Issuu on Google+

INDICE

Introduzione Il lungo viaggio del cacao Fiabe dal mondo Cosa c’è nel nostro piatto? Suoni dal mondo Il pallone non è un gioco Un mondo di miti Etica sull’etichetta Fiori e diritti Globo, Globale, Globalizzazione Bibliomondo Cibo per la mente, cibo per la gente Equo-nomia Terre contadine Ti racconto il Commercio Equo e Solidale Mondo in festa Dettagli Cosa facciamo?

pag. 2/3 pag. 4/5 pag. 6 pag. 7 pag. 8/9 pag. 10 pag. 11 pag. 12 pag. 13 pag. 14/15 pag. 16/17 pag. 18/19 pag. 20/21 pag. 22/23 pag. 24/25 pag. 26 pag. 27 pag. 28

LEGENDA

Le immagini del libretto sono di Roberta Greco e Sara De Rosa

scuole elementari

scuole medie

1

scuole superiori


La nostra cooperativa sociale è nata come organizzazione di commercio equo e solidale e centro di promozione al dialogo con le culture del Sud del mondo, ed è impegnata dal 1994 in attività di educazione alla mondialità nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Savona. I progetti educativi e gli itinerari didattici che negli anni abbiamo ideato, puntano alla valorizzazione di ogni popolo come fonte di cultura nel tentativo di educare bambini, ragazzi ed adulti a guardare l’altro e l’altrove senza pregiudizi. Gli argomenti sui quali abbiamo lavorato e che abbiamo proposto e sperimentato sono molteplici ed eterogenei: • Percorsi di educazione alimentare e di avvicinamento al consumo responsabile • Itinerari attraverso la musica e le letterature extraeuropee • Analisi delle cause dello squilibrio economico tra Nord e Sud del mondo • Approfondimenti sui meccanismi dello sviluppo economico e del commercio internazionale • Storia delle materie prime (cacao, tè, caffè) • Colture e culture in relazione alla biodiversità 2

Da un punto di vista metodologico i nostri progetti prevedono: • lezioni, animazioni, giochi di ruolo e di simulazione, attività di cooperative learning • utilizzazione di materiale multimediale (video, videoproiezioni, internet, CD-rom, DVD) • laboratori (costruzione di strumenti musicali, percorsi di degustazione…) • assistenza per la realizzazione di unità didattiche tematiche e mostre Per noi il presupposto fondamentale alla buona riuscita dei progetti è l’elaborazione dei percorsi interculturali con gli insegnanti delle classi destinatarie. Siamo disponibili per incontri di programmazione, monitoraggio e valutazione finale del lavoro. I nostri progetti e programmi sono molto flessibili proprio per adattarsi alle esigenze dei docenti e degli allievi, insieme ai quali verrà costruita un’esperienza che tenga conto delle diverse aree disciplinari. In questi anni di attività abbiamo lavorato con più di 40 scuole ed istituti dell’intera provincia, incontrando migliaia di allievi in migliaia di ore di lezione e questo ci ha permesso in diverse occasioni di verificare e di rielaborare le nostre unità didattiche. Speriamo che questo libretto possa essere uno strumento utile agli insegnanti per orientarsi tra le nostre proposte ed integrare l’offerta formativa tradizionale in vista di un orizzonte interculturale. 3


IL LUNGO VIAGGIO DEL CACAO

TRA STORIA, LEGGENDE E ANTICHE RICETTE OBIETTIVI I bambini saranno accompagnati dal nostro esperto in un percorso interdisciplinare che prevede una prima parte teorica riguardante: • Curiosità botaniche e tecniche di coltivazione • Lavorazione e filiera produttiva: dal cacao al cioccolato • I protagonisti della storia dai Maya ai giorni nostri METODOLOGIA E STRUMENTI Videoproiezione e brainstorming Laboratorio di cucina: prepariamo insieme lo XOCOATL. Degustazione guidata di differenti tipologie di cioccolato TEMPI Un incontro della durata di 2 ore e 30 minuti a gruppo classe (20/25 bambini) INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il percorso è destinato esclusivamente alle IV e V elementari. Sarà necessario avere a disposizione un’aula piuttosto ampia, oltre a quella della classe, per allestire lo spazio del laboratorio di cucina. Tutte le attrezzature e tutte le materie prime per il laboratorio (fave di cacao fresche e puro zucchero di canna) saranno fornite dalla nostra cooperativa con un costo aggiuntivo di 25,00 euro.

4

5


METODOLOGIA E STRUMENTI Introduzione giocata al planisfero. Utilizzo di diverse modalità di narrazione (racconto orale, animazione musicale..). Laboratori manuali (collage con semi e stoffe, costruzione di strumenti musicali) 1° incontro Il chicco di mais: fiabe e favole legate alle tradizioni alimentari degli altri popoli 2° incontro Il ricamo magico: fiabe e favole legate alle tradizioni tessili degli altri popoli 3° incontro La sanza: fiabe e favole legate alle tradizioni musicali degli altri popoli TEMPI Sono previsti 3 incontri di 2 ore a gruppo classe INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Si richiede ad ogni alunno di mettere a disposizione colla e carta e materiale di recupero che verrà indicato durante il percorso.

6

COSA C’È NEL NOSTRO PIATTO?

FIABE DAL MONDO

OBIETTIVI Un vero viaggio tra le voci, i colori, i suoni ed i profumi che emergono da autentiche fiabe del Sud del mondo. Il progetto, oltre a restituire ai bambini il piacere dell’ascolto, stimola la curiosità di conoscere l’altro e l’altrove creando sempre nuove suggestioni e nuovi contatti tra il piccolo ascoltatore e le emozioni, i desideri e le storie di vita confluite nella pagina scritta. Sono state selezionate fiabe e favole che si collegano a tre ambiti specifici: il cibo, i tessuti e gli strumenti musicali degli altri popoli per ricreare anche una sorta di percorso sensoriale che permetta ai bambini di orientarsi tra i Paesi del Sud del mondo.

LA FILIERA DEI PRODOTTI DEL SUD DEL MONDO: CACAO, CAFFÈ, TÈ, BANANE... OBIETTIVI Il progetto è volto alla conoscenza della produzione, del viaggio e della commercializzazione delle materie prime che caratterizzano alcuni degli alimenti più conosciuti ed apprezzati dai bambini e dai ragazzi. Tenta inoltre di rendere consapevoli delle connessioni tra i produttori del Sud ed i consumatori del Nord del mondo riguardo a molti prodotti presenti sulle nostre tavole, per aiutare gli allievi ad avere una chiave di lettura critica di una dimensione strutturale dell’economia, occultata in genere dai mass-media, ma determinante per la vita di intere popolazioni dei Paesi poveri. Le attività proposte permettono agli alunni di seguire il percorso “dal chicco alla tazzina” e di venire a conoscenza di realtà storiche, geografiche, agricole, produttive, ma anche politiche ed economiche allo scopo di cogliere la profonda interdipendenza che esiste fra Paesi ricchi consumatori e Paesi poveri produttori. METODOLOGIA E STRUMENTI Insieme ai docenti sceglieremo i prodotti e le filiere che richiamano più interesse per poi realizzare il percorso in modo personalizzato per la classe. Sono previsti: Introduzione giocata al planisfero Giochi di ruolo e simulazione sul viaggio dei prodotti Video e videoproiezioni tematiche Visione di: cabosse di cacao, chicchi di cacao e di caffè verde… Degustazioni guidate dei prodotti alimentari selezionati TEMPI Sono consigliati almeno 2 incontri di 2 ore a gruppo-classe. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE I materiali e le attrezzature per le degustazioni guidate saranno forniti dalla nostra cooperativa

7


SUONI DAL MONDO

LA MUSICA COME LINGUAGGIO INTERCULTURALE OBIETTIVI Il progetto è volto alla conoscenza degli strumenti musicali tipici dei Paesi del Sud del Mondo, delle loro tradizioni musicali e religiose, dei loro canti e delle loro leggende. Le attività consentono agli alunni di conoscere realtà musicali a loro poco familiari allo scopo di cogliere quanto di comune possa esserci tra esperienze ed abitudini lontane e di contribuire a superare ogni tentazione di facile esclusione di ciò che non appartiene al proprio immaginario ed al proprio vissuto culturale.

TEMPI Sono previsti 3 incontri di 2 ore a gruppo-classe. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Collaboreranno con gli animatori della cooperativa due percussionisti esperti di ritmica dell’Africa Occidentale, per la loro presenza ad uno o più incontri sarà necessario concordare con la scuola un costo aggiuntivo.

METODOLOGIA E STRUMENTI La nostra cooperativa fornirà in visione ed in uso agli allievi un campionario completo di circa 100 preziosi e rari strumenti musicali provenienti da Asia, Africa ed America Latina. 1° incontro Primo contatto, auditivo e visivo, con gli strumenti musicali e le sonorità tradizionali dei popoli “altri”. Osservazioni sui materiali di costruzione e sulle tecniche di suono degli idiofoni. Ascolto di brani appartenenti alla cultura musicale occidentale, classica e contemporanea e ricerca delle loro matrici “etniche”. 2° incontro Visione di un video relativo alla costruzione di alcune tipologie di strumenti musicali in Camerun. Le percussioni: aspetti materiali, costruttivi, sonori. 3° incontro Esemplificazione del ruolo simbolico del tamburo nella cultura dell’Africa Nera e carrellata di strumenti e tecniche di suono. Dialogo sonoro con gli allievi.

8

9


OBIETTIVI Ci sono più di 250 milioni di bambini sfruttati come lavoratori nel mondo. Ma perchè vengono costretti a lavorare? Questo percorso, attraverso un’analisi dei dati internazionali, dei racconti di ieri e di oggi (la presenza del lavoro minorile nella letteratura per l’infanzia), dei film e dei cartoni animati, propone una riflessione sulla difficile condizione dei bambini in molti Paesi del mondo e sul problema, ad oggi ancora irrisolto, dello sfruttamento del lavoro minorile. METODOLOGIA E STRUMENTI Attraverso due giochi di ruolo ideati in modo specifico per bambini e ragazzi, la visione di 2 brevi documentari inediti ambientati in Pakistan e India, ed una presentazione della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia, tenteremo di fornire nuovi strumenti per comprendere ed analizzare il fenomeno. Gioco di ruolo “i sacchetti di carta” Gioco della conferenza stampa Presentazione della Convenzione Internazionale TEMPI Sono previsti 2 incontri di 2 ore a gruppo-classe INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il percorso è indicato per gli alunni delle classi quinte delle elementari e per i ragazzi delle scuole medie. E’ possibile far seguire ai 2 incontri la visione del film “Iqbal” (fornito dal nostro ente). Per il gioco “I sacchetti di carta” sono necessari giornali vecchi, forbici e colla in stick.

10

UN MONDO DI MITI

IL PALLONE NON E’ UN GIOCO

IL DRAMMA DEL LAVORO MINORILE

VIAGGIO TRE LE VOCI DEL SUD DEL MONDO: RACCONTI, POESIE, FIABE, FAVOLE E MITI OBIETTIVI Il percorso conduce alla scoperta delle esperienze letterarie dei Paesi del Sud del mondo per promuovere la diffusione dell’educazione interculturale attraverso la letteratura ed un nuovo sguardo verso l’altro e l’altrove. Gli alunni ed i docenti verranno accolti dagli animatori della cooperativa in uno spazio appositamente allestito nella scuola, per ricreare un viaggio virtuale attraverso Asia, Africa ed America Latina e lì saranno avvicinati, con letture ed ascolti musicali, alle voci di alcuni autori africani, asiatici e latinoamericani selezionati in modo da poter offrire una ampia panoramica sulle altre culture, la loro letteratura ed i loro miti di fondazione. Con questo itinerario desideriamo offrire nuovi strumenti operativi per arricchire il curricolo, suggerire percorsi letterari, storici e geografici e proporre riferimenti ed indicazioni per realizzare nuove esperienze di VIAGGIO fra CULTURE con i ragazzi ed i loro insegnanti. METODOLOGIA E STRUMENTI All’interno di una seduta narrativa, gli animatori della cooperativa regaleranno ai ragazzi, accomodati sulle stuoie e trasportati tra i colori ed i profumi del Sud del mondo, stralci di racconti dei miti di fondazione e frammenti di favole, fiabe e scritti storici. Si terminerà con il “gioco delle parole”. TEMPI E’ previsto un incontro di almeno 2 ore a gruppo-classe INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il percorso è indicato per gli alunni delle classi delle scuole medie ed in particolare per i ragazzi della prima media per i quali il programma curricolare prevede proprio l’avvicinamento alla mitologia.

11


OBIETTIVI Il progetto è di grande attualità, permette agli alunni di addentrarsi nel mondo complesso della filiera tessile nel panorama della globalizzazione internazionale. Dai campi di cotone irrorati di pesticidi ai negozi delle nostre città una maglietta o un paio di jeans compiono anche 19.000 chilometri di viaggio. Analizzeremo insieme le tappe di questo lungo percorso toccando temi scottanti: agricoltura e sviluppo sostenibile, ambiente ed inquinamento, lavoro e sfruttamento, mercato e formazione dei prezzi, mondo della moda come fenomeno culturale ed economico. METODOLOGIA E STRUMENTI Vedremo insieme una videoproiezione sulla produzione del cotone ed un video/documentario inedito sull’intera filiera e giocheremo ad analizzare le etichette dei nostri abiti per tentare di risalire al paese dove sono stati realizzati. Osserviamo i nostri vestiti: “ il gioco delle etichette” Videoproiezione sulla coltivazione del cotone nel mondo Videoproiezione sulla filiera tessile ed il suo impatto ambientale Video documentario sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche asiatiche TEMPI Sono previsti 2 incontri di 2 ore a gruppo-classe.

FIORI E DIRITTI

ETICA SUL L’ETICHETTA

IL VIAGGIO DI UNA MAGLIETTA

IL LUNGO VIAGGIO DEI FIORI RECISI OBIETTIVI Una unità didattica collegata alla dimensione locale e globale del commercio nata dal lavoro di confronto e progettazione delle Botteghe del Mondo liguri. I fiori recisi rappresentano un comparto significativo dell’economia ligure e sono un prodotto agricolo tra i più scambiati al mondo. Accompagneremo gli alunni attraverso analisi e riflessioni sulle implicazioni storiche, letterarie, geografiche, scientifiche, ambientali, politiche e sociali di un prodotto oggi protagonista del commercio internazionale globalizzato. METODOLOGIA E STRUMENTI Utilizzeremo differenti tecniche di comunicazione: attività di animazione, brainstorming, visione di videoproiezioni e/o videocassette, ricerche e giochi di ruolo, di simulazione anche on line. 1° incontro Gioco “costruiamo la filiera di una rosa”. Il percorso dalla produzione alla vendita nel settore della floricoltura italiana ed internazionale. Ecuador, Colombia e Kenia i nuovi territori dei fiori. 2° incontro Il drammatico uso dei pesticidi e la protezione dei lavoratori e dell’ambiente. Gioco “formo il prezzo” - Video: “Una rosa dal Kenia” La nascita del Codice di Condotta Internazionale e la campagna italiana “Fiori e diritti”. TEMPI Sono previsti 2 incontri di 2 ore a gruppo-classe. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il percorso è indicato per le classi terze della scuola media e per le scuole superiori con opportuni adattamenti metodologici a seconda della classe coinvolta. E’ consigliabile anche come parte integrante del progetto “Globo, globale, globalizzazione”.

12

13


GLOBO, GLOBALE, GLOBALIZZAZIONE

SVILUPPO SOSTENIBILE E DINTORNI OBIETTIVI Questo progetto permette agli alunni di affrontare i temi relativi allo squilibrio economico tra Nord e Sud del mondo ed allo sviluppo sostenibile, favorendo la convinzione che tali tematiche non siano argomenti per dissertazioni tra esperti, ma al contrario, si manifestino spesso nel nostro quotidiano, terreno dove possiamo agire in qualità di cittadini e consumatori. Il percorso per avvicinarsi al consumo consapevole delle risorse planetarie passa attraverso un compromesso tra una analisi troppo dettagliata delle tematiche proposte e una mera discussione aprioristica di impressioni e convinzioni personali. Gli argomenti verranno quindi affrontati con una certa “scientificità”, che non sarà mai fine a se stessa, configurandosi piuttosto come una componente essenziale per giungere a fornire una motivazione ragionata delle proprie scelte e del proprio approccio nei confronti delle tematiche ambientali, economiche e sociali. METODOLOGIA E STRUMENTI Utilizzeremo differenti tecniche di comunicazione: attività di animazione, brainstorming, visione di videoproiezioni e/o videocassette, ricerche e giochi di ruolo, di simulazione anche on line. 1° incontro Gioco del fotolinguaggio. Viaggio alla scoperta del termine più utilizzato nell’ultimo decennio, la globalizzazione. Video e letture di autori del Nord e del Sud del mondo. 2° incontro Quanti siamo nel pianeta? Il grande gioco dei cittadini e delle sedie. Analisi delle cause dello squilibrio tra Nord e Sud del mondo.Visione di una videoproiezione e attività di brainstorming.

14

3° incontro I diversi aspetti dello sviluppo sostenibile. Come si può “quantificare” uno sviluppo? Alcuni indicatori più o meno noti: PIL e ISU. Esistono indicatori di sostenibilità ambientale? Un esempio interessante: l’IMPRONTA ECOLOGICA. Gli studenti calcolano la propria impronta ecologica e la confrontano con i dati internazionali. 4° incontro Un caso concreto: il viaggio di un prodotto. Gioco di simulazione sulla formazione dei prezzi delle materie prime. Il percorso dalla produzione al consumo di un prodotto a scelta tra: cacao, caffè, banane e cotone. TEMPI Sono previsti 4 incontri di 2 ore a gruppo-classe. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il percorso è indicato per le classi terze delle scuola media e per le scuole superiori con opportuni adattamenti metodologici a seconda della classe coinvolta.

15


BIBLIOMONDO

OBIETTIVI Un percorso guidato alla scoperta delle esperienze letterarie dei Paesi del Sud del mondo. METODOLOGIA E STRUMENTI In uno spazio diviso in quattro aree culturali, i ragazzi e i docenti verranno accolti dagli animatori della nostra cooperativa in uno spazio appositamente allestito e avvicinati, attraverso letture ed ascolti musicali, alle voci di alcuni autori africani, asiatici e latinoamericani selezionati in modo da poter offrire una ampia panoramica delle letterature e quindi delle culture extraeuropee ancora troppo spesso dimenticate. All’interno dei singoli continenti verrà focalizzata l’attenzione su alcuni Paesi ritenuti particolarmente significativi da un punto di vista letterario e curricolare. BIBLIOMONDO AFRICA Viaggeremo tra i poemi epici dell’epoca dei grandi regni dell’ovest, le radici della cultura orale attraverso le figure dei griots, le esperienze musicali antenate del blues e del jazz, la narrativa in lingua inglese, francese e portoghese dell’epoca coloniale e postcoloniale. Presenteremo le voci di A. Neto, K. Messaoudi, J. Ki-Zerbo, T. Sankara, C. Achebe, W. Soyinka, Ken Saro Wiwa, A. Kourouma, N. Farah e molti altri. BIBLIOMONDO MEDIO ORIENTE Conosceremo meglio la storia di questo territorio - bello, ricco di storia e di sofferenze - e dell’eterno conflitto tra Israele e Palestina attraverso le voci dei più famosi intellettuali di quest’area: da David Grossman a Mahmud Darwish, da Fadwa Tuqan ad Amira Hass.

16

BIBLIOMONDO AMERICA LATINA Un’area di grandi travagli e di voci indomite, di pura letteratura e miti affascinanti. Il fortissimo legame con la terra e il dramma della conquista pervadono ogni scritto. Miguel A. Asturias, R. Menchù Tum, Gioconda Belli, E. Cardenal, E. Galeano, J. Amado fra i molti. BIBLIOMONDO ASIA Abbiamo ritenuto opportuno concentrarci sull’India come terra di origine di grandi religioni, terra di poeti, letterati e musicisti e oggi paese in grande espansione economica non privo di forti contraddizioni. Presenteremo, fra le altre, le voci di R. Tagore, M. Devi, G. Mehta, A. Roy, A. Sen e V. Shiva. Uno spazio sarà dedicato anche alla questione tibetana ed in particolare agli scritti di Tashi Dawa e del Dalai Lama. TEMPI Per l’impegno intellettuale e logistico che comporta Bibliomondo è un PROGETTO DI ISTITUTO, destinato al maggior numero di classi possibile che sono invitate a parteciparvi nell’arco di tempo di 1 settimana. Per la sua polivalenza è adatto a tutte le classi dei licei. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Per lo svolgimento del progetto è necessaria un’apposita sala/aula per una settimana.

17


CIBO PER LA MENTE, CIBO PER LA GENTE

OBIETTIVI Il progetto intende diffondere la consapevolezza che esistono milioni di colture in altrettante culture del mondo e che sussistono forti connessioni tra i contadini del Sud ed i consumatori del Nord del mondo riguardo a molti prodotti presenti sulle nostre tavole. Attraverso la conoscenza delle realtà storiche, geografiche, agricole e produttive delle materie prime più commercializzate gli alunni acquisiranno informazioni sulle connessioni politiche ed economiche internazionali allo scopo di cogliere la profonda interdipendenza che esiste oggi fra Paesi ricchi e Paesi poveri. Stimoleremo anche un’attenta riflessione sulle problematiche ambientali legate alle filiere produttive delle materie prime dell’agroalimentare. METODOLOGIA E STRUMENTI 1° incontro La tavola del mondo: giochiamo con i 5 sensi. Gli studenti saranno invitati ad una tavola allestita con numerosi prodotti provenienti da ogni parte del mondo e di difficile reperimento. Tra di essi si identificheranno quelli più presenti sulle nostre tavole e quelli più lontani dalla nostra cultura. Il cibo come specificità e simbolo culturale. Le materie prime che hanno cambiato la storia. 2° incontro Prodotti del Sud, consumi del Nord. Approfondimento sui meccanismi del commercio internazionale attraverso i dati storici, le tecniche di coltivazione, la lavorazione e gli aspetti merceologici e commerciali di un tipico prodotto da esportazione con riferimento alle problematiche legate all’impatto ambientale e alle condizioni di vita e di lavoro dei produttori del Sud del Mondo. Il prodotto potrà essere scelto tra: cacao, caffè, tè, banane.

18

3° incontro Biodiversità: ricchezza dei popoli Che cosa è la Biodiversità? Impariamo a preservare il patrimonio colturale mondiale. Che cosa è la Biopirateria? L’esempio della scienziata Vandana Shiva contro le politiche dei brevetti. Video su progetti biodiversi in Bolivia, India e Sri Lanka. TEMPI Sono previsti 3 incontri di due ore l’uno. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il progetto è attuabile nel biennio dei licei e delle scuole tecniche. Per lo svolgimento del progetto è necessaria un’apposita sala/aula dove allestire la “tavola del mondo” per il primo incontro.

19


EQUO-NOMIA

L’ALTRO PIATTO DELLA BILANCIA OBIETTIVI In questo percorso gli studenti verranno invitati a riflettere sulle radici dello squilibrio tra Nord e Sud del mondo attraverso la conoscenza delle cause storiche, geografiche, politiche ed economiche che lo hanno determinato. Gli alunni si avvicineranno alle principali dinamiche del mercato globale e della finanza internazionale acquisendo informazioni sulle grandi Istituzioni Internazionali (FMI, BM, WTO) per capirne il ruolo nel panorama geopolitico internazionale. Conosceranno l’evoluzione storica del processo di affermazione dei diritti umani e le principali organizzazioni internazionali che li tutelano (ONU, ILO). Desideriamo stimolare la consapevolezza che le azioni individuali e collettive hanno conseguenze sul presente e sul futuro promovendo lo sviluppo di nuovi modi di pensare e di nuovi stili di vita per il perseguimento di una maggiore giustizia sociale. METODOLOGIA E STRUMENTI 1° incontro Consumatori globali. I ragazzi saranno guidati in una ricerca sulle etichette dei propri abiti per individuarne la provenienza. Seguirà una video presentazione sul mercato globale: controllo delle materie prime, produzione e delocalizzazione. Attività di brainstorming sui protagonisti del lavoro globale: i produttori, gli esportatori, le multinazionali ed il mondo della pubblicità.

il peggioramento delle ragioni di scambio ed il grande indebitamento dopo la crisi petrolifera del 1973. Cosa sono e a cosa servono i grandi istituti internazionali? Documentario su la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, il Gatt ed il WTO. 3° incontro Lo sviluppo sostenibile: a favore di chi? Documentario sull’evoluzione del concetto di sostenibilità ambientale, sui diritti umani e sugli organi internazionali a tutela di essi. Alcune strategie alla portata di tutti per un cambiamento sostenibile: la finanza alternativa ed il commercio equo e solidale. TEMPI Sono previsti 3 incontri di due ore l’uno. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il progetto è attuabile nel triennio dei licei e delle scuole tecniche.

2° incontro Lo sviluppo: a spese di chi? Analizziamo insieme le cause dello squilibrio tra Nord e Sud del mondo con una videopresentazione dedicata a: la nascita del grande divario,

20

21


TERRE CONTADINE

OBIETTIVI Una unità didattica interamente dedicata all’agricoltura ed alla sovranità alimentare dei popoli poiché “consumare è un atto agricolo”. Gli studenti verranno invitati a riflettere sull’impatto che le politiche agroalimentari e commerciali hanno sulla sicurezza alimentare e lo sviluppo agricolo, non solo nel Sud del mondo ma anche in Europa. Amplieremo le conoscenze riguardo ai termini: sicurezza alimentare, sovranità alimentare e biodiversità. In particolare affronteremo il grande paradosso secondo cui a soffrire la fame oggi sono soprattutto coloro che vivono nelle aree rurali del Sud del mondo e lavorano per produrre quello che arriva sulle nostre tavole quotidianamente. METODOLOGIA E STRUMENTI 1° incontro Parla la fame: laboratorio di “media education” dedicato alla crisi alimentare globale. Come viene raccontato questo problema dai mezzi di informazione e in particolare dai giornali? Gli studenti saranno introdotti ad un esercizio di lettura critica comparata dei giornali avendo a disposizione diverse testate internazionali che hanno trattato la stessa notizia.

3° incontro Biodiversità: ricchezza dei popoli. Che cosa è la Biodiversità? Impariamo a preservare il patrimonio colturale mondiale per restituire ai contadini il loro ruolo tradizionale e valorizzare il loro sapere. Che cosa è la Biopirateria? L’esempio della scienziata Vandana Shiva contro le politiche dei brevetti. Video su progetti biodiversi in India e Sri Lanka TEMPI Sono previsti 3 incontri di due ore l’uno. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Il progetto è attuabile nel biennio e nel triennio dei licei e delle scuole tecniche con opportune variazioni metodologiche a seconda della classe coinvolta. Per il primo incontro è necessario l’utilizzo del laboratorio informatico della scuola.

2° incontro La fame creata: le cause che vengono da lontano. Percorso che ripercorre la storia dell’agricoltura dagli anni ’80 ad oggi con un approfondimento sui meccanismi del commercio globale e le politiche agricole internazionali ed europee. Saranno inoltre analizzate le terminologie di uso comune: “sicurezza alimentare” e “sovranità alimentare”.

22

23


TI RACCONTO IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

Il commercio equo e solidale propone da anni una nuova visione dell’economia e del mondo, attenta agli interessi di tutti. E’ uno strumento a disposizione di ognuno di noi per cambiare i perversi meccanismi di un modello economico che antepone il profitto ai diritti fondamentali degli esseri umani. Quando si entra in una Bottega del Commercio Equo non si entra semplicemente in un negozio ma in un luogo d’incontro dove tutti i prodotti, realizzati nel rispetto delle persone e dell’ambiente, hanno un’autentica storia di solidarietà e di giustizia. OBIETTIVI Rendere i bambini ed i ragazzi consapevoli dei meccanismi del commercio internazionale e delle conseguenze negative sulle vite degli abitanti dei Paesi in via di sviluppo. Promuovere la conoscenza del commercio equo e solidale come alternativa possibile.

TEMPI Sono previsti 2 incontri di due ore l’uno. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Nelle classi delle scuole medie e superiori è possibile introdurre il gioco di ruolo “Scambi commerciali” oppure una attività sulla formazione del prezzo dei prodotti (gioco “analizzo il prezzo trasparente”). Qualora i docenti siano interessati si potrà integrare con un percorso sulla finanza etica e/o sul turismo responsabile. La MERENDA SOLIDALE avrà un costo aggiuntivo di 20,00 euro per gruppo classe. E’ possibile far seguire al modulo didattico una visita alla Bottega della Solidarietà di Savona o di Cairo.

METODOLOGIA E STRUMENTI 1° incontro Gioco di ruolo “Il gioco delle sedie” e riflessione sullo squilibrio tra distribuzione della popolazione e ricchezza nel pianeta. 2° incontro Analizziamo insieme le alternative possibili alle complesse dinamiche del commercio internazionale: commercio equo e solidale e consumo critico. Video sui progetti e prodotti del commercio equo e MERENDA SOLIDALE in classe.

24

25


OBIETTIVI Proporre un momento di festa conviviale e interculturale per i bambini ed i ragazzi della scuola anche in collaborazione con musicisti ed artisti italiani e stranieri. METODOLOGIA E STRUMENTI Nei bambini e nei ragazzi (e ancor più negli adulti!) esiste una serie di pregiudizi nei confronti dei Paesi lontani dal proprio, in particolare rispetto a quelli del Sud, per i quali il termine “diverso” diviene spesso sinonimo di “povero”. Scoprire che “l’altro” ha un patrimonio di esperienze musicali, gastronomiche ed artistiche da condividere è una delle possibili strade per riconoscere la sua ricchezza e superare quindi certi stereotipi. Gli alunni della scuola, divisi in squadre con nomi di diversi paesi del mondo e caratterizzate dal loro tipico saluto, affronteranno un giro del mondo attraverso i cinque continenti le cui peculiarità saranno declinate in 3 laboratori giocati: uno musicale, uno gastronomico con degustazioni per tutti ed uno dedicato all’arte tessile. TEMPI La festa può durare un’intera mattinata e può coinvolgere sino a 300 studenti. NOTE E’ possibile, nel corso dell’attività, coinvolgere i parenti degli alunni. E’ necessaria la collaborazione degli insegnanti che dovranno guidare le squadre nel percorso ludico all’interno dei 3 laboratori. Il COSTO della festa è da concordare con la scuola in base al numero di giorni di attività e delle classi che si desiderano coinvolgere.

26

DETTAGLI

MONDO IN FESTA

FESTA DI INIZIO/FINE ANNO PER TUTTA LA SCUOLA!

COSTI I nostri percorsi didattici hanno un costo orario di euro 35,00. Emettiamo regolari fatture con IVA esente come prestazione di servizi educativi. Un modulo standard della durata di 3 incontri di 2 ore cadauno costa quindi euro 210,00 IVA esente. I costi di BIBLIOMONDO e di MONDO IN FESTA sono da concordare con la scuola in base al numero di giorni di attività e delle classi che si desidera coinvolgere. FORMATORI La quota richiesta prevede l’intervento dei nostri formatori e tutto il materiale didattico (dossier, dispense, cd) che sarà lasciato all’insegnante e/o agli alunni. Cerchiamo di essere sempre autonomi dal punto di vista informatico (pc e videoproiettore) ma qualora fosse necessario utilizzare la strumentazione della scuola (aula video, laboratorio informatico) lo comunicheremo prima dell’inizio del modulo. Il supporto del docente è fondamentale: non solo affinché i ragazzi collaborino a queste attività, ma anche come garante del collegamento necessario tra i percorsi proposti e le tematiche previste nel curricolo di studi. Consigliamo un incontro preventivo con gli insegnanti. Oltre al percorso di educazione alla mondialità è importante, infatti, dare continuità alle tematiche proposte, da un lato fornendo agli studenti ulteriori approfondimenti, dall’altro valorizzando la trasversalità delle tematiche da noi proposte, che permettono sempre forti collegamenti interdisciplinari. VARIE Per favorire il raggiungimento degli obiettivi è preferibile la partecipazione di un solo gruppo classe alla volta (circa 25 bambini/ragazzi). Siamo disponibili ad effettuare variazioni adattabili alle diverse esigenze delle classi. Segnalateci il vostro interesse per i moduli presentati in questo libretto, anche nel caso non ci fossero disponibilità economiche da parte della scuola, in quanto talvolta lavoriamo su progetti specifici sovvenzionati da enti pubblici che includono attività educative da realizzarsi nelle scuole. 27


COSA FACCIAMO?

Dal 1993 ci occupiamo di commercio equo e solidale e di educazione alla mondialitĂ  Siamo piĂš di 180 soci di cui 40 volontari e 4 soci lavoratori Lavoriamo con 150 gruppi di artigiani e contadini in 40 paesi del Sud del mondo Abbiamo lavorato con le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Savona Dal 1993 ad oggi abbiamo incontrato migliaia di studenti realizzando con loro decine di unitĂ  didattiche Abbiamo organizzato percorsi di aggiornamento per docenti sulle tematiche interculturali Da 17 anni siamo presenti sul nostro territorio con eventi pubblici, conferenze, concerti, rappresentazioni teatrali e proiezioni cinematografiche

28


A SCUOLA DI MONDO