Issuu on Google+

GRUPPO VITALI

Presentazione Generale


Divisioni del Gruppo


DEMOLIZIONI SPECIALI VITALI Demolizioni Speciali Il gruppo Vitali è in possesso delle più elevate qualifiche sul piano delle competenze ingegneristiche, organizzative e gestionali. I tecnici progettisti sono a disposizione della committenza pubblica e privata per la progettazione di opere di demolizione, nonché per fornire informazioni,

pareri, suggerimenti, collaborare alla formazione dei capitolati e stilare procedure di qualità e sicurezza. La fiducia nella tecnologia e nelle attrezzature: La Vitali S.p.A. opera monitorando costantemente lo sviluppo tecnologico e metodologico grazie all’applicazione di un know-how specifico.

Il valore legato all'organizzazione: L’efficiente organizzazione aziendale si traduce in affidabilità e certezza di perseguire l'obiettivo previsto nei termini stabiliti, garantendo allo stesso tempo qualità, rapidità e sicurezza.


Torino 2006 & Italcementi Group Torino 2006 I lavori svolti hanno trasformato l’ex mercato ortofrutticolo nel Villaggio Olimpico, cosÏ come i lavori preliminari per la realizzazione del Palasport Hockey. Abbiamo realizzato i lavori in 2 mesi anticipando il tempo di

consegna e vincendo cosĂŹ il premio accelerazione previsto dal contratto con l'Ente. Italcementi Un intervento di bonifica, smontaggio e demolizione della fabbrica del piĂš grande gruppo cementifero italiano, classico esempio di archeologia industriale, elemento altamente inquinante per la presenza, al suo interno, di materiali tossici e nocivi. L'opera di bonifica e la demolizione controllata del manufatto hanno permesso la creazione di un innovativo

insediamento

industriale e la completa riqualificazione di un contesto ambientale profondamente deteriorato.


Demolizione Area Ex-Moi - Torino VITALI S.p.A.

10 settembre 2012

5


Demolizione Area Ex-Moi - Torino VITALI S.p.A.

10 settembre 2012

6


Italcementi – Calusco d’Adda VITALI S.p.A.

10 settembre 2012

7


Mestre - Isola della Giudecca Demolizione Mestre La demolizione del vecchio casello di Mestre che si trovava all’altezza dell’innesto tra la A4 e la A27. Un’operazione di “alta chirurgia”. L’impalcato demolito era situato sopra 6 corsie autostradali, in uno degli snodi più nevralgici della rete che collega l’Italia con l’est d’Europa e perfettamente eseguita in sole 9 ore. Lavori di demolizione sull’Isola della Giudecca a Venezia Un’operazione tra le più delicate eseguite fino ad oggi dalla nostra azienda. Questi edifici, infatti, si trovavano nel cuore di una realtà densamente abitata. I fabbricati sono stati costruiti tra il 1928 e il 1930, si sviluppano su 3 – 4 piani per circa 20 mila metri cubi di volume. I luoghi sono stati raggiunti dai mezzi attraverso chiatte appositamente preparate.


Demolizione ponte e cavalcavia Mestre 10 settembre 2012 VITALI S.p.A.

9


Demolizione sull’Isola Giudecca (VE)10– settembre trasporto 2012 mezzi VITALI S.p.A.

10


FABBRICATI INDUSTRIALI FIAT SPA TORINO – DEMOLIZIONE E SMONTAGGIO FABBRICATI INSUTRIALI FIAT SPA Particolarmente interessante le opere di decommissioning affidateci dalla FIAT GROUP S.p.A. relativamente ai fabbricati dello stabilimento di Rivalta a Torino. La finalità dell’intervento in oggetto è la rilocalizzazione di due fabbricati del comprensorio, destinati al “fast moving” e allo “slow moving” ed attualmente siti nel comprensorio di Mirafiori. Il gruppo necessita di un nuovo spazio per lo stoccaggio di ricambi delle auto; si tratta quindi di demolire-smontare i fabbricati e dare loro nuova vita.

Le lavorazioni principali riguardano: 

Smantellamento delle aree occupate da impianti e macchinari, incluse parti metalliche all’interno del fabbricato;

Demolizione completa dei due fabbricati;

Attività di bonifica del terreno e bonifica amianto;

Riqualificazione edifici e aree circostanti;

Realizzazione di pavimentazione industriale in cemento armato su tutta l’area.


FABBRICATI INDUSTRIALI FIAT SPA MEZZI UTILIZZATI : n 4 escavatori da 200 q.li attrezzati con cesoia, selezionatore , elettromagnete ecc… n 1 escavatore da 300 q.li attrezzati con cesoia, selezionatore , elettromagnete ecc… n 2 sollevatori telescopici n 1 pala gommata n 2 escavatori da 50 q.li attrezzati con cesoia n 1 escavatore da 80 q.li attrezzato con cesoia n 1 autocarro scarrabile per movimentazione cassoni all’interno del cantiere cassoni scarrabili per l’accatastamento dei rifiuti da smaltire

DURATA LAVORI : 6 mesi circa


Edificio scolastico a Caluso (TO) Demolizione edificio scolastico Caluso - Torino Particolarità dell’intervento riguardava il contesto urbano, l’edifico in questione infatti era inserito nel centro storico adiacente ad abitazioni e strutture commerciali. Gli edifici, inseriti nel tessuto urbano, hanno imposto l’utilizzo di mezzi e attrezzature innovative e tecnologiche per garantire un impatto ambientale minimo, sia a livello acustico sia per quanto riguarda l’emissione delle polveri. Tutto ciò consente minori ripercussioni a tutela dei cittadini, limitando vibrazioni e propagazione dei rumori. L’ area di intervento era di complessivi 40.000 m3 con altezze 15 metri circa


Caluso (To) VITALI S.p.A.

10 settembre 2012

14


Ex Ospedale di Lecco Ex Ospedale di Lecco I lavori di demolizione totale degli edifici dell’ex complesso ospedaliero di Lecco, per un volume totale di circa 175.000 m3, si sono svolti e conclusi tra fine 2005 e inizio 2006. In totale sono stati demoliti 22 edifici sviluppati su 4 – 5 piani, con un’altezza di circa 20 metri, dove verrà realizzato il futuro polo universitario. La prima fase di lavorazione prevedeva la bonifica dell’intera area dall’amianto. Successivamente sono state demolite le fondazioni, le palazzine, i depositi e una ciminiera di oltre 22 metri, facente parte dell’ex centrale termica e officina di Lecco. Per svolgere i lavori sono stati impiegati escavatori di grossa portata, dotati di prolunghe e pinze meccaniche.


Demolizione Ex-ospedale di Lecco

VITALI S.p.A.

10 settembre

16


VITALI S.p.A.

VITALI S.p.A.

10 settembre 2012 2012 10 settembre

17

17


Area ex NECA - Pavia Demolizione area dismessa EX NECA – PAVIA L’area di circa 75.000 mq era posizionata in un contesto semicentrale rispetto alla città e caratterizzata da zone scoperte e da fabbricati in completo stato di abbandono. Alcuni edifici erano crollati, l’area era piena di buche, cunicoli, vasche sotto il piano di calpestio e amianto in matrice compatta in copertura e in matrice friabile in alcune zone, oltre ad esserci rifiuti assimilabili, ingombranti e parti di impianti di produzione. Un intervento di per sé molto delicato, che grazie alla competenza e alla professionalità degli operatori Vitali, non solo è riuscito alla perfezione, ma il tutto è avvenuto nel rispetto delle tempistiche e dei termini

concordati in sede di contratto.


Demolizione area VITALI ex NECA PAVIA S.p.A.

10 settembre 2012

19


VITALI S.p.A.

10 settembre 2012

20


Demolizione con esplosivo - Francia Demolizione con esplosivo del quartiere Capendeguy a Béziers in

Francia Un intervento di demolizione a Béziers di 492 appartamenti per 300.000 metri cubi di cemento armato demolito in 11 secondi. L’eco mostro, chiamato “Barre de Capendeguy” era stato costruito negli anni Settanta. La demolizione ha richiesto un impegno notevole data la vicinanza della struttura al centro storico. I tecnici hanno lavorato sei mesi prima di poter arrivare alla fase finale della demolizione con esplosivo. Sono state impiegate microcariche da 450 chilogrammi di tritolo. Al termine sono state raccolte 65 mila tonnellate di detriti. Questi poi sono stati frantumati, tritati, separati e messi su un nastro trasportatore e portati in una cava. Da qui ripartiranno per essere poi riutilizzati come riempimento dello strato di fondo di una carreggiata.


L’implosione


Demolizioni a Canelli (AT) e Ferrara Demolizione area ex P.O. di Canelli (AT)

Demolizione di 7 Fabbricati ACER a Ferrara

Il progetto ricade in un più ampio ambito di riqualificazione dell'area ex Presidio Ospedaliero di Canelli – Asti. Parte degli edifici sono stati mantenuti e il terreno rimodellato tramite nuovi terrazzamenti. L'intervento è stato propedeutico all'inserimento della "Casa della Salute" e ad una nuova funzionale viabilità interna. il Presidio Ospedaliero era costituito da alcuni corpi di fabbrica in un’area di forma triangolare e i fabbricati rappresentavano dimensioni e numero di piani diversi, ad eccezione di cinque corpi di fabbrica. Questi ultimi sono stati costruiti agli inizi del secolo, gli altri edifici sono stati realizzati nella seconda metà del novecento e non presentano particolari o prestigiose caratteristiche architettoniche.

Il quartiere Barco a Ferrara fu realizzato negli anni 40 in parallelo alla costruzione degli stabilimenti industriali petrolchimici, con la funzione di ospitare la popolazione operaria occupata nelle attività del complesso industriale. Costituito da circa 200 alloggi, il quartiere si distingueva per la bassissima densità abitativa. Le unità immobiliari erano distribuite tra casette di quattro alloggi cadauna, sviluppate su due livelli fuori terra e dotate di spazi verdi privati. La crisi del modello insediativo del quartiere emerge con gli anni 70: il cambiamento delle abitudini della popolazione, l’utilizzo sempre più diffuso dell’automobile, l’inevitabile invecchiamento fisico dell’involucro degli immobili, tutti questi elementi hanno portato quest’area ad essere inserita tra quelle soggette a ristrutturazione urbanistica già dal 1975. I lavori di demolizione hanno riguardato 7 edifici di due piani per un totale di 28 alloggi, più aree pertinenziali private.


RCS Media Group - Milano Demolizione RCS Media Group a Milano Un intervento dai forti significati simbolici: si tratta della demolizione del fabbricato della RCS Media Group S.p.A. di via Rizzoli a Milano in previsione di riqualificazione dell’intera area. Si tratta di un complesso di edifici costruiti da famosi architetti degli anni ’60. Dal punto di vista tecnico, non si tratta di un intervento semplice: parte dei fabbricati, in particolare il lotto 6 “progetto Martinelli”, è l’attuale sede di attività della RCS Media Group S.p.A., dove si trovano la mensa, i servizi aziendali e alcuni uffici. Per questo motivo il piano d’intervento si è sviluppato in più fasi, per permettere così il trasferimento delle attività ancora esercitate e le successive bonifiche dell’area. L’area è stata

suddivisa in sei lotti: fabbricato “Offset” (30.500 metri cubi), fabbricato A progetto Calanchi (28.400), fabbricato A progetto Cavallè (24.300), fabbricato Stereotipia (11.000), fabbricato 104 progetto VRC (30.000) e fabbricato progetto Martinelli (37.300). Il totale delle volumetrie è di 161.500 metri cubi. L’intervento presentava forti criticità dal punto di vista delle strutture da demolire, particolarmente robuste e dell’altezza dei fabbricati che in taluni punti supera i 26 metri, per questo motivo sono stati impiegati mezzi speciali e all’avanguardia: escavatore 1.200 quintali con braccio da 50 metri, pinza demolitrice e frantumatore; escavatore 1.000 quintali con frantumatore e martello demolitore; escavatore 500 quintali attrezzato con pinza selezionatrice; impianto mobile di frantumazione.


Ex S.E.R.T. – Bergamo Demolizione edificio ex S.E.R.T. di Bergamo I lavori in questione riguardano l’edificio che dal 1989 al 2001 fu sede del SERT (Servizio di Assistenza e Recupero delle Tossicodipendenze). Si tratta di un intervento particolarmente delicato, della durata di due mesi, che lascerà spazio a nuovi complessi: appartamenti, uffici e negozi. Il fabbricato si sviluppa in 22 metri di altezza per un totale di 15.000 metri cubi. Per la demolizione è stato utilizzato un escavatore da 500 quintali con un braccio di 28 metri; un escavatore da 390 quintali con frantumatore e martello demolitore. Particolare attenzione è stata riservata alla sicurezza, data l’alta densità di traffico, oltre alla presenza di edifici abitati. Ancora una volta Vitali, grazie alle sue specifiche competenze nel settore e ai propri mezzi sempre all'avanguardia, si pone come uno degli interlocutori più qualificati per interventi particolarmente importanti ed impegnativi.


Dolce & Gabbana (Mi) VITALI S.p.A.

VITALI S.p.A.

10 settembre 2012 2012 10 settembre

26

26


Intervento a L’Aquila La Vitali Spa tra le macerie dell’Aquila

Quanto successo in Abruzzo ha colpito al cuore tutta l’Italia. È difficile restare indifferenti davanti alla devastazione che la scossa sismica ha provocato in tutta la provincia de l’Aquila. Davanti a questa tragedia che coinvolge tutta l’Italia e non solo gli abruzzesi, la Vitali Spa ha inviato immediatamente due convogli di mezzi e uomini che sono stati messi a disposizione dei soccorsi. Sono stati inviati escavatori cingolati da 200 quintali dotati di frantumatore, pinza selezionatrice e frantumatore girevole, miniescavatori e minipale, che servono per rimuovere i detriti dei crolli anche di grosse dimensioni. Grazie alla tecnologia d’avanguardia che contraddistingue tutte le attrezzature della Vitali Spa, in grado di operare con estrema precisione e cautela e alla professionalità degli uomini messi a disposizione, Vitali ha potuto dare un contributo importante a supporto delle popolazioni che si trovavano in uno stato di grave emergenza. Vitali ha dato il suo contributo in particolare tra le macerie della “Casa dello Studente” e nelle zone circostanti gravemente colpite.


Cavalcavia A14 Demolizione cavalcavia Autostrada A14 La sfida dell’ammodernamento delle infrastrutture è tra le più importanti e complesse del Paese. Servono professionalità adeguate per svolgere questo compito, e il Gruppo Vitali si è aggiudicato un’importante commessa: la demolizione di 50 cavalcavia dell’autostrada A14 nel tratto compreso tra Rimini Nord e Senigallia. Si tratta di un intervento fondamentale per i lavori d’ampliamento e realizzazione della terza corsia dell’A14 Bologna-Bari, una delle autostrade più trafficate e importanti d’Italia. I lavori verranno eseguiti nelle ore notturne per non creare problemi alla circolazione dei veicoli, particolarmente intensa durante il giorno. Questo tipo di commesse sono estremamente delicate, sia per il contesto in cui operano, che per la complessità stessa dell’operazione da eseguire, possono essere eseguite solo da società con tecnologie e macchinari d’avanguardia e che fanno della sicurezza e del rispetto dei tempi un punto di forza. La progettazione e l’esecuzione delle opere di demolizione vengono pianificate nei minimi dettagli per ridurre al minimo ogni tipo di rischio, nel pieno controllo delle norme di sicurezza, il tutto condito da competenza tecnica d’eccellenza, affidabilità e rispetto dei tempi. Un analogo intervento, anche se diverso nelle modalità operative, era stato eseguito dal Gruppo Vitali con eccellenti risultati negli anni scorsi in occasione dei lavori d’ampliamento della quarta corsia dell’autostrada A4 nel tratto tra Milano e Bergamo.

Totale smontaggio 50 cavalcavia Autostrada A14 nel tratto compreso tra Rimini Nord e Senigallia


Porto di Civitavecchia - braccio lungo Porto di Civitavecchia La commessa in questione riguarda la demolizione dei sili per lo stoccaggio di materiali posti su banchina portuale di Civitavecchia (molo del bicchiere) banchine 7 e 8. L’area su cui sorge il complesso è all’interno del porto storico, in particolare è quella compresa tra le banchine 7-8 meglio conosciuta come Molo del Bicchiere, la forma è pressoché rettangolare con dimensioni in pianta di circa 65mt x 230mt ed ha un’altezza massima pari a 47mt dal piano campagna. Il complesso industriale si sviluppa longitudinalmente e presenta parallelo alle banchine .Gli “edifici” oggetto di demolizione hanno un’età media superiore ai 50anni e pertanto è necessario eseguire la demolizione con ancor maggiore accuratezza. Alcune porzioni strutturali si presentano ormai prive di armatura affidando la loro stabilità al solo nucleo interno in calcestruzzo. Le strutture dei silos circolari presentano tutte un diffuso stato di sostanziale sofferenza, aggravato dal ridotto spessore delle armature ormai ossidate. Le condizioni generali del sito necessitano pertanto un utilizzo di mezzi meccanici idonei ad eseguire demolizioni speciali controllate . Per l’esecuzione dei lavori saranno impiegati n°2 escavatori cingolati di cui uno da 1.200 qli attrezzato di braccio telescopico che raggiunge un’altezza superiore ai 50 mt e munito di pinza idraulica da 25 q.li ed un escavatore da 400 q.li attrezzato con pinza idraulica da 50qli .

L’importo complessivo si aggira intorno a € 1.700.000,00. L’intervento di demolizione avrà una durata di 2 mesi circa.


Escavatore CASE CX800 Demolition CARATTERISTICHE TECNICHE - Peso complessivo escavatore 120 tonn - braccio Demolition ultra High da mt. 50,00 - braccio monolitico mt 8,40 - bilanciere mt. 3,60 - attrezzatura da demolizione in 4 pezzi

- larghezza macchina mt. 4,50 con cingoli in acciaio mm 650 - raschiatori su slitte carro allargabile - valvole di sicurezza con indicatore di carico - Massima profondità di scavo con terzo cilindro mt 5,00 - Doppio giunto idraulico per sgancio braccio circuito a bassa portata - circuito alta portata – - attrezzatura da demolizione in n°3 pezzi telescopica con attacco rapido a 2 posizioni - n.3 telecamere - Linea drenaggio - Linea pinza/martello/doppia portata - impianto idraulico sgancio rapido su braccio da scavo protezione cilindro bilanciere demolizione


Torre piezometrica - ROMA Demolizione serbatoio acquedotto Loc. san Basilio Roma Di particolare importanza anche la commessa di Roma riguardante la demolizione di infrastrutture pensili in cemento armato, con altezze superiori ai 40 metri in zona S. Basilio (il cosiddetto fungo).


Torri con serbatoi pensili - LECCE

Demolizione serbatoi pensili – LECCE Oggetto dell’intervento è la decostruzione di n°2 torri con serbatoio pensile presso lo Stabilimento B.A.T. Italia Spa la cui altezza massima era di mt. 47. L’attività di decostruzione è stata effettuata mediate utilizzo di mezzo meccanico (escavatore cingolato da 1200q.li) dotato di braccio telescopico attrezzato con pinza idraulica


Altri lavori eseguiti: Serbatoio pensile– Osnago VITALI S.p.A.

VITALI S.p.A.

10 settembre 2012 2012 10 settembre

34

34


Bonifiche ambientali Vitali è un Gruppo attivo principalmente nelle demolizioni speciali e bonifiche ambientali, nella coltivazione di cave e produzione di calcestruzzi, conglomerati ed inerti. Inoltre Vitali è leader nel recupero di materiali da demolizione attraverso impianti di trattamento di ultima generazione, nonché nella bonifica di siti dismessi al fine di valorizzare le aree bonificate e predisporle al successivo riutilizzo. L’azienda si è meritata una posizione di primo piano nelle demolizioni speciali e nelle bonifiche ambientali, tra le quali spicca anche la bonifica di manufatti contenenti amianto. La sua esperienza è trasversale e riguarda le grandi aree industriali dismesse, gli edifici di interesse storico, le social housing, le torri piezometriche, gli interventi notturni di grande precisione e velocità, le demolizioni per collasso attraverso l’uso dell’esplosivo. Innumerevoli sono gli esempi che dimostrano le elevate qualifiche sul piano delle competenze ingegneristiche, organizzative e gestionali, nonché l’utilizzo di attrezzature efficienti ed evolute che consentono di operare in completa sicurezza e favorire il più rapido avanzamento dei lavori. I tecnici progettisti sono a disposizione della committenza pubblica e privata per la progettazione di opere di demolizione, bonifiche ambientali e bonifiche di materiali contenenti amianto. La forte volontà imprenditoriale e la sua nota serietà ne fanno il partner ideale al quale potersi affidare:


VITALI INFRASTRUTTURE diamo spazio alla mobilità


Ampliamento Autostrada A4 MI-BG Il Gruppo Vitali è stato tra i protagonisti dei recenti lavori di realizzazione della IV

corsia dell’Autostrada A4 nel tratto Milano – Bergamo. Il progetto prevedeva l’allargamento della piattaforma autostradale per una lunghezza complessiva di 9 km e 400 m. Vitali S.p.A. ha completato per conto di PAVIMENTAL S.p.A. le rampe in prossimità dello svincolo di Trezzo e l’ultimazione delle nuove arterie di collegamento della viabilità secondaria, adiacente all’ampliamento autostradale.

Inoltre il gruppo Vitali ha fornito tutti i materiali per i sottofondi con la propria cava di prestito situata a Caponago (MI). Un lavoro importante che ha impiegato una grande quantità di persone e di mezzi, permettendo di migliorare la fluidità e il livello di sicurezza del tratto che è percorso ogni giorno da un volume di traffico molto elevato, con picchi di 140.000 veicoli giorno e punte di 40.000 tra camion e

pullman.


PONTE DI LECCO – Cesare Cantù La società Vitali S.p.A. ha realizzato per conto dell’Amministrazione Provinciale di Lecco il

nuovo attraversamento dell’Adda che ora collega i Comuni di Olginate e Calolziocorte. Il nuovo collegamento raccorda la SS 639 alla SP 72 sulle due rispettive sponde. Il 13 febbraio 2009 si è tenuta l’inaugurazione del Ponte alla presenza delle autorità e di centinaia di persone che si sono ritrovate a festeggiare la realizzazione di questa grande opera di ingegneria che subito è stata aperta al traffico. La progettazione dell’intervento ha prestato attenta cura alla definizione dei dettagli geometrici strutturali del nuovo ponte la cui tipologia, vuole esprimere la dinamicità di evoluzione di tali strutture presenti lungo l’Adda, dove ogni ponte, quale esempio di ardita voglia di progresso, è presente a ricordare il passato ed ad auspicare il futuro. Analoga cura è stata prestata nella definizione del tracciato stradale e delle opere ad esso complementari. Questa soluzione è apparsa particolarmente idonea anche dal punto di vista dell’inserimento ambientale, grazie anche all’esilità delle altezze strutturali della sezione filante che la contraddistingue. Il ricorso alla soluzione strallata trova inoltre conforto nei numerosi esempi di realizzazioni analoghe documentati nella letteratura tecnica, classica e recente.


PONTE DI LENNA (BG) Il gruppo Vitali ha realizzato un nuovo Ponte sul fiume Brembo ramo di Mezzoldo, a valle del viadotto ferroviario esistente, a collegamento tra via C.e G. Gozzi e Via dell’Industria. Si tratta di un ponte ad arco superiore, privo di appoggi intermedi nell’alveo del fiume Brembo, con schema ad arco superiore ed impalcato sospeso costituito da una struttura tridimensionale composita (acciaio-calcestruzzo), con tralicciature in acciaio e soletta in calcestruzzo, relative spalle in c.a. con opere speciali di fondazione. In aggiunta alla illuminazione stradale sono state realizzate le predisposizioni per una illuminazione notturna per il nuovo ponte. Gli altri interventi nell’ambito di questo lavoro sono stati: la realizzazione di una nuova sede stradale e realizzazione di muri di sostegno in conglomerato cementizio armato rivestiti in pietra locale; la realizzazione di reti di raccolta e smaltimento acque meteoriche ed impianto di pubblica illuminazione; realizzazione di intersezione a raso in prossimità del ponte, con il collegamento della strada preesistente al nuovo tracciato stradale ed infine la realizzazione di sovrappasso scatolare per il mantenimento della viabilità secondaria in essere.


INTERSCAMBIO DI ARCENE (BG) L’intervento prevedeva la realizzazione della nuova stazione di interscambio ferro-gomma in comune di Arcene. Il progetto comprende la realizzazione di un grande parcheggio autovetture, una rotatoria ed un tratto di strada provinciale con sottopasso ciclo-pedonale. L’area è ubicata ad ovest del territorio comunale di Arcene, ed è ricompresa tra il nuovo tracciato della variante all’abitato ex. S.S. 42 (ora strada Provinciale), e dalla nuova linea ferroviaria. Due sono le direttrici fondamentali che guidano la composizione planimetrica del progetto: il tratto di strada Provinciale, confine est del parcheggio, ed il collegamento ciclo-pedonale con la Via Papa Giovanni XXIII che delimita a nord l’intervento. Le vie perpendicolari alla Provinciale hanno orientato la griglia principale del parcheggio, le relative aiuole ed alberature, con una divisione regolare di 18

metri, determinata dal passo: posto auto, doppia carreggiata, posto auto, aiuola.

Ponte di Lecco


PARCO IDROSCALO a MILANO All’idroscalo di Milano, Vitali S.p.A. ha progettato e realizzato un lungo

tracciato in mezzo al verde, destinato a percorso ciclopedonale. È l’esempio di una strategia innovativa, che coinvolge le amministrazioni nella riqualificazione ambientale di vaste aree territoriali, con la realizzazione di oasi a carattere paesaggistico e naturale, prevalentemente finalizzate ad attività ricreative, ricettive e di servizio alla persona. Tali scelte amministrative

rappresentano una valida opportunità per inserire in un rinato contesto ambientale nuclei abitativi qualificati. Nasceranno in questo modo dei modelli utili per successive proposte, localizzabili in altri ambiti dello stesso territorio e rispondenti alle sempre maggiori esigenze di migliore utilizzo del suolo con un contestuale salvaguardia degli aspetti paesaggistico-ambientale.


Ponti in Val Seriana – BRACCA (BG) La realizzazione dei due nuovi ponti della Valle Serina si è resa necessaria a seguito della frana del 15 giugno 2001. Tale evento calamitoso ha ostruito la S.P. n. 27 di Valle Serina al km. 22+400 per un tratto di circa un centinaio di metri, causando un notevole disagio alla viabilità di un’intera vallata che comprende i Comuni di Bracca, Algua, Costa Serina, Serina, Oltre il Colle, Aviatico e Selvino. Le opere eseguite possono sommariamente essere riassunte come segue: formazione nuova variante con la costruzione di n. 2 ponti in struttura mista ferro e C.A.; tratto di raccordo fra i due ponti in rilevato stradale; formazione di scogliera in pietrame a regimazione dell’alveo. La lunghezza totale della variante è di circa 370,00 metri. I due ponti, identici sia nella lunghezza che nella tipologia, sono realizzati in sistema misto acciaio-calcestruzzo con schema statico di trave semplicemente appoggiata con luce di ml. 45,00. Sono stati utilizzati acciai resistenti alla corrosione atmosferica per evidenti motivi manutentivi, in particolare l’acciaio di qualità COR-TEN che è del tipo auto-ossidante.


VITALI- Verso l’Expo 2015 

Opere in previsione che contribuiranno a potenziare la rete viaria della Lombardia: BRE.BE.MI. SISTEMA VIARIO ACCESSIBILITA’ EXPO PEDEMONTANA TANGENZIALE EST ESTERNA CASSANESE RIVOLTANA

RHO-MONZA


Attività A) COSTRUZIONE 

Ampliamento e potenziamento di tratte autostradali esistenti

Costruzione di nuove reti autostradali

Costruzione di opere singolari ad alta tecnologia (viadotti e ponti)

B) MANUTENZIONE 

Realizzazione delle pavimentazioni autostradali sia in conglomerato bituminoso che cementizio

Pavimentazioni speciali ad alta aderenza e drenanti

Esecuzione di lavori specialistici su aree di servizio, impianti ed installazioni del patrimonio autostradale (giunti di dilatazione, ristrutturazione viadotti, ecc.)


Progetto IPB Il tracciato di interconnessione tra Brebemi e Pedemontana: 

Lo sviluppo complessivo è pari a circa 16-18 Km

Il tracciato interessa i comuni di Osio Sopra, Osio Sotto, Ciserano, Boltiere, Pontirolo Nuovo, Treviglio, Fara Gera d’Adda e Casirate

Il sistema di esazione configurato sarà di tipo aperto con barriere situate nei comuni di Osio Sotto (che costituirà anche la barriera di ingresso per la Pedemontana) ed in comune di Fara Gera d’Adda, posta ad ovest di Treviglio

Sono previsti lungo il tracciato 6 svincoli di collegamento alla viabilità esistente ed ai nuovi interventi programmati dagli Enti Locali

È prevista inoltre la realizzazione di un’area di servizio nel comune di Treviglio


Progetto Bre.Be.Mi Un’autostrada fondamentale per il territorio lombardo, un intervento fondamentale per la circolazione regionale e locale e ancora più strategico in prospettiva dell’Expo 2015. La nuova direttrice sarà percorsa quotidianamente da migliaia di mezzi ed assolverà la funzione, tra le altre, di scaricare le attuali direttrici di buona parte del traffico: è il caso soprattutto dell’A4, l’autostrada più trafficata d’Europa. La sfida dell’ammodernamento delle infrastrutture è tra le più significative e complesse del Paese. Servono professionalità adeguate per svolgere questo compito, e il Gruppo Vitali incarna alla perfezione queste prerogative.


Progetto Bre.Be.Mi L’intervento prevede la realizzazione del raccordo autostradale Brebemi (partendo da zero) nel tratto che va all’incirca da Treviglio a Cassano d’Adda per complessivi 6,5 km. L’importo complessivo dell’opera appaltata dal Consorzio BBM si aggira attorno ai 16 milioni di euro. ALCUNI NUMERI

Lunghezza complessiva:

62 km

Costo complessivo:

1,6 miliardi

Termine previsto lavori:

2012

Ore risparmiate:

6,8 milioni

Incremento annuo Pil

380 milioni


EXPO 2015 – Porta dell’Expo L’intervento che il Gruppo Vitali si appresta a realizzare rientra nel più ampio sistema di azioni di riqualificazione ed innovazione territoriale e urbana promosse in occasione dell’Expo 2015, finalizzate a valorizzare il territorio lombardo nel suo complesso. Nello specifico l’intervento prevede la realizzazione del raccordo autostradale tra l’area espositiva e le arterie viarie primarie (A4 Torino - Venezia e A8 Autostrada dei Laghi) e secondarie, per complessivi 3.5 km, garantendo così un’adeguata accessibilità al sito da parte dei visitatori. Tra le opere di maggiore rilevanza, il Viadotto dei Laghi (200m di luce complessiva con una campata centrale di 80m), i viadotti Expo Ovest e Expo Est (di 380 metri di luce complessiva ciascuno) e la Galleria Cascina Merlata (1km circa). L’intera opera dovrà essere completata in due anni.

L’importo totale dell’opera: 124 milioni di euro.


EXPO 2015 – Porta dell’Expo Si tratta del progetto più importante dal punto di vista delle infrastrutture viarie lombarde che collega, di fatto, l’area espositiva con le arterie viarie (A4 TorinoVenezia e A8 A.dei Laghi) e le ulteriori viabilità secondarie. In tal senso, l’intervento è rivolto a realizzare una piena integrazione del polo espositivo “Expo 2015” con il territorio e a garantire un'adeguata accessibilità al sito.

COMMITTENTE: INFRASTRUTTURE LOMBARDE STUDIO PROGETTAZIONE: PRO ITER; Antonio Citterio Patricia Viel and Partners IMPORTO DEI LAVORI: 123'584’979,75 € DURATA LAVORI: circa 2 ANNI


SP 14 “ Rivoltana” e variante di Liscate La riqualifica della Rivoltana è un’opera particolarmente complessa che si inserisce in un ambito territoriale molto urbanizzato, particolarmente ricco di vincoli al contorno (come costruzioni, piani urbanistici di espansione industriale, elementi di pregio ambientale, ecc.) nel quale la presenza antropica ha determinato sostanziali modificazioni all’ambiente originario con il risultato di trovarsi in un contesto fortemente edificato e densamente abitato. Il tracciato di progetto ha inizio esattamente a nord dell’idroscalo di Milano sull’attuale sedime dell’SP14 “Rivoltana”, e prevede un tratto di risezionamento dell’attuale tracciato stradale. Il tratto di riqualifica si sviluppa poco più a Nord-Est dell’intersezione con la rotatoria a raso in corrispondenza dell’accesso all’idroscalo, fino al comune di Liscate per un totale di 6,7 Km. L’attuale viabilità è rappresentata da un asse a due corsie per senso di marcia in parte a carreggiate separate in parte a carreggiata unica. Le intersezioni attuali sono tutte a raso ad eccezione di quella in corrispondenza della viabilità di accesso al quartiere S.Felice in cui vi è una rotatoria a due livelli.

COMMITTENTE: CONSORZIO BBM IMPORTO Di AGGIUDICAZIONE: 82.084.042,45 € DURATA APPALTO: 778 GG (poco più di 2 anni) ATI IMPRESE: CONSORZIO STABILE CONSTA SOC. CONS. P.A. 51% - VITALI SPA 49%


VITALI PRODUZIONE Impianti di ultima generazione


Centro recupero materiali Vitali recupera nella cava di proprietà le macerie conseguenti alla demolizione di edifici attraverso impianti di trattamento di ultima generazione, in grado di trasformare il materiale di scarto in materia prima. Tutto il materiale è analizzato ai sensi del D.Lgs 152/2006 nel totale rispetto della normativa vigente e dell’ambiente. Il primo passaggio è la selezione degli inerti e l'eliminazione dei rifiuti

di altre categorie. Nei passaggi successivi il materiale viene miscelato in pezzatura assortita per conferirgli caratteristiche di resistenza e infine viene calibrato secondo un determinato fuso granulometrico, al fine di ottenere una migliore compattazione. L'inerte così ottenuto, dal trattamento dei rifiuti di demolizione, può

essere riutilizzato nell'industria delle costruzioni, come materiale di sottofondazione e riempimento, oppure come materia prima per il confezionamento di calcestruzzi ed asfalti.

Polo estrattivo di Caponago (MB – Centro di recupero rifiuti da demolizione, terra e rocce da scavo


Polo estrattivo di proprietĂ  VITALI Spa CAPONAGO (MB)


PARCO MACCHINE - Attrezzature Oltre 400 mezzi di ultima generazione al servizio dei nostri clienti


RIGENERAZIONE & STABILIZZAZIONE Metodologia Questa metodologia è stata ampiamente sperimentata e viene impiegata da decenni in molti paesi quali Germania, Francia e Stati Uniti. La stabilizzazione delle terre con calce e/o cemento consente l'utilizzo di terreni aventi caratteristiche non idonee per la formazione di rilevati in genere (es. materiali argillosi e/o limosi) attraverso il solo trattamento in sito del materiale medesimo. I risultati dell’utilizzo di tale metodologia sono notevoli sia a breve che a lungo termine grazie alle reazioni innescate dalla calce che continuano nel tempo

… e che possiamo riassumere in questi brevi punti: - Notevole incremento della capacità portante del terreno trattato; - Abbattimento azione dell’acqua con i materiali argillosi-limosi; - Aumento resistenza all’erosione e all’azione gelo-disgelo; - Eliminazione di particelle fini argillose nello strato di terreno trattato; - Aumento del grado di lavorabilità del terreno trattato.

Campi di applicazione La stabilizzazione a calce e/o cemento ha il suo campo di applicazione principale nel consolidamento di strati di terreno prevalentemente limosi o argillosi, anche di riporto, al fine di ottenere piani di posa e/o rilevati con elevate capacità portanti. Tale applicazione sostituisce la metodologia tradizionale che prevede la rimozione con trasporto a rifiuto dei materiali a forte componente argillosa, (considerati di scarto) e la successiva sostituzione con materiali inerti ghiaiosi, che risultano sempre più costosi e di scarsa reperibilità.

La metodologia riguarda prevalentemente: - Formazione di rilevati per strade, autostrade, aeroporti, ferrovie, parcheggi e piazzali industriali; - Bonifiche di discariche e aree industriali; - Piste ciclabili ed impianti sportivi; - Formazione di strati portanti d'usura; - Argini e alvei di canali e fiumi; - Rigenerazione – asfalto a freddo.


RIGENERAZIONE & STABILIZZAZIONE Fase preliminare Prima di effettuare le lavorazioni è necessario eseguire uno studio del terreno al fine di identificare l’idoneità del terreno e la formulazione precisa delle miscele da utilizzare. A tal fine è necessario: - Identificazione curva granulometrica del terreno; - Determinazione delle caratteristiche geotecniche (limiti di Atterberg; prova Proctor) ; - Scelta dell'opportuno legante (calce/cemento) e percentuali da utilizzare; - Studio di miscele idonee.

Fase esecutiva Dopo questa fase preliminare di accertamento si procede alla fase esecutiva: - Stesura del legante (spandimento); - Miscelazione del legante col terreno; -Costipamento della miscela terreno-legante (compattazione).

In relazione al tasso di umidità presente al momento sullo strato di terreno da trattare e alle condizioni climatiche è possibile effettuare l’operazione di spandimento con “metodo bagnato” (attraverso l’utilizzo di particolari mescolatori acqua-calce) oppure effettuare una annaffiatura. Al termine di queste lavorazioni è possibile effettuare immediatamente transiti di carichi pesanti.


RIGENERAZIONE & STABILIZZAZIONE MACCHINARI E ATTREZZATURE A DISPOSIZONE E CARATTERISTICHE TECNICHE

STABILIZZATRICE WIRTGEN WR2000 Larghezza fresatura mm 2.000 - profondità fresatura mm 500 - completa di rullo di fresatura a 158 denti, impianto di spruzzatura acqua e/o emulsione SPANDILEGANTE PANIEM mod. P15 Capacità di spandimento da 3 a 60 litri/mq – moduli di spandimento a 3 larghezze – impianto abbattimento polveri completo di serbatoio acqua e pompa RULLO HAMM COMPATTATORE 3625 HT Rullo a compressione vibrante da Kg 25.500 – larghezza mm 2.500 RULLO HAMM COMPATTATORE 3523 HT Rullo a compressione vibrante da Kg 23.000 – larghezza mm 2.500 RULLI COMPATTATORI A PIASTRA E GOMMATI VARIE MISURE E PESO Rulli a piastre vibranti, gommati, con la possibilità di montare fasce piede di montone a guscio


IMPIANTI DI VAGLIATURA MOBILI Tecnologia Vitali dispone di gruppi mobili di frantumazione delle macerie e di vagliatura dei terreni. Questo consente di utilizzarli direttamente in loco con notevoli vantaggi dal punto di vista operativo. Tutti gli impianti e i vagli mobili sono dotati di sistema di controllo intelligente, che comanda e regola tutti i parametri chiave per ottimizzare il processo e quindi massimizzare i risultati.

Frantoi mobili a mascelle e a cono Controllo intelligente; Tramoggia vibrante; Separatore a magneti; Possibilità di impiego di una singola unità sia per roccia dura sia per materiali di reciclo; Possibilità di avere due prodotti finiti simultaneamente. Gruppi semoventi di vagliatura Controllo intelligente ; Doppio senso di rotazione ; Griglia vibrante ad inclinazione variabile; 2 o 3 piani? Nastri trasportatori sottovaglio ripegabili; Prodotti puliti e suddivisi in classi.


IMPIANTI DI FRANTUMAZIONE MOBILI


REAL ESTATE DEVELOPMENT Oggi il Gruppo è tra i più importanti operatori nella gestione e dello sviluppo di patrimoni immobiliari del terziario. Sviluppa aree di proprietà, progetta, realizza e affitta uffici direzionali, complessi commerciali e depositi per la logistica. Il Gruppo Vitali è in grado di operare su tutto il territorio italiano. La sua forza è la capacità di proporsi come interlocutore unico in grado di rispondere, grazie all’elevato know-how nei diversi ambiti di attività, alle esigenze specifiche di ogni cliente per l’intero ciclo immobiliare (valutazione, acquisizione, gestione, valorizzazione, alienazione dei beni, costruzione e gestione dell’immobile).


GENERAL CONTRACTOR QUALIFICATO Alle certezze derivate da un grado acquisito di eccellenza tecnica, il Gruppo Vitali unisce anche un patrimonio di cultura aziendale che attraversa per tre generazioni la storia di una famiglia di imprenditori. Il Gruppo Vitali si è affermato come uno degli operatori leader del mercato immobiliare italiano, introducendo standard professionali tra i più evoluti a livello europeo e un modello di business innovativo. Grazie al governo dell’intero processo, semplificato nella catena “produzione materiali-progetto-esecuzione”, il Gruppo interviene oggi come General Contractor pienamente qualificato e supportato da una struttura che gli permette di affrontare l’esecuzione di un’opera, dalla stesura del progetto alla consegna finale del prodotto finito.


CORE BUSINESS La divisione Real Estate si occupa principalmente di realizzare:  HEADQUARTERS  INDUSTRIAL BUILDINGS  OFFICES o

 RETAIL


DEVELOPMENTS AND PROJECTS  INNOVATION CAMPUS - Peschiera Borromeo MEDIAPARK “Campo dei Fiori” - Stezzano

 EDIFICIO INDUSTRIALE - Lallio  PARCO LOGISTICO/INDUSTRIALE - Bonate Sotto  POLO INDUSTRIALE - Capriate San Gervasio PARCO LOGISTICO - Cividate al Piano


INNOVATION CAMPUS Il Gruppo Vitali ha realizzato un Campus per la multinazionale americana Micorsoft a sud est di Milano, circondato da un’area complessiva di 1.000.000 mq di verde. Il complesso, certificato LEED, è ideato sul concetto del campus americano: ospiterà uffici, centro congressi, laboratori e servizi annessi, asilo nido e scuola materna, centro fitness, ristorante e 1000 posti auto interrati ed esterni.

Gli spazi sono concepiti secondo la logica dell’alta efficienza e della funzionalità, abbinati alla tecnologia di avanguardia, all’elevata qualità costruttiva e alla massima efficienza energetica. L’estetica del comprensorio segue le linee guida di un’architettura eco-compatibile nel più totale rispetto per l’ambiente e i materiali scelti garantiscono il minimo impatto ambientale durante tutto il loro ciclo di vita.


PROJECT DATA Titolo del progetto: Innovation Campus Ubicazione: Peschiera Borromeo, sud est di Milano. Studio di progettazione: Flores&Prats di Barcellona. Destinazione d’uso: terziario produttivo avanzato Area del lotto: mq 100.000 Superficie edificata: mq 50.000 Area a verde: mq 62.000 Area parcheggio: mq 50.000 (1.700 posti auto)

CLIENTE: MICROSOFT ITALIA TOTALE OPERAZIONE: 150 MILIONI


MEDIAPARK "Campo dei Fiori" Il Mediapark “Campo dei Fiori” si colloca nelle immediate vicinanze di Bergamo, al centro dell’area metropolitana milanese vicinissima ai principali collegamenti quali: aeroporto Orio al Serio, autostrada A4, linea FFSS Bergamo Treviglio e la futura variante tangenziale sud est di Bergamo. Il progetto, che prevede la costruzione di un hotel, spazi commerciale e uffici, verrà realizzato secondo i principi dell’edilizia ecosostenibile: un esiguo impatto ambientale, il contenimento del fabbisogno energetico e l’integrazione architettonica col paesaggio circostante.


PROJECT DATA Titolo del progetto: Mediapark “Campo dei Fiori” Ubicazione: Stezzano, Bergamo Studio di progettazione: ABDA di Brescia Destinazione d’uso: ricettivo, commerciale e terziario Area del lotto: mq. 100.000 SLP: mq 55.000 Area a verde: mq 25.000 Area parcheggio: mq. 50.000

TOTALE OPERAZIONE:

75 MILIONI


Leonardo da Vinci Park – Roncello (MI) LEONARDO DA VINCI PARK Il nuovo insediamento logistico-industriale “Leonardo da Vinci” si colloca al centro dell’area milanese nel comune di Roncello (MI), in prossimità delle più importanti vie di comunicazione italiane e lungo i principale canali di distribuzione europei. Il polo riassume i vantaggi della massima qualità costruttiva, riuscendo ad offrire alti standard di sicurezza, confort e funzionalità. L’area è disponibile ad ulteriori sviluppi in ambito logisticoindustriale. Titolo del progetto: Leonardo da Vinci Park Ubicazione: Roncello, est di Milano,lungo autostrada A4 milano-venezia Sviluppatore: Vitali Spa Destinazione d’uso: Polo logistico-industriale


PROJECT DATA Area complessiva: mq 240.000 Superficie coperta: mq 110.000 Superficie magazzini: mq 105.000 Superficie uffici: mq 5.000 Altezza sottotrave: 12 m Area a verde + privato: mq 40.000 Area a parcheggio: mq 30.000 ProfonditĂ  spazi manovra: 40 mt N. Ribalte: 70 per edificio

CLIENTE: KFLEX SPA


Parco Logistico Milano-Est – Basiano (MI) PARCO LOGISTICO MILANO-EST

Il parco logistico “Milano Est” è situato nel comune di Basiano (MI), in prossimità dell’autostrada A4 Milano-Venezia, a poca distanza dalla Tangenziale est Milanese e nelle immediate vicinanze della Bre.Be.Mi e lungo i principali canali di distribuzione europei. L’efficiente localizzazione offre collegamenti diretti con gli aeroporti milanesi di Linate, Malpenda e orio al Serio. La posizione strategica del complesso rappresenta una valida opportunità per l’insediamento di attività logistiche e di distribuzione, nonché produttive a carattere industriale. L’area in questione ricade all’interno di un ambito industriale consolidato e di recente espansione ed ospita già un importante insediamento logistico di Decathlon Italia. Titolo del progetto: Parco Logistico “Milano Est” Ubicazione: Basiano (MI), a 26 km ad est di Milano e 29 Km ad ovest di Bergamo, lungo autostrada A4 milano-venezia Sviluppatore: Vitali Spa Destinazione d’uso: Polo logistico-industriale


PROJECT DATA Tecnologia Gli immobili sono dotati di impianti di riscaldamento a pavimento e di speciali rivestimenti metallici di facciata, garantendo benefici in termini di risparmio energetico e riduzione dei costi di gestione degli immobili nonchĂŠ di benessere fisico per i lavoratori. Tutti i magazzini sono provvisti di impianti antincendio; le compartimentazioni sono realizzate con pareti REI 120.

Area complessiva: mq 100.000 Superficie coperta: mq 60.000 Superficie uffici: mq 5.000 Altezza sottotrave: 12 m ProfonditĂ  spazi manovra: 40 mt

CLIENTE: DECATHLON ITALIA


CIVIDATE AL PIANO L’area in oggetto è di complessivi mq. 180.000 e verranno realizzati quattro edifici distinti per una superficie complessiva di mq. 90.000, che verranno destinati a magazzino e logistica per la multinazionale francese Auchan.


PROJECT DATA L’area in oggetto è di complessivi mq. 180.000 e verranno realizzati quattro edifici distinti per una superficie complessiva di mq. 90.000, che verranno destinati a magazzino e logistica per la multinazionale francese Auchan. Il complesso si trova in una zona adiacente alle principali arterie viarie della zona prospicente la futura arterie autostradale Bre.Be.Mi.

Area complessiva: mq 180.000 Superficie coperta: mq 90.000 Superficie magazzini: mq 90.000 Superficie uffici: mq 5.000 Altezza sottotrave: 12 m Area a verde + privato: mq 47.000 Area a parcheggio: mq 24.000 Profondità spazi manovra: 40 mt

CLIENTE: AUCHAN TOTALE OPERAZIONE:

40 MILIONI


EDIFICIO INDUSTRIALE - LALLIO Il nuovo insediamento è situato nel comune di Lallio (BG) in un’area industriale con destinazione produttiva, dove sono già insediate aziende di prestigio nazionale ed internazionale

Il progetto prevede la realizzazione di edificio ad uso magazzino ed uffici al fine di soddisfare le esigenze della sede operativa della società DB Schenker.


PROJECT DATA Il complesso occupa una superficie complessiva di circa 240.000 mq e prevede la realizzazione un magazzino da 5.300 mq, con doppio fronte di carico e 24 baie ed altezza sottotrave pari a 12 metri. L’immobile verrà realizzato secondo le specifiche esigenze del cliente

Area complessiva: mq 13.000 SLP: mq 6.000 Superficie coperta: mq 5.300 Superficie magazzini: mq 4.700 Superficie uffici: mq 1.100 (su due piani) Altezza sottotrave: 12 m N.Ribalte: 24 Profondità spazi manovra: da 32 a 40 mq

CLIENTE: DB Schenker TOTALE OPERAZIONE:

5 MILIONI


EDIFICI INDUSTRIALI - LOGISTICI BONATE SOTTO e CAPRIATE SAN GERVASIO Si tratta di due edifici a vocazione industriale-logistica di taglio medio piccolo collocati in un’area industriale di recente espansione. I due edifici verranno realizzati con impianti di riscaldamento a pavimento e speciali rivestimenti metallici di facciata che garantiscono benefici in termini di risparmio energetico e riduzione dei costi di gestione degli immobili nonchÊ di benessere fisico per i lavoratori.


PROJECT DATA BONATE SOTTO Area complessiva: mq 12.000 SLP: mq 7.000 Superficie coperta: mq 3.500 Superficie magazzini: mq 2.800 Superficie uffici: mq 700 (su due piani) Altezza sottotrave: 10 m Profondità spazi manovra: da 32 a 40 mq

CLIENTE: BREMBANA AUTOTRASPORTI TOTALE OPERAZIONE: 5 MILIONI

CAPRIATE SAN GERVASIO Area complessiva: mq 16.000 SLP: mq 7.000 Superficie coperta: mq 7.000 Superficie magazzini: mq 7.000 Superficie a verde: mq 2.500 Altezza sottotrave: 10 m Profondità spazi manovra: da 32 a 40 mq

CLIENTE: IEMME SRL TOTALE OPERAZIONE:

1,5 MILIONI


CONTATTI e-mail: appalti.vitalispa@pec.it info.vitalispa@pec.it Website: www.vitalispa.it

Sede Legale Via Alberto Da Giussano, 15 20145 Milano Tel.: +39 02 74281998 Fax : +39 02 45490814 Sede amministrativa Cisano Bergamasco – Bergamo Tel. : +39 035 783107 Fax. : +39 035 783345 info@vitalispa.it

Poli Produttivi Ponte San Pietro – Bergamo – Italia Via Camozzi/Don Gnocchi Cisano Bergamasco – Bergamo – Italia Via Mayer Caponago – Monza Brianza – Italia Via Cascina Bertagna


Presentazione Vitali ita_v.2012