Page 1


Era uno di quei giorni di Marzo in cui il sole splende caldo ed il vento soffia freddo: quando è estate nella luce e inverno nell’ombra. (Charles Dickens)

27 2007

giugno

BRESCIA

www.bresciaup.it 1


Gli onorevoli costretti a pagare

MANUELA PRESTINI

PRIMA LA CONSUMAZIONE

G

li onorevoli non pagano la buvette, e la maggior parte di loro non ha intenzione di farlo. Non è una novità, anche perché se ne parla da anni, ma ora l'azienda che gestisce i locali di ristorazione a Montecitorio ha intenzione di usare il pugno di ferro, alla luce di un bilancio in negativo.

Ed era pure ora!!!! Gli incassi della Compass Group, infatti, lo scorso anno sono stati inferiori del 30% rispetto a quanto stimato e ci sarebbe un buco di almeno 100 mila euro, mi viene da sperare non ce lo facciano pagare a noi poveri cristi!! per cui l'azienda ha deciso di obbligare i deputati a presentare lo scontrino fiscale prima di consumare i pasti, nonostante un cartello che invita a pagare prima di mangiare sia presente sul banco dal 2006, cosa alquanto grave visto che tutta sta gente di certo non ha bisogno di occhiali, e ben venga non vorrei che pure di questi dovessimo farcene carico, con qualche manovra strana con delibere assurde, cosa alle quali siamo abituati. Il vizio di non pagare, neanche a prezzi estremamente ridotti è evidentemente troppo forte nei nostri parlamentari. Negli ultimi anni si era diffusa l'abitudine a pagare un semplice rimborso forfettario a scelta, con pagamenti ridotti anche per luculliani banchetti. La nuova decisione dell'azienda che gestisce la buvette non è andata giù a molti onorevoli ,c’è chi è rimasto decisamente sorpreso, uno addirittura, il più infuriato di tutti asseriva che è una follia e che parlerà con i questori, esclamando e inveendo contro il “signor Compass” colpevole di avergli veramente rotto i c.....i, non capendo poi come fare quando c'è fila alla cassa. Un consiglio... semplicemente abbassi le arie e te ne stai buono buonino in attesa del tuo turno, dato che, perdonatemi signori Onorevoli, noi comuni cittadini la fila se c’è, la facciamo sempre perché è naturale fare lo scontrino, tanto più che siete proprio voi che lo imponete,

prima della consumazione al bar, in autogrill e da tutte le parti dove per un motivo o per l’altro c’è da farlo o comunque aspettare. Ma i furbetti, ce li troviamo dappertutto, sono sui mezzi pubblici, al casello dell’autostrada ad esempio con l’automobilista che passa la fila zizzagando tra le auto per arrivare all’uscita, o si accoda ad un'altra auto nella pista del telepass, tra i genitori che non pagano la mensa non perché sono in difficoltà, ma solo per cercare di farla franca (una volta sollecitati, pagano tutto in un’unica soluzione, quindi i soldi li hanno), o andando sul pesante, quelli che per guadagnare facilmente si fingono malati, quelli che fanno timbrare ad altri e se ne vanno invece a fare i fatti loro, quelli che affittano case a prezzi irrisori a parenti quando famiglie hanno affitti alle stelle con entrate da fame, per non parlare di posti di lavoro facili o retribuiti all’inverosimile senza una logica se non quella appunto della furbata o permettetemi della disonestà per non usare un aggettivo troppo fiorito che lascio a voi lettori…e tanti altri 1000, per così dire, di vario genere . Credo che niente provochi più danno del fatto che i furbi di qualunque portata, passino per saggi…per quelli intelligenti che sanno farla franca a dispetto di tutto, perché essere furbi è bello, essere furbi si è bravi, certo ci deve essere una distinzione tra furbate e furbate, senza per questo approvarne alcuna, ma vogliamo mettere quelle dove la povera gente ne paga lo scotto più grande ,dove per colpa di “qualcuno” ,chi ci rimette sono gli onesti, e sono situazioni che restano, a confronto di un sorpasso al casello o alla coda di un bar, dove dopo il nervosismo, si fa passare il momento? Ho il vivo pensiero, che apparterrà pure a chi legge, che il diritto civile di convivenza debba essere uguale per tutti. L’era dei furbi più o meno di grande o piccola entità ,e quindi di tutti, ma soprattutto, non ho paura a dire, dei furbi più disonesti che abbiamo al governo, dovrebbe?… me lo auguro DEVE finire, perché chi ci rimette è sempre l’onesta gente comune, quella abituata a pagare facendo pure la coda….. Un abbraccio

Manuela 2


㌀㈀㜀 㜀㠀㐀㜀㈀㄀㤀        ㌀㌀㠀 㐀㄀㈀㌀㈀㔀㌀ 3 眀 眀 眀 ⸀ 愀 爀 攀 愀 ㈀   ⴀ 瀀 椀 氀 愀 琀 攀 猀 ⸀ 椀 琀


Gola, la passione dell’ingordigia L’ingordigia è un rifiuto emotivo: è il segno che qualcosa ci sta divorando. P.De Vries

Che cos’è ? Il peccato di gola coincide con un desiderio d’appagamento immediato del corpo per mezzo di qualche cosa di materiale che provoca compiacimento. É un’irrefrenabilità, un’incapacità di moderarsi nell’assunzione di cibo o, più in generale, nell’oralità (gli alcoolisti e i fumatori accaniti commettono peccato di gola). Il rapporto col cibo è un problema serio che investe degli aspetti legati all’esistenza. Infatti, siccome il cibo è la prima condizione di esistenza, spetta al cibo e alla gola mettere in scena un tema che non è alimentare, ma profondamente esistenziale, perché va alla radice dell’accettazione o del rifiuto di sé. … e non solo Come dice la saggezza popolare “Uccide più la gola della spada”. Al di là dei disturbi dell’alimentazione più gravi, si assiste spesso ad episodi apparentemente “normali”, dietro ai quali si può intravedere un rapporto col cibo non completamente sereno. Giovani che mettono alla prova se stessi in modo continuo e ripetitivo, controllando con la bilancia la misura delle prestazioni ginniche effettuate e dei risultati raggiunti, hanno un comportamento che poco ha a che fare con la salute del corpo… Anche gli estremisti dell’alimentazione (tipo i vegetariani “puristi” che non mangerebbero un uovo al tegamino neanche sotto tortura) non sono persone che ascoltano il proprio corpo… Il nostro corpo ci comunica ciò di cui abbiamo bisogno volta per volta, senza bisogno di aderire ad alcuna “scuola di pensiero” e senza bisogno di eccessive rinunce… Il problema dei rapporti sociali Questa società attribuisce una grande importanza all’immagine estetica con la quale ognuno si presenta agli altri. Quando quest’immagine non corrisponde ai canoni di bellezza diffusi nella società, l’obesità o l’eccessiva magrezza si trasformano in un modello negativo di personalità e così la persona troppo grassa o troppo magra, che già ha problemi esistenziali, si trova oltretutto privata del conforto e della solidarietà degli altri… C.C

4


5


antonio russo

U

na vecchia barzelletta sui carabinieri chiedeva:

Quanti carabinieri servono per cambiare una lampadina? Risposta: 1000; uno che la tenga ferma e gli altri 999 per girare la stanza… La stessa barzelletta riproposta in chiave psicologica potrebbe recitare così: Quanti psicologi servono per cambiare una lampadina? Risposta: ne basta uno, purché la lampadina voglia farsi cambiare. Il tema del cambiamento personale riveste un'importanza particolare. Come ogni relazione per noi importante con persone significative e come ogni evento della nostra vita in grado di porci davanti a scelte difficili e personali anche la psicologia cambia le persone, aiutandole a maturare e crescere. L' obiettivo primo di ogni persona di buona volontà, in effetti, è proprio quello di portare noi stessi a migliorare il proprio quadro sintomatico, il che comporta nel bene e nel male una ridefinizione della problematica in un contesto di personalità diverso. Per fare questo, quindi, ci si prefigge di renderci più coscienti delle proprie emozioni, pensieri, relazioni e conflitti che sottostanno al disagio vissuto dall'individuo. Le strade per portare a questa nuova situazione per raggiungere quello che in termini tecnici si chiama “insight” da parte della persona (la consapevolezza della situazione letta in una nuova luce) sono molteplici e variano a seconda dell'approccio che desideriamo avere. Usciamo da una logica solo analitica e ci avviciniamo a quelli che sono i bisogni reali dalla maggior parte delle persone nella vita di tutti i giorni, occorre soffermarsi su una capacità che tutti possono imparare ad utilizzare: considerarsi come causa dei comportamenti altrui e non semplicemente vittime. Non si può, in effetti, far cambiare una persona semplicemente dicendole di farlo: è l'esperienza comune (in clinica come nella vita quotidiana) ad insegnarci che questa strategia non funziona. Il cambiamento, infatti, non è generalmente dovuto a un'azione diretta delle persone ma avviene come retroazione a un determinato comportamento. Inoltre, qualora manchi la motivazione a cambiarsi, difficilmente ci saranno le modifiche aspettate che si manterranno nel tempo. Farò un esempio per spiegare meglio il concetto: una moglie si lamenta perché il marito in casa non fa mai nulla mentre lei è sempre occupata dal dovere mettere in ordine la stanza, fare le pulizie, cucinare, stirare, lavare eccetera. Potrebbe, giustamente stufa, mettersi a urlare: “In questa casa tu non fai mai niente, faccio sempre tutto io”, continuando imperterrita a sobbarcarsi sulle

spalle i suoi impegni. Alla luce di quanto detto potremmo ipotizzare che la soluzione migliore per fare cambiare atteggiamento al marito non sia quella di sfogarsi e lasciare tutto com'è ma accompagnare allo sfogo uno sforzo a cambiare lei stessa. “Forse se mio marito non fa nulla è perché io non riesco a invogliarlo a farlo”. Potrebbe lasciare qualcosa da fare anche a lui, farlo sentire utile, affidargli delle responsabilità. Dare fiducia è possibile se si valorizza quel che viene fatto senza troppe critiche perché l'altro non è bravo o rapido come ci aspettiamo da noi stessi, chiedere aiuto anziché pretenderlo ben dispone, ringraziare è importante. Spesso nelle coppie arriva la crisi perchè i ruoli si irrigidiscono, si mettono nell'altro le nostre caratteristiche negative: lui è il fannullone, questo permette a me di fare quella attiva, se non ci fosse lui sarei io la disordinata, rimprovero all'altro i difetti che cerco di combattere dentro di me. Se lei cambia, cede un po' di potere sul suo territorio, anche l'altro può esprimere le sue capacità. E' in questo senso che il cambiamento avviene in relazione agli effetti retroattivi di un altro cambiamento. A determinati atteggiamenti ne rispondono alcuni e al mutare dei primi si modificano anche i secondi. Cambiare gli altri è molto più difficile che cambiare se stessi. Inserendo una persona in un contesto diverso da quello a cui è abituata spesso si assiste al riadattarsi della personalità alla nuova situazione (si pensi a quando siamo in vacanza come cambiano le nostre abitudini ed emozioni). Gli esempi sulla vita di coppia meglio spiegano questa idea: si pensi a una coppia nella quale la moglie si lamenti perché il marito spesso torna a casa tardi la sera poiché si ferma al bar con gli amici. La moglie che si impunta e aggredisce il partner esigendo una situazione diversa non ottiene quasi mai i risultati attesi: almeno in parte siamo noi che costruiamo la nostra realtà. Bisogna anche considerare come il lamentarsi circa determinate situazioni che si dichiarano fastidiose possa talvolta essere inconsciamente un fattore di comodo (vantaggio secondario del comportamento). Dire che non si sopporta più una situazione e di volerla cambiare, per poi comportarsi affinché questa resti tale capita perché un ambiente per quanto scomodo può fornire alle persone motivo di alibi . Dire che il proprio partner in casa è un fannullone può essere addotto, ad esempio, come motivo per il quale la moglie debba rinunciare a relazioni sociali per affrontare le quali non si sente pronta, perché spaventata e intimorita dal doversi aprire verso gli altri. In conclusione mi sembra che volere a tutti i costi cambiare l'altro sia una sottile forma di dipendenza. Impuntarsi 6

Antonio Russo


7


pag.28

Brescia: nasce il primo club italiano di moto “special” affiliato fmi

pag.38

#milanfashionweek2016 Alberto zambelli backstage & fashion show

pag.66

#ginvera international motorshow 2016

pag.68

#ginevra presenta la 34^ edizione della mille miglia 2016

pag.20

il gusto fascino di vino

pag.42

AUTOSPAZIO PRESENTA NEW MEGANE

pag.44

NEW LOCATION FOR REVOLUTION STORE

pag.46

SESTINO BEACH, NEW SEASON 2016

pag.48

CHARLIE GNOCCHI A ISORRENTINO

pag.50

fresco locanda e pizza RIDI DI GUSTO CON EUGENIO CHIOCCHI

pag.52

QUESTIONE DI GUSTO Food store

pag.54

inaugurazione sgn style malcesine

pag.56

rossocorsa presenta ferrari gtc4lusso

pag.58

#MOCKTAILPARTYWHYNOT pag.62

pag.60

jerry calà al blue jeans

rossocorsa presenta maserati levante


pag.32

questione previdenziale studio cappiello

pag.34

l’antico egitto, edward richard battisti

pag.36

shareholder loans studio lumini

pag.76

essere & benessere diego baiano

pag.78

IL DJ DEL MESE, luca facchini lorenzo tiezzi

pag.81

intervistando nr rain nessun colore è proibito

pag.82

Le mie T-SHIRT melly fashion voyager

pag.85

stufe del solito color bianco consigli da matrimonio

pag.86

postazione make up fai da te, istruzioni meddy meddy

pag.88

La salopette smart diamond

pag.90

ricetta dello chef marco scaglione

a proposito di celiachia

pag.92 Modelli del pag 94 tiziano zini greta rey

mese


DIRETTORE RESPONSABILE Renata Sortino (Info@bresciaup.it)

CAPOREDATTORE Manuela Prestini (info@duesseadv.it)

REDAZIONE E UFFICIO STAMPA Antonio Russo (Info@bresciaup.it)

CREATIVE / ART DIRECTOR Federica Cocco

DIRETTORE EDITORIALE Emanuele Zarcone

INTERNET IN LUTTO... MUORE IL PADRE DELLA POSTA ELETTRONICA. “Guardai sulla tastiera e pensai: “Cosa posso scegliere qui, che non venga confuso col nome utente?”... Così nacque la chiocciola negli indirizzi mail. Il 07 Marzo ci lascia uno dei geni del XX secolo che hanno per sempre stravolto il sistema della comunicazione odierna ovvero l’invenzione della posta elettronica. Grazie all’ invenzione di Raymond Tomlinson oggi è possibile essere sempre connessi in tempi rapidissimi in ogni parte del mondo.

GRAPHIC DESIGNERS Mukanoheri Carla Cò Riccardo De Fato (ufficiografico@bresciaup.it)

MARKETING Emanuele zarcone (info@bresciaup.it)

STAMPA Staged Srl

PHOTOGRAPHERS Selene Z. Studio Up Sidass Patrick Merighi Franco Lucini Filippo Venezia

COLLABORATORI Chicca Baroni Edward Battisti, Alberto Bonera, Mauro Bonometti, Roberto Cappiello, Rossano Caffi, Anthony Le, Emanuele Lumini, Elisa Lubrani Simone Mor, Melly Attilio Tantini, Emanuele Zarcone

REDAZIONE

Tel. 339.6836770

ABBONAMENTI

E-mail: info@bresciaup.it www.bresciaup.it

* BresciaUp è un periodico di informazione locale. iscrizione presso il tribunale di brescia n°37/2007 dell’8 settembre 2007

La sua invenzione dei messaggi online, che qualcuno ancor oggi chiama “posta elettronica” , risale al 1971 ma per la stragrande maggioranza di noi la scoperta dell’email è ben più tardiva, addirittura un quarto di secolo dopo. Si dice che la prima email che lo stesso inventore inviò in segreto provenisse dalla rete militare presso cui lavorava, poco dopo diede vita ad un’ulteriore idea geniale ovvero il simbolo della chiocciola (@) in questo modo il messaggio poteva essere trasferito al destinatario prescelto in modo veloce e sicuro. Raymond Tomlinson, nonostante i suoi 74 anni ci ha lasciato un ricordo che resterà per sempre giovane, lo ricorderemo ogni volta che invieremo un’email o quando scriveremo semplicemente @. RIP. Lo staff di BresciaUP


ilBraciere

SpecialitĂ Mediterranee Pesce di mare e Carne alla griglia Cucina Vegana e Senza Glutine

Via Rizzini 38, Cazzago S. M. (BS)

...a 1km dal casello autostradale di Rovato

Tel. 030 7254778 - 030 7751447

www.ristoranteilbraciere.net Chiuso di giovedĂŹ

13

Seguici su:


professore. alberto bonera

è

giunto il tempo di fare i conti e tirare un po’ le somme come si suole fare alla fine di un ciclo o di un’ epoca o di un’ era (scegliete voi). Non si può più tergiversare, né mantenersi nel limbo dell’indifferenza agnostica e del dubbio sistematico, come se non fossimo capaci di ciò che eleva la nostra natura al di sopra di tutti gli altri enti del creato, cioè la capacità di scelta, che è libertà di scelta, la quale ultima presuppone come prima condizione la scelta di essere liberi. Crisi significa appunto scelta, decisione, atto libero della volontà. Non è più tempo dell’ et…et…(ogni cosa vale l’altra, tutto è equipollente come nel relativismo assoluto) ma del teutonico e solenne aut-aut ( o questo o quello, o dentro o fuori , o pro o contro, o di qua o di là,o sì o no). Certo, la tentazione del quieto vivere e della pace a ogni costo ci induce ancora al letargo e al rimando, quasi le cose possano volgere a nostro favore senza la nostra intenzione e in nostro sacrificio, quasi per sola fortuna. Ma, come insegna il grande Niccolò , “ La fortuna è femmina e per farla rigare bisogna batterla”, quindi, senza uno scatto della volontà virtuosa e della forza che ne consegue, vana è ogni speranza di riaggiustare il nostro cammino indirizzandolo a miglior destino, vane le nostre lamentazioni, vane le nostre preghiere, vano il nostro affanno quotidiano. Per essere i pionieri di una nuova luminosa stagione per la nostra convivenza civile e per la tenuta della nostro patrimonio valoriale, urge decidere se avvallare il male strisciante e imperante o se farsi fieri paladini di ciò che è sacro e inviolabile :la nostra eredità cristiana fuori dalla quale non resta che pianto e stridore di denti. Ci sia da monito lo sciamare indisturbato di schiere di sorci in ogni angolo putrido di Roma, un giorno caput mundi elevata agli dei romani poi sede eletta della sacra Ecclesia dei martiri e dei santi, ora destinata, se nulla muta, a diventare la cloaca maxima, agognata da frotte di demoni per l’orgia finale. Ninive si salvò dalla catastrofe annunciata perché ascoltò Giona il profeta e fece penitenza e digiuno per quaranta giorni. Roma segua il suo esempio, o cadrà in irreversibile rovina .Parola nel segno di Giona.


Nuova Renault

MEGANE


emanuele zarcone

ma che velocità!

BRESCIA, una città sempre più veloce

è

in arrivo una novità per Brescia e i suoi utenti: dal 1 Marzo 2016 entra a far parte del network Italo. Italo, con la sua eleganza e comfort propone agli utenti un nuova tappa a Brescia collegando Verona, Bologna,Firenze, Roman e Napoli. L’amppliamento della copertura ferroviaria di Italo permetterà agli utenti di spostarsi con più facilità e comodità. Per promuovere la nuova tappa di Italo a Brescia, è stata creata la formula “Brescia Special”, dove verrà applicato il 50% di sconto sui biglietti da e per Brescia. La promozione sarà valida per gli ambienti Smart, Extra - large e Prima. Gli eventi non sono finiti, oltre alla nuova fermata di Italo, Brescia festeggia i 3 anni della metropolitana sul territorio. Da quando la metropolitana è attiva, la mobilità dei cittadini è migliorata notevolmente, permettendo spostamebnti dei quartieri nord a quelli sud-est, passando per il centro storico.

L’utenza è cresciuta in modo esponenziale, basti pensare che nel 2013 i passeggeri erano circa 12milioni arrivando a ben 15milioni a fine 2015. Del resto ciò che rende la metro un mezzo di trasporto favorele è la sua velocità e dinamicità. Le diciassette stazioni della linea e un tempo di percorrenza di un minuto e mezzo\ due tra una fermata e l’altra, per un totale di trena minuti tra i due capolinea, permettono agli utenti spostamenti rapidi. La formula vincente della metropolitana è arricchita dagli autobus urbani ed interurbani e da un serivizio green composto da mezzi ecologici, biciclette ed automobili a noleggio. La metro a Brescia non è solo sinonimo di movimento e praticità, ma anche di coltura e di attenzione all’ambiente. Sono molto gli eventi proposti in questi tre anni dalla metropolitana e che ancora continua a proporre. Un bel modo per coinvolgere con successo Brescia ed i suoi cittadini

Emanuele

16


Brescia corso Zanardelli www.pasinigioielli.com 17


La Fondazione Giancarlo Negretti, nata inquesti giorni dalla volontà di Giannantonio Negretti, presidente dell’azienda bresciana di cosmesi NG Group International, apre i suoi orizzonti e si proietta sul territorio con un’iniziativa dalla forte connotazione culturale. Una sensibilità verso la formazione e l’educazione che ha portato la Fondazione a donare agli allievi della scuola professionale Educo la prima “Biblioteca della Bellezza”. La Fondazione Giancarlo Negretti, nata inquesti giorni dalla volontà di Giannantonio Negretti, presidente dell’azienda bresciana di cosmesi NG Group International, apre i suoi orizzonti e si proietta sul territorio con un’iniziativa dalla forte connotazione culturale. Una sensibilità verso la formazione e l’educazione che ha portato la Fondazione a donare agli allievi della scuola professionale Educo la prima “Biblioteca della Bellezza”. La Fondazione infatti ha donato alla scuola bresciana 106 libri in quattro lingue diverse, ai quali nelle prossime settimane si aggiungeranno altri titoli, legati tra loro dalla tematica della bellezza e del benessere. Tra di essi troviamo infatti testi di importanti cosmetologi italiani o internazionali o riguardanti il trucco, i capelli o i trattamenti di bellezza per il viso o il corpo, ma anche libri come “Storia della Bellezza” di Umberto Eco, “Storia dei profumi” di Brigitte Munier e tanti altri scritti da beauty blogger, note al pubblico giovanile, come Clio Make Up.

18


L’omaggio della Fondazione nasce anche dall’attenzione che NG Group International ha mostrato negli ultimi mesi nei confronti di Educo, portando l’azienda bresciana a stringere una collaborazione importante con la scuola bresciana proponendo iniziative didattiche ed esperienze extra curriculari per gli allievi che frequentano i corsi di acconciatura ed estetica e i corsi accademici per Make Up Artist. La presenza della Biblioteca della Bellezza ha già riscontrato l’entusiasmo degli alunni della scuola, che hanno subito scelto il primo libro da leggere, ma anche la gioia degli insegnanti e del direttore Gianluigi De Silvi, che hanno deciso di inserire dei momenti di lettura durante le ore di lezione settimanali.

19


Il Gusto... fascino di Vino Lunedi 3 e martedi 4 marzo si è tenuto uno degli eventi più attesi ovvero quello che Delio Gallina organizza con cura per coccolare clienti e amici . Nelle splendide sale dell’ agriturismo Il Pratello (Padenghe del Garda) gli ospiti hanno potuto degustare i vini pìù pregiati , le migliori birre e distillati ,in una giostra di sapori e allegria queste due giornate sono l ‘ennesima conferma che Delio Gallina ha reso Brescia sempre più vicina alle grandi eccellenze del Gusto. Delio Gallina ringrazia tutti i partecipanti e vi aspetta al prossimo apuntamento !

Delio Gallina 1964 Via Gardesana 55, Prevalle 25080 info@deliogallina.it - www.deliogallina.it

20

PH: studioup


21


22


23


Il mondo dello spettacolo mi ha affascinato sin da bambino. Sognavo di poterne far parte, di fare il cantante, l’attore ed il presentatore. Ma ciò che più più desideravo era presentare “Bim Bum Bam” e i grandi varietà del sabato sera, infatti spedivo continuamente le mie foto a Fininvest, l’attuale Mediaset. Nel 1994, a soli 15 anni, finalmente ricevetti la telefonata da Canale5 ove mi chiedevano se mi sarebbe piaciuto partecipare ad “Ok il prezzo è giusto”, nell'unica edizione dove avrebbero potuto partecipare i minorenni. L’anno successivo partecipai ad un provino ed entrai a far parte dei 100 ragazzi di “Generazione x” su Italia1 con Ambra Angiolini. Quella mia partecipazione è stata un’ascesa, il mio trampolino di lancio dal quale partire. Ho lavorato a molte telepromozioni per trasmissioni come “Festivalbar,” “La Notte Vola” e “Passaparola”. Ho partecipato a tantissime trasmissioni, tra cui “Vivere bene”, “Vivere meglio”, “La sai l’ultima”, “Scherzi a parte” e soprattutto l’indimenticabile “Casa Vianello”. Nel 2009 è iniziata la mia avventura come presentatore di “Boom Boom Dance” e poi “Timeradio Music Show”, “Hot Pop Corn” e “Crazy Time”. Nel 2013, esaudisco un’altro dei sogni di bambino, fare il cantante! Prima incido “Cuore di Plastica”, successivamente “Io mi fido” e “Supersexy”. Due anni dopo, nel 2015, mi viene proposta la collaborazione con Carmelo Monteleone per la presentazione di Zanzaro, dove non solo devo condurre, ma presento la mia rubrica “A spasso col Vip”. Che altro dire… … Ad ora non ho nulla di cui lamentarmi anzi sono orgoglioso dei miei traguardi raggiunti con tanta ambizione; perché se lo puoi sognare lo puoi fare. Un abbraccio a tutti i miei fans e ai lettori di BresciaUP.

Fabio #follow me www.fabiotaormina.it Seguimi su Zanzaro tutte le Domeniche alle 19.35 su RTB, Canale 72 E-mail: fabio.taormina@email.it Fabio Taormina

24


Domenica 6 Marzo. ĂŠ stata inaugurata la nuova sede del centro estetico "New Body Personal Look Maker". Via Roma, 35 - 25012 Calvisano (BS) Tel. 0309968792


AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL CONCORSO DI INTERIOR DESIGN PROMOSSO DA EERA SOLUZIONI IN PIETRA PER L’ARCHITETTURA Parte ufficialmente EERA Contest 2016, la seconda edizione del concorso di interior design lanciato da EERA soluzioni in pietra per l’architettura, con il patrocinio dell’ Associazione per il Disegno Industriale (ADI) delegazione Veneto e Trentino Alto Adige. Architetti e designer sono invitati a progettare un ambiente bagno contemporaneo, capace di coniugare in soli sei metri quadri l’eleganza del marmo e le esigenze funzionali delle abitazioni residenziali. Una giuria composta da esperti del settore selezionerà il progetto vincitore, che sarà realizzato presso il prestigioso showroom EERA a Sega di Cavaion (VR) ed esposto in occasione della fiera leader del settore marmo Marmomacc (Verona, 28 settembre – 01 ottobre 2016). Sega di Cavaion (VR), 18 febbraio 2016 È online da oggi il bando “IL BAGNO MINIMO: funzionalità ed estetica nel limite di 6 mq”, seconda edizione del concorso di interior design bandito da EERA soluzioni in pietra per l’architettura – unico atelier italiano dedicato alla pietra per il mondo wellness, Spa e bagno – con il patrocinio dell’ Associazione per il Disegno Industriale (ADI) delegazione Veneto e Trentino Alto Adige. La partecipazione è gratuita e c’è tempo fino al 3 maggio per aderire al progetto, che si rivolge a tutti gli architetti e designer. I partecipanti sono invitati a ideare un ambiente bagno minimo dal punto di vista spaziale, ma non per questo privo della dimensione estetica e del confort. I progetti presentati dovranno quindi valorizzare la bellezza e il potenziale del marmo nell’architettura d’interni nell’ambito di un tipico appartamento residenziale cittadino. Sarà una giuria di qualità a valutare i progetti e decretare il vincitore, presieduta da Marco Zito, architetto e designer, professore associato di Design del Prodotto presso l’Università IUAV di Venezia, e composta da: Oscar Colli, cofondatore e editorialista de Il Bagno Oggi e Domani, membro dell’Osservatorio Permanente del Design, presso ADI; Alessandro Lolli, direttore di Design Context; Michela Baldessari, designer, membro direttivo di ADI – delegazione Veneto e Trentino Alto Adige, docente di Storia del Design presso Libera Accademia di Belle Arti di Brescia; Laura de Stefano, architetto, consulente eventi culturali Marmomacc; Alberto Salvadori, art director EERA soluzioni in pietra per l’architettura.

26


Il progetto vincitore verrà realizzato da EERA in stretta collaborazione con il suo ideatore nei mesi di giugno e luglio 2016 e sarà installato presso lo showroom di Sega di Cavaion (Verona); il progetto realizzato verrà quindi esposto in concomitanza con la fiera leader del settore marmo Marmomacc (28 settembre – 01 ottobre 2016). A seguire si terrà la proclamazione alla presenza dei media; in quell’occasione saranno presentati anche i disegni degli altri progetti pervenuti. Il vincitore del concorso avrà inoltre diritto ad un onorario forfettario di 2.000 € per lo sviluppo dettagliato del progetto. L’iniziativa nasce dalla volontà di EERA soluzioni in pietra per l’architettura, azienda nata dalla passione e dall’esperienza dell’azienda Cev Marmi&Graniti per la lavorazione della pietra, di coinvolgere gli “addetti ai lavori” in un progetto che sia in linea con i propri valori. Lo showroom EERA è un luogo di incontro per architetti e designer, un vero e proprio laboratorio di conoscenze e progetti, dove la materia prima trova la sua massima espressione in creazioni uniche: qui sono presenti sei “ambienti bagno” e una zona wellness realizzati in pietra naturale, qui si possono scoprire le ultime novità del settore, con la possibilità di incontrare partner ideali per realizzare progetti insieme. EERA è un luogo dove la pietra da materia prima diventa “elemento primordiale”, versatile e dinamico, da cui scaturiscono vere e proprie opere d’arte. Spiega Andrea Crescini, direttore commerciale di EERA ed esponente di terza generazione della famiglia fondatrice: «Con questo bando, che premierà il progetto di una stanza da bagno contemporanea e possibile, ci proponiamo di trasmettere tutta la potenzialità e i vantaggi dati dall’utilizzo della pietra, coinvolgendo i creativi in un’iniziativa che non è solo un concorso, ma anche un’occasione di confronto e di collaborazione attraverso un tema originale e di grande stimolo». «Il tema del bando, “Il bagno minimo: funzionalità ed estetica nei limiti di 6 mq”, è nato ispirandoci ai valori che guidano l’azienda Cev e il suo showroom EERA» spiega Marco Zito, presidente di giuria. «Una stanza bagno di 6 mq è infatti rappresentativa delle abitazioni residenziali contemporanee, dove il progettista è chiamato ad una sfida: misurarsi con spazi limitati e valorizzare al tempo stesso la bellezza degli ambienti tramite l’utilizzo della pietra e del design». Il bando del concorso è disponibile sul sito di EERA.

Progetto organizzato con il patrocinio e la collaborazione di

Con il patrocinio

Media Partner

27


BRESCIA:

NASCE il PRIMO CLUB ITALIANO DI MOTO ‘SPECIAL’ AFFILIATO FMI Areadocks sarà il quartier generale del Moto Club Lunedì 22 febbraio 2016 – “è nato Brixia Special Motorcycle Club, il primo Moto Club d’Italia affiliato alla Federazione Motociclistica Italiana dedicato alle moto ‘Special’ che si propone di aggregare gli appassionati di tale lifestyle e di creare sinergie con le realtà ad esso legate già esistenti sul territorio bresciano, lombardo e nazionale”. Questo è l’annuncio di Marco Barabanti, presidente del Brixia Special Motorcycle Club, un Moto Club nato a Brescia dedicato alle cosiddette moto ‘Special’ (café racer, scrambler, brat style, classic, etc.) ovvero a quelle moto personalizzate ed elaborate artigianalmente partendo da ‘basi’ spesso vintage che hanno fatto la storia del motociclismo internazionale, totalmente disegnate sul desiderio, l’esigenza e la personalità del proprietario. La sede sarà a Brescia presso l’ormai famoso concept store Areadocks (www.areadocks.it). Tra i fondatori, oltre ad Alberto Marengoni di Areadocks, anche Francesca Moretti di Bellavista e i customizer bresciani Luca Morelli e Samuele Borsarini di Remastered Cycle, oltre a noti professionisti e imprenditori bresciani. “Brixia Special Motorcycle Club – spiega Marco Barabanti - si propone come progetto di promozione culturale e

valorizzazione territoriale dove protagonista è la passione per le motociclette vissuta come espressione identitaria di libertà, di ingegno, di operosità, e come volano ideale per valorizzare quanto di bello e buono ci offrono ambiente e tradizione italiani. Insieme a Ivan Bidorini, presidente lombardo della Federazione Motociclistica Italiana (FMI), e a Renato Tonoli, delegato FMI per la nostra provincia, abbiano definito le formalità burocratiche per l’affiliazione. Ora siamo ufficialmente parte di quello che consideriamo il riferimento nazionale per il mondo del motociclismo”. “Abbiamo accolto con vivo interesse la proposta del Brixia Special Motorcycle Club – commenta Ivan Bidorini, Presidente FMI Lombardia. Una nuova realtà che si inserisce in un più ampio e complesso panorama e che contribuisce a completarlo con nuovi stimoli che sono da tenere in debita considerazione poiché costituiscono, a tutti gli effetti, un nuovo modo di fare motociclismo. Prova ne sia l’interesse delle grandi case che hanno dedicato una nicchia della relativa produzione proprio a questo mondo. Sono certo che questo agreement tra FMI e Brixia Special porterà una nuova energia, figlia di questo tempo. Starà a noi valorizzarla e ad intuirne il potenziale per portare all’attenzione della nostra comunità e del legislatore le nuove esigenze che tale esperienza porta con sé, di utilità per tutto il comparto”.

28


- La nostra mission – Prosegue Marco Barabanti - si snoda su quattro assi portanti: aggregazione, formazione/educazione, valorizzazione territoriale, solidarietà. Siamo convinti che questa non sia una semplice moda, ma un movimento culturale che parte dal desiderio di unicità, espresso attraverso artigianalità e ricerca applicata al mondo delle moto. Un’occasione per valorizzare il talento di laboriosi e creativi uomini di motori, capaci di riportare alla ribalta vecchie glorie delle case motociclistiche o, perché no, modelli recenti di motociclette, attraverso elaborazioni artistiche che gratificano professioni ormai quasi dimenticate, come il ‘battiferro’, il decoratore, l’esperto di meccanica, il saldatore, il mastro sellaio etc., creando così un indotto utile a rilanciare una nuova economia legata a questo settore. Porteremo avanti questo movimento – aggiunge Marco Barabanti - insieme a quanti vorranno condividere, in amicizia e passione, questo lifestyle, con un occhio di riguardo per i più giovani, che vorremmo coinvolgere tramite momenti formativi stimolanti che li aiutino a capire come approcciare e muoversi in sicurezza sulle due ruote. Particolare attenzione dedicheremo inoltre alla solidarietà, individuando di volta in volta le opportune modalità per contribuire a sostenere quei soggetti che a vario titolo promuovono la vita”. “Presenteremo ufficialmente il Moto Club – conclude Marco Barabanti - con un evento ipotizzato per il mese di aprile, nel quale avremo modo di raccontare in dettaglio il nostro progetto, con i tour, gli eventi, le iniziative previste. Sulla nostra pagina Facebook e il nostro sito (www.brixiaspecialclub.it), che saranno on line a brevissimo, sarà possibile trovare ogni aggiornamento”.

29


HEADQUARTERS: Areadocks, via Verona 3/a – Brescia (Italy) OFFICE: via Trieste 67 – 25030 Erbusco (Franciacorta, BS) Mob: 334 6954364 Mail: presidente@brixiaspecialclub.it Web: www.brixiaspecialclub.it

30


questione previdenziale:

vietato rimandare

Ho più volte affrontato il tema della pianificazione previdenziale soffermandomi sulle motivazioni per cui è necessario prenderla in considerazione quanto prima. E’ noto che la vita media si è allungata e la qualità della vita è decisamente migliorata anche in età avanzata. Nei prossimi anni ci saranno ulteriori passi avanti. Questi progressi, unitamente alla riduzione delle nascite e alla crisi economica che ormai ci accompagna da qualche lustro, hanno messo in crisi il sistema previdenziale nel nostro Paese imponendo diverse riforme che di fatto hanno portato ad una rivoluzione che ha visto calare pesantemente le pensioni, non solo per le generazioni future che avranno la peggio, ma anche per quelle in corso. Il sistema contributivo introdotto è certamente più equo e giusto, ma occorre anche creare consapevolezza nei contribuenti al fine di attivarli a cercare soluzioni che possano ridurre l’impatto con una capacità di spesa molto ridotta al momento del pensionamento. Dal 1 luglio 2015 l’INPS ha finalmente “consegnato” la tanto attesa “Busta Arancione”. Di fatto si tratta della messa a disposizione di ogni iscritto di alcuni dati basilari relativi alla propria posizione previdenziale reperibili direttamente sul sito istituzionale. Ogni iscritto può accedere alla propria posizione previdenziale ottenendo: 1) il proprio estratto conto contributivo; 2) la stima della data di pensionamento e l’importo della pensione maturata; 3) la possibilità di verificare come varia la stima della propria pensione futura al variare dell’ultimo reddito. E’ assolutamente necessario che ciascun contribuente prenda immediatamente coscienza di questi dati. Questo però è solo il punto da cui partire per pianificare il proprio futuro previdenziale. Molti hanno già sottoscritto delle polizze vita, dei FIP o PIP, ma spesso si tratta di prodotti inadeguati per caratteristiche tecniche o per la struttura dei costi o addirittura, perché non consentono di incassare il contributo del datore di

lavoro così come previsto dagli accordi negoziali. Prima si comincia e più sarà facile trovare soluzioni soddisfacenti e coerenti con i propri obiettivi. E’ un percorso che ci deve accompagnare per tutta la vita lavorativa. Il primo passo è acquisire il dato relativo alla stima della propria pensione futura, il secondo è capire l’ammontare della rendita pensionistica (sia pubblica che privata) che si vorrebbe avere, il terzo è quello di andare ad analizzare i prodotti sottoscritti per comprenderne le caratteristiche tecniche e la struttura dei costi e valutare se sono adeguati rispetto ad altri presenti sul mercato che possono rispondere meglio alla propria situazione lavorativa anche in forza di eventuali accordi aziendali che ne aumentano i benefici in termini di accumulo. Il quarto passo consiste nel valutare l’eventuale sostituzione dei prodotti previdenziali sottoscritti o la variazione dell’importo dei versamenti. Il quinto passo consiste nel monitorare periodicamente, anche a distanza di più anni la situazione al fine di valutare eventuali correttivi necessari in funzione di eventi che modificano la propria posizione lavorativa o anche perché si decide di modificare gli obiettivi iniziali. Sono molto frequenti casi di lavoratori dipendenti che versano in un fondo pensione diverso da quello previsto per la loro categoria, sostenendo dei costi notevolmente più alti e perdendo il contributo del datore di lavoro cui avrebbero diritto. Una leggerezza che nessuno può permettersi se pensiamo quanto sia difficile oggi riuscire ad accantonare un po’ di risorse per il futuro. La questione dei costi poi può risultare fortemente penalizzante, basti pensare che un 1% di costo in più all’anno su 20 anni può abbattere la rendita da pensione del 20%. In cifre, se ho sostenuto un costo annuo dell’1% la mia rendita integrativa mensile anzichè di 1000 euro sarà di 800. Tutto documentato e ampiamente indicato nei prospetti informativi.

Via Fratelli Lechi 13, 25121 Brescia Tel/Fax 030 5030934 - www.studiocappiello.it il dott. Cappiello è delegato Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Cosumatori) per Brescia

32


ristorante valle bresciana

Via Valle Bresciana 11- Bs tel. 030 317666 - 329 8257255 info@officinadellavalle.it - officinadellavalle.it 33


L’Ogdoade Ermopolitana Ermopoli, è il nome greco (derivato dal dio Ermes, con cui veniva identificato il dio egizio Thot) attribuito alla città di Khmenu che si trovava sulla riva occidentale del Nilo in corrispondenza del XV Nomo. Il nome attuale è el-Ashmuneyn nei pressi della moderna città di Mallawi. Non è rimasto molto delle rovine di questa antica città, che presenta significative influenze dell’architettura amarniana, che fanno dunque catalogare il periodo di massimo splendore a cavallo della XIX e XX Dinastia, anche se non è chiaro che si tratti di vestigia costruite sul posto o provenienti direttamente da Akhetaton, che non distava molto lontano. A Seti II è attribuito un tempio dedicato al dio Thot, traduzione greca dell’egizio Djehuti, divinità principale di questa città e lo stesso Thot viene definito il Signore degli Otto, ovvero delle otto divinità (ogdoade), presenti nel Caos primordiale (Otto Primordiali), prima della creazione di una collina di fango chiamata Isola delle Fiamme, da cui genererà il Sole. Con la creazione del Colle Primordiale, le Otto oscure divinità vengono in esso sepolte e praticamente dimenticate tranne una, Amon, che assurgerà a grande importanza; venendo associata e raffigurata spesso con l’ariete, forse perché il dio venne ad assumere importanza nel 2000 a.c. in coincidenza con l’Età dell’Ariete. Il principio della dualità, inteso come forze uguali e contrapposte tipiche della cosmologia egizia (Terra rossa - Terra nera, Alto e Basso Egitto, il giorno e la notte etc.) vede presenti quattro coppie di divinità, dove all’essenza maschile, si contrappone quella femminile. Nun e Nunet le acque primordiali, Kuk e Keket l’oscurità, Huh e Huhet, l’infinito e Amon ed Amonet l’invisibilità (Amon è il dio nascosto, inafferrabile). Queste ombrose divinità sono raffigurate a testa di serpente

per le femmine e di rana per i maschi, simboli delle acque da dove erano emerse e simboleggiano le prime fasi della creazione. Gli Otto Primordiali devono essere intesi principalmente come poteri o forze che precedono la creazione, sorta di molecole impazzite e senza ordine per gli appassionati della scienza quantistica. Sono dunque inizialmente immersi nel Caos Primordiale Nun, ma riescono ad unirsi, ed ordinarsi, ed a produrre un Grande Uovo da cui emergerà il dio sole Ra, la prima divinità ad uscire dal disordine cosmico. Da questi racconti si evincono forti analogie con i passi della Genesi “In principio Dio creò il Cielo e la Terra. La Terra era una massa senza forma e vuota etc.” o comunque con le origini del creato, comune ad altri credi religiosi. Il sole nascente Ra, diventerà la divinità Atum-Ra, secondo una interazione tra gli dei, tipica della religione egizia e verrà raffigurato a testa di falco con il disco solare circondato dal cobra. Atum Ra verrà venerato ad Eliopoli, la Città del Sole, vicino a Menfi, di cui rimangono pochissime vestigia ad Est del Cairo. Un’iscrizione geroglifica ci rivela dove si sarebbe localizzata questa collinetta primordiale, prima dell’emergere della materia dal Caos e dove sarebbero dunque sepolte le Otto divinità. Si tratta di Medinet Habu, il tempio funerario di Ramesse III che fu costruito su un sito ancora più antico. Le otto divinità dell’Ogdoade, avevano infine il compito di consentire il sorgere del Sole proteggendolo dall’oscurità, nella Duat od Oltretomba. Si parla dell’Ogdoade già nei Testi dei Sarcofagi del Medio Regno e nei Testi delle Piramidi e nel tempio del sovrano Satura della V Dinastia ve ne è un’ampia documentazione, anche se i testi sono comunque frammentati.

34


ORDINA I COFANETTI LA VIE EN BLÙ DIRETTAMENTE DA CASA TUA.

Cofanetto

Quattro Cofanetti, tutti i sapori di Ostriche, Terra, Mare e Formaggi. Per ciascun Cofanetto, tante tipologie di prodotto sempre fresche tra cui scegliere e comporre la tua selezione.

Cofanetto

Selezione Ostriche

Selezione Terra

Cofanetto

Cofanetto

Selezione Mare

Selezione Formaggi

Tutti i cofanetti La Vie en Blù sono frutto di accurata ricerca, per proporti sempre qualità del prodotto e piacere esclusivo. IL SERVIZIO A DOMICILIO È DISPONIBILE TUTTI I GIORNI ESCLUSO DOMENICA A PRANZO E LUNEDÌ A CENA.

La Vie en Blù Via Castellini 14, Brescia www.lavieenblu.it

T 030 3752271


shareholder

loans

Il finanziamento soci come fonte finanziaria dell’impresa La crisi economica che sta colpendo la nostra economia sta producendo importanti squilibri nelle strutture economiche delle aziende. A fronte di tale situazione, inevitabilmente, la struttura finanziari delle imprese rischia di essere messa in difficoltà. Le banche hanno ristretto il credito alle PMI ed i soci spesso si sono visti costretti ad apportare delle risorse finanziarie in azienda per ricercare l’equilibrio finanziario. I versamenti dei soci a favore della società possono configurarsi sotto una duplice veste: Finanziamenti in senso stretto; Versamenti in conto capitale. I primi sono delle erogazioni con obbligo di rimborso da parte della società , possono essere proporzionali o meno alle quote di partecipazione dei soci e sono generalmente infruttiferi , salvo patto contrario. I secondi invece , hanno natura di capitale di rischio , i soci pur non volendo procedere ad un formale aumento di capitale sociale decidono di sopperire al fabbisogno finanziario con conferimenti che non prevedano la restituzione da parte della società. Nell’ipotesi in cui la situazione finanziaria della società dovesse complicarsi al punto da fallire, ecco che la dichiarazione di fallimento produrrebbe effetti anche in tema di finanziamenti soci. In particolare l’articolo 2467 del Codice Civile stabilisce che i finanziamenti dei soci effettuati in un momento di difficoltà economica [non viene data una definizione chiara di cosa si intenda dovrà essere

valutato caso per caso] e rimborsati nell’anno precedente alla dichiarazione di fallimento dovranno essere restituiti. La ratio di tale norma trova fondamento nel fatto che il rimborso dei finanziamenti soci sono postergati rispetto alla soddisfazione degli altri creditori. In sostanza con la dichiarazione di fallimento il socio che vanta un credito da finanziamento nei confronti della società diventa uno dei tanti creditori di essa e, astrattamente, concorrerebbe con gli altri sull’attivo. Il credito è, in definitiva, di natura sub-chirografaria in quanto postergato rispetto agli creditori. L’amministratore che rimborsa, di conseguenza, deve accertare che la restituzione del finanziamento non comporti l’incapacità della società ad adempiere l’obbligazione assunta nei confronti dei terzi, pena la sua responsabilità nei confronti della società e dei creditori insoddisfatti. A ben vedere si può affermare che le sanzioni applicabili nei casi ex art. 2467 c.c. possono essere individuate nell’art. 216, comma 3, della legge fallimentare [ c.d. “bancarotta fraudolenta preferenziale”]. In sostanza , un amministratore che dovesse procedere ad “un’incauta” restituzione dei finanziamenti erogati dai soci, senza preventivamente assicurare il soddisfacimento degli altri creditori, rischierebbe di essere perseguito per bancarotta fraudolenta preferenziale, nell’eventualità in cui entro un anno dal rimborso , venisse dichiarato il fallimento della società stessa .

36


AGENZIA DI MODELLE A BRESCIA La nostra missione è quella di selezionare alti profili per posizioni come modella, fotomodella, hostess, ragazza immagine

Anthony Le manager director

Borana Vale make-up artist

Dariem Bec photographer

Via Orzinuovi n.10, 25125 Brescia www.anthonylemodels.com

info@anthonylemodels.com 37


Alberto Zambelli, BACKSTAGE & FASHION SHOW


Milano riaccende i suoi riflettori con la Settimana della Moda Donna conosciuta anche con il nome di Milan Fashion Week. Dal 24 al 29 Febbraio gli Stilisti e i Brand più celebri hanno presentato ai buyers, ospiti, fashion addicted e anche al resto del mondo le collezioni e outfit che diverranno oggetto di tendenza nell'Autunno / Inverno 2017. #MilanFashionWeek non è solo fashion show, ma anche una sorte di spettacolo per le vie milanesi ove lo street fashion fa da padrone. In occasione della settimana della moda 2016/2017, Domenica 28 Febbraio BresciaUP è stata ospite del backstage e del fashion show di Alberto Zambelli. Per la sua collezione Autunno / Inverno lo stilista ha deciso di mettere in evidenzia i forti contrasti tra il maschile e il femminile, militare e romanticisimo senza però tralasciare il concetto di bello ed elegante. Testo e Photo: Mukanoheri Carla Cò


mangano.com

MANGANO MILANO / FIRENZE / DESENZANO / FORTE DEI MARMI / MILANO MARITTIMA / MANGANO.COM

40


pag.42 ... AUTOSPAZIO presenta new megane pag.44 ... New location for REVOLUTION STORE pag.46 ... Inaugurazione Sestino: NEW SEASON 2016 pag.48 ... isorrentino con charlie gnocchi pag.50 ... Fresco Locanda pizza , Ridi di gusto pag.52 ... Inaugurazione “QUESTIONE DI GUSTO foodstore” pag.54 ...SGN STYLE Malcesine inaugurazione pag.56 ... Rossoorsa presenta Ferrari GTC4Lusso pag.58 ... #mocktailpartywhynot#TIMETOLOVE pag.60 ... Jerry calà al blue jeans pag.62 ... Rossoorsa presenta la nuova Maserati Levante

41

41


AUTOSPAZIO presenta NEW MEGANE La presentazione della nuova Megan è stata un ennesima giornata di festa per i clienti della concessionaria Autospazio che in questa occasione ha voluto un format studiato per divertire grandi e piccini ! Mentre i bravissimi venditori illustravano le meraviglie della new megan alle famiglie entuasiate il salone si è strasformato in un party animato da ballerini ,truccabimbi, artisti e un ricco buffet . E ANDIAMO DI RINGRAZIAMENTI! Grazie ad Alessandro Arrighini per l ‘animazione con i palloncini (fantastico artista come sempre!),Grazie alla diretta di Radio Number One, Grazie a Raffy Angel show e i suoi ballerini e acrobati dello yoga (incredibili e bravissimi tutti quanti!)grazie alla truccabimbi Nicky Nicoletta (una delle face painter più brave d italia!) grazie a Questioni di gusto per il buffet ( buonissimo e servizio ottimo!) Autospazio ringrazia veramente tutti per aver reso questo giorno così speciale e come sempre vi aspetta per il test driver gratuito – LA NEW MEGAN Vi ATTENDE!

Autospazio Spa ViaArmando Diaz,10 25010 San Zeno Naviglio - Brescia

42

PH: studioup Sidoine Assignon


43


New location for REVOLUTION STORE Il punto di riferimento più fashion di Isorella e dintorni il mitico REVOLUTION STORE cambia location! Si sposta di poco ma rimane a Isorella rendendo felici tutti gli amanti della moda giovane e dinamica con uno style-brand di ricerca esclusvamente made in Italy. Sabato 27 Febbraio la grande inaugurazione con un party veramente coinvolgente, non solo musica fantastica a cura di ben due Dj ma anche bollicine per brindare e un gustoso buffet che Simone Gavezzoli ( il proprietario) ha voluto per festeggiare con i clienti-amici. Le immagini parlano da sole Revolution Store non è un normale negozio di abbigliamento qui tutti sono più alla moda e si divertono grazie alla grande professionalità e simpatia di Simone che vi aspetta nel nuovo punto vendita in via A Zamboni 22 .

Revolution Store Via Zamboni, 22 Isorella- Brescia

PH: studioup Sidoine Assignon

44


45


Sestino Beach, New Season 2016 Riparte la nuova (e grande) stagione del Sestino! Sul Garda arriva la primavera, e non può che essere Sestino Beach! Ha inaugurato il 10 marzo la nuova nuova stagione, con la partecipazione viva e attiva di Jerry Calà. Sì, proprio lui, Jerry Calà: il noto attore, musicista, showman si è unito a Judi Bueno e a Puccio Gallo nella gestione del Sestino Beach, locale di punta Desenzanese frequentato da turismo locale e non solo. “Ho unito l’amicizia al lavoro” precisa l’attore “coronando il sogno di condividere con Puccio, mio amico di sempre, questa nuova avventura.” Puccio Gallo e Yudi Bueno da molti anni sono impegnato nel settore artistico e turistico. Quest’anno con la vicinanza e la popolarità dell’amico Jerry stanno pianificando una stagione ricca di novità e contenuti. Che sia l’occasione per la vera rinascita di Desenzano?

SESTINO beach Via Agello, 41/a, 25015 Desenzano del Garda

46

PH: studioup Sidoine Assignon


47


Charlie Gnocchi, a ISorrentino Giovedì 3 marzo I SORRENTINO ha ospitato l’ evento BE DIFFERENT APERITIVOLI con la partecipazione di dj Carletto da RTL 102.5 e Charlie Gnoccchi che ha divertito e incantato tutti i presenti di questo party all’ insegna del buon cibo, la grande comicità, la buona musica e le belle auto! La serata è stata veramente esplosiva grazie a Charlie Gnocchi che oltre essere una delle voci pià note della radio è scrittore, autore e conduttore programmi tv, pittore, attore, cantante! Simpaticissimo e super coinvolgente ha reso il pubblico protagonista del suo spettaccolo comico, in un turbinio di risate e selfie charlie ha conquistato la simpatia di tutti rendendo questo evento davvero unico e speciale . RISTORANTE I SORRENTINO E APERITIVOLI ringraziano tutti e vi aspettano al prossimo appuntamento .

I Sorrentino Via Baldassare Zamboni 21, 25126 - Brescia

48

PH: studioup


49


Ridi di gusto con Eugenio Chiocchi Per chi non non ci avesse seguito RIDI DI GUSTO sono quattro serate che Diego Baiano proprietario di fresco ha voluto per rendere ancor più speciali le sue gustose cene . Quattro sono gli appuntementi con i grandi maestri del cabaret ( dal 11 Febbraio al 24 Marzo) che avranno il compito di divertire i clienti del rinomato ristorante bresciano. Giovedi 25 Febbraio il secondo appuntamento RIDI DI GUSTO lo abbiamo passato in compagnia del comico napoletano Eugenio Cuocchi che dopo aver divertito con uno spettaccolo esilarante ci ha raccontato i suoi esordi al famoso Derby Club di Milano, una carriera lunga quella di chiocchi che approda nella grande città lombarda ben 30 anni fa collezionando un infinita lista di spettacoli nei club più famosi in teatro e in tv (Zelig) . Chiocchi è un maestro dell' improvvisazione e nelle sue esibizioni nascono situazioni di pura comicità grazie alla sua bravura nel coinvolgere il pubblico anche questa volta da fresco ennesimo successo di gusto e risate grazie Eugenio! FRESCO LOCANDA pesce e pizza Via Malta 16/A - Brescia2, Zona Cavalcavia Kennedy PH: StudioUP

50


Fresco Locanda Pesce & Pizza

Via Malta 16/A

Brescia2 - Zona Cavalcavia Kennedy Via Malta 16/A Tel. 0306363837 Brescia 2 - Zona Cavalcavia Kennedy Tel 030.6363837


Questione di Gusto Food Store Mercoledi 16 Marzo ha aperto ufficialmente lo STORE FOOD più atteso di Brescia Due, QUESTIONE DI GUSTO un vero paradiso per gli amanti del buon cibo: PANETTERIA,GASTRONOMIA, PA S T I C C E R I A , C A F F E T T E R I A CATERING dove potrete trovare pane, pizza,focacce,salatini,salumi, lasagne,salse, marmellate, formaggi, prodotti vegani ,vini ,un buon caffè ,thè, pasticcini, brioches, torte, caramelle, cioccolata, uova di Pasqua,grande simpatia e professionalità dello staff e molto molto molto di più! Vi aspettiamo!

Questione di gusto Food store Via Cefalonia, 42 Brescia

52

PH: studioup


Favorisce il recupero ed il mantenimento dei naturali livelli di vitamine e sali minerali. Integratore alimentare ad azione proenergetica a base di L-Arginina

CNB_bsup_gennaio.pdf

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

1

25/01/16

12:01


Inaugurazione sgn style SGN STYLE ha inaugurato venerdi 18 il punto vendita che sarà il nuovo “faro della moda”del lago di Garda . IL BRAND made in Brescia ha scelto Malcesine per questa nuova location che offrirà ai suoi clienti una moda da veri intenditori , il particolare ,l ‘unicità dei tagli ,outfit che potevamo trovare solo nelle grandi capitali della moda è ora accessibile a tutti . Questa primavera se avete voglia di una giornata rilassante vista lago e di uno shopping all ‘insegna del vero fashion ricordate di fare un giro in piazza statuto 13 dove lo staff di SGN STYLE sarà lieto di mostrarvi la nuova collezione primavera estate . sgn style Piazza Statuto 13, Malcesine - Verona PH: studioup

54


55


Rossocorsa presenta GTC4lusso Dal Salone di Ginevra, dove è stata fra le vetture più ammirate, potremmo chiamarla anche Sua Maestà, a Brescia nella concessionaria “ Rossocorsa”, stiamo parlando della Ferrari GT4Lusso, modello che sostituisce la “ berlinetta” FF. In casa Maranello. Pensate che il tetto panoramico “ Low-e” mantiene la temperatura costante nell’abitacolo anche quando la si parcheggia sotto un sole cocente e i cerchi in lega sono diamantati. La Ferrari GTC4Lusso lo hanno dotato di quattro ruote sterzanti( e di trazione integrale)inserimenti in curva più precisi e una maggiore stabilità che consente di affondare il piede sull’acceleratore senza penalizzare però la sicurezza. Questo sistema per la prima volta integra le ruote posteriori sterzanti con la trazione integrale, un brevetto Ferrari che si basa sulla evoluzione del Side Slip Control, che include il controllo del differenziale elettronico e dello smorzamento delle sospensioni. Ma questa “ Rossa”( da 262mila euro) ha tutto di più, più posti 4 veri, più trazione integrale, più potenza rispetto alla FF ha sotto il cofano un “ cuore” V12 da 6.262 cc, che la rende guidabile in ogni situazione, la cavalleria da 660 è stata portata a 690 cv, con una coppia massima di 697Nm a 5.750 giri, ma a 1.750 giri è già disponibile all80%. Il rapporto peso potenza è da primato per la sua categoria, con 2,6 kg per cavallo, cosi come quello di compressione

di 13,5:1. Grazie ai 12 cilindri sotto il cofano la fanno spingere volendo a una velocita massima di 335km/h. Se abbiamo la fortuna di provarla anche in maniera statica come l’abbiamo fatto alla “ Rossocorsa”, gli interni ti avvolgono come su un ottimo divano in pelle che si ha a casa, tutto è stato ripensato in modo moderno da Flavio Manzoni e il suo staff. Nell’abitacolo le sedute sono ampie e comode, la cura degli assemblaggi è artigianale come da tradizione delle fuoriserie della Casa di Maranello- Seduti si ha la sensazione che la plancia sia orientata verso il passeggero sia che guidi o che si faccia portare. Una vettura che consente al fortunato possessore di divertirsi tutti i giorni, in pista in autostrada ma è una Gran Turismo che è in grado di muoversi in qualsiasi condizione metereologica se poi la vettura monta pneumatici “ Snow&Mud” si ha il massimo del grip su neve e fango. Attilio Tantini Rossocorsa Via Caselle 35, 25010 San Zeno Naviglio - Brescia

56

PH: sELENE ZARCONE


57


#mocktailpartywhynot#TIMETOLOVE Cos è moktail party? è un party dove gli alcolici sono banditi, molti di voi diranno: “ che divertimento è senza ubriacarsi?“…ma se guardate le foto della prima serata potrete vedere che divertirsi senza bere “pesante“ è possibile ! il 3 Marzo Spazio Time ha ospitato la prima delle serate Moktail Party voluta dalla Time to Love Onlus per continuare la sua crociata pro beneficienza dove centinaia di giovani hanno fatto festa dalle ore 20 alle 2,00. PURO DIVERTIMENTO, si è ballato e cantato e l‘unico “sballo” della serata è stata la musica incredibile dei Dj, ambasciatori della serata Albertino Dj e Saturnino! I nostri complimenti vanno a tutti gli organizzatori e allo staff ma sopratutto ai partecipanti che hanno dato il messaggio più importante: noi giovani ci divertiamo senza alcol e droghe; grazie ragazzi!

TIMETOLOVE Via Sorbanella 22/a - Brescia

58

PH: MUKANOHERI CARLA Cò sELENE ZARCONE


59


jERRY CALĂ al blue jeans Per il secondo anno consecutivo il Blue Jeans di castelmella fa' sold out con il sempre evergreen Jerry Cala'. Venerdi 18 marzo con il suo show "Una vita da libidine" l ex Gatto ha incantato il locale di castelmella gremito in ogni ordine di posto, con una performance davvero bella,con un mix di battute e di brani musicali ormai colonna sonora della vita di tutti noi! Finale in bellezza col suo ultimo successo rap " Ocio". Bella serata che poi e' continuata fino a tarda notte con il dj Max supportato dalla voce di Dario Raineri ! Uno speciale ringraziamento a: T.B. impianti, Magentahomme, Palestra Work Out, Belotti calzature, Uberti bevande,Tesmac abbigliamento THE BLUE JEANS Via Colorne, 47 - Castelmella (BS) Ph: studio UP

60


61


Rossocorsa presenta MASERATI LEVANTE Ormai la vendita dei Suv è quasi il cinquanta per cento delle vendite del mondo delle quattro ruote e non poteva mancare in Casa Maserati che ha preso il nome di Levante. Questa tipologia di vettura ha debuttato a Ginevra, anche se era qualche anno se ne parlava, attirando l’ammirazione degli addetti ai lavori e del pubblico che ha preso d’assalto, in tutti i sensi, il Salone ginevrino. Da Ginevra in questi giorni si è materializzata a Brescia presso la Concessionaria “ Rossocorsa”. Lo stile della Levante richiama le “sorelle” con carrozzeria Ghibli e la Quattroruote. Grazie alle filanti e dinamiche linee esterne, l’aerodinamica è la miglior della categorie del Suv di dimensione XL con coefficiente Cx di 0,31. Il Levante è il primo veicolo a ruote alte nella storia della Casa di Modena, prodotto a Torino nella fabbrica di Mirafiori e già in vendita presso la sede Rossocorsa di Brescia. Per la turbodiesel V6 da 275 cavalli (per l’Italia è provista anche con 250 cv) il prezzo chiavi in mano è di 74.500 euro, per la sei cilindri biturbo a benzina da 430 cv euro 92.500; la Levante è lunga 5 metri con un passo di 3, ha la trazione integrale intelligente Q4 progettata per trasferire istantaneamente la coppia fra gli assali in base alla necessità, mentre il cambio è un raffinato e sofisticato automatico a otto velocità e sospensioni pneumatiche. Design, esclusività e prestazioni: questi sono i punti di riferimento del nuovo Suv della Maserati, gli interni sono realizzati con i materiali più

ricercati, una piacevole sensazione al tatto, un made in Italy di eccellenza se si pensa al kit Ermenegildo Zegna brevettato dal lanificio Zegna di Trivero. Il Levante è un Suv che offre al guidatore e ai passeggeri un abitacolo luminoso grazie anche al tetto apribile panoramico, un Suv versatile studiato per il tempo libero, ha un baule molto ampio che consente anche grazie al vano passante di mettere gli sci. Il nuovo sistema Maserati Touch Control, dotato di uno schermo da 8,4 pollici, è il punto nevralgico di Levante, attraverso il quale gestire in maniera estremamente semplice ed intuitiva i numerosi dispositivi di bordo. Tutta la tecnologia più esasperata è impiegata sulla Levante per ottimizzare le performance su strada e fuori strada. Le sospensioni davanti sono a doppio quadrilatero e dietro multi-link, abbinate agli ammortizzatori elettronici a smorzamento controllato e a quattro molle ad aria regolabili che consentono al conducente di scegliere ben cinque differenti livelli di altezza da terra; con questo la vettura diventa sempre più maneggevole. Levante: la Maserati dei Suv Rossocorsa Via Caselle 35, 25010 San Zeno Naviglio - Brescia

62

PH: sELENE ZARCONE


63


64


GINEVRA: Quest’anno il Salone di Ginevra festeggia gli 86 anni e non li dimostra ancora una volta le Case automobilistiche lo hanno scelto per la presentazioni dei nuovi prodotti a quattro ruote. Una curiosità questo storico Salone si svolge in una nazione come la Svizzera che non ha neanche una Casa automobilistica. Ben 88 “ premiere” mondiali e 32 quelle europee, fanno bella mostra nei quasi 80.000 metri quadrati di stand disponibili e se si pensa che uno stand medio costa dai 600,00 agli 800,00 euro, scusate franchi svizzeri, il conto economico è presto fatto, senza dimenticarsi che gli organizzatori si attendono negli undici giorni di apertura del salone dai 650.000 ai 700.000 visitatori. C’è né per tutti i gusti, non solo femminili, e per tutte le tasche dei futuri acquirenti. Duecento espositori provenienti da 30 paesi. Come detto le anteprime spaziano dalla Audi Q2, dove c’è il meglio della tecnologia del gruppo tedesco, rappresenta un ottima alternativa nel complesso segmento dei Suv compatti. La Seat Ateca ( Suv spagnolo parente della Tiguan) la Toyota C-HR, la nuova Renault Scenic, l’elegante e rinnovata Volvo V90 il Gruppo PSA presenta per il trasporto, nove posti, il Citroen Space Tourer e la Peugeot Traveller. Gli inglesi presentano la nuova Range Rover Evoque Cabriolet, tanti aspettano di vedere questa versione. Sembra di essere un mondo fatato guardando le super car Aston MartinDB11,Bugatti Chiron, Ferrari GTC4 Lusso, Lamborghini Centenario LP770 (40 esemplari che hanno già un proprietario)Jaguar FPace, Maserati Levante, Porsche 917 e si fa ammirare anche la Tesla modello tutto elettrico. Ma il Salone non si dimentica dell’ambiente, vetture a basso impatto ambientale, sotto i 95 grammi di CO2 per km. Per gli amanti dello sport estremo è esposta la nuova F1 Red Bull Racing 2016Tag HeurerRB12,la 66


Porsche Dempsey Racing 911 Rsr2015, la March 701 di Jo Siffert, la Formula E 2016 e l’Abarth 595 competizione by Tag Heuer. Un pubblico variegato, la parte del leone la fanno i francesi(47%) italiani( 6% )il resto viene da tutto il mondo. A fare da cassa di risonanza anche quest’anno ci sono 10.000 giornalisti accreditati, nei giorni dedicati alla stampa ben 67 conferenze stampa nel primo giorno, un sito web con oltre 20 milioni di pagine visitate. Il Salone è di proprietà della Fondazione privata, a gestirla sono solo due dipendenti presidente e direttore generale, tutti gli altri sono a contratto per quattro mesi. Quindi non vi resta che mettervi in macchina, e dopo 420 km fra autostrade francesi e svizzere il Salone vi aspetta, non ne sarete delusi.

67


GINEVRA: La 34° rievocazione della corsa più bella del Mondo, la Mille Miglia, è stata presentata al Salone di Ginevra, è un piacevole ritorno sulle sponde del Lago Lemano, è un segnale della continuità voluto dal presidente della “ Mille Miglia “ srl Aldo Bonomi, dal vice presidente Franco Gussalli Beretta e dal presidente ACI Brescia Piergiorgio Vittorini. Ben 665 domande di partecipazione alla gara più bella del mondo, cosi l’aveva chiamata Enzo Ferrari, ma solo 430 auto vi potranno partecipare dal 19 di maggio con la passerella in Piazza Vittoria, il Salotto di Brescia, e dopo quattro tappe il ritorno nella nostra città. I più bei esemplari che hanno fatto la storia delle quattro ruote saranno alla partenza, dai musei usciranno vetture come Alfa Romeo, Mercedes-Benz, Bmw e Porsche,

vetture che avranno alla guida piloti di fama mondiale come Jackie Ickx, Jochen Mass, Ivan Capelli. Abbiamo detto quattro tappe, da Brescia il lungo serpentone partirà alle prime luci del tramonto direzione la Romagna, dopo aver toccato Desenzano, Sirmione, Peschiera del Garda per passare per la prima volta nel Parco Giardino Sigurtà, a Valeggio sul Mincio, Ferrara una volta fine tappa, ma anche in questa edizione è solo transito, per prendere direzione Rimini e qui fermarsi. Il giorno successivo(20 maggio) si affrontano i duri tornanti che portano a San Marino, poi Senigallia, Loreto, Macerata e dal mare si entra nell’entroterra Fermo, San Benedetto Rieti e arrivo nella capitale Roma. Breve sonno e si riparte risalendo lo Stivale Ronciglione, Viterbo, Siena, Firenze e dopo i passi della Futa, Raticosa, discesa verso Bologna, Modena, Reggio e finalmente Parma a metà pomeriggio di sabato. Nottata veloce e via per l’ultima tappa Cremona Lodi, Monza, Bergamo e dopo lo spiedo di Gussago arrivo in viale Venezia dove si acclamerà il vincitore. Speriamo che per questa edizione si parli in bresciano.

68


69


Il sapore della prima vittoria per Ilario Bondioni Ci sono molti modi per avvicinarsi ai rally, ma Ilario Bondioni, industriale dell’alta Vallecamonica lo ha fatto in maniera naturale, prima da appassionato poi con umiltà ha cominciato a correre prima con piccole macchine, poi da qualche anno il nostro driver ha fatto il famoso salto. A farlo maturare sotto l’aspetto sportivo e nella guida nei rally, è stato Tommaso Rocco, purtroppo recentemente scomparso colpito dalla malattia del secolo, Tommaso ex navigatore di piloti importanti come Andrea Dallavilla, a Ilario gli ha trasmesso la tranquillità necessaria per affrontare lo stress delle gare. Ma il cammino sportivo fra Ilario e Tommaso, si è interrotto troppo presto, il male lo ha strappato prematuramente agli affetti famigliari e al mondo dello sport, ma Bondioni non ha voluto dimenticare l’amico e quest’anno in occasione del Rally 1000 Miglia ci sarà un Trofeo dedicato alla memoria di Tommaso Rocco che verrà consegnato al miglior navigatore bresciano. “ Mi sembrava giusto ricordare un amico, ci dice Ilario senza nascondere la sua commozione, che tanto ha fatto per questo sport”. Ma la passione per i motori per Bondioni spazia a 360 gradi, dalla pista ai rally alle cronoscalate, nell’ultima edizione della “ Malegno-Borno” con una fiammante Ferrari gt, Bondioni ha dominato la sua classe inserendosi in classifica generale nelle alte posizioni. Quest’anno è arrivata anche la prima vittoria assoluta nel “Trofeo Lombardia Cup” al “ Rally delle Miniere” gara che si è svolta un mese fa in provincia di Piacenza al volante di una perforamante e veloce Skoda Fabia R5 di Alessandro Pedrocchi della DP Autosport. Una scelta azzeccata delle gomme fin dalla prima prova ha dato il via alla vittoria, agli avversari solo la lotta per le posizioni di rincalzo, per Ilario Bondioni una bella soddisfazione. “ Una vittoria che voglio dedicare all’amico Tommaso”. Ma la stagione continuerà? “ Impegni lavorativi permettendo, continua Ilario, farò sicuramente tutte le gare di casa, dal Mille Miglia dove penso di togliermi qualche soddisfazione, non avrò una vettura che mi possa permettere di puntare al podio assoluto, ma cercherò di puntare alla vittoria di classe”. Sempre con il preparatore Alessandro Pedrocchi della DP Autosport? “ Sicuramente, squadra che vince, ci dice Ilario con un simpatico sorriso, non si cambia”.

70


Si apre un’entusiasmante stagione agonistica per il CUS Brescia. Un anno ricco di progetti legati alla divulgazione di uno dei più nobili sport da pedana, sport in cui cultura sportiva, concentrazione e passione si fondono per consentire ad un gruppo di pallini, lanciati da un fucile, di raggiungere e frantumare in mille pezzi colorati un disco d’argilla, il piattello. Open Day, Corsi di Avviamento al Tiro a volo e di Pre-Agonistica, gare sociali e federali per rispondere ad una febbre di tiro a volo travolgente. E se imbracciare un arma di produzione bresciana, non è mai stato così facile, sempre più importante l’attività sociale della sezione che ormai conta su oltre 100 atleti. Quale lo spirito che guida il CUS ? Mauro Lodrini, tiratore e membro del consiglio direttivo, commenta così :”Quest’anno il Consiglio Direttivo ha aggiunto alla già ricca programmazione tanti nuovi eventi. L’effetto da un punto di vista tecnico è stato di impatto, regalando alla nostra sezione risultati inattesi tra i big del Tiro a Volo. Ma è da un punto di vista sociale, che abbiamo ottenuto i risultati più importanti, con tanti atleti che si aggiungono al gruppo storico e che con noi seguono un percorso fatto di amicizia, di sani valori sportivi e di passione per l’affascinante mondo dei fucili.”. Proprio l’attività agonistica la punta di diamante del progetto, con risultati di tutto rispetto nelle qualifiche Regionali a squadre e nella Coppa Campioni per società. Quali i propositi della stagione 2016 ? Commenta per il CUS, Nicola Perniola, capitano della squadra:”Ci siamo preparati al meglio per affrontare le competizioni del 2015, con l’obiettivo di migliorare classifica e punteggio. Così è stato ed ora guardiamo con fiducia al 2016. Mi sento di ringraziare non solo i miei compagni di squadra, che hanno con me la possibilità di rappresentare i colori del CUS, ma l’intero gruppo che ha stimolato il miglioramento individuale, il nostro coach Marco Micheli e gli sponsor del CUS che permettono che tutto questo si realizzi.” Grazie al CUS Brescia da oggi, avvicinarsi al tiro a volo, non è mai stato così facile, e tu non hai mai sognato di sparare ? Info&Credits: tiroavolo.cusbrescia.it | info@cusbrescia.it

72


Con il patrocinio di

Media partner

2016

C O R S I | AT T I V I TÀ | E V E N T I CALENDARIO CORSI DI AVVIAMENTO ALLO SPORT 1° Edizione 29 Marzo | 5, 12, 19, 26 Aprile 3 Maggio. Il martedì ore 20.15-22.30

2° Edizione 20, 27 Settembre 4, 11, 18, 25 Ottobre Il martedì ore 20.15-22.30

3° Edizione 21, 28 Settembre 5, 12, 19, 26 Ottobre Il mercoledì ore 20.15-22.30

CORSO DI PREAGONISTICA Edizione Unica - 12, 26 Marzo | 2, 9, 23 Aprile | 7 Maggio. Il sabato ore 14.15-16.30. La prova di tiro gratuita si terrà presso il TAV Bettolino

10 settembre 2016

Inizio ore 14.30. Prenotazione obbligatoria presso la segreteria del CUS Brescia. (tel. 030.2008624 tiroavolo@cusbrescia.it)

INFO E ISCRIZIONI

I corsi si terranno presso il Tiro a Volo Bettolino, SS235, 25030 Trenzano. Le iscrizioni si ricevono presso la segreteria del CUS Brescia. QUOTA D’ISCRIZIONE: 190 € per gli studenti iscritti all’Università degli Studi di Brescia (270 € per atleti non universitari). ERETTA.

CUS Brescia, Via Branze 41/42 - Tel 030.2008624 - tiroavolo@cusbrescia.it - tiroavolo.cusbrescia.it Proud Sponsor

COMMERCIO

ITALIA

NOLEGGIO

srl

S pecial C leaner P rofessional

tiroavolo.cusbrescia.it

www.beretta.com


Carmelo Monteleone con il suo staff ricrea il nuovo format televisivo sbaragliando non solo sul digitale terrestre ma anche in streaming

Z

anzaro è lo show televisivo, 100% Made in Italy, della domenica sera più seguito ed amato del canale televisivo bresciano RTB e quest’anno è giunto alla sua quarta edizione. Il programma, ideato e condotto da Carmelo Monteleone, va in onda tutte le domeniche dalle 19.35 alle 21.00 e, nel volgere di breve tempo, è diventato il padrone assoluto della domenica sera, imponendosi, in fatto di ascolti, come la vera ammiraglia dell'emittente RTB. Il meccanismo del programma quest’anno, pur mantenendo inalterata la sua struttura di base, ha messo in atto alcuni indovinati cambiamenti che hanno permesso di compiere un notevole balzo in avanti a questa fortunata trasmissione televisiva; infatti la conduzione del programma, vede l’esuberante padrone di casa, Carmelo, affiancato dagli ottimi Fabio Taormina e Gaia Pilla, un terzetto ben affiatato che si sta rivelando, puntata dopo puntata, un trio fresco e vincente.

Zanzarine & zanzarini

74


Il programma si svolge in diretta, con grande umorismo inframmezzato da momenti esileranti di pura televisione, coinvolgendo tutto lo staff, da citare sempre piacevoli le "zanzarine e i zanzarini", ma anche la novitĂ della voce fuori campo e i vasti ospiti che si esibiscono tutte le domeniche. Nel palinsesto di questa trasmissione di crescente successo, si confermano le tantissime rubriche,tra le quali: "A spasso con il Vip" Di Fabio Taormina, "Calabria Cost to Cost" di Fernando Raffaele, "Sir. Michael" di Michael Vitali, il famoso mago “Angelo dell'amore" e molte altre. Insomma si tratta di un format piacevole e coinvolgente che abbraccia un target ampio e trasversale, ideale per tutta la famiglia, in onda tutte le domeniche su RTb canale 72 ed in streaming su www. zanzaro.it I NOSTRI INVIATI

Fernando Raffaele

Luca Gatta

In ultimo, un consiglio:

NON PERDETEVELO ! Tutte le Domeniche alle ore 19:35 SU RTB OPPURE IN STREAMING SU WWW.ZANZARO.IT FOTO: Francesco Basile Facebook: FOTOBASILE

75

Michael Vitali


a cura Diego Baiano

Aspettiamo sempre qualcosa... Che qualcuno arrivi, che smetta di piovere, che arrivi il lunedi, che le festivita' passino, che i figli crescano... Non siamo in grado di sconfiggere i nemici invisibili, ma almeno quelli vestiti da scuse e che usano la nostra testa travestiti da frustrazioni, paure e incertezze, possiamo batterli! Possiamo sconfiggere perfino gli incubi che ci tormentano nel sonno. Basta accorgersi che solo noi possiamo fare qualcosa,che dipende solo da noi,che siamo noi il nostro miglior amico,che siamo i primi che possono correre a salvarci e siamo noi a sapere quello di cui abbiamo bisogno e quello che dobbiamo fare. Quindi smettiamola di tenerci tutto dentro,di aspettare sempre il momento giusto, o aspettare un segnale da qualcuno che non esiste e che non arrivera' mai . Cambiamo quello che possiamo a partire da oggi ! Questo e´quello che mi sono detto un giorno come tanti, dopo circa quattro anni di stop da ogni tipo di attivita´ fisica... Quel giorno come tanti di settembre ho deciso di riprendere ad allenarmi e ritornare ad avere un fisico duro e scolpito! Ti propongo quindi il mio stesso allenamento,che ho deciso di chiamare "la rinascita fisica" Durera´3 mesi e ti permettera´di essere tonico per l'estate. La prima fase dura esattamente un mese * Fase 1 "rinascita fisica" Alternare il circuito A ed il circuito B riposando un giorno tra uno e l'altro. Ogni esercizio deve durare 20 secondi, poi riposa 40 secondi e passa al prossimo . In ogni allenamento ripeti il circuito almeno 4 volte. Il riposo tra un esercizio ed un altro e´importante cosi´come e´impportante che ce la metti tutta durante i 20 secondi di allenamento...I successivi 40 secondi di riposo saranno il tuo premio.

1.Burpee con salto Parti dalla dalla posizione eretta(a),effettua uno squat(b),porta le gambe indietro di scatto ed effettua una flessione(c),riporta le gambe in posizione di squat ed effettua un salto. 2.Trazioni alla sbarra (lat machine per i meno esperti) Afferra una sbarra per trazioni e tirati su fino al mento(a), ritorna nella posizione di partenza(b) e ripeti 3.Affondi camminando Afferra 2 manubri,fai un bel passo lungo in avanti e piega il ginocchio a 90˚(a) e porta il ginocchio della gamba dietro a pochi cm dal pavimento, ritorna nella posizione iniziale andando avanti (b) ed inverti gamba. 4.swing con kettlebell a 2 mani In piedi,gambe aperte leggermente piu’ delle spalle,afferra la maniglia, piega le gambe e tieni la palla verso il basso(a), nel momento che distendi le gambe porta la palla in avanti all’altezza delle spalle(b) 5.salto della corda 76


1.oscillazione manubri stile sciatore Afferra 2 manubri ,tieni le braccia lungo il corpo ,piedi alla stessa larghezza dei fianchi e ginocchia leggermente piegate(a). Piegati in avanti e fai oscillare le braccia indietro concenjtrando il movimento su tricipiti e deltoiti(b) , ritorna in posizione eretta e fai oscillare i pesi in avanti all’altezza del petto(b) 2.stacchi da terra a gambe tese con manubri Afferra 2 manubri,gambe alla larghezza delle spalle, scendi con i manubri lungo le gambe senza curvare la schiena(a). Risalire concentrando l’esercizio su bicipiti femorali e glutei i(b). 3.trazioni al trx Posiziona il trx all’altezza della vita ed afferralo tenendo le mani alla stessa larghezza delle spalle(a), inizia il movimento tirandoti su spingendo le scapole all’indietro ed i gomiti abbastanza aderenti al corpo(b) fai una piccola pausa quando sei su, ritorna controllando il movimento alla posizione di partenza e ripeti. 4.push press con manubri Afferra 2 manubri e tienili all’altezza delle spalle tenendo leggermente le ginocchie piegate(a). Piega di piu’ le ginocchia come per fare uno squat(b) e poi spingi in su le gambe con forza portando i manubri sopra la testa(c) ,abbassa lentamente i manubri, ritorna alla posizione iniziale e ripeti.

5.step in avanti Assumi la posizione da flessioni (a)guardando una pedana da step(va bene qualsiasi rialzo) sali e scendi una mano alla volta dallo step(b) 6.salto della corda

a cura Diego Baiano Photo by Ferrazz

77


a cura di Lorenzo Tiezzi

Classe 1984, Luca Facchini, al mixer Liuck, è un dj producer italiano. Originario della provincia di Brescia, si è esibito con successo crescente in diversi club del nord Italia. Le sue produzioni, sempre o quasi realizzate col bergamasco Fabio Xb, fanno ormai il giro del mondo e sono supportate da star della musica trance come Armin Van Buuren. Il suo podcast mensile, Miuzik, è un radio show trasmesso anche da Afterhours.fm, web radio che è un punto di riferimento mondiale per gli appassionati di musica trance. Tra le sue produzioni musicali più recenti “’Back To You vs Fabio XB Ft Christina Novelli’, remixata pure da Merk & Kremont e suonata più volte proprio da Van Buuren. Che sta succedendo nel tuo mondo musicale in questo periodo? Cosa bolle in pentola? Sono molto soddisfatto, ho firmato con una importante Label per l’uscita del mio prossimo singolo. E’ una traccia vocal progressive trance non troppo lontana dal sound delle mie produzioni più recenti. Ma ha dentro una piccola “rivoluzione” nei suoni. Nel frattempo non sono stato fermo e sono in fase di ultimazione con un altro singolo strumentale, che credo sarà pronto molto presto. Primavera 2016. Che sound ti sembra stia funzionando in discoteca e nei festival? Seguo poco la scena italiana, anche perché sono spesso

in studio… Ho seguito però streaming una parte della più recente edizione di A State Of Trance in Olanda, la one night di Armin Van Buuren. E’ stata tragicamente segnata dall’incidente a Paul Van Dyk. Per quel che riguarda la musica, nel mondo Trance, la tendenza mi sembra quella della “PSY”, o comunque a tornare verso brani più accelerata… ma questo non cambierà il mio percorso. Lavoro da sempre su quello che mi emoziona, più che su quello che “passa in radio”. Che tecnologia usi in console? Credi che cambi tutto usando cd, vinile o computer? Sono figlio dell’era dei CDJ e richiedo quelli per i miei live set. Ho bisogno dei modelli professionali con porte USB. Ma non giudico o critico chi fa scelte diverse: ogni strumento / tecnica è un’opportunità in più. Chi si fissa sullo strumento e non sull’artista a mio avviso perde di vista l’importante. Ho ascoltato set magnifici sia con i CDJ sia con vinili o nuove strumentazioni, ogni tecnologia ha delle frecce al suo arco. A casa ho una coppia di Technics, mi riprometto sempre di spenderci sopra più tempo per acquisire manualità, un giorno spero di trovarlo. Che stavi facendo un attimo prima di rispondere alle nostre domande? Mi stavo dedicando ai social, per i quali vale il discorso fatto proprio ora per la tecnologia… Sono uno strumento 78


come tanti, usati in maniera intelligente sono una miniera fondamentale per un artista ai nostri giorni. Grazie a loro sono in contatto con produttori, dj o fan da tutto il mondo in maniera immediata ogni giorno, mi permettono di scoprire un sacco di musica nuova. Quali sono i brani pop e/o da ballare che ti piacciono di più in questo momento? Mi piace molto la nuova traccia di Tritonal, intitolata “Blackout” e nei miei set partono spesso con “Strong Ones” di Armin Van Buuren. Che consigli daresti ad un giovane dj? Citando il celebre libro di Susanna Tamaro: va dove ti porta il cuore. Credo la chiave sia lì, trovare la propria strada. Poi ovviamente documentarsi, ascoltare un sacco di musica, non avere paura di chiedere ed avere l’umiltà di ascoltare e voler imparare. C’è davvero crisi nel mondo della notte? Un po’ di crisi c’è, certo, ma come mai solo ora un dj come Calvin Harris è una super-star? Il Dj è molto più “rockstar” oggi di quanto lo sia mai stato… ma forse i club sono un pianete diverso, più legati alla scena underground. Oggi, invece, ci sono un sacco di Festival di successo. Insomma, il mondo cambia sempre. Non credo che il mondo della dance sia in crisi, anzi; però vive una fase di cambiamento e come in tutti i cambiamenti c’è chi ci guadagna e chi ci perde. Se tu potessi andare in vacanza in questo periodo, dove andresti e perché? Andrò presto New York per la frenesia della grande mela. E poi mi rilasserò su una spiaggia in Costa Rica con la tavola da Surf, approfittando per ricaricare le energie e gettare le basi dei nuovi progetti.

Ristorante Pizzeria

dal martedì al venerdì una piacevole

PAUSA PRANZO Via Lunga, 24 Brescia Tel 030 310815 Pizzeria “La Pastorella”

C’è una città in cui la nightlife ti sembra particolarmente viva in questo periodo? Si avvicina l’estate, Ibiza tornerà presto ad essere l’ombelico del mondo per la nostra scena e quest’anno non voglio perdermela. Come ti vedi tra 15 anni, a livello personale e professionale? Spero non troppo diverso, bensì con lo stesso spirito, la stessa voglia e curiosità. Sono da sempre convinto che non ci sia un’età in cui si “diventa grandi”. Ogni giorno lavoro per migliorarmi in tutto quello che faccio... fra 15 anni ne avrò 46, credo un’età che salute permettendo mi permetterà di mantenere lo stile di vita di oggi, non sarò troppo vecchio.

NON A DIETA VuoiSONO vedere i risultati?... SONO INSeguici TISANOREICA! su PRIMO NEGOZIO A BRESCIA Tisanoreicaprimaedopo2 VIA LAMARMORA 122 Per saperne seguici su

Lorenzo Tiezzi Via Lamarmora, 122 BS - Tel. 030 5310562 Cell. 392 5642973 79 intisanoreica.brescia@virgilio.it - Tisanoreica Brescia


I nostri clienti sono sempre protagonisti indiscussi, noi ci impegnamo a farvi divertire, sognare e sopratutto emozionare.

LUCI SCENOGRAFICHE

AUDIO, CONSOLLE & DJ

ALLESTIMENTI EVENTI

BAR CATERING

VIDEO LED WALL

EVENTI AZIENDALI

Via Torino, 8 - 25125 Brescia, Tel: 030.349119 / 333.8406100 - www.deejaychoice.it - info@deejaychoice.it Seguici on line:

deejaychoice eventi


Nessun colore è proibito by Federica Cocco

6. Con chi sogni di collaborare? Tra i rapper italiani Salmo ed Emis Killa. Tra quelli stranieri indubbiamente Eminem e fuori dal contesto hip hop con Sia.

1. Come mai hai scelto come nom d’arte MR Rain? Perché scrivo molto durante i giorni di pioggia. 2. Brescia è pronta per il tuo genere musicale? Io sono abbastanza mainstream e alla portata di tutti, quindi credo di si.

7. Progetti per il futuro? Tra poco più di un mese uscirà il mio nuovo singolo e a fine anno l’album. 8.Quali rapper ti piacciono nel contesto bresciano? Galup, con cui ho collaborato molto, Mario dei Fratelli Quintale e JLavia.

3. Brescia è un buon trampolino di lancio? è stata utile per farmi pubblicità e la ringrazio molto, ma forse Milano sarebbe stata più adatta al mio genere. 4. In gara a Sanremo quest’anno ci sono stati due rapper. Cosa ne pensi? Clementino mi piace veramente tanto e meritava la vittoria. Rocco Hunt ha portato questo genere all’Ariston quindi merita tutto il mio rispetto. 5. Cosa manca a Brescia per aiutare di più questo genere musicale? Manca la solidarietà e l’amicizia tra rapper.

81


essione? …..in sette secondi

E SORRISO: erso il vostro amichevole ate o labbra

SICO: Qui a secondo i la cura della per uomini decisamente

Mantenete a alta. Evitate dente segno tore. DI MANO: e il “pesce ssere come il a. INTERESSE: ersone sono ha le pupille che indica a persona. INVADENTE: zio vitale del vicino, mai

LA DELLO ete davanti ggior numero velocità del

pressione può ingannevole. uizione in un evitabilmente vi impedirà di conoscenza.

e iscrizioni ai o. mariblogger@

Nina www.beingmeonly.wordpress.com Facebook: nina beingmeonly Mail: elisamariblogger@gmail.com

Carissime lettrici e lettori,

Siamo arrivati a Marzo ed in questo mese risorge la Primavera; ci sono le prime giornate miti di sole e rinasce la voglia di novità e cambiamento, che contraddistingue l’avvicinarsi della bella stagione. Io ho già iniziato a modificare, seppur con le dovute attenzioni, il mio modo di vestire. Ho lasciato parzialmente in disparte maglioni, giacche, cappotti e piumini, per indossare qualcosa di più carino, femminile e leggero. T-shirt con gonna o pantaloni, jeans o leggings, con tacchi oppure sneakers, giubbino più leggero in pelle o in denim, eco pelliccia leggera a coprire il tutto. Vi voglio presentare alcune foto mie e della nuova Capsule Collection da me disegnata di T-shirt, rigorosamente quindi made in Italy e fashion designed. “Elisa JOY Design”, le mie T-shirt, originali, uniche e sempre attuali, con disegni fashion, e modelli vari. Stampate ad acqua, ecosostenibili ma durature nel tempo. I miei disegni di ogni T-shirt sono graziosi, accattivanti e ricercati. Ricordate, “Elisa JOY Design” le mie T-Shirt. * Per info sulla Capsule Collection non esitate a contattarmi.

Grazie Elisa Melly Founder e Blogger www.mellyfashionvoyagerblogspot.it di Elisa Lubrani Vi invito a seguirmi sul blog www.mellyfashionvoyager.blogspot.i Elisa Melissa FashionVoyager

82

Per restare sempre aggiornati82 sui miei articoli e sulle novità e tendenze del momento


35

83


www.lucaroda.it 84


Consigli da matrimonio

2. Rosso C'è chi invece decide, se sposa colorata deve essere, di andare fino in fondo: rosso. Il colore dell'amore e della passione viene preso in parola, come simbolo potente ed eloquente. Certo, indossare un abito da sposa rosso, o nelle sue varianti bordeaux, marsala, corallo, richiede un coraggio da poche, ma se senti che fa per te, perché non azzardare? Mamma e suocera se ne faranno una ragione... 3. Oro e metallico Scintillare: è questo che vogliono le spose che scelgono di indossare abiti color oro, o con riflessi metallici. Certo, a prima vista possono sembrare abiti da Notte degli Oscar, ma con il giusto modello, possono diventare una scelta esplosiva, molto ammirata. Immagina un abito da sposa scivolato, stile anni '20, e il metallic ti verrà in mente da sé come l'opzione di colore e materiale più adatta. Non ci credi? Guarda queste foto!

Non tutte le donne, per il giorno del loro matrimonio, sognano l'abito bianco. C'è chi ritiene di stare male in bianco, chi addirittura pensa sia una tradizione da superare, chi preferisce il colore. Se anche tu sei una di loro, abbiamo pensato a 4 alternative per un abito da sposa colorato. Se finora pensavi che fosse soltanto un'idea astratta, che non avresti mai reso realtà, adesso puoi ricrederti: indossare un abito da sposa colorato, o comunque non bianco, è possibile. Ti servirà soltanto un pizzico di coraggio per questa scelta controcorrente, e un'idea precisa che potresti prendere dai nostri suggerimenti qui sotto.

4. Stampe Un'altra scelta d'abito che potrebbe far discutere parenti e invitati sarebbe un abito da sposa di tessuto stampato. Tieni però a mente che le stampe possono essere anche molto delicate, tenui, semplicemente un modo per movimentare un abito a tinta unita altrimenti troppo piatto. Se ami le stampe, scoprirai come in realtà l'offerta di abiti da sposa floreali è molto ampia. Un abito da sposa a stampe sembra infine il giusto compromesso tra la delicatezza di un abito da sposa tradizionale e quel tocco in più che stai cercando per distinguerti da tutte le altre spose.

1. Cipria Cipria, nudo, rosa pallido: sono le prime alternative al bianco che vengono in mente per un abito da sposa colorato. Una scelta di compromesso tra il bianco della tradizione e il rosso della provocazione, certamente un modo elegante per non scegliere il bianco restando comunque nell'area della discrezione e della delicatezza. La morbidezza di queste tonalità renderà il tuo look da sposa romantico e principesco.

Per info e commenti: www.eventique.co; info@eventique.co

85


Postazione make up fai da te istruzioni per l'uso

Quante di voi vaghiamo come nomadi, con in mano i nostri trucchi alla ricerca di un luogo dove farsi bella? Personalmente , non rientro tra le “fortunate”che possono vantare di avere una vera e propria postazione make up, mi divido equamente tra il bagno al piano terra e quello al primo piano (dove una luce orribile mi fa sembrare arancione). Ho deciso che questa situazione deve cambiare e ho cominciato a buttar giù qualche idea . Partiamo dalle regole base per il vostro make up storage. 1) Organizzazione dello spazio Non tutto deve essere collocato su un piano di lavoro: creme idratanti, o prodotti particolari devono essere tenuti al riparo dalla luce. 2) Vetro Il piano del tavolo in vetro sarebbe di regola più gestibile in caso di pulizia. 3) Make up organizer: sono indispensabili. Quelli in plastica trasparente hanno innumerevoli vantaggi: vi permettono di vedere a colpo d'occhio il contenuto, sono economici e per di più si adattano a qualsiasi tipo di arredamento. 4) Specchio: inutile dire che è fondamentale. Deve essere appeso ad altezza degli occhi, tenete in considerazione questo aspetto quando acquisterete la vostra sedia o sgabello. Attenzione alle distanze; meno di 30 cm di distanza dallo specchio sono davvero pochi: avendo un'immagine distorta finirete per aggiungere make up non necessario. 5) Luce Raramente la luce artificiale è sufficiente quindi dovrete fare affidamento sulla luce artificiale. La scelta dovrebbe cadere su lampadine da 85/ 105 watt con luce fluorescente bianca. Il vostro viso dovrà sempre essere di fronte alla luce. Una volta acquisite queste informazioni, passiamo alla pratica. In rete ci sono diverse toelette con tavolo e specchiera carine, ma i prezzi generalmente sono un po' alti. Una soluzione economica e funzionale potrebbe essere la mensola con lo specchio. Ovviamente saranno i dettagli e il vostro stile che faranno la differenza. E voi? Avete una postazione trucco ? Avete qualche idea per realizzare la mia ? Postatela su facebook a Meddi Meddi .

Meddi Meddi Founder & Blogger www.meddiness.com

86


Rendi speciale il giorno del tuo

Matrimonio Indossa un

Make Up da sogno!

Make up artist professional for passion Email: borana.vane@gmail.com SitoWeb: www.boranavane.it 87

Sorgente immagine: www.galialahav.com


" LA SALOPETTE " Cari amici, questo mese voglio parlarvi di un capo d’abbigliamento molto particolare, che sicuramente non piacerà a tutti, ma è senza ombra di dubbio un capo in grado di rendere i nostri look veramente particolari: sto parlando della salopette.

Dovete sapere che la salopette nasce come un capo unisex e non è altro che un pantalone dalle gambe più ampie del normale, caratterizzato da un prolungamento sul busto in forma di una pettorina mantenuta da due bretelle incrociate sulla schiena. Normalmente è realizzata in tela denim ed è dotata di più tasche. La salopette nasce nella seconda metà del xx secolo come indumento da lavoro, realizzata per la prima volta da Levi Strauss è stata subito apprezzata per via della sua resistenza e della sua praticità. Nel corso degli anni 60 è entrata a far parte del guardaroba casual di molte persone e negli ultimi decenni ha fatto più volte incursione anche nel mondo “fashion”. Nel coso del tempo la salopette è stata riproposta non solo in jeans ma anche con delle variazioni in cotone e in lino, senza mai perdere però il suo tocco casual. Inoltre, può essere indossata con disinvoltura sia con la pattina alta o con le bretelle scese e in base alla stagione esistono delle varianti con il pantalone corto. La salopette è in grado di rendere i nostri look attuali, con quel tocco di disinvoltura: un look tutto da sfoggiare e da arricchire magari con degli accessori. Le salopette in denim sono state proposte recentemente da diversi brand, anche low cost. Chiare, scure, in jeans vissuto o nuovissimo adatte per un pomeriggio casual e per serate alternative. Se indossate con camicia a quadri si ottiene subito un perfetto stile country. La cosa bella della salopette è che se la indossiamo anche con una semplice tee colorata, il nostro outfit non risulterà mai banale!  

Gabriele Giuzzi Fashion & Lifestyle, blogger www.smartdiamondstyle.com info@smartdiamondstyle.com

88


r e g r u b o t s i R

ak

i os i l n o v a c a i f r I e m a ta n a i u n q r n i a c C Anni le migliori o e nd o m l da

te S & r ge

bur

it . r e g r u .ristob

www

stea k

burger o t r e ap he anc nzo a pra

hou

se gourm et

50’S RISTOBURGER Rezzato (BS) - Via Giuseppe Mazzini 59 -Tel. 030.2592190 89


la ricetta consigliata PANE PER HAMBURGER SENZA GLUTINE CON MANZO, POMODORO, INSALATA E MAIONESE Tempo: 45 minuti più riposo Difficoltà: Facile

INGREDIENTI X 4 PERSONE - 500 g Mix Rustico Revolution - 100 g acqua - 100 g latte fresco - 25 g lievito di birra - 5 g di zucchero - 80 g margarina bio consentita - 8 g sale fino - 60 g semi di sesamo - Mix pane Revolution per lo spolvero - 2 uova sbattute per spennellare

Per la Farcitura - 400 g Filetto di manzo - Sale fino - Pepe nero macinato - 1 ciuffo di prezzemolo - 4 foglie di lattuga - 2 pomodori tagliati a fette - 200 g di maionese consentita

PROCEDIMENTO Prendete la carne e riponetela su un tagliere e battetela al coltello fino a renderla una poltiglia, riponetela in una terrina, aggiungete una presa di sale fino, un pizzico di pepe, tritate finemente un ciuffo di prezzemolo ed aggiungetelo alla carne, mescolate bene il tutto con un cucchiaio fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti e riponete la terrina con la carne in frigo. Per il pane: Disporre il mix in una terrina e mescolare bene con un cucchiaio, creare un foro. Sciogliere il lievito in una seconda terrina con il latte, l’acqua e lo zucchero e unire alle farine; amalgamare il tutto, molto lentamente, quindi aggiungere, la margarina e il sale e lavorare fino a ottenere un composto morbido. Mettere a riposare il prodotto per circa 40 minuti in una terrina comprendo il tutto con una pellicola ed avendo cura di bagnare la superfice dell’impasto. Quando avrà raddoppiato il proprio volume, infarinarsi le mani e formare con l’impasto delle pagnottine di circa 140/150 g l’uno. Riporre le pagnottine su una teglia coperta con carta da forno, schiacciare con le mani fino a dare la forma di un panino hamburgher e metterle nuovamente a lievitare nel forno spento per circa 1 ora. Preriscaldare il forno a 230°, prima di mettere in forno i panini spennellare con dell’uovo sbattuto i panini e spolverare con i semi di sesamo; cuocere nel forno ben caldo per 5 minuti, trascorso il tempo indicato abbassare la temperatura a 200° e far cuocere per altri 25 minuti. Trascorso il tempo di cottura estrarre i panini dal forno e far raffreddare il tutto su una griglia rialzata per farli asciugare bene. Scaldare bene una griglia sul fuoco a fiamma vivace, nel frattempo riprendere la carne e schiacciare bene con le mani dando la forma di un hamburgher, mettere a cuocere la carne sulla griglia per circa 5 minuti avendo cura di girare la carne quando necessario, aggiustare di sale. Aprire i panini con un coltello, aggiungere una foglia di lattuga, 3 fette di pomodoro, aggiungere la carne, completare il panino con dei ciuffi di maionese e servire.

Ricetta: Marco Scaglione Farina: Revolution New Food Fotografo: Studio Fotografico Bolognini

90


REALIZZIAMO E PROMUOVIAMO

I TUOI EVENTI

91


Mi chiamo Tiziano Zini,vivo a Travagliato in provincia di Brescia. Frequento il quarto anno di perito meccanico e la mia grande passione è il ciclismo che pratico da ben undici anni questo sport mi tiene impegnato molte ore tutti i giorni, mi piace uscire con gli amici, giocare alla playstation, ascoltare la musica e adoro ballare. Il mio sogno più grande è diventare un ciclista professionista ma ci vorranno ancora moltissimi sacrifici che sto gia facendo con grande entusiasmo perché è il mio desiderio più grande. Grazie ai miei genitori ho potuto frequentare dei corsi a Milano per un' altra delle mie passioni la moda, ho studiato portamento, trucco, recitazione e ogni tanto lavoro come indossatore e ragazzo immagine è un mondo che mi piace moltissimo, vestire fashion mi fa stare bene e sulla passerella mi sento a casa! Saluto tutti i lettori di Bresciaup che ringrazio per avermi scelto come modello del mese .

TIZIANO ZINI 92


93


Greta Ray ha sempre adorato il mondo della Moda e della Musica, tanto che canta dall’età di 4 anni. A 5 anni posa per una nota rivista “Famiglia Cristiana” dove le dedicano 5 pagine. A 7 anni prende il titolo di solista nel coro della scuola. In seguito le viene regalata la sua prima tastiera. All’età di 9 anni si iscrive ad un corso privatista di pianoforte, seguendo l’insegnante per circa 5 anni. La sua passione per la musica cresce sempre di più e negli anni successivi si esibisce cantando con band della zona girando locali e piazze. Nel Novembre 2014, viene contattata dal cantante Alex Normanno per un casting riguardante il Talent Show Bravissima 2015. Il casting si svolge al Rymax Studio dove si propone come modella e cantante e conosce il produttore Massimiliano Cenatiempo, diventando suo maestro di canto e tutt’ora suo manager personale. Nell’Aprile 2015, partecipa ad un concorso canoro “Stasera canto io”, a Como, passando la semifinale e classificandosi terza nella finale. Il seguente Settembre, a Mantova, partecipa alla finale regionale di Bravissima 2015 passando il turno per la finale nazionale in entrambe le categorie, ovvero canto e moda. 94


Il 20 Novembre parte per Torino per realizzare il suo traguardo alla finale nazionale di Bravissima 2015,vincendo nella categoria moda, sezione fotomodella; Greta afferma: " Non avrò vinto il titolo di Bravissima 2015, ma sono entusiasta del mio grande risultato, e prometto che continuerò sempre al meglio il mio fantastico percorso". Due settimane dopo la finale di Torino, si reca negli studi di RTB Brescia come ospite, accolta da Valerio Merola, affrontando una super intervista in cui parla di lei, dei suoi progetti futuri e delle sue impressioni sul Talent Show Bravissima 2015, sfilando in abito da sera e costume durante la trasmissione. Da Gennaio 2016 sarà ospite al fianco di Valerio Merola tutti i venerdì sera alle 21:00. L’8 Dicembre, Greta, grazie alla grande regista Sara Battisti fa parte in qualità di modella al musical "FASHION" nel teatro Modernissimo di Nembro (BG). Nei giorni seguenti, Greta insieme a tutti gli artisti di Rymax studio, compreso il produttore Massimiliano Cenatiempo, realizzano un book fotografico per la cover Natalizia uscita il 18 Dicembre 2015. Greta perteciperà nel 2016 in qualità di ospite in diverse serate organizzate da Grimm’s Eventi, cantando nelle piazze e nei locali italiani con Mery Merolla, Max Cenatiempo e la sua band. Oggi Greta ha 16 anni e la sua più grande ambizione è diventare una Modella e una Cantante professionista.

Vuoi essere sempre aggiornato sui nostri eventi? Vuoi esser e sempr e

aggior nato sui nostri eventi? Inquadra il QR Code,

il form sottostante Vu o icompilando essere sem pre rimarrai sempre aggiornato Inquadra il QR Code, su ag g icompilando o rn ato su i nos tri tutte le nostre il forminiziative! sottostante tis?e m Vu o irimarrai e seven s e reaggiornato sempre su pre

tuttealeto nostres iniziative! a g g io rn u i nost ri even ti?Code, Inquadra il QR

compilando il form sottostante Seguici anche su:

rimarrai sempre aggiornato Inquadra il QR Code, su www.bresciaup.it

Seguici anche su:

tutte le nostre compilando il forminiziative! sottostante

rimarrai sempre aggiornato su www.bresciaup.it

tutte le nostre iniziative!

La vignettA DEL MESE DI RICKY Seguici anche su: MODENA www.bresciaup.it

Seguici anche su:

www.bresciaup.it

95


Oroscopo2016 I CONSIGLI DELLE STELLE

Ariete Ad Aprile sembra tutto perfetto per un manager all’altezza del proprio compito. Se soffrite di solitudine cercate altrove una distrazione: forse un viaggio può andar bene o una nuova idea.

Toro Ad Aprile un’energia straordinaria vi fa guardare lontano e gli amici non vi riconoscono più. Siete diventati ottimisti: valutando il cammino percorso c’è solo da continuare così!

Gemelli Ad Aprile ognuno fa un’osservazione e dovete decidere se ascoltare i consigli di saggezza o continuare per conto vostro su strade inesplorate. C’è il rischio di non essere seguiti e di perdere economicamente: riflettete.

Cancro Ad Aprile qualche problema. Fatevi capire meglio: gli equivoci non servono a migliorare, la lealtà porta fortuna soprattutto nella coppia e la vita si organizza sempre meglio. Leone Ad Aprile la fatica frutta sempre e chi vuole gestirvi dovrà mettersi da parte. Non siete schiavi dell’amore o del giudizio di chi vi tiene legati, potete sempre cambiare idea: fatelo presente.

Vergine Ad Aorile, sempre più incisivi, rispetterete le esigenze di chi vi ama. Gli altri non contano: resisterete alle tentazioni scegliendo voi chi frequentare, e ne trarrete vantaggio.

Bilancia Ad Aprile state preparando un piano d’azione interessante. Lo tirerete fuori all’ultimo momento e sapete già dove volete arrivare. Avete compiuto un lungo cammino e il partner vi ammira, disposto ad aiutarvi.

Scorpione Ad Aprile qualcuno pretende di gestirvi ma non è capace di darvi sicurezza. Anche fare da soli presenta incognite, ma c’è la soddisfazione della libera scelta. Comunque vada avete coraggio!

Sagittario Ad aprile energia, tanta passionalità e seduzione, e volete imporvi a tutti i costi ignorando gli appelli alla prudenza e creando un presupposto finanziario per mettervi al sicuro.

Capricorno Ad aprile chi vive con voi non vi sopporta perché vi siete fissati con le performance. Non volete farvi sfuggire nulla: il tempo perso costa e la motivazione sparisce.

Acquario Ad aprile, sempre più determinati controvento e contromano: a voi piace così, e anche a chi vi ama non dispiace rischiare. Può giungere del lavoro, rimboccatevi le maniche, il guadagno è assicurato.

Pesci Ad aprile i mille dubbi complicano la marcia vincente ma il partner vi aiuterà e gli amici anche. Scoprirete che un apporto di denaro ben guadagnato vi solleva dai pensieri.

96


Profile for BresciaUp Magazine

Marzo 2016  

Marzo 2016  

Advertisement