Page 1

Bonsai & Suiseki

൬ ዚས ༉

magazine

Bonsai&Suiseki magazine

Anno I - n.11

Novembre 2009

十 11


BONSAI & SUISEKI MAGAZINE: THE FIRST OPEN-MAGAZINE We think this self-made journal is destined to be for the elite, a precious icon only for a few. It is not meant to be for many, we are not interested in the number of readers, but in quality as bonsai and suiseki are products of excellence. It is not in competition with any other magazine on the market because owing to its features, it has no competitors, no market, no editors and therefore it is in the condition of being independent of the economic power that regulates every mechanism and affects thought in modern society. This is a magazine whose sole and basic interest lies in the best qualified dissemination of bonsai and suiseki. We will define this journal with the English term “fanzine, which translated into Italian as “rivista amatoriale/amateur magazine“ comes from the contraction of the English words fan and magazine It is linked to do-it-yourself practice also thanks to the possibility of printing color copies at a cost of only a few cents. A fanzine is a real organ of independent press, as an alternative to so-called mainstream publishing. This magazine is still growing in terms of content and graphics; it is not static: each issue varies depending on the articles and reports that the Editorial Committee decides to publish. It is the first magazine to offer equal space and dignity to suiseki, with the aim of giving it a greater dissemination. From a structural-organizational point of view, the magazine is directed by IBS Instructor Antonio Ricchiari which cooperates with an Editorial Committee composed of IBS Instructors, Luca Bragazzi, Luciana Queirolo, Antonio Acampora, and Carlo Scafuri who are also in charge of the entire editorial process and of external relations. The magazine is an informative, scientific and technical instrument open to all and this flexibility has given it a work in progress quality that other organs of specific sector media do not possess. So, this magazine has developed various forms of assistance for its readers. The context in which such a collaboration operates implies that the Editorial Committee is committed to develop continuously the “containers” of the topics, that the reader is willing to take part in the magazine, and that the staff is ready to stake the whole approved communication system for it. A non rhetorical place for bonsai and suiseki ,therefore, implies that the reader must be ready to play along with it: it is no longer the plant or the stone to be the aesthetic pole, but the rapport, the way we look at the things will introduce us to the work of art itself, as is hinted in the aphorism by Tzara “poetry will resemble you”. The strength, therefore lies in the initiative that has made the magazine tangible and real, the ways in which its visibility has risen remarkably since issue Number One and especially the play of dis-positions of the range of coverage which we have put in an ordinary context through an extraordinary medium: that is online communication.

BONSAI y SUISEKI MAGAZINE: EL PRIMERO OPEN MAGAZINE Un auto de esta revista se cree que están destinados a ser para la elite, un icono de unos preciosos. Esta revista no pretende ser para muchos, no nos interesa el número de lectores, pero la calidad como el bonsái y suiseki son un producto de excelencia. No es una revista en competencia con las otras del mercado porque por sus peculiaridades no tiene a competidores, no tiene mercado, no tiene a editores y por lo tanto está en las condiciones de mantenerse independiente del poder económico que regula cada mecanismo en la sociedad moderna y que condiciona el pensamiento. Y’ una revista cuyo interés único y esencial es solamente la mejor y calificada difusión del bonsai y el suiseki. Ésta es una revista que definimos con un término angloparlante “fancine.” El término fancine, que podemos traducir como en italiano “vuelta a ver amatoriale”, deriva de la contracción de las palabras ingleses hinchas, fanatico/appassionato y magazine, revista. Se derrite con la práctica del doy it yourself, error solo, gracias también a la posibilidad de imprimirla en copias a colores al coste de pocos céntesimos. El fancine es un real órgano de prensa independiente, en alternativa a la asillamada industria editorial mainstream. La revista del punto de vista de contenidos y gráfica está en continua expansión, no es estática, varia cada número en función de los escritos y los servicios que el Comité de Redacción decide publicar. Del punto de vista estructural-organizativo el magazine es dirigido por el Instructor IBS Antonio Ricchiari con el que colabora un Comité de Redacción compuesto por los Instructores IBS Luca Bragazzi, Luciana Queirolo, de Antonio Acampora y de Carlo Scafuri que también se ocupa de toda la fase editorial y de las relaciones externas. El Magazine es un instrumento informativo, científico y técnico abierto a todas las colaboraciones y esta flexibilidad lo lleva a haber adquirido un work en progress que otros órganos de prensa sectorial no poseen. Así este magazine ha elaborado varias formas de intervención por sus lectores. El contexto en el que funciona este tipo de colaboración implica el empeño de parte del Comité de Redacción a acrecentar continuamente los “contenedores” de los argumentos, la disposición del lector a intervenir en la revista, la disposición de los colaboradores a poner en juego todo el sistema mismo de la comunicación homologada. Una colocación no retórica, pues, del bonsai y del suiseki implica la disposición de parte del lector de estar al juego: no es la planta o la piedra más a ser el polo estético pero la relación, nuestra mirada por las cosas nos introduce en el funcionamiento de la obra misma, como para aludir al aforismo de Tzara “la poesía os se parecerá”. En fin este magazine representa el arquetipo del digital native generation, la generación crecida a “pan e internet”. Una revelación y una promesa: convertirse en la revista leída en otros Países del mundo. La velocidad del web ha hecho el resto.


E

ditoriale

Il saggio non corre e non si affanna - Antonio Ricchiari

I

l concetto di saggezza come norma di vita viene assunto in un senso tutt’affatto immanente: quello, cioè, di una saggezza intesa come arte di trascorrere la vita nel mondo più gradevole possibile e più felice. Nella vita vi sono, secondo Arthur Schopenhauer, i piaceri che egli chiama della sensibilità: contemplare, pensare, sentire, poetare, dipingere o scolpire, fare musica, leggere, meditare, inventare, filosofare e noi aggiungiamo: fare bonsai e cercare pietre perché è questa l’esperienza che viviamo. Il valore, il livello, la durevolezza di ciascuna di queste specie di piaceri si prestano a considerazioni di vario genere, che lasceremo fare al lettore. Sia comunque chiaro ad ognuno che il nostro piacere e la nostra felicità saranno tanto più grandi quanto è più nobile la qualità dell’energia da cui sono informati. Cosa significa questo preambolo. Che questo genere di piaceri a noi che abbiamo messo in piedi per diletto e grande passione una pubblicazione del genere, viene proprio da ciò che abbiamo creato e dal modo in cui questa iniziativa si sta facendo davvero grande. Il guaio, per tutti i filistei che ci osservano di soppiatto e sott’occhi, è questo: i valori ideali non sono fonte, per loro, di alcun diletto. Per sfuggire alla noia ed inseguire le loro miserie dettate dai beni materiali, hanno sempre bisogno delle realtà. E le realtà o si esauriscono presto, e allora, anziché dilettare, stancano, o provocano ogni sorta di mali. I valori ideali, invece, sono inesauribili e, per loro natura, innocenti ed innocui. In tutto questo discorso sulle nostre qualità personali che contribuiscono alla nostra felicità vorrei inserire due fatti che ci lusingano e ci soddisfano: la collaborazione al magazine di Massimo Bandera e un accordo con la BCI nella persona del suo Presidente, che prevede una collaborazione con la rivista di questo organo internazionale. Queste adesioni di aggiungono a quelle già siglate con Sandro Segneri e la sua Scuola, Michele Andolfo ed il Gruppo Crespi con la rivista Bonsai & News. Questi nomi testimoniano il successo del Magazine, la politica corretta volta ad una collaborazione allargata, l’interesse comune alla diffusione del bonsai e del suiseki con professionisti seri e preparati. Continuiamo dunque a volare in alto! E’ questa una realtà alla quale i filistei non si vogliono rassegnare … malgrado le evidenze!


Bonsai & Suiseki

൬ ዚས ༉

24

magazine

Anno I - n. 11 - Novembre 2009 in collaborazione con

6 92

Ideato da: Luca Bragazzi, Antonio Ricchiari, Carlo Scafuri Direttore: Antonio Ricchiari - progettobonsai@hotmail.it Caporedattore: Carlo Scafuri - carlo_scafuri@fastwebnet.it

10

Art directors: Salvatore De Cicco - sacedi@yahoo.it Carlo Scafuri Impaginazione: Carlo Scafuri Comitato di redazione: Antonio Acampora - acampor@alice.it Massimo Bandera - mb@massimobandera.it Luca Bragazzi - tsunamibonsai@tiscali.it Luciana Queirolo - pietredarte@libero.it Antonio Ricchiari Carlo Scafuri Sandro Segneri - info@bonsaicreativo.it Redazione: Daniele Abbattista - bestbonsai@gmail.com Sandra Guerra Giuseppe Monteleone - alchimista.vv@tiscali.it Dario Rubertelli - iperdario@yahoo.it Pietro Strada - info@notturnoindiano.it Marco Tarozzo - marco.tarozzo@tiscali.it

104 64

42

Hanno collaborato: Armando Dal Col - armando.haina.dalcol@tele2.it Antonio Defina Giuseppe De Vita Gian Luigi Enny - ennyg@tiscali.it Paolo Fugali Giuseppe Messina Giancarlo Pezzone Edoardo Rossi - edoardorossibonsai@libero.it Elisabetta Ruo - best22@alice.it Francesco Santini - santini.francesco@virgilio.it Anna Lisa Somma - annalisasomma@gmail.com M. Takahashi - Bonsai&News - info@crespieditori.com Axel Vigino

79

In copertina: Luciana Queirolo Roberto Smiderle Daniela Schifano Sito web: http://bonsaiandsuisekimagazine.blogspot.com Indirizzo e-mail: bonsaiandsuisekimagazine@gmail.com

28 Il Magazine non ha alcun fine di lucro. Tutto il materiale pubblicato nel Magazine è protetto dai diritti di proprietà intellettuale, in conformità alla normativa vigente in materia di tutela del diritto d’autore applicabile (in particolare, alla Convenzione di Berna ed alla L. 633/1941 e successive modifiche). L’accesso al Magazine non consente il diritto di appropriarsi, di riprodurre, di modificare, di distribuire, di ripubblicare, in alcuna forma anche parziale e con qualsiasi strumento, il materiale in esso contenuto, senza l’espressa autorizzazione scritta da parte della Direzione o del terzo titolare dei relativi diritti di sfruttamento e/o di riproduzione. L’eventuale stampa del Magazine è strettamente riservata ad uso personale e ne è vietato ogni utilizzo improprio. Il Magazine non assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali inesattezze, errori ed omissioni nel materiale pubblicato ed in ogni caso si riserva il diritto di intervenire, in ogni momento, apportando correzioni ed eventuali modifiche. Tutte le collaborazioni sono a titolo esclusivamente gratuito ed il Magazine si riserva il diritto di potere utilizzare il materiale concesso. La pubblicazione di articoli sul Magazine presuppone la conoscenza e l’accettazione di questo Disclaimer Legale.


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

06 Il giardino giapponese. Scenografia paesaggistica rappresentata in piccolo spazi di G. L. Enny 10 La crisi, la scuola e il sogno di F. Santini 14 Il giardino di Giovanni Genotti di A. Defina

>> Bonsai-do: pratica e sapere

20 SHU HA RI - i livelli della via di M. Bandera

>> Mostre ed Eventi

24 Congresso NBSKE di E. Rossi 28 Festival del bonsai di Imperia di G. Pezzone 31 Una giornata come le altre di M. Tarozzo

>> Dalle pagine di Bonsai&News

14

35 Da pianta a bonsai di M. Takahashi

>> In libreria 95 38 Man Lung Penjing di A. Ricchiari 20 >> Bonsai ’cult’

39 Il Buddhismo Zen di A. Ricchiari

>> La mia esperienza

42 Lavorazione e restyling di un vecchio olivastro yamadori di P. Fugali 45 Cedro “il solitario” di G. Messina 49 Tecnica del taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre di A. Dal Col

>> A lezione di suiseki

54 Colore & Disegno & Forma & …: i Gioielli Figurati

64 Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso Juniper Chinensis (var. Formosana) di L. Bragazzi, S. Segneri

74 del pianeta Gaia di L. Queirolo e G. De Vita >> Noi... di Bonsai Creativo School

>> L’opinione Di...

54

74 Stefano Frisoni di G. Monteleone

>> A scuola di estetica

79 Il boschetto - II parte di A. Ricchiari

>> L’essenza del mese

84 Il rosmarino di A. Acampora

>> Non tutti sanno che...

87 Il melograno - I parto di E. Ruo

>> Note di coltivazione

90 L’uso delle micorrize nella coltivazione bonsai - I parte di L. Bragazzi

>> Tecniche bonsai

92 Come fare shitakusa di A. Acampora

>> L’angolo di Oddone

95 Il faggio - I parte di C. Oddone

>> Vita da Club

49

98 II° Trofeo Napoli Bonsai Club di C. Scafuri

>> Il Giappone visto da vicino

100 La casa della luce sepolta nell’oscurità di A. L. Somma 101 Lo stile. Dettegli di Bellezza di A. Ricchiari

>> Axel’s World

104 Bonsai a 11 anni: una grande passione di A. Vigino

>> Che insetto è

106 Simbiosi tra funghi endotrofici responsabili di tracheomicosi su Juniperus Spp. e Pinus Mugus di L. Bragazzi


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

Il giardino giapponese:

scenografia paesaggistica rappresentata in piccoli spazi 6

di Gian Luigi Enny

Il giardino giapponese: scenografia rappresentata in piccoli spazi - Gian Luigi Enny -


L

a serenità che il giardino giapponese evoca, il suo profondo significato simbolico e l’abilità nel catturare l’essenza della natura ne fanno una forma ricercata dagli abili artisti giardinieri. Qui da noi in occidente, si è sempre guardato alla natura selvaggia come a qualcosa da dominare e tenere sotto controllo a nostro piacimento prima di essere inserita nel design di un giardino. Contrariamente, i giapponesi hanno sempre ricercato un rapporto simbiotico con l’ambiente naturale che li circonda, credendo da tempo che la dominanza dell’uomo su tutto ciò che è natura è sempre stata solo un illusione e soprattutto una distorsione. La pittura paesaggistica è sempre stata un’arte correlata in estremo oriente entrando prepotentemente nell’architettura del giardino, con la filosofia ha arricchito poi lo stesso di significati simbolici. I maestri giardinieri giapponesi iniziarono ben presto a captare e studiare la natura in tutte le sue varie forme, cercando di cogliere l’essenza di una scena naturale o prendendo spunto da antichi dipinti di paesaggio e riprodurla poi nella sua forma più semplice per poi inserirlo riducendola in scala nel giardino. Molte tradizioni e tecniche di giardinaggio associate a diversi miti e leggende furono importate dalla Cina al Giappone, ma difficilmente esse furono assimilate senza essere in qualche modo trasformate dalla cultura, e dalla religione, dal clima e dall’ambiente naturale propri del Giappone. Un esempio evidente sono le pietre che i nipponici usano nei loro giardini, non sono mai del tipo ruvido, eroso, con buchi e incavi tipici. del giardino cinese. Anche gli alti ponti arcuati di color rosso vivo caratteristici del giardino cinese furono modificati e resi più bassi e di forme più modeste con tonalità più sobrie. Lo studio e l’osservazione della natura rivela anche, contrariamente a noi occidentali, la preferenza per l’asimmetria piuttosto che per le forme simmetriche e geometriche,

1

2

3

1. Rappresentazione geometrica di un giardino all’italiana. 2. Alcuni maestri giardinieri s’ispirarono ad antiche pitture per realizzare le loro opere. 3. Pietre erose in un giardino cinese. 4. Il cielo è un elemento da tenere sotto controllo per ottenere un’armonia bilanciata. 5. Sentiero formato da segna passi in pietra che portano alla lanterna votiva e alla vasca usata per lavare le mani prima della cerimonia del tè.

Il giardino giapponese: scenografia rappresentata in piccoli spazi

- Gian Luigi Enny -

7


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki ma ricercando ossessivamente sempre uno stato di quiete e di equilibrio, per questo gli elementi compositivi sono sempre raggruppati in numero dispari , la disposizione a triangolo poi è sicuramente ricercata per questo motivo e come tale è spesso usata per gruppi di rocce e di alberi, dove tutti gli elementi compositivi devono essere bilanciati in termini di massa e peso. Il ricercato equilibrio dipende molto dalla giusta proporzione tra i diversi elementi architettonici negli spazi all’interno della composizione, costituiti da aree coperte di ghiaia o muschio, stagni, recinzioni e in alcuni casi anche dal cielo. Si possono scoprire piacevoli contrasti cromatici tra i vari elementi utilizzati, come piante e rocce, la ghiaia, le recinzioni, l’acqua e soprattutto in termini di colore, forma, struttura. In questo ricercato contrasto, il cielo è un elemento da tenere sotto controllo, importante e l’esposizione del giardino a esso e il tutto deve essere controllata con cura per creare una composizione bilanciata. C’è poi da dire che la maggior parte dei giardini nipponici sono attraversati da sentieri in pietra, dove, più che guidare il camminamento del visitatore, sono concepiti a indirizzare i sensi e la mente. Di fatto molti sentieri non sono mai calpestati, se non per eseguire lavori di manutenzione. La loro forma, curva o lineare può essere utilizzato per effetti ottici, un sentiero diritto conduce l’occhio lungo il percorso fino alla fine e poi attira l’osservatore a concentrare lo sguardo su un oggetto importante come un albero particolare, o su una vasca

4 piena d’acqua, o ancora, una macchia fiorita di azalee. Un sentiero zigzagante attira l’occhio solo fino a prima della curva, dopo di che ogni sorpresa è valida, associandola al gusto della scoperta. Lungo questi sentieri e in punti strategici sono poste delle lanterne. Oggi le lanterne di pietra sono essenzialmente elementi ornamentali, ma furono introdotte in origine nei giardini dai maestri del tè (dove illustrerò meglio in un prossimo articolo) poiché, essendo le cerimonie tenute spesso di sera, occorreva illuminare il sentiero che portava gli ospiti allo tsukubai, una vasca di pietra contenente acqua per lavare le mani prima della cerimonia.

5

8

Il giardino giapponese: scenografia rappresentata in piccoli spazi - Gian Luigi Enny -


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

La crisi, la scuola e

il sogno

se non fosse stato per la crisi non avrei realizzato un sogno, se non fosse stato per la scuola non sarei mai stato in grado di realizzarlo!

di Francesco Santini

P

urtroppo, come molti, anche io faccio parte delle vittime di questa crisi economica che hanno perso il proprio posto di lavoro. Impiegato con la passione del bonsai, e con il non troppo inconfessato sogno di fare bonsai per professione. Due sono le cose che so fare un po’ nella vita: il ragioniere e il bonsaista. Mi armo di coraggio e vado a fare quello che non ho mai fatto in 38 anni: chiedere lavoro! Ma questa volta rinnego l’ufficio e ascolto il mio cuore, e la fortuna è lì pronta a sorridermi… e lo fa attraverso la figura di Nara Franchi. Una persona dai modi di fare degna di suo padre. Buon sangue non mente! A 30 minuti da casa mia

10

La crisi, la scuola e il sogno - Francesco Santini -

c’è uno dei luoghi storici del bonsai: il centro bonsai Franchi. È sarà proprio qui dove inizierà il mio nuovo lavoro (o sogno!?): la gestione del museo “Costantino Franchi” e degli esemplari del centro “Nara Franchi”! Integrando e affiancando il prezioso lavoro di Lorenzo Agnoletti, mi occuperò del mantenimento di queste stupende piante. Non ci sono parole per descrivere quello che si prova, ma basterebbe guardare il mio sorriso stampato sulla faccia per capirlo! Essere al posto giusto nel momento giusto... la fortuna ci vuole! Adesso mi aspetta un lavoro stimolante ma impegnativo. Ma la mia soddisfazione non si limita a questo ma va oltre: la consapevolezza


di quello che devo fare... e che so fare! Mi fermo a pensare. Quest’ultima è stata solo l’ultima di una serie di soddisfazioni personali (non amo parlare di successi) che ho raggiunto con anni di passione e impegno. Vincere il talento italiano, dimostrare all’ultimo congresso UBI, diventare istruttore IBS, seguire un crescente numero di allievi, e tanto altro ancora non l’avrei mai ottenuto se non avessi fatto un percorso didattico che mi ha dato gli strumenti necessari per fare bonsai. Quando nel 2001 sono entrato a far parte della scuola “Bonsai Creativo” di Sandro Segneri non avrei mai immaginato di arrivare a tanto. Dopo anni da autodidatta, mi sono infatti reso conto che la mia crescita era lenta e spesso piena di errori. Affidarsi a un istruttore capace come Sandro è stata la mia scelta più azzeccata. Nella ricerca e volontà di crescere dal punto di vista bonsaistico, ognuno di noi dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di intraprendere un cammino a lungo termine all’interno di una scuola, qualunque essa sia! Secondo la mia esperienza, due sono gli elementi fondamentali di un percorso del genere: la continuità del lavoro e una metodologia unica di apprendimento. Nella fase iniziale affidarsi a più istruttori contemporaneamente può solo creare confusione. La carenza di conoscenze di base unita alla frenesia di apprendere tutto e subito può solo trasformare il tutto in un enorme calderone composto da nozioni frammentarie e spesso non coerenti. L’importanza di un metodo unico di lavoro permette invece di apprendere le nozioni in modo univoco e progressivo e quindi di più facile assimilazione. Sappiamo che su di un bonsai, lo stesso lavoro può essere svolto in modi diversi. Meglio impararne uno e bene!!! Prima di entrare nella scuola frequentavo le lezioni di istruttori diversi. Ognuno di loro era bravissimo ma spesso le nozioni apprese si scontravano con quelle apprese dall’altro. Con un istruttore unico invece il percorso è sempre coerente. A tutto questo però bisogna aggiungere la continuità del lavoro. Portare avanti un progetto negli anni ti da la possibilità di vedere e analizzare lavorazioni sempre più fini e dettagliate. È uno sbaglio credere che la prima impostazione di un bonsai sia “fare bonsai”. Questo mondo in miniatura si regge sul lavoro quotidiano e sull’evoluzione della pianta stessa. E solo un percorso negli anni con una unica linea guida ti permette di crescere senza errori e coerentemente con quanto appreso. L’apprendimento è lento e costante e ti accorgi ben presto che non c’e’ limite superiore! Con Sandro è avvenuto proprio questo. La scuola infatti mi ha dato modo di assorbire e metabolizzare costantemente piccole pillole di sapere. La capacità di un istruttore nel trasmettere non sta solo nella sua conoscenza ma nella sua capacità di darti la nozione corretta

nel momento in cui sei in grado di capirla e applicarla.In questo modo il miglioramento è costante. Mi guardo indietro e solo adesso capisco la reale importanza di un tale approccio. E solo dopo aver assorbito la capacità operativa e il senso estetico trasmessa dal tuo istruttore sei in grado di allargare il tuo sapere anche con l’aiuto di altri istruttori. Ed è a questo punto che l’Accademia è entrata in gioco! Condividere e lavorare con altri istruttori ti da modo di affinare e completare la tua consolidata operatività e cultura. La scuola e l’accademia mi hanno dato gli strumenti necessari a fare bonsai da solo. Questo è un altro punto importante da analizzare. Una scuola non ha lo scopo di farti tornare a casa con una pianta più bella di quando l’hai portata, ma di darti gli strumenti per farla da solo. Solo diventando indipendenti si ha la reale crescita. Naturalmente le cose non vengono da sé. Da parte dell’allievo ci vuole serietà e impegno. L’approccio non deve essere completamente passivo, ma la fiducia riposta nell’istruttore deve essere completa. Paradossalmente non hai la conferma delle proprie capacità fino a che non ti metti alla prova con te stesso. Gli esami annuali che la scuola richiede servono proprio a dare la conferma, non tanto all’istruttore, ma all’allievo stesso della crescita delle sue capacità. Un esame, a qualsiasi livello sia, ti mette alla prova, ti dà consapevolezza. Anche questo è crescita e apprendimento. Credo fermamente in un percorso del genere e i risultati mi danno ragione. Con Sandro ho avuto il piacere di collaborare da anni e a lui va tutta la mia stima e il mio ringraziamento. E lo stesso va a tutti coloro che hanno condiviso questa esperienza con me e che hanno contribuito a loro volta alla mia preparazione. La forza di una scuola è data da tutti i suoi partecipanti che con il loro lavoro contribuiscono anch’essi alla tua crescita. La condivisione dei corsi con gli altri allievi crea un valore aggiunto dato dalla possibilità di vedere e partecipare a tante lavorazioni e dal continuo scambio di idee e esperienze. C’è ancora tanto da imparare e questo mi stimola. Mi aspettano altri tre anni di corsi all’interno dell’Accademia. Sono sicuro che questo mi farà crescere e maturare ancora! Resta il fatto che questa esperienza mi ha dato la capacità di fare bonsai, di affrontare dimostrazioni importanti, di insegnare agli altri e non per ultimo di saper gestire professionalmente collezioni importanti come quella di Gianfranco Giorgi o del Centro bonsai Franchi. Adesso il Museo mi aspetta. Apro la porta ed entro dentro, guardo quell’acero palmato sulla destra e comincio a sorridere… è proprio vero che ogni tanto i sogni si avverano!

La crisi, la scuola e il sogno

- Francesco Santini -

11


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki


Il giardino di Giovanni Genotti >> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

di Antonio Defina

H

o provato a chiedermi, cercando anche di immaginare, come il giardino privato di un bonsaista possa presentarsi. Se penso a quello di un noto maestro e/o collezionista, la cosa diventa ancor più difficile. Gli “ingredienti” per realizzarlo sono veramente tanti, poiché i gusti personali sono i più svariati, come del resto le specie di piante: la natura è immensa.

14

Il giardino di Giovanni Genotti - Antonio Defina -

Ma, al di là di tutto, in questi “spazi limitati”, dove l’uomo si lega alla vita della natura, il connubio che dovrebbe crearsi è una “semplice” questione d’amore. Un profondo e personale amore che si fonde nella semplicità della natura stessa. Questo luogo, creato per deliziare l’animo umano, avvicinandolo anche alla natura, dovrebbe rifletterne la sua vastità. Non è facile trovare un simile


spazio, dove si può percepire questo sentimento in piena serenità. Nella mia mente pensavo fosse un sogno, ma quando vidi per la prima volta il giardino del Prof. Genotti, mi resi conto che era realtà. Mi è difficile elencare le innumerevoli essenze coltivate a bonsai, i diversi ambienti naturali ricreati, le emozioni provate. Qui, l’arte del bonsai, con la sua vera filosofia, si fonde in un tripudio d’armonia e pace, dove l’uomo è parte integrante della vita vegetale. Spero che le foto di seguito possano dare un contributo maggiore.

Il giardino di Giovanni Genotti

- Antonio Defina -

15


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

16

Il giardino di Giovanni Genotti - Antonio Defina -


“Si cammina lenti e in silenzio tra i bancali, come se la nostra presenza non volesse disturbare quei vecchi bonsai…siamo noi gli ospiti!!! Davanti a me ci sono Federico Springolo e Marco Tarozzo... sono passati già diversi minuti dal nostro ingresso nel giardino del Prof.Genotti e siamo ancora in religioso silenzio. Il mio sguardo incrocia quello dei due amici… nessuno fiata ma i pensieri sono gli stessi. I nostri occhi dicono tutto! Dopo qualche minuto incontro anche Luca (Bragazzi)... ci guardiamo… ci siamo capiti! Rispetto. In questo posto ci vuole rispetto! Quei bonsai trasmettono emozioni che toccano direttamente il cuore. Non si pensa… ci godiamo solo quella stupenda sensazione di pace. Il lavoro di anni è palpabile. Ogni particolare rapisce la nostra attenzione raccontandoci la sua storia. Basta solo avere gli occhi per leggerla. Capisci che queste piante sono andate al di là del concetto di estetica.

L’intervento del bonsaista è presente ma è stato completamento superato… l’albero è andato oltre. La mano del bonsaista gli ha suggerito la strada, ma è la pianta che, in assoluta libertà, ha raggiunto la sua dignità di albero! Quei bonsai vivono in quei vasi da anni... ormai è quella la loro casa, il loro mondo. E questa consapevolezza rende tutto di una naturalezza disarmante. La bellezza va al di là della semplice forma! Siamo abituati, e io per primo, a bonsai molto precisi e perfetti... ma l’anima della pianta è tutt’altra cosa… è raggiungibile solo con il tempo, e in un giardino del genere questo concetto regna sovrano! Emozione allo stato puro! Durante la visita non sono riuscito a dire niente al Prof.Genotti. Solo in serata, dopo il rientro alla manifestazione, mi sono avvicinato e gli ho detto un semplice “GRAZIE!” …non c’era altro da dire!”

- Francesco Santini - tratto dalla discussione “In ‘pellegrinaggio’ al giardino del M° G. Genotti” del Napoli Bonsai club FORUM

Il giardino di Giovanni Genotti

- Antonio Defina -

17


>> Dal mondo del Bonsai & Suiseki

18

Il giardino di Giovanni Genotti - Antonio Defina -


Il giardino di Giovanni Genotti

- Antonio Defina -

19


>> Bonsai-do: pratica e sapere

B onsai - do pratica e sapere

Buongiorno a tutti. Su invito della direzione sono lieto di scrivere articoli in questo magnifico magazine, vera avanguardia nell’editoria bonsai. La rubrica “Bonsai-do: pratica e sapere” racconta il metodo dell’apprendistato giapponese, il KUDEN, in questo caso per la via bonsai, attraverso la personale esperienza con il mio maestro Masahiko Kimura, dal 1993 ad oggi. Il grande maestro non ha certo bisogno di presentazioni, anche se sui miei siti in internet trovate molte informazioni su di lui, ma la cosa interessante è proprio il viaggio attraverso una esperienza classica, dove non perdo occasione per raccontarvi il fascino del Giappone e la bellezza della natura. Come ricordo mi disse una volta un mio carissimo amico quando gli dissi il nome del mio maestro: “Kimura è il maestro di tutti!” Conto proprio su questo fatto per condividere con voi una avventura straordinaria. Web 1 novembre 2009 Massimo Bandera Member of IBS; IBI; SBI; NBA; UBI; RHS; BCI Director www.massimobandera.it

SHU - HA - RI

i livelli della via di Massimo Bandera

“ 20

Durante la notte il maestro era solito creare opere importanti chiuso in laboratorio e da solo. Quasi mai permette agli allievi di vedere, ma quella notte, di plenilunio, c’era molta luce, e il maestro mi permise di entrare e guardare in silenzio. Creò un bonsai magnifico, un Tasso millenario, e alla fine mi disse: ”Devi superare la regola!”

SHU-HA-RI. I livelli della via - Massimo Bandera -

L

’ esperienza vissuta quella notte col maestro è un pilastro della esperienza artistica ed estetica della cultura giapponese, è lo SHU-HA-RI, osserva la regola, rompi la regola, allontanati e le regole spariscono. SHU deriva dal verbo “Mamoru”, vuol dire proteggere, osservare, osservare una regola, obbedienza quindi nei confronti delle regole tramandate, non si può cioè partire da ignoranza o spontanea innocenza, ma dalle regole, ben osservate e applicate. Si tratta della fase di comprensione tecnica,della presa di coscienza della tradizione. Il maestro mostra la tecnica, l’allievo osserva attentamente la gestualità e la riproduce, facendo i bonsai come


Il maestro Kimura con il suo Tasso millenario, un importante capolavoro bonsai monumento nazionale del Giappone il maestro. Qui è fondamentale la capacità di adattarsi e non fare quel che si vuole perché è richiesta la massima capacità di adattamento! Non c’è, in questa fase, la sperimentazione o l’indagine scientifica, ma “completa partecipazione”. In questa fase l’allievo non ha obiezioni, non fa domande, e se il maestro dice che è nero davanti al bianco, l’allievo deve accettarlo. In questa fase ci vuole osservazione, completa dedizione ed intelligenza. Come un bimbo che impara… In pratica SHU è il livello del principiante. Per poter superare il SHU l’allievo deve sviluppare un senso di obbedienza nei confronti di quanto viene tramandato, in modo da poter apprendere correttamente, e , oltre a non mettere in dubbio, non deve alterare nulla. Con pazienza, modestia e fiducia svilupperà una giusta comprensione nel corso degli anni. Tra i maestri zen si sa quanto è difficile portare un allievo al livello di HA, l’indipendenza dalla forma,e ciò sta proprio nella difficoltà dell’allievo nel superare il pregiudizio di poter decidere a priori che cosa è giusto e cosa è sbagliato: dove si affermano le opinioni dei principianti non c’è apprendimento! Il bonsai, come tutte le vie giapponesi, è talmente complesso che il principiante non può scorgere l’analogia se non dopo tanti anni di apprendimento sotto la guida del maestro esperto. Per molti allievi il difficile è proprio capire che all’inizio non sussiste la possibilità di arrivare a farsi un’idea di che cosa è veramente il bonsai, l’allievo magari obietta sulla base di ciò che pensa di sapere e si preclude con la propria saccenteria una comprensione destinata ad emergere solo in un secondo momento. Poi la cosa più brutta… l’allievo si informa superficialmente sul bonsai, sulla forma, affinandola con l’allenamento a livello di competizione, disconoscendo col pregiudizio contenuti e valori effettivi. Questo porta al falso maestro… Nella fase SHU l’importante è tenersi aperti ad esperienze future: esplodere

nella prematura libertà è fatale perché lo spirito critico nei confronti dei principi non appresi ostacola l’apprendimento. Solo il maestro, che conosce la via, è nella condizione di eliminare gli ostacoli sul cammino. Quello che l’allievo pensa di conoscere non corrisponde a ciò che l’insegnante sa. La via oltre il SHU non può essere intrapresa dall’allievo se non sussiste il giusto rapporto maestro/allievo e se si fa solo tecnica. Shu è una preparazione ma la via è da HA in avanti, l’allievo deve superare SHU per conoscere la via e liberarsi dalla rigidità della forma, fatale alla creatività: questo processo, non dimentichiamo, non è determinato dal talento, ma dalla condotta interna. Affinare la tecnica nello SHU è solo uno dei compiti dell’allievo, l’altro è quello di cercare la giusta condotta. La giusta condotta è un risultato del lavoro sul sé sotto la vigilanza del maestro. Dopo anni di lavoro si passa ad HA, rompere, cioè staccarsi dallo stereotipo, gradualmente per avere vera libertà dall’attaccamento e creare. A quel punto RI, cioè “allontanarsi”… dalle regole e dal maestro…

SHU-HA-RI. I livelli della via

- Massimo Bandera -

21


>> Bonsai-do: pratica e sapere Particolare della scultura del legno nell’opera di Masahiko Kimura

“IL TIGRE” Bonsai d’Avanguardia autore Massimo Bandera Taxus cuspidata -Vaso Tokoname di Hiroshi - h.99cm Ryu Età 500 anni - Foto Maurizio Elia By Yoshin

Particolare della scultura HA deriva dal verbo “Yaburu”, distruzione, rottura, trasgressione. Appresa la forma alla perfezione, quando è penetrata oltre la superficie della coscienza, il bonsai si applica all’opera e alla vita. Si può creare nel nulla, il MU. Il bimbo diventa adulto, si libera dalla costrizione della forma e prende una proprio senso. Dovrà ancora imparare a lungo, cioè sempre, ma quanto è appreso è sufficiente a muoversi in libertà. Così come l’adulto determina da solo la propria vita, nella fase HA l’allievo sostituisce la presenza del maestro con la propria educazione. L’allievo ha la padronanza della tecnica ma deve ancora lavorare e studiare perché deve ancora trovare uno

22

SHU-HA-RI. I livelli della via - Massimo Bandera -


stile personale. Qui l’ostacolo è lo stereotipo, la fiducia sconfinata nella forma va rivista. La forma va verificata e capita: liberandosi dalla forma ci si può servire di essa. Se si presta fede solo alla forma si diviene vittima dei sistemi e si rimane dipendenti dalla attività di elaborazione dei sistemi da parte di altre persone, così si ha bisogno di modelli fissi e le opinioni non affondano le radici nel “proprio” ma o sono ingenerate da pregiudizi ben radicati o si adeguano all’ultimo stato dell’informazione. Così ci si preclude la via all’autonomia della propria persona. Andando avanti si capirà che non ci sono soluzioni definitive ai problemi perché il divenire e il maturare rappresentano il contrario di quello che si prefigge l’ ”io”. Qui l’allievo inizia ad intuire il livello del Maestro e diventa chiaro il significato dell’apprendimento. Molte delle domande del passato trovano ora risposta, e parte di quanto non si era capito viene ad acquisire un senso. Vedendo i principianti il praticante riscopre tutti i suoi errori del passato , eppure non c’è forma di preservare i neofiti da questo processo: anch’essi devono percorrere la via che consiste prima nell’apprendimento e poi nella comprensione.

RI deriva dal verbo “Hanaru” che significa separazione, allontanamento, trascendenza. Si tratta di un anelito di libertà, per il maestro e per l’allievo: l’arte torna a dominare quello che era un allievo e ora è un esperto che può diventare maestro. Il RI simboleggia la capacità alla trascendenza, al perfezionamento dello spirito Il Maestro Zen TAKUAN definì RI come l’obiettivo supremo di tutte le arti della via, intendendo per RI il massimo grado della maestria della condotta (SHISEI) che il praticante può raggiungere quando si è liberato definitivamente dalle catene dell’Io. Il “non restare attaccato” alle cose transeunti consente uno stato interiore (MUSHIN) nel quale la realtà può essere vista proprio come essa è. Il concetto di trascendenza deriva dal latino transcendere e si riferisce all’autoelevazione dall’interpretazione illusoria della realtà ovvero alla trascendenza dalla realtà fisica nelle dimensioni della VERITAS cosmica. Nelle arti orientali della via, per delineare questo concetto si utilizza la parola SATORI che designa l’atto del trascendere il transeunte terreno per ascendere alla causa prima dell’esistenza nell’universo. Se l’allievo dice: “Quanto è grande il mare”, il Maestro gli replica “e oltre a tutto tu ne vedi solo la superficie”.

Massimo Bandera nasce nel 1967 e nel 1978 si avvicina al mondo del bonsai; per descriverlo possiamo dire che egli è prima di tutto un uomo di cultura (vanno ricordati i suoi studi letterari e filosofici oltre a quelli dell’arte e delle scienze), che usa la via del bonsai per produrre Arte. Appassionato delle arti e della cultura giapponese, è stato ammesso, nel 1999 a visitare la collezione dell’Imperatore del Giappone. Nell’anno 2000 fonda la “Fuji Kyookai Bonsai”, la sua scuola di avanguardia bonsai che in questo momento ha due sedi, una in Italia, a Nole in provincia di Torino, e una a Marbella in Spagna. Nell’anno 2002 pubblica i primi volumi dell’Enciclopedia del Bonsai, dove ha raccolto i suoi insegnamenti riguardanti la coltivazione, la tecnica e l’estetica. Negli ultimi anni sono innumerevoli i suoi articoli pubblicati da riviste del settore, e la sua ultima fatica letteraria ha la prefazione del grande maestro Masaiko Kimura che riconosce Massimo come uno dei suoi allievi prediletti. Massimo Bandera, che da tre anni è istruttore IBS, è docente della Bonsai Creativo School-nella sessione accademica, dove insegna estetica e cultura giapponese; da quest’anno è anche membro del direttivo del BCI. foto di Antonio Attini

SHU-HA-RI. I livelli della via

- Massimo Bandera -

23


>> Mostre ed eventi

4° Congresso Nazionale Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe di Edoardo Rossi

N

ei giorni 18-21 settembre 2009 si è svolto presso il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige (TN) il IV Congresso Nazionale della Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe, in collaborazione con l’Associazione Trentina Bonsai. Lo scopo della manifestazione biennale, che si alterna al congresso europeo “Sakka Ten Autumn Trees“ è di consentire ai nostri soci di incontrarsi in un contesto piacevole, durante il quale si possano condividere le esperienze personali e approfondire tematiche relative al bonsai con il contributo di tutti i soci, degli esperti invitati e del Maestro giapponese che ogni anno abbiamo l’onore di ospitare grazie alla collaborazione con la casa madre Nippon Bonsai Sakka Kyookai.

La manifestazione di quest’anno ha visto la partecipazione del maestro Kunio Kobayashi, importante personalità del mondo bonsaistico internazionale, ben conosciuta dal pubblico italiano. La sua presenza e la grande disponibilità durante le dimostrazioni e i seminari hanno contribuito in maniera decisiva al successo della manifestazione. Nel seminario pratico del venerdì i dieci partecipanti hanno potuto confrontarsi con il Maestro, studiando un progetto per l’impostazione di un albero di loro proprietà. Secondo gli scopi dell’Associazione, le dimostrazioni devono avere una funzione didattica, infatti gli alberi scelti per le lavorazioni, appartenenti a soci effettivi che hanno affiancato il Maestro come assistenti (Bruno Mazza, Adriano Nalon,

L’associazione internazionale Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe nasce per volere della Nippon Bonsai Sakka Kyookai Japan su richiesta del Maestro Hideo Suzuki, che identifica in alcuni interlocutori europei i partner adeguati per divulgare in Europa le antiche tradizioni della cultura giapponese legata al bonsai. L’Associazione viene fondata ufficialmente nel novembre del 2000, durante la manifestazione “Aki Ten” promossa dal Bonsai Club Brixen a Bressanone, alla presenza del Presidente della Casa Madre, Maestro Tomio Yamada e del Maestro Hideo Suzuki. Ad essa aderiscono coloro che ne condividono gli obiettivi. Poiché per noi occidentali molti aspetti del bonsai non sono comprensibili se non attraverso un approfondimento della cultura da cui esso deriva, l’Associazione organizza delle attività che riguardano non solo lo studio delle tecniche di coltivazione, ma anche dell’esposizione di bonsai e suiseki in un tokonoma ed in una mostra, la calligrafia, la cerimonia del tè, la ceramica ecc. Dato lo scopo didattico dell’Associazione, viene esclusa dalle attività la competizione in qualsiasi forma.

24

4° Congresso Nazionale Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe - Edoardo Rossi -


Aurelio De Capitani il sabato, Paolo Giai, Georg Frener, Il professor Tollini, supportato dal Maestro KoEdoardo Rossi la domenica), erano di essenze e stili di- bayashi in veste di calligrafo, nella sua esposizione: “Arte versi, in modo da consentire al Maestro di trasmettere al e natura in Giappone: riflessioni sul bonsai” ha sviluppato pubblico la sua idea del bonsai nel modo più esauriente il concetto di arte e di artista nel Giappone classico rivepossibile. landoci come esso veniva rappresentazione nell’antica Hanno avuto la medesima finalità le dimostrazio- scrittura cinese, adottata in seguito dai giapponesi, che ni tenute dai soci effettivi Lorenzo Agnoletti e Mario San- raffigurava un uomo accovacciato che teneva in mano un dri, presentate sabato mattina. Nel seminario teorico di piccolo albero! Questa ricerca ha evidenziato quanto il lelunedì i partecipanti, una cinquantina, hanno potuto as- game tra uomo, bellezza e natura siano imprescindibili, e sistere ad un’interessantissima critica ai bonsai esposti che proprio il bonsai possa essere definito come modello alla mostra. Il maestro ha trattato ciascun soggetto, ap- per la comprensione del concetto di arte nel Giappone profondendone la coltivazione, le scelte tecniche di im- classico (la traccia della conferenza è disponibile nel nospostazione, l’estetica e l’allestimento con il quale l’albero tro sito www.sakkakyookai-e.com). era stato presentato alla mostra. Secondo il maestro Ko- Il maestro ha trattato ciascun soggetto, approbayashi, il livello tecnico raggiunto in Italia ed in Occidente fondendone la coltivazione, le scelte tecniche di in generale è piuttosto alto e impostazione, l’estetica e l’allestimento con il quindi anche i bonsai presentati quale l’albero era stato presentato alla mostra alle mostre sono di buon livello, ma ritiene che per la crescita del nostro movimento e dei nostri bonsai dobbiamo neces- Con grande piacere abbiamo verificato l’attenta sariamente seguire un percorso durante il quale vengano partecipazione del numeroso pubblico alla conferenza e approfonditi gli aspetti culturali oltre a quelli tecnici. ciò dimostra che temi come questo possono essere ap A questo proposito abbiamo chiesto alla profes- prezzati dalla maggior parte delle persone. La mostra soressa Giuliana Sellan, antropologa ed etno-botanica, allestita nel chiostro dell’ex convento, che oggi ospita il docente di Antropologia Culturale presso la Facoltà di museo etnografico, è stata molto gradita dai visitatori Lettere e Filosofia dell’Università di Verona e al Professor e gli alberi esposti hanno potuto dare il meglio di sé in Aldo Tollini, docente di Letteratura Giapponese presso un allestimento curato e dove ciascun soggetto aveva a l’Università Ca’ Foscari di Venezia, di tenere una lezione disposizione il giusto spazio. Come è usuale alle nostre trattando il rapporto tra l’uomo, l’arte e la natura. La pro- mostre, gli espositori partecipano soltanto per il piacere fessoressa Sellan nel suo intervento dal titolo: “L’albero di contribuire alla riuscita della manifestazione, senza addomesticato: riflessioni antropologiche tra natura e cul- pretendere nessun riconoscimento. Questo spirito, il tura” ha introdotto interessanti spunti di riflessione sul clima fortunatamente splendido e il grande impegno da come, nelle diverse civiltà, l’uomo si rapporti con l’albero parte dei soci del club Trentina Bonsai che ci ha ospitato, sia fisicamente, per l’uso pratico che ne fa, che spiritual- hanno reso piacevole il nostro soggiorno in un territorio mente. stupendo, tra vigneti e montagne.

4° Congresso Nazionale Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe - Edoardo Rossi -

25


>> Mostre ed eventi

1. Dimostrazione di sabato pomeriggio 2. Composizione di shohin 3. Biancospino 4. Conferenza 5. Pino silvestre 6. Il pino silvestre rivisto durante il seminario di lunedĂŹ 7. La potatura del ramo per creare il giusto spazio vuoto


>> Mostre ed eventi

Festival del Bonsai... in piazza di Giancarlo Pezzoni

I

l 26 e 27 Settembre si è svolto l’oramai “classico” appuntamento del “Festival del Bonsai a Imperia”. Anche quest’anno, la voglia di fare bonsai in piazza, è stato un successo. Ribadiamo il concetto che la nostra arte debba essere svolta a contatto con il pubblico che non la conosce; il rinchiudersi in un hotel, in un centro congressi, il far pagare il biglietto per assistere alle dimostrazioni non fa che allontanare i “curiosi” che sono la nuova linfa di cui hanno bisogno i bonsai club. E fare bonsai in mezzo alla gente, dimostrando cosa facciamo e come amiamo le nostre piante, aiuta a combattere i pregiudizi legati alle tecniche utilizzate nella nostra arte. La manifestazione, nata dalla collaborazione tra il Drynemetum Bonsai Club, il Comune di Imperia e l’Oleificio Isnardi, godeva anche quest’anno dei patrocini della Provincia di Imperia, dell’I.B.S., dell’U.B.I., dell’autorevole Consolato del Giappone in Italia e della Camera di Commercio e Industria Giapponese in Italia. Per la prima volta abbiamo avuto l’onore di ricevere il Signor Naotaka SAKAGUCHI Console Generale aggiunto del Consolato giapponese di Milano. L’esposizione di circa 40 Bonsai di livello internazionale è stata arricchita da un’esposizione di suiseki dei maggiori esperti italiani e stranieri. Abbiamo avuto l’onore ed il piacere di

28

Festival del Bonsai... in piazza - Giancarlo Pezzoni -

veder esibirsi: Isao Omachi (rivelazione al congresso BCI-IBS di Saint Vincent 2008) con il suo assistente Sakurai Takashi (astro nascente del bonsaismo giapponese), Marco Invernizzi (che ha anche fatto da traduttore ai 2 colleghi giapponesi); Aurelio De Capitani (grande esperto italiano di shohin). Naturalmente in piazza, oltre al mercatino di vasi, bonsai, yamadori ed affini, quest’anno con il nuovo record di 20 espositori, ci sono stati degli eventi collaterali offerti, dall’Ufficio al Turismo di Imperia, ai tanti bonsaisti venuti da tutta Italia. Abbiamo così potuto ammirare la giapponese Setsuko con la sua performance “SINGING ACTION” azione cantata, fusione di teatro, canto, musica e arte calligrafica, l’artista Francesco Giorda con il suo spettacolo di piazza comico alquanto informale “C’è chi scende … C’è chi sale”, l’Arte Marziale Cambogiana KANDAL presentata dal Caposcuola Mondiale (KetuDhātr) Maestro Umberto Pettarin 10° Dan con il Maestro Mario Taddei 8° Dan e dalla loro equipe tecnica. Infine la presenza della soprano Megumi Akanuma, ambasciatrice della cultura Giapponese in Italia, maestra di SHODO (scrittura giapponese) ed esperta di origami, vestita nel tipico kimono giapponese, ha divertito i bambini ed incuriosito gli adulti.


I meritati premi: - la Targa Presidente U.B.I., consegnata dal segretario dell’UBI Luciano Granato, alla composizione shohin di Aurelio De Capitani; - Il Premio I.B.S. consegnato da Donato Danisi allo splendido abete di Nicola Crivelli; - Il Premio “Io difendo l’ulivo” è stato assegnato da Gianni Picella a Sergio Macchione, il quale ha anche vinto una collezione di riviste della Kokofu offerte dall’UBI per l’ottima qualità del bonsai esposto alla sua prima partecipazione ad una esposizione; - Il Premio Isnardi al miglior bonsai, quest’anno deciso dai maestri giapponesi Isao Omachi e Sakurai Takashi al Pino mugo di Alfredo Salaccione; - Il Premio Isnardi allo stand della Oltre il Verde di Cernusco sul naviglio (MI). Maggiori informazioni ed ulteriori foto della manifestazione le potete trovare sul sito www.festivaldelbonsai.it

Festival del Bonsai... in piazza - Giancarlo Pezzoni -

29


>> Mostre ed eventi

30

Festival del Bonsai... in piazza - Giancarlo Pezzoni -


Mostre ed eventi <<

w e i v preBonsai

Creativo

and

friends

Una giornata come le altre (resoconto di una storia realmente accaduta) di Marco Tarozzo

“Una giornata come tante altre” penso appena sveglio, mentre, di fronte allo specchio la lametta fa il suo lavoro con gli ultimi residui della barba. Lo stomaco brontola e già assaporo la colazione che Sandra, mia moglie, sta preparando giù in cucina. Mentalmente mi faccio un check di ciò che devo fare: valigia, pronta da caricare in auto, Calara il mio meticcio, da portare a fare quattro passi nei campi, il caffè e poi su, in auto per il lavoro. Ore 7,30 si parte. Una giornata come le altre mi dico, partenza da Chioggia e destinazione Bolzano per uno dei miei consueti viaggi in Alto Adige. Il radiogiornale, il pieno al distributore, il casello di Padova, poi Vicenza, Verona e la svolta per la Modena Brennero. Inserisco nel lettore CD un disco dei Pearl Jam e li metto a manetta quando improvvisamente mi suona il cellulare, guardo il display del vivavoce e leggo ‘Sandro Segneri’. Veloce lo sguardo passa all’orologio e leggo 8,30!!! Ma che #@!$&°# ci fa Sandro in piedi alle 8,30? E poi, mi chiama pure? Dev’essere accaduto qualcosa. Rispondo: “Ciao Sandro…” Dall’altra parte? “....” Un vulcano! “Marco”, mi dice, “ho pensato… dobbiamo fare… dobbiamo organizzare... dobbiamo chiamare…”. Ma chiii??? Ma chee??? Mi fermo in autogrill ma non riesco a fermare il vulcano che dall’altra parte del telefono continua a tirar fuori un’idea dietro all’altra… intuisco dei nomi: Massimo, Francesco, Federico, Bob Raspanti, Marco, Luca, e poi, Massimiliano. Continua parlando di bistecche, la festa e ancora il Borgo dei Lunardi, il Una giornata come le altre - Marco Tarozzo -

31


>> Mostre ed eventi

il Magazine, tutto il calcio minuto per minuto…. “Tutto il calcio che?” - Penso senza parlare… poi però pian piano realizzo. Ha partorito un’idea fantastica! Vuole “aprire” il Borgo, la sede dell’accademia, per una due giorni di bonsai e “caciara”, a tutti; agli studenti, alle loro famiglie, ai bimbi… a tutti coloro che vogliono trascorrere due giorni all’insegna del divertimento e del bonsai. Saremo tutti insieme per una festa celebrativa da rendere consuetudinaria e annuale. La “BONSAI and FRIENDS” Dico “Si!, ok Sandro ci sto!”. Mi prendo i miei “compiti per casa” e riparto in auto. Una giornata come le altre, penso… si, si, certo... proprio come le altre. Sostituisco i Pearl Jam con il più tranquillo Pat Metheny, è più consono a far lavorare quell’unico neurone che bazzica dentro il mio cranio; ecco Pat attacca con ‘Watercolors’ e io inizio a viaggiare con la fantasia. Che idea meravigliosa è venuta al buon Nonno Zen, ho ancora in testa la festa dello scorso anno per i dipliomi dei primi “accademici”, ricordo bene la festa, le risate e la bisteccona (in barba ai vegetariani… hi,hi, hi… vero Sandrocchia mia?). Sto viaggiando che mi chiama Francesco, il Santini da Cerreto. “Oh Marchino(h)” (leggendo mettete la ‘h’ dove vi pare… lui lo fa, è un toscanaccio purosangue), “mi ha chiamato Sandro ora, per dirmi…”- “Lo so Francesco ha chiamato anche me, che ne pensi dell’idea?” - “Che dic(h)o, Marchino(hh)? Dic(h)o ch(h)e si fa. E ch(h)e diamine !”. Ci salutiamo ridendo. Ala, Rovereto, Trento… e risuona il telefono. E’ Federico. Mi pareva strano che non si fosse ancora fatto vivo il Fede sta mattina. Inizia: “Ciao Marco, mi ha appena chiamato Sandro…” - “Lo so Fede, lo so. Sandro ha già chiamato mezza Italia (e, a proposito Sandro: ma te lo regalano il panettone a Natale e la Colomba a Pasqua quelli dell’Omnitel?)”. Anche Federico è disponibile. Stavolta chiamo io il Dott. Luchino Bragazzi, suona libero e lui risponde.

32

Una giornata come le altre - Marco Tarozzo -


“Ciao Marco…come va? Tutto Bene?” - “Sì sì Luca, senti mi ha chiamato Sandro…” - “Pure a me…” - “Beh, che dici Luca, si fa?” - “Marco: ovviamente.” Maremma al barese, pure lui ci sta, penso di fare uno squillo a Massimo Bandera, cerco sulla rubrica il numero ma poi mi fermo, mi dico: “e metti che Massimo mi attacca con le 24 stagioni, e poi continua con la cerimonia del te passando per un trattato di filosofia? No no, non chiamo. Rinuncio. Ci penserà il buon Segneri al Bandera Nazionale. Chiamo invece Carlo Scafuri, Napoli. Soliti convenevoli e poi si va al sodo; anche Carlo si rende disponibile, ci sarà pure Dario Rubertelli. Io non dico niente della diretta, le maledizioni di un napoletano, si sa, arrivano… eccome se arrivano. Quindi? Anche questo sarà un ”lavoretto” a cui dovrà pensarci Sandro. Bolzano Sud, Bolzano Nord, Bressanone, Vipiteno... accidenti dovevo uscire 70 km fa. Vabbè, è una giornata come le altre continuo a ripetermi. Rifletto, ma che cosa può essere a far si che nel giro di due ore un’idea nata a Frosinone coinvolga gente della Toscana, del Veneto, Piemonte, Puglia, Campania e tutti pronti a dire di si? Che può essere? Realizzo: passione, amicizia, comprensione, solidarietà, stima… beh aggiungeteci quel che volete che sicuramente ci azzeccate. Ecco così è nata la Bonsai and Friends, così è stata elaborata l’idea e poi realizzata; gente da tutt’Italia si è resa disponibile e da tutt’Italia sono arrivati un mese dopo al borgo dei Lunardi. Nel mezzo ci sono stati, parlo per me, convincere Sandra a festeggiare l’anniversario di matrimonio in un’altra data (e a Madrid, se lo merita); Federico convincere Tamara e il piccolo Alessandro a restare per l’ennesimo week-end da soli. Carlo, Dario e Luca a risalire mezz’Italia pur di esserci, Massimo e Massimiliano a scendere mezz’Italia pur di esserci; Roberto ad essere presente pur avendo mezza famiglia a letto con l’influenza e il buon Francesco, che abita a un minuto dal borgo, a reggere tutta la logistica. E’ il 31 ottobre ore 14,30… meno tre, meno due, meno uno... inizia la prima conferenza: Massimo Bandera....

Una giornata come le altre - Marco Tarozzo -

33


e

Da ll pa g in e

di


>> Dalle pagine di Bonsai&News

36

Da Pianta a bonsai - Mitsuo Takahashi -


Da Pianta a bonsai

- Mitsuo Takahashi -

37


>> In libreria

MAN LUNG PENJING Dr. Wu Yee Sun’s creations

recensione a cura di Antonio Ricchiari

Man Lung Penjing Dr. Wu Yee Sun’s creations

Wu Yee, Hong Kong, 2002 e-mail:

hongkong@manlungpenjing.org

38

Q

uesto che definirei un testo prezioso non è in vendita o, per lo meno, non fa parte dei normali circuiti librari. E’ una riedizione di un libro oramai passato alla storia del bonsai, curato da Wu Yee nel 1969, il quale pubblicò 200 foto di penjing con il titolo “Man Lung Artistic Pot Plants” con una tiratura di 10.000 copie. A quella edizione ne seguì un’altra nel 1976, arricchita di un paragrafo che riguardava la storia e l’evoluzione del penjing. Questa seconda edizione coincise con il pensionamento dell’autore dalla Wing Lung Bank. Tutti i volumi vennero donati al Baptist College (poi chiamata Baptist University) che si occupò della vendita ad un prezzo simbolico. Le duecentoquaranta pagine che compongono il libro sono quasi tutte di foto di esemplari, quindi è un testo tutto da sfogliare, da guardare e riguardare per percepire lo stile del penjing, per carpirne le peculiarità di ciò che è stato antesignano al bonsai. Insomma, un testo che ogni bonsaista dovrebbe guardare e studiare a fondo perché è sicuramente, dal punto di vista estetico, un completamento alla formazione di ognuno di noi. Il libro è impreziosito da una custodia e devo dire che è molto bello anche da guardare e accuratamente rifinito. Ho incluso l’indirizzo mail perché, chi fosse interessato a reperirlo, si può mettere in contatto.

Man Lung Penjing - Dr. Wu Yee Sun’s creations - Antonio Ricchiari -


Bonsai ’Cult’ <<

Il Buddhismo Zen di Antonio Ricchiari

P

remetto che credo nell’universalità di un Dio e non in un Dio maggiore o un Dio minore, in un Dio vincente o in uno perdente. In questo incrocio di religioni che divide l’Occidente dall’Oriente, emerge il Buddhismo-Zen, una non-religione, un modo di vita ed arte dell’Oriente Estremo. Il termine Zen in occidente è sicuramente familiare. In effetti lo Zen ha avuto molta influenza su molte tradizioni giapponesi che colpiscono molto la nostra curiosità. E’ probabilmente la corrente più mistica del Buddhismo, fu introdotto in Cina nel VI sec. e arrivò in Giappone nel XII sec., dove divenne la religione dei samurai. Sottolinea l’indivisibilità del Buddha da tutto ciò che esiste: l’uomo quindi può e deve raggiungere, già in questo mondo, l’unità con la divinità. Ciò può avvenire solo tramite un’Illuminazione interiore, istantaneamente, in condizioni eccezionali, provocate anche da stimoli fisici, poiché la verità non può essere raggiunta razionalmente, né può essere espressa in concetti. Uno degli stimoli preferiti, in tal senso, è il senso del bello che include l’ikebana, la poetica e quasi religiosa cerimonia del tè, la sobria raffinatezza e la tranquilla semplicità dell’architettura della casa, l’arte del giardinaggio ed il bonsai, l’opera dei pittori Sung, Sumiye e Kano. Il controllo della respirazione è una tecnica fondamentale. In questa scuola il monaco può avere famiglia. Dall’altra parte produsse la tecnica del ju-jutsu e del kenjutsu nella scherma, ed i rigorosi principi del bushido, il codice cavalleresco dei samurai. L’aspetto parados-

sale del buddhismo-zen sta in questa capacità di combinare la pace del Nirvana con l’attività della battaglia e le attività comuni della vita quotidiana. Vi sono delle analogie tra la dottrina Ch’an ed il Tantrismo, in speciale modo con la scuola Sahajayana che dava rilievo alle tecniche di meditazione e ai mezzi atti a svegliare l’intuizione spirituale mediante enigmi, paradossi e immagini materiali, evitando di attenersi a nessun dogma rigidamente definito. Importante è la figura di Bodhidharma in quanto legame con la tradizione indiana. Si tramandava infatti che Sakyamuni (Budda) aveva rivelato a Mahakasyapa la dottrina segreta trasmessa poi da patriarca a patriarca per via orale fino ad arrivare appunto al Bodhidharma. La sua figura fu sempre dipinta dagli artisti cinesi e giapponesi “come un fiero vecchio , con una lunga barba nera e grandi occhi dallo sguardo penetrante.” Ancora oggi nei monasteri zen la pratica di samu (lavoro) è una componente basilare per la crescita spirituale dei praticanti. Il buddhismo-Zen, descritto in parole, ha molte cose in comune con altre religioni e filosofie: le idee di povertà, di libertà, di adesione alla realtà e diretto contatto con essa. Mentre è destino di quasi tutte le religioni allontanarsi, nel tempo, dallo spirito dei loro primi seguaci, esso è riuscito a tener vivo questo spirito sino ad oggi. Dopo oltre 1400 anni non è degenerato in mero filosofismo né in una formale osservanza di precetti di cui si sia perso il significato originario. Gli Occidentali valutano una religione in base

Il Buddhismo Zen

- Antonio Ricchiari -

39


alla sua capacità di portare armonia nel complesso della società, di migliorare le condizioni sociali delle masse, di raggiungere uomini di ogni sorta e condizione e farsi comprendere da essi. Ma le religioni dell’Oriente non furono intese, in origine, come religioni di massa, e quando lo sono diventate non hanno più nulla a che vedere con il primitivo insegnamento: L’Oriente infatti non considera la saggezza come un valore che va distribuito indiscriminatamente a tutti, ma come un retaggio dei pochi che sono riusciti a capirla e ad applicarla nel modo corretto. Il buddhismo offre una via alla tolleranza, ha sempre avuto vocazione di universalità opponendosi agli dèi protettori di un solo popolo; si rivolge a tutte le donne e agli uomini ma non allo stesso livello e allo stesso modo. Il Dalai Lama afferma che “noi riconosciamo

40

Il Buddhismo Zen - Antonio Ricchiari -

l’esistenza di esseri superiori, in ogni caso di un certo stato superiore dell’essere; crediamo agli oracoli, ai presagi, all’interpretazione dei sogni, alla reincarnazione. Ma queste credenze per noi sono certezze, non cerchiamo in alcun modo di imporle agli altri Lo ripeto: non vogliamo convertire. Il buddhismo si applica anzitutto ai fatti. E’ un’esperienza, un’esperienza personale.” (La compassione e la purezza, ed. Rizzoli, Milano, 1995). Contrariamente alla quasi totalità delle religioni, soprattutto di quelle monoteistiche, costruite su una fede che non sollecita il ragionamento, spesso chiamata “cieca”, il Buddhismo si concentra sui fenomeni che possiamo vedere, toccare e comprendere. Il termine sanscrito sraddhā, che si traduce con fede, significa “fiducia nata dalla convinzione”.


venerdi 13 novembre

14.00 - 18.00 Allestimento mostra 20.30 Cena di benvenuto

sabato 14 novembre

9.30 Inaugurazione mostra 10.00 - 17.00 Dimostrazione di tecniche bonsaistiche a cura degli studenti della scuola 12.30 - 14.00 Pausa pranzo

15.00 17.30

Visita al giardino dell’AndolfoBonsai Studio Chiusura mostra

domenica 15 novembre 09.30 Apertura mostra 11.00 - 12.30 “Un progetto per voi” soluzioni tecniche e progettuali per il vostro bonsai a cura di Michele Andolfo 12.30 - 14.00 Pausa pranzo 15.00 Visita al giardino dell’AndolfoBonsai Studio 17.30 Chiusura mostra


>> La mia esperienza “Vivo il bonsai un po’ fuori dagli schemi, senza spettacolarizzarlo con dimostrazioni e workshop, ma per il solo scopo per cui forse e’ veramente nato. La necessita’ di trovare la tranquillità e la pace interiore allo scopo di convivere con la natura e con il mondo che ci circonda.”

Lavorazione

e restyling di

un vecchio olivastro yamadori di Paolo Fugali

L

a pianta descritta nell’articolo è un vecchio olivastro raccolto più di quindici anni fa presso un dirupo di montagna. Allora il mio occhio di bonsaista non era così smaliziato come adesso, ed una semplice base larga fu il motivo principale che mi indusse all’espianto. Mi piace definire questa pianta una “pianta da studio”, poiché su di lei ho fatto tanti esperimenti, prima di procedere con altre lavorazioni su su piante più importanti. Ritengo comunque il risultato di questi studi interessante, e voglio raccontarvelo, spero senza annoiarvi. Raccolta la pianta, e direi anche salvata dai frequenti incendi che si sviluppano dalle mie parte in estate, l’olivastro fu piantato in pieno campo, poiché al tempo lavoravo a Milano. Circa cinque anni fa l’espianto dal campo, e la messa a dimora in vaso di coltivazione. Dopo due anni di attecchimento ho iniziato un primo step di lavori. Lavorare la chioma non era ancora il caso, visto che c’era ancora poco materiale da impostare, così decisi di puntare sul piede, che permetteva lavorazioni decisamente più azzardate. Con l’aiuto di una fresatrice elettrica professionale (30.000 giri/m), iniziai a lavorare il legno della pianta che ho riportato nel disegno, perché non esistono documenti fotografici dello stato di fatto iniziale. Il timido approccio iniziale svanì presto, quando notai che la legna che avevo intaccato era già secca. Ad onor del vero le due vene vive che si notano nelle foto non sono il frutto di un attento studio di progetto iniziale, ma frutto della naturale reazione della pianta, e una lavorazione della legna secca mirata alla ricerca delle parti vive. Quello che potete vedere nelle foto è il risultato

42

finale di circa tre ore di lavoro. Il legno è stato trattato con liquido jin che, da buon chimico, preparo personalmente aggiungendo anche un po’ di polvere di ossido di titanio per migliorare l’effetto sbiancante. Il tutto è stato poi trattato con il fuoco di un piccolo cannello, per dare il senso del vecchio ricreando i chiaro scuri del bianco, che altrimenti risulterebbe altrimenti poco credibili. L’anno successivo la prima impostazione della chioma mirata anche ad abbassarne l’altezza.

Lavorazione e restyling di un vecchio olivastro yamadori - Paolo Fugali -


Tempo dopo il rinvaso in un vaso bonsai, cimando in primavera continuamente i nuovi getti per creare volume. Ma non ero ancora completamente soddisfatto del lavoro fin qui ottenuto. Così qualche mese fa, approfittando del fatto che ero obbligato a togliere il filo poiché stava intaccando per bene i rami, ne approfittai per una ristrutturazione, eseguita facendo semplicemente uso di alcuni tiranti la cui tecnica é stata acquisita da un amico, carpentiere edile, con il quale ho lavorato in passato, e di qualche chiodino. Nelle foto seguenti si possono vedere i particolari. Per il resto della lavorazione penso che le foto si commentino bene da sole. Il resto vien fuori da se’, lasciatemelo dire senza racconti di fantascienza creati solo per chi deve leggere.

Vivo il bonsai un po’ fuori dagli schemi, senza spettacolarizzarlo con dimostrazioni e workshop, ma per il solo scopo per cui forse e’ veramente nato. La necessita’ di trovare la tranquillità e la pace interiore allo scopo di convivere con la natura e con il mondo che ci circonda. Questo e’ lo spirito del bonsai che mi alimenta, la via del bonsai o come dicono i giapponesi bonsai do, perfezionamento continuo senza frenesia di dimostrare agli altri quanto si vale, o per la semplice presunzione di essere per forza presenti ad ogni costo. Semplice e umile passione fatta con dignità e stile per vivere serenamente con se stessi e con gli altri, e scusate se è poco.

Lavorazione e restyling di un vecchio olivastro yamadori - Paolo Fugali -

43


>> La mia esperienza

44

Lavorazione e restyling di un vecchio olivastro yamadori - Paolo Fugali -


La mia esperienza <<

Cedro

“il solitario” di Giuseppe Messina

Cedro “Il solitario” - Giuseppe Messina -

45


>> La mia esperienza

A

cquistai questo cedro nel 1987, si presentava come un grosso cespuglio. A quel tempo non possedevo una grande tecnica bonsai perché ero agli inizi, cercai quindi di coltivarlo al meglio, pulendo i rami secchi e contenendo la vegetazione nelle parti apicali con continue cimature. Il cedro si presentava nel classico mastello da vivaio da 50 cm di diametro e la base non era visibile. Al momento del rinvaso si presentò però un problema al nebari di non facile soluzione. Le radici, cresciute in una terra molto argillosa, si erano sviluppate in dimensione e profondità, assumendo l’aspetto tentacolare di un polipo. Mi resi conto allora che l’unica soluzione era una margotta, già... ma una margotta di conifera non è cosa di tutti i giorni.... Così, mentre pensavo (senza decidermi) a come effettuare a margotta, il cedro rimase in stand-by per alcuni anni. L’illuminazione avvenne dopo un workshop con Sandro Segneri. La pianta mi appariva veramente bella, e ragionando sulla conformazione delle radici superficiali (la pianta aveva due radici opposte molto più grandi delle altre) dissi tra me e me “se indebolisco le radici più grandi, per una questione di equilibrio energetico le radici più piccole saranno costrette ad aumentare il loro sviluppo per poter sostenere le richieste della pianta....”. Scriverlo adesso è facile, ma in quel momento non avevo nessuna certezza e soprattutto avevo una paura folle di danneggiare una pianta alla quale tenevo molto. Nel 2007 iniziai i preparativi per la margotta. Dalle grosse radici asportai, con un seghetto pulito e disinfettato, due pezzi di legno a forma di cuneo, per circa 1/3 del diametro delle radici. Una leggera spennellata di mastice liquido e poi, dopo aver bagnato con uno spruzzatore, cosparsi la zona dei tagli con sfagno, un muschio a fibra grossolana che viene particolarmente utilizzato per le margotte avendo la capacità di trattenere l’acqua favorendo la radicazione. Trova altri impieghi nel vivaismo come substrato per piante tropicali e epifite tipo bromeloacee e orchidee. Prima dell’utilizzo è stato bollito per sterilizzarlo da insetti e eventuali residui di muffe e/o funghi.

4

1

2

3 Tramite una rete metallica ho realizzato poi una sorta di contenitore aggiuntivo, che ho riempito con della perlite. La perlite è un prodotto inerte e di origine vulcanica che trova vari impieghi, dall’edilizia al florovivaismo, alleggerisce i terricci e favorisce l’emissione delle radici e i taleaggi (per altre info su substrati e perlite scarica Bonsai&Suiseki magazine - Febbraio 09). Nel marzo 2009 la pianta è stata rinvasata in un vaso da coltivazione in cemento. Prima del rinvaso ho fatto dei sondaggi nel pane radicale della margotta, che hanno confermato una notevole emissione di radici nuove. Dopo aver svasato il cedro dal vaso di coltivazione originario, ho eliminato il 90% del vecchio pane radicale, ecco la sequenza del lavoro eseguito.

5


6

7

8

9 1. Nebari disarmonico. 2. Taglio della radice di sinistra. 3. Taglio della radice di destra. 4. Inserimento dello sfagno. 5. Riempimento con perlite 6. Svaso e controllo emissione nuovo apparato radicale. 7. Taglio delle grosse radici con seghetto. 8. Appiattimento del taglio con tronchesi e tenaglie. 9. Protezione del taglio con mastice giapponese. 10. Rinvaso in pomice e perlite 11. Progetto realizzato da Francesco Santini

Per quest’anno non sono previsti altri lavori se non quelli strettamente necessari al contenimento della chioma. Prevedo di continuare il progetto, tra un paio d’anni, con l’impostazione suggerita dal virtual disegnato da Francesco Santini (alias ‘Santafe’), che ringrazio!

10

Cedro “Il solitario” - Giuseppe Messina -

47


>> La mia esperienza

11

48

Cedro â&#x20AC;&#x153;Il solitarioâ&#x20AC;? - Giuseppe Messina -


La mia esperienza <<

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre di Armando Dal Col

I

l pino nero, come si sa, ha la caratteristica di avere aghi piuttosto lunghi, qualità non molto apprezzata nel Bonsai. Nelle mie sperimentazioni nel ridurre le dimensioni degli aghi nel pino nero ho usato varie tecniche, alcune delle quali si differenziano moltissimo sia dal pino silvestre, dal pino cembro, dal pino pentaphilla, dal pino strobo pumila glauca e, naturalmente, dal pino mugo. In questo articolo non parlerò degli altri pini, ma solo del pino nero e del pino silvestre.

Il periodo migliore, e meno rischioso, per ottenere la miniaturizzazione degli aghi nel pino nero è quello che precede la spuntatura delle “candele” che si sviluppano in primavera. Quando queste iniziano a germogliare generosamente si può intervenire tagliando tutti gli aghi fino alla guaina, lasciando naturalmente intatte le candele, queste andranno spuntate una ventina di giorni più tardi, le quali saranno cimate più o meno tutte della stessa lunghezza per avere un’uniformità degli aghi. Il primo di questi due grandi interventi può creare

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre - Armando Dal Col -

49


>> La mia esperienza dei rischi se praticati su delle piante deboli! Sarà la conoscenza diretta della propria pianta che ci indicherà se è in grado di sopportare il taglio totale degli aghi, nel dubbio, cimate SOLO le candele, e rimandate l’operazione del taglio degli aghi più vecchi a fine settembre fino a metà ottobre. In questo modo non si correranno rischi, ma i risultati non saranno così eclatanti come quelli del primo periodo. 1. Pino nero. Le “candele” primaverili si sono già parzialmente sviluppate, è il momento giusto per effettuare il taglio degli aghi. 2. L’esemplare è pronto per il taglio degli aghi. La pianta si trova interrata dentro una cassa di polistirolo. 3. Il pino visto dopo il taglio totale degli aghi al 100%. 4. Sono passati dieci giorni dal taglio degli aghi, ma prima di intervenire sulla spuntatura delle candele si dovrà attendere ancora una decina di giorni. 5. Il pino nero visto di lato. 6. Primo piano della “corona”. 7. Si inizia dall’apice a spuntare le candele, le quali andranno rimosse prendendole ad una ad una con i polpastrelli del pollice e dell’indice della mano e, con una semplice pressione e rotazione si avrà cura di spezzarle nella lunghezza desiderata, tenendo naturalmente conto del controllo delle dominanze apicali verso gli apici dei rami, le cui candele andranno spezzate quasi totalmente. Alcune candele interne sono appena spuntate dai nuovi germogli ottenuti dopo il taglio degli aghi avvenuto una ventina di giorni prima. 8. Primo piano della cimatura delle candele. L’operazione della spuntatura totale delle candele prosegue senza interruzioni. Scendendo, si tolgono tutte le candele lasciando una porzione più o meno della stessa lunghezza. Questo favorirà uno sviluppo uniforme della forza della pianta. 9. Il Pino nero ripreso dopo una ventina di giorni dal taglio degli aghi. Ed ora è visto dopo la cimatura di tutte le candele, parzialmente visibili ai piedi della pianta. 10. Il soggetto visto un paio di mesi dopo il taglio delle candele. La nuova vegetazione si è fatta abbondante e gli aghi si stanno allungando un po’ troppo. Il pino per il momento viene modellato solo con la potatura, per cui il suo aspetto attuale rispecchia le caratteristiche di una “pianta normale”. 11. Un’altra immagine della corona del pino. Il pino nero visto così, ha la lunghezza degli aghi abbastanza accettabile e

50

1

2

3

5

6

7

9

4

8

10

11

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre - Armando Dal Col -

12


quando sarà stato trapiantato in vaso bonsai le dimensioni degli aghi saranno sicuramente più contenute. 12. Un altro anno è trascorso, e il pino nero si presenta con la nuova vegetazione. In questi dieci anni di permanenza della pianta dentro una cassa di polistirolo per essere poi interrata in piena terra, ha permesso al pino di irrobustirsi molto e di ingrossare la base del tronco per oltre il 50%. 13. Il pino nero visto nella sua possibile parte frontale quando deciderò di trasferirlo in un vaso bonsai. 14. Pino nero, altezza 45 cm. Il taglio degli aghi della pianta in vaso va effettuato ogni tre anni. Come si ricorderà, il taglio totale degli aghi sul pino in vaso deve essere fatto su piante in perfetta salute. L’evolversi degli interventi vanno verificati scrupolosamente per vedere le reali possibilità di reazione della pianta e, se pur con precauzione, questa tecnica può portare a degli eccellenti risultati. 15.Pinus nigra austriaca. Altezza 50 cm. Il Pino nero visto alcuni anni dopo.

14

13 15

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre - Armando Dal Col -

51


>> La mia esperienza

O

ra seguiamo alcuni interventi su di un pino silvestre chiamato “Imperatore”. Le tecniche sul pino silvestre si differenziano rispetto al pino nero, e più precisamente il taglio parziale o totale degli aghi si effettua nel mese di ottobre. Per quanto riguarda la pinzatura delle candele non ci sono grandi differenze poiché questa operazione va effettuata regolarmente in primavera quando le “candele” hanno raggiunto più o meno i tre centimetri di lunghezza (ma se si desidera avere una fioritura con la successiva formazione delle pigne, la spuntatura delle candele richiede tempi di interventi molto particolari!). 16. Mia moglie Haina si appresta ad applicare il filo al pino silvestre per riposizionare alcuni rami e rametti. Il silvestre necessita di essere riposizionato dopo alcuni anni di assenza del filo. 17. Pino silvestre “Imperatore”. Haina ed io apportiamo delle correzioni con il filo alle branche del pino silvestre, il quale è stato definitivamente inserito in un tronco di un vecchio albero tagliato per ragioni di sicurezza, scavato sufficientemente per farne un “vaso” naturale realizzato sul luogo d’entrata del mio “Giardino Museo Bonsai della Serenità”, conosciuto anche con il nome di: SEI WA BONSAI EN. 18. Con il controllo delle dominanze apicali unito alle cure mirate il pino silvestre ha riacquistato il suo fascino. 19. Ma i pericoli sono sempre in agguato. Sfortunatamente, una violenta grandinata si è abbattuta sul giardino. 20. Il pino silvestre, come tante altre piante ne è uscito piuttosto malconcio! Amareggiati ma pronti ad affrontare l’emergenza, corriamo ai ripari. Decidiamo di tagliare i rametti più deboli per incoraggiare il ripristino della vegetazione. 21. Si pratica il taglio degli aghi fortemente indeboliti. 22. Fortunatamente, le gemme apicali sono attive e sembra non abbiano subito seri danni. 23. Il taglio degli aghi è stato fatto quasi totale. 24. L’aspetto del pino silvestre al termine del taglio degli aghi.. 25. L’operazione, seppur rischiosa, sta dando i suoi frutti, le gemme apicali sono sempre più gonfie, e già alcune piccole gemme hanno fatto la loro comparsa lungo i rametti

52

16

17

18 19

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre - Armando Dal Col -


20 21

22

spogli. Ho dovuto sacrificare anche alcune pigne per incoraggiare la formazione di nuovi germogli. 26. Un Pino silvestre della mia collezione ottenuto con le tecniche spiegate nellâ&#x20AC;&#x2122;articolo. La base del tronco allâ&#x20AC;&#x2122;epoca della raccolta di questo pino si trovava fra due grosse pietre rimanendo schiacciato. Solo la radice frontale aveva lo spazio necessario per svilupparsi, cosĂŹ ho dovuto escogitare diversi interventi per poter allargare la base del tronco ripristinando una giusta conicitĂ .

26

23 24

25

Tecniche sul taglio degli aghi e delle candele sul pino nero e sul pino silvestre - Armando Dal Col -

53


>> A lezione di suiseki

Colore & Disegno & Forma &...

i Gioielli Figurati del pianeta Gaia di Luciana Queirolo e Giuseppe De Vita

L

’Introduzione? Che siamo qui, davanti allo schermo del computer, Giuseppe ed io. Da che parte si comincia? Quale il tema? I calcari marnosi dell’Appennino tosco emiliano. Giuseppe, racconta: “Andando in cerca di pietre interessanti lungo le sponde dell’Arno, attorno agli anni ’90, notai sul bagna asciuga alcune pietre ove l’acqua metteva in risalto curiose figure. Subito mi entusiasmai e indirizzai la mia ricerca soprattutto in quella direzione (foto 2). Essendo i miei terreni confinanti all’acqua, devo dire onestamente che la mia ricerca è stata oltremodo facilitata, accrescendo in poco tempo la quantità di materiale

1

2

raccolto. Ma, come dice il noto esperto Martin Pauli, non si fa suiseki solamente raccogliendo pietre. Così, cercai il modo di “tirare fuori” quei disegni a favore dell’osservatore... cosciente che, per far questo, occorresse una profonda conoscenza del materiale raccolto. Tali informazioni non mi furono prontamente accessibili: impiegai alcuni anni prima di riuscire a capire veramente quale materiale avessi tra le mani. (foto 1)”. “Il nome Alberese è dovuto alla presenza, nei piani di stratificazione separabili per fissibilità, di figure di alberelli dendritici costituiti da microperline di manganese e venne usato, sin dall’epoca romana, per la produzione di calce.

A Firenze si utilizzavano ciottoli calcarei prelevati nel letto del fiume Arno (frombole d’Arno): nella Florentia romana, l’Alberese è stato impiegato, come documentato da scavi archeologici, nella lastricatura delle strade principali della città. In questi calcari marnosi si può trovare, tra l’altro, la pietra paesina, il verde d’Arno ed il lineato d’Arno (sul quale è stata indirizzata per lungo tempo la mia ricerca) che, a partire dalla fine del 1500, tagliati e lucidati, vennero usati per commesse di pietre dure nelle tarsie ed incrostazioni di mobili. La Marna è roccia sedimentaria costituita da calcare ed argilla in parte all’incirca uguale, a grana mediamente fine. A seconda dell’aumento della percentuale calcarea si passa dalle marne calcaree, ai calcari marnosi, sino ai calcari veri e propri, quando il calcare è presente al 95%” (ndr: come nel palombino).

1. Materiale sporco 2. L’Arno a Figline 3. Paesaggio su pietra toscana lucidata 4. Pietra paesina


- Luciana: il calcare, dai toni tra il biancastro, grigio, cremisi, azzurrino, subì (soprattutto nelle zone periferiche esterne) alterazioni cromatiche a seguito dell’infiltrazione di soluzioni ossidanti di ferro, manganese e carbonato di magnesio. Il connubio tra i delicati colori del calcare e le nette linee degli alberelli dendritici di manganese, creano paesaggi incantati che nulla hanno da invidiare ai similari materiali importati dalla Cina (foto 3). Durante la mia piccola ricerca conoscitiva sulle pietre di Giuseppe, aiutata da internet, ho fatto questo felice incontro: “La scrittura delle pietre – Roger CAILLOIS” by francescomarotta: http://rebstein.wordpress.com/2007/12/26/ la-scrittura-delle-pietre-rogercaillois/#more-446 [Tratto da: Roger Caillois, La scrittura delle pietre, traduzione di Carla Coletti, con illustrazioni e fotografie di Maurice Babey e Peter Willi, Genova, Casa Editrice Marietti, Collana di Saggistica, I ediz., 1986, pag. 7-17 (L’écriture des pierre, Genève, editions d’Art Albert Skira, 1970)]

“…La pietra alberese è di colore chiaro quasi bianco, ma può presentare vene ed impurità color ocra, verdi-azzurrognole dovute alla quantità dei minerali argillosi presenti, che spesso si manifestano nel lungo periodo dopo la posa in opera.” - Wikipedia

3 Già sul Notiziario AIAS, il socio Salvo Pagliarello scrisse per noi due articoli circa l’amore del filosofo Roger Callois per le pietre, i minerali, la cultura cinese e sulle sue riflessioni sul senso della vita (n°13- Primavera 2006; n°14- Estate 2006). Vi consiglio caldamente di leggere anche la pagina curata dal Marotta: io mi esaltato, trovando, nelle riflessioni del filosofo Callois, rispondenze che definisco boriosamente:“gemelle” al mio sentire (foto 4).

4


>> A lezione di suiseki …” In ogni tempo, l’uomo ha cercato non solo le pietre preziose, ma anche le pietre insolite, strane, quelle che attirano l’attenzione per qualche irregolarità della forma o per una certa significativa bizzarria di disegno o di colore. Quasi sempre, è una somiglianza inattesa, improbabile e tuttavia naturale, che le rende affascinanti. Le pietre, in ogni caso, posseggono un non so che di solenne, di immutabile e di estremo, di imperituro o già finito. Sono seducenti per un’intima bellezza, infallibile, immediata, che non deve niente a nessuno: necessariamente perfetta, esclude però l’idea della perfezione, proprio per non permettere approssimazioni, errori o eccessi. In tal senso, questa naturale, genuina beltà anticipa e supera il concetto stesso di bellezza, ne offre insieme garanzia e sostegno. Il fatto è che le pietre presentano qualcosa di evidentemente compiuto, senza tuttavia che c’entrino né invenzione, né talento, né abilità, nulla di quanto ne farebbe un’opera nel senso umano della parola, e ancor meno un’opera d’arte. L’opera viene dopo, e così anche l’arte; insieme a queste suggestioni oscure ma irresistibili, quasi radici lontane, quasi modelli latenti. Sono segnali discreti, ambigui, che attraverso filtri e ostacoli di ogni tipo ricordano che deve pur esistere una bellezza generale, anteriore, più vasta di quella che l’uomo può intuire, in cui egli trova il proprio godimento e che è orgoglioso di produrre a sua volta. Le pietre – non loro soltanto, ma radici, conchiglie e ali, ogni elemento ed opera della natura – contribuiscono a dare l’idea delle proporzioni e delle leggi di questa bellezza generale che è soltanto possibile congetturare. Al confronto, la bellezza umana non rappresenta che una formula in mezzo alle altre.”

- Pietra

lineata, pietra figurata

5

-

- Giuseppe: “Solitamente nei fiumi si trovano pietre piccole; difficilmente più grandi. Le grandi sono così interrate che si scoprono solamente nei lavori di cantiere a profondità tra i 20 e 30 metri,nel fango argilloso. Quindi, attorno al ciottolo, troviamo una incrostazione di parecchi millimetri che rende praticamente impossibile individuare un possibile disegno, che solo l’occhio allenato dell’esperto ricercatore può individuare e poi distinguere, dopo una sommaria pulitura. Il ciottolo più piccolo, reperibile facilmente nei fiumi, porta invece un disegno più definito perché la sua dimensione rende agevole il frequente rotolìo.”

- La

pulitura e lucidatura

-

Questa pietra (foto 5) ha subìto una lucidatura blanda; solo un accurato ed ulteriore lavoro metterà in evidenza il disegno. 5. Pietra pulita sommariamente. 6. Giuseppe De Vita al lavoro, accanto all’attuale presidente della California Sui-seki Society, Eorl Carlson. 7 - 15. Alcune preziose di Giuseppe De Vita.

56

6

Colore & disegno & forma & ... i Gioielli figurati del pianeta Gaia - Luciana Queirolo, Giuseppe De Vita -


Come procedere... atrezzi adatti: 1. Albero flessibile collegato ad un motore a circa 2800 giri di media oppure ad un trapano (durata limitata); 2. Spazzola rotativa lamellare, partendo dalla grana 40 (grana grossa), passando a 80, 120, 240, 320 (grana finissima); 3. Se la pietra ha scheggiature evidenti o profonde, si possono usare molette al carburo di silicio. “Le spazzole da montare sull’albero flessibile esistono di varie dimensioni, sia di diametro, sia di lunghezza; questo ci agevola a seconda delle insenature della pietra. Le spazzole più indicate sono al carburo di silicio, perché attaccano con decisione la pietra. Le spazzole al corindone sono indicate per gli acciai, mentre riscaldano troppo la

pietra, che con il calore si cuoce. Basta una ruota di feltro per terminare la finitura, supportata o meno dalla cera d’api per una lucidatura a specchio. Se si desidera una satinatura non riflettente, non usare la cera.”

7

8

9

10 Colore & disegno & forma & ... i Gioielli figurati del pianeta Gaia - Luciana Queirolo, Giuseppe De Vita -

57


>> A lezione di suiseki

12

11

13 14

58

Colore & disegno & forma & ... i Gioielli figurati del pianeta Gaia - Luciana Queirolo, Giuseppe De Vita -


17

15

16

18 19


>> A lezione di suiseki 20 - Luciana: Ma in questo mondo “fantastico, colorato e traslucido”, al quale Giuseppe De Vita dedica ormai quasi totalmente il suo tempo e la sua vita, come o quanto ci incastra il Suiseki? Giuseppe: “…mmmmmmmhhhhhh! Bella domanda …!“

21 16. Una insolita formazione a bande di colori alternati. 17. Questo era il Giuseppe nel 2006, già “saldato” al suo desco … 18, 19. … e questa era la sua “produzione”, vincolata dal materiale reperito e dalla sua “forma informe”. 20, 22. La ricerca sul territorio ha dato, dopo di allora, risultati fruttuosi, grazie al reperimento di nuove varianti nel materiale e nelle forme … … Forme indubbiamente evocative ma che vanno aiutate; un colore ed una superficie disegnata che, fuor di ogni dubbio, necessitano dell’intervento umano… Una pietra che non abbia una forma significativa; una pietra che non abbia forma e che abbia subìto una levigatura ad opera di mano umana, per un giapponese, è classificata come biseki.

22

60

Colore & disegno & forma & ... i Gioielli figurati del pianeta Gaia - Luciana Queirolo, Giuseppe De Vita -


23

24 Il sig. Martin Pauli, esperto e giudice al Congresso AIAS 2009, ha espresso la sua perplessità, facendo notare che una delle pietre presentate in Mostra da Giuseppe (foto 23, 24) , “Colline in lontananza”, era levigata ma aveva la forma di un paesaggio e che tale avrebbe dovuto essere considerata… ma… può essere un suiseki (san sui kei jo seki) a paesaggio scenico, solamente una pietra totalmente naturale… ed allora?

25 27

26 Allora, io tenderei a considerare i calcari lucidati di Giuseppe (foto 25-28) come pietre disegnate, in cui la forma “aiuta & completa” l’immagine evocata, esaltando la parte disegnata ed i colori, come descrittivi di una vegetazione, di una stagione, di un’ora del giorno, della condizione meteorologica, di una ubicazione geografica in cui il paesaggio si trova…

28


>> A lezione di suiseki

30 E… perché no?!? I colori di un abito (…Maria Teresa di Calcutta?) o il colore di un animale (foto 29, 30).

29 Ecco che, (permettetemi anche questa eresia) il connubio formacolore-disegno, mi fa rammentare la lavorazione di una tipologia di pietre coreane, molto importante e non molto conosciuta qui da noi: le pietre coreane a disegno di fiore; meno poeticamente ma più precisamente definite come Riolite sferulitica estratta nella zona di Cheongsong. Le rioliti sferulitiche di Cheongsong possono essere classificate in cinque principali categorie, in base al tasso di raffreddamento più o meno veloce in cui si sono formate: spherulite irradiata semplice, spherulite stratificata semplice, spherulite a strati multipli, spherulite irradiata a strati multipli, spherulite a strati multipli irradiati. L’interpretazione a fiore di Crisantemo, Dalia e Girasole sono inclusi nella spherulite irradiata semplice o irradiata a strati multipli, formatasi con il tasso più veloce raffreddamento (foto 31, 32); … mentre i tipi a fiore di Peonia, di Rosa, di Garofano sono classificati tra le spheruliti stratificate, creatisi con un tasso di raffreddamento relativamente più lento (foto 33, 34, 35).

32

31

33

34

31. Mazzo di Girasoli. 32. Crisantemo Dorato, cm 72 di altezza. 33. Pietra a disegno di garofano. 34. Peonia Bianca, cm 64 di altezza. 35. Rosa floribunda

62

Colore & disegno & forma & ... i Gioielli figurati del pianeta Gaia - Luciana Queirolo, Giuseppe De Vita -

35


Le spheruliti del tipo fiore di albicocco, si formano a raffreddamento a velocità intermedia. (foto 41: Prunus Mume Rosso). “Il materiale grezzo viene selezionato dall’esperto occhio dell’artista, in grado di valutare la forma regolare del fiore sulla superficie; di trovare esattamente, nel minerale, il suo nucleo ed iniziare ad incidere, partendo dal centro del nucleo, per rendere ogni fiore più bello, in armonia con gli altri fiori e con la composizione complessiva nella pietra. Ogni pietra a disegno di fiore diventa, dopo decine di fasi differenti e successive e dopo settimane, a volte mesi di lavorazione, una vera opera d’arte.” Naturalmente, tutto dipende dalla dimensione: gli esemplari più famosi raggiungono anche i due metri di altezza (foto 44, 45); mantenendosi comunque sulla media dei 50-70 cm almeno (foto 37, 42). Si aggirano sempre sui 60 cm. di altezza o larghezza, queste vere e proprie sculture (foto 39, 40, 43), che assecondano ed esaltano perfettamente ogni singolo fiore, stelo, foglia . Come noi possiamo classificare questo stupendo cesto di girasoli (foto 38)? In quale classificazione potremmo noi porre questo materiale naturale, rivelato dalle esperte mani dell’artista? Diametralmente opposto ad ogni concetto estetico di suiseki; parallelo al lavoro di Giuseppe nelle intenzioni artistiche di esaltazione di meraviglie naturali… credo che i paesaggi toscani di Giuseppe De Vita, quei suggestivi mondi “fantastici, colorati e... trasparenti”, possano degnamente risplendere nel capiente ed accogliente seno delle “Pietre da Contemplare” incluse tra le Classificazioni del Concorso AIAS… quella sezione particolarmente importante e corposa, dove trovano posto le pietre fuori dagli schemi giapponesi, ma generatrici di forti stimoli e spunti: e questo, chi può onestamente metterlo in dubbio?

36

37

38

39 40

41

42

43

44

45


>> Noi... di Bonsai Creativo-school

Da Anaconda a Kenshin la lunga storia di un prezioso Juniperus Chinensis (var. Formosana)

di Luca Bragazzi e Sandro Segneri

con la collaborazione di Francesco Santini per la parte dell’estetica dell’esposizione

I

n questo articolo è presentato il recupero, nonché l’evoluzione stilistica di un vecchio ed importante Juniperus Chinensis var. Formosana (=Taiwanese). Acquistato a fine del 2004, dopo un periodo di riposo e di lontananza dalle mostre e da interventi di modellatura, arrivò nel giardino di Luca Bragazzi in condizioni di completo stress (foto 1-2-3), i cui segni tangibili potevano essere riscontrati nella vegetazione totalmente ad ago e con un indebolimento delle strutture xilematiche, tali da

64

compromettere la resistenza della ramificazione lignificata nei confronti delle più semplici operazioni di manutenzione della chioma, infatti, la facile rottura di ramificazione terziaria in seguito a semplici movimenti era il segno di urgente bisogno di un programma di recupero fisiologico e strutturale dell’esemplare. Per il primo anno, le immediate operazioni furono mirate ad un maggior irrobustimento dell’apparato radicale, operazione questa, alla base,

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -


Luca è nato a Bari nel 1978 città nella quale ancora vive. Il primo contatto con il bonsai lo ebbe all’età di dieci anni, da allora un percorso lungo che lo ha portato a frequentare stage e work shop con istruttori italiani europei e giapponesi. Negli ultimi anni le sue piante hanno partecipato a mostre nazionali e internazionali ricevendo molti riscontri favorevoli e altrettanti premi; ultimo in ordine di tempo il riconoscimento al ginepro taiwanensis “Kenshin”, ottenuto durante la IX So-Saku Bonsai Award a Nole di Torino nello scorso settembre. Luca Bragazzi, dal 2005, è consigliere dell’UBI (Unione Bonsaisti Italiani), inoltre è Istruttore IBS (Collegio Istruttori Bonsai e Suiseki). Autore di numerosi articoli, la sua firma la si può leggere spesso nelle maggiori riviste a carta stampata del settore quali “Bonsai News” e “il notiziario Ubi”. I suoi studi universitari l’hanno portato alla specializzazione in patologia vegetale e in “tecniche agronomiche applicate alla coltivazione di bonsai” oltre che a specializzarsi in “problematiche fisiologiche derivanti dalle impostazioni”. Tali specializzazioni fanno si che Luca Bragazzi sia divenuto ormai un punto di riferimento per tutti gli appassionati che lo invitano a una partecipazione attiva, con conferenze, alle maggiori manifestazioni italiane ed europee.

della preparazione di un qualsiasi esemplare. Tali operazioni tutte dal carattere agronomico, videro l’utilizzo di biostimolanti sia radicali che aerei, nella fattispecie sostanze a base di acidi umici ed estratti di alghe, applicate con costanza e meticolosità nei confronti delle fasi fenologiche dell’esemplare, unite ad un’esposizione più consona alla specie, avevano dato un primo e sostanziale aiuto al recupero fisiologico dell’esemplare: nonostante la chioma fosse ancora tutta ad ago, i rametti non erano più deboli

nel punto di attaccatura alla ramificazione principale. La sicurezza della perfetta riuscita della prima fase, lasciò il passo all’osservazione strutturale del ginepro. Questa fase consistette in una prima drastica potatura, che avrebbe sortito una risposta vegetazionale morfologicamente corretta dal punto di vista della qualità e abbondante dal punto di vista della quantità (foto 4-5-6). Risultò utile anche nella valutazione del mo-

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

65


>> Noi... di Bonsai Creativo-school

2

1

3

vimento delle vene e della loro salute: con grande stupore ci si accorse che una delle vene, ovvero quella frontale era morta… le scelte stilistiche adottate precedentemente all’acquisto erano state volte al mantenimento della vena per motivi estetici, pur non conducendo ad alcuna branca vegetale. Si procedette, quindi, alla rimozione totale della vena secca, con conseguente pulizia e sanamento dell’intero shari (foto 7-8-9-10-11). Questa scoperta rese ancor più convincente la reinterpretazione del prezioso ginepro… che da quel momento risultò essere una bella sfida. Dopo le prime fasi di potatura e pulizia, il ginepro fu totalmente lasciato crescere liberamente e sempre grazie alle cure di cui sopra, si raggiunse il principale degli scopi prefissati: la totale conversione della vegetazione da ago a squama. Questa caratteristica è tipica di molte varietà di Juniperus Chinensis, che nei momenti di stress virano la vegetazione da squama ad ago, il motivo è da ricercare nella produzione di fito-ormoni legati allo stress che devono essere prontamente allontanati, ed essendo la vegetazione ad ago fisiologicamente più Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis

66

- Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

4

5


7

6

8

9 efficiente è in grado di produrre più velocemente l’Auxina, il principale ormone di contrasto a quelli legati allo stress (Acido Abscissico ABA ed Etilene). L’esemplare, dopo il completo recupero, fu oggetto di studio durante alcuni incontri didattici dell’Accademia Bonsai Creativo, infatti, fu proprio durante queste sessioni tecnico-scentifiche dal carattere altamente specialistico che si programmarono gli interventi di realizzazione del nuovo progetto. Si iniziò con la reinterpretazione degli shari tramite l’utilizzo di sgorbie appositamente studiate e realizzate dal team Bonsai

Creativo che donano un particolare aspetto vetusto al legno trattato. Alternando all’utilizzo di queste l’invecchiamento con il fuoco seguito da frequenti nebulizzazioni e spazzolature si è resa l’intera struttura morta molto drammatica e tipica dei vecchi ginepri cresciuti sotto le continue pressioni di climi inospitali (foto 12-13-14-15-16-17). Le operazioni di rifinitura del secco durarono due giorni e solo in seguito si passò all’applicazione del filo di rame, operazione questa condotta da due persone per un giorno intero, coprendo nel dettaglio tutta la ramificazione, dalla secondaria

10 alla quaternaria (Foto 18-19). Una volta pronto, l’esemplare venne studiato nella nuova inclinazione, questa avrebbe finalmente dato una nuova interpretazione al soggetto evocando nuove sensazioni (Foto 20-21-22-23). La modellatura secondo il nuovo progetto fu eseguita sotto la supervisione di Sandro Segneri, che seguendo la realizzazione dei vari spazi vuoti e pieni (Foto 24-25-26), donò all’esemplare il nuovo volto tanto atteso (foto 27). Il primo importantissimo risultato era stato ottenuto e l’idea materializzata potè accedere verso la rifinitura dell’opera; la scelta del vaso e il rinvaso.

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

67


>> Noi... di Bonsai Creativo-school

11

12

68

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

13


14

16

17

15

18

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

69


>> Noi... di Bonsai Creativo-school

20

19

21

22

70

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -


23

24

25

Il nuovo contenitore fu realizzato artigianalmente dall’artista vasaio Alberto Vigoni in Milano, con misure sovradimensionate per non stressare ulteriormente il ginepro durante le fasi di rinvaso. Questa scelta non definitiva nel disegno globale, ha lo scopo di anteporre la salute dell’albero a risultati di tipo a “pronto effetto” che nulla hanno a che vedere con il rispetto del vegetale (foto 28-29). Lo strato drenante composto da sola pomice opportunamente lavata di granulometria pari a 0,5–1 cm (foto 30-31-32) ha preceduto la miscela composta da Pomice al 70%, Akadama al 20% e Kiryu al 10%. Le operazioni di pulizia dell’apparato radicale dal vecchio substrato ormai esausto, polverizzato e costipato e composto da Akadama al 100%, hanno potuto mettere alla luce come il precedente rinvaso era stato condotto: ovvero liberando solo parzialmente il ceppo di radici ponendolo in serio pericolo nei confronti di eventuali problemi di asfissia.

Al contrario, l’operazione fu condotta perforando e liberando il pane radicale secondo il metodo degli “spicchi” che ripetuto nel prossimo rinvaso vedrà l’allontanamento totale del vecchio terriccio (Foto 33-34-35-3637-38). La collocazione nel nuovo vaso ha visto il posizionamento secondo la nuova inclinazione e per renderla possibile, senza incorrere in sbilanciamenti, il ginepro è stato ancorato al vaso con otto fili da 2,5 mm di diametro (Foto 39-40). Alla fine delle operazioni di rinvaso, l’esemplare è stato collocato in serra fredda con continue nebulizzazioni di acqua e fito-stimolanti aerei coadiuvati da Acidi Umici radicali e per essere sicuri dei parametri che insistevano nella serra, un Igrometro-Termometro digitale a trasmissione radio indicava puntualmente ad una centralina posta nell’abitazione quali fossero le esigenze del ginepro. Il recupero in post-rinvaso è durato solo venti giorni mantenendo sempre la vegetazione a squama (Foto 41-42). L’esemplare in questione è il frutto del lavoro

26

27

28 Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

71


>> Noi... di Bonsai Creativo-school

29 di un gruppo di esperti che agiscono ognuno secondo la propria specializzazione e che compongono il team Bonsai Creativo. Tali collaborazioni, permettono il raggiungimento di risultati tra i più avanzati ad oggi presenti nel nostro paese. Grazie a questa filosofia di lavoro altamente professionale, il ginepro al suo primo debutto al Congresso Mondiale BCI-IBS 2008 a S. Vincent ha conseguito l’ambito premio mondiale “Iwasaki Award” consegnato per l’occasione dal M° Daizo Iwasaki (Foto 43).

30

32 33

31

72

Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -


34

35 Da Anaconda a Kenshin. La lunga storia di un prezioso J. chinensis - Luca Bragazzi, Sandro Segneri -

73


>> L’opinione di...

Stefano Frisoni www.bonsaisensei.it

N

intervista a cura di Giuseppe Monteleone

ella consueta alternanza tra giovani promesse ed affermati personaggi, questo mese è il turno di un giovane (anagraficamente) bonsaista, che tutti voi conoscete bene, Stefano Frisoni. Romagnolo di Rimini, ha alle spalle una serie impressionante di premi e collaborazioni con i più grandi artisti italiani e stranieri. Istruttore IBS, impegnato nella divulgazione di questa fantastica arte, tiene lezioni direttamente presso il suo giardino. Tra lavoro, didattica e viaggi riesce anche a trovare il tempo per collaborare con diverse riviste di settore. Nelle sue piante cerca di privilegiare l’aspetto estetico ed artistico dando un’impronta nettamente riconoscibile. Delle sue lavorazioni sono ormai notorie la pulizia e l’ordine. Di se dice che la maggiore soddisfazione è lavorare le piante nel più completo silenzio e solitudine per entrare in comunione con lo spirito della pianta. Ma adesso basta svelare altri particolari, lascio la parola a Stefano. Buona lettura. Giuseppe Monteleone

74

Stefano Frisoni - Giuseppe Monteleone -


Studiando il tuo personaggio ho notato che le notizie riguardo la tua vita privata sono praticamente inesistenti, per cui, molti ti conoscono come bonsaista ma non come uomo, vogliamo colmare questa lacuna? Vorrei prima di tutto salutare gli amici di Bonsai & Suiseki Magazine e ringraziarvi per questa opportunità che mi date per parlare un po’ della mia persona e dei miei pensieri. La mia vita privata? Una vita normalissima e semplice piena di problemi e gioie come tutte le altre. Una vita fatta di lavoro come operaio nel settore metalmeccanico, di una famiglia con due figli, di amicizie e di bonsai. Amo il mio lavoro, ovvero è quello che mi permette di mantenere degnamente la mia famiglia cresciuta fortunatamente nella semplicità e valori che ormai sembrano spariti come l’umiltà, l’onestà, l’amicizia e il potersi accontentare ed essere felici di quello che si ha. In pochi sanno che ho anche un fratello anche lui appassionato di bonsai, ed è la persona che mi ha fatto per prima appassionare a questo mondo. Persona non ancora del tutto pubblica ma conosciuta nella regione per il suo lavoro costante e di passione. Due strade intraprese diverse ma con un unico scopo quello di fare bonsai giorno dopo giorno, anno dopo anno... la vita è bella e va goduta fino in fondo anche nei momenti più difficili, con semplicità e onestà. Ti avvicini al mondo del bonsai dopo aver conseguito un diploma in agraria, quanto ti hanno aiutato i tuoi studi nell’approccio a quest’arte? La fisiologia vegetale è molto complessa e non si finisce mai d’imparare. Metto sempre nel bonsai per prima cosa la coltivazione e la salute delle piante che lavoro. Gli studi, associati alla pratica e all’esperienza aiutano tantissimo in questo mondo evitando così molti errori cercando

di capire essenza per essenza, anno dopo anno, per rendergli una vita più longeva e degna. Studiare le basi penso che sia il minimo per un buon bonsaista. Entriamo subito nel vivo, si fa un gran parlare di bonsai moderno e di bonsai classico, io ho l’impressione che tra gli appassionati ci sia quasi una scissione tra le due correnti, tu come la pensi? Ha senso questa distinzione? Se pensiamo che il bonsai classico è quello di ieri e quello moderno è quello di oggi, allora sì la distinzione esiste. Il bonsai è un’arte in continua evoluzione, oggi ancora più frenetica nella ricerca di nuove forme e nuovi metodi di lavorazione. Tenere il passo a questi cambiamenti fa di un’artista un bonsaista a 360° in grado di poter insegnare e lavorare entrambi le cose. Penso che in Italia si stia cercando il proprio bonsai e il proprio stile, fino ad ora riconosciuto e ricercato dagli altri paesi che ci seguono e osservano meravigliati dei grandi passi che stiamo facendo. Tornando alla domanda precedente, avendo tu frequentato i più grandi artisti giapponesi, hai mai avuto l’impressione che anche loro facciano questa distinzione? La mia impressione è che hanno molta stima e rispetto della propria arte moderna o classica che sia. Da un lato c’è il classico, le forme, la coltivazione, i tempi... dall’altro per i giovani c’è la voglia di fare qualcosa di grande che rimanga nella storia in parte già scritta con nuove forme e nuovi metodi di lavoro. Penso comunque che associando la vecchia esperienza con la nuova usciranno sicuramente capolavori inimmaginabili. Veniamo a te, è noto il tuo apprezzamento per gli yamadori, cosa ti danno di più rispetto ad una pianta non raccolta?

Lo yamadori è un albero già modellato dalla natura vissuto in condizioni estreme con movimenti molto naturali e non artificiali. Lavorare una pianta del genere non è facile perché non abbiamo uno schema preciso, quindi è tutto da inventare e da creare. Questo permette di dare libero sfogo alla creazione e all’impostazione. Quello che ne uscirà non sarà un pezzo di serie, ma un pezzo unico inimitabile. Nella presentazione ho riportato un tuo pensiero, raccolto in uno dei tuoi tanti interventi sui forum, a proposito del piacere che provi a lavorare di notte e magari in solitudine, ci spieghi meglio cosa provi in queste circostanze? Difficile spiegare cosa si prova in queste situazioni. E’ un’insieme di pensieri, di silenzio e di creazione. Molto spesso quando il lavoro è molto lungo, me ne sto isolato per giorni pensando solo all’albero che mi trovo d’avanti e come poter migliorare l’impostazione che sto facendo. Mi dimentico persino di mangiare a volte curioso di vedere un risultato finale molto ben curato. Rientro nel mondo normale solo a lavoro terminato con grande soddisfazione e gioia per quello che ho fatto. Credo che sia un modo per evadere da tutto e da tutti, una valvola di sfogo dove imprimo e mi libero dei miei sentimenti e delle mie paure ritornando poi rigenerato e con la carica giusta nell’affrontare un nuovo giorno. Cito testualmente da una pagina del tuo sito “Ama il bonsai artistico sotto ogni sua forma, l’uomo e la natura insieme creano spettacolari sculture che si protraggono nel tempo mutando negli anni. Catturare la bellezza nascosta ed esaltarla lo stimola alla continua ricerca di nuove emozioni e nuovi metodi di lavorazione attingendo da chi ama e lavora come lui, il bonsai.” Questo significa che dai molta importanza alla condi-

Stefano Frisoni - Giuseppe Monteleone -

75


>> L’opinione di...

visione delle esperienze? Non do solo molta importanza alla condivisione delle esperienze, ma la ritengo una cosa fondamentale per chi è in continua crescita e in continuo apprendimento. Nel bonsai c’è sempre da imparare e da condividere sia dal primo che dall’ultimo arrivato. Sentirmi ancora alle prime armi mi stimola ad apprendere sempre più questa meravigliosa arte aumentando così il mio sapere e la mia esperienza. Sempre facendo riferimento alla domanda precedente, tu pensi che un bonsai sia il risultato di un’operazione sinergica dove natura e uomo mettono ciascuno il suo? O pensi che una delle due componenti prevalga sull’altra? C’è una linea molto sottile da rispettare tra il lavoro che ha svolto la natura e quello che svolge l’uomo, il troppo artificiale o il troppo naturale. Quando si trova il giusto equilibrio ecco che si può ottenere un risultato molto gradevole e lo possiamo considerare un lavoro sinergico tra la natura e l’artista dove ognuno mette del suo creando ed esaltando il bonsai. Dando un’occhiata alla tua

76

Stefano Frisoni - Giuseppe Monteleone -

collezione, prevalgono bonsai dalle dimensioni contenute, è un caso o queste taglie ti appassionano particolarmente? La mia collezione è formata da piante che vanno da 30 cm a 70-80 cm. Prediligo la mezza misura ovvero sotto i 50-60 cm. Trovo in queste misure la dimensione giusta del bonsai e più gestibile per il trasporto a mostre etc... Ritengo inoltre che si riesce, in queste proporzioni, sviluppare una rifinitura migliore rispetto a piante enormi dove tutto viene ammassato per creare una chioma poco credibile come bonsai. Una buona collezione come e da cosa dovrebbe essere composta? Tempo fa una buona collezione era formata da centinaia e centinaia di piante che visitandola ti rimanevano impresse 10 piante (???). Penso che oggi una buona collezione debba essere formata da poche piante (10-20) di taratura molto elevata. Facendo ciò si ha il tempo di dedicargli molto più tempo ed avere un controllo più preciso in termini di

coltivazione e lavorazioni su ogni singola pianta senza trascurane nessuna. Inoltre una buona collezione deve essere composta da più essenze diverse in grado di vegetare al meglio nella propria regione. Un’altra diatriba recente riguarda la maggiore o minore validità di lavorazioni partendo da piante da seme, raccolte o coltivate; mettendo un attimo da parte la tua propensione per gli yamadori, cosa dici a riguardo? Dico che chi ha la passione del bonsai non importa da dove parte, ma importa come prosegue e come finisce. Conosco persone che lavorano da decine di anni piante da seme (mio fratello ad esempio) con risultati davvero sorprendenti. Persone che lavorano piante coltivate con altrettanti successi e persone che lavorano piante raccolte. Ognuno vede il bonsai in maniera diversa, quindi vanno rispettati perché alla fine siamo tutti nella stessa barca, ovvero, appassionati del bonsai. Molti pensano che non valga la pena affrontare il lungo tempo necessario per la costruzione di una latifoglia di pregio, tu come la pensi? E’ vero che il tempo è denaro, ma a volte la soddisfazione di creare qualcosa di unico nel tempo ci fa dimenticare questo.


Il bonsai è tempo, pazienza anche se viviamo in un mondo molto frenetico. Costruire una latifoglia di pregio non è facile, quindi penso sia questo che spaventa maggiormente non il tempo che passa. Della tua attività di formazione, quello che mi ha maggiormente colpito è che rivolgi la tua attenzione a persone già sufficientemente esperte. È una scelta dettata dal tempo a tua disposizione o c’è altro? Preferisco dare più attenzio. ne a persone con qualche anno di esperienza, meglio ancora se derivano da club, privati o scuole. Questo mi permette di lavorare sul singolo correggendo i propri difetti ed esaltando i propri pregi. Le giornate di laboratorio sono riempite da poche persone, massimo 2, avendo così la possibilità di seguire maggiormente senza trascurare nessuno e nessun particolare. Diciamo che rifinisco privatamente chi vuole andare oltre alla propria passione, avendo rispetto per i club e scuole che svolgono un lavoro di didattica e tecnica molto importante in nazione. Quindi, ricapitolando, un lavoro più dettagliato sulla persona, una lavoro di preparazione di piante per eventi Nazionali ed Europei e qualche club da seguire nel proprio cammino, questo è quello che sto facendo come Istruttore e bonsaista. Senza far torto a nessuno, ci indichi un collega italiano ed uno straniero, giapponesi esclusi, cui “ruberesti” qualche abilità particolare e cosa? Molto brevemente: Sandro Segneri per la facilità d’interpretazione su qualsiasi pianta difficile. Mario Komsta per la sua età e la sua mano veramente buona nella rifinitura. Inizi con le esperienze importanti solo nel 2005 (So-Saku) pensi che sia obbligatoria una lunga ga-

vetta prima di affrontare esperienze simili? Oggi i tempi di “gavetta” si sono molto accorciati perché abbiamo ottimi insegnanti a portata di mano sia a livello teorico (vedi forum etc.) che a livello pratico con scuole, club e privati. Nonostante tutto, penso che questo periodo serva per maturare il proprio carattere e la propria mano entrando piano piano nel mondo professionistico senza aver fretta e rispettando chi di bonsai ne ha macinato più di noi negli anni. Cosa pensi che si debba avere per essere un buon bonsaista e cosa per essere un artista del bonsai? Per essere un buon bonsaista oggi basta avere una buona mano e macinare lavoro su piante continuamente. Per essere un’artista del bonsai, beh... qui le cose cambiano. Quale pensi che sia attualmente il livello dei bonsaisti in Italia? Girando per l’Europa posso

dire che il livello bonsaistico Italiano è molto buono, nonostante tutto possiamo fare ancora molto di più e questo ne sono convinto. Secondo te, c’è tra i più giovani, e magari meno conosciuti appassionati qualcuno che possa diventare un personaggio di assoluto rilievo nel panorama italiano? Sì certo, ce ne sono tanti con doti e ottime mani. La differenza la farà chi non si perderà per strada, chi avrà umiltà di non sentirsi già arrivato e chi sarà sempre onesto con se stesso e con gli altri. Mi sembra che tu abbia un buon rapporto con internet ed i forum, quanto credi siano utili? Quando iniziai io a fare bonsai tutto questo non esisteva e i tempi erano veramente difficili e bui. Ora con internet ed i forum si può avere un dialogo molto diretto con il nuovo appassionato evitandogli così molti errori che abbiamo commesso anche noi in passato. In poche parole, molta didattica oggi viene fatta sui forum aiutan-

Stefano Frisoni - Giuseppe Monteleone -

77


>> L’opinione di... do, appassionando nuove persone e divulgando l’arte del bonsai. Sappiamo benissimo comunque che di solo teoria non si cresce, ma per questo abbiamo altre strade da percorrere. Siamo quasi alla fine di questa intervista e non ti ho ancora chiesto se c’è un’essenza che ti emoziona particolarmente nel lavorarla. C’è? Sì, ci sono essenze che mi emozionano particolarmente nel lavorarle. Se dovessi sceglierne una direi il Pino silvestre. Ti ringrazio per il tempo che ci hai concesso e ti auguro un futuro pieno di successi. Prima di chiudere questa intervista lo fai un saluto ai nostri lettori? Ringraziandoti per l’augurio, saluto tutti i lettori augurandogli tanta felicità e grande soddisfazione per i propri bonsai!

78

Stefano Frisoni - Giuseppe Monteleone -


A scuola di estetica <<

Realizzare un boschetto

La natura riprodotta in un gruppo di piante II parte di Antonio Ricchiari

- Come

impiantare una forestina

-

Per lâ&#x20AC;&#x2122;impianto occorre disporre di un buon numero di piante di riserva, oltre a quello progettato, per disporre di una migliore selezione e per eventuali sostituzioni di soggetti non attecchiti. Per fare una selezione, essa deve avvenire in base

ai seguenti parametri:

diametro del tronco altezza della pianta andamento del tronco armonia dei soggetti

Realizzare un boschetto. La natura riprodotta in un gruppo di piante II Parte - Massimo Bandera -

79


>> A scuola di estetica Nelle operazioni di potatura, oltre ad eliminare i rami che crescono in posizione errata, è importante permettere che la luce e l’aria penetrino all’interno della vegetazione, per evitare la morte dei rami più interni. Per quel che riguarda la conservazione e il mantenimento di una forestina, attenzione ai programmi di fertilizzazione, che devono essere adeguati allo sviluppo del legno e dei fogliame; controllare che le piantine abbiano un’esposizione adeguata e una annaffiatura corretta, assieme ad una miscela di terriccio ben dosata. Tutto ciò per evitare la sorpresa di avere una vegetazione con foglie troppo grandi o il comparire di patologie e invasioni di ospiti... poco graditi. La composizione di un boschetto è certamente la più scenografica, la più coreo­grafica, quella che trasmette all’occhio dell’osservatore sen­sazioni ed emozioni particola­ri, con quel fascino misterioso che gli alberi in gruppo han­no.

2

1 3

80

Realizzare un boschetto. La natura riprodotta in un gruppo di piante II Parte - Massimo Bandera -


4

5 Realizzare un boschetto. La natura riprodotta in un gruppo di piante II Parte - Massimo Bandera -

81


>> A scuola di estetica “A levante, verso la collina, si godeva, da un balcone nasco­sto, del limitato orizzonte del bosco, riserva canora di quie­te, che lascia immaginare mi­steriose leggende e lunghi ripo­ si con fantasie di sogno”. Così ne dava una descrizione il Gobetti in una delle sue prose. Il boschetto, più di o­gni altra rappresentazione, è legato alla visione che la natu­ra dà della regione che si abi­ta e lascia ancora più spazio alla creatività. Ho sentito spes­so affermare che la creazione di piante in gruppo è tecnica­mente più facile: niente di più errato! Vi sono tanti elementi di cui tenere conto e che an­dremo ad esaminare, tali che un errore comprometterebbe il risultato finale. In natura si può osservare la formazione di gruppi di alberi che, raggruppati per essenze, si armonizzano con altre es­senze a seconda della natura del terreno; così si possono osservare zone rocciose dove dominano le conifere e zone di pianura con boschi di lati­foglie. La scelta di una sola specie di piantine per creare un boschetto è dettata soprat­tutto da motivi estetici e prati­ci che esaminiamo: il primo, di ordine estetico come abbia­mo detto, nasce dal fatto che sicuramente non si armoniz­zano diverse essenze nello spazio ridotto del vaso, non si può ottenere la necessaria profondità che dà il senso prospettico, non si può creare un punto di interesse poiché ogni albero diverso avrebbe un proprio punto focale de­ terminando un senso di confusione all’occhio dell’osserva­tore. Senza considerare poi che la vegetazione di forma e colore diverso crea squilibrio, i tronchi delle essenze avran­no colori diversi che renderan­ no problematica la scelta del colore del vaso. Le difficoltà di ordine colturale vengono dal fatto che ogni specie di albero ha diverse esigenze di terric­cio, di annaffiatura, di fertiliz­ zazione, di tempi di rinvasatu­ra e di vegetazione. Quindi, per armonizzare la composi­zione, bisognerà usare alberi che abbiano la medesima forma e lo stesso andamento, uti­ lizzando soggetti con tronchi che abbiano spessore e altez­za diversa.

82

- Materiale

di partenza

-

La scelta del materiale da uti­lizzare per i boschetti è vario e spazia poiché si possono im­piegare tutti i sistemi di ripro­duzione vegetativa. Natural­ mente, mai come in questo ca­so si può iniziare seminando le essenze che si ha intenzione di impiegare o acquistando in vi­vaio astoni perché spesso so­no sufficienti giovani piantine; piante da margotta o da talea sono altrettanto idonee, ed anzi è un’occasione irripetibile per adoperare materiale in ecce­denza e che comunque non troverebbe altro impiego; devo dire che il boschetto è lo stile che offre meno difficoltà per il reperimento, appunto, del ma­teriale : un albero meno bello e meno interessante degli altri, inserito nel contesto della com­posizione, diventa interessante ed ha pure una sua logica ed una ragione d’essere. La scelta delle essenze è molto vasta: a­ceri, zelkove, faggi, carpini, pi­ni, criptomerie, abeti e tanti al­tri alberi si prestano benissimo all’impianto in gruppo. Questa disponibilità di materiale fa sì che una foresta bonsai estetica­ mente valida si possa realizzare e rifinire nell’arco di uno-due anni, cosa che non si può otte­nere con gli altri stili.

6

7

Realizzare un boschetto. La natura riprodotta in un gruppo di piante II Parte - Massimo Bandera -

8

9


- Percezione

10

11

1. Punto focale tra tre alberi. 2. Esempio con due gruppi di piante.

visiva in un boschetto

-

Sebbene la costruzione di un gruppo di piante possa sem­brare del tutto casuale, in effet­ti si devono rispettare precise regole di percezione visiva quali la prospettiva, la propor­zione, la silhouette etc. Anche se il boschetto è formato da singoli alberelli, l’effetto finale dovrà essere sempre quello di un’unica pianta: i giapponesi hanno utilizzato molto spesso un soggetto a radice unica per creare l’illusione di una foresti­na. Nella composizione si do­vrà scegliere sempre almeno un soggetto che costituirà il punto focale: spesso i punti di interesse possono essere più di uno, ma avranno un interes­se minore rispetto a quello co­stituito dall’esemplare più alto e più robusto che è enfatizzato pure dal posizionamento per­ché viene posto ad un livello superiore rispetto alle altre piante del gruppo. L’interesse per l’albero leader può essere suscitato pure dalla collocazione isolata ri­ spetto al gruppo di piante: gli spazi vuoti ne esalteranno la silhouette rendendolo più inte­ressante. La direzione che si fa assumere alle piante è giusti­ficata dalla massa visiva deter­minata dall’albero leader o dal­la concentrazione di un gruppo di piante (se la composizione è costituita da più gruppi), ma è importante che le piante non fuoriescano dai bordi del vaso. La prospettiva è natu­ralmente uno dei componenti essenziali poiché altrimenti si avrebbe una visione piatta, pri­va di profondità; l’effetto di u­na foresta vista da vicino è ot­tenuto posizionando i tronchi di diametro maggiore nella me­tà anteriore del vaso mentre gli stessi soggetti messi nella metà del contenitore o nella parte posteriore creeranno la visione di una foresta osservata da lon­tano. Generalmente le piante con tronchi sottili danno la sensazione di un boschetto os­servato da lontano e questi soggetti, posizionati nella zona posteriore creeranno profondi­tà all’intera composizione. L’ef­f etto distanza può altresì essere ottenuto posizionando un gruppo di alberi più piccoli in una zona diversa dal gruppo principale di piante e posizio­nandolo nella parte posteriore del vaso. Anche questo gruppo avrà un suo punto focale an­ che se di minore interesse ed attrazione rispetto alle piante principali. Un altro fattore da considerare è l’utilizzazione de­gli spazi vuoti, cioè di quelle a­ree che all’interno della com­posizione sono vuote e che, se non opportunamente distribui­te creeranno uno squilibrio alla prospettiva e a tutto l’insieme. E’ importante non dividere gli spazi in corrispondenza della metà del vaso poiché, in tal ca­so, la composizione apparirà bilanciata e monotona; d’al­tronde non bisogna utilizzare tutta l’area del contenitore per gli alberi o l’effetto sarà di una visione confusa e affollata.

3. Altro esempio di posizionamento. 4. Silhouette corretta 5. Sono evidenziate le zone di interesse. 6. Disposizione dei palchi fogliari. 7. Spicca la pianta leader 8. Disposizione di tre soggetti 9. Sistemazione di un impianto in vassoio 10. Altro esempio con tre gruppi di piante. 11. Corretta sistemazione dei soggetti principali 12. Forestina impiantata su losa

12 Realizzare un boschetto. La natura riprodotta in un gruppo di piante II Parte - Massimo Bandera -

83


>> L’essenza del mese

Il rosmarino di Antonio Acampora

Famiglia: Lamiaceae Genere: Rosmarinus Specie: R. officinalis

Rosmarinus officinalis Appartenuto a Sandro Segneri

E’ un’essenza che racchiude in sé tutte le caratteristiche che si desiderano in un bonsai: dimensioni ridotte, miniaturizzazione delle foglie, fiori molto belli, un profumo fantastico, il tronco nodoso e sofferto, ricca ramificazione contorta. Quindi tranne alcune difficoltà di impostazione, il Rosmarino ricompensa ampiamente i nostri sforzi e le nostre cure.

84

Il rosmarino

- Antonio Acampora -


- Annaffiatura -

- Esposizione -

E’ una pianta che vive bene in terreni siccitosi, quindi bisogna innaffiare quando il terriccio sarà quasi asciutto. Nei mesi caldi è bene innaffiare tanto da inumidire il terriccio. Per la seconda annaffiatura aspettare che si asciughi prima il terreno. Non gradisce i ristagni, pertanto è consigliabile porre la massima attenzione nel realizzare un drenaggio efficiente.

Il rosmarino vive bene al sole, in zone calde, mentre in inverno nelle zone dove si ha gelo prolungato è necessario proteggere la pianta. Trattare il legno secco con il liquido per Jin, specialmente se a contatto con la superficie del terreno.

- Rinvaso,

Il rosmarino vive a lungo e mantiene inalterata la sua forza vitale e la sua compattezza se viene potato con abilità. Resiste facilmente alla potatura e getta subito rami nuovi in sostituzione di quelli asportati. La potatura si esegue alla fine dell’inverno per dare forma alla pianta e nel periodo di vegetazione si passa al pizzicamento delle crescite dell’anno precedente e dei nuovi germogli; quest’operazione non va fatta oltre agosto se si vuole che la primavera successiva l’arbusto fiorisca. Essenziale è controllare i nuovi germogli in primavera perché se prendono vigore sviluppano internodi molto lunghi.

contenitore e terriccio

-

Essendo una pianta sempreverde deve essere rinvasata in aprile ogni due anni prima o dopo la fioritura, cercando di non rovinare la zolla. Con i dovuti accorgimenti, tuttavia si può trapiantare (senza rovinare la zolla) nei mesi di agosto, ed ottobre. Il contenitore deve essere un po’ più grande dei precedenti, dai colori tenui che non contrastino con il tono della pianta e dei suoi fiori. Le radici vanno potate di circa 1/3, i capillari vanno solo spuntati, e dopo essere stata rinvasata la pianta va tenuta all’ombra per 1-2 settimane, per aiutarla nell’attecchimento. Durante il primo mese dal rinvaso è necessario tenere le foglie bagnate il più a lungo possibile. Il rosmarino è una pianta che non ha molte esigenze in fatto di terreni, ma li preferisce non troppo argillosi, sabbiosi, ma un po’ calcarei, leggeri e ben drenati. Un terriccio che va bene per coltivare questa pianta è la terra rossa italiana o l’akadama. Durante l’espianto in natura, occorre fare molta attenzione a non separare la pianta dalle radici striscianti distanti dalla pianta, nelle quali sono presenti i capillari, importanti per la sopravvivenza dell’esemplare. Il periodo migliore per la raccolta è senz’altro quello invernale: da novembre a febbraio.

- Potatura

e pizzicatura

-

- Filatura Il filo si può applicare in ogni stagione, ma la fine dell’inverno è il momento migliore per l’impostazione col filo, e va controllato spesso affinché non segni il legno. Il legno di piante vecchie è poroso, rigido e fragile, e non si presta molto ad essere modellato con il filo.

Il rosmarino

- Antonio Acampora -

85


>> L’essenza del mese Rosmarinus officinalis Coll. Carlo Cipollini

- Stili -

- Parassiti -

Nella scelta dello stile occorre riferirsi, alla configurazione e alla struttura conferita dalla natura a questa pianta, e adatte a resistere alle intemperie e ai venti delle colline esposte al mare, ossia: eretto casuale, inclinato, contorto, prostrato, semi-cascata, cascata, ceppaia, sulla roccia.

Non si conoscono parassiti che possano danneggiare irrimediabilmente la pianta, perché gli olii eterei (pinene, cineolo, borneolo) hanno anche lo scopo di difendere la pianta dalle avversità. In caso di substrati troppo umidi o asfittici anche il rosmarino può subire l’attacco di cocciniglie (tra le infestazioni) o fumaggini (tra le infezioni).

86

Il rosmarino

- Antonio Acampora -

- Propagazione PER SEME: è un sistema poco usato perché s’impiega troppo tempo per vedere crescere la piantina. PER TALEA SEMILEGNOSA: va effettuata in luglio ed agosto. PER MARGOTTA: da farsi in maggio.


Non tutti sanno che... <<

Il melograno

I parte

Punica granatum Coll. Museo Franchi

di Elisabetta Ruo

I

l melograno è l’albero, la melograna il frutto... è il loro periodo, maturano durante l’autunno, li abbiamo visti e probabilmente anche mangiati, i più fortunati hanno anche quest’essenza bonsai, io per il momento non sono tra loro, però mi piacerebbe una bella piantina con quei frutti che pesano e pendono all’ingiù. E’ una specie ornamentale oggi, ma in antichità aveva molteplici usi, ma come tutte le piante, anche questa nasconde delle fenomenali proprietà terapeutiche. È dotato di fiori ermafroditi, con calice giallo aranciato e corolla rosso-vermiglio, che sbocciano fra maggio e giugno e da cui si sviluppa una grossa bacca, delle dimensioni di una mela, con epicarpo duro e liscio.

Al suo interno si rilevano molte piccole logge, ciascuna delle quali è rivestita da una membrana gialla, contenenti ognuna semi a tegumento carnoso di colore rosso vivo e ripieni di un succo acido e zuccherino. Gli estratti di melograno possono essere un valido aiuto per contrastare lo stress ossidativo e prevenire alcune importanti malattie come l’ipercolesterolemia, l’arteriosclerosi e altre patologie cardiovascolari. Attività anti-cancro negli studi clinici hanno evidenziato come l’acido ellagico mostri attività anticancerogenica. Un po’ scomodo da mangiare, ma è un frutto ricco di proprieta’ e curiosita’.

Il melograno - I parte - Elisabetta Ruo -

87


>> Non tutti sanno che...

- Attività

farmacologica

-

Il nome latino “Punica granatum” è stato attribuito dal botanico Linneo per la convinzione che il Melograno fosse di origine africana. Già noto ai tempi della Roma Antica, la tradizione storica riporta che i romani lo avessero scoperto a Cartagine e lo ritenessero il frutto più gustoso del Mediterraneo. Sembra che un tempo la Melagrana fosse conosciuta come “la mela di Cartagine”, infatti anticamente a questa città veniva attribuito il nome Punica, che diede quindi il suo nome al Melograno, Punica granatum appunto. Il melograno è tuttavia originario dall´Afghanistan e dalla Persia. L´albero del melograno e soprattutto il suo frutto sono nella tradizione simboli leggendari di fertilità e ricchezza proprio per il notevole numero di grani contenuti al suo interno e per il loro colore vermiglio. Gli usi tradizionali del Melograno sono molto antichi: le prime indicazioni si trovano già in un papiro del 1550 a.C, così come nell´antica Grecia se ne apprezzavano le proprietà medicamentose di antielmintico e vermifugo, antinfiammatorio, antibatterico nelle infezioni della pelle e per combattere i casi di diarrea cronica. Diffuse erano anche le applicazioni contro le infezioni parassitarie. In Europa, nel secolo scorso la radice era molto usata per curare la tenia, effetto che l´analisi moderna ha attribuito ad una miscela di alcaloidi, nota con il nome di pellettierina, presenti nel fitocomplesso della corteccia di radice, e tossica solo per i parassiti intestinali. Tuttavia tale uso non è diffuso perché ad alte dosi la pelletierina può diventare tossica anche per gli esseri umani, imponendo cautela nell´impiego. Il frutto del Melograno è molto più comunemente consumato fresco come alimento ed usato per farne succhi e infusi rinfrescanti: infatti tutte le parti della pianta sono ricche di tannini che hanno una potente attività astringente. Contiene inoltre vitamine A, B e C, ed è un ottimo diuretico e tonico. Le proprietà benefiche attribuite dalla tradizione al Melograno sono state poi scientificamente studiate mettendo in evidenza altre interessanti potenzialità terapeutiche. Il suo fitocomplesso è infatti caratterizzato da numerosi derivati di natura fenolica, tutti in forma glucosidica, tra cui spiccano l´acido clorogenico e l´acido ellagico. L´alta concentrazione in sostanze antiossidanti rendono gli estratti di Melograno adatti a formulazioni ad alto potere antiossidante e un valido aiuto per contrastare lo stress ossidativo dell´organismo e prevenire alcune importanti patologie, quali ad esempio l´ipercolesterolemia e l´arteriosclerosi, oltre alle tradizionali proprietà antibatteriche, antiossidanti ed astringenti. Recentemente il Melograno è stato apprezzato per il suo potenziale uso cosmetico, per preparati ad effetto idratante, schiarente della cute e destinati al trattamento dei disordini cutanei. Favorirebbe inoltre l´assorbimento trasdermico di altri ingredienti funzionali

88

Il melograno - I parte - Elisabetta Ruo -

presenti. La lunga tradizione ritiene il Melograno una pianta sicura e ben tollerata. Gli studi farmacologici non riportano tossicità, non sono riportati effetti collaterali significativi e non sono note controindicazioni particolari, eccetto per l´ipersensibilità individuale. Cautela deve essere tenuta nel caso di impiego della corteccia. Non usare in gravidanza ed allattamento.

MELOGRANO (Punica granatum l.) Famiglia: Punicaceae Costituenti principali: flavonoidi (antociani), tannini, acido ellagico, alcaloide (pellettierina), vitamine (A e B) Attività principali: antiossidante (riduce il danneggiamento cellulare), astringente, antinfiammatorio, antibatterico, antitussivo (riduce i colpi di tosse), antielmintico ( contro i vermi) Impiego terapeutico: Invecchiamento dei tessuti e della pelle, ipercolesterolemia, aterosclerosi, disturbi cardiovascolari, coadiuvante per la sindrome diarroica

- Aspetti

botanici

-

Il melograno, noto anche in gergo con “pomo saraceno” è un arbusto o un piccolo albero alto fino a 4 m, dal portamento cespuglioso con rami rigidi e spinosi. La famiglia delle Punicaceae coincide con un unico genere “punica”, da cui prende il nome. All´interno di questo genere poi vi sono due specie, entrambe spontanee in Oriente, ma delle quali l´unica di una certa importanza economica è la Punica granatum che si è diffusa come pianta coltivata in occidente e nelle regioni tropicali e subtropicali. La caratteristica che distingue queste piante da tutte le altre, al punto da farne una famiglia a parte, sono il particolare ovario e il frutto che se ne forma. L´uso alimentare del frutto di Melograno è antichissimo, molto usato anche per la decorazione delle pietanze compresi i piatti di carne; il frutto viene anche oggi mangiato crudo, ed ha un sapore gradevole tendente all´acidulo, anche se esistono varietà selezionate con un succo più dolce. Dal frutto si ottengono le polveri e gli estratti a scopo fitoterapico, usati prevalentemente per gli effetti antibatterici e antiossidanti, rigeneranti i tessuti e antietà. In particolare sono disponibili estratti standardizzati in acido ellagico, anche a concentrazioni elevate fino al 70%.


Forme farmaceutiche e posologia: Polvere: 10-15 g / al giorno - E.S.(estratto secco): 50-80 mg estratto stand. 70% / 1-2 cps al giorno.

- Aspetti

botanici

-

Il melograno è un frutto che fa molto bene alla salute. Sono proprio i semi la parte commestibile e dalla loro spremitura si ottiene un succo gradevolissimo e dissetante, ricco di numerose proprietà salutari. Il succo di melagrana viene considerato un sorso di benessere, si può trovare in farmacia ed erboristeria, oppure spremere in casa usando un normale spremiagrumi. Il decotto di melograno si usa per la diarrea, è astringente e tenifugo. L’infuso dei petali di melograno si usa per l’infiammazione delle gengive. I semi di melograno invece sono ricchi di vitamina C e sono diuretici. Si usa anche la scorza per aromatizzare i liquori e i semi per fare la Granatina. Il frutto è una bacca del tutto speciale, detta “balaustio” dal quale è possibile ricavare differenti estratti tra cui: l’olio di semi, l’estratto acquoso di succo fermentato e l’estratto acquoso di pericarpo (Aslam et al., 2006). L’olio di semi di melograno si ottiene per spremitura a freddo dai piccoli semi bianchi (rimasti dopo l’estrazione del succo e la separazione dalla polpa) secondo il metodo di Schubert (1999). Ha proprietà antiossidante ed inibente gli enzimi pro infiammatori. Le proprietà farmacologiche del melograno vengono impiegate in Medicina Estetica per la stimolazione della proliferazione cellulare.

- Omeopatia Veniva già citato anticamente nel papiro di Ebers risalente al 1500 a.C. e si prepara facendo essiccare e macerare in alcol la corteccia delle radici e dei rami. E’ particolarmente indicato per i soggetti inclini al cattivo umore, eccessivamente impressionabili e sensibili. Spesso demoralizzati, scoraggiati, affaticati e cupi, tendono ad essere melanconici ed ipocondriaci. Il medicinale viene utilizzato in primo luogo per eliminare la tenia. Il quadro sintomatologico comprende nausea, salivazione eccessiva,vertigini, occhiaie, prurito e solletico del naso, prurito e formicolio anali. Si possono osservare deperimento e perdita dell’appetito, oppure una fame incontrollabile con desiderio spiccato di caffè e di cibi aspri e succosi, come la frutta. I sintomi migliorano dopo cena e dopo aver bevuto acqua fredda. I sintomi peggiorano guardando in alto, camminando, con la pressione degli indumenti, con l’alcool.

- Fitoterapia La moderna fitoterapia oggi attribuisce al Melograno, oltre a quella antibatterica e antielmintica (termine medico che indica un agente in grado di distruggere o eliminare dall’organismo vermi parassiti) delle radici, diverse proprietà benefiche che possono essere ricondotte alla presenza nel frutto di sostanze polifenoliche, soprattutto acido ellagico, che sappiamo avere un’azione preventiva contro l’insorgenza di affezioni vascolari. I polifenoli sono sostanze antiossidanti contenute in diversi alimenti che, consumati regolarmente, forniscono una protezione contro le degenerazioni dell’apparato vascolare, provocate dalle ossidazioni che portano alla formazione di radicali liberi. Il succo di Melagrana è particolarmente ricco di polifenoli, considerati sostanze spazzine che contrastano l’ossidazione dei lipidi e l’azione dannosa dei radicali liberi, in misura superiore anche a quella del vino rosso; in particolare si segnala la presenza di acido ellagico e gallico, ma anche di sali minerali (quali calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, rame, zolfo) e di vitamine, acidi organici e zuccheri. Alcuni studi hanno messo in evidenza che la Melagrana esercita anche un’attività gastroprotettiva. Nei semi della Melagrana sono presenti alcuni fitoestrogeni, oltre ad acido oleico e linoleico, indispensabili acidi grassi essenziali. L’azione antiossidante del succo di Melagrana è paragonabile solo a quella del Tè verde, come confermano analisi specifiche capaci di misurare il potere antiossidante degli alimenti. Questi valori sono sufficienti a proteggerci in condizioni di vita piuttosto morigerata, perché, se valutiamo situazioni in cui la produzione di radicali liberi aumenta notevolmente, come in caso di cattiva alimentazione, obesità, vita sedentaria, forte stress, inquinamento ambientale, abuso di esposizione ai raggi solari, fumo, alcool, è facile intuire che la necessità di antiossidanti dell’organismo aumenta, anche in modo considerevole. La dieta mediterranea fornisce già una discreta prevenzione poiché prevede il consumo di frutta e verdura; un’integrazione costante di succo di Melagrana concentrato ci darà ancora maggiori possibilità di combattere le degenerazioni dell’apparato cardiovascolare, per i suoi effetti benefici nel contrastare le patologie coronariche, la progressione dell’aterosclerosi, lenitivo del morbo di Alzheimer e pare anche essere preventivo per il cancro.

Il melograno - I parte - Elisabetta Ruo -

89


>> Note di coltivazione

L’uso delle

MICORRIZE nella coltivazione I parte

BONSAI di Luca Bragazzi

L

e concimazioni autunnali e primaverili vengono operate in un periodo in cui le condizioni ambientali, intese come t°, Ur, ventosità e calore atmosferico sono simili a quelle primaverili. Le piante in tali condizioni, sono stimolate nella crescita e l’allungamento delle radici implica anche un assorbimento di sostanze nutritive, che, nel periodo in esame, sono in maggior quantità PK. La somministrazione di concimi organici a lenta cessione, ricchi di sostanza organica e quindi di nutrimento, uniti alle favorevoli condizioni atmosferiche, aiuta non solo lo sviluppo vegetativo, ma anche l’espansione di funghi micorrizici in simbiosi con le stesse radici. L’aiuto dato alle piante dalle micorrize, è dato sia da ceppi di funghi naturalmente in simbiosi, ma può anche essere dato dalla somministrazione di prodotti che artificialmente inoculano il fungo, questo può avvenire anche su piante che in natura non beneficiano della simbiosi, ma che nella coltivazione in vaso potrebbero trarne grande beneficio. Questo accorgimento, se operato appunto nel periodo primaverile, ma soprattutto nel periodo autunnale, aiuta il fungo a prendere meglio possesso dell’apparato radicale.

Cosa sono.

Le micorrize rappresentano delle associazioni simbiotiche tra funghi e radici. Queste simbiosi di tipo mutualistico servono ad entrambi gli esseri coinvolti a migliorare i processi vitali di ognuno.

Struttura di micorriza ectotrofica.

Questa categoria di micorriza infesta l’apparato radicale delle specie coltivate a bonsai (laddove possibile), perché presente in Gimnosperme e Angiosperme. Lo sviluppo del micelio all’interno della radice, avviene negli spazi intercellulari, rimanendo esterno alle singole cellule.

reticolo di Hartig

90

L’uso delle micorrize nella coltivazione bonsai - I parte - Luca Bragazzi -


La microfauna terricola è composta:

organismi Batteri Attinomiceti Funghi Microalghe Protozoi Nematodi Lombrichi

num. per grammo biomassa (kg/ha) 108 - 109 107 - 108 105 - 106 109 - 1010 109 - 1010 106 - 107 30 - 300 m2

300 - 3000 300 - 3000 500 - 5000 10 - 1500 5 - 200 1 - 100 10 - 1000

Il loro ruolo.

- Intermediazione nei processi di assorbimento rientranti nella fisiologia della nutrizione. - Molte specie botaniche senza la presenza di micorrize vedrebbero preclusa la possibilità di assorbimento di alcuni elementi della nutrizione, in particolare micro-elementi. I funghi coinvolti possono svolgere al meglio le loro attività solo quando sono in interazione con l’apparato radicale, stessa cosa vale per la specie botanica interessata: può accrescersi e trovarsi in un alto stato di vigore solo se il suo apparato è ricoperto da micelio (Es. famiglia delle fagacee, generi Quercus e Fagus).

Estensione dell’apparato radicale.

Grazie alle numerose prove di laboratorio, in cui sono stati inoculati funghi su specie d’interesse agrario e non, si è osservato che le piante micorrizate hanno sviluppato un apparto fogliare pari ad otto volte quello di una pianta non micorrizzata. Anche l’Olivo sottoposto a micorrizzazione ha manifestato i benefici di accrescimento imputabili all’estensione radicale.

pianta

Grano Orzo

Le sostanze nutritive prodotte dalle piante e secrete dalla radice servono per nutrire la flora microbiologica della rizosfera. E’ stato calcolato che il 20% delle sostanze prodotte dalla pianta con la fotosintesi clorofilliana viene veicolato nella radice, secreto come essudati radicali ed utilizzato per nutrire il fungo presente in simbiosi.

Tempi di crescita.

1a settimana: penetrazione nelle radici. 2a settimana: inizio della simbiosi. 3a settimana: sviluppo micelio esterno. 4a settimana: sviluppo ottimale micorrizazione. 5a settimana: mantenimento della simbiosi.

Osservazioni.

- Aumento dell’estensione dell’apparato radicale anche di 700 - 800 volte, con notevole aumento delle potenzialità nutrizionali. - Miglioramento dell’assorbimento dei principali elementi presenti nel terreno (N, P, K) e microelementi. - Riduzione degli stress dovuti a carenza idrica, squilibri termici e crisi di trapianto. - Controllo dei patogeni della radice e del colletto. - Miglioramento dello stato fitosanitario delle piante. - Aumento della biomassa organica nel terreno, che aumenta la produzione degli anni successivi.

lunghezza della Radice con micorrize (km) radice (km) 200 500

120000 150000

L’uso delle micorrize nella coltivazione bonsai - I parte - Luca Bragazzi -

91


>> Tecniche bonsai

Come fare

Shitakusa

di Antonio Acampora

L

e piante d’accompagnamento sono erbe e ceppi coltivati in piccoli recipienti. Quando queste erbe perenni sono usate come piante di compagnia al Bonsai sono chiamate shitakusa. La loro funzione è quella di simboleggiare il momento, la stagione, in cui il bonsaista ha il desiderio di esporre il suo bonsai. Gli appassionati inoltre uniscono la loro passione per i fiori con il loro amore per la natura. In questo modo si ha la possibilità di avere una parte magnifica della natura sempre vicino. La sensazione più importante è riuscire a raggiungere il senso di tranquillità che si prova in un ambiente naturale. Le piante di compagnia hanno la funzione di dare armonia all’intera creazione, nel momento dell’esposizione nel tokonoma, nei seguenti punti: 1. nei colori che si combinano bene con l’oggetto principale (bonsai, suiseki); 2. nell’elemento che indica la stagione; 3. nel dare direzione all’esposizione; 4. nel dare concordanza in dimensioni e forme riguardo al bonsai 5. nel costituire un elemento di collegamento tra i vari componenti dell’esposizione. Gli appassionati delle erbe di compagnia, in definitiva, cercano la bellezza nascosta all’interno della realtà d’ogni giorno. Ricordando ciò che ha detto un gran maestro giapponese: “Dovremmo abbandonare i sogni passeggeri e immergerci nella bellezza delle cose modeste”.

92

Come fare Shitakusa - Antonio Acampora -


2

1

Nella foto 1 vi sono tre erbe di compagnia che ho usato in una composizione, utilizzando come vaso una lastra, la stessa che trovate in primo piano nella foto 2. E’ possibile, creando una composizione come questa, utilizzarla in più momenti dell’anno, avendo sempre una pianta che identifica quel momento.

3

5

4

Ho aggiunto nella bacinella del keto e un poco d’acqua (foto 3) e ho lavorato finché il substrato non ha presentato la consistenza pari a quella del lobo di un orecchio. Ho passato del filo d’alluminio attraverso (foto 4) i fori della pietra in modo da bloccare le erbe. Quando non c’è un foro è possibile incollare i fili d’alluminio con una colla epossidica. Ho fatto un cordolo di keto (foto 5) per contenere l’akadama. Dopo aver ripulito parte del ceppo delle erbe togliendo meno della metà, ho aggiunto le erbe di compagnia disponendo le più alte indietro e le più piccole avanti, fermandole con il filo d’alluminio, infine il terriccio (foto 6). Con dei bastoncini di bambù ho pressato il substrato finché non ha aderito alle radici...

6

7

8 Come fare Shitakusa

- Antonio Acampora -

93


>> Tecniche bonsai Ho coperto (foto 7) il terriccio con del keto e con una mano ho leggermente schiacciato il substrato per abbassare il livello del terreno. Ho raccolto in giardino del muschio (foto 8) necessario per coprire il substrato. È conveniente recuperare il muschio con una spatola, in modo da avere dei pezzi di muschio compatti. Con una forbice ho reso sottile (foto 9) il muschio (foto 10). Con del filo alluminio ho fatto una specie di spille per fermare il muschio. Fermando (foto 11) il muschio con le spille, il substrato non scivolerà fuori quando si annaffierà con l’acqua. Alla fine della lavorazione lo shitakusa è stato innaffiato a pioggia. Nel caso che si usi un vaso e non una pietra piatta, la lavorazione sarà più facile. In un vaso rotondo ho applicato delle retine di plastica e del filo d’alluminio (foto 12). Ho aggiunto un po’ di terriccio e l’erba (foto 13), fermandola con il filo. Sulla superficie del substrato ho applicato dello sfagno (foto 14) in modo che non asciugasse velocemente.

9

10

Il termine shitakusa (Shita = al di sotto, e Kusa = erba, viene pronunciato Staksa) indica composizioni d’erbacee utilizzate nell’esposizione come piante d’accompagnamento a bonsai e/o suiseki.

11

Il termine kusamono, invece è usato per indicare composizioni create con piante selvatiche, la traduzione letterale della parola giapponese è Kusa = erbacea, mono = cosa (pianta per estensione) sono esposte come elementi principali ed hanno lo scopo di dare gioia a chi li osserva grazie al proprio senso estetico.

12

13

94

Come fare Shitakusa - Antonio Acampora -

14


L’angolo di Oddone <<

Il

faggio

I

Fagus crenata var. Fujibùna Coll. Roberto Smiderle

parte

di Carlo Oddone

I

l Faggio è una delle essenze che stimolano maggiormente gli amatori a farne un bonsai. Forse è la sua immagine di albero possente o la frequente opportunità di trovare in natura degli esempi interessanti già in piccola dimensione e ricchi di rami, ma sta di fatto che possedere nella propria collezione un simile bonsai è allo stesso tempo paziente impegno ed ambizione.

Il faggio - I parte - Carlo Oddone -

95


>> L’angolo di Oddone

L’avvio:

nostrano o orientale?

Non è consueto cercare in vivaio un Faggio da trasformare in bonsai ciò che si troverebbe è insignificante o di una dimensione eccessiva. D’altronde il commercio offre soprattutto varietà molto decorative per giardini e parchi ma poco adatte alla coltivazione in miniatura. Foglie variamente colorate e variegate oppure intensamente stagliate come quelle del Fagus asplenifolia, nella piccola dimensione fanno infatti assai poco... albero. Il miglior materiale lo si trova di sicuro in qualche pascolo montano o lungo percorsi della transumanza di mandrie e greggi. Le tenere fronde del Faggio in primavera si direbbero infatti una ghiottoneria per erbivori quali capriole cervi e, di passaggio, per mucche e capre (oltre alle lepri, fin dove arrivano), alla fine dell’estate il suo fogliame maturo e le succose gemme acuminate costituiscono uno spuntino d’emergenza durante il viaggio di ritorno dagli alpeggi. Queste brucature ripetute ciclicamente provocano un notevole infittimento della vegetazione, cosicché alcuni soggetti assumono presto una forma cespugliosa e invecchiano senza potere crescere, diventando delle ambite prede per i raccoglitori degli yamadori. Anche dopo un incendio il superstite piede interrato del Faggio ricaccia dal profondo numerosi germogli che emergono fitti e contorti tra i sassi e possono talvolta costituire un eccellente punto di partenza per dei bonsai molto interessanti. E’ pure possibile acquistare un giovane Faggio orientale di importazione (Fagus crenata) e proseguirne la coltivazione secondo il proprio gusto.

Stili

più adatti e perchè

Poiché il Faggio di trova in natura sia in luoghi montagnosi che pianeggianti, se ne possono fare bonsai che risultano credibili in quasi tutti gli stili convenzionali. Inoltre come anche i giapponesi dimostrano, esso viene usato di frequente composizioni di più soggetti. In realtà bisogna ammettere che la struttura non proprio minuta di questa essenza consente di ottenere un buon risultato estetico soltanto quando un soggetto da solo nel vaso ha una ramificazione molto ricca ed il fogliame ben miniaturizzato, e ciò richiede molti anni di coltivazione assidua e competente. Mentre allora un candidato solitario deve possedere un potenziale di fisionomia e carattere molto interessante, parecchi alberi, anche se giovani e poco si­ gnificativi, messi insieme si aiutano a vi­cenda a raggiungere un effetto grade­vole e convincente. Le foreste in minia­ tura piacciono infatti molto e nelle mo­stre hanno sempre grande successo presso il pubblico, che vi ritrova l’im­ magine più consueta offerta dagli albe­ri in un paesaggio.

96

Il faggio - I parte - Carlo Oddone -

Trapianto,

raccolta e substrati

Nonostante questa pianta sia tanto am­bita come bonsai non è proprio un sog­getto facile da trattare. E’ capriccioso nell’attecchire, reagisce in modo per­maloso alle potature e non gradisce molto l’educazione imposta col filo. Meglio trapiantarlo mentre è ancora un poco in vegetazione all’inizio dell’au­tunno, cioè quando le sue foglie inco­minciano ad ingiallire (e conviene tagliargliele via tutte quasi completamen­te) o addirittura quando sta già sveglian­dosi in primavera, piuttosto che durante la dormenza profonda dell’inverno. Il modo suscettibile del Faggio di rea­gire alle potature ed al filo dipende dal­la severità del suo computer interno. Es­so controlla il comportamento della pianta e alla ripresa vegetativa sembra decidere che le parti improduttive non hanno il diritto di vivere, per cui i rami potati all’ultimo momento, dove le gem­me rimaste all’estremità sono meno pronte ad aprirsi di quelle apicali intat­te, rischiano di essere lasciati seccare. In­fatti il loro ritardo nel produrre zucche­ri li fa ritenere inutili (o è l’abbondanza di citochinine prodotte dai germogli già in via di sviluppo che sottrae loro l’af ­fl usso delle sostanze nutrienti della lin­fa) e senza un intervento che corregga la situazione possono veramente morire. Quando perciò ci si accorge che in primavera solo i germogli di alcuni rami si aprono e gli altri no, è indispensabile interrompere lo sviluppo dei primi asportandone precocemente l’estremità (vedi disegno 1), fino a lasciare nei soggetti molto vigorosi anche solo una parte della foglia. Nel giro di qualche giorno, come per miracolo, si vede che le restanti gemme danno finalmente segno di risvegliarsi e la ramificazione del soggetto è tutta salva.


Fagus crenata var. Fujibùna Coll. Roberto Smiderle

Si evita di correre questo rischio eseguendo la potatura di ristrutturazione in autunno, quando le foglie iniziano ad ingiallire, oppure procurando, se proprio si deve intervenire in primavera, che tutte le gemme lasciate all’estremità dei rami siano ad uno stadio di maturazione pressappoco uguale, ed accorciando tutta la ramificazione allo stesso tempo. Una tale cautela vale anche per le querce ed i castagni, che appartengono alla stessa famiglia.

Occhio

al trapianto: mai in completa dormienza Come già detto, al contrario che nella maggior parte delle piante, il trapianto del Faggio dà migliori risultati se non viene eseguito nel cuore dell’inverno. Questo perlomeno nelle fredde regioni del Nord, probabilmente a causa dell’evoluzione che ha subito o per la necessitò che la temperatura mite consenta ai funghi che vivono in simbiosi con le sue radici di svolgere la loro azione metabolica. Un’alternativa probabilmente e quella di fare soggiornare

i soggetti appena raccolti dove il gelo non li raggiunga per tutta la brutta stagione. Alla peggio, poiché si tratta di una pianta spoglia, anche nel buio di una cantina.

Un

pugno di terra natia

Il faggio vive con queste micorrize attorno alle radici: la pianta fornisce gli zuccheri necessari all’esistenza dei funghi ed essi nel moltiplicarsi modificano il terreno circostante, creando dei “manicotti che avvolgono ogni tratto del suo apparato radicale in modo da rendergli accettabili anche i terreni calcarei e permettergli di assorbire tutti gli elementi minerali di cui ha bisogno. Un tale equilibrio biologico deve essere rispettato anche nel vaso se si vuole che il bonsai prosperi e perciò conviene che al momento del trapianto o del rinvaso venga aggiunta al nuovo terriccio una parte della terra originale o almeno quella che stava già a contatto delle radici in precedenza. Sempre a vantaggio di questa microflora il substrato deve essere poroso e ricco di materia organica, inoltre giova fare le prime innaffiature con dell’acqua che contenga un poco di vitamine del gruppo B.

Il faggio - I parte - Carlo Oddone -

97


>> Vita da Club

II° Trofeo Napoli Bonsai Club di Carlo Scafuri

“Un club è, generalmente, un luogo dove persone con gli stessi interessi decidono di riunirsi per fare un percorso insieme, un percorso condiviso nel rispetto reciproco e con l’intenzione di scambiare esperienze e conoscenze. Il Napoli Bonsai Club è tutto questo... e anche di più. E’ un luogo dove si viene innanzitutto accolti. E dicendo questo, intendo veramente accolti, sentendosi da subito uno del gruppo, con semplice benevolenza e cordialità. Dal giugno dello scorso anno è cominciata la mia esperienza nel club: pochi mesi ma già tanto ho ricevuto, in termini di insegnamenti, amicizia, simpatia e... conoscenza del bonsai, naturalmente”. Con queste parole Luciana Del Fico, neo socia del Club, introduceva il suo articolo sul “I° Trofeo Napoli Bonsai Club”. Ho volutamente riproporre questi pensieri perché mi trovano perfettamente concorde e rappresentano appieno il modo in cui anche io intendo il nostro Club. Penso al nostro Club come ad un ambiente familiare dove ognuno riesce a trovare un proprio spazio di espressione ed in cui l’interesse del

98

II° Trofeo Napoli Bonsai Club - Carlo Scafuri -


del gruppo prevale in rapporto a quello del singolo; il Club, luogo nel quale non ci si abbandona a piccole rivalità meschine “il mio bonsai è più bello del tuo”, ma si cresce insieme in nome di una passione comune. Credo sia questa la caratteristica più apprezzata dai soci, ed in special modo dai neo iscritti che si trovano fin da subito a loro agio. Sono molteplici ed eterogenee le attività proposte dal Club ai propri membri, dai corsi bonsai di tipo tradizionale, a quello di tipo accademico con la Bonsai Creativo, passando per altre varie attività come i corsi di shodo, di suiseki, e così via In questo ricco panorama di offerte didattiche, momenti formativi e collaborazioni ci tengo ad evidenziare il corso base tenuto dallo stesso Presidente del Club, Antonio Acampora, da anni impegnato in prima persona nelle varie attività del club. Il corso base è rivolto a chi comincia a muovere i primi passi in questo affascinante mondo e si articola attraverso una serie cadenzata di incontri, ognuno diviso in una parte teorica ed una pratica.

Alla fine di questo percorso, il Consiglio direttivo ha pensato di istituire il “Trofeo Napoli Bonsai Club”. La formula di questa ‘gara’ è tanto semplice quanto efficace: per ogni partecipante viene sorteggiato ed assegnato un bonsai da lavorare (tutti della stessa tipologia); al termine delle quattro ore di lavoro, il tempo concesso per la gara, la “giuria” decreta il bonsai vincitore premiando il suo creatore con una targa ricordo ed un attrezzo bonsai. Quello che mi preme di sottolineare è che la finalità di questa gara non è quella di far emergere il bonsaista più bravo del gruppo, la ‘giovane promessa’, bensì di dare la possibilità ad ognuno di confrontarsi (prima di tutto con sé stessi), tramite una lavorazione più o meno impegnativa per avere una reale prova delle capacità fino a quel momento acquisite, una nuova consapevolezza dei propri mezzi che possa fungere da stimolo per apprendere sempre di più. Da parte mia, quindi, un augurio di vero cuore ai partecipanti della seconda edizione di questo Trofeo, per quest’anno fissata al 5 dicembre, affinché questo appuntamento sia soltanto un primo felice passo lungo la strada del bonsaismo.

II° Trofeo Napoli Bonsai Club - Carlo Scafuri -

99


>> Il Giappone visto da vicino

La casa della luce

sepolta nell’oscurità recensione a cura di Anna Lisa Somma

La casa della luce

Ogawa Yoko Il Saggiatore € 13,00 - 160 p. - 2006

S

i direbbe che il primo racconto contenuto ne La casa della luce di Ogawa Yoko (Il Saggiatore, 2006, pp. 160, € 13) sia, come suggerisce il titolo, il semplice diario della gravidanza di una donna, redatto dalla sorella adolescente con dovizia di particolari circa le nausee e i capricci della futura madre. Eppure qualcosa non torna, non fila liscio sulla pagina, ma si impiglia nell’animo del lettore, inquietandolo; e lo stesso avviene per le altre due brevi storie che compongono il volume, Dormitorio e La casa della luce. Le vicende si insinuano sottopelle, mentre le atmosfere torbide e dense offuscano una realtà solo apparentemente felice o decorosa, lacerata di continuo da piccole crudeltà, tanto più feroci quanto gratuite e volte verso chi non è in grado di difendersi. Emblema di ciò è, senza dubbio, il racconto che dà nome alla raccolta, in cui la giovane Aya, che vive nell’orfanotrofio di famiglia circondata da bambini e ragazzi soli al mondo, tenta di squarciare la noia e la rabbia per il suo isolamento con violenza codarda. È proprio lo scarto ― talvolta minimo, eppure profondissimo ― fra normalità e perversione a turbare il lettore, insieme alla nonchalance con la quale si compie o si osserva il male: quello senza maiuscola, quello dei piccoli drammi quotidiani. La casa della luce è, in fondo, metafora del nostro vivere, in superficie quieto e rispettabile: appena sotto i nostri piedi, s’apre un baratro in cui si annidano oscure pulsioni che, forse, non sapremo mai del tutto governare.

La casa della luce sepolta dall’oscurità

100 - Anna Lisa Somma -


Il Giappone visto da vicino <<

Lo stile

dettagli di bellezza di Antonio Ricchiari

N

ell’inter­pretazione occidentale il termine “stile” implica il concetto di conformità a una tendenza specifica. Le caratteristiche stilistiche sono determinate dall’assieme dei tratti formali che caratterizzano un gruppo di opere, costituito su basi tipologiche o storiche. Criteri che non hanno alcun riferimento a quello che i giapponesi inten­dono con la parola “stile”. Un altro equivoco è quello di associare l’aggettivo “giapponese” ai concetti di linearità, puri­smo e minimalismo. E’ pur vero che l’arte giapponese non conosce lo sfar­zo, è semplice, ma sempre in termini occidentali perché ciò che noi definiamo “semplice” per la sensibilità giapponese potreb­be essere prezioso e sofisticato. Inoltre il termine minimalismo dovrebbe essere sostituito con “chiarezza”. L’architettura e i manu­fatti artistici giapponesi hanno sempre contorni ben definiti e sono funzionali, ma proprio l’irregolarità e la casualità sono due delle caratteristiche più evidenti dell’arte di questo paese. Vor­rei riassumere la peculiarità dell’estetica giapponese in due punti: l’uso oculato dello spazio e l’asimmetria.

Lo stile. Dettagli di bellezza

- Antonio Ricchiari -

101


>> Il Giappone visto da vicino Un punto fon­damentale dell’estetica nipponica è l’asimmetria. La sim­metria ha in sé qualcosa di statico, mentre l’asimmetria comu­ nica un senso di dinamismo e mobilità. Il buddhismo zen ha profondamente influenzato l’estetica della dinamica in Giappone. Il nucleo del pensiero Zen è il concetto di “vuoto”, di immate­riale. Secondo questa filosofia le cose non hanno materia, tutto fluisce. Le cose sono soltanto l’insieme dei diversi elementi che, dopo un certo tempo, si disgiungono per creare nuovi insiemi. Le conseguenze del pensiero Zen nell’ambito della creatività sono il vuoto nell’area centrale e l’asimmetria, che suggerisce l’i­dea di movimento nella partizione dello spazio di stanze, giar­dini, composizioni di fiori e disposizione delle vivande. Perfino i numeri pari destano diffidenza e si cerca di evitarli. L’ordine, secondo il gran­de poeta e filosofo francese Paul Valéry (18711945), è una grande e innaturale impresa. Questo concetto base di un pensatore europeo risulta evidente dalla disposizione giapponese dello spazio: negli edifici urbani, nei giardini, in architettura e nelle diverse espressioni artistiche come pittura, calligrafia e ceramica. L’artista nipponico si pone in rapporto diretto con gli elementi cosmici. Il mondo non è altro che il mondo delle apparenze. Se il soggetto non ha in sé un punto di riferimento centrale, autonomo, nell’ambito della percezione estetica, è intuitivo e non produrrà mai forme pianificate, calcolate. I manufatti artistici occidentali particolarmente preziosi si distinguono generalmente anche per il valore del materiale: negli oggetti, per esempio, si tratta di argento, oro, legni pregiati, porcel­lana e pietre preziose, nelle arti figurative di colori a olio o bronzo, mentre in architettura di materiali nobili come il marmo o l’intonaco decorato. Nell’arte shintoista giapponese il valore del materiale risiede invece nell’essenza non alterata, ma conservata nel suo stato naturale. Sono considerati pregiati la pietra ruvida, la nervatura del legno

Lo stile. Dettagli di bellezza

102 - Antonio Ricchiari -


con tutte le sue tracce di vita, la paglia e il bambù, la lacca opaca. Mentre in Occidente ci si impegna nel restauro delle opere d’arte antiche, in Giappone è molto apprezzato il concetto di beauty born by use. Si attribuisce un grande valore proprio alle tracce visibili lasciate dall’uso, che creano motivi propri, inconfondibili e uno “stile” proprio, mentre l’età di un’opera non conta nulla. La domanda “è d’epoca?”, cioè originale di un determinato periodo, tanto spesso ricorrente in Occidente quando si calcola il valore di un oggetto d’arte, in Giappone è del tutto irrilevante. Poiché l’arte giapponese vanta una tradizione di duemila anni, decisiva è la qualità, la sublimazione di una determinata forma e di una determinata estetica. Le arti giapponesi hanno lo stesso scopo della meditazione praticata nel buddhismo zen, che richiede di assumere una determinata posizione del corpo. Imparare a sedersi in questa posizione educa anche lo spirito, perché esso deve seguire il corpo. La meta che si vuole raggiungere è l’unità di corpo e spirito, di soggetto e oggetto. Da questa ricerca di armonia deriva anche la profonda dedizione alle stagioni dell’anno, ai fiori di ciliegio, ai mutamenti di colore delle foglie, e la radicale temporalità delle feste che celebrano invariabilmente l’impermanenza. Lo spirito Zen è racchiuso anche negli oggetti esili, silenziosi chearredano stanze serene, per riconquistare la calma dopo una giornata passata fuori. L’arredamento post-moderno rivaluta e valorizza lo stile Zen, reinterpretando il passato con un nuovo rigore formale. Il mobile in rovere bianco con un gioco di venature contrapposte; le sedie dalla linea purissima; la grande ciotola in acero scozzese lavorata a mano; una pietrasimbolo usata come fermacarte; un sacchetto a busta in carta stropicciata lavorata a mano, trattenuta da uno spago per contenere pochi versi o poche parole. Nessuna concessione al superfluo. Tutta la semplicità e la raffinatezza racchiusi in questi oggetti. E non è un fatto di mode passeggere.

Lo stile. Dettagli di bellezza

- Antonio Ricchiari -

103


>> Axel’s World

Bonsai

a

11

anni

UNA GRANDE PASSIONE

di Axel Vigino Per chi come me ha iniziato presto, undici anni, trovare dopo trent’anni d’esperienza bonsai un allievo di undici anni, è qualcosa di veramente straordinario. Ma il caro Axel non rappresenta solo questo, è molto di più che un giovane bonsaista: si tratta di un vero appassionato ed amante della cultura giapponese! Ma come si può essere così interessati al Giappone a questa età? Beh… mi ricordo dei cartoni animati degli anni settanta arrivati dal Giappone… altro che Manga! Così dopo una mostra importante a Palazzo Bricherasio a Torino ho conosciuto Axel che subito si è

iscritto alla FKB. Nonostante la Sua fisicità ovviamente “bonsai” ha da subito mostrato un raro equilibrio tra tecnica, coltivazione ed estetica bonsai. Certo non sono molte le persone con cui posso discutere di Shinto o di Zen… ed Axel è uno di quelli. Carlo lo ha conosciuto al congresso IBS scorso e non ha potuto resistere alla tentazione di invitarlo a scrivere sul Magazine. Leggete le sue esperienze, interessanti per piccoli e… grandi!

Bonsai a 11 anni: una grande passione

104 - Axel Vigino -

Massimo Bandera


L

’inizio della mia passione per le arti giapponesi non ha una data precisa, è come se fossi nato con essa nel sangue. Mia mamma, ad esempio, mi racconta che quando ero molto piccolo, guardavo la televisione seduto sul pavimento nella medesima posizione in cui spesso siedono i giapponesi, ossia inginocchiato e con i piedi incrociati. Ma la mia passione per i bonsai iniziò casualmente in una giornata d’inverno. Era il dicembre del 2007, stavo accompagnando la mamma in un garden center per dare un’occhiata agli addobbi natalizi. Eravamo da poco entrati quando lo sguardo cadde su un piccolo alberello. Era incantevole, piccolissimo, i rami intricati reggevano foglioline lucide e perfette. Fu amore a prima vista. Da lì a metterlo sulla lista per Babbo Natale il passo fu breve. E il giorno di Natale eccolo lì, il mio primo olmo! Ma questo è solo l’inizio della mia storia. Era gennaio, (avevo compiuto 11 anni da due giorni) io e mia mamma stavamo andando in macchina, quando ad un certo punto, girando la testa, vidi sul ciglio della strada un cartellone, quasi completamente sbiadito, che annunciava l’esposizione a palazzo Bricherasio (situato nel centro storico di Torino) di una collezione di bonsai d’avanguardia, provenienti da quella che sarebbe stata la mia futura scuola. Ovviamente non perdemmo tempo e ci andammo immediatamente. A quel punto nacque in me una grande curiosità e, due giorni dopo, mi ritrovai nella scuola Fuji Kyookai Bonsai, a stringere la mano all’illustre Massimo Bandera, colui che sarebbe diventato il mio maestro. Devo però ammettere che se non fosse stato per una persona molto,molto speciale, la più speciale di tutte, sarei ancora chiuso in casa, con il mio olmo sul davanzale, mal potato e morente, e non saprei distinguere uno shakan da un piatto di sushi, un tronchese per filo da una penna a sfera. Questa persona è mia madre!

Bonsai a 11 anni: una grande passione - Axel Vigino -

105


>> Che insetto è?

Simbiosi tra funghi endotrofici responsabili di tracheomicosi su Juniperus Spp. e Pinus mugus I parte

L

a simbiosi in questione riguarda specie botaniche d’interesse forestale (e non solo), appartenenti alla famiglia delle cupressaceae in particolare al genere Juniperus spp.. Tra questi, i ginepri ad ago (J.Communis, J.Oxycedrus, J.Rigida ecc.) sono quelli che meglio rappresentano questo fenomeno di tipo negativo. Anche specie appartenenti alla famiglia delle Pinaceae al genere Pinus, in particolare Pinus Mugus, sviluppano tali manifestazioni patologiche. Il Fungo riesce a vivere solo ed esclusivamente all’interno del sistema vegetale, in quanto è una specie “endotrofica”, ovvero che vive, si sviluppa e sopravvive all’interno della pianta. L’inoculo del fungo all’interno dei vasi di conduzione vegetali avviene grazie a ferite, potature con attrezzi infetti e per via radicale ecc. Una volta che il fungo è penetrato all’interno della pianta si colloca nei vasi di conduzione (xilematici) e lì vive indisturbato, la pianta fin quando è in salute e priva di stress riesce a mantenere innocua l’azione

del fungo, ma nel momento in cui, una qualsiasi azione stressante (rinvasi, vento particolarmente forte, errata annaffiatura, errata concimazione, forti potature, legature e modellature drastiche con filo e tiranti) pone la pianta in condizioni di disagio, il fungo prende il sopravvento portando a morte parte delle branche vegetali (Foto 1, 2, 3). In natura l’azione deleteria di questo fungo permette la realizzazione nei secoli, di tutte quelle forme esasperate che i ginepri assumono in montagna e sulle coste e i pini mughi esclusivamente in montagna, rendendoli ricchi di legno morto e costringendo il vegetale a cambiare la direzione di crescita delle vene vive. Partendo da alcuni aghi infetti di Pinus Mugus, disseccatisi sulla pianta, sono stati isolati in laboratorio alcuni di questi funghi. Gli organi vegetativi, posati in piastre petri su substrati di coltura artificiali di diversa natura, hanno dato origine a formazioni miceliari di diverso colore (Foto 4, 5, 6, 7, 8). Questo è un primo risultato della ricerca e dopo l’identificazione di tali funghi si potranno attuare dei sistemi di controllo più specifici. Lo scopo dell’intero lavoro, è volto alla riduzione delle perdite inerenti le branche vegetali, ma soprattutto all’aumento delle probabilità di attecchimento in fase di postraccolta/rinvaso.

Simbiosi tra funghi endotrofici responsabili di tracheomicosi Juniperus Spp. e Pinus mugus - I parte - Luca Bragazzi -

106 su


1

2

3

4

5

6

7

8 Simbiosi tra funghi endotrofici responsabili di tracheomicosi su Juniperus Spp. e Pinus mugus - I parte - Luca Bragazzi -

107


n.

20 e br m

I 11

magazine

ve

no

Bonsai&Suiseki

No

An

൬ས ዚ༉

09

Bonsai Creativo School - Accademia

Bonsai & Suiseki magazine - Novembre 2009  

Bonsai & Suiseki magazine - Novembre 2009 - ----------- THE FIRST OPEN-MAGAZINE from the world of Bonsai and Suiseki. The magazine is an in...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you