Issuu on Google+

ASCOLTAMI Corso di Alta Formazione in

RELAZIONI PUBBLICHE, UFFICIO STAMPA E MEDIA RELATIONS 5째 edizione - Bologna, febbraio - giugno 2011

base

Businnes And School Experiences


OBIETTIVI

All’alba del terzo millennio l’unica costante che imprese e istituzioni si trovano a gestire è il cambiamento. Cambiano i mercati, cambiano le regole della competizione, e con la globalizzazione e l’allargamento dell’Unione Europea cambiano gli attori sulla scena. Lo strumento d’eccellenza per gestire il cambiamento è la Comunicazione, di cui le Relazioni Pubbliche, grazie alla loro capacità di interfacciarsi con più target, sono la frontiera più avanzata. Il corso di Alta Formazione in “Relazioni Pubbliche, Ufficio Stampa, Media Relations” permette al professionista della comunicazione di affrontare lo scenario contemporaneo con sicurezza e creatività. Il primo modulo di analisi dell’ambiente in cui opera la comunicazione d’impresa, aiuta a capire le delicate tematiche dell’immagine e del posizionamento aziendale. Segue l’approfondimento dei due settori di riferimento delle RP: relazioni con il pubblico interno e con il pubblico esterno. Nel secondo modulo inizia la pratica degli strumenti operativi. Ed è a questo punto che con case history ed esercitazioni il corso diventa un laboratorio con l’obiettivo di “fare”: scrivere un comunicato stampa, preparare una cartella stampa e una conferenza stampa, individuare i corretti media per dare la giusta visibilità istituzionale o al prodotto, intercettare gli interlocutori giornalisti. Un mondo di attività in cui è fondamentale imparare a scrivere, un’abilità trasversale utile anche per costruire un messaggio pubblicitario efficace. Infine, lo studio di altri settori tipici dell’attività di RP, come sponsorizzazioni, organizzazione eventi, comunicazione di crisi, permetterà ulteriori approfondimenti. L’ultimo passo è imparare ad elaborare un piano di Relazioni Pubbliche e di Comunicazione, un momento di grande concretezza. La partecipazione al corso permetterà di acquisire singole tecniche e di formare una visione integrata del loro uso; ma soprattutto creerà professionisti in grado di operare con mano ferma e sicura. Per garantire un’aderenza alla contemporaneità il programma prevede anche un excursus nel marketing non convenzionale, polisensoriale ed emozionale e nel guerrilla marketing.


destinatari

Il corso si rivolge a laureati, laureandi e giovani professionisti che intendono acquisire competenze specifiche e capacitĂ  operative.

DURATA E

Il percorso formativo si articola in tre fasi:

FREQUENZA Formazione in aula: quattro mesi, da febbraio a giugno 2011, per un totale di 170 ore con frequenza full-time di sabato

Formazione pratica sul campo: 3/6 mesi di stage aziendale esperienza europea: 7 giorni a Bruxelles (facoltativi) docenti

I docenti, selezionati tra professionisti di provata esperienza, sono direttori comunicazione in aziende, titolari di agenzie di relazioni pubbliche e uffici stampa, consulenti e giornalisti.

Il seminario in programma a Bruxelles sarĂ  tenuto da importanti relatori delle principali istituzioni europee

Stage

Alla fine del percorso formativo in aula, per i giovani laureati non occupati professionalmente con meno di 32 anni, è previsto uno stage aziendale di 3/6 mesi.


IL PROGRAMMA: Imparare a comunicare con i media di tutto il mondo


Programma

Lo scenario Elementi base di marketing La struttura aziendale e i riferimenti operativi della comunicazione Lo scenario evolutivo della comunicazione d’impresa: dall’informazione, alla comunicazione, alle relazioni Il processo storico delle R.P. I modelli elaborati da Grunig Il governo delle relazioni Le R.P. in Italia Come lavorano le R.P.: funzioni e metodo di lavoro Le aree strategiche ed operative delle relazioni pubbliche L’immagine, area strategica delle R.P.: immagine istituzionale, di prodotto e coordinata Il posizionamento I pubblici delle R.P e gli strumenti d’azione del P.E.N.C.I.L.S Il momento di sintesi nella Comunicazione Integrata Analisi di una case history Le relazioni interne I “bisogni” che motivano le relazioni con i dipendenti Gli strumenti di comunicazione interna Analisi del clima Tecniche di elaborazione della mission e di condivisione degli obiettivi e dei valori Il piano di relazioni pubbliche – comunicazione Come si costruisce un piano di R.P.: analisi dello scenario e definizione obiettivi individuazione dei pubblici definizione delle strategie piano operativo / scelta degli strumenti tempi budget controllo dei risultati


Programma

L’ufficio stampa .L’ufficio stampa Obiettivi

Interlocutori di riferimento

.Le aree operative di un ufficio stampa d’impresa

Ufficio stampa di prodotto Ufficio stampa istituzionale Comunicazione economico - finanziaria La fiera Il risk management, Le aree del non profit

.L’organizzazione dell’ufficio stampa

.Come costruire e mantenere le relazioni con le testate giornalistiche: mailing list, contatti diretti, etc.

.Raccolta e utilizzo di informazioni e aggiornamenti

I media .Funzionamento e specificità dei media

L’agenzia Il quotidiano Il settimanale Il periodico La radio La televisione Internet

House Organ e Newsletter .Come funzionano le testate e le redazioni

Struttura gerarchica di una testata L’organizzazione del lavoro in redazione: i referenti da contattare Linee editoriali e argomenti Come si struttura un quotidiano

.Il rapporto con i giornalisti

Le relazioni personali e le regole del gioco La deontologia professionale

I principi di “notiziabilità” Fonti delle notizie: fonti dirette, fonti primarie e fonti secondarie Come e quando nasce una notizie Tempistica: il momento migliore per inviare un comunicato e telefonare


Attività e strumenti dell’ufficio stampa .Le attività strategiche di comunicazione ai media

Obiettivi e strategie per la scelta delle migliori attività Azioni dirette e mediate Azioni singole e collettive: interviste, press meeting, press lunch e press tour

.Gli strumenti più efficaci per comunicare alla stampa

Il comunicato stampa off e on line Le 5 W di un comunicato stampa: Who, What, Where, When, Why La cartella stampa La conferenza stampa: preparazione, incontro e follow up L’intervista: preparazione e svolgimento La rassegna stampa

.L’organizzazione di media events

L’evento come attività di ufficio stampa L’intervento e la partecipazione dei media all’interno di un evento

.Il controllo dei risultati

L’ufficio stampa nella Pubblica Amministrazione

Come misurare l’efficienza e l’efficacia dell’ufficio stampa La misurazione come strumento competitivo La rassegna stampa e il monitoraggio dell’immagine sui media Analisi della rassegna stampa e utilizzo in funzione di R.P

Definizioni di comunicazione pubblica Visione e prassi della comunicazione nella Pubblica Amministrazione: le ragioni di una difficoltà L’ufficio Relazioni con il Pubblico L’U.R.P. come cuore di una trasformazione in atto

Le relazioni con i consumatori

Il consumatore cambia in continuazione: il problema della fidelizzazione Le ragioni delle consumer relations Gli ambiti operativi e gli strumenti di relazione-fidelizzazione Aspetti tattico/operativi del front line: approcci verbali, analogici e diverse tipologie di pubblico


Programma

Le nuove tendenze nelle relazioni con i consumatori

Marketing e comunicazione non convenzionale Dal marketing olfattivo e polisensoriale al marketing esperienziale – emozionale Marketing tribale, processo del LOVEMARK: relazione affettiva viral marketing, stickering, guerrilla, pop up strategy, ass-forehead adv

Eventi e sponsorizzazioni

.Il marketing degli eventi

Obiettivi di comunicazione Tipologie di eventi Scelta di un evento in funzione degli obiettivi La S.W.O.T. Analysis

.Organizzazione di un evento

Briefing ed elaborazione del progetto La preparazione del piano operativo Il piano economico-finanziario La creazione di un team di progetto La scelta di luogo e data Le richieste ai fornitori di servizi

.Esecuzione

Gli aspetti logistici e tecnici La comunicazione La ricerca di sponsor Il post-evento

Il messaggio scritto

.Chi è il copy

Collocazione all’interno dell’agenzia Cosa fa il copy, come si fa il copy I segreti del mestiere

.Il briefing

La copy strategy Il briefing: a cosa serve e a chi serve Costruzione e decostruzione di un briefing Analisi degli elementi costitutivi Analisi di un documento strategico Simulazione di una campagna partendo da un brief

.La terminologia

Head-line, body copy, pay-off etc.

.Il messaggio Il mezzo e il messaggio Stampa quotidiana e periodica Ideazione e realizzazione di una campagna stampa Affissione, televisione, radio, internet, mailing, below-the-line, Materiali pop


.La costruzione del messaggio

.La produzione del messaggio

L’idea creativa Cosa fanno i creativi: art, copy, grafici, web designer Chi realizza l’idea: illustratori, fotografi, registi, stampatori

.Web writing

Format Stile e tono di voce Analisi di campagne pubblicitarie

La struttura del testo Stile, chiarezza, sintesi Editing e impaginazione

.La comunicazione in stato di crisi

Definizione e caratteristiche di una crisi Lo scenario in cui si sviluppa Le possibili cause La necessità dell’analisi dei pericoli e di piani preventivi I problemi della comunicazione I pubblici coinvolti Gestione passiva e attiva Lo staff di crisi Il manuale, crisis training Le relazioni con i media Analisi di case history

La comunicazione efficace

.Elementi costitutivi della comunicazione

.Elementi che influiscono sull’efficacia della comunicazione

Territorio e mappe individuali La percezione e i filtri percettivi La prossemica: tecnica di lettura della spazialità come canale di comunicazione L’ascolto attivo e la flessibilità relazionale I sistemi rappresentazionali Il rispecchiamento: tecniche per aumentare la sintonia relazionale La consapevolezza di Sé e la dinamica internazionale: la finestra di Johary Gli ostacoli alla comunicazione efficace Gli stili di comportamento e le loro caratteristiche Punti di forza e aree di miglioramento del proprio stile di comportamento Le strategie di relazione più efficaci

CSR, etica professionale e strutture associative delle RP

La Corporate Social Responsibility I codici etici delle R.P. Strutture associative italiane ed internazionali Bibliografia di approfondimento Glossario


CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL

Comunicazione europea e giornalismo attivo a Bruxelles

CORSO

In collaborazione con

Associazione Culturale Europea TULIP – Project (web magazine “L’EUROPA CHE VERRA’)

Il seminario, fortemente innovativo, si propone di fornire un’approfondita conoscenza sulle tematiche della comunicazione e sul sistema dei media europei. Il contatto con prestigiosi relatori e le visite alle Istituzioni dell’Unione, favoriranno la conoscenza e l’interazione con i più importanti uffici europei di Bruxelles, anche sulla base degli intensi rapporti di conoscenza reciproca che si svilupperanno durante il seminario e, successivamente, per tutta la durata del corso.

Programma

La comunicazione in Europa Lineamenti di storia e legislazione europea Il panorama delle Istituzioni Europee, il processo decisionale e i modi di lavorare e influenzare il sistema. La costituzione europea problematiche e iter di approvazione Le finalità nel campo della cultura e della comunicazione dell’Unione Europea, gli obiettivi del Parlamento e le politiche della Commissione Il Piano D La Direzione Generale per la Comunicazione Il Comitato delle Regioni La stampa presente a Bruxelles (giornali, radio, tv, web media) I rapporti con i media degli uffici europei Fare lobbyng La gestione dei network dell’informazione europea Tecniche di utilizzo per la web information

Sede Avenue de l’Yser, 19 1040 Bruxelles - Belgio


metodologia

La didattica in aula è di tipo interattivo, gli interventi teorici si alternano ad

didattica

esercitazioni pratiche individuali e di gruppo, analisi e discussioni guidate di case history. Sono previste numerose testimonianze di professionisti del settore. L’esperienza dei partecipanti viene valorizzata attraverso un confronto continuo, mirato a stimolare la capacità di ascolto e l’attitudine al lavoro di gruppo. Il corso prevede l’uso intenso di nuove tecnologie per la comunicazione. Durante il seminario sarà curata dagli allievi una piattaforma informativa, aggiornata in tempo reale e fruibile su internet.

titoli

Al termine del corso, ai partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni, verrà rilasciato un Attestato di Frequenza.

modalità

L’iscrizione al corso è limitata ad un massimo di 20 partecipanti con buona conoscenza della lingua inglese. La selezione avviene in modo continuativo e si basa su una valutazione del curriculum vitae e sul risultato di un colloquio individuale, finalizzato alla reciproca conoscenza e ad una equiparazione tra obiettivi e aspettative del candidato e finalità del percorso formativo.

quota di

La Quota di partecipazione per il corso euro 2.800,00 + IVA 20%)

partecipazione

pagabile: euro 300,00 + IVA all’atto dell’iscrizione euro 2.500,00 + IVA in una unica soluzione ad inizio corso In 5 rate mensili da euro 510,00 + IVA ciascuna In 10 rate mensili da euro 260,00 + IVA ciascuna

La quota di partecipazione è comprensiva del materiale didattico – dispense, CD, articoli e casi aziendali - utile per lo studio individuale e l’approfondimento degli argomenti trattati.

Quota di partecipazione per il seminario (facoltativo) a Bruxelles di 7 giorni euro 1.100,00 + IVA 20% pagabile in un’unica soluzione


I NOSTRI PERCORSI FORMATIVI Master in MARKETING E COMUNICAZIONE D’IMPRESA Master in MEETING MANAGEMENT Gestione, Comunicazione e Marketing degli Eventi Executive master in MARKETING MANAGEMENT Executive master in GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Corso di specializzazione in COMUNICAZIONE D’IMPRESA Marketing, Pubblicità e Relazioni Pubbliche LABORATORI DI MARKETING


ENTRIAMO IN CONTATTO

Via G. Leopardi, 6 - 40122 Bologna Tel. 051.22.06.01 - Fax 051. 23.83.18 E-mail: info@professionaldatagest.it Web site: www.professionaldatagest.it


RP, UFFICIO STAMPA & MEDIA RELATIONS '11