Page 1

Dicembre 2013

Nr. 10

lady gaga Arte o Pop? ARCADE FIRE La sinfonia di

Orfeo ed Euridice

Elisa “Ho vinto

il mio mostro!” Disco del mese

M.I.A.

katy perry “Ho scelto la luce”

MIKA  EMINEM  STING  ROBBIE WILLIAMS  JAMES BLUNT  FIORELLA MANNOIA


Nr. 10

Dicembre 2013

Katy perry “Ho scelto la luce” ARCADE FIRE La sinfonia di Orfeo ed Euridice

Elisa “Ho vinto

il mio mostro!” Disco del mese

M.I.A.

arte o pop?

lady gaga MIKA  EMINEM  STING  ROBBIE WILLIAMS  JAMES BLUNT  FIORELLA MANNOIA


Dicembre 2013

Nr. 10

Katy perry “Ho scelto la luce”

lady gaga Arte o Pop?

elisa “Ho vinto il mio mostro!” Disco del mese

M.I.A.

La sinfonia di Orfeo ed Euridice

MIKA  EMINEM  STING  ROBBIE WILLIAMS  JAMES BLUNT  FIORELLA MANNOIA

Foto_Jean-François Lalonde

ArcAde fire


How To

List View 1

List View 2

Clicca sull’icona per vedere l’indice visivo delle pagine

Clicca sull’icona per vedere varie miniature delle pagine in scorrimento

Getting Started

Cover Shortcut

La barra di navigazione che ti consente di visualizzare il magazine in tre modi differenti

Clicca sui vari titoli per andare direttamente alle pagine

Slider View Cliccando l’icona puoi vedere l’indice con le varie miniature delle pagine del magazine

Icon

Clicca l’icona per sfogliare le gallery fotografiche

Clicca l’icona per recensioni ed approfondimenti

Clicca l’icona per vedere video e

videography

Clicca l’icona per biografie e

contenuti speciali


Dicembre 2013

Nr. 10

Katy perry “Ho scelto la luce” lady gaga Arte o Pop? ARCADE FIRE La sinfonia di Orfeo ed Euridice Disco del mese

M.I.A.

“Ho vinto il mio mostro!”

MIKA  EMINEM  STING  ROBBIE WILLIAMS  JAMES BLUNT  FIORELLA MANNOIA

Foto_Fabio Lovino

Elisa


Editoriale

Mea culpa, Laura! In questi ultimi giorni, prima di chiudere il nuovo numero di BNow, ho avuto modo di andare alla conferenza stampa di presentazione del greatest hits di Laura Pausini. Un disco che celebra i suoi primi 20 anni di carriera. Io Laura l’ho sempre snobbata e vista (come per molti altri artisti italiani) come una cantante dotata di una bellissima voce ma il fatto di fare pop melodico italiano, mieloso e sdolcinato la squalificava a priori e insindacabilmente dai miei rigorosi canoni musicali. Uffa… la Pausini, che noia... Io sono rock, r&b, dance. Io sono figo e ascolto la musica indie, quella più di nicchia, più sperimentale, io ascolto musica colta, il post del post, io ascolto il nu soul e tutte le cose più fighe, trendy e cool, naturalmente esterofile. Quando trasmettevano una canzone di Laura in radio passavo impietosamente su un altro canale. Nessuna chance di ascolto, neanche per errore! Sono andato alla sua conferenza quasi per caso, ero curioso più per l’allure dell’evento in sé piuttosto che per ascoltare la sua musica e soprattutto quello che aveva da dire. Come al solito non avevo capito nulla! Laura l’avevo incontrata e intervistata altre volte ma forse ero sempre stato distratto. Questa volta mi ha completamente affascinato con la sua semplicità e la sua spontaneità. Ha raccontato con grande onestà i suoi primi passi nel mondo della musica, senza filtri e inutili maschere. Ha raccontato in modo intimo e amichevole le difficoltà che ha incontrato e soprattutto ha raccontato di suo padre e dell’importanza che ha avuto nella sua carriera. Un padre che l’ha sempre guardata negli occhi e che l’ha sempre spronata, incoraggiata e sostenuta in maniera speciale, romantica ed empatica. Mentre raccontava ha pianto di gioia, di felicità, di commozione. Ammetto, mi sono commosso anche io. Forse perché anche io sono padre e mi piacerebbe che mia figlia mi descrivesse con le stesse magnifiche parole che ha usato Laura per il suo! Alla fine Laura ha detto: “Io faccio questa musica che forse a molti non piace, ma a me piace veramente un casino!” Ecco la chiave di lettura. Grazie Laura per la tua musica. Mentre scrivo ascolto La Solitudine di Laura Pausini (da “Laura Pausini”, 1993)

Marco De Crescenzo https://twitter.com/madecre https://www.facebook.com/madecre • http://instagram.com/madecre#

Direttore Responsabile Marco De Crescenzo madecre@bnow.it Co-Direttore Rossano lo mele rossano@bnow.it Comitato di redazione Daniel marcoccia e Stefania Gabellini Art Director HyeSoo Bang Online Editor Michele “mike” zonelli Comunicazione / promozione Valentina generali Vale@bnow.it Collaboratori Andrea Grandi, Elia Alovisi, Nicholas David Altea, Francesca Bruni, Lorenzo Cibrario, CAMILLA GUFFANTI, Mavi Mazzolini, Elena Rebecca Odelli, Matteo Vaghi Guida Spirituale Joe strummer www.bnow.it

redazione@bnow.it BNow è edito da We&fi consulting srl Via san carlo, 63 20017 – Rho (Mi) Registrazione al tribunale di milano n.264 del 22/06/2012

Tutti i diritti di riproduzione degli articoli pubblicati sono riservati. Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non saranno restituiti. Il loro invio implica il consenso alla pubblicazione da parte dell’autore. È vietata la riproduzione anche parziale di testi, documenti e fotografie. La responsabilità dei testi e delle immagini pubblicate è imputabile ai soli autori. L’editore dichiara di aver ottenuto l’autorizzazione alla pubblicazione dei dati riportati nella rivista.

Bn

9


Teatro alla Scala Domenica 12 gennaio 2014 ore 19.30

Daniel Harding Jan Lisiecki pianoforte Montalbetti, Another’s Hell, cinque sonetti per orchestra (Prima esecuzione assoluta; commissione della Filarmonica della Scala)

Schumann Concerto per pianoforte in la min. op. 54 Schubert Sinfonia n. 9 in do magg. La grande Durante la Prova Aperta i brani possono essere ripetuti, omessi o eseguiti in altro ordine. Introduzione ai brani a cura di Carla Moreni

Foto Silvia Lelli

LA FILARMONICA DELLA SCALA

INCONTRA LA CITTÀ

Prevendita tel. 02 465 467 467

a favore di

(da lunedì a venerdì, ore 10 - 13 e 14 - 17)

Biglietti da 5 a 35 Euro (esclusa prevendita) Altre prevendite

www.vivaticket.it - www.geticket.it con il sostegno di

coordinamento generale

www.aragorn.it

con il patronato di

in collaborazione con

media partner

milano

con il patrocinio di


line up

Dicembre 2013 Headliner

30

34

Katy Perry

Lady Gaga

48

60

Arcade Fire

Elisa with

36

40

42

Eminem

Avril Lavigne

Robbie Williams

46 John Newman

52

54

Tegan & Sara

James Blunt

64

66

Levante

Meg

56

58

Mika

Sting

68

70

Roccia Music

Fritz Da Cat

special guest

13

Intro + Outro Fiorella Mannoia 86 and

14

18

What's On News + App

16 20

Ricette Rock Marta Sui Tubi

What If Big Fish

22

Q&A Time I Cani

Brand New Artist Gallery

ShowNow reviews, games, hi-tech, gadget, style 73

Bn 11


Foto_Simone Cecchetti

First time

Fiorella Mannoia Pochi altri in Italia potevano permettersi di omaggiare con un disco tributo la memoria di Lucio Dalla in modo credibile. Fiorella, che il cantautore bolognese chiamava affettuosamente “Rosalba”, è sicuramente una di questi. “A Te” è stato registrato in presa diretta con un’orchestra, diretta da 5 maestri. di Andrea Grandi

Il primo brano che hai voluto inserire in questo disco.

qual è stato

l'ultimo viaggio di

fiorella mannoia? 1. Brasile 2. Benin 3. Senegal Trovi la risposta alla pagina 86 in "Last Time"

“Quando Lucio se n’è andato stavo facendo le prove per la tournée di ‘Sud’. È stata una notizia totalmente inaspettata e un vero shock. Come dice Ron, pensavamo fosse come Ulisse, intoccabile e immortale. Non avrei immaginato di provare un simile dispiacere. Così ho deciso di scegliere un brano da cantare in tour per ricordarlo, Cara. Ho recuperato tutta la sua discografia sterminata e mi son resa conto di conoscere tutte le sue canzoni a memoria. Mi erano entrate sottopelle. Scegliere la tracklist è stata un’epopea, ma mi sono indirizzata su tre fronti: in primis, emozionale e affettivo; poi ho scelto brani meno conosciuti, come Sulla Rotta di Cristoforo Colombo, Milano, La Casa in Riva al Mare, con l’approvazione di Marco Alemanno, che mi è stato molto vicino nei giorni della registrazione del disco e mi è stato di conforto; infine, ho scelto le canzoni che potevo cantare: quel folletto marziano aveva un’estensione incredibile, passando da un’ottava a un’altra con naturalezza sovrannaturale. Ho rinunciato a Futura e Apriti Cuore con la morte nel cuore”.

Il primo incontro con Lucio.

“Avevo 17 anni ed ero al bar sotto la casa discografica Rca negli anni ‘70. Ho visto un tipo, piccoletto, col cappello in testa, al bancone del bar, che raffreddava un cappuccino fischiettandoci sopra. Mi ha attratto subito questo gesto e ho pensato ‘Questo è matto!'”.

Il primo brano di Lucio che hai amato.

“Un Auto Targata Torino, mentre Cara quella che ho sempre voluto cantare”.

La prima volta che hai litigato con lui.

“Nei primi anni ’90 mi chiamò a Bologna, voleva propormi un brano di un giovane autore che a me non piaceva, descriveva un tipo di donna che non mi corrispondeva. Nessuno cedette, me ne andai e per un periodo non ci parlammo. Poi recuperammo i rapporti, e mi cambiò affettuosamente il nome in Rosalba. Non mi fregio di essere un'intima amica di Lucio, ma ci siamo frequentati, ci siamo sempre voluti bene: un rapporto tenero di sincera stima e affetto reciproci”.

Bn 13


What's ON

L’anno che verrà…

Nel 2014 rivedremo Jay-Z e Kanye West (“Watch the Throne II”), Dita Von Teese, Adele, Emeli Sandé, Red Hot Chili Peppers, Taylor Swift, Offspring, Rihanna, Craig David, Garbage, No Doubt, U2, Foo Fighters.

Italian Chart History 10 anni fa 20 anni fa 30 anni fa

1 Obsesion Aventura

2 Where Is The Love? Black Eyed Peas

3 White Flag Dido

4 In The Shadows Rasmus

Me Against The Music

5 Britney Spears feat. Madonna

Penso Positivo

1 Jovanotti

Come Mai

2 883 & Fiorello Living On My Own

3 Freddie Mercury Stay 4 U2

Brothers In The Space

5 Aladino

1 Flashdance Irene Cara

La musica di Natale Come da tradizione, è affollata la lista degli album strenna 2013: Mina, Mary J. Blige, Leona Lewis, Neil Diamond…

Pare che prima o poi tocchi a tutti incidere un disco di canzoni natalizie. A guidare quest’anno la truppa, la tigre di Cremona, dopo l’EP “Piccola Strenna” del 2010: “Mina Christmas Song Book” contiene, oltre a un duetto con Fiorello, anche un libretto con una ricerca storica per ogni canzone e le illustrazioni di Giorgio Cavazzano con protagonista “Mina Uack”; per restare in Italia, si cimentano coi classici anche Mario Biondi (con 2 inediti), il trio de Il Volo (versione esclusiva per il nostro paese) e Giovanni Allevi. Anche le ugole d’oro estere si sfidano sul tema: Mary J. Blige, Leona Lewis, Barbra Streisand, Kelly Clarkson, Susan Boyle, Jewel, Tamar Braxton; per chi invece ha uno spirito più rock, può indirizzarsi sulle proposte dei Bad Religion e Neil Diamond, mentre per gli amanti del sound più classico ci sono i Celtic Thunder.

2 La Donna Cannone

Francesco De Gregori

3 Paris Latino Bandolero

4 Moonlight Shadow Mike Oldfield

5 Karma Chameleon Culture Club

14

Bn

Nuovo album nel 2014

La Material Girl vorrebbe un album più orchestrale, acustico “Il flusso creativo continua a scorrere…”

Madonna

Sognando i Daft Punk...

Ha dichiarato di aver chiesto la loro collaborazione “Sto aspettando che mi ricontattino…”


What's ON

I Modà fanno il giro del mondo

A maggio la band sarà in tour in sette città europee e a New York, l’11 luglio allo Stadio Olimpico e il 19 a San Siro. È uscito inoltre il repack di “Gioia” con 2 inediti, con i Tazenda e Jarabe De Palo.

Jennifer Lopez è ora una Barbie

7 Days 7 App

Barbie® Collector celebra l’icona del pop con una collezione di fashion doll.

VOICE SYNTH Prezzo_8,99 € Sintetizzatore per la tua voce

Due i modelli già in commercio: la bambola dedicata al World Tour® si fa notare per la brillante tuta tempestata di pailettes, i tronchetti open-toe color argento, un make up leggero ma curato e una cascata di capelli ricci; la Barbie® Collector Jennifer Lopez Red Carpet veste invece un abito lungo a sirena, creato anch’esso dallo stilista Zuhair Murad, e un’acconciatura legata in uno chignon alto che mette in mostra gli orecchini e un make up perfetto.

SPLIT N PLAY Prezzo_0,89 Doppio lettore musicale per cuffie

In attesa del nuovo album, prodotto da RedOne e previsto per l’inizio del 2014, l’anno in corso ha visto la star portoricana inserita nella Hollywood Walk of Fame, Chief Creative Officer per NuvoTV (prima remittente tv inglese a parlare al mondo latino in spagnolo) e il lancio della sua nuova fragranza, JLove.

Foto_JVijat Mohindra

Foto_James K Lowe

SCALE TUNER

IN out Lorde

Prezzo_Free Per modificare le accordature

Miley Cyrus GARAGE BAND Prezzo_Free Suona con funzione multi touch

Vivisezione musicale dei pregi e difetti, frizzi e sollazzi del sottobosco culturale dei cantanti A cura di Elena Rebecca Odelli Esistono ancora i talent scout. Si Ringrazia Scott Maclachlan.

7

Discovery

4

Papà country singer e la TV series come Hanna Montana a garanzia.

4

Miley, hai un bel corpo, non c’è bisogno ogni volta di creare scalpore mostrandoti come mamma ti ha fatta.

Raffinata, elegante ma soprattutto vestita. Ammalia con voce più che con chilometri di coscia nuda.

7

look

Royal ha un testo accattivante seppur ambizioso. La vedremo in versione ape regina alata della festa?

7

songs

4

Il testo di We Can’t Stop è ai livelli di scrittura elementare, alla Hannah, per intenderci.

Riccio capriccio e occhio ceruleo in bella mostra. Storyboard essenziale.

4

videoclip

5

Non manca nulla: twerk, lato B in mostra, balletti provocanti, nude look...

SOUNDTRACKER Prezzo_Free Archivio di 22 milioni di canzoni

VOICE BAND Prezzo_1,79 Trasforma la voce in 10 strumenti

Madonna

3oo

milioni di dischi venduti in tutto il mondo

125

milioni di dollari di utile netto tra il 2012 e il 2013

77

I singoli, dal 1982, e 12 album in studio

SOUNDHOUND Prezzo_Free Riconosce un brano in 4 secondi

Bn 15


katy perry

30

Bn

www.katyperry.com


La reginetta del Pop è tornata: “Prism”, 4° album di Katy Perry, emana positività e ottimismo, dopo il momento cupo di recente attraversato nella vita privata. Definito “più maturo” e “più profondo” dei precedenti, il disco vuol segnare una svolta nella carriera della cantautrice. testo Andrea Grandi foto Cass Bird

B

asta quindi con le caramelle e lo zucchero filato? Con il teen pop a presa rapida e i lustrini negli show? Da sbarazzina “candy girl” a donna introspettiva e riflessiva? Così Perry, pardon, pare. Tra un anno Katheryn Elizabeth Hudson sarà trentenne ed evidentemente qualcosa si sta muovendo. Del resto, un cambio radicale sembrava preannunciato dai video messi in rete negli ultimi mesi in cui Katy lanciava l’uscita del nuovo singolo, Roar, assistendo al proprio funerale e bruciando la sua parrucca viola. A dirla tutta, qualche avvisaglia la si aveva già avuta in Wide Awake, che accompagnava i titoli di coda del film autobiografico in 3D “Katy Perry: Part of Me” (incasso mondiale, 37 milioni di dollari), realizzato per “chiudere la Teenage Dream Era”.

Bn 31


Lady gaga

www.ladygaga.com

Arte o pop? Lover or hater?

Le pop star hanno due grandi capacitĂ :

unire e dividere.

Alzi la mano chi almeno una volta in vita sua, in pausa pranzo,

alla fermata dell’autobus oppure durante

una chiacchierata tra radical chic,

non abbia mai espresso

la propria opinione su

Lady Gaga testo Francesca Bruni foto Inez & Vinoodh

Clicca per continuare a leggere

34

Bn

Clicca per accedere alla videogallery


Bn 35


eminem

www.eminem.com

Clicca per leggere la recensione di “Marshall Mathers LP2�

36

Bn


Il Dio del Rap Eminem è come quei calciatori che ritornano in campo dopo un po’ di tempo, li pensi fuori forma E appesantiti; e invece no, il talento non lo compri, soprattutto nel rap, o ce l’hai o sei fuori o comunque in ogni caso non campi tanto in assenza di quello. testo Nicholas David Altea

minem è uno dei personaggi più influenti degli ultimi 15 anni, che tu ascolti rap o no, uno che ne ha fatte di cotte e di crude, uno che fa parlare di sé per qualsiasi cosa faccia. Certo, se le va a cercare, con quella faccia da mocciosetto sedicenne che si ritrova anche se ormai ne ha 41 di anni ed è sempre pronto a sputarti in faccia le sue rime oppure semplicemente a sputarti in faccia nel vero senso della parola. Questa volta, oltre al fido scopritore e produttore Dr. Dre, Rick Rubin fa la parte dell’allenatore con tanta esperienza che riesce a tirar fuori ancora il meglio dal calciatore navigato ma ingestibile. Anni fa ci sarebbe dovuto essere un “Relapse 2” e invece venne fuori “Recovery” (2010), adesso si torna ancora più indietro e il 2 lo mette abbinato a uno dei suoi dischi migliori: “Marshall Mathers LP2”. Eccolo quindi tornare in auge, lanciato a vincere gli YouTube Music Awards con Rap God come artista dell’anno. Spavaldo come sempre, agli EMA nel suo bomber verde oliva con interni arancioni che fa tanto anni ’90, sbanca come mai nessun altro al mondo, tanto da vincere oltre al Best Hip Hop anche il premio più grande di sempre, il Global Icon Award che va ad aggiungersi ai 12 Awards vinti in carriera che andrebbero sommati anche ai 13 Grammy e 11 VMA. Poi, se ci fossero ancora dubbi su di lui, sentitevi il centinaio di parole che spara dal vivo in soli 15 secondi in Rap God. Tecnica e pazzia vanno di pari passo, come la Mano de Dios di Maradona: con il gol dopo aver dribblato mezza Inghilterra, provaci tu a non sentirti Dio, se ci riesci. N

Bn 37


Robbie williams

www.robbiewilliams.com

From the

42

Bn

Crown


to‌ the

Swing

20 anni di onorata carriera per Robbie Williams, prima con il fenomeno pop Take That, in seguito come

solista pluripremiato e miliardario. Oggi, a distanza di parecchie vittorie,

Robbie sembra conoscere un momento di stallo,

come se la sua parabola fosse in discesa.

testo Lorenzo Cibrario

Bn 43


Arcade fire Il migliore

disco

scelto da Bnow voto

9

48

Bn

www.arcadefire.com


I primi due album degli Arcade Fire si incrociano nella loro totale solitudine e si uniscono in "Reflektor", terzo album in studio della band canadese. Due dischi, il primo molto piu ' arioso, il secondo rarefatto e cosmico, per mantenere sensazioni e impeti delle vecchie cassette. testo Mavi Mazzolini foto Korey Richey

La SINFONIA

di ORFEO ed EURIDICE

Bn 49


Sting

www.sting.com

And yet and yet... Sting is back. Dieci anni dopo il suo ultimo disco, Sting si rimette a navigare nel mare della musica e lo fa tornando a casa, raccontando una storia vera che diventa un concept album, un musical e un messaggio sociale. testo Marco De Crescenzo foto

Frank Ockenfels

I

ncontrare un proprio mito musicale è sempre un’emozione. Se quando avevo 16 anni mi avessero predetto che nel futuro avrei intervistato Sting mi sarei fatto una fragorosa risata. Sting in versione Police è un mio mito indiscusso. Lui è un elemento imprescindibile per la mia passione musicale e i Police sono nella mia top 10 di sempre. Il capitolo Sting come solista è una questione leggermente diversa. Una passione a corrente alterna. A volte mi è piaciuto, a volte mi ha annoiato tremendamente. L’avevo già intervistato anni or sono durante una sua fugace apparizione sanremese nel 2000. Ora, a distanza di tanti anni, ecco il suo nuovo disco, “The Last Ship”, ed eccomi di nuovo davanti a lui. Davanti a uno dei miei miti. Ecco il resoconto del nostro incontro.

Clicca per continuare a leggere.

IL MUSICAL TEATRALE

“Il disco è la base di un musical scritto insieme a Brian Yorkey. È un lavoro pieno di ricordi che ruotano intorno alla chiusura dei cantieri navali di Wallsand, quella periferia nord di Newcastle dove sono nato e cresciuto. Sono stato 8 anni alla ricerca di un’idea per un disco. Ho dovuto in un certo modo ingannarmi, ho dovuto togliere di mezzo il mio ego e raccontare delle storie attraverso le voci di altri personaggi. Alla fine però ho raccontato la mia storia. Appena ho iniziato a scrivere questa sceneggiatura le canzoni sono venute immediatamente. La definizione che io spesso uso per raccontare questo incredibile processo creativo è quello di aver ‘vomitato’ una raffica di canzoni. Come fossero state dentro me per tanto tempo. La nostalgia ha creato un utile ambiente creativo dal quale attingere per tornare indietro al passato in modo poetico. Io sono nato in un contesto abbastanza surreale e interessante. Nel corso dell’anno vedevo, in fondo alla mia strada, sorgere nei cantieri navi gigantesche, montagne d’acciaio che oscuravano il sole. Il musical debutterà il 10 giugno a Chicago e, se le cose andranno bene, replicheremo a New York”. N

“Non so se ci sarà un’altra reunion coi Police. Nel 2007 il momento, anche finanziariamente, era perfetto. Mi sono lasciato trascinare dal mio istinto che diceva di farla. Avevo per 20 anni rifiutato l’idea. Sinceramente ora sono felice come sono, mi piace suonare nei teatri, basta stadi, non mi interessa più far parte di una band come i teenagers”.

58

Bn


Bn 59


Elisa

60

Bn

www.elisatoffoli.com


Ho vinto il mio

”L’Anima Vola” è il primo album di Elisa composto da brani interamente scritti in italiano che, da punto di debolezza, ne prova a far punto di forza, grazie anche all’apporto di autori come Ligabue, Tiziano Ferro, Giuliano Sangiorgi. Ed Ennio Morricone. testo Andrea grandi foto Fabio Lovino

C

he qualcosa sia davvero cambiato, per Elisa, lo si percepisce da come tiene fra le braccia il suo secondogenito, Sebastian, un pupetto meraviglioso dai grandi occhi azzurri di nemmeno 5 mesi. Un’aria nuova, una voglia di cambiamento, di rivoluzione, come spiega lei stessa presentando la sua ultima fatica discografica, uscita a 4 anni dall’ultimo disco di inediti “Heart” (2009) e a 3 dal progetto “Ivy”.

Dalla tua biografia: l’inglese da una parte era una sorta di protezione per il tuo mondo emozionale. Ora non hai più bisogno di questa protezione? “Forse mi sento un po’ più sicura, ma la motivazione di fondo è che avevo capito di volermi rinnovare. Quando son tornata in studio, due anni fa, ho capito che volevo qualcosa di rilevante da dire, di nuovo, in una nuova forma. Una sfida naturale, un momento rivoluzionario, in cui ho fatto un brainstorming con le note, anziché solo con le parole. Mi son messa a suonare e cantare in forma libera, senza la necessità di registrare. Non volevo attingere da brani già pronti, in inglese, circa una sessantina. Volevo mollare questa rete di protezione, mi sentiva più sicura ma anche incatenata. È stata una vera tabula rasa, non volevo ricadere nelle traduzioni e nei riadattamenti dall’inglese. Volevo scrivere partendo dall’italiano. Non è un caso che il mio primo ringraziamento nei crediti del disco è per l’Italia, a tutto quello che ha e soprattutto quello che non capisce di avere e che non difende abbastanza. Mi ha fatto talmente intristire e incazzare da voler fare questo disco e affrontare il mio mostro: la mia lingua”.

Bn 61


roccia music

68

Bn

rocciamusic.com


Dopo Roccia tu

riposi in pace Roccia Music, il nuovo collettivo di Marracash e Shablo, ha una tensione mistica latente: tanto per dire, il loro disco si chiama “Genesiâ€?, la copertina è una versione swag della Creazione di Adamo. Abbiamo incontrato gli autoproclamatisi messia del rap italiano. testo Elia Alovisi

Clicca per leggere l'intervista.

Bn 69


Show now Music

Game

Hi Tech

Gadget

Style

Foto_ Roger Deckker

Recensione

Pg. 77

Anna Calvi La cantautrice britannica, dopo l’esordio del 2011 e l’approvazione unanime della critica, torna col secondo disco, “One Breath”. Ci avrà convinti? Bn 73


now reviews

Elia Alovisi, Nicholas David Altea, francesca bruni, Lorenzo Cibrario, Andrea Grandi, Mavi Mazzolini & Elena Rebecca Odelli

a cura di

M.I.A. Matangi Universal Music ★★★★★★★☆☆☆ www.miauk.com

Uno è il rifiuto della casa discografica di pubblicare “Matangi”, e una è stata anche la minaccia di leak avanzata da M.I.A. - uno più uno fa due, gli anni di ritardo con cui “Matangi” è stato pubblicato. Contraddittorio: usa un sample di The Weeknd e lancia frecciatine a Drake prima con Y.A.L.A. (You Always Live Again diametralmente al famoso You Only Live Once) poi con Matangi: "Started from the bottom/ But Drake gets all the credit". Però poi c'è tutta la solfa su come con la sua musica voglia trascendere il music business attuale, per questo ha chiamato l'album come la dea che ha inventato la musica migliaia di anni fa. E allora? E allora la sua musica è effettivamente sperimentale, noise (Bring The Noise), tribale (Warriors), rancida (Karmageddon), nevrotica (Double Bubble Trouble) e subacquea (Lights). Però sembra che abbia puntato troppo in alto, sembra che abbia trasceso troppo e poi non abbia lasciato nulla. Bello, molto; e se fosse stato meno distante e meno stucchevole, avrebbe potuto pareggiare "Yeezus", con cui Kanye ha saputo sì salire sull'Olimpo, ma anche farsi capire sulla Terra. (M.M.)

now download Y.A.L.A Foto_ Daniel Sannwald

74

Bn


now reviews

Pure Heroine

Lorde

Moon Landing

James Blunt

Little Mix

Universal Music ★★★★★★★☆☆☆ www.lorde.co.nz

Warner Music ★★★★★★★☆☆☆ www.jamesblunt.com

Sony Music ★★★★★★☆☆☆☆ www.little-mix.com

A discapito di un nome molto punk la neozelandese Lorde ci regala un disco fresco e leggero, che si rifà concretamente ai The XX nella produzione, con però melodie più pop. La ragazza ha solo 17 anni, per cui avrà modo di crescere e diventare un’icona del pop più raffinato, ma per ora brava e continua così! (L.C.)

Basta strizzatine di occhi, rime forzate e testi ammiccanti. Ora James inizia il countdown per il viaggio verso se stesso con lento incidere (Face the sun) per poi crescere in un turbinio sonoro (Bones e il suo sapore dance pop). Da popstar a musicista, “Moon Landing” è un ritorno al futuro passando per il passato dalla sua Deloitte. (E.R.O.)

Le quattro ragazze inglesi danno un seguito all’ottimo debutto post X Factor. Come per il precedente la formula è un r’n’b molto pop, ma mentre nel debutto si trovavano piacevoli rimandi all’hip hop, al soul e al funk, qui diventa una caricatura delle Destiny’s Child, risultando piuttosto noioso e piatto. (L.C.)

now download Team

now download Bones

now download Boy

Le tre sorelle Haim su un palco ci sono (quasi) sempre state, sin dai tempi in cui suonavano insieme ai genitori nei Rockinhaim, una family band a tutti gli effetti. Cresciute a suon di 70s rock rimasero suggestionate poi da TLC, Destiny’s Child e tutto il mondo pop e R&B degli anni zero, riuscendo ora a portarlo in una dimensione alternativa, di presa immediata.

basso funk con sopraffino uso di voci. I toni si alzano (The Wire), If I Could Change Your Mind si distingue per un’intensità di fondo forte e man mano ogni brano farà il suo corso, statene certi. Sarà un contagio a rilascio ritardato per alcune tracce (Days Are Gone e Go Slow) mentre per altre ci sarete già dentro senza accorgervene (Don’t Save me). Le ragazze della San Fernando Valley vi hanno già rapito ma ancora dovete rendervene conto. (N.D.A.)

Haim

Falling è l’open track che colpisce subito per l’atmosfera vaporosa e cadenzata, seguita da Forever, linee di

Days Are Gone Polydor

Salute

now download Forever

★★★★★★★☆☆☆ www.haimtheband.com

Foto_ Donã®´t Sav

Bn 75


Style now

Music & sneaker! Dalla partnership unica fra Foot Locker e Modestep, le rockstar britanniche del momento di musica elettronica, è nata la prima edizione del Foot Locker x Modestep Sneaker Mix Tour 2013, in Europa da ottobre a dicembre (Berlino, Madrid, Parigi, Milano, Londra), l’esperienza di un DJ set unico e le novità più calde di Foot Locker: Nike Air Max 90, Van Locus, Vans Era e Adidas Hardcourt. a cura di Andrea Grandi

Adidas Hard Court High x Foot Locker Classe e comodità dal 1985 Con un look vintage da basket e il logo in grande, hanno la tomaia in pelle sintetica e sono considerate uno dei design più hot del momento.

Nike Air Max 90 exclusive to Foot Locker Comfort e resistenza estremi Tomaia in pelle premium, intersuola in schiuma resistente con unità Max Air nel tallone per il massimo assorbimento degli impatti.

Vans Locus Comfort, flessibilità e leggerezza Versione moderna delle classiche Old Skool, presentano la costruzione a pannelli RapidWeld™ sulla tomaia e quella PleasureCuff™ del collarino, oltre alla soletta UltraCush™ Lite.

84

Bn

Vans Era exclusive to Foot Locker 40 anni e non sentirli! Creata nel 1976, questa scarpa ha saputo conservare le caratteristiche del comfort e della resistenza avanzando a passo sicuro nella moda.


Modestep: musica e stile! Formatisi nel 2010, hanno pubblicato il loro album di debutto “Evolution Theory” a febbraio 2013, anticipato dalla hit Sunlight. Autoproclamatisi fan delle sneaker, Tony è un fanatico delle Nike Air Max mentre Josh preferisce Vans o Converse; un’altra grande loro passione è la tecnologia, come è possibile notare dai loro DJ set e live show. Il loro stile musicale è influenzato da diversi generi musicali, un mix di suoni in grado di conquistare tutti.

www.modestep.com

Clicca per leggere l’intervista ai Modestep!

Foot Locker x Modestep Sneaker Mix Tour 2013

Bn 85


habitare

karismedica

habitare

medica progetti

hestetika editori

habitare

habitare

habitare

arredo e design

technologies

international s.a.

system furniture

security division

Bnow #10  

È on line la preview del nuovo numero di BNOW di dicembre che troverete nella versione completa ed interattiva nell'Apple Store all'indirizz...

Advertisement