__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

L’anno della svolta

Anno nuovo vita nuova. E mai augurio fu più azzeccato e profetico. Infatti se da una parte questo è l’anno in cui finalmente le nostre vite torneranno alla normalità, dall’altra è quello in cui la vita editoriale di Martin verrà stravolta completamente. La fine della pandemia grazie all’arrivo dei vaccini dovrebbe permetterci di tornare a vivere, ad incontrarci. Riapriranno le fiere e le manifestazioni. Potremo riorganizzare i nostri incontri e i nostri eventi. Pian piano potremo insomma tornare alla vita di prima. Sperando più consci della nostra fragilità e quindi più sensibili e, perché no, migliori. Per quanto riguarda Martin, invece, aspettiamo a giorni le notizie della variazione di mensilità, l’annuncio del nuovo staff di autori, chiarimenti su foliazione e tipologie delle storie. E poi arriveranno lo speciale di Castelli & Filippucci, che farà da prodromo alla rivoluzione di giugno. Il tutto in attesa del prossimo anno nel quale la SBE ci ha anticipato grosse sorprese per festeggiare il quarantennale del nostro fumetto preferito! Nel frattempo AMys dà l’avvio al tesseramento 2021 e lo fa alla grande, con sfavillanti annunci e qualche mysteriosa sorpresa che non vi deluderà quando verrà rivelata. Anzi! Spille, litografie, albetti, libri e molto altro. Del resto AMys non dorme mai (Paolo non ce lo permette!) e, ancora freschi di stampa del Corriere 2020 dedicato all’Universo Femminile, siamo già all’opera sul nuovo Corriere che presenteremo a fine anno. Argomento? La Magia! Ma nel frattempo concentriamoci sul presente che è già di per sé ricco e mysterioso, allettante e oramai quasi alla nostra portata. Nulla vi vieta infatti di girare pagina e andare a consultare la sfera di cristallo che è questo nostro ennesimo Bollettino.


PAGINA

2

Il Mystero in edicola e in libreria

Uno straordinario esperimento scientifico, che intende verificare l'azione distruttrice del tempo sulla materia, ha provocato una pericolosa mutazione in una zanzara.

Java è morto, ucciso da un misterioso sicario, e il Detective dell’Impossibile è disposto a tutto pur di vendicarlo…

Due professori del MIT muoiono in seguito alle punture degli insetti e la stessa Diana scampa per miracolo al loro attacco. Questo è l'inizio di un terrificante incubo che colpirà la costa est degli States. La varietà mutante di insetti inizia infatti a seminare terrore e morte tra Boston, New York e Cape Cod. Ed è qui che avrà luogo un vero e proprio duello all'ultimo sangue tra Martin Mystère e l'intelligentissima zanzara a capo dello sciame assassino!

Da qualche tempo Martin Mystère è in preda a incubi, improvvise amnesie e attacchi di ira immotivata, quasi presagisse che qualcosa di molto grave sta per scatenarsi contro di lui. E difatti Java viene ucciso da uno sconosciuto che sembra aver agito su commissione. Dopo il funerale, un furioso Detective dell’Impossibile, divenuto violento e privo di scrupoli, cerca di risalire ai mandanti del delitto e scopre il coinvolgimento degli Uomini in Nero. Una lunga indagine lo porta faccia a faccia con il loro misterioso capo, la scoperta della cui identità cambia per sempre la vita di Martin.

MARTIN MYSTÈRE “GLI ASSASSINI INVISIBILI” uscita: 14/01/20201 Soggetto e sceneggiatura: Alfredo Castelli Disegni di: Claudio Villa Copertina: Claudio Villa

MARTIN MYSTÈRE nr. 373 “INCUBI!” uscita: 11/02/2021 Soggetto e sceneggiatura: Alfredo Castelli Disegni di: Paolo Ongaro & Antonio Sforza Copertina: Giancarlo Alessandrini


PAGINA

3

Le novità bonelliane che verranno

Arrivano in libreria e fumetteria in due volumi venduti separatamente - la fumettografia completa della Casa editrice di via Buonarroti. Molto più di un catalogo, questi volumi contengono la descrizione accurata di ogni collana e titoli, l’elenco puntuale di tutte le pubblicazioni a partire dagli anni ‘40, attraverso i decenni fino alle ultime uscite di dicembre 2020.

Un’opera preziosa per i collezionisti, gli appassionati e per tutti i lettori curiosi di scoprire il ricchissimo mondo dei fumetti Bonelli. Un’occasione speciale per celebrare gli ottant’anni della Sergio Bonelli Editore.

TUTTO BONELLI 1940-1970 “GLI ANNI D’ORO” USCITA: 02/2021 A cura di: Mauro Giordani e Gisello Puddu

TUTTO BONELLI 1970-OGGI “L’ERA MODERNA” USCITA: 02/2021 A cura di: Mauro Giordani e Gisello Puddu


PAGINA

4

Al via la nuova campagna di iscrizione

Ed eccoci a presentare la nuova campagna di tesseramento AMys per l’anno 2021. Nonostante le mille difficoltà di questo anno appena passato, vogliamo comunque dare un segnale di ottimismo, proponendovi un programma con i fiocchi. Visto il protrarsi della pandemia non siamo in grado di dirvi quando potremo rivederci a qualche evento o manifestazione. Ma cercheremo lo stesso di coinvolgervi in qualche appuntamento on-line. Partiamo dalle quote. Rimangono invariate quelle dell’anno scorso, con i seguenti importi: SOCIO ORDINARIO a 15,00€ SOCIO SOSTENITORE a 50,00€ Gli importi NON comprendono le spese postali per un eventuale invio dei gadget per posta. Perciò se decidete per questa opzione dovete aggiungere 6,50€. La spedizione avviene di norma a dicembre, ma potete decidere di farvi inviare la prima tranche di materiale già ad aprile (in questo caso ci saranno due spedizioni all’anno per un importo totale di 13,00€). Veniamo ora alla presentazione dei gadget e delle pubblicazioni che realizzeremo durante l’anno e che fanno parte dei due pacchetti Soci. Innanzitutto la tessera, realizzata per noi da un autore non mysteriano: Anna Lazzarini. La disegnatrice milanese ha accettato con entusiasmo di collaborare con l’Associazione, felice di potersi cimentare nuovamente con Martin Mystère dopo alcune commission private.

Sopra potete vedere un particolare dello strepitoso disegno preparato appositamente per noi. La tessera nominativa verrà consegnata ad entrambe le tipologie di Socio.

Passiamo alle stampe. Ne abbiamo preparate 4 speciali che si potranno avere solo a seguito dell’iscrizione: una per i SOCI ORDINARI e tutte e quattro per i SOCI SOSTENITORI. Se la situazione fiere del fumetto si sbloccherà durante l’anno, le stampe verranno distribuite durante questi incontri. Altrimenti verranno spedite o consegnate ai Soci a dicembre. Prosegue la produzione delle spille della serie “Road to 40th”, che ci accompagneranno sino ai festeggiamenti del quarantennale di Martin Mystère previsto nel 2022.

Quest’anno vi presentiamo i due “cattivi” per eccellenza delle storie di Martin Mystère, Mr. Jinx e Sergej Orloff, e i due “buoni”, Kut Humi e Chris Tower. Il set di spille è riservato ai soli SOCI SOSTENITORI. Passiamo ora ai pezzi forti del materiale del tesseramento, partendo da quello che ci sta dando le maggiori soddisfazioni, sia dal punto di vista del gradimento che di critica. A dicembre 2021 sarà in distribuzione il quarto numero de “Il Corriere del Mystero”, quest’anno dedicato alla magia. Oltre alle classiche rubriche, ospiterà interventi di importanti autori, tutti incentrati sul meraviglioso mondo dei maghi, reali o di fantasia. E poi interviste, approfondimenti, storie a fumetti, disegni inediti, collezionismo, le strisce umoristiche e le edizioni estere. La pubblicazione è riservata ai soli SOCI SOSTENITORI.


PAGINA

A inizio anno e a metà anno presenteremo due pubblicazioni, che faranno la gioia di tanti fan del BVZM. Grazie alla collaborazione con Carlo Velardi e Alfredo Castelli, pubblicheremo il secondo volume dei Risguardi degli albi di Martin Mystère, realizzati proprio dal disegnatore veneto. “Ri(s)guardiamoli un’altra volta!” raccoglierà i migliori frontespizi degli albi di Martin Mystère, partendo da quelli pubblicati dopo quelli apparsi sul vol. 1 edito dalle Edizioni Della Vigna, corredati da aneddoti sulla loro creazione. Una copertina inedita di Carlo e una presentazione di Alfredo impreziosiranno il volume. Altra grande novità sarà il 22° (!!) “Dizionario dei Misteri”. Perché ventiduesimo direte voi? Perché nelle nostre intenzioni dovrà proseguire la serie abbinata agli Speciali di Martin Mystère interrottasi con il nr. 21 nel 2004. Grazie al grandioso lavoro di ricerca del nostro amico e Socio Giovanni Gaddoni, vi offriremo una panoramica sulle presenze femminili apparse nell’universo mysteriano; le donne di Altrove, le donne in Nero, le donne di Java, le donne di Orloff, le donne di Mr. Jinx. Testi di Giovanni Gaddoni e Luca Salvadei.

5

Solo una di queste due pubblicazioni è riservata ai SOCI SOSTENITORI. L’altra sarà a disposizione di tutti extra-quota.


PAGINA

6

Il Corriere del Mystero

Nati dalla scia nostalgica lasciata dal mai dimenticato Alm anacco d el Mystero ecco in tutta la loro sfavillante fragranza i tre Corrieri del Mystero prodotti da AMys dal 2018 Il Corriere del Mystero è la rivista AMys fatta dai Soci AMys per i Soci AMys che, sulla falsa riga di quanto tracciato da Alfredo Castelli fin dagli anni ottanta, propone ai suoi lettori un equilibrato mix di storie ed editoriali. Potrete recuperare libri, fumetti, film, telefilm e videogiochi a tema mysterioso che vi siete persi semplicemente sfogliando le rubriche dedicate ai "media mysteriosi": consigli, analisi, elenchi e approfondimenti su tutto quello che il mondo dell’intrattenimento ha prodotto in tema di enigmi e avventura nell’anno in cui il Corriere è uscito. Potrete sfogliare le avventure del Docteur Mystère, di Martin e Sergej, di Jinx o di Mabus nelle avventura a fumetti che troverete nella rivista; oppure potrete divertirvi leggendo le strisce dedicate a Martin Riddle, il tris nonno pasticcione di Martin Mystère, quelle che vedono protagonista l’ispettore Travis Travis, o quelle ispirate ai nostri celebri e simpaticissimi Dee & Kelly.

Potrete immergervi nei nostri succosi dossier di approfondimenti che quest’anno sono stati dedicati al mondo femminile in tutte le sue espressioni: nel cinema, nei fumetti, nei videogames, nei libri ma anche nella storia e nell'attualità. Negli anni passati i dossier erano dedicati al Docteur Mystère e ai nemici di Martin, con particolare focus su Sergej Orloff. E ancora, potrete conoscere meglio Andrea Carlo Cappi o Pierdomenico Baccalario, grazie a due interviste inedite; o potrete ammirare in tutto il suo splendore l’arte del purtroppo compianto Giovanni Romanini cui Lucio Filippucci ha dedicato un toccante articolo. Senza scordare la sezione “AMys”, ove viene dato gran risalto al collezionismo e alle edizioni estere del nostro eroe. Insomma: la summa di tutto il mondo mysteriano che avete sempre cercato, in grande stile e formato.


PAGINA

7

Martin Mystère precursore dei tempi

La recente messa in onda del film “L’Isola delle Rose” sul canale a pagamento Netflix ci dà lo spunto per raccontare di questa incredibile avventura, della quale il BVZM e Alfredo Castelli avevano già trattato nel 1998. Prima di parlare della storia editoriale a fumetti della vicenda, vogliamo raccontarvi nel dettaglio cosa è stata l’Isola delle Rose. Punto “Z”. Mare Adriatico: Latitudine nord 44 gradi, 10 primi e 48 secondi, longitudine est 12 gradi, 36 primi 0 secondi. Qui, a 6 miglia dalla costa riminese e ad appena 500 metri fuori dalle acque territoriali italiane, Giorgio Rosa, ingegnere bolognese, nel luglio del 1958, fissò il punto sulla carta nautica dove edificare un nuovo Stato. Una micronazione, libera e indipendente, con un governo e una moneta propria: il Mills, lingua ufficiale l'esperanto, una serie di francobolli già stampata. Non fu facile strappare al mare 400 metri quadrati di suolo poggiato su 9 tubi di ferro riempiti di calcestruzzo sul quale far vivere il sogno dell'Isola delle Rose, anzi dell'Esperanta Respubliko de la Insulo de la Rozoj. Così Rosa chiamò il nuovo Stato, il primo maggio del 1968, dichiarandone, in qualità di primo Presidente, la nascita e proclamandone l'indipendenza. Ma l'isola già da qualche anno, seppure ancora in fase di costruzione e senza che estranei ne avessero calcato il terreno, era diventata un'attrazione per i villeggianti. La macchina turistica riminese infatti, intuendone im-

mediatamente le potenzialità economiche, si era già messa in azione e d'estate la motonave Asso di cuori percorreva più volte al giorno gli 11 km di mare che la separavano dalla spiaggia, con decine di persone a bordo, a far visita alla curiosa iniziativa di Rosa. “Curiosità” che scatenò le più stravaganti ipotesi sulla reale natura dell'isola: da futura sede di un Casinò a lussuoso albergo per imprenditori ed esponenti del jet set, da sede di una radio pirata a discreta casa d'appuntamenti di lusso; da avamposto spionistico della Russia comunista ad iniziativa commerciale volta ad eludere il fisco italiano. Sottoposta all'eccessiva attenzione mediatica e messa sotto osservazione da più interrogazioni parlamentari l'esistenza del nuovo libero Stato fu una meteora: appena 55 giorni. Il 25 giugno 1968, Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, con 10 imbarcazioni accerchiarono l'isola e senza nessun atto di violenza ne presero possesso. Pietro Bernardini, unico cittadino presente al momento dell'occupazione del nuovo Stato, rimase confinato sull'isola e non fu permesso all'ingegner Rosa di metter piede sulla piattaforma. Ci volle poco ad emettere una sentenza scontata: il nuovo Stato era fuori legge e quindi andava eliminato. A nulla valse il tentativo di Rosa di interloquire con il suo omologo italiano e cioè niente di meno che Giuseppe Saragat, Presidente della Repubblica Italiana e la breve seguente vicenda giudiziaria non


PAGINA

8

l’evento nell’oblio per decenni: quel primo approccio fu infatti riconosciuto come il primo sfruttamento della vicenda in termini di fiction. L’albo era completato da due redazionali sempre a firma di Castelli: uno di introduzione per spiegare lo scopo dell’albo e un altro che riprendeva la nota rubrica “Cosa c’è di vero e cosa è inventato”, ospitata bimensilmente sulla serie regolare. La copertina è sempre di Giancarlo Alessandrini, ispirata all’originale del 1998. Per i completisti segnaliamo che pochi mesi dopo l’albetto venne ristampato con alcune varianti, come ad esempio la presenza del prezzo di copertina e l’immagine di quarta di copertina sostituita.

salvò l'isola dalla condanna a morte. Dopo 8 mesi di lavori di smantellamento, i sommozzatori della Marina Militare Italiana fecero brillare, fra l'11 e il 13 febbraio 1969, quasi 2 tonnellate di tritolo per riuscire a demolire completamente l'isola. Il 26 febbraio una forte burrasca portò a termine il lavoro, facendo inabissare definitivamente i piloni che ancora sporgevano di qualche metro sul pelo dell’acqua. Un po’ alla volta, nei decenni successivi, le vicende della misteriosa isola che non c'è più, scivolarono nell'oblio. Nel 2009, in occasione del quarantennale, uscì una lunga video intervista a Giorgio Rosa alla quale seguì un docufilm che ne fece energicamente riemergere le vicissitudini. Nel 2012 la storia fu d’ispirazione a Walter Veltroni per la pubblicazione di un romanzo. Come detto in apertura, Castelli si occupò della vicenda dell’Isola delle Rose nel 1998, con una storia pubblicata sugli albi nr. 193 e 194, per i disegni di Rodolfo Torti. Nel 2010, grazie al ritrovato interesse per la storia, venne pubblicato un albetto di 12 pagine in occasione della manifestazione Rimini Comix dal titolo “Martin Mystère racconta l’Isola delle Rose”. L’albetto può essere considerato a tutti gli effetti una “Errata Corrige”, in quanto ripubblica 5 tavole della storia apparsa sulla serie regolare completamente riviste nei testi e depurate da errori e informazioni sbagliate. Errori dovuti al fatto che Castelli operò all’epoca in totale assenza di informazioni precise, frutto di una pseudo-censura che aveva relegato

Nel 2014 il Museo Pier Maria Rossi di Berceto (PR) presentò l’esposizione dal titolo "L'isola che no n c'è" . La mostra esponeva una decina di tavole originali del numero uscito nel 1998 di Martin Mystère dedicato all’Isola delle Rose, oltre a una ricca documentazione d’archivio costituita dalle più importanti pagine dei quotidiani che hanno raccontato l’avventura di Giorgio Rosa, da carteggi autentici e di grande fascino, fino alla collezione filatelica di Fabio Vaccarezza e Rosalba Pigini e a una selezione di reperti provenienti dai fondali marini che hanno visto il sorgere dell’isola. Per l’occasione fu preparato parecchio materiale, tra cui il catalogo della mostra contenente una breve


PAGINA

9

sfruttamento della vicenda in termini di fiction. Venne ristampato l’albetto prodotto da Cartoon Club, che si differenzia (oltre che per il titolo) solo per la rielaborazione dell’immagine in 1° di copertina (ibrido disegno/foto), la stampa della locandina della mostra in 4° di copertina e un diverso articolo introduttivo di Alfredo Castelli come presentazione dell’iniziativa. La Gazzetta di Parma, nel suo inserto Il Mercoled ì del 30/07/2014, riporta l’articolo sulla mostra. L’inserto venne affrancato e vidimato con l’annullo speciale creato per l’evento. L’albo realizzato da Cartoon Club è ormai esaurito e lo si può trovare solo nei siti di compravendita. Invece l’albetto realizzato dal Museo di Berceto è ancora disponibile presso AMys.

testimonianza di Alfredo Castelli (4 pagine) sul caso “Isola delle Rose”: come dai confusi ricordi di quasi mezzo secolo prima si è arrivati al primo assoluto


PAGINA

10

Nuova veste per Storie di Altrove

Continuano imperterrite le pubblicazioni estere di Martin Mystère. Oggi vi mostriamo le due copertine dell’albo pubblicato a novembre dalla casa editrice serba Veseli Četvrtak, il nr. 25 della collana Zlatna Serija, che propone la storia “L’ombra che sfidò Sherlock Holmes”, terzo numero della collana Sto rie d i Altrove. La versione A presenta il disegno di copertina di Giancarlo Alessandrini, mentre la B dell’artista locale Helena JANEČIĆ. La storia è scritta da Carlo Recagno per i disegni di Giuseppe Palumbo.


PAGINA

Alcune novità che non possono mancare ad un mysteriano

In questo inizio anno sono tante le segnalazioni di pubblicazioni mysteriose, sia perché trattano temi a noi cari, sia perché ospitano interventi o sono scritti da autori legati al mondo di Martin Mystère.

Partiamo dal volume “La guerra dei mondi - Il romanzo e i film”, a cura di Luigi Cozzi per le edizioni Profondo Rosso. L'invasione della Terra da parte dei marziani, muniti di tremende armi avanzate, che in breve spazzano via ogni resistenza dell'umanità. Con un saggio di Alfredo Castelli che racconta la trama del seguito di La guerra dei mondi, ancora inedito in Italia, e un lungo saggio con fotografie di Cozzi su tutti i film e le serie televisive tratte da questo romanzo famosissimo. Proseguiamo con “L’Archivio Segreto” di Raul Cremona, personaggio molto noto ai fan del BVZM. La Florence Art Edizioni festeggia il traguardo di 50 libri dedicati al mondo della magia con un prezioso libro cartonato, in edizione a tiratura limitata, realizzato dal famoso comico/mago. Il libro di Raul Cremona, con un’introduzione di Alfredo Castelli, è praticamente diviso in due sezioni che si sovrappongono in continuazione, con

una parte teorica ed una pratica. I numeri presentati sono interessanti (ben corredati di fotografie chiare e didascaliche), ma crediamo che i punti notevoli siano proprio i consigli di preparazione di un numero, di come affrontare il pubblico, di come trovare la propria identità e dimensione sul palco. Consigli, suggerimenti, proposte di battute e risposte da parte di un professionista che ha affrontato pubblico a 360° da quello dei locali a quello teatrale e televisivo. Nel presentare i vari numeri (alcuni da lui stesso ideati) Cremona fa comprendere inoltre un’altra fondamentale lezione: l’importanza di conoscere la storia della magia; infatti di ogni sua “versione” spiega da quale mago abbia tratto l’idea, quali le tecniche alla base o le idee che hanno portato alla creazione di quel dato gioco di prestigio. Non sono quindi solo illustrati dei numeri, ma vengono analizzati dalla loro base di partenza e si comprende come, con una solida preparazione alle spalle, un effetto possa anche essere modificato e personalizzato.

11


PAGINA

12

Importantissimi anche i contesti in cui sono “ambientati” gli effetti e soprattutto i post scriptum al termine di ogni numero presentato che ulteriormente ampliano e chiarificano le idee e le tecniche di esecuzione. Il tutto scritto con estrema chiarezza senza mai diventare troppo tecnico o per pochi iniziati grazie anche ai continui rimandi bibliografici dove poter approfondire ciò che viene spiegato.

“Torino Diabolika - Piccolo atlante dei luoghi arcani e misteriosi”, a cura di Daria Testoni e Paolo Ranzani, è una guida anticonvenzionale della città più misteriosa d'Italia. Un portolano indispensabile per navigare in una Torino bifronte, da un lato sobria e dall'altro trasgressiva, alla scoperta di luoghi magici, personaggi sorprendenti e storie intriganti: dall’omicida che ha dato il nome a Diabolik all’illusionista Gustavo Rol, dal tempio ipogeo di Damanhur al fantasma di Palazzo Barolo, dai necrotour cimiteriali al mesmerismo. Una guida non convenzionale a leggende urbane, storie vere e luoghi misteriosi, onirici e sanguinari del capoluogo sabaudo, vertice dei due triangoli della magia bianca e nera. Nell’introduzione al volume troviamo ampi riferimenti all’avventura di Martin Mystère vissuta a Torino durante il ciclo dei “Mysteri Italiani”, con tavole e copertina dell’albo “Welcome to Italy”. Interventi di Mariano Tomatis e Arturo Brachetti. Ringraziamenti particolari ad Alfredo Castelli.

“Mon ami Toussaint” di Riccardo Borgogno e Gino Vercelli, racconta una storia che si svolge nel secolo XVIII, con protagonisti Lucien e Toussaint, due amici che vivono a Santo Domingo, la più prospera delle colonie francesi del nuovo Mondo. Ma Lucien è bianco e vuole scrivere per il teatro, mentre Toussaint ha la pelle nera ed è uno schiavo. Il tempo trascorre, Lucien va a Parigi a studiare legge, si entusiasma per gli ideali della rivoluzione che, secondo lui, libererà anche gli schiavi delle colonie. Poi, tornato a Santo Domingo, ricomincerà un viaggio a ritroso nel tempo. Toussaint, frattanto, è diventato il Generale dell’armata degli schiavi ribelli, la sua fidanzatina Honorine si è isolata nella sua piantagione in rovina, in attesa che tutto possa ritornare come una volta.

La piccola Calixte è diventata una Mambo, sacerdotessa del culto vudù. Sullo sfondo gli intrighi dei monarchici che vogliono portare sul trono Luigi XVI. Lucien, non più ragazzo, deve rivedere molte delle sue certezze. L’ultima parte della storia si svolge in Francia, ma anche lì non tutto sembra andare come previsto. Lucien trova il suo destino nel sinistro Fort de Joux nel Giura. Una storia di amicizia, rivoluzione e magia, con una prefazione di Alfredo Castelli.


PAGINA

13

Prosegue la pubblicazione della versione integrale de “Gli Aristocratici” per le Edizioni Nona Arte. La saga creata da Alfredo Castelli e Ferdinando Tacconi è arrivata al decimo volume e, come già per i primi 5 volumi, anche questi secondi 5 potranno essere racchiusi in un elegante cofanetto.

È uscito nel mese di novembre il primo romanzo di Tino Adamo, "Il bar degli zanza" , pubblicato da Unicopli. Tino è uno dei grafici di redazione della SBE, e nelle pagine del suo libro ha messo a frutto il suo decennio di esperienza come barista in un locale del quartiere milanese di Baggio. È inoltre uno degli sceneggiatori delle avventure dei Bonelli Kids e ha disegnato il "Bestiario um o ristico " su testi di Luca Barbieri. Al proprio curriculum aggiunge ora la mansione di romanziere. Immerso nella periferia milanese sorge un microcosmo frequentato da una fauna eterogenea di giocatori d’azzardo, simpatici furfanti, delinquenti di mezza tacca e un’accolita di anziani dediti all’alcool. Tino, uno dei due giovani baristi del locale di proprietà dell’istrionico Saverio, è il Virgilio rionale che guiderà il lettore entro una commedia umana dalle tinte tragicomiche, una vera e propria epica del perdente, nella quale le vicende dei personaggi che la popolano s’intrecciano fra trame cruente e momenti esilaranti. Ai tavoli del bar si giocano interminabili partite di poker ma la posta in gioco, per gente come Nico, Salvo, Zago e altri, è talvolta molto più pesante del solo denaro. Verità? Invenzione? Poco importa perché, come ha insegnato Eduardo, se qualcuno muore sulla scena, o in un libro, è perché c’è qualcuno che muore nella realtà. E adesso, avanti!

L'uscita di dicembre della storica rivista “Fumo di China”, giunta al numero 301, contiene tra le altre cose anche una bella intervista semplice eppur commovente in cui Teresa Marzia ricorda Federico Memola, a un anno dalla scomparsa dello sceneggiatore milanese. Un'occasione unica per ripercorrere la vita e la carriera di un autore molto amato dai lettori, che hanno sempre dimostrato di apprezzare particolarmente i suoi lavori.


PAGINA

14

Le iniziative legate al nostro beniamino e al suo creatore

MARTIN MYSTÈRE A SKY TG24 Il 29 settembre 2018 esordiva sulle pagine del sito di Sky TG24 "Fum etto p o lis", un blog interamente dedicato al fumetto e ai suoi autori che in qualche modo è stato inaugurato dalla Sergio Bonelli Editore, visto che il primo articolo era dedicato alla grande mostra che celebrava i 70 anni di Tex. Passato nel frattempo dalle mani di Roberto Palladino a quelle di Gabriele Lippi, "Fum etto p olis" è tornato a occuparsi della nostra Casa editrice domenica 6 dicembre con una lunga intervista ad Alex Dante a proposito del suo ultimo libro, “Martin Mystère presenta: La storia impossibile del mondo dal Big Bang all'anno zero”. Per leggere l'intervista, corredata dal trailer e da alcune pagine del libro, vi basta visitare le pagine di Fumettopolis.

BONELLI POINT DIVENTA... STORE! Sergio Bonelli Editore ha inaugurato venerdì 15 gennaio il suo nuovo punto vendita, il Bonelli Store, situato in via Coni Zugna 6/8 a Milano, a poca distanza dalla fermata MM2 di Sant'Agostino. L'anima del Bonelli Point, lo spazio di via Marghera che per tre anni ha fatto da punto di riferimento per

i tanti appassionati dell'Universo Bonelli, torna a vivere ancora più forte in una nuova sede di oltre 160 metri quadrati e otto ampie vetrine, in cui troveranno posto tutte le novità. Il nuovo Bonelli Store permette inoltre ai lettori di sentirsi ancora più vicini alla Casa editrice, grazie agli spazi riservati agli incontri con gli autori, che sono sempre stati apprezzatissimi e che ci auguriamo riprendano molto presto. A tutti gli appassionati di fumetti il Bonelli Store offre anche un'altra sorpresa. A fianco dei suoi Eroi trova infatti spazio un'ampia offerta di pubblicazioni targata Panini Comics, che hanno un loro punto riservato all'interno del negozio.


PAGINA

WOW CHE APERITIVO NATALIZIO! Sono ripresi gli appuntamenti in streaming organizzati dal Museo del Fumetto di Milano per la serie “WOW Che Aperitivo”. Per concludere il 2020 e fare gli auguri di Buon Natale a tutti è stato organizzato un dibattito sullo stato del fumetto venerdì 18 dicembre con ospiti Alfredo Castelli, Gianluca Piredda, Silver e Michele Ginevra del Centro Fumetto "Andrea Pazienza".

DIAMO I NUMERI CON DIME WEB! Anche quest’anno i curatori del blog Dime Web hanno realizzato un resoconto annuale dei numeri bonelliani, suddividendo il riassunto in più puntate. Si è partiti dai dati generali e dei personaggi, con la serie di Martin Mystère stabile all’8° posto per numero di tavole inedite pubblicate; si è poi analizzata la quantità di tavole prodotta da ogni singolo sceneggiatore; per poi concludere con i dati riferiti alla produzione dei disegnatori e dei copertinisti. Una lavoro titanico, che merita ammirazione!

LA SCOMPARSA DI GIANNI MIRIANTINI L’editore Gianni Miriantini è morto il 25 dicembre a causa di un infarto. Fondatore della libreria Tour de Babel a Parigi e socio della casa editrice francese Vertige Graphic, Miriantini aveva fondato nel 1986 Hazard Edizioni, casa editrice specializzata nella pubblicazione di libri e cataloghi di grafica, illustrazione e fumetto d’autore italiano e internazionale. In carriera, ha curato diverse mostre sul fumetto per festival come Cartoomics di Milano e Comicon di Napoli. Sul finire degli anni Novanta, Hazard Edizioni anticipò l’arrivo dei fumetti di Sergio Bonelli Editore in libreria, proponendo la riedizione delle storie di Martin Mystère in volumi cartonati e a tiratura limitata. A lui si devono alcuni dei più bei gadget mai realizzati sul Detective dell’Impossibile, come le spillepins, i poster della serie Mystère’s Mysteries, la statuetta Pixi.

15


PAGINA

16

Una vetrina dedicata a cerca/cede materiale mysteriano

Con il nuovo anno inauguriamo una rubrica che, se avrà successo, proporremo in tutti i prossimi numeri de Il Bollettino di AMys. Vogliamo dare voce ai nostri Soci, che cercano o vogliono vendere materiale del BVZM. Nel caso siate alla ricerca di qualche pezzo particolare, potete inviare la vostra mancolista alla solita mail: ass.cult.amys@gmail.com. Noi la pubblicheremo insieme al vostro indirizzo mail, così che possiate essere contattati da eventuali venditori. Analogamente, chi ha pezzi da cedere può mandarci l’elenco ed eventualmente qualche foto a corredo. AMys mette a disposizione la propria vetrina. Alla trattativa pensateci voi! Iniziamo con la pubblicazione della mancolista del nostro Socio Carlo Fortarel da Bolzano, il quale sta cercando: - Guida 3a Fiera di Balerna - Catalogo “Sogni di carta” e cartolina - Cartella Nave Mystero - Catalogo “America on my mind” - Cartella “Mysteri italiani” rosa e bianca - Catalogo “Premio satira politica 1995” - Poster Hazard Season One - Poster 3d - Locandina “Mystero a Porto Petro” - “Il piccolo missionario “ nr. 6/1983 - “Mistery mysteries” - Acquisto litografie e stampe - Acquisto materiale associazione AMys

Potete contattare Carlo a questo indirizzo: carlo.fortarel@libero.it

Quella che vedete sopra è una tavola originale di Gianluigi Coppola per la storia “Oltre le mura”, (pag. 70) pubblicata su Martin Mystère nr. 146 del maggio 1994. Misura 50,8x 36,6 cm e non è firmata dall’autore. La tavola è in conto vendita presso AMys. Quindi potete contattare l’Associazione per ogni richiesta.


PAGINA

17

Nuovi autori si cimentano su Martin Mystère

Anna Lazzarini è una disegnatrice e illustratrice in forza alla SBE dal 1996, con la quale ha esordito disegnando il personaggio di Legs, per poi passare ad Agenzia Alfa e Nathan Never. Suoi anche l’albo numero 10 di Grego ry Hunter, pubblicato nel 2001, e il secondo e dodicesimo albo della miniserie Brad Barro n, realizzati quattro anni dopo. Tra i suoi lavori spiccano la storia principale dell’albo “maxi” numero 12 (ultimo) della miniserie Greystorm, e i disegni per “I sogni dei morti” su testi di Paola Barbato, per la collana Le Sto rie. Come illustratrice ha collaborato alla realizzazione di diverse versioni delle carte dei Tarocchi per Lo Scarabeo Edizioni. Nel 2020 l’abbiamo vista sulla serie Zago r - Darkwood Novels. Questa la sua interpretazione del Detective dell’Impossibile per una commission fatta ad un nostro Socio.

Iscriversi per la prima volta o rinnovare la propria adesione ad AMys è molto semplice, basta seguire questa facile procedura: 1 - scegliere la tipologia di Socio alla quale vuoi appartenere tra queste due: ***SOCIO ORDINARIO*** Per una quota associativa di 15€ si riceve la tessera realizzata da Anna Lazzarini e una esclusiva stampa dedicata a Martin Mystère realizzata da un importante nome del fumetto. Si può accedere al nostro catalogo di prodotti e partecipare a tutti i nostri eventi.

***SOCIO SOSTENITORE*** Per una quota associativa di 50€ si riceve la tessera realizzata da Anna Lazzarini; 4 esclusive stampe dedicate a Martin Mystère realizzate da importanti nomi del fumetto; le seconde 4 spille di una serie di 12 che ci accompagneranno da qui al 2022 (anno in cui celebreremo il quarantennale di Martin Mystère); l’albo “RI(S)GUARDIAMOLI UN’ALTRA VOLTA!”, contenente una raccolta dei migliori frontespizi tratti dagli albi di Martin Mystère; il quarto numero del nostro “IL CORRIERE DEL MYSTERO”, la rivista dei Soci AMYS fatta dai Soci AMYS. Si può accedere al nostro catalogo di prodotti con uno sconto del 10% sui prezzi e partecipare a tutti i nostri eventi. A chi si iscriverà per la prima volta ad AMys verrà regalato un “posterino” di benvenuto realizzato da Lucio Filippucci e autografato dal nostro Presidente e una esclusiva spilla che permetterà di riconoscerci ai vari eventi. 2 - decidere se si vuole ricevere i gadget per posta oppure si preferisce ritirarli a mano ad una delle manifestazioni a cui AMys parteciperà nel corso dell’anno, tenendo conto che l’opzione “spedizione” prevede un invio unico a fine anno e un costo aggiuntivo di 6,50€ di spese postali. 3 - versare la somma corrispondente (15€, 50€ + eventuali spese di spedizione) alle seguenti coordinate: ricarica PostePay: n. 4023 6009 7758 4517 intestata a Luca Salvadei C.F. SLVLCU70R16L424L bonifico CC Bancario: IT41Y0200833681000101952105 intestato ad Ass. Cult. AMys PayPal: alla mail ass.cult.amys@gmail.com 4 - contattare l’Associazione all'indirizzo ass.cult.amys@gmail.com indicando: il proprio nominativo, la modalità di iscrizione scelta, il tipo di pagamento effettuato e la data in cui è stato fatto e le modalità di ritiro dei gadget: se si vuole riceverli per posta oppure si preferisce ritirarli a mano.


Profile for AMys

Il Bollettino di AMys - Gennaio 2021  

Novità su Martin Mystère, l'inizio del tesseramento per AMys, notizie degli autori, le uscite in edicola, Bonelli nel mondo, il Corriere del...

Il Bollettino di AMys - Gennaio 2021  

Novità su Martin Mystère, l'inizio del tesseramento per AMys, notizie degli autori, le uscite in edicola, Bonelli nel mondo, il Corriere del...

Advertisement