Page 1

DICITURA AUTORIZZATIVA: GIPA/CN/033/2011

A tutte le famiglie


tigym ttig igym ym

®

NUOVO CENTRO

2 EMBRE 201 DAL 3 SET T LDINELLI- OSIMO AL PAL ABA rsi ! iniziano i co

I CORSI

VANESSA

FERRARI

Ginnastica artistica Zumba fitness Ginnastica dolce Avviamento allo sport Danza e coreografia Trampolino elastico Sala pesi Parkour

Campionessa mondiale di ginnastica artistica , è la testimonial del nuovo centro sportivo Tigym

ISTRUTTO RI Istruttori FG & tips I e con

A . S. D GINNASTICA VICTORIA OSIMO

per il vostro

Annuale a partire da 295 euro

sigli training

INFO I & ISCRIZION t 100 38 5 2 347 .com info@tigym


IL PUNTO DEL SINDACO SIMONCINI

BILANCIO 2012: IlDALLA PARTE DI FAMIGLIE E IMPRESE Consiglio comunale che raggiunge il 9%. Amministrare una città di questi di mercoledì 27 giugno 2012 ha approvato il bilancio di previsione 2012. Uno dei più difficili da predisporre per via dell’IMU, il cui travagliato ed incerto iter d’approvazione da parte degli organi statali ha messo a dura prova la professionalità dei funzionari comunali cui va un riconosciuto grande grazie per l’impegnativo lavoro svolto e portato a compimento grazie alle riconosciute doti di professionalità e speciale dedizione. Occorre premettere che amministrare un Comune come Osimo in tempi di crisi quale l’occidente non vedeva dal ’29 con riflessi drammatici in ogni settore dell’economia reale, in tempi nei quali non passa settimana dove non giungano normative che impongono contrazioni alla spesa degli enti locali e sempre maggiori vincoli strozzanti per

l’attività istituzionale dei comuni, dove non passa giorno in cui non assistiamo a fallimenti o concordati preventivi di aziende che hanno determinato la messa in cassa integrazione di lavoratori e licenziamenti con una perdita, nell’ultimo anno, di 14.000 posti di lavoro e la disoccupazione

tempi non è come amministrarlo in tempi normali. Chi pensa di interpretare la carica amministrativa che ricopre in consiglio o in altro ruolo senza la consapevolezza del momento percepito e vissuto quotidianamente dal nostro tessuto socio-economico dimostra irresponsabilità o demagogia. Siamo contenti di aver dimostrato nel corso del dibattito consiliare che pure in queste condizioni generali, attraverso il confronto con la cittadinanza e la concertazione con le parti sociali si sia attuato un lavoro serio

e responsabile per formulare un bilancio sul piano della tassazione comunale equo e ragionevole.Non abbiamo tralasciato di approfondire le contro proposte della minoranza ed in particolare della capogruppo PD Paola Andreoni tanto sull’IMU che sull’addizionale IRPEF. Abbiamo dimostrato, senza polemica, ma con numeri alla mano, che con tali proposte gli osimani avrebbero complessivamente pagato un milione di euro in più. Siamo soddisfatti di essere riusciti a tenere le aliquote base per imprese e famiglie possessori di prima casa e di aver tenuto quella sulla seconda casa un punto in meno di tanti altri comuni e della proposta del PD. Siamo soddisfatti che ad Osimo si continui a non applicare alcune tasse locali quali l’imposta di soggiorno per favorire il turismo, la tassa sui passi carrai, l’imposta di scopo o l’IMU secondaria e che non si sono aumentate le tasse della pubblicità ferme al 2006 per non penalizzare principalmente il settore commerciale oggi duramente provato dalla crisi.


SOCIALE, SCUOLA e SPORT Mantenimento dei livelli quali-quantitativi che si incrementano con due progetti speciali che ci portano nuove risorse che nel complesso passano da 4.205.000 € a 4.958.000 € pari al 17% in presenza di un decremento dei contributi regionali di 93.000 € circa per l’assistenza all’handicap e altri tagli regionali minori. Fondo per abbattimento barriere architettoniche case private Fondo per la cremazione resti mortali Progetto HELP dell’ex Inpdap al sostegno delle fasce deboli della popolazione Progetto UNRA per inserimenti lavorativi di soggetti diversamente abili con tirocini Progetti per il sostegno alle non autosufficienze Aumento dei posti nidi a Colfiorito per 8 posti Convenzione per i pacchi famiglia alle persone in difficoltà Fondo di solidarietà per utenze morose di ASTEA Cofinanziamento Rete del Sollievo Inizio progetto di gestione casa alloggio “Dopo di me” Assistenza scolastica integrativa che ogni anno aumenta di stanziamento Progetto di recupero scolastico Aumento dei posti nidi a Colfiorito per 8 posti Convenzionamento ASSO per 35 nuovi posti nido a S. Sabino Convenzione con OIKOS per la casa famiglia “Non temere” Convenzione con la mensa sociale “L’accoglienza” Accordo con Asilo Muzio Gallo per sostegno delle famiglie per pagamento rette di 10 nuovi posti nido Convenzione con C.R.I. per taxi sanitario e farmaci a domicilio, mantenimento degli stanziamenti relativi all’istruzione pubblica ed un fondo per borse di studio a giovani per premiare tesi di laurea ai temi strategici dello sviluppo cittadino, riconferma di tutti gli incentivi per i servizi a domanda individuale dove applichiamo il 50% della variazione indice ISTAT: colonie e soggiorni stagionali, asili nido, corsi extra scolastici, impianti sportivi, mense scolastiche, musei, pinacoteche, gallerie, uso locali adibiti a riunioni non istituzionali e altri servizi (centri diurni, assistenza domiciliare persone in difficoltà, centri Aquilone ecc.)

MANTENIMENTO DEL PACCHETTO AGEVOLAZIONI PRO FAMIGLIE Mense per i nuclei familiari con presenza di due o più minori utenti del servizio di refezione scolastica: - abbattimento 20% per il primo figlio - abbattimento 50% per il secondo figlio; - abbattimento 100% per terzo figlio e successivi

SCOLABUS abbattimento dell’80% del costo della tariffa trasporto scolastico per ciascun utente, a condizione che l’alunno sia iscritto al plesso scolastico più vicino alla propria residenza in termini di viabilità.

QUOZIENTE OSIMO NIDI COMUNALI che garantisce un risparmio di 35 € mensili a seconda delle famiglie. SPORT Per la stagione agonistica 2011/2012 l’abbattimento delle tariffe delle palestre scolastiche del 70% alle associazioni sportive cittadine, compresi il Geodetico e il Palabellini. Sono stati altresì applicati degli aumenti, in favore delle associazioni sportive, sul corrispettivo annuo di gestione degli impianti sportivi per la stagione agonistica 2011/2012. Concessione dell’utilizzo gratuito del Palabaldinelli per lo svolgimento di manifestazioni sportive per i giovani con il progetto “Educa- ricrea sportivamente”

AMBIENTE Riduzione TIA media per famiglia del 2,5% e non applicazione dell’indice ISTAT al 3,2 per un totale di 5,7 %

di non aumento, ripartenza della gestione della casa CEA e dell’aula verde di via Capanne. Copertura di 1.323.000 € per l’emergenza neve del febbraio 2012 senza farlo gravare con nuove tasse e penalizzando i servizi. Convenzione per manutenzione parco Muzio Gallo finanziato dalla ASUR. L’attuazione del parco urbano di Osimo Stazione (è iniziato con la piantumazione di essenze arboree e siamo in attesa del contributo regionale finanziato da Autostrade per l’Italia)

SICUREZZA PUBBLICA Aumento di 2 unità di P.M. per potenziamento dell’organico ed incremento dei mezzi, specie per il loro contributo in occasioni di emergenza e pronto intervento, nonché per l’attuazione di progetti che aumentino la sicurezza di alcune zone del territorio. Fondo per chi realizza impianti di allarme sulle proprie abitazioni

REVISIONE DELLA SPESA STRUTTURALE Utenze impianti sportivi e scuole ridotte nella spesa con i progetti dell’IMOS per il fotovoltaico, rinegoziazione dei contratti di affitto delle locazioni comunali, studio di un progetto di revisione totale della telefonia comunale e enti collegati per l’aumento di servizi con minori costi per l’ente, progetti pilota per riduzione spesa di pubblica illuminazione e adesione al progetto votivA+ per l’uso di lampade a led nel cimitero maggiore.

OPERE PUBBLICHE Viabilità: manutenzioni straordinarie e miglioramenti da 2.250.000 € a 2.618.000 €, strada di bordo sulla Valmusone miglioramento delle condizioni antisismiche dell’edilizia scolastica (stiamo infatti vedendo quanto questo tema sia di primaria importanza nel nostro Paese). Previsione di una nuova scuola primaria a Campocavallo, a Casenuove e materna ad Osimo Stazione, ampliamento Foro Boario 2° stralcio, ulteriori investimenti per la Bruno da Osimo. Aumento del contributo derivante dagli oneri per recuperi di beni monumentali ecclesiastici.

SOSTEGNO ALLA TESSUTO PRODUTTIVO E ALLE IMPRESE Siamo fieri di essere l’unico Comune che aiuta le imprese in progetti d’innovazione e di rilancio con il bando “Ripartono le imprese, riparte la città” che nel 2011 ha premiato 9 attività, per nuovi avviamenti e che per il 2012 riprenderemo dando un segnale a coloro che ebbero i capannoni abbattuti dalla neve. 7


PROVIAMO A CAPIRE

speciale imu

Imposta Municipale unica “IMU”Anno 2012

A decorrere dal 1 Gennaio 2012 è istituita lʼimposta municipale propria “IMU”, in tutti i comuni delterritorio nazionale; L'imposta municipale propria “IMU” sostituisce, per la componente immobiliare, l'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati, e l'imposta comunale sugli immobili “ICI”. SI INFORMA che entro il 18 GIUGNO 2012 deve essere effettuato il versamento della prima rata dellʼimposta municipale unica (I.M.U.) dovuta per lʼanno dʼimposta 2012. Soggetti passivi: LʼIMU è dovuta da chi possiede immobili (fabbricati, terreni agricoli, terreni non coltivati ed aree fabbricabili) a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione (anche quello spettante al coniuge Superstite), enfiteusi o superficie sullʼimmobile, nonché dal locatario degli immobili concessi in locazione finanziaria. Lʼassegnazione della casa

coniugale al coniuge separato è considerata a titolo di diritto di abitazione. Nel caso di concessioni di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario. Non è dovuta quindi dal nudo proprietario, dal locatario, affittuario o comodatario, né dal coniuge separato non assegnatario della casa coniugale anche se proprietario. Come si determina il valore degli immobili ai fini IMU: Il valore degli immobili, da porre a base per il calcolo dellʼIMU, si determina nel modo che segue:

La spesa intelligente Via della Stazione,1 - Castelfidardo Via E. Fermi, 1 - San Biagio di Osimo Via Molino Basso, 2 - Osimo Orario Continuato dal lunedì al sabato 08.30-20.00 8


Aliquote per il versamento dellʼacconto stabilite dallo Stato:

Le aliquote sopra riportate sono da impiegare per il calcolo della rata di giugno e dellʼeventuale rata di settembre. Le aliquote definitive del tributo, da applicare per il calcolo dellʼimposta annuale per determinare il saldo del mese di dicembre, saranno definitivamente stabilite solo dopo il 10/12/2012, per effetto delle possibili modifiche decise dallo Stato e dal Comune, a norma dellʼart. 13, c. 12bis, D.L. 201/2011. Ai fini del tributo è abitazione principale il fabbricato iscritto o iscrivibile in catasto come unica unità immobiliare in cui il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Sono pertinenze le unità immobiliari esclusivamente classificate nelle categorie catastali C/2-C/6-C/7, nel limite massimo di una unità pertinenziale per

ciascuna delle categorie indicate, anche se iscritte in catasto unitamente allʼunità ad uso abitativo.L'unita' immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata, viene considerata direttamente adibita ad abitazione principale, e su tale fattispecie non si applica la riserva della quota erariale (Circolare MEF N. 3/DF del 18 maggio 2012). Detrazione: per lʼunità immobiliare adibita ad abitazione principale compete una detrazione di imposta di € 200, da rapportare al periodo dellʼanno durante il quale si protrae tale destinazione e da suddividere in parti uguali tra i soggetti passivi per i quali lʼunità immobiliare è abitazione principale. Compete inoltre una maggiorazione della detrazione di € 50 per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nellʼabitazione principale, fino ad un massimo di € 400. La detrazione e la maggiorazione spettano fino a concorrenza dellʼimposta dovuta sullʼabitazione principale e relative pertinenze Calcolo dellʼimposta: il calcolo dellʼimposta deve effettuarsi applicando alla base imponibile come sopra determinata lʼaliquota e lʼeventuale detrazione (nel caso di abitazione principale e pertinenze). Lʼimposta è dovuta in proporzione alla quota di possesso ed ai mesi dellʼanno nei quali si è protratto il possesso, considerando per intero il mese in cui il possesso si è protratto per almeno 15 giorni. Sullʼimposta dovuta per tutti gli immobili diversi dallʼabitazione principale e pertinenze e dai fabbricati rurali strumentali deve calcolarsi la quota statale, pari al 50% del tributo determinato applicando lʼaliquota statale di base (per ulteriori ipotesi di esclusione vedere art. 13, c. 10, D.L. 201/2011).

MODALITAʼ DI VERSAMENTO DELLʼIMPOSTA “IMU” 2012


L’IMPOSTA MUNICIPALE UNICA

Il calcolo dellʼimposta “IMU” per le RATE DI ACCONTO dovrà essere effettuato obbligatoriamente sullʼaliquota stabilita dallo Stato per: - ABITAZIONE PRINCIPALE E PERTINENZE: 0,40 per cento - FABBRICATI RURALI STRUMENTALI: 0,20 per cento - ALTRI IMMOBILI ED AREE FABBRICABILI: 0,76 per cento indipendentemente che il Comune abbia deliberato aliquote diverse o non le abbia deliberate. Entro il 17 dicembre dovrà poi essere effettuato il conguaglio sulla base dellʼaliquota definitivamente stabilita dal Comune – (È INDISPENSABILE QUINDI CONTROLLARE LA DELIBERA COMUNALE). Si ricorda infatti che, a norma dellʼart. 13, c. 12bis, D.L. 201/2011, lo Stato può entro il 10 dicembre 2012 rideterminare le aliquote, le relative variazioni e la detrazione per assicurare lʼammontare del gettito complessivo previsto per lʼanno 2012, mentre il Comune ha tempo fino al 30 settembre 2012 per approvare o modificare le aliquote, le detrazioni ed il Regolamento per lʼapplicazione dellʼImposta stessa Si precisa che solo per i fabbricati rurali iscritti al catasto terreni, da denunciare al catasto fabbricati entro il 30/11/2012, lʼimposta è versata in unʼunica soluzione entro il 17/12/2012. Pagamento: gli acconti IMU devono essere pagati esclusivamente a mezzo modello F24 (sezione IMU e altri tributi locali), presso qualsiasi sportello postale o bancario, mentre per il saldo potrà essere utilizzato anche un apposito bollettino postale, che dovrà essere approvato dallo Stato. Dovranno essere utilizzati i codici tributo sotto indicati. Il codice comune da indicare è G157. Nel versamento è necessario separare la quota comunale da quella statale. Lʼimporto da versare deve essere arrotondato allʼeuro inferiore o superiore. Non è dovuto il versamento se lʼimposta dovuta per lʼintero anno è inferiore a € 5,00.

Dichiarazione: I contribuenti sono tenuti a presentare la dichiarazione entro 90 giorni dalla data in cui ha avuto inizio il possesso degli immobili o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dellʼimposta, utilizzando il modello approvato con apposito decreto ministeriale. Per gli immobili per i quali lʼobbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, la dichiarazione deve essere presentata entro il 30/09/2012. Restano comunque valide le dichiarazioni presentate ai fini ICI “in quanto compatibili”. Per verificare le ipotesi in cui vi è lʼobbligo di presentazione della dichiarazione si invita a consultare il predetto decreto ministeriale, in via di emanazione. Si informa inoltre che sul sito internet del Comune di Osimo è pubblicata e consultabile la Circolare n. 3/DF del 18 maggio 2012 recante chiarimenti in merito allʼImposta Municipale Propria –IMU anticipazione sperimentale. Per maggiori informazioni: Comune di Osimo - Ufficio Tributi Via San Filippo, 6 60027 Osimo (An) tributi@.comune.osimo.an.it tributi1@.comune.osimo.an.it PEC: comune.osimo@emarche.it www.comune.osimo.an.it Tel. 071-7249234/249 Fax 071-7249310.

10

www.comune.osimo.an.it


BONDENO RICEVE LA TENSOSTRUTTURA

Il concittadino don Roberto Antonelli da alcuni anni presta il proprio servizio pastorale in due frazioni del Comune di Bondeno duramente colpito dalla recente ondata sismica che ha interessato l’Emilia Romagna. Bondeno, è una delle città più colpite, basti ricordare l’immagine apparsa nei giorni scorsi su tutti i telegiornali dell’abbattimento da parte dell’esercito di una ciminiera gravemente danneggiata. Il sindaco Stefano Simoncini si è attivato subito per aiutare la popolazione emiliana. Grazie all’impegno e alla fattiva collaborazione del Presidente del Consiglio Comunale Mirco Gallina, del presidente Coletta e di alcuni dipendenti della Geos Ma.ver., del Gruppo Volontari Radiamatori della Protezione Civile di Osimo coordinati dal signor Franco Maggi, della ditta Litargini di Ancona e della ditta Giuliodori srl di Osimo, si è concretizzata la prima fase dell’iniziativa di solidarietà “Aiutiamo Don Roberto”. I cittadini osimani potranno fare la loro donazione con la certezza che andrà tutto a buon fine perché lo stesso primo cittadino osimano andrà a consegnare personalmente il ricavato a don Roberto. Una delle due chiese in cui celebra la messa è stata danneggiata e dichiarata inagibile, identica situazione anche per quanto riguarda la scuola materna. Insomma a Bondeno la situazione è davvero critica così come in tutte le zone colpite dal terremoto. Ricordiamo che è ancora possibile effettuare donazioni attraverso il seguente conto corrente:

ASFALTATURA STRADE

AIUTIAMO DON ROBERTO

Il sindaco insieme a don Roberto, Gallina e Gasparoni

COMUNE DI OSIMO - AIUTIAMO DON ROBERTO Tesoreria Comunale Banca delle Marche Agenzia 1 di Via San Filippo Osimo. CODICE IBAN: IT94 Y 06055 37492 000000000382

Con la bella stagione prendono sempre più corpo i lavori sulle strade, in questi giorni si sta provvedendo al rifacimento della segnaletica stradale orizzontale. Inoltre ha ottenuto il placet della giunta il progetto preliminare di asfaltatura di alcune arterie danneggiate dalla neve per un totale di due lotti da 520 mila euro. I lavori di ripristino interesseranno via Marco Polo, via Mazzo, via Molino Mensa, via Petrarca, via Fontanele di Passatempo, via Abbadia, via dello Sport, via Vescovara, via Flaminia II e via Coppa. In alcuni casi si provvederà anche alla realizzazione dei fossi a bordo strada per scolo delle acque.

Domenica 17 giugno 2012 il montaggio della tensostruttura Gallina, Rebichini, De Noni, Gasparoni

11


GIOVANI E SCUOLA

BRUNO DA OSIMO: A SETTEMBRE PRONTA LA SCUOLA

Entro la fine di luglio termineranno i lavori di ristrutturazione della scuola primaria “Bruno da Osimo”. Saranno quindi rispettati i tempi previsti, a settembre tutti i ragazzi torneranno nelle loro aule e troveranno una scuola oltre che sicura totalmente rinnovata. La segreteria e la direzione dell'Istituto Comprensivo avranno a disposizione un intero piano ricavato all'ultimo piano dell'edificio. Nel momento in cui scriviamo è già stato montato l'ascensore, rifatta la pavimentazione, i soffitti e sono state tinteggiate le pareti con ogni piano caratterizzato da un colore dominante. Al piano terra sta per essere completata la palestra e la mensa. A giorni verranno messi tutti gli infissi, i sanitari e infine una bella pulizia generale prima di portare gli arredi. Come promesso il centro avrò la sua scuola, un vero gioiello che permetterà ai nostri ragazzi di crescere e formarsi in un ambiente ampio e confortevole dove si potrà dare sfogo a tutta la propria creatività.

CENTRI ESTIVI TRA COMPITI, SPORT E DIVERTIMENTO Come ogni anno, al termine della scuola, sono già aperti i centri estivi dell’Aquilone, gestiti dalla Asso e dedicati a tutti i ragazzi dai 6 ai 13 anni, mentre lunedì 25 giugno è partito il Centro Estivo al Malibù in collaborazione con la Volley Libertas, sempre per i bambini della scuola primaria (piu di 50 bambini iscritti). L’avvio dei centri estivi Aquilone è stato ottimo, con la presenza di circa 300 ragazzi iscritti, distribuiti su diverse strutture: San Sabino, Osimo Stazione, San Biagio, Passatempo, Fornace Fagioli, mentre per il mese di luglio saranno aperte due ulteriori strutture che ospiteranno i bambini della materna. Per i ragazzi sono previste attività a tema come “Alla scoperta del popolo INCA”, oltre a giochi vari, giornate in piscina e qualche ora dedicata ai compiti. Tutto coordinato dalla società Asso e dalle instancabili educatrici dei centri Aquilone.

IMPARIAMO MA… GIOCHIAMO: I BAMBINI TORNANO A PIAZZA NUOVA Domenica 12 Giugno i giardini di Piazza Nuova si sono trasformati in un luogo incantato per la rassegna “Impariamo, ma giochiamo”, promossa dall’Amministrazione, e curata dalla Biblioteca Comunale e dall’Associazione “Lilliput” in collaborazione con la Libreria “Il Mercante di storie”. Numerosi bambini hanno partecipato ai laboratori: preparando il pane con Emily di “Lilliput”, costruendo oggetti di legno con Luciano il falegname, o trasformando le vecchie scatole in qualcosa di nuovo con Tiziana, perché tutti gli oggetti, una volta esaurita la loro funzione, possono, con un po’ di fantasia, essere di nuovo utili o divertenti. Presso il centro Lilliput è entrata in funzione una succursale della Biblioteca Comunale e della Libreria “Il Mercante di storie” che hanno trasferito all’aperto parte dei loro libri. La mattinata è stata vivacizzata dal saggio di musica del Liceo Musicale “A. TOSCANINI” e dai balli di una volta con lo spettacolo “Il cielo in una danza”. Nel pomeriggio invece i visitatori hanno potuto seguire il percorso sensoriale – tattile della scuola di Bruno Munari, divertirsi con le macchine gonfiabili degli ”Specchi sonori” e assistere alle esibizioni di Marco Bertarini.

Il CORRIDONI-CAMPANA SI DA’ ALLA SCIENZA

Sabato 12 maggio l’Istituto d’Istruzione Superiore “Corridoni-Campana”, in collaborazione con il Comune di Osimo, ha organizzato in piazza Boccolino la manifestazione finale del Progetto P.O.F. “La Fiera della Scienza”. Alcuni studenti, coadiuvati dai professori Daniela Bianchini, Raniero Colonnelli, Francesca Maria Foresi e Attilio Rossi, hanno realizzato e illustrato semplici esperimenti di Biologia, Chimica e Fisica coinvolgendo bambini e adulti pronti a scoprire la bellezza della scienza e degli esperimenti. 12


GIOVANI E SCUOLA

AGNESE MARINELLI HA VINTO LAUREATI CON AVIS

Ogni donatore di sangue è un eroe. E' lo slogan della Giornata mondiale del donatore di sangue indetta per il 14 giugno dall’Organizzaz i o n e mondiale della sanità. La celebrazione è insieme un modo per ringraziare tutti i volontari che con questo gesto salvano delle vite umane e un’occasione per sensibilizzare alla donazione in un periodo dell’anno, quello estivo, in cui se ne registra spesso un calo. Per celebrare al meglio questa particolare ricorrenza l’Avis comunale di Osimo ha organizzato, presso la sala giunta del comune, la cerimonia di premiazione del concorso “Laureati con Avis” che prevede l’assegnazione di un premio in denaro del valore di 1.000 euro ad un donatore, o figlio di donatore, laureato nel corso dell'anno accademico 2010-2011. Tra i partecipanti ha ricevuto l’ambito riconoscimento dalle mani della presidente Francesca Pietrucci e del sindaco Stefano Simoncini la dottoressa Agnese Marinelli, ispettrice al Commissariato di Polizia di Osimo, che ha recentemente conseguito la laurea in psicologia presso l’Università dell’Aquila. “Sono particolarmente felice di aver ricevuto questo premio – ha esordito la plurilaureta dottoressa – il primo ringraziamento va all’Avis e alla mia famiglia che mi ha permesso di conseguire questo importante attestato”. Il presidente dell’Avis Francesca Pietrucci ha sottolineato il profondo rapporto di collaborazione instaurato tra l’Avis ed il Comune di Osimo sin dal 2006. La sezione senza testa comunque continua ad impegnarsi per promuovere la donazione. “Attraverso numerose attività di sensibilizzazione nelle scuole e con le associazioni locali siamo riusciti a proporci ad Osimo come centro di promozione e di valorizzazione della cultura della solidarietà – ha aggiunto il presidente – ma occorre proseguire con impegno nell’affiliazione dei giovani donatori, una risorsa alla quale va rivolta una particolare attenzione. Ad Agnese e a tutti i nostri donatori laureati va il più sentito ringraziamento per il loro impegno così come a tutti i volontari che non mancano mai di compiere questo importante gesto di solidarietà. Le malattie e la necessità di sangue non vanno mai in ferie.

Comune e Astea Energia istituiscono un fondo di solidarietà a sostegno delle famiglie morose sulle utenze di energia e gas

Il 23 giugno, presso il Comune di Osimo, si è svolto lʼincontro, voluto dal Consigliere Regionale Dino Latini per lʼistituzione di un Fondo di solidarietà a sostegno delle famiglie morose nelle utenze di energia e gas. Si tratta di un contributo a fondo perduto per i soggetti privi di occupazione o che comunque vivono con un reddito al di sotto della soglia di povertà. La proposta elaborata di concerto tra lʼAmministrazione Comunale, lʼamministratore delegato di Astea Energia Monica Bordoni, le associazioni di volontariato, la Croce Rossa e la diocesi, tenta di far fronte ad un quadro sociale che mostra disagi crescenti in fasce sempre più ampie di popolazione, mentre si registra difficolta da parte dei Comuni nel rispondere da soli in maniera efficace ai bisogni dei cittadini, sopratutto alla luce dei pesanti tagli del governo. Il Comune di Osimo inoltre metterà a disposizione ulteriori 50 mila euro proprio per dare una riposta ancora più incisiva. “Il Fondo di solidarietà che lʼAstea ha deciso di stanziare per lʼemergenza economica – dichiara lʼamministratore – lo considero un investimento doveroso sul futuro della comunità e una semplice distribuzione di risorse senza alcun assistenzialismo. Osimo partirà come progetto pilota, poi sarà esteso a tutti i comuni soci”.

L’IPSIA ED I MESTIERI ARTIGIANALI Sensibilizzare i giovani che si affacciano al mondo del

lavoro sulle potenzialità dei mestieri artigianali e le azioni promosse dal ministero del Lavoro e dalla sua agenzia tecnica "Italia Lavoro" in questo settore. L'Ipsia di Osimo, venerdì 4 maggio ha ospitato un incontro con gli studenti delle ultime classi degli istituti tecnici della città e di Castelfidardo. Ai ragazzi sono state illustrate le opportunità del Programma Amva, lanciato dal ministero, e il bando per la creazione di "botteghe di mestiere" in ciascuna provincia italiana.

Via Parini, 10 San Biagio di Osimo - Tel. 071.7108244

13


Osimo ed Armstrong nel segno delle radici CONCORSO LA RACCOLTA DELLE MEMORIE

CAMELOT

Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Ventesimo secolo l’Argentina rappresentò per molti marchigiani la terra promessa, una landa sterminata dove mettere radici e trovare fortuna. Ancora oggi molti giovani argentini portano nomi italiani perché il nonno era un emigrante. Per rimarcare questo legame così profondo tra i due Paesi, il Comune di Osimo in collaborazione con la Regione ha promosso il concorso a premi “La raccolta delle memorie”, 100 anni di storia cittadina sul tema dell’emigrazione osimana in Argentina e nel mondo. Il concorso rientra nell’ambito degli scambi sociali e culturali tra le comunità giovanili di Osimo e della città di Armstrong, con la quale il comune senzatesta è gemellato. L’obiettivo è di mantenere vivi i legami tra le due comunità fornendo ai giovani l’occasione di riscoprire e recuperare le rispettive tradizioni. Al concorso hanno partecipato studenti frequentanti le scuole osimane, in forma singola o gruppo-classe, studenti universitari residenti in Osimo, giovani e adolescenti di età compresa tra i 14-25

anni residenti ad Osimo, associazioni e centri di aggregazione giovanile, giovani o gruppi di giovani di Osimo e di Armstrong con progetti realizzati congiuntamente, studenti residenti nella Città di Armstrong. Gli elaborati sono stati raccolte di testimonianze, fotografie, corrispondenze e studi sul tema dell’emigrazione marchigiana. La cerimonia di premiazione si è svolta nella gremita sala del consiglio comunale di Osimo. Tanta emozione sul volto dei partecipanti che in alcuni casi, proprio grazie al concorso, hanno scoperto di avere dei parenti in Argentina.Il primo premio di 1.000 euro è andato alla classe 3° A di Osimo Stazione dell’Istituto Comprensivo Bruno da Osimo che ha presentato un cortometraggio con racconti, interviste e foto sull’emigrazione osimana nel mondo. Secondo premio invece per i fratelli Alice e Leonardo Graciotti che hanno realizzato una pubblicazione dal titolo “Dagli Appennini alle Ande”. Il giovane laureando Stefano Dubbini si è interessato in particolare dell’emigrazione di una famiglia osimana che

gli è valsa il terzo premio da 400 euro. Infine si sono classificati al quarto posto Eleonora Bonifazi, Salvatore Pagano, Chiara Montefusco ed Eleonora Viscardi, per loro il premio da 250 euro. Il giovane Argentino Matteo Leonardi è stato premiato fuori concorso non avendo parenti osimani, ma originari di Treia, per lui un premio da 250 euro. Particolarmente soddisfatte le assessori Francesca Triscari, ai servizi sociali, e Gilberta Giacchetti, alla Pubblica Istruzione, che hanno promosso il concorso con l’intento di inculcare nelle giovani generazioni l’importanza delle proprie radici e sviluppare la cultura dell’integrazione. Il compagno di classe o l’amico proveniente da un Paese straniero si trova a vivere in Italia per la maggior parte dei casi per le stesse ragioni per cui i “nostri” parenti erano andati in Argentina. “La cultura del rispetto e della solidarietà - ha dichiarato nel suo intervento il sindaco Stefano Simoncini - sta alla base di qualsiasi società democratica e civile”.

Dalle tue parti, dalla tua parte

www.filottrano.bcc.it

14


Premio alla memoria Cesaretti - Fantasia - Quattrini

In occasione della festività del 2 giugno il consigliere regionale Dino Latini, in collaborazione con il Circolo Culturale +76, ha organizzato un concorso rivolto agli istituti comprensivi della città di Osimo per ricordare tre personaggi che hanno dato lustro al Comune senzatesta: Paolo Cesaretti, il vigile del fuoco che perse la vita alcuni anni fa durante lo spegnimento di un incendio di vaste proporzioni, Pio Francesco Fantasia funzionario, vice segretario comunale ad Osimo e successivamente dirigente al Comune di Ancona e Mario Quattrini perito agrario responsabile della Sadam di Jesi e instancabile animatore di numerose iniziative culturali. Tre i temi proposti, per il premio Cesaretti “Un atto di eroismo”, per quello intitolato a Pio Francesco Fantasia “Intervista ad un personaggio famoso”, Fantasia infatti all’impegno professionale affiancò un’interessante attività giornalistica intervistando nomi di primo piano del nostro Paese. “La terra ed i suoi sapori” invece è stato il tema del premio Quat-

trini. In totale sono pervenuti ben 54 elaborati che hanno visto impegnate diverse classi. La signora Loredana Olivucci, in rappresentanza della famiglia Latini, ha sottolineato quanto sia importante ricordare chi nella propria vita ha compiuto un atto eroico o si è distinto nella professione o per il particolare attivismo a favore della propria città. “Il coinvolgimento delle giovani generazioni - ha aggiunto serve per gettare nel “nostro futuro” il seme della lealtà, della correttezza, dello spirito di servizio e dell’onestà in modo che possa germogliare in maniera rigoglioso. La scelta del 2 giugno, festa della Repubblica, non è stata quindi casuale, perché si può onorare il proprio Paese seguendo questi fondamentali principi alla base del benessere di ogni comunità”. Il Premio Paolo Cesaretti è andato a Roberto Luchetta della classe 5° di Passatempo dell’Istituto Comprensivo F.lli Trillini, Christian Mauri della 4° tempo pieno dell’I.C. “Bruno da Osimo” si è aggiudicato il premio “Pio Francesco Fantasia”, mentre la classe 3°C

“La nascita di un cittadino da anni viene accompagnata da un gesto, simbolo di vita per il nuovo arrivato e per il territorio: la piantumazione di un albero“ ha dichiarato il sindaco Stefano Simoncini rivolgendosi ai genitori dei nati nel 2011 alla cerimonia di piantumazione di un albero per ciascun neonato, come dispone la legge per sensibilizzare sulla necessità di salvaguardare il territorio. Quest’anno è stato scelto il parco “Chico Mendes” di Osimo Stazione. Per l’occasione sono stati piantati “simbolicamente” un pero e due tigli, ma nei prossimi giorni si provvederà ad arricchire la vegetazione dell’intera zona , tenendo conto che i nati del 2011 sono stati ben 357. Alla cerimonia alla quale ha preso parte anche l’assessore all’ambiente San-

dro Antonelli hanno partecipato numerose famiglie che hanno ricevuto in dono dall’Amministrazione Comunale una mini bandana ed una pergamena personalizzata. “L’iniziativa – ha ricordato l’assessore Antonelli – ha lo scopo di ampliare il verde pubblico e creare una maggiore coscienza ambientalista nelle nuove generazioni. Salvaguardare la natura ed il verde è importante per la crescita sociale e civile della collettività”. “Fra pochi giorni - ha aggiunto il primo cittadino – verranno piantati altri alberi nel parco di Osimo Stazione sulla base del progetto stipulato con la Società Autostrade come opera di compensazione per l’ampliamento della terza corsia dell’A14. Inoltre altri arbusti saranno piantati nel parco giochi adiacente lo stadio Santilli”.

Un albero per ogni nato

della scuola primaria “Marta Russo” ha ottenuto il premio Mario Quattrini. Commosse le famiglie dei tre personaggi ricordati attraverso il concorso promosso dal consigliere Latini. “Mio padre –ha ricordato il figlio di Mario Quattrini – ha tracciato un sentiero che ho potuto ripercorrere grazie alla passione per il mondo agrario che mi ha trasmesso”. “Pio Francesco – ha sottolineato la moglie Rita – amava tantissimo il suo lavoro, svolgeva l’attività di dirigente e funzionario in modo scrupoloso cercando sempre di coinvolgere i propri colleghi”. Il Comandante del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Osimo Mario Paoloni ha ricordato Paolo Cesaretti come un esempio di impegno e partecipazione “era un uomo che sapeva fare squadra e aveva l’istinto innato di aiutare gli altri”. Il sindaco di Osimo Stefano Simoncini, a conclusione della cerimonia, ha invitato i bambini presenti a prendere ad esempio questi tre illustri concittadini e a dare sempre il massimo per raggiungere i propri sogni.

Ad Osimo il premio Comuni ricicloni 2012 I comuni della Provincia di Ancona con i migliori risultati di raccolta differenziata per l’anno 2011 sono stati premiati il 14 giuno, durante la cerimonia organizzata a Monsano in piazza Mazzini. Il Premio Comuni Ricicloni per la Regione Marche promosso da Legambiente Marche, Regione Marche – Assessorato all’Ambiente e Arpam rappresenta un importante riconoscimento a quei comuni che si sono mostrati particolarmente virtuosi e si sono distinti per le buone pratiche di raccolta differenziata e recupero dei rifiuti. Osimo si è classificato tra i primi sei comuni che hanno raggiunto il 60% di raccolta differenziata e più precisamente al quarto posto. Come emerso in questi ultimi giorni la città ha dimostrato una particolare sensibilità per quanto riguarda la raccolta ed il rispetto dell’ambiente. Se si continuerà su questa strada ai vantaggi economici per l’utenza (riduzione Tia del 2,5%) si aggiungeranno anche quelli relativi alla qualità della vita. 15


SEGNALI PREOCCUPANTI PER LA SANITA’ DELLA VALMUSONE, OCCORRONO RISPOSTE ED INTERVENTI CERTI SANITÀ

Piero Ciccarelli Dir. Asur Marche

Il 26 giugno si è riunito presso il Comune di Senigallia il tavolo di coordinamento dei sindaci dell’Area Vasta 2. Per il Comune di Osimo ha partecipato l’assessore alla sanità Gilberta Giacchetti, su delega del sindaco Stefano Simoncini. Presenti anche i rappresentanti dei Comuni di Ancona, Jesi, Senigallia e Fabriano, nonché i vertici sanitari dell’Asur Marche con il direttore Piero Ciccarelli e dell’Area Vasta 2 con il direttore Maurizio Bevilacqua. Per la Regione Marche invece hanno partecipato l’assessore alla sanità Almerino Mezzolani, il direttore del dipartimento salute Carmine Ruta ed il presidente della V° Commissione sanità Francesco Comi. L’incontro è servito per fare il punto sulla riorganizzazione del sistema sanitario marchigiano alla luce del Nuovo Piano Socio Sanitario 2012-2014. In particolar modo le istituzioni locali hanno chiesto un maggior coinvolgimento nella realizzazione del piano che interesserà anche le strutture sanitarie e amministrative dell’Area Vasta 2. I sindaci hanno presentato le criticità che interessano i servizi del loro territorio. Non sono arrivate particolari rassicurazioni nemmeno per quanto riguarda il nostro Comune. L’assessore Giacchetti ha ribadito la pesante situazione in cui versa il S.S. Benvenuto e Rocco che è sempre più in agonia, nonostante il grande impegno di tutto il personale. Il protocollo d’intesa firmato nell’Ottobre del 2009 è tale solo sulla carta, tutte le promesse fatte non sono state ancora mantenute, un atteggiamento non proprio rispettoso nei confronti

Carmine Ruta

Dir. Salute Reg. Marche

Ottobre 2009 - firma protocollo d'intesa tra Regione Marche e comuni di Osimo e Loreto

del bacino della Valmusone che conta oltre 100 mila abitanti. Sulla salute dei cittadini non si può continuare a tergiversare come se fosse un problema secondario. Inoltre non si capisce ancora come sarà strutturato il nuovo ospedale di Rete-Inrca che sorgerà nei prossimi anni all’Aspio di Camerano. La nuova struttura sanitaria dovrà garantire anche le acuzie e post acuzie, invece è ormai chiaro che sarà al servizio dell’Agenzia Nazionale della Terza Età con conseguenti pesanti ricadute per il territorio. Senza nulla togliere all’Inrca, che rappresenta un’importante eccellenza per tutta la regione, non va sottovalutata l’offerta dei servizi che deve essere garantita al bacino a sud del capoluogo. Il direttore Carmine Ruta tra l’altro nel suo intervento ha parlato esclusivamente di Inrca come se l’ospedale di rete fosse una semplice appendice. Un segnale preoccupante che non può e non deve essere sottovalutato. Il Comune di Osimo chiede e pretende gli interventi necessari affinché sia rispettato il protocollo d’intesa del 2009. Il sindaco pochi giorni fa ha inviato un telegramma ai vertici sanitari per chiedere spiegazioni in merito ai ventilati ritardi per l’ampliamento del pronto soccorso, altro motivo di preoccupazione per la comunità osimana che si sente sempre più presa in giro su un argomento così delicato come quello sanitario. Comunque a breve ci sarà un nuovo incontro per l’istituzione della conferenza provinciale dei sindaci in cui verrà discussa in maniera ancor più dettagliata la riorganizzazione dell’Area Vasta 2.

16

Maurizio Bevilacqua, Dir. Area Vasta 2

LATINI e PIERONI hanno incontrato i Sindaci Venerdi 22 giugno i consiglieri regionali Dino Latini e Moreno Pieroni hanno convocato un incontro, presso la sala giunta del Comune di Loreto, con tutti i sindaci della Valmusone (Osimo, Loreto, Camerano, Offagna , Castelfidardo, Sirolo, Numana), per discutere sulla nuova riorganizzazione ospedaliera, oggi fortemente penalizzata dai continui tagli delle risorse della sanità con un conseguente impoverimento dei servizi sanitari a disposizione del cittadino. Si rischia infatti di compromettere seriamente il diritto alla salute di ogniuno di noi.


INAUGURATA LA CASA FAMIGLIA PER MINORI “NON TEMERE” Una nuova struttura per i minori con disagio sociale, handicap e privi di riferimenti familiari da 0 a 6 anni. La casa famiglia “Non temere”, è stata inaugurata ad Osimo sabato 5 maggio. La struttura si trova in via Flaminia 1, n.26, adiacente la Cooperativa Sociale Roller House. Al taglio del nastro erano presenti S.E. mons. Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo, il sindaco Stefano Simoncini, gli assessori alla sanità Gilberta Giacchetti e all’ambiente Sandro Antonelli, il consigliere regionale Dino Latini, l’assessore ai servizi sociali di Castelfidardo Riccardo Memè, il presidente della BCC di Filottrano Luciano Saraceni e numerosi esponenti del mondo socio-assistenziale della Valmusone. “È il coronamento di tutti gli sforzi fatti dalla famiglia di Angelo Marcantognini che con sua moglie Donatella Catena si è impegnato per anni nel raggiungimento di questo obiettivo. A loro deve andare il nostro ringraziamento – hanno sottolineato mons. Menichelli ed il primo cittadino di Osimo – perché la città da oggi potrà contare su un’importante struttura di sostegno ai minori in difficoltà”. “Oggigiorno si guarda troppo al pil e allo spread e poco invece a quei valori fondamentali come la solida-

La famiglia Marcantognini

rietà. Non è la ricchezza materiale che fa l’uomo, ma azioni come quelle promosse dalla famiglia Marcantognini che trova la serenità nell’aiutare il prossimo. Fino a non molto tempo fa – ha aggiunto l’arcivescovo – ci si accontentava di quel poco che si aveva, ora invece non è più così, si punta soltanto ad accumulare ed in questo modo si perdono di vista tutti quegli elementi che sono necessari per la propria crescita umana e spirituale”. All’inaugurazione hanno partecipato decine di persone, molte delle quali hanno supportato in questi anni l’attività della Cooperativa Sociale Roller House e la realizzazione della stessa casa famiglia “Non temere”. La struttura, di circa 150 mq, è moderna e

accogliente: con un’ampia zona soggiorno, una stanza per i bambini più piccoli con due culle, un’altra con tre lettini, più le stanze per la famiglia Marcantognini ed i loro due figli. Il progetto è frutto di anni di impegno da parte del capofamiglia che ha potuto contare sul sostegno di diversi attori: dal consigliere Latini al sindaco Simoncini, il Comune di Osimo per il progetto ha concesso un finanziamento di circa 15 mila euro annui, fino alla Banca di Credito Cooperativo di Filottrano che ha garantito credito agevolato attraverso il pacchetto Ethical Banking con cui viene raccolto risparmio a condizioni favorevoli in modo da finanziare (allo stesso tasso) esclusivamente progetti etici che investono nel campo del sociale. In questa avventura la famiglia Marcantognini ha potuto contare sul forte sostegno di S.E. mons. Claudio Giuliodori, vescovo di Macerata, che nel pomeriggio ha celebrato la santa messa e dato il via al momento conviviale con l’esibizione dei gruppi musicali Gomma Gommas, degli Amici dello Zio Pecos e The Poker. Quando una famiglia si allarga ulteriormente infatti è sempre motivo di grande festa per tutta la comunità.

Il Cons. Regionale Dino Latini, il Pres. BCC Filottrano Luciano Saraceni, il Sindaco Stefano Simoncini e don Quirino Capitani

COMODATO D’USO GRATUITO PER IL POLIAMBULATORIO DI VILLA E ACQUISTO MACCHINA COLONSCOPIA VIRTUALE PER L’OSPEDALE

LʼAmministrazione Comunale ha rinnovato il contratto di comodato dʼuso gratuito al poliambulatorio di Villa che rappresenta un punto di riferimento per tanti pazienti osimani delle frazioni ad ovest della città, ai quali viene offerto un eccellente servizio di assistenza sanitaria. Inoltre il sindaco Simoncini è ben lieto di annunciare lʼacquisto da parte del Comune di Osimo del macchinario per la colonscopia virtuale tramite tac che è stata messa a disposizione dellʼospedale S.S. Benvenuto e Rocco. Dopo aver stanziato nei mesi scorsi 60 mila euro, verrà erogata la seconda tranche di investimento pari a 40 mila euro. 17


LAVORI

STRADA BORDO, AMPLIAMENTO PRONTO SOCCORSO, RECUPERO EX CONSORZIO E SOLARIZZAZIONE EDIFICI PUBBLICI

Il nuovo complesso che sorgerĂ al posto del ex consorzio

Nel Consiglio Comunale del 23 maggio sono state prese decisioni importanti che mirano a migliorare la qualitĂ della vita e dei servizi offerti alla cittadinanza. A breve partiranno i lavori di ampliamento del pronto soccorso dell’ospedale S.S. Benvenuto e Rocco. E’ infatti arrivato il via libera della Soprintendenza per i Beni Architettonici delle Marche al progetto presentato dall’Asur. La sala gialla ha autorizzato il permesso per costruire in deroga, mentre la stessa azienda sanitaria unica finanzierĂ  l’intervento il cui costo è di circa 180 mila euro. I lavori prevedono un ampliamento di 140 mq attraverso la realizzazione di una struttura prefabbricata che verrò installata nel parcheggio attualmente riservato ai medici. Verranno ricavate due stanze per la degenza dei pazienti, alcuni locali per il personale medico ed infermieristico e un deposito. Un altro punto importante, che è stato discusso dal consiglio, ha riguardato le fonti rinnovabili. La Imos restituirĂ  l’area di via Molino Mensa (vicino al campo sportivo Santilli) per consentire al Comune di realizzarci la nuova sede del Centro Aquilone. In cambio alla societĂ  partecipata è stato concesso il diritto di superfice sulle scuole primarie “Arcobalenoâ€? di San Biagio e “Maria Teresa di Calcuttaâ€? di Osimo Stazione, e sul circolo Junior Tennis di via Vescovara per l’installazione di impianti fotovoltaici che garantiranno l’autonomia energetica dei tre edifici pubblici e un importante risparmio economico. La nuova

sede del Centro Aquilone invece sarà pronta entro settembre. Altro punto affrontato dall’aula ha riguardato la revoca del piano di recupero dell’ex Consorzio Agrario che verrà demolito per far posto ad un centro direzionale con uffici, negozi, attività artigiane ed un piccolo supermarket. L’opera non comporterà stravolgimenti per quanto riguarda la viabilità, è previsto infatti un parcheggio sotterraneo a tre piani mentre la viabilità in-

terna alla struttura sarà a senso unico con l’entrata nei pressi della rotatoria di via Molino Mensa e l’uscita in quella di via Ungheria. Infine si sta concretizzando sempre di piÚ la strada di bordo, il progetto con cui si intende dare una svolta alla viabilità cittadina. Su proposta della giunta comunale è stata approvata la convenzione tra il Comune di Osimo e La Lega del Filo d’Oro per la realizzazione di un tratto della strada di bordo che va dalla rotatoria di via Montefanese fino all’imbocco della Linguetta. L’accordo rientra nell’ormai prossima realizzazione della nuova sede dell’ente benefico osimano. Il tratto di strada in oggetto rappresenta un’opera fondamentale anche per il cantiere della nuova sede. I lavori partiranno quasi sicuramente entro l’estate, non appena verrà completato l’iter burocratico dei permessi che devono essere rilasciati dal Comune.

                   !  """       # $   

18

% &'&   (  % ' )    *) * (  % ++  % ++ )  &  , -- ,  *. ++ &  / )  '&  +++  (  & &0

)+  ( & # & ' &  1  &  (+ &  2 ) - &0 2 )-- -  -  1 )-  -  -0  (&  3   ) & 

)&


AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO PARCO VERDENERGIA: ECCO L’AREA GIOCHI E LA PISTA CICLABILE

Il Gruppo Astea ha inaugurato all’interno del proprio parco a Campocavallo nuove aree attrezzate. Ad un anno dall’inaugurazione del Parco VerdEnergia, nella zona adiacente l’acquedotto di via Cagiata, l’azienda ha ora allestito anche l’area con dei giochi per bambini ed una pista ciclabile.

IL COMUNE DI OSIMO ADERISCE AL PROGETTO “votivA+”

Sebbene i tempi non siano più da considerarsi tanto favorevoli – complici la crisi, il drastico ridimensionamento dei finanziamenti pubblici e il ginepraio normativo nazionale – il fotovoltaico comincia a dare qualche risultato in provincia, e la promozione dell’Italia come “Paese del sole” ha contribuito ad incrementare la produzione di energia rinnovabile anche ad Osimo. Tra le ultime iniziative per il risparmio energetico a cui ha aderito il Comune di Osimo vale la pena ricordare il progetto votivA+ che prevede la sostituzione gratuita delle tradizionali lampade votive ad incandescenza con le nuove lampade elettroniche a LED. Con un assorbimento di soli 0,20 watt, le lampade elettroniche a LED, omaggiate all’interno del progetto votivA+, permettono alle strutture cimiteriali coinvolte di risparmiare oltre il 90% dei consumi e, di conseguenza, dei costi connessi all’illuminazione cimiteriale, senza che sia necessario effettuare alcun tipo di intervento sugli impianti preesistenti. Basta solo svitare dal proprio alloggiamento la vecchia lampada ad incandescenza ed avvitare al suo posto la lampada elettronica a LED. La gratuità dell’iniziativa è resa possibile grazie al programma d’incentivazione nazionale per l’incremento dell’efficienza energetica negli usi finali dell’energia, attuato in seguito all’entrata in vigore dei D.M. del 20/07/2004.

ANCHE OSIMO PARTECIPA AL BANDO “IL SOLE A SCUOLA” Il Comune di Osimo punta sul fotovoltaico. Ha presentato, infatti, richiesta di adesione al progetto “Il sole a scuola”, bando promosso dal ministero dell’Ambiente per il finanziamento di impianti fotovoltaici negli edifici scolastici. L’accordo è stato sottoscritto dagli Istituti Comprensivi “F.lli Trillini” e “Caio Giulio Cesare”. La richiesta di accesso ai contributi prevedeva infatti la presentazione di documentazione dettagliata ed era altresì richiesto un accordo nel quale Amministrazione Comunale e gli istituti scolastici si impegnavano a promuovere presso la scuola un progetto per la razionalizzazione dei consumi e il risparmio energetico con il coinvolgimento degli studenti. Il bando, che è rivolto ai Comuni e alla Province che siano proprietari di edifici ospitanti scuole medie inferiori o superiori ed elementari, rappresenta un concreto esempio di promozione e diffusione delle fonti di energia pulita nel nostro Paese, educando al tempo stesso i più giovani all’uso sostenibile dell’energia, in quanto scelta virtuosa. “Il contributo concesso dal Ministero dell’Ambiente è pari al 100% del costo ammissibile con un limite massimo di 40 mila euro per edificio scolastico, non essendo previsto alcun onere a carico dell’ente locale - ha dichiarato l’assessore alle energie rinnovabili Sandro Antonelli - abbiamo selezionato questi edifici per le loro caratteristiche e perché il costo dell’impianto può rientrare nello stanziamento massimo erogato. in questo modo, qualora gli interventi fossero finanziati, avremmo la grande opportunità di promuovere comportamenti virtuosi nei confronti degli studenti, di realizzare impianti all’avanguardia per il

risparmio energetico e di non gravare sul bilancio comunale. Sappiamo che le adesioni al progetto sono state numerose su scala nazionale, ma attendiamo fiduciosi l’esito del bando convinti della bontà delle nostre proposte”.

FRINGUELLI MAURO

Via Striscioni 91 - Osimo Tel. 071 7103386 - Cel. 335 7201681 Fax. 071 7203001 info@fringuelli.net

19

OSIMO - Via C. Colombo, 118 - Tel. 071.7133102


AUXIMUM MMXII la grande storia di L’anno scorso l’edizione numero zero dell’”Antica Roma ad Osimo”, ha fatto registrare un grande successo di pubblico. Tantissime persone si sono riversate in centro per visitare la XIII legione romana in piazza Boccolino o per assistere ad alcune rappresentazioni dei momenti più salienti della vita nel castrum, dalle marce lungo corso Mazzini alla consegna delle chiavi a Cesare da parte del sindaco Stefano Simoncini, accompagnato da tutta la giunta comunale rigorosamente vestita come gli antichi romani. Il centro ritornò ad essere il cuore pulsante della città con soddisfazione anche da parte degli stessi commercianti, le vendite infatti andarono benissimo tanto che non c’era più nemmeno un posto libero nei locali. Quest’anno per la prima edizione non solo ha ripetuto il successo del 2011, ma ha raddoppiato i numeri offrendo al pubblico un programma ancor più ricco ed interessante con tantissime novità a partire dalla presenza di Radiouno Rai con il conduttore e storico Umberto Broccoli. Mentre il conduttore della seguitissima trasmissione di Raidue “Voyager” Roberto Giacobbo, intervistato dal Prof. Livio Zerbini, ha intrattenuto i tantissimi osimani presenti in piazza duomo per ripercorrere la storia di Roma e capire, come recita il titolo del suo ultimo libro, “Da dove veniamo?”. Ogni angolo della città ha rivissuto i fasti di un tempo ed è stato valorizzato dall’intera manifestazione che si è snodata da piazza del Duomo fino a piazza Dante, con piazza del Comune e piazza Boccolino che sono stati il cuore pulsante delle tre giornate di “feste romane”. La città di Osimo vanta un'importante tradizione romana ancor oggi testimoniata dalle opere che sono state realizzate in varie epoche. Raggiunse il suo massimo splendore proprio negli ultimi anni della repubblica e durante l’età imperiale. Caratterizzare queste importantissime radici con un evento che sia allo stesso tempo rievocativo, didattico, culturale e ludico è l'obiettivo che viene portato avanti dall’Amministrazione Comunale ed è alla base dell’evento ”Auximum MMXII”. Venerdì 1 giugno si è svolta l’apertura ufficiale con il Saluto all'Aquila e l’apertura del mercato dell'Antica Roma con stand di espositori provenienti da tutta Italia. Nel pomeriggio il prof. Broccoli ha registrato in diretta dal Teatro La Nuova Fenice la trasmissione radiofonica "Con parole mie". All’imbrunire, le 19.00 circa, è stato riproposto il corteo e la rievocazione dell’arrivo di Cesare a Osimo, con la consegna delle tre chiavi della Città, e dello scontro tra le truppe di Cesare e di Azio Varo lungo via Matteotti e Piazza Dante. Sono state coinvolte diverse asso20

ciazioni osimane tra cui l’Accademia d'Arte Lirica che ha proposto nell’atrio comunale lo spettacolo: "Eroi, guerrieri, Imperatori: Roma antica nell'opera". Sabato 2 giugno sempre al Teatro La Nuova Fenice, è andata in onda in diretta la trasmissione “In Europa” di e con Umberto Broccoli e Tiziana Di Simone. A seguire si è svolto “Incontro con l’autore”, con Umberto Broccoli che ha risposto alle domande del pubblico ricordando tra l’altro un volto storico della Rai: Beatrice Cori, l’annunciatrice osimana che ci ha lasciato troppo presto per una brutta malattia. Durante tutta la giornata: vita da campo, esercitazioni, sfilate, danze, mercato dell'Antica Roma con stand di espositori, dipinti e corso di pittura "Pompeiana", set fotografico "Una giornata da romano", laboratorio ceramica e fabbricazione lucerne, giochi per bambini, itinerario archeologico, trekking urbano nelle grotte non ancora aperte al pubblico (Gallo, Galliani) e tanto altro ancora. Mentre in serata la grande storia raccontata da Roberto Giacobbo. .Domenica 3 giugno non sono mancati gli spettacoli della “Familia Gladiatoria Pannonica”, mentre in serata, in piazza Duomo, in collaborazione con Popsophia, si è svolto il “Processo a Cesare”, con Valerio Spigarelli, presidente delle Camere Penali ed il filosofo Giulio Gorello “La festa dei romani è stata una bella idea, che abbiamo deciso di portare avanti e di arricchire ulteriormente – ha dichiarato il sindaco Stefano Simoncini - nel 2011 è stata una prova generale, alcune cose sono state migliorate, ma in compenso abbiamo gettato delle buone basi per dar vita ad un altro grande evento”.

Photo di Paolo Pesaresi e Bruno Severini


un successo


FOCUS

SIMONCINI A ROMA ALLA GIORNATA PER EMANUELA ORLANDI

Il Comune di Osimo ha aderito alla “Giornata di mobilitazione per la verità e la giustizia in Italia”, organizzata dalla famiglia Orlandi con l’obiettivo di abbattere definitivamente quel Pietro Orlandi con il Sindaco Simoncini muro di omertà e silenzi che finora ha negato la verità sia su Emanuela sia su tanti altri casi di giustizia incompiuta. Emanuela Orlandi, cittadina vaticana e figlia di un commesso della Prefettura Casa Pontificia aveva 15 anni quando, il 22 giugno del 1983, sparì in circostanze misteriose. La manifestazione si è tenuta a Roma domenica 27 maggio: dal Campidoglio è partita una marcia che si è conclusa in piazza San Pietro, in occasione dell’Angelus. Pietro Orlandi è stato ospite della città di Osimo il 14 ottobre dello scorso anno per lanciare la petizione popolare al Papa per la verità su Emanuela. Ancora oggi, tramite internet è possibile aderire inviando una mail con i dati personali all’indirizzo: petizione.emanuela@libero.it Osimo in quell’occasione ha dimostrato una grande sensibilità, con molti concittadini pronti a firmare

il foglio (ancora bianco) delle petizioni; e tale sensibilità l’ha riconfermata anche con la partecipazione alla giornata di mobilitazione romana per sostenere la famiglia Orlandi e chiedere che venga abbattuto il muro di silenzio che è stato costruito attorno al caso di Emanuela.

OSIMO STAZIONE SI RITROVA CON DUE PASSI ALL’ ARIA APERTA

La terza edizione di ‘Due passi all’aria’, la manifestazione ideata dal consiglio di quartiere di Osimo Stazione Abbadia e dal Comune di Osimo, conferma il suo successo. La Statale 16, che taglia in due il nucleo abitato della frazione, domenica 27 maggio è stata chiusa alle auto (deviate sulla Direttissima del Conero) fino alle 22.30. Un pomeriggio ecologico senza Pm10, dedicato alle famiglie e ai giovani che anche quest’anno hanno potuto passeggiare e ascoltare musica di vario genere, lontano dai rumori del traffico. Diversi gli eventi organizzati per l’occasione: una mostra fotografica, l’esposizione di auto d’epoca, il mercatino dell’usato, possibilità di andare a cavallo, angolo con musica bavarese, concerto dei Malox. “Due passi all’aria è stata pensata proprio per valorizzare quest’aerea e trasformarla almeno per una giornata in una “piazza” dove ci si incontra e si possono fare tante attività” spiega l’assessore Gilberta Giacchetti che con tutta la giunta, il sindaco Stefano Simoncini e il consigliere regionale Dino Latini ed il presidente di quartiere Pietro Gazzella, ha visitato gli stand e si è intrattenuta a parlare con la gente.

22

LAVORAZIONI FERRO ACCIAIO ALLUMINIO STRUTTURE ARCHITETTONICHE STRUTTURE PER GAZEBI E TETTINI PER PORTONI CANCELLI SCORREVOLI E A BATTENTE BALAUSTRE PER BALCONI E SCALE INFERRIATE PER FINESTRE SCALE INTERNE ED ESTERNE RECINZIONI IN GRIGLIATO

Via A. Segni, 1 Osimo (An) Tel. 071.7133475

www.comune.osimo.an.it


APERTO IL BANDO DEL PROGETTO H.E.L.P. SOCIALE

dardo, Loreto, Numana, Offagna, Osimo e Sirolo. Con H.E.L.P. si vuole sostenere le famiglie nella cura della persona anziana semi/non autosufficiente attraverso lʼimplementazione sinergica di attività informative, di voucher assistenziali, di interventi di home telecare, di assistenza domiciliare per lʼ aiuto nella cura e nellʼigiene personale dellʼassistito, di interventi di family learning, trasporto sociale e residenzialità diurna temporanea e di sollievo. In questi giorni è stato pubblicato il bando a valere sulla Convenzione tra il Comune di Osimo, Capofila dellʼA.T.S. N. 13, e INPS ex gestione INPDAP Direzione Regionale Marche proprio per lʼattivazione di progetti innovativi e sperimentali di assistenza domiciliare- Home Care Premium 2011.

Lo scorso primo marzo, presso la sala del consiglio comunale, era stato presentato il progetto H.E.L.P. - “Helping Elderly in Long Perspective, promosso dallʼAmbito Territoriale n. XIII e finanziato dallʼINPDAP. Si tratta di un progetto innovativo che rientra nellʼambito delle iniziative di Home Care Premium 2011 rivolte ai “Progetti innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare”. Beneficiari delle prestazioni assistenziali saranno i soggetti adulti dipendenti pubblici e pensionati INPDAP, i loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado residenti nei comuni di Camerano, Castelfi-

23

MODALITAʼ DI EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI Le istanze saranno prese in carico secondo lʼordine cronologico di arrivo allʼUfficio Protocollo del Comune di Osimo – Capofila dellʼ A.T.S. 13 e sulla base delle effettive risorse finanziarie.


“SAN FRANCESCO E LA PECORELLA DI OSIMO” EVENTI

Sabato 5 maggio sala Bocchetti gremita e pubblico attento e partecipe per la presentazione a San Giuseppe da Copertino dell’ultima fatica letteraria di padre Giancarlo Mandolini, per lunghi anni parroco della Misericordia. Il titolo del libro è “San Francesco e la pecorella di Osimo”, un libro tutto da leggere che ripropone un episodio sconosciuto della vita del Santo e alla base della nascita del francescanesimo nella nostra città. Una storia che racconta di una pecorella acquistata da San Francesco per toglierla da un gregge “di molte capre e sozzi becchi”. Passando per San Severino Marche, nel suo viaggio di ritorno ad Assisi, il Santo decise di affidare la pecora alla cura di “alcune pie donne di quella città” che più avanti fecero una tonaca, con la lana dell’animale e la mandarono a Francesco ad Assisi. Attraverso questa semplice storia, il lettore compie anche un viaggio interiore che lo porta alla riscoperta di quei valori semplici che sono alla base di quella serenità tanto ricercata in quest’ultimo periodo. L’opera di padre Mandolini ci permette di conoscere meglio la grande testimonianza del Serafico padre Francesco e di apprezzarne il messaggio, particolarmente attuale anche al giorno d’oggi. La città di Osimo continua dunque a confermarsi sempre più come un punto di riferimento per il mondo della letteratura. Soprattutto negli ultimi anni, grazie a diverse associazioni cittadine, sono state promosse letture interessanti ed incontri con gli autori.

5.000 FEDELI AL PALABALDINELLI PER MEDJUGORJE

Una grande festa delle fede, quella che si è celebrata il 25 aprile al Palabaldinelli di Villa: un ricco programma di preghiera che si è articolato dalle 9 alle 20 per i quasi 5000 fedeli accorsi al raduno annuale della comunità ‘Regina della Pace’ ispirata dalla Madonna di Medjugorje. La manifestazione è tornata nel palas osimano dopo la parentesi anconetana dell’anno scorso al Palarossini. La mattinata è partita con la recitazione del Rosario meditato da padre Ljubo Kurtovic e l’adorazione eucaristica. Poi è stata raccontata la testimonianza di Madre Rosaria dei Figli del Divino Amore e quindi il palas gremito in ogni ordine di posti ha ascoltato la catechesi di padre Ljubo. A mezzogiorno l’Angelus. A seguire, nel pomeriggo, il clou del meeting religioso. Si è ripartiti con il saluto del sindaco di Osimo Stefano Simoncini e alle 14.15 con la coroncina alla Divina Misericordia. Alle 15 si è avvicinato al microfono il professore Alessandro Fo per raccontare la sua esperienza. Dopo la catechesi di padre Ljubo, alle 17 è arrivato il momento più atteso con la testimonianza di Mirjana Dragicevic, una dei sei veggenti che il 25 giugno 1981 vide e parlò con la Vergine.

Nuova Panda tua da 8.900 €

NUOVO SLANCIO ALLA CONSULTA DELLA CULTURA

Ad Osimo c’è ancora voglia di migliorare tante cose e c’è la ferma volontà di fare cultura. Per questo la “Consulta della Cultura”, con il forte impulso dell’assessore Ginnetti, si è rimboccata le maniche, ha dato il via ad un nuovo progetto ed è più che mai determinata a svolgere il proprio ruolo. Il neoeletto Presidente Fabio Pierpaoli, succeduto al prof. Pasquale Romagnoli dimessosi per ragioni familiari, è ottimista, ha le idee chiare e promette di puntare in alto. Infatti, il nuovo progetto conta di mettere finalmente in rete tutte le realtà artistiche e culturali osimane e di portarle ad una collaborazione crescente. Gli obiettivi sono concreti e precisi: aumentare le occasioni di incontro, promuovere il confronto e ottenere una collaborazione globale e soprattutto: aiutare le Associazioni a continuare il proprio operato. Verranno coinvolti artisti, associazioni, atleti, attori, ballerini, band, cantanti, compagnie, comici, d.j., insegnanti, musicisti, pittori, poeti, scultori, etc. mirando a dare la giusta visibilità, anche agl’ultimi arrivati o alle attività più piccole. I presupposti ci sono tutti, basta solo agire.Tutte le realtà note ,verranno contattate per esporre le proprie problematiche e per essere coinvolte. Chiunque si occupi di aspetti culturali, si affretti a prendere contatti con il presidente Pierpaoli. Questi sono i suoi recapiti: 335.7079834 – giochiditeatro@yahoo.it Durante l’ultima riunione sono stati discussi altri temi importanti come la crisi generale dei finanziamenti alla cultura, le problematiche economiche legate ai contratti di affitto e spese di gestione delle Associazioni, la situazione dell’ Istituto Campana e quella del Complesso Bandistico Città di Osimo.

con:

Sedili riconfigurabili, 14 vani portaoggetti Nuovi motori Twinair e Multijet II, Start&Stop Blue&Me, TomTom Live2, Dualdrive

E in più la nuova offerta finanziaria ti permette di avere fino a 3 anni di assoluta sicurezza aggiungendo ai 2 anni di garanzia contrattuale 1 anno di estensione di garanzia, senza limiti chilometrici e con zero franchigie.

24

Tel. 071.7108052 - Via dʼAncona 67 Osimo


5torri

5torri

ASSEMBLEA LEGISLATIVA MARCHE

GIOVANI E SCUOLA DINO LATINI IN CONSIGLIO REGIONALE

Le priorità dei problemi

Oggi i problemi veri dei marchigiani sono quelli dell’occupazioni, del credito e della tenuta del sociale. Le beghe politiche sono molto lontane dai loro interessi. Ridurre tasse e burocrazia è necessario per ridare un minimo di competitività e per sostenere il mercato interno. Proporre un sistema diverso di accesso e di tutela del credito per contenere la soglia di povertà che oggi tocca livelli allarmanti conconseguenti problemi sociali.

Una proposta di legge per la regolamentazione degli impianti di biomasse

La mia proposta di legge su una più forte e incisiva regolamentazione degli impianti biomasse vuole sollecitare la Regione Marche a intervenire al più presto per mettere ordine nel settore, prima che i contrasti esplodano, mettendo in secondo piano l’aspetto funzionale della produzione delle energie rinnovabili, senza però impattare ambiente, territorio e comunità di persone.

Alluvione marzo : arrivano i primi fondi

Come ho annunciato nei giorni scorsi, da Governo arriveranno circa 25 milioni di euro per il risarcimento dell’alluvione del marzo 2011. Si tratta di un passo importante che unito ai 4–5 milioni di euro derivanti dall’accisa sulla benzina, consentirà di mettere insieme una cifra utile a lenire le spese sostenute dalle parti pubbliche e private per riparare i danni subiti, soprattutto nel fermano e nel maceratese.

Sì al fondo di garanzia per le utenze delle famiglie in difficoltà economica La costituzione del Fondo di Garanzia sociale per aiutare le famiglie a pagare le utenze di base come acqua luce e gas dovrebbe essere un obbiettivo immediato da realizzare a livello di Ambito dei Comuni di Ancona Sud e dovrebbe vedere la partecipazione delle aziende dei servizi interessati, dei Comuni, delle associazioni no profit e di volontariato e soprattutto dei privati. A questi ultimi - se partecipano - bisogna garantire detrazioni fiscali. Muoversi in questa direzione sarebbe fondamentale per l’omogeneità del Distretto e dell’intero Ambito.

Esodati: conti sbagliati

I conti clamorosamente sbagliati sul numero degli esodati sono la dimostrazione del fatto che nessuno è infallibile e anche un tecnico può dar prova di non aver ben chiara la situazione. Soprattutto di non tener conto della realtà dei fatti.

25

il nuovo

Trovare una alternativa alla banche

ASSEMBLEA LEGISLATIVA MARCHE

Bisogna ormai cominciare a pensare a un sistema sostitutivo delle banche. Si tratta di una utopia ma è anche un obbiettivo da definire, perché vi è ormai un rifiuto forte da parte delle nostre comunità a i l finanziario n u o v o incomessere incasellate nell’ambito di un massacro prensibile e inconcepibile, che distrugge sempre di più la loro vita.

Sanità Marche: La riduzione delle spese si deve ottenere con la razionalizzazione dei servizi Pur riconoscendo la necessità di una revisione dell’organizzazione sanitaria marchigiana, ho molto dubbi sulla razionalizzazione che si è in procinto di realizzare. Infatti, si rischia di creare, a fronte di indubbie eccellenze specialistiche, molti buchi di offerta sanitaria ospedaliera di base, che accanto alle già evidenti carenze in tema di approccio delle richieste (Centro unici prenotazione: molte persone hanno estreme difficoltà e il servizio ancora non regge), attivazione degli strumenti di sanità di base (case della salute, centro poliambulatori) e riduzione di particolari categorie di personale, avranno l’effetto di produrre molte insoddisfazioni e contestazioni da parte degli assistiti. Tutto ciò in un momento in cui è già molto alta la tensione nella nostra comunità, come in quella nazionale. L’invito è dunque quello di ricercare una riduzione di spesa che punti sul controllo dei compiti affidati a tutti coloro che lavorano nel servizio sanitario regionale (pena precise sanzioni), sulla verifica della distribuzione e dell’utilizzo dei farmaci, sulla dismissione dei doppioni sanitari, amministrativi e tecnici. Prima di chiudere un reparto, un servizio, un nosocomio, controllerei i relativi soggetti addetti alle prestazioni. La chiusura di ospedali, la riduzione di posti letto e quella di servizi, senza una adeguata e immediata alternativa di prestazione sanitaria distrettuale, porterà ad una forte diminuzione del livello di qualità delle erogazioni assistenziali e a notevoli ripercussioni negative per tutta la popolazione interessata.

Stop al finanziamento di partiti morti da anni: la Regione promuova una proposta di legge

In un clima cupo come quello del 1992 è stata votata l’autorizzazione all’arresto del senatore Lusi (su cui molti sollevano dubbi per questioni di principio). La notizia su cui dibattere non è quanto eventualmente compiuto da Lusi ma il fatto che per anni abbiamo - e stiamo tutt’ora - finanziando partiti morti e sepolti che non servono più in alcun modo a ciò per cui erano nati. Le colpe sono da imputare a coloro che per anni hanno taciuto sulla esistenza perversa di questo sistema - tesoriere onesto o disonesto che fosse – e a coloro che hanno aggravato il già malconcio Paese di un altro peso gratuito e veramente di casta. Non vi è infatti nessuno tra gli esponenti politici che ora si ergono a censori, ad avere detto in tempi non sospetti che il finanziamento a partiti morti da anni fosse ingiusto. Di fronte a tutto ciò, la Regione Marche dovrebbe essere promotrice di una legge di iniziativa popolare che tagli il finanziamento ai partiti, sospendano dalla vita politica coloro che tacciono di fronte alle manchevolezze del sistema politico.

Interventi per combattere la povertà ed il disagio sociale attraverso la redistribuzione delle eccedenze alimentari

La Regione Marche, nell'ambito delle politiche di solidarietà sociale, promuove e valorizza l'attività svolta per il recupero delle eccedenze alimentari e per la loro distribuzione a soggetti che assistono persone indigenti e che versano in stato di grave disagio sociale.

www.comune.osimo.an.it


GRANDE SUCCESSO PER IL CAMPIONATO ITALIANO DI BOCCE SENIOR

Si è concluso con una grande partecipazione di pubblico il Campionato Italiano di Bocce Senior che si è svolto nella nostra città sabato 26 e domenica 27 maggio. 1.074 atleti provenienti da ogni parte d’Italia si sono sfidati nella specialità raffa terna, individuale e coppia delle quattro categorie A,B,C,D. La fase eliminatoria si è tenuta nelle 27 bocciofile della provincia tra cui le tre osimane di Sacra Famiglia, Casenuove ed Osimo Stazione ed il Palabaldinelli che è stato il teatro della finalissima. Sul podio individuale di A, come la scorsa stagione, è salito un atleta veronese della Bardolino. Questa volta è toccato ad Andrea Mazzoni che in finale ha superato per 12-2 il perugino Giovanni Ferragina della Gialletti. Nelle coppie hanno svettato Roberto Signorini e Andrea Rotundo della Montecatini Avis di Pistoia ed in terna il titolo è volato a Frosinone per merito di Luca Casinelli, Leonardo Iaconelli e Giuseppe Mercurio della Capitino. Ma nella due giorni osimana, dove sono stati assegnati i primi titoli italiani 2012 della raffa, hanno visto meritarsi gli applausi anche gli individualisti, le coppie e le terne delle categorie B, C e D, una parata di campioni che ha dato spettacolo nello stupendo Palasport stracolmo in ogni ordine di posti. Alla manifestazione ha partecipato il presidente federale Romolo Rizzoli che si è complimentato con il sindaco Stefano Simoncini, l’assessore allo sport Sandro Antonelli e gli stessi organizzatori, in primis il presidente provinciale della Fib Gregorio Gregori, per la bravura organizzativa. “Sono particolarmente soddisfatto di aver ospitato una delle più rilevanti competizioni nazionali. I più grandi interpreti di questa disciplina si sono dati appuntamento ad Osimo per conquistare la vittoria in questa che è considerata “la gara che

Al centro il Pres. Naz.le Romolo Rizzoli

vale una carriera – ha dichiarato il sindaco Stefano Simoncini - La maglia tricolore è, infatti, un traguardo ambito e sognato da ogni atleta. Un successo del quale si andrà sempre fieri ed orgogliosi e che entra nei ricordi indelebili di ogni giocatore. Per due giorni, Osimo con tutti i bocciodromi della provincia di Ancona, è diventata un enorme palcoscenico delle bocce. Tantissimi nostri concittadini e non solo hanno potuto godere della bellezza di questo sport sia da un punto di vista tecnico che agonistico. Le bocce sono l’unica disciplina in cui i nonni possono giocare e confrontarsi con i nipoti. Uno sport antico che fa parte della nostra tradizione e che viene portato avanti con grande impegno e passione dal comitato marchigiano. Al presidente del comitato organizzatore Gregorio Gregori e a tutti i suoi collaboratori, che hanno realizzato una così imponente macchina organizzativa pronta ad accogliere con calore l’esercito di atleti, appassionati e tifosi che sono coinvolti in ogni Campionato Italiano, va il mio più sentito ringraziamento. Grande certamente sarà stato l’impegno e il lavoro che hanno profuso per rendere, a tutti i partecipanti e presenti, questa due giorni uno splendido momento di cultura e sport. Come Amministrazione abbiamo creduto fortemente in questo appuntamento, la pratica sportiva, soprattutto 26

in periodi di criticità come quello che stiamo vivendo, rappresenta un elemento positivo non soltanto per i benefici che apporta a livello fisico, ma anche per i valori e i messaggi che trasmette. La socializzazione, il rispetto dell’avversario e la voglia di migliorarsi sempre sono degli elementi che non dovrebbero mancare mai nella vita di tutti i giorni”. L’Assessore allo sport Sandro Antonelli, durante la cerimonia di premiazione, ha ricordato che “Osimo vanta una grande tradizione in questo sport, come non ricordare il memorial Antonella Gatti che si svolge ogni anno nella bocciofila della Sacra Famiglia o i numerosi tornei che vengono organizzati nelle altre strutture situate nelle frazioni di Casenuove ed Osimo Stazione. La nostra città oltre ad esprimere numerosi tesserati è legato a questo sport con un doppio filo grazie al connubio che si è instaurato ormai diversi anni tra la federazione marchigiana e la Lega del Filo d’Oro . Lo spettacolo di grande sport regalato dalla due giorni interamente ripresa dalle telecamere di Raisport e dalle testate regionali è stato un bellissimo biglietto da visita per il nostro PalaBaldinelli che continua ad ospitare eventi di grande richiamo e prestigio”.


Quando la notte diventa un successo NOTTI OSIMANE

SidLab Studio Indagini Diagnostiche Laboratorio Prove Materiali da Costruzione

Aut. del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 10796 del 16/12/2010

via Montefanese, 13 - 60027 Osimo (An)

Il tuo laboratorio per: Prove materiali da costruzione Prove sugli edifici esistenti Prove per la vulnerabilitĂ sismica degli edifici Prove speciali Consulenze

tel. e fax 071.7133445 - info@sidlab.it - www.sidlab.it


DALLA SALA GIALLA

La parola al Presidente del Consiglio Mirco Gallina

UN IMPORTANTE SEGNALE DI RIPRESA Alcune settimane fà e più precisamente il 23 maggio scorso, il Consiglio

Comunale è stato chiamato a dibattere su quattro punti estremamente importanti per lo sviluppo e il futuro della nostra Città. L’ampliamento del pronto soccorso del SS. Benvenuto e Rocco, opera che si aspettava da tempo per dare la giusta decenza ad un pronto soccorso che da troppo tempo deve operare in condizioni limite sia per i pazienti che per gli operatori. L’approvazione dello schema di convenzione per la realizzazione in località Padiglione di Osimo della nuova sede della “Lega del Filo d’Oro” i cui lavori inizieranno probabilmente a settembre e avranno termine entro il 2014. Il Progetto preliminare/definitivo del tratto di “strada di bordo” compreso tra Via Montefanese (attuale rotatoria di ingresso del Centro commerciale “Le Coccinelle”) e il fiume Musone (Ex Cotto e Biscotto), realizzazione che vedrà beneficiari oltre che gli abitanti della frazione Padiglione, i quali avranno by-passato il traffico sulla direttrice Ancona - Macerata dalle loro abitazioni lungo Via Montefanese, anche le stesse operazioni di cantiere necessarie alla realizzazione della nuova sede della “Lega del Filo d’Oro” potranno svolgersi su una via di accesso sicuramente più ampia e comoda dell’attuale Via Linguetta. Quarto ma assolutamente non ultimo per interesse, la revoca della delibera di Consiglio Comunale del 07.05.2008, avente per oggetto il “Piano di recupero Urbano dell’Ex- Consorzio Agrario, sito tra Via Monefanese e Via Ungheria, che permetterà alla proprietà, ai sensi della nuova normativa sul “Piano casa” un intervento di demolizione e ristrutturazione che nel rispetto del protocollo”Itaca” rispetterà anche i parametri di ECOSOSTENIBILITÀ. Tale operazione vedrà finalmente recuperata una importante area centrale e attualmente in degrado della nostra Città oltre che vedere realizzato un ampio parcheggio sia privato che pubblico e un nuovo centro direzionale,Commerciale e di Artigianato, andrà a rivedere migliorando l’attuale viabilità sia veicolare che pedonale, con una importante attenzione soprattutto al servizio dei plessi scolastici presenti nelle vicinanze. Con piena soddisfazione e convinzione sottolineo questi importanti atti assunti dal Consiglio Comunale che ritengo possano essere il punto di partenza di un nuovo periodo di rinascita delle attività nella nostra Città, sperando che possa concretamente attivare nuova linfa e possibilità di lavoro alle imprese. L’attività dell’ Amministrazione Comunale che negli ultimi tempi ha dovuto segnare il passo condizionata oltre che dalla crisi dalle norme di ristrettezza finanziaria imposte dal Governo Statale, deve ritornare a sostenere e ridare fiducia alle aziende del nostro territorio, consapevoli che nei momenti di crisi sono le idee e i progetti che fanno da catalizzatore per la ripresa e la fiducia nel domani, dove il lavoro, la famiglia e i servizi devono essere i binari sui quali far correre il nostro impegno.

MASSIMO IMPEGNO PER LE SOCIETÀ PARTECIPATE Cari lettori, sono passati alcuni mesi dall’ultimo mio articolo e le cose non sembrano cambiate, anzi direi peggiorate. La crisi ci sta portando a scenari molto crudi e impegnativi per tutte le amministrazioni comunali, ma questo non deve giustificare lo stare fermi su tutti i fronti. Personalmente un grande risultato lo possiamo ottenere collaborando con tutte le amministrazioni comunali confinanti e non, in questo modo miglioreremo la qualità dei servizi offerti. Con il nuovo ordinamento nazionale le società partecipate vengono semplificate per diminuire i costi di gestione. Ad Osimo, secondo gli uffici centrali( ma i dati non sono ancora attendibili) verranno unificate per costituirne almeno due. Tutto ciò ha creato molto malumore nei dipendeni e nei cittadini osimani, anche se le direttive vengono dal governo centrale. E’ per questo che si sono “perlomeno” aperti nuovi orizzonti, come quello di espletare manzioni anche in territori non osimani e ci permettera’ di mantenere le unita’ operative stabili se non nelle migliori ipotesi con un aumento di dipendenti. I benefici potrebbero essere molteplici: da quello occupazionale per il territorio partecipante, alla qualità dei servizi.

Marco Riderelli

Emanuele Carpera

AVXIMVM MMXII E LE “EMERGENZE SOCIALI” Passate le Feste Romane e stilato un primo bilancio, che nelle sue linee si può definire più che positivo, vengono naturali alcune considerazioni, soprattutto per valutare costi e benefici di quello che, a conti fatti, assume più i connotati di un modesto investimento culturale e di promozione civica, che quelli di una spesa tanto per mangiare, bere e far “cagiara”. Siamo nell’ordine di poche decine di migliaia di euro complessive per una tre giorni di eventi e spettacoli di alto spessore e che difficilmente ritroviamo in Italia. Qualcuno, vuoi per l’austerity del periodo storico, vuoi per quel perbenismo postumo, ha voluto criticare il costo di questo evento, adducendo che ci sono “emergenze sociali” da affrontare e che la cultura può anche aspettare. Rispettabile opinione. Bisognerebbe intanto mettersi d’accordo su cosa ognuno di noi intende per “Cultura”, considerandola chi scrive nel senso più alto del termine: cioè quel mezzo di ausilio indispensabile a rispondere a quelle famose domande del “chi siamo, da dove veniamo e dove stiamo andando”. Fatto questo, confrontare se la società odierna, con la sua “crisi che l’attanaglia” abbia risposto almeno al primo e più importante dei quesiti di cui sopra, perché, se ancora non l’ha fatto, forse la causa della crisi risiede proprio lì: se non sai chi sei, non puoi sapere né da dove vieni e nemmeno dove stai andando. Allora la domanda sorge spontanea: e se la mancanza di Cultura fosse una “emergenza sociale”?, E se non fosse una delle tante, ma proprio la prima delle “emergenze sociali”, essendo queste solo effetti di quella causa?Lasciando la risposta alla sensibilità individuale di ognuno, rimangono, per concludere, i dovuti ringraziamenti a chi ha reso possibile AVXIMVM MMXII. Non è una persona in particolare o un ente specifico, direi piuttosto di indirizzarli allo Spirito di condivisione e alla Volontà collaborativa che hanno mosso i cuori di coloro che, donando parte del loro tempo alla comunità di Osimo e che, con fare disinteressato e propositivo, hanno contribuito a rendere la manifestazione, sì perfettibile, ma soprattutto unica ed indimenticabile: Bravi e grazie di cuore!

28


Daniele Cappanera

OSIMO COMUNE RICICLONE: il 14 giugno sono stato delegato dal Sindaco Simoncini a partecipare a Monsano, alla premiazione dei Comuni Ricicloni 2012 della Provincia di Ancona. Sono stati premiati i 10 Comuni virtuosi che hanno superato il 60% di raccolta differenziata (RD). Osimo si è distinta classificandosi 4° con una percentuale di RD relativa al 2011 del 63,87 %. Alla consegna della targa, Osimo ha ricevuto un encomio particolare dall’assessorato all’ambiente della Regione Marche e dal presidente di Legambiente in quanto è al 1° posto di RD per i Comuni superiori ai 30.000 abitanti. Oltretutto l’impegno e la coscienziosità che gli osimani hanno messo per la raccolta differenziata si è tramutato in un risparmio sulle bollette per il 2012 di circa il 5/6 % (2,5 aumento istat non applicato + un 3 % di sconto sulla tariffa). Con l’occasione il presidente di Legambiente ha voluto lanciare un monito al fine di potenziare non solo la quantità di RD ma soprattutto la Qualità del rifiuto differenziato. Buon estate e buone ferie a tutti gli osimani.

RIFORMA DEL LAVORO…DOV’E’ LA CRESCITA? Ecco ci siamo. Il 28 giugno è arrivato e con qualcosa in mano dovevamo pur presentarci davanti ai nostri colleghi europei. Ma la fretta a volte è cattiva consigliera e dopo mesi e mesi di polemiche abbiamo partorito una riforma lavoro che invece di aiutarci ci penalizzerà…e soprattutto quando sembra non mettere d’accordo neanche le parti che l’hanno ideata. Siamo passati da Monti, che demonizzava il posto fisso definendolo noioso, alla sua collega Fornero che disincentiva il tempo determinato alzando la percentuale contributiva e stabilendo che il contratto a tempo indeterminato deve essere quello più diffuso e dominante. Non ci annoieremo troppo no?!?!? Visto e considerato che dovremo lavorare fino a 70 anni… Tanto poi se l’azienda “soffre economicamente” può comunque licenziare…sì ma se al giudice va bene però!!! Insomma questa riforma fa acqua da tutte le parti e sarà sicuramente necessario rivederla se non vogliamo peggiorare le cose ancora di più di come sono messe. Cara Fornero ora capisco davvero le tue lacrime alla consegna Andrea Falcetelli del mandato: prevedevi già una riforma da far piangere!!! BILANCIO PREVISIONE 2012 DELLE LISTE “SIM.&LATINI-API DI RUTELLI”, PER GLI OSIMANI SOLO AUMENTI E NESSUN TAGLIO AGLI SPRECHI.

Come gruppo consiliare del PD, avevamo chiesto da tempo dati e documenti per formulare proposte in ordine alla applicazione dell’IMU. Nostro proposito era, quello di formulare indicazioni che rispondessero all’ esigenza di salvaguardare i servizi, la qualità e il costo delle prestazioni offerte ai cittadini ma anche fare in modo che l’applicazione della nuova tassa rispondesse ad esigenze di equità e giustizia sociale con attenzione ai proprietari delle prime casa e alle attività economiche. Come al solito in questo Comune guidato dalle liste “Simoncini&Latini-Api”, la trasparenza e il rispetto della Legge vengono sistematicamente disattese. Dalla bozza di Bilancio, queste le considerazioni che possiamo trarre. Investimenti. Il 2012 ripropone tutto ciò che non è stato completato (scuola Bruno da Osimo) o realizzato ( impianti fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici – scuole) nel 2011. Quest’ultimi si potranno realizzare grazie a fiPaola Andreoni nanziamenti statali. Sulle opere previste nel 2013 e nel 2014 ritengo che sia solo una lista di buone intenzioni: basti pensare alla Scuola Vescovara e alle fonti di finanziamento. Sconcerta il fatto che l’amministrazione sia completamente disinteressata alla scuola primaria di Campocavallo di cui non si fa cenno. Imu. L’amministrazione smentisce se stessa : le promesse ai proprietari dei terreni edificabili di abbattere l’aliquota non è stata applicata. Ma su questo punto avevo già evidenziato che ciò non sarebbe stato possibile in quanto avrebbe significato un abbattimento dell’aliquota anche sulle seconde case. Pertanto erano idee che sono servite a gettare fumo negli occhi. Ad Osimo la situazione dei proprietari di terreni edificabili sarà dunque pesantissima considerando il tanto discusso piano regolatore la cui realizzazione si è da tempo bruscamente fermata. Va stigmatizzato il comportamento dell’amministrazione che ha fatto del tutto per negare l’accesso agli atti richiesto dalla sottoscritta su documenti necessari per comprendere che cosa significhi l’applicazione delle aliquote Imu nella nostra realtà cittadina. Anche la richiesta rivolta al presidente del consiglio e al capogruppo delle liste civiche è caduta nel vuoto. Chiederemo chiarimenti approfonditi in sede di consiglio sui presupposti che hanno portato l’amministrazione a fissare l’aliquota IMU per la prima casa al 4 per mille, quando vi era la possibilità di abbassarla di due punti ( e molti comuni virtuosi lo hanno fatto) . Stupisce l’affermazione dell’amministrazione e del sindaco che ritiene “l’Imu una patrimoniale che non considera il reddito come l’irpef “. Sicuramente ignora o fa finta di ignorare che con la sua amministrazione l’addizionale Irpef per gli osimani è al massimo possibile consentito dalla legge ( 8x mille). E’ un po’ come nascondersi dietro un dito. Tariffe servizi a domanda. L’amministrazione dovrà spiegare perché fa discriminazione per motivi di residenza (“abbattimento 80% del costo della tariffa trasporto scolastico per ciascun utente, a condizione che l’alunno sia iscritto al plesso scolastico più vicino alla propria residenza in termini di viabilità) tra i cittadini osimani sul costo del trasporto scolastico. Dovrà chiarire se prevedere tagli lineari alle tariffe risponde veramente al criterio di equità o se ancora una volta saranno sempre i più deboli a pagare anche per i più ”forti”.

29


TRIBUNA APERTA

SUPERARE LA CRISI E’ POSSIBILE? INIZIAMO DA UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA ATTIVITA’ INTERPORTO MARCHE – AZIENDE VALMUSONE Superare la crisi e pensare al futuro del nostro territo-

rio si può. Come? Iniziando dal miglioramento della rete infrastrutturale grazie anche all’avvio di una piattaforma logistica per le Marche. Per tale ragione Interporto marche spa, società costituita con l’obiettivo di realizzare e rendere operativa l’intemodalità infrastrutturale nelle marche attraverso la sinergia tra Porto-Aereoporto-Interporto può essere una risorsa importante sopratutto per le imprese del nostro territorio. Infatti, si vengono così a creare economia di spesa nella gestione relativa sia dei costi di trasporto che nei servizi amministrativi. Proprio all’intermodalità infrastrutturale poi si lega strettamente il progetto europeo del corridoio Baltico-Adriatico, uno dei 4 corridoi strategici di interesse europeo nella programmazione 2014-2020. Valmusone e Vallesina saranno valorizzate nelle loro priorità solo se prima ci sarà stato un lavoro di equipe molto più ampio tra i vari livelli istituzionali a partire dalla comunità europea. Oggi l’obiettivo è convincere l’Europa a finanziare priorità non solo italiane, vedi la Macroregione Adriatica dove inserire in un secondo momento anche le nostre più particolari esigenze. A questo proposito, l’interporto Marche fornisce una serie di servizi ( doganali/trasporto e distribuzione) alle aziende, alle personeche vi operano, ai mezzi che vi affluiscono e soprattutto consente di mettere in pratica l’intermodalità ferro-gomma delle merci grazie al terminal ferroviario. Per tale ragioni assieme ai colleghi del PD ho depositato una mozione a sostegno di un accordo di collaborazione tra Interporto Marche e le aziende del nostro territorio.

BIOMASSE L’Italia piange tutta per le tasse Ma in Osimo la chicca è le biomasse1 I cittadini tardi l’han saputo2 E giusta lotta far non han potuto3 . La zona dell’impianto è assai scoscesa4 Ma soprattutto bella: lì è un’offesa. Pensiamo e sosteniamo che il paesaggio Non possa esser del soldo vile ostaggio. La zona è tra le poche conservate5 Quelle colline vanno tutelate Ma ahimé son state in parte già sbancate6 Io chiedo a tutti di partecipare7 Argentina Severini Riguarda tutti questo brutto affare La terra è un gran diritto universale! 1 La zona interessata dal sito è in aperta campagna tra via Striscioni e via Coppa a San Paterniano. (Licenza poetica é/sono per motivi metrici). 2I cittadini sono venuti a conoscenza per puro caso del nuovo mega impianto ad aprile 2012, mentre il Comune di Osimo aveva già partecipato alla conferenza dei servizi in febbraio dando un parere favorevole. 3 Il comitato che si è formato per contrastare l’opera ha messo in evidenza vari elementi che dimostrerebbero l’irregolarità, ma i

Simone Pugnaloni

tempi ristretti hanno impedito al momento di poter interrompere i lavori già iniziati. 4Come evidenziato dal comitato, il Piano Paesaggistico Ambientale Regionale (PPAR) inserisce la zona tra quelle di “rilevante valore” in un’area di “Paesaggio agrario di valore storico-ambientale” in cui sono previsti solo interventi conservativi. Inoltre il Piano di Assetto Idrogerologico (PAI) definisce la zona come area a forte pendenza con rischi di frane attive ad elevata pericolosità. Purtroppo tali dati sono stati omessi o camuffati nella relazione presentata agli uffici competenti, che non hanno battuto ciglio. 5Passando in Via Striscioni mi sono sempre detta: “Per fortuna qualcosa si è salvato… che meraviglia!” Purtroppo ora anche questa zona stupenda del nostro territorio subirà una ferita per sempre, visto che l’amministrazione non ha neanche preteso la bonifica integrale del sito, una volta finito il ciclo di vita dell’impianto, malgrado la legge lo imponga. 6Il 13 giugno è stato convocato un consiglio comunale urgente sull’argomento in cui l’amministrazione ha voluto dare dei “contentini” ai residenti, ad esempio vietando la circolazione di camion sopra le 2,5 tonnellate (se vedeste che pendenza per arrivare nel sito… Dio sa come faranno i camion ad arrivarci). Strano che già il giorno dopo del consiglio comunale sono iniziati i lavori. Forse l’urgenza serviva per far partire alla svelta i lavori, e non dare risposte rassicuranti ai cittadini, che di quelle risposte se ne fanno ben poco. 7Se non si va direttamente a vedere il sito non ci si può rendere conto, quindi mi rivolgo a tutti i cittadini perché insieme possano dar voce alla propria protesta, dopo aver verificato di persona di che cosa si tratta. L’interesse è collettivo, perché la terra ed il paesaggio sono un bene troppo prezioso per non difenderlo a tutti i costi.

MI AVANZO VERSO IL SOGNO

Bruno da Osimo (1888-1962) Mostra curata dal Prof. Stefano Papetti nel cinquantesimo della scomparsa dell'artista Osimo - Museo Civico aprile-luglio 2012

uno scatto un evento Anno XII - n°2 GIUGNO 2012 Direttore Politico Stefano Simoncini

Direttore Responsabile Sergio Siniscalchi Redazione Luca Falcetta - Matteo Valeri Foto

IL “FLAUTO MAGICO” DELL’ACCADEMIA ARTE LIRICA 31 MAGGIO

Bruno Severini - Paolo Pesaresi - Domenico Cappella

Stampa Roto Press - Recanati

Impaginazione grafica Antonio Scarponi Reg. Trib. di Ancona n. 9/72 pubblicità inf. al 70%

info@urposimo.it, Comune di Osimo, P.zza del Comune, 1 - Osimo NATALIA TITOVA A TUTTO QUESTO DANZANDO 9 APRILE - BAIOCCO PREMIATO COME CAMPIONE ITALIANO


Il piacere della cucina naturale

in confezioni RETAIL e FOOD SERVICE

SKALO S.p.A. - via dell’Industria, 8 - 60028 Osimo (AN) Italy - tel +39 071 781027 - fax +39 071 781615 - info@skalo.it - www.skalo.it


5 torri luglio 2012  
5 torri luglio 2012  

rivista comunale di osimo

Advertisement