euro 4, board computer, park 16V, cat. Eco M Club 6distance control, Abs, vivavo- /2005, monovol. Argento, Km ce Bluetooth, clima, ve, air- 108.000, euro 4, Abs, climabag, specch. Elettr., chius tizz., barre al tetto, ve, airbag, centralizz., servo, radio, reg. specc. Retrovis. Elettr., airbag elettr. Sedili, lett. CD, im- passeggero e laterali, radio, mob. Elettr., fendi, € 12.300 servist., lettore CD, immobil. tel. 051.742184 cell. 39- Elettr., fendi, sedili post sdopp., € 6.800,00, 2.2404030 tel.051.742184cell.392.24040 FIAT Sedici 1.6, 16 V 4x4 30. Emotion, 3/2008, fuoristrada nero, Km 55.000, euro 4, SUZUKI SX4 1.6 16v. Outdocerchi lega, traz. Integr., Abs, orLine 4WD, 2009, km 6imp. Stereo CD comandi mal 1.350, vetri elettrici, chiusure vol., contr. Aut. Clima, crist. centr., abs, stero cd mp3, Elettr., airbag totali, immob. cerchi in lega, climatizzatore Elettr., servo fendi, chius. bizona, 6 airbag, comandi al Centr., volante e cambio pel- volante, sedile post. sdoppiale, Adb, sedile sdoppiato Edb, to.€11.400,00tel 051.6555662 € 7.700, tel 051.742184 cell. SUZUKI Grand Vitara 1.9 392.2404030. DDiS 3p., anno 2010, km JEEP Cherokee 2.8 CRD 69.530, vetri elettrici, immobiLimited Aut., 2003, km 15lizer, chiusure centr., cer-chi 0.000, vetri elettrici, chiusuin lega, climatizzatore man., re centr., ABS, stereo CD stereo cd. € 16.500,00 - tel MP3, cerchi lega, climatizza051.6555662 tore manuale, 4 airbag, cambio aut., interni in pelle. € SUZUKI Wagon R+ 1.3 4WD, 6.400,00 - tel 051.6555662 2003, km 89.000, vetri elettriLANCIA Ypsilon 1.2 ie Sil- ci, chiusure centr., immobiliver, 2007, km 36.141, vetri zer, climatizzatore man., steelettrici, chiusure centr., reo cd. € 3.000,00 - tel 05immobilizer, stereo CD, cli- 1.6555662 matizzatore manuale. € VOLKSWAGEN Tiguan 2.0 7.200,00 - tel 051.6555662 Tdi 4Motion Sport & Style, LANCIA Ypsilon 1.2 ie Sil2009, km 93.300, vetri elett., ver, 2004, km 105.320, vetri chiusure centr., ABS, stereo elettrici, chiusure centr., CD MP3 Touch Screen, cerchi immobilizer, vetri eletr., stelega, fari fendi, 4 airbag, clima reo cd, climatizzatore mamanuale, comandi stereo al nuale. € 3.300,00 - tel 05volante.. € 16.700,00 - tel 1.6555662 051.6555662 LANCIA Musa 1.4 8v. Gold EcoChic, 2009, km 63.540, VOLKSWAGEN Touran 2.0 ie vetri elettrici, chiusure Ecofuel, 2007, km 83.141, centr., ABS, 4 airbag, clima- vetri elettrici, chiusure centr., tizzatore man., stereo CD/ immobilizer, abs, esp, stereo MP3, fari fendinebbia, € cd mp3, climatizzatore manuale, fari fendinebbia, 7 po9.400,00 - tel 051.6555662 sti. € 12.000,00 - tel 05MINI Cooper 1.4 One D, 1.6555662 anno 2004, km 94.560, vetri

www.vallisavenaidice.it

Pagina 25


Ozzano dell’Emilia Altezza s.l.m.: m. 67 Superficie Kmq.: 64,94 Abitanti: 13.250 Variaz. abitanti in10 anni: +2.649 Vigili Urbani: 051.799839 Uffici comunali: 051.791333 Stazione Carabinieri: 051.799112

Presentata la lista di centrosinistra

Geometra imolese, da tre anni è residente a Ozzano

Progetto Ozzano ecco i nomi

Maurizio Visani candidato M5S Presentati gli altri nomi in lista

37 anni l’età media

“Il nostro non è un treno in partenza, è un treno in corsa!”

Presentata a Ozzano la lista di coalizione del centrosinistra “Progetto Ozzano”, a sostegno della candidatura a sindaco di Luca Lelli e per il Luca Lelli, candidato consiglio co- sindaco del centrosinistra munale ozzanese, che comprende, oltre al Partito democratico, il Partito socialista italiano, Sinistra ecologia e libertà e il Centro democratico. I candidati consiglieri sono i ripresentati Lara Caruso ed Elena Valerio (assessori), Matteo Di Oto, Maurizio Matteucci, Marianna Munno, e i novizi della politica Riccardo Beatrice, Marika Cavina, Antonella Ciummo, Mariangela Corrado, Giuseppe Angelo Costantino, Alessandro D’Andrea, Lodovico Dozza, Anselmo Mancuso, Simona Recine, Marco Rivola e Diego Sgrò. I candidati, sette donne e nove uomini, hanno un’età media di 37 anni con sei riconferme dal precedente mandato amministrativo. Per la loro selezione si sono seguiti criteri come: rappresentatività territoriale (frazioni e capoluogo); lavoro o professione svolta; attività svolta sul territorio, radicamento e attività sociali. Nelle prossime settimane saranno presentati in diverse iniziative pubbliche: il 27 aprile, alle 16, nel Palazzetto dello Sport di viale 2 Giugno; il 4 maggio, dalle 10 per una passeggiata sulle colline con un tour alla scoperta dei luoghi ozzanesi più suggestivi; il 14 maggio all’Arci Tolara per un apericena di festa per il finanziamento della campagna elettorale del centrosinistra. Un centrosinistra che nel 1999 ha ottenuto alle comunali il 71,77% (secondo mandato di Valter Conti), nel 2004 e nel 2009 rispettivamente il 78,20 e il 68,9% (primo e secondo mandato del sindaco uscente Loretta Masotti). (G. F.)

Alla prima esperienza no alle prossime copolitica, titolo di studio munali ci sarà anche geometra sperimentale il Movimento 5 Stelle. Eta (edilizia, territorio, «Il gruppo ozzanese – ambiente), appassionato ha spiegato Visani – si di informatica, 34 anni, pone l'obiettivo di fare nato e cresciuto a Imola politica in modo diverdove lavora in azienda so, con maggiore atceramica, da tre anni è tenzione ai problemi residente a Ozzano. Dalquotidiani delle persol’inizio del 2013 prima ne e con una gestione simpatizzante del Movipiù consapevole delle Maurizio Visani, M5S mento Cinque Stelle risorse economiche. E’ (M5S) poi iscritto certifiinfatti giunto il momencato alla fine dell’anno scorso. to di verificare se non si sarebbe Questa la sintetica scheda di potuto fare di meglio dopo decenni Maurizio Visani, candidato sin- di monopolio degli stessi gruppi di daco “grillino” in corsa per la potere, e persone, espressione di conquista del Comune di Ozza- interessi forti nel territorio, consino. Di sé dice: «Sono stanco di derata anche la crisi economica in lottare ogni giorno contro l’ineffi- atto. Noi tutti del gruppo di cui cienza della burocrazia italiana. sono portavoce vogliamo portare Sono stanco di pagare sempre concretezza e trasparenza, onestà più tasse, per ripagare gli sprechi e vicinanza ai veri problemi di chi a tutti i livelli della pubblica am- vive e lavora a Ozzano, tenendo ministrazione. Non ho mai aderito presente il futuro dei nostri figli e a nessun partito politico e non ho del nostro territorio, senza altre mai svolto alcun tipo di attività ambizioni. Il nostro – conclude politica in genere. Finora». Visani – non è un treno in partenIl movimento ozzanese ha pre- za, è un treno in corsa!». sentato il candidato sindaco, i Giancarlo Fabbri candidati consiglieri comunali e il programma elettorale di mandato con un’assemblea pubblica svoltasi il 13 aprile nella sala Città di Claterna. La lista è composta da 13 persone con Maurizio Visani candidato sindaco, capolista Paola Lollini poi, a seguire, Daniele Mattei, Barbara Mancini, Andrea D’Arrezzo, Alessandra Lampis, Massimo Rambaldi, Valentina Fiumara, Roberto Lauria, Giuseppe Violante, Alessia Marchi, Federico D’Arrezzo, Silvia Carloncini. Come hanno spiegato in occasione della presentazione «la composizione della lista è frutto del lavoro di un gruppo ampio che dalle politiche 2013, e per alcuni già dalle comunali bolognesi del 2011, ha cercato di declinare principi ispiratori e obiettivi del movimento nella realtà di Ozzano». Quindi, sciolta ogni riserva, tra le liste che si presentano a Ozza-

Pagina 26

www.vallisavenaidice.it

Coordinato dal Prof. Setti

Come funziona la Comunità Solare? Pubblico incontro il 15 aprile La Comunità Solare è uno strumento nelle mani dei cittadini, patrocinato e promosso dall'amministrazione comunale, che intende raggiungere l’obiettivo europeo di ridurre le emissioni di gas ad effetto serra dell’80% rispetto alla situazione registrata nel 1990. Per fare ciò occorre riducerre i propri consumi annuali di energia elettrica e gas e produrre energia da fonte rinnovabile. Martedì 15 aprile alle ore 21.00 presso la Sala Città di Claterna si è tenuto un incontro aperto al pubblico, coordinato dal prof. Leonardo Setti del Dipartimento di Chimica Industriale dell'Università di Bologna. E’ stato presentato il progetto della Comunità Solare, basato su un'associazione di cittadini interessati alle fonti rinnovabili, al risparmio energetico e agli incentivi presenti. Nella stessa data di martedì 15 aprile, dalle ore 18, presso la Sala Mediateca via Caselle 22 a San Lazzaro di Savena si è svolta un'analoga iniziativa, sempre pubblica.


www.vallisavenaidice.it

Pagina 27


Ozzano dell’Emilia Qui avrà la sua sede la CM FIMA, frutto di una joint-venture tra IMA e SACMI per il packaging del cioccolato

Ecco come sarà il nuovo complesso produttivo IMA-SACMI L’intervento, del valore di oltre 20 milioni, permetterà di offrire nuovi posti di lavoro a circa 400 persone Alla faccia della crisi entro quest’anno nell’area produttiva di TolaraQuaderna, a Ozzano, dovrebbero iniziare i lavori per la realizzazione di un nuovo complesso produttivo che darà nuovi posti di lavoro a circa 400 persone. Il progetto urbanistico attuativo (Pua), approvato qualche settimana fa, e i programmi di sviluppo industriale, sono stati presentati il 31 marzo scorso in una gremitissima sala Città di Claterna dal sindaco di Ozzano Loretta Masotti, dal vicepresidente della Provincia di Bologna Giacomo Venturi, dal presidente di Ima Spa Alberto Vacchi, dal presidente della Sacmi Paolo Mongardi e da Sandro Prosperini della No Gap Progetti Srl. Si tratta di un intervento da oltre 20 milioni di euro che prevede la costruzione di due stabilimenti gemelli, speculari con al centro gli uffici tecnici, amministrativi e direzionali, e ai lati gli spazi produttivi, uniti da un grande ambiente a ponte per la mensa trasformabile in sala convegni. L’intervento sarà realizzato a est della via Tolara di Sotto su un’area di 54 mila metri quadri per una superficie edificabile di 26 mila metri quadri; altri 24 mila metri quadri saranno usati per parte di una rotatoria su via Tolara, per una nuova viabilità interna a servizio del comparto produttivo, per parcheggi e per aree verdi. Uno dei due stabilimenti sarà sede della CM Fima Ima & Sacmi che fa parte di CMH, joint-venture ImaSacmi dedicata alla costruzione di macchinari, e soluzioni complete chiavi in mano, per la lavorazione e il packaging del cioccolato. Il secondo sarà utilizzato dall’Ima per le attività comuni attinenti ai due gruppi. Come ha spiegato Prosperi-

Pagina 28

Plastico del nuovo insediamento IMA-SACMI che nascerà nell’area Tolara-Quaderna

ni gli stabilimenti saranno realizzati con sistemi modulari, con attenzione alla flessibilità, alla sicurezza e con consumi energetici quasi pari a zero, grazie all’impiego di varie fonti di energia rinnovabile. Come ha osservato il sindaco «questo è il primo unico Pua approvato dal consiglio comunale, e con larga maggioranza, proprio per creare nuovi posti di lavoro nella speranza di coinvolgere anche il locale indotto artigianale e commerciale. Con la soddisfazione che le due grandi aziende, conosciute a livello mondiale, abbiano confermato il loro radicamento nel territorio con questo progetto di collaborazione industriale. Ciò non è scontato e per questo – ha concluso la Masotti – ci auguriamo che questa collaborazione sia fonte di nuovo sviluppo». Anche per il vicepresidente della Provincia «è confortante che due importanti e storiche realtà produtti-

ve locali, decidano di sviluppare insieme un nuovo insediamento per sostenere progetti di sviluppo. Ima impresa privata, e Sacmi che ha radici nell’esperienza cooperativa, sono entrambe eccellenze e riferimento nel loro settore sia in Italia che all’estero. Con questa scelta iniettano fiducia e ottimismo in un territorio che pur reggendo ha risentito della crisi, e in un momento difficile confermano che occorre guardare avanti e vedere oltre». «Questa collaborazione e questa iniziativa hanno un significato – ha ribadito Vacchi – e ci caratterizzano nel territorio con un’esperienza del tutto nuova, con una parità di intenti e di responsabilità, in un unico sito. Una scommessa nata nel 2011 che ha poi dato importanti risultati, ponendoci tra le prime al mondo nel settore del cioccolato, che pensiamo sia replicabile anche su altri settori. Un esperimento di successo, utile

www.vallisavenaidice.it

per fronteggiare la concorrenza sui mercati esteri, e ritengo che il fatto di realizzare un grande stabilimento gemellare, e una convivenza, possa dare i positivi risultati auspicati». Come ha confermato Mongardi «gli ultimi cinque anni sono stati duri per via della crisi ma abbiamo continuato a guardare al futuro facendo anche delle acquisizioni per garantire investimenti e posti di lavoro. Noi qui abbiamo un ricco indotto con artigiani molto bravi, di grande esperienza, e non è un caso che proprio qui lungo la via Emilia, si sia sviluppata la cosiddetta “packaging valley”. E in questo momento, mentre ci auguriamo che l’economia italiana riparta, è fondamentale localizzare nuove produzioni per rilanciare il nostro paese». Infatti la Sacmi – società imolese a capo di un gruppo internazionale di oltre 80 aziende per la realizzazione di soluzioni impiantistiche – in questi anni di crisi ha sviluppato la sua quota di export per oltre il 90% del fatturato e ha investito in ricerca e in sviluppo mantenendo la sua origino cooperativa con attenzione ai dipendenti e al territorio. Da parte sua l’Ima, quotata in borsa, con 25 stabilimenti sparsi per il mondo, comprese Cina e India, ha una fitta rete di agenzie commerciali e di assistenza che coprono una settantina di nazioni. Lo studio di progettazione No Gap Progetti, assieme ai dirigenti delle due società, ora sta affinando il progetto esecutivo con l’intenzione di poterlo appaltare entro l’autunno di quest’anno. Con lo stabilimento gemellato che, se tutto va bene, dovrebbe essere completato nel 2016 per dare posti di lavoro a giovani tecnici in meccanica e meccatronica. Giancarlo Fabbri


www.vallisavenaidice.it

Pagina 29


La pagina dei Lettori Il favoloso mondo di Dinny... Questa nuova rubrica è rivolta ai curiosi e ai giramondo, a chi viaggia davvero e a chi lo fa solo col cuore e con la fantasia.. L’autrice è una “grande viaggiatrice”. Ha visitato oltre 90 paesi del mondo, si è appuntata storie, curiosità e riflessioni. Ha scattato moltissime foto. Ora ha deciso di raccontare, su questo giornale, con parole e immagini, episodi che compongono un mosaico di luoghi, incontri, fatti e richiami alla storia. Spesso sono angoli di mondo, a volte più conosciuti, spesso sperduti e lontanissimi dal nostro “piccolo mondo quotidiano”...

Il nome di una località dell’Etiopia dove si svolse una cruenta battaglia è stato assimilato dal linguaggio comune

Perché Amba Aradam è diventato sinonimo di “casino”... Quei pochi che hanno un balcone che si affaccia a Roma su Largo Amba Aradam, vicino alle Terme di Caracalla, forse ignorano che ai tempi delle loro nonne era sinonimo di “casino“, parola che le loro pudiche orecchie non potevano udire La Senatrice Merlin ebbe la presunzione, io credo, di risolvere il problema della prostituzione con la sua famosa legge 75 del 1958… Ma recenti statistiche contano un 70% di Italiani (e fra questi contate anche me) favorevoli alla riapertura della “case chiuse “. Sostenuti, fra l’ altro, dal Sindacato delle interessate. Solo nel ‘’68 ebbi modo di vedere coi miei occhi cosa voleva dire “far marchette“: incorniciati in quadretti ricordo, tanti bei francobollini di vari colori, per tipologie di prestazioni . Mi nacque una felice intuizione, ma questa è un’ altra storia, di un altro viaggio : “ e la Prof. andò a Palazzo Madama”. Amba vuol dire monte, Aradam il suo nome. Troneggia piatto sugli smisurati altopiani dell’ Etiopia del Nord, dove nel febbraio del 1936 si svolse la più caotica fra le battagli combattute dagli Italiani. Un po’ per conquistarsi un Impero, un po’ per vendicare anche l’onta di Adua del 1896. Cantando “Bell’ Abissina ..”, i nostri Generali rinforzarono le truppe mescolando Alpini ed Ascari, che non solo non potevano capirli, ma di ora in ora si alleavano con chi, al momento, sembrava il più forte. Così, come per una parola era nato lo scisma della Chiesa di Ortodossia Etiope dei “ miafisiti“, dopo il Concilio di Calcedonia nel 451 d.C., così per una parola del trattato di Uccialli il testo Italiano non corrispon-

Nespresso Bukeela per provare. Il bestiame è più magro delle persone, miniasinelli trasportano di tutto, ma tutti trasportano fasci di tutto, per far fuoco, riscaldarsi e cucinare, quando le carestie lo Scorcio di uno degli impervi altipiani dell’Etiopia consentono . deva a quello amharico e fu la guer- Bellissimi paesaggi con spazi imra. Gli Italiani misero piede nel mensi, pensieri profondi, grande paese africano più ricco e più povero. Paese ricco per la sua storia che parte da Lucy, 3 milioni di anni fa, passa attraverso l’ incauta (o furba?) promessa di Re Salomone di dare alla Regina di Saba “quello che scritta con termini segue da pag. 1 lei avesse voluto“, e così nacque in burocratese Menelik, che si portò l’ Arca dell’ incomprensibili ai più. Poi ci sono Alleanza con le Tavole della Legge – gli appetiti dei cittadini stessi a rotte - date da Dio a Mosè, in Etiocomplicare le cose. Quando un pia... Ed il Patriarca Etiope nel 20sindaco taglia il nastro di una 09 ci ha ricordato che sono ancora nuova opera completata, tra i prelì e che lui le ha viste, per cui i senti c’è sempre qualcuno che “predatori dell’ Arca perduta“, fapensa “quei lavori volevo aggiudimosi per il film, sono però stati carmeli io, li ha avuti un altro che poco diligenti nella loro ricerca. sarà amico del sindaco”, anche se Paese poverissimo economicamenl’iter di gara è pubblicato, in piena te, non avendo mai sfruttato le sue “trasparenza”, sull’albo pretorio. risorse idriche: il Nilo Azzurro, eQuindi la “trasparenza” non può missario del lago Tana, l’Omo, etc. dipendere solo dall’onestà e dalLa speranza di vita dell’ etiope è di l’impegno dei sindaci, ma è legata 49 anni per malnutrizione ed un’ al senso etico dei cittadini, che agricoltura an-cora ai primordi. Qui spesso è più scarso di quello di chi si mastica un anfetaminico, il qat, ci amministra. Le invidie e gli egoibevendo buon caffè che noi europei smi di chi fa impresa, o esercita importiamo: prendere capsule di un’attività nel proprio comune, sono altrettanto forti delle smanie di potere di certi candidati. Di che si parla quando si parla di “trasparenza”? Si può parlare di “trasparenza” negli atti deliberativi? Solo un ingenuo potrebbe farlo. Le delibere non le scrivono i sindawww.facebook.com/vallisavenaidice.notiziario ci, del tutto impreparati a farlo, Notiziario mensile a distribuzione gratuita ma i segretari comunali, pagati R.O.C. 11542 -11/04/2003—Editore: Hemingway Sas (lautamente) per questo. Quando una delibera, prima di descrivere Direttore: Bruno Di Bernardo - Stampa: Litosei Srl la decisione presa, è preceduta da Chiuso in redazione il 13 aprile 2014 due pagine di rimandi a decreti poi Collaboratori: Dinny, Giancarlo Fabbri, Giada Pagani diventati leggi (con modifiche), che Mail del direttore: bruno.diber@gmail.com sono leggi statali e leggi regionali Tel. 0534.94472—335.7777604 che nessuno conosce e nessuno ha Diffusione: Monghidoro, Loiano, Monterenzio, il tempo di andarsi a leggere, dove Pianoro, San Lazzaro di Savena e Ozzano dell’Emilia va a finire la “trasparenza”? Chi Per la pubblicità: Piergiorgio Bonafè, 339.4233609 parla di trasparenza, quindi, o non sa di che cosa parla, o se lo sa prende in giro i suoi elettori. Ve-

Le promesse dei candidati sindaci? fumose, vaghe, generiche...

VALLI SAVENA IDICE

Pagina 30

compassione vedendo sguardi incredibilmente intensi. Una speranza: italiani, mai più morire per nulla , mai più macchiarsi dei crimini, efferatezze e nefandezze di Graziani e di Badoglio, a cui si riferì l’ Imperatore Hailé Salassié , parlando alla folla al suo rientro il 5 maggio 1941: “ Non ripagate il male con il male …State attenti a non guastare il buon nome dell’ Etiopia....”. Al centro del Cimitero su cui sventola il tricolore Italiano, vedo al tramonto un bimbo etiope: la vita che continua, nonostante i casini del passato, del presente e forse del futuro. Ma io chiedo a voi : “Un Amba Aradam, un casino, adesso come si dice ?” Dinny

www.vallisavenaidice.it

niamo ora al “merito” ed alla “competenza”. Se l’affidamento di un incarico o di un appalto è diretto, essi dipendono dalla discrezionalità di chi li affida. Se invece l’affidamento è fatto tramite gara, allora merito e competenza sono decisi dal capitolato, che si può sempre fare “su misura” perché qualcuno vinca. Dunque, anche in questo caso, “merito e competenza” sono concetti astratti e non verificabili. Non ci riescono le procure, figurarsi se possono farlo i cittadini… Ma allora di che cosa dovrebbero parlare i candidati nei loro programmi per non vendere “fumo”? Per prima cosa, dovrebbero partire dai problemi reali.. Manca l’asilo? Si dica se si può fare e come, oppure si dica che non lo si farà finchè non ci saranno i soldi. Manca un servizio di trasporto pubblico adeguato? Si spieghi che per istituirlo occorre pagare Tper, e che per averlo andranno sottratte risorse ad altri servizi. Si vuole migliorare la raccolta dei rifiuti? Si spieghi come e se questo comporterà un risparmio o un aumento dei costi. Si vuole migliorare lo stato delle strade e della viabilità? Si dica che senza risorse straordinarie della Regione e dello Stato non si potrà fare, e che tutti devono contribuire, tenendo puliti terreni e boschi privati. Ma nessun candidato usa simili argomenti: usarli presuppone una conoscenza dei problemi che non ha e non può avere. E molti elettori scelgono i sindaci non per le loro reali capacità, ma per la conoscenza diretta e per averne un tornaconto. bdb


www.vallisavenaidice.it

Pagina 31


www.vallisavenaidice.it


Valli savena idice n 8 aprile 2014