Issuu on Google+

ME

MONTAGNA EDITORE

S IL MEN

ILE

ITO GRATU

T U R I S M O

C U L T U R A

A R T E

S P O R T

M A N I F E S T A Z I O N I

ANNO XVIII Nº 204/2011 DICEMBRE

La Rivista del www.doveandiamostudiosettanta.com

Va r e s o t t o


ARREDO C A SssuAti Te

TESSUTI PER ABBIGLIAMENTO TESSUTI PER ARREDAMENTO T E N D A G G I

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

VIA BATTAGLIA S. MARTINO 112 CUVEGLIO (VA) TEL 0332.650571


PASSO della FORCORA

©

StudioSettanta

1179 m dʼaltitudine

SOP R A L UI NO Il balcone panoramico sul Lago Maggiore Unico impianto di discesa dell’Alto Varesotto

•SKILIFT •MANOVIA •TAPIS ROULANT per bambini.

•Le piste sono tre molto ampie e intercalari fra loro. •Sempre battute dal gatto delle nevi. •Sicurezza e massimo divertimento per i bambini e per i principianti

PASSO della FORCORA NUOVO NUMERO Info: 333. 2157306 e-mail:scioviaforcora@libero.it sito: www.passoforcora.com

VICINO A VARESE Si Raggiunge • Da L UI NO • Da M A CCA G NO Maccagno-Armio-Forcora oppure Maccagno-Lago Delio strada panoramica Forcora.

SCIARE NEL SOLE


PIANETA CALZATURE C A R A V AT E Via XXV Aprile, 77/A Tel 0332.619022

CHEGGIO AMPIO PAR

vasto assortimento UOMO - DONNA - BAMBINO

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

NUOVE COLLEZIONI AUTUNNO/INVERNO

RIVENDITORI: NIKE, ADIDAS, REEBOK, SUPERGA, PUMA, GRI SPORT, MADIGAN, FLY FLOT, DE FONSECA, ROSETTA, BARBIE, LELLI KELLY, BULL BOYS, CONVERSE BENETTON KID, FISHER PRICE, CANGURO KID, ORIGINAL MARINES, DISNEY

e inoltre...

accessori delle migliori marche


GRAFICA& comunicazione StudioSettanta

Redazione DOVE ANDIAMO Ufficio di Varese: Via Privata Fugino, 5 Porto Valtravaglia (Varese) tel/fax r.a. 0332.547645 E-mail Editoria: doveandiamo@tin.it E-mail Grafica: studiosettanta@tin;it

• • • • • • • • •

VOLANTINI DEPLIANTS CATALOGHI FOTOGRAFIE LOCANDINE MANIFESTI POSTER MARCHI COORDINATI AZIENDALI • LIBRI-RIVISTE

MENSILE LOCALE DISTRIBUITO DA 18 ANNI GRATUITAMENTE Cerca qui il punto di distribuzione Dove Andiamo più comodo e lo troverai sempre ogni mese. DOVE ANDIAMO QUI C’E’ Comunità Montane, Comuni, Proloco, IAT informazione accoglienza turistica, Biblioteche Comunali, Alberghi, Bar, Ristoranti, Supermercati, Edicole , Panetterie, e in tanti negozi di alimentari ed esercizi commerciali della nostra area di distribuzione. Sempre, lo trovi da tutti gli inserzionisti. e da questo mese in 6 edicole convenzionate LUINO Edicola di Confortorio Giovanni Piazza Garibaldi 5 MACCAGNO Edicola di Campoleoni Fabrizio Via Mazzini 7 CASTELVECCANA Edicola Ghidini Claudia Via IV Novembre 21 PORTOVALTRAVAGLIA Edicola di Longoni Maria G. Piazza Imbarcadero, 10 BESOZZO Edicola LAPIS via XXV Aprile, 19 LAVENO MOMBELLO Edicola Musizza Claudio Piazza Caduti del Lavoro, 1 AREA DI DISTRIBUZIONE

Direttore responsabile: Corrado Montagna Ufficio Pubblicità: Maria Grazia Cristiano Immagine e Comunicazione: Davide Brumont Fotografie: Bruno Montagna Hanno collaborato per i testi: Filippo Carullo - Davide Brumont

AUTORIZZAZIONE TRIBUNALE DI VARESE DEL 2.7.1994

N.

670

spedizione a mezzo posta con spese a carico destinatario

E' VIETATO RIPRODURRE ANCHE PARZIALMENTE INSERZIONI PUBBLICITARIE, TESTI, MARCHI, DISEGNI E FOTOGRAFIE L’USO DEL MATERIALE GRAFICO E FOTOGRAFICO DEGLI ANNUNCI CONTENUTI IN “DOVE ANDIAMO“ VIENE CONCESSO ESCLUSIVAMENTE AL CLIENTE PER L’IMPIEGO SULLA TESTATA - © STUDIOSETTANTA La redazione non assume alcuna responsabilità per: proposte promo-pubblicitarie degli inserzionisti, che rispondono direttamente verso i terzi per marchi, disegni, notizie, orari, luoghi, date, variazioni ai programmi di eventi pubblicati. Stampato nello stabilimento “Stephan”di Germignaga (Va). Esente da bolla di accompagnamento (DDT) Art. 4 punto 6 del DPR 627/78 Per qualsiasi contestazione legale si intende eletto il Foro di Milano.

ME

MONTAGNA EDITORE

La Rivista del

Va r e s o t t o

per la pubblicità su DOVE ANDIAMO chiama 335.7719565 gratis: bozzetto, riprese fotografiche, fotolito

DOVE ANDIAMO è anche online: www.doveandiamostudiosettanta.com

-------------------------------------


DOVE ANDIAMO

ARIA DI NATALE /LA GIOSTRINA

A Natale, ci sono momenti che sembrano fatti apposta per ricordare ciò che resta dei sogni perduti. Di fronte alla giostrina con i cavallini di legno con il suo maquillage di luci dorate, si ha proprio l’impressione di immergersi nello scenario di una favola d’altri tempi. L’aureola di “ricchezza e sentimenti” che la circonda, riporta con il pensiero a tempi lontani, allo zucchero filato, al tiro a segno, al labirinto con gli specchi deformanti. La giostrina con i cavallini di legno, molto ben decorata, sopravvissuta al galoppo di tanti bimbi, sempre bella per la grande accorata passione dei proprietari che su di essa hanno consumato la loro vita. Tutto questo occorre vedere per poter apprezzare la giostrina che, con la sua apparente ricchezza, rappresenta ciò che resta di un sogno in parte perduto.

Auguriamo a tutti un grandioso NATALE ricco di emozioni e un felice ANNO NUOVO pieno di speranze e grandi soddisfazioni TEAM DOVE ANDIAMO

---------------------------

7


o t a b a s / lunedì 30 . 2 1 9.00 00 . 9 1 14.30 SEGESTA TEL. 0332 624611

ARREDO CASA TESSUTI TEL. 0332 650571

SUPERMERCATO

CARREFOUR

CALZATURE DONNA E BIMBO TEL. 0332 651912

CENTRO ESTETICO CHIC ABBRONZATURE

TEL. 0332 624322

ORARIO CONTINUATO

TEL. 0332 650006

TESSIL CASA BIANCHERIA TEL. 0332 650220

CIAO CIAO INTIMO

PIZZA BREAK

PASTICCERIA CENTRO

LAVANDERIA SARTORIA ASTRA

TEL. 0332 624316

CIAO CIAO BIMBO TEL. 0332 624310

PRODUZIONE PROPRIA

TEL. 0332 624346

TEL. 0332 650458

GIOIELLI ZOGNO VALENZA TEL. 0332 650965

TACCO ESPRESSO TEL. 0332 650351

LISTA NOZZE TEL. 0332 624325

TEL. 0332 650390

CASALINGHI - ARTICOLI REGALO - GIOCATTOLI

TEL. 0332 624730

LO SCRIGNO

PUNTO.COM

IL CAFFE’ DEL CENTRO

L'ANGOLO DELLA SCARPA

€ BAZAR

E NON SOLO TEL. 0332 624307

TEL.0332 1565859

BANCA INTESASANPAOLO TEL. 0332 624113

CIAO CIAO ADULTO TEL. 0332 624310

LAURA ACCONCIATURE TEL. 0332 651558

MELISSA e BIANCOSPINO ERBORISTERIA - PROFUMERIA TEL. 0332 650983

VALCUVIA SHOPS

©

VIA BATTAGLIA S. MARTINO, 112 21030 CUVEGLIO - VA

StudioSettanta - Portovaltravaglia

ABBIGLIAMENTO

dicembre aperto tutti i giorni


valcuviashops@virgilio.it


il tuo sicuro risparmio I O LO L G I T T I A C ER MOMBEL

13 A V I A P 2 I CONVENIENZ 300 m D Tel 0332.668242

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

idee regalo addobbi articoli natalizi confezioni regalo

DI TUTTO D I P I Ù . . .

------------------------------------


ARIA DI NATALE/ PRESEPE VIVENTE A VENEGONO Quaranta edizioni e non le dimostra!

I lavori per la nuova edizione sono puntualmente iniziati nell’ultimo weekend di settembre, tre mesi esatti prima del Natale. La tribuna coperta ha atteso per molti mesi, sola nel piazzale della Benedetta, che finalmente qualche altra struttura le facesse compagnia. Gli allegri presepiatt sono tornati puntuali ad aprire il cantiere e con esso le immancabili discussioni su come sia meglio costruire questo soppalco o come sostenere quel tetto. Ma ormai ciascuno conosce bene il proprio ruolo e sa quando sarà il momento di dare il massimo per completare l’opera anche nel più piccolo dettaglio.

La scenografia quest’anno riprende la classica impostazione del piccolo villaggio palestinese con le sue case, le botteghe e i ricoveri per gli animali. Spesso, nell'ormai lunga storia del presepio venegonese, si è utilizzato il racconto di storie in contesti più vicini a noi, nel tempo come nello spazio, mentre periodicamente è stata ricostruita l'ambientazione d'origine della Natività. Però mai la rappresentazione è stata così fedele al racconto evangelico come lo sarà in questa edizione: un ritorno alla tradizione nell'occasione della quarantesima edizione di un Presepio che si è sempre distinto per originalità e innovazione. Naturalmente però la rappresentazione vivente del 2011 non sarà una mera riproduzione del vangelo ma sarà raccontata da un punto di vista particolare: da uno degli umili personaggi che hanno vissuto il momento più grande della Storia dell'umanità, perchè il messaggio d'amore del Natale è apparso evidente ai più piccoli e poveri tra gli esseri umani mentre è sfuggito ai grandi personaggi del tempo. Al termine il pubblico scenderà in mezzo alla scena e potrà vedere nei particolari tutta la scenografia, salutare attori e comparse e osservare gli animali che contribuiscono a rendere ancora più suggestivo tutto l'insieme. Infine si accederà al presepio statico tradizionale, sempre

programma delle rappresentazioni RAPPRESENTAZIONI VIVENTI: Tutti i giorni dal 25 al 30 dicembre 2011 e dall'1 al 6 gennaio 2012 Domenica 8 e 15 gennaio 2012 ORARI DELLE RAPPRESENTAZIONI Santo Natale dalle 16 alle 17:30 Festivi orario continuato dalle 14:30 alle 17:30 Feriali 4 repliche con inizio alle 14:30, 15:15, 16:00 e 16:45

ricco di dettagli e di significati, che stupisce puntualmente molti visitatori, soprattutto coloro i quali lo misurano con il proprio piccolo presepe casalingo e per questo lo ammirano ancora di più. Ma prima dell’uscita ci sarà come sempre il banchetto per i dvd con il video delle rappresentazioni, le cartoline e, per festeggiare il quarantennale, anche lo speciale annullo delle Poste alla data del 26 dicembre. Tutti i filatelici sono dunque invitati a non perdersi questo evento! Già in occasione dei trent’anni di Presepio si era dedicato un annullo postale speciale, ma questa volta il nostro direttore artistico Eugenio ha disegnato appositamente un nuovo logo che andrà a sostituire l’attuale nelle prossime, che ci auguriamo numerose, edizioni. Appuntamento quindi alla Benedetta per vedere il presepio quello vero, concreto, da toccare; mentre per chi ha un approccio più tecnologico c'è la possibilità di seguire gli aggiornamenti, vedere tante foto della realizzazione e avere tante altre informazioni su questo sito Internet www.presepiovenegono.it e poi restando in contatto tutto l’anno attraverso la pagina Facebook che ha ormai raggiunto i 1.000 amici!

---------------------------

11


DOVE ANDIAMO

ARIA DI NATALE/ IN VAL STRONA

La Val Strona è conosciuta anche come la Valle dei Pinocchi: infatti il Pinocchio, quello di legno, il classico souvenir italiano, nasce in questa stretta valle nella provincia del Verbano Cusio Ossola. Qui, tra viuzze tortuose e case di pietra, ancora oggi, molti mastro Geppetto si dedicano alla creazione di questi piccoli burattini di legno snodabili. La casa di Pinocchio quindi è qui: in questa valle che inizia a Omegna, sul lago d'Orta e si snoda tortuosa fino a Campello Monti, a 1300 metri d'altitudine dove c’è un suggestivo villaggio walser abbandonato in inverno ma che rivive in estate la Valle Strona, così varia e lontana dalle mete più usuali, è quindi la valle degli artigiani del legno. Fornero e Piana di Fornero sono la patria di questi artigiani del legno, Forno con le sue frazioni è la capitale della produzione di cucchiai di legno. Nel novecento, la svolta ecco arrivare la produzione dei Pinocchi. In questi paesi maestri tornitori e lavoratori del legno sono stati protagonisti di una curiosa abile trasformazione del loro mestiere per stare al passo coi tempi producendo con attrezzature e gesti antichi “Pinocchi “ per i turisti, le case e i bimbi.

La storia dell’artigianato del legno valtronese ha radici lontane. In Valle Strona si tornivano utensili da cucina, ciotole, scodelle e i famosi mestoli in legno. I laboratori delle botteghe artigiane erano posti lungo i torrenti e le acque facevano funzionare i torni ancora prima che arrivasse l’energia elettrica. Si producevano anche attrezzi da lavoro e oggetti ornamentali. Gli ambulanti passavano nei villaggi , raccoglievano la produzione e la rivendevano giù, nella pianura. Oggi sono rimasti in pochi a portare avanti questa tradizione ma il Pinocchio di legno da qui, proprio come nella favola di Collodi, una volta che ha “preso vita” comincia il suo viaggio: nelle città, nelle bancarelle e persino oltre confine. 12

LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com

IL PINOCCHIO Quello di legno fatto a mano come una volta.

------------


ARIA DI NATALE/

DOVE ANDIAMO

LA POSTA IN REDAZIONE

Natale è vicino. La magica atmosfera ha ormai invaso città e paesi. Si accendono le magiche luci del Natale. Sono state installate luminarie e festoni per le strade Le decorazioni autunnali delle vetrine via via cedono il posto a fiocchi di neve, a simpatiche renne e rami di pino addobbati e si riempiono di tantissime cose. In questo periodo dell’anno la merce esposta, sembra circondata da un’aureola di luce diversa, persino i prodotti alimentari ed anche i fustini dei detersivi sono visti con un occhio diverso. Natale è l’occasione per ricevere o fare regali e per le grandi riunioni a tavola. Bisognerebbe ponderare gli acquisti, ma quando si entra nell’atmosfera si riesce a spendere sempre un euro in più di quello previsto perchè quasi tutti gli acquisti si fanno a dicembre nel caos delle festività, con ansia e magari proprio alla vigilia di Natale. Natale in alcune case è Santa Lucia che porta i regali. In altre Gesù Bambino in altre Babbo Natale (Santa Claus), che con i suoi folletti prepara i doni per i fanciulli di tutto il mondo. Natale è anche l’alberello e il presepe che tiriamo fuori tutti gli anni, un po' striminziti, ma con qualche idea e con l’aggiunta di qualche nuova decorazione rinascono belli e vanto per grandi e piccini. In ogni casa, sotto l’albero pacchetti misteriosi coloratissimi mettono allegria solo a guardarli. Sono i regali tenuti fino ad allora mezzi nascosti, in sacchetti dall’apparenza insignificante, che ricompaiono sotto l’albero o vicino al camino, infiocchettati e agghindati per la Festa. Natale è la “Notte Santa” nella quale domina la figura di Gesù Bambino che nella chiesa viene posto nella mangiatoia del presepe durante la Messa serale della vigilia, tra i canti natalizi, Grande è l’agitazione nei bambini

per l’arrivo di Babbo Natale, la suggestione è unica e si ripete pressoché immutata ogni anno con felicità e stupore per aver ricevuto i giocattoli desiderati. Natale è ritrovarsi insieme, la festa vede riuniti tutti amici e parenti. Il cenone della vigilia, rigorosamente di "magro"... il capitone piatto forte della tradizione. Il pranzo di Natale che inizia normalmente nel primo pomeriggio e si trascina sino alla sera. Intermezzi chiaccherando e con la tombolata per semplice passatempo per coinvolgere anche i più piccoli. Mantenere viva l’atmosfera natalizia è al centro di tutta giornata. Il ceppo, per chi ha il camino, deve rimanere acceso sul focolare fino a Capodanno, gli auguri agli amici, i brindisi con passito o spumante, il panettone, i chicchi di uva passa, la frutta, le noci, i datteri, le nocciole, il torrone, il profumo dei mandarini, i cestini di fiori, i ceri colorati, l’albero, i filmini girati durante le vacanze, le fotografie e ogni tanto qualche sguardo alla TV al solito film di Natale. Questo è Natale! Natale però bisogna averlo di dentro per poterlo vedere, occorre essere sereni con se stessi, con la vita, con tutto ciò che ci circonda e allora qualsiasi cosa, in questo periodo dell’anno, fa Natale a Natale L'ALBERO DI NATALE Il presepe, era la sola usanza che “faceva Natale” ora tra i simboli, “l’albero”crea l’atmosfera intima del Natale in ogni casa ma anche addobbando con filari di lampadine una pianta in giardino. E’ invece discutibile che facciano uguale atmosfera Natalizia i botti, l’esuberanza e l’eccesso di filari di lampadine colorate che decorano l’esterno delle case, le finestre e i terrazzi con gli ormai troppi pupazzi di babbo natale

che si arrampicano su scalette di corda appese. Le prime notizie storiche sull’albero di Natale risalgono quasi a 2000 anni fa e fanno riferimento ai Celti che consideravano l'abete come una divinità; e quando il centro Europa abbracciò la fede cristiana si iniziò a propagare l'usanza di appendere sui rami degli alberi doni o cibo per i bambini bisognosi. Episodi storici sull’albero di natale sono stati scritti nel medioevo, nel rinascimento, mentre l’usanza di fare l’albero nelle case ha avuto inizio solo alla fine del ‘700. Negli anni 20 pochi potevano ancora permetterselo e solo attorno agli anni 50 entra con forza il culto dell’albero di Natale nelle case italiane. Erano adorni e ricchi di pupazzini di cioccolato, caramelle, mandarini, biscotti che poi si mangiavano nel periodo natalizio fino all’Epifania. L’usanza si diffonde anche negli altri paesi, si inizia a vederli nei film e, a New York nasce l’idea di addobbare la città con alberi illuminati. Oggi dietro ogni finestra c’è un albero di Natale, magari non è più l’abete quello vero ma è luccicante bianco, rosso, verde, blu e diventa oggetto d’arredamento. Sono alberi che simulano molto bene il vero abete ma di plastica o di fibre ottiche, gli addobbi sono palline luccicanti, di seta o di plastica con fiocchetti, stelle, e filari di lampadine colorate. Così anche l’alberello che tiriamo fuori tutti gli anni un po' striminzito, si riveste con le nuove decorazioni e diventa ogni anno più bello.

---------------------------

13


DOVE ANDIAMO ARIA DI NATALE/

A tutto vapore ai mercatini di Natale a Zurigo L’Associazione Verbano Express propone : Nostalgic Nikolaus Express 18 Dicembre 2011 un fantastico viaggio per i mercatini di Natale a Zurigo Partenza da Luino con la locomotiva a vapore BR 50 3673 costeggiando il lago Maggiore. Transito sotto il Gottardo attraversando le Alpi ed in seguito il lago dei Quattro Cantoni. Partenza da Luino ore 07.15 Arrivo a Bellinzona ore 08.30 Arrivo a Zurigo ore 12.30 Partenza da Zurigo ore16.30 Arrivo a Bellinzona ore 19.55 Arrivo a Luino ore 21.15 Durante il viaggio verrà offerta una piccola colazione ai partecipanti e dolci ai bambini. Costo a persona: adulti euro 60 - bambini dai 6 ai 14 anni euro 35 bambini di età inferiore ai 6 anni gratuito con assegnazione del posto. Termine prenotazioni: 11 dicembre 2011 Per maggiori informazioni e orario definitivo contattare: ASSOCIAZIONE VERBANO EXPRESS Via F.lli Cervi 29 Germignaga VA e-mail:viaggi@verbanoexpress.it oppure Tel. (0039) 349.0083934 (da lunedì a venerdì dalle ore 20.00 alle ore 21.30 Il servizio non é attivo nella giornata di mercoledì) N.B: si effettua il rimborso dell'acquisto del biglietto, se viene data disdetta della prenotazione entro l'11 dicembre, con un addebito di euro 5 per spese amministrative, oltre tale data non si effettuano rimborsi.

14

------------

PRANZO DI NATALE 2011 Incontro di gamberi in agrodolce Paté di fegato tartufato Crudo di parma Cappelletti in brodo di cappone Bis dello chef Mezzelune al profumo di lago Risottino ai funghi porcini con riduzione di merlot Ombrina all'acqua pazza con acciughe, capperi e pomodorini pachino Cappone arrosto e tacchinella Natalizia con Patate al forno Panettone o pandoro con crema mascarpone Vino della casa - Acqua - Caffè Euro 45,00 Solo su prenotazione CAPODANNO 2011/2012 Antipasti Filetto di lavarello in carpione Carpaccio di trota salmonata alle erbette Moscardini in tegame alternativa Cialda di parmigiano reggiano con antipasto rustico delle valli Bis di primi piatti Crespelle capesante e asparagi Pennette carciofi e menta secondi piatti Filetto di orata in crosta di patate alternativa Scaloppa di capriolo con castagne caramellate Panna cotta ai frutti di bosco caldi Caffè - Acqua - Vino Della Casa Brindisi Dopo le 24.00 Cotechino con Lenticchie Euro 55,00 solo su prenotazione

Il Ristorante è aperto tutto l’anno The restaurant is open all year


Reno di Leggiuno (Va)

pesce à t i l a i spec i mare d e o g di la

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

RISTORANTE • PIZZERIA

Bistrot Laguna Blu - Via Max Hots (Lungolago) Leggiuno Frazione Reno (Va). Tel. 0332.647545 - Cell. 393.9465325 - bistrotlagunablu@libero.it


LAVENO MOMBELLO (VA) Via Dalmazia, 2 Tel. 0332.668153 Fax 0332.6668039 mail@fogolacasalinghi.it

StudioSettanta - Portovaltravaglia

di Fogola Ersilia & C.

Š

FOGOLA s.n.c.

entra nel mondo di Fogola www.fogolacasalinghi.it 16

--------------------------------


ARIA DI NATALE/ A LAVENO MOMBELLO

DOVE ANDIAMO

E' la notte della Vigilia di Natale del 1975, quando un gruppo di sommozzatori appartenenti al Club Lugano-Sub capitanati dal veterano Ovidio Grolla, si ritrovano sulle rive del Lago Maggiore e più precisamente in Località "Punta Granelli" in prossimità del "Sasso Galletto" sulla strada lacuale che congiunge Laveno a Castelveccana. In quella occasione effettuano un'immersione a 23 metri, dove collocano all'interno di una grotta naturale una statua alta circa un metro rappresentante il Cristo degli Abissi. Per tre anni consecutivi il Club decise di festeggiare la Vigilia con questa particolare cerimonia. Una cerimonia suggestiva ma per pochi intimi. Si decise allora di ampliare ad altre persone. Venne costituito un comitato di appassionati sostenitori e da subacquei e il gruppo venne denominato “Gli Amici del Presepe”

PRESEPIO SOMMERSO una "vetrina" piuttosto insolita, quella di Laveno, nelle acque del Lago Maggiore Viene realizzato un Presepe che viene sommerso e posizionato ad una profondità tale da renderlo visibile a tutti scegliendo l’area antistante la piazza Caduti del Lavoro a Laveno, in pieno centro. Il presepe sommerso fu calato per la prima volta nel 1979. Era composto da 3 sole statue rappresentanti la Natività, benedette dal Parroco davanti a una folla festosa. Il presepe sommerso riscosse subito un enorme consenso. Da allora, anno dopo anno, la cerimonia della posa del presepe si ripete ed è visitato da un pubblico proveniente da ogni parte nel periodo da Natale all'Epifania. La settimana prima della vigilia di Natale gli organizzatori del presepio procedono con la posa delle piattaforme, poste a circa 2-3 metri sotto la superficie dell'acqua, sulle quali sono ben ancorate le statue raffiguranti i personaggi del presepe Alle prime statue se ne aggiunsero altre. Oggi è costituito da 42 statue posate su 5 piattaforme in metallo le cui dimensioni totali sono di 15m x 3,5 mt. con un peso complessivo di circa 18 tonnellate (basti pensare che la sola statua del cammello pesa 1 tonnellata). Tutte le statue sono state scolpite nella bianca "Pietra di Vicenza" dall'abile mano del Maestro vicentino Tancredi da Brendale. Con la luce del giorno, le figure sommerse sembrano quasi svanire nelle acque , ma quando cala la notte grazie ad una indovinata illuminazione subacquea,i visitatori hanno la possibilità di vedere il presepe

anche di notte dalla terrazza prospiciente il lago. La sera della vigilia di Natale, dalle ore 22 ca. sul Lungolago di Laveno, si danno appuntamento gruppi di subacquei e numerosi fedeli. Tutto è pronto al presepe manca solo il Bambin Gesù che con una suggestiva cerimonia viene portato in processione dalla Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo al Lago dove il parroco procede alla benedizione. Quattro sommozzatori posano il Bambino Gesù su di una culla illuminata, per poi collocarlo nella "mangiatoia sommersa".

--------------------------

17

¾


DOVE ANDIAMO ARIA DI NATALE/ A LAVENO MOMBELLO

Ogni statua ha una sua storia: il San Francesco che custodisce dalla riva il presepe, è stato donato nel 1984 in occasione del 15° Congresso Nazionale dei Presepisti che si tenne proprio a Laveno. Questa statua è gemella a quella che si trova nella Piazza della Signoria a Vicenza. EVENTI A LAVENO MOMBELLO

MIDeC Mostra Internazionale Design Ceramico Civica Raccolta di Terraglie - Lungolago Perabò, 5 Cerro di Laveno Mombello (VA) - info:. 0332.625551 - orari: Martedì: 10.00 - 12.30 Mer - Giov - Ven - Sab - Dom - Festivi: 10.00 - 12.30 / 14.30 - 17.30 - chiuso il

Altri sub si dispongono in cerchio con delle torce e danno fuoco come buon auspicio ad un falò preparato sul lago, Dalle acque emerge anche una cometa e uno scintillante albero natalizio, la gente si scambia gli auguri di rito e si riscalda con l'ottimo vin brulé, preparato come ogni anno dagli "Amici del Presepe Sommerso" e servito nella classica brocchetta da collezione. Visitando il presepe è diventata consuetudine che i visitatori gettino una monetina in acqua come gesto propiziatorio o semplicemente come apprezzamento all'iniziativa.

MIDeC - CERRO DI LAVENO 3 dicembre - alle ore 16,00 inaugurazione dell’opera di Valentina Gallo e Fabrizio Ridolfi per il lungolago Perabò Vincitrice del concorso artistico”Midec Ceramic Contest” MIDeC - CERRO DI LAVENO 3 dicembre - 29 gennaio 2012 3 dicembre - ore 17.00 inaugurazione mostra FESTA IN TAVOLA -idee in arte di Angelo Garini architetto e ideatore di eventi, interpreta la tavola di Natale realizzando quattro diversi allestimenti con i servizi di piatti della Ceramica di Laveno, trasformando le sale di Palazzo Perabò nei luoghi magici che tutti sogniamo. Il percorso di visita del Museo, si arricchisce così di una nota speciale, che celebra l'arte della tavola. MIDeC - CERRO DI LAVENO 3 dicembre 2011 - dalle ore 15.00 alle 17.00 LABORATORIO CREATIVO “Giocare con tatto” esperienza tattile attraverso l’argilla per bambini e adulti, su prenotazione, costo euro 5 LAVENO MOMBELLO Sabato 3 ore 21.00 Cinema Teatro Franciscum Viale don Ernesto Redaelli, 13 - Il gruppo teatrale i Cinq Cent di Milano si esibisce in “LA CUNNA STRETTA” commedia musicale in due tempi in dialetto milanese. Dall’ 8 dicembre 2011 al 20 gennaio 2012 8 dicembre ore 11.00 inaugurazione Mostra “Nel nome della Madre - L’immagine di Maria nelle ceramiche d’arte” in collaborazione con l’Associazione Nazionale amici della ceramica delegazione di Varese e provincia 9 dicembre - ore 21 in villa Frua film “Lourdes” (Austria, Francia 2009) regia di Jessica Hausner 18 dicembre - dalle 15 alle 17: laboratorio per bambini e adulti insieme “Io nell’opera” a cura di Marta Ferina

18

LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com

------------


®

Segreteria Generale

PREMIO

Aut. Min. 00582133 del 4.12.1992

CIVILTÀ DEL LAVORO

Se desiderate un menù particolare prenotate con 24 ore d’anticipo Wenn sie spezielle Wünsche haben, bitten wir sie, dies 24 Stunden im voraus zu reservieren

go Pesce di lae e di mar

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

RISTORANTE

PER SAN SILVESTRO SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE

ogni giovedì PAELLA ogni venerdì ZUPPA DI PESCE sabato e domenica CARRELLO DI BOLLITI e BRASATI SPECIALITÁ DELLA CASA:

RISOTTO con FILETTI DI PESCE PERSICO FRITTO MISTO DI MARE PENTOLA DELL’AMICIZIA

CALDÉ FRAZ. DI CASTELVECCANA (VA) PIAZZA LAGO, 1 TEL. 0332.521164 chiuso il mercoledì BAR • GELATERIA • PANORAMICA TERRAZZA SUL LAGO

---------------------------


BAR TRATTORIA PIZZERIA

Via Marconi, 25 CASTELVECCANA (VA) Teel. 0332/520948 FORNO A LEGNA

RAPPRESENTAZIONE PRESEPE VIVENTE A Brezzo di Bedero, centro a pochi chilometri da Luino, ogni anno nel suggestivo scenario del poggio della Canonica, si rinnova la rievocazione storica della nascita di Gesù Bambino.

Chiuso: Lunedì - Closed: Monday

carni e salumi di Germignaga Piazza Roma, 8 - GERMIGNAGA (VA)

Tel. 0332. 531751

FERRAMENTA VANOLI SNC di RENATO E RAFFAELLA

CASALINGHI - UTENSILERIA - GIARDINAGGIO

VIA XV AGOSTO, 16 LUINO (VA) TEL. E FAX: 0332 531392 email: ferramenta.vanoli@alice.it

20

La Collegiata di San Vittore, detta anche Canonica, venne fondata sui resti di un tempio paleocristiano, nel territorio di Brezzo di Bedero nella posizione più elevata del paese (m 403 slm) . Da allora ha sempre rappresentato la vita sociale del luogo e il naturale punto di ritrovo dei suoi abitanti. La monumentale chiesa ricostruita in forme architettoniche romaniche fu rimaneggiata a più riprese nel corso dei secoli. Il campanile fu eretto nel Seicento e la canonica é stata con interventi recenti riportata alle forme originarie di puro romanico. Conservano il loro originario stile anche le parti laterali e le tre absidi, arricchite esternamente da archetti ciechi e piccole colonne. L'interno della Collegiata di San Vittore conserva resti romanici di epoche successive. Di grande interesse sono i superstiti affreschi del Quattro e Cinquecento. Notevole tra questi è la scena affrescata del martirio di San Vittore. La Collegiata custodisce gelosamente anche degli antichi codici musicali fondamentali per gli studi del canto ambrosiano e della paleografia musicale. È ammirabile infine uno stupendo organo, ancora funzionante e utilizzato, risalente al ‘700. La Collegiata è anche sede di un importante ciclo di musica classica supportato dalla Provincia di Varese e famoso a livello internazionale. A poca distanza dall'edificio religioso, un punto panoramico sul bacino del Verbano offre una visione privilegiata del Lago. Le viuzze interne del borgo offrono gradevoli scorci su case d’epoca ingentilite da terrazzi e decorazioni. Il clima mite e solatio, la naturale protezione dai venti freddi, la cordiale ospitalità degli abitanti, fanno di Brezzo di Bedero un soggiorno ideale anche d’inverno.

-------------------------------


DOVE ANDIAMO

ARIA DI NATALE/ BREZZO DI BEDERO Il 24 dicembre l’intero borgo si trasforma, il tempo corre a ritroso fino alla rappresentazione dell’evento che ha segnato la storia. La Capanna della Natività, i bivacchi dei pastori, il grande mulino, le botteghe del fornaio, il negozio del fabbro, gli Angeli che corrono a dare il lieto annuncio tra luci di torce e fuochi accesi nelle capanne. Tutto concorre a ricreare l’atmosfera della notte più importante della storia

una delle costruzioni del presepe vivente

programma delle rappresentazioni Domenica 18 Dicembre alle ore 20,30 Concerto di Natale in Canonica con il “Gruppo Fiati Boschese” che eseguirà musiche tradizionali natalizie. A fine concerto inaugurazione del Presepe e scambio degli auguri con panettone, spumante e bevande calde. PRIMA RAPPRESENTAZIONE DEL PRESEPE VIVENTE La manifestazione avrà inizio sabato 24 dicembre alle ore 22.30. Seguirà la Santa Messa al Presepe, celebrata da Don Fabio Volpato e da Armando Carretti, con il coro della parrocchia. SECONDA RAPPRESENTAZIONE DEL PRESEPE VIVENTE Venerdì 6 gennaio giorno dell’Epifania alle ore 14.30. Nuova rappresentazione con l’arrivo al presepe dei Re Magi che renderanno omaggio a Gesù Bambino e l'arrivo della befana che distribuirà, come ogni anno,a tutti i bambini presenti la tradizionale calza. Alcuni giorni prima di Natale e fino all’Epifania il Presepe sarà illuminato tutte le sere.

---------------------------

21


DOVE ARIA DI NATALE / A BOSCO VALTRAVAGLIA ANDIAMO

DOVE ANDIAMO

E’ il “Presepe di radici” realizzato a partire dal 1987 da Fermo Formentini, artista delle radici, nato e vissuto a Bosco, classe 1919.

IL PRESEPE di RADICI 25 dicembre - 8 gennaio dalle ore 14.30 alle ore 17.30 In un locale della Chiesa Parrocchiale di Bosco Valtravaglia (Montegrino-VA) si può ammirare un’opera d’arte unica e straordinaria: il “Presepe di radici”

L’opera, che il primo anno era composta da solo 8 figure, è giunta ad averne attualmente oltre 150 e quest’anno i vari pezzi sono stati ricollocati in una scenografia completamente rielaborata, grazie alla collaborazione dell’Associazione Culturale “Amici di Giovanni Carnovali detto il Piccio” che, su richiesta dell’autore ormai ultranovantenne, ha raggruppato una ventina di “sostenitori del Presepe di radici” che si sono resi disponibili ad aiutare l’artista nella cura e manutenzione della sua opera. Un presepe che si sviluppa su circa 16 mq. di superficie, interamente realizzato con radici e elementi naturali che Fermo Formentini ha raccolto nei boschi e nei quali ha saputo intravedere, con intuizione artistica non comune, la forma di un personaggio, un animale, una stella, un ponte, un arco, un intero villaggio. I pezzi raccolti, in legno di castagno, robinia, carpino, faggio, betulla, edera sono solo ripuliti e parzialmente ravvivati con un leggero tocco di colore per dare maggior espressività al soggetto e poi sistemati a gruppi o singolarmente in una composizione di un incanto affascinante e unico nel suo genere. Muschio fresco e sabbia rosata completano la unicità di questa Sacra Natività. Solo le piccole luci nascoste dietro alle bianche cortecce di Betlemme e lungo il percorso verso la grotta sono una concessione alla tecnologia, che aiuta ad esaltare forme e colori naturali, creando punti di luce estremamente suggestivi. Fermo Formentini, che ha compiuto quest’anno 92 anni, ha ricevuto riconoscimenti e premi vari anche solo presentando piccole “Natività”, sempre realizzate con la stessa scelta di materiale boschivo e con l’ausilio della sua immensa fantasia. L’artista ha esposto a Luino, Besozzo, Gavirate, Laveno, Arolo, Caravate, Porto Ceresio e in vari altri comuni della provincia. Nel 2009 una sua “Natività” figurava fra i presepi dell’Abbazia di Morimondo e un’altra all’ingresso del Pirellone, a Milano; inoltre lo scorso anno è stata allestita anche la prima mostra di tutte le sue “Natività”, una ventina di pezzi unici esposti presso l’oratorio di Bosco, a lato della Chiesa parrocchiale. Il prossimo Natale 2011, le “Natività” potranno essere ammirate presso l’Abbazia di Morimondo, mentre a Bosco, oltre al grande “Presepe di radici” sarà allestita una mostra fotografica dei personaggi in radice, documentata con brani dei Vangeli, dall’Annunciazione alla Nascita del Redentore. Info: Dott.ssa Carolina De Vittori Presidente Associazione “Amici del Piccio” Via Risorgimento, 11 Montegrino Valtravaglia (VA) Tel. 0332 508203 – cell. 335 5394061 info@ilpiccio.it - www.ilpiccio.it

22 ------------------------------------LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com


Agriturismo “La Pömeta”

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

L’Azienda si dedica all’allevamento di galline ovaiole, bovini da carne e suini per la produzione di squisiti salumi. La Produzione viene utilizzata esclusivamente nell’Agriturismo. Gli Ospiti possono disporre di sala da pranzo e ristorazione con prodotti genuini dell’Agriturismo, bevande e, su prenotazione, di accoglienti camere per il pernottamento con prima colazione.

AGRITURISMO CON ALLOGGIO e LOCALE RISTORANTE CON PIATTI TIPICI LOCALI e SELVAGGINA CAMERE PER VACANZE E WEEK END Laveno

SS 394

Luino

Grantola

Bosco Montegrino Valtravagliia

Agriturismo La Pömeta Cunardo

Castendallo

Cugliate Fabiasco

Ghirla Varese

SS 233

P.teTresa

Agriturismo La Pömeta Via Fabiasco, 3 bis - Cap 21010 Fraz. Castendallo Montegrino Valtravaglia (Va) Tel.(+39) 0332.589.700-Cell.(+39) 340.683.54.77 e-mail: info@agriturismolapometa.it www.agriturismolapometa.it

---------------------------


DOVE ANDIAMO ARIA DI NATALE / DICEMBRE A LUINO

Natale, Luino scintillerà come gli Champs Eliysées Le luminarie sono un appuntamento che si ripete ogni anno a dicembre e fanno parte integrante della tradizione creando l’atmosfera Natalizia. I colori sono quelli delle luci di una volta con luminarie che valorizzano la città, alberi decorati con bianca luce, vetrine con esposte opere d’arte e mercatini con prodotti di artigianato e regali di ogni tipo ed esigenza. I profumi nell’aria ancora quelli della cannella, del miele e della vaniglia, Gli ingredienti: dolci e biscotti, ma a volte anche le salsicce e il vin brulé... quanto ai suoni sono quelli dei canti di Natale. Tutti ingredienti semplici che allietano le persone e riscaldano l’atmosfera delle fredde giornate d’inverno. Sabato 3 Palazzo Verbania ore 17.00 presentazione libro di Francesco Pellicini “Lui no è fuori catalogo” Sabato 3 Palazzo Verbania Mercatino GIM Gruppo impegno missionario Sabato 3 - 4 Piazza Garibaldi - Mercatino Lunedì 5 Palazzo Verbania ore 21.00 presentazione libro “Il volto di Cristo” Lunedì 5 Teatro Sociale dalle 10.00 alle 13.00 Festa dell’eccellenza del Liceo V. Sereni di Luino Mercoledì 7-11 Week end lungo Palazzo Verbania Mercatino GIM Gruppo impegno missionario Mercoledì 7 Teatro Sociale - ore 21.00 Grande concerto di Natale con i musicisti dell’ orchestra sinfonica della Rai Giovedì 8 Santa Messa ore 10.30 Per il giorno dell’Immacolata Concezione al Porto Vecchio Sabato 10 e Domenica 11 Animazioni in città “Natale in giostra” Parco Ferrini Giovedì 15 dalle ore14.00 Via Cavallotti, P.zza Libertà progetto Natale con le scuole (Babbo Natale, cioccolata calda) Giovedì15 (sino al 20) Palazzo Verbania Di Mano in Mano...Artistiche tentazioni al femminile

Sabato17 Palazzo Verbania ore 21.00 “Omaggio di Natale” con l’Orchestra Mandolinistica di Lugano Palazzo Verbania Di Mano in Mano... Artistiche tentazioni Palazzo Verbania e per le vie della città - Il paese dei balocchi - Piazza Garibaldi e vie limitrofe - Baby Christmas Party -“Natale in giostra” al Parco Ferrini Domenica18 Palazzo Verbania ore 15.00 - Voci Natalizie dall’est Europa - Di Mano in Mano... Artistiche tentazioni Domenica18 Per le vie della città Mercato straordinario Lunedì 19 ore 21.15 Teatro Sociale - Stagione teatrale “Tante belle cose” di Edoardo Erba con Maria Amelia Monti e Gianfelice Imparato regia: Alessandro D’Alatri Sabato 24 Per le vie della città Mercato straordinario Martedì 27 Teatro Sociale ore 21.00 Concerto Provincia di Varese ingresso libero

24 ------------------------------------LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com


Š

---------------------------

25

StudioSettanta - Portovaltravaglia


ARIA DI NATALE / A BOAREZZO BOAREZZO Associazione Amici di Boarezzo P.zza Salvadori 1-Boarezzo di Valganna Varese e mail: amicidiboarezzo@libero.it www.valganna.info

Pranzo di Natale e Cenone di Capodanno Su prenotazione martedì giorno di chiusura

CAMICERIA DAL 1975

VIALE DANTE 5 - LUINO (VA) TEL. 349 8015838 CAMICIE SU MISURA A PARTIRE DA 60 EURO

Via Vittorio Sereni, 9 Luino (Va) tel./Fax 0332.532490 TEMPO LIBERO, MILITARE SCARPONI TREKKING E CAMPING COLTELLI DA CACCIA E SPORTIVI info@armerianordverbano.it 26

8-9-10-11 DICEMBRE: LA BOTTEGA DELLO GNOMO In sede: tante piccole idee per Natale! Venerdì 9: in chiesa allestiamo insieme il PRESEPE . Domenica 11 In sede ore 15.30 IL CANTASTORIE narra storie e racconti di Natale ai bambini. Sabato 31 in sede ore 21.00. Salutiamo insieme l’anno vecchio e l’anno nuovo. L’Associazione “Amici di Boarezzo” nasce nel 1988 con lo scopo di salvaguardare, recuperare, ampliare e migliorare i valori artistici ed ambientali del paese di Boarezzo. Con questo spirito e negli anni, l’Associazione, grazie al contributo di molti è riuscita ad abbellire e far conoscere a un sempre più vasto pubblico il Villaggio Artistico realizzando progetti finalizzati a valorizzare il borgo. Ne sono esempi opere quali la creazione del parcheggio-parco giochi e p.zza Salvadori, i restauri e la manutenzione dell’ ex scuola, odierna sede, dello splendido lavatoio ancora funzionante nonché di edicole votive e di sentieri, la creazione del giardino dedicato agli anziani .Altre finalità che persegue da anni sono l’educazione all’ambiente e al valore dell’arte e della cultura in genere attraverso pubblicazioni, mostre, concorsi, incontri tematici con l’ intento di far conoscere e valorizzare il Villaggio Artistico e la valle con le sue bellezze naturali ed artistiche

LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com

------------


PINZAN FIORELLA PARRUCCHIERA Via Roma, 62 Portovaltravaglia (VA) Tel. 0332 547659

DONNA-UOMO DAMEN-UND HERRENFRISEURIN • riceve per appuntamento • auf voranmeldung

---------------------------

27


DOVE ANDIAMO SANTIAGO DE COMPOSTELA/ Il Santuario e la bicicletta

Fin dal Medioevo, milioni e milioni di pellegrini affluiscono da secoli verso questo celeberrimo centro religioso. Il nome della città è composto da Santiago che viene associato a San Giacomo il Vecchio, l'apostolo (fratello di San Giovanni evangelista) che, secondo la leggenda, venne a predicare in Galizia e che poi, tornato in Oriente, vi subí il martirio. Dopo la sua morte i discepoli del Santo affidarono il corpo alle onde del mare che sempre secondo la leggenda lo riportarono sulle spiagge della Galizia. Nell’813, le reliquie del Santo vennero ritrovate da alcuni pastori che, sopra un campo deserto, videro brillare una strana luce, simile ad una stella. Sotto quella luce c'erano le spoglie di San Giacomo e quel campo fu da allora chiamato “Campus stellae” (campo della stella, divenuto poi Compostela) sul quale venne edificato il Santuario trasformato, nei secoli successivi, in un meraviglioso tempio e da qui anche la denominazione di “Santuario di Santiago de Compostela”. La costruzione della Cattedrale, si fa risalire al primo secolo, e si erge, gigantesca, sulla

“Plaza de Espana”, con una fastosa facciata barocca gremita di decorazioni scultoree affiancata da due torri campanarie che si innalzano fino a 75 metri d'altezza. Il tempio è preceduto da due scalinate, ma l'ingresso è consentito solo dalle porte laterali. Una di queste è la ricchissima “Puerta de las Platerías” (sec. XI) che si apre accanto all'alta “Torre de la Trinidad“. Nel suggestivo interno, la “Capilla Mayor”, rivestita di preziosi ornamenti. Sotto di essa, in una cripta, c’è la tomba del Santo con uno scrigno d'argento che ne custodisce le spoglie. In fondo, dall'altra parte, un gioiello scultoreo del XII secolo: “il Pórtico de la Gloria”. Bellissimo è anche il chiostro in stile plateresco(uno dei piú grandi della Spagna), che si apre di fianco alla “Puerta de las Platerías”.

28 ------------------------------------LA RIVISTA DEL VARESOTTO è anche online www.doveandiamostudiosettanta.com


UNA NUOVA IMPRESA IN BICICLETTA del luinese Gino Marelli 2300 chilometri percorsi in 12 giorni. 10 settembre partenza da Luino (Voldomino) 24 settembre arrivo a Santiago De Compostela - Spagna. questo il finale dal diario di viaggio <dopo aver trovato con difficoltà un alloggio, vado nell’ufficio della Confraternita di San Giacomo per autenticare la credenziale del pellegrino. Domenica, assisto alla messa celebrata per i pellegrini nella quale, al termine

della funzione un grande incensiere detto “botafumeiro” viene fatto oscillare tra le volte. Lunedì rientro in aereo da Santiago de Compostela a Orio al Serio. Assemblata la bicicletta ritorno a Luino. Fine del pellegrinaggio.>

Marelli non è alla sua prima esperienza, ogni anno ci regala la sua impresa e quest’anno la bicicletta lo ha portato a Santiago de Compostela superando non poche difficoltà tra salite e discese impegnative, intemperie, solo, in paesi stranieri. Pedalata su pedalata. La prima faticaccia subito nella prima tappa su per il colle di Superga, 5 km in salita, dopo 190 km dalla partenza. Il giorno dopo prosegue per la Val di Susa, affronta la salita del Monginevro, scende a Briancon passando per Gap, Nyons, Bedoin, località francese ai piedi del Mont Ventoux m 1909 (una tappa importante nel giro di Francia). Il viaggio prosegue passando da Avignone cittadina d’arte sul fiume Rodano, Nimes, Montpellier, Sete, Beziers, Carcassonne, St Giron, e arrivo di un’altra tappa importante “Lourdes” con visita alla grotta di Bernadette dopo soli 8 giorni dalla partenza. Il viaggio prosegue sui Pirenei tra forti salite e discese. “St. Jean-Pied de Port” (antica cittadina dei Pirenei) e, il punto di partenza dei pellegrini che percorrono da qui gli 820 km del “Camino de Santiago” a piedi, in bicicletta o a cavallo. A soli 8 km la frontiera Spagnola e inizia la salita che porta ai 1057 m del “Puerto de Ibaneta”. Inizia anche a piovere, sul passo nebbia fitta e poi in discesa verso Roncesvalles, Pamplona; con il sole a Puerto del Perdon e altra tappa a Estella detta anche la Toledo del Nord. Ancora un percorso molto impegnativo da Santo Domingo della Calzada ai m 1150 del Puerto della Pedraia e poi in discesa fino a Burgos, Leon, e il Marelli affronta l’ultimo grande sforzo, una grande salita , la più impegnativa del “Camino de Santiago” il puerto de Pedrafita de Cebreiro. Sabato 24 settembre arrivo a Santiago de Compostela capitale spirituale e culturale della Galizia.

---------------------------

29


StudioSettanta - Portovaltravaglia

Š

barisi pelletteria

Via Porro,1 Laveno Mombello (Va) Telefono 0332.668528 bbarisi@tiscali.it www.pelletteriabarisi.it http://facebook.com/pelletteria.barisi


StudioSettanta - Portovaltravaglia

Š

Via Labiena, 67 Laveno Mombello (Va) telefono 0332.662856 bbarisi@tiscali.it www.pelletteriabarisi.it


DOVE ANDIAMO

Via Padre Giuliani, 2 Reno di Leggiuno (VA) tel. 349.1143952

VARESOTTO/

MACCAGNO CIVICO MUSEO PARISI-VALLE Sabato10 ore 17.30 inaugurazione mostra “PREMIO MACCAGNO 2011” Sabato 3 e Domenica 4 - Mercatini di Natale a Maccagno Superiore. Giovedì 8 Atmosfera... Natalizia! serata di cori scuola materna Sabato 10 Auditorium - Concerto Natalizio in collaborazione con ENEL Sabato17 Concerto Scuola Musicale Maccagno CUVIO Sabato 24 piazza IV novembre “Natale in Piazza” della chiesa, per lo scambio degli auguri al termine della Messa di mezzanotte con Vin Brulé, cioccolata, Pandoro Panettone attorno al falò e davanti alla Capanna del Presepe preparato dal Gruppo degli alpini di Cuvio. BRINZIO Domenica 4 mercatino della solidarietà - tel 348.5478890 Giovedì 8 pedala con i campioni giro cicloturistico dell’alto varesotto con i campioni del ciclismo provinciale tel 0332.747782 Sabato17 concerto di Natale concerto natalizio nella parrocchia inizio ore 20.45 tel 347.7507664 Sabato 24 auguri di Natale – scambio degli auguri dopo la S. Messa di mezzanotte con panettone e vin Brûlé tel 0332.435359 – 347.7507664 Sabato 24 apertura presepi artistici nella parrocchia ed in alcuni angoli del paese Inverno 2011/2012 attività sciistica centro fondo noleggio scii e ciaspole, lezioni con maestri della Scuola Italiana Sci tel. 347.0331560 347.7507664 Giovedì 5 gennaio 2012 Befana del Fondista fiaccolata sulla neve, distribuzione doni ai bambini tel. 347.0331560 – 347.7507664 CASTELLO CABIAGLIO Domenica 11 all'interno della Locanda del Glicine Antico viene organizzato l'Open Day degli Sposi e il Mercatino di Natale nelle vie del paese.

VIA XV AGOSTO, 42 LUINO VA TELEFONO 0332.532598 VIALE LUINO, 32 LAVENA PONTE TRESA VA TELEFONO 0332.551079

PORTO VALTRAVAGLIA Sabato 3 e domenica 4 Mercatini di Natale 5ª edizione Manifestazione lungo la Via Roma. Sabato 31 Veglione di Capodanno presso il Salone Colombo dalle ore 21.00 musiche e Cotillons in allegria

------------------------------------


DOVE ANDIAMO

MANIFESTAZIONI DICEMBRE GAVIRATE Da Domenica 4 dicembre sino a Domenica 8 gennaio 2012

Mostra dei Presepi allestita all’interno della vettura ferroviaria messa a disposizione da TreNord e collocata sul binario tronco della Stazione di Gavirate in Piazza Dante 1 - ingresso libero, sarà visitabile tutti i giorni della settimana al pomeriggio, nei festivi anche al mattino. Info: Tel. 0332 744.707

DUE LAGHI IN FESTA Nasce in Distretto del Commercio Due Laghi - Festeggia con Noi Sabato 3 e Domenica 4 un ricco calendario di EVENTI GRATUITI vi aspetta nei Comuni di Gavirate, Bardello, Biandronno, Comerio e Travedona Monate! Info: Tel. 0332 744.707 Comune di Gavirate Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale Storie e storielle di Natale con Betty Colombo Sabato 3 alle 10.00 in biblioteca Vieni ad ascoltare le storie di Natale <apri naso, orecchie e bocca per sentir la filastrocca che vestita di magia viene a farti compagnia> Non mancare! Info: Biblioteca Comunale 0332/748278

LEGGGIUNO - S. CATERINA Per visite Da Novembre a Febbraio Aperto Sabato, Domenica e nelle Festività dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00 Dal 23 Dicembre al 6 Gennaio aperto Tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00 Visite di gruppo su prenotazione. Santa Messa la Domenica e nelle Festività alle ore 16.30 SANTA MESSA DI NATALE: Ore 23.00 MONTEVIASCO Sabato 10 Babbo Natale arriva a Monteviasco. Dalle ore 13.30 alle 14.30 la funivia funzionerà in modo continuativo per permettere ai bambini di Monteviasco Curiglia e Piero di salire per accompagnare Babbo Natale per le vie del paese e consegnare i doni agli abitanti, assieme ad una bandella. Appuntamento poi dopo la S: Messa nel salone dell’ex Asilo per festeggiare tutti insieme con una fetta di panettone: BREZZO DI BEDERO Domenica 18 inaugurazione Presepe Vivente con Concerto di Natale Sabato 24 e Venerdì 6 gennaio 2012 - XXXI rappresentazione del Presepe Vivente a cura della Proloco Da Sabato 24 a Venerdì 6 gennaio 2012 Mostra fotografica dei Presepi a cura di Giuseppe Reggiori presso l’Associazione Casa Paolo

24 ANNI DI PRESEPI (Fc) Sotto l'ormai tradizionale titolo "Sette sere davanti al presepe" si apre sabato 17 il ciclo delle inaugurazioni dei presepi delle frazioni della parrocchia di Porto e Domo. Ogni sera alle 20,30 è previsto un incontro di preghiera e di amicizia fra le varie frazioni, a partire da Sabato 17 a Sarigo Domenica 18 a Ligurno Lunedì 19 a Musadino Martedì 20 a Torre ; Mercoledì 21 a Porto Giovedì 22 a Saltirana Venerdì 23 a Domo Ciascuna frazione organizza il momento di incontro, offrendo qualche dolcetto e una bevanda calda. E' una bella tradizione che rinnova quella della Novena di Natale, ma rivisitata ed itinerante fra le case e fra la gente. E per chiudere il ciclo delle feste natalizie, gli Amici del presepe propongono una cena (sabato 21 gennaio 2012, ore 20) presso il Ristorante Cristallo di Cittiglio. La partecipazione è aperta naturalmente a tutti coloro che vogliono trascorrere una serata in amicizia.

TORBA DONI domenica 4 ore 10/18 E’ tempo di regali, è tempo di idee originali, è tempo di perdersi nella tradizionale mostra mercato di prodotti artigianali dedicata al Natale.Un'occasione imperdibile per pensare ai regali e per scoprire uno dei gioielli della Valle Olona. - tel. 0331 820301

--------------------------

33


FORMAGGI CAPRINO LAGO D’ELIO (tipico) CAPRINO LAGO D’ELIO erborinato CAPRINO STAGIONATO bouchons CAPRINO STAGIONATO piramide naturale CAPRINO STAGIONATO piramide cenere QUADRELLA (caratteristico) CAPRINO STAGIONATO FOGLIE (tipico) CAPRINO STAGIONATO NATURALE CACIOTTA DI CAPRA ROBIOLA DI CAPRA PAGLIONE robiola di capra (tipico) CASMERA zola di capra FORMAGGELLA DEL LUINESE latte caprino ALPE DEI latte vaccino MONTAGNOLA latte vaccino e caprino RICOTTA latte vaccino e caprino

Yogur t di vacca e capra Budini di cioccolato, vaniglia, crème caramel BURRO SALUMI (di suino) LARDO (di suino) PANCETTE (di suino) GINESTRINI (di carne magra di capra)

Azienda Agricola Pira Caseificio Lago D’Elio Via per Porto, 2 • SALTIRANA

Frazione di CASTELVECCANA (VA)

CARNI BOVINE SU ORDINAZIONE

SPACCIO BLICO B U P L A APERTO

tel. 0332. 521342 GIORNI DI APERTURA SPACCIO

martedì, giovedì, venerdì 9.30 - 12.00 / 15.00 - 18.00 sabato 9.30 - 12.00 lunedì e mercoledì chiuso

AZIENDA AGRICOLA PIRA • CASEIFICIO LAGO D'ELIO

Il Caseificio Lago D’Elio in oltre vent’anni di produzione, ha raggiunto una posizione di rilievo nella realtà lattiero casearia e di leadership nella produzione di formaggi tipici di capra e di vacca. La cura nella nutrizione degli animali allevati nei vicini pascoli montani del varesotto, la caseificazione immediata del latte raccolto, la lavorazione, la particolare stagionatura e un ininterrotto impegno verso le attese dei consumatori, hanno spinto verso l’alto gli standard qualitativi nella produzione dei formaggi e di tutte le gustose specialità prodotte.

TUTTA LA NOSTRA PRODUZIONE NEI MIGLIORI


DOVE ANDIAMO

AZIENDA AGRICOLA PIRA CASEIFICIO LAGO D'ELIO

GRANDE FESTA DI NATALE nella frazione Caldé di CASTELVECCANA (VA)

Venerdì 23 Dicembre

SU PRENOTAZIONE I CESTI NATALIZI del

©

StudioSettanta - Portovaltravaglia

Caseificio Lago d'Elio Il Caseificio Lago d’Elio da oltre venti anni raccoglie e trasforma il latte caprino e bovino, prodotto da animali tenuti al pascolo,"sotto il cielo". L'azienda agricola segue tutta la filiera produttiva, dal nutrimento di capre e vacche, alla cura dei pascoli, alla lavorazione del latte, alla stagionatura e commercializzazione dei formaggi e degli altri prodotti aziendali. Bontà della materia prima, passione artigianale, competenza casearia, adeguata tecnologia danno al formaggio qualità specifiche, che lo rendono diverso.

In caso di maltempo: data da destinarsi Info: Caseificio Lago d’Elio tel. 0332.521342

Ore 18 Fiaccolata, con i bimbi della scuola materna e delle scuole, dalla Piazza Lago di Caldé e lungo la passeggiata delle Fornaci sino al “Casel del Modena” per la benedizione del parroco don Giuseppe Fonsato al presepe allestito da Pinuccio Reggiori A seguire nella Piazza Lago di Caldé “ Atmosfera di Natale” con gli zampognari l’ Arrivo di Babbo Natale in calesse e con i CANTI NATALIZI del “Coro della Verzasca” diretto dal Maestro Giovanni Bonariva PER TUTTI vin brulé, cioccolata e dolci SPETTACOLO PIROTECNICO La manifestazione organizzata da: Comune di Castelveccana, Ruggero Ranzani: Assessorato Cultura e Turismo e dal Gruppo Alpini di Castelveccana

NEGOZI E SUPERMERCATI

è stata resa possibile per la sponsorizzazione dell’Azienda Agricola Pira che Augura a tutti

Buone Feste 37


DOVE ANDIAMO

LA FESTA PIÙ ATTESA DELL'ANNO

Il Natale è in assoluto la festa più celebrata e la sera della Vigilia la tradizione vuole che, dopo aver gustato le specialità natalizie, ci si rilassi con la famiglia e gli amici. Ogni anno, alla vigilia di Natale soprattutto i bambini ma non solo, quasi tutti vanno a letto con una grande speranza nel cuore quella di ricevere al mattino un dono da Babbo Natale o comunque qualcosa se si è fortunati. La tradizione dei doni nasce a Gerusalemme quando i magi: Melchiorre, Gaspare e Baldassarre portano alla capanna dove è nato Gesù, il re dei Giudei, tre doni: oro, incenso e mirra e da qui nasce l’usanza di fare regali ai bambini, simboleggiando i doni che i Magi avevano dato a Gesù Bambino.

ORO INCENSO E MIRRA Erano i doni portati dai Re Magi: l'oro come omaggio alla regalità, l'incenso come testimonianza di adorazione alla divinità, la mirra come dono diretto all'uomo. Doni molto preziosi, dunque, che alludono alla doppia natura del Salvatore: umana e divina. L’accostamento di due aromi all'oro dimostra quanto essi fossero considerati nell'antichità. Da allora fino ai giorni nostri, essenze e profumi hanno mantenuto intatto il loro fascino e la loro efficacia, anche terapeutica.

L’INCENSO È una gommoresina odorosa che bruciando purifica l'aria. È prodotta da un arbusto che cresce spontaneamente in Africa e in Asia, e sgorga dalle incisioni praticate nella corteccia, solidificando a contatto con l’aria. Usato in molti e differenti occasioni, l’incenso è legato a una ricca simbologia profana e religiosa. La resina profumata dell'incenso era tra i balsami pregiati che componevano l'olio dell'unzione sacra, usato per la consacrazione del Santuario, del sommo sacerdote Aronne e dei suoi figli. In lsraele si incensavano le persone, gli oggetti e i luoghi riservati al culto del Dio unico. Tutti coloro che partecipavano al culto divino erano inviati a diffondere un soave profumo spirituale.

LA MlRRA La leggenda narra che la resina che cola da questi arbusti di bassa statura siano le lacrime della ninfa Mirra, figlia del Re di Cipro, la quale disprezzava a tal punto la dea dell'amore, Afrodite, da rifiutare il matrimonio. Afrodite la fece allora invadere da un'incontrollabile passione incestuosa: sedusse il padre con l'inganno, questi accortosene la scacciò ed ella vagò nel deserto pentita fino a trasformarsi in arbusto. Dopo nove mesi dalla sua corteccia nacque un bimbo bellissimo: Adone. Ancora oggi i grani di mirra in commercio si chiamano "lacrime" Per quanto riguarda gli effetti medicamentosi, la mirra ha da parecchi secoli un vasto campo di applicazioni. Già dall'antichità, per esempio, era usata per l'igiene della bocca e contro qualsiasi infezione .

38

--------------------------


StudioSettanta - Portovaltravaglia

©

RISTORANTE MONTESOLE Di Saredi Gianpiero

&

C. Snc

Viale Della Repubblica 85 Località: PORTO VALTRAVAGLIA (VA) TEL.+39 0332 548134 - Cell. 339 8571036

GRANDE PARCHEGGIO

si consiglia la prenotazione (giorno di chiusura: giovedì) o Luin per eno Lav per

giore g a M o g a L l u s Terrazza Vi aspettiamo a Natale si consiglia la prenotazione

il locale è aperto sino al 26 dicembre gennaio / febbraio rimane chiuso riapre nel mese di marzo

disponibilità sino a 300 posti - CENE AZIENDALI...BANCHETTI Il Ristorante Montesole Vi aspetta con i suoi Menù a ottimi prezzi


Marelli&Pozzi GAVIRATE Viale Ticino, 79 0332 743707

Marelli&Pozzi

Š

StudioSettanta - Portovaltravaglia

VARESE Viale Borri, 211 0332 260338

Concessionaria Marelli&Pozzi www.marelli-pozzi.fiat.com


DOVE ANDIAMO