__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 86

di Giulia Grechi

Ph. by © Sonja Linke

TASTE THE DIFFERENCE - LOVE DIFFERENCE Intervista a Sonja Linke

1

Sonja Linke è co-curatrice del progetto Love Difference – Movimento Artistico per una Politica InterMediterranea, promosso dalla Cittadellarte – Fondazione Pistoletto per favorire il dialogo tra le culture attraverso l’arte. Giulia Grechi: Come nasce il progetto delle Pasticcerie Love Difference? E come si inserisce nella visione della Fondazione Cittadellarte di Michelangelo Pistoletto? Sonja Linke: Cittadellarte - Fondazione Pistoletto è nata 10 anni fa per portare avanti dei progetti artistici e creativi al fine di favorire una trasformazione sociale responsabile: l’economia, l’educazione, la politica, l’ecologia o la gastronomia hanno un legame consolidato con l’arte, e una delle espressioni di questa interdisci-

plinarietà è il progetto delle Pasticcerie Love Difference, che usa la gastronomia per parlare con le persone e conoscere le loro realtà. Michelangelo Pistoletto e Love Difference – Movimento Artistico per una Politica InterMediterranea, per esempio, hanno presentato alla 51° Biennale dell’Arte di Venezia e al World Summit on the Information Society di Tunisi un nuovo gelato al gusto di halva (pasta di sesamo molto diffusa nei paesi arabi del Mediterraneo e nell’area balcanica), la cui ricetta viene condivisa secondo la logica del free knowledge, cioè della libera diffusione della conoscenza. Il Gelato Love Difference rappresenta il passaporto culturale per mettere in relazione e avvicinare, attraverso il gusto, le culture del Mediterraneo. L’idea del gelato porta a progettare un’attività di pasticceria che attraversi tutta l’area del Mediterraneo per attivare, con la creatività, incontri culturali ca86

paci di valorizzare le differenze, rivolgendosi ad artisti, pasticcieri, chef, creativi interessati a cooperare. I partecipanti sono stati scelti attraverso una open call lanciata da Love Difference alla fine del 2007, per raccogliere una varietà di proposte che traducessero il dialogo interculturale nella scelta degli ingredienti e nel processo di elaborazione. G.G. Il cibo è, in maniera incontestabile, legato al concetto di cultura e di identità. Spesso questa relazione passa attraverso un radicamento nel senso di appartenenza, nel folclorico, secondo una concezione di cultura ancorata a presupposti nazionalistici e prigioniera di concetti come “origine” o “autenticità”, piuttosto che transitare in un altrove sincretico e interculturale. Quest’ultima prospettiva è tesa a valorizzare gli aspetti dinamici  e  processuali  delle

Profile for Queimada - Brand Care

Brand Care magazine 003  

Brand Care magazine è la rivista di marketing, creatività, comunicazione, tecnologie, business, culture e formazione edita dalla società di...

Brand Care magazine 003  

Brand Care magazine è la rivista di marketing, creatività, comunicazione, tecnologie, business, culture e formazione edita dalla società di...

Advertisement