Page 1

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte

INTERIORS 2018

English text

In edicola dal 19 gennaio 2018

Febbraio 2018 Anno 29 n. 2 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

+ NEXT IL MEGLIO DEL DESIGN DEL NUOVO ANNO IN 40 PAGINE

NAPOLI, MILANO, FRANCOFORTE, DUBAI Quattro interni per declinare lo stile che verrà ANVERSA INEDITA Alla riscoperta della città della moda TENDENZA SFERA Architettura, design, arte: progetti circolari TALENTI DI IERI E DI OGGI Achille Castiglioni, Axel Vervoordt, Xavier Lust SPECIALE TESSUTI Per rivestire, decorare, ridefinire gli spazi della casa


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Hearst Magazines Italia S.p.A. via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile

Livia Peraldo Matton lperaldo@hearst.it Caporedattore centrale Filippo Romeo — fromeo@hearst.it Consulente alla direzione Rosaria Zucconi (interni e travel) — rzucconi@hearst.it Direttore artistico Valeria Settembre — vsettembre@hearst.it Redazione Francesca Benedetto (interni, travel, people) — fbenedetto@hearst.it Tamara Bianchini — tbianchini@hearst.it Murielle Bortolotto — mbortolotto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) — pcarimati@hearst.it Valentina Raggi — vraggi@hearst.it Redazione grafica Mariapia Coppin (vice caporedattore) — mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) — esantangelo@hearst.it Carlo D’Amico (impaginazione) — cdamico@hearst.it Photoeditor Vivetta Rozza — vrozza@hearst.it Segreteria Elena Contardi (direzione, amministrazione) — econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) — rsalvioni@hearst.it Collaboratori Piera Belloni, Ana Cardinale, Chiara Di Pinto, Massimiliano Giberti, Flavia Giorgi, Arianna Lelli Mami, Laura Maggi, Valentina Mariani, Francesca Molteni, Elisa Ossino, Kristina Raderschad, Studiopepe, TDR Translation Company, Candida Zanelli Fotografi Federico Cedrone, Adrien Dirand, Andrea Ferrari, Andrea Garuti, Nathalie Krag, Giorgio Possenti, Christian Schaulin, Alberto Strada, Frederik Vercruysse, Max Zambelli Progetto grafico Designwork elledecor.it Alessandro Valenti (consulting editor) Direzione, redazione e amministrazione via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 — 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it — rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore Hearst Magazines Italia S.p.A., via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 46 del 18 gennaio 1990 Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali CHINA — CROATIA — DENMARK — FRANCE — GERMANY — GREECE HOLLAND — INDIA — INDONESIA — ITALY — JAPAN — KOREA — MEXICO MIDDLE EAST — PHILIPPINES — POLAND — RUSSIA — SOUTH AFRICA SPAIN — SWEDEN — TAIWAN — THAILAND — TURKEY — UK— USA ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except January and August) by HEARST MAGAZINES ITALIA SPA via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

NEL PROSSIMO NUMERO

Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli ELLE DECOR® è un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia S.p.A. Tutti i diritti riservati ©HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 - via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy

SPECIALE ELLE DECOR EYEWEAR

HEARST MAGAZINES ITALIA SPA pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Speciali, Gioia!, gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Gourmet, Elle Kids, Elle Sfilate, Elle Spose, Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it HMC ITALIA SRL pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire #Likes, Marie Claire Maison, marieclaire.it CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICITÂ Hearst Magazines Italia S.p.A. Direzione Generale Pubblicità: via R. Bracco 6 - 20159 Milano Tel. 02/6619 1 - Fax 02/6619 2608 DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it VICE DIRETTORE GENERALE, MARKETING, INIZIATIVE SPECIALI Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it CHIEF DIGITAL OFFICER Biagio Stasi, bstasi@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it DIRETTORE VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Marta Pancin, mpancin@hearst.it TRIVENETO E MANTOVA DIRETTORE COMMERCIALE Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia S.p.A. Strada Battaglia 71/c, 35020 Albignasego (PD), Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879 EMILIA ROMAGNA, MARCHE, ABRUZZO E MOLISE DIRETTORE COMMERCIALE Sisto Casalini. Hearst Magazines Italia S.p.A. via Goito 8, 40126 Bologna, Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130 MARCHE-ABRUZZO-MOLISE Alessandro Fiorelli, via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) Tel. 335/6891463 CENTRO SUD DIRETTORE COMMERCIALE Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, TOSCANA E UMBRIA Hearst Magazines Italia S.p.A. via della Camilluccia 535 - 00135 Roma, Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824 CAMPANIA E CALABRIA Valentina Paparo, via Onofrio Fragnito 54, 80131 Napoli Tel. e Fax 081/5456386 PUGLIA-BASILICATA E SICILIA G.S.P. SAS, via Principe Amedeo 93, 70122 Bari Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401 PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D’AOSTA Adv SpazioErre Srl, c.so Giovanni Lanza 105, 10133 Torino Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875 INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441 HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director)

DAL PRODUCT DESIGN ALL’ESPERIENZA TAYLOR-MADE IL NOSTRO PUNTO DI VISTA IN 50 PAGINE

HEARST MAGAZINES ITALIA SPA David F. Carey (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne - Marcello Sorrentino, Debi Chirella (Amministratori) TRADEMARK NOTICE Elle® and Elle Decor™ are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse LAGARDÉRE ACTIVE Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardère Active) Constance Benqué (CEO ELLE France & International) François Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses) Sylvie De Chirée (Brand Management of Elle Decoration) Valéria Bessolo Llopiz (SVP/International Director of ELLE & Elle Decoration) Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication) Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration) Flora Régibier (Marketing Executive of Elle Decoration) Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator) INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING François Coruzzi (CEO) Stéphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com) STAMPA E DISTRIBUZIONE NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo Per l’Italia: m-Dis Distribuzione Media S.p.A. via Cazzaniga 19, 20132 Milano, Tel. 02/2582 .1 Per l’estero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano Tel. 02/43982263 - Fax 02/43976430 E-mail: info@johnsons.it. A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi

PRECISAZIONI

Nella rubrica Inside Design/Notte, pubblicata su Elle Decor 12-1/2017-2018, a pag. 199 è stato erroneamente segnalato il sito lettihastens.it anziché hastens.com. Ci scusiamo con i lettori e gli interessati.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

n. 2—2018

118

66 56 ATTUALITÀ+CULTURA 24 Elledecor.it Gli extra del mese da approfondire online 27 Password Visioni future: immaginare il nuovo, senza perdere la memoria 28 Crossing Sfere, bolle, pois. Viaggio a ruota libera nel nuovo universo della forma rotonda

177 n.b. Mostre, fiere, appuntamenti, vernissage: gli eventi del mese in Italia e nel mondo DESIGN+ARCHITETTURA 56 Icone 100 anni fa nasceva Achille Castiglioni. Grcic, Laviani e Starck raccontano il mito

66 Arte e architettura Ad Anversa, il nuovo complesso del creativo Axel Vervoordt 77 Design & craft Uno spazio suggestivo per le creazioni raffinate di cc-tapis 82 Elle Decor incontra Xavier Lust ci presenta la sua casa-studio di Bruxelles 165 Inside design Arredi, materiali, progetti kitchen & wellness. E il sapore dell’architettura a tavola

STILE+DECOR 36 Decortrend Lane, velluti, tartan reloaded. Le ultime tendenze tessili in un racconto fotografico d’autore 45 Decorscouting Trend, curiosità, design, eccellenze artigiane: le novità da scoprire

21

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Febbraio

28 Cover

89 82 FOOD+TRAVEL

INTERNI

89 Address Un oriental bistrot sui Navigli l’ultima meta della movida milanese 94 Itinerario Alla scoperta di Anversa, tra van Dyck e Zaha Hadid

118 Napoli Giuliano dell’Uva rilegge i tratti di un palazzo nobiliare con sensibilità contemporanea 130 Milano Design di oggi e di ieri nella casa di David Lopez Quincoces e Fanny Bauer Grung 142 Francoforte Forme scultoree per gli interni di una villa ridisegnata da Joseph Dirand

22

ELLE DECOR

150 Dubai Firmato Antonio Citterio Patricia Viel l’ultimo gioiello Bulgari: un resort sul Golfo Arabico 179 English text +NEXT 2018 40 pagine di anteprime: il meglio del design del nuovo anno

Servizio a pagina 118. Di Rosaria Zucconi, foto di Andrea Ferrari NEXT – L’altra copertina. Di Elisa Ossino, foto di Andrea Garuti


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

elledecor.it Elle Decor Italia è anche sul web con news, video, photo gallery, case, architettura, design, interior decoration. In più: reportage in tempo reale e speciali dalle principali capitali del mondo

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte

INTERIORS 2018

English text

Febbraio 2018 Anno 29 n. 2 € 4,50 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

+ NEXT IL MEGLIO DEL DESIGN DEL NUOVO ANNO IN 40 PAGINE

Extra su elledecor.it Un’apposita grafica segnala i contenuti speciali. Segui il simbolo + alla fine degli articoli. Per trovarli basta aprire la home page e cliccare sulla voce magazine

People Vito Nesta lancia un nuovo brand e parla delle collezioni andate in scena a Parigi (p. 173). Il progetto Arena di Maddalena Selvini, che rivisita un materiale antico come la pietra ollare, raccontato in un’intervista alla giovane e poliedrica designer (NEXT).

Design Ore Streams, inediti mobili per ufficio 4.0 disegnati dal duo Formafantasma, realizzati con scarti elettronici di vecchi computer (NEXT). Lo stile SCI-FI degli Anni 80 contagia il design di Alessandro Zambelli, ispirando la sua nuova collezione di contenitori e vasi Macrocosmos (p. 54).

NAPOLI, MILANO, FRANCOFORTE, DUBAI Quattro interni per declinare lo stile che verrà ANVERSA INEDITA Alla riscoperta della città della moda TENDENZA SFERA Architettura, design, arte: progetti circolari TALENTI DI IERI E DI OGGI Achille Castiglioni, Axel Vervoordt, Xavier Lust SPECIALE TESSUTI Per rivestire, decorare, ridefinire gli spazi della casa

Speciali Il 2018 di elledecor.it inizia con tre reportage, online dalla metà del mese di gennaio, dedicati a tre appuntamenti internazionali di rilievo. Sono le fiere imm cologne in Germania, Maison&Objet a Parigi e Stockholm Furniture & Light Fair in Svezia.

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire. Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

24

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

PASSWORD

02/18 [Visioni future]

Nuovo anno, nuova avventura per questo primo numero del 2018 che abbiamo ‘disegnato’ con entusiasmo e la voglia di individuare, sottolineare e anticipare progetti (di design, di interni e di grande architettura), luoghi e personaggi (del nostro mondo, della moda, dell’arte e del food), in un viaggio verso tutto ciò che sentiamo vicino e pensiamo sarà protagonista dei prossimi mesi. Un lavoro di scouting che mixa con disinvoltura semplicità e complessità, tradizione e futuro. Non a caso tra i servizi di apertura celebriamo Achille Castiglioni, maestro del design italiano al quale, in occasione dei 100 anni dalla nascita, verrà dedicato un anno di eventi. Una figura centrale che, ancora oggi, è fondamentale per comprendere il significato della sintesi tra forma e contenuto, in totale armonia. Un valore che abbiamo voluto raccontare in tutti i servizi del numero. A partire dalle storie di interior, ambientate in città molto diverse tra loro, testimoni di modi diversi di progettare la semplicità: con attenzione alla ricerca, alla memoria e all’innovazione. Senza opulenza, ma con gusto. Con interesse al dettaglio, ma senza maniera. Con rispetto per il passato, senza nostalgie, e un’attitudine ecologica che non ammette mimetismi. Fino a scoprire il meglio del design del nuovo anno, presentato in anteprima nel NEXT, il nostro speciale nel reverso del magazine. Per monitorare i progetti futuri, gli eventi e le tendenze di domani, spingendosi sempre un gradino più avanti. 27

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CROSSING

A ruota libera Sfere, pois, bolle... La forma rotonda impazza in arte e architettura, moda e design. Con tanto di studi scientifici ed estetici sul tema. Ê la quadratura del cerchio, tra ironia, filosofia e sperimentazione di Valentina Raggi e Filippo Romeo

28

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Town and concrete — La House Sphere dell’architetto Cyril Lancelin sorge su un promontorio della Normandia con un’inedita sovrapposizione di forme sferiche. Dalle fondamenta alla partizione interna, fino al tetto. Alcune sono in cemento, altre in legno, rotanti per offrire diversi scorci aprendosi o chiudendosi. townandconcrete.com


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CROSSING

Riflessioni filosofiche, progetti creativi e performance artistiche. La forma sferica è al centro del mondo

MVRDV — Un polo culturale di oltre 33.000 mq definito da un già iconico auditorium sferico, contornato da una libreria “a cascata” dal pavimento al soffitto che crea una sorta di paesaggio ondulato. Siamo in Cina, a Tianjin Binhai, e il nuovo progetto rientra in un vasto masterplan di riqualificazione firmato da altre archistar, oltre allo studio olandese. mvrdv.nl

Paul Smith per Maharam — Si chiama Dots la nuova collezione del brand tessile realizzata in collaborazione con lo stilista inglese. Che mixa un classico pied-de-poule opaco a ironici bolli a rilievo in cotone lucido. La collezione è disponibile in 9 colori. Per rinnovare la tradizione, con un twist. maharam.com

30

ELLE DECOR

©Ossip van Duivenbode

Comme des Garçons — Rei Kawakubo spinge sempre oltre l’asticella del limite. Così è stato sul tema del cerchio per la scorsa collezione prêt-à-porter, dove la ricerca sul corpo va oltre la moda, e la sua presunta fruibilità pratica, per farsi sperimentazione. comme-des-garcons.com


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ATTUALITÀ

Nick Verstand — L’opera ‘Anima II’ dell’artista olandese (in collaborazione con Anformative di Salvador Breed, Pufferfish Displays) è una sfera che stimola effetti psichici grazie a videoproiezioni sulla superficie ispirate alle 5 fasi della natura nella filosofia cinese Wu Xing: legno, terra, acqua, fuoco e metallo. Ora nella collettiva ‘Minding the digital’ alla Design Society di Shenzhen (fino a giugno 2018). nickverstand.com

Noortje Knulst

Tadao Cern — I suoi ‘Black Balloons’ girano il mondo esposti in diverse grandi installazioni. Il giovane artista di Vilnius (Lituania) lavora sulla ricerca materica passando da tele ‘effetto 3D’ a maxi palloni. “Essendo architetto di formazione m’interessa creare e svelare sempre un contatto con le persone, le loro abitudini e i loro comportamenti”. La sua arte stimola e studia l’interazione tra l’oggetto e l’osservatore. tadaocern.com

31

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CROSSING

Da Jeff Koons a Nendo, passando per moltissime e variegate interpretazioni, l’immaginario creativo è a tutto tondo Kazuhiro Yamanaka — Si chiama Collapsible Moon la lampada realizzata per Pallucco dal designer giapponese. Insolita, si può aprire e poi ripiegare su se stessa con una semplice azione, come un pannello riflettente fotografico. Ha strip Led sul bordo che illuminano tutta la tela, come una Luna. pallucco.com

Charles Pétillon — ‘Souvenirs de Famille’ è la serie di scatti dell’artista e fotografo di moda francese che ritraggono edifici e luoghi naturali invasi da centinaia di palloncini. L’intento? Far guardare il mondo attraverso il suo sguardo: onirico e sorprendente. charlespetillon.com

32

ELLE DECOR

©Jeff Koons - courtesy Danysz Gallery

Jeff Koons — La serie di lavori intitolati ‘Gazing Ball’ del dissacrante artista statunitense rivisita i dipinti di grandi maestri, da Rembrandt a Giotto, inserendo una sfera d’acciaio blu che riflette una visione distorta e pop dell’opera. In foto ‘Gazing Ball (Turner Ancient Rome)’. jeffkoons.com


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nendo — Si chiama CoFuFun il progetto della piazza della stazione di Tenri, Giappone. Con negozi, libreria, bar, spazi eventi, chiosco informazioni e area relax outdoor. Le scalinate fanno da seduta, copertura e area gioco. Sia gli edifici sia le aree verdi riprendono le forme di antiche tombe locali (“cofun”), ma sono versatili e ludici (“fun”). nendo.jp

Masayuki Hayashi

We+ — Il duo di designer giapponesi ha presentato i vasi Disguise allo scorso Fuorisalone di Milano. Si tratta di contenitori sferici dalla texture insolita perché realizzati modellando vari strati di resina semitrasparente con una tecnica simile al tornio, per creare forme quasi perfette ma con piccole imperfezioni che danno vita a giochi di riflessi luminosi. weplus.jp


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CROSSING

Che sia un exploit ironico, un’ossessione estetica o una trovata decorativa, il cerchio attraversa ogni disciplina

Rolling workspace — Minimalisti ma anche qui rotondi, sono gli arredi e complementi da ufficio firmati Oki Sato per l’azienda Kokuyo. Particolarità, i pannelli fonoassorbenti che si incastrano nei mobili per creare configurazioni sempre diverse. kokuyo.com, nendo.jp

Che sia un cerchio bidimensionale o una sfera 3D, queste forme stanno plasmando ogni settore della creatività contemporanea. La realtà parla chiaro: cerchi, sfere, pois & co ci attraggono. Il giovane architetto e artista di Lione Cyril Lancelin, studio Town and Concrete, fa di questa forma quasi un’ossessione. Tra i suoi vari progetti, una villa in Normandia tutta giocata sulle sfere: “Il layout è ottenuto dalla giustapposizione di questo elemento così semplice. Ci sono tre livelli di solidi circolari, posizionati sul pavimento interno per creare delle cabine private, sul solaio come copertura e sul suolo come fondamenta visibili”, ci dice. L’artista lituano Tadao Cern, anch’egli architetto di formazione, porta in giro nel mondo i suoi Black Balloons, grandi palloni neri composti in diverse e spettacolari maxi-installazioni: “La forma del cerchio e il colore nero sono basici, riconoscibili da chiunque. E dato che con la mia opera desidero parlare dei comportamenti umani, credo che questo sia il modo migliore per farlo”, ci spiega. L’aveva intuito bene Li Edelkoort, la nota trend forecaster che per il 2017 prevedeva il boom di forme rotonde nei settori casa e lifestyle, con il volume ‘Turning in circles’, in cui racconta: “Quando il nostro team si è confrontato sui trend forti dell’ultima decade ci siamo accorti che molti sono ancora freschi e validi. Qualsiasi nuova direzione considerassimo ci sembrava sempre di ripetere tendenze già analizzate. Ho avuto la sensazione che stessimo girando in tondo! E così ho realizzato che questo era il nostro nuovo maggior focus nello sviluppo del design e dei materiali”.

34

ELLE DECOR

E non è un caso che il nuovo libro del portoghese Manuel Lima, emerito docente ed esperto di analisi digitali presso Google, sia una corposa summa sulla preponderante figura del cerchio nella storia dell’uomo, dai manufatti dei Sumeri all’infografica. Così, anche se ci sono buone probabilità che molti designer, artisti e architetti non abbiano consultato i sopracitati libri, di certo il fenomeno oggi è al culmine della sua fioritura. Addirittura anche nella moda. Tra i vari decori a cerchi, bolli e polka dots, si staglia sopra tutti la stilista Rei Kawakubo di Comme des Garçons, che porta all’estremo il disegno tondo proponendo outfit al limite dell’immettibile ma molto eloquenti. Anche il re del design minimalista, Nendo, ha pensato al cerchio nell’ideare il layout dell’ambiente di lavoro ideale, con pannelli fonoassorbenti mobili che si incastrano negli arredi, e che verrebbe voglia di portarsi anche in metro o dentro casa. Semplicità, ma anche complessità, sono le parole che più ricorrono nell’affrontare il discorso su questa geometria, una forma semplice, ma affascinante, basta pensare all’invasione di bolle immaginata dall’obiettivo del fotografo e artista Charles Pétillon, che ne mette fisicamente a centinaia dentro architetture, su litorali, ovunque, trasformando paesaggi consueti in surreali scenografie. Complice un arcaico rimando alla maternità, alle secolari filosofie della vita, il cerchio è una forma di comunicazione universale. Si presta a essere una lettera, un numero, un luogo, una geometria, un insieme, un perimetro. Ed è, forse, la forma migliore di ogni cosa. —


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Textile stories Sette scatti d’autore catturano in un clic le ultime tendenze tessili. Rubate dalla moda si declinano anche negli interior. In scena: tartan reloaded, lana, rosso totale, velluto... di Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto, Candida Zanelli — foto di Federico Cedrone

VIBRAZIONI ETNO Arriva direttamente dal continente nero il tessuto Guro della nuova collezione Dominique Kieffer, distribuito da Rubelli. Ispirato ai costumi delle tribù indigene africane, sulla sua superficie, in un’alternanza di intrecci e sovrapposizioni, due trame di rafia creano un effetto dinamico. Qui nella nuance 001, è disponibile anche in altre quattro varianti colore di tendenza (dominiquekieffer. com). Sopra lo jacquard Geisha di Christian Lacroix per Designers Guild, in un’unica tonalità (designersguild.com).


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORTREND

MOVING UP ...’Gira tutto intorno la stanza mentre si danza, danza’... Da sinistra, abito in seta realizzato con Linus mélange di C&C Milano (cec-milano. com). Nel centro, decoro irregolare per il velluto Stripes by India Mahdavi, Pierre Frey (pierrefrey.com), a destra Silhouette, tessuto in lana di Sahco (sahco.com). Come un tappeto e da scegliere tra ventiquattro colori, Scott di Zimmer + Rohde (zimmerrohde.com). Calze di Maria La Rosa (marialarosa.it) e slippers in velluto blu notte di Gallo (theartofgallo.it).

37

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CAMPING PLAID Ispirazione Wes Anderson per la tenda da campeggio. Struttura dipinta con Arsenic di Farrow & Ball (farrow-ball. com), tetto rivestito, da sinistra, con Allister maxi quadrettato di Jab Anstoetz (jab.de), accanto e a destra, in lana Nestor di Boussac (pierrefrey.com). Per il centro e i lati, il velluto effetto acquerello Balla di Designers Guild (designersguild.com). A pavimento, barré cardato Oz di Dedar Milano (dedar.com) e sopra, in verde, bianco e nero, il tartan Emblème di Elitis (elitis.fr). Per separarsi dal caos della natura, arrotolato a terra

e sul lettino, il tessuto matelassé Velours Tresse di Dominique Kieffer, cuscini con nappe Gucci Décor (gucci.com), occhiali Fendi (fendi.com) e, appeso, specchio Funky Table Milano (funkytable.it). In oro la sedia Primo di Konstantin Grcic per Mattiazzi (mattiazzi. eu), luce Portofino di Servomuto (servomuto.com), daybed in legno e pelle di Ole Wanscher per Carl Hansen (carlhansen.com).


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORTREND

39

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

COCO MOOD Una selezione di tessuti che sembrano rubati alla Maison Chanel. Per il cappotto, tessuto Sonatina di Ulf Moritz per Sahco decorato da paillettes scintillanti, ideato da Raffaella Spampanato/ Lamula shop, e stivali glitter Chanel (chanel.com). Nelle varianti ocean e graphite (a terra e drappeggiato) il velluto Reticello di Designers Guild. A parete, Bonheur bouclé di Zinc, distribuito da Romo (zinctextile.com). Sedia Leggera di Gio Ponti per Cassina (cassina.com) e scrittoio di Claesson Koivisto Rune per Arflex (arflex.it).


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORTREND

VELVET UNDERGROUND Come nelle illustrazioni della francese Léa Maupetit, il mondo in un angolo. Le pareti vestono le cromie del cielo, dal blu all’azzurro con il lucente Vitus di Christian Fischbacher (fischbacher.com). La cornice della finestra è in velluto di cotone Opus (45 i colori disponibili), mentre il rosa è Alter Ego, entrambi di Elitis (elitis.fr). Un soffio di vento muove il prezioso jacquard Butterflies Revival di Dedar (dedar.com). Vaso bianco in velluto di Elitis, righe nere con Desir di Zimmer + Rohde e piano verde del tavolo di Elitis. Occhiali con Vitus di C. Fischbacher.

41

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

PERCUSSIONI AFRO Fa da cornice alla pagina il geometrico Pachisi, nella variante Oslo. Riveste la parete e il pavimento, lo jacquard metallico Tessere, in nuance lemon grey entrambi creati da Dedar Milano (dedar.com). Una carrellata di pouf vestiti da sinistra con tessuti, a macro foglie Palma di Lelièvre Paris (lelievreparis.com), a stampa digitale Delizioso di Elitis, in arancio con pois Beau Rivage di Nina Campbell, accanto bambù su lino per Giardino di Elitis e infine Loulou di Nina Campbell per Osborne & Little (osborneandlittle. com). Sopra, cuscini con motivi africani di Funky Table e con frange in pelle le ceramiche Masai disegnate da Serena Confalonieri (serenaconfalonieri.com). Sulla parete ruggisce Soft Lion di Softheads (softheads.net).


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORTREND

PROFONDO ROSSO Un manifesto per Valentino Garavani ma anche il colore del mantello di Cappuccetto Rosso e delle scarpe di Dorothy nel Mago di Oz, red is back! Sulla parete, raso Vermeer con mini pattern, scelto in rubino, per terra velluto cangiante Spritz ed effetto plissé per il taffetà Shogun che riveste il tavolo, tutti di Rubelli (rubelli.com). Appeso, il vassoio di Ron Gilad per Danese Milano (danesemilano.com) e riflessa la mitica Valentine di Ettore Sottsass, in vendita da ModernariatoMilano (modernariatomilano.it), sedia Don Giovanni di Fornasetti (fornasetti.com). Luce laser Linea di Selab + Alessandro Zambelli per Seletti (seletti.it) e zoccolino tinto in rosso pompeiano di Wilson & Morris (wilsonmorris.it).

43

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Viva la decorazione! Su tessuti, wallpaper e tappeti. E poi, il valore creativo dell’artigianalità

Studio Bouroullec

a cura di Murielle Bortolotto

Twist and shout. A febbraio doppio appuntamento con i fratelli d’oltralpe del design, i Bouroullec. L’occasione è per l’apertura del nuovo flagship di Kvadrat a Stoccolma, dove verranno presentate le loro ultime creazioni tessili. Belle, eleganti, un disegno grafico di righe diagonali e verticali che corrono e si interrompono su tessuto e creano un gioco di luci e ombre. In foto Rennes, ma da vedere anche Chainette, impreziosita da delicati ricami. kvadrat.dk

45

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORSCOUTING

California drink Diciotto cocktail sono la formula vincente di Bibo Ergo Sum, il nuovo place to be situato a Robertson Plaza, Los Angeles. Gli interni progettati da Home Studios si ispirano per le forme ai lavori di Alvar Aalto mentre le simmetrie e la palette colori sono omaggi a celebri pellicole. biboergosumla.com +elledecor.it

Intergalactic planetary. Arrivano dallo spazio e atterrano da noi i piccoli marziani ideati da Alessandro Zambelli Edizioni. Macrocosmos (si chiama così) è una linea di vasi e contenitori impreziosita da dettagli colorati e in ottone, in vendita da Luisaviaroma. alessandrozambelli.it, luisaviaroma.com +elledecor.it 46

ELLE DECOR

Mattia Maestri

Buon compleanno! Il 2018 è un anno importante per Osborne & Little, che festeggia 50 anni di attività. Texture geometriche, cotoni stampati e motivi floreali per la nuova collezione che è un tributo all’Italia. Da Venezia alla Riviera ligure. Accanto, il velluto Velatura. osborneandlittle.com


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORSCOUTING

Da collezione. È un’opera d’arte il DC1733 desk di Vincenzo De Cotiis. Un pezzo unico in fiberglass e metallo prezioso che fa parte della collezione Baroquisme. decotiis.it

Collaborazioni fashioniste. In fatto di savoir-faire Giorgetti e Agnona mantengono alto il profilo. Dal loro incontro nasce Progetti Fashion. Una serie di sedute che mixano ebanisteria e tessile superlativo. Come per la poltrona Katori in montone e in tre diverse combinazioni di manto. Da scegliere in total look: taupe, nude o blu denim con struttura in faggio. giorgetti.eu

48

ELLE DECOR

Vibrazioni soft Ricorda il movimento sinuoso delle meduse la luce Light volumes creata da Mischer’Traxler per Victor Hunt Designart. Tre teli in seta fluttuano nello spazio e creano un’illuminazione rarefatta. mischertraxler.com

Macro plaid Il più classico dei pattern scozzesi è riportato in versione attuale e over su Parlour, il tappeto in lana disegnato da Baldwin & Bagnall per Nodi. Tre le varianti colore per un effetto intersection. nodirugs.com


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORSCOUTING

Baby boom — Poco più alti di un metro, i pezzi di design si riducono. Pensati per i più piccoli ma contesi anche dai grandi

[1]

[2]

1. Una volpe da parete, Mask. Un’idea di Benedetta Mori Ubaldini per Magis. magisdesign.com 2. Capanne stilizzate sulla carta da parati Les Cabanes Carrousel di Nigel Peake per Hermès. homefabricshermes. dedar.com 3. In rosa, Villa di Fabio Novembre per Kartell. Ancora un prototipo ma presto nelle stanze delle piccole design addict. kartell.com 4. La mitica Vanity Fair in versione mini. Un progetto che sostiene il Farm Children’s Museum di Favara. poltronafrau.com 5. In legno di ciliegio l’Elephant Eames di Vitra. vitra.com 6. Si chiama Mushroom il tappeto di Nidi, diam. cm 130. nidi.it

[3]

[6]

[4]

[5]

50

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORSCOUTING

Lorenzo Pennati

Electric shock Si frammenta sulle pareti il pattern della wallpaper Ambrosia di Christian Benini per Wall & Decò. Una figura stilizzata si scompone attraverso ritmi di colore che variano dal viola al blu: l’ispirazione arriva dal mondo della musica e da quello digitale. wallanddeco.com

52

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DECORSCOUTING

Exploit di Ferruccio Laviani, è la prima wallpaper firmata dall’architetto e designer per Londonart. Il disegno su carta di pietre preziose, prende spunto dal brano dei Pink Floyd ‘Shine On You Crazy Diamond’, uno dei suoi preferiti. londonart.it

Valore insuperabile. Sono passati quattro anni da quando Monica Förster è diventata l’art director di Zanat, brand bosniaco di arredi in legno decorati con intagli preziosi. Sono talmente bravi nella manifattura che l’UNESCO li ha inseriti nella Intangible Cultural Heritage of Humanity List. zanat.org, monicaforster.se 54

ELLE DECOR

Karl Nordlund

Una luce che va a zig zag È Piega, la lampada da tavolo di Giorgio De Ferrari progettata nel 1984, editata oggi da Stilnovo. In tre nuovi colori: nero, bianco o giallo che ne accentuano ancora di più la silhouette grafica. Misura cm 23x38h. stilnovoitalia.it


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Una delle stanze dello studio-museo di Achille Castiglioni dove ha sede la Fondazione. Protagonisti, la luce Arco per Flos e lo sgabello Allunaggio per Zanotta. Nella pagina accanto un ritratto del maestro.

Giorgio Possenti

ICONE


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Achille forever Per i 100 anni dalla sua nascita siamo entrati negli archivi della Fondazione Achille Castiglioni. Tra i ricordi, foto inedite del maestro con i giovani Grcic, Laviani e Starck. Che oggi ce lo raccontano, svelando gli ‘oggetti anonimi’ scelti da loro per celebrarlo

Uli Weber/Contour/Getty images

di Paola Carimati e Filippo Romeo

57

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ICONE

“Il tagliere è un oggetto che rappresenta la condivisione. Mi ricorda l’ospitalità di Cicci, quando ci accoglieva seduti attorno al tavolo”

“La graffetta è geniale come Achille perché con la sua semplicità è utile tanto quanto un computer” Philippe Starck

“Il peso da 1 kg è un oggetto efficace, che svolge la sua funzione in maniera semplice, senza sforzi” Konstantin Grcic

I tre oggetti anonimi scelti da Ferruccio Laviani, Philippe Starck e Konstantin Grcic e in mostra alla Fondazione Achille Castiglioni sono parte di una collezione che diventerà itinerante. I tre designer sono testimoni di un rapporto unico. 58

ELLE DECOR

Parlare di Achille Castiglioni per il centenario della sua nascita vuol dire svelare, con calviniana leggerezza, le ossessioni maturate e coltivate dai designer nei confronti di tutto ciò che ha fatto. Come accade a certi innamorati così è capitato a Fabio Calvi, per esempio. L’architetto, che con Paolo Brambilla firmerà l’allestimento della mostra ‘100x100 Achille’ curata da Chiara Alessi e Domitilla Dardi alla Fondazione, confida che sin da studente colleziona i suoi oggetti: “Ho passato ore al telefono con i rivenditori Alessi di tutta Italia per trovare tra i fondi di magazzino il suo portatovaglioli Amici”, ricorda il creativo che voleva progettare con lui. E poi ci è riuscito, in qualche modo. “Ho visto Achille al lavoro quando ancora collaboravo con Ferruccio Laviani”, ricorda, “e assistito alla nascita della poltrona 40/80 per Moroso da lui disegnata con Ferro. Seduti immobili attorno al tavolo Bramante, dopo averci offerto un bel bicchiere di whisky (la sua passione), Achille iniziò a muoversi frenetico all’interno del suo armadio pieno di oggetti (anonimi), in cerca di qualcosa che lo potesse ispirare. Improvvisamente l’urlo: ‘Eccola qui la sedia!’ E ci mostra una ciabatta in neoprene per piscina. Per dirla alla Beppe Finessi ‘Un gigante!’”. In questo racconto, in sintesi, i protagonisti di ciò che accadrà per festeggiare un secolo del padre del design: un uomo che amava, riamato, i giovani di allora, oggi star internazionali. A molti di loro è stato chiesto di portare il proprio contributo per ricordare colui che, nonostante l’età, continua a fare breccia nel cuore degli emergenti. Elle Decor Italia ha scelto di omaggiarlo attraverso le foto (inedite) e le parole (in esclusiva) di Ferruccio Laviani, Philippe Starck e Konstantin Grcic, testimoni di un rapporto unico. Se è ancora tutto da definire per la mostra in Triennale (da ottobre a febbraio 2019), due gli appuntamenti alla Fondazione Achille Castiglioni: il già citato tributo della coppia Alessi-Dardi (19 febbraio-30 aprile) e Dimensione Domestica - Atto III a cura di Beppe Finessi (25 maggio-21 dicembre). Non si tratta di operazioni nostalgiche, ma “della volontà di tenere vivo l’insegnamento di Castiglioni ovvero: prendersi cura di un’idea con allegria, divertendosi”, affermano Dardi e Alessi, che hanno chiesto a 100 progettisti di regalare al maestro un oggetto anonimo. “Ciascuno di loro lo ha scelto come avrebbe fatto lui, che gli oggetti li faceva parlare e ai quali voleva bene. Umili e semplici, riconosceva in loro la sua prima fonte di ispirazione”. Intelligente e generoso, Achille era un uomo gentile e attento. Lo si intuisce osservando la ricostruzione di Finessi della sala da pranzo allestita nel 1984 dal maestro per una esposizione a Tokyo. “Nove sedute disposte a cerchio attorno al vuoto mettono in scena la convivialità orientale che secondo Castiglioni ruota attorno all’individualità. Colpisce la disposizione di ciascun elemento, che ha un significato inequivocabile. Gli oggetti, come le parole, non si devono mai usare a caso”. Oggi più che mai. Grazie Achille. — fondazioneachillecastiglioni.it

Getty Images, courtesy Archivio Fondazione Achille Castiglioni

Ferruccio Laviani


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ICONE

Ferruccio Laviani e il maestro italiano ritratti nel 1999 in occasione della presentazione della poltrona 40/80 disegnata insieme per Moroso: un momento di grande condivisione.

Quando e come hai conosciuto Achille? Era il 1974 o forse il ’75, avevo 15 anni, e sono rimasto ipnotizzato nel guardarlo presentare i suoi progetti… Chi lo avrebbe mai detto che vent’anni dopo saremmo diventati amici e avremmo fatto progetti insieme? Qual era, dal tuo punto di vista, il tratto unico, eccezionale del design di Achille Castiglioni? La curiosità: ogni cosa, anche la più banale, per lui aveva un lato intrigante che bisognava esplorare. A quale ricordo personale associ questa immagine? Alla poltrona 40/80 per Moroso. Indimenticabile da tutto lo studio la scena in cui, tornato da Monaco, Achille, mostrando una ciabattina di plastica esclamò: “Ecco come dobbiamo farla!”. Quale dei suoi insegnamenti hai messo in pratica? 60

ELLE DECOR

Come lui sono curioso e trovo nella mia curiosità lo spunto principale per nuove sfide, cercando di non avere preclusioni. Quale dei suoi progetti di design è il tuo preferito? L’Arco di Flos, uno di quegli oggetti che ha cambiato i codici di funzione ed estetica, e la lampada Toio che ha inventato il ‘ready made’ e un modo nuovo di intendere il progetto industriale. In un mondo di design firmato che valore ha ancora oggi l’oggetto anonimo? È utile per capire che per fare qualcosa di bello e funzionale non serve un gran che. Qual è il tuo oggetto anonimo preferito e perché dal tuo punto di vista piacerebbe a Castiglioni? Il tagliere perché mi ricorda il vassoio di bicchieri di whisky (torbato) e ghiaccio che Achille offriva ai collaboratori.

Courtesy Archivio Fondazione Achille Castiglioni

Ferruccio Laviani — “Il suo modo di progettare riusciva a coniugare uno spirito creativo libero, al di fuori di schemi prefissati, e una coerenza funzionale e tecnologica corretta e innovativa”


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ICONE

Philippe Starck — “Un mago capace di dare forma all’inimitabile. Il pezzo che preferisco? Lo sgabello basculante Sella: impossibile fare meglio con meno”

Quando e come hai conosciuto Achille? Sulla terrazza di Villa Malaparte a Capri. Me lo ricordo come un momento magico. Qual era, dal tuo punto di vista, il tratto unico, eccezionale del design di Achille Castiglioni? L’indiscussa eleganza nel dare il massimo riducendo al minimo la materia. Era il dio dell’hardware. A quale ricordo personale associ questa immagine? Era il 1975. Non dimenticherò mai quel giorno perché Castiglioni è stato davvero molto gentile ed educato: mi disse che mi considerava come il suo figlio spirituale. Per me è stato uno choc e al tempo stesso il più grande onore della mia vita. Quale dei suoi insegnamenti hai messo in pratica nel tuo modo di progettare? 62

ELLE DECOR

Niente lusso, solo libertà. Quale dei suoi progetti di design è il tuo preferito e perché? Sella, lo sgabello basculante con il sellino della bicicletta disegnato per Zanotta: meno di così è quasi impossibile. In un mondo di design firmato che valore ha ancora oggi l’oggetto anonimo? Ci ricorda con umiltà di guardarci attorno perché solo così si può intercettare ovunque la molta intelligenza diffusa. Qual è il tuo oggetto anonimo preferito e perché dal tuo punto di vista piacerebbe a Castiglioni? Ce ne sono così tanti, ma la graffetta è un buon esempio. È pratica da usare e utile per organizzare la scrivania: è quasi come un computer. Ed è figlia di Achille e Duchamp.

Courtesy Archivio Fondazione Achille Castiglioni

Uno scatto del giovane Philippe Starck con Achille Castiglioni. Era il 1975 quando i due si fanno fotografare insieme. Il loro primo incontro? Nella magica cornice di Capri.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ICONE

Grcic visita lo studio, ora sede della Fondazione, in un’estate del ’99 o 2000. Lo scatto del fotografo Ramak Fazel fissa l’emozione del designer di Monaco.

Quando e come hai conosciuto Achille? Era il 1997, in occasione del premio ‘Designer of the Year’ di Architektur & Wohnen, dovendo nominare un designer di talento scelse me. Mi parlava con un forte accento milanese, non capivo una parola, ma percepivo il suo affetto e l’incredibile charme. A quale ricordo personale associ questa immagine? A un caldo giorno d’estate tra il ‘99 e il 2000. Castiglioni, mi mostrava lo studio pieno di prototipi, modellini, oggetti. E per ognuno di questi aveva una piccola storia (spesso spiritosa) da raccontare, fondamentale per svelare la sua visione del mondo. Quale dei suoi insegnamenti hai messo in pratica? Era un designer appassionato, con una continua curiosità per le cose che lo circondavano e gli oggetti quotidiani. Ovviamente non posso avere lo stesso occhio, ma anche io provo a guardare 64

ELLE DECOR

con simpatia il mondo in cui viviamo, problemi inclusi. Quale dei suoi progetti è il tuo preferito e perché? Tra tutti Allunaggio del 1966, lo sgabello a tre gambe, omaggio al primo passo sulla Luna del ‘69. La scelta del colore verde, genere ‘marziano’, spiega molto della libertà e del suo umorismo. Che valore ha oggi l’oggetto anonimo? La sola differenza con un oggetto di design è che non ne conosciamo l’origine. Ma se fossimo capaci di ripercorrerne la nascita potremmo scoprire che sicuramente qualcuno l’avrà progettato, esattamente come accade per quelli di noi designer. Qual è il tuo oggetto anonimo preferito e perché dal tuo punto di vista piacerebbe a Castiglioni? Ho scelto un peso da 1 kg. Un oggetto efficace, che svolge la sua funzione in maniera semplice e senza sforzi!

Courtesy Archivio Fondazione Achille Castiglioni

Konstantin Grcic — “Aveva un modo di progettare ineguagliabile, una particolarissima capacità di pensare e rendere i progetti suoi, in maniera libera e aperta: mai prevedibile”


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ARTE E ARCHITETTURA

Kanaal Grande Poco distante dal centro di Anversa, il nuovo quartier generale del creativo Axel Vervoordt. Un complesso che fonde arte, architettura e una passione smodata per Venezia

Frederik Vercruysse / MILK decoration

di Filippo Romeo — foto di Frederik Vercruysse, Laziz Hamani, Jan Liégeois

66

ELLE DECOR


Frederik Vercruysse / MILK decoration

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Le maxi colonne di cemento degli ex silos caratterizzano lo spazio espositivo dedicato alle opere d’arte antica di Karnak. Pagina accanto, Vervoordt nella galleria d’arte contemporanea.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Wijnegem. A venti minuti di bicicletta dal centro di Anversa, nella periferia verde della città fiamminga scopriamo una vecchia distilleria riconvertita in un micro quartiere che fonde edifici industriali e nuova architettura, una corte verde, uffici, residenze, laboratori artigianali, studi di progettazione, gallerie d’alto antiquariato e spazi per l’arte contemporanea. L’idea, tanto ambiziosa quanto eterogenea, si concretizza in un tutt’uno inscindibile grazie al tocco del suo artefice, il collezionista, gallerista e interior designer belga Axel Vervoordt. È lui che ci guida nel cuore di Kanaal, appena inaugurato e già punto di riferimento per gli appassionati dell’arte attratti dagli eventi organizzati a ciclo continuo. “Da poco abbiamo tenuto proprio qui un mini concerto e a breve inaugureremo anche l’auditorium per spettacoli più importanti”, ci spiega Vervoordt sotto la strepitosa volta color porpora che costituisce ‘At the Edge of the World’, installazione site specific firmata Anish Kapoor. “Sono stato tra i primi estimatori di questo artista”, svela con un pizzico di soddisfazione. “Ho voluto collocare quest’opera al centro del quartiere. Ê il cuore di tutto il complesso ed è accessibile a tutti, perché l’arte va condivisa”. Poche parole che fanno emergere l’animo colto e generoso di un uomo che si è fatto da sé, iniziando giovanissimo a collezionare pezzi inestimabili scovati in tutto il mondo, fino a conoscere precocemente il successo internazionale. “Ho partecipato alla Biennale des Antiquaires nel 1982 al Grand Palais di Parigi. Non mi piacevano gli allestimenti pomposi degli altri galleristi così ho preferito presentare i miei pezzi in uno stand nudo, lasciando a vista il pavimento industriale e le pareti disadorne. Fu un successo reso possibile dal consenso di nomi come 68

ELLE DECOR

Yves Saint Laurent e Pierre Bergé, Rudolf Nureyev e Hubert de Givenchy”. Il resto è storia. Una storia che lega a uno stile unico, personalissimo, la capacità di trasmettere un’incontenibile passione per il bello: un’estetica che non è apparenza, ma profondità, anima e talento. Fondendo forza e calma, pieni e vuoti, forma e contenuto, colore e bianco e nero. “Non in un gioco di opposti, ma in un dialogo armonico tra le cose”, sottolinea. Ed è proprio l’armonia che caretterizza Kanaal, un intervento in cui vecchi edifici e nuove costruzioni si legano tra loro attraverso percorsi verdi e specchi d’acqua. In una sequenza architettonica che sembra citare le facciate ad archi acuti dei palazzi veneziani e i giochi di riflessi della Laguna. “Si tratta di un legame inscindibile”, conferma Vervoordt che da anni celebra, con le sue mostre a Palazzo Fortuny, un amore smisurato per Venezia. Ce ne parla nel suo studio privato, una sala circolare completamente rivestita di libri. “Siamo all’interno di uno dei silos per lo stoccaggio del malto”. Nei sotterranei, tra enormi colonne di cemento, che sembrano di epoca classica, scopriamo i reperti più antichi della collezione e, ambientate in ulteriori spazi circolari, installazioni di Marina Abramovich, Tatsuo Miyajima, Takis e Otto Boll: capolavori d’arte contemporanea che contribuiscono a dare spessore a questo sorprendente lavoro di stratificazione tra presente e passato, attenzione alla memoria e spinta verso il futuro. Intorno, oltre il canale della Schelda che delimita il complesso, si intravede il paesaggio pallido e silenzioso della campagna e, più in là, le guglie della cattedrale di Anversa. — axel-vervoordt.com

Jan Liégeois

ARTE E ARCHITETTURA


Jan Liégeois

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

La facciata stratificata di uno degli edifici residenziali. Pagina accanto, vista di Kanaal dal ramo della Schelda che delimita il quartiere costituito dalla ex distilleria con i silos convertiti in residenze e uffici.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ARTE E ARCHITETTURA

“La grande opera di Anish Kapoor e i lavori di Kazuo Shiraga sono collocati in ambienti separati tra loro, legati da un fil rouge immaginario”

Laziz Hamani

Axel Vervoordt

70

ELLE DECOR


Jan Liégeois

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Il cuore di Kanaal è rappresentato dall’installazione permanente ‘At the Edge of the World’ di Anish Kapoor, 1998. Pagina accanto, sotto il lucernario, ‘Suiju’, opera dell’artista Kazuo Shiraga, 1985.


La sala riunioni dello studio privato di Axel Vervoordt, ricavata in uno dei cilindri dei silos. Pagina accanto, un dettaglio dell’esterno contraddistinto dalle nuove aperture delle residenze.

Jan Liégeois

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Frederik Vercruysse / MILK decoration

ARTE E ARCHITETTURA

73

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DESIGN&CRAFT

Carpet Fever Una passione sconfinata trasforma l’antica arte tessile in un nuovo codice estetico. Senza nostalgia con un pizzico di fantasia. Entriamo nel mondo di cc-tapis di Rosaria Zucconi — testo di Murielle Bortolotto foto di Alberto Strada

Nello spazio di piazza Santo Stefano vicino all’Università Statale di Milano sorride la designer Elena Salmistraro davanti alle sue ultime creazioni, Cartesio Outline e Cartesio. In total black anche il tavolo di Desalto.

77

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DESIGN&CRAFT

In alto, da sinistra in bilico tra artwork e arazzo, Lanolin di Daniele Lora. A destra, sofisticate variazioni cromatiche per Bliss, firmato dalla designer olandese Mae Engelgeer, in lana himalayana e seta. Accanto, Steve crea nuovi moodboard. Il grigio delle pareti e del pavimento, realizzato con Kerakoll Design House, fanno da cornice alle collezioni.

78

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Lo spazio espositivo si sviluppa su due livelli. A due passi dalla milanese Università Statale, una scatola neutra con soffitto originale a cassettoni. Una scelta estetica che fa risaltare le cromie e le texture di tappeti esposti come arazzi contemporanei

79

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

DESIGN&CRAFT

La loro filosofia sposa tradizione e innovazione. Appuntamento nel cuore di Milano per ammirare le creazioni d’autore interamente annodate a mano da esperti artigiani tibetani

Un ritratto dei tre fondatori di cc-tapis, cuori pulsanti del giovane brand. Da sinistra Fabrizio Cantoni, sua moglie Nelcya e Daniele Lora, socio e art director. Alle loro spalle, Eyes in Chains, il tappeto di Federico Pepe disegnato per Spazio Pontaccio collection.

Italiano, Fabrizio Cantoni, mezza francese e mezza persiana, la moglie Nelcya. Sono gli ideatori di cc-tapis, una storia, la loro, che arriva da lontano. Coup de foudre durante gli studi nella scuola alberghiera, dove si sono conosciuti per poi trasferirsi a Strasburgo, vicino al negozio di tappeti persiani paterno. Da qui parte la svolta. Apprese le tecniche di lavorazione e la qualità dei pregiati filati tessili, nasce l’impulso di trasferire sulle superfici nuovi motivi più in sintonia con la loro visione. Si torna in Italia. Affiancati da Daniele Lora, art director e socio, decidono di coinvolgere progettisti del calibro di Patricia Urquiola, Ludovica + Roberto Palomba, Garth Roberts, Faye Toogood, Martino Gamper, Christophe Delcourt. Nasce una produzione instancabile che cresce nell’arco degli ultimi anni e che comprende, per il momento, sei collezioni: Signature, Contemporary, Oldie, Traces de memoire, Dipped, Architectural, oltre all’ultima nata Metroquadro firmata, tra gli altri, da Eligo Studio e Leonardo Talarico. Il successo è assicurato. Ma non è solo design, le loro creazioni tessili sono interamente annodate a mano da esperti artigiani tibetani, in Nepal. Con grande rispetto per i materiali e la cultura che si riflette nell’approccio eco-friendly di ogni fase produttiva. “Nel 2015 abbiamo fondato la onlus cc-for education, con lo scopo primario di garantire l’istruzione ai figli degli annodatori che ogni giorno mettono a disposizione abilità e know-how per ideare tappeti unici nella factory di Kathmandu”, ci raccontano con orgoglio. Alle fiere imm cologne e Maison&Objet di Parigi hanno appena presentato due nuove proposte disegnate dalle giovani designer Elena Salmistraro e Federica Biasi. “La prima ha preso spunto da ‘Flatlandia’, il racconto fantastico scritto dal teologo britannico Edwin A. Abbott nel 1884. Un gioco di tessiture fatto di triangoli, linee, cerchi e quadrati che sovrapposti danno vita a volti di famosi matematici, da Cartesio a Pitagora”, spiegano. “La seconda, invece, ha disegnato Óm, tappeto che racchiude sulla superficie i colori magici del deserto notturno marocchino”. I progetti per il Salone del Mobile 2018? “Per il momento non ci vogliamo sbilanciare”, ridono. Ma aspettiamoci una collezione, realizzata in lana himalayana abbinata alla seta, fatta di cromatismi sofisticati, texture materiche, pattern inediti e tonalità strabilianti. — cc-tapis, piazza Santo Stefano 10, Milano, tel. 02 89093884, cc-tapis.com

80

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

La corte interna dell’edificio modernista, progettato da Homez nel 1927 e rinnovato da Xavier Lust nel suo quartier generale. Pagina accanto, il designer, sul divano-scultura Volupté.

82

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ELLE DECOR INCONTRA

Xavier Lust A Bruxelles, la casa-studio-showroom del designer belga. Dove tutto, progetto, arredi e atmosfera, rispecchia il suo carattere. Un biglietto da visita in versione blow up testo di Francesca Molteni — foto di Giorgio Possenti

83

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nella sala da pranzo, S-Table Bronze e sedia T-chair in alluminio, sospensione Fireworks per Driade. A parete, specchio Blob IV e opera di Philippe Pasqua. Pagina accanto, la facciata su strada dello studio-atelier.

84

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ELLE DECOR INCONTRA

Xavier Lust cercava proprio questo, a Bruxelles. Una casa che fosse anche studio, atelier, galleria. Un quartier generale nel comune di Ixelles, cuore della vita culturale a sud della città, dove artisti, studenti e liberi pensatori trovano rifugio, come Karl Marx, che nella sua casa di rue d’Orléans ha redatto il ‘Manifesto del Partito Comunista’ nel 1847-48. Quasi un destino per il designer belga, le cui iniziali, XL, si pronunciano in francese come Ixelles, il quartiere. “Dovevo vivere qui”, racconta, “è più interessante del centro e dei quartieri residenziali. La casa è eccezionale per Bruxelles, con la sua facciata lunga 11 metri e mezzo”. L’edificio modernista, progettato nel 1927, era una stamperia, anzi una ‘Imprimerie des Sciences’, come è scritto con lettere in bronzo sulla porta. E il nonno di Xavier era, curiosamente, uno stampatore. Il destino, ancora. Ci sono voluti due anni di lavori per terminare i restauri, et voilà, la maison XL! “L’illuminazione è vitale e qui arriva dall’alto, zenitale, inonda gli spazi”, dice. “Abbiamo modificato i lucernari a cupola e adesso si può finalmente camminare e utilizzare la terrazza, i giochi di luce cambiano a seconda della stagione, sono molto contento di questo intervento”. Tutto è organizzato secondo un percorso, fluido e continuo, tra il luogo di lavoro e gli ambienti privati. Il piano inferiore è multifunzionale, accoglie lo studio, lo spazio espositivo e la sala posa. La casa si estende dal piano terra al secondo, ed è organizzata secondo un impianto tradizionale, con stanze dedicate alla vita della famiglia. Gli arredi sono tutti disegnati da Xavier, che in 25 anni di carriera ha collaborato con tante aziende, molte italiane – De Padova, Cerruti Baleri e Driade, per citarne alcune –, ma ha anche realizzato pezzi unici ed edizioni limitate per gallerie come Carpenters Workshop, Galerie du Passage, Nilufar e Ralph Pucci. “Sono autodidatta, in un certo senso”, continua, “ho la mia filosofia e il mio metodo di lavoro, conosco la storia del design, ovviamente, ma non guardo molto quello che succede nel nostro mondo”. Nel 2000 il suo lavoro viene notato al SaloneSatellite ed è l’occasione per cominciare a collaborare con l’industria italiana. Da lì nasce uno dei suoi pezzi più iconici, la panca in alluminio curvato Le Banc, prodotta da MDF Italia. “Con macchine semplici, si può avere la (de)formazione in 3D. Non è stata una rivoluzione tecnologica, ho inventato un modo nuovo di usare la tecnica”. Questa linea metallica lo ha ispirato nei progetti successivi, presentati nella ex stamperia, come S-Table, in bronzo, un’edizione limitata di 12. oggetti che attraversano il tempo, forme assolute che nascono dal movimento e si ritrovano anche qui, in un racconto di sé che attira da altri Paesi e continenti collezionisti e galleristi curiosi, ma è anche la casa degli affetti, della compagna e del loro bimbo Noè, un anno appena compiuto. Perché, da designer, ha sempre lavorato dove ha vissuto, senza soluzione di continuità tra la famiglia e lo studio, l’esporsi e il ritrarsi. Tutto sembra semplice, in fondo, in questi spazi, ma niente è lasciato al caso. Poche opere d’arte, ben scelte, come la litografia di Josef Albers che lo accompagna da tanti anni, nelle case della sua vita, o il disegno dell’artista francese Philippe Pasqua. Vuoti e pieni, pareti e finestre, dentro e fuori giocano in un sottile equilibrio che nasce dai contrasti. Come raccontano gli occhi di Xavier, in perenne tensione tra movimento e quiete. — xavierlust.com

Due anni di lavori per terminare la maison XL, quartier generale nel quale Xavier Lust ha scelto di vivere, a stretto contatto con il suo studio e l’atelier-galleria di design

85

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ELLE DECOR INCONTRA

86

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nello spazio espositivo, libreria Oxymore per De Castelli, tappeto berbero, console Continents per Nilufar, sedia Archiduchaise, sgabelli XST e Floral Stool di cuoio. Pagina accanto, la corte che dà sullo showroom.

87

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ADDRESS

Total fusion Affacciato sul Naviglio Grande apre Huan. Atmosfera elegante e conviviale per un bistrot milanese dove Oriente e Occidente si incontrano all’insegna del melting pot di Francesca Benedetto — foto di Nathalie Krag

L’oriental bistrot Huan animato da un mix multicolor di poltroncine vintage che creano piccoli angoli di conversazione. Il pavimento è stato dipinto a mano dall’artmaker Silvia Moro.

89

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Dall’alto, in senso orario, un angolo Anni 50 con poltroncine nei toni del verde e del melanzana. Il tavolo conviviale in legno grezzo con base in metallo è su disegno. Sedie Cargo, vetrina di recupero e lampade da terra di Davide Groppi. Il piatto ‘Giardino Zen’, esplosione di colore e sapori. Pagina accanto, il cocktail bar e la cucina a vista, con lo chef alla preparazione dei piatti.

90

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

© Lorem Ipsum dolor

ATTUALITÀ ADDRESS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ADDRESS

Da sinistra, la parete in vetroresina illuminata del bar riprende la scansione dei mattoni, lasciati a vista in tutto lo spazio e dipinti in blu pavone. L’architetto Antonio Brizzi, dello studio Brizzi + Riefenstahl, che ha firmato il progetto del bistrot Huan. L’illuminazione è curata da Ambra Milione e Monica Patroni.

L’ideogramma ‘Huan’ in cinese significa miraggio, sogno a cui si tende, illusione concreta. E riassume lo spirito del nuovo oriental bistrot, appena aperto sui Navigli, centro della movida milanese. All’ora dell’aperitivo la clèr si alza e inaspettatamente svela ai passanti la cucina, con un giovane chef intento a realizzare piatti creativi simili a piccole opere d’arte. Il cocktail bar, con la parete in vetroresina retroilluminata e la linea dorata del bancone, invita al drink e alla scoperta di una selezione di inediti ‘Dim Sum’, i tradizionali piccoli assaggi cinesi rivisitati in versione by night. Ma è lo spazio che si sviluppa oltre l’ingresso scenografico il vero cuore del locale, magnetico, quasi onirico. Attratti dall’atmosfera avvolgente viene voglia di proseguire l’esperienza e di fermarsi per la cena. Il progetto, firmato da Antonio Brizzi con Mihaela Stoica, dello studio Brizzi + Riefenstahl, si presenta come un volume profondo, a pianta rettangolare, ritmato da archi e colonne e animato da piccoli salottini Anni 50. “Raccontare un contenuto orientale in un contenitore occidentale è stata una sfida interessante”, ci spiega Brizzi. “Ma anche l’occasione per esprimere il nostro linguaggio progettuale attraverso il tema dei contrasti: il pieno e il vuoto, il finito e l’imperfetto, il lucido e l’opaco, la materia e il sogno. Con l’aggiunta di un tocco di esuberanza”. Le pareti in mattoni a vista, dipinte in blu pavone, creano l’effetto di una scatola avvolgente e materica. Protagonista assoluto è il pavimento, una vera opera d’arte realizzata a mano dalla decoratrice Silvia Moro che ha ripreso i motivi floreali delle sete cinesi. Su questo ‘tappeto’ prezioso, protetto da una resina trasparente, una selezione di poltroncine vintage, scelte nei toni del verde salvia, melanzana e arancio carico e accostate 92

ELLE DECOR

con disinvoltura ai tavolini bassi in ottone. Ai due angoli opposti dello spazio scopriamo gli unici due tavoli conviviali, più ampi e tondi. Le lampade Sampei di Davide Groppi, flessuose e leggere come canne di bambù, diffondono una luce d’atmosfera. Un mood complementare all’esperienza del cibo, che parte dalla tradizione per trasformarsi in qualcosa di diverso, fatto di tanti piccoli assaggi e di altrettante piccole emozioni: intimità, condivisione, internazionalità. Nel menù, che segue l’alternanza delle stagioni, tante proposte dai nomi accattivanti come ‘Let’s tango’ o ‘Perle del mio orto’, esprimono l’incontro tra la cucina cinese e le materie prime italiane. Così il tradizionale petto d’anatra è servito con salsa di cachi e soia, cipolle borettane, okra e sesamo. E la crema di riso, decorata con verdure di stagione e scaglie di tartufo nero, prende le sembianze e il nome di ‘Giardino Zen’. Come i piatti, anche la squadra di Huan nasce dalla sintesi di storie e culture diverse. Lily Liu, imprenditrice cinese cosmopolita, e Riccardo Capua, proprietario di una tenuta vitivinicola vicino a Saturnia, sono i soci fondatori. La manager di sala Giada Wang, cinese, collabora con lo chef Giorgio Bresciani, di origini campane, per la scelta dei piatti. Al cocktail bar, Federico Briarava propone drink dall’insolito twist asiatico. Un team giovane ma esperto, che conosce bene Milano e porta in città un entusiasmo prezioso proveniente da latitudini diverse. E recupera antiche tradizioni di famiglia per inventare una nuova formula di accoglienza e ristorazione. Sofisticata ma informale, eclettica e flessibile. – Huan, via Ripa di Porta Ticinese 69, Milano huanmilano.com +elledecor.it


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

Anversa Musei dei maestri fiamminghi e progetti di big come Zaha Hadid e Vincent Van Duysen, ma anche concept store di culto e stilisti di fama mondiale, chef stellati e locali trendy. La meta ideale del prossimo weekend di Kristina Raderschad — testo di Laura Maggi — foto di Christian Schaulin

città in vista

94

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Anversa si rivela da uno dei livelli più alti del Museum aan de Stroom, progettato da Neutelings Riedijk Architects. Da qui si dominano il centro della città, la cattedrale e il porto. (mas.be/nl).

95

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

Sopra, da sinistra, il MAS, Museum aan de Stroom, completato nel 2010, è il più grande della città di cui racconta la storia nelle sue sale. Alto 60 m, è situato lungo il fiume Schelda. Le aree aperte al pubblico sono usate anche per eventi musicali e kermesse (mas.be/nl). Il St. Vincents, concept store con galleria d’arte e spazio gourmet in un’ex tipografia (stvincents.co). Sotto, da sinistra, una camera dell’Hotel Pilar, edificio total white con 17 camere super colorate nel quartiere Het Zuid (hotelpilar.be); Henri Delbarre e Geraldine Jackman, i proprietari del St. Vincents; la nuova Port House, firmata da Zaha Hadid Architects, sede dell’autorità portuale di Anversa (portofantwerp.com/en).

“Una città piccola con molte cose. La bellezza sta proprio nella sua dimensione che ti rende parte di essa con molta facilità” Geraldine Jackman, imprenditrice 96

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

“Un flusso palpabile di design e cultura attraversa Anversa che rimane amichevole e semplice. Con l’allure cosmopolita” Vincent Van Duysen, architetto

Sopra, da sinistra, l’architetto Vincent Van Duysen ritratto nel suo studio (vincentvanduysen.com); il living dell’appartamento annesso al concept store Graanmarkt 13. Progettato da Van Duysen per i proprietari Tim Van Geloven e Ilse Cornelissens, si può ora affittare per brevi o più lunghi periodi (graanmarkt13.com). Sotto, da sinistra, la libreria Copyright nata 25 anni fa e specializzata in arte e architettura. Anche qui, l’interior design è di Vincent Van Duysen (copyrightbookshop.be/nl); Lies Vangeel di VonYellow, P.R. del Graanmarkt 13 e uno scorcio dello store che accoglie sotto lo stesso tetto di un edificio di inizio Novecento brand di design e beauty, un ristorante e l’appartamento.

98

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

La sala da tè che Sophie Verbeke e Julien Burlat hanno aperto al piano superiore della loro Cuisinette Domestic di Lange Gasthuisstraat 5, nel centro città. Il British High Tea with a Twist è servito nelle due sale, una rosa, l’altra gialla.

100

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

Sopra, da sinistra, uno dei landmark urbani, il Palazzo di Giustizia realizzato dallo studio Rogers Stirk Harbour + Partners e concepito sia come nuovo ingresso alla città, sia come collegamento attraverso l’autostrada tra il centro di Anversa e il fiume Schelda; il bed&breakfast Yellow Submarine con solo tre camere ma top di gamma (yellowsubmarine.be/bedandbreakfast.html). Sotto, da sinistra, la boutique di moda Coccodrillo, con un progetto di interior design di Glenn Sestig, occupa 250 mq distribuiti su due piani (coccodrillo.com); Maarten Van Gool e Stijn Geeraets, della direzione dello spazio di coworking Fosbury and Sons, con la figlia Blanche; la boutique di Dries van Noten, un membro del famoso gruppo di stilisti Antwerp Six degli Anni 80 (driesvannoten.be).

“Anversa è un gioiello nascosto nel cuore dell’Europa. Con una vivace scena culturale e intellettuale e un grande potenziale” Stijn Geeraets, direttore Fosbury & Sons 102

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ITINERARIO

Sopra, da sinistra, lo chef Frédéric Chabbert del ristorante Dôme, alta gastronomia in un interno Art Nouveau (domeweb.be); la stazione ferroviaria e la sua architettura Jugendstil; la Tim Van Laere Gallery, spazio di punta per l’arte contemporanea (timvanlaeregallery.com).

Tagliata in due dallo Schelda, Anversa è la seconda città del Belgio per grandezza, il porto fluviale più importante del Paese e la capitale cool grazie alla vibrante scena della moda, che ogni weekend attira folle di fashion victim dalle vicine Parigi, Londra e Bruxelles per fare shopping sfrenato. Protagonisti L’architetto Vincent Van Duysen è nato in città, qui ha lo studio ed è onnipresente con i suoi progetti. Ha firmato l’Hotel Julien, aperto nel 2004, e ancora oggi il miglior posto dove alloggiare ad Anversa, e anche il Graanmarkt 13 che ospita sotto lo stesso tetto negozio, ristorante gestito dallo chef Seppe Nobels e un appartamento-showroom-foresteria in origine residenza dei proprietari. Arte e architettura Famosa per aver dato i natali ai grandi maestri della pittura fiamminga, uno su tutti Antoon van Dyck, Anversa ospita istituzioni artistiche di livello come la casa-atelier di Rubens e il MAS, Museum aan de Stroom, progettato dalle star olandesi Neutelings Riedijk Architects. Il ricco portfolio di landmark architettonici della città vanta dai tesori Art Nouveau di Zurenborg a esempi classici del Modernismo come la Torre della Polizia Oudaan degli Anni 60 di Renaat Braem, alle icone di oggi come l’estensione della Port House, nota come The Diamond di Zaha Hadid. Quartieri trendy La riqualificazione dell’area portuale di Het Eilandje ha dato vita a una zona vivace, costellata di bar e ristoranti come il Paniek a Kattendijkdok-Oostkaai. I quartieri di Sint-Andries e Zuid attraggono con boutique e gallerie d’arte quali la Tim Van Laere Gallery e concept store come Graanmarkt 13 o St.Vincents, che offrono un mix di creazioni made in Belgio e moda internazionale, oltre a pezzi di design difficilmente reperibili altrove. Moda e shopping Negli Anni 80 l’affermarsi sulla scena internazionale del gruppo di stilisti Antwerp Six, tra cui Ann Demeulemeester e Dries Van Noten, ha collocato di diritto la città nella mappa della moda d’avanguardia e ha portato alla creazione del ModeNatie, che nel cuore 104

ELLE DECOR

di Anversa accoglie il Fashion Department della Hogeschool Antwerpen, il Flanders Fashion Institute e il MoMu Fashion Museum, oltre alla libreria Copyright firmata da Van Duysen. Dalla Royal Academy of Fine Art, invece, sono usciti grandi nomi della moda tra cui Martin Margiela e Kriss Van Assche. Poco lontano, su Nationalestraat, Bruno Pieters ha aperto il flagship store del marchio Honest By, progettato con l’architetto Erik Ronge. Concept store Geraldine Jackman e Henri Delbarre, rispettivamente economista e avvocato, hanno inaugurato St.Vincents, un ibrido tra negozio, spazio gourmet e galleria d’arte in un’ex tipografia vicina a Kleine Markt, con una selezione attenta di “oggetti raffinati, onesti e genuini con il potenziale di resistere al tempo, sia nella qualità che nel design”, spiegano. Coworking Nel 2017 nel Groen Kwartier (accanto al ristorante a due stelle The Jane dello chef Sergio Herman, nella cappella di un ex ospedale militare) ha aperto il PAKT, con uffici, spazi comuni, bar e ristorante, giardini pensili e orti botanici dove si coltivano erbe e verdure. Anche la torre modernista Watt di Léon Stynen del 1958 è stata trasformata in un enorme coworking a opera di Maarten Van Gool, Stijn Geeraets e Serge Hannecart, con galleria d’arte, biblioteca e ristorante firmati dallo studio di interior design Going East di Anaïs Torfs e Michiel Mertens. Food Quindici anni fa l’ex stilista di Dries Van Noten, Sophie Verbeke e il marito chef Julien Burlat hanno aperto il ristorante Dôme e trasformato uno degli edifici più suggestivi del quartiere Liberty di Zurenborg in una meta gastronomica di fama internazionale. Oggi è diretto da Evangeline e Frédéric Chabbert con un delizioso menù che cambia a seconda della stagione e dell’umore. Verbeke e Burlat hanno invece appena aperto il primo salone da tè di Anversa, al piano superiore della loro Cuisinette Domestic su Lange Gasthuisstraat, dove viene servito l’ormai celebre British High Tea with a Twist. —


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

VIEW [Febbraio 2018]

118 L’ORO DI NAPOLI. La passione per l’arte, la musica, la letteratura e il teatro si respira in un interno dai tratti nobiliari ridisegnato con sensibilità contemporanea dall’architetto Giuliano dell’Uva. 130 SFIDA TRA IL DESIGN DI OGGI E DI IERI. Ambienti aulici riletti tra luce e ombra nell’abitazione milanese di David Lopez Quincoces e Fanny Bauer Grung. 142 LO SPAZIO SCOLPITO. Forme autorevoli e geometrie essenziali esaltano i volumi liberi di una villa con giardino a Francoforte. Nell’interpretazione dell’interior designer Joseph Dirand. 150 DUBAI DELUXE. Firmato dallo studio Antonio Citterio Patricia Viel, l’ultimo gioiello della collezione di hotel Bulgari: un resort concepito come un villaggio mediterraneo, destinato a diventare una meta irrinunciabile del Golfo Arabico. 117

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

L’ORO DI NAPOLI La passione per l’arte, la musica, il teatro e la letteratura si respira in questi interni dai tratti nobiliari ridisegnati con sensibilità contemporanea di Rosaria Zucconi — foto di Andrea Ferrari

118

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nel vestibolo d’ingresso, pavimento finto marmo, inizi ’800. Pagina accanto, Emmanuela Spedaliere nella veranda dello storico Palazzo Oneto Maglione. Direttore delle relazioni istituzionali e del marketing del Teatro San Carlo, ama ricevere a casa.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Visibile dalla vetrata, la cucina mimetizza la funzione grazie alla sottile libreria in ferro a tutta parete, su progetto dell’architetto Giuliano dell’Uva. Tavolo di Borsani per Tecno, sedie di Carlo De Carlo. Isola in granito, su disegno, con lampada di Viabizzuno.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

121

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nella sala da pranzo, una nuova base scultorea per il grande piano in marmo recuperato da un tavolo ’800. Sedie vintage, design Afra e Tobia Scarpa per Gavina. A parete, una importante opera di Michele Guido, courtesy Galleria Lia Rumma, Napoli.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

123

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

124

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

In camera da letto, opera di Kenta Nakamura. Tavolini Anni 60, design Edoardo Gellner per il Villaggio Eni a Borca di Cadore. Pagina accanto, la facciata interna di Palazzo Oneto Maglione, nell’800 teatro di un importante circolo culturale.

125

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

In salotto, di Antidiva, divano da centro stanza ispirato agli arredi dei foyer. Sul tavolino vintage, una scultura di Melina Pignatelli. Sulla mensola in ottone e acciaio Anni 70, vaso di Isi e disegno di William Kentridge. Lampada vintage, design di Vico Magistretti per Artemide, 1968.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

L’antica tradizione napoletana dei concerti in casa ha fatto incontrare gli attori di questo progetto. Emmanuela Spedaliere conosce Giuliano dell’Uva in occasione di un evento musicale da lei organizzato nella terrazza sul mare dei genitori di Giuliano. Colpita dalla personalità del giovanissimo architetto lo invita, per consigli, nella sua nuova abitazione in via Nicotera, nel cuore di Napoli. Nell’Ottocento, in questi appartamenti nobili, Teresa Oneto e Benedetto Maglione avevano creato uno dei cenacoli culturali più frequentati d’Europa, attorno alla ricca biblioteca e ai concerti organizzati nella loro casa. Racconta Emmanuela: “La passione per la musica da camera ha accompagnato le tante rassegne musicali da me ideate e organizzate in tutta Italia, guidandomi in maniera naturale verso il teatro più bello del mondo, il San Carlo, nel ruolo di direttore delle relazioni istituzionali e del marketing. L’intenso lavoro, fianco a fianco con la sovrintendente Rosanna Purchia, una donna intelligente e di grande esperienza teatrale, mi riempie la vita. Malgrado le forti responsabilità, la magia del teatro e la bellezza del luogo mi danno ogni giorno la giusta carica e la consapevolezza che nessun altro lavoro sarebbe stato più gratificante. In questo percorso una breve parentesi della mia vita, altrettanto entusiasmante, è legata a Firenze e a Palazzo Vecchio dove ho curato il Cerimoniale e le relazioni internazionali. Con mio marito Salvino Sorrentino, avvocato, amiamo condividere i nostri spazi con tanti ospiti del mondo della cultura, nelle serate dopo spettacolo al San Carlo. Incontri stimolanti in un’atmosfera rilassata e conviviale”. Il nuovo progetto di ristrutturazione di Giuliano dell’Uva, dopo il primo intervento fatto di semplici correzioni, non poteva che partire dallo stile di vita dei padroni di casa. Spiega l’architetto: “L’ingresso all’abitazione conserva una forte connotazione storica grazie alla scoperta di un soffitto ligneo ricoperto da carte policrome, risalente a fine XVII sec. e sapientemente restaurato da Paola Castellano. Il vestibolo comprende la veranda ottocentesca affacciata sul giardino e si collega alla cucina che, in una casa così grande, appare in maniera inconsueta ancor prima degli spazi di rappresentanza inondati di luce. Se nella stanza adiacente un tempo c’era la biblioteca, oggi questa viene anticipata da una libreria a tutta parete che campeggia all’interno della cucina. E, osservata dalla grande vetrata, mimetizza la sua funzione, perfetta sintesi tra presente e passato. ll pavimento, una scacchiera a finto marmo inizi Ottocento, smorza la sua forza decorativa nell’incontro con la resina bianca della zona cottura, ampliata con altri spazi funzionali e meno alla vista. Spostando un armadio Anni 30 — con l’idea di creare un’apertura con l’attuale sala da pranzo per dare più luce — abbiamo scoperto un interessante lambris che riproduce un finto marmo. Restaurato, e inquadrato da un pannello dipinto di verde, il gesto decorativo sopravvissuto negli anni testimonia un frammento della storia di questa casa. Pannelli, fogli in gesso dalle leggere scanalature, si vanno a sovrapporre alla struttura antica. Come segni del presente”. —

127

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nella zona notte padronale, che comprende anche una biblioteca con caminetto, sono evidenti i segni del presente introdotti dal progetto dell’architetto dell’Uva: fogli in gesso e pannelli che si sovrappongono alla struttura antica. Poltrona di Borsani per Tecno, pavimento di Rezina.

129

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

SFIDA TRA IL DESIGN DI OGGI E DI IERI. AMBIENTI AULICI RILETTI TRA LUCE E OMBRA di Rosaria Zucconi — foto di Alberto Strada

Coppia glamour del mondo del design e dell’architettura milanese, Fanny Bauer Grung, norvegese nata a Parigi e cresciuta a Roma, con David Lopez Quincoces, spagnolo di Madrid, nello studio della casa di Milano. Pagina accanto, perfettamente inserito nel bow window, il tavolino Elliptical, design Charles & Ray Eames per Vitra, con la lampada Taccia, design Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Flos.

130

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nello studio, una coppia di poltroncine PK22 in midollino di Fritz Hansen, tavolini su disegno di Gio Ponti provenienti dalla SG Gallery Milano di Sharon Goldreich. Mensole in ferro su progetto, a parete opera ‘Untitled Views’, delle artiste Goldschmied & Chiari, immagini in vitro integrate su una superficie specchiante. Di Altai il tappeto Kilim, Anatolia Orientale, in lana di pecora.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

133

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

“IN CITTÀ VIVERE IN UN PALAZZO D’EPOCA HA UN SAPORE SPECIALE. I VOLUMI IMPORTANTI, LA LUCE GENEROSA, I SEGNI DEL PASSATO DANNO UN SENSO DI PROTEZIONE” David Lopez Quincoces

Nel soggiorno davanti al vecchio banco da falegname, due poltrone vintage, design Peter Hvidt della galleria Be Modern. Pagina accanto, tavolo Ferro, design Piero Lissoni per Porro, accostato a sedie Anni 60 di Giuseppe Gibelli. Sulla parete un’applique vintage di Ingo Maurer, di Six Gallery.

134

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

136

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Nello spazio aulico e importante del soggiorno spicca la libreria disegnata da Pietro Russo, alta più di quattro metri. Davanti, una coppia di Fauteuil de Salon design Jean Prouvé per Vitra. Oltre i due archi, il corridoio verso la zona notte che si affaccia sulla corte, sottolineata dal colore grigio scuro; a sinistra, lampada Parentesi di Castiglioni per Flos. Di Altai il tappeto berbero Reamna in lana.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Il colpo di fulmine tra Fanny Bauer Grung e David Lopez Quincoces, coppia vincente nel mondo del design e dell’architettura, non è scattato nello studio dell’architetto Piero Lissoni dove entambi lavoravano, totalmente immersi in progetti diversi. Ma qualche anno più tardi, durante un evento del Fuorisalone, quando scoprono di sentirsi stranieri a Milano, di aver condiviso lo stesso percorso di studi, prima in arte e poi in architettura, di voler vivere e fare esperienze in Italia. La conferma che davvero sono fatti l’uno per l’altra avviene durante la visita in questo elegante palazzo d’epoca milanese, proposto da Fanny in vista del trasloco dal loft, ristrutturato da David con piglio rigoroso. David: “Mi ha messo in trappola”, ricorda con ironia e tenerezza, “non potevo dire di no. Era la casa perfetta per noi. In quel momento, insieme, abbiamo respirato la sua bellezza, la luce, l’affaccio sul verde del Parco Sempione, i volumi importanti, aulici. In città è un privilegio abitare in una casa d’epoca, perché ha un sapore speciale. Questo appartamento aveva già una doppia atmosfera, la parte giorno è un susseguirsi di stanze molto luminose su strada, la parte notte, più in ombra, si affaccia sul cortile. Da qui la scelta di sottolineare gli ambienti in piena luce con il tutto bianco, mentre il corridoio, la cucina e la camera da letto sono scatole dipinte di grigio scuro, calde e avvolgenti. In questo magnifico involucro architettonico, abbiamo aperto un serrato dialogo tra il design attuale e tanti mobili e oggetti che sono entrati in relazione con la nostra vita, hanno viaggiato con noi, conservano preziosi ricordi. Per me il lavoro è una scelta di vita, totalizzante. Sin dal primo momento nello studio Lissoni mi sono sentito molto motivato. Ogni progetto trasmette una sollecitazione extra che ti porta a crescere per raggiungere un limite oltre il quale pensi, sbagliando, che non ci sia margine di miglioramento. Accanto a Piero Lissoni ci si abitua a mantenere un livello di sfida altissimo. Devi continuamente superare te stesso per raggiungere quella maturità che consente una visione completa del progetto sin dalla prima fase. L’architettura esige tempi lunghi, dopo 10/15 anni di impegno si può pensare di essere maturi. Nel design, a cadenza annuale, bisogna evitare le insidie del fattore moda, puntando su una qualità durevole”. Fanny: “David corre veloce, da un progetto all’altro, instancabile, entusiasta. Io lo affianco e proseguo il percorso, con tenacia e attenzione, prendendomi cura del rapporto con i committenti. Siamo complementari in tutto, ci unisce la stessa capacità lavorativa e la stessa visione estetica. Abbiamo iniziato, da casa, a progettare insieme, poi in un piccolo studio e oggi, finalmente, in un bellissimo spazio dedicato alla nostra crescita. Nascosto in un silenzioso cortile milanese, il nostro studio Quincoces-Dragò & Partners, ci permette di intrecciare più facilmente vita privata e lavoro in un pensiero unico che ci tiene legati. È uno studio-incubatore di idee che comprende la SixGallery, una vetrina di pezzi vintage scelti per la bellezza del design, non necessariamente firmato, e per quella patina di vissuto che rende personale e unico l’arredo di una casa. Accanto a queste proposte anche arredi di design su progetto dello studio, prodotti in modo libero e autonomo, frutto delle nostre lunghe relazioni ed esperimenti con fabbri, falegnami e artigiani diversi. Un progetto che ha come obiettivo un design atemporale, essenziale, dalle forme pure, non troppo protagonista né aggressivo. Equilibrato”. —

“DAVID CORRE VELOCE. IO LO SEGUO CON IL PASSO DA MARATONETA. UNITI DALLA STESSA VISIONE ESTETICA E DALLA STESSA CAPACITÀ LAVORATIVA, SIAMO MAGICAMENTE COMPLEMENTARI”

Pagina accanto, nell’ampio soggiorno il comodo e avvolgente divano Chemise XL, design Piero Lissoni per Living Divani. Lampada Arco, un’icona del design italiano progettata nel 1962 da Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Flos. Tavolino Alanda con piano in cristallo, vintage, disegnato negli Anni 80 da Paolo Piva per B&B, ora B&B Italia. Sulla parete un’opera del giovane artista romano Gianni Politi.

138

ELLE DECOR

Fanny Bauer Grung


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

140

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Atmosfera cocoon in camera da letto. Coperta color senape e biancheria di Emporio Roma. Lampada da terra di Arne Jacobsen, Louis Poulsen, e sul tavolino una lampada vintage nera, design Louis Kalff. Pagina accanto, l’ingresso visto dal corridoio della zona notte. Panca Track e tavolini Starsky design David Lopez Quincoces per Living Divani. Sulla parete, opera di Andrew Iacobucci.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

LO SPAZIO Forme autorevoli e geometrie essenziali esaltano i volumi liberi di una villa a Francoforte. Nell’interpretazione di Joseph Dirand di Ana Cardinale — foto di Adrien Dirand

142

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

SCOLPITO

Imponente e scultoreo, il camino in bronzo scandisce lo spazio al centro del living, in dialogo con le chauffeuse di Oscar Niemeyer. Tavolino in limited edition dei fratelli Bouroullec, lampada di Pierre Guariche. A sinistra, console in pietra di Joseph Dirand.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Un’eleganza che ama rigore e spazi vuoti, per esprimersi con la potenza dei materiali e il contrasto deciso del bianco e nero

144

ELLE DECOR

La luce innanzitutto. Un chiarore diffuso che inonda l’ampio corridoio d’ingresso, tra due ali di porte simmetriche, bianche contro pareti bianche. Questo l’incipit di un progetto che Joseph Dirand, interior designer parigino, ha curato in un quartiere residenziale primi ‘900 a Francoforte, ripensando gli interni di una villa con giardino come sequenza di spazi aperti. E dove al flusso di luce che irrompe dalle finestre, ai giochi di riflessi su forme e superfici, è dedicata l’attenzione del fratello fotografo. Joseph è vissuto tra due generazioni di maestri dell’obiettivo: il padre Jacques (grande firma di ‘The World of Interiors’) e ora il fratello Adrien (autore di questi scatti). Da architetto, qui ha voluto esplorare un lessico modernista ispirato al movimento cubista ceco. Nella sua attenzione per i particolari, ha preso spunto anche dall’Art Deco. E fedele al proprio mood, ha scelto l’ascetismo del non colore, affidando il messaggio cromatico ai materiali. A questi si intona l’armonia della casa: materie potenti come il bronzo e il marmo, sensuali come il raso e il velluto, complici come lo specchio. Per preparare il loro ingresso in scena, il progettista ha aperto il layout degli ambienti. “Le stanze in fila una accanto all’altra, i salottini angusti, gli stretti corridoi che ostacolano il passaggio... Ho fatto esplodere tutto per allargare §i volumi, creare nuove prospettive e ripristinare l’omogeneità dell’insieme“, racconta. “Simmetria e geometria hanno avuto un ruolo di rilievo nella creazione della nuova sequenza degli spazi”, precisa. Parquet in rovere, pavimenti in pietra e marmo dai motivi geometrici offrono continuità visiva agli ambienti. Superfici ondulate in gesso rivestono alcune pareti o sovrastano, come dettagli, porte e finestre. Ma il motivo a canne, nella variante materica del bronzo, definisce anche l’estetica del camino, che si innalza fino al soffitto come l’organo di una cattedrale. Il gusto dell’opera ben eseguita si nota nella realizzazione della scala che collega i due livelli dell’abitazione: blocchi di marmo posati uno sull’altro a secco, cinquantacinque tonnellate in tutto di pietre provenienti da una cava della Savoia. Tra questi volumi strutturati ad arte l’arredamento è raro, di qualità. Una bella collezione di mobili firmati da icone del design scolpisce lo spazio. Maestri degli Anni 60 e 70, come Warren Platner e Oscar Niemeyer, dialogano con designer contemporanei, dai Bouroullec a Eric Schmitt. Cultore di un minimalismo al servizio della precisione scenografica, Dirand sa esprimere uno stile senza tempo. Dove l’esprit de géométrie non dimentica l’esprit de finesse. —


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Marmo per i piani di lavoro e le nicchie, stucchi sopra le finestre che riecheggiano il tema del camino, disegnano l’eleganza di una cucina dove si pranza su poltroncine e panca rivestite in velluto. Tavolo su disegno di Dirand, lampada di Michel Boyer per Ozone. A sinistra, l’ingresso: protagonista il pavimento in marmo ispirato ai motivi ornamentali dei portali in ferro Art Deco. Lampadari Grand Anneau di Eric Schmitt.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Sul fronte opposto del camino la sala da pranzo ha come baricentro un grande tavolo ovale disegnato da Joseph Dirand. Il legno scuro si illumina nel contrasto con le poltroncine in metallo firmate da Warren Platner, Knoll International. Riflessi di luce anche sulle lampade in ottone di Paavo Tynell per il brand finlandese Taito Oy. Contro la parete a sinistra una console di Liaigre.

147

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Un mosaico in marmo con effetto tridimensionale rende prezioso il bagno, dove si impone la presenza della vasca ovale disegnata dall’architetto. Pagina accanto, la dressing room; lo specchio sul fondo inganna lo sguardo e trasforma la cabina armadio in un corridoio senza fine, dove porte e soffitti in ebano tinto, e scolpito con tagli obliqui, acquistano spessore e rendono omaggio allo stile cubista ceco.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

149

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

150

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

FIRMATO DALLO STUDIO ANTONIO CITTERIO PATRICIA VIEL, L’ULTIMO GIOIELLO DELLA COLLEZIONE BULGARI: UN RESORT CONCEPITO COME UN VILLAGGIO MEDITERRANEO, DESTINATO A DIVENTARE UNA META IRRINUNCIABILE DEL GOLFO ARABICO testo di Laura Maggi — foto di Max Zambelli Il progetto del Bulgari Resort Dubai trae dal mare il proprio imprinting. Il tema del corallo, declinato sapientemente dagli architetti nel pattern decorativo dei brise soleil dell’hotel, ne è diventato la cifra distintiva.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

“PER IL NOSTRO STUDIO QUESTO INTERVENTO HA RAPPRESENTATO UN PROGETTO CERNIERA DOVE ABBIAMO FATTO CONFLUIRE LE DIVERSE COMPETENZE, MATURATE NEL CORSO DEGLI ANNI, CON UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE” Patricia Viel

L’edificio dell’hotel si articola in due corpi collegati da uno specchio d’acqua. Pagina accanto, la lounge con arredi di Flexform, Maxalto, B&B Italia e tappeti in seta selvaggia di Altai che conferiscono un sapore e un comfort residenziali.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Sono occorsi due anni per passare dal concept all’esecutivo e altri trenta mesi di lavori serrati, anche con maestranze italiane, perché lo studio Antonio Citterio Patricia Viel potesse consegnare il progetto chiavi in mano al padrone di casa, Bulgari Hotels & Resorts. Pur con una vasta esperienza nell’hôtellerie internazionale, gli architetti hanno operato in una situazione eccezionale, dovendo elaborare un vero e proprio masterplan per il Bulgari Resort Dubai, concepito come un villaggio d’impronta mediterranea. La struttura comprende 20 ville, 15 mansion, 173 appartamenti, una Spa di 1.700 mq con piscina di 25 metri, un Beach Club, un concept store con libri e oggetti d’arte, un negozio di gioielli Bulgari, una boutique e una Marina con lo Yacht Club. Con un progetto del verde affidato allo studio paesaggistico Cracknell e il disegno della passeggiata lungo il mare, tradizionale nelle località delle coste dell’Europa meridionale, ma inedito per il Golfo Arabico, il resort offre agli ospiti emozioni quasi sconosciute in questa zona, come il poter recarsi da un luogo all’altro a piedi, grazie a un progetto al 100% pedonale. “Dubai è veramente una città nuova, e si continua a ricostruire su se stessa”, racconta Patricia Viel, “è improntata a un concetto di contemporaneità

aderente alla realtà, con uno skyline allungato in verticale, dove il rapporto tra l’uomo e il suolo è ridotto a un ricordo lontano. Nel progetto abbiamo sviluppato una scala architettonica diversa: chi abita o percorre il resort percepisce la presenza costante dell’acqua. Vede e sente il mare e poter provare questa sensazione a Dubai è un’eccezione”. Non solo. “La città è famosa per le sue isole artificiali di Palm Jumeirah, Jebel Ali e Deira, che rappresentano uno degli aspetti visivamente più noti della costa di Dubai”, prosegue Viel. “Tutte queste esperienze precedenti rivelano un aspetto un po’ letterale rispetto all’immagine che volevano evocare: risultano relativamente poco interessanti dal punto di vista ambientale e naturalistico. Il progetto del profilo costiero che ha generato Jumeirah Bay Island, l’isola artificiale dove sorge il resort, è stato invece disegnato molto bene, contiene quell’attenzione al rapporto fra la spiaggia, la baia e il mare, con le sue correnti, i suoi movimenti, la sua natura che gli altri progetti simili di Dubai non hanno: siamo partiti molto avvantaggiati. Da parte nostra, ci siamo presi in carico la superficie destinata all’hotel, la più vicina al collegamento via ponte con il continente, e l’abbiamo considerata come uno spazio da ripensare totalmente rispetto al 153

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

La Private Dining Room, con candelabro Bulgari in argento, sedie e tavolo di Maxalto. Pagina accanto, nella lounge, una parete in breccia medicea dalle cave di Carrara, con foto di Monica Vitti che indossa gioielli Bulgari.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

155

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Ogni camera dell’hotel si apre su una loggia privata da cui si può godere di una vista fiabesca su tutto il resort, con la sua spiaggia di sabbia bianca e l’inconfondibile skyline di Dubai che fa da corona in lontananza.

156

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Le logge delle camere si affacciano sul mare aperto. Arredi di B&B Italia Outdoor, illuminazione Flos. Pagina accanto, la spiaggia con, sulla riva, le cabane private dotate di ogni comfort.

158

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

masterplan d’origine. In particolare, abbiamo collocato l’hotel in posizione preminente, su quello che nella formazione dell’isola era un pennacchio per la protezione della Marina, in una zona dove non erano previsti edifici. É stata un’idea vincente perché ha trasformato l’architettura in un luogo dove si generano viste sempre diverse e interessanti, spettacolare per la caratteristica di trasparenza tra il complesso e la Marina. Sviluppata in orizzontale, si presenta in una forma scomposta di profili perché abbiamo volutamente cercato di realizzare l’idea di un promontorio abitato. L’aver collocato l’hotel in una posizione prominente della Marina ha anche creato un canale per le acque del mare che ha rigenerato il difficile ambiente naturale. L’affluenza di nuove correnti ha favorito l’arrivo di uccelli e pesci, come le razze. Per il progetto complessivo, abbiamo potuto (e dovuto) disegnare le quote del suolo, pensare a una macchia mediterranea e un agrumeto, migliorare la qualità della spiaggia con una sabbia bianca impalpabile, seguendo le linee guida di Silvio Ursini, Executive Vice President di Bulgari Group”, continua l’architetto. Un intervento forzatamente artificiale si è dunque rivelato motore di una rigenerazione della natura. “In un unico 160

ELLE DECOR

progetto abbiamo esplicato competenze maturate dallo studio nel corso degli anni, con una gestione a 360° gradi, dal disegno del paesaggio a quello degli arredi semi-fissi o dei grandi lampadari del ristorante per arrivare alle maniglie”, sottolinea poi Viel. “La scelta della location è stata fondamentale”, spiega Ursini. “Così come l’idea di un villaggio mediterraneo indica la volontà di realizzare un piccolo porto turistico di approccio italiano, un linguaggio architettonico privo di retorica e di cliché. La presenza di una Marina con Yacht Club ha un valore di unicità nella nostra collezione che, oltre a hotel urbani, vanta un altro piccolo resort a Bali. Il Bulgari Resort Dubai è un gioiello con incastonata una pietra di molti carati. È il nostro progetto di hospitality più ambizioso”. Anche sotto il profilo gourmet, affidato alla cura dello chef Niko Romito, “ci si aspetta che diventi un vero e proprio quartiere della città, frequentato da abitanti e turisti, aperto a tutti sette giorni su sette. Perché Dubai è una città sul mare ma con una scarsissima cultura del mare. Superata la fase eroica di città verticale, ora potrebbe apprezzare una bellezza e una qualità della vita diverse”, conclude Patricia Viel. —


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

La Vitality Pool della Spa ispirata alle Terme di Caracalla, con mosaico in oro realizzato in esclusiva da Bisazza. Sotto, una delle camere, con coperta in cashmere di Enzo degli Angiuoni, tappeto di Altai, lampade su disegno ispirate ai candelabri di Bulgari. Pagina accanto, una delle 20 ville del resort, con piscina, giardino e butler privati.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Fronte mare, la Spa, su una superficie di 1.700 mq, è dotata di una piscina di 25 metri interamente rivestita in mosaico verde. La cabane in teak è su disegno degli architetti Antonio Citterio Patricia Viel.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

“IL BULGARI RESORT DUBAI È UN GIOIELLO CON INCASTONATA UNA PIETRA DI MOLTI CARATI. È IL NOSTRO PROGETTO DI HOSPITALITY PIÙ AMBIZIOSO, IL PRIMO E UNICO CON MARINA E YACHT CLUB” Silvio Ursini

163

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Progetti light: quinte cinetiche, landscape su porcellana e arredi minimal-industrial a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Movimento fluido. Purezza formale per la porta Graphis plus disegnata da Giuseppe Bavuso, per Rimadesio. Profilo strutturale in alluminio, spessore minimo, pannelli in vetro e maniglia integrata, si realizza su misura. Un volume leggero anche in versione maxi, che si inserisce in ogni tipo di ambiente anche grazie all’ampia disponibilità delle finiture. rimadesio.it

165

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

INSIDE DESIGN/KITCHEN

Alta tecnologia e atmosfera. Tra funzioni hi-tech e dettagli floreali, per una cucina funzionale e creativa

Iconico inglese. Tema floreale per i tovaglioli della Morris Collection di Milou Milano, eleganti da abbinare a tovaglie in tinta unita. In 4 colori diversi, hanno come protagonista la peonia, uno dei motivi cult dell’artista britannico. Il set di 4 costa € 35. milou.it

Ispirato a una forma folk, ma con una superficie brillante, lo shaker Matrioska è disegnato da Lara Caffi per la Experimental Cocktail Collection di knIndustrie. In alluminio nelle finiture Bronze, Gold o Black. knindustrie.it Big e smart il forno Multifunzione serie Avant NV70K2340RS di Samsung con capacità 70 litri. Ideato per cucinare più pietanze insieme, o una di grandi dimensioni, ha un ripiano scorrevole interno per girare o condire gli alimenti senza rischi, € 495. samsung.com

Mixa una doppia qualità la cucina Chronos di L’Ottocento, ricercata nei dettagli e innovativa nelle soluzioni tecnologiche. Qui la composizione con isola dalle inedite ante bombate in legno con finitura metallizzata, attrezzata con lavello, fuochi e sistema di aspirazione. lottocento.it

167

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

INSIDE DESIGN/PROGETTI

Da moduli nati per l’ufficio a sistemi multifunzione. Così versatili da conquistare ogni spazio degli interior

Classico del design, il sistema USM Haller è un progetto così perfetto da non aver subito quasi modifiche dall’anno in cui è entrato in produzione (1969). Oggi Modular Furniture si evolve al passo con i tempi, integrando nella struttura luce ed energia con un sistema di conduzione wireless: USM Haller E. Si possono creare combinazioni inedite e funzionali, illuminando gli scaffali o l’interno delle vetrine e posizionando caricabatterie USB. Tutto senza fili. usm.com

169

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

INSIDE DESIGN/MATERIALI

Creative concept: superfici con effetti speciali, focolare a tutto colore, videocitofono top di gamma

Texture luminosa e d’effetto per Dega®Art Decorato. La superficie di Gobbetto della linea Resine Speciali è realizzata con tecniche miste e inserimento di materiali decor. gobbetto.com

Linea essenziale e prestazioni super. I videocitofoni TAB 7S di Vimar, con tecnologia IP, permettono di gestire da smartphone e tablet funzioni molteplici: chiamate con i ricevitori collegati all’impianto, attivazione del sistema di irrigazione, videocamere di sorveglianza. vimar.com

Studio Bouroullec, illustrazione di Damien Florébert Cuypers

A seconda del mood Scelte inedite o volutamente casuali, con Piano di Mutina, nuova collezione firmata dai fratelli Bouroullec. Piastrelle in due formati e sei delicate miscele di colore, per regalare un nuovo ritmo a pareti e pavimenti, indoor e outdoor. mutina.it

Ecologico e facile da installare, il focolare BB a bioetanolo di Andrea Crosetta per Antrax si distingue per le morbide geometrie delle linee e la versatilità. Da scegliere fra 3 differenti aperture e 200 colori, funziona anche come riscaldamento integrativo. antrax.it

171

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

INSIDE DESIGN/PROGETTI

Nuovi punti di vista fra cielo e terra in tre collezioni architettoniche. Per disegnare una tavola scenografica

[2]

[1]

Landscape orientale per Topkapi (n. 1 e 7), ideati da Vito Nesta per Les-Ottomans. Una collezione di sei palazzi immaginari, per un dinner alla corte del sultano, € 91 cad. les-ottomans.com +elledecor.it

[3]

[4]

[5]

[6]

Scorci naturalistici sono il tema di Paesaggi (n. 4 e 6) che Elisa Ossino firma per Schönhuber Franchi. Una rivisitazione della mise en place grazie anche agli abbinamenti tra vedute panoramiche e motivi grafici. schoenhuberfranchi.com

Sei soggetti noti Massimiliano Arnone (n. 2, 3 e 5) con Italian Skies alza lo sguardo per mostrare tratti di cielo inquadrati da altrettante architetture: la Galleria Vittorio Emanuele a Milano, il Pantheon a Roma, Palazzo Farnese di Caprarola. massimilianoarnone.com

[7]

173

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte

INTERIORS 2018

Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

English text

Febbraio 2018 Anno 29 n. 2 € 4,50 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

+ NEXT IL MEGLIO DEL DESIGN DEL NUOVO ANNO IN 40 PAGINE

NAPOLI, MILANO, FRANCOFORTE, DUBAI Quattro interni per declinare lo stile che verrà ANVERSA INEDITA Alla riscoperta della città della moda TENDENZA SFERA Architettura, design, arte: progetti circolari TALENTI DI IERI E DI OGGI Achille Castiglioni, Axel Vervoordt, Xavier Lust SPECIALE TESSUTI Per rivestire, decorare, ridefinire gli spazi della casa

LEGGI ELLE DECOR ITALIA SU _TABLET _SMARTPHONE _KINDLE FIRE

DISPONIBILE SU _APP STORE _GOOGLE PLAY _AMAZON _APP-SHOP

ANCHE IN VERSIONE FULL ENGLISH

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 København C ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df. ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm ELLE DECORATION THAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491 ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di proprietà di France Canada Editions e Publications Inc. INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret, France. CANADA: Françoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NÖTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna.gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SÖDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@publicitas.com THAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia S.p.A. Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 Brescia (BS) - E-mail: abbonamenti@hearst.it Fax 030.777.2387 - Telefono dall’Italia 199.11.55.44; dall’estero 0039.02.86.89.61.72. Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato. Gestione operativa: Press-di Abbonamenti S.p.A., via Mondadori 1, 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria edicola di fiducia, che può richiederli attraverso il Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. Il prezzo degli arretrati è pari al doppio del prezzo di copertina. La disponibilità di copie arretrate è limitata all’ultimo anno, salvo numeri esauriti. Non è possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget. Informativa ex art. 13, d.lgs 196/2003. Hearst Magazines Italia S.p.A. è una società editoriale che pubblica periodici tra cui Elle, Elle Decor, Cosmopolitan, Gioia!, Gente. HMC Italia Srl è una società editoriale collegata a Hearst Magazines Italia S.p.A. che pubblica i mensili femminili Marie Claire e Marie Claire Maison. Hearst Magazines Italia S.p.A. gestisce il servizio abbonamenti anche per le testate pubblicate da HMC Italia Srl. I dati personali dell’interessato saranno trattati da Hearst Magazines Italia S.p.A. o da HMC Italia Srl, con sede legale in via R. Bracco 6, 20159 Milano (MI), ciascuna titolare del trattamento, con modalità prevalentemente elettroniche e telematiche per dare corso alla richiesta di abbonamento, a seconda della rivista di interesse. I titolari del trattamento potranno altresì eseguire analisi di tipo statistico anche al fine di migliorare la qualità dei servizi erogati. I dati anagrafici sono necessari per i predetti fini e la loro mancata indicazione non consentirà di fornire quanto richiesto. Inoltre previo specifico e distinto consenso, potranno essere trattati da Hearst Magazines Italia S.p.A. e da HMC Italia Srl in qualità di contitolari del trattamento, mediante strumenti tradizionali (es. posta e telefonate con operatore) e automatizzati (es. e-mail, sms) di contatto per le seguenti finalità: 1) indagini di mercato, attività di marketing, attività promozionali, offerte commerciali anche nell’interesse di terzi operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, accessori di abbigliamento, arredamento, finanziario, assicurativo, automobilistico, e di enti pubblici ed ONLUS; 2) comunicazione dati personali a soggetti terzi per propri utilizzi, operanti nei medesimi settori e per le medesime finalità di cui al punto 1). Responsabile del trattamento è Press-di Abbonamenti S.p.A., via Mondadori 1 - 20090 Segrate (MI). I dati saranno resi disponibili alle seguenti categorie di incaricati che li tratteranno per i suddetti fini: addetti al customer service, addetti alle attività di marketing, addetti al confezionamento. L’elenco aggiornato delle altre aziende a cui saranno comunicati i dati e dei responsabili potrà in qualsiasi momento essere richiesto a Hearst Magazines Italia S.p.A. o a HMC Italia S.r.l.. Ai sensi dell’art. 7, d.lgs. 196/2003 potranno essere esercitati i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, aggiornare, cancellare i dati o richiederne la trasformazione in forma anonima, opporsi in tutto o in parte al loro trattamento per motivi legittimi e per l’invio di materiale pubblicitario, ricerche di mercato, sondaggi di opinione e comunicazione commerciale interattiva. L’opposizione parziale effettuata attraverso modalità automatizzate di contatto, si estende altresì alle modalità tradizionali e viceversa (ad esempio, al solo invio di comunicazioni promozionali effettuato tramite strumenti automatizzati). I diritti appena elencati potranno essere esercitati scrivendo a Ufficio Abbonamenti - c/o CMP Brescia, 25126 Brescia (BS), o all’indirizzo e-mail a: abbonamenti@hearst. it, nonché mediante altri canali comunicativi ritenuti più congeniali dall’interessato e previsti dalla normativa. Per tutto quanto non espressamente disciplinato dalla presente informativa, La invitiamo a consultare la policy generale di HEARST al seguente link http://www.hearst.it/term-condition.html. FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ISSN 1120-4400

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO 7513 DEL 10/12/2012


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

n.b.

Jim Dine, ‘Nancy and I at Ithaca’ 1966-69

Febbraio — Mostre, fiere, appuntamenti, vernissage

1998 Adagp Paris 2017 – Courtesy Francesco Vezzoli, foto Alessandro Ciampi – Foto Abigail Enzaldo and Emilio Bernabé García, courtesy Museo Jumex, Mexico City - © Arquitectonica

a cura di Piera Belloni

Donazioni straordinarie a Parigi — Dal 14/2 al 23/4, il Centre Pompidou mette in mostra 28 fra pitture e sculture di Jim Dine (foto) datate fra il 1961 e il 2016, che l’artista americano ha donato al museo in una sorta di restituzione di un debito culturale e personale verso la Francia. centrepompidou.fr Fra antico e moderno a Bergamo — S’intitola ‘Raffaello e l’eco del Mito’ la mostra alla GAMeC, su progetto di Accademia Carrara, che mette in dialogo il maestro di Urbino con autori che in lui hanno trovato un punto di riferimento, come Pablo Picasso, Francesco Vezzoli (nella foto), Christo. Allestimento di DE8 e Tobia Scarpa, catalogo Marsilio/Electa, fino al 6/5. raffaellesco.it +elledecor.it Arte contemporanea a New York — Dal 9/2 ‘Danh Vo: Take my Breath Away’ invade le rampe della rotonda del Guggenheim Museum per una full immersion nella creatività dell’artista danese. Con foto, lavori su carta e installazioni degli ultimi 15 anni, fino al 9/5. guggenheim.org Architettura a Hyères — Le piscine come territorio di sperimentazione architettonica: alla Villa Noailles apre il 10/2 ‘Domestic Pools’, incentrata sui diversi aspetti di un settore progettuale particolare, che ha visto fra i protagonisti Aalto, Bofill, il team Arquitectonica (foto) e OMA. Fino al 18/3. villanoailles-hyeres.com In fiera a Bologna — 42ª edizione per Arte Fiera, dal 2 al 5/2 a BolognaFiere, divisa in Main Section + Modernity, con gallerie quali Il Ponte di Firenze, Niccoli di Parma (in foto), Contini UK di Londra, e le sezioni Solo show, Fotografia e Nueva Vista dedicata agli emergenti. artefiera.it

Francesco Vezzoli, ‘Self-Portrait as a Self-Portrait (After Raffaello Sanzio)’, 2013

Danh Vo, vista dell’installazione ‘River running through rocks’ al Museo Jumex di Mexico City, 2014-2015

Felice Levini, ‘Farmacia’, 1996, Rassegna Martiri e Santi, presentato da Galleria Niccoli

Pink House by Arquitectonica, Miami 177

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Elle Decor Italia International subscription Starting from today, you can finally subscribe to Elle Decor Italia and bring italian style & design into your home wherever you are... 5 good reasons to make your choice... 1. Every month you will receive your favourite magazine. 2. It will be despatched directly to your home. 3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4. You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors. NEW! The subscription also includes browsable digital edition. So you can now read Elle Decor Italia, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style has no boundaries 35%

discount if you subscribe to Elle Decor italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount: 1 year 10 issues for only € 29,25 plus shipping charges.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

FEBRUARY 2018

The cover Report by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari. In the bedroom of Emmanuela Spedaliere and Salvino Sorrentino, work by Kenta Nakamura. 1960s tables designed by Edoardo Gellner for the Eni Village in Borca di Cadore.

English text 56 Achille forever. 66 The Grand Kanaal. 82 Xavier Lust. 94 Antwerp: a city in the limelight. 118 Golden Naples. 130 Icons of old and new design reborn in light and shade. 142 Sculpted space. 150 Dubai deluxe. NEXT 2018 179

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

CONTENTS OF THE ISSUE

p. 28 ROUND AND ROUND

p. 56 ACHILLE FOREVER

p. 77 CARPET FEVER

by Valentina Raggi and Filippo Romeo

by Paola Carimati and Filippo Romeo

by Rosaria Zucconi text by Murielle Bortolotto photos by Alberto Strada

Spheres, dots, bubbles… Art and architecture, fashion and design are today all crazy about round shapes. They are even the subject of scientific and aesthetic study. Squaring of the circle with irony, philosophy and experimentation

To mark the centenary of his birth, we delved into the archives of the Achille Castiglioni Foundation, uncovering photos of the Master with the young people back then. Today Konstantin Grcic, Ferruccio Laviani and Philippe Starck describe their encounters

p. 36 TEXTILE STORIES by Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto, Candida Zanelli photos by Federico Cedrone

Seven original shots that capture the latest textile trends in one click. Stolen from fashion, to make their appearance in interiors too. Featuring: tartan reloaded, wool, all-red, velvet and more

p. 66 THE GRAND KANAAL by Filippo Romeo photos by Frederik Vercruysse, Laziz Hamani, Jan Liégeois

Not far from the centre of Antwerp is the new headquarters of creative Axel Vervoordt. A complex combining art, architecture and an inordinate passion for Venice

A boundless passion turns the ancient art of weaving into a new aesthetic style. With no nostalgia, just a pinch of imagination. Welcome to the world of cc-tapis p. 82 XAVIER LUST text by Francesca Molteni photos by Giorgio Possenti

ELLE DECOR

by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari

A passion for art, music, the theatre and literature is breathed in these noble spaces, gilded with contemporary sensitivity p. 130 ICONS OF OLD AND NEW DESIGN REBORN IN LIGHT AND SHADE by Rosaria Zucconi photos by Alberto Strada

p. 89 TOTAL FUSION

Bold shapes and minimal decorative geometries enhance the open spaces of a villa in Frankfurt. Seen through the eyes of Joseph Dirand

by Francesca Benedetto photos by Nathalie Krag

Huan opens, overlooking the Naviglio Grande. An elegant, convivial atmosphere for a Milanese bistro when East and West meet and become a melting pot

by Kristina Raderschad photos by Christian Schaulin words by Laura Maggi

180

p. 118 GOLDEN NAPLES

The Brussels home-studioshowroom of the Belgian designer. Where the design, decor and atmosphere reflect his personality. A blow-up visiting card

p. 94 ANTWERP: A CITY IN THE LIMELIGHT

Round and round – p. 28

and world-famous designers, Michelin chefs and trendy clubs. The perfect destination for the weekend

Museums of the great Flemish artists and designs by big names such as Zaha Hadid and Vincent van Duysen, as well as cult concept stores

p. 142 SCULPTED SPACE by Ana Cardinale photos by Adrien Dirand

p. 150 DUBAI DELUXE text by Laura Maggi photos by Max Zambelli

Designed by partners Antonio Citterio and Patricia Viel, the latest jewel in the Bulgari collection: a resort in the style of a mediterranean retreat, destined to become a crucial stopover on any tour of the Arabian Gulf NEXT 2018


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ENGLISH TEXT

Achille forever — p. 56 by Paola Carimati and Filippo Romeo To mark the centenary of his birth, we delved into the archives of the Achille Castiglioni Foundation, uncovering photos of the Master with the young people back then. Today Konstantin Grcic, Ferruccio Laviani, Philippe Starck describe their encounters The obsessions developed by designer Achille Castiglioni for everything he did are one of his characterising traits. Fabio Calvi, the architect who teamed up with Paolo Brambilla to create the exhibition layout of ‘100x100 Achille’, confesses that he has been collecting the Master’s objects since he was a student: “I saw Achille at work”, he remembers, “and the 40/80 armchair he designed for Moroso with Ferro come to life. Achille began to dash about in his wardrobe full of objects, looking for something to inspire him. Suddenly he yelled: ‘Here it is! Here’s the chair!‘ And he showed us a neoprene pool shoe”. There are two dates scheduled in his honour at the Foundation. For the Alessi-Dardi tribute, 100 designers were asked to choose an anonymous object for the master. And Elle Decor Italia is paying tribute to the designer with those chosen by Ferruccio Laviani, Philippe Starck and Konstantin Grcic. “He was someone who made objects talk and loved them dearly. Humble and simple, they were his prime source of inspiration”. In Dimensione Domestica - Atto III, Beppe Finessi reconstructs the dining room set up by the Master in 1984 for an exhibition in Tokyo, showcasing Achille’s intelligence, generosity, kindness and accuracy. Here, the position of every element has an unquestionable meaning. Objects, like words, should never be used randomly”. Now more than ever. Thanks Achille. fondazioneachillecastiglioni.it

The Grand Kanaal — p. 66 by Filippo Romeo — photos by Frederik Vercruysse, Laziz Hamani, Jan Liégeois Not far from the centre of Antwerp is the new headquarters of creative Axel Vervoordt. A complex combining art, architecture and an inordinate passion for Venice Wijnegem. Not far from the centre of Antwerp, we discover an old brewery converted into a micro-district combining industrial buildings with new architecture, a green courtyard, offices, homes, artisan workshops, design studios, fine antiques galleries and spaces for contemporary art. The creator is the Belgian art collector, gallery owner and interior designer Axel Vervoordt. He acts as our guide through the heart of Kanaal, which boasts at its centre the sensational site-specific installation designed by Anish Kapoor: ‘At the Edge of the World’. “It’s the heart of the whole complex and it’s accessible to everyone, because art should be shared”, Vervoordt explains. These few words reveal the cultured and generous spirit of a self-made man who started collecting pieces of inestimable value while still a very young man, before he met with international success. “I took part in the Biennale des Antiquaires at the Grand Palais in Paris in 1982. My success was made possible through the approval of names such as Yves Saint Laurent and Pierre Bergé”. The rest is history. A history that links a unique and highly personal style with the ability to transmit an irrepressible passion for the beautiful.

And it is that harmony that defines Kanaal, where old and new buildings are linked to each other through green pathways and pools of water, in an architectural sequence that seems to echo the facades of Venetian palazzi. “It’s an unbreakable bond”, confirms Vervoordt, who has celebrated his love for Venice for many years through his exhibitions at Palazzo Fortuny. axel-vervoordt.com

Xavier Lust — p. 82 text by Francesca Molteni — photos by Giorgio Possenti The Brussels home-studio-showroom of the Belgian designer. Where the design, decor and atmosphere reflect his personality. A blow-up visiting card Xavier Lust found exactly what he was looking for right here, in Brussels. A house that was also a studio, atelier, gallery. The modernist building, designed in 1927, used to be a printing house. “Lighting is essential, and here it is zenith lighting that floods into the spaces from above”, he says. Everything is laid out along a continuous, fluid pathway, from his workplace to his private quarters. The furniture is all designed by Xavier. In 2000 his work was noted at SaloneSatellite and this led him to create one of his most iconic pieces, the curved aluminium Le Banc bench. “Materials can be (mis)shapen to form 3D objects using simple machinery. It wasn’t so much a technological revolution. I just invented a new way of using the technique”. This metal line inspired his later designs, objects that can also be found here. Everything seems simple in these spaces but nothing is left to chance. Empty and full spaces, volumes, walls and windows, inside and out all combine to form a delicate balance built on contrasts. The same balance visible in Xavier’s eyes, always on edge, darting between movement and calmness.

Antwerp: a city in the limelight — p. 94 by Kristina Raderschad — photos by Christian Schaulin words by Laura Maggi Museums of the great Flemish artists and designs by big names such as Zaha Hadid and Vincent Van Duysen, as well as cult concept stores and world-famous designers, Michelin chefs and trendy clubs. The perfect destination for the weekend Antwerp is Belgium’s second biggest city, the country’s most important river port and the capital of cool thanks to its vibrant fashion scene. Key people Architect Vincent Van Duysen was born in the city and his work can be seen everywhere. He designed the Hotel Julien and Graanmarkt 13 with its shop, restaurant run by chef Sebbe Nobels and apartment-showroom that can be rented. Art and architecture Famous as the birthplace of some of the great Flemish artists, Antwerp is home to several high-level artistic institutions such as Rubens’s houseworkshop and the MAS (Museum aan de Stroom). In addition to the Art Nouveau jewels in Zurenborg and some classic examples of Modernism, the city also boasts some present-day icons such as the extension to the Port House by Zaha Hadid, known as 181

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

The Diamond. Trendy districts The redevelopment of the port area of Het Eilandje has created a lively district packed with bars and restaurants. The Sint-Andries and Zuid districts are a popular draw with boutiques, art galleries and concept stores. Fashion and shopping The ModeNatie is home to the Fashion Department of the Hogeschool Antwerpen, the Flanders Fashion Institute and the MoMu Fashion Museum, as well as the Copyright bookshop designed by Van Duysen. Big names in the world of fashion have graduated from Antwerp’s Royal Academy of Fine Arts (Martin Margiela, Kriss Van Assche). Concept stores Henri Delbarre and Geraldine Jackmann have opened St. Vincents, a combination of shop, gourmet space and art gallery. Food The Dôme restaurant offers a delicious menu that changes with the season.

Golden Naples — p. 118 by Rosaria Zucconi — photos by Andrea Ferrari A passion for art, music, the theatre and literature is breathed in these noble spaces, gilded with contemporary sensitivity Emmanuela Spedaliere met young architect Giuliano dell’Uva during a concert and she invited him to her new home in the centre of Naples. Emmanuela tells us: “My passion for chamber music took me all over Italy, as I designed and organised musical events, naturally leading me towards the most beautiful theatre in the world, the San Carlo, where I became director of institutional relations and marketing. My husband and I adore sharing our home with international guests from the world of culture”. Giuliano dell’Uva’s new renovation design had to start from the kitchen and meet the requirements of the grand yet lively life led by the owners of the house. “The entrance to the home preserves its strong historical identity thanks to the wooden ceiling we discovered hidden under multi-coloured paper coverings. Then there is a large French-style veranda which overlooks the garden. Seen from outside, through the large window, the space is a perfect synthesis of past and present. When moving an old 1930s wardrobe, we came across some interesting panelling that reproduces the effect of imitation marble. Panels, sheets with slight grooves, like a new skin, cover the ancient structure, signs of the present”.

Icons of old and new design reborn in light and shade — p. 130 by Rosaria Zucconi— photos by Alberto Strada That Fanny Bauer Grung and David Lopez Quincoces were made for one another is confirmed when I visit their home, an elegant period building in Milan renovated by David with meticulous, masculine acumen. “She trapped me”, remembers David “and I couldn’t say no. It already had a dual atmosphere: the living area is composed of a string of very bright rooms overlooking the road, whereas the sleeping area, located more in the shade, looks on to the courtyard. This made us decide to emphasise several areas bathed in light with an all-white look, while others became warm, welcoming boxes painted in dark grey”. “David races on, from one project to the next, powered by energy and 182

ELLE DECOR

enthusiasm” continues Fanny. “ We started designing together at home, then in a small studio until today when we finally work in a beautiful space, the Quincoces-Dragò & Partners studio. It is an ideas-incubator that includes Six Gallery, a selection of vintage pieces chosen for the beauty of their design. A project that seeks to create a timeless, minimal kind of design with pure shapes, not too ostentatious or aggressive but instead balanced and smooth”.

Sculpted space — p. 142 by Ana Cardinale — photos by Adrien Dirand Bold shapes and minimal geometries enhance the open spaces of a villa in Frankfurt. Seen through the eyes of Joseph Dirand In the beginning there was light. The founding element of the project completed by Parisian interior designer Joseph Dirand in an early 20th century residential district in Frankfurt, which rethinks the interior of a villa, presenting it as a sequence of open spaces. Painstakingly attentive to details, his work is also inspired by Art Deco. And staying loyal to his own mood, he has chosen the asceticism of non-colour, entrusting the task of communicating shade to the materials. These reflect the harmony of the house: materials such as bronze and marble, combined with satin and velvet to create the desired effect. “I exploded everything to open up the spaces, create new perspectives and restore the homogeneity of the overall design“, Dirand tells us. Wooden flooring in oak, floors in marble with geometric patterns bring visual continuity to the environments. And the furniture in these perfectly structured volumes is rare and of fine quality.

Dubai deluxe — p. 150 text by Laura Maggi — photos by Max Zambelli Designed by partners Antonio Citterio and Patricia Viel, the latest jewel in the Bulgari collection: a resort in the style of a mediterranean retreat, destined to become a crucial stopover on any tour of the Arabian Gulf The firm Antonio Citterio Patricia Viel was the creative genius behind the design of the Bulgari Resort Dubai. The building, conceived as a Mediterranean resort, includes villas, mansions, apartments, a Spa and Beach Club. It is also home to the concept store, the Bulgari jeweller’s shop, the boutique, a Marina with Yacht Club and an esplanade along the sea, a first in the Arabian Gulf. “We decided to create a Mediterranean scrubland environment, adding a citrus grove and enhancing the beach with fine white sand, in line with the guidelines of Silvio Ursini, Executive Vice President of Bulgari Group” the architect explains. “The choice of the location was pivotal”, adds Ursini. “The presence of a Marina with a Yacht Club is a unique feature in our collection which includes city hotels and another small resort in Bali. This was a very ambitious project, which one might compare to a piece of jewellery designed round a high carat stone”.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ENGLISH TEXT

NEXT 2018 01. PLAYABLE/ The mantra is to pursue serenity while having fun. This is the belief of Joe Blanco, the young designer who graduated from the Design Academy in Eindhoven and has been experimenting with a new form of edutainment (educational entertainment). And indeed the result, Super Lekker Super Mooi, is an enormous donut-shaped cushion on which to throw yourself and laugh. Because it is by playing that we enter into a relationship with others in our environment, free our creativity and develop awareness. Another firm believer in this is Fabio Viola, game designer, who has launched the Playable Museum Award international call for entries (open until 31 March) for the Marino Marini Museum in Florence. “To foster loyalty in its relationship with the visitor, a museum must cultivate emotion and warmth”, he emphasises. “This is why we are trying out a less virtual, realer way of engaging people, which uses technologies from a more human perspective.” And signals a return to the hands-on approach. joelblanco.com - museomarinomarini.it P.C. 02. DECOR DANCE/ He walks the tightrope of creativity. We refer to Adam Nathaniel Furman, the English designer who moves nonchalantly through the world of design and architecture, and through fashion and decoration, lending shape to interiors consisting of rich surfaces, not just in terms of texture but, above all, in terms of meanings. Despite him being referred to as an artist, because some of his work seems to come into this category (his recent collaboration with the Milan-based Camp Design Gallery is proof of this), he is actually a 100% designer in love with decor. “I like the idea that people feel the need to touch my work, to consume it with their eyes as if it were a moment of celebration. Decoration for me is everything that goes beyond a minimal, bare shelter. ”Because decoration is anything that warms, that creates sensual effects, that tells of transcontinental and transcultural relationships and connections. In a dance that is vibrant vitality. adamnathanielfurman.com P.C. 03. REGENERATION/ The kind of regeneration championed by Maddalena Selvini is a natural transformation that oozes with magic. Arena is the name of her design, an experiment carried out on the soapstone which is fruit of her love and passion for this ancient material. But what exactly did the young designer discover? That indeed, because earthenware is composed of talc, magnesium and a high percentage of iron, if it is subjected to temperatures of over 800°, it begins to crumble, then reforms and turns into sandstone. Maddalena also focuses on the porous characteristics of this substance: any liquids that touch it, even very lightly, instantly disappear, due to its amazing absorption rate. This means that when it comes into contact with a flame, it becomes an ideal container for plants but also a perfect aromatherapy diffuser. So, dust turns to dust and any production waste returns to its grass roots. maddalenaselvini.com P.C. 04. HIGH PROFILE WOOD/ Creativity applied to natural wood creates fresh new interpretations with hand-crafted workmanship. With particular attention to the eco-friendly value of surfaces in re-assembled wood that eliminates waste, using even the tiniest fragment of scrap. With walls and floor clad in Alpi Sottsass by the great designer himself, with four colours to choose from (alpiwood.com). Left, Teorema by Ron Gilad for Molteni &C: a series of drawers or open containers stacked in a spiral, in walnut or eucalyptus finish (molteni.it); a tweed-effect look for the Fusion table by Cairoli & Donzelli for Twils Lounge with a top made of solid assembled wood and a metal frame (twils.it). Right, the

Quindici chaise-longue from Mattiazzi, designed by Ronan & Erwan Bouroullec, in natural ash(mattiazzi.eu); an Alpi wood veneer top for the Armada side table designed by Doshi Levien for Moroso (moroso.it). P.B. 05. TECHNO REUSES/ What should we do with computers, printers and devices when they no longer work or have simply gone out of fashion? The answer lies in the ethical creativity of Formafantasma, whose collection of Ore Steam critical objects inspires reflection above all about aware production. At the NGV Triennial exhibition curated by Ewan Mc Eoin at the National Gallery of Victoria in Melbourne (until the 15th April), the Italian duo in Amsterdam is showcasing a series of tables, chaises longues and sideboards made from technological waste. Work by Simone Farresin and Andrea Trimarchi, together with 99 more artists and designers from 32 countries is an example of the effects of spreading globalisation. ngv.vic.gov.au P.C. 06. PALERMO CAPUT MUNDI/ ‘The planetary garden. Cultivating coexistence’ is the title of Manifesta 12, the travelling biennial of art and culture coming to Palermo (from 16/6 to 4/11). This year it focuses on the pressing theme of exodus. The curators include Ippolito Pestellini Laparelli, from the firm OMA, with which he created ‘Palermo Atlas’, a multimedia study of this city’s historicsocial-geographical structure, symbolically described by the ‘Veduta di Palermo’ by Francesco Lojacono (1875, in the photo) which highlights the origins of some species in the city’s botanical gardens. “Manifesta 12 collaborates with Palermo to mobilise those who live there and leave the city a long-lasting legacy,” explains the architect. Meanwhile, ‘Aspettando Manifesta’ is already on at the Teatro Garibaldi, with a preview of the event and an exchange of ideas for the future. manifesta.org V.R. 07. THE FORAGER CHEF/ Rodolfo Guzmán takes the cuisine and products of Chile into the Who’s Who of the world of food. He’s chef, forager, researcher and founder of both the Boragó restaurant in Santiago de Chile which he opened in 2006 and Boragó 2.0, soon to be opened just a short stroll from the centre of the capital. His story unwinds in the pages of his book ‘Boragó. Coming from the South’ by Phaidon. “Between 2003 and 2004 I worked in three restaurants in Spain, immersing myself in a culinary word that was new to me. It was then that I began to realise the potential that the cuisine of my own country had to offer and that no-one had been capable of showcasing it until then”, Guzmán tells us. “When I opened my restaurant Boragó I wanted to experiment with food that was made of ingredients deep-rooted in my culture and landscape, by using endemic ingredients that the ancient Chileans, the Mapuche, had used for thousands of years”. This spawned his long quest to find a network of suppliers. ”No other restaurant had ever attempted to have ingredients delivered from Patagonia, the Acatama Desert, the island of Chiloé or Araucanìa before. I tried to work directly with the fishermen to find local fish instead of using frozen products”. And the proof is in the pudding. phaidon.com; borago.cl L.M. 08. DAY DREAM/ Shapes, materials and colours that seem to emerge from ancestral memories, a dip back in time to our origins. Like the modular sofa Floe Insel from Cassina, by Patricia Urquiola with inspiration from sinuous and monolithic shapes (cassina.com). From right, a soft polyurethane frame like a fracture in the earth’s crust for the Broken Mirror by Snarkitecture for Gufram (gufram. it); precise geometric shapes for the Mini Clay side table by Marc Krusin for Desalto, with a spatula finish MDF top (desalto.it). In the 183

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

foreground, the lava-effect ceramic Maket vase by RSW for Pulpo (pulpoproducts.com), the table lamp 607 in rough finish aluminium from Astep, design by Gino Sarfatti 1971, re-issued in an LED version for the Flos with Sarfatti collection (astep.design); Fuoco Table mirror with base in black patina bronze, by Roberto Sironi with Galery S. Bensimon and Fonderia Artistica Battaglia (robertosironi.it). P.B. 09. EVER HIGHER/ Eight years have passed since the Burj Khalifa, the skyscraper designed by legendary American studio Skidmore, Owings & Merril, reached the extraordinary height of 828 m to become the tallest structure ever built in human history. It wasn’t an easy record to match, despite the surge in new skyscrapers that are literally springing up in front of our eyes, especially in the Chinese and Middle Eastern cities. But in 2020, the Jeddah Tower will actually break through the one kilometre mark in height. Designed by Americans Adrian Smith and Gordon Gill, and built almost entirely from reinforced concrete, this new symbol of Saudi Arabia will house offices, hotels, apartments and the highest helipad terrace in the world. In third place, at 729 m, comes the Suzhou Zhongnan Center, designed by the Gensler agency, which is also to be inaugurated in 2020 and will be the highest skyscraper in China. burjkhalifa.ae M.G. 10. FOREVER POP/ Do we really need an anniversary to talk about Andy Warhol? You wouldn’t say so, given the volume of retrospective and themed exhibitions of his work always being staged round the world, thanks also to the tireless activity of the Warhol Foundation for the Visual Arts which promotes the artist’s legacy. The Calvin Klein 205W39NYC line designed by Raf Simons will arrive in the stores in January, featuring garments decorated with a selection of his screen-printed works. 2018 is definitely an anniversary to be celebrated, marking 90 years since the master of Pop Art was born: in fact, the Whitney Museum in New York in November for the occasion is opening a large monographic exhibition. With a dual objective: to reveal the complexity of the ‘most American of artists’ and present the Warhol of the 21st century (whitney.org). P.B. 11. THE PURSUIT OF HAPPINESS/ “The UN has decreed that happiness be at the heart of policies for development and to this end an international observatory has been set up, tasked with more precise definition of the concept of social happiness”. This is how anthropologist and ethnologist Marc Augé starts his latest book ‘Momenti di felicità’ (Moments of happiness, published in Italy by Raffaello Cortina Editore), revealing the appearance of a new role in the organisational chart of big companies, that of the Chief Happiness Officer. The UN World Happiness Report is counterbalanced by the importance of the Gross National Happiness value, which, in parallel with that of the Gross Domestic Product, has always been taken into account when assessing the level of development and wealth of a country. The happiness movement also finds converts among philosophical authors who write about daily life, such as Alain de Botton, author of the bestseller ‘The Architecture of Happiness’ (Pantheon) on the subject of the relationship between the beauty of buildings and the happiness of their inhabitants. L.M. 12. GARDEN CITIES OF TOMORROW/ After the Vertical Forest in Milan, Stefano Boeri Architetti conquers China. The principle of ‘metropolitan reforestation’, which became reality with the Vertical Forest project, the tower blocks built in the Porta Nuova area of Milan, has now been transformed into new designs, this time developed in China: a model that offers innovative solutions 184

ELLE DECOR

to the problem of urban pollution. The first work under construction is Nanjing Green Towers, and it features terraced façades that will support a real vertical forest to help regenerate the local biodiversity. Close on its tail will be the works to build the Liuzhou Forest City, along the Liujiang river. The new city will host more than 100 species, each year capable of absorbing about 10,000 tonnes of CO2 and 57 tonnes of atmospheric particulates and producing approximately 900 tonnes of oxygen. “The Forest City highlights the urgency with which we need to extend forest areas throughout the Chinese city: not just in the parks and gardens but also on the roofs and courtyards, or along the continuous infrastructural systems”, continues the designer. “Thanks to Slow Food China, we are studying a number of pilot projects for the redevelopment of the agricultural villages. And it is a challenge that not only affects China”. stefanoboeriarchitetti.net M.G. 13. 100 YEARS OF ACTUALITY/ Between 1890 and 1918, Vienna, which had two million inhabitants in 1910, more than it has today, became a European centre of intellectualism and art. The literati were busy debating with intellectuals and artists at the Café Museum, the Central, and the Griensteidl. Architects including Adolf Loos, Josef Hoffmann and Joseph Maria Olbrich were designing buildings whose style had nothing to do with the traditional Ringstrasse look, and were innovative even in the materials used. In 2018, Vienna celebrates Modernism and four of its greatest exponents, the painters Gustav Klimt and Egon Schiele, the architect Otto Wagner and the multi-talented creative Koloman Moser and countless collections and exhibitions will be showing how artists, scientists and architects here marked the start of contemporaneity. viennesemodernism2018.info L.M. 14. EMERGING YOUNGSTERS/ If it is true that designing is an experience that accompanies us, inspires us every day and tells us a story, listen to that told by Federica Biasi and Astrid Luglio. The world of two young designers, not yet thirty years in age, with degrees from the IED and the Naba respectively, and a growth path that has taken them travelling from Milan to Amsterdam, from Melbourne to Ho Chi Minh and then back to Milan, the undisputed capital of design. With Ilario mirror for Mingardo and Philtrum freestanding lamp (resulting from collaboration with the Turin-based company Tonatto Profumi), both of these creative designers highlight their own idea of vain femininity. The atmosphere is warm and romantic, enhanced by the use of brass, and also by the essences diffused by the lampshade heated by the weak light of the bulb. And the glints reflected in the round mirror, perfect for looking at your own face, better if you’re smiling. federicabiasi.com; astridluglio.com P.C 15. THE TOWER OF WONDERS/ Long awaited, it is finally about to open. We are talking about the Fondazione Prada Tower in Milan, the last step in the plan to redevelop and transform an old distillery into the label’s cultural hub by Rem Koolhaas’ firm, OMA. It will house exhibition spaces on different floors for the company’s contemporary art collection, in a semi-permanent exhibition. The fifth and sixth floors will be dedicated to the restaurant, one for the kitchen and one for diners, and there will be a panoramic bar on the rooftop. Rumour has it that opening will take place during Milan Design Week. The tower will join the seven existing buildings and the two new ones: the central exhibition Podium and the multimedia auditorium Cinema. It is destined to become a new shape on the skyline of this rapidly morphing city. fondazioneprada.org V.R. 16. HANDY ACCESSORIES/ Highly decorative trays and


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ENGLISH TEXT centrepieces to accompany every day activities. In the foreground Surface + Border No. 1 by Ron Gilad for Danese, a tray/fruit bowl in polished painted metal (danesemilano.com); the Blue Tit paper bird, by Lisa Lloyd Paper (lisalloyd.net). Wall finished in light blue MATmotion matt water-based paint from Novacolor (novacolor.it) and left, suspended, Tarsia by Maria Gabriella Zecca for Tacchini Edizioni, a re-interpretation of the ancient art of cabinetry (tacchini.it). Right, the round Serving Tray Rainbow by Hay, in iridescent stainless steel, available from designrepubblic.com and the rectangular Tray by Peter Raacke for Pulpo, in slim-line painted stamped steel (pulpoproducts.com). Resting on the panel finished in white MATmotion paint from Novacolor, the Prism Marble Crystal Tray by Tomàs Alonso for Atelier Swarovski, in crystal and Carrara marble (atelierswarovski.com). Cream coloured Premium Style Colors paint from Wall & Decò for the surface (wallanddeco.com). P.B. 17. NO MORE WRONG SIZES/ Has e-commerce done away with till queue anxiety only to replace it with wrong purchase panic? Fear no more… we bring you the virtual changing room. The Japanese e-commerce giant Start Today Co has just launched Zozo Suit, an elastic suit you put on and connect to your smartphone via Bluetooth that takes an amazing 15,000 measurements of your body from neck to ankle. If you then link via an app to the site, you can choose just those garments that fit and even receive ‘tailor-made’ shopping advice and tips. The clothes are from the Zozo collection, a line of men and womenswear with denim, knits and outerwear. Want to try the world’s first ‘size-free’ online shopping experience? The suit is already available for presales on Japanese and American sites, with deliveries scheduled from the spring. zozosuit.com V.R. 18. FASHION IS SACRED/ ‘Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination’ is the main annual exhibition of the Metropolitan Museum of Art in New York. The event is staged in three locations: the Anna Wintour Costume Center, the main museums site in 1000 Fifth Avenue, and the MET Cloisters.“For a long time, fashion and religion have been intertwined, each one inspiring and conditioning the other. And although this relationship has been a complicated one, at times even criticized, it has generated some of the most original and innovative creations in the history of costume”, explains Andrew Bolton, head curator of the museum. Bolton not only sourced pieces from the archives of the largest fashion houses but also bothered the Holy See. On stage, also over 150 haute couture and prêt-à-porter creations that have graced the runways of the fashion world since the beginning of the 20th century. These will be accompanied by the objects and works that inspired them, such as the evening dress designed by Maria Grazia Chiuri and Pierpaolo Piccioli for the Valentino S/S 2014 haute couture collection, inspired by the cover of the ‘1600 Bible and Book of Common Prayer’, pictured here. The exhibition will be open to visitors from 10 May to 8 October 2018. metmuseum.org V.M. 19. POLE DANCE DESIGN/ Linear structures and complex design for furniture that makes lightness its strong point. From left, a seamless metal tube forms the structure of the Angui bench from AYTM, with a velvet seat (aytm.dk); a maxi back made from braided ropes for the Nef chair in aluminium, by Patrick Nourguet for Emu (emu.it); the enfolding shapes of the Fil Noir armchair by Christophe Delcourt for Minotti, with tubular frame in black metal with gold details, fabric-upholstered body and removable inner back in nubuck (minotti.com). On the floor, the red Bell lamp from the Fontana Amorosa collection by Michael Anastassiades in brass with opaline glass shade (michaelanastassiades.com). A pole

dance look for the Set Tables, too, designed by Marc Thorpe for Moroso, in painted steel (moroso.it) and for the two-tone Chair 2 from Cappellini, designed by Bakery Studio, combining matt tubular metal and solid ash (cappellini.it). P.B. 20. THE ZEBRAS ARE COMING!/ The zebra that gallops through the savannah with its unmistakeable coat is invading our 2018 interiors, too. The poster designed by artist Kustaa Saki (1) in printed silk is to celebrate the 75th anniversary of Finnish brand Artek, 100x140 cm (artek.fi). Tableware wants to join in the fun too, and the pattern returns in the porcelain Zebra dishes by Roberto Cavalli (2), with four classic dinner plate formats to choose from (arnolfodicambio.robertocavalli.com). Handmade with fabrics from African countries, the Softheads animal heads, in a collaboration with the Barraquer Fondation (3), is an exclusive collection with a charitable spirit (softheads.net). The Zebra rug (4) makes its way through the urban jungle, in New Zealand wool, designed by Les Graphiquants for Danish company Eo, to add a touch of humour to your rooms (eo.dk). M.B. 21. TRICK OR TREAT/ The Guardian has recently, speaking of global power, commented that “France shows us the way”, attributing high symbolic value to the Louvre Abu Dhabi in the Gulf. The wind is changing in favour of France, which is quietly affirming its supremacy also on the easier battleground of patisserie. After the macaron tsunami, now we are seeing the rise of mono-portions cut like jewels or with a design addict appearance. Milan is the standard bearer, with openings by the Pâtisserie des Rêves, L’Île Douce, L’Atelier du Pain, and L’Eclair de Génie in one year alone. In the photo, Asana chair by Mario Milana (The Webster Edition, in collaboration with Les Ateliers Courbet) featuring copper structure, base in natural tulip tree wood and upholstery in Pierre Frey bouclé fabric. Its cushions look like airy macarons. Soft, sweet power. lapatisseriedesreves.com, iledoucemilano.it, atelierdupain.it, leclairdegenie.it L.M. 22. DE CHIRICO 3D/ Metaphysical inspirations confirm the fascinating appeal of architecture in interiors too. Left, the Portico modular bookcase by Ferruccio Laviani for Emmemobili (emmemobili.it); right, a post-modern spirit for the tapestry on the floor, Bliss Wall Red by Mae Engelgeer for cc-tapis (cc-tapis. com); the total white EUR pouf/side table by Fabio Novembre for Kartell is a thermoplastic technopolymer cube reproduction of the Palazzo delle Civiltà in Rome (kartell.com); and for a centrepiece, the Colosseum I by Jaime Hayon for Paola C, made of copper (paolac.it). The minimalist Pudica chair, inspired by the characteristic arches of Portugal, is by Pedro Paulo Venzon for Matter Made, on sale at Spotti (spotti.com). On the walls, Arcade B wallpaper by Elisa Ossino for Texturae (texturae.it). P.B. 23, 24, 25, 26, 27. NEWS/ 401 E’ Amatrice parfum, Snøhetta, Emotional design, Donghwan Kam , Dominique Perrault. 28. HOMO FABER/ In September, the Giorgio Cini Foundation in San Giorgio, Venice, hosts ‘Homo Faber. Crafting a more human future’, from 14 to 30. Dedicated to the artistic trades of Europe, it features various activities including rare ones, with live demonstrations. The exhibition has been staged by the Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship. And the board of curators stars a string of top class members, such as Michele De Lucchi, India Mahdavi, Silvana Annichiarico, Jean Blanchaert and Judith Clark. The title “evokes the extraordinary ability of man to transform matter” explains Alberto Cavalli, Executive Director of the Michelangelo F.. But, in the age of the digital revolution, don’t we risk wallowing in 185

ELLE DECOR


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

ENGLISH TEXT nostalgia? “Quite the opposite. Every object on show will ooze with contemporary flair. Leading us to discover the true source of the competitive edge in Europe, the savoir-faire associated with creativity and the ability of the grand masters to be the truest exponents of the desire for beauty”. In the photo, one of the ancient trades still practised, on show in the exhibition: wool processing in Carloway Mill, Scotland, which produces Harris Tweed (michelangelofoundation.org/homofaber). P.B. 29. FUR MAGIC/ Furniture in sub-zero style, combining wildness and luxury to enhance the comfort zone of the home. Wrapped in the magical relaxing power of fur. Left Nordkapp, designed by Paola Navone for Baxter, with a metal frame with stove-enamelled finish and natural Kidassia skin cover (baxter. it); and right, Mad from Poliform designed by Marcel Wanders, in solid wood with seat and back covered in lambskin (poliform. it). On the floor the Leon rug from Ivano Redaelli in Mongolian goatskin (ivanoredaelli.it) and the Velum light (hanging) by Marco Costanzi for Fendi Casa, in bronze finish metal with fur and nappa leather shade (luxurylivinggroup.com). And to create the total look, Baloo bear-cub effect eco-fur fabric for the walls and floor, from Sahco Studio, also in black (sacho.com). P.B. 30. ANNIVERSARY WITH LEGO/ This famous Danish company celebrates the sixtieth anniversary of the legendary building brick, born in 1958, with a special set called ’60 Years of the LEGO Brick’. The LEGO House, designed by BIG (Bjarke Ingels Group) and brilliantly incorporating the iconic plastic brick in its architecture, has been inaugurated in Billund, home to the company and to the first of the eight Legoland theme parks around the world (the photo shows a reconstruction of Mount Rushmore). The building consists of 21 white brick-shaped forms stacked on top of one another and capped with a large 2X4 LEGO brick, known as a Keystone. These oversized bricks house indoor spaces for activities, a covered public area and also countless interconnected outdoor terraces and play areas. An exhibition gallery traces the history of the brand, and various ‘Home of the Brick’ sections are reserved for experiences, picked out in different colours. lego.com L.M. 31. COLORAMA 2018/ Intensity is key for the new colours of the year, inspired by the elements of nature. Dusty tones that speak of the earth and the sky, or strong and vibrant like the Renaissance works by Raphael, who is the star of the big exhibition being held in Bergamo this year, ‘Raphael and the echo of the myth’, in a dynamic juxtaposition alongside modern and contemporary artists who have been inspired by his work. Alphamat from Sikkens offers all the colours of the palette: a collection of washable matt water-based paints for interiors (sikkens.it), used here to cover blocks of raw material reminiscent of the totem sculptures of Ugo Rondinone. From top, W0.3030, a version of ultra violet (which is also Pantone’s colour of the year for 2018); F2.60.60, which combines a mix of shades from ochre to Terra di Siena and, right, V0.47.19, an intense shade of sky blue; D2.3040 a textured red shading towards brick. P.B. 32. HUTONG ON FOUR WHEELS/ Today, reinventing the space inside a vehicle is a feasible challenge. One accepted and successfully completed by master of car design Chris Bangle, the first American to manage the Department of Design in BMW for more than 15 years. Making emotion into something strategic is still his mission today, accomplished with the presentation of Reds, the concept for a new generation car. Developed by the American designer, who was born in Ravenna (Ohio), and his team, for CHTC (China Hi-Tech Group Corporation), the city car transforms the space 186

ELLE DECOR

inside the car, exploiting the square metres on four wheels for profit. The whole idea was spawned by a statistic showing that the vehicles used in the Chinese megalopolises are parked for 90% of the time. Hence the concept of concentrating a new type of design into a 2.97 metre-long electric city car. Made not only to be driven but also to be lived in, a source of fun when standing still and on the go. Inside, no less than five adults, with cabin-sized luggage in tow, can work in the comfort of an office, watch a film with friends on a 17” screen and organise a meeting or presentation. And even change a baby’s nappy if the need arises! chrisbangleassociates.com P.C. 33. VIRTUAL ART/ Admired in the engaging installations by Doug Aitken, Pipilotti Rist or Bill Viola, video art is brought into collectors’ homes thanks to flat screens that are as slim as a painting and require no particular technological skills. We are seeing an exponential increase in the number of digital works of art in large international collections - from Frieze and PAD in London to Art Basel via Artissima in Turin (the photo shows works by the British artist Dominic Harris, ‘Bloomed’, 2016, Priveekollektie Contemporary Art | Design). The unstoppable digital process also involves quintessential analogic locations, like museums, that have always been linked to direct, almost physical use, of their exhibits: Sweden has recently seen inauguration of the Virtual Design Museum, which only exists online and is accessible worldwide. priveekollektie.com, swedishdesignmuseum.com L.M. 34. RADICAL 70 RELOADED/ 40 years have passed since the hit ‘Disco Inferno’ and the film Saturday Night Fever, and Elle Decor has interpreted the mood in this photo shoot. Plug & play with the Luna cabinet, right, designed by Patricia Urquiola for Coedition, in orange lacquered MDF with two open compartments and two with sliding doors (coedition.fr). The Lands coffee table by Studio Klass for Fiam Italia (fiamitalia.it) has a stoneware top with a copper finish strip and amber glass base; arranged on it is a collection of pop-style objects: the tray and mirror from the Hands Up collection in porcelain and metal by Jakub Berdych Karpelis for Qubus (qubus.cz) and the C-shaped vase by Noleggiocose (noleggiocose.it). Fairy Suspension light in decorated glass by Toso, Massari & Associates with G. Toso for Leucos (leucos. com) and Elda armchair from Longhi, designed by Joe Colombo in 1963, with swivel structure in fibreglass and nubuck cushions (longhi.it); on the floor, the Numbers rug in wool and silk by Illulian beats time (illulian.com). P.B. 35. NEAR FUTURE/ Robotics, biotechnologies, ultra-fast connections, personalised satellites: tomorrow is here. With the digital revolution in full swing, ‘The Future starts here’, the exhibition on from 12/5 at the V&A Museum in London, takes stock of the situation so far. With a special perspective focusing on how design can shape the world, the exhibition displays objects and designs that could be relevant for our body, the home, politics, cities and the planet. The exhibits come from both the private and collective sphere, illustrating mega programmes such as the HAPS system, the high altitude drones developed by Facebook to offer low cost connection worldwide, the latest home automation solutions and the interventions in our cities designed to help us tackle the challenges just round the corner: such as Masdar City, the zero impact city designed by Foster & Partners. Not to mention the many proposals made by independent researchers, such as the open-source, crewless robot-boat by Cesar Jung-Harada (pictured here), which sails out to clean up oil leaks (vam.ac.uk). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

NEXT

LIFESTYLE/ DESIGN/ DECORAZIONE/ ARTE/ ARCHITETTURA/ EVENTI/ PROTAGONISTI


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

NEXT 2018 IL DESIGN DELL’ANNO IN 40 PAGINE I progetti futuri e gli eventi da non perdere, i talenti da tenere d’occhio e le tendenze di domani. Spingendoci sempre un po’ più avanti. Per raccontare gli esperimenti creativi e le evoluzioni del lifestyle, le mostre dell’anno e le architetture in fase di inaugurazione. E ancora i nuovi linguaggi che vengono da lontano o che sono espressione del made in Italy: nella moda e nel food, nell’arte e nella decorazione, nella piccola scala e nella grande dimensione. 36 temi, dalla voglia di gioco al progetto urbano aperto alla socialità, che raccontano cosa ci dobbiamo aspettare nei prossimi 12 mesi: sfide future, tra recupero dell’artigianato e scenari digitali, più attenzione all’ambiente e nuovi materiali. Gli obiettivi? Maggior dialogo e voglia di andare oltre le apparenze. English text a pag. 179 Approfondimenti su elledecor.it

01. 02. 03. 04. 05. 06. 07. 08. 09. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36.

Playable Decor Dance Rigenerare Essenza hi-profile Tecno riusi Palermo caput mundi Sì chef! Day Dream Sempre più in alto Forever Pop La ricerca della felicità Garden City di domani 100 anni di attualità Giovani emergenti La torre delle meraviglie Accessori alla mano Mai più taglie sbagliate La moda è sacra Pole Dance Design Zebre alla riscossa Dolcetto o scherzetto De Chirico in 3D Solidarietà Città del libro Questione di feeling Giornalismo 4.0 Capitale futura Homo Faber Magic Fur Anniversario con Lego Colorama 2018 Hutong a quattro ruote Arte virtuale Radical 70 Reloaded Futuro prossimo Love Parade


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

NEXT

Il mantra è perseguire la serenità praticando il divertimento. Un’opportunità che riusciremo a cogliere solo se impareremo a non prenderci troppo sul serio e a tornare bambini. Lo sostiene Joel Blanco, giovane designer diplomato alla Design Academy di Eindhoven, che ha sperimentato una nuova forma di edutainment (intrattenimento educativo). Super Lekker Super Mooi, infatti, è un enorme cuscino a forma di doughnut dove tuffarsi e ridere. Perché è giocando che entriamo in relazione con gli altri nello spazio, liberiamo creatività e sviluppiamo conoscenza. Ne è convinto anche Fabio Viola, game designer, che per il Museo Marino Marini di Firenze ha lanciato la call internazionale (aperta sino al 31 marzo) per il Playable Museum Award. “Per fidelizzare il rapporto con il visitatore è importante coltivare emozione e calore”, sottolinea il creativo. “Ecco perché sperimentiamo un coinvolgimento meno virtuale e più reale che usa le tecnologie in chiave empatica”. Obiettivo: riscoprire la fisicità. joelblanco.com, museomarinomarini.it P.C.

Femke Rijerman - ©DAE

01. Playable


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

2018

Mattia Balsamini

02. Decor Dance Un funambolo della creatività. Ecco chi è Adam Nathaniel Furman, il progettista inglese che ha fatto del crossing culturale la sua firma. Si muove con disinvoltura nel mondo del design e dell’architettura così come della moda e della decorazione per dare forma a interni fatti di superfici ricche, non solo di segni ma soprattutto di significati. Nonostante a volte si riferiscano a lui come artista, perché alcuni dei suoi lavori sembrano rientrare in quella categoria (ne è testimonianza la sua recente collaborazione con la milanese Camp Design Gallery), è un designer al 100% innamorato del decor. “Mi piacciono gli interni fastosi dove immergersi e tuffarsi. Ambienti da sfogliare per svelare di volta in volta i layer di cui si compongono, in un percorso di stratificazione percettiva. E mi piace l’idea che le persone sentano il bisogno di toccare il mio lavoro, di consumarlo con gli occhi come fosse un momento di festa”. Perché la decorazione è tutto ciò che scalda e crea effetti sensuali. In una danza che è vibrante vitalità. adamnathanielfurman.com P.C.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

03. Rigenerare Quella di Maddalena Selvini è una trasformazione naturale che sprigiona magia. Arena è il nome del progetto, una sperimentazione condotta sulla pietra ollare nata dall’amore per questo materiale antico, usato ancora oggi per la produzione di stufe, pentole e piastre da cucina. Cosa ha scoperto la designer? Che proprio perché composta di talco, magnesio e da un’alta percentuale di ferro, se sottoposta a temperature superiori agli 800°, questa sostanza inizia a sbriciolarsi, per poi compattarsi e trasformarsi in sabbia arenaria. La storia non finisce qui, perché Maddalena si concentra anche sulle caratteristiche di porosità della materia: dotata di un sorprendente tasso di assorbimento, i liquidi che l’accarezzano vengono subito assorbiti. È così che dal contatto con il calore vivo di una fiamma nascono contenitori per piante e germogli, ma anche diffusori di aromi. È così che la polvere torna alla polvere, e gli scarti di lavorazione alla natura. maddalenaselvini.com P.C.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

04. Essenza hi-profile

Styling di Elisa Ossino Studio – foto di Andrea Garuti

La creatività applicata al legno naturale crea inedite interpretazioni. Con particolare attenzione ai valori tecnologico ed eco di superfici in legno ricomposto che eliminano gli sprechi, utilizzando anche il più piccolo frammento di scarto. Come le pareti e il pavimento rivestiti con Alpi Sottsass, firmato dal maestro del design, da scegliere in 4 varianti colore (alpiwood.com). A sinistra, ha un concept dinamico Teorema di Ron Gilad per Molteni&C, serie di contenitori a cassetti o a giorno sovrapposti a spirale, con struttura sfaccettata rivestita in noce o eucalipto, anche in composizioni lineari (molteni.it); con top in masselli di legno composti effetto tweed e struttura in metallo il tavolino Fusion, di Cairoli & Donzelli per Twils Lounge (twils.it). A destra, linee asciutte e silhouette ergonomica per la chaise longue Quindici di Mattiazzi, firmata da Ronan & Erwan Bouroullec, in frassino naturale (mattiazzi.eu); top impiallacciato con legno Alpi per il tavolino Armada, disegnato da Doshi Levien per Moroso (moroso.it). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

05. Tecno riusi Che farsene di computer, stampanti e device quando non funzioneranno più o semplicemente non saranno più di moda? La risposta è nella creatività etica dei Formafantasma, che con la collezione di oggetti critici Ore Streams propongono una riflessione non solo sul riuso dell’elettronica di consumo, ma soprattutto sulla sua produzione consapevole. Per chi si interessa di recuperi, lo studio italiano stanziale ad Amsterdam, per la mostra NGV Triennial curata da Ewan McEoin alla National Gallery of Victoria a Melbourne (sino al 15 aprile), ha realizzato una serie di tavoli, chaise longue e sideboard composti da rifiuti tecnologici. Il lavoro di Simone Farresin e Andrea Trimarchi, insieme a quello di altri 99 artisti e designer provenienti da 32 Paesi, è una delle testimonianze raccolte sugli effetti della globalizzazione. Microchip, schermi e tastiere nelle loro mani diventano piani di scrivanie, sedute ed elementi decorativi in grado di declinare una nuova estetica e di promuovere una nuova pratica eco. ngv.vic.gov.au P.C.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

06. Palermo caput mundi ’The Planetary Garden. Cultivating Coexistence’ è il titolo di Manifesta 12, la biennale d’arte e cultura nomade che si terrà a Palermo (dal 16/6 al 4/11). Fondata dalla storica olandese Hedwig Fijen negli Anni 90, si concentra quest’anno sul tema dell’esodo, scegliendo la città simbolo di crocevia di culture dall’antichità. Tra i curatori, Ippolito Pestellini Laparelli, dello studio OMA, con cui ha realizzato ‘Palermo Atlas’, ricerca multimediale sulla struttura storico-sociale-geografica della città, descritta simbolicamente dalla ‘Veduta di Palermo’ di Francesco Lojacono (1875, in foto), nel quale sono evidenziate le provenienze di specie dell’orto botanico della città. “Per narrare la storia del Mediterraneo e dell’Europa e, assieme, un focus sulla città, realizzato con artisti ed esperti camminando con dozzine di palermitani in centinaia di luoghi”, spiega l’architetto. L’idea è che la biennale crei un lascito duraturo alla città. Intanto è già partito ‘Aspettando Manifesta 12’, al Teatro Garibaldi, un hub di nuove idee. manifesta.org V.R.

AUSTRALIA Eucalyptus

JAPAN Loquat

SOUTHERN MEDITERRANEAN Broom

ASIA

Courtesy OMA

Lemon tree


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

07. Sì chef! Rodolfo Guzmán porta la cucina e i prodotti del Cile nel gotha dell’universo food. E un libro lo celebra

Cristóbal Palma

Si può scoprire un Paese lontano come il Cile, tra le top destination del 2018, anche attraverso la lente dell’ingrandimento della sua cucina. A guidarci è Rodolfo Guzmán, chef, forager, ricercatore e fondatore sia del Boragó, ristorante di Santiago del Cile da lui inaugurato nel 2006 che costituisce l’eccezione alla tradizione gastronomica coloniale del luogo, sia del Boragó 2.0, in apertura ai piedi delle montagne, ma a due passi dal centro della capitale. Il racconto si snoda nelle pagine del suo libro ‘Boragó. Coming from the South’, fresco di stampa per i tipi di Phaidon. La sua passione per la cucina ha radici lontane, che datano all’infanzia, all’esempio della madre splendida cuoca, alle estati trascorse in campagna dalla nonna, a contatto diretto con i prodotti della terra, e la sua attività di forager, ossia l’andare a scovare e utilizzare ingredienti naturali raccolti in tutto il Cile, ne è stata la conseguenza successiva. “Tra il 2003 e il 2004 ho lavorato in tre ristoranti in Spagna con una full immersion in un mondo culinario per me nuovo. Allora ho iniziato a realizzare il potenziale gastronomico del mio Paese, che nessuno aveva percepito fino a quel momento”, racconta Guzmán. “Con il mio ristorante Boragó (uno dei World’s 50 Best Restaurants, ndr) ho voluto sperimentare una cucina fatta di prodotti radicati nella cultura e nel paesaggio, lavorando con ingredienti endemici che gli antichi cileni, i Mapuche, avevano usato per migliaia di anni, per riconnettere la popolazione con la sua eredità culinaria”, aggiunge. Ma molte delle piante endemiche come frutta selvatica, alghe, alofite (quelle succulente che nascono vicino alla costa) che aveva incontrato nei suoi viaggi in patria crescevano nel Sud e nel Nord, non certo a Santiago. È iniziata così una lunga ricerca per creare un network di fornitori in un Paese ove i trasporti sono difficili, a causa della sua conformazione lunga e stretta, con una linea costiera di 4 .200 km. “Nessun altro ristorante aveva mai tentato di far arrivare materie prime dalla Patagonia, dal deserto dell’Atacama, dall’isola di Chiloé o dall’Araucanía, ho cercato di lavorare direttamente con i pescatori per trovare pesci locali, invece di impiegare prodotti surgelati”, continua lo chef. I risultati sono eccezionali e i suoi piatti si possono gustare anche nelle belle fotografie di Cristóbal Palma. phaidon.com; borago.cl L.M.


Rodolfo Guzmán

РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

08. Day Dream

Styling Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe – foto di Federico Cedrone

Forme, materiali e colori che sembrano emergere da memorie ancestrali, un ritorno al principio. Come il divano componibile Floe Insel di Cassina che Patricia Urquiola ha disegnato ispirandosi a forme sinuose e monolitiche (cassina.com). Accanto, da destra, una cornice in poliuretano soft simile a una frattura nella crosta terrestre per Broken Mirror progettato da Snarkitecture per Gufram (gufram.it), geometrie precise per il tavolino Mini Clay firmato da Marc Krusin per Desalto, con top in mdf spatolato (desalto.it). In primo piano, in ceramica e dall’effetto lava, il vaso Maket di RSW per Pulpo (pulpoproducts.com), in alluminio con finitura ruvida la lampada da tavolo 607 di Astep, design Gino Sarfatti 1971, oggi rieditata in versione Led per la collezione Flos with Sarfatti (astep.design). Con base in bronzo patina nera, specchio antico e profilo in ottone bagno oro, il Table Mirror della collezione Fuoco di Roberto Sironi con Gallery S. Bensimon e Fonderia Artistica Battaglia (robertosironi.it). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

09. Sempre più in alto

Carsten Witte/ The Licensing Project

Sono passati otto anni da quando il Burj Khalifa di Dubai, grattacielo firmato dallo studio Skidmore Owings & Merril, con la quota di 828 metri è diventato la più alta costruzione mai realizzata dall’uomo. Un record non facile da eguagliare, nonostante il fiorire di nuovi grattacieli che stanno crescendo soprattutto nelle città cinesi e mediorientali. Tra il primo e il secondo posto, infatti, il distacco è notevole: la Shanghai Tower, completata nel 2015, si ferma a 632 m. Ma nel 2020 il primato del Burji Khalifa è destinato a essere polverizzato: la Jeddah Tower supererà infatti il chilometro di altezza. Affacciato sul Mar Rosso e progettato da Adrian Smith + Gordon Gill è realizzato quasi interamente in calcestruzzo armato. Questo nuovo simbolo dell’Arabia Saudita ospiterà uffici, hotel, residenze e la terrazza eliporto più alta del mondo. Al terzo posto, con 729 m, si piazzerà il Suzhou Zhongnan Center, progettato dall’agenzia Gensler: sarà inaugurato sempre nel 2020 e sarà il più alto grattacielo della Cina. burjkhalifa.ae M.G.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

10. Forever Pop

Getty Images

Abbiamo bisogno di un anniversario per parlare di Andy Warhol? Verrebbe da dire di no, visto che retrospettive e mostre a tema sono sempre in giro per il mondo, anche grazie all’instancabile attività della Warhol Foundation for the Visual Arts che ne promuove la legacy. E che di recente ha stretto una partnership con Calvin Klein, concedendo alla maison americana l’accesso alle opere, finora mai esposte, ottenendo in cambio il supporto alle sue attività. La linea Calvin Klein 205W39NYC firmata da Raf Simons (che non sarebbe affatto dispiaciuta a Warhol, molto attento al mondo fashion) arriva nei negozi a gennaio con capi decorati da una scelta di lavori serigrafati (nella foto). E non è tutto, perché il 2018 è veramente un anniversario da celebrare. Per i 90 anni dalla nascita del maestro della Pop Art, in novembre il Whitney Museum di New York inaugura un’ampia monografica. Con un doppio obiettivo, svelare la complessità del ‘most American of artists’ e presentare il Warhol del 21° secolo. calvinklein.it, whitney.org P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

11. La ricerca della felicità “L’ONU ha decretato che la felicità sia al cuore delle politiche di sviluppo e a tale scopo è stato creato un osservatorio internazionale con il compito di definire in modo più preciso il concetto di felicità sociale”. Così esordisce l’antropologo ed etnologo Marc Augé nel suo ultimo libro ‘Momenti di felicità’ (Raffaello Cortina Editore), rivelando la comparsa nelle grandi aziende di un nuovo ruolo: il Chief Happiness Officer. Al World Happiness Report dell’ONU fa da contraltare il valore del FIL, Felicità Interna Lorda, che, parallelamente a quello del PIL, Prodotto Interno Lordo, viene sempre più considerato quando si valuta il livello di sviluppo e di ricchezza di un Paese. E può diventare anche un parametro di valutazione della politica culturale cittadina e della programmazione artistica delle istituzioni pubbliche. È un movimento, quello del FIL, che ha fatto proseliti anche tra scrittori-filosofi come Alain de Botton, autore del bestseller ‘Architettura e felicità’ (Guanda) sul rapporto tra bellezza degli edifici e felicità dei loro abitanti. L.M.

fil —

(felicità-interna-lorda)

La felicità interna lorda o FIL (in lingua inglese gross national happiness - GNH) è il tentativo di definire - con un evidente ammiccamento ironico, ma con altrettanto evidenti intenti sociologici - uno standard di vita sulla falsariga del prodotto interno lordo (PIL).

da Wikipedia, l’enciclopedia libera


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

12. Garden City di domani Dopo il milanese Bosco Verticale il modello green, firmato Stefano Boeri Architetti, conquista la Cina

Stefano Boeri Architetti

Il 2018 sarà molto intenso per lo studio capitanato da Stefano Boeri. Il principio di ‘riforestazione metropolitana’, diventato realtà con il Bosco Verticale, le torri nell’area di Porta Nuova a Milano, è stato tradotto in nuovi progetti sviluppati in Cina: un modello che propone soluzioni innovative per il problema dell’inquinamento urbano. “Nel 2015 ho presentato al COP21 (Paris France Sustainable Innovation Forum) il progetto di una Città Foresta per Shijiazhuang, la metropoli cinese con il più alto tasso di inquinamento”, ci racconta Boeri. “La questione ambientale è oggi talmente critica da richiedere azioni con un reale impatto positivo, in tempi brevissimi, che siano espressioni di una filosofia progettuale del tutto nuova”. Prima opera in cantiere, le Nanjing Green Towers, con facciate a terrazze che supporteranno una vera foresta verticale per contribuire a rigenerare la biodiversità locale. Partiranno a ruota i lavori per la Liuzhou Forest City, in queste pagine, che sorgerà in un’area di circa 175 ettari lungo il fiume Liujiang. La nuova città di 30 .000 abitanti ospiterà 40 .000 alberi e circa 1 milione di piante. Più di 100 specie in grado di assorbire, ogni anno, circa 10 .000 tonnellate di CO2, 57 tonnellate di polveri sottili e di produrre circa 900 tonnellate di ossigeno. “La Città Foresta non solo rappresenta la ‘moltiplicazione’ del concetto di forestazione urbana sviluppato con il Bosco Verticale di Milano, ma chiama in causa l’urgenza di estendere le superfici boschive nell’intera città cinese: non solo nei parchi e nei giardini, ma sui tetti e nei cortili, o lungo i sistemi infrastrutturali continui che diventano veri corridoi ecologici e aumentano la biodiversità”, continua il progettista. “Grazie a Slow Food China, stiamo studiando dei progetti pilota di rigenerazione dei villaggi agricoli che sono in continuo abbandono. Forestazione urbana e rigenerazione della campagna agricola sono i due pilastri di una grande sfida urbanistica, sociale e ambientale, che non riguarda solo la Cina”, conferma Boeri. Diversi i temi in gioco: l’autosufficienza energetica, l’incremento della biodiversità, insieme alla riduzione dell’inquinamento dell’aria nelle grandi città, ottenuti grazie alla moltiplicazione delle superfici vegetali e biologiche urbane. Il futuro è qui. stefanoboeriarchitetti.net M.G.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

13. 100 anni di attualità

Petr Jehlík

Tra il 1890 e il 1918 Vienna, che nel 1910 conta due milioni di abitanti — più di quanti ne abbia oggi — diventa un centro intellettuale europeo. Al Café Museum come al Central e al Griensteidl, i letterati discutono con intellettuali e artisti. Architetti tra cui Adolf Loos (in foto la Brummel House a Pilsen), Josef Hoffmann e Joseph Maria Olbrich progettano edifici il cui stile non ha nulla in comune con quelli ottocenteschi, perché innovativi anche nei materiali. Nel 2018 Vienna festeggia il Modernismo e quattro tra i suoi maggiori esponenti, i pittori Gustav Klimt ed Egon Schiele, l’architetto Otto Wagner e il creativo Koloman Moser. I ritratti femminili di Klimt, gli impietosi autoritratti di Schiele, le idee di Wagner sulla metropoli moderna, gli oggetti di design di Moser, la psicanalisi di Freud, la musica di Schönberg sono state alcune delle più importanti conquiste dell’epoca. Durante l’anno eventi e mostre racconteranno come Vienna abbia segnato l’inizio della contemporaneità. viennesemodernism2018 .info L.M.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

14. Giovani emergenti

Giovanni Gastel

Se è vero che progettare è un’esperienza che ci accompagna, ispira quotidianamente, e ci racconta una storia, allora ascoltare quella di Federica Biasi e Astrid Luglio ci apre le porte di un mondo da favola. Quella di due giovani designer, neppure trentenni, laureate allo Ied la prima e alla Naba la seconda, con un percorso di crescita che le ha portate a viaggiare da Milano ad Amsterdam, da Melbourne a Ho Chi Minh per poi tornare nel capoluogo lombardo, indiscussa capitale del design. Entrambe le creative, con lo specchio Ilario per Mingardo e la lampada freestanding Philtrum (nata dalla collaborazione con la maison torinese Tonatto Profumi), mettono in scena la propria idea di vanitosa femminilità. L’atmosfera è calda e romantica. A tratteggiarla ci pensa l’ottone, materiale solido dal mood vintage. Ma anche le essenze profuse dal paralume riscaldato dalla flebile luce della sorgente. E i bagliori riflessi dalla tonda lastra specchiante, quella dove ricercare il proprio viso, meglio con un sorriso. federicabiasi.com; astridluglio.com P.C.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

15. La torre delle meraviglie

Paolo Riolzi

Tanto attesa, sta finalmente per aprire. Parliamo della Torre della Fondazione Prada di Milano, ultimo step del piano di riqualificazione e trasformazione di un’antica distilleria in hub culturale da parte dello studio OMA di Rem Koolhaas. Terzo e ultimo edificio di nuova costruzione nel complesso di largo Isarco, ospiterà su più livelli spazi espositivi destinati alla collezione d’arte contemporanea della Maison, con un allestimento semi-permanente; il quinto e sesto piano saranno dedicati al ristorante, mentre il rooftop ospiterà un bar con vista panoramica. Data probabile di apertura la Design Week meneghina. L’architettura è di impronta cubista, un mix tra volumi 3D e superfici bidimensionali, in quello stile ibrido caro all’architetto di Rotterdam. Va ad affiancarsi ai sette edifici preesistenti e alle due nuove costruzioni, il Podium espositivo centrale e il Cinema, auditorium multimediale. È destinata a divenire una nuova forma che disegna lo skyline della città in rapida metamorfosi. fondazioneprada.org V.R.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

16. Accessori alla mano

Styling Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe – foto di Federico Cedrone

Vassoi, centrotavola ad alto tasso di decorazione con l’ambizione di accompagnare gesti quotidiani. In primo piano Surface + Border No. 1 di Ron Gilad per Danese, portafrutta in metallo lucido e verniciato (danesemilano.com), l’uccellino in carta è Blue Tit, un’opera di Lisa Lloyd Paper (lisalloyd.net). Parete rifinita con idropittura opaca MATmotion nella tonalità azzurro chiaro di Novacolor (novacolor.it) e appeso, a sinistra, Tarsia di Maria Gabriella Zecca per Tacchini Edizioni (tacchini.it). A destra, il vassoio rotondo Serving Tray Rainbow di Hay, in acciaio inox iridescente, da acquistare su designrepublic. com, e rettangolare Tray di Peter Raacke per Pulpo, in sottile lamiera stampata e verniciata (pulpoproducts.com). Appoggiato sul pannello verniciato bianco con MATmotion di Novacolor, Prism Marble Crystal Tray di Tomàs Alonso per Atelier Swarovski, in cristallo e marmo di Carrara (atelierswarovski.com). Per il piano pittura color crema Premium Style Colors di Wall&Decò (wallanddeco.com). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

17. Mai più taglie sbagliate L’e-commerce ci ha fatto passare l’ansia da coda alle casse ma ci blocca per il panico da acquisto sbagliato? Ora non più, è arrivato il camerino virtuale. Comodamente seduti in poltrona si potranno comprare capi d’abbigliamento sapendo che ci staranno benissimo, senza più brutte sorprese. Il colosso giapponese dell’e-commerce Start Today Co. ha appena lanciato ZozoSuit, una tuta elastica da indossare e connettere via Bluetooth allo smartphone, che rileva ben 15.000 misure del nostro corpo dal collo alle caviglie. Collegandosi al sito tramite un’app, permette di selezionare solo gli abiti ideali e anche di ricevere consigli e suggerimenti di shopping, ‘ritagliati’ su di noi. I capi sono quelli della Zozo Collection, una linea di abbigliamento uomo e donna con denim, maglieria e capispalla. Volete provare la prima esperienza di shopping online ‘size-free’ al mondo? La tuta è già in prevendita sui siti nipponico e americano, con consegne previste a partire da questa primavera. E seguirà a breve il lancio europeo. zozosuit.com V.R.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

18. La moda è sacra

Courtesy of Valentino S.p.A., image courtesy of The Metropolitan Museum of Art, Digital Composite Scan by Katerina Jebb

‘Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination’ sarà la principale mostra del Metropolitan Museum of Art di New York ospitata eccezionalmente in tre location: il MET, l’Anna Wintour Costume Center e i MET Cloisters. “La moda e la religione sono state a lungo intrecciate, mutuamente ispirate. Sebbene questa relazione sia stata complessa e talvolta contestata, ha prodotto alcune delle creazioni più originali e innovative nella storia del costume”, ci spiega l’head curator del museo, Andrew Bolton. Che ha attinto agli archivi delle maison e scomodato anche la Santa Sede. “Ci siamo fatti mandare oltre 50 capolavori ecclesiastici che stanno arrivando dalla sacrestia della Cappella Sistina”. Inoltre saranno in mostra più di150 creazioni dai primi del XX secolo a oggi, accanto alle opere che li hanno ispirati. In foto, l’abito da sera di Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli per Valentino (Alta Moda P/E 2014), ispirato alla copertina del libro ‘1600 Bible and Book of Common Prayer’. Dal 10/5 all’8/10 . metmuseum.org V.M.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

19. Pole Dance Design

Styling di Elisa Ossino Studio – foto di Andrea Garuti

Strutture lineari e complessità progettuale per arredi che fanno della leggerezza la loro forza. Da sinistra, un tubo metallico senza soluzione di continuità crea la struttura della panca Angui firmata Aytm, con seduta in velluto (aytm.dk); schienale maxi con corde intrecciate per la poltroncina Nef disegnata da Patrick Norguet per Emu, in alluminio (emu.it); forme avvolgenti per la poltrona Fil Noir ideata da Christophe Delcourt per Minotti, con struttura tubolare in metallo nero dai dettagli oro, scocca rivestita in tessuto e schienale interno rimovibile in nabuk (minotti.com). A terra, in rosso la lampada Bell della collezione Fontana Amorosa di Michael Anastassiades, in ottone con diffusore in vetro opalino (michaelanastassiades.com). Pole dance anche per i Set Table creati da Marc Thorpe per Moroso, in acciaio verniciato (moroso.it) e sedia bicolore Chair 2 di Cappellini, progettata da Bakery Studio, che accosta il tubo metallico mat e il massello di frassino (cappellini.it). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

20. Zebre alla riscossa

[1]

Striature verticali, nere o bruno-rossastre: è la zebra che con il suo manto inconfondibile corre nella savana e invade anche gli interior 2018 . Il motivo animalier torna in gran voga e conquista ogni angolo. Viene declinato sulla seta stampata del poster disegnato dall’artista Kustaa Saksi (1) per celebrare i 75 anni del brand finlandese Artek, cm 100x140 (artek.fi), così come il pattern ritorna anche sui piatti Zebra in porcellana di Roberto Cavalli (2), da scegliere in quattro formati classic dinner (arnolfodicambio. robertocavalli.com). Handmade, realizzato con tessuti che arrivano da Paesi africani, il trofeo a tema di Softheads, realizzato in collaborazione con la Barraquer Foundation (3), fa parte di una collezione esclusiva e dall’esprit charity (softheads.net). Decoro ideale di un interno della giungla cittadina è il tappeto Zebra, in lana New Zealand, firmato da Les Graphiquants per i danesi Eo (4), per non dimenticare un tocco di humour nelle stanze (eo.dk). M.B.

[2]

[3]

[4]


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

21. Dolcetto o scherzetto Se nel 2007 la copertina del ‘Time’ decretava “The Death of French Culture”, di recente ‘The Guardian’, parlando di global power, commentava che “France shows us the way” a proposito del Louvre Abu Dhabi di Jean Nouvel nel Golfo; a dimostrazione dell’abilità francese di conquistare (culturalmente) Paesi che fin dal XIX secolo hanno mantenuto forti legami con il Regno Unito. Ma la Francia, con dolcezza, afferma la sua egemonia anche in un territorio di più facili conquiste, quello della patisserie. Dopo il boom dei macaron, imperano le monoporzioni cesellate come gioielli. Ne è portabandiera Milano: nel giro di un anno hanno aperto la Pâtisserie des Rêves, L’Atelier du Pain, L’ile Douce e L’Éclair de Génie. Nella foto, ricorda un pasticcino la seduta Asana di Mario Milana (The Webster Edition, in collaborazione con Les Ateliers Courbet) con struttura in rame, base in legno e rivestimento in tessuto bouclé di Pierre Frey. I cuscini ricordano soffici macaron. lapatisseriedesreves.com, iledoucemilano. it,atelierdupain.it, leclairdegenie.it L.M.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

22. De Chirico in 3D

Styling di Elisa Ossino Studio – foto di Andrea Garuti

Forme archetipiche, citazioni classiche e ispirazioni alla metafisica confermano il fascino dell’architettura anche in interni. A sinistra, la libreria modulare Portico di Ferruccio Laviani per Emmemobili, con elementi a giorno o chiusi da ante (emmemobili.it); accanto, spirito post-moderno per l’arazzo, a terra, Bliss Wall Red di Mae Engelgeer per cc-tapis in lana e seta annodate a mano (cc-tapis.com); in total white il pouf/tavolino Eur firmato da Fabio Novembre per Kartell, parallelepipedo in tecnopolimero termoplastico che riproduce il Palazzo delle Civiltà di Roma (kartell.com) e per il centrotavola Colosseum disegnato da Jaime Hayon per Paola C, in rame, della collezione New Roman (paolac.it). Minimalista, ispirata agli archi tipici del Portogallo la sedia Pudica di Pedro Paulo Venzon per Matter Made, in vendita da Spotti (spotti.com). Alle pareti, wallpaper Arcade B di Elisa Ossino per Texturae, disponibile in cellulosa, vinilico o fibra di vetro, realizzata su richiesta (texturae.it). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

23. Solidarietà Dalla polvere delle macerie nasce 401 È Amatrice, la fragranza frutto della collaborazione tra Marina e Roberto Serafini, titolari della profumeria più antica del paese andata distrutta, il ‘naso’ Lorenzo Dante Ferro, Silvana Angeletti e Daniele Ruzza, designer, Giovanni Gastel, fotografo, e Anna Maria Sacconi, artista. Un progetto corale che invita a non arrendersi. Da 10 Corso Como a Milano e sul sito riflessi88.it P.C.

Una topografia a terrazze per la Biblioteca Centrale di Calgary, Canada, progetto di Snøhetta con lo studio locale DIALOG. Apre a novembre 2018, su 22.000 mq con oltre 600.000 volumi e spazi per eventi. L’edificio è sollevato rispetto alla quota stradale, connettendo l’East Village e il centro città. L’ingresso è a volte in legno che ricordano le nuvole ad arco ‘chinook’ caratteristiche della regione, mentre la ‘pelle’ coniuga superfici trasparenti e opache per controllare i livelli di luce diurna. snohetta.com M.G.

Giovanni Gastel - ©Snøhetta & MIR

24. Città del libro


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

25. Questione di feeling La London Design Biennale (4-23/9) riunirà oltre 40 Paesi sul tema ‘Emotional States’. Gli smartphone saranno sempre più intelligenze artificiali con cui creare un legame. Nick Verstand mostra, ad arte, questo inedito sentimento tra uomo e oggetti con Aura (foto), una video-installazione sonora che, grazie a biosensori sul corpo del visitatore, ne trasforma gli stati d’animo in dati e, dunque, in proiezioni di luci. nickverstand.com V.R.

26. Giornalismo 4.0 Il fotoreporter Donghwan Kam usa il suo obiettivo per fissare la complessità del mondo che lo circonda. E lo fa grazie ai sensori che, integrati nella visiera, lo aiutano a comprendere la relazione tra reale e virtuale: muovendosi in modalità aumentata, entra in una dimensione che gli fa vedere e raccontare le cose nella loro complessità. Un metodo scelto per distinguere il vero dal falso e combattere il dilagare delle fake news. donghwankam.com P.C.

Noortje Knulst - ©Rayus_Dominique Perrault Architecte_adagp

27. Capitale futura Tra i 10 Paesi must-see dell’anno di Lonely Planet, la Corea del Sud ospita i XXIII Giochi olimpici invernali (9-25/2). Nella capitale Dominique Perrault Architecture di Parigi, con Junglim Consortium di Seoul, si è aggiudicato la realizzazione di The Lightwalk, Gangnam Intermodal Transit Center. Inizio lavori 2018, sarà una nuova enorme stazione di trasporto pubblico integrata, con aree verdi e anche un intervento di land art in dialogo con il fiume Han e il torrente Tancheon. perraultarchitecture.com L.M.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

28. Homo Faber

Marco Kesseler, ©Michelangelo Foundation 2017

La Fondazione Cini di San Giorgio a Venezia ospita dal 14 al 30 settembre ‘Homo Faber. Crafting a more human future’, dedicata ai mestieri d’arte in Europa, anche rari, mostrati dal vivo. L’evento si deve alla Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship, nata per valorizzare l’eccellenza artigiana avvicinandola al design. E d’eccellenza è il board di curatori: Michele De Lucchi, India Mahdavi, Silvana Annichiarico, Judith Clark, Jean Blanchaert. Il titolo “evoca la capacità straordinaria dell’uomo di trasformare la materia”, spiega Alberto Cavalli, executive director della fondazione. Ma, in epoca di rivoluzione digitale, non si rischia di fare un’operazione nostalgica? “Al contrario. Ogni oggetto parlerà della contemporaneità”, continua Cavalli, “il vantaggio competitivo in Europa è il saper fare che si lega alla creatività”. In foto, uno dei mestieri in mostra, la lavorazione della lana a Carloway Mill in Scozia, mulino che produce Harris Tweed. michelangelofoundation.org/homofaber. P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

29. Magic Fur

Styling di Elisa Ossino Studio – foto di Andrea Garuti

Arredi in stile sotto zero fra selvaggio e luxury, per sottolineare la comfort zone della propria casa. Avvolti dal magico potere rilassante di una pelliccia. Protagoniste due poltrone speciali, a sinistra Nordkapp progettata da Paola Navone per Baxter, con struttura in metallo rifinita a fuoco e rivestimento in pelliccia di Kidassia naturale, misura cm 75x80x84h (baxter.it) e a destra Mad di Poliform firmata dal designer olandese Marcel Wanders, in massello di legno con seduta e schienale in agnellino (poliform.it). Chiude il cerchio, a terra, il tappeto Leon proposto da Ivano Redaelli in Mongolia (ivanoredaelli.it) e appesa la lampada da parete Velum creata da Marco Costanzi per Fendi Casa e che fa parte della collezione Contemporary, in metallo finitura bronzo con paralume in nappa e pelliccia (luxurylivinggroup.com). In total look Baloo, il tessuto di Sahco Studio in eco-fur orsetto disponibile anche in nero (sahco.com), le pareti e il pavimento. P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Con un set speciale chiamato ‘60 Years of the LEGO Brick’, l’azienda danese celebra il 60° compleanno del mitico mattoncino nato nel 1958 a Billund. Nella città danese, sede del marchio e del primo degli otto parchi a tema Legoland nel mondo (in foto la ricostruzione del Monte Rushmore), ha inaugurato la LEGO House firmata dallo studio BIG (Bjarke Ingels Group) che incorpora nell’architettura l’iconico gioco con una soluzione geniale. L’edificio, che copre una superficie di 12 .000 metri quadrati, si compone di 21 volumi bianchi sovrapposti in modo sfalsato e coronati da un imponente mattone 2x4 LEGO, noto come Keystone. I mattoncini oversize accolgono al loro interno spazi per attività indoor e si articolano in numerose terrazze esterne interconnesse e aree giochi. Mentre una galleria espositiva è dedicata alla storia del giocattolo, diverse aree della ‘Home of the Brick’ sono riservate alle esperienze: il rosso è per le abilità creative, il blu per quelle cognitive, il verde per quelle sociali, il giallo per quelle emotive. lego.com L.M.

©Legoland Billund

30. Anniversario con Lego


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Styling di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe – foto di Federico Cedrone

31. Colorama 2018 Puntano sull’intensità i nuovi colori dell’anno, ispirati agli elementi della natura. Tonalità polverose che guardano alla terra e al cielo, forti e vibranti come quelle delle opere rinascimentali create da Raffaello, protagonista quest’anno della grande mostra all’Accademia Carrara a Bergamo ‘Raffaello e l’eco del mito’, in un dinamico confronto con gli artisti moderni e contemporanei che hanno trovato ispirazione dal suo lavoro. Tutte le cromie della palette sono Alphamat di Sikkens, collezione di idropitture lavabili opache per interni (sikkens.it), qui utilizzate per rivestire blocchi di materia grezza, che ricordano le sculture totem dell’artista Ugo Rondinone. Dall’alto, W0.3030, una versione satura del viola (che è anche il colore di tendenza 2018 per Pantone); F2. 60.60, che riunisce un mix di tonalità dall’ocra al Terra di Siena e, a destra, V0.47.19, declinazione intensa del blu cielo; D2.3040, un materico rosso virato al mattone. P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Reinventare il volume dell’abitacolo di un veicolo oggi si può. Ci ha provato con successo il maestro del car design Chris Bangle, il primo americano che per più di 15 anni ha diretto il Dipartimento di Design di BMW. Rendere strategica l’emozione è ancora oggi la sua mission, compiuta con la presentazione di Reds, il concept per un’auto di nuova generazione. Sviluppata dal designer statunitense nato a Ravenna (Ohio) insieme al suo team per CHTC (China Hi-Tech Group Corp.), la city car mette a reddito i mq su 4 ruote. Tutto ha inizio dalla constatazione che i veicoli delle megalopoli cinesi rimangono fermi per il 90% del tempo. Ecco che in soli 2,97 metri di lunghezza è concentrato un nuovo linguaggio progettuale in grado di declinare un’idea di city car elettrica che nasce per essere abitata e divertire anche da ferma. Qui dentro, cinque adulti con trolley, possono lavorare con la comodità di un ufficio, guardare un film su uno schermo 17 pollici, e organizzare un meeting. E cambiare i pannolini al pupo. chrisbangleassociates.com P.C.

Sara Petrucci

32. Hutong a quattro ruote


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

Courtesy Priveekollektie Contemporary Art | Design

33. Arte virtuale Ammirata nelle coinvolgenti installazioni firmate da Doug Aitken, Pipilotti Rist o Bill Viola, la videoarte entra nelle case dei collezionisti grazie a flat screen che hanno lo spessore di un quadro e non necessitano di particolari abilità tecnologiche. L’incremento di opere di arte digitale presenti nelle grandi rassegne internazionali — da Frieze e PAD di Londra a Art Basel, passando per Artissima di Torino — è esponenziale e sempre più ci confrontiamo con proposte che catturano il fruitore e il collezionista ammaliati da sculture interattive e quadri in movimento (nella foto le opere dell’artista britannico Dominic Harris, ‘Bloomed’, 2016, Priveekollektie Contemporary Art | Design). L’inarrestabile processo digitale coinvolge anche luoghi analogici per eccellenza come i musei da sempre legati a una fruizione diretta, quasi fisica dei pezzi esposti: in Svezia ha inaugurato di recente il Virtual Design Museum che vive solo sul web, accessibile ovunque nel mondo. priveekollektie.com, swedishdesignmuseum.com L.M.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

34. Radical 70 Reloaded

Styling di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe – foto di Federico Cedrone

Una scenografia illuminata da tocchi fluo, superfici glossy e forme arrotondate per un mood ‘Disco Inferno’. Sono passati 40 anni dalla ‘Febbre del sabato sera’ e le stesse atmosfere ritornano in versione attualizzata. Plug & play con il cabinet Luna, a destra, di Patricia Urquiola per Coedition, in mdf laccato arancio con due vani a giorno e due ante scorrevoli (coedition.fr); piano in grès con fascia in finitura rame su base in vetro ambra per il tavolino Lands di Studio Klass per Fiam Italia (fiamitalia.it), che ospita una serie di oggetti pop: il vassoio e lo specchio della collezione Hands Up in porcellana e metallo di Jakub Berdych Karpelis per Qubus (qubus.cz) e il vaso a C di Noleggiocose (noleggiocose.it). Luce a sospensione Fairy in vetro decorato, di Toso, Massari & Associates with G. Toso per Leucos (leucos.com) e poltrona Elda di Longhi, firmata Joe Colombo,1963, con struttura girevole in fiberglass e cuscini in nabuk (longhi. it); a terra scandisce il ritmo il tappeto Numbers in lana e seta di Illulian (illulian.com). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

35. Futuro prossimo

©Scoutbots LTD, Cesar Jung-Harada

Robotica, biotecnologie, connessioni ultrafast, satelliti personalizzati: il domani è arrivato. A rivoluzione digitale avviata, fa il punto della situazione ‘The Future starts here’, mostra dal 12/5 al Victoria & Albert Museum di Londra. Con un’ottica speciale, centrata su come il design potrà plasmare il mondo, sono esposti oggetti e progetti che potrebbero essere rilevanti per il nostro corpo, la casa, la politica, la città, il pianeta. Dalla dimensione privata a quella collettiva, sono illustrati mega programmi come il sistema HAPS, i droni ad alta quota sviluppati da Facebook per offrire connessione a basso costo in ogni parte del mondo, le ultime soluzioni domotiche e gli interventi urbanistici mirati ad affrontare le sfide che ci attendono: come Masdar City, la città a impatto zero ideata da Foster + Partners. E non mancano le proposte di ricercatori indipendenti, come la barca-robot open-source a basso costo e senza equipaggio di Cesar Jung-Harada (nella foto), che naviga per ripulire le fuoriuscite di petrolio (vam.ac.uk). P.B.


РЕЛИЗ ПОДГОТОВИЛА ГРУППА "What's News" VK.COM/WSNWS

36. Love Parade

©Gwangju Biennale Foundation

A Gwangju è comparsa ‘I love street’ di MVRDV. Ê un primo tassello degli interventi che animeranno la Biennale d’arte coreana intitolata ‘Imagined Borders’ (dal 7/9 all’11/11), sotto l’egida di curatori internazionali. Come era stato nel 2016 con Bernard Tschumi, questa volta è lo studio d’architettura olandese a riqualificare un’area urbana in maniera tanto artistica quanto sociale. ‘I love street’ (in foto, un dettaglio) fa parte infatti del progetto ‘Gwangju Folly III’, una serie di strutture metropolitane d’autore un po’ “lunatiche e folli”, pensate per oltrepassare creativamente i limiti di un contesto urbano. Stavolta, la fondazione della Biennale collabora con il Netherlands Creative Industries Fund con interventi di architetti dei due Paesi, Olanda e Sud Corea. Il progetto di MVRDV è caratterizzato da una scritta realizzata in diversi materiali, una fontana, una piscina di sabbia, un punto panoramico e un prato pensati per creare aree gioco. Si trova di fronte alla scuola elementare Seoseok, l’unica area pedonale della città. gwangjubiennale.org, mvrdv.nl V.R.

Elle Decor - Italia (Febbrai 2018)  
Elle Decor - Italia (Febbrai 2018)  
Advertisement