Issuu on Google+

Braden SRL 2013 HORECA MAGAZINE


clic sull'icona per inserire un'immagine •

Contents

Pg 3 -Pizza Express & Lifetime Training launch UK’s First ‘Pizzaiolo Apprenticeship • Pg4 -About us • Pg 5-Fast-food industry: healthy or just hanging on? Pg 7- Our courses • Pg 11- Recipes • Pg 17-Horeca Events • Pg 23- Loreto Aprutino


NEWS

Pizza Express & Lifetime Training launch UK’s First ‘Pizzaiolo Apprenticeship’

Pizza Express & di Lifetime formazione lancio nel Regno Unito First ' Pizzaiolo apprendistato '

Skills minister Matthew Hancock said: "Hands-on experience with one of the country's leading restaurant chains will prove invaluable for people wanting to go into hospitality."

Pizza Express Apprendisti Skills ministro Matthew Hancock ha detto: " Esperienza pratica con uno dei principali catene di ristoranti del paese si rivelerà prezioso per le persone che vogliono entrare in ospitalità. "

The first ever nationally recognised qualification in the art of pizza-making has been launched. Over the next three years 200 new apprentices across the nation will learn under the tutelage of expert Pizzaiolas, receiving top-quality training in the essential skills needed to kick-start their career as a professional chef.

La prima qualifica riconosciuta a livello nazionale mai nell'arte di pizza -making è stato lanciato. Nel corso dei prossimi tre anni 200 nuovi apprendisti in tutta la nazione impareranno sotto la tutela di Pizzaiolas esperti , la ricezione di formazione di alta qualità nelle competenze essenziali necessarie per avviare la loro carriera di uno chef professionista .

Lifetime Training, in partnership with renowned restaurant group PizzaExpress and vocational education specialists City & Guilds, has created the one year ‘Pizzaiolo


OUR COMPANY The firm Braden was born by people with more than thirty-year experiences in the commercial interior design. Its main activity is planning, manufacturing and marketing equipments and furniture for HO.RE.CA. business activities, addressed to specific fields such as bars, coffee shops, restaurants, pizza restaurants, baker’s shops, confectioner’s shops, ice-cream shops, self-service restaurants, deli shops, hotels, shopping centers, supermarkets and so on.

La società Braden s.r.l. nasce da persone con esperienze ventennali. La sua attività principale è la progettazione, fabbricazione e commercializzazione di attrezzature e mobili di arredo per attività commerciali in genere, rivolto soprattutto a settori specifici quali: bar, ristoranti, pizzerie, panetterie, pasticcerie, gelaterie, self-service, gastronomie, alberghi, centri commerciali, supermarket, ecc. 

www.braden.it


Fast-food industry: healthy or just hanging on? Ahead of planned picketing by fast-food workers seeking $15-an-hour minimum wage, experts are pondering whether McDonald’s, KFC and their quick-service ilk are strong enough to support such a drastic change. Data from research group Sageworks suggests that fast-food eateries are in a strong financial position, enjoying a relatively high 4.6% profit margin. Between August 2012 and 2013, the segment grew sales at its highest rate since the recession, enjoying a 12.9% boost, according to the group. Industria del fast-food : sano o semplicemente appeso ? In vista del picchettaggio pianificato da parte dei lavoratori di fast-food in cerca di $ 15 - un-ora salario minimo ,gli esperti stanno riflettendo se McDonald, KFC e il loro ilk quick- service sono abbastanza forte per sostenere un cambiamento così drastico . I dati di ricerca gruppo Sageworks suggerisce che i fast-food sono in una posizione finanziaria forte , godendo di un margine di profitto relativamente alto del 4,6% . Tra l'agosto 2012 e il 2013, il segmento è cresciuto vendite al suo tasso più alto dall'inizio della recessione , godendo di una spinta del 12,9% , a seconda del gruppo .

These places are dedicated to lovers of all things sweet and sugary. They include restaurants than only serve desserts and cafes where sweets are treated like dishes in themselves. The trend started in New York at Magnolia Bakery, and we are now seeing the emergence of pudding palaces in trend-leading cities across the globe. The high-concept Candy Restaurant in Tokyo aims to formalize the act of eating candy and raise it to the level of high cuisine. Another Tokyo pudding palace space is 100% Chocolate Café by Salon du Chocolat. Designed by Wonderwall, the café offers an array of chocolatey delights. The space is designed like a chocolate kitchen. Cocoa-coloured wood tables and chairs are complemented by ceiling panels which resemble a chocolate bar. Palazzi Pudding Questi luoghi sono dedicati agli amanti di tutte le cose dolci e zuccherine. Essi comprendono ristoranti che servono solo dolci e caffè dove i dolci sono trattati come i piatti in se stessi.?? La tendenza ha iniziato a New York presso Magnolia Bakery, e stiamo assistendo alla nascita di palazzi budino di tendenza-città più importanti in tutto il mondo. L'alto concetto Candy ristorante di Tokyo si propone di formalizzare l'atto di mangiare caramelle e innalzare al livello di alta cucina. Un altro budino spazio palazzo Tokyo è al 100% Chocolate Café di Salon du Chocolat. Progettato da Wonderwall, la caffetteria offre una vasta gamma di chocolatey delizie. Lo spazio è stato progettato come una cucina al cioccolato. Tavoli in legno color cacao e le sedie sono integrate da pannelli del soffitto che assomigliano a una tavoletta di cioccolato. Editor of Horeca Magazine Emma Muse

EDITOR OCTOBER 2013

Pudding Places


Braden Srl courses-corsi

CORSO PIZZAIOLO Impara un mestiere che non conosce disoccupazione e ti permetterà di lavorare subito ed in tutto il mondo senza bisogno di conoscere alcuna lingua. Si studia tutto su: Mission Alla fine del corso ogni allievo dovrà sostenere una prova pratica nella quale dimostrare quanto appreso nei giorni precedenti. Description • farine • lievito • sale olio • miglioratori • impasti diretti ed indiretti • lunga lievitazione • i forni • le farciture • la cottura e così via PIZZA COURSE Learn a skill that knows no unemployment and allow you to work right away and around the world without needing to know any language. You study all about: Mission At the end of the course each student must pass a practical test in which to demonstrate what they have learned in the previous days. Description • flour • yeast • salt oil • improvers • mixes direct and indirect • polish and long rising • ovens • fillings


Braden Srl courses-corsi Con Braden stiamo lavorando ad un progetto chiamato "HO.RE.CA. 360°”, dove si andranno ad Organizzare altri corsi rivolti a creare le seguenti altre figure professionali che ruotano intorno al mondo della somministrazione di alimenti e bevande come: Il cuoco, il pastaio, il gelataio, il pasticcere,il sommelier, il barman nonché l’esperto di caffè e tanti altri. Pianificazione di viaggi da e per l’ Italia organizzati per la formazione delle figure professionali elencate precedentemente CON IL FINE DI CREARE UN PACCHETTO “ALL INCLUSIVE” del piano di FORMAZIONE ED AVVIAMENTO all’ attività commerciale comprensivo di viaggio, formazione, contatto con i fornitori dei prodotti italiani e conoscenza del nostra bella nazione.

With Braden we are working on a project called "HO.RE.CA. 360 °", where you will go to Organize other courses aim to create the following other professions that revolve around the world of the administration of foods and drinks such as: Cook, pasta maker, the ice cream, the pastry chef, the sommelier, bartender, as well as the expert of coffee and many others. Plan trips to and from the 'Italian organized for the training of the professionals listed above WITH A VIEW TO CREATE A PACKAGE "ALL INCLUSIVE" plan TRAINING AND START-all' business including travel, training, contact with suppliers Italian products and knowledge of our beautiful nation.ani e conoscenza del ns bella nazione.


Ricetta Parmigiana di melanzane Ingredienti per : Melanzane alla parmigiana ricetta facile 3 melanzane tonde medie,1 panetto di mozzarella piccolo 200 g. di salsa di pomodoro al basilico densa 100 g. di parmigiano grattugiato al momento qualche fiocchetto di burro sale fine Procedimento: Spuntare e lavare le melanzane, tagliarle a fette  spesse e cospargerle di sale fine, lasciarle in un colapasta per almeno 30′. A fine tempo lavarle ancora per eliminare l’acqua di vegetazione amarognola e asciugarle con carta da cucina. Scaldare bene una bistecchiera a fuoco vivace e grigliare le melanzane da ogni lato, metterle in un vassoio e lasciarle raffreddare. Tagliare a pezzettini la mozzarella anche in un tritatutto e lasciarla da parte. Accendere il forno in modalità ventilato a 190°.Ungere con il burro una teglia da forno, velarne il fondo con due cucchiai di salsa di pomodoro, posizionare fette di melanzane coprendo bene, aggiungere la mozzarella e spargere abbondante parmigiano.Procedere ancora a stratificare fino ad ultimare terminando con mozzarella e parmigiano e qualche fiocchetto di burro, infornare già a temperatura per 30-40′, fino a che si sarà formata una crosticina in superficie, lasciare intiepidire e servire in tavola.Eggplant Parmesan


Recipe Eggplant Parmesan • 3 medium round eggplants • 1 small stick of mozzarella • 200 g. tomato sauce with basil dense • 100 g. freshly grated Parmesan cheese • some butter • fine salt Procedure Start by cutting both ends and ​ wash the eggplants, cut into thick slices and sprinkle with fine salt, leave them in a colander for at least 30 '. At the end of time, wash them again to remove the vegetation water bitter and dry with kitchen paper. Preheat a grill pan over high heat and grill the eggplant on each side, put them in a tray and leave to cool. Cut the mozzarella into small pieces in a food processor and leave it aside. Preheat oven to 190 ° ventilation mode. Grease with butter on a baking sheet, covering the bottom with two tablespoons of tomato sauce, place eggplant slices covering well, add the mozzarella and sprinkle parmesan. Still proceed to stratify until complete finishing with mozzarella and parmesan cheese and some butter, bake already at room temperature for 30-40 ', until it has formed a crust on the surface, allow to cool and serve.


HORECA NEWS

WINE OF THE MONTH- The wine, its history Our story has a name: Francesco Valentini In 1979 he founded My Cellar, and in the years in which we have worked closely with him has bequeathed to us the passion for the job and curiosity for wine. For thirty years has been an accurate guide, and his person was often overlaid with charisma of the company logo, becoming a reference for all lovers of quality wine. "The wine, his story" tells the story of a man, his city and his family.? Voice of the main character interacts with a narrator outside the field against the backdrop of a world of wine in the course of 30 years has taken the current form.? But it is primarily the story of a man who has built his own destiny, and his great love for life.In Abruzzo wine is grown along the Adriatic side of the Apennines. The two most common varieties, Trebbiano d'Abruzzo and Montepulciano d'Abruzzo were, until a few years ago, the only types of wines produced: Trebbiano in coastal plains, and Montepulciano on the hillsides, both favored areas by a uniform climate and mild in spite of southern latitude. In recent times there is a search aimed at safeguarding old vines from low yields and the original character.

VINO DEL MESE Il vino, la sua storia La nostra storia ha un nome: Francesco Valentini. Nel 1979 fondò La mia Cantina, e negli anni in cui abbiamo lavorato al suo fianco ci ha tramandato la passione per il lavoro e la curiosità per il vino. Per trent’anni è stato una guida precisa, e la sua persona si è spesso sovrapposta con carisma al marchio dell’azienda, diventando un riferimento per tutti gli appassionati del vino di qualità.  "Il vino, la sua storia" racconta la vita di un uomo, della sua città e della propria famiglia. La voce del protagonista dialoga con un narratore fuori campo, sullo sfondo di un mondo del vino che nel corso di 30 anni ha assunto la forma attuale. Ma è soprattutto la storia di un uomo che ha costruito il proprio destino, e del suo grande amore per la vita.  In Abruzzo il vino si coltiva lungo il versante adriatico dell'Appennino. Le due varietà più diffuse, il Trebbiano d'Abruzzo e il Montepulciano d'Abruzzo sono state, fino a pochi anni fa, le uniche tipologie di vino prodotte: il Trebbiano nelle zone costiere pianeggianti, e il Montepulciano sui pendii collinari, entrambe aree favorite da un clima uniforme e mite a dispetto della latitudine meridionale. Negli ultimi tempi si nota una ricerca volta a salvaguardare vecchie viti, dalle basse rese e dal carattere originale.


HORECA EVENTS 2014 Monday 7th October, Benoit Blin (MCA) Chef Patissier

Lunedi 7 ottobre, Benoit Blin ( MCA ) Chef pasticcere

UK Pastry Club Coupe du Monde (chairman) This is a amazing opportunity for Pastry Chefs in The UK to showcase their skills and talents on centre stage at the London restaurant show, creating live in front of the public intricate chocolate and sugar showpieces, plated desserts and entremets all at an extremely high level. It is very rare that we ever see a competition of this level for Pastry Chefs in the UK and with such a large audience, I can already imagine and feel the buzz this day will bring, drawing pastry chefs from around the country, inspiring the younger pastry chefs of today and raising the public awareness of a profession that does not get the attention it deserves. Having several professional pastry demonstrations conducted by some of the best Pastry Chefs in the country during the day will add so much excitement of this event also and I am extremely happy to be behind  The UK Pastry Open and supporting this amazing day.

UK Pasticceria Club Coupe du Monde ( presidente) Questa è una straordinaria opportunità per Pasticceri nel Regno Unito per mostrare le loro abilità e talenti al centro della scena al ristorante spettacolo di Londra , la creazione dal vivo di fronte al cioccolato intricata pubblico e fiori all'occhiello zucchero, dessert al piatto e entremets tutti ad un livello estremamente alto . E 'molto raro che vedremo mai una competizione di questo livello per Pasticceri nel Regno Unito e con un vasto pubblico , posso già immaginare e sentire il ronzio questo giorno porterà , attingendo pasticceri provenienti da tutto il paese , ispirando il più giovane pasticceri di oggi e di sensibilizzare l'opinione pubblica di una professione che non ottiene l'attenzione che merita . Avendo diverse dimostrazioni di pasticceria professionale condotti da alcuni tra i migliori pasticceri del paese durante il giorno si aggiungono così tanto entusiasmo di questo evento e anche io sono molto felice di essere dietro la Pasticceria UK Open e sostenere questa incredibile giornata . Martin Chiffers

Martin Chiffers Executive Pastry Chef – Consultant Chiffers Ginza Mitsukoshi UK Pastry Team PresidentA French food critic once said "the difference between a good meal and a great meal is the dessert". This is a fantastic opportunity for the UK pastry Club to join The Restaurant Show as we launch our second UK Pastry Open.  It is a marvelous platform to inspire our talent of tomorrow whilst highlighting the importance of good desserts and encouraging better skill sets in restaurants.  I do hope we will be able to excite the whole of the UK Hospitality industry about Pastry.

Esecutivo Pastry Chef - ? Consulente Chiffers Ginza Mitsukoshi UK Pasticceria Squadra PresidenteA critico francese cibo una volta ha detto che " la differenza tra un buon pasto e un ottimo pasto è il dessert " . Questa è una fantastica opportunità per la pasticceria Club Regno Unito di aderire al Ristorante Visualizza come lanciamo il nostro secondo Pasticceria UK Open . Si tratta di una piattaforma meravigliosa per ispirare il nostro talento di domani , pur sottolineando l'importanza di buoni dolci e favorendo una migliore serie di competenze in ristoranti . Spero che saremo in grado di eccitare tutto il settore Hospitality Regno Unito circa pasticceria .


Horeca 2014 Why exhibit?

The Restaurant Show offers suppliers to the market a solid and respected platform to engage face-to-face with the foodservice industry: 

Perché esporre?

          

Use The Restaurant Show to:   Launch new products and services Showcase existing lines Generate new sales leads Make new contacts Raise awareness of your brands and products Network with the industry Meet and entertain existing clients Generate press and editorial coverage Keep abreast of your competitors   

The Restaurant Show offre fornitori del mercato di una piattaforma solida e rispettata di impegnarsi faccia a faccia con il settore alimentare:  Usato il ristorante Mostra a:  Lanciare nuovi prodotti e servizi  Showcase linee esistenti  Generare nuove opportunità di vendita  Creare nuovi contatti  Aumentare la consapevolezza dei vostri marchi e prodotti  Rete con il settore Incontrare e intrattenere i clienti esistenti  Generare stampa e copertura editoriale  Tenere il passo con i concorrenti


Horeca 2014 Visitor Testimonials “The Restaurant Show is a great forum for brilliant

networking at every level”. Phil Halpin, Guest Operations & Social Media Manager, Gordon Ramsay “Brilliant Show.  It’s a great diary date for every chef”. Sat Bains, Restaurant Sat Bains “I love The Restaurant Show, there is something for everyone  at the show, whether you’re  a pastry chef, chef or front of house.” Claire Clark “The Restaurant Show is a great meeting place for people in the restaurant trade.  It’s particularly exciting for me to present new and exciting wines to restaurateurs”. Tim Atkin MW "There are lots of different exhibitors which are of interest to any professional chef. The live events are a great opportunity to get first hand advice."  Peter Gilmore, Quay, Sydney  "I love The Restaurant Show. When busy and cooking in the restaurant, you can become very introspective so it’s important to get out and see what’s happening in the industry. Being at The restaurant Show offers you the opportunity to see what’s fresh and happening in the industry." Philip Howard, The Square  "It’s always a great pleasure to be here. It’s always inspiring and I have found a new product that I will be looking into further for my kitchen. Visiting The Restaurant Show keeps us on our toes and aware of what’s new."  Giorgio Locatelli, Locanda Locatelli

Testimonianze dei Visitatori "The Restaurant Show è un grande forum per la geniale creazione di reti ad ogni livello " . Phil Halpin , Operations Guest & Social Media Manager , Gordon Ramsay "Brillante Show. E 'una grande data diario per ogni chef " . Sat Bains , Restaurant Sat Bains "Amo il Ristorante Show, c'è qualcosa per tutti in fiera , se sei un pasticcere , cuoco o davanti a casa . " Claire Clark "The Restaurant Show è un ottimo luogo di incontro per le persone nel settore della ristorazione . E ' particolarmente emozionante per me presentare vini nuovi ed entusiasmanti per ristoratori " . Tim Atkin MW "Ci sono un sacco di diversi espositori , che sono di interesse per qualsiasi cuoco professionista . Gli eventi dal vivo sono una grande opportunità per ottenere consigli prima mano . " Peter Gilmore , Quay , Sydney "Amo il Ristorante Show. Se occupato e la cucina del ristorante , si può diventare molto introspettivo , quindi è importante per uscire e vedere che cosa sta accadendo nel settore . Essendo al ristorante Mostra vi offre la possibilità di vedere ciò che è fresco e accadendo in il settore ". Philip Howard , The Square "E 'sempre un grande piacere essere qui . E' sempre stimolante e ho trovato un nuovo prodotto che cercherò in ulteriore per la mia cucina . Visitare il ristorante Mostra ci tiene sulle spine e consapevoli di ciò che c'è di nuovo . " Giorgio Locatelli , Locanda Locatelli


Valentini….Loreto Aprutino Può un bianco “normale” come il Trebbiano diventare il migliore vino italiano? Certo, se le bottiglie sono avvolte nella leggenda della famiglia Valentini. Una giuria internazionale gli ha appena assegnato il primo posto nella classifica dei 50 migliori vini d’Italia. E’ la prima edizione di una manifestazione pensata dal sommelier campione mondiale Luca Gardini e dal critico Andrea Grigraffini. Assieme a loro hanno bevuto e votato i critici Daniele Cernilli e Enzo Vizzari, Raoul Salama (enologo e giornalista della Reveu du vin de France) e il britannico Tim Atkin (master of wine, scrive su The Economist e The Observer). La cassifica sarà presentata  lunedì alle 18 a Milano al Grand Visconti Palace. Best Italian Wine Awards è il nome dell’evento creato per “valorizzare all’estero il made in Italy”. In classifica ci sono i Barolo di Mascarello, Conterno Giacosa, Grasso, Cavallotto, Voerzio e Rinaldi; i Brunello di Casanova di Neri, Poggio di Sotto, Biondi Santi, Case Basse, Banfi, La Fiorita, gli Amarone di Quintarelli e Dal Forno, il Sassicaia e il Solaia tra i Supertuscan, il Ferrari del Fondatore e il Clementi rosè di Ca’ del Bosco per i brindisi e la Marsala del Ventennale di De Bartoli per la meditazione (qui sotto la classifica). Su tutti, comunque, svetta l’annata 2007 del Trebbiano di Francesco Valentini. E’ il figlio di Edoardo, un patriarca della viticoltura italiana. L’azienda è una delle più antiche d’Italia, risale al 1650, è sempre appartenuta alla stessa famiglia. Edoardo fu il primo ad occuparsene a tempo pieno, a differenza degli avi, avvocati e notai. La sua impronta è stata forte, il figlio prosegue sulla stessa strada. Oltre al Trebbiano, produce il rosato Cerasuolo e il rosso Montepulciano in 65 ettari di vigneto, accanto ad altri 50 di uliveto con il cultivar Dritta, importato dai greci duemila anni fa.

Francesco Valentini sorprende perché preferisce parlare più del destino della Terra che dei suoi vini. E’ un “Cantiniere Zen, figlio della maieutica socratica” (così lo ha ritratto Andrea Scanzi nel “Vino degli altri”, Mondadori). Uno che crede poco alle formule del biologico e del biodinamico e preferisce pensare, come il filologo emiliano Piero Camporesi che il vino sia “sole liquefatto, fuoco domato”, che sia il composto galileiano di “umore e luce”, ovvero del clima piuttosto che delle influenze lunari. “Sono un artigiano – si racconta Francesco – il mio lavoro si fonda sulle materie prime, con interferenze minime, senza interventi chimici, lieviti innaturali e controlli esasperati”. E pensa a Socrate. “Guardo e lascio che Madre natura faccia il suo corso, esiste già tutto, bisogna solo farlo emergere”. Anche se questa è una “vendemmia di guerra. Perché il clima sta cambiando e ci sono continue anomalie in campagna. Quest’anno ad esempio l’uva nera è maturata più velocemente della bianca, a causa del gran caldo d’inizio estate e delle piogge dei giorni scorsi. Io mi batto per spiegare come la terra si sta modificando, mi interessa più che vendere le nostre 50 mila bottiglie l’anno”. Valentini, 51 anni, è così esigente con il suo vino che talvolta non mette in vendita intere annate. “Da tempo non metto sul mercato il rosso – spiega – molti ripetono ad ogni settembre che è l’annata del secolo. Ma come fanno a non accorgersi che è impossibile avere sempre annate straordinariae?”. Quella del 2007, in cui è nato il Trebbiano vittorioso, lo è stata. Per il clima. “Mai così siccitosa negli ultimi tre decenni, alta gradazione alcolica e alta acidità. Il risultato è stato un vino di forte struttura e longevità, che abbiamo proposto dopo le annate 2008 e 2009, pronte prima”. “Questo Trebbiano ci ha conquistato all’unanimità – argomenta Gardini – è insieme fresco e di lunga vita”. Il vitigno di Valentini è diverso da quello a volte non valorizzato che si trova in altri parti d’Italia.


VALENTINI‌LORETO APRUTINO Can a white "normal" such as Trebbiano become the best Italian wine ? Of course, if the bottles are wrapped in the legend of the Valentini family . An international jury has just awarded first place in the ranking of the 50 best wines of Italy. It ' the first edition of an event conceived by the sommelier world champion Luca Gardini and critic Andrea Grigraffini . With them drank and voted critics Daniel Cernilli and Enzo Vizzari , Raoul Salama ( winemaker and journalist Reveu du vin de France ) and Britain's Tim Atkin ( master of wine , writing in The Economist and The Observer) . The cassifica will be presented Monday at 18 at the Grand Visconti Palace in Milan . Best Italian Wine Awards is the name of the event created to " promote abroad the made in Italy". Ranked there are Mascarello Barolo , Conterno Giacosa , Grasso, U , and Voerzio Rinaldi the Brunello di Casanova di Blacks , Poggio di Sotto, Biondi Santi , Case Basse , Banfi, La Fiorita , the Amarone Quintarelli and Dal Forno , Sassicaia and Solaia between Supertuscan , the Ferrari of the Founder and the Clementi rosÊ Ca 'del Bosco for the toast and the twentieth anniversary of De Bartoli Marsala for meditation ( below the list) . Over all, however , stands the 2007 vintage of the Trebbiano di Francesco Valentini . It 's the son of Edward , a patriarch of Italian viticulture . The company is one of the oldest in Italy , dates back to 1650, has always belonged to the same family. Edward was the first to deal with a fulltime , unlike their ancestors , lawyers and notaries. His imprint was strong, his son continues along the same road.

Francesco Valentini surprising because he prefers to speak of the fate of the Earth of its This year, for example, the black grapes matured faster than white , because of the great heat of early summer and rains in recent days . I'm fighting to explain how the earth is changing , I am interested to sell our more than 50,000 bottles a year . " Valentini , 51, is so picky with his wine which sometimes does not put entire vintages for sale . "For some time I do not put on the market on red - he explains - many repeat at every September which is the vintage of the century. But how do they not realize that it is impossible to have always vintages straordinariae ? " . That of 2007 , where he was born Trebbiano victorious , it was not. For the climate. " Ever so dry year in the last three decades , high alcohol content and high acidity. The result is a wine of great structure and longevity , we have proposed after the 2008 and 2009 vintages , ready first . " " This Trebbiano we won unanimously - argues Gardini - is both fresh and long life." The vine is different from that of Valentini sometimes not enhanced which is located in other parts of Italy . "It ' Trebbiano d' Abruzzo , a clone that has acclimatised here and that we work with the technique of the pergola to protect the grapes from the sun that hits hard . A plant Abruzzo for a thousand years , also wrote Pliny in his "Natural History " . The great work in the vineyard, in the cellar I do not , I leave to wine freedom to express themselves . " So the legend of white Valentini is finished on the podiuIn addition to the Trebbiano , produces rosĂŠ and red Cerasuolo Montepulciano in 65 hectares of vineyard , olive grove next to other 50 cultivars with the Straight, imported by the Greeks two thousand years ago . m.


Horeca magazine November 2013