Page 1


2

B

ritalians! is the first of what we hope will be many magazines published by the Italian community in Brighton. It is aimed at people who have an interest in Italy, Italian language, lifestyle and culture, Italians living in or visiting the UK and students of Italian. It aims to consolidate friendship between Italy and Britain by promoting cultural relations, tourism and business. It covers issues such as: Italian culture and lifestyle, including food, Italian restaurants in Brighton and in London, Italian products, business opportunities, Italian language, education, art, the local Italian community as well as interesting travel destinations in Italy and in our area.. It is written both in Italian and English, and aims to attract a wide readership of British and Italian people alike. We therefore welcome any articles or stories, either in Italian or in English, that you may wish to send to us for publication. If your business has links with Italy please consider sponsoring our publication. By doing so, you would not only expand your business but also benefit the local Italian community. We invite anyone who loves Italy and Italian culture to join us in this exciting project for Brighton and the South East, the first of its kind.

THE EDITORIAL TEAM

B

ritalians’ è una pubblicazione mensile degli italiani di Brighton e del Sud-est dell’Inghilterra, destinata a quanti, italiani o inglesi, hanno interesse per l'Italia, il suo patrimonio artistico, paesaggistico e culturale. È inoltre indirizzata agli studenti, agli operatori economici, agli italiani che vivono in altre aree del Regno Unito e a quelli in visita dall'Italia. Toccherà principalmente argomenti riguardanti la vita della comunità italiana in Gran Bretagna e a Brighton in particolare, dei suoi problemi e delle sue iniziative.

Tratterà di lingua e cultura, arte viaggi e turismo, della cucina, del mondo della ristorazione italiana, del business e del Made in Italy. Sarà scritto in parte in Italiano e in parte in Inglese e, quindi, aperto al contributo di tutti. Invitiamo chiunque voglia farlo, a scriverci, in Italiano o in Inglese: saremo lieti di pubblicare tutti gli interventi e le segnalazioni che ci perverranno.

LA REDAZIONE


3

“Italy's smaller contributions to everyday life are so numerous as to go unnoticed…” wrote famous Italian journalist Luigi Barzini in his world acclaimed bestseller “The Italians”

I

taly's smaller contributions to everyday life are so numerous as to go unnoticed. Italians have impressively filled Europe and most of the world with the fame of their larger-than-life famous men. Italian architects and masons built part of the Kremlin in Moscow and the Winter Palace in Leningrad; Italian artists have embellished the Capital in Washington. They have strewn churches, princely palaces, and stately villas all over Catholic Europe, especially in Vienna, Madrid, Prague, and Warsaw; their influence on architecture was felt almost everywhere else, exterior architecture, to be sure, designed to impress and please the onlooker more than to serve strictly practical purposes. They have filled South America with ornate and rhetorical monuments to the local heroes. There would be no pistols but for the city of Pistoia; no savon in France but for the city of Savona; no faïence anywhere but for the

city of Faenza; no millinery but for the city of Milan; no blue jeans but for the city of Genoa, Gênes, where the blue cotton cloth was first produced, and no Genoa jibs, no Neapolitan ice-cream, no Roman candles, no Venetian blinds, no Bologna sausages, no Parmesan cheese, no Leghorn hens. Italians have discovered America for the Americans; taught poetry, statesmanship, and the ruses of trade to the English; military art to the Germans; cuisine to the French; acting and ballet dancing to the Russians; and music to everybody. If some day this world of ours should be turned into a cloud of radioactive dust in space, it will be by nuclear contrivances developed with the decisive aid of ltalian scientists. *Luigi Barzini ‘The Italians’


4

• •

Pag. 2 Pag. 3

• • •

Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6

Pag. 8

• • •

Pag. 10 Pag. 11 Pag. 13

Pag. 14

• •

Pag. 15 Pag. 16

Pag. 18

Pag. 18

Pag. 19

Pag. 20

Pag. 23

Pag. 25

Pag. 28

Pag. 30

• •

Pag. 31 Pag. 32

• •

Pag. 34 Pag. 35

Discover Italy with us Italy’s Contributions to Everyday’s Life In this issue Crosswords Un piano di epurazione sociale per Londra e Brighton Il Ristorante Italiano “La Famiglia di Lewes Italian Recipes A-Z Italy Charming and Peaceful Towns of Italy: Abano Terme News from Brighton and Sussex Notizie dall’Italia e dal Sussex Italiani nel Mondo — Italiani in Gran Bretagna Brighton e la Comunità Italiana Indirizzi Utili — Useful Addresses The Language Corner: Say it in Italian! Your Stories: It Happened in Pescara Ritratti di Grandi Italiani: Michelangelo Sussex, Virginia Woolf e il Bloomsbury Place L’Associazione Italiani del Sussex Books on Italy: The Sensual Pleasure of Rural Italy Great wines of Italy Italians in Brighton and their stories Free Ads - Piccoli Annunci Per ridere un po’ (Barzellette)


5

B

ritalians! is the first of what we hope will be many magazines published by the Italian community in Brighton. It is aimed at people who have an interest in Italy, Italian language, lifestyle and culture, Italians living in or visiting the UK and students of Italian. It aims to consolidate friendship between Italy and Britain by promoting cultural relations, tourism and business. It covers issues such as: Italian culture and lifestyle, including food, Italian restaurants in Brighton, Italian products, business opportunities, Italian language, education, art, the local Italian community as well as interesting travel destinations in Italy and in our area.. It is written both in Italian and English, and aims to attract a wide readership of British and Italian people alike. If your business has links with Italy please consider sponsoring our publication or donating money to the Italians in Sussex Association & Friends of Italy. By doing so, you would not only benefit the local Italian community but also increase your chances of expansion and business success. We invite anyone who loves Italy and Italian culture to join us in this exciting project for Brighton and the South East, the first of its kind. THE EDITORIAL TEAM

SUBSCRIPTION TO “Britalians! ” The Monthly Magazine for Italians and Friends of Italy Please cut the coupon below along the dotted line and send it to: Italians in Sussex Association, 23 Evelyn Road, Lewes, E. Sussex, BN7 2SS. I/We .................................................………………....... Address.............................................................................. ........................................... ............................................... ........................................................................................... Postal Code .......... Tel. number .........……………..... wish to subscribe to “Britalians!” for one year, and enclose a cheque for £20. Please make cheque payable to “The Italians in Sussex Association” (Optional) I wish to donate … to support the Association OR (Optional) I wish to sponsor the next issue/s of BRITALIANS! and enclose a cheque for £ ……. (we require a minimum of £150, which will go towards covering the cost of printing and distribution) *** Signature ........................ Date ......……………...........

If you love Italy, subscribe to our magazine!


6

I Consigli Comunali di Londra e di città come Brighton e Oxford preparano il piano d’esodo delle famiglie povere dai centri urbani, in un’operazione denunciata dalle opposizioni come una brutale e scioccante “epurazione sociale”

E’

una misura destinata a cambiare il volto della nostra città e che mette sotto accusa Iian Duncan Smith e George Osborne, rispettivamente Ministro del Lavoro e delle Finanze nel nuovo governo Lib-Con, la coalizione Liberal-Conservatrice. I tagli ai sussidi sociali, in particolare all’Housing Benefit, il sussidio che viene erogato alle famiglie non abbienti per pagare l’affitto, significa che i centri urbani saranno sempre più appannaggio delle classi sociali più agiate. Si prepara un esodo di massa delle famiglie a basso reddito dalla capitale e da città come la nostra a causa dei tagli ai sussidi. Una misura che, magra consolazione, non incide particolarmente sulle famiglie italiane, che tradizionalmente vivono in quartieri

Simon Hughes, Vice-Presidente del Consiglio

più periferici di Brighton come Kemptown e Hove. Centinaia di famiglie saranno costrette a trovare alloggio in Bed and Breakfast in altre località sulla costa consentendo una rivalutazione dei prezzi di mercato di vaste aree dei centri urbani a cui, inevitabilmente, solo le persone più ricche potranno accedere. Solo nella capitale più di 82.000 famiglie – più di 200.000 persone – rischiano di perdere le proprie case a vantaggio dei proprietari e dei privati che affitteranno gli immobili a prezzi sempre più esorbitanti a professionisti in cerca di sistemazione provvisoria, producendo enormi distorsioni nel mercato degli affitti . Ciò comporterà enormi conseguenze sul piano sociale che cambieranno il volto delle nostre città. Non solo: centinaia di famiglie si vedranno costrette a togliere i loro figli dalle scuole, e molti lavoratori si troveranno nella situazione di dover cambiare lavoro o di dover spendere il doppio del tempo e dei costi per raggiungere il posto di lavoro. Si tratta di misure punitive che potrebbero risultare in un grave disagio sociale anche per i senzatetto. Ma all’interno della coalizione vi sono già posizioni contrastanti. Per esempio, Simon Hughes, il vice premier portavoce dei Libe-

ral-Democratici, si è detto critico rispetto alle drastiche misure del ministro conservatore George Osborne e intende modificare le norme dell’Housing Benefit in sede parlamentare per renderle meno punitive. Le norme in via di attuazione prevedono un limite massimo di £ 400 sterline dell’assegno sociale a favore delle famiglie a basso reddito per un appartamento di 4 locali, £ 290 di tre, £250 di 2. In più, a partire dall’ottobre del 2011, i pagamenti non dovranno superare il 30% del valore medio di una affitto nella zona interessata. Si prevede che ad essere maggiormente colpiti saranno gli appartamenti di due locali. Le conseguenze di un tale provvedimento saranno devastanti

George Osborne, Ministro delle Finanze (Cancelliere)


7

Simon Hughes, Vice-Presidente del Consiglio

soprattutto in città come Brighton e Oxford. Il divario sociale già esistente e i tassi di povertà del Regno Unito sono destinati ad acuirsi sensibilmente. Karen Buck, portavoce laburista e Ministro Ombra, ha detto che più di mezzo milione di

famiglie subiranno gli effetti nefasti di tali provvedimenti. Ed Milliband, il nuovo leader laburista, ha detto che questo segna la fine della favola del “Conservatorismo Compassionevole” che dipingeva Cameron e i suoi colleghi di governo come conservatori attenti alle istanze sociali. E’ indubitabile che la vecchia legislazione dell’Housing Benefit presentava distorsioni significative e che necessitava una riforma. Famiglie che vivevano con sussidi statali astronomici in zone di pregio dei centri urbani rappresentavano non solo una distorsione inaccettabile del mercato immobiliare, ma anche

Nick Clegg e David Cameron, leaders della coalizione di governo

e soprattutto una seria ingiustizia sociale nei confronti delle famiglie di lavoratori a basso reddito. Ma ancora una volta il rimedio sembra peggiore del male. Infine, con l’ingresso al governo, le posizioni dei LiberalDemocratici in materia economica si sono notevolmente spostate nell’area conservatrice. Inoltre, ci sono già segnali evidenti di un calo considerevole nell’indice di gradimento dei LibDem agli occhi dei suoi sostenitori. Ciò crea non poco imbarazzo in quanti giudicavano i Lib-Dem come l’unica credibile alternativa ai governi fallimentari di Conservatori e Laburisti degli ultimi 20 anni e si erano illusi che leaders carismatici come Paddy Ashdown e Nick Clegg, in passato considerati da molti come la vera sinistra britannica, potessero contenere i pur necessari tagli alla spesa sociale sui binari dell’equità sociale. La recessione è tuttora visibile. A sentirla saranno sempre di più le classi sociali meno abbienti. Se questa è la ricetta prediletta dai Lib-Con, tagli indiscriminati ai servizi sociali di oltre £ 81 milioni di sterline, scarsa protezione sociale per i più bisognosi, politiche di sviluppo economico, di investimento e di reinserimento al lavoro carenti e devastate dai tagli, allora si annunciano tempi duri anche per le classi medie.

Ernesto Granese Iian Duncan Smith, Ministro per il Lavoro e le Pensioni


8

Brighton conta una comunità italiana sempre più attiva e numerosa. Malgrado la crisi economica, il numero dei piccoli ristoratori italiani è triplicato negli ultimi dieci anni. Tuttavia, malgrado il successo dell’imprenditoria italiana, non mancano i problemi …

B

righton ha da sempre fama d'essere una città ospitale verso i cittadini stranieri. Le ragioni della sua diversità si possono cogliere immediatamente: l’atmosfera di tolleranza che si può respirare a Brighton è speciale: da anni Brighton accoglie studenti stranieri di ogni paese e l'offerta di corsi di lingua inglese è varia e per tutti i gusti. Ma non è tutto: Brighton è città aperta verso ogni gruppo sociale; è città dove per esempio i gay possono veramente dire di sentirsi inseriti nella comunità e dove i loro diritti sono rispettati. In tempi di rinascente razzismo non è facile trovare un’"isola felice" come è sicuramente Brighton in tema di diritti civili. Brighton è anche l’unica circoscrizione elettorale in tutto il Regno Unito ad avere eletto un verde, anzi “una verde” (Caroline Lucas) a rappresentarla nel parlamento nazionale. Alcuni dati: Brighton - che dopo la fusione con la vicina Hove nell’Aprile del 2001 è diventata città capoluogo di contea, staccandosi dall’East Sussex e raggiungendo una popolazione di oltre 250.000 abitanti - non è una città ricca: contrariamente a quel che si può credere Brighton si trova solo al 34° posto in Inghilterra quanto a reddito pro-capite. L’ECONOMIA È una città dai contrasti stridenti: ricchezza e miseria vi coabitano da sempre. Non è neanche città a economia prettamente turistica: infatti è il terziario a predominare

Il Pavillion

tra le attività economiche, seguito dal settore alberghiero e dalla ristorazione. Ed è in quest'ultimo settore che, come è facile immaginare, gli italiani vanno a nozze. Infatti, il numero dei piccoli ristoratori italiani è triplicato negli ultimi dieci anni, e questo malgrado la grave crisi economica del 1991 e quella più recente di due annni fa. Sono ormai due anni che l'economia locale sembra avviata ad una lenta ma stabile ripresa. Tuttavia, i segni della recessione sono ancora visibili: non è raro imbattersi lungo le strade della città in giovani senza casa e non è difficile constatare che la disoccupazione colpisce quest'area del paese tanto quanto quelle più povere del Nord. Brighton ha un tasso di disoccupazione del 13%, percentuale di ben 3 punti più alta di quella media europea.

Inoltre il livello medio delle retribuzioni è tra i più bassi in Inghilterra. Proprio la presenza a Brighton di studenti e giovani lavoratori provenienti da ogni parte d’Europa ha favorito il diffondersi di occupazioni per le quali sono richieste competenze linguistiche. Si tratta in genere di lavoro a basso salario, a carattere provvisorio e scarsamente protetto, come è ormai consuetudine nel mercato del lavoro inglese che ha fatto della “flessibilità” la ricetta per battere la disoccupazione. Detto questo, fortunatamente, l'industria del turismo tiene, e il commercio negli ultimi mesi ha fatto registrare un notevole miglioramento; la disoccupazione, per quanto ancora a livelli allarmanti, si è attenuata. La storia, la posizione geografica, il clima, il paesaggio, l'architettura fanno di Brighton una città unica sotto tutti gli aspetti. L’inizio della popolarità di Bri-


9

N

ghton e dunque del suo sviluppo, risale alla fine del secolo scorso, quando i reali inglesi la elessero a loro meta balneare preferita grazie, si pensava allora, alle particolari qualità terapeutiche del suo mare. La posizione geografica, a sole tre ore di traghetto da Dieppe, in Francia, è ideale per chi ama il mare (anche se non è neanche lontanamente bello come il nostro mare!) e vuole sentire l'influsso del "continente". Il clima è più clemente rispetto al resto del paese. Il paesaggio, quello delle colline (the Downs) e dei castelli del Sussex, è tra i più suggestivi dell'isola. L'influenza del periodo vittoriano è particolarmente visibile nell’architettura della città; e monumenti di mirabile eclettismo quali il principesco Pavillion ne sono la prova.

on è mai stato fatto un censimento degli italiani residenti a Brighton. Diversamente da Worthing, la comunità italiana di Brighton consta di famiglie provenienti perlopiù dalla Sicilia e dalla Campania che si sono stabilite in città in tempi relativamente recenti. Secondo i dati dell'ultimo censimento del 1990 gli italiani residenti a Brighton e a Hove sarebbero circa 2000; circa 20000 in tutto il Sussex. Qui a Brighton, come altrove in Inghilterra, gli Italiani hanno aperto ristoranti e pizzerie. Ma a fianco di una realtà di fiorente piccola imprenditoria, comune a tante città inglesi, si assiste in questi anni ad una crescita considerevole del numero degli Italiani che a Brighton giungono senza un lavoro e vivono in condizioni di precarietà. Spesso questi lavoratori immigrati Italiani pur di fuggire dalla disoccupazione in Italia finiscono nella rete del mercato del lavoro semi-legale, sottopagato, irregolare inglese, caratterizzato dall’assenza di protezione sociale e dall’assoluta precarietà. Si tratta di situazioni sempre più diffuse e più gravi di quanto si creda. Un altro problema che, fino a qualche tempo fa, si registrava all’interno della comunità italiana di Brighton era l’assenza di un qualsivoglia punto di riferimento sociale e culturale per le famiglie e i giovani italiani: un Centro Sociale che fungesse da punto di aggregazione, d'informazione e assistenza per la comunità italiana. Per sopperire a questa mancanza e per rispondere ai nuovi bisogni di una comunità in continua espansione è nata qualche anno fa l’Associazione Italiani nel Sussex. A Brighton si sono di recente trasferiti un discreto numero di italiani che lavorano per American Express. Inoltre è aumentato il

numero di turisti e studenti italiani, sia quelli che frequentano le numerose scuole di Inglese sia quelli universitari che usufruiscono del programma Erasmus.

L

a crescita della presenza degli italiani a Brighton e nel Sussex in questi ultimi anni determina un problema di adeguamento dei servizi a cui le autorità consolari italiane sono preposte. In particolare, la creazione di un’agenzia consolare che assista gli Italiani nel disbrigo di pratiche e documenti e li informi sui loro diritti, è diventata un atto improrogabile. Ancora più se non si vuole che alle prossime elezioni dei Comites (l’organismo che riunisce i rappresentanti delle comunità degli Italiani residenti all’estero) si ripeta la bassissima affluenza alle urne registrata negli scorsi anni. LA SCUOLA ITALIANA Tra gli altri problemi che la comunità italiana di Brighton si trova a dover affrontare è la mancanza di una struttura scolastica presso la quale le famiglie italiane possano mandare i propri figli e che consenta loro di mantenere saldi legami culturali con l'Italia, a cominciare dalla lingua. I corsi presso la Cardinal Newman School sono stati inspiegabilmente soppressi due anni fa. Una nostra interrogazione presso gli uffici scolastici del Consolato italiano a Londra non ha sortito alcun risultato. Questo è uno dei bisogni più sentiti della comunità italiana locale, per la cui realizzazione la nostra associazione continuerà a impegnarsi. Ernesto Granese


10 formance of the two Italians, who look like they can be very good players for us”. “I’ve now got two players who Gary Croydon don’t understand me to go with the other nine who won’t listen to me!

P

olice "increasingly concerned" for missing Italian pensioner

Police are “very concerned” about a missing pensioner. Aristide Polti, from Brighton, was last seen by his carer at 8.15am on Saturday. The 88-year-old, who suffers from a number of medical conditions, is described as white, 5ft 5” tall with short grey hair. He has a slight Italian accent and sometimes refers to himself as “Frank”. A Sussex Police spokesman said Mr Polti “may appear confused”. He walks with a three-wheeled walking aid and is likely to be wearing a brown jumper, dark trousers, slippers and a beige corduroy trilby hat. He has previously travelled to South London where he has family. Anyone who has seen Mr Polti is asked to contact Sussex Police on 0845 6070999.

Hillians of Burgess Hill gave debuts to Italian pair Giuseppe Sanso and Saverio Arona Hill manager Gary Croydon, who was without five regulars for the trip, said: “It was an even game and we had five up front at the end trying to get the equaliser. “The icing on the cake was the per-

Giuseppe Sanso

Saverio Arona

Made In Italy – The Influence Of Italian Design, created from a partnership between Peroni Nastro Azzurro and the Design Museum, London, The Basement, Brighton For Deyan Sudjic, London Design Museum director, it’s a classic 1940s Fiat 500 or a Lambretta scooter, products that marry basic need with beautiful aesthetic. Others might cite Illy espresso cups, a cutting edge Ferrari F1 car or a 1985 Bianchi racing bike in turquoise. Whatever your opinion, one thing most can agree on is that Italian design, and industrial design in particular, has given the world some of its most desirable creations. Sudjic, former editor of architecture and design bible Blueprint and critic for The Observer, one-time visiting professor at the Royal College of Art and 2002 director of the Venice Architecture Biennale, spent four years in the country’s northern city of Milan, where he saw the traditions that cultivated an Italian manufacturing edge, despite Eastern imports flooding Western markets. “Italy is one of those centres that has nurtured design,” he says. “It is partly the craftsmanship tradition that Northern Italy has around Milan where there are lots of workshops that have been turned into factories, small family businesses turned into bigger ones, who have always made things with the value of craft, but now do it in an industrial way. “Also, Milan has had this cluster of really great designers who have not been swamped by the burden to make stuff to sell.

They have managed to keep a seductive aspect to it. They have made lots of interesting, intelligent objects that work on lots of levels.” He uses the example of a desk light to illustrate. Not only is it a tool for reading, the Milanese might expect it also to have a switch that feels good to touch, which makes a nice noise when you press it, and the lamp might have a nice movement, an elegance when switched off. While taste is a prerequisite for design, the intersection between culture and commerce is where Italy has competitive advantage. Clan ties, perhaps because of strong Catholicism, often mean businesses are run along family lines, which allows companies to diversify quickly as fashions change. “They are full of egos and competitive spirit,” Deyan adds. “And willing to try new things because they have a passion for them rather than follow businesses that require too much market research and too much caution. “People are prepared to bet the firm if it’s theirs, and that has brought great things but terrible problems,” he says, as we stray on to economic theory, which underpins innovation. “As they say in Italy, the first generation makes the money, the second generation spends it, the third generation buys the football team; the company is then bought by an American.” It’s a process echoed in Britain, in places such as Liverpool, which has always struggled because of overdependency on one product. But the Italians have managed to keep ahead in industrial design. *7.15pm, £10/£5 for Design Museum members, Call 0207 9408783

Green Brighton MP drove hundreds of miles for holiday The country's first Green MP drove more than 900 miles to Italy for a holiday. Caroline Lucas hired a 1.8 litre autogas powered car for her family trip. Critics questioned why the Brighton Pavilion MP - who campaigns extensively on environmental issues - was not practi-

cing what she preached.


11

L

a polizia sempre più preoccupata per la scomparsa di un pensionato italiano Aristide Polti, residente a Brighton, è stato visto l'ultima volta con la sua badante alle 08:15 di sabato. L’ 88enne, che soffre di una serie di problemi di salute, è stato descritto di carnagione chiara, alto 1.68, con i capelli grigi. Ha un leggero accento italiano e si fa chiamare "Frank". Un portavoce della polizia del Sussex ha detto che Polti "può apparire in stato confusionale". Ha inoltre dichiarato: "La polizia del Sussex è sempre più preoccupata per il signor Polti. Possiede un veicolo a tre ruote per disabili, ed è probabile che indossi un maglione marrone, pantaloni scuri, pantofole e un cappello di feltro beige di velluto a coste. In precedenza ha viaggiato verso il sud di Londra dove ha famiglia. Chiunque abbia visto il signor Polti è invitato a contattare la polizia del Sussex 0845 6.070.999. Debutto per la coppia di italiani Giuseppe Sanso e Saverio Arona negli “Hillians”, la squadra di casa di Burgess Hill (East Sussex) L’allenatore degli “Hillians” Gary Croydon, che Sabato scorso ha giocato senza cinque titolari, ha dichiarato: "E' stata una partita alla pari e nel finale abbiamo avuto cinque attaccanti davanti per cercare di ottenere il pareggio. La ciliegina sulla torta è stata la prestazione dei due italiani, che sembrano giocatori in grado di fare molto bene”. "Ora ho due giocatori che non capiscono un accidente di quello che gli dico e gli altri nove che non mi danno retta! " Made In Italy - l'influenza del design italiano, realizzato da una partnership di Peroni Nastro Azzurro, il Design Museum di Londra e “The Basement” di Brighton Per Deyan Sudjic, direttore del London Design Museum, sono classici come un modello della Fiat 500 del

1940 o una Lambretta, che dimostrano come le necessità di base e l’eleganza estetica possono sposarsi. Altri potrebbero citare le tazzine di espresso della Illy, una fiammante Ferrari di F1, oppure una bicicletta da corsa Bianchi, turchese, del 1985. Qualunque sia la vostra opinione, su una cosa tutti concordano: che il design italiano, e il design industriale in particolare, ha dato al mondo alcune delle sue creazioni più affascinanti. Sudjic, ex redattore di Blueprint, come una bibbia per architetti e grafici, critico per “The Observer”, exprofessore presso il Royal College of Art, e nel 2002 direttore della Biennale di Venezia, ha trascorso quattro anni a Milano, dove ha potuto studiare le tradizioni che hanno permesso all’artigianato italiano di mantenere il suo alto livello di qualità, nonostante le importazioni di prodotti orientali abbiano inondato i mercati occidentali. "L'Italia è uno di quei centri che ha alimentato la creatività," dice. "E' in parte graziev anche alla tradizione artigianale del nord Italia, nei dintorni di Milano, dove ci sono un sacco di laboratori che sono stati trasformati in fabbriche e piccole imprese familiari trasformate in grandi fabbriche, che hanno sempre realizzato cose valorizzando la lavorazione artigianale, ma ora le fanno su base industriale. "Inoltre, Milano ha sempre avuto un gruppo di designers di grande valore che non sono stati sottoposti alla presione del mercato per realizzare cose destinate alla vendita. Sono riusciti a mantenere un aspetto pregevole nella loro produzione. Hanno creato un sacco di oggetti interessanti e intelligenti di vario uso”. Porta l'esempio di una lampada da scrivania. Non solo è uno strumento per la lettura. I milanesi si aspettano che abbia un interruttore piacevole al tatto, che faccia un rumore gradevole quando si preme il tasto per accenderla e una certa eleganza quando la si spegne. Mentre il gusto è un prerequisito per la progettazione, è nel rapporto cultura e esigenze commerciali dove l'Italia ha un vantaggio competitivo. Forti legami, forse anche grazie ad una forte tradizione religiosa, significano che spesso arti e tradizioni si tramandano di generazione in generazione al’interno della famiglia, il

che permette alle aziende di diversificare rapidamente i loro prodotti in base ai cambiamenti nella moda. "Sono egocentrici e pieni di spirito competitivo," Deyan aggiunge "e desiderosi di provare cose nuove, perché hanno una passione per ciò che realizzano e non debbono soggiacere a piani aziendali che richiedono ricerche di mercato e molta cautela. "Le persone sono disposte a scommettere sulla loro azienda se è di loro proprietà, e questo ha permesso la realizzazione di grandi cose, ma ha anche creato grossi problemi", dice, mentre ci avventuriamo sul terreno della teoria economica che è alla base dell'innovazione. "Come si dice in Italia, la prima generazione fa i soldi, la seconda generazione li spende, la terza generazione acquista una squadra di calcio, che poi viene acquistata da un americano. "E' un processo che noi in Gran Bretagna conosciamo bene, per esempio in aree come Liverpool, che ha sempre sofferto a causa di un eccesso di dipendenza da un unico prodotto. Ma gli italiani sono riusciti a rimanere in testa nel design industriale. 19:15, £ 10 / £ 5 per i soci Design Museum, Call 0.207 9.408.783

Caroline Lucas, neo-eletta parlamentare nelle liste dei Verdi, accusata di anti-ecologismo Il primo parlamentare britannico nella storia dei Verdi, ha percorso più di 900 miglia in auto nel corso di una vacanza in Italia.Caroline Lucas aveva noleggiato un auto a GPL di 1,8 litri per il suo viaggio in Italia con la sua famiglia. I critici hanno subito accusato la Lucas—che è una fevente ecologista—di non mettere in pratica ciò che predica. Ma un portavoce del Partito dei Verdi ha detto il viaggio in macchina ha prodotto molti meno gas inquinanti di un volo aereo. La Dottoressa Lucas, che non possiede una macchina, vola raramente e utilizza il treno per recarsi al lavoro, ha dichiarato di essere sempre molto attenta a non superare le soglie di emissione di carbonio in tutte le sue attività quotidiane. (Traduzione di E. Granese)


12

Italy jails doctors from 'clinic of horrors' Eight Italian doctors from a "clinic of horrors" have been sent to prison for performing over 80 unnecessary operations for financial gain. Rubbish piles up in Naples as new refuse dump delayed The Italian government has put the opening of a new waste dump near Naples on hold after weeks of protests by residents, even though hundreds of tonnes of garbage are piling up in the streets of Naples. Berlusconi model 'sorry' over sex scandal Teenage Moroccan model "sorry" for Berlusconi sex scandal. Pompeii victims 'killed by heat not suffocation' The inhabitants of Pompeii, who died when Mt Vesuvius erupted nearly 2,000 years ago, were killed by intense heat rather than suffocation as previously thought, a new study of the disaster has claimed. A murder recreated on film Hayden Panettiere recreats infamous Amanda Knox scenes on Rome set

Mystery of the mafia bandit king Remains of a Sicilian bandit leader feted as a modern-day Robin Hood are to be dug up amid suspicions that he faked his own death. Italian women face miniskirt fines Women who wear miniskirts or show too much cleavage will face fines of up to 500 euros (£440) under new rules to be introduced by an Italian town near Naples (Castellamare). Men talk €500,000 Cartier ring out of jewellery store Two well-dressed and smooth-talking men walked off with a €500,000 (£437,500) Cartier diamondencrusted ring after convincing the saleswoman of a jewellary shop in Rome they wanted it as a wedding present.

Venice planning tourist tax

Tourists to be charged an entrance tax under new government plans. Amanda Knox 'wants to marry and adopt children' A m a n d a Knox, the American student convicted in Italy of murdering her British room-mate, says she wants to marry and adopt children when she leaves prison in a new book based on a series of interviews with her. World's longest tunnel

Pub opens in 17th century Roman crypt A 17th century church crypt in Rome has been converted into a pub by the Catholic Church in an attempt to draw young Italians away from Britishstyle binge-drinking. Mafia informant 'dissolved in acid' by former boyfriend A mafia informant who disappeared nearly a year ago was tortured and her body dissolved in acid by her former partner and other family members angry that she had cooperated with authorities, Italian police have said.

Giant drilling machine completes the world's longest tunnel.

Colosseum to open gladiator tunnels to public The dark stone tunnels in which gladiators prepared to do battle in the Colosseum are being opened to the public for the first time.


13

Amanda Knox 'could not have killed Meredith Kercher' Amanda Knox could not have killed Meredith Kercher, because there were no bloody foot or fingerprints linking her to the crime scene, according to a former FBI agent.

British lecturers in Italy win discrimination pay-out Three British lecturers have been awarded damages by Italy’s Supreme Court, after claiming that they were discriminated against by an Italian university.

Italian police have raided the offices of a newspaper owned by the family of Silvio Berlusconi over claims it was planning a muckraking campaign against a respected business leader who has criticised the prime minister.

Italian police arrest mafia boss found hiding in secret wardrobe One of Sicily's most dangerous mafia bosses was arrested on Thursday after 15 years on the run when police found him hiding in a secret space behind a wardrobe in his wife's luxury apartment, officials said.

Horse-drawn carriages Rome facing ban

of

Plans to protect gondolas

Pompeii 'a symbol of Italy's sloppiness'

Italy to withdraw Afghan troops Italy has become the latest Nato country to say it will begin withdrawing its troops from Afghanistan next summer.

The horse-drawn carriages that give tourists a guided tour of Rome's most famous sights are facing a ban after being condemned as cruel by Italy's tourism minister.

Fiat would perform better without Italy Italian carmaker Fiat would perform better without its lossmaking Italian plants, Chief Executive Officer Sergio Marchionne told an Italian TV show on Sunday

Italian police have arrested a top mafia boss who has been on

Italian police raid newspaper owned by the Berlusconi family

D’Alema Calls for Premier’s Resignation over Antigua Minister accuses RaiTre programme as Italy of Values and Democratic Party demand explanation from government Emilio Fede Investigated over Parties and Girls Lawyers claim prime minister had nothing to do with incidents involving under-age Moroccan girl and Italian journalist Emilio Fede

Venice to apply for gondolas to be given World Heritage status.

For visitors to Pompeii, they are a guaranteed crowd pleaser: erotic frescoes, including one of Priapus, the god of fertility, adorning the walls of a 2,000 year old Roman villa.

Berlusconi’s ex-partner’s €3.5 Million-a-month Maintenance Demand

the run for more than ten years. Gerlandino Messina was arrested in the Sicilian town of Favara. ◦Fiat would benefit from shutting Italian factories.

Six Arrested for Acid-Bath Murder of Woman who Grassed Up ’Ndrangheta Killing organised by woman’s former companion, Carlo Cosco, who enticed her to Milan

Shelve Fini Investigation over Montecarlo Flat Rome public prosecutor’s office finds “absence of any fraudulent action” in sale of property

17 Arrests after Football Violence in Genoa – Leader of Serbian Hooligans Detained


14

NUOVA EMIGRAZIONE E NON SOLO: "REPUBBLICA" LANCIA IL CENSIMENTO DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO ROMA\ aise\ - "Censire chi da anni o da pochi mesi non vive più in Italia": questo l’obiettivo dell’iniziativa lanciata ieri dal quotidiano "la Repubblica" in un articolo indirizzato agli italiani all’estero, soprattutto giovani che hanno lasciato il nostro Paese nell’ultimo decennio, invitati ad introdurre i propri dati e a raccontare la loro storia nel modulo pubblicato online sul sito del quotidiano (http://racconta. repubblica.it/italiani-estero. L’iniziativa parte dall’analisi che Claudia Cucchiarato ha fatto nel suo libro "Vivo altrove" (Bruno Mondadori, 2010) e nel suo blog (www.vivoaltrove.it). Proprio la Cucchiarato firma sul giornale l’articolo "Gli italiani se ne vanno. Di nascosto" in cui spiega che in pochi tra i "nuovi migranti" si iscrivono all’Aire. "L'Italia – scrive la giovane Claudia, classe 1979 dal 2005 residente a Barcellona – è uno dei Paesi europei che più esporta laureati: quattro volte più che la Germania, la Francia o il Regno Unito. Allo stesso tempo, però, è tra quelli che meno importano giovani delle stesse caratteristiche. Secondo le stime dell'OCSE, solo un immigrato su dieci in Italia ha un'educazione terziaria: meno della metà degli immigrati in Spagna, un terzo di quelli che si dirigono verso l'Inghilterra, una percentuale inferiore anche a quella di chi migra in Grecia. Tra il 2000 e il 2010 oltre 300mila persone tra i 20 e i 40 hanno lasciato il nostro Paese e quasi il 60% di loro ha raggiunto un altro Stato europeo. Sono tutti dati forniti dall'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE), e ci dicono che la comunità dei migranti italiani in Europa è la terza più popolosa, dopo la rumena e la polacca, con un totale di 1,3 milioni di unità. Nel mondo saremmo circa 4 milioni". Usa il condizionale, Cucchiarato, perché "i dati ufficiali rappresentano un'enorme sottostima rispetto alle cifre reali. Esiste una numerosa popolazione di italiani, soprattutto giovani e altamente istruiti, stabilmente domiciliati al di fuori dei confini nazionali che né il Ministero degli Esteri né le organizzazioni internazionali riescono a censire. E infatti, confrontando i dati dell'AIRE con quelli delle città più recentemente prese d'assalto dai migranti italiani, come Berlino, Barcellona, Londra o Parigi, si scopre che il numero degli arrivi degli ultimi decenni

non coincide affatto con il numero di espatriati registrato dai consolati italiani a fini statistici ed elettorali". "Esistono, e sono molte, le associazioni che si occupano dei nuovi migranti italiani", continua l’articolo. "Sono nate di recente anche alcune iniziative che cercano di riunirli attorno ad un obiettivo. Un esempio è il "Manifesto degli Espatriati" che i blog di "Vivo altrove" e "La Fuga dei Talenti" hanno lanciato, in modo quasi provocatorio, per esprimere uno scontento e aprire un dialogo. Pochi mesi fa è passata alla Camera dei Deputati la proposta di legge nata dal progetto "Controesodo - Talenti in movimento". Un primo, fondamentale passo che vorrebbe non solo incentivare il rientro di lavoratori italiani altamente specializzati, ma anche invogliare i talenti stranieri a trovare un posto nel nostro tessuto industriale. Per compiere questo passo, però, è necessario prima di tutto sapere di cosa stiamo parlando: numeri, storie, capacità... chi e dove sono gli emigranti italiani di oggi? Se fate parte di questa comunità in costante aumento, o avete intenzione di farlo, introducete i vostri dati. Raccontateci la vostra storia, i motivi che vi hanno spinto all'espatrio, i luoghi in cui avete vissuto, le ragioni per cui avete deciso di rimanere o le motivazioni grazie alle quali fareste possibilmente ritorno in Italia. Faremo arrivare la vostra voce – conclude Cucchiarato – anche a chi fino ad oggi si è occupato dei Residenti all'Estero solo per capire in che zone del mondo organizzare la campagna elettorale". (aise) PRESENTATO A POTENZA IL "PROGETTO COMENIUS" Fornire ai ragazzi conoscenze ampie sul fenomeno delle migrazioni: questo l’obiettivo del progetto di scambio culturale "Comenius - Cross Perspectives on Exile" presentato questa mattina dal presidente della Commissione regionale dei Lucani all’Estero, Pietro Simonetti, nella

sede del Consiglio regionale della Basilicata. L’iniziativa coinvolgerà nelle prossime settimane gli studenti del liceo scientifico "Galileo Galilei" di Potenza ed altri ragazzi che studiano in "scuole partner" della Francia, Repubblica Ceca, Romania e Turchia. "Lo scambio culturale" ha spiegato Simonetti nel suo intervento "è un importante strumento per la crescita formativa dei giovani studenti lucani. Occorre potenziare e incoraggiare le attività di partnership per favorire l’uso della lingua inglese come lingua comune al fine di superare il gap esistente tra l’Italia e gli altri paesi della Comunità europea. Le associazioni dei lucani all’estero, in primo luogo quelle presenti in Canada e in Inghilterra, costituiscono in tal senso un valido supporto per i tanti giovani che vogliono migliorare le proprie competenze linguistiche e formative". "Negli ultimi tempi" ha poi commentato Camilla Maria Schiavo, dirigente dell’istituto scolastico Galileo Galilei, "l’Unione Europa si è allargata arricchendosi di culture diverse grazie al fenomeno delle migrazioni che ha portato genti di varia origine e cultura a convivere. Tutto ciò ha avuto un forte impatto sulla società europea e ha spesso dato vita a nuove forme di discriminazione, esclusione sociale, xenofobia. Il progetto, quindi" ha sottolineato Schiavo "vuole creare un’opportunità per studenti e docenti di varia nazionalità, al fine di acquisire una maggiore comprensione delle diverse culture, di riconoscere il grande valore della diversità, di comprendere come una rispettosa e corretta integrazione degli immigrati sia una ricchezza per l’intera comunità sociale". "Infatti" hanno replicato Angelica Sileo e Maria Salbini, due delle studentesse del Galilei che parteciperanno al progetto, "solo la conoscenza dell’altro e il confronto con le diverse problematiche riescono ad abbattere le paure e i pregiudizi che spesso ci accompagnano nella vita". "Dal 24 al 30 ottobre il Liceo Galilei" ha reso noto la docente del liceo Elisabetta Grimaldi "ospiterà 37 studenti provenienti dalle scuole partner, per affrontare il tema dell’integrazione o nonintegrazione. Al termine della conferenza il presidente della Commissione regionale dei Lucani all’Estero Simonetti ha preso nuovamente la parola annunciando ai presenti che


15 "è in atto, con il Dipartimento Formazione, un’intesa per la messa a punto di interventi formativi, mediante voucher, finanziati con il fondo europeo, che costituiranno un valido aiuto per gli studenti che vorranno seguire all’estero i corsi di lingua inglese, francese e spagnola". (aise) Rapporti Internazionali IL PRESIDENTE FORMIGONI RICEVE L'AMBASCIATORE BRITANICO CHAPLIN: RAFFORZARE ULTERIORMENTE IL LEGAME MILANO-LONDRA MILANO\ aise\ - "Vogliamo rafforzare il legame tra Londra e Milano: il rapporto è buono e desideriamo incoraggiarlo ulteriormente. La Lombardia è il motore dell'economia in Italia: Londra è molto interessata alle grandi economie". Con queste parole l'ambasciatore britannico a Roma, Edward Chaplin, ha salutato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, durante la visita ufficiale a Palazzo Pirelli: presenti all'incontro, assieme a Chaplin, il consigliere per gli affari economici dell'Ambasciata britannica, Joe Beeley e il direttore per il commercio del Consolato britannico a Milano, Laurence Bristow-Smith. Ripresa economica, federalismo, Expo e internazionalizzazione i temi al centro dell'incontro di oggi. "Siamo interessati all'Expo 2015" ha detto l'ambasciatore a Formigoni "non vogliamo essere solo presenti ma aiutare questo evento". "L'esperienza maturata nell'organizzazione delle Olimpiadi del 2012" ha osservato Formigoni "potrà essere preziosa anche per l'Expo 2015". Scambi di vedute dunque ma anche collaborazione fattiva tra Regno Unito e Regione Lombardia: questo il contenuto del meeting di lavoro. "Lo scorso novembre" ha spiegato Formigoni a Chaplin, ambasciatore in Italia dal 2006 "abbiamo dato vita al Forum delle Regioni del mondo (WRF) per condividere la riflessione sul ruolo che i Governi subnazionali intendono avere all'interno della governance globale. Alla luce dell'esito positivo del lavoro svolto abbiamo deciso di strutturare il rapporto tra le Regioni, creando una rete permanente di relazioni e di collaborazione tra le aree più dinamiche dei cinque continenti". Porte aperte del WRF dunque anche all'area metropolitana della capitale del Regno Unito. "Ci lavoreremo" ha risposto favorevolmente Chaplin, sottolineando come l'attuale sindaco di Londra, Boris Johnson, sia un profondo conoscitore della storia e della cultura del nostro Paese. Rapporti stretti anche nell'immediato futuro. "Il prossimo 4 novembre" ha annunciato Formigoni "sarà inaugurata a Londra l'esposizione del San Benedetto di

Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia Antonello Da Messina presso l'Istituto Italiano di Cultura, opera di proprietà di Regione Lombardia". L'opera resterà esposta al pubblico fino al 31 gennaio 2011. In concomitanza con l'evento sarà organizzato a Londra un concerto con alcuni elementi dell'Accademia della Scala. In rappresentanza della Giunta regionale sarà presente alla giornata inaugurale l'assessore alla Cultura, Massimo Buscemi. (aise) IL PRESIDENTE DI “SICILIA IN EUROPA” BILLÈ INCONTRA I CALABRESI DELLA GRAN BRETAGNA LONDRA\ aise\ - Il presidente del circolo di Londra e pr dell'Associazione Sicilia in Europa, Luigi Billè, ha incontrato mercoledì scorso, 6 ottobre, la comunità dell'Associazione Calabresi della Gran Bretagna, capitanata dal suo presidente Pino Bravo. Questi era accompagnato dal consultore per la Regione Calabria, Elio Folino, e da Pino Rocca, Emma Cofone e Maurizio Morabito. L'incontro si è svolto in un atmosfera di estrema cordialità e amicizia e, dopo le presentazioni di rito, il gruppo ha dato vita ad interessanti discussioni su associazionismo, emigrazione e imprenditorialità in Gran Bretagna. Tra i vari argomenti discussi, Billè ha esposto ai presenti come le associazioni di emigrati Italiani all'estero stiano attraversando un periodo difficile, facendo notare che l'interesse degli imprenditori italobritannici verso le nostre Regioni e analogamente anche l'interesse da parte degli enti regionali preposti e dalle aziende Italiane si è affievolito negli anni, sminuendo uno dei compiti essenziali delle associazioni Italiane all'estero, ovverosia quello di predisporsi come elemento di filtro e di collegamento sinergico tra i mercati esteri e le aziende Italiane. Il presidente Pino ha sottolineato l'importanza del ruolo che associazioni regiona-

lizzate come quella calabrese e siciliana devono svolgere, preposte non soltanto come elemento di aggregazione e assistenza per i connazionali che emigrano in Gran Bretagna o di “indotto turistico”, ma anche come un riferimento per tutte quelle attività imprenditoriali calabresi che vorrebbero penetrare il mercato Britannico. Inevitabilmente il cordiale e amichevole incontro si è concluso con l'augurio che gli obiettivi fissati durante la riunione, come la partecipazione dell'Associazione Calabresi GB alla consulta di associazioni che Billè sta organizzando ed il gemellaggio tra le due associazioni, diventino punti di incontro e di scambi socio-culturali e imprenditoriali tra le due comunità e rispettive regioni. IL MAE UFFICIALIZZA LE CHIUSURE CONSOLARI/ IL SINDACATO CONFSAL UNSA ESTERI: NON C’È ALCUN RISPARMIO – UN DANNO PER LA COLLETTIVITÀ ITALIANA ALL’ESTERO ROMA\ aise\ - Ha avuto luogo oggi nel ministero degli Affari Esteri un'informativa sindacale convocata dall'Amministrazione sulla razionalizzazione della rete consolare, durante la quale sono state ufficializzate, anche a seguito di una nuova delibera del Consiglio di Amministrazione, le prossime chiusure consolari: si tratta delle sedi di Liegi, Amburgo, Lilla, Mons e Manchester, con decorrenza fissata al 1° luglio 2011. Ne dà notizia la Confsal Unsa - Coordinamento Esteri, sottolineando che l'Amministrazione, "nel confermare la volontà di operare così risparmi sui capitoli 1503 (personale) e 1613 (spese di gestione), non è stata tuttavia in grado di quantificare i relativi importi". "Come già comunicato nel passato", precisano dal sindacato, "Amburgo trasferirà le proprie competenze ad Hannover, Liegi e Mons – ma solo in parte relativamente a quest’ultima sede - a Charleroi, Manchester a Edimburgo e a Londra". Circa l'istituzione di strutture alternative atte a garantire la presenza istituzionale del nostro Paese, nonché a recepire le necessità della collettività italiana all'estero la Confsal Unsal Esteri informa che, "secondo quanto reso noto, sarebbero ancora in corso valutazioni e riflessioni. Unicamente sulle sedi di Amburgo e Manchester", fanno presente, "vi è stato uno sbilanciamento dell'Amministrazione circa la possibilità di istituire uno sportello". Per quanto attiene "al trattamento riservato al personale", il sindacato rende noto che "verranno applicati gli stessi principi e criteri adottati nel passato. I capi missione, ovvero gli Ambasciatori, dovranno esprimere valutazioni sull’opportunità di


16

In pochi se ne sono accorti, ma all'ultimo Consiglio europeo è stata decisa una svolta di portata storica: il trasferimento alle istituzioni Ue delle competenze sul bilancio degli stati membri è il primo passo di una trasformazione radicale e inevitabile.

M

entre la politica interna domina le prime pagine dei giornali, un evento storico è accaduto in Europa. La Gran Bretagna potrà anche avere la prima coalizione di governo da settant'anni a questa parte, ma l'Europa ha fatto qualcosa di molto più importante. Trasferendo le competenze sulle tasse e la spesa pubblica a livello federale, l'Unione europea ha fatto un passo decisivo verso la trasformazione in uno stato unitario. Quella che è sicuramente una delle decisioni più controverse nella storia moderna dell'Europa è stata presa quasi senza che l'opinione pubblica se ne accorges-

“ … Da sempre l'integrazione europea è andata avanti nelle difficoltà. Dopo l'ultima crisi dell'eurozona è diventato inevitabile spiccare il volo verso il federalismo fiscale e politico …”

se, secondo il modello di governo top-down dell'Unione Europea. Nonostante i suoi apparenti svantaggi, la versione Ue della democrazia rappresentativa elitaria potrebbe rivelarsi più capace dei modelli populisti di Stati Uniti e Gran Bretagna di stare al passo con le complesse mediazioni rese necessarie da un mondo in preda a un gigantesco cambiamento geopolitico. La storia comincia, come praticamente tutte le altre storie di questi tempi, con la crisi finanziaria. Dopo il collasso della Lehman Brothers nel 2008 il panico finanziario si è diffuso in Europa, minacciando la sopravvivenza dell'euro. La crisi è iniziata nell'autunno del 2009 e ha raggiunto

il climax nel week end dell'8 e 9 maggio, quando il governo greco si è dichiarato incapace di ripagare i prestiti in scadenza il lunedì successivo. In quel momento i leader europei hanno capito che l'insolvenza della Grecia avrebbe innescato una corsa alle banche non solo sulle sponde dell'Egeo, ma anche in Irlanda, Portogallo, Spagna e nell'Europa centrale. Nell'arco di pochi giorni, se non di ore, gli euro depositati nelle banche greche, spagnole e italiane sarebbero valsi una frazione di quelli degli istituti di credito tedeschi e olandesi. In pratica l'euro avrebbe cessato di esistere. La notte dell'8 maggio l'Europa era sull'orlo del precipizio, e i leader del continente decisero di creare un meccanismo finanziario del valore di 750 miliardi di euro per salvare i paesi che non potevano ottenere denaro dai privati. Fatto ancora più importante, la cancelliera tedesca Angela Mer-


17

menti fiscali interni, che a sua volta non sarebbe mai stato accettato dalla Germania e dagli altri paesi creditori senza che ci fosse un controllo centrale sul budget dei paesi europei più stretto di quanto nessuno avesse mai immaginato prima.

kel decise di mettere da parte i propri principi e acconsentì alla sospensione della "clausola antibailout", faticosamente inserita nel trattato di Lisbona per convincere l'opinione pubblica tedesca che l'ingresso nell'euro non avrebbe reso la Germania finanziariamente responsabile delle sregolatezze economiche dei paesi del "Club Med". Con una mossa altrettanto sorprendente, il tesoro britannico decise di utilizzare i programmi di prestito e i mezzi dell'Unione Europea per supervisionare le tassazione nazionale, e sposare i piani di spesa di Bruxelles che effettivamente crearono il budget federale dell'Ue. "Fu una notte di miracoli", ricorda Emma Bonino, ex commissaria europea italiana. Garanzie collettive Il piano di salvataggio dell'euro non sarebbe mai stato possibile senza un forte impegno a ottenere garanzie collettive permanenti per i debiti dei governi dell'eurozona. Ma affinché tali garanzie potessero funzionare era necessario un meccanismo di trasferi-

La scorsa settimana, al summit di Bruxelles, questi meccanismi sono stati approvati in linea di principio. La maggior parte dei giornali si sono dedicati a temi marginali come la difesa da parte di David Cameron del "rebate" britannico e l'insistenza della Merkel per una revisione dei trattati dell'Unione europea. La verità di fondo, comunque, è che la Germania ha fatto ancora un altro passo indietro. L'assemblea ha stabilito infatti che nessun paese può essere costretto ad abbandonare la moneta unica a causa di un mancato pagamento dei debiti. Nonostante nessuno, inclusi gli stessi leader europei, possa dire cosa sia stato realmente concordato, l'implicazione di fondo è che l'Unione europea dovrà creare un meccanismo permanente per il mutuo soccorso finanziario tra i paesi dell'eurozona, inserendolo nei futuri trattati. L'ostinazione di Angela Merkel sulle le modifiche al trattato, lungi dal proteggere i contribuenti tedeschi dalle conseguenze finanziarie, sigilla l'impegno della Germania in caso di nuovi salvataggi. Grazie alla revisione esplicita della clausola anti-bailout, infatti, le modifiche di Merkel al trattato assicureranno una forza legale irreversibile al federalismo fiscale dell'Unione europea. Il sogno dei fondatori Ma perché i politici tedeschi dovrebbero piegarsi a nuove costrizioni così dispendiose? Essenzialmente per due motivi. Primo, l'in-

dustria e la finanza tedesche dipendono dalla stabilità e dalla prosperità dell'eurozona. Secondo, l'unità dell'Europa è sempre stata il manifesto dell'élite politica e finanziaria della Germania. I tedeschi, comunque, non sono stupidi. Non accetteranno di diventare gli eterni garanti dei paesi più sconsiderati dell'Unione europea senza che venga organizzata un'attenta supervisione finanziaria. La condizione per il federalismo fiscale sarà il raggiungimento di un grado di centralizzazione politica che al momento risulta difficile persino da concepire, ma che allo stesso tempo comincia a sembrare inevitabile. Per esempio, è difficile immaginare che tra i diversi paesi ci possano essere differenze così ampie nell'età pensionabile, nei benefici assistenziali e persino nell'assistenza sanitaria, se il costo di tali servizi dovrà essere garantito in maniera congiunta. In effetti la convergenza graduale verso un'età pensionabile di 67 anni in tutta Europa è uno degli effetti più incoraggianti della crisi finanziaria, almeno da un punto di vista strettamente economico. Da sempre l'integrazione europea è andata avanti nelle difficoltà. Dopo l'ultima crisi dell'eurozona è diventato inevitabile spiccare il volo verso il federalismo fiscale e politico. Esattamente ciò che i padri dell'euro auspicavano. Andrea Sparacino


18

Michelangelo è considerato tra i personaggi italiani di tutti i tempi che più hanno dato lustro all’Italia e alla storia dell’arte in generale. In questa biografia ripercorriamo le tappe fondamentali della sua vita e delle sue opere. Segue un quiz per i più bravi.

M

ichelangelo Buonarroti, scultore, pittore, architetto e poeta italiano (Caprese, oggi Caprese Michelangelo [prov. Arezzo], 1475 - Roma 1564). Avviato agli studi sotto la guida dell'umanista Francesco da Urbino, Michelangelo manifestò precocissime tendenze artistiche e, secondo la testimonianza di Ascanio Condivi, “non si poteva tenere che potendo rubar qualche tempo non corresse a disegnar or qua or là, e non cercasse pratica di pittori: tra i quali molto familiare gli fu Francesco Granacci”. A Firenze nella primavera del 1501, vi rimase per quattro anni, ricevendo importanti commissioni, oltre che da privati, dalla signoria, dall'Opera del duomo e dalle più potenti corporazioni: commissioni che testimoniano il continuo e rapidissimo crescere della fama dell'artista, celebrato non ancora trentenne. Stilisticamente vicina alla Pietà vaticana è la severa immagine della Madonna col Bambino di Bruges (NotreDame), mentre il tondo Pitti (la Vergine col Figlio e san Giovannino) [Firenze, Museo nazionale del Bargello] e il Tondo Taddei (Londra, Royal Academy), scolpiti qualche tempo più tardi, rivelano nel modellato più morbido. Ma l'opera che maggiormente impegnò l'artista fra l'agosto 1501 e l'aprile 1504 fu il David marmoreo (Firenze, Galleria dell'Accademia), destinato a Santa Maria del Fiore ma collocato davanti all'ingresso del palazzo della Signoria, quasi a metterne in risalto il significato politico di esaltazione delle virtù civiche repubblicane. Il contratto per la decorazione ad affresco della volta della Cappella Sistina fu sottoscritto nel maggio 1508; Michelangelo, accettato l'incarico con riluttanza, si appassionò presto all'opera, ampliandone il programma e riversandovi tutto l'immenso patrimonio di idee e sconvolgenti visioni che si era venuto accumulando in lui, fin dal tempo dei primi progetti per la sepoltura di Giulio II, in quattro anni di infaticabile lavoro, condotto in solitudine. Terminati gli affreschi della volta della Sistina (scoperta il 13 ottobre 1512) Michelangelo riprese i lavori per la sepoltura di Giulio II, firmando, dopo la morte del pontefice, modificando e ingrandendo in parte il progetto originario ed eseguendo, nello spazio di tre anni, due figure di Schiavi (Parigi, Louvre) e il Mosè, collocato più tardi al centro della parete inferiore del monumento di

San Pietro in Vincoli. A Giulio II succedette nel 1513 Leone X, il cardinale Giovanni de' Medici, figlio di Lorenzo, legato al Buonarroti da cordiali rapporti fin dalla giovinezza. Insofferente della nuova situazione politica creatasi a Firenze, venuto meno, anche in seguito alla morte del padre, ogni legame con la città, Michelangelo nel 1534 si stabilì a Roma, accogliendo l'invito di Clemente VII e l'incarico di dipingere sulla parete dell'altare nella Cappella Sistina il Giudizio universale. L'esaltazione della bellezza fisica come manifestazione di un'armonia spirituale, segno, rivelazione e incarnazione del divino, si accompagna alla concezione dell'amore non come vincolo umano, ma come legame universale. Michelangelo si spense a ottantotto anni, dopo breve malattia, il 18 febbraio 1564, nella sua casa di Macel dei Corvi, a Roma. Il suo corpo, segretamente trasportato a Firenze dal nipote Leonardo, fu sepolto in Santa Croce.


19 *Per i più bravi*

Trova le parole mancanti (Nota bene: il numero tra parentesi si riferisce al numero delle lettere delle parole da scoprire) ichelangelo Buonarroti, scultore, pittore, architetto e poeta italiano, ……… (6) a Caprese, oggi Caprese Michelangelo [prov. Arezzo], nel 1475 e …….(4) a Roma nel 1564. Fin da giovane Michelangelo manifestò precocissime tendenze artistiche. Infatti, non appena ne aveva l’ o…………. (9), correva a disegnare dove poteva. Non ancora ………… (9), M. ricevette importanti commissioni dalla signoria di Firenze. Tra le su opere più importanti stilisticamente sono la Pietà vaticana, la severa immagine della Madonna col Bambino di Bruges (Notre-Dame), il tondo Pitti (la Vergine col Figlio e san Giovannino) [a Firenze, nel Museo Nazionale del Bargello] e il tondo Taddei (Londra, Royal Academy). Ma l'opera più impegnativa fu senza ………. (6), il David (Firenze, Galleria dell'Accademia), che fu c……….. (9)

M

davanti all'ingresso del palazzo della Signoria. Il contratto per la decorazione ad affresco della volta della Cappella Sistina fu sottoscritto nel maggio 1508; Michelangelo, accettato l'incarico con r………… (10), si appassionò presto all'opera, riversandovi tutto l'immenso patrimonio di idee che si era venuto accumulando in lui. Insofferente della nuova situazione politica creatasi a Firenze, Michelangelo nel 1534 si stabilì a Roma, accogliendo l'invito di Clemente VII e l'i………(8) di dipingere sulla parete dell'altare nella Cappella Sistina il Giudizio universale. Nel 1512, terminati gli affreschi della volta della Sistina, Michelangelo riprese i lavori per la sepoltura di Giulio II, realizzando dopo la morte del pontefice, nello s……. (6) di tre anni, due figure di Schiavi (Parigi, Louvre) e il Mosè. Michelangelo si s…… (6) a 88 anni, dopo breve malattia, il 18 febbraio 1564. Il suo corpo, segretamente trasportato a Firenze dal nipote Leonardo, fu s……. (7) in Santa Croce.

QUIZ *** 1) Dove nacque Michelangelo ? a. In provincia di Arezzo b. A Firenze c. A Domodossola 2) Da quale pittore italiano imparò a dipingere nei suoi anni giovanili ? a. b. c.

Giotto Picasso F. Granacci

3) Quale opera del Michelangelo è possibile ammirare alla Royal Accademy di Londra? a. b. c.

Il David Il Tondo Taddei Il Tondo Babbei

4. Quale Papa commissionò a M. di eseguire la Cappella Sistina? a. b. c.

Papa Giulio II Clemente VII Pio Nonno

*** * Le risposte sono a pagina 19

Tondo Doni (The Holy Family)


20

Charleston Farmhouse e Rodmell, sono due dei luoghi del Sussex in cui visse la scrittrice inglese Virginia Woolfe. Ma tutta l’area nei dintorni offre occasioni per scoprire suggestivi angoli di campagna e paesini tanto graziosi da sembrare virtuali, come se ne trovano solo in Inghilterra.

L

a prima a scoprire la campagna del Sussex fu Virginia Woolf, che a partire dal 1911 affittò diverse case per l'estate. Una era Asham House, una villa neogotica a 6 chilometri da Lewes demolita negli anni Sessanta. Pare che fosse frequentata da fantasmi e avesse ispirato il racconto A Haunted House, pubblicato postumo in una raccolta nel 1943. Nel 1919 i Woolf acquistarono The Round House, in Pipe Passage a Lewes, un vicolo che segue la cinta di mura. Su una targa affissa al muro è riportata la frase di Virginia: "Per capriccio abbiamo comprato una casa che faceva parte di un mulino, così ogni stanza è rotonda o a semicerchio". Ma non vi abitarono mai e acquistarono invece a un'asta Monk's House, un cottage nel villaggio di Rodmell dove Leonard Woolf rimase dopo il suicido

Una lettera di V. Woolf al marito

di Virginia nel 1941. All'inizio le condizioni erano piuttosto primitive: mancavano luce, acqua calda e bagno. Una sera Edward Morgan Forster, loro ospite, si bruciò i pantaloni nel tentativo di scaldarsi accanto alla stufa. I guadagni ricavati dai romanzi di Virginia pagarono alcune migliorie: "Avremo ben due gabinetti", scriveva a Vita nel 1926, "uno pagato da Mrs. Dalloway e l'altro da Il lettore comune". Il successo di Orlando finanzia la nuova ala dove Virginia sistema la sua camera da letto, con il camino decorato da Vanessa, con un motivo ispirato a Gita al faro. In cucina sono appesi due ritratti degli spaniel dei Woolf, Sally e Pinka, che divenne il modello per Flush, Vita di un cane, biografia del cocker di Elizabeth Barret Browning. Nello studio, una casetta di legno in fondo al giardino, Virginia scrisse molti suoi romanzi, a cominciare da La stanza di Giacobbe, sempre sulla

sua carta preferita, azzurra come il cielo. L’atmosfera di Monk’s House, punto fermo e pausa di tranquillità dopo la vita intensa di Londra, è raccolta, quasi austera. La nipote Angelica Garnett, figlia di Vanessa e Duncan Grant, ricorda la sala da pranzo dalle pareti “verdine come uno stagno”, dipinte da Virginia, libri e giornali accumulati per terra e sui tavoli, l’aria impregnata di fumo, l’odore di vecchi libri mescolato al profumo di mele mature. La zia serviva il tè seduta a un capo del tavolo, “non come faceva Vanessa, con mano ferma e un movimento diretto, ma facendo danzare la teiera qua e là mentre parlava, come per sottolineare il significato di quel che diceva”. L’atelier di Charleston Charleston, una villa isolata tra i campi nei pressi di Firle, doveva sembrare l’antitesi di Monk’s House: rumorosa, colorata piena di musica, bambini e ospiti, disordinata e creativa. Con un giardino dove i fiori crescevano rigogliosi e variopinti come la tavolozza di Ottobre del 1916 su un taxi stipato all’inverosimile insieme ai figli Julian e Quentin, Duncan Grant e il suo compagno “Bunny” Garnett, una governante, una came-


21

Monk’s House a Rodmell

La sala letture riera, una cuoca e Henry (un cane). Avrebbe dovuto essere una base temporanea, per dare possibilità a Duncan e David—obiettori di coscienza—di lavorare in campagna. Invece diventò l’espressione più concreta dello stile Bloomsbury, un laboratorio artistico in perpetua attività, abitato e decorato da Roger Fry, Duncan Grant, Vanessa Bell e poi dai loro figli e nipoti. “Non è una casa”, disse Quentin Bell, “ma un fenomeno”. Il caos decorativo è solo apparante e nasconde un sottile gioco di accostamenti, richiami e citazioni. Solidi e preziosi mobili di famiglia accanto a pezzi da rigattiere dipinti con fiori, figure e motivi astratti. Sedie francesi ricoperte con una vecchia trapunta di raso, tessuti su disegno (alcuni riprodotti qualche anno fa da Laura Ashley e ormai introvabili) abbinati a tende ricavate da scampoli di chinz

L’atelier di Charleston

cuciti insieme. Le carte da parati sono realizzate con stencil, sulla stessa mensola posano statue orientali e africane e ceramiche di Quentin Bell, che aveva studiato con Lèger a Parigi e imparato l’arte della ceramica nelle manifatture di Stoke on Trent. Alle pareti, repliche dei Maestri del Quattrocento fiorentino insieme a Cèzanne, Picasso e i moderni (e, ogni volta che erano costretti a venderne uno, la copia). Il collezionista del gruppo era John Maynard Keynes, diventato consulente economico del governo, che acquistò tele di Picasso, Braque, Renoir, Degas, Seurat e Sickert, oggi conservate al Fitzwilliam Museum di Cambridge. Naturalmente prima che gli artisti diventassero famosi e i prezzi proibitivi. A Charleston, Keynes aveva a disposizione una camera, dove scrisse “Le Conseguenze economiche della pace” (1919). E dopo il matrimonio con Lydia Lopokova, ballerina dei Ballets Russes di Diaghilev, si trasferì a Tilton, una fattoria nei dintorni, per restare vicino agli amici. Charleston fu abitata fino alla morte di Quentin, nel 1978. Quando anni dopo fu restaurata e aperta al pubblico, nessuno immaginava che sarebbe diventata meta di oltre 15 mila persone l’anno. Una buona ragione per prenotare in anticipo le visite guidate durante l’apertura straordinaria in concomitanza con le mostre londinesi. Vale una sosta anche il negozio, con oggetti in legno, ceramiche, tessuti ispirati allo stile Bloomsbury e realizzati da artisti inglesi. Scandalo in chiesa Un’ultima tappa in Sussex riserva un’inattesa sorpresa: la chiesa di St Michael and All Angels a Berwick, affrescata da Duncan Grant, Vanessa e Quentin Bell nel 1941, ultima commissione pubblica per gli artisti del gruppo, la cui popolarità stava cominciando a scemare. L’atmosfera ha poco delle chiese tradizionali: dalle vetrate trasparenti che lasciano entrare la campagna all’esplosione di colore sulle pareti. Il pulpito è decorato con fiori e motivi stilizzati.

Affresco di Quentin Bell nella chiesa di Berwick, East Sussex Per la Natività Vanessa fece posare alcuni conoscenti in abiti moderni, per l’Annunciazione la figlia Angelica e un’amica. Il giardino sullo sfondo è chiaramente quello di Charleston. Un amico legato al cavalletto posò per il Cristo crocefisso di Duncan Grant. Non pochi parrocchiani protestarono, non ultimo perché gli artisti, oltre che eccentrici e promiscui, erano obiettori di coscienza. Ma loro si sentivano come i pittori del Quattrocento. D’altronde, la morale comune non li toccava più di tanto. Quando a Quentin Bell venne chiesto se avesse mai visto Vanessa scandalizzata, lui rispose: “Sì, quando qualcuno le disse che Tiziano non sapeva disegnare”.

Claudia Mancini

Un dipinto di Quentin Bell


22

Frances Mayes, widely published poet, gourmet cook, and travel writer, opens the door to a wondrous new world when she buys and restores an abandoned villa in the spectacular Tuscan countryside. Under the Tuscan Sun by Frances Mayes

I

n this memoir of her buying, renovating, and living in an abandoned villa in Tuscany, Frances Mayes reveals the sensual pleasure she found living in rural Italy, and the generous spirit she brought with her. She revels in the sunlight and the color, the long view of her valley, the warm homey architecture, the languor of the slow paced days, the vigor of working her garden, and the intimacy of her dealings with the locals. Cooking, gardening, tiling and painting are never chores, but skills to be learned, arts to be practiced, and above all to be enjoyed. At the same time Mayes brings a literary and intellectual mind to bear on the experience, adding depth to this account of her enticing rural idyll. Frances Mayes starts off by saying "I am about to buy a house in a foreign country. A house with the beautiful name of Bramasole." Tall, square and apricot-colored with faded green shutters, the lovely old farm house that Frances and her husband buy is in Tuscany. They return every summer, they tend the olives and grapes, they plant potatoes and build a stone wall. The book has Tuscan soil under its fingernails, Tuscan sun on its back and the flavour of Tuscany throughout. Mayes describes languorous lunches on the patio, local wine flowing freely and olive pits casually pitched toward the nearby stone wall. Yes, there were problems — wells running dry, workers vanishing —but the image Mayes creates of her house, the Italian countryside, and her summers there with fellow professor Ed and sundry visitors is nothing short of idyllic: a real-life version of the film Stealing Beauty, but without the funny-looking sculpture scarring the landscape. Mayes' delightful recipes, evocative descriptions of the nearby village of Cortona, and thoughtful musings on the Italian spirit only add to the pleasure. This is armchair travel at its most enticing. Frances Mayes, widely published poet, gourmet cook, and travel writer, opens the door to a wondrous new

world when she buys and restores an abandoned villa in the spectacular Tuscan countryside. In sensuous and evocative language, she brings the reader along as she discovers the beauty and simplicity of life in Italy. Mayes writes about the tastes and pleasures of a foreign country with gusto and passion. A celebration of the extraordinary quality of life in Tuscany. About the Author Frances Mayes lives in Cortona, Italy, and San Francisco, where she teaches creative writing at San Francisco State University. A widely published poet, as well as a prolific food and travel writer, she has written for the New York Times, House Beautiful, and Food and Wine. This text refers to the hardcover edition of this title Travel Editor's Recommended Book)


23

ORIZZONTALI 1. Il divertimento inglese 4. Galleggiare 6. Cucinare i cibi nell’olio 7. La si usa nel gioco del pingpong 10. Un giardino per animali 11. Prima di Giugno ma dopo Aprile 12. Il contrario di inizio 13. Si usano per appendere la biancheria 14. Sintonizzati 16. Il passato di “Get” VERTICALI

* Le parole da inserire sono in inglese

* Please note entries are in English

1. Una performance per due 2. Volare 3. Afferrare 4. Davanti 5. Addomesticato 6. Nemico 8. Etichetta 12. Il passato di “scavare” 13. Bestiola da compagnia 15. Il “don’t” italiano


24

Lynda Stevens is 36 years old. She is an artist from Coventry, currently living in Brighton. She has a degree in Italian and English literature and has visited Italy several times as a student. Here she tells of her experiences in an interview by E. Granese.

F

irst of all, Lynda, when were you in Italy last? The last time I visited Italy was in 1988. That was to stay with a family that I first met there as a student in 1980. What was your first trip like? We took the train to Italy. We spent two nights on the train and went through Switzerland. Obviously, we were very tired when we got there. One thing I hated was that we had to wear our school uniforms for the trip!

Well, the sites were fine but the walking was a bit much. I remember that my shoes that year were not very practical and, yes, I did like the food, especially the ice creams. Unfortunately, I had very little money and so I could not sample much of it. On the way back I caught the wrong train and ended up spending the night in Milan, with nowhere to go. Lynda Stevens

Was there any other reason for you to choose Italian other than that of obtaining a university degree? Yes, I was intrigued by Italy and Italian culture, which seemed more an artistic curiosity than anything else.

your own and your experience was quite different then, wasn't it? Oh yes, it was. We were really thrown into the deep end that time. I was sent to Perugia at the University for Foreign Students. I did not enjoy it much because so many men hassled me. To be fair it wasn't just Italians: there were Nigerians and Arabs especially who were really out of order. And of course, with all these young and vulnerable foreign girls there... basically, I almost wished for the over protected attitude of my school back. This aspect of the Italian culture really pissed me off! Also the Italians in Perugia for the most part were fairly standoffish... I got to know more Germans than Italians when I was there.

But when you went back there two years later you were on

Did you at least enjoy the food and the sites?

Where does your interest for Italy and Italian culture derive from? At school the teachers felt that I had a gift for languages and at that point I was also learning French and German. Unfortunately, I did not get the grade I wanted in French for my A level and, when the University of Warwick offered me a degree in English and Italian instead, I went for it.

That's where you had the worst experience, right? Yes, because when I approached the police for help, it turned out the guy wanted to take me back to his place, and when I complained to his sergeant, he asked me why I did not want to make love to him and if I was a lesbian. So, I ended up sleeping in the phone box where I was safe. I wouldn't want to discourage anybody from visiting Italy: there are lots of things I liked about Italy and probably many things have changed in the last 20 years. If the Italian Tourist Board wants the custom of foreign tourists and travellers, then I think that female travellers do deserve a little respect. There is a tendency for Latin males, I believe, to assume that all foreign girls are easy. That's not true, particularly not of most students. However, I think the University of Warwick has a certain amount to answer for, too.


25

As an adult I did not expect to be mollycoddled; however, at 19 I was still very young, certainly, and I understand that other students of my age were being sent to accommodation addresses which turned out to be next to brothels and so on. Despite these experiences, was there anything that you enjoyed about being in Italy? Yes, indeed. The following year my Pescara contact found me a family with an 11 year old girl who wanted to learn a little English. These people had a lovely apartment overlooking the seafront and when I went there we seemed to hit it off. They were an unusual family, because their father was separated and there was a baby sitter living in, but the baby-sitter was good

Birthplace of the Italian poet Gabriel D’Annunzio

Me, on the beach of Pescara

company for me. They had a great sense of humour and liked my art-work. We spent most days going to the beach, very decadent. One thing I like about Pescara is that you don't get those stupid men in quite the same way. The little girl was quite demanding, but she enjoyed the games I taught her and her friends, and I think it encouraged her to learn more about English culture. At that time my pronunciation wasn't perfect and I once mispronounced the word 'spettàcolo' as 'spettacùlo', which has quite a different meaning (the 4 letters ending the word mean 'arse' !). One day we were out in a boat and the girls' uncle who was with us fell off and unfortunately his swimming trunks came off, too! So, when I said: "Che spettacùlo!", it caused quite a few laughs! This family wasn't too bad about making me eat. I have noticed an unfortunate tendency amongst certain Italian housewives to feed you up and, being somewhat skinny, this seemed to bring out the worst in them from that point of view! The problem here was the little girl: she wanted to cook me traditional English breakfast. The trouble is that I got hauled out of bed at a somewhat unearthly hour each morning to eat raw eggs. Unfortunately, I did not have the heart to tell her that this was not how we do it. However, they liked the roast beef I cooked them as a typical English meal, I hope! Interviewed by E. Granese

Pescara is the major city of its Abruzzo region, and is one of the most important economic, commercial, and tourist centres on the Adriatic coast. Featuring a shoreline that extends for more than 20 miles, Pescara is a popular seaside resort. Along its shoreline, Pescara has many lidos that during summer season install beach umbrellas on the shore in order to rent them to customers in conjunction with deckchairs and other facilities; in Italian, they are also called stabilimenti balneari. These lidos often have attached seafood restaurants (opened all the year), or pizzerie, both "al piatto" and "al taglio", playgrounds, bar and ice-cream parlours, while during summer season at night some turn themselves into stylish outdoor discos. There is a large shopping district with many fashion boutiques and a lively nightlife. Every July Pescara holds an International Jazz Festival: Pescara Jazz was the first Italian summer festival dedicated to jazz music. Since 1969, it has been one of the most important jazz festivals in Europe.


26

Paolo ( though not his real name ) has been living in England since 1977 and in Brighton since 1982. His story is, in many respects, that of many young, second generation Italian immigrants.

F

irst of all, when did you move to Brighton? I moved to Brighton in 1982, but, before that, I also lived in Horley, near Gatwick for about 7 months, and in Redhill, Surrey, for about a year. Brighton is by far a better place to live, I reckon the best in the whole South East in terms of social life, things to do, and the interesting people you get to meet. What did you think of England when you first moved here ? I had very little time to get to know people or to visit the country. I had a job washing dishes at Gatwick Airport canteen and was working 70 hours a week for a miserable wage and a squalid bedsit. I knew I was being exploited, but when you're twenty you'll put up with that, for a while, just to learn the language and to get to know a new country. What were your first contacts with the Italian community ? A guy called Enrico was the first Italian I met. He struck me as somewhat pathetic, trying to imitate the English dress sense and way of speaking. He did not have a trace of cultural identity left, neither Italian nor English. Some of the Italians I met even replied to me in English when I addressed them. But they all had beautiful houses and cars,

something they probably would not have been able to have in Italy. These Italians only ever talked about sport and women. You hardly ever got to talk to them about anything more important. I know it's a bit of a sad picture, but that's the way it is! What were the most serious problems you had to face ? Like everyone else, I had not inconsiderable problems with the climate and the language. Then there was knowing that I was 'different' and finding myself in a country with very different traditions, language and culture, much more so then than today. In Italy I was much busier politically and loved following what was happening around me. In England I felt like a fish out of water and terribly ignorant. Do you now feel fully integra-

ted into English society ? I'm afraid not. In '86 I went back to live in Italy for a few years and since coming back I've found that I've had to start right from the beginning again. Nowadays though, I follow English politics, read the papers, listen to Radio 4 and talk about politics with English friends. I write reasonably well in English and, sometimes, I go to the pub. I also go to a chess club and teach Italian in a college in Brighton. Well, clearly I feel more at home today than I did twenty years ago. How do you get on with English people ? Very well, generally. The way they see the family and the casual way in which parents confront their children's problems still bother me. The family isn't taken too seriously over here, so much so that separations and divorces are at their highest levels. And to think that I was so critical of the Italian family! I think the right balance could be found somewhere in the middle : not too much laid back-ness nor excessive attachment to the institution of marriage and the family. To make up for all this, though, their Welfare State, despite the cuts imposed by the Conservative government, is better than ours by a long chalk. Finally, I love the mental open-


27

ness of the English in sexual and religious matters, with all the consequences, both positive and negative, that this brings. What do you think of Brighton and the 'Brightonians'?They are a pot-pourri of the most disparate people and races. Brighton, like London, though somewhat smaller, is a melting pot. The inhabitants seem more open and tolerant, as a rule, compared to English people of other areas I've lived in. Anyway, the presence of the sea, its history of being a student and tourist town and its size make it more lively. But you should always be careful with this type of generalisation. In your opinion what is the most pressing problem that the Italian community in Brighton is faced with at the moment ? To me, the most serious problem surely has to be the lack of opportunities for our children to study the Italian language. There's the problem of finding information about the activities and services of the Italian consular authorities in England. Then there is unfortunately the lack of a point of reference here in Brighton for the Italian community: a club, an association, a bar, or something of that kind where you can meet other Italians. Do you go to Italy to vote ? I always have done. But now that I have more serious work obligations, I don't know if I'll be able to do so anymore. More and more people now vote by correspondence, and I am one of them. But the vote has lost

its appeal. We Italians have become more and more disillusioned about Italy’s chances of changing through the democratic vote. What do you think of the present political situation in Italy ? Despite Berlusconi’s reassurances, we seem to have still a long way to go before we solve Italy’s long-standing difficulties. I don’t enjoy criticising our government, but I think our Prime Minister is not giving Italy a good name. And the opposition does not seem to have the necessary support or the will to really make the changes that are so desperately needed. In England, whichever party wins, no matter what your political orientation might be, you can be sure that things do change, whether for better or for worse, and problems are tackled. In Italy, we have been battling for the same problems for years. Take the North-South divide, for instance. I'm afraid it will take many years for the marked social and economic inequality between North and South to be resolved. Despite all this, I do not de-

spair! We are nevertheless still a people full of resourcefulness and creativity, or at least so they say! What still binds you to your country of origin ? Easy! My family, good cooking, sport, culture, our language, some of our sound traditions, the optimism and sense of humour that characterise us, some of which, however, we seem to have lost recently. These are all things I miss tremendously. What do you think of the present political and economic situation in the United Kingdom ? Nobody likes the idea of cuts, especially when they hit the less well-off. I think the LibDems will need to think well what they are doing as they look and think more and more like Conservatives. They will certainly not have my vote any more. Labour is still very much in disarray. People are still suspicious of them. On the other hand, I welcome the election of the first Green MP in Brighton and in the country. It is a positive sign that people in Brighton are different: they seem to care more for the environment, they like the idea of challenge and change, and they respect peoples’ rights. It is still a good place to live, despite soaring prices. What, finally, do you like best about Brighton ? The sea. With a little imagination, looking out over it, I can see Italy! (interview by J.A.Kench)


28

SPAGHETTI ALLA CARBONARA (per 4 persone) • • • • • • • •

400 gr di spaghetti, 100 gr di guanciale (o di pancetta magrissima), 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva, 30 gr di burro, 3 uova, 40 gr di pecorino e 40 gr di parmigiano grattugiati e mescolati, sale e pepe nero appena macinato.

Cuocete al dente la pasta in abbondante acqua salata. Intanto fate soffriggere in una casseruolina il guanciale tagliato a dadini con l'olio. Battete le uova in una terrina con metà formaggio, sale e pepe. Fate scaldare il burro in una casseruola, quando avrà raggiunto un bel color nocciola versatevi le uova, mescolate velocemente, unite la pasta scolata, il guanciale e il resto dei formaggi, fate saltare la pasta per qualche secondo fuori dal fuoco e servite. La pasta dovrà risultare ben cremosa e legata. I cuochi inesperti possono aggiungere qualche cucchiaiata di panna liquida.

SPAGHETTI ALLA CARBONARA (Spaghetti with egg and guanciale) (serves 4) 400 gr (14 oz) spaghetti, 100 gr (3.5 oz) guanciale (or very lean pancetta), 1 tbs extravirgin olive oil, 30 gr (1 oz) butter, 3 eggs, 40 gr (1.4 oz) each pecorino and Parmesan cheese grated together, salt and freshly grounded pepper Cook the pasta al dente in abundant salted water. Meanwhile, fry the guanciale, diced, in a small pan with the oil. Beat the eggs in a bowl with half the cheese, salt, and pepper. Heat the butter in a saucepan. When it is a nice nut colour, pour in the eggs, mix quickly, add the drained pasta, the guanciale, and the rest of the cheese. Stir the pasta in the pan for a few seconds off the heat, and serve. The result must be smooth and creamy. Timorous or inexperienced cooks usually cheat by adding a tablespoon of cream to the egg mixture. From Oretta Zanini De Vita, "Il Lazio a Tavola: Guida gastronomica tra storia


29

Unlike food, wine in Italy in the last 25 years has changed dramatically. The Italians have realized that they could make great wines only if they paid extraordinary attention to their vineyards. They stopped using so many fertilizers and chemicals.

U

nlike food, wine in Italy in the last 25 years has changed dramatically. For one thing I think the biggest change to have taken place is that Italians realized that they could make very great wines only if they paid extraordinary attention to their vineyards. They stopped using so many fertilizers and chemicals. When they decided to give up hopes of growing huge quantities of grapes per acre they discovered that even ordinary grapes like Trebbiano could produce tremendous results. So this has really sparked the revolution in Italian wine quality. Certainly as far as red wine is concerned Italy can make the world's greatest red wine both for everyday use and for very special occasions. People like Angelo Gaia set the example by no longer fertilizing, no longer using chemicals, but producing very small quantities of grape bunches per vine and that is really the secret. Of course other changes in red wine have taken place. Once upon a time, not too long ago, actually a quarter of a century, there were so many old musty stinking barrels in Italian cellars. Today most of those have been replaced by clean new barrels or stainless steel, and the very important trend in some wineries of using small French oak barrels, called "barrique", they way they do in California, Australia, South Africa, wherever international style red wines are being made. The leading region in innovation was Tuscany. It found itself at the end of 1960s with an almost-catastrophe on its hands, nobody was buying Chianti wine, it was an awful wine, harsh, short-lived, too light-colored. They completely revamped their approach to winemaking and wine cultivation. The producer that got the most credit for the revolution in Tuscany was Antinori, but with historical movements somebody may get the credit for leading them but a lot of influences contribute to the overall results. There were other producers doing the same thing. Piero Antinori is an extremely far-sighted, intelligent, hardworking and perceptive wine-maker.


30

Questa è la prima parte di un’indagine sulla ristorazione italiana di Brighton e dintorni che prende in esame la qualità della nostra cucina, i suoi problemi e le sue prospettive. by

I

l piccolo ristorante “La Famiglia” si trova a pochi passi dal centro storico di Lewes, non lontano dagli uffici comunali. A detta del proprietario, Mauro Lazzati di Varese, questo è l'unico ristorante italiano di Lewes, poiché l'altro, come è ormai una consuetudine qui in Inghilterra, di italiano ha solo il nome e neanche il menu. Quella di Mauro è la storia di tanti italiani approdati nel Regno Unito con pochi soldi e tanti progetti. Avevo incontrato Mauro Lazzati quando era cameriere al ristorante italiano “Il Tortellino” di Lewes. Quando chiuse nel 2002, Mauro, grazie alla sua esperienza accumulata in anni di lavoro nella ristorazione, decise di avviare una propria attività. Non capita tutti i giorni un italiano così intraprendente! Gli abitanti di Lewes, diversamente da quelli di Brighton, passano un po’ per snob e tardo-aristocratici. Il giudizio, per quanto ingeneroso, non è poi tanto lontano dalla verità. Così il nostro Mauro si è dovuto adeguare ai gusti del luogo. Nel giro di pochi mesi “La Famiglia” è diventato l’unico ristorante italiano in città degno di questo nome! E’ il 26 Ottobre. Io e Julie decidiamo di pranzare a “La Famiglia”. Entrati, ci accorgiamo che il ristorante è davvero piccolo! Quasi tutti i tavoli sono da due e la capienza è di poco più di 30 coperti. In compenso è accogliente. Approfittiamo della sbalorditiva offerta (£ 5 per un pasto: pizza, oppure pasta, e una bibita compresa nel prezzo!) e ci tuffiamo a pesce… an-

che se non fa parte del menù! Nel ristorante non c’è Mauro che, a quanto pare, è in vacanza con la famigliola. Ci sono i due camerieri, un polacco e una ragazza inglese. Lo chef? Inglese! “Ahi, cominciamo bene!” Esclamo io, tra me e me, da tipico italiano burino che pensa che il cuoco di un ristorante italiano debba essere rigorosamente italiano, (neanche italo-inglese!) perché nessuno cucina meglio di un italiano! Non è il caso di controllare il passaporto. Mi fido della parola del cameriere polacco: “Il nostro cuoco è inglese, ma è molto bravo!” precisa. Poi mi ricordo dei commenti positivi che “La Famiglia” aveva ricevuto sul sito dei ristoranti italiani di Lewes e mi tranquillizzo. Il polacco è molto affabile. Dopo esserci seduti ad un tavolo vicino alla finestra con vista su una delle caratteristiche stradine del vecchio centro storico, “intavoliamo” una conversazione con il giovane. “Parla un inglese

dal forte accento polacco”, bisbiglio. Julie mi zittisce subito e mi apostrofa: “Meglio del tuo!”… Touché! La musica di sottofondo è, ahinoi, quella di Claudio Villa. Decisamente, non è delle più invitanti. Lo faccio presente al cameriere polacco che capisce, cambia CD e mette su una vecchia, brutta canzone del compianto Mino Reitano. Lo guardo con sguardo leggermente contrariato. “No bbuono” gli faccio cenno col dito con una frase alla Andy Luotto. Il cameriere annuisce e ci riprova. Questa volta ci azzecca! Sulle note di una canzone di Irene Fornaciari, figlia del più noto Zucchero, azzardo un… “Conosco bene questa la cantante!” In effetti, ebbi occasione di incontrare Irene all’aeroporto di Linate anni fa e di assistere ad uno dei suoi memorabili concerti al Palatrussardi di Milano, in uno di quei rari concerti “gratis” delle vecchie feste dell’Unità, a cui sia io che Julie abbiamo avuto la fortuna di


31

Il Castello Normanno di Lewes

assistere. “Great!” Esclama Julie con un sorriso di evidente approvazione! Entrambi amiamo Irene Fornaciari e il suo stile Rhythm and Blues scoppiettante... che ha evidentemente ereditato dal padre! Ma non siamo qui per parlare della musica nel locale, anche se per me è importante quasi quanto la qualità dei piatti, perché fa parte dell’atmosfera del locale e incide sulla valutazione finale. Il cameriere polacco, che nella vita fa il tecnico del suono, sembra colpito dalla mia notazione musicale che mette in luce una discreta conoscenza della canzone italiana. Mi dice che i clienti in genere preferiscono la musica tradizionale italiana, oppure non ci fanno molto caso. E’ raro, aggiunge, che tra i clienti vi sia uno che se ne intende di musica italiana come lei! Resto lusingato! Aggiunge: “Anche il proprietario, come tutti i ristoratori italiani, predilige il genere tradizionale: Claudio Villa, Nilla Pizzi (che pizza!), al massimo Ramazzotti, che almeno è anche il nome di un amaro! De Andrè? Mai sentito nominare. E’ il momento di ordinare. Il menù, visto il prezzo, è limitato ma interessante. Noto con piacere che non ci sono errori di ortografia nel menù, tipo “capucino” o “oregano”, ormai così frequenti nei menù dei sedicenti ristoranti italiani. Opto per un piatto di “Tagliatelle al Salmone”, mentre Julie si butta sul tradizionale: Pizza con olive e funghi. Il servizio è rapido, anche perché a quell’ora (è ora di pranzo) ci siamo solo noi nel ristorante! Arriva la pizza. Ha un diametro di circa 20 cm., la metà di quelle che siamo abituati a mangiare io e Julie.

Lei, Julie, lo nota subito e mi sussurra in un orecchio: “Mi pare più una focaccia che una pizza! La mozzarella è abbondante! Troppa, per i gusti di Julie che ne gratta via la metà con un gesto che avrebbe fatto inorridire un qualunque seguace del bonton! Arriva il mio piatto di tagliatelle. Il salmone è abbondante, ma fresco e cotto al punto giusto! Ricordo che l’ultima volta che avevo mangiato il salmone cucinato da un inglese ero rimasto intossicato perché non era cotto abbastanza! Questa volta è andata bene! Lo chef inglese sa il fatto suo. Noto che ha usato il pesto anziché il prezzemolo come condimento. Poco male! Non sono uno schizzinoso! Le tagliatelle sono un po’ al dente, ma non mi dispiace. Manca un po’ di sapidità. Evidentemente lo chef non ha rosolato l’aglio nel burro, come faccio io. E’ più

La Famiglia Restaurant Review (by Julie Anne Kench) y first impression was that it was a petite restaurant. The service was good and the tables were laid out with a flower each. It looked cosy. What attracted me to go in was the offer of a £4.95 lunch time menu. I ordered a pizza and my partner ordered salmon tagliatelle. A disappointment. My pizza was basically a tortilla style dough, with too much cheese, whole olives and little mushroom. It was also very small. You get a drink free with it, a juice or a fizzy drink, but I don’t feel like we had our moneys worth. I make my own pizza and I think I’ll stick to that in future!

M

sano, d’accordo, ma ne perde un po’ il gusto, che comunque è gradevole. Sorseggio un po’ del vino bianco: è un Pinot Grigio che si “sposa” bene con le tagliatelle. C’è forse un eccesso di olio che rimane sul fondo del mio piatto. Sono quasi tentato di fare “la scarpetta” se non fosse un affronto al galateo. Per evitare figuracce (anch’io ho una mia dignità!… da qualche parte) desisto. Intanto Julie mi guarda un po’ perplessa e mi dice: “La faccio meglio io la pizza! La mia è tre volte più grande, e con i funghi porcini, e l’origano, e l’olio di oliva! E poi, questa è troppo fina!” Insomma, proprio non le piace questa pizza. Per fortuna l’insalatina è gustosa. Il buffet “self-service” è vario e abbondante. I pomodori e le cipolle sono tagliati in maniera un po’ grossolana, e i ceci provengono di sicuro da un barattolo, ma sono dettagli. Prendiamo un caffè. Apprendiamo che viene dall’Australia!! Però è buono: si vede che è tostato all’italiana. Meno male. Tiriamo un sospiro di sollievo. E’ il momento di pagare il conto. Dodici sterline! Un prezzo fantastico! Ma Julie, che ha mangiato solo metà della pizza, ha ancora fame. Appena tornati a casa si avventa su un piatto di “scones” che aveva preparato in forno poche ore prima e li ricopre in maniera indecorosa di panna montata che quasi esce dai bordi, e li divora in pochi attimi! Le chiedo: “Torneresti da Lazzati? Risposta: “Manco morta!”. Peccato! Andrà meglio la prossima volta.

Tagliatelle 7; Pizza 4; Vino 7; Insalata 6; Seconda portata —;Qualità del servizio 7; Rapidità del servizio 6; Quantità delle porzioni 6; Pulizia 7; Caffé 7; Decor del locale 6; Posizione 6; Rapporto qualità-prezzo 7. Totale 73/120 Valutazione finale: VVV☺☺ ☺ = pessimo ☺☺ = insufficiente ☺☺☺ = OK , Così così ☺☺☺☺ = Buono ☺☺☺☺☺ = Eccellente

LA FAMIGLIA 17 Market Street, Lewes, E. Sussex BN7 2NB 01273 479539


32

Abano Terme is a spa resort in the Veneto region of north-east Italy, close to Padua. The town is located on a plain close to a range of low green hills, the Colli Euganei (Euganean Hills). The 'Terme' part of the name means 'spa'.

A

bano Terme is a spa resort in the Veneto region of north-east Italy, close to Padua. The town is located on a plain close to a range of low green hills, the Colli Euganei (Euganean Hills). The 'Terme' part of the name means 'spa'. Abano is pronounced with the stress on the first syllable; both 'e's of Terme are pronounced. A sign at the entrance to Abano Terme greets visitors: 'Welcome. Please avoid disturbing noises'. This sums up the atmosphere of the leafy town. Abano is dedicated to rest and relaxation, and does its best to avoid anything which might disturb the languid pottering of its visitors. Like the Veneto seaside town of Lido di Jesolo, Abano Terme is more like a purpose-built holiday resort than a typical Italian town. The town's tourism publicity boasts about the number of hotels and realistically this is the most striking thing about the modern town. Strolling or driving through Abano, the tourist is faced with avenues and avenues of hotels, all similar. Each hotel is a tall, modern structure with its name in large letters, a small shady garden set behind a roadside fence, a water feature and a big sign advertising its thermal spa facilities and pools. A few guests are likely to be lounging on comfortable chairs under a portico.

Things to see Abano Terme isn't really a busy sightseeing town; it's more a place to wander, to chat, to stop for a drink and watch other holidaymakers stroll by. A good place to start is the town's central tourist information office,

which stocks town plans and information about the surrounding area. The heart of town is a peaceful modern pedestrian zone dotted with shops and cafes, sculptures and plenty of water features to show off the town's great asset (you may be disappointed if you dip your hand in to test the temperature, though). In this amiable area you'll find the elegant Grand Hotel Orologio - one of Abano's few interesting historical buildings, but sadly closed-up when we visited. Opposite is another hotel with historic significance, the Hotel Trieste & Vittoria, which served as headquarters for the Italian military command in 1918. A short walk along Viale delle Terme is the historic centre of town. Abano's cathedral, the Duomo di San Lorenzo, was originally founded in the tenth century, and it still retains its fourteenth-century belltower. Alongside is a rather odd modern development (from the 1990s though already tiredlooking) of housing and shops, with a giant sundial in the centre. One interesting sight is the little hilly Park of Montirone. The history of this area goes back to the times of those inveterate bathers, the Romans. Later, in the nineteenth century, the park was a showplace for the spa waters. It still has a grand colonnaded entrance but the waters have long dried up and the park is rather forlorn. The town's art gallery, the Pinacoteca, lies just inside the colonnades. It consists of a small collection of interesting works, with free admission. A walk from central Abano is a suburb called Monteortone, which curves under the wooded slopes of a hill. There is an important church here; the Santuario della Madonna della Salute di Monteortone (open 8am-12 and 36pm, though there may be services

taking place) which has a picturesque exterior and some lovely frescoes within. The walk takes about 25 minutes; local buses also cover the route. Collect a map and directions from the tourist information office. Things to do in Abano Terme Many guests are content to enjoy spa sessions and absorb the therapeutic qualities of a lazy afternoon. A short wander through the pedestrian heart of town passes shopfronts and cafes for whiling away more time. In the evenings there are opportunities for old-style dancing. Children may enjoy the little 'train' which runs along the road between Abano and its neighbour Montegrotto Terme. The more active will be pleased with the opportunities for cycling; there are many cycle routes laid out along the wide flat streets of town. During the summer season Abano puts on a range of events for its visitors, from concerts to Wild West shows. Among the most prestigious of these is a dance festival, Abano Danza, which has featured Carla Fracci and members of the ballet company of the Teatro dell'Opera in Rome.


33

Hotel Aqua Via Mazzini 11, Abano Terme, Padova Tel. +39 049 8600288 From 46 ÂŁ tax included

Grand entrance to Montirone park

Sculptures ans water features at Abano Terme

Thermal springs and treatments Hotels in Abano Terme offer a range of spa and mud treatments, with their own thermal pools. It's their main attraction for visitors, so when you're choosing a hotel it's worth comparing what facilities and treatments they offer, and reading the reviews of past guests. Around Abano Terme Abano Terme is joined to the neighbouring settlement of Montegrotto Terme, a very similar spa town. Montegrotto has its own shopping streets and railway station, an archaeological zone where Roman Ruins can be viewed from the street, and a butterfly farm/exhibition. Within a reasonable walk of the two towns is the Monastero di San Daniele (open 10.30-12 and 3-5pm, closed Sundays, admission free), a Benedictine monastery on a low hill. Monteortone, with a bride in the doorway

Active visitors can explore the Regional Park of the Colli Euganei (Euganean Hills), the rounded wooded hills which are visible from town. The area is dotted with interesting settlements, gardens and castles, some of which are reachable by public transport. There is also a wine road around the hills, the Strada del Vino dei Colli Euganei. Abano is well-placed for day trips to nearby towns such as Padua and Venice. Although it's not such a good base for city sightseeing as those towns, Abano does have reasonable transport links and the advantages of peace, spas and the hills. Abano Terme transport Abano is just a few miles from Padua and there are frequent buses between the two towns, a 35minute journey. Approximately half of the bus services also stop in Montegrotto Terme. For tourists travelling by rail, the principal station for the area is called Terme Euganee and is located in the centre of Montegrotto Terme (a bus ride from Abano). Direct trains from Venice, Padua, Bologna and other Italian towns stop at Terme Euganee. A few trains also stop at little Abano station which is in the countryside some way from the town centre. A hire-car is helpful if you want to see much of the area and the hills, although many visitors rely on bicycles to get around the town, which has lots of clearly-marked cycle lanes. P.V.

The Hotel Aqua is situated near the centre of Abano Terme, just a few steps from the lively pedestrian area and the most elegant shopping streets. Guests will appreciate the hotel's warm and cosy atmosphere, its spacious and modernly furnished rooms topped by high standard service. Moreover, the hotel is home to an exclusive Spa & Wellness centre featuring large mineral pools, relaxation areas, sauna, Turkish bath and a wide selection of body treatments and massages. A swimming pool and a gym are also at guests' disposal. Because of the excellent location the hotel is also a convenient starting point for excursions to Padua, Venice, Verona, Lake Garda and the Dolomites.

Interior

Restaurant—Dining Room


34

How much do you know about Italy and famous Italians? Find out by reading this selection of articles from various encyclopedias, then test your knowledge by answering the question in the green box. Amalfi (pop. 6,052), a picturesque Italian town on a headland, overlooks the Gulf of Salerno. A cathedral dating from 1204 and an old Capuchin monastery, now used as a hotel, are the chief points of interest. Amalfi's main industries include fishing and the making of macaroni. Many tourists enjoy the city's magnificent views of the sea. Amalfi was a leading commercial and naval power in the Middle Ages. Ambrose, Saint (340?-397), was a bishop of Milan and one of the most influential persons of his time. As bishop, he acted as an adviser for three Roman emperors and defended the freedom of the church from government interference. Ambrose preached widely. He also wrote essays promoting Christian ethics and upholding the ideal of virginity. In Concerning Faith (377), Ambrose defended the belief in the divinity of Jesus Christ against the ideas of the Arians, who believed only God the Father was completely divine. Ambrose also helped defeat an attempt to regain government approval of the ancient Roman religion. Historians believe that Ambrose popularized the practice of singing hymns in church. His sermons and piety inspired Saint Augustine to convert to Christianity. Ambrose baptized Augustine in 387. Ambrose was born in what is now Trier, in western Germany. He pursued a career as a lawyer and provincial governor until the people of Milan chose him as bishop in 374. His feast day is December 7. Andreotti, Giulio (1919 -...) was prime minister of Italy seven times between 1972 and 1992. Giulio Andreotti was born on Jan. 14, 1919 in Rome. He took a law degree at Rome University in 1941 and in 1946 was elected to the Constituent Assembly, which drafted Italy's first republican constitution. In 1948, he was elected to the new National Assembly as a Christian Democrat. The Christian Democratic Party, founded in 1942, was a centre-right party supported by the Roman Catholic church. From 1947 to 1972, Andreotti held a number of ministerial posts, including responsibility for finance, treasury, and defence. He served as prime minister in various coalition governments from 1972 to 1973, and again from 1976 to 1979. For six years beginning in 1983 he served as foreign minister before returning to power as prime minister from 1989 to 1992. In May 1993, Andreotti was charged with having alleged links with the Mafia. He was also charged with involvement in the murder of a journalist in 1979.

1. The photo on the left shows a view of the beautiful Amalfi Coast. But where exactly is Amalfi? a. In Sicily b. Near Venice c. 50 miles south of Naples WIN AN ITALIAN BOOK IF YOU CAN ANSWER THIS QUESTION Which famous Italian architect is the author of the faรงade of Santa Maria Novella in Florence? 2. Which Italian politician was three times Prime Minister between 1972 and 1992? A) B) C)

G. Andreotti A. Fanfani E. Berlinguer


35

The ins and outs, the tricks, the idomatic phrases and all you thought you knew about the Italian Language Agente (m). Depending on the context, he might be any sort of agent, but as like as not he will be a policeman (agente di pubblica sicurezza). agnolotti (m pl). A sort of 'ravioli', eaten at all times of the year but traditionally one of the main items in the Christmas dinner. allenare. Both this verb and addestrare mean “to train” but there is a difference. Allenare indicates personal striving especially for sport (and “the trainer” is l’allenatore) Allenamento is training in the sense of going for a run or practising football, and so on, while addestramento is the training a soldier has in drill, or a worker has for his job, etc. allora You know that this means “then”, as opposed to “now” which is adesso. Apart from this time meaning, allora is used, and used again and again, more or less in the same way as dunque, meaning “wells” or perhaps more with the Idea of “well, then”. There are countless situations where this word can be used. A lady goes into a shop where she has already left an order. Looking at the assistant she says: Allora, è tutto pronto? On a crowded bus, a young lady is standing beside a young man, whose hand inadvertently touches hers on the rail they are both holding for support. Suspecting that the poor chap is getting a bit fresh, the young lady fixes him with a glare and exclaims: Allora? 'Well, what d'you think you're up to? Another example: the teacher has set an exercise, and gives the class a certain time to do it in. When the time is up, he says: Allora, non scrivete più, 'Now then, don't write any more'. Just one more: some friends have had a bit of a discussion about where to go that evening. After examining each other's suggestions, they say: Allora, dove andiamo? 'Well now, where are we going?' Allora, ha capito? alpinismo (m). Not just climbing the Alps, but any mountains i.e 'mountaineering'. The climber concerned is an alpinista. altezza (f). This is the ordinary word for “Height” e.g. the height of a person, and also a common word for “depth” (of water). Strangely enough, it is also sometimes “width”, as in speaking of a material. Figuratively, it can mean “loftiness”, while capitalized it means 'Highness' (Sua Altezza Reale is “His Royal Highness”). A common expression is all'altezza di... as in: Lui abita in via Buozzi all'altezza del Cinema Royal' “He lives in Via Buozzi near the Royal cinema” It may be variously 'at' 'opposite', 'by', 'outside' or 'in front of' (or, if at sea, 'off'). Lastly, note the use of the expression non essere all’ altezza di “not to be up to something, not to be capable of doing something”. amabile Of wine, this means 'sweet' or 'sweetish anagrafe (f). L' Ufficio dell'Anagrafe, or simply l'Anagrafe, is where you have to go to register births, deaths, marriages, residence and so on. The Registry Office, in other words. ancòra Here I am referring to the word with the stress on the middle syllable, and not to the noun of the same spelling which takes the accent on the first syllable (i.e. l'àncora, 'the anchor'). You will probably be aware of the different meanings of the word. Firstly, we have 'yet' and 'still'. Non sono ancora arrivati means 'They aren't here yet'. Mio fratello era ancora in casa quando sono uscito is “My brother was still at home when I left”. Secondly, ancora can mean “even” in the sense of “still” together with a comparative. “And her sister is even prettier” would be, for example, E sua sorella é ancora più carina. Ancora meglio or meglio ancora is “even better”. Thirdly, we have the idea of “more”. Ne vuoi ancora? “Would you like some more?' Ancora due, per favore is “Two more, please”. Ancora un po' means “Just a little more”. And fourthly, there is the idea of repetition, of “again”. For instance, L'ho vista ancora una volta ieri means “I saw him (once) again yesterday”.


36

BACI PERUGINA Hi. I was wondering if you or anyone knew where to get Baci Perugina chocolates here in the Uk? I always buy loads in Italy and I once found some on one rare occasion in the Poundshop in Brighton! They are my favourite and better than Ferrero Rocher!! Thanks. Julie Dartnell

Raccolgo volentieri questo appello che sottoscrivo in pieno. Era una realtà che non conoscevo e che mi indigna come cittadino italiano ed europeo. Mi rivolgo anch’io alle rappresentanze diplomatiche degli italiani nel mondo affinché mettano fine a questa inciviltà. Raccolta fondi Pro Angelo Falcone Chi desidera contribuire, ecco il numero di C/C Postale su cui far pervenire le somme che ognuno potrà devolvere alla causa di Angelo: C/C Postale nr. 94590023 Ufficio Postale Rotondella (MT), intestato a Falcone Giovanni "Pro Angelo" IBAN: IT 67 V 07601 16100 000094590023. Per saperne di più: http://giovanni.falcone@libero.it Grazie

BRIGHTON: Istruzioni per l’uso & Manuale di sopravvivenza

Have you tried “The Italian Shop” in the High Street in Lewes?

C

aro Direttore, Vorrei sottoporre alla sua attenzione il dramma di decine di italiani detenuti nelle carceri di tutto il mondo, affinché lei ne parli con i suoi lettori. A denunciare soprusi e misfatti è l’Onu, nel rapporto presentato da Manfred Nowak, inviato speciale delle Nazioni Unite contro la tortura, al termine del suo mandato durato 6 anni. Sono stati calpestati i diritti umani di decine di detenuti. Sono oltre 3 anni che grido questo. Non è immune da questa vergogna neanche la civile Europa dove tante sono le violazioni denunciate. Esempio l'assassinio ultimo di Danieli Franceschi in Francia. Ai nostri connazionali detenuti è vietato di tutto, anche di poter comunicare con la famiglia. Gli appelli, le denunce inviati a tutti gli organismi e autorità parlamentari, ONU compresa, non hanno avuto nessuna risposta se non dal Ministro Frattini. Mio figlio, Angelo Falcone, è rinchiuso nelle carceri di Nadir, in India,accusato di spaccio di stupefacenti e sono due anni che non riesco a parlare con lui. Queste sono le vergogne e le umiliazioni che ci tocca patire. PERCHE’ MAI PIU’ CITTADINI ITALIANI, ESSERI UMANI DEBBANO MARCIRE E MORIRE NELLE CARCERI DEL MONDO, siano essi colpevoli o innocenti. La Costituzione Italiana e i Diritti Umani e Civili valgono per tutti, ovunque e comunque. Angelo Falcone

Giovanni Falcone

Ciao a tutti ragazzi, sono da più di una mese a Brighton, sto studiando ma non riesco a trovare lavoro! Ho cercato sui giornali e ho dato in giro un po’ di CV. Qualche consiglio?? Grazie! Tommaso

C

iao Tommaso, Come sai il momento non è dei migliori, per trovare lavoro. Al contrario di quel che si pensa, non è affatto facile trovare lavoro a Brighton. Innanzitutto, devo chiederti due cose importanti: 1. Hai il N.I. ? Il National Insurance Number? Senza di quello non vai da nessuna parte e non ti assume nessuno. Per ottenerlo vai al Job Centre in Edward Street e iscriviti. Ma, da quel che ne so, devi prima trovare un lavoretto e cominciare a pagare qualche settimana di contributi prima che te lo assegnino. Senza il National Insurance Number non hai neppure diritto al sussidio di disoccupazione (Job Seekers Allowance) o all’Housing Benefit. Quando ho lasciato l’Italia nel lontano 1977 ho trovato subito lavoro in Inghilterra grazie all'appoggio di uno chef italiano che lavorava a Gatwick, figlio di una anziana signora italiana che abitava nel mio palazzo e che era molto amica di mia madre. Conosci qualcuno? Immagino di no. MAI LASCIARE IL PROPRIO PAESE SE PRIMA NON HAI UNO SPONSOR, ovvero qualcuno che conosce il posto, che ti dà una dritta o ti tira fuori dai guai, se necessario! Anche a questo servivano le associazioni… oggi praticamente scomparse…. altro che Facebook! 2. Sai l'Inglese? A occhio, se non hai almeno il First Certificate significa che il tuo inglese non è sufficiente per trovare un lavoro decente, ovvero che paghi quanto basta per sostenere le spese di bollette e affitti che a Brighton che sono altissimi.


37 3. Sotto Natale, il Post Office vicino alla stazione assume stagionali. Prova lì, ma temo sia già un po' tardi. 4. Girati tutti i ristoranti e gli alberghi italiani e non del centro. Magari trovi a lavare i piatti. L'abbiamo fatto tutti ! Si chiama gavetta! 5. Fai un giretto al Job Centre dell'aeroporto Gatwick, o vai sul sito Direct Gov. Una volta c'era sempre un sacco di lavoro in quella zona (Crawley, Horley, East Grinstead); oggi, con la crisi, molto di meno. Ci sono un sacco di italiani lì. Una volta ci si aiutava tutti a vicenda, tra italiani, e c'era uno spirito di solidarietà. Io ho trovato quattro lavori così. Adesso c'è solo Facebook ! .. se ti va bene. Facebook è più impersonale, ma è comunque un mezzo utile per conoscere gente e chiedere consigli. 6. Prova American Express (Edward Street): una volta assumevano un sacco di italiani al Travellers Cheques Refund Dept. e all’Italian Customer Service. Mia moglie ci ha lavorato un anno e mezzo e non sapeva una mazza di inglese. Oggi questo non sarebbe possibile. Ho sentito dire che stanno ampliando la sede di Edward Street. Questo è un buon segno. 7. Rivolgiti alle agenzie di lavoro interinale. Ce ne sono un bel po’ in centro. Tutte in crisi e inaffidabili. Manpower, Select, Reed… Mia moglie ha avuto un contratto con Manpower per un anno prima di essere assunta a tempo indeterminato. Altri tempi! Se ti va bene, ti chiameranno ogni tanto per andare a fare il cameriere o il lavapiatti qua e là, per un giorno o due, con salari da fame. Anche con la Minimum Wage (il salario minimo per legge che è di circa 6 sterline o poco più all’ora) ci smeni un sacco di grano per i trasporti che sono carissimi.

8. Ci sono anche le fabbriche nelle zone industriali (industrial estates). Prova Hollingbury e Bevendean, per esempio. Chiedi al Job Centre: ci sono sempre i posti (vacancies) di lavoro esposti, o accessibili via internet tramite i terminali sul posto che sono a disposizione di chiunque. In Italia

ce li sogniamo posti così. I nostri uffici di collocamento sono penosi! 9. Ricordati che sempre presso il Job Centre puoi anche richiedere il servizio di un consulente. Ma ci vuole l’inglese!!! Trovati un’inglesina che ti fa da interprete!! .. e ti sostiene nei momenti difficili!! Non so se mi spiego! La mamma della mia ragazza — parlo di un po’ di anni fa ma, almeno in questo, il mondo del lavoro non è cambiato — mi ha aiutato a trovare lavoro nel Post Office. 10. Ci sono sempre molti posti disponibili per Traffic Wardens, ovvero quelli che vanno in giro a fare le multe per i divieti di parcheggio. Sono odiatissimi e efferatissimi (lavorano su commissione, che vergogna!) ma almeno metti un piatto a tavola. Io ho fatto anche questo di lavoro!! Bisogna sapere l’inglese, ovviamente, ed essere in buona salute. 11. Su internet ci sono una cinquantina di agenzie. Inserisci “Italiano” e “Brighton” nel motore di ricerca e vedi un po’ quel che salta fuori. In genere, sono tutti lavori di tipo commerciale (vendita) oppure di “accounting” contabilità, ad alto livello. Ma a volte capitano lavori in call centres. Ma, anche qui in Inghilterra, li stanno smantellando tutti per spostare gli uffici in India, per ovvie ragioni di profitto. Che tristezza! Mi pare che la Kimberley di Brighton abbia un reparto di lavoratori italiani nel call centre. Li trovi su internet. Esportano accessori per bagno in tutto il mondo. 12. Prova i supermercati. Io una volta ho lavorato a Tesco per sei mesi. Orari brutti, salari bassi, uniformi dai colori rivoltanti, stress e gran rottura di scatole (la continua musicaccia di sottofondo che metterebbe a dura

prova le capacità di sopportazione di chiunque! ). Prova l’Asda che ha due supermercati a Brighton e ho sentito dire che creerà fino a 3000 nuovi posti di lavoro entro il prossimo anno. L’atmosfera non è male: è gestito all’americana, con tutti i pro e i contro. 13. Compra l’Argus il Giovedì (ampia sezione nella parte centrale dedicata al job market) e il Friday Ad, il Venerdì appunto. 14. Le case di cura (Annunci al Job Centre o su Friday Ad): ci sono sempre tanti lavori, perché aiutare gli anziani è un lavoro duro, difficile, pagato poco e con orari disagevoli. In più, devi avere la macchina! A proposito di macchina. Compratene una usata, se te lo puoi permettere, anche scassatissima. Ti sarà di grande aiuto per gli spostamenti nei primi mesi. Poi, quando troverai un lavoro decente, te ne potrai comprare una migliore. Se te la porti dall’Italia, meglio ancora. Non devi pagare tasse e bollo per un anno. E se ti fanno una multa, in genere, la passi liscia. Basta che non abusi della provvidenza divina. A proposito di provvidenza, un cero alla Madonna può essere d’aiuto. No, non scherzo: se sei credente e vai nelle chiese cattoliche trovi sempre un sant’uomo o donna italiano/a che ti dà una mano. Prodigi della fede! Io ne conosco una, la Chiesa di San Giuseppe in Elm street, la strada che dal Level porta su fino all’Ospedale e al Racecourse, l’ippodromo. Un salitone della Madonna! Anche per questo accendi un cero. Da’ retta a chi c’è passato prima di te! E la Madonna sia con te … Failing that ….Stattene a lu paese, che la mamma un piatto di minestra e un tetto non te lo nega mai! Qui, come altrove, più che altrove, è la giungla, dove sopravvive il più forte. Però alla fine, giungla per giungla, meglio qui in Inghilterra dove, in genere, sei trattato un po’ meglio e, se ci sai fare e sei meritevole, hai più opportunità di successo nella vita. E poi, qui non c’è Berlusconi. Hai detto niente?!

Ernesto Granese


38

Brighton Jazz Club operates every Friday throughout the year at the Komedia Studio Bar, Brighton. We promote top British and international jazz artists at affordable prices in a very relaxed, intimate environment.

19 November: Frank Giasullo & Art Themen Quarter The Frank Giasullo / Art Themen Quartet, a US/UK jazz collaboration, consisting of New York based composer/pianist Frank Giasullo and drummer Pat Tamminen together with UK jazz greats Art Themen (tenor/saprano sax) and David Green (bass), kicked off their first tour in London this November. The Quartet's remarkable blend of original material, jazz standards and signature soloing abilities create a seductive sound unique on the contemporary jazz scene.


39

FISH AND CHIPS

Pizza was "invented" in Naples around 1860s Pizza is one of the very few words which is understood all over the world

An Italian businessman on his deathbed called his good friend and said, "Luigi, I want you to promise me that when I die you will have my remains cremated." "And what," his friend asked, "do you want me to do with your ashes?" The businessman said, "Just put them in an envelope and mail them to the Inland Revenue...and write on the envelope, 'Now you have everything.” Heaven & Hell HEAVEN is where: The police are British The chefs are Italian The mechanics are German The lovers are French and it's all organised by the Swiss HELL is where: The police are German The chefs are British The mechanics are French The lovers are Swiss and it's all organised by the Italians!! How to Impress an Italian Lady: Wine her, dine her, hug her, support her, compliment her, suprise her, smile at her, hold her, romance her, laugh with her, shop with her, cuddle her, go to the end of the earth for her...

Almost 20% of Italy's population is over 65 years old.

I

taly borders Austria, France, Vatican City, San Marino, Slovenia, and Switzerland. Its longest border is with Switzerland.

The average Italian family has 1.27 children.

The Italian flag is inspired by the French flag introduced during Napoleon's 1797 invasion of the peninsula.

Italy's unemployment rate is around 8.6%, but it is as high as 20% in the more impoverished south.

T

he name of Electricity measurement Volt comes from Alessandro Volta who invented the first battery in 1779

T

he average life expectancy at birth for an Italian is 79.54 years.

N

on so voi, ma di tutte le istituzioni britanniche che resistono al tempo, tra i tanti stereotipi più o meno credibili sugli inglesi che, come quelli sugli italiani, abbondano, quello che meglio rappresenta l’Homo Britannicus, sia pure quello delle classi meno agiate (ma neanche il Lord più compassato lo disdegna) è il pesce con le patate fritte. Ancora oggi, per gli inglesi è tradizione il venerdì sera il take away: indiano, cinese, italiano o quant’altro. Ma mentre è spesso lecito diffidare di quanto viene spacciato per cinese, indiano o italiano e spesso non lo è affatto, il pesce fritto è una prerogativa degli inglesi, perché nessuno lo sa cucinare meglio di loro. Grazie alla vicinanza del mare, il pesce, il merluzzo (cod) e la platessa (plaice) pescati nel canale della Manica o nei Mari del Nord, è sempre fresco e gustoso. Croccante fuori, bianco e tenero dentro, il Fish ‘n Chips del Sussex poi è inimitabile. Quello nostrano, mediterraneo, ha un sapore diverso. Secondo me, non è altrettanto buono. Anche la lavorazione è particolare: il batter, la pastella di acqua, sale e farina che lo ricopre, è di rigore, così come la cottura nell’olio di arachidi è la migliore (non nel lardo, come alcuni lo preferiscono). Il pesce migliore è in vendita nei porti di Peachaven e di Newhaven, a 20 km da Brighton, dove arriva fresco di giornata e viene fritto davanti al cliente. L’odore di pesce è invitante, quello delle patatine, rigorosamente Mary Piper, lo è ancora di più, specie se l’olio viene cambiato spesso, come è di norma nel Chippy che si rispetti. Va da sé che il F&C dei supermercati è immangiabile. E anche se i prezzi del pesce sono triplicati negli ultimi 10 anni, a causa della pesca selvaggia praticata dai pescherecci francesi e inglesi, il Fish and Chips rimane un piatto sano e gustoso di tutto rispetto… da mangiare senza aggiunta di aceto e ketchup, caldo e fumante, .. e con le mani, mi raccomando, accartocciato come la nostra pizza! Al diavolo il bon ton! E. Granese

The famous children's story, Pinocchio , was written by an Italian (Carlo Collodi)


40

L'AIS (Associazione Italiani del Sussex) è un’associazione non a fini di lucro nata nell’Ottobre del ‘96 dall'incontro di un gruppo di italiani residenti nel Sussex e di alcuni amici inglesi. LE NOSTRE ATTIVITÀ * Incontri mensili (proiezione di diapositive, gruppi di discussione, giochi, piccole feste, qualche gita) * Assistenza a italiani nel disbrigo di pratiche (benefits inglesi, pensioni, domande varie) e nella ricerca di occupazione nella nostra regione * Assistenza a cittadini inglesi amici dell’Italia nella ricerca di impiego in Italia (traduzioni, redazione di Cvs ed elenchi di indirizzi utili) * Newsletter informativa in Italiano e in Inglese I NOSTRI OBIETTIVI * Sviluppare rapporti con associazioni affini alla nostra e con altre comunità presenti sul territorio * Organizzare incontri informativi su importanti questioni relative alla comunità italiana della nostra regione e, più in generale, agli italiani all’estero * Stabilire buoni rapporti con le istituzioni italiane (Consolato, Comites, CGIE, Patronati, e le altre associazioni italiane presenti in Gran Bretagna) per migliorare i servizi di assistenza a giovani, anziani e famiglie * Dar vita a corsi di italiano a beneficio dei figli degli italiani residenti nel Sussex * Organizzare iniziative benefiche per raccogliere fondi da destinare al consolidamento della nostra associazione e a sostenere le attività a favore della comunità italiana del Sussex * Promuovere processi di riforma che vanno nella direzione di migliorare le condizioni di vita degli italiani che vivono all’estero, in particolare, quelle della comunità italiana residente nella nostra regione. QUALI SONO I VALORI CHE CI ISPIRANO L’Associazione Italiani nel Sussex è un’associazione laica e democratica. E' aperta a tutti, a qualsiasi credo politico o religioso appartengano, e non sposa alcune fede religiosa o politica.


41

Ambasciata e Consolati Italiani LONDRA - Ambasciata d'Italia Amb. Giancarlo Aragona 14 Three Kings Yard London W1K 4EH Tel: 020 7312 2200 Fax: 020 7312 2230 ambasciata.londra@esteri.it www.amblondra.esteri.it LONDRA - Consolato Generale Cons. Gen. Uberto Vanni d'Archirafi 38 Eaton Place London SW1X 8AN Tel: 020 7235 9371 Fax: 020 7823 1609 consolato.londra@esteri.it www.conslondra.esteri.it Enti Italiani ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA Direttore: Carlo Presenti 39 Belgrave Square London SW1X 8NX Tel. 020 7235 1461 Fax: 020 7235 4618 icilondon@esteri.it www.icilondon.esteri.it E.N.I.T- ITALIAN STATE TOURIST BOARD Direttore: Valerio Scoyni 1 Princes Street London W1B 2AY Tel: 020 7408 1254 Fax: 020 7399 3567

CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA Presidente: Leonardo Simonelli 1 Princes Street London W1B 2AY Tel: 020 7495 8191 Fax: 020 7495 8194 info@italchamind.org.uk www.italchamind.co.uk

SITI INTERNET Italians in Brighton (Facebook) Italiani a Brighton (Facebook) www.italiansinbrighton.weebly.com www.thisislondon.co.uk www.allaboutitaly.com ASSOCIAZIONI Italians in Sussex Association (Associazione Italiani del Sussex&Friends of Italy) Tel. 01273.476060 Business Club Italia - www. businessclubitalia.org Club di Londra - http://members. fortunecity. com/clubdilondra/Italians of London www.italiansoflondon.com CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GRAN BRETAGNA Presidente: Dr.L. Simonelli 1, Princes Street, Tel. 020 7495 8191 London W1R 8AY ITALIAN TRADE CENTRE – LONDRA Ufficio di Londra dell’Istituto Nazionale Commercio Estero, ICE Direttore: Dott. Cesare Gentile 37, Sackville Street, Tel. 020 7734 2412/8 COMPAGNIA ITALIANA TURISMO (C.I.T.), LONDRA Direttore; Mr Camillo De Simone Sede e Agenzia: Marco Polo House 3/5, Landsdown Road, Tel. 020 8686 0677 Croydon CR9 1LL ENTE NAZIONALE ITALIANO TURISMO (E.N.I.T.) –LONDRA Direttore: Dr Pio Trippa 1, Princes Street, Tel. 020 7408 1524 London W1R 8AY italy@italiantouristboard.co.uk www.enit.it

Istituti di Credito Italiani BANCA D’ITALIA 39 King’s Street London EC2V 8JJ Tel. 020 7606 4201 www.bancaditalia.it

COMITES Presidente: Cav. Teodoro di Nardo 54 Wilton Road London SW1 1DE Tel. 020 76309154

THE BRITISH ITALIAN SOCIETY President: Sir Paul Girolami 21-22, Grosvenor Street, London W1X 9FE Tel. E Fax: 020 7495 5536 Website: www.british-italian.org Email: Inforitish-italian.org SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI IN INGHILTERRA Presidente: Pietro Pifinelli 89, Leng Gressent, Eaton – Norwich NR4 7N2 Tel. 0116 279 6068 SCUOLA ITALIANA A LONDRA 164, Holland Park Av Tel 020 76035353 OSTELLI ED ASSISTENZA PER I GIOVANI CASA DELLO STUDENTE (PER RAGAZZE) 174, Clapham Road, London SW9 0LA Tel. 020 7735 3058 CASA DELLA STUDENTE Capitanio Sisters Nile Lodge, Queen’s Walk London W5 1TJ CLUB SOCIALE S.PIETRO 136, Clerkenwell Road, London EC1 Tel. 020 7837 3476 CENTRO GIOVANILE ITALIANO 24, Great Chapel Street Tel. 020 7734 2156 London W1V 3AF 0207439 0116 VERONA SISTERS’ HOTEL 2, Chiswick Lane, London, W4 SCUOLA RESIDENZIALE Sisters of St. Marcellina 6, Ellerdale Road, London NW3 Tel. 0207435 0181 CHIESA ITALIANA St. Peter’s Italian Church 4, Back Hill, Clerkenwell Road, London EC1M 6AL Padri Pallottini Tel. 020 7837 1528


42

Editorial offices: 23 Evelyn Road, Lewes, BN7 2SS — tel: (01273) 476060 Mob. 07791072611. EMail: ernestogranese@talktalk.net

* Vendo libri italiani in buono stato: letteratura, politica, saggistica, ecc. 50p — £ 1.00 * Cerco amici con cui organizzare serate per giocare a Briscola, Briscola Chiamata, Scala e Scopa. Scrivere o telefonare a “Britalians”. * Cercasi musicisti e cantanti, 30+ amanti della musica italiana vecchia e nuova! * Cerco amici con cui giocare a calcetto (Bigliardino, tablefootball). * Hi, I am a 12 years old girl from Lewes. I am looking for Italian penpals of about my age. I love music, reading, and travelling. * Vendo Computer Time XP, in discrete condizioni, hard disk 80gb, completo di monitor a schermo piatto di 17 in. Non ha cd-rom o dvd-rom. £ 50 tutto * Vendo calcetto per bambini £ 15 * Vendo dischi lps anni 60-70, italiani, pop, rock, jazz. 50 p l’uno.

¼ of a page ½ page 1 whole page

FOR MORE DETAILS ABOUT THESE ADS PLEASE CALL 01273.476060

Page 2 £ 200 On the last page £ 250

Editor: Ernesto Granese Contributors: Pierluigi Canale, Julie-Anne Kench, Aldo Mazzocco, Paolo Magugliani, Paolo Vecchiettini, Jonathan Dartnell, Claudia Mancini Advertising rates:

£ 50 £ 85 £ 140

Discounts are available for regular advertisers: 30% for one year, 20% for six months. BUROCRAZIA ITALIANA Un pensionato tende all’impiegato del Comune il modulo che ha appena terminato di compilare. - Così non va - gli fa notare quello. — Ha dimenticato il puntino sulla «i»! Per cortesia, può aggiungerlo lei? - azzarda il vecchio pensionato. - Eh no! - ribatte l’impiegato pignolo. - Dev’essere nella stessa calligrafia. *** tende = hands over impiegato = clerk Comune = council Compilare= fill in Così non va = that won’t do Azzarda = dares Pignolo = fussy Ieri il mio amico ha cenato in un ristorante. Gli hanno servito una bistecca irlandese, ma lui l’ha rifiutata perché NON MASTICA L’INGLESE! masticare = to chew but also to have a smattering of -usually- a foreign language)

Printed at “La Terra Promessa”, Novara, Italy Subscription Rates (for one year) are as follows: £ 30.00 (Ordinario) £ 50.00 (Sostenitore) £ 100.00 (“Fedelissimi”) For free ads and letters please contact (01273) 476060 or write to the address above.

BRITALIANS  

The Magazine for Italians in the UK and Friends of Italy (Brighton Edition) Il Mensile degli Italiani nel Regno Unito (Edizione di Brighton...

BRITALIANS  

The Magazine for Italians in the UK and Friends of Italy (Brighton Edition) Il Mensile degli Italiani nel Regno Unito (Edizione di Brighton...

Advertisement