Issuu on Google+

>bmm 43 del 23.02.2013 - Trim. - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione abb.post. D.L. 353/2003 (conv.in L.27.02.2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Ravenna - IVA assolta all’origine - Taxe Perçue • I • 6,00 • E • 8,00 • AUT • 9,50 • UK £ 8,00 • AUX $ 17.95 • CAN $ 15.95 • USA $ 18.50

The asymmetric Issue

Uma Wang Josefa Idem Carmen Busquets Patrizia Sandretto Re Rebaudengo Aristide Antonas Philippe Malouin Bebe Buell Roger Ballen

LET’S LAY BARE

43


LET’S LAY BARE Text > Piero Cattani

Il “mettersi a nudo” è un’espressione che viene utilizzata come metafora dello spogliarsi di ogni barriera mentale per far uscire il lato più intimo, che troppo spesso teniamo nascosto. La società ha eretto dei muri all’interno del nostro io chiamati coscienza per garantirsi il controllo e il mantenimento dello staus quo. In questo modo, attraverso la fase dell’apprendimento, siamo stati instradati in un binario che ci fa percorrere la “giusta” strada senza rischiare sbandamenti. Fortunatamente noi siamo individui singoli, diversi ciascuno dagli altri, e il nostro cervello o se preferite la nostra anima, tende a ribellarsi alle imposizioni che vogliono limitare creatività e libertà. Ecco che le pulsazioni originali di ciascuno, escono dall’intimo e, come martelli pneumatici, scalfiscono la coscienza fino a trovare vie d’uscita. Questa azione può essere difficile, dolorosa e, addirittura devastante; ma al contempo è necessaria. Ogni persona deve misurarsi con questo conflitto se non vuole impazzire; per questo siamo soggetti

a sfoghi che si manifestano generalmente nella necessità di confidarci con qualcuno (chi non riesce è condannato alla pazzia o alla nevrosi). Per loro stessa natura, queste pulsazioni attengono alla sfera del non lecito, rispetto ai canoni impostici dalla società, per cui è indispensabile confrontarci con qualcuno di cui ci fidiamo e che sentiamo alleato: persone con cui condividiamo l’argomento, individui del nostro gruppo sub-culturale, coetanei, ecc. In genere si identifica la persona a cui ci si rivolge con la parola amico. Orbene, questa nostra attività assai intima è comunque figlia della società e dei tempi. Tranne artisti e psicopatici, gli esseri umani si sono dovuti confrontare con quanto i tempi mettevano a disposizione: lettere, confessionali, studi psichiatrici, luoghi incantati, pied-a-terre.. Oggi, e mi riferisco soprattutto ai più giovani, si assiste a un fenomeno che aggiunge contraddizione alla contraddizione. Se fino a poco fa, fin dai tempi antichi, si trattava di un’espressione intima,

>10

riservata a due persone o a un piccolo gruppo, con l’avvento dei Social, i ragazzi “sfogano” le loro pulsazioni attraverso Internet. E se da un lato questo permette di rivolgersi ai propri simili che condividono il nostro problema e di essere intimamente soli davanti a un monitor, dall’altro fa fruire il messaggio da miliardi di persone, di tutti i tipi e di tutte le età, rendendo il soggetto estremamente vulnerabile. In altri termini, laddove ci rifiutiamo di confrontarci coi genitori per parlare dei nostri problemi, perché non ci capiscono o ne abbiamo paura, finiamo per farlo di fronte a un’infinità di persone (tra le quali potrebbero esserci i genitori stessi) che non sanno neppure chi siamo. Il mettersi a nudo resta comunque una necessità, se non vogliamo diventare degli zombie o dei frustrati. L’importante dovrebbe essere valutare sempre il come e il con chi, che diventa però ancora un paradosso: se è uno sfogo, come faccio a predeterminarne i tempi e i modi?


>bmmEDITORIAL

Ravenna, 9 luglio 2008

fundamental to ask for advice to those we truly trust: people we share the same arguments with, individuals of our same sub-cultural group, our peers. Generally it is a person that we call a friend. Well, we have to consider that this intimate activity is part of our society. Apart from artists and psychopaths, human beings have always had to compare themselves with letters, confessionals, psychiatric studies, enchanted places, and pied-àterre… Today, most of all young people are protagonists of this incredibly contradictory phenomenon; while in recent times it used to be an intimate demonstration, that was reserved only to a couple of people or a small group, with the arrival of Social networks teenagers vent their pulsations through the Internet. On one hand this give them the possibility not only to address to people of their own kind, who share their same problems, but also to be all alone in front of the monitor; on the other hand their messages become available to millions of people,

>11

of every kind and age, making these young people vulnerable. In other words, whereas we refuse to speak to our parents of our problems, because they do not understand us or we fear them, we end up with talking in front of a lot of people (among which they could be our parents) who do not even know us. Laying bare still remains a necessity if we do not want to become zombies or frustrated. It should be important to always consider how and with whom doing that; but it here it comes (again) the paradox: if it is an outburst, how can we determine time and mode?

>>

Laying bare is the metaphor of spoiling every kind of mental barrier in order to pull out the most intimate aspect – the one that we hidden too often. People erected walls inside their ego and they call them conscience, only to maintain the status quo of things. In this way, through the phase of learning, we have taken a path to run the right way, without the risk of skids. Fortunately we are single individuals, different one from another, and our brain – or if you prefer our soul – tends to raise up against those obligations that want to limit our creativity and freedom. And then here they are original pulsation of each one of us, they come from our deep down and, like pneumatic drills, they undermine our conscience until they find a way out. This activity can be so difficult, painful, even devastating: this is why we always looking for someone to vent with and those who are not able to do this are destined to madness. By their nature, these pulsations belong to the illicit sphere, according to standard imposed by society, so it is


MASTHEAD

FASHION STAFF

Fashion Director: Rossana Costantino, rossanacostantino@bmm.cc Fashion Director Assistant: Andrea Camarda, andreacamarda@bmm.cc Fashion Consulting at Large: Darryl Rodrigues

EDITORIAL STAFF

Deputy Editor: Lorella Monchi, lorellamonchi@bmm.cc Managing Editor from London: Massimo De Conti, massimodeconti@bmm.cc Deputy Editor Assistant: Giulia Casini Journalists and Reporters: C. Andrix, Andrea Camarda, Marco Cortesi, Eleonora Gionchi, Prisca Maizzi, Jean Marc Mangiameli, Vittorio Pastanella, Silvia Ragni, Serena Simoni, Alice Visconti Translations: Nioucha banna & Erica Cutullé

ARTISTIC STAFF

Creative Director: Piero Cattani, pierocattani@bmm.cc Graphic Designer: Roberto Morellini, robertomorellini@bmm.cc Graphic Designer Assistant: Giuliano Cattani, giulianocattani@bmm.cc Photographers in this issue: Katrin Backes, Piero Cattani, Enric Galceran, Muriel Liebmann, Roberto Morellini All pictures from catwalk: Daniele Guidetti Extra Pictures: Getty Images

>bmm REPRESENTATIVE

Publisher: Roberto Casadio, Piero Cattani Represented by: Fashion Abbey S.r.l. Sede Legale: Via Monte Nero 70, 20135 Milano, Tel. +39 02 29060330 Sede Amministrativa: Via Magazzini Anteriori 51, 48122 Ravenna, Tel. +39 0544 590490

PRINTING AND CIRCULATION

Managing Technology: Roberto Morellini Printing: Tipografia Derthona Srl, Strada Vicinale Ribrocca 6/5, 15057 Tortona (AL) tel. +39 0131866233, www.tipografiaderthona.it OVERSEAS EXCLUSIVE DISTRIBUTOR: JOHNSONS INTERNATIONAL NEWS ITALIA S.P.A. – VIA VALPARAISO, 4 – 20144 MILANO OVERSEAS DISTRIBUTORS: AUSTRALIA EUROPRESS TEL.: +612 96984922 FAX: +612 96987675 BRASILE EUROMAG TEL.: +55 11 36419136 FAX: +55 11 36417936 CANADA SPEEDIMPEX CANADA TEL.: +4 16 7417555 FAX: +1 416 7414634 CINA PEKINO HUAJIA TEXTILES DEVELOPMENT CENTER TEL.: +86 10 64168245 FAX: +86 10 64168344 GIAPPONE YOHAN CO. LTD TEL.: +81 3 5786 7422 FAX: +81 3 5770 1517 GRAN BRETAGNA COMAG TEL.: + 44 1895 433800 FAX: +44 1895 433801 HONG KONG E-NEWS-ASIA COM LTD TEL.: + 852 25292228 FAX: + 852 25283991 SPAGNA SOCIEDAD GENERAL ESPANOLA DE LIBRERIA TEL.: +34 916576900 FAX: +34 916576928 TAIWAN MULTI-ARTS CORPORATION TEL.: +886 2 25052288 FAX: +886 2 25168366 TURCHIA YAB-YAY YAYIMCILIK SANAYI DAGITIM TIC. LTD. STI. TEL.: +90 212 2583913 FAX: +90 212 2598863 USA SPEEDIMPEX NEW YORK TEL.: +1 718 3927477 FAX: +1 718 3610815 USA SPEEDIMPEX CHICAGO TEL.: +1 847 6409913 FAX: +1 847 6409916 USA SPEEDIMPEX LOS ANGELES TEL.: +1 310 4101015 FAX: +1 310 2162859 USA SPEEDIMPEX SAN FRANCISCO TEL.: +1 650 5832058 FAX: +1 650 5831088

>bmm 43 trimestrale del 24 febbraio 2013 - Iscrizione al Tribunale di Ravenna n. 1209 del 10.06.03 Subscriptions: bmm@bmm.cc Cost of annual subscription: Italy € 40,00, Europe € 70,00, other countries € 100,00 >12

<<

Enric Galceran on page 96

Editor in Chief & Creative Director: Piero Cattani


FASHION CONTACTS Showroom & Press Offices

Uma Wang on page 82 A.F. Vandervorst www.afvandevorst.be Acne +331 44786700  Alberta Ferretti +39  02 760591  Alessandro Mengozzi www.alessandromengozzi.com Alexander McQueen +44 207 278433  Alexander Wang www.alexanderwang.it Alexandre Vauthier +33 1 47235717Alexis Mabille +33 4 78591671 Amy Gee +39 081 8269106 Anna Sui www.annasui.com Antonio Berardi +33 1 49962070 Aquilano e Rimondi +39 02 58328232 Asher Levine +44 (0) 2074369449 Azzaro www.azzaroparis.com Balenciaga www.balenciaga.com Balmain +33 1 49962070 Baptiste Viry www.baptisteviry.com Barbara Bui +33 1 44599408 Barbara I Gongini +45 70 212140 Bcbg www.bcbgmaxazriagroup.com Bernard Delettrez www.bernarddelettrez.com Bernhard Willhelm +33 1 47000868 Bijules www.bijulesnyc.com Bluegirl +39 02 349701 Blumarine +39 02 349701 Bomboogie +39 0124 510007 Bottega Veneta www.bottegaveneta.com Burberry Prorsum +44 2079680428 Byblos +39 02 7642071 Calvin Klein +39 02 550501 Carita Paris www.carita.com Carven +33 (0)1 44619163 Casadei +39 02 62690172 Celine +33 1 55801433 Chanel +39 02 290891 Chloé +33 1 44943356 Christian Blanken +44 (0) 7950709102 Christian Dior +39 02 6556981 Christian Lacroix www.christian-lacroix.fr Christopher Kane +44 20 79385006 Closed +49 40 4418400 Comme des Garçons +33 1 47036090 Collistar www.collistar.it CristinaEffe +39 051 8659491 D&G +39 02 2772771 Damiani www.damiani.com Damir Doma +331 49237979 De Grisogono www.degrisogono.com Derek Lam www.dereklam.com Diane Von Furstenberg +1 212 7416607 Dnm Brand +39 0861 842708 Dolce & Gabbana +39 02 774271 Diesel Black Gold www.diesel.com Dominic Louis www.dominiclouis.com Donna Karan www.donnakaran. it Dries Van Noten +33 1 42744407 Dsquared2 +39 02 42297890 Emanuel Ungaro +33 1 53570006  Emilio Pucci +39 02 6556981 Emporio Armani +39  02 723181 Elie Saab +33 1 42567775 Elizabeth Arden www.elizabetharden.it Ermanno Scervino +39 02 76317900 Ernesto Esposito +39  02 783988 Eres +33 1 55905290 Etro +39 02 550201 Francesco Scognamiglio +39 02 316659 Frankie Morello +39 02 5405391 Fendi +39 02 5402331 Gaetano Navarra +39 02 316659 Gareth Pugh +44 2077202770 Giambattista Valli +33 1 44779360 Gianfranco Ferré +39 02 72134201 Giles +33 1 144779360 Giuseppe Zanotti Design +39 02 784827 Givenchy +33 1 44315070 Guarapo +39 051 6646779 Gucci +39 02 88005300 Guillame Hinfray +39 02 316659 Haider Ackermann +33 1 42039100 Hanes +1 800 8320594 Hélène Zubeldia +33 (0)1 42332450 Hogan +39 02 77225700 Hussein Chalayan www.husseinchalayan.com Iris van Herpen +32 487921386 Isabelle Marant +00 33 (0)1 49 23 75 40 Ishikawa Footwear and Apparel +39 0883 53 10 30, +39 0883 26 27 58 Jean Paul Gaultier +39 02 6556981 Jeremy Scott jeremyscott.com Jil Sander +39 02 8069131 Jimmy Choo USA: +1 212 3191111, UK: +44 (0)20 7368 5000 John Galliano www.johngalliano.com Jonathan Saunders +44 (0)20 7833 8448 Junya Watanabe +33 1 47036090 Kenzo www.kenzo. com Kontatto + 39 051 6646690 Kris Van Assche + 33 1 48045242 Kristofer Kongshaug kristoferkongshaug.com Krizia +39 02 620261 Lacoste www.lacoste. com Laitinen +33 (0) 1 42760000 Lanvin +33 1 44713335 La Perla +39 02 4223329 Liberum Arbitrium www.liberum-arbitrium.com Limi Feu www.limifeu. com Louis Vuitton +33 1 55803200 Maison Martin Margiela +39 02 5817771 Malgorzata Dudek www.malgorzatadudek.com Manila Grace + 39 051 864877 Marc by Marc Jacobs www.marcjabos.com Marc Jacobs www.marcjacobs.com Marni +39 02 748191 Max Mara +39 02 777921 Michael Kors +39 02 5748061 Misaki +377 97976699 Missoni +39 0276001479 Miu Miu +39 02 541921 Moncler www.moncler.com Moschino Cheap & Chic +39 02 6787731 Mugler www.mugler.com Neil Barrett +39 02 424111211 Oscar de la Renta + 1 888 7826357 ottod’Ame www.ottodame.it Paco Rabanne www. pacorabanne.com Paul Smith +39 02 546721 Pepe Jeans 800.786.702 Phillip Lim +1 212 3546540 Philipp Plein +41 7141 42550 Pomellato www.pomellato.it Prada +39 02 541921 Pringle of Scotland +44 (0) 1450 360200 Proenza Schouler www.proenzaschouler.com Qasimi +33 1 44779360 Rad Hourani www. radhourani.com Radà +39 02 39844139 Raf Simons +33 1 73541950 Ralph Lauren www.ralphlauren.com Riccardo Forconi +39 051 531576 Roberto Cavalli +39 02 3968031 Salvatore Ferragamo +39 02 7711141 Sebastian +39 02 783988 Sharon Wauchob +33 1 44844949 Sonia Boyajian +11 323 4649374 Sonia Rykiel +33 1 49546000 Sorapol www.sorapol.co.uk Space Style Concept www.spacestyleconcept.com  Steffie Christiaens +33 (0)9 52099752 Stella McCartney +33 1 53009300 Stroili Oro +39 02 2047376 Superated +43(0)1 9456272 Tagliatore www.tagliatore.com  Tibi +1 212 9663773 Valentino +39 02 624921 Van Cleef & Arpels www.vancleef-arpels.com Versace +39 02 760931 Viktor & Rolf www.viktor-rolf.com Vivienne Westwood +44 20 72877108 Walter Van Beirendonck
 +32 (0)3 231 77 32 Y-3 www.adidas.com Yiqing Yin +33 617 010 554 Yohji Yamamoto www.yohjiyamamoto.co.jp Yves Saint Laurent +33 1 56626572 Zana Bayne www.zanabayne.com Anna Orioles +39 02 7490274 Barbieri & Ridet +39 02 58328232 Bismarck Phillips communication +331 42966666 Brantes & Associes +331 42681010 Cristofoli Press +331 44844949 De Primera +39 02 97375997 Franca Soncini +39 02 58105520 Guitar +39 02 316659 IC Insight communications +39 02 58 177 003 Karla Otto +39 02 6556981 Karla Otto Paris +331 42613436 Kcd Paris +331 49962070 Logos +39 02 89403663 Marialicci +39 02 89408589 Massimo Bonini +39 02 783988 MGC studio +39 02 26681628 Michèle Montagne +331 42039100 MO Communications +33 1 44779360 Modenese & Modenese +39 02 29529919 Negri Firman pr +39 02 89096012 Odiens +39 02 74281074 PR Comunicazione +39 02 76340769 Pressing +33 1 42015100 Public Image Pr +33 1 42760000 Studio Next +39 02 6887400 Système D +33 1 40264781 Totem +331 49237979 Tria ADV +39 0883 333032 Wake up +39 0883 532061 Your Image +39 02 54050177 Zed Comm +39 02 36550569

<<

>14


FASHION CONTENTS Fashion Editor: Rossana Costantino

26 Editorial_Back to the Future 28 Carmen Busquets_Who Cares What Others Say? 34 Trends_Ibiza by Day 35 Trends_Ibiza by Night 36 Trends_Santa Lucia by Day 37 Trends_Santa Lucia by Night 38 Where Did You Get that Hat? 44 Bags for Millennium 46 Rainbow Fragrances 72 Show your Underwear 78 Walking a Fine Line 82 Uma Chang_Top Quality Made in China 86 The Naked Empresses 92 I Love Shopping 160 Itâ&#x20AC;&#x2122;s Time for Transparency, an Old New Trend 164 Second Skin 168 God Save the Brits 170 The Reverse Idea of T-Shirts 172 Not a Symmetrical Fashion 192 Symmetry Vs Asymmetry 196 The Nude Skin 204 Under the Sun

Katrin Backes on page 176

PEOPLE, OPINIONS & TRENDS

FASHION & BEAUTY STORIES 96 Enric Galceran_Backseat Freestyle 116 Muriel Liebmann_Something 176 Katrin Backes_Vanishing Point

<<

>16


CONTENTS Deputy Editor: Lorella Monchi

Philippe Malouin on page 136

SOCIETY 10 Editorial_Letâ&#x20AC;&#x2122;s Lay Bare 20 Josefa Idem_Policy of Truth 50 Patrizia Sandretto Re Rebaudengo_The Contemporary Patrician 56 Confession and Confessions 58 Alessandro Pascolini_Asymmetric Life and Symmetric Science 60 Differences among the Stars 62 Streakers - Mother Naked 66 BBB - Buttery but Beauty

BORDERLINE 130 Aristide Antonas_The Greek Protocol 136 Philippe Malouin_Crystal Clear 142 Roger Ballen_The American from Johannesburg 148 Asymmetric Genders 154 Bebe Buell_Bebe Ma Belle

>>

>18


POLICY OF TRUTH Atleta fuoriclasse e donna affermata, l’ex canoista tedesca Josefa Idem è in corsa verso nuovi traguardi. I successi sportivi non si sono trasformati in un cuscino dorato su cui adagiarsi, al contrario, sono diventati stimolo per accettare attraenti sfide professionali. Complice l’amore, Sefi ha eletto l’Italia a suo Paese d’adozione e proprio da qui continuano a innervarsi i suoi progetti. Text > Lina Colasanto Portraits > Piero Cattani

C’è chi sogna le luci della ribalta e chi di battere il record di Josefa Idem. Eh sì, perché è ancora lei l’atleta femminile che detiene il primato del maggior numero di Giochi Olimpici disputati. Successo, fama e riconoscimenti su tutti i fronti. Potrebbero bastare per crogiolarsi sugli allori? Non per una donna che, invece di lasciarsi cullare dall’eco delle vittorie, come farebbero i più, prova a dare una sferzata a ciò che la circonda. Come sempre, da protagonista. Dal 1990 il mondo l’ha vista trionfare sulla sua canoa indossando la maglia azzurra, oggi torna nuovamente a “gareggiare” per l’Italia: questa volta in politica, schierandosi con il Partito Democratico. Guardando alla sua carriera, tra record e un palmarès incredibile, verrebbe da chiedersi che cosa la spinge a entrare in acque certamente più burrascose di quelle in cui è abituata a pagaiare. La risposta giunge immediata, non appena si percepiscono i suoi valori. Gli occhi azzurri di Josefa sono lo specchio di una donna determinata, forte e consapevole. Sefi non ha paura di mettersi a nudo e >bmm l’ha incontrata per indagare con lei sulle asimmetrie che ci circondano. Per lei quale asimmetria spicca maggiormente a livello sociale, oggi? Il gap sempre più grande è quello tra chi può realizzare i propri sogni e chi no. La differenza fra ricchi e poveri è sempre più pronunciata. Un Paese europeo che si distingue per le sue “asimmetrie positive”? Penso sia la Norvegia che è riuscita, negli anni, a portare grandi vantaggi interni attraverso le istituzioni e il management. In Europa, in nome di un’unità sancita da una moneta unica, si trattano i Paesi come se fossero tutti uguali, in realtà non è così. Sono stati commessi molti errori. Purtroppo, si è pensato solo ai vantaggi della moneta unica e non agli svantaggi, non si sono posti dei limiti. Ma non si può certo tornare indietro, o avere una visione disfattista, è necessario guardare al futuro, è una grande sfida. Di recente, ha fatto un lungo viaggio in Australia. Come si pone questa terra rispetto al resto del mondo? Si tratta di un Paese molto evoluto e civile. Si paga tutto con carta di credito e la tracciabilità garantisce trasparenza. Per non parlare di come sono organizzati scuola e lavoro! C’è, inoltre, grande rispetto delle regole. Una parola d’ordine per abbattere le disuguaglianze? Giustizia. Sosterrebbe un progetto umanitario per eliminare le asimmetrie del mondo? A questo ci ho sempre pensato e credo sia fondamentale, però fino ad ora la mia vita è stata troppo >20


>bmmINTERVIEW

vincolante. Quando possibile, tuttavia, ho sempre partecipato a progetti di solidarietà. Come personaggio pubblico, la sua “politica” è quella del mostrarsi, dell’essere vera? Metto sempre a nudo le mie emozioni, non ho paura di questo. Palesare le fragilità è importante per far conoscere limiti e possibilità. Non ritengo giusto nascondere le emozioni, se provo rabbia per una situazione la manifesto, insieme al mio impegno. Poi è vero che non farei mai un reality, non userei quel genere di vetrina per mettermi a nudo: intimità, gusti e preferenze li tengo per me. Considerando la sovraesposizione mediatica cui siamo tutti, più o meno, esposti, che pensa del web? Internet è uno strumento da usare con l’atteggiamento giusto, credo si possa fare a meno di condividere l’intimità sul web, al contrario lo trovo utile se penso, ad esempio, all’abbattimento dei costi della politica: sulla rete si possono rendere visibili i propri progetti a costo zero, oltre a scoprire realtà preziose che prima non si conoscevano. Talvolta Internet è un luogo di diffamazione, più spesso di scambio. Nelle competizioni come si fa a non “mettersi a nudo”, davanti all’avversario, nei momenti di difficoltà? È esercizio, un atteggiamento pragmatico. Nel rapporto con le persone mostro le mie debolezze perché è un “vedersi” a vicenda, nello sport invece è controproducente. Come sportiva, è a favore della simmetria o dell’asimmetria? La simmetria permette di procedere dritti e lineari, occorre però rompere gli schemi. Per essere vincenti serve senz’altro essere anche “asimmetrici”. Il suo impegno per il futuro? La politica. È un ruolo impegnativo che interpreto ogni giorno offrendo il mio contributo al massimo. Continuerò, inoltre, con la formazione nelle aziende, l’attività di motivation speaking mi sta dando moltissime soddisfazioni! La politica perché? Con l’addio allo sport agonistico potevo permettermi di lavorare e di concedermi momenti di relax quando volevo. Ho però scelto una strada opposta, ero stufa di trovarmi a chiacchierare con le persone e di lamentarmi insieme a loro dei problemi. Ho detto: adesso voglio dire la mia, proporre un altro modo di vedere le cose.

<<

>21


>bmmINTERVIEW

W

orld-beater and accomplished woman, German ex-canoeist Josefa Idem is aiming at new goals. Her sports successes are not an excuse to rest on hers laurels; rather they have become a stimulus to accept attractive professional challenges. With the help of love, Sefi has chosen Italy as adoptive country, where her projects continue to grow.

Some dream of footlights, others of breaking the record of Josefa Idem. Yes, because she still holds the record for having competing the highest number of Olympic games. Success, fame and rewards on all sides should be sufficient to rest on laurels, aren’t they? Not for her, a woman that has tried to give a powerful change to her life, instead of letting the echoes of her victories lull her, as most of people would have done. As always, she’s the protagonist. Since 1990 the entire world has seen her triumphs on her canoe, wearing the uniform of Italy. Today she’s back to “fight” for Italy: but this time in politics, with the Democratic Party. Looking back at her career, with all her records and collection of medals, one should ask what has driven her to navigate waters that are more dangerous than those she is accustomed to paddle in. Answer immediately comes, as soon you have understood her values. Josepha’s blue eyes represent a determined, strong and aware woman. Sefi is not frightened of tell us everything, so >bmm met her to find some asymmetries that surround us. Today, which asymmetry is more evident from a social point of view? There’s an increasingly big gap between those who can realize their dreams and those who cannot. Difference between poor and rich people is more and more noticeable. Which European country stands out for “positive asymmetries”? I think that, over the years, Norway has brought great domestic advantages through institutions and management. In the name of the community that has been sanctioned by a single European currency, in

Europe all the countries are treated as if they were all equal, but reality is different. They have been committed many mistakes. Unfortunately, we’ve only thought to the advantages of the Euro – and not to disadvantages. There were no limits. But of course we cannot come back, neither assume a defeatist position; we need to look to the future, and for sure it’s going to be a great challenge. Recently you made a long trip to Australia. What is the position of this country compared with the rest of the world? It’s a developed and civil country. You can pay everything with credit cards and traceability guarantees transparency. Not to mention the organization of schools and work! Moreover people truly respected the rules. Which watchword would you use to defeat differences, and therefore asymmetries? Justice. Would you support a humanitarian project to avoid asymmetries in the world? I’ve always thought about it and I think it’s fundamental, but until now my life has been too much binding. When it is possible, I have always participated to solidarity projects. As a public figure, does your politics consist in appearing or being real? I always show my feelings; I’m not frightened of it. Reveal your weakness is important to make others understand your limits or possibilities. I don’t think is right to hide emotions: if I am angry, I show it, together with my commitment. For sure I wouldn’t ever participate to a reality show, I don’t like that kind of window to show my personality: intimacy, taste and preferences I keep them for me. >22

Considering the overexposure to media, that concerns more or less each one of us, what do you think about the web? The Internet is a tool to be handled with the right attitude, I think that you should not share your private life on the web, but on the contrary I find it useful for abatement of politic costs: you can put your projects on the Internet for free and you can also find precious things that you haven’t ever discovered before. Sometimes the web is a place to defame, but most of the times to share. During a competition how can you avoid to “bare yourself” in front of your rival in hard times? It’s a matter of practice, a pragmatic attitude. When I relate to people I show my weakness because I conceive it as “to look one another”, while in sports this is absolutely counter-productive. As a sports woman like you are, are you in favor of symmetry or asymmetry? Symmetry allows going straight ahead. But sometimes I need to break the rules: in order to win, you have to be asymmetric, too. What are your further commitments? Politics. It’s a demanding role, that I interpret everyday, offering my contribution at the height. Furthermore I will carry on my dual education system: the motivation speaking is pleasing me a lot! Why politics? Abandoning agonistic sport I could work and allow myself to relax whenever I wanted. However, I chosen the opposite way, because I was tired of chatting with people and complaining with them about problems. So I told myself: now I want to give my opinion and propose a new way to see things.

<<


>bmmCHAPTER

>24

<<


FASHION Trends People Accessories Editorials

>25


BACK TO THE FUTURE Text > Rossana Costantino

Quando nel 1981 Comme des Garçones debutta a Parigi, presentando una collezione tutta asimmetrica e monocromatica, non si limita a contaminare il gusto occidentale con la cultura giapponese, ma obbliga il mondo a guardare dentro sé stesso fino a scoprire il senso della contemporaneità. Fino ad allora la moda era rimasta imprigionata all’interno di una concezione formale vincolata alla visione rinascimentale, che si limitava a imitare la realtà, senza analizzarne l’essenza. L’intuizione di Rei Kawakubo, attraverso un approccio che potremmo definire “cubista”, entra direttamente dentro la materia fino

a raggiungere l’essenza. Non vi è più uno stilista che disegna il modello, ma un esteta che lo scopre. Questa operazione, estremamente concettuale, doveva trovare necessariamente un legame con la realtà che fosse in grado di renderla “concreta” e comprensibile; ma per fare questo era necessario fare tabula rasa del passato. Ed ecco che la base di partenza diventa la semplicità, il monocromo. Un’unica tonalità di colore che potesse rispecchiare l’origine. La forma si scompone alla ricerca di un’idea, il colore e il tessuto diventano la pelle. L’abito è il nuovo io. Questa riflessione su Comme des Garçones, mi è

>26

balenata guardando le collezioni P/E 2013, dove l’asimmetria diventa un tema di straordinaria rilevanza, pronto a cogliere un ritorno che è al tempo stesso una ri-scoperta. Non a caso le trasparenze appaiono al fianco delle asimmetrie, non a caso si parla di un ritorno agli ‘80. Questa stagione sarà un’occasione per valorizzare la persona per quello che è e per com’è. Dentro e fuori.


>bmmEDITORIAL

discover it. This extremely conceptual action had to find a connection with reality that was able to make it concrete and comprehensible: in order to do this it was necessary to delete the past. So here it is simplicity that, together with monochrome, becomes the basis of everything. An only tone to reflect the origin. The shape is broken up in search of an idea; the color and the fabric become the skin. The cloth is the new ego. This consideration on Comme des Garçons has come to my mind looking at S/S 2013 collections, where asymmetry becomes the recurring theme, ready to be a revival – and also a re-discovery. It’s not a case

>27

that transparencies stand next to asymmetries and it’s not a case that they talk about a revival of the ‘80s. Next season will be the occasion to evaluate the figure exactly like the way it is. In and out.

Picture, Archive Comme des Garçones 80's

>>

When in 1981 Comme des Garçons debut in Paris, showing an asymmetrical monochromatic collection, the brand does not only contaminate Western tastes with Japanese culture, but it also obliges the world to get to the bottom of the meaning of contemporary times. Until then fashion had been locked up in a formal idea tied to Renaissance, through a concept that did nothing but imitate reality, without analyzing the essence. The intuition of Rei Kawakubo directly enters the matter, up to reach the essence, thanks to an approach that we could define “Cubist”. There are no stylists to design the model anymore, there’s an aesthete to


>bmmINTERVIEW

>28


WHO CARES WHAT OTHERS SAY? Signora del business Carmen Busquets è anche - e soprattutto - una donna. Ci siamo divertiti a parlare con lei, co-fouder insieme a Natalie Massenet di Net-a-Porter, di asimmetrie, simmetrie e del coraggio necessario per “mettersi a nudo”. Text > Lorella Monchi

Ma non si è fermata, giusto? Già, la mia nuova azienda! È qualcosa che volevo fare dal 2002. Ho registrato la società Giftlab.com un anno dopo la registrazione di Couturelab.com. Si tratta di un sito di gitfting lussuoso e globale che rende facile la scelta del regalo più azzeccato, fornendo l’ultima edizione dei doni più eleganti e ricercati di artigiani, designer e artisti, molti dei quali hanno una loro storia da raccontare. È la sorella divertente e giovane di CoutureLab!

Quali sono le differenze tra Net-a-Porter e Couturelab? Net-a-Porter.com è stato il seguito del mio business personale. La moda è sempre stata la mia passione, lo dovevo a me stessa e agli altri, volevo dimostrare che sarebbe potuto diventare un business a livello mondiale. Insomma, Net-a-porter.com è business, mentre Couturelab.com è stato… come un viaggio personale. È un laboratorio d’idee che si è trasformato molte volte, ma in sostanza tutto deriva dal fatto che ho sempre raccolto belle creazioni, senza considerare se si trattava di marchi famosi o del tutto sconosciuti. Così, sin da quando è nato, Couturelab.com si è concentrato nel sostenere e dare risalto a quei talentuosi artigiani, riconoscendo la storia di molti marchi e dei loro creatori. I pezzi che ho acquisito in molti anni, li vedo come investimenti a lungo termine. Sono di una bellezza senza tempo e durano per sempre! Un’esperienza ‘ripagante’, per me, che mi ha portato a sostenere e ispirare molti creativi e molte aziende: è stato come un ente di beneficenza moderno e un viaggio personale che mi sono potuta concedere. Si è trattato di un modo per sostenere l’industria nella quale ho prosperato, aiutando altri imprenditori ad avere successo e creando posti di lavoro. È un luogo in cui ogni pezzo che vendo è bellissimo!

Sei attratta dalla moda di lusso. Non pensi che questo sia uno degli aspetti “asimmetrici” del mondo contemporaneo? Sì, certo, ma anche una chiave per il successo, specie nel mondo della moda e della creatività. Penso anche che i clienti stiano diventando sempre più asimmetrici in quanto sono sempre più individualisti e unici nel modo di esprimere la propria creatività e il proprio stile. Molti di loro, hanno aperto dei blog che ritengo brillanti. Quando con il proprio stile originale si ha la possibilità di vestirsi e ornarsi solo per il piacere di vivere, beh, penso sia grandioso! Se fai parte di una massa che è influenzata dai tuoi gusti, è normale che tu voglia esprimere te stesso, ispirare gli altri o far soldi. Mi piace anche che alcuni siano riusciti a essere sostenibili e di conseguenza abbiano ispirato altri.

Quale futuro immagina per la moda? Il mondo si evolverà in modi che non possiamo immaginare e così anche la moda. Immagino che ci saranno più strumenti tecnologici “virtuali” e servizi supplementari per il computer. Insomma, ci sarà da divertirsi! Ho sempre immaginato che un giorno i computer faranno per noi qualcosa di simile a quello che hanno fatto per Tom Cruise in “Minority Report”. Saremo in grado di proiettare un negozio, un trunk show di moda o un addetto alla vendita che ci aiuta, tutto virtualmente, all’interno del nostro salotto. Prevedo che saremo in grado anche di provare tutto virtualmente prima di acquistarlo!

Lei è una donna d’affari, ma anche, e soprattutto, una donna. Si può essere un’accreditata businesswoman senza sacrificare la propria femminilità? Tutto dipende dall’industria per cui si lavora e in quale campo. Se si lavora nella moda, e in tutto ciò che riguarda l’area creativa, si può indossare ciò che si vuole. D’altra parte a chi lavora in finanza, a un avvocato, a qualcuno impegnato nel business moda, vorrei suggerire che, se non si è ancora costruito una carriera da libero professionista, se non gode ancora di credibilità o della dovuta reputazione, deve prestare attenzione a ciò che indossa. Una volta che si è costruita la propria credibilità, si ha un lavoro e si è molto richiesti, allora… chi importa di cosa dicono gli altri?

L’asimmetria è uno degli aspetti necessari per emergere? Se si vuole emergere e avere successo nelle industrie della creatività e della tecnologia, direi di sì.

Quali sono i suoi lati asimmetrici e quelli simmetrici? La mia creatività, il mio modo di vivere, il mio modo di pensare fuori degli schemi e il mio bisogno di cambiamenti continui, per mettermi L’abilità negli affari è stata la tua qualità più in discussione e reinventarmi, sono alcune delle importante? mie asimmetrie. I miei aspetti simmetrici, invece, Penso che la cosa più importante sia trovare il giusto entrano in gioco quando si tratta di trovare un equilibrio. Un sognatore senza obiettivi, o senza equilibrio tra corpo, mente e spirito e s’innescano senso della realtà, non potrà mai andare oltre il anche non appena si parla d’impresa, famiglia e sogno ma, d’altro canto, possedere solo una mente denaro. Personalmente tendo a essere “omogenea”, quadrata e orientata agli affari, senza alcun tipo di equilibrata e disciplinata così da comprendere tutti sensibilità, può lo stesso uccidere un’azienda. gli aspetti e le persone in modo equo.

>29

<<

Sei una delle persone che hanno cambiato il modo in cui il mondo guarda alla moda, una gran responsabilità e un’enorme soddisfazione. Ci racconti com’è cominciata. Natalie Massenet iniziò nella sua cucina, a quel tempo le era difficile reperire del denaro. Io stavo cercando una partner con cui creare un negozio online di prêt-à-porter, dal momento che avevo già un mio luxury business. Rappresentavo 34 fra i migliori designer di allora, da Chanel a nuovi nomi come Alaïa, Galliano, Givenchy e Stella McCartney per Chloé e, dal Venezuela, avrei venduto a una clientela internazionale e ad amici, tramite foto. Ero interessata a Internet, iniziai a investirci e a cercare il giusto partner. All’epoca mi rivolsi a compagnie di alto profilo. Una società, dal canto suo, mi cercò, voleva che li aiutassi a comprare e a gestire il lato commerciale includendo una clientela VIP, ma non m’interessava fare la stessa cosa per tutta la vita. Avevo bisogno di re-inventarmi, imparare cose nuove e crescere dal punto di vista professionale. Avevo una buona disponibilità economica e questo mi fece sentire la responsabilità di trovare un percorso di crescita che potesse avere un impatto sugli altri. Così, quando incontrai Natalie nel dicembre del 1999, dopo anni di ricerca di un partner e di un business plan perfetti, tutto quello che riuscii a dirle al telefono fu: “Dove sei stata in tutto questo tempo?” Natalie aveva proprio l’idea commerciale che avevo a lungo cercato. Credeva, come me, che saremmo dovute partire in modo modesto sapendo che, se fossimo state pazienti, saremmo andate lontano. Entrambe sapevamo che sarebbe stata dura, ma mai così!


Il libro cult di Carmen Busquets, Atlas Shrugged by Ayn Rand

>bmmINTERVIEW

You are one of the person that have changed the way in which the world look at the fashion.... it’s a great responsibility and a - I think - a great satisfaction. Tell us about how it has started. Natalie Massenet [Carmen’s partner in net-a-porter. com, Ed’s Note] started her start-up in her own kitchen; at that time it was hard for her to raise money. I was looking for a partner to create an online prêt-à-porter store as I had my own luxury business yet. At that time I represented 34 of the best designers, from Chanel to new ones like Alaïa, John Galliano, Givenchy and Stella McCartney for Chloè, and from Venezuela I would sell to an international clientele and to friends only through photos. I was interested in the internet, so I started to invest in it and hunted for the right partner for me: I was looking at many high profile companies and one even headhunted me, because they wanted me to help them doing the buying and run the commercial side, including the VIP clientele, but I did not want to do the same thing for the rest of my life. I needed to challenge myself, to learn new things and grow in my business. I had enough money so I took the responsibility of growing in a way that I could astonish others. So when I met Natalie in December 1999, after years of searching for a perfect partner and business plan, on the phone I only could say: “Where have you been all my life?”. She had exactly the kind of business plan I was looking for and like me she believed that it would have be better starting moderately; with no doubts we also knew that we would have gone so far, if we were patient. We both knew it was going to be hard, but not so much hard!!!

What are the differences between Net-a-Porter and Couturelab? Well, Net-a-porter.com has been like a follow-up of my personal business. Fashion has always been my fancy, so I owed it to myself and to others. I wanted to show that it could become a global business. So Net-a-porter is a sort of business, while Couturelab. com has been more like a personal journey for me. It is a lab of ideas and it has changed many times but basically all comes from the fact that I have always collected beautiful creations, whether they were famous or unknown brands. So, since when Couturelab.com has started, it focused on supporting those very talented artisans, recognizing the history of many brands and their creators. The pieces I have acquired through many years, I see them as longterm investments. They are not only of timeless beauty, they also last forever! Couturelab.com has been a satisfying experience for me: I have supported and inspired many creative people and companies along the way, we have trained many people, helping them to improve their skills, it has been like a modern charity and a personal journey that I allowed to myself.  It is a place where all I sell is amazing. It would have been hard for me to accept other investors than those who joined me in this journey. I tried to support the industry I have thrived in, helping other entrepreneurs to be successful and creating jobs. Is it your ability in business the most important thing? I think the most important thing is to achieve the right balance. A dreamer without purposes or sense of reality can never go beyond the dream, but just having a squared business mind without sensibility and this can kill many companies.

And then you decided to go on… isn’t it? Yes! With my new firm! I have always wanted to start it, since 2002. I registered the company Giftlab. com a year later after Couturelab.com. It is the luxury, global gifting site that allow you to easily find the perfect gift, providing the ultimate edition of the most stylish and refined gifts created by artisans, designers and artists, most of them with their own story to tell. In a few words it is the funny young sister of CoutureLab!

What future do you imagine for fashion? The world will evolve in ways we cannot imagine and so will fashion. I imagine that there are going to be more ‘virtual’ technologic tools and services for our computers, it is going to be so much fun. I have always imagined that one day computers will do for us exactly what they did for Tom Cruise in “Minority Report”. We will be able to project a store, a fashion trunk show or a sales person helping you - all virtually - inside your living room.  I predict you will be even able to try things virtually before buying them!  You are attracted by luxury fashion. Don’t you think it is one of the “asymmetrical” aspects of the contemporary world? Yes definitely, and also a key for success - especially in fashion and creative world. I think that clients are becoming more and more asymmetric as they are more individualistic and unique in the way they express their own creativity and style.  Many of them, have started blogs, brilliant ones -in my opinion. If your original style allows you to dress only for the pleasure to do so, I think that is great. If you are part of a crowd, which is influenced by your tastes, it’s quite normal that you want to express yourself, inspire others or make money. It is great that some have managed to be sustainable, inspiring others to do the same.   Is it asymmetry one of the essential aspects to emerge? If you want to emerge and succeed in the creative and technology industries, I would say yes.

Le sedute preferite di Carmen, King Bonk by Fredrikson Stallard, 2008 >30


>bmmINTERVIEW

C

armen Busquets is the lady of business and also or rather, above all a woman. We enjoyed talking about asymmetries, symmetries and the bravery of “laying bare” With the co-founder of Net-a-Porter.

Due tra i pezzi d'arte più amati da Carmen, "Omeq" 2008 - Stone with digital projection, Installation di Michal Rovneret e, sopra, il quadro di Rudolf Stingel, "Untiltled", 1995

<<

>31


>bmmINTERVIEW

Which are your asymmetrical and symmetrical aspects? I would say my creativity, my life style, the way I think out of the box, and my need for constant change, in order to challenge and reinvent myself, are some of my asymmetrical aspects.  My symmetrical aspects emerge when I have to find a balance between body, mind and spirit. These symmetric qualities are also triggered as soon as we talk about business, family and money. I tend to be homogenous, balanced and disciplined in order to understand all the aspects and people fairly.          You’re a businesswoman but also, and above all, a woman. Do you think it’s possible to be a notable figure in business world without sacrificing femininity? It all depends on which company you work for and in which field. If you work in fashion world or in anything related to the creative area you can wear anything you want. On the other hand, if you work in finance or in the business side of fashion, or if you’re a lawyer, I would suggest being careful with what you wear, especially if you are not an accomplished freelance nor you have the proper credibility or name yet. Once you have built your own reputation, you have a job and you are in demand… who cares what others say?

>32

<<


ibiza by day Quando si spengono suoni e luci della notte, è già mattino inoltrato. L'isola della movida spagnola ci regala le spiagge più glamour, affollate solo da vip. Moda e sensualità accompagnano pigri bagni di sole fino all'ora dell'happy hour, dove la dance torna di scena. A cura di > Rossana Costantino 2

1

3

5

4

6

7

1 Dalle sfumature grigie e nere il costume di Hervé Léger. 2 L’aggressivo look Paco Rabanne. 3 Lozione abbronzante Sinfully Black di Australian Gold. 4 Bracciale in pelle e borchie placcate oro Fallon. 5 Pochette in pelle Chanel. 6 Sandali flat by Missoni. 7 Le shoes scultura di Edmundo Castillo.

<<

>34


ibiza by night L'importante è esserci, ma soprattutto riuscire a entrare. Le discoteche più famose del mondo accolgono nei privée le celebrity più cool. Fiumi di champagne e musica oltre ogni limite, spingono ciascuno a trasformarsi in una celebrità, almeno per una notte.

1

2

3

4

5

7 6

1 La raffinata mise by Viktor & Rolf. 2 Eighties il look Balmain. 3 Lips idratate con Shiseido. 4 La preziosa bag di Dsquared2. 5 Dal sapore etnico le preziose cavigliere di Akong London. 6 I boots di Proenza Schouler. 7 Con il tacco in trasparenza i décolettés di Pollini.

<<

>35


SAINT LUCIA BY DAY Dall'isola più affollata d'Europa a un paradiso caraibico dove solo pochi fortunati hanno la possibilità di approdare. L'eleganza oltre ogni immaginazione riscopre il tema classico, ridisegnato dagli stilisti più in voga. Di giorno il bianco è un must che fa coppia con l'azzurro del mare. 2

1

3

5

4

7

6

1 In seta e ricami flower il monopezzo Isabel Marant. 2 Il total white di Giambattista Valli. 3 Il bracciale rigido di Skagen. 4 Il siero Vino Perfect di Cadalie. 5 La maxi bag Nancy Gonzalez. 6 Sandali Robert Clergerie. 7 I boots trasparenti di MM6 Maison Martin Margiela.

<<

>36


SANTA LUCIA BY NIGHT Ogni sera diventa un evento esclusivo e privato, dal sapore raffinato e glam. Ogni donna è come una dea piena di fascino e sensualità. Ogni momento è desiderio, tra impossibile e possibile, per un'indimenticabile avventura da sogno.

2 1

3

4

5

6

7

8

1 La donna androgina di Givenchy. 2 Parola d’ordine: paillettes. Diane Von Furstenberg. 3 Labbra pink con Elizabeth Arden. 4 Gold and white il bracciale Michael Kors. 5 Bag Bottega Veneta. 6 Pochette David Kroell. 7 Zeppe Oscar De La Renta. 8 Shoes Narciso Rodriguez.

>>

>37


WHERE DID YOU GET THAT HAT?/1 Mai uguali a loro stessi, come una festa. Per Philip Treacy “Making a hat is like throwing a party”! Accessori insostituibili, inimitabile e irrinunciabile, i cappelli sono qualcosa di più, soprattutto se a progettarli sono designer come Noel Stewart, Ely.B. e Piers Atkinson. Veri pezzi unici. asimmetrici nella forma, singolari nella loro essenza. A cura di > Prisca Maizzi

Nata con un’attitudine artistica, Eleonora Bruno, fin da piccola, si appassiona all’arte dell’illustrazione. In continua evoluzione, il suo background si arricchisce, grazie a corsi di disegno durante l’età infantile, per avvicinarsi poi alla moda e, nel 2012, laurearsi presso il Polimoda di Firenze. Nel 2009, decide di creare un suo marchio - ELY.B. - basandolo sul motto: “Important hats for intelligent minds”. I suoi headpieces sono rivolti, infatti, a donne che vivono il cappello non come

un accessorio, ma come fulcro del proprio abbigliarsi. Pezzi unici, per l’utilizzo di materiali pregiati, e realizzati a mano. Eleonora pone sul capo delle sue clienti, vere strutture surreali: aureole di metallo con uova intrappolate, rami di fiori e frutta, giganti conchiglie. Vincitrice per la sezione Italia del concorso H&M Design Award 2013 con la collezione A/W 2012/13 “La Vie de Madame Rouy”, scelta tra i protagonisti dello scorso Vogue Talents, dove Eleonora ha presentato la sua S/S 2013 incentrata sul tema della

natura. Osservando illustrazioni di paesi esotici, si lascia trasportare in atmosfere lontane e, dai protagonisti che incontra, coglie dettagli da introdurre sulle sue creazioni: piume di meravigliosi uccelli dai mille colori, conchiglie, stelle marine, fogliami. Nasce così “Something like Nature”. Un insolito viaggio dove una donna dai tratti quasi aulici raccoglie elementi naturali per ornarsi in una sauvage night.

Eleonora Bruno was born with an artistic aptitude and since she was a young girl she became interested in arts and illustration. Her background was developing continuously, enriched by drawing classes during her childhood; then she got closer to Fashion world and in 2012 graduated at Polimoda Fashion School in Florence. In 2009 she decided to establish her own brand – Ely. B. – basing in it on the motto “Important hats for intelligent minds”. Her headpieces are designed for women who consider hat not as an accessory, but as the

masterpiece of their clothing. Unique handmade pieces, created with precious materials. On the head of her customers Eleonora poses surreal structures: metal halos with trapped eggs, branches of flowers and fruits, enormous shells. She has won the Italian selection for the contest H&M Design Award 2013 with her collection A/W 2012/13 “La vie de Madame Rouy” and she was also chosen as one of the protagonists of the latest Vogue Talents, where Eleonora will show her S/S 2013 collection, focused on the Nature. By observing illustra-

tions of exotic countries, she is carried away to far atmospheres, where, from the protagonists that she met, she catches details to insert in her collections: colorful feathers of amazing birds, shells, sea stars and leaves. This is how “Something Like Nature” was born. An unusual travel where a women of quite-noble traits collects natural elements to adorn herself in a sauvage night.

>38


>bmmFASHION

1/3 ELY.B. <<

>39


WHERE DID YOU GET THAT HAT?/2

Londinese, precoce nei tempi, Noel Stewart prima ancora di frequentare il Royal College of Art lavora con stilisti come Dai Rees e Stephen Jones, di quest’ultimo come assistente per Christian Dior Couture. La sua idea di copricapo risiede in un mix di qualità, stile e praticità. L’ideale di donna di cui parla Noel, infatti, è reale, diretta verso un’estetica del bello, ma attenta a preservare valori quali l’autenticità. Tra le arti che influenzano la creazione delle

sue collezioni, c’è inevitabilmente un richiamo a correnti contemporanee in una giusta combinazione con età del passato. L’armonico equilibrio con cui Noel si approccia alle sue progettazioni, porta il suo prodotto a un successo singolare, non solo tra le star del momento, come Keira Knightley, Lilly Allen, Kylie Minogue e Beth Ditto, ma anche tra le case di moda. Nell’elenco di collaborazioni vanta, infatti, nome come Roland Mouret, Marios Schwab, Roksanda Ilincic, Erdem,

Hussein Chalayan, Diesel, Marc by Marc Jacobs and Oscar de la Renta. Con la sua S/S 2013 conferma la capacità di bilanciare sapientemente elementi in apparenza lontani tra loro. Dopo un viaggio in Giappone, Noel decide di rendere omaggio a questa esperienza con una collezione divisa tra l’antica serenità che contraddistingue la terra nipponica e il ritmo caotico che vive in città come Hong Kong.

A precocious talent from London, even before attending the Royal College of Art, Noel Stewart has worked with stylists such as Dai Rees and Stephen Jones – with the last one he was assistant for Christian Dior Couture. For him, hat is a mix of quality, style and handiness. Noel talks about an ideal woman that is real and headed for beauty and aesthetics, but she also looks out for preserving values such authenticity. His collections are influenced by many arts; inevitably he refers to contemporary currents,

well combined with age and past. For his creations Noel approaches to a harmonic balance that brings his product to an extraordinary success, not only among the stars of the moment – such as Keira Knightley, Kylie Minogue and Beth Ditto, but also among Fashion Houses. This designer has collaborated with great names such Roland Mouret, Marios Schwab; Roksanda Ilincic, Erdem, Hussein Chalayan, Diesel, Marc by Marc Jacobs and Oscar de la Renta. With his S/S 2013 collection he has confirmed his skill of wisely balancing elements

that, only apparently, seem far one from each other. After a travel in Japan, Noel decided to honor this experience by creating a collection that is divided between the old happiness of Nippon country and the chaotic rhythm of cities like Hong Kong.

>40


>bmmFASHION

T

hey’re never the same, like a party. To Philip Treacy “Making a hat is like throwing a party”! They’re unique, inimitable and they cannot be renounced: hats are something more, especially if stylists like Noel Stewart, Ely. B. and Piers Atkinson design them. Real unique articles, they’re asymmetric in their shapes and singular in their essence.

2/3 NOEL STEWART <<

>41


WHERE DID YOU GET THAT HAT?/3

Come ogni pop star che si rispetti, Piers Atkinson progetta, per celebrare le sua decima stagione, un collezione greatest hits dal titolo “Director’s Cut”. La sua attitude eclettica, essendo Piers anche costumista, illustratore, fashion editor, organizzatore di eventi e DJ, lascia spazio, nelle sue progettazioni, a una commistione di generi. Il suo immaginario, infatti, spazia tra il mondo dei pop-cartoon, con i suoi tratti umoristici e spensierati, e un’atmosfera più grunge, con un alto tasso di femminilità e seduzione.

Ripercorrendo un lustro di collezioni, Piers propone reinterpretazioni di headpieces come Cover Girl, un ironico neon curvato nella scritta Vogue, in omaggio alla testata che pubblicò la prima versione del suo copricapo luminoso, Hyper Cherries Mk II, le iconiche maxi ciliegie complete di veletta e Hollywoodland, una composizione con Barbie e nome del cappello nel classico font della nota scritta Hollywood. Cresciuto a contatto con tre figure significative, la mamma modista -, la sorella - fotografa - e

la nonna - scrittrice e illustratrice, Piers sa bene quello che una donna vuole. Apprezzato non solo da note icone femminili, per citarne una, la regina del travestimento, e della scena pop musicale, Lady Gaga, ma anche da case di moda, con cui ha poi collaborato, come Ashish, Ashley Isham e Noki, Piers riesce a catturare l’interesse di tutti, incluso il famosissimo cappellaio Stephen Jones, tanto da invitarlo a esporre due pezzi alla mostra “Hats: an Anthology by Stephen Jones” presso il V&A.

As a pop-star worthy of his name, to celebrate his tenth season, Peter Atkinson has prepared greatest hits collection entitled “Director’s Cut”. His eclectic attitude – considering that he is also a costumer, an illustrator, a fashion editor, an event organizer and a DJ – leaves space to a mixture of kinds: his scenario goes from pop-cartoon world, whit its comic and cheerful traits, to a grunge atmosphere, with high rates of seduction and femininity. Recalling all of his collections, Piers has reinterpreted

headpieces like Cover Girl, an ironic neon shaped into “Vogue”, in homage to the magazine that published the first version of his luminescent hat; he has also redesigned Hyper Cherries Mk II, the iconic maxi cherries with even the veil, and Hollywoodland, an arrangement with a Barbie and the name of the hat written in the same font of the famous written “Hollywood”. Piers grew up with three significant figures: his mum, a milliner, his sister, a photographer, and his grandma, a writer and illustrator, so he truly knows what women want.

He’s appreciated not only by female icons – just to mention one: Lady Gaga, the queen of costume and of pop-music scene, of course – but also by Fashion Houses, indeed he cooperated with many of them, such as Ashish, Ashley Isham and Noki. Well. Piers is able to catch the eye of everybody, including even the famous hatmaker Stephen Jones, so much that he invited Piers to show two of his works in the exhibit “Hats: an Anthology by Stephen Jones”, at V&A museum.

>42


>bmmFASHION

3/3 PIERS ATKINSON >>

>43


BAGS FOR MILLENNIUM L’elegante pochette da sera la “Cayla” di Jimmy Choo, color argento con rifiniture oro e la “sparkle beauty” di Chanel in pelle grigia effetto glitter: veri must di oggi e di domani, bellissime e superchic. A cura di > Rossana Costantino

>>

>44


RAINBOW FRAGRANCES Sette profumi come i sette colori dell’arcobaleno. Poetica conclusione di un’uggiosa giornata di pioggia, l’arcobaleno annuncia il ritorno del sole. Allo stesso modo i sette nuovi profumi sembrano volerci scrollare di dosso l’inverno, annunciando che la primavera è ormai alle porte. A cura di > Rossana Costantino

L’ultima fragranza di Prada si sviluppa intorno a Candy, giovane donna affascinante e inaspettata, voluttuosa ed enigmatica. Ispirato da Valentina, dal suo mondo e dal suo modo d’essere, Acqua Floreale è come una passeggiata nella natura, una full immersion nei profumi sensuali e conturbanti di un giardino d’estate. Nel regno dell’alta gioielleria Van Cleef & Arpels si celebra la bellezza del delicato fiore di ciliegio appena sbocciato con Spring Blossom.

>46


>bmmFRAGRANCES

Moschino Pink Bouquet è una fragranza per donne piene di carattere che, sopra ogni cosa, amano divertirsi! Con à la Folie la Maison Lanvin ancora una volta si inoltra nel territorio dell’amore, aggiungendo un altro gioioso capitolo alla sua saga “Marry me”. Puro come un raggio di sole, Versace Yellow Diamond è straordinariamente luminoso, frizzante come solo un diamante può esserlo. Il profumo di Marni è esclusivo, unico e memorabile: l’eco della fede riposta da Consuelo Castiglioni in un'eleganza silenziosa.

>>

>47


>bmmCHAPTER

>48

<<


SOCIETY Editorials Interviews Opinions People Ideas

>49


>bmmINTERVIEW

THE CONTEMPORARY PATRICIAN “Occuparsi di cultura è al tempo stesso una fortuna e una responsabilità. Un impegno ancora maggiore quando la cultura è quella del presente”. >bmm intervista Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, signora della cultura e dello stile italiano. Text > Massimo De Conti Portraits > Roberto Morellini Stylist Consultant > Andrea Camarda

>50


>bmmINTERVIEW

Mrs Patrizia wears: dress YVES SAINT LAURENT, necklace MIRIAM HASKELL (1938) On the wall: Alan McCollum, Plaster Surrogates, 1989

<<

>51


Mrs Patrizia wears: jacket STELLA McCARTNEY, skirt PRADA, pin TRIFARI (1941) Back: Maurizio Cattelan, La Rivoluzione siamo noi, 2000

>bmmINTERVIEW

>52


>bmmINTERVIEW

Ho incontrato Patrizia la prima volta una decina di anni fa. Stava aprendo, allora, la sede torinese della Fondazione, istituita nel ’95, che porta il suo nome. L’estate scorsa, in una galleria d’arte contemporanea di Atene, menzionando la grande collezionista italiana, il gallerista ha commentato: ”Ma chi non conosce Patrizia Sandretto Re Rebaudengo?”. Del suo ruolo pubblico, del lavoro fatto in 20 anni, che si traduce nel riconoscimento che la sua Fondazione ha nel mondo, molto si conosce; assai meno della donna che sta dietro questo successo internazionale. Ma il ruolo pubblico coincide spesso con quello privato quando quello che si fa è una passione che dura una vita. Quella che doveva essere un’intervista, si è trasformata in un lungo e appassionato racconto - da lei guidato - sul suo percorso e sul cambiamento. Patrizia, loquace, esaurisce via via tutti gli argomenti che le domande intendevano toccare, delineando un generoso profilo privato della sua persona, con i privilegi che diventano passione e impegno. Ecco, allora, un (auto)ritratto di una donna che vive nel presente, affascinata dal contemporaneo.

“La mia storia? Sono nata e cresciuta in una famiglia di imprenditori (macchine per lo stampaggio delle materie plastiche, N.d.R.). Dopo la laurea in Economia e Commercio, ho lavorato per alcuni anni nell’azienda di famiglia. Mi sono sposata e sono nati i miei figli Eugenio ed Emilio, poi la scoperta dell’arte contemporanea che ha cambiato la mia vita, dandole nuove direzioni… Nella casa dei miei genitori sono cresciuta in mezzo all’arte antica, alla collezione di porcellane di mia madre, tra le statuine di Meissen e i vasi di Sèvres, le visite ai musei e alle gallerie antiquarie… questo fa indubbiamente parte del mio DNA, così come ne fa parte il vivere in questa città. Torino è sempre stata di grande avanguardia, molto educata, molto attenta e aperta alla contemporaneità.” “Ho costituisco la Fondazione in un momento, il 1995, in cui Torino stava cambiando, un periodo di transizione post industriale. L’arte contemporanea è una delle forme di cultura, non l’unica, che la città di Torino ha nella sua tradizione. Fa parte del nostro essere, insieme a una passione, una costanza, una voglia di fare che poi, alla fine, ci premia anche in momenti culturalmente difficili come è questo. Ciò che va difeso, soprattutto, è il valore sociale ed educativo dell’arte. Noi lo facciamo quotidianamente attraverso un rapporto intenso e attivo anche con la scuola, l’università, gli adulti, le comunità, i nuovi cittadini, le persone in difficoltà.”

“Davanti ad un’opera io cerco l’emozione e il pensiero. Deve parlarmi del presente ma anche sorprendermi, farmi cambiare idea, farmi intravedere un possibile futuro. Penso a un’opera di Damien Hirst, Love is great: un fondo azzurro cielo su cui volano farfalle colorate e bellissime. Poi ti avvicini e c’è la morte. O al grande orso di Paola Pivi (Have you seen me before?): è lì, tutto giallo e soffice, che ti attrae e poi scopri che è ricoperto di piume di pulcino, quindi inizi a pensare: clonazione, esperimenti, manipolazione...” “Conoscendo gli artisti, frequentandoli, ho capito che potevo fare ancora qualcosa di più di una semplice collezione: ho istituito la Fondazione come uno strumento per sostenere la ricerca delle giovani generazioni artistiche, partecipare alla produzione delle opere. Non so quanto valga la collezione, non è prioritario, non è nata come forma d’investimento. È stato invece un grande investimento personale, interiore, di crescita. Mi ha permesso di vedere il mondo in un modo diverso, sono cambiata, ho imparato ad ascoltare e non solo a parlare, a essere molto più tollerante e a cercare di capire prima di prendere decisioni o posizioni. Non credo nel potere fine a se stesso. Credo invece nelle potenzialità, nei progetti, nel “poter fare”, nelle idee che si realizzano.”

>53

“Il mio modo di vestire nasce dalla mia passione per la costume jewellery. Prima scelgo il gioiello e poi penso a come vestirmi. Mi sono appassionata a questi gioielli conoscendone la storia, la diffusione in precisi momenti del ‘900: la Grande depressione, la Seconda Guerra mondiale. Imitano la lucentezza delle pietre e dei metalli preziosi, ma sono anche indici di vitalità, di capacità di reazione alle crisi. Li acquisto negli Stati Uniti ma ho iniziato dai mercatini e oggi ne ho più di mille. Le collane, le spille che appunto sui miei abiti dicono il mio stato d’animo. Indossarle è quasi un modo di comunicare. Vesto in modo molto rigoroso: amo il bianco, pochissimo il colore. Oggi sono in rosso ma tendenzialmente preferisco il bianco, il nero o il grigio. I marroni, i gialli non esistono nel mio armadio.” “L’arte delle donne occupa una parte importante della collezione e per le donne ho voluto dar vita al Premio Stellare (tra i premiati Franca Sozzani e Kazuyo Sejima). Non sono femminista, non sono per le quote rosa. Credo che una donna di capacità possa avere le stesse opportunità e realizzarsi, anche se le donne a volte hanno meno spazio. Stimo quelle donne che riescono a mettere insieme una famiglia, crescere i figli e al tempo stesso realizzarsi nella propria carriera. E questo non è facile, l’ho provato sulla mia pelle. Ho avuto la fortuna di avere dei genitori che hanno saputo aiutarmi nei momenti in cui i bambini erano piccoli. Lo ammetto: ho avuto dei momenti di difficoltà, non è stato sempre tutto facile. Ma oggi posso dire di sentirmi realizzata.”

<<

“Un viagggio a Londra è stato determinante per scoprire l’arte contemporanea. Mi ricordo ancora quell’esperienza incredibile che è stata visitare lo studio di Anish Kapoor: maggio ’92, entro in questo spazio infinito con le sue sculture, le sue parole. Davvero credo sia stato quello il momento in cui ho deciso che volevo entrare nel mondo degli artisti e collezionare.”


>bmmINTERVIEW

I met Patrizia for the first time ten years ago. At that time she was opening the Turin branch of the Foundation that has borne her name since 1995. Last summer, in a contemporary art gallery in Athens, when mentioning the great Italian collector, the gallerist has affirmed: “Everybody knows Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, haven’t they?”. We know very much about her public role and her work carried out during the last 20 years. We can identify it with the reputation that her Foundation has acquired all over the world; what we don’t know well is the woman that is hidden behind this international success. But often the public role corresponds to the private one when your work is a passion that has lasted for years. This should have been an interview, but it has turned into a long enthusiastic report -driven by her- of her path and her changes. Patrizia is very chatty and little by little she touches upon everything I would have asked her, revealing an intimate portrait of herself, where privileges have become passion and commitment. So, here it is an insight of a woman who lives and is fascinated by the contemporary times. “It was during a trip to London that I first discovered contemporary art. I still remember the incredible experience of visiting Anish Kapoor’s studio: it was May 1992, I entered this endless space, with his sculptures, his words. I truly believe that this was the precise moment in which I decided to enter artists’ world and become a collector.”

“I established my Foundation in 1995, a moment in which Turin was changing, it was a period of post industrial transition. Contemporary art is one of the forms of culture that Turin has in its tradition, even if it’s not the only one. It’s part of our being, together with passion, perseverance, desire of doing something good that, finally, repays us even in difficult cultural moments like this. Most of all we have to defend the social and educational value of art. We do it everyday through an intense, dynamic relationship with schools, universities, adults, communities, new citizens and people in difficulty.” “In front of a work I always look for emotion and thinking. The work has to talk to me of the present, but it also has to surprise me, to make me change my mind, let me imagine a possible future. I’m thinking of a work by Damien Hirst, Love is Great: beautiful and colourful butterflies flying on a sky blue background. Then you get closer and you find death. Otherwise I think of the big bear by Paola Pivi (Have you seen me before?): he’s here, he’s all yellow and soft, he’s drawing you and then you discover that is covered with chick feathers, so you start to think: cloning, experiments, manipulation....”

“By knowing artists and spending time with them, I understood that I could have done something more of a simple collection: I established my Foundation as a tool to sustain research for the young artistic generation and to participate in work creation. I don’t know what the collection is worth, it’s not primary because it was not born as a form of investment; “What’s my story? I was born and grew up in a on the contrary it has been a personal, interior family of businessmen (they produced plastic printing investment for my growth. It has allowed me to see machine, Ed.’s note). After a Bachelor’s Degree in the world in a different way, I have changed, and Economics and Business, I worked in my family I have learned to listen and not only to talk, to be company for several years; I got married and had more tolerant and to try to understand first and only two sons, Eugenio and Emilio, then I discovered then make decisions or take stands. I don’t believe in contemporary art and this has changed my life, giving power when it is an end in itself. On the contrary I do it new directions...In my parents’ house I grew up believe in potentialities, projects, in “can do” spirit, in surrounded by ancient art, my mother’s porcelain ideas that are realised”. collections, Meissen figures and Sèvres vases, visiting many museums and antiquarian galleries… certainly all of this is part of my DNA, exactly as living in this city does. Turin has always been in the vanguard, well educated and very alive and open to contemporaneity.”

>54

“My way of dressing derives from my passion for costume jewellery. Firstly I choose the jewel and then I decide what to wear. I became fond of these jewels by knowing their story, their diffusion in precise moments during 1900: the Great Depression, Second World War. They imitate the shine of precious stones and metals and they also are indication of vitality and reaction to crisis. I buy them in the US, but I started from markets and today I have more than a of thousand of them. Necklaces and pins explain my mood: to wear them is quite a way of communicating. I am always dressed in a rigorous way: I love white and I don’t like colours very much. Today I wear red, but basically I prefer white, black and grey. Brown and yellow do not exist in my wardrobe.” “Female art has an important place in the collection and I decided to create a particular award, Premio Stellare, for women” (among the prize winners there are Franca Sozzani and Kazuyo Sejima). I am not a feminist; I do not support female quotas. I believe that women have the same possibilities to fulfil themselves, even if sometimes they have less space. I do appreciate those women who create their family, rear their children and in the meantime realize their careers. And this is not easy, I have personally realised it. But I received help from my parents, especially when my kids were very young. I have to admit it: sometimes it has been hard, it has not been that easy. But today I can state that I’m fully realised.” Mrs Patrizia wears: tailleur ALEXANDER McQUEEN, pin MIRIAM HASKELL (1938) On the wall: Tony Cragg, European Cultural Myth/ Annunciation, 1984


>bmmINTERVIEW

â&#x20AC;&#x153;D

ealing with culture is both a privilege and a responsibility, even so more when we talk about contemporary cultureâ&#x20AC;?, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo.

>>

>55


CONFESSION AND CONFESSIONS La confessione è, forse, la forma più estrema del mettersi a nudo e ha il potere di farci far pace con noi stessi. I media, però, hanno stravolto negli anni il significato di questa pratica. Per non parlare delle false confessioni che da sempre si accompagnano a quelle vere. Text > Vittorio Pastanella

“Non fate lo sciocco, padre: siete abituato alla nudità degli animi, quella del corpo è molto più innocente”. A rimproverare così il proprio confessore, imbarazzato dopo averlo trovato inavvertitamente svestito mentre esce dalla vasca da bagno, è uno dei personaggi più illustri del cinema italiano: il principe Fabrizio Salina, protagonista de Il gattopardo di Luchino Visconti. Come spesso accade, l’arte si serve di una messa in scena per provare a dire una verità: in questo caso che forse la forma più estrema di nudità raggiungibile è quella di confessare qualcosa a qualcuno. E se per lavare un corpo nudo ci vogliono acqua e sapone - tanto per riprendere l’immagine del film - spesso, in ambito spirituale, è proprio la confessione in sé, di qualsiasi genere essa sia, a pulire la coscienza e a far stare meglio. Non per nulla, nella religione cattolica la Confessione è l’unico sacramento, insieme al battesimo, in grado di farci tornare nella Grazia di Dio. In realtà, in ambito cattolico, perché essa venga ritenuta efficace è necessario che si accompagni al pentimento. È significativo però che il sacramento della Confessione, oltre che Penitenza venga chiamato anche Riconciliazione, perché si pensa che tramite esso l’uomo si riappacifichi con Dio oltre che, probabilmente, anche con se stesso. Chi riceve le confessioni in forma ‘professionale’, come il sacerdote o l’analista, è tenuto a tacere con gli altri di quanto udito, in una forma di segreto tutelata addirittura dalla legge. È facile immaginare il perché: chi confessa qualcosa si mette nelle mani di chi ascolta e sbagliare la persona con cui ci si confida, o addirittura con cui ci si confessa, a

volte può essere pericoloso, oltre che imbarazzante. Tuttavia, non sempre chi si libera di pesi interiori desidera che ciò che rivela resti segreto. Uno dei casi più clamorosi in questo senso è sicuramente quello di Adolfo Scilingo, un ex ufficiale argentino che negli anni ‘90 scelse un giornalista d’inchiesta, Horacio Verbitsky, per rivelargli di aver preso parte agli orrori del regime militare di Jorge Rafael Videla e, in particolare, alla pratica dei “voli della morte” di cui, sino ad allora, veniva persino messa in dubbio l’esistenza. Proprio il volume che nacque dal colloquio-intervista fra i due è stato il principale atto di accusa per l’uomo che, nel 2005, è stato condannato da un tribunale spagnolo a 640 anni di carcere per crimini contro l’umanità, anche se, di fatto, l’ordinamento iberico consente di scontarne solo 30. Almeno inizialmente, Scilingo non sembra pensare di dover rispondere delle proprie azioni, degli ordini eseguiti in quel periodo storico dell’Argentina ma, poco dopo l’intervista, diventa sempre più chiara la terribile responsabilità di un uomo tormentato dai demoni del proprio passato. Difficile pensare che, almeno inconsciamente, Scilingo non sapesse a cosa sarebbe andato incontro fornendo la propria testimonianza a Verbitsky. Di solito, comunque, la confessione di reati è una prassi che riguarda direttamente, prima ancora che i giornalisti, chi si occupa di amministrare la giustizia di un paese. Spesso, tuttavia, in questo contesto alle confessioni vere, sollecitate durante l’interrogatorio o rese spontaneamente, si affianca il fenomeno di quelle false che comprende diverse tipologie. Fra queste la più affascinante

>56

è sicuramente quella della falsa confessione forzata e interiorizzata che si ha quando un soggetto, per vari motivi, comincia a credere di aver commesso qualcosa che in realtà non ha mai fatto. Il termine confessione, che nei secoli, soprattutto al plurale, è servito anche da titolo per opere di famosi santi, scrittori e filosofi è stato abusato negli ultimi tempi in ambito giornalistico e mediatico per riferirsi a interviste a personaggi pubblici che, in realtà, nascondono strategie comunicative assai precise per mettere in buona luce il protagonista. Dello stesso, ovvio, si può parlare per quanto riguarda le “confessioni” che arrivano da reality stile Grande Fratello dove, pur restando ignoti agli altri membri del gruppo, i contenuti di chi si confessa sono di contro rivelati agli spettatori che, almeno in via teoria, dovrebbero deciderne le sorti. La più famosa e appassionante “confessione fasulla” resa per far bella figura, la raccontò senza dubbio già nel ‘300, Giovanni Boccaccio nel suo Decameron: Cepparello da Prato, descritto come un uomo estremamente peccaminoso, per non mettere in imbarazzo i mercanti fiorentini che lo ospitavano, decide - in punto di morte - di rendere una falsa confessione (ossia fingersi un santo in terra) al sacerdote arrivato per infondergli gli ultimi conforti. Il bello è che Cepparello, da morto, verrà venerato davvero come un santo dal popolino, mentre Boccaccio si domanda, tramite uno dei suoi personaggi, se Dio non abbia avuto davvero pietà dell’uomo, ammettendolo in Paradiso nonostante le sue malefatte. Del resto si sa: nulla è precluso alla bontà divina!


>bmmSOCIETY

ften, maybe, confession is the most extreme form of baring yourself and it also has the power to make it up with yourself. Many times, media have abused the meaning of this practice, distorting it. Then, since ever, true confessions have always followed false ones. “Don’t be stupid, father: you’re accustomed to nudeness of souls, but nudeness of the body is definitely more innocent”. This is how “the prince” Fabrizio Salina – one of the most famous characters in Italian Cinema and protagonist of The Leopard, movie directed by Luchino Visconti – told his own confessor off, embarrassed after having found him naked while he was coming out firm the bath tub. As it often happens. Art resorts to staging trying to tell the truth that, in this case, is that maybe the most extreme form of nudeness is to confess something to someone. Just to recall the scenario of the movie, if you need soap and water to wash your naked body, often in the spiritual sphere you can clear your conscience and feel better through confession – no matter of which kind it is. It’s no coincidence that in the Catholic Church Confession is one of the two Sacraments (together with the Baptism) that is able to bring you back to the Saving Grace. Actually, in the Catholic world, to be efficient a Sacrament it has to be accompanied by repentance. It is fundamental that the Sacrament of Confession is also called Penance or Reconciliation, because

it is believed that through it man will appease with God and, probably, also with himself. Those who receive Confession in a “professional” form – in other words by a priest or an analyst – are obliged not to tell anybody what he heard during the Confession, as a sort of secret that is even protected by law. It’s easy to guess why: when you confess something, you put yourself in the hands of someone that is hearing you and sometimes choosing the wrong person, or even the wrong confessor, could be very dangerous, as well as embarrassing. However not always those who get out from under want that what they said remains a secret. One of the most resounding happenings in this sense, is for sure the case of Adolfo Scilingo, an Argentinean ex-official who, during the Nineties, chose Horacio Verbitsky, an investigative journalist, to publicly confess that he took part to the atrocities executed by Jorge Rafael and his military regime and, in particular, to the so-called death flights, a practice that, until then, was called into question. From this conversationinterview it was published a book that became his main charge; in 2005 the Spanish court found Scilingo guilty of crimes against humanity and sentenced him to 640 years in jail, even if in Spain the maximum time for detention is 30 years. At least at the beginning, Scilingo didn’t think that he should have accounted for his own actions and for having executed the orders in that particular historic period of Argentina, but after the interview become more and more the clear terrible confession of a man tormented by evils of his past; it’s hard to believe that, at least subconsciously, Scilingo didn’t know what would have expected him after having confess all of this to Verbitsky.

>57

Usually to confess crimes is a procedure that directly concerns who administers Justice more than journalists. However, this context of true confessions – that could have been demanded during an interrogatory or told spontaneously – is followed by the phenomenon of false confessions that include several types. Among these, for sure the most fascinating is the false forced confession: for many reason you start to believe to have done something that, actually, you didn’t. For centuries the term confession – most of all its plural – has been used as a title for works of famous saints, writers and philosophers, but lately it has been abused by media to refer to interviews of popular personalities that, actually, hide precise communicative strategies only to highlight the protagonist. It is the same for reality shows such as Big Brother where, even if they remain unknown to the other members of the group, confessions are showed to audience that, in theory, should decided the fate of contenders. The most famous and fascinating “fake confession”, created to make a good impression, was told by Giovanni Boccaccio in his Decameron, yet in 1300: Cepparello from Prato – who is described as a sinful man, just not to embarrass Florentine traders who were hosting him – decided to reveal a false confession to the priest who had come to give him the last rites: he pretended to be a Saint on earth. It is absurd that, when death, Cepparello is honored for real by the mass, while Boccaccio, through another characters, wonders if God truly have had pity of the man, by admitting him to Paradise, despite of his evil deeds. Yet, of course, nothing is precluded to the Saving Grace!

>>

O


ASYMMETRIC LIFE & SYMMETRIC SCIENCE Le scienze utilizzano il concetto di simmetria e asimmetria secondo ampie accezioni. Alessandro Pascolini, professore associato di fisica teorica presso l’Università di Padova, ci svela come “Un universo assolutamente simmetrico rispetto a ogni possibile trasformazione, non potrebbe dar origine al fenomeno altamente asimmetrico della vita.” Text > Lorella Monchi

Da matematico e fisico, divulgatore della cultura scientifica qual è, ci si aspetterebbe un’incondizionata predilezione per la prima, proprio perché affascinante sotto il profilo “matematico”. Invece? Uno scienziato non può non provare un profondo piacere estetico nello studio delle simmetrie, una delle più eleganti e feconde strutture individuate dalla mente umana. Ma anche l’assenza di simmetrie costituisce uno stimolo e una provocazione a indagare. La ricerca, infatti, si muove su due piani: trovare nell’apparente disordine dei fenomeni naturali regolarità e simmetrie sottostanti per formulare leggi fondamentali, ma anche esplorare l’assenza di simmetrie ove teorie accertate le prevedevano. Ogni rottura di simmetria è un chiaro segnale che esiste qualcosa che ancora non conosciamo e che bisogna comprendere. La necessità di simmetria, lei sostiene, sorregge l’agire e il pensare dell’uomo, come se si trattasse di una garanzia di equilibrio e di uguaglianza. Ma per il mondo e per gli uomini, secondo il suo punto di vista, cosa c’è di “buono” e cosa di “cattivo” nella simmetria? Le categorie “buono” e “cattivo” non sono le più utili nella scienza; meglio esaminare quando le simmetrie risultano feconde o, invece, diventano un impedimento alla conoscenza della realtà o alla comunicazione di pensieri e sentimenti. In ogni campo scientifico è sempre stata molto proficua la ricerca di simmetrie, che indicano proprietà fondamentali dell’oggetto della ricerca. Ma la scienza progredisce solo sulla critica delle

cognizioni raggiunte, e restare vincolati a certe proprietà di simmetria assunte come assolute spesso indirizza la ricerca su vie senza uscita. Analogamente, nel caso dell’espressione artistica, poiché l’armonia di proporzioni, ovvero la rispondenza di frasi nel giro delle melodie sono fonti di bellezza e quindi di godimento estetico, lo sviluppo originale di simmetrie diventa uno strumento utile ed efficace; viceversa, il mantenimento (o l’imposizione) di forme rigide può bloccare la creatività degli artisti e produrre opere incapaci di comunicare e commuovere. La rottura di canoni estetici consolidati è stata, e rimane, un efficace e potente elemento di progresso in tutte le arti, per originare nuovi aspetti di armonia e bellezza. Perché per voi scienziati la simmetria appare come una conditio sine qua non? Ma soprattutto, cos’è la simmetria nella e per la scienza? Per valorizzare “il metodo della simmetria” nella ricerca scientifica è necessario poterlo applicare a sistemi materiali, fenomeni, ma anche leggi generali, teorie e classi di teorie e occorre un criterio preciso che discrimini le situazioni in cui la simmetria è presente da quelle in cui è assente. Per la scienza la simmetria di un sistema è l’invarianza dello stato di certi elementi del sistema rispetto a un gruppo di trasformazioni del sistema stesso. Il concetto di simmetria è pertanto dinamico e non statico e presenta un elemento di relatività, in quanto considera l’invarianza di “certi elementi” che vanno scelti introducendo, a seconda del programma di ricerca o dei gusti estetici, una relazione di equivalenza sugli stati del sistema. Tanto più la relazione è debole tanto più ampio risulta l’insieme delle trasformazioni di simmetria: nel caso di massima rigidità, l’unica simmetria è la trasformazione identica. Affascinante la teoria delle simmetrie nascoste, anche perché assolutamente applicabile all’uomo, se intesa come potenzialità di una perfezione che esiste all’atto della creazione originale poi celata e modificata da eventi e transizioni successivi: ce ne parla? Un sistema simmetrico possiede più stati fra loro equivalenti, ma uno solo di essi viene assunto dal sistema; le leggi della simmetria non giocano alcun ruolo nella determinazione dello stato specifico; altre proprietà entrano in gioco, le condizioni iniziali del sistema, situazioni ambientali, pura casualità. Ebbene, lo stato effettivo del sistema può non manifestare “a vista” tutte le sue simmetrie, “nascondere” le simmetrie reali, che invece sono rivelate dall’insieme degli stati possibili. Un semplice esempio per chiarire: lo stato più simmetrico per uno spillo nel campo gravitazionale terrestre è rimanere verticale sulla sua punta, ma questa possibilità ma non si presenta nel mondo reale. Essendo d’equilibrio instabile, esposto a minime perturbazioni lo spillo finisce per giacere nel piano lungo una precisa direzione. La simmetria cilindrica della gravità, per la quale ogni direzione nel piano orizzontale è equivalente, ovviamente non appare nello spillo disteso: rimane >58

Alessandro Pascolini photographed by Tommaso Giucciardini Corsi Salviati

Professore associato di fisica teorica presso l’Università di Padova, dove svolge anche il corso di Scienza per la pace e dirige il Master in comunicazione delle scienze, Alessandro Pascolini ha come interessi di ricerca la fisica nucleare teorica, le tecnologie militari e la storia e la divulgazione della scienza. Dal 1988 al 2002 è stato responsabile delle attività di promozione della cultura scientifica dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, curando in particolare l’organizzazione e la realizzazione di una sessantina mostre in Italia e all’estero su vari temi della ricerca scientifica e delle sue applicazioni. Ha fondato e diretto la rivista trimestrale “INFN-Notizie, dai quark alle galassie”, è membro di gruppi di lavoro europei per la promozione della conoscenza della fisica delle particelle e della fisica nucleare, ha partecipato alla fondazione, nel 1968, dell’ISODARCO, l’associazione che organizza le “International Schools on Disarmament and Research on Conflicts”, di cui è Vicepresidente e dal 1970 partecipa alle Pugwash Conferences on Science and World Affairs. Nel 2004, inoltre, La Società Europea di Fisica gli ha assegnato il premio per la divulgazione scientifica. Fra i temi affrontati da Pascolini anche quello delle simmetrie e asimmetrie, nella scienza, ma non solo. Ed è proprio dopo aver letto uno dei suoi scritti, “Simmetria e asimmetria nella scienza”, che abbiamo deciso parlare con lui dell’argomento.

nascosta, ma ricompare se si considerano molti spilli, che si disporranno un po’ lungo tutte le direzioni. Il sistema complessivo continua a possedere una simmetria perfetta: sono le soluzioni che rompono la simmetria. L’individuazione delle simmetrie vere negli stati che le nascondono è fra le più affascinanti sfide poste dalla natura agli scienziati. Cosa risponderebbe a Immanuel Kant che ha affermato che tutte le regolarità rigide - e tra queste anche le trame matematiche - sono intrinsecamente ripugnanti al gusto, in quanto la loro contemplazione non ci offre piaceri durevoli... e ci stanca quasi subito? Gli direi: illustre maestro, mi spiace per lei che non abbia potuto conoscere gli sviluppi attuali della scienza. Avrebbe certamente trovato piaceri durevoli nella contemplazione, o meglio, nello studio della ricchezza delle strutture gruppali delle simmetrie, la cui regolarità non è rigida, ma fiorisce nella generazione di una gerarchia di nuove strutture. Sono certo che lei stesso si sarebbe entusiasmato a sviluppare le implicazioni epistemologiche delle metodologie strutturaliste. Meglio un uomo (e quindi un mondo) simmetrico o asimmetrico? Un universo assolutamente simmetrico rispetto a ogni possibile trasformazione non ammette alcuna possibile evoluzione e rimane eternamente fisso e chiuso in se stesso, privo di novità e sorprese, e quindi non potrebbe dar origine al fenomeno altamente asimmetrico della vita. Di fatto, e fortunatamente dato che esistiamo, il nostro mondo è un interessante e divertente posto asimmetrico pieno di curiosi e affascinanti esseri ed eventi asimmetrici. Ciò non toglie che esistano armonie, regolarità e simmetrie nascoste per la nostra gioia intellettuale e la bellezza. Si tratta solo di decidere come vogliamo rapportarci alla realtà.


>bmmINTERVIEW

Associate professor of Theoretical Physics at the University of Padua – where he also teaches Science for Peace and heads up the Master’s program in Science Communication – Alessandro Pascolini’s main research interests are Nuclear Theoretical Physics, Military Technologies and History and Promotion of Science. From 1988 to 2002 he had been responsible for activities of promoting scientific culture for the Italian Institute for Nuclear Physics (INFN), organizing in Italy and abroad about sixty exhibitions on many topics of scientific research and its applications. He founded and edited the three-monthly magazine “INFN Notizie, dai quark alle galassie” (Ndt. “INFN News, from quarks to galaxies”), he’s member of many European team-work for the promotion of Physics, particles and Nuclear Physics; in 1968 contributed to found ISODARCO, an association that organizes the “International Schools on Disarmament and Research on Conflicts” -and now he’s its vice president. Since 1970 he has been participating at the Pugwash Conferences on Science and World Affairs. Furthermore, in 2004 European Physical Society awarded him the prize for scientific promotion.Among several other topics, Pascolini has dealt with symmetries and asymmetries related not only to science. After having read one of his publications, “Symmetry and Asymmetry in science”, we decided to talk about this topic with him. You are both a mathematician and a physicist, a popularizer of scientific culture: we should expect that you would absolutely prefer the first subject because it is really captivating. Why it’s not like that? It’s impossible not to reveal a deep aesthetic pleasure in studying symmetries, one of the most elegant and prolific systems that have been discovered by human brain. But also the absence of symmetries incites and arouses to investigate. Indeed research moves along two levels: one consists in finding underlying regularity and symmetry among the apparent disorder of natural phenomena to formulate fundamental laws, while

>59

>>

S

cience refers to symmetry and asymmetry according to various meanings. Alessandro Pascolini, associate professor of Theoretical Physics at the University of Padua, reveals us how “An universe that is completely symmetric compared to every possible transformation it could not originate the highly symmetric phenomenon of life”.

A symmetric system is made of equivalent states, but only one of them is acquired by the system: symmetry laws do not play any role in determining a specific state; other features are more relevant, such as the initial conditions of the system, environmental conditions, pure chance. Well, the real state of the system do not always You maintained that the need of symmetry supports human thinking and behaviour, as if it show all of its symmetries or it hides the real ones that, on the contrary, are revealed by the set of guarantees balance and equality. According to possible states. Just a simple example to clarify you, for our world, and us what is “good” and this: in the terrestrial gravitational field the more what “bad” in symmetry? symmetric state for a pin is remaining in a vertical “Good” and “bad” are not useful in science position on its tip, but this chance is not possible anymore; it’s better to analyse when symmetries in the real world. It is only a matter of unstable are prolific or, on the contrary, become an equilibrium: the pin is subdued to minimal obstacle to know reality or to communicate disturbances and it ends up lying on the surface thoughts and feelings. To research symmetries along a precise direction. has always been really advantageous in every Of course the cylindrical symmetry of gravity scientific field, because it reveals fundamental – according to which each direction on the features of the subject of the research. But horizontal plane is equivalent – is not shown in science makes progress only thanks to the critic the lying pin, but it remains hidden, coming into on that notions that have been reached; to remain view only if you consider many pins that are tied to particular features of symmetry -that are arranged on every direction. The total system considered as absolute - often leads research to a continues to have a perfect symmetry: they are dead-end. Similarly, talking about art, original development the solutions that break this symmetry. To identify real symmetries in those states that hide them is of symmetries becomes a useful and efficient one of the most fascinating challenges that nature tool, because harmony of proportions – in other has posed to scientists. words the correspondence of sentences related to melodies – is a beauty source and an aesthetic Immanuel Kant said that rigid regularities delight. On the contrary, keeping (or imposing) – and among these he also considered firm rules can block creativity and lead artists to mathematical weft – are disgusting because create works that are unable to communicate or of their intrinsic features, because their excite. The break of firm aesthetic rules has been contemplation do not offer lasting pleasures… – and remains up to now – a powerful mean to improve in every kind of art, in order to originate and it bores us very soon. What would you answer him? new standard of beauty and harmony. I would say: Dear eminent master, I am so sorry that you could have not witnessed science Why you scientists consider symmetry as a progress. For sure you would have found lasting “condition sine qua none”? Then, most of all, pleasures in contemplating, or better, in studying what’s symmetry in and for the science? In scientific research in order to value “symmetry the richness of symmetric structures, whose regularity is not rigid, but blooms thanks to the method” is fundamental implementing it with generation of a hierarchy of new structures. I material systems, phenomena, general laws, am sure that you would have been enthusiastic theories and classes and it is necessary a precise in developing epistemological implications of criterion that can distinguish those situations in structural methodologies. which symmetry is present or absent. To science, in a system symmetry is the invariance of the It is better a man – therefore a world – that is state of certain elements compared to a group symmetric or asymmetric? of transformations of the very same system. A universe that is completely symmetric compared So, the idea of symmetry is dynamic, not static, to every possible transformation does not admit and it reveals an element of relativity because it any evolution, it remains eternally fixed and considers the invariance of “certain elements” closed, lacking in news or surprise: so it could that one has to choose depending on the research not originate the highly symmetric phenomenon programme or the aesthetic liking, introducing a of life. Luckily, since we live, it’s a given fact relation of equivalence on system states. The more the relation is weak, the more the set of that our world is an interesting, funny asymmetric place, full of curious, asymmetric events and symmetry transformation is wide: in the case of highest rigidity the only symmetry is the identical beings.Nevertheless, they do exist harmonies, regularities and symmetries that are hidden to our transformation. intellectual happiness and beauty.It’s only about deciding how we want consider reality. The theory of hidden symmetry is very fascinating because you can transfer it to men, most of all if you consider it as a potential perfection that exists in the act of original creation and than it is hidden and modified by events and further transitions. Do you want to talk about this? the second is the exploration of the absence of asymmetries where verified theories had predicted it. Every break in symmetries is a clear signal that it exists something we don’t know yet, but we have to understand it.


DIFFERENCES AMONG THE STARS Oltre alle due Europe che si sono create per via della crisi economica mondiale, esistono numerosi settori dove si segnalano differenze sensibili fra i vari paesi che compongono la bandiera europea: dalla formazione all’uso delle nuove tecnologie, dai rifiuti ai farmaci e alla ricerca, il distacco tra stati diventa a volte enorme. Text > Serena Simoni

Tanja Ostojic, After Courbet, L’origin du Monde, 2004 Inutile ripercorrere gli avvenimenti recenti legati alla crisi economica mondiale, che hanno tristemente evidenziato un’Europa che avanza a due marce: spagnoli, greci e italiani in panchina, soggetti a salassi intensivi che hanno drasticamente abbassato la qualità della vita, e tedeschi, francesi, olandesi, che se la stanno cavando molto meglio. Asimmetrie variabili, dal punto di vista economico, da tenere sott’occhio soprattutto se si pensa ad alcuni recenti commenti dei capi di stato tedesco, inglese e francese che prefigurano un’Europa a due marce. Alla meglio, potrebbe trattarsi di una differenziazione tra paesi membri che, con una maggiore libertà e autonomia di tempi, si potrebbero allineare alle politiche europee trainate dai paesi leader. Alla peggio, si tratterebbe di una selezione fra gli stati ricchi e gli altri, una banale classificazione in grado di mettere la parola fine al pensiero europeista delle origini. Ma riguardo ad altri indici e fattori, che ne è delle disparità fra i paesi europei? Se partiamo dai più piccoli e dalle nuove tecnologie, è inquietante venire a sapere che l’Italia è all’ultimo posto per l’accesso ad Internet nelle scuole, mentre al contrario è uno dei paesi dove maggiormente i giovanissimi possono viaggiare in rete senza il controllo degli adulti, che in tutta Europa appaiono i più inadeguati a capire cosa passa attraverso le loro “macchine infernali”. Per fortuna lo Stivale è dichiarato a “basso rischio” di esposizione a contenuti inappropriati online - assieme ad Austria, Belgio, Francia, Germania, Grecia e Ungheria - ma non in virtù di una particolare legislazione di controllo. Pare, infatti, che siano la mancanza di competenze digitali adeguate e il basso utilizzo di Internet a tutelare i ragazzi italiani e irlandesi,

che però rischiano, proprio per questo, di essere estromessi dall’accesso alle opportunità positive offerte dalla rete. A proposito di formazione, fra i parametri positivi e allineati, è l’aumento della scolarizzazione in Europa almeno fino all’età delle superiori: l’Italia, dove la percentuale degli analfabeti giungeva a quasi metà della popolazione negli anni ‘50, ha quasi raggiunto la media europea, ma segna una distanza incolmabile per gli insegnanti, fra i meno pagati e i più anziani. Ecologia e rifiuti sono i grandi problemi d’oggi e, in previsione, le grandi questioni di domani: anche in questo caso i paesi europei manifestano comportamenti assai diversi, con atteggiamenti responsabili da parte di Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi e Svezia, che utilizzano al minimo le discariche e hanno implementato sistemi completi per la raccolta, il riciclaggio e il trattamento dei biodegradabili. I maggiori deficit sono, invece, presentati da Bulgaria, Estonia, Italia, e altri paesi, dove le politiche per la prevenzione dei rifiuti sono deboli, o praticamente assenti, e le strutture per il trattamento inadeguate. Dalla “monnezza” alla salute il passo è breve, ma ancora claudicante: la spesa dei vari paesi per il welfare si aggira di media sul 30% del PIL, superata da alcuni paesi nordici e da Austria e Francia, dove occorre aggiungere dai 5 ai 10 punti in più di percentuale. In generale, nonostante non esistano direttive comunitarie in materia, e se pure con sistemi organizzativi molto diversi, la situazione è abbastanza omogenea in tutti quegli stati che hanno fatto della protezione sociale una bandiera di progresso. Non si sa fino a quando, vista la crisi attuale che, assieme alla bassa fertilità e all’aumento degli anziani, sembra >60

rendere esplosive le spese per l’assistenza sociale e sanitaria. Anche l’utilizzo dei farmaci rende una cartina di tornasole differenziata fra paesi come Germania, Danimarca, Finlandia e Gran Bretagna, che utilizzano molto i farmaci generici (contenendo le spese farmaceutiche), al contrario di Italia, Portogallo e Francia, generalmente più affezionati ai medicinali di marca, che in alcuni stati - vedi la Grecia - possono costare fino all’80% in più. Probabilmente non è un problema solo di profitti, se in Italia la ricerca pone il paese ai posti più bassi d’Europa, assieme a Spagna e Grecia, maglie nere per poca innovazione, scarsi laureati e rari investimenti nel settore. Di nuovo sono i paesi nordici, con Germania e Svizzera, a rappresentare i virtuosi d’Europa, a dispetto del numero dei dottorati italiani e delle pubblicazioni scientifiche in collaborazioni internazionali, entrambi leggermente sopra alla media europea. Da ultimo, piccole e medie imprese, la forza tradizionale del Bel Paese, salvano l’Italia dai grafici negativi: sono infatti loro a fare ricerca, attestandosi sopra alla media europea, anche se poche aziende si rendono disponibili a collaborare fra loro, come invece avviene di media nelle altre nazioni.


>bmmSOCIETY

D

ue to the economic world crisis not only they have been created two Europes, but there also are many more fields in which we can distinguish substantial differences among all the European countries: from education to new technologies, or from waste to medicine and research, the gap between these countries sometimes becomes huge.

Among positive and balanced parameters there’s education, thanks to increase of the age of basic education up to High School years; during the Fifties Italy counted a percentage of illiterates of about 50% of population, while now it has quite reach the European average, even if teachers are among those who are less paid- and also the oldest ones. Waste and ecology are today’s problems – and for sure tomorrow’s questions – and even in this case European countries show different behaviours: Austria, Belgium, Denmark, Germany, Netherlands and Sweden use dumps less, while they have implemented complete collection systems, recycling and treatment of biodegradable waste. Bulgaria, Estonia and Italy have greatest deficit: policies on waste prevention are weak – or quite absent – and structures for garbage disposal inadequate. From garbage to healthcare it’s a short step – but it’s still limping: on average, welfare expenses are almost 30% of GNP, even though Northern countries, Austria and France have exceeded it (it’s almost 35% - 40% of GNP). Generally, although they do not exist Community Directive on this topic and each country has its own health system, situation is quite homogeneous in all those state that consider Health and Social care as an important breakthrough to reach. Unfortunately we don’t know how long this situation is going to last, considering the current crisis that, together with low birth rates and the increasing number of older population, seems to make costs for social and healthcare incredibly expensive. Moreover the intake of medical products gives a clear evidence to the fact that countries like Germany, Denmark, Finland and Great Britain use more generic medicinal (limiting pharmaceutical costs), while countries like Italy, Portugal and France use more branded drugs that, in countries like Greece, can cost up to 80% more >61

than others. Probably it’s not only a problem of profits, if we consider that in terms of scientific research Italy is at the bottom of the list, together with Spain and Greece, states at the last places for quality in innovation, number of graduated people and investments in this field. Once again they are the Northern countries – and particularly Germany and Switzerland – the most virtuous of Europe: in spite of the number of Italian PhDs and scientific publications in international cooperation, they both are above the European average. Finally, small and medium enterprises – the traditional strength of Italy – save the little Mediterranean peninsula from negative diagrams: they are these company to invest on research, ranking above European average, even if few firms are available to cooperate each other, as instead happens in other European countries.

Angela Merkel

>>

No need to remember one more time recent circumstances related to world economic crisis, happenings that have sadly highlighted that Europe moves forward at two speeds: Spain, Greece and Italy are sitting on the bench, subjected to intensive taxations that have drastically reduced their quality of life while, on the other hand, Germany, France and Holland are making ends meet. From an economic point of view it’s better to keep an eye on these variable asymmetries, most of all if you think of recent speeches of German, British and French heads of state that are foreshadowing a two-speed Europe. In the best case it may be a differentiation between member states that, thanks to more freedom and autonomy in time, could line with European policies, drawn by leader countries. On the contrary, in the worst case, it may be a selection among rich countries and the others, a common classification able to call a halt to Europeanist thought of the origins. Talking about other figures and causes: what about differences between European countries? Starting from the littlest ones and from new technologies, it’s quite worrying to know that Italy comes last for access to Internet in schools, while, on the contrary, is one of the countries in which kids can surf the web without their parents controlling them: here adults are the most inadequate to understand what happen in their “infernal machines”. Fortunately Italy - together with Austria, Belgium, France, Germany, Greece and Hungary – is considered at “low risk” of exposure to inappropriate online contents, but not thanks to a particular controlling legislation. It seems that Italian and Irish children are protected only by lack of adequate computer skills and scarce use of the Internet: these are the reason why they risk to be excluded to great opportunities offered by the web.


STREAKERS: MOTHER NAKED Dopo gli anni della rivoluzione sociale in cui ci si svestiva per trasgredire o dimostrarsi più liberi, la presenza degli streakers - che si presentano nudi a eventi sportivi o in luoghi affollati è un fenomeno occidentale in pieno sviluppo, con la complicità (involontaria?) dei mass-media. Text > Serena Simoni

Nudi nati, nudi con attributi al vento e curve sotto il sole, ma non nel contesto delle meravigliose e ben attrezzate spiaggie KKO croate e neppure di Woodstock. Basta, infatti, una qualsiasi piazza, aereo, strada, stadio, o metropoli di un qualsiasi angolo del mondo occidentale per imbattersi in qualcuno completamente svestito che, più che mostrare placidamente le proprie intimità, corre a perdifiato come mamma lo ha fatto, spesso inseguito da torme di poliziotti o, al meglio, fra risate e ammiccamenti di un nutrito pubblico. Stiamo parlando dello streaking, ovvero, di un’incursione in un luogo pubblico, generalmente affollato, in pura versione adamitica. Può capitare ovunque, dalla piccola città di provincia in Italia o in un affollato stadio inglese, e per motivi che possono essere i più disparati. Passata l’ondata del movimento hippy, in cui giovani d’ambo i sessi si liberavano dai vestiti per emancipazione e trasgressione, ora denudarsi può accadere per puro esibizionismo, per desiderio di farsi o fare pubblicità, per protestare o, semplicemente, a seguito di una bevuta di troppo. A farlo sono soprattutto gli uomini occidentali, non necessariamente aitanti o giovanissimi, anche se non mancano alcune bellissime Eva a cominciare dalla prosperosa Erica Roe che nel 1982 interruppe l’incontro di rugby England vs. Australia, incantando mezzo mondo, non solo per la sigaretta che teneva tra le labbra! Fra i tanti - con l’esclusione dei “casi sociali” - ecco una breve casistica aggiornata.

Il più atletico: è indubbiamente il francese Romain Mesnil, vice campione mondiale di salto in alto con l’asta che ha corso nudo per le strade di Parigi nel 2009 con attrezzo ginnico in mano, fra automobili e pedoni. L’azione dimostrativa nasceva dalla rottura del contratto col proprio sponsor. L’atleta ne ha ovviamente trovato un altro e più che meritato, diremmo, per la perfezione di ogni singolo muscolo messo in mostra su YouTube. I più natalizi: sono i tre giovani mattacchioni di Treviso, che si sono divertiti a fare di corsa il centro di Treviso dal Duomo a Piazza Borsa, poco prima di Natale scorso, coperti solo da un berretto rosso (in testa) e una lunga barba bianca. I poliziotti li stanno ricercando, ma chi lo spiega poi ai bambini che si vuole arrestare Babbo Natale per atti osceni in luogo pubblico? Il più ubriaco: l’abbiamo individuato in Australia, quando ormai 5 anni fa, grazie a qualche bicchiere di troppo, ha scavalcato la recinzione di un ippodromo, cercando di mettersi in gara con i cavalli lanciati al galoppo. Pessima figura, visto il finale: sfacciato a bocconi a margine pista... Il più biondo: è il riccioluto australiano Tim Dormer che, a novembre 2012, ha esibito ogni centimetro della sua pelle, su e giù per il corridoio di un Boeing che trasportava a Londra 150 fra giornalisti e fans per l’ultima tappa del tour della cantante e attrice Rihanna. Si dice che il motivo fosse il rifiuto della bella pop-star a rilasciare un’intervista... che forse ha gradito tanto quanto i passeggeri. Il più politico: la neve che scendeva

>62

in una Stoccolma invernale non ha frenato lo streaking dell’artista cinese Meng Huan che, a dicembre scorso, ha mostrato il meglio di sé fuori dall’edificio dell’Accademia svedese per ricordare lo scrittore e attivista Liu Xiaobo, Nobel per la pace 2010, da 5 anni nelle prigioni cinesi. Al centro della protesta una sedia, inviata agli accademici per essere consegnata in Cina a Xiaobo, ma poi misteriosamente scomparsa ... Il più olimpionico: per fortuna era, invece, luglio quando lo streaker di turno, questa volta a Henley-on-Thames in Gran Bretagna, ha anticipato senza sforzi l’anziano tedoforo che stava portando la fiaccola olimpionica verso Londra. Scarpe da ginnastica e fiaccola di gomma, il 27enne portava scritto a pennarello sulla schiena “Free Tibet”. La più bella: è una giovanissima streaker che nel ‘97 scese sul green di Troon ai campionati Open nuda e colorata da tigrotta. Senza alcun dubbio, la più avvenente fra tutti i golfisti presenti.


>bmmSOCIETY

This man in action at day one of the 2011 Adelaide IRB Rugby Sevens at Adelaide Oval

<<

>63


>bmmSOCIETY

A

fter the years of social revolution, in which people undressed to break the rules or to show their freedom, now that of streakers – people who take off their clothes and run naked through a public place or during sports games – is a Western phenomenon that is constantly developing, with the (in)voluntary complicity of media.. Stark naked, with their privates in the wind and their curves under the sun, they aren’t on the wonderful equipped Croatian beaches, neither at Woodstock. You just only need a square, a plane, a street, a stadium or a metropolis in every part of the Western world and you will easily find someone that is completely naked: more than simply showing their privates, these people want to run mother naked breathlessly, often chased by throng of policemen – or better surrounded by laughs and winks of a consistent audience. I am talking about streaking, the act of running in a public crowded place, in one’s birthday suit. It can happen everywhere, from a little Italian town to a crowded English stadium and there are lots of reasons to do that. After hippies, who, both boys and girls, undressed to emancipate themselves or for transgression, today stripping is pure exhibitionism, self-promotion, and protest... or blame it on the alcohol! Most of streakers are Western men and they are not necessarily young and sturdy, but there are also women, such as flourishing Erica Roe, who in 1982 interrupted the rugby match between England and Australia, enchanting quite the whole world, and not only for the cigarette between her lips! Here it is a brief, up-to-date record – excluding oddballs. The most athletic one: for sure he’s French Roman Mesnil, world vice-

champion of pole vaulting, who ran naked along the streets of Paris, through cars and pedestrian, with his gymnastic equipment in his hand, in 2009. This demonstration was due to the breach with his sponsor. Of course the athlete immediately found another – and we should say more than deserved – sponsor, thanks to the perfection of his each muscle, that was exhibit on YouTube. The most Christmas ones: they’re three young jokers from Treviso who had a good time running through the centre of their city, from the Cathedral to Piazza Borsa, just before Christmas; they were wearing only a red cap (on their head) and a long white beard. They are wanted by Police, but who explain to children that they want to arrest Santa for obscene act in public place? The most drunk one: we have found him in Australia 5 years ago when, after having drink too much, he climbed over the enclosure of an hippodrome and then he tried to race against horses at full gallop. It was a terrible figure, considering the unhappy ending: he felt prone to the ground, on the border of the speedway. The blondest one: he is the curly Australian Tim Dormer; on the last November he showed every centimetre of his body, running up and down along the corridor of a Boeing that was carrying 150 people to London– among which there were journalists and fans,

ready for the last gig of the singer Rihanna. They said that the reason was caused by the beautiful pop-star, who refused to release an interview...and maybe she enjoyed this expedient as much as passengers. The most political one: despite the snow, Chinese artist Meng Huan decided to streak on the last December in Stockholm. He showed his best out of the building of the Sweden Academy in order to commemorate writer and activist Liu Xiaobo, who was awarded Nobel Peace Prize in 2010, during his fourth prison term. In the middle of the protest there was a chair, sent to Academics for being delivered to Xiaobo in China, but it has disappeared mysteriously.... The most Olympic one: fortunately it was July when the streaker on call, Henley-on-Thomas from Great Britain, effortless exceeded the old torchbearer who was bringing Olympic Torch to London. With his sneakers and his rubber torch, the guy of 27 years old had written “Free Tibet” on his back. The most beautiful one: this time is a girl and she’s a very young streaker who came down to the green during Open Championship in Troon, in 1997; she was naked and coloured as a tiger. No doubts: she’s the most attractive among all those golfers.

1) The 23 year old man, from Dunedin, who was viewed by a television audience of millions running naked on to the field during the England v Argentina game at Otago Stadium, was charged under the Major Events Management. 2) Streaker shows Hayden Panettiere at MTV Music Awards. 3) Wildflower, California, streaking triathlon naked. 4) This man is in the latter camp, as he streaks a cricket event in New Zealand in March, 2010 with the words “NANA SAID NOT 2” written on his bare bod. 5)A streaker invades an Aussie-England cricket match and steals a bail. 6) Upside-down streaker invades Liverpool Soccer Match. 7) A streaker invades pitch and leaps the stumps during a cricket match between Somerset and Durham in Taunton, England. 8) Mark Roberts is a 45-years-old serial streaker who interrupted the 2010 Crufts Dog Show in Birmingham, England wearing only a cat’s face over his ruff parts. >64


>bmmSOCIETY

>>

>65


BBB: BUTTERY BUT BEAUTY Donne “normali” e per questo “speciali”. Donne che non nascondono le proprie curve, ma piuttosto le usano come armi di seduzione, sfidando la regola “magrezza uguale bellezza”. Donne vere, e dunque - finalmente - modelli possibili da seguire, mentre una nuova consapevolezza si fa strada: taglia 44 è bello! Text > Lorella Monchi

Ma quando smetteranno di reclamizzare creme anticellulite o stira-rughe utilizzando donne magrissime, bellissime e prive di qualsiasi inestetismo? O di mostrarci abiti che suscitano il nostro desiderio, salvo poi arrenderci al fatto che non ci entreremo mai? Le nostre icone di stile non possono essere donne che vanno ogni settimana a iniettarsi chissà quale tossina per apparire forever young o che rinunciano sistematicamente a una fetta di torta a fine pasto! Così, forse per reazione, forse per un senso di maggior consapevolezza scoppia l’orgoglio curvy. Se volessimo datare questo fenomeno, che va pian piano conclamandosi in ogni dove, e al quale ci auguriamo che anche i fashion designer più blasonati si arrendano, l’anno giusto potrebbe essere il 2009. Fu la dichiarazione d’intenti delle rivoluzionarie della Controriforma, non già seguaci di Martin Lutero, bensì di tal Lizzi Miller. Glamour pubblicò le foto della bionda modella californiana appena ventenne (peso 80 chilogrammi su 1 metro e 80 di altezza) nuda e con assai più di un po’ di pancetta: fu lei la prima martire del movimento anti-digiuno, mostrandosi bellissima a dispetto della tanto predicata magrezza. In quello stesso anno Beth Ditto fu consacrata a icona di stile grazie a un servizio fotografico comparso a primavera 2009 sulla rivista inglese Love. Gli scatti, firmati da Mert Alas e Marcus Piggott, furono sì ritoccati con Photoshop, ma per aumentare ulteriormente le forme della già più che procace cantante e non per celarle! Da lì in poi le porte della moda si sono spalancate per la frontwoman della rock band Gossip, tanto che, prima Jean Paul Gaultier, poi Donatella Versace, l’hanno voluta sulle loro passerelle. Il 2012 ci ha regalato anche altri assaggi di morbidezza: Christina Aguilera e Lady Gaga hanno fieramente rivendicato il diritto a possedere un corpo normale! La stessa Britney Spears, dopo un passato turbolento e pieno di drastici cambi di peso, sembra finalmente aver raggiunto una serenità ed essersi rimessa letteralmente “in forma”. Altre stelle della musica restano

orgogliosamente curvy anche in questo 2013. Sono: Adele, che ha dichiarato di non mettere in cima ai suoi pensieri il desiderio di diventare una modella, piuttosto quello di incarnare la maggior parte delle donne, Jessica Simpson e Queen Latifah. Per portare con disinvoltura qualche chilo in più senza considerarlo di troppo è necessario godere di grande autostima e vivere ad Hollywood non facilita certo le cose, anzi! Riuscire a non cedere alle lusinghe e alle pressioni di un mondo sempre più condizionato dall’immagine, potendosi permettere senza problemi qualche aiutino qua e là, richiede un atteggiamento al limite dello stoicismo. Ce l’hanno fatta Jennifer Lopez, che delle sue forme decisamente pronunciate ha saputo fare un vanto, Rosario Dawson, Mo’nique, Liv Tyler (la quale si narra sia cresciuta costantemente di taglia durante le riprese del kolossal Il signore degli Anelli) e la candidata all’Oscar Jennifer Lawrence che ha recentemente dichiarato di

Jennifer Lopez - Front

essere considerata “obesa” secondo gli standard hollywoodiani. Bellissime e burrose avanzano anche tra coloro che della propria bellezza fanno il proprio lavoro, come l’ex-modella Tyra Banks e Dita Von Teese, celeberrima ballerina di burlesque. E pure il piccolo schermo regala qualche soddisfazione in questo senso, ultima a mostrarsi fieramente in tutta la sua “normalità” è Lena Dunham, attrice protagonista, produttrice e creatrice di Girls, nuova serie cult già premiata con un Golden Globe. Con un gioco di parole, potremo allora affermare che il gruppo delle oppositrici al concetto di magrezza mortificante nello show-biz sia “ben nutrito” e che, nel caso delle celebrities, vestire taglie over 40 non rappresenti un problema nemmeno quando si parla di moda. I fashion designer, del resto, fanno a gara nel creare abiti meravigliosi modellati sulle loro morbide curve. Saranno capaci di fare lo stesso per noi, donne curvy, ma davvero normali?

Jennifer Lopez - Back >66


>bmmSOCIETY

Jessica Simpson

Christina Aguilera

Lena Dunham

Queen Latifah

Liv Tyler

Britney Spears

Moâ&#x20AC;&#x2122;nique

Beth Ditto >67

<<

Adele


>bmmSOCIETY

“N

ormal” women, and for this they’re “special”. Women that don’t hide their curves, rather they use them to seduce, challenging the rule “to be thin is to be beautiful”. They’re real women, so at least! - they’re possible examples to follow, while a new awareness is raising: large sizes are attractive!

Dita Von Teese >68


>bmmSOCIETY

When do they stop to advertise anticellulite or anti-age creams by using thin amazing and beauty-flaw women? Or to show us desirable dresses that won’t ever suit us? Our style icons cannot be women that go every week to be injected with who know which toxin only for having a forever-young look or they renounce to a slice of cake after dinner! So, maybe for reaction, or maybe for a greater awareness, it has exploded the curvy pride. If we would like to date this phenomenon – that is spreading everywhere and we hope that also most esteemed stylists will give up to it – I think that the 2009 could be the right year, thanks to the declaration of intent that a group of revolutionaries of Counter-Reformation did, following Lizzi Miller – and of course not Martin Luther. The magazine Glamour published the photos of the beautiful blond model from California (she was just 20, weighed 80 kilos and was 1,80 meters tall) while she was posing naked, with certainly more than just a bit of belly: she was the first martyr of anti-fasting movement, showing herself incredibly beautiful in spite of the long-predicted thinness. In the very same year Beth Ditto was consecrated as a style icon, thanks to a photographic service published on British magazine Love during the spring.

Rosario Dawnson

Jennifer Lawrence

Mert Alas and Marcus Piggott took the pictures: they edited them with Photoshop, but only to increase the more than noticeable curves of the provocative singer and not to hide them! From this moment on fashion doors have been opened so wide to the frontwoman of the rock band Gossip that Jean Paul Gaultier and then Donatella Versace wanted her on their catwalks. 2012 has given us other tasting of curves: Christina Aguilera and Lady Gaga have proudly claimed their right to have a normal body! After her troubled past, full of changes in weight, it seems that Britney Spears has reached her happiness and now she’s again on good form. Also in this year of 2013, other music stars proudly remain curvy. I’m talking about Adele - who has declared that her “primary desire is to represent most of women and not being a model”- Jessica Simpson and Queen Latifah. Having extra pounds and showing them with self-confidence means having a great self-esteem, but living in Hollywood definitely doesn’t help it! Rather, it is necessary a stoic attitude to be able not to give in to flatteries and pressures created by a world that is more and more influenced by the look, most of all if you consider that you can ask for

>69

some help hither and yon, without any problems. But some of Hollywood stars made it: Jennifer Lopez – who proudly brags about her curves – Rosario Dawson, Mo’nique, Liv Tyler – it seems that during the shooting of The Lord of the Rings she got fat constantly – and Jennifer Lawrence, nominated for Oscar, who has affirmed of being “obese” according to Hollywood standard. Others amazing and buttery women have decided to based their job on their beauty, such ex-model Tyra Banks and Dita Von Tees, the famous burlesque dancer. Even television give us satisfaction in this sense: the last to have proudly shown her “normality” has been Lena Dunham, protagonist creator and producer of Girls, the new cult TV serial, awarded with a Golden Globe. Through a play on words we should maintain that the group of girl who have fought against the idea of mortifying thinness in the show-biz world is “well fed”; moreover, in the case of celebrities, dressing big sizes is not a problem, not even with regard to fashion world. In the meantime fashion designers compete in creating wonderful dresses, shaped on their buttery curves; but it easily comes a question: will they be able to do the same for us, curvy and really normal women?

>>

Tyra Banks


>bmmCHAPTER

>70

<<


FASHION Trends People Accessories Editorials

>71


SHOW YOUR UNDERWEAR Intimamente nascosta, nei cassetti o sotto strati dâ&#x20AC;&#x2122;indumenti, la lingerie pare voler affiorare in superficie per la prossima S/S 2013 reinventandosi, o per meglio dire reinventata da Maison e designer, in capi da esibire. Text > Prisca Maizzi

AF VANDERVORST

>72


>bmmFASHION

e lo fa guardando a cardini della tradizione: il Carnevale veneziano, con maschere come Arlecchino, le storiche pellicole come “la Strada” di Fellini e, per citare nuovamente Dior, “il miglior creatore della moda italiana”, ossia Roberto Capucci. Una collezione giocata, per pattern e cromie, sulla tridimensionalità, che accoglie sapientemente anche l’uso di apparenti intimi corsetti. Un ritorno alle origini anche per Dolce & Gabbana: una Sicilia in festa, certamente per un’estiva ricorrenza patronale. Spensierati e gioiosi sfilano capi-tributo all’artigianalità mediterranea, trasformati, per la scelta dei materiali, in apparenti souvenir da portare con sé al rientro dalla sagra paesana. D’esempio il bustier in vimini indossato con completo intimo in pizzo nero. A trionfare nuovamente per esagerazione e teatralità è Alexander McQueen. Partendo dall’universo naturale delle api, Sarah Burton riporta su corsetti e sottogonne dalle mielose nuance strutture esagonali proprie degli alveari. Il passaggio da under-wear a out-wear fu sicuramente agevolato dall’esuberanza degli anni Ottanta e da personaggi eccentrici come Jean Paul Gaultier. Indumenti come il corsetto, infatti, non avevano più ragione d’esser coperti, tutt’altro. La fisicità rigorosa e autoritaria che caratterizzava la donna del decennio permetteva di ostentare la lingerie. A ben saperlo era un’icona come Madonna, nota indossatrice dell’altrettanto noto reggiseno a cono. Se di citazionismi la moda si serve, come non menzionare Maison quali Calvin Klein Collection, Loewe e Jean Paul Gaultier? In un gioco di tagli, imbottiture e cuciture, inseriscono nuovamente per l’estate un capo storico, rievocato più volte nei suoi trent’anni di vita. Ma la biancheria intima non è unicamente sinonimo di sensualità. Approcci più romantici sono evocati dai completi di Antonio Marras e Holly Fulton: declinati utilizzando stampe delicate e pattern floreali nel caso dello stilista sardo e tonalità

>73

pastello per la designer britannica; la loro allure sensuale cala, lasciando spazio a un immaginario fanciullesco. La nostalgia adolescenziale varca le passerelle di Cacharel e Giles. La Maison francese propone per mano di Ling Liu e Dawei Sungonne in organza trasparenti dalle quali si percepiscono bambinesche culotte a quadretti bianche e azzurre. Più malinconica e maliziosa la versione out-wear del baby doll di Giles con colletto Claudine bianco, come una moderna Lolita che inconsapevolmente potrà sedurre il suo spettatore. Se di moda estiva parliamo, non poteva mancare, sulle passerelle di questa stagione, una ventata di etnicità. Matthew Williamson trasla su culotte astratte stampe etniche dalle tinte brillanti, proponendo una mise apparentemente quotidiana, giubbino in pelle e camicia, ma decontestualizzata per l’uso della biancheria intima. Altra qualità che la lingerie deve possedere è il comfort. Da sempre, infatti, l’intimo si distingue per una vasta gamma di prodotti presentati nella soluzione basic. Da Chanel, Karl Lagerfeld punta a un grafico minimalismo sofisticato. I classici completi giacca-pantalone sono interpretati in un mood tecnico, quasi sportivo, grazie all’inserimento del reggiseno a triangolo lasciato a vista. Meno discreta è DKNY che progetta per la P/E una donna sportiva, incline all’easy-to-wear. Il bra dalla forma triangolare è indossato con gonna svasata, abbinata dai colori e dallo stile assai newyorkese. Importante anche la parte assegnata all’underpants. Marc Jacobs firma una collezione dotata di una crudele semplicità, aprendo lo show con un look esageratamente clean: una t-shirt bianca con grafica e uno slip nero. SeMarilyn Monroe, l’icona per definizione, alla domanda“Perché non porta biancheria intima?” rispose “Mi danno così fastidio tutte quelle piegoline”, non c’è da stupirsi che AF Vandevorst porti sulla passerella un completo formato da seni nudi e pantalone. Ma questa è un’altra storia.

<<

Che la moda sia coraggiosa questo è noto. Servendosi di meccanismi e stratagemmi che incuriosiscono chi dall’altra parte ne farà uso, ambisce a tenere sempre alto il grado di attenzione che merita. Ma quel che è risaputo maggiormente, è che la moda è ciclica. Guarda al passato e, da quel che è stato, rilegge, rielabora e propone nuovamente. Se al suo essere paradossalmente ripetitiva aggiungiamo un fattore contemporaneo, qual è la crisi socio-artistica che caratterizza la nostra epoca, il gioco è fatto. La signora Moda, infatti, si vede costretta a cercare affannosamente indumenti già visti sulla scena, progettandoli in chiave nuova e innovativa. Come in un meccanismo di messa a nudo del soggetto, i designer, per la prossima S/S, si ritrovano così con collezioni al limite dell’indispensabile: la lingerie. Un paradosso fashionista se pensiamo che, da sempre, gli stessi lavorano stagionalmente per coprire con le proprie creazioni ciò che appartiene alla sfera dell’underwear. Tale controsenso non è però nuovo agli occhi degli spettatori. Nel 1947 Monsieur Marcel Rochas, padre della seducente guêpière in pizzo, presenta sulle passerelle corsetti abbinati a gonnelle in raso. Dopo circa settant’anni la casa francese ripropone l’utilizzo di biancheria intima come abbigliamento. Marco Zanini firma per Rochas brassieres e culottes a vita alta in pizzo dal taglio bon-ton. Sempre nel 1947 Dior presenta quello che per convenzione sarà definito il New Look. La scelta di una nuova silhouette sensuale e femminile richiede l’utilizzo di corsetti sagomanti e reggiseno con coppe coniche. Sulla falsa riga della moda Fifties, sulle passerelle internazionali giunge la seduzione tradotta in indumenti intimi. Strizzati bustier, nel classico pizzo nero, sono la versione di Jason Wu abbinati a hotpants o gonne dal punto vita alto, con tanto di lunghi guanti. Corsetti anche sulle passerelle nostrane. Aquilano Rimondi ambisce a un citazionismo tutto italiano


>bmmFASHION

ALEXANDER McQUEEN

CALVIN KLEIN >74

JASON WU


>bmmFASHION

MARC JACOBS >75

ROCHAS

<<

ANTONIO MARRAS


>bmmFASHION

Fashion is brave: everybody knows it. By using mechanisms and stratagems to tickle costumers, it aims at keeping high the attention that it deserves. But, everybody knows even better that fashion is cyclical: it looks to the past and then it revisits, recreates and proposes again. If we also add the current situation of socio-artistic crisis, it’s a done deal. Mrs. Fashion is forced to frantically look for garment yet known, re-designing them in an innovative new way. As a mechanism of baring the subject, designers find themselves creating collections till the limit of the essential: lingerie. It’s a real paradox if we think that stylists have been working to cover underwear since ever. By the way, this contradiction is not new to audience’s eye. In 1974 Monsieur Marcel Rochas, father of the seductive lace guêpière, on the catwalks showed corsets combined with satin skirts. Seventy years later the French House proposes to wear underwear as clothing. Marco Zanini signs for Rochas lace high-wasted brassieres and culottes, characterized by bon-ton cuttings. In the same 1974 Dior launched the new tendency known as New Look. The choice for a new female sexy silhouette required the use of shaping corsets and bras with conical cups. Along the lines of the Fifties fashion, on international catwalks it comes the seduction translated into underwear. Pressing bustier in the classical black version is the proposal of Jason Wu, who combines them with hot pants or high-wasted skirts, completed with long gloves. Corsets again, even in Italian catwalks. Aquilano Raimondi aims to refer to Italian tradition: Venetian Carnival , with its masks such as Harlequin, or classical film such as “The Road” by Federico Fellini and, to quote Dior one more time, “the best Italian Fashion designer”, as to say Roberto Capucci. It is a collection based on patterns, colours and three-dimensionality, features that wisely embrace corsets that are intimate only at a first glance.

Also Dolce & Gabbana are coming back to their origins: a Celebration of a Patron Saint in Sicily, during Summer. Clothes created in honour to the Mediterranean handicrafts model cheerfully and happily, but thanks to the choice of fabrics, they are transformed into souvenirs to be brought at home after a local feast. Just think about the wicker bustier dressed up with black lace lingerie ensemble. Alexander McQueen triumphs again for his exaggeration and theatricality. Starting from the natural universe of bees, Sarah Burton designs corsets and petticoats of corny nuances with hexagonal structures, as if they were beehives. The shift from underwear to outwear has been supported by the exuberance of the Eighties and by personalities such as Jean Paul Gaultier. There was no need to cover clothing like corset anymore. On the contrary, women of that decade could show off lingerie thanks to their authority and determination. And Madonna knew it very well: she was one of the icons to wear the famous conical bra. Not to mention Fashion Houses such Calvin Klein Collection, Lowe and Jean Paul Gaultier: playing with cutting, stuffing and stitching for the summer collection they bring to life a classical item again – an item that has been recalled many times during its thirty years of life. But underwear does not only mean sensuality; Antonio Marras and Holly Fulton propose their more romantic approaches: they are all characterized by delicate patterns – as the floral ones chosen by the Sardinian stylist or the pastel tones chosen by the English designer – but the sensual allure decreases, turning into a childlike imaginary. Adolescent nostalgia also arrives to Cacharel and Giles catwalks. French Fashion House, thanks to Ling Liu and Dawei Sun, proposes transparent organza skirts through which you can see girlish culottes in checks of white and blue. Outwear version for baby dolls proposed by Giles is more melancholy and malicious, with the white Claudine collar to be worn by a modern Lolita who seduces

>76

unconsciously. If we talk about summer collection we absolutely have to mention the breath of ethnic air that has arrived to catwalks. Matthew Williamson transfers ethnic patterns in brilliant colours to culottes, proposing leather jackets and shirts: an outfit that is daily only apparently and de-contextualized for the choice of wearing underwear. Comfort is another feature that lingerie needs: since ever underwear has been distinguished by a large scale of basic items. Karl Lagerfeld from Chanel aims for a refined graphic minimalism. Classical suits are re-interpreted in a technical quite-sports mood, thanks to the triangle bra in view. DKNY is less discrete: for S/S collection the American House proposes a sporting woman inclined to the easy-to-wear. Triangle bra is combined with flared skirt in the same colours and, obviously, in the same style, typically New Yorker one. Also underpants is very important. Marc Jacobs creates a collection with a cruel simplicity, opening his show with an excessively clean look: a white patterned t-shirt and black underpants. When it was asked to Marilyn Monroe – icon by definition - “Why don’t you wear underwear?” she replied, “I cannot stand all those folds”; so we don’t have to be surprised if AF Vandevorst brings to catwalks an outfit made of naked breasts and trousers. But that’s another story!


>bmmFASHION

W

e keep it intimately hidden in our drawers or under our clothes: lingerie seems to emerge to the surface for the next S/S 2013, revisiting itself â&#x20AC;&#x201C; or we shall better say revisited by fashion houses and designers that create clothes to be shown. DOLCE & GABBANA

>>

>77


WALKING A FINE LINE L’estetica contemporanea si è fatta più complicata. Non mira alla “perfezione” come in passato, ma sperimenta nuove strade. E dopo aver scoperto nuova vita oltre il “bello”, ha trovato nuovi stimoli anche oltre la simmetria. Text > Marco Cortesi

BALENCIAGA >78


VIkTOR & ROLF

GUCCI

Per secoli il “mondo del bello” ha operato secondo una regola ferrea. Qualsiasi opera, architettura o pittura, pur nella variazione formale, legata ai mezzi coi quali era realizzata, ha sempre risposto a un imperativo categorico: la simmetria. A partire dal mondo greco, passando per quello romano ed egizio e sù sù fino al Medioevo - dove però iniziano ad apparire i primi segnali di una crisi che esploderà solo molti secoli più tardi diventa la Stella Polare nell’Umanesimo e nel Rinascimento e via sino al Barocco (dove sarebbero tornati alcuni sintomi d’insofferenza) e al primo Novecento. Da qui in poi, a causa dell’impatto che la civiltà moderna delle macchine e dell’industria ha determinato nel gusto dell’uomo, il senso estetico comincia a farsi più vorace, più esigente e trova appagamento anche in ciò che prima era ritenuto “brutto”: la dis-armonia, i contrasti, le opposizioni e l’asimmetria. Un cambio che è evidente confrontando, per esempio, il lavoro di Raffaello e quello di Egon Schiele. L’armonia e la ricerca della perfezione hanno lasciato il posto a uno sguardo che è più attratto dalla contorsione, dal contrasto, dalla “malattia”. La donna di Raffaello, incarnazione della perfezione, è soprattutto divina: Madonna. Quella di Schiele è nuda carne divorata dal male, in posa erotica o madida di sudore come dopo un rapporto sessuale.

La pittura d’inizio Novecento, abbandonando il figurativo ha suddiviso le tele in forme, figure, superfici che sfidavano le regole della tradizione e hanno spinto gli artisti a dover ragionare attorno al concetto di un “nuovo equilibrio”. Grazie al lavoro di Alexander Calder esso ha cessato di essere rappresentato dalla bilancia - che per secoli è stato anche il simbolo della Giustizia - ma è ottenuto in modo ”squilibrato”, per sommatoria di elementi in movimento e in un continuo contrappunto. Il lavoro sulle tele è poi diventato architettura. All’interno del Bauhaus si progettavano residenze che non miravano al canone della simmetria, ma dove gli ambienti si organizzavano in base alle esigenze delle funzioni ai quali gli utenti chiedevano rispondessero. Risultato? Che oggi, anche grazie all’istruzione obbligatoria e ai media, una parte considerevole dei consumer contemporanei è predisposta - per indole o volontà di apparire più raffinata - alla comprensione di un’estetica “sbilanciata”, verso proposte meno facili e dal gusto meno popolare. Per la stagione estiva, l’asimmetrico è apparso sia sulle passerelle di Milano sia di Parigi: nella versione più immediata (l’abito monospalla, che dopo anni di oblio è da alcune stagioni una delle tipologie più ricorrenti), ma in generale proprio nella costruzione degli abiti che diventa differente

sulle due parti. Per esemplificare il concetto, abbiamo scelto un corredo iconografico incentrato sul total white e total black. Forse, si può ipotizzare, è un modo per rappresentare la donna di oggi, che è tante e diverse cose assieme. Su un lato o sull’altro - secondo i casi - si alternano lunghezze differenti nelle maniche o nei pantaloni. Se nella parte superiore sinistra sembra di riconoscere il revers di una giacca, dall’altra si conclude con le forme di un abito. Oppure due abiti, diversi per colore e tessuto, sono uniti nel centro per dare vita a un mix dei due (vedi Viktor & Rolf). La figura è nettamente divisa in due da Lanvin - ma il concetto è riproposto anche da Costume National - i nuovi abiti sono il risultato di un collage tra elementi maschili e femminili in un alternarsi tra queste due identità. Così da Balenciaga, dove Nicholas Guesquiere è stato recentemente sostituto da Alexander Wang, forse a causa di una vena concettuale da alcune stagioni un po’ troppo fuori controllo. Nelle passate collezioni era stato facile comprendere la sua rilettura dei volumi del grande Cristobal, meno, in anni piu recenti, i riferimenti allo sci-fi, suo universo di riferimento. Nella sua ultima esemplare collezione, sbilancia le gonne percorse da balze e in contrasto cromatico tra interno ed esterno. Sono lunghe dietro e davanti corte, hanno uno spacco sulla sinistra e “pendono” a destra.

>79

<<

COMME DES GARÇONS

>bmmFASHION


Nella collezione di Gucci - ma anche da Givenchy - è sempre una balza a far svolazzare un solo lato del vestito, che sia uno scollo, un monospalla o un monomanica. Alla Maison Martin Margiela - così come da Marni e Dior - il gioco è quello di dar forma a capi che sembrano essere stati strappati dalle pezze di tessuto da cui sono stati tagliati e su un lato hanno lembi di tessuto che svolazzano. Da Comme des Garçons, l’abito diventa agglomerato - quasi un buco nero capace di risucchiare un intero guardaroba - dal cui groviglio pare di riconoscere una manica o un collo. E il risultato è una composizione certamente armonica nell’insieme, ma diversa sui due lati della figura. Il gioco continua da John Galliano - dato in ritorno da Oscar De la Renta - dove Bill Gaytten, che disegna il marchio dopo l’uscita di scena del designer, panneggia i tessuti sul corpo generando volumi gonfi e asimmetrici e anche da Chloè dove, oltre alle balze, si azzarda addirittura un asimmetrico trattamento anche per i pantaloni: semplice da una parte, ricoperto di fiori dall’altra. Sarà che nei periodi di cambiamento queste inquietudini si fanno più evidenti, ma nella prossima stagione l’asimmetrico è un must di stagione.

MARNI

MAISON MARTIN MARGIELA

TARALIS

>bmmFASHION

C

ontemporary aesthetics is becoming more and more complicate. It doesn’t aim to “perfection” as it did in the past. After having discovered a new life apart from the “beauty”, it has found new stimulus apart from symmetry.

>80

For centuries the “world of beauty” has worked according to precise rules. Even with formal variation, due to the means that were available to make things, every kind of work, both in architecture or painting, has always corresponded to a categorical imperative: symmetry. Passing through ancient societies of Greeks, Romans and also Egyptians, till the Middle Ages - even if in this period they began to appear the first signs of a crisis that will explode many centuries later - and then going through Humanism, Renaissance and Baroque - where it re-emerged the crisis - this “philosophy” has arrived till the beginning of 1900. From here on, because of the great impact that the modern society, characterized by machines and industries, has determined on our tastes, human aesthetic sense has become more voracious, more demanding and it has found its gratification in what before was considered “bad”: dis-harmony, contrasts, oppositions and asymmetry. For instance, comparing one work by Raffaello to another by Egon Schiele, changes are remarkable. Harmony and seeking of perfection are replaced by a new look that is more attracted by contortion, contrast and “disease”. The woman painted by Raffaello is the incarnation of perfection and, most of all, she’s divine: a Virgin Mary. On the contrary the woman painted by Schiele is bared flesh


GIVENCHY

>bmmFASHION

To simplify this idea, we have chosen an iconographic inventory focused on total white and total black looks. Perhaps we shall suppose that it is a way to represent today’s woman, who is many and different things all together. On one side or another, according to different cases various lengths are alternated in sleeves or trousers. The left top part seems to be the reverse of a jacket, while the right part ends into a dress. Otherwise two dresses - different in colour and fabrics, are sewn in the middle to create a mix of them (see Viktor & Rolf). Lanvin clearly divided figure into two parts - even if also Costume National has proposed this idea and these new dresses are the result of a collage of male and female elements, in a succession of these two entities. It is the same at Balenciaga’s - where Nicholas Guesquiere has been recently replaced by Alexander Wang, maybe for his artistic flair, that has been out of control for too long. In past collection it has been easy to understand his reinterpretation of the great Cristobal, but in more recent years it has become hard to conceive his references to sci-fi, his referential world. In his last exemplar collection, Alexander Wang puts out his skirts, covered with frills and in colour contrast between interior and exterior sides. They are long behind and shorter on the front part; they >81

have a tear on the left and lean on the right. Also in Gucci and Givenchy collections there is a frill to make only one side of the dress fluttering about - and it could be a neckline, a one shoulder or a one sleeve. Martin Margiela, Marni and Dior play at shaping clothes: they seem to be torn from the bolts from which they have been cut and there are strips that flutter about along one side. For Comme des Garçons the dress is a conglomerate, a sort of black hole that is able to engulf a whole wardrobe and from this mess we can recognize a sleeve or a neckline. The result is a harmonious arrangement that is different from one side to another. This game is also appreciate at John Galliano’ s - it seems that he would come back to Oscar De la Renta - where Bill Gatten, who has designed the brand after that the stylist have left the scene, drapes fabrics on the body, creating swollen and asymmetric volumes; also the Fashion House Chloè plays with frills and they even venture an asymmetric treatment also for trousers: they are simple on one side and covered with flowers on the other. Probably in period of changes these fears become more evident, but asymmetry is going to be a must during next season.

>>

devoured by evil, in an erotic pose or bated in sweat, as after a sexual intercourse. At the beginning of 1900 painting abandoned imagery and divided paintings into shapes, figures, surfaces that challenged rules of tradition and lead artists to reflect on the idea of a “new balance”; moreover, thanks to Alexander Calder, equilibrium is not represented by a scale anymore -that it also has been the symbol of Justice for centuries- but it is obtained in an unbalanced way, by adding moving elements and in a continuous counterpoint. Then work on painted canvas became architecture. Within the Bauhaus movement they designed buildings that did not fit with symmetry rules: spaces were organized depending on what costumers had required. The result? Today, also thanks to basic education and media, a remarkable part of contemporary consumers is prepared - by nature or by will of emerging- to understand an “unbalanced” aesthetics and suggestions that are less easy and less popular. For the next summer collections, the asymmetric element has appeared both in Milan and Paris catwalks: in its more immediate version - the one shoulder dress that, after years of oblivion, has been recurrent again for several season - and more in general in the design of clothes, that become different on each side.


TOP QUALITY MADE IN CHINA A tu per tu con Uma Wang, la stilista cinese più famosa in Occidente. >bmm l’ha interrogata sulla sua collezione P7E 2013 e sul controverso binomio qualità e Made in China. Text > Jean Marc Mangiameli

È la prima stilista proveniente dal Gigante Rosso ad aver fatto capolino sulla scena internazionale. Di stagione in stagione si presenta con collezioni che convincono sempre più sia per il forte e coerente legame con la propria cultura madre, sia per la meticolosa attenzione ai dettagli. Oggi Uma rappresenta in pieno il giovane e celere exploit creativo della Cina, con tutte le responsabilità legate al caso, tra cui quella di conferire un nuovo peso sociologico alla moda nella Repubblica Popolare. Riuscirà nella sfida?

Quando e come ha deciso di diventare stilista? Da bambina. Dove vivevo non c’era assolutamente nessun riferimento alla moda, ma nonostante questo sono sempre stata attratta dalla bellezza, in tutte le sue forme e modi d’esprimersi. Durante gli anni scolastici fui incaricata di occuparmi dei costumi degli spettacoli di fine anno; accompagnavo i responsabili a scegliere i tessuti e i vestiti. L’ultimo anno, come la tradizione prevede, noi studenti avevamo il compito di scrivere un messaggio d’addio, con un contenuto d’augurio, a tutti i nostri compagni. Tutti mi scrissero che sentivano che sarei diventata una stilista. Rimasi molto colpita, perché loro videro questa mia qualità ancora prima di me. Fu da quel momento che incominciai a pensare seriamente alla moda. È orgogliosa di far parte di quella che a breve sarà la prima potenza economica mondiale? Certamente. La Cina è un paese in crescita e molto stimolante, per tutti quanti noi. È un periodo storico molto eccitate per il mio Paese e sono contenta di prendervi parte con la mia impresa. Lei è rinomata per l’alta qualità dei suoi capi, ma spesso l’Occidente associa alla Cina una produzione di bassa qualità. Che cosa ha da dire in merito? Contraddire questa convinzione è uno degli obiettivi del mio lavoro. Spero di riuscire a dimostrare che la Cina non è solo manodopera a basso costo e produzioni di scarso pregio. Siamo anche noi in grado di produrre ad alti standard garantendo qualità eccellente. Ecco, io mi auguro che la gente possa percepire questo tramite i miei vestiti. Ci descriva la sua ultima collezione Primavera/ Estate. È una collezione dedicata al tempo del viaggio della donna: dalla mattina alla sera, dalla nascita alla morte, dalla giovinezza alla decadenza, tutto è cambiamento. È un concetto molto importante per me, qualsiasi oggetto vivente è in continua mutazione: è questo il bello della vita. Inoltre, trovo nell’invecchiamento e nella decadenza una forma di bellezza superiore alla giovinezza e freschezza; per me è più seducente l’espressione del vissuto e del tempo trascorso, che testimonia quante cose abbiamo passato nella vita. Ha mai preso ispirazione dal lavoro dei designer occidentali? No, prendo ispirazioni dalle piccole cose che mi toccano il cuore: persone, oggetti, colori, profumi. La mia moda è il risultato delle emozioni, sentimenti, impressioni, viaggi, persone che incontro, ma anche dei tessuti e materiali stessi con cui lavoro; qualsiasi cosa si relaziona con me, può offrirmi i giusti spunti e idee.

>82

C’è qualche designer italiano che stima particolarmente? Sì, Antonio Marras, ma ci sono moltissimi eccellenti stilisti in Italia. Non credo ci sia bisogno che io faccia i nomi dei grandi italiani che hanno fatto la storia della moda! Dopo essersi laureata nel suo paese d’origine, si è iscritta alla Saint Martins. Com’è stata l’esperienza londinese? Entrambe le università che ho frequentato hanno giocato un ruolo fondamentale nella mia educazione. In Cina ho acquisito fortissime competenze tecniche, ma non mi sentivo sottoposta a nessun nuovo stimolo. In questo senso la Saint Martins è stata di grande aiuto, mi ha aperto la mente a persone e idee nuove, ha allargato i miei orizzonti creativi. Negli ultimi anni ha viaggiato molto per lavoro; se dovesse paragonare i sistemi della moda di Milano, Parigi e Londra, cosa direbbe? Amo tutte e tre queste città: Londra per me rappresenta energia, novità, movimento; Milano è sinonimo di eleganza, di classicità senza tempo; Parigi sta per romanticismo e storia. Per chi fa il mio lavoro è bene trascorrere del tempo e stabilire una presenza in tutte e tre queste città. Di Milano in particolare, che idea si è fatta? È già venuta due volte con due grosse sfilate-evento… Prima di tutto colgo l’occasione per ringraziare il WHITE, che mi ha dato due grandissime opportunità. Ho avuto il piacere di incontrare delle persone interessantissime che mi hanno fatto apprezzare ancora di più l’Italia. Mi sento come se gli italiani avessero capito la mia moda senza dover dar loro altre spiegazioni. Spero, in futuro, di avere ancora la possibilità di sfilare. Sta pensando di allargare la sua linea anche ad altri prodotti di lusso? Si, assieme al mio team stiamo già pianificando l’espansione del brand. È sicuramente in programma, ma anche a quest’aspetto voglio dedicare il giusto tempo e passione.


>bmmINTERVIEW

Uma Wang photographed by Todd Anthony Tyler

<<

>83


>bmmINTERVIEW

>84


>bmmINTERVIEW

F

ace to face with Uma Wang, the most renowned Chinese designer in Europe. >bmm has questioned her on the latest S/S 2013 collection and the controversial relationship between China and high quality production.

She’s the first female Chinese designer taking over the western world. Season after season she has presented collections which demonstrate a deep connection with its mother culture as well as an incredible attention to details. Today Uma Wang indeed represents the creative force of the next first worldwide economy, but this implies also challenges, such as giving a brand new social meaning of fashion to China. Will she live up to up the expectations?

Describe to us your last SS13 collection... This collection aims to represent a woman during a time travel: from morning to night, from birth to death, from freshness to decadence. The concept of changing is very important to me: things are continuously moving and changing, they are never stiff and that’s the beauty of it. I see in decadence and ageing a particular beauty, full of experiences and signs of what we went through in life, much more interesting then a fresh but plain object.

When did you decide to become a fashion designer? When I was a girl, where I used to live there was no sign of fashion or anything like that, but I always liked and looked for beauty in all of its forms and expressions. Then during my school years, I was in charge of the costumes of the performers at the annual ball of the school: so I used to go with them to chose the fabrics and to shop for the clothes. At the last year, when everyone had to write a farewell note and to say what we wished to one another, a lot of friends wrote me they knew I would become a great designer. This surprised me, because they saw this skill in me before I could see it in myself. From that point on I actually started to think about it. I think the passion has always been there, I just had to set it free.

Did you find inspiration in some western designers works? No, not really. Inspiration comes from any small thing that can touch my heart: people, objects, colours, and aromas. The fashion I create is made of emotions, feelings and impressions I get from experiences, journeys, people, the fabrics themselves and everything that comes my way gives me something special.

You are famous to sell high quality clothes but in general, in the western world, still many people associate China as low quality products. What is your perspective on this?) This is one of the goals of my job: I hope I can make people understand that China is not only about cheap manufacture and low quality, but that we also care about quality and we have high standards in taking care of our products starting from the small details. I hope people can feel this in my clothes.

Are you considering to expand your brand also with other luxury goods? Yes, we are already planning this, I hope we’ll have more time in the future to develop this part of the brand more and more; it’s the part I want to dedicate most time to.

After graduating in your own country, you went to St. Martins College of Art and Design. How was your London experience? Both the universities I attended have played a very important role in my education. The Chinese one gave me the basis of technical knowledge, but I felt that this was not moving toward new and different ideas and so Saint Martins opened up my mind to new ways of looking at things widening my perspectives. You have been travelling a lot recently; if you have to compare Milan, London and Paris fashion systems, what can you tell us? I love all three of them: London to me means energy, freshness, movement; Milan is the elegance and the classic evergreen; Paris represents for romance and history. Its good to spend some time in all of them, you need the three to create the right balance. You already came twice to Milan; having your first two big fashion shows with White. How was that experience?  First of all I have to thank WHITE for this great opportunity they gave to me: I had the chance to meet interesting people and all of them made me love Italy even more than I did before. I feel like Italian people understand my design with no explanation needed. I hope I will have the time and the possibility in the future to present my work there again.

>85

>>

Do you feel proud of being part of the second  soon first - world economy? Yes, of course I’m very proud of being part of this fast growing country with all of its new opportunities and challenging experiences that it offers to all of us. It’s a very exciting moment for China and I feel lucky having the chance to participate to this and be a part of it myself.

Do you have any favourite Italian designers? I like Antonio Marras, but there are many more who are amazing designers in Italy. With no need to mention the big names who define the history of fashion of course.


THE NAKED EMPRESSES Quando il corpo femminile diventa un indumento. Messa a nudo, grazie a trasparenze o a “dimenticanze”, la prossima stagione si proietta verso l’omissione di capi, lanciando una nuova tendenza: la nudità. “La pelle è in!”. Text > Prisca Maizzi

“Il re è nudo!” gridò l’ingenuo bambino, nascosto nella folla di cittadini entusiasti, all’arrivo del corteo regale. La vanità, a volte, supera l’etico pudore, trasformando il fattore certezza in dubbio. Siamo soliti immaginare, con convinzione e sin dall’antichità, il corpo come un supporto da coprire con indumenti legati, in parte, a usi e tendenze. Ci affidiamo sereni a ciò che ci proteggerà senza considerare che, in verità, l’abito non é altro che una protesi del corpo stesso. Se Hans Christian Andersen, scrittore danese della fiaba “I vestiti nuovi dell’imperatore”, ironizza su una verità lunga millenni, la tendenza della prossima stagione si erige sulla dimenticanza di corpi nudi. Trasparenze o porzioni di abiti mancanti mettono in mostra la fisicità femminile secondo quell’ideologia tanto cara all’età contemporanea: l’affermarsi dell’io attraverso l’esibizione del corpo. Virtuosismo e controllo compenetrano nella collezione di Giambattista Valli. In un’apparente pulizia, le decorazioni non sono omesse ma semplicemente dosate, così che il see-through possa mostrare quello che l’abito generalmente nasconde. La leggerezza dei materiali appassiona anche Ter et Bantine. Con un taglio meno strutturato, quasi essenziale, Manuela Arcari, progetta una collezione basata sulla sottrazione. In un congegno di equilibri, top impalpabili, quasi inesistenti, si combinano a gonne a metà polpaccio dal motivo grafico. Il gioco del vedo-non-vedo si fa più timido sulle passerelle di Alberta Ferretti e Vanessa Bruno. Sulla passerella milanese della signora Ferretti le movenze da sirene e gli abiti come sospesi sui corpi lasciano intravedere i seni di creature in apparenza appena uscite dall’acqua. L’animo bohemien della francese Vanessa realizza, invece, un disincanto sulla classicità degli abiti in plissé, grazie alla bassa e ampia scollatura che rende visibile il petto. Concepire la nudità non può non essere un facile lavoro per chi di minimalismo si occupa: forme dritte che si semplificano con l’utilizzo di materiali leggeri. Jacquemus adopera organza bianca per mostrare la fisicità di chi indossa le sue progettazioni. Un minimalismo decorativo invece per Marco De Vincenzo: abiti dalla forma semplice s’impreziosiscono con intagli in ricamo reticolare posti all’altezza dei fianchi. A spogliare chi indossa il capo

ALBERTA FERRETTI >86


>bmmFASHION

di De Vincenzo, non è solo la trasparenza, ma anche un’ampia scollatura tonda. Le omissioni non interessano solo i pezzi superiori. Forse per la leggerezza del tessuto, rispetto agli altri materiali utilizzati, come la tela pesante, o forse per lo stato d’animo vivace che esprime in rapporto ai capi più oscuri della collezione, quasi post-bellici, emerge nello show di Yohji Yamamoto, una trasparente gonna a portafoglio. Stessa cosa per Theyskens’ Theory. La proposta per la S/S si rivela come l’incontro tra l’immaginario classico e dark: completi giacca-pantalone dalla forma squadrata, tinte scure, tradizionale maglieria e capi realizzati con pregiati pellami. Una scelta inusuale per una collezione estiva. A interrompere quest’armonico ritmo la parte centrale della presentazione assume tratti bon-ton, come il completo nella chiara tinta azzurro ghiaccio che lascia le gambe scoperte. Un equilibrio contrastato anche per Nicolas Andreas Taralis, giacche strutturate si alternano a leggeri abiti composti di pannelli in delicato chiffon. Nudità non è solo sinonimo di tessuti leggeri. Akris, Jeremy Scott, Sister by Sibling e Veronique Leroy prediligono, per rendere percettibile la fisicità femminile, l’uso del tessuto a rete. Con la trama più o meno larga, abiti o tute rigorosamente nere o spezzati bicolore, avvolgono i corpi lasciandoli, in concreto, scoperti. Notevole è la versione più ironica dell’uso della rete firmata Moschino Cheap & Chic per la progettazione di un’intramontabile tuta bianca sportiva. Haider Ackermann e Gareth Pugh, propongono una visione dalla forte ispirazione giapponese. In una chiave moderna, le Geishe che portate in passerella, lasciano una parte del loro corpo scoperta mantenendo pur sempre una compostezza tipica della loro cultura. Parlando di nudi corpi femminili non si può non citare la presentazione, e non sfilata, così come il titolo stesso dichiara “This Is Not a Fashion Show”, di Imitation of Christ. Eseguita al Bortolami Gallery di Chelsea, la performance prevedeva un susseguirsi di donne davanti a degli specchi e a un mucchio di vestiti tra i quale scegliere cosa indossare. A completare l’istallazione, un coro rigorosamente femminile in body color carne, un video a loop di una performance di Vanessa Beecroft incinta e un gruppo di donne nude ornate unicamente con una maschera di vetro creata da Tara Subkoff, mente del brand newyorkese. Tara in occasione dell’evento ha dichiarato: “I don’t want to talk about the clothes!”. Come darle torto. Infondo pare che, per la prossima stagione, i vestiti non servano, o quasi.

MOSCHINO

<<

>87


>bmmFASHION

THEYSKENS’ THEORY

HAIDER ACKERMANN >88


>bmmFASHION

W

hen female body becomes a dress. Laid bare due to transparencies or “lapses of memory”, next season is cast into the omissions of clothing, launching a new slant: nudeness. “Skin is hip!” VERONIQUE LEROY

<<

>89


>bmmFASHION

“The king is naked!”, shouted the naïve boy, hidden in the crowd of enthusiastic citizens meanwhile the royal cortège was coming. Sometimes vanity goes beyond moral discretion, changing certainty into doubt. For centuries, with firm belief, we have been accustomed to imagine body like a complex to be covered with clothes related, in part, to customs and traditions. We happily trust in something that will cover us, without considering that cloth is only prosthesis of the body. If Hans Christian Andersen – the Danish writer of “The emperor’s New Clothes”is ironical about a long-lasting truth, the tendency for the next season consists in forgetfulness for naked bodies. Transparencies or missing-clothes exhibit female corporeity according to the present beloved ideology: asserting the ego through the exhibition of the body. Virtuosity and control penetrate into Giambattista Valli’s collection. In an apparent polish, decorations are not omitted, but they’re only dosed, so as the see-through is able to show what clothes generally cover. Lightness of fabrics also moves Ter et Bantine. Thanks to less structured and quite-essential cuttings, Manuela Arcari has designed a collection that is based on subtraction. In a balanced device, imperceptible quiteabsent tops are combined with patterned calf length skirts. The game of seeing-through is shyer on Alberta Ferretti and Vanessa Bruno catwalks. During Milanese show of Ms. Ferretti movements as mermaids and quite hanging clothes let us glimpse breasts of creatures that are just come out from the water. Bohemian soul of French Vanessa proposes disenchantment on classical plissé clothes, combined with rounded neckline that show the breast. To conceive nudeness is not always easy, especially for those who work on minimalism: so rigid shapes are simplified with light fabrics. Jacquemus uses white organza to show corporeity of his models, while Marco De Vincenzo prefers a decorative minimalism: notches of fishnet embroidery put on hips enhance clothes of simple shapes. But there’s not only transparency to undress De Vincenzo’s model: there’s also a wide rounded neckline. Omissions don not only concern top parts of the body. Maybe for the lightness of fabrics - most of all if we compare them to others, such heavy canvas, that is widely used – or maybe

AKRIS >90


>bmmFASHION

for the lively mood that he takes on in relation with most obscure, quite-war clothes of his collection, Yohji Yamamoto has chosen a transparent pleated wrap over skirt for his catwalk. That’s the same for Theyskens’ Theory. For S/S he proposes a collection that is the perfect match between classical and dark scenario: pantsuits of squared shapes, dark tints, traditional knitwear and clothes realized in precious lather. For sure it’s an unusual choice for a summer collection. To interrupt this harmonious rhythm it comes the central part of the show, that acquire bon ton traits thanks to the icelight blue suit that leaves legs uncovered. Even Nicolas Andreas Taralis opts for a conflicted balance: structured jackets are combined with light dresses made of fine chiffon panels. But nudeness does not only mean light fabrics. In order to make female corporeity perceptible Akris, Jeremy Scott, Sister by Sibling and Veronique Leroy prefer to use fishnet fabrics and with a more or less wide weft they create suits or overall in total black or two-coloured version that cover the body actually by leaving it bare. It’s very impressive the more ironic version by Moschino Cheap & Chic that uses the net to design a timeless white sport overall. Haider Ackermann and Gareth Pugh propose their version that is inspired by Japanese tradition. Geishas are brought to catwalk in a modern version: one part of their body is naked, but they still keep their typical grace. Talking about female naked bodies, we can’t go on without mentioning the presentation – and not the show, as the same title declares, “This is not a Fashion Show”- by Imitation of Christ. Hosted at Bortolami Gallery in Chelsea, the performance consisted of string of women who modelled by mirrors and a heap of clothings among which they chose which one to wear. To complete this installation there was a (rigorously) female chorus where each woman was dressed in a pink tutu, a loop video that shown a performance by a pregnant Vanessa Beecroft and a group of naked women, who only worn a glass mask created by Tara Subkoff, brain of New Yorker brand. On the occasion of this event Tara has declared: “I don’t want to talk about the clothes!” We can’t blame her! We won’t need clothes for next season. Or at least it seems so.

GIAMBATTISTA VALLI

>>

>91


I LOVE SHOPPING Cosa caratterizza la visione di store che si distinguono per essere celebri e innovativi punti di riferimento nel panorama mondiale? >bmm lo ha chiesto ai responsabili di LN-CC di Londra e Colette di Parigi, che ci hanno raccontato la filosofia che li anima, regalandoci anche qualche anticipazione sulla moda di domani. Text > C. Andrix

Sempre più spesso le ricerche di marketing ci parlano di shopping emozionale e di frontiere identitarie. Quasi mondi a sé stanti i conceptstore sono spazi da cui migliaia di fashion victim, addict e curiosi sono attratti magneticamente, certi di entrare in una dimensione che gli garantisca un’esperienza gratificante a 360 gradi . É la stessa parola negozio ad essere ormai obsoleta, nel mondo contemporaneo in vetrina, sugli scaffali e in vendita non c’è più la merce, ma concetti, emozioni e stili di vita. I concept store sono ormai parte del tessuto culturale di una città, canali espressivi della loro anima. Unicità e ricercatezza sono quindi i requisiti indispensabile su cui costruire questi luoghi del postmoderno. Andrew Blyszak ci rivela: “La filosofia di LNCC consiste nell’essere costantemente impegnati nell’ottenere un carnet di marchi interessante e aggiornato e un mix di prodotti che comprendano i leader nel campo della musica e dell’editoria. Siamo sempre alla ricerca, in diverse aree e mercati globali. La nostra selezione avviene a un livello molto personale, capita spesso il caso che i brand, la musica e i libri non siano ricercati esternamente, ma trovati attraverso le nostre amicizie e i collaboratori con i quali siamo legati da un rapporto durevole.” Il marketing non sembra dunque essere l’unico criterio a guidare le scelte e le ricerche dei responsabili, che compiono piuttosto un investimento “su e di” qualcosa di personale. Guillalme Salmon di Colette ci conferma “La

ricerca è molto importante, ma prima di essere un obbligo è essenzialmente un istinto e un piacere. È questo ciò di cui si nutre e ciò che alimenta il nostro store.” Per Mr. Salmon le tendenze-donna per la prossima stagione vedranno un’invasione di strisce nere e bianche, stampe hawaiane, verde chiaro, blu, rosso; andranno la plastica e le sovrapposizioni, mentre per gli uomini saranno protagonisti i camouflage, le stampe che ricordano la giungla e i colori sgargianti. Passando alle nomination, Colette trova che valga la pena di scommettere su Julien David, Piece d’Anarchive, Love Lather e Fleamadonna, mentre Saint-Laurent by Hedi Slimane, Carven e Mary Katranzou sono ormai entrati a far parte dei nuovi classici. Dall’altra parte della Manica, Andrew Blyszak individua uno dei marchi emergenti più promettenti in Lucas Nascimento. Così come i concept store, il web è oggi un luogo irrinunciabile nella recluta di nuovi adepti e nella vendita dei prodotti. “Da LN-CC il negozio di mattoni e malta e quello virtuale sono stati creati in contemporanea. Il sito web e il negozio offrono

un’esperienza diversa, il che significa interagire con entrambe le piattaforme in modo intercambiabile.” “Vogliamo davvero rendere il nostro sito web un’estensione virtuale del nostro negozio, cercando di rendere lo stesso tipo di esperienza attraverso i prodotti, le vetrine, il visual, la musica etc.” anche se, inevitabilmente, qualcosa si perde lungo le reti virtuali c’è: “L’’unica cosa che non possiamo darvi, purtroppo, è l’odore della nostra air de Colette.” Il pronto moda, l’altra grande novità della moda del nuovo millennio non spaventa né LN-CC perché “Per chi è alla ricerca di investimenti, di capi ben fatti e interessanti, non esistono prodotti che competano con ciò che ti offriamo, quindi, in questo senso, il fast fahion non influenza il nostro business” nè Colette: “È un altro mondo, la gente mescola marche e universi, il pronto moda e il prêt-à-porter. Ci sono un sacco di esempi in cui un designer ha collaborato con catene di abbigliamento... É interessante, divertente e inevitabile.” Del resto è lo stesso Salmon a dirci che cercando di prevedere il consumatore di domani lo immagina gourmand, più connesso e consapevole.

1/2 COLETTE PARIS >92


Guillame Salmon

>bmmINTERVIEW

<<

>93


>bmmINTERVIEW

2/2 LN-CC STORE EVOLUTION

Light Space

Light Space

Light Space

Secular Space

Secular Space

Chameleon Bar

>94


>bmmINTERVIEW

2/2 LN-CC LONDON

T

hese two innovative, famous concept store stand out for being a real benchmark all over the world. What are their views? >bmm has asked it to two shopping cults: LNCC from London and Colette from Paris. They told us about their philosophy, also revealing some previews of tomorrow’s fashion.

while, on the contrary, Saint-Laurent by Heidi Slimane, Carven and Mary Katranzou are already part of classical brands. On the other side of the English channel, Andrew Byszak considers Lucas Nascimento as one of the promising new brands. Exactly like concept-stores, also the web has become a fundamental place in which selling products and recruiting new follower. LNCC “created the bricks and mortar and the virtual stores at the same time: they both offer a different experience, as to say interacting with both platforms interchangeably”. “We really want to make our website a sort of continuation of the real store, trying to give you the same experience: products, windows, displays, music and so on. Unfortunately the only thing we cannot give you is the smell of our “air de Colette!” The innovation of the New Millennium, the fast fashion, doesn’t scare LN-CC because “When I’m looking for investments, well made and interesting garments, there is no product on the high street that competes with what we have on offer, so in that sense fast fashion doesn’t influence our business” and neither does to Colette: “It’s another way, people mix universes and brands, fast fashion and prêtà-porter. There are also a huge number of examples of designers who have collaborated with a mass-market brand. It’s interesting, fun and inevitable”. In the end the very same Salmon tells us that, in his imagination, the buyer of tomorrow will be gourmand, over-connected and aware.

>95

>>

Increasingly often marketing researches are marked by emotional shopping and identity frontiers. Concept-stores are independent worlds which magnetically attract thousands of fashion addicted or victims and curious people, who are sure to enter a particular dimension that guarantee them an experience of 360 degrees of pleasure. The word “shop” has almost become obsolete, considering that in windows and on shelves they are sold ideas, emotions and lifestyles, not goods anymore. Concept-stores are part of a city cultural background, considering that they’re expressive channel of its soul. Therefore in order to create these post-modern areas we definitely need uniqueness and refinement. Andrew Blyzask has revealed us: “The LN-CC philosophy is that we are constantly striving for an interesting and progressive brand list and product mix, alongside a leading music and book selection. We are always looking for them in different areas and researching global markets with the outlook of a continuous evolution for our brand mix. Our selection comes from a personal level and it often happens that brands, music and books aren’t researched externally but found through our friends and collaborators, with whom we have a long-lasting relation”. So marketing is not the only parameter to lead choices and researches of managers, who prefer to invest on something more intimate. Guillalme Salomon (Colette) has confirmed to us: “Researching is very important, but besides being an obligation it is basically an instinct and a pleasure. We feed ourselves like this, and so it does our store”. According to him, black and white stripes, Hawaii prints, light green, blue, red plastic or some overlapping will invaded the next S/S female collections, while for male fashion a lot of camos, jungle prints and flashy colors will be the protagonists. Talking about nominees, to Colette it definitely worth betting on Jukien David, Piece d’Anarchive, Love Leather and Flemadonna,


Dress GUY LAROCHE

>bmmfashion EDITORIAL


Mai come in questa stagione il nudo diventa importante, in ogni formula possibile. Un abito vestaglia per ricordare l’intimità del nido, una trasparenza per mostrare la propria femminilità, un ricamo come un bassorilievo per sottolineare il contatto con la pelle, la lingerie per scaldare l’atmosfera. Il guardaroba per l’estate confonde e seduce, con il corpo e la pelle protagonisti indiscussi.

BACKSEAT FREESTYLE Kendrick Lamar, 2012

Photographer Enric Galceran Fashion Editor Patrycja Juraszczyk


This page: trousers ETRO, belt DIANE VON FURSTENBERG - Opposite page: top ANDRèS SARDà, earing SWAROVSKI


Dress ERMANNO SCERVINO, shoes ASH, ring CARRERA


This page: skirt and blouse ANA LOCKING, belt DIANE VON FURSTENBERG, necklace SWAROVSKI - Opposite page: jumpsuit TSUMORI CHISATO, ring SWAROVSKI


This page: glasses LOTHO - Opposite page: dress and necklace PINKO


Dress and shoes ANA LOCKING


Brief LA PERLA, stockings WALFORD, earings SWAROVSKI


>bmmfashion EDITORIAL


Dress ALAÏA VINTAGE@PARIS VINTAGE, nacklace SWAROVSKI, ring JUST CAVALLI


Dress AGENT PROVOCATEUR, shoes SERGIO ROSSI, bracelet TOUS


This page: top MADAMOISELLE TARA, trousers CHLOè, shoes GUESS - Opposite page: top ACNE, glasses ANDY WOLF, ring JUST CAVALLI


Photography ENRIC GALCERAN Fashion Editor PATRYCJA JURASZCZYK Hair CAROL GUZMàN (KASTEEL + AGENT) for MAROCCAN OIL Make-up CAROL GUZMàN (KASTEEL + AGENT) for MAC Model TASHA FRANKEN @ ELITE BARCELONA Photographer Assistant DANIEL BARTOLOMè


Something in the way she moves Attracts me like no other lover Something in the way she woos me I donâ&#x20AC;&#x2122;t want to leave her now You know I believe and how

SOMETHING The Beatles, 1969

Photographer Muriel Liebman Fashion Editor Marie Claussen


Coat COS, pants PROSE, blouse JAMES PERSE, shoes VIC MATIé

>bmmfashion EDITORIAL


>bmmfashion EDITORIAL

This page: jacket BAUM&PFERDGARTEN, blouse JAMES PERSE - Opposite page: top LONGCHAMPS, skirt ALLUDE, shoes VAGABOND


Coat MICHALSKY, dress COS

>bmmfashion EDITORIAL


Jacket BITTEN STETTER, shirt BAUM&PFERDGARTEN


>bmmfashion EDITORIAL

This page: dress MARIMEKKO - Opposite page: coat Longchamp prêt-à-porter collection, dress COS, shoes Vic Matié


Photography MURIEL LIEBMANN Fashion Editor MARIe CLAUSSEN Hair and Make-up MIRA HAKE WWW.KULTARTIST.COM Models MIA @ PLACEMODELS.COM Assistants SEBASTIAN PRINCE & FLORIAN HILDEBRANDT KAPTURING.COM


Coat SPORTMAX, top GESTUZ, shorts SCHUMACHER


>bmmCHAPTER

>128

<<


BORDERLINE Architecture Design Culture Media Youth Music Art

>129


ARISTIDE ANTONAS: THE GREEK PROTOCOL Un nuovo ordine che nasce dalla confusione. Una città oggi forse chiamata a stabilire nuove regole, come già successo in passato. Un presente che può essere l’inizio di una nuova era. Text > Massimo De Conti

Da insider, qual è la reale situazione di Atene e della Grecia in questo particolare periodo storico? Dal punto di vista dell’architettura può sembrare povera se la consideri in modo tradizionale; se provi ad individuare importanti edifici moderni firmati non ne troverai molti. Tuttavia la condizione di Atene ha creato negli ultimi decenni un‘interessante anonima distesa costruita, uno strano paesaggio. La città incarna la relazione problematica tra fenomeno locale Ho l’impressione che tu ti senta più filosofo che e globale; È una metropoli di oggi; ci sono moderne architetto … Che differenza di approccio c’è nella infrastrutture contemporanee che convivono con tua professione? l’idea della bancarotta finanziaria. La città è creata Provo a pensare ai limiti delle proposizioni che attraverso dei pixel, appartamenti come cellule nel possono essere portate a termine con l’architettura. tipico edificio multipiano greco… la polikatoikia; il Di rado possiamo essere delicati con questi discorsi paesaggio è formato come un tappeto omogeneo architettonici. a causa delle sue cellule. Tu non puoi distinguere facilmente una parte della città da un’altra. A mio È vero, in tutti i tuoi progetti cerchi di aggiungere parere, noi dobbiamo considerare la nuova vita di qualcosa pur rispettando la situazione esistente. Atene come un’interpretazione della sua condizione Non sono interessato a quelle forme d’architettura astratta. La parte più stimolante sarà sondare come nelle quali l’architetto appare ancora come un creatore cambierà il lavoro in rapporto al panorama urbano. idealizzato… o che portano una firma riconoscibile. La visione del futuro di Atene potrebbe guidarci, lo Cerco di cancellare me stesso nel mio lavoro; almeno spero, a un consapevole interesse verso i protocolli il più possibile. Non è facile, questo può diventare urbani (intendendo codici, regole, piattaforme, una sorta di altra “firma”. Comunque, spesso, le mie N.d.R.) che noi dobbiamo elaborate per riformulare strategie impiegano le tecniche dell’archeologia. la città. Io lavoro di frequente più come un archeologo che come un architetto. Forse questo è legato ad Atene, Qual è la responsabilità della politica? una città inventata al fine di essere una capitale a C’è una responsabilità politica per ognuno. Le nuove causa del suo valore archeologico. Era un villaggio culture a comunità si formano in parallelo con le città costruito sull’Acropoli intorno al Partenone. Il re esistenti. Noi cerchiamo di capire che cosa si crea in bavarese della Grecia decise di condensare il passato queste condizioni. Lo Stato è sparito da un momento idealizzato del paese in una nuova capitale. La città in all’altro. La vecchia burocrazia greca non esiste più; se stessa rappresentava la disputa; significava provare non funziona. Una rappresentazione di una società che le origini dell’Europa si potevano individuare “post-stato” appare urgente se non possiamo tornare esattamente lì. Hanno dovuto demolire il centro del indietro a quelli che erano i meccanismi statali. villaggio e costruire una distesa di rovine al fine Questa sarà una condizione globale, ma al momento di dimostrare l’antica origine della civilizzazione siamo i primi a sperimentarla. Qui in Grecia, ci occidentale. Oggi Atene resta una città con una forte rendiamo conto di questa condizione e di cosa sarà identità archeologica, ma allo stesso tempo è una per tutti. città moderna. Un numero enorme di persone vive in edifici costruiti dopo gli anni ’50 e trae vantaggio Ho l’impressione che tu la veda come dalle infrastrutture contemporanee. un’opportunità… Sì, questo è un campo di ricerca par excellence! Una città come questa non può prescindere dal proprio passato, ma qual è il suo futuro? Cosa non ti piace della società moderna? Rispondo a questa domanda con i miei progetti, È una domanda difficile… questo non è più un ripensando la città come un terreno nel quale sistema che ti può piacere o non piacere: è collassato! possiamo in qualche modo prenderci cura di Penso che la nostra percezione cambierà radicalmente alcuni frammenti del passato. Per di più, io metto nel prossimo decennio. principalmente in discussione non tanto il passato antico quanto quello più recente. Come ho detto, non Cosa possono fare i cittadini? sono molto interessato alla questione della “paternità” È una questione di responsabilità per ognuno di noi. in architettura. In questo modo io devo manipolare Io sto rispondendo con il mio lavoro sui protocolli un campo che già esiste per cercare di trasformarlo urbani; provo a leggere la città contemporanea creando da questo qualcosa che sarà ovviamente suggerendo alcune strategie che riguardano il suo differente, pur senza sostanziali cambiamenti. possibile futuro. Concepisco i protocolli urbani come Può la crisi, non solo economica, ma anche ideologica che il mondo sta attraversando, diventare il punto di partenza di un ordine per una nuova civilizzazione dell’Occidente? L’architetto e filosofo greco Aristide Antonas ne è certo. E da insider riflette sulla situazione della sua nazione e sul ruolo che Atene può avere, ancora una volta, quale culla di una moderna cultura e civiltà contemporanea.

>130

nuove piccole formazioni simili alle applicazioni dell’iPhone o android che funzionano come piattaforme Internet. Possiamo già rappresentare la città come un arcipelago di questi protocolli. Non ci rendiamo conto di come questo concetto stia trasformando la città che conosciamo. Non c’è ancora un carattere civico in questa nuova versione. Lasciamo sconsideratamente al passato qualsiasi cosa ci è stata data. La figura del cittadino come personaggio moderno sta collassando. È la figura dell’utente quella che la sta rimpiazzando; indefinita, che nomina solo una posizione in un protocollo in cui l’utente non è che una funzione di esso. Noi formiamo solamente delle identità simili a utenze temporanee al fine di abitare la nuova città. Non lo so cosa sarà la città in futuro, ma se leggiamo le sue trasformazioni noi potremo formulare sistemi differenti di regole per proporre una città diversa. Mi piace il tuo atteggiamento, è molto positivo… Se non ci preoccupiamo del futuro potremmo arrivare a una nuova forma di “barbarismo contemporaneo”; perdere ogni segnale d’insieme sociale sarebbe spaventoso. Senza concetti e strutture comuni consapevoli potremmo essere colti di sorpresa da congregazioni mostruose di una moltitudine di città sostitutive. Sconsideratamente, i micro-protocolli non possono gestire la totalità della società. È quello che sta succedendo specie in Europa … ci siamo quasi! È una nuova civilizzazione di regole; non sappiamo in che direzione si svilupperà. Per esempio, se tu cammini 100 metri da qui troverai il Navareno park (un giardino) creato dall’occupazione della gente. La gente ha creato spontaneamente un piccolo parco in un’area centrale dismessa; è un esempio di successo. Gli abitanti se ne prendono cura e lo proteggono; prima di creare il parco si sono dati un protocollo, un sistema di regole. Allo stesso tempo il partito Neo-nazista (Alba Dorata) sta diventando sempre più forte. Sostiene, dando loro da mangiare, soltanto i senzatetto di origine greca; un senzatetto per avere il cibo deve dimostrare di essere greco esibendo un documento. Prima della distribuzione del cibo, una diversa regola incontrollata è stata determinata. Non c’è più lo Stato a mediare mentre accadono queste cose, che possono diventare allo stesso tempo eccitanti o strane. L’obiettivo che noi possiamo avere come architetti è di organizzare le traduzioni idiosincratiche di questa nuova condizione in spazio; l’attitudine civica del passato deve essere tradotta in questa prossima “città protocollo”. Noi costruiremo qualcosa di fondamentalmente diverso da quello che sono le città attuali o saremo forzati ad accettare una nuova condizione che non abbiamo scelto.


>bmmINTERVIEW

<<

>131


>bmmINTERVIEW

The Amphitheater House. The amphitheater house is built in Hydra, a traditional small town, situated in the homonymous island, close to Piraeus, the port of Athens. The building was built above the ruins of an older quasi-orthogonal foundation wall but none of the characteristics of the older construction was obviously present when the design began. The project challenges the possibilities of an empty – “construction site” like – living place. The house contains no heavy furniture, its light pieces are considered as a movable group of things, the mattresses and the tables included. A dispersion of the mobile structure of any inhabitation is presenting in the same time it is receiving the specific acts of the house. Because of its distance from the city the house hosts short term inhabitations and these are immediately

imposing their own equipped presence. The departure of any group of people leaves the space cleaned up again, empty. The amphitheater house can be conceived as an essay about emptiness, theatricality, vacation and work in the new mobile conditions of the post network society. The amphitheatre house is organized around a high ceiling interior. The amphitheater space is in parts more than 9 meters high. The house’s kitchen space and the rooms (that have no stable furniture) are included in a narrow zone in the eastern part of the house. The country house is designed in a rigid way, but it allows many possibilities for different inhabitations. Being situated close to Athens, the house serves as a vacation house and also as a working place. The amphitheater that occupies the central part of the high space, stages a central platform replacing what could be a

Athens Terrace Work_Architectural Competition, First Prize. A proposal for the upper layer of Athens. The project sets the rules for the creation of some grid constructions, done through a stitching of old recycled metal grills of the athens sewerage system or of similar ones that are ordered for this purpose. The project undertakes the unification of some athens blocks through the position of these particular grids. The proposed structure is constituted from recycled grids of the athens metro, the sewerage system, the rain drains. The technology of green houses is used in order to obtain the maximum of green using the minimum of earth and water. A new legal reform is necessary in order that different roof properties are redistributed in a different logic; different roofs in the same block can be unified. “Athens Terrace Works”

is the first project of the series of “urban protocol projects”. The idea of the unification of different building roofs and the proposed cohabitation under the typical but always unique canopies formed the first example of a limited city function installed and performed as a system of new rules concerning an old city. Greek law does not permit such constructions on the roofs: the proposition serves more as a call to re-institutionalize the public space of Athens with limited legislative functions that could be tested and implemented. The canopies can also be shaped by photovoltaic panels in order to provide electric power for the specific block.

>132

living room of the house, directing the contacts in the space and also framing parallel sitting gatherings for eventual screenings or work meetings. The house is proposed as a scene for unimportant small objects that take their places according to every specific use of the empty but characteristic platform that the interior space offers. Different inhabitations of the house are translated in different dispersions of small mobile objects and electronic equipment. In this way, the scene of the play that is the life “performed” in the house becomes a presentation of a thematic dispersion of different objects. The inhabitation is translated to a writing of different things, operated in a “blank”, characteristic, empty platform. Architect: Aristide Antonas_Drawings with the contribution of Katerina Koutsogianni and Niki Dimopoulou.


>bmmINTERVIEW

The Real Fake House 1 (also known as the Fixed Timber Residence) On August 11, 2005 a structure was located in Kalamaki, on Mt. Pelion, not far from the sea. The wood frame had been erected, i.e., the construction was in the phase before concrete is poured into the moulds, which in Greece, are customarily made out of boards. The structure was photographed for the first time. On August 16 of the same year â&#x20AC;&#x201D;the existing condition of the wood frame was documented, photographed yet again, and videotaped. Design blueprints created from that construction stage, using data and measurements obtained during the visit, although the structure, within the space of a few days, was no longer recognizable. A restoration study based on the original records was then operated: the study preserves, with archaeological rigor, the frozen image of the structure exactly as it was documented in August 2005, even though the appearance of the structure had already drastically changed. The plan aspires to create some kind of temporary living quarters in the interior space defined by the wood frame and the excavated area under the same space. Architect: Aristide Antonas; collaborators: Nikos Tsimas & Katerina Koutsogianni.

Open Air Housing Vacation in an Internet World_1st prize, architectural competition, Proteas, Greece 2006. The project deals with the inhabitation of the countryside in the new condition of Internet. A working experience is proposed in the frame of a vacation house ensemble. No roof units shelter a vacation condition, an open air life in a place nearby the sea, while a setting of screenings and projections allows working, collaborating, socializing and enjoying through the Internet. An invisible self sufficiency of the proposed units is installed through cables and wireless technologies: their impact however is obvious in the design decisions.

<<

>133


>bmmINTERVIEW

Can the global economic and ideological crisis that the world is going through become the starting point of an order for a new western civilization? Greek architect and philosopher Aristide Antonas is quite sure that it can. As an insider he reflects on the situation of his nation and the role that Athens can have once again as a cradle of modern culture and contemporary civility. I have the impression that you feel more of a philosopher rather than an architect … is that true and does it make for a different approach to your profession? I try to think about the limits of propositions that can be carried out with architecture. We can rarely be delicate with those architectonic utterances. It is true, in all your projects you try to add something but with respect to the existing situation… I’m not interested in architectural works when the architect still appears as an idealized creator … or that carry a well-known signature. I try to erase myself in my work; at least as much this is possible. It is not easy; it can become another way of signing. Anyway, thanks to my strategies I often use techniques of archeology. I often work more as an archaeologist than as an architect. Maybe this is related to Athens, a city invented in order to be a capital because of archeology. It was a village built the Acropolis around the Parthenon. The Bavarian king of Greece decided to condense the country’s idealized past into a new capital; the city itself was an argument; it meant to prove that the origin of Europe could be found exactly there. They had to demolish the center of the village and construct a ruin field, in order to show the ancient source of the western civilization. Today Athens is still a city with a strong archaeological identity. But it is as well a modern city. A huge number of people live in building constructed after the Fifties and they take advantages of a contemporary facielities. In a city like this, you definitely cannot ignore the past, but what is its future? I answer this question with my projects, rethinking the city as a field in which we take care, in a way, of different fragments of the past. Furthermore I challenge not only the ancient past but mainly the recent one. As I said, I’m not very interested in the authorship business in architecture. Towards this direction I have to manipulate an existing field trying to transform it; then I have to create out of it something that will obviously be different without changing it so much. As an insider, what is the real situation

in Athens and Greece in this particular historical period? Architecture may seem poor if you consider it from a traditional point of view; if you try to identify important signed modern buildings you won’t find many. Nevertheless during the last decades the condition of Athens created an interesting anonymous built field, a strange landscape. The city embodies the problematic relation between local and global phenomena; it is a metropolis of our times; there are modern and contemporary facilities which cohexist with the idea of financial bankruptcy alongside. The city is created through pixels; cell-like apartments in the typical Greek multi-store building … the polikatoikia; the landscape is formed as a homogeneous carpet because of its cells; you cannot easily distinguish one part of the city from another. As for me, we have to consider the new life of Athens as an interpretation of this abstract condition. The most challenging part will be when we investigate on how work is changing in relation to its urban scenery. The vision of the future of Athens could drive us , I hope, to a conscious concern about urban protocols (meaning codes, rules, platforms_ Ed’s note) that we have to elaborate in order to reformulate the city. What is the responsibility of politics? There is a political responsibility for everybody. New cultures and communities are formed in parallel to the existing city. We try to understand what is getting shaped in these conditions. The State disappeared from a moment to another. The old Greek bureaucracy does not exist any more; it does not work. A representation of the “post-state” society seems urgent if we cannot get back to the state mechanisms. This will be a global condition, but we are experiencing it first in Greece, here we realize what this condition is and what it will be for all. I have the impression that you see it as an opportunity… Yes, this is the research field par excellence! What don’t you like about the modern society? It is a difficult question … this is not a system that you can like or dislike anymore, it collapsed! … I think our perception about it will change radically during the next decade. What can citizens do? It is a matter of responsibility for every one of us. I am responding with my work on urban protocols; I try to read the contemporary city and suggest some strategies concerning its possible future. I comceive urban protocols as new small formations similar to i-phone or android

>134

applications functioning as Internet platforms. We can already represent the city as an archipelago of such urban protocols. We do not realize how this concept is transforming the modern city we know; there is no civic character in this new version yet. We thoughtlessly leave to the past whatever was given. The figure of the citizen as a modern persona is collapsing. It is the figure of the user that is replaing it; undefined, naming only a position in a protocol in which the user is only a function of himself; we only form userlike temporary identities in order to inhabit the new city. I don’t know what the city will be in the future but if we read its transformations we could formulate different systems of protocols proposing a different city. I like your attitude, it is very positive… If we don’t care about the future we may be driven towards a new form of contemporary barbarism; losing any sign of social ensemble can turn scary. Without concepts of conscious common structures we may find ourselves surprised by monstrous congregations of crowd substitute cities. Thoughtlessly, micro protocols cannot run the wholeness of the society. This is what is happening especially in Europe … we are almost there! It is a new civilization of rules; we don’t know towards which direction it will develop. For example, if you walk down 100 meters from here, where we stand, you will find the Navareno Park, created by people after an occupation. People created the little park spontaneously in a central disused area; it is a successful example. People maintain it and protect it. Before creating the park the occupants created a protocol, a system of rules. At the same time the Neo-Nazi party (Golden Dawn) is becoming stronger. It supports and gives food only to the Greek homeless people; a homeless demonstrates his Greek identity card in order to have food. Before the distribution of food a different uncontrolled protocol had been determined. There is no State to intermediate while such things happen, anymore. At the same time these things can be exciting or turn strange. The task we may have as architects is to organize idiosyncratic translations of this new condition into space; the civic attitude of the past has to be translated to this upcoming “protocol- city”. We will construct something fundamentally different from the existing cities or we will be forced to accept a new condition that we did not chose. A new order that can arise from confusion. A city perhaps now called to establish new rules as has already happened in the past. A present time which might be the beginning of a new era.


>bmmINTERVIEW

A

new order that can arise from confusion. A city perhaps now called to establish new rules as has already happened in the past. A present time which might be the beginning of a new era.

Responsible House_Slavoj Zizek’s House, doing nothing as a political attitude. Based on an observation by Slavoj Zizek the Responsible house is a place designed to follow the Slovenian philosopher’s comment about responsibility nowadays. Following Zizek’s remarks, the global condition of nowadays cannot orient towards any concrete political attitude: the most appropriate action in order to undertake a political responsibility would be to do nothing. Doing nothing was proposed as one of the most elevated experiences by Jean-Jacques Rousseau in his “Rêveries du Promeneur Solitaire” when he describes his isolation in a semi abandoned lake island. In Greece there are many deserted islands that could host such populations of responsible houses: they would look like exile places, like banal livable internet stations and in the same time like paradise options: all representing a responsible condition for today, this includes an ironic look to Zizek’s approach and the fact that Zizek is describing something existing. A condition of exile, promoted as necessity for balancing a future responsibility and, in the same time, the culmination of a desired condition is linked to an idiosyncratic inaction. The Responsible apartment intends to propose a view of a population of such units for doing nothing. Are all those descriptions of inaction present in this design? A body culture is evidently the left over of a condition of the self. The Internet structures invisible communities that could all act in similar ways and form together juxtaposed responsible apartments in semi abandoned areas. Following this rationale the project is supposed to function in a double bind: from the one side it shows a possible condition or a materialization proposed by an exaggeration of Zizek’s remark; from another point of view it could be read as a counter project commenting already Zizek’s argument. The apartment is structured as a unified single space divided by mobile elements and curtains. A swimming pool is supposed to give a rhythm of a body’s temporality. Printers and a good connection form the material part of the common world and the invisible public sphere. All services are performed through the existence of a “courrier” system that distributes products to the units on demand. Architect: Aristide Antonas. Collaborators: Katerina Koutsogianni, Kristy Garikou & Alexis Georgiadis

>>

>135


CRYSTAL CLEAR â&#x20AC;&#x153;Se non ho quello che desidero veramente avere con me, nella mia vita, nel mio studio, allora dovrebbe essere prodottoâ&#x20AC;?. Questa la regola guida che segue Philippe Malouin per il suo design. Text > Massimo De Conti Portrait > Ben Stockley

>136


>bmmINTERVIEW

1:4 bowls for Vera Chapter One, by KM & EM, 2011. The production of the concrete pieces has been precisely measured; reminiscent of the process of cake baking that Vera’s mother would do – always following the recipe to the letter. The 1:4 bowl long slate uses exact quantities of colour pigment, aggregate and concrete, all ten units are hand cast in Malouin’s London studio. The bowl is hand waxed and polished. 360mm x 150mm

non penso lo sia, ma qualcuno può avvertirlo e interpretarlo così, come hai fatto tu. Trovo interessanti le forme semplici del tuo design. Nonostante un’evidente funzionalità, nei tuoi oggetti c’è una certa onestà di fondo: design quasi senza design. Jasper Morrison una volta ha scritto: “Il design fa sembrare le cose speciali, e chi le vuole normali se può averle speciali?” Qual è la tua opinione? Credo che concorderò con qualsiasi cosa abbia detto Jasper perché lui è un dio del design. Tutto quello che ha disegnato nei 30 anni passati ha ancor oggi rilevanza, e non è che si possa dire altrettanto per tante altre persone. Un sacco di roba disegnata dai grandi designer non resta in giro a lungo e il perché è che è eccessivamente disegnata. Sono d’accordo con quello che Jasper dice solo se si riferisce a cose disegnate da lui, però, non da altri (risata). Ha fatto un libro e una mostra chiamati Super Normal e penso sia un po’ contraddittorio celebrare il normale e il quotidiano. Specialmente in termini di design, quando un oggetto è >137

eccessivamente disegnato o ha una firma troppo evidente o è troppo fantasioso, tende a non invecchiare bene. Penso che una cosa non debba essere troppo di tendenza se intendi tenertela in casa a lungo. Dovrebbe invece essere ben fatta, con dei buoni materiali, delle buone proporzioni e, più importante, realizzata con modestia e onestà. Guardando il tuo design senza fronzoli si può dedurre che sei una persona poco complicata e priva dei tipici atteggiamenti di altri designer. È l’impressione giusta? Ci sono in giro degli “esercizi” orribili: questo è proprio quello che sto cercando di non fare. Spesso i designer amano loro stessi più dei loro oggetti. Quello che è meraviglioso in designer come Jasper Morrison è che appare privo di ego, non c’è altro che talento, talento puro. Non s’imbarca in quelle cose giganti tipiche delle celeb del design. C’è un ego, nel design, che non è applicabile alla mia generazione. Una definizione di design? Spendere un sacco di tempo a pensare a qualcosa

<<

Impiega meno di venti parole per presentarsi – giusto due frasi secche. E anche quando parla di design questa sua attitudine senza fronzoli rimane la stessa. Dopo un lungo percorso di studi a Montreal, Eindhoven e Parigi, dal 2009 il designer d’origine canadese decide di fermarsi a Londra per fare il suo design: essenziale nella forma, ma con una profonda ricerca sui materiali e i processi di produzione. Ti prego di presentarti... Mi chiamo Philippe Malouin, sono di Montreal, Canada. Sono un designer poliedrico che vive a Londra. Tutto qua? Nient’altro? No, non c’è veramente niente d’interessante oltre questo (risata)! Quindi, alla fine, perché Londra? Ho lavorato per Tom Dixon. Sembra che il tuo design abbia un lato giocoso, divertente. È intenzionale, o corrisponde semplicemente a un lato della tua personalità? Dici che sia così? (risata). Dici di no? Credo sia una coincidenza, non è intenzionale. No,


>bmmINTERVIEW

(risata), a come è fatta una cosa. Qual è la parte più difficile nel produrre quello che disegni? Mi piace sperimentare con i materiali e a volte è difficile lavorare con materiali che non necessariamente funzionano insieme. Oggi, spesso, design e arte sono strettamente collegati al mondo della moda. In che “posizione” si collocano i designer oggi? Penso che il ruolo del designer sia cambiato. Per quanto mi riguarda, quello che voglio fare qui nel mio studio non è produrre articoli su articoli, oggetti e ancora oggetti. Penso che il nostro ruolo sia cambiato perché oggi ci chiedono commissioni d’arte, installazioni, prodotti per le gallerie, produzioni di massa, interni. Ci chiedono

di fare un sacco di cose, non siamo incasellati o inquadrati, ma ci rivolgiamo a tutte le aree di mercato, della vita e delle applicazioni. Chi è il designer più rappresentativo secondo te? Quello che vorresti essere, insomma. Buona domanda. Per me i più rivoluzionari, anche se è un clichè, sono stati Charles e Ray Eames. Hanno inventato modi per trasformare i materiali con un lavoro estremamente sperimentale e, in aggiunta a questo, sono stati maestri della forma e del colore. Hanno lavorato su film, coreografie, stampe, architettura, tutto! Quali sono le regole del tuo design? Penso che l’unica regola sia quella che se non ho ciò che desidero veramente avere con me, nella >138

mia vita, nel mio studio, allora dovrebbe essere prodotto... Ha senso questa cosa? È veramente molto easy! Anche la semplicità di forme e colori è molto importante. Non amo le cose sgargianti, le trovo molto pacchiane. Di cosa abbiamo bisogno al giorno d’oggi? Di niente. Cosa ci manca, allora? Niente, tranne - forse - la capacità di riparare quello che è rotto, invece che buttarlo e comprarne uno nuovo. È un peccato, perché non abbiamo bisogno di più design o di nuovi designer e di nuovi oggetti. La gente non ha tempo di riparare le cose e non le interessa farlo. Quindi, perché il design? Non sono bravo a fare nient’altro. [E questo è molto onesto! (N.d.R.)]


>bmmINTERVIEW

Previous page, Dervish lamp, 2011. About this project, Malouin said “While inside, I couldn’t help but notice how the carwash brushes completely alter their shape from flimsy drooping hair-covered rods to massive powerful beams. Could this quality of transformation be applied to the home sector? Where would a transforming apparatus find use in the home?” The great design often begins with a great story! Under, Extrusion, 2012. Commissioned by Carwan Gallery, his Extrusion project combines the techniques used to make decorative wooden inlays with those of a lathe-worker. “The geometric patterns were very beautiful, but it’s the ‘wood-sushi’ block itself that inspired me the most”, says Malouin. The constructed block would normally be sliced into thin layers and used to decorate boxes but Malouin freezes the traditional process at this point and hands it over to be turned on a lathe.

o have what I really want to have with myself, in my life in my studio. If I don’t, then it should have been produced”. This is the guide rule that Philippe Malouin follows in his design.

He uses just 18 words to introduce himself - two short sentences only. And when he talks about design his no fuss approach is still the same. After a series of studies in Montreal, Eindhoven

>139

intended... I think it is a coincidence, it is not intended. No, I don’t think it is but some people can see it and make their own interpretation, and that’s your case. I’m interested in the simple shapes you design… despite an evident functionality, your objects are honest: design with no design, almost. Jasper Morrison once wrote: “Design makes things seem special, and who wants normal if they can have special?” What is your opinion about this? I think I will agree with anything Jasper says, as he is a design god. Everything he has designed in the last 30 years is still relevant today, a quality that not many people have. A lot of stuff by big designers does not stick around for very long because it is overly designed. So I think I agree with what he

<<

“T

and Paris, from 2009 the Canadian born designer has decided to stop in London to make his own designs - essential in form but with much research on materials and manufacture processes. Please, introduce yourself. I’m Philippe Malouin; I’m from Montreal, Canada. I’m a designer of all sorts and I live in London. That’s it? Nothing else? No, there is nothing really interesting besides that (laughter). So, in the end, why London? I’ve got a job at Tom Dixon’s. Your design often includes a merry playful side. Is it intentional or is it just part of your personality? Does it (laughter)? So I guess that it is not


>bmmINTERVIEW

Gridlock 2, NextLevel Galerie, Paris, 2012, © Alexandra. With a degree from the Design Academy Eindhoven, tutelage by Tom Dixon, a collaboration with Hermés and commissions for Cubique Fair and Vienna Design week this year under his belt, Canadian designer Philippe Malouin’s is set to go very far indeed. In his third serious display of works at NextLevel Galerie Malouin reveals new designs from his Gridlock 2series, among other project. An industrial designer in the truest sense of the word, Malouin’s latest expansion of Gridlock has taken furniture back to the most basic and necessary components of construction: concrete and metal.

says but I agree only if it is designed by him and not by other people (laughter). He did a book and an exhibition called Super Normal and I think it is a bit contradictory because he is celebrating the normal and the every-day. Especially in terms of design when something is over designed or has too much of designer brand or fantasy, it doesn’t age very well. I don’t think that something should be trendy if you intend to have it in your house for a very long time. It should be well made of very nice materials, nice proportions and - most importantly modestly and honestly made. Through your free-ruffle work, you come across as being an uncomplicated person, without the

usual attitude of product designers. Is this the correct impression? There are horrible excesses and that is not what I’m looking for. Often designers love their own personalities more than the objects. What it is amazing in designers like Jasper Morrison is that he doesn’t have an ego and he is nothing but talent, pure talent. He does not embark on those giant celebrity designer things; there is a design ego that you cannot apply to my generation. A short definition of design? Spending a lot of time thinking about something (laughter) … thinking about how something is made. >140

What is the hardest part in manufacturing your design? I like to experiment with materials and what’s difficult is to work with materials that don’t necessarily work together... Nowadays much of design and art is closely aligned to the fashion world. What is the “position” of designers nowadays? I think the role of the designer has changed. What I want to do here in my studio is not to produce item after item, object after object. I think the role has changed in that we are asked to do art commissions, installations, products for the gallery, products for mass production, interiors. We are asked to do


>bmmINTERVIEW

Receipt paper vessels, Vienna Design Week, 2010. Malouin made bowls from rolls of till paper at Vienna Design Week Laboratory. Called Thermal Till Paper Vessels, the pieces were created as part of a project called Papermania! where designers took over the space and used it to create works out of paper in front of visitors. Malouin’s process involved coiling the paper using an electric drill before pulling up the layers of paper to create dishes. He blackened the paper by rubbing it with sandpaper, as the paper used for till receipts, is sensitive to heat so responded to the friction.

I think the only rule is to have what I really want to have with myself, in my life in my studio and if I don’t, then it should have been produced. Does it make sense? It is very simple, really... Then simplicity of form and colour it is very important. I don’t like flashy things, I find them very tacky. What do we need nowadays? We don’t need anything. And what do we miss? We don’t miss anything, maybe the capacity to repair what it is broken instead of throwing away them and buying a new one. It is a shame because we don’t really need new designs or new designers or new objects. People don’t have time and don’t care enough to repair >141

things. So, why design? I’m not really good at anything else. (And that’s very honest! [Ed’s note])

>>

many different things; the role is changing because it doesn’t fit in one little box. I think design and art now exists in all areas of business, life and applications. Who is the most representative personality in the design world? The one you would like to be. Good question. For me the most revolutionary designers, and it is a cliché, are Charles and Ray Eames. They invented ways to transform materials. Their work was extremely experimental and of top of that they were masters of shape and colour. They worked on films, choreography, prints, architecture, everything! What are the rules of your design?


THE AMERICAN FROM JOHANNESBURG Racconta il suo lavoro come un qualcosa ricco di opposti e asimmetrie Roger Ballen, le cui immagini visionarie, e di assoluta potenza, viaggiano ai confini tra arte e realtĂ . Quelle in bianco e nero, selezionate dal grande fotografo newyorkese appositamente per >bmm, palesano la grande ricchezza dei suoi paesaggi interiori. Text > Lorella Monchi

Rotreat, 2005

>142


>bmmINTERVIEW

>143

Le fotografie tendono ad avere sempre un elemento di spontaneità ma, allo stesso tempo, sembrano essere deliberatamente costruite. Posso azzardare e dire che le sue immagini mi ricordano in qualche modo Man Ray? Ho un orientamento assai formale, le mie fotografie devono emulare la natura, dove ogni elemento di un dato organismo ha uno specifico scopo. Tuttavia, è quasi una necessità, per una fotografia, quella di essere vista come qualcosa in grado di documentare un dato momento nel tempo, che non si potrà più ripetere. A mio parere “Il momento decisivo” di Cartier Bresson (il più famoso libro del grande fotografo francese, N.d.R.) esprime il concetto più importante nel campo della fotografia. Ho letto che Samuel Beckett, lo scrittore, le è stato avvicinato in quanto all’apparenza semplice, ma profondo nel significato. Cosa ne pensa? A mio parere la buona arte dev’essere formalmente chiara e coerente, ma al tempo stesso intrisa dei più profondi significati. Il mio lavoro è pieno di opposti, di asimmetrie. Potrebbe essere etichettato come commedia tragica, ma credo non esistano parole nel dizionario inglese in grado di definire compiutamente le mie immagini. A cosa lavorerà nel 2013? Mi occuperò di pubblicare la mia ultima serie di fotografie di uccelli che vivono nello strano mondo surreale di Roger Ballen. Ho lavorato su questa serie d’immagini per quasi sei anni. A giugno sarà inaugurata la mostra “Lines, Marls and Drawings: Through the Lens of Roger Ballen” presso lo Smithsonian National Museum of Art di Washington e, nel 2014, il Macro Museo di Roma presenterà una mostra di mie fotografie di animali scattate nel corso degli ultimi quaranta anni.

<<

Nel corso degli anni, com’è cambiato il suo rapporto con i suoi soggetti? Fino al 1996 ho fotografato i miei soggetti in Sono in molti ad affermare che la forza dell’opera stile documentaristico, raramente modificando di Roger Ballen risiede nella sottile distinzione che separa il nostro inconscio da quello degli altri. Molte l’ambiente in cui ritraevo le persone. Trascorso questo tempo, le mie immagini sono diventate delle sue fotografie obbligano, infatti, chi le guarda interattive, quasi di carattere teatrale. Ho sempre a fare i conti con le proprie paure, senza alcuna via avuto un rapporto positivo e duraturo con le persone di scampo e senza mezzi termini. Eppure anche la quotidianità pervasa di orrori fissata dall’obiettivo di che ho fotografato. Ballen, si trasforma in un teatro dell’assurdo che fa Vede un uomo per strada. Che cosa nota per meno paura. Come se esistesse una ragion d’essere che nasce nello straordinario equilibrio compositivo prima cosa? Sono i “difetti” quelli che catturano di più la sua attenzione? delle sue fotografie, un equilibrio capace di La ricerca di un soggetto interessante è la parte più giustificare anche ciò che appare inspiegabile facile del processo fotografico. Una volta che hai razionalmente. trovato una persona o un animale il successivo, e cruciale, passo sta nel come procedere. Ho Da New York City a Johannesburg... quando e affermato più volte che le mie immagini, di solito, perché? sono il risultato di migliaia di decisioni prese prima Nel 1974, ho fatto un viaggio via terra dal Cairo di scattare la foto. a Città del Capo, poi, nel 1975, da Istanbul all’ Indonesia. In precedenza, mi ero laureato presso Qual è lo scopo della fotografia di Roger Ballen? la University of California a Berkeley (1972): in Lo scopo principale della mia fotografia è quello quel luogo e in quel momento la controcultura di capire meglio la mia mente interiore, il mio io e il movimento hippie dominavano. Sono stato interiore. influenzato dalle idee del tempo, vale a dire dal fatto che la “verità” era impossibile da trovare nelle Lei ha lavorato personalmente con il tema delle culture occidentali. asimmetrie, uno dei temi di questo numero di >bmm. Il mondo in cui viviamo è per lei Sua madre è stata Photo Editor per l’agenzia asimmetrico? Magnum ... Cos’ha significato per lei crescere a contatto diretto con i più importanti fotografi del La vita consiste di molte forze, la maggior parte delle quali non possiamo né comprendere né mondo? controllare. In ultima analisi, credo sia il caos a Ho comprato la mia prima macchina fotografica pervadere la condizione umana. quando avevo tredici anni. In questa fase, primi anni Sessanta, mia madre aveva lavorato per alcuni C’è sempre qualcosa di cinematografico nelle anni alla Magnum. Attraverso i suoi discorsi, e in sue foto. Lei ha firmato il videoclip “I Fink U particolare la sua collezione, sono stato “esposto” Freeky” per il gruppo hip hop Die Antwoord. al lavoro di molti fotografi - alcuni dei quali Ama il cinema e la musica? ormai considerati storicamente importanti. In È stata un’esperienza memorabile dirigere con quest’ambiente, si credeva ciecamente nel valore Ninja “I Fink U Freeky”, che ora ha raggiunto oltre della fotografia, e in particolare nella sua capacità 23 milioni di visite su YouTube. Ma soprattutto, di catturare e trasmettere significati in un contesto collegando la musica alle mie immagini, sono stato socio-documentario. in grado di presentare il mio lavoro a migliaia di persone che non lo avevano mai visto prima.


>bmmINTERVIEW

Crawling Man, 2002

>144


>bmmINTERVIEW

Twirling Wires, 2001

<<

>145


>bmmINTERVIEW

R

oger Ballen talks about his job as something full of opposites and asymmetries. His powerful visionary images are on the borderline between art and reality. The great photographer from NY selected for >bmm some black-andwhite photos that show the huge richness of his interior landscapes. Many people affirm that the strength of roger Ballen’s works lies on the subtle differences that separate our unconscious from the other ones. Many of his photos oblige those who watch them to deal with their fears, without any possibilities to escape. Even the everyday life -that is pervaded by dreads- turns into the theater of the absurd when is portrayed by Ballen. And it becomes less scaring. It seems that there’s a ‘raison d’être’ that derives from the extraordinary balance of his photo arrangement, as if it was an equilibrium able to justify even what seems rationally inexplicable. From New York City to Johannesburg... when and why? In 1974, I made an overland trip from Cairo to Cape Town, then in 1975 from Istanbul to Indonesia. Previously, I graduated at the University of California, Berkeley, in 1972 where, at that time, the counterculture and hippie movement was prevalent. I was influenced by the ideas of the time, namely that ‘truth’ no longer could be found in Western Cultures. Your mother was Photo Editor for Magnum... What did it mean to you to grow in close contact with the most important photographers in the world? I bought my first camera when I was thirteen. By that stage, in the early sixties, my mother had been working for Magnum for some years. Through her conversation, and particularly her collecting, I was exposed to the work of many photographers - some of them now considered historically important. In this milieu there was a complete belief in the value of photography and particularly in its ability to capture and convey meaning in a socio-documentary context.

How did the relationship with your subjects change over the years? Up to 1996 I photographed my subjects in a documentary style; rarely changing the environment in which I photographed the people. After this time, my images became interactive, almost theatrical in nature. I have always had a positive and long lasting relationship with people that I have photographed. You see a person in the street. What do you notice first? They are the “defects” that capture your attention more? Finding an interesting subject is the easiest part of the photographic process. Once you have found a person or animal the next crucial issue is how to proceed. I have commonly stated that my images usually consist of thousands of decisions before I take a photograph. What is the purpose of your photography? The major purpose of my photography is to better understand my inner mind, my interior self. You have personally worked with the topic of the asymmetries, one of the themes of this issue of our magazine. Do you see the world we live in asymmetric? Life consists of many forces most of which we cannot comprehend nor have any control over. I believe chaos ultimately pervades the human condition. There is always something cinematic in your photographs. And you signed the video clip “I Fink you Freeky” of the hip-hop group Die Antwoord. Do you love movies and music? It was a memorable experience directing with Ninja “I Fink U Freeky” which now has over twenty three million hits on YouTube. By linking music to my images I was able to introduce my work to thousands of people who would have never seen my work.

>146

Your photographs always tend to have an element of spontaneity, but at the same time they seem to be deliberately constructed. May I venture to say that your picture remind me to Man Ray? I am very formalistically orientated; my photographs should emulate nature where every element in an organism has a specific purpose. Nevertheless, it is almost a necessity for a photograph to be seen documenting a moment in time that cannot be repeated. In my opinion Cartier Bresson’s “The Decisive Moment” [his most famous book of photographs, Ed’s note] is the most important concept in photography. I’ve read that sometimes the writer Samuel Beckett was compared to you: simple in appearance and deep in meaning. What do you think about it? In my opinion good art should be formally clear and coherent; yet at the same time full of deeper meanings. My work is full of opposites, asymmetries. It might be labelled as tragic comedy; I believe there are no defining words in the English dictionary to properly define my images. What are your new projects for 2013? In 2013, I will publish my latest series of photographs on Birds that live in a strange surreal Roger Ballen world. I have been working on this series of images for nearly six years. In June it will start my Exhibition “Lines, Marks and Drawings: Through the Lens of Roger Ballen” at the Smithsonian National Museum of Art in Washington. In 2014 Macro Museum in Rome will feature a show of my animal photographs that I have taken over the past forty years.


>bmmINTERVIEW

Jumping Bird, 2010

>>

>147


ASYMMETRIC GENDERS Più istruite, più preparate, più affidabili: secondo le statistiche, le donne occidentali sembrerebbero più adatte per il mercato del lavoro, ma in tutta Europa lavorano di meno, guadagnano di meno e sono ancora una “specie protetta” nei luoghi decisionali, compreso quelli della politica. Che sia ancora per colpa di Eva? Text > Serena Simoni

Jeanne ha cinquant’anni ed è una florida donna senegalese, che da anni vive e lavora in Italia. Cattolica, si è lasciata alle spalle un ex marito dal quale ha avuto una figlia che è riuscita a portare con sé. Un’altra bambina è arrivata al suo secondo e questa volta felice matrimonio con un romagnolo, che rivede in lei alcuni tratti della tipica azdora locale (cappelletto al ragù compreso). A dir suo, gli uomini italiani sono molto meglio dei senegalesi, abituati a scaricare interamente tutto il peso del lavoro - non solo quello della gestione familiare - sulle donne. Non stentiamo a crederci, anche se immaginiamo che parlare delle abitudini maschili africane potrebbe variare enormemente non solo all’interno di uno stesso continente, ma anche per condizioni sociali e culturali. Ma sorvolando sulle difficili condizioni femminili degli altri continenti e a dispetto della fortuna che Jeanne ritiene aver ottenuto, l’Italia vince tutte le maglie nere d’Occidente sulla disparità di trattamento fra uomo e donna: poche presenze femminili nella politica, poche nei CDA delle megaaziende, rare nelle stanze dei bottoni di tutti i settori, compreso quello dell’alta formazione. Nonostante nel Belpaese le donne abbiano già da anni sorpassato numericamente gli uomini per grado di istruzione e per qualità di risultati formativi, allineandosi all’Europa, il tetto di cristallo questa la definizione per indicare lo sbarramento sociale che, a parità di preparazione e capacità, impedisce alle donne di giungere ai vertici professionali - da noi rimane un pesante soffitto di cemento armato. La Fondazione Robert Schuman, che

monitora costantemente la politica europea e la situazione degli stati membri, ha svolto ricerche sulla presenza di donne con funzioni di ministro, valutando che la loro media è comunque bassa, poco più di un quarto. Ai primi posti si attestano Svezia e Francia che alzano la percentuale europea, con una quantità di donne superiore alla metà dei ministri in carica, tallonate a poca distanza da Danimarca e Finlandia. Non brillante la posizione della Gran Bretagna, che appare più tradizionalista degli Stati Uniti, dove le donne che si occupano di politica mantengono un’ottima visibilità. Spiacevolmente superata da Bulgaria, Polonia, Repubblica Ceca e Romania, invece, l’Italia si pone in coda, con 2 donne ministro su 13, lasciando dietro di sé solo pochi paesi, fra cui Ungheria, Estonia, Slovacchia e, ultima delle ultime, Grecia. Un’amara posizione quella del Paese ellenico, patria della filosofia e della scienza occidentale, dove oggi le donne continuano il destino di espulsione che era della tragica Antigone. Una percezione di quanto le donne greche siano considerate si percepisce in modo banale, anche durante un soggiorno in campeggio: provate a far lavare i piatti al vostro compagno e lo vedrete subito circondato da almeno tre locali che - metà a gesti e metà in inglese - gli faranno la predica sul cattivo esempio che sta dando! Riguardo ai trattamenti retributivi la musica sembra cambiare solo negli Stati Uniti, dove le giovani donne possono guadagnare quasi un 10% in più dei loro coetanei, ma ad un prezzo preciso: quello di rimanere eternamente single e senza prole. Le europee fanno

>148

scelte differenti e per questo pagano in termini di retribuzione: secondo recenti statistiche dell’Eurostat infatti, guadagnano circa il 16,4% in meno dei loro compagni, un dato che rimane quasi invariato sia che abitino in Francia o in Spagna come nelle avanzate Danimarca e Svezia. Stando ai numeri, peggio sono messe le inglesi che arrivano a sfiorare il 20% di stipendio in meno, mentre retribuzioni ancora più basse prendono le tedesche (23,1%) e le austriache (25,5%). Possibile? Esultiamo quindi a vedere finalmente l’Italia quasi in testa con un 5,5% in meno, che sembrerebbe consegnare il nostro paese all’avanguardia del politically correct. Ma comprendiamo subito l’abbaglio: il dato fornito non tiene quasi minimamente in conto della percentuale relativa all’occupazione femminile, che in Italia è nettamente più bassa della media europea. Quindi, lavorano più donne nel Regno Unito, in Germania, nei Paesi Bassi, se pure a minor salario, ma guadagnando leggermente più delle italiane, in virtù del fatto che in questi paesi è maggiore l’utilizzo del parttime femminile. Su quest’ultimo dato conviene soffermarsi, perché relativo alla questione della gestione della famiglia e dei bambini. Nel 2008, quindi ancora prima della crisi, oltre i tre quarti dei lavoratori parttime in Europa erano donne, mentre la controparte maschile riguardava solo un uomo su dieci. Più di 9 babbi su 10 in Europa lavorano, mentre le mamme occupate scendono a 6 su 10. In poche parole, la strada da compiere appare ancora lunga e i pupi sembrano continuare ad essere un problema di “mammà”.


>bmmSOCIETY

Shirin Neshat, Women without Men (Movie, 2009)

<<

>149


>bmmSOCIETY

>150


>bmmSOCIETY

Venessa Beecroft, VB 46, performance, 2001

<<

>151


>bmmSOCIETY

>152


>bmmSOCIETY

A

ccording to statistics, Western women are more educated, more prepared and more reliable: they would seem more appropriate to the labor market, but in Europe they work less, they earn less and they still are a “preserved wildlife” in decisional places, politics included. Is this still Eva’s fault? Jeanne is 50 years old and she’s a prosperous woman from Senegal, but she’s been living and working in Italy for years. She’s Catholic and her daughter - that she had with her ex-husband – is in Italy, too. Another daughter has arrived with the second – and this time happy – marriage with a man from Romagna, who sees in her some traits of the typical local azdora (cappelletto pasta with Bolognese sauce included). According to Jeanne Italian men are far better then Senegalese, who are accustomed to pass the buck of the work and the family to women. We find it hard to believe, even if we imagine that talking about African male habits can vary not only within the same continent, but also for social and cultural conditions. Anyway, overlooking the difficult condition of women in other continents or the luck that Jeanne thinks to have had, Italy wins all the black medals of the West for disparity in treating men and women: there are few female figures in politics, few in boards of directors of mega-companies, very few in computer fields of any kind of sector, high training included. Despite the fact that for years Italian women have exceeded men in level of education and quality of formative results, reaching the same level of other European states, in Italy the glass ceiling- this is the definition to point the social barrier that, on equal terms of competence and skills, impede women to reach the highest level of work – is a heavy reinforced concrete ceiling.

The Robert Schumann Foundation - an association that controls European policy and the situation of Member States constantly - has conducted several researches on the presence of women who work as Minister, revealing that the average is quite low: they are just one out of four. In first places they come Switzerland and France, countries that raise European average, considering that women are more than the half of ministers in office; at a short distance there are Denmark and Finland. Great Britain’s rank is not so good – even though this state seems to be more traditionalist than USA, where women have a great exposure to politics. Unpleasantly exceeded by Bulgaria, Poland, Czech Republic and Romania – Italy is at the bottom of this rank, with only 2 female ministers out of 13, and it is followed only by few nations, such Hungary, Estonia, Slovakia and Greece comes at last. Hellenic country reaches a painful rank, considering that is motherland to philosophy and Western science, were today women continue their destiny of being expelled, as it happened to tragic Antigone. You can easily perceive how women are considered in Greece, even during a journey in a camping: go and try to make your boyfriend wash the dishes and he will be surrounded by at least three locals who, half in English and half with gestures, will give him a roasting because he is setting a bad example! With regard to salaries things seem to change in the US only, where young women can earn nearly a 10% more than men,

but at one cost: to remain single and have non children for ever. European women make different choices and for this reason they pay their dues in terms of salary: according to recent statistics made by Eurostat they earn almost 16.4% less than men, a figure that do non change in France, nor in Spanish and neither in more developed Denmark and Sweden. According to these data, British women are having the worst time because they earn quite 20% less but for German (with 23.1%) and Austrian (with 25.5%) it’s even worst. Is it possible? Well, at last let’s exult in seeing Italy on the top, with only a 5.5% less: this figure seems to bring Italy up to the politically correct state. But we immediately understand the blunder: the data don’t take into account the percentage that concerns female employment, that in Italy is incredibly lower than the European average. So, in Great Britain, Germany, Netherlands they work more women and, even if they perceive a lower salary, they earn more than Italians, because in these countries there are more part-time contracts. It is important to understand this figure, because it is related to the family and children management. In 2008 – before the crisis – in Europe more than 75% of part-time workers were women, while men were only 10%. More than 9 dads out of 10 work, while the number of worker- mums lowers to 6 out of 10. In a few words, there’s a long way to go and babies are continuing to be mum’s business.

1) Vanessa Beecroft, VB 39, performance, 1999 - 2) Zoe Leonard. Mouth Open, Teeth Showing, 2000 - 3) Triona Holden, Counting Women, 2012

>>

>153


BEBE MA BELLE Quando nei primi anni ’70 arriva a New York, ha un contratto da  modella in tasca e il mondo ai suoi piedi. L’hanno definita, erroneamente, ‘groupie’: adorata dalle rockstar, icona di stile e lead singer della sua band, nel 2013 Bebe Buell ha ancora molto da raccontare. E, soprattutto, da insegnare. Text > Silvia Ragni

Una vita all’insegna del rock, quintessenza del lifestyle di Bebe Buell. Gli inizi come modella, le relazioni con l’élite musicale degli anni ’70 e ’80 che annovera nomi quali Todd Rundgren e Steven Tyler, padre di sua figlia Liv - una carriera poliedrica che esula da qualsiasi totalizzante definizione, Bebe conversa con noi di passato, presente e futuro senza mai omettere la sua innata passione: quella che a tutt’oggi ne fa l’indiscussa “mother of rock’n roll”, per citare una delle sue più note hit. Bebe, hai esordito come modella a soli 17 anni. Com’è avvenuto il tuo approccio con la ‘music scene’ della Manhattan primi anni ‘70? C’era un locale downtown, ‘Max’s Kansas City’, in cui ho incontrato molte delle persone che sarebbero entrate nella mia vita o che l’avrebbero cambiata per sempre. Da Max’s si ritrovavano modelle, fotografi, rockstar, pittori, poeti, direttori di riviste, magnati della musica, star del cinema... anime artistiche affini. È stato tramite la mia relazione con Todd Rundgren, conosciuto tre mesi dopo il mio arrivo a New York, nel 1972, che sono entrata a far parte della ‘music scene’ nella Manhattan dell’epoca. Nelle interviste, tendi a prendere le distanze dal termine ‘groupie’, con cui spesso t’identificano. Pensi che le tue relazioni possano definirti più appropriatamente come ‘musa’? Che figura incarnavi per i tuoi ‘rocker’ e cosa rappresentavano, a loro volta, loro per te? Non ho pregiudizi verso il termine groupie, semplicemente non reputo che possa descrivere me e la mia vita. Preferisco non venga usato alcun nome per definire le mie relazioni. Sono stata con uomini meravigliosi e ora sono sposata con un uomo meraviglioso: un musicista, naturalmente, perché si sa, ogni simile cerca il proprio simile. Credo che gli spiriti affini s’incontrino inevitabilmente. Io ho la musica nell’anima ed è logico che mi sia circondata di persone dell’ambiente musicale. Non solo uomini: anche la maggior parte delle mie migliori amiche proviene dal mondo della musica o da quello del cinema.

Com’è nato il desiderio di diventare una rock singer? La prima volta che ho visto i Rolling Stones e Mick Jagger ho capito di voler diventare una ‘lead singer’. In realtà era un mio desiderio da quando avevo più o meno dieci anni. Ho fatto la modella per alcuni anni e poi ho deciso che non potevo più aspettare per seguire il mio primo, vero amore: la musica. Così ho formato la mia prima band, The B-Sides, nel 1979. Fu Ric Ocasek dei Cars a portarmi, per la prima volta, in uno studio di registrazione. Ne sono rimasta catturata! Modella, madre, musicista, autrice di un bestseller, manager, ‘belle’ dei divi del rock. Cosa ti esprime al meglio? Un po’ tutte, io sono tutte queste cose. Credo che una donna possa essere, e fare, molte cose. Ma quel che amo di più, in assoluto, è essere una madre e cantare in una band, è il mio angolo di paradiso. Certo, nella vita sono stata eclettica e ho rivestito molti ruoli. Mi piace pensare di averlo fatto bene, so di aver dato il meglio. L’espressione più costante di me stessa è la mia musica. Sei considerata un’icona di stile. Che rapporto hai con la moda? Ho sempre amato la moda e avuto un mio stile sin da giovanissima. Sono molto lusingata quando si riferiscono a me come a un’icona di stile, ma sono solo me stessa. Non ho mai seguito i trend, indosso tutto quel che mi fa sentire bene e comoda. Adoro i cappelli a cilindro, i ‘beatle boots’, le giacche sexy e nere. Colleziono collane importanti e vistose in esemplare unico, ma un semplice fiocco legato attorno al collo può rappresentare il mio unico gioiello quando esco la sera. Non butto nulla, possiedo ancora un paio di stivali floreali che Steven (Tyler, N.d.R.) mi ha regalato nel 1976: mi chiedono sempre dove li ho presi. Adoro i capi ben fatti, di qualità. Il mio outfit preferito è un semplice completo da uomo, magari con papillon. Amo il pizzo e i guanti senza dita, sono un ‘basic’ per me, insieme alle mie collane.

>154

Quest’anno, oltre all’uscita del tuo nuovo album, hai progetti in cantiere nei più disparati settori. Su quali riponi le maggiori aspettative? Sto lavorando a un volume fotografico che raccoglie scatti inediti di tutta la mia vita, dall’infanzia fino a oggi. Sto anche scrivendo un libro di consigli di bellezza, ‘Bebeautiful’, ma ho la mente sempre rivolta al mio prossimo album, alla mia prossima canzone. Voglio incrementare la mia attività di beneficenza a favore degli animali, che amo quanto le persone. Ciò che mi entusiasma di più, però, è esibirmi ‘live’, stare sul palco. Niente mi rende più felice tranne, forse, la mia famiglia. Alla luce di una vita straordinariamente intensa, come vedi la vita oggi? Sono le cose più importanti per me ad essere cambiate: l’ambiente, il pianeta, gli animali, gli oceani, l’aria, il tempo passato in piscina insieme a Liv e Milo, le cene con gli amici, un buon bicchiere di vino, un bell’abito o una giacca su misura. Mi piacerebbe avere un roseto, un giorno. Voglio solo continuare a creare e a dare il mio contributo affinché le cose vadano meglio. Non solo per me, ma per tutti. Ho un enorme rispetto per Madre Natura. Amo la Terra e le sue creature. Non mangio carne e vorrei che smettessimo di uccidere gli animali per alimentarci. Vorrei più rispetto per le balene, i delfini, gli elefanti, i rinoceronti, ormai a rischio d’estinzione. Se potrò, un giorno possiederò un rifugio per animali. Vorrei un mondo che soddisfacesse le sue esigenze tramite energia alternativa, come quella eolica e solare. Auspico un ritorno all’innocenza, quando la gente non passava giornate intere davanti al PC: un ritorno alle lettere scritte a mano e al rispetto reciproco. Cerco di rendere importante ogni giornata, di imparare quotidianamente qualcosa di nuovo e di condividere con gli altri quel che ho imparato.


Babe Buell photographed by Alan Mercer

>bmmINTERVIEW

<<

>155


>bmmINTERVIEW

Bebe with.. 1

2

3

5

6

4

7

8 9

1) Todd Rundgren and Alice Cooper 2) David Bowie 3) Steven Tyler 4) Jimmy Page 5) Todd Rundgren 6) Joey Ramone 7) Joan Jett 8) Iggy Pop 9) 1973 - Bebe Buell on tour with Todd. Dressing room Wollman Rmk. Cameron Crowe remembers: “Like Penny Lane, Bebe lit up the room just by entering”. From Talk Magazine (March, 2001).

>156


>bmmINTERVIEW

D

uring the Seventies she arrives in New York, she obtains a contract as a model and the world falls at her feet. Someone has wrongly called her a “groupie”: loved by rock stars, style icon and lead singer of her band, Bebe Buell still has a lot to tell in 2013. And, most of all, to teach.

Bebe, you started your career as a model at only seventeen. How did you come into contact with the Manhattan music scene of the early‘70s? There was a place downtown called “Max’s Kansas City” and I met a lot of the people who would go on to either be in my life or change my life forever, there. Max’s was a place where models, photographers, rock stars, painters, poets, magazine editors, music moguls, film stars...like minded artistic souls met up. It was thanks to my relationship with Todd Rundgren, whom I met three months after I arrived in NYC in 1972, that I would go on to become part of the Manhattan music scene at the time.   In interviews, you tend to distance yourself from the word ‘groupie’. Would a more fitting term to define your relationships be ‘muse’? What do you think you represented for your ‘rockers’, and what did they represent for you? I have no ill feelings towards the term groupie; I just don’t feel it’s a term that describes my life or me. I’d prefer not to be called any names when reflecting on my past relationships. I dated some wonderful men in my youth and I’m married now to a wonderful man-a musician of course, because birds of a feather flock together. I believe that kindred spirits always find each other, Music is in my soul so it’s logical I would be around musical people- not just men. Most of my good female friends are involved with music or film.

 What made you want to become a rock singer? The first time I saw the Rolling Stones, Mick Jagger, I knew I wanted to be a frontwoman. I have always had this desire since a very young age; it began around 10 years old. I modeled for a few years and then I decided that I couldn’t wait any longer to follow my first true love, which was music. So, I started forming my first band, The B-Sides, in 1979. It was Ric Ocasek from The Cars who took me into the recording studio for the first time. After that I was hooked! You’ve always refused to be labelled: a model, mother, musician, writer, manager, and ‘belle’ of the rock stars. Which one of these aspects most expresses who you are?   I’m all of those things. I believe a woman can be many things and do many things. But the two things I love the most are being a mother and a singer in a band. That’s my slice of heaven. But yes, I’ve worn many hats in my life and done many different types of job. I’d like to think I did them well, I know I did my best. The most constant expression of who I am is my music. You are considered a style icon. What’s your relationship with fashion? I’ve always loved fashion and had my own style from an early age. I’m always very flattered when someone refers to me as a style icon, but really I was just being myself. I’ve never followed trends and just go with what feels right and comfortable. I adore top hats, ‘beatle boots’, sexy black jackets. I collect statement pieces of jewelry- one of kind necklaces- big and bold! Something as simple as tying a piece of ribbon around my neck can be all the jewelry I wear on some evenings out. I never part with any of my favorite things. I still have a pair of floral boots that Steven Tyler gave me in 1976: people always ask me where I got them. I like things that are well made. My favorite thing to wear is a simple men’s suit- sometimes even with a bow tie. I also love lace and fingerless gloves are a mainstay for me, together with my statement necklaces.

>157

 This year you’re releasing a new album, but you have a several irons in the fire. Which ones are you most excited about? I’m working on a coffee table sized book of photos of my entire life, from babyhood to now. Shots that have never been seen before. I’m also going to write a book of my beauty tips, “Bebeautiful”. But I’m always focused on what the next album will be- what the next song will be. I want to evolve into doing a lot more animal charity work as well. I love animals in the same way I love people. The thing that excites me the most though is performing live. Nothing makes me happier maybe except for my family.   With such a rich and extraordinary life, how do you see your life today? Has it changed a lot? And how, in particular? The changes are more about what’s important to me: the environment, the planet, the animals, the oceans, the air, the water- spending time with Liv and Milo, dinners with friends, a good glass of wine, a beautifully tailored dress and jacket. I’d love to have a rose garden one-day. I just want to keep on creating and doing my part to help make things better. Not just for me but for everyone. And how do you see the world around you now? Has it changed a lot too? I have an enormous amount of respect for Mother Nature. I love the earth and it’s creatures. I don’t eat meat. I would love to see the planet stop killing animals for food. To have more respect for whales, dolphins, elephants, and rhinos - if we aren’t careful all these majestic creatures will be gone. If I could, one day I’d have an animal sanctuary. I’d also like to see the world find alternative ways to fuel its needs. Wind and solar energy. I long for a return to innocence when people didn’t spend their entire days on the computer. A return to letter writing and respect for one another. I try to learn something new every day and to share what I’ve learned with others.

>>

Bebe Buell has dedicated her life to rock, the quintessence of her lifestyle. She started as a model, then they arrived the relationships with musical elite of 70s and 80s: Todd Rundgren and Steven Tyler, father of Liv; her versatile career goes beyond every sort of definition. Bebe talks with us about her past and her future, without hiding her innate passion: I’m talking about what has made her the uncontestable “mother of rock’n roll”, just to quote one of her most famous hits.


>bmmCHAPTER

>158

<<


FASHION Trends People Accessories Editorials

>159


IT’S TIME FOR TRASPARENCY, AN OLD NEW TREND Sempre più uomini usano il corpo per esprimersi. Lo riempiono di segni e scritte per rappresentare ciò che pensano, credono e sentono. E chiedono alla moda di creare vestiti che non li coprano. Text > Marco Cortesi

FRANKIE MORELLO

>160


JOHN GALLIANO

DIRK BIKKEMBERGs

Già nella scorsa P/E 2012 alcuni designer avevano proposto camicie di chiffon, maglie appositamente tessute per assottigliarsi all’altezza del petto e mostrare i pettorali o l’impiego di tessuti traforati per realizzare capispalla e pantaloni. Questa tendenza si ripropone anche per la “bella stagione” targata 2013. Non solo i trend contemporanei sono spesso ripetitivi e indaffarati in un eterno rincorrersi - impegnati tra ritorni e tramonti - ma sono talmente lenti nel loro ciclo che, dopo un timido inizio sulle passerelle, possono impiegare uno, due o anche più anni per diventare di massa. Sono solo i fashion victims ad essere sempre aggiornati sulle ultime collezioni di tutti gli stilisti; tuttavia questi ultimi non costituiscono parte integrante del processo produttivo/ creativo del fashion system. Molto spesso, chi lavora all’interno degli uffici stile dei brand è troppo concentrato sul lavoro della propria Maison per dare importanza a quello che il resto del mondo della creatività porta in passerella. In questo settore la diffusione delle idee e il loro confronto al fine di migliorarsi è

delegato non tanto ai report delle sfilate, quanto al racconto visivo che delle stesse faranno i servizi fotografici realizzati dalle riviste. Le tempistiche dei magazine sono però differite da quelle delle sfilate (con tutta probabilità, ad esempio, i defilé degli inizi dell’anno appariranno sulle loro pagine solo in autunno) e questo significa rimandare il confronto costruttivo. Come detto, la comparsa del mood “nude look” risale a un anno fa, ma è solo con la P/E 2013 che vede la sua proclamazione. E se la scorsa stagione il trend - pur avendo un nucleo comune - era sviluppato in maniera disomogenea e portava a proposte tra loro molto differenti, la versione 2013 ne ha definito il carattere: il “vedo nudo” al maschile è ottenuto tramite effetti di trasparenza, ma in antitesi al tema dominate della stagione - che sarà il colore - lo spogliamento del corpo maschile avviene principalmente a base di una sola tinta, il nero. Dirk Bikkembergs propone t-shirt e short in chiave sportiva, Corneliani pensa anche ai più tradizionali e attenua l’effetto abbinando alla trasparenza una camicia. Simile alla soluzione trovata da Ennio

Capasa che da Costume National, mitiga l’effetto dei tessuti leggeri utilizzati nelle shirt, sovrapponendo due maxi tasche. Ma c’è anche chi lavora nella parte bassa del corpo come nel caso degli short “radiografia” proposti da John Galliano o da Frankie Morello. Ma quali le ragioni dietro a questa scelta? Gli abiti devono facilitare la vita sociale di chi li indossa, e chi la moda la propone ha capito che il pubblico maschile investe nel proprio fisico per ottenere quei vantaggi i quali, ahimé, nell’italica società odierna, lo studio e la preparazione sembrano non garantire più. In un’epoca precaria come la nostra, è più frequente che ci siano possibilità di ottenere un successo personale, privato o lavorativo che sia, puntando sull’aspetto estetico piuttosto che sul cervello. E se prima i maschi usavano le parole per comunicare, oggi se le disegna sul corpo per lanciare messaggi a mo’ di decorazione. Perché, una volta nudi, gli uomini si prestano alla lettura e diventano “da leggere”. I disegni, le date e le frasi impresse sul loro corpo obbligano a una serie di interrogativi per decifrarne il significato. I

>161

<<

RICK OWENS

>bmmFASHION


>bmmFASHION

maschi dal canto loro desiderano esibire questa che - in un mondo dove mancano le possibilità di riscatto dalla propria condizione iniziale - è rimasta l’unica creazione possibile, la propria e personale Cappella Sistina da completare, e che per questo dev’esser visibile anche sotto i vestiti. Purtroppo molto spesso manca un progetto e i segni si affastellano sulla carne in modo disordinato. Basti a esempio Marc Jacobs (il designer): qualche tempo fa, a caccia di un nuovo soggetto, non trovò di meglio che optare per un divano che ora campeggia sul suo ventre. Ma la tendenza è stata anche confezionata a uso e consumo dei più convinti fashion victims, che possono osare con la seconda variante offerta. Se la trasparenza si può ormai definitivamente considerare espropriata dal territorio dell’abbigliamento femminile, quella a “effetto pizzo”, proposta su molte passerelle, è chiaramente destinata al pubblico dei più coraggiosi. Da Frankie Morello perde molto del suo coté femminile perché abbinata ai pezzi dello street style che hanno ritmato tutta la sfilata. Ai rapper pare sia tutto

MIHARAYASUHIRO

J.W. ANDERSON

CORNELIANI

M

possibile. Prima dell’introduzione nella specie umana di questa nuova “razza”, l’utilizzo di elementi del guardaroba femminile generava un effetto di “ambiguità”, come nel caso di David Bowie, mentre i rapper in questi anni hanno sdoganato i gioielli di diamanti e l’oro, le maxiborse di Hermès e Vuitton, le maxi t-shirt effetto minidress. Sottotraccia esiste anche la versione più intellettuale, la tendenza interesserà, infatti, anche chi non ha un fisico palestrato. In questo caso la trasparenza non avrà come obiettivo quello di mostrare il corpo. Da Miharayasuhiro, così come da Dior Homme, Rick Owens e Hermès i capispalla sono realizzati in tessuti a rete o trasparenti con il doppio effetto di rendere palese la costruzione dei capi e di mostrare ciò che è portato sotto a essi.

>162

ore and more men use their body to express themselves. They are covered with signs and writings to represent what they think, believe or feel. They ask fashion business to create clothing that would not cover them.

Yet in the last S/S collection some designers proposed chiffon shirts, especially created to tail off chestdeep and to show pecs; others proposed pierced textiles to realize coats and trousers. This tendency is proposed again in the next summer collection. Current trends are often repetitive and busy in chasing each other eternally – swinging between revivals and declines – and they are also incredibly slow in their cycle that, after a weak show on the catwalks, they can employ one, two or even more years to become popular. Only fashion victims are always up to date on new collection of stylists; however designers are not a substantial part of the whole productive/creative process of fashion system. Very often who works in a style department is too focused on working well for the fashion house to give importance to what the rest of the creative world brings to catwalks. In this field, more than reports of catwalks, photographic services do have the task to spread ideas and compare them. Time frames of magazines defer from those of catwalks – probably fashion shows of the first period of the year will be published only in September – and this means to


postpone productive confrontation.As I said before, the nude look appeared one year ago, but it is only thanks to the S/S 2013 collection that it receives its proclamation; although a common nucleus, the mood of the past season was created irregularly, leading to different ideas, while in this collection of 2013 the features of the style are settled: male nude look is created with transparencies, but it is in contrast to the predominant theme – as to say: colours – because men bodies are undressed to show an only colour, black. Dirk Bikkembergs proposes t-shirts and shorts in a sporting version, Corneliani thinks also to the most traditional ones and enhances this effect by combining transparencies with shirts. Ennio Capasa from Costume National finds a similar solution, softening the effect created by light textiles for shirts by overlapping two maxi pockets. On the other hand John Galliano and Frankie Morello work on the lower part of the body, creating x-ray shorts.What are the reasons behind these choices? Clothes have to make social life easier and who creates fashion has understood that men aim at their bodies to obtain those advantages that in Italian

COSTUME NATIONAL

HERMèS modern society are not guaranteed by education and knowledge anymore. In uncertain times like ours there are more possibilities for a private or working personal success, most of all if you aim at your appearance rather than your brain.And while in the past men used to communicate through words, today’s trend is to tattoo messages to decorate the body. In this way, when they’re naked, men are ready to be read. Drawings, dates and sentences are impressed on their bodies and it is impossible not to ask for their meaning. On the other hand, in a society in which there is no chance to redeem yourself from your initial condition, men want to show their last possible creation, like a personal Cappella Sistina to be completed and, for this reason, it has to be visible even under the clothes. Unfortunately, very often there’s a missing project and the signs are thrown together on the skin. Think about Marc Jacobs: a short time ago the designer was looking for a new subject and he found nothing better than a sofa that today lies on his belly. This tendency has been created also to suit the most convinced fashion victims, who can dare with the second variation

>163

offered. We can definitely affirm that today transparency is not peculiar of the only female world anymore: the “lace effect” - a particular kind of transparency that is shown in many catwalks- is addressed only for those who dare. At Frankie Morello House, it loses most of its female features because it is combined with street style items that have kept the rhythm of the whole show. It seems that rappers can do everything: before this new “race” appeared in the human species, to use female clothes created an effect of “ambiguity”, as it happened to David Bowie; today rappers have learnt how to legitimize gold and diamonds, maxi bags by Hermès and Vuitton and maxi t-shirts (as if they were mini dresses). It also exists the intellectual version: this tendency will even draw those who are not body builders and in this case transparencies won’t aim to show the body. Miharayasuhiro, Dior Homme, Rick Owens and Hermès created coats with transparent and net fabrics with the double intention to reveal the structure of this clothes and to show what is worn under them.

>>

DIOR HOMME

>bmmFASHION


SECOND SKIN

Di origine genovese, anche se l’etimologia del suo nome è chiaramente francofona (si pensa derivi direttamente dalla frase bleu de Gênes), già dal XVI secolo iniziò a viaggiare in tutto il mondo allora conosciuto. Stiamo parlando del blue-jeans, vero e proprio classico dell’epoca contemporanea. Più che un indumento, un concetto, una tela resistente indossata originariamente dai marinai genovesi e trasformata in oggetto di culto, nel 1873, da quel Levi Strauss che per primo ideò il modello con taglio a 5 tasche, regalandoci un capo che non sarebbe mai passato di moda. Come il tubino nero creato negli Anni ‘20 dal genio modernista di Coco Chanel, il jeans è divenuto nel tempo un archetipo universale grazie alla sua versatilità. Ben presto si scoprì, infatti, che la destinazione d’uso di questo capo sobrio e funzionale poteva variare in base alla sua fattura e agli accessori a cui si accompagnava. La sua diffusione fu senza pari, divenendo divisa perfetta per uomini e donne moderni di qualsiasi estrazione sociale. Le star, che iniziarono ad indossarlo dagli anni ‘50, contribuirono più o meno coscientemente alla creazione del mito. Se Elvis, Marlon Brando, James Dean e Steve McQueen lo avevano consacrato come indumento dal forte sex-appeal maschile, le colleghe donne non furono da meno. Marilyn indossò il jeans in più occasioni durante

JUST CAVALLI

Dkny

PHILLIP LIM

Quando un indumento acquista una valenza tanto neutrale da rendersi un complemento corporeo, qualcosa che s’indossa senza preoccuparsi di possibili accostamenti perché, siamo certi, andrà bene in ogni contesto, allora questo capo è definibile come second skin. Text > C. Andrix

la sua carriera cinematografica, memorabile il suo giubbotto ne Gli Spostati. Audrey Hepburn lo scelse stretto e di un blu scuro in Due Sulla strada. La principessa Grace Kelly li preferiva dall’allure maschile e dall’inconfondibile risvolto, mentre l’indimenticabile diva dagli occhi viola, Liz Taylor, svelò al mondo la femminilità pratica della gonna in jeans nel capolavoro Il Gigante. Da lì in poi, la moda denim imperversò per le strade, divenendo un vero e proprio status symbol, tuttavia la vera svolta per il jeans avviene negli anni ‘80, è in questa decade, infatti, che il tessuto debutta sulle passerelle istituzionalizzate per mano di stilisti quali Sergio Valente, Jordache, Calvin Klein, e per la prima volta, viene coniato il termine jeans firmato. Oggi, nella seconda decade del nuovo millennio, non c’è grammatica “vestimentaria” che, per quanto ridotta, non lo assuma come termine base. Quasi fosse divenuto una seconda pelle bluastra, il jeans ha raggiunto una condizione di neutralità che non solo ricorda l’uso che la moda fa del nero, ma va oltre. Perfettamente accostabili a giacca e tacchi a spillo, quanto a t-shirt e sneakers, a differenza del nero succitato è come se ci dimenticassimo che, in realtà, i jeans hanno un colore loro, per questo ogni accostamento non par mai dissonante. Non c’è celebrity che non sia stata fotografata in blue-jeans, non c’è casa di moda che non ne abbia >164

proposto una sua rilettura, alcune su questo capo hanno puntato molto e ad esso devono la propria fortuna. È il caso della nostrana Diesel, una vera e propria autorità in questo campo. Come sempre dunque, anche per la prossima P/E il denim invade le passerelle, e lo fa in forma più smagliante che mai. In casa Chanel, Karl Lagerfeld propone una sua versione trasformando i jeans in mini-abito, quasi avessero subito un intervento di morphing simile a quello a cui sembrano essere stati sottoposti per la realizzazione della gonna DKNY, con vita altissima e accessoriata di maniche da legare in vita a mo’ di fiocco. Per Just Cavalli i jeans sono un capo ideale poiché sposano perfettamente l’identità Hippy del marchio. Dsquared2 li vede attillatissimi per una donna audace, mentre Phillip Lim ne offre una variante street. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, e da quella più aggressiva a quella più romantica non c’è donna che possa affermarne di non avere più di un paio di jeans nell’armadio. Esistono capi che fanno le mode e quelli che fanno la Moda, quando parliamo di blue-jeans siamo dinnanzi al secondo dei casi, di fronte a qualcosa che è scivolato così bene all’interno del nostro immaginario da essere percepito come una vera e propria second skin!


CHANEL

>bmmFASHION

<<

>165


It comes from Genoa, even if its etymology is clearly French (it is believed that it origins from the phrase bleu de Gênes) since the 16th Century it has traveled all around the world known at that time. We’re talking about the blue jeans, the out and out classic of our times. More than a clothing, it’s a concept, a resistant fabric that was originally worn by Genoese sailormen and then, in 1873, it has been transformed into a cult by Levi Strauss, the first one who invented the five pockets model, giving us a garment that was destined not to go out of fashion. Exactly like it happened during the ‘20s, when the modernist genius Coco Chanel created the black sheath dress, jeans has become a universal model thanks to its versatility. Soon it was discovered that this simple and functional cloth could be worn in several contests, you just needed to change its finish or accessories. Its diffusion was without equals, becoming the perfect outfit for modern men and women of either poor or rich extraction. Stars started to wear it during the ‘50s and they contributed (more or less) consciously to create its myths. Elvis, Marlon Brando, James Dean and Steve McQueen consecrated it as a garment of high sex appeal, but women were no less so. Marilyn worn it many times during her movie career: her jacket in The Misfits is unforgettable. Audrey Hepburn chose a dark blue tight model for the movie The Van. The princess

TRUSSARDI

DSQUARED2

CALVIN KLEIN

>bmmFASHION

Grace Kelly used to prefer them with a masculine allure and with the unique turn-up, while the unforgettable “violet-eyes” Liz Taylor showed the female comfort of the jeans skirt to the world in her masterpiece Giant. From there on, denim fashion has been all the rage down on the street, becoming a status symbol; however during the ‘80s it has been the real change, because it is in this decade that this fabric debuts on institutionalized catwalks, thanks to stylists such Sergio Valente, Jordache, Calvin Klein and, for the first time ever, it has been coined the term “branded jeans”. Today, every “dressing grammar”, even the most reduced one, mentions it as the basis of dressing. It seems that it has quite become a second blue skin: the jeans has reached a neutral condition, even more objective than the black in the whole fashion world. You can match them with a jacket and high heels, or with t-shirt and sneaker and, unlike black, it’s as if we have forgot that jeans have their own color, so every outfit never seems to be dissonant. All the celebrities have been portrayed while wearing a pair of blue-jeans, Fashion Houses have proposed their own reinterpretation, many of them aim at them a lot and now they owe their fortune to this garment: it’s the case of Diesel, an authority in this field. >166

As always, also next S/S season, denim is going to invade catwalks in the most dazzling way ever. Karl Lagerfeld for Chanel has proposed his own version, changing jeans into a mini dress, as if they have undergone a surgery; the same intervention has been undergone by DKNY that has created a high-waisted skirt, whose sleeves have to be tied as a bow. For Just Cavalli jeans are the ideal garments, because they perfectly embrace the Hippy identity of his brand. Dsquared2 wants them very tight for daring women, while Phillip Lim offers his street version. Well, there’s something that suits everybody’s fancy: every woman, from the most aggressive to the most romantic one, has to admit to have more than one pair in her wardrobe. They exist garment that are in fashion and others that are THE Fashion and jeans belong to this second category, considering that they have suited our fantasy so well that they have become a second skin!


>bmmFASHION

W

DIESEL BLACK GOLD

hen a garment acquire a so neutral value that it becomes a body accessory, something that you wear without caring of possible outfits because youâ&#x20AC;&#x2122;re sure that it will fit well for every occasion: well, this is what we call a second skin.

>>

>167


GOD SAVE THE BRITS Per la prossima P/E 2013, la moda giovane si tinge di shocking: fantasie sovrapposte, effetti optical ed eleganza retrò si fondono insieme in un guardaroba al contempo vintage e futurista che attinge ragion d’essere e motivi d’ispirazione dalle contraddizioni creative di una Londra madre patria tanto della Regina quanto dei punk. Text > Andrea Camarda

L’attenzione al look e all’espressione sociale attraverso esso, è qualcosa che appartiene da tempi immemori ai sudditi del Regno Unito, sempre alla ricerca di proprie cifre distintive. Laboratorio stilistico ricco e in continuo fermento, Londra, la sua capitale, ha visto le proprie strade affollarsi di dandy, teddy-boy, mood, punker, darker, delle sottoculture più svariate, divenendo la patria di chi ama distinguersi per provocazione e innovazione, generando una mitologia animata da classici che, in quanto tali, non passano di moda. Padri ed epigoni dei trend del nuovo Millennio, dal canto loro, non se ne dimenticano mai, così, volgere lo sguardo oltre la Manica diventa un imperativo per i giovani e lo urban street di tutto il mondo. Lo stile British sembra farla da padrone anche per la stagione presente e quella a venire. Grande fortuna la riscuotono i grafismi, a volte esasperati: pois, righe, quadri e quadretti di diverse dimensioni generano vertiginosi effetti optical a colori come quelli che abbiamo visto sfilare da Lacoste, oppure, quando in black&white, richiamando alla mente la cover di Unknown Pleasure, album dei Joy Division, divenuta un’icona indiscussa dello stile underground. Stampe, stampe e ancora stampe, dal bianco e nero al technicolor sono loro le protagoniste che campeggiano non solo su felpe e t-shirt, ma un po’ ovunque, dissacranti e acide come insegna Vivienne Westwood, vate, maestra e, oramai, divinità di quest’estetica alternativa Made in England. Vanta una chiara origine Punk anche l’attitude smodata alle borchie, entrate ormai nel guardaroba di ognuno di noi, e del pattern animalier, in particolare quello leopardato che, come ci ricorda il defilè P/E 2013 degli innovativi Philipp Plein e Pelechecoco, sarà uno dei motivi cult per la moda giovane (e non solo) della prossima stagione calda. Sneakers e stringate con borchie e para altissima o zeppa, come quelle che hanno reso famoso Jeffrey Campbell, sembrano frutto di un mash-up tra il mood delle Spice Girls e quello dei Sex Pistols. Dal Punk si eredita anche la propensione ad osare nell’impiego di materiali, come nel caso degli originalissimi zaini Cyclus. Mix e all cut up erano le parole d’ordine di questa compagine britannica che fu la prima a riscoprire il mercato del second-hand come serbatoio inesauribile e ad adoperare la decontestualizzazione come modus operandi. Jere

my

Sco

tt

Via libera, allora, a motivi etnici e aztechi abbinati a camicie più classiche come negli outfit marchiati Marc by Marc Jacobs o, addirittura, a cappotti e completi formali e, viceversa, a quelli classici come il tartan scozzese utilizzati, come fa Jeremy Scott, per tute che definire da ginnastica sarebbe riduttivo. Lo street, infatti, vede anche il ritorno dell’anima elegante ed eccentrica dei dandies, altra deriva di sangue anglosassone: spopolano giacche e cravatte e i completi gessati si riconfermano uno dei must-have di stagione, per lui come per lei. Ai dettagli maggiormente fini e ricercati viene concesso grande rilievo: i più temerari sfoggiano disinvolti bastoni da passeggio, che fanno la loro ricomparsa; i sempre verdi mocassini sono rivisitati in versioni inedite come quella camouflage; il gilet si conferma come uno dei pezzi irrinunciabili e, come dimostrato da Kolor, declinabile in varianti nuove, ma di buon gusto. Il British impera anche negli accessori: gli occhiali tondi stile John Lennon e i cappelli a cilindro, a bombetta o a tesa più o meno larga e dalle forme che danno sfogo all’immaginazione, tornano ad essere un complemento indispensabile nella rappresentazione del sé. Lo sa bene Walter Van Beirendonck. Venendo ai volumi, è bene sottolineare quanto essi non conoscano mezze misure, over per i top, sono invece spesso molto ridotte dalla vita in giù: la mini gonna è più “in” che mai e i pantaloni per lui sono corti, quasi mai oltre la caviglia, come quelli indossati dal Principe Carlo, sdoganati da nuove boy-band britanniche (vedi One Direction) e proposti da brand di tendenza giovane come Closed. Se Parigi gode di un filo diretto con i couturier dell’eleganza creativa, Milano è il regno dell’aplomb pragmatico e severo adatto ai manager, lo stile inglese intrattiene, invece, un rapporto speciale, di scambio reciproco, con la musica, vera e propria fabbrica dei sogni dei ragazzi di tutto il mondo. Per questo Londra è stata, è e probabilmente sarà un focolaio stilistico sempre acceso, un osservatorio privilegiato, il grembo materno più fecondo delle young cultures e delle mode a esse relative. >168


>bmmFASHION

F

or the next S/S young fashion is painted in shocking colours: overlapping patterns, optical effects and retro elegance are blended together in a wardrobe that is both vintage and futurist. This fashion draws its raison d’etre and inspiration from creative contradictions that are spreading in London, the motherland of both Queen and punk.

To pay attention to appearance and to social expression through the look is something that British subjects have been owned for centuries, considering that they are continuously looking for their own distinctive figures. London is the rich stylistic workshop, in a continuous ferment: the British capital have always been crowded of dandy, teddy-boy, mood, punk, dark, most diverse subcultures, becoming the homeland for those who love to distinguish themselves, only to provoke or innovate: in this way it has been originated a mythology that is animated by classics that, as such, are an ever-green. British are fathers of newmillennium trends and they never forget it: so for young people and urban street from all over the world it is an imperative to look beyond English Channel. Brit style rules the roost for current and further collections. The sometimes exasperated patterns have achieved resounding success: dots, stripes, checks of different size create colored dizzying optical effects, as those we saw in the Lacoste fashion show or else, when all these patterns and in black & white version, they remind us the cover of Unknown Pleasure, the album edited by Joy Division that has become an uncontested icon of underground style. Prints, prints and prints again, from black and white to Technicolor, they are the protagonist that stand out on sweatshirts, t-shirts and everything you want; as teacher and divinity of this alternative made in England aesthetics, Vivienne Westwood, has thought us they are irreverent and acid. And talking about Punk, we can’t go on without

Kolor

Philipp Plein

mentioning the unrestrained attitude of studs: they have entered our wardrobes, together with animal patterns, the leopard print particularly: as innovative show S/S 2013 of Philipp Plein and Pelechecoco have remind us, they are going to be a must for young fashion (…and not only among them) for next summer season. Studded sneakers and lace up or high creep and wedge shoes – the same that have made Jeffrey Campbell famous - seem a mash-up between Spice Girls and Sex Pistols mood. From punk we have also inherited the inclination to dare with fabrics, as in the case of the original backpacks of Cyclus. To mix and all cut up were the watchwords for this “Brit union”, the first one that discovered second-hand market as an unlimited source and considered decontextualization as a lifestyle. So let’s give the go-ahead to ethnic and Aztec patterns combined with classical shirts or even with coats and suits, as Marc by Marc Jacobs has done with his outfits, or otherwise let’s take a look to the tartan tracksuits that Jeremy Scott has designed: define them “sporty” would be only an

Jeffrey Campbell

Walter Van Bereindonck >169

understatement!Street style has marked the return of eccentric refined soul of dandies, another Brit creation: jackets, ties and pinstripe suits are big hits and they reconfirm themselves as a must-have for him and for her. Great importance is given to finest accessories: the rashest ones show off their walking stick with nonchalance; ever-green moccasins are revisited in fresh version, like the camouflage one; it’s impossible to renounce to gilet, especially if it is declined into several varieties with a good taste, as Kolor has shown us. British style also reigns on accessories world: John Lennon-style round sunglasses, top hats, bowlers, more or less wide brims or hats with fantastic creative shapes come back as necessary addition to represent your own ego: Walter Van Beirendonck knows it well. Let’s come to volumes: it’s better to highlight that they don’t ever had half measures, so they are over for tops and incredibly reduced from the waist down: miniskirts are more hip than ever, while for him trousers are really short (hardly ever they exceed ankles), as those worn by Prince Charles or legitimized by new Brit boy band (One Direction) or proposed by young fashion brands like Closed. While Paris enjoys the direct line with couturier of creative fashion, Milan is the kingdom for pragmatic and severe aplomb, perfect for managers, on the contrary Brit style has a special, mutual trade relationship with music, the real dream factory for young people from all over the world. This is the reason why London has been, is and will be the breeding ground that will grow over and over again, as a privileged observatory and the most fertile womb for young cultures and their style.

Cyclus

>>

Marc by Marc Jacobs


THE REVERSE IDEA OF T-SHIRT Maxi o mini, a tinta unita o ipercolorata, in versione street o elegante, sportiva o sensuale. Tutto e il contrario di tutto. Ecco la nuova concezione di t-shirt, svincolata da ogni schema e libera di essere sia contenitore sia contenuto. A cura di > Rossana Costantino

Vivienne Westwood and Andreas Kronthaler

Il media è il messaggio. Questa teoria di Marshall McLuhan ha rivoluzionato il mondo della comunicazione. Si è passati dall’analisi dei contenuti, come forma più importante della comunicazione, a quella del contenitore ovvero del media stesso. In pratica non è più importante ciò che si dice, ma da quale mezzo viene detto. Famosa è la frase dei nostri nonni: “se lo dice la televisione, vuol dire che è vero”. Senza dilungarci in discussioni accademiche, analizzando quali mezzi sono nati dopo la teoria dei media di McLuhan, ma tenendo ben in considerazione che si tratta di

una formula ancora più che attuale, possiamo occuparci della nostra “materia” di studio e rapportarla a questa teoria. La moda può essere considerata un media? Direi di no, almeno in senso lato. Oggi parliamo quasi esclusivamente di monitor e di Internet se vogliamo riferirci ai media contemporanei. Ma, di certo, se andiamo ad analizzare a fondo il fenomeno delle t-shirt, possiamo considerare che si tratta, viceversa, di un vero e proprio media. Infatti la maglietta di cotone è da decenni utilizzata e indossata come portatrice di messaggi: frasi quotidiane o famose, volti e

>170

simboli, colori e segni, quadri e ritratti famigliari. Nata come veicolo di linguaggio popolare, la t-shirt è divenuta negli anni un vero e proprio must, al punto da contagiare anche i più grandi stilisti ed essere inserita nelle collezioni più esclusive. All’ultima edizione del Pitti abbiamo potuto osservare il continuo crescere e trasformarsi del fenomeno. Seguendo il concetto della Pop Art di Warhol, la t-shirt, al pari di una litografia d’autore, diventa oggetto popolare e opera d’arte insieme.


>bmmFASHION

Givenchy

Marc by Marc Jacobs

Max Mara

Custo Barcelona

Dirk Bikkembergs

Jil Sander Michael Kors

Christopher Kane

Dolce & Gabbana

Unique Phillip Lim

DKNY

Calvin Klein Christian Lacroix >171

Jonathan Sander

>>

Louis Vuitton


Tagli avanguardistici, miscela di materiali rigidi e fluidi: attraverso strutture e linee pulite si plasma una femminilità dalle forti asimmetrie ricca di chiaro-scuri, luci ed ombre, romantica e androgina, un po’ geisha e un po’ samurai. Potremo definire così l’ultima collezione di Haizhen Wang che, alla settimana della moda S/S 2013 di Londra, ha proposto una moda originale e indossabile. Una sfilata che, tenutasi presso la Somerset House, è stata giudicata come la migliore da un giudice illustre quale Christopher Bailey (direttore creativo e responsabile di ogni aspetto dell’immagine di Burberry) e che per questo è valsa l’incoronazione a vincitore del prestigioso Fashion Fringe 2012 del giovane fashion designer nato a Dalian (Cina). Blu, bianco, nero e grigio le nuances prescelte per le giacche di pelle, gli abiti e le scarpe dai tacchi grossi indossate da modelle fiere e spettinate. Da sempre attratto dalla ri-visitazione dei costumi militari e delle culture native, l’ispirazione di Wang è questa volta di origine architettonica: il designer stesso dichiara di aver creato la sua collezione pensando in particolare all’opera dello spagnolo Santiago Calatrava, alla sua gestione dello spazio e della forma. Dopo aver intrapreso un percorso di studi che lo ha visto diplomarsi presso la Central Saint Martins di Londra e specializzarsi al London College of Fashion, Haizhen Wang ha fatto tappa da Max Mara, Boudicca, All Saints, prima di lanciare, nel 2010, un marchio tutto suo con base in un laboratorio/boutique sito nella famosissima Portobello Road. Una firma che, possiamo affermare con certezza, salirà di quotazione stagione dopo stagione.

NOT A SYMMETRICAL FASHION

Un senso estetico personalissimo, una creatività non ispirata dalle logiche di mercato, ma da qualcosa di più intimo, è questo ad accomunare Haizen Wang e Michael Sontag, creatori di una moda che non segue la moda e che, proprio per questo, le è asimmetrica. Text > Andrea Camarda

>172


>bmmFASHION

HAIZEN WANG

A

distinctive aesthetic sense, a creativity that is not inspired by economic trends but by something more intimate: this is what Haizen Wang and Michael Sontag have in common. These two stylists have created a kind of asymmetric fashion because they don’t follow mainstream fashion.

According to him fashion is avant-garde cuttings, a mix of rigid and fluid fabrics. Trough clean structures and lines he shapes a strongly asymmetric femininity, enriched by lights and shades, romanticism and virility, a womanliness that is both a geisha and a samurai. This is how we should define Haizen Wang’s new collection that, during the Fashion Week S/S 2013 in London, has proposed an original wearable fashion. His fashion show took place at Somerset House and it has been considered the best by a prestigious judge like Christopher Bailey – creative director and responsible for every aspect of Burberry’s image – and, for this reason, the young Chinese (from Dalian) fashion designer has been acclaimed winner of the prestigious Fashion Fringe 2012. They are blue, white, black and grey the nuances chosen for leather jackets, suits and shoes of big heels that are worn by proud and uncombed models. Wang has always been attracted by re-visiting military and native costumes, but this time he has been inspired by architecture: he has declared of having designed his collection thinking to the works of Spanish Santiago Calatrava and in particular to the management of space and shape. He graduated at Central Saint Martins in London and then at the London College of fashion; subsequently he worked for Max Mara, Boudicca, All Saints and finally in 2010 he launched his own brand, settled in the famous Portobello Road, in a workshop/boutique. We are sure that this brand will increase in importance, season after season.

<<

>173


>bmmFASHION

Bavarese e residente a Berlino, ma con il sogno di sfilare all’interno della settimana della moda milanese, il battesimo, nel luglio 2009, di Michael Sontag durante la Mercedes-Benz Fashion Week Berlin, non poteva essere più felice: il New York Times definì, infatti, il suo défilé “stand out show”, decretandone un’indiscussa fortuna. Il curriculum del giovane stilista tedesco comprende, oltre a esperienze di tirocinio da Kenzo e Givenchy, il titolo di Maestro conseguito presso L’Accademia d’arte Berlin-Weinßensee, ed è forse proprio questo tipo di formazione a rendere la sua moda diversa rispetto a

quella a cui siamo abituati a pensare comunemente. Sontag non intende il proprio lavoro come qualcosa volto a produrre collezioni diverse a ogni stagione puntando a target d’età specifici, ma piuttosto come una processualità espressiva in continuo progresso. I suoi capi prendono vita direttamente sui manichini: non è un caso, quindi, che a caratterizzarli maggiormente sia una tridimensionalità ottenuta attraverso l’impiego di materiali di altissima qualità come la seta, il cachemire e le lane più raffinate. Per la prossima P/E Michael Sontag sviluppa un look pulito ed essenziale per una donna elegante >174

che non voglia però rinunciare all’innovazione e ad una stravaganza radical-chic. Creazioni scultoree, ma perfettamente indossabili, come le giacche dai tagli ampi e scivolate, in cui la morbidezza di alcuni dei tessuti scelti si va sposare armonicamente e plasticamente con una rigidità inaspettata che crea piacevoli disegni sulla schiena, o i pantaloni che si rigonfiano sulla coscia. Il drappeggio è l’altro tratto ad emergere distintivo nell’intera produzione del designer, tanto che le stoffe sembrano arrampicarsi spontaneamente, e spesso in modo asimmetrico, sulla pelle rigorosamente nuda.


>bmmFASHION

MICHAEL SONTAG

He’s Bavarian but he lives in Berlin; his dream is to show his collection during the Fashion Week in Milan. In 2009 Michael Sontag has been officially baptized during the Mercedes-Benz Fashion Week in Berlin, and it couldn’t have been happier than this: The New York Times has define his performance a “stand out show”, declaring his uncontested success. During his career, Michael interned at Kenzo and Givenchy and earned a qualification of Master at Art Academy of Berlin: probably it is his education that makes his collections so different from what we are accustomed to. For Sontag his work is an expressive process that develops continuously, and it is not something destined to produce different collection for every season and for a specific target. His clothes come alive directly from mannequins: it’ s not by chance that they’re characterized by a 3D effect that is obtained through high-quality fabrics, such silk, cashmere and finest wools. For the next S/S Michael Song has created an essential clean look, destined to a refined woman who doesn’t want to renounce to innovation and to a radical-chic extravagance. His creations are quite sculpted and perfectly wearable, such as slipped jackets with wide cuts, where the softness of fabrics adhere in both an harmonious and plastic way to an unexpected stiffness that creates pleasant drawings on the back; or even the trousers that blow up on the thigh. Drapery is another distinguishing feature that emerges from the whole production, so much so that fabrics seem to climb the (rigorously) naked skin in a spontaneous and often asymmetric way. Michael Sontag photographed by Christian Schwarzenberg

>>

>175


Zippered nylon windbreaker jacket LANVIN

Grow up children, donâ&#x20AC;&#x2122;t you suffer At the hands of one another If you like a sleeping demon Listen can you hear him weeping Tears of joy and tears of sorrow He buys love to sell tomorrow


>bmmfashion EDITORIAL

VANISHING POINT New Order, 1989

Photographer Katrin Backes Fashion Editor Darryl Rodrigues


Nylon mesh jacket DIOR HOMME


>bmmfashion EDITORIAL


Striped zippered sleeveless top and trousers ACNE


Metallic silk twill trench coat BURBERRY PRORSUM


Crochet sweater PAUL SMITH, pleated silk trousers and leather belt LANVIN


Slit shorts and lace up leather shoes RAF SIMONS, black wool knee high socks PRADA


Boat neck cotton shirt COS

Photography KATRIN BACKES Fashion Editor DARRYL RODRIGUES Hair VINCENT DU MORO @ AURELIEN AGENCY, PARIS Make-up ANTHONY PREEL Models CRIS BELEC @ CITY MODELS, PARIS


>bmmCHAPTER

>190

<<


EXCLUSIVE CONTENTS Beauty Accessories Hi-tech Fashion Places Web News Companies

>191


SIMMETRY Vs ASYMMETRY Simmetria e asimmetria, due concetti tanto cari al mondo della bellezza, che in questa stagione vengono ripresi nel make-up. L’asimmetria è nell’uso di tonalità completamente opposte che creano nuovi effetti. La simmetria si rivela in forme che si ripetono all’infinito e in un colore unico dalle mille sfumature. A cura di > Eleonora Gionchi

>192


>bmmBEAUTY

Il rosa con il blu e il verde con il viola, ma anche le molte sfumature del grigio o del bronzo: gli opposti si attraggono creando effetti inattesi e originali grazie ai contrasti tra colori saturi, ma ci sono anche le gradazioni di uno stesso colore che creano effetti simmetrici e luminosi; il rosa antico è perfetto con l’oro pallido mentre il rosa più scuro è l’ideale con il cioccolato ed è in contrasto con i primi due. Opposizioni, dunque, che creano delle asimmetrie all’interno di simmetrie. E poi ci sono le forme che abbelliscono e impreziosiscono: triangoli affiancati e rovesciati, fiori sinuosi che prendono vita da petali identici, >193

1 Una stessa nuance declinata più e più volte. Diego Dalla Palma. 
2 Contrasto di colori e di texture: fuori rossetto, dentro gloss. Passion Duo Gloss Fusion Lipstick, Dolce&Gabbana.
3 Righe che si ripetono all’infinito andando a formare il celebre check della casa e che decorano tutto il packaging. Fresh Glow, Burberry. 4 Un’orchidea simmetrica prende vita all’interno delle palette blush con tonalità ideali per un look “baciata dal sole”. Palette L’Orchidée, Sisley.
5 Sono disposte simmetricamente le nuove palette occhi color del Sahara e di Pantelleria. Eyes to kill Quatour, Giorgio Armani. 6 Quattro ombretti si ripetono in gradazioni differenti ma complementari: si chiama Jeaux de Regards di Chanel.

<<

Forme geometriche simmetriche, colori differenti quasi asimmetrici tra di loro eppure complementari: le nuove collezioni per la bella stagione sono ricche di forti contrasti che fanno pensare a degli opposti che si attraggono. Tonalità calde e fredde che, mai così diverse tra loro, si completano all’interno di packaging geometrici che rimandano all’Art Decò degli anni Venti e Trenta. Sulla scia del ritorno de Il Grande Gatsby, ambientato proprio in quei decenni, anche il mondo del make-up riscopre il potere di forme contrastanti o che si completano creando particolari effetti; nuances intense in perfetta armonia per risultati inaspettati e del tutto originali.


>bmmBEAUTY

>194


>bmmBEAUTY

righe più o meno spesse e sovrapposte per un check tanto storico quanto riconoscibile. Simmetrie e asimmetrie, due lati della stessa medaglia, tanto diversi eppure tanto simili e complementari: la prima nella bellezza ha sempre colpito per la sua perfezione, che però a molti può dare noia, la seconda rende tutto più interessante perché dona personalità e distinzione. È così che compaiono tanto le tonalità più classiche pensate per far risaltare l’abbronzatura, come il pesca e il sabbia, quanto quelle più decise, perfette per creare effetti opposti e di sicuro impatto. Verdi, viola, blu e cioccolato sono nuance inaspettate e inusuali che creano stupore e caos, quel tipo di confusione che solo l’asimmetria può creare.

1 Sono opposti gli ombretti dai bagliori metallici decorati con figure geometriche simmetriche tra loro. Elizabeth Arden. 2 Idratante e dalle tonalità delicate il rossetto Collistar.
3 Cerchi uno dentro all’altro e tonalità fredde per una palette occhi dal sapore primaverile. Naj Oleari. 4 Due eleganti e perfette G intersecate tra di loro decorano il blush che mescola due tonalità simmetriche e complementari. Due de Blush, Guerlain.
5 Simmetria fuori, asimmetria dentro: mille triangoli si alternano in un motivo geometrico d’ispirazione Art Decò e racchiudono colori accesi per un effetto brillante. Y Facettes Palette pour les Yeux, Yves Saint Laurent.
6 Forme geometriche simmetriche tra loro racchiudono tonalità complementari che ricordano il cielo della Ville Lumière. Palette occhi Bleu de Paris, Christian Dior. >195

<<


THE NUDE SKIN I nuovi prodotti cosmetici hanno una caratteristica in comune: mettono in risalto la naturale bellezza di ogni donna. Il gentil sesso non vuol più ricorrere alla chirurgia estetica e predilige trattamenti di ultima generazione ottenuti mixando proprietà naturali e ultime tecnologie. A cura di > Eleonora Gionchi

Non solo giovinezza, ma anche felicità. Non essere belle soltanto truccate, ma anche e soprattutto, al naturale. Non ricorrere necessariamente alla chirurgia estetica, ma accettare la propria bellezza e metterla in risalto grazie a creme e sieri di ultima generazione. È questa la nuova frontiera nel campo della cosmesi: creare prodotti che uniscono le più recenti innovazioni in campo tecnologico a proprietà naturali così da eliminare i piccoli difetti e far risaltare la bellezza di ogni donna. Non più bisturi dunque, né ore e ore

passate davanti allo specchio a nascondere occhiaie, macchie o rughe dietro tantissimo make-up, ma scegliere prodotti cosmetici mirati, per viso e corpo, che donano nuova vitalità all’incarnato. Racchiuse in flaconi di design o dal sapore retrò, queste fonti di benessere contengono ingredienti quasi miracolosi per la pelle: l’acqua del mare, con le sue proprietà nutrienti e idratanti; gli estratti di alcune piante, come la Longoza, coltivate in giardini segreti dall’altra parte del mondo; le erbe aromatiche, come il rosmarino e la lavanda; le peculiarità delle pietre preziose, come i diamanti, oppure la luce stessa. Ingredienti naturali, dunque, si uniscono alle ultimissime ricerche scientifiche e creano trattamenti, per il giorno o per la notte, che agiscono in profondità, stimolando la produzione di retinolo oppure contrastando la comparsa di macchie o ridonando tonicità e luminosità alla pelle. Ma non c’è bellezza senza l’ingrediente principale, quello fondamentale ed essenziale per tutte le case >196

cosmetiche: la donna stessa. È infatti lei che favorisce il suo naturale splendore, trasformando la giovinezza

in uno stato mentale e nel giusto atteggiamento: prendersi una pausa dallo stress quotidiano e dedicarsi a se stessa, favorendo così la propria bellezza. D’altra parte, come affermava Christian Dior, una donna felice è una donna bella e porta a spasso la sua età senza riserve o pentimenti.


>bmmBEAUTY

1 All’interno il principio attivo Planifolia PFA Arricchita che utilizza le proprietà della Vaniglia del Madagascar creando molecole guaritrici che combattono tutti i segni del tempo. Sublimage La Crème Texture Fine, Chanel. 2 Agisce direttamente sui glicani, i “messaggeri” della giovinezza delle cellule, la nuova crema notte risultato di anni di studi sulla glicobiologia della pelle. Forever Youth Liberator Night Creme, Yves Saint Laurent. 3 Non solo viso ma anche corpo: Floris ha studiato una particolare formula ricca di olio di Jojoba, mandorla e vitamina E che idrata e previene la comparsa dei radicali liberi. Night Scented Jasmine, Floris. 4 Estratto di riso e di farro, assieme agli olii di maggiorana e lavanda, per un trattamento notturno detox che ossigena le cellule del viso potenziandone le difese naturali contro i radicali liberi. Perfetto per i periodi di forte stress. Botanical D-Tox, Sisley 5 Elimina le imperfezioni cutanee, come rossori e iperpigmentazione, o macchie causate dal sole, donando così un incarnato omogeneo, è perfetto per tutti i tipi di pelle e per tutte le etnie. Idealist Even Skintone Illuminator, Estée Lauder. 6 Le proprietà dell’acqua marina, ma anche di piante acquatiche, sono racchiuse in questo siero creato da biologi, fisici e botanici marini che diminuisce i segni del tempo e i pori dilatati mentre stimola la produzione di collagene. The Regenerating Serum, La Mer. 7 Un siero composto da principi attivi di ultima generazione, tra cui la polvere di diamante, che stimolano la microcircolazione, ridonando luminosità e svolgendo un’intensa azione rassodante. Serum Diamant, Eisenberg. 8 Sfrutta la tecnologia “bright regen” che permette di catturare la luce naturale così che possa diffondersi fino al derma profondo della pelle e ritornare poi in superficie donando luminosità al volto. Luminessence, Giorgio Armani. 9 Grazie alla sua formula, riattiva i flussi energetici che si occupano della comunicazione cellulare andando così a distendere le rughe, rimuovendo quelle morte e attenuando le imperfezioni. Siero attivatore di luminosità anti-macchia, Carita. 10 Studiato da un dermatologo americano, la linea Zo Skin Health combatte tutti i problemi dell’epidermide, dalla regolazione della pigmentazione all’acne fino a un’azione anti-age. Ossential Daily Power Defense, Zo Skin Health by Zeing Obagi.

>>

>197


DISCOVERY FASHION Avvolgere senza coprire, contenere senza nascondere, l’idea di Vic Matié è chiara in tutta la sua ambiguità: stimolare il desiderio E istigare la curiosità, senza soddisfarla a pieno, sono i segreti della sua nuova collezione.

Il vedo non vedo sembra in grado di regalare sempre nuovi spunti alla creatività dei designer. Il gioco della seduzione che si riempie di suspense grazie a un assaggio che innesca una serie di stimoli carichi di aspettative in conseguenza dei quali alla nostra mente non è lasciato scampo: le è imposto d’immaginare quel che ci resta da vedere. Nella collezione di Vic Matié l’idea del mostrare acquista non solo una chiara valenza sensuale, come nel caso del tronchetto spuntato in vinile e vacchetta con plateau in cuoio naturale e tacco a spillo ricoperto in pelle, ma anche quella di una scanzonata esibizione del sé. Se, infatti, nella propria borsa una donna custodisce il proprio mondo, quella che porta disinvolta la bag in vinile trasparente non ha problemi ad esibirlo agli altri. L’esposizione esasperata rischia però di sconfinare nel volgare, così come i pixel utilizzati in televisione per celare ciò che non si può non censurare, intervengono espedienti come la maxitasca, anch’essa in vacchetta color cuoio, e la pochette staccabile in pelle spazzolata nero lucido, per offrire quel minimo di privacy indispensabile non solo a ogni donna, ma a ciascuno di noi.

>198


>bmmACCESSORY

It seems that the see-through style do offer new stimulus to designers’ creativity. The seduction game is full of suspense, due to a little taste that is able to trigger a series of desires, rich in expectation: they don’t have mercy for our mind, that has to imagine what remains to see. In Vic Matié’s collection the idea of showing does not acquire only a clear seductive value – as in the case of the vinyl ankle length boots and cowhide shoes with natural leather platform and stiletto heel covered with leather – but also an easy-going performance. If women hold in their bags their own world, those who dare to wear the transparent vinyl bag have no problem to show their secrets. However the exaggerate exhibition risks to become vulgar so, as well as pixels used in television to hide what cannot be censored, here they come maxi pockets (in cowhide leather, too) and the removable clutch (made of brushed glossy black leather) to offer a little bit of privacy that is essential to every woman – as well as to each of us.

>>

>199


THE WINKS Trasparenze innocenti, fresche e ironiche, per un look dove passato e futuro convergono in un gioco di continui ammiccamenti. La donna ottod’Ame, disinvolta e divertita, sa sedurre senza prendersi troppo sul serio.

Un po’ Audrey Hepburn un po’ Lolita, la donna ottod’Ame colpisce e conquista. Innocentemente maliziosa o maliziosamente innocente, è leggera, femminile, armonica, fantasiosa. Gli anni ‘50, con il loro rigore, i volumi e lo stile bon ton, vengono reinterpretati. Miniabiti scivolati si arricchiscono e impreziosiscono di dettagli basket, capi dal taglio dinamico ed energico s’ingentiliscono grazie alle trasparenze che trionfano come uno dei motivi conduttori della collezione P/E 2013, senza mai rinunciare a sdrammatizzare con un tocco ironico. Lo stile college swing, intramontabile e sempre attuale, prende forma nel linguaggio ottod’Ame con le giacche dalle maniche a

contrasto, con le canotte femminili e morbide, oppure con le gonne sotto il ginocchio, e rivive nelle stampe e nei tessuti. L’informal style di ottod’Ame interpreta la giacca dal taglio maschile, regimental oppure a tinta unita, a uno o due bottoni. Le fantasie molteplici, colour nouveau, toda gioia, pois block e wallpaper caratterizzano uno stile unico che emerge nella sua particolarita,̀ senza rinunciare a una certa eleganza. Le nuances prescelte sono spesso polverose, sabbie d’Oriente, variazioni di bianco e toni fruttati, ma sono le tonalità forti del corallo, del cielo, del verde menta e del nero ad irrompere con grinta nella palette estiva.

>200

<<


ASYMÉTRIQUE COUTURE Nella P/E 2013 di Space Style il concetto di bellezza trae forza da una concezione asimmetrica che pone al centro della scena le differenze tra colorate suggestioni e avanguardie dal gusto contemporaneo.

La collezione P/E 2013 di Space Style Concept sorge all’insegna delle asimmetrie. Colori, proporzioni, segni grafici in apparente contrasto tra loro danno vita a un’armonia nuova, più ricca perché composita. Un funambolico equilibrio si muove in punta di piedi tra superfici fluide e rigori geometrici, proponendo una donna che, graziosa e androgina allo stesso tempo, sa avvolgersi in comode maxi-lunghezze così come sentirsi a proprio agio in silhouette ultra-slim. Iperfemminili tailleur pantasmoking affiancano leggeri abiti plissè impreziositi da pietre di resina e vetro ricamate a mano, mescolando allusioni mascoline a richiami parisienne, creando discontinuità sorprendenti e comunicando intriganti asimmetrie concettuali ed espressive. L’idea del confronto che arricchisce è ribadito dalle giacche bi-materiale e dalle stampe in cui il rigore grafico del black&white rinuncia a farla da protagonista per divenire un fertile terreno in cui sbocciano grandi fiori dalle tinte accese. Questo connubio di elementi antitetici esalta l’innovativa cifra stilistica di Space Style Concept e ne definisce l’inconfondibile allure, per una donna che vuole osare rimanendo in equilibrio tra determinazione e delicatezza.

The S/S 2013 by Space Style Concept is marked by asymmetries. Colors, proportions and graphic signs are in clear contrast, so they create a new harmony that is richer because it’s heterogeneous. An acrobatic balance walks on tiptoe between fluid surfaces and geometric rigors, proposing a woman that is pretty and androgynous at the same time: she’s able to wrap herself in soothing maxi-length or to feel comfortable in ultra-slim shapes. Hyper-feminine pants-smoking suits are combined with light pleated dresses, enhanced with hand-embroidered resin and glass stones, mixing androgynous allusions with Parisian’s references, creating surprising discontinuities and communicating seductive conceptual asymmetries. Bi-fabric jackets and black and white patterns, in which graphic precision is no longer the protagonist, reaffirm the idea of a comparison that is able to enrich. On the contrary it becomes a fertile soil in which big colorful flowers are blooming. This combination of opposite elements enhances the innovative style of Space Style Concept, defining its unique allure for a woman who wants to dare, but remaining in balance between determination and sensitivity.

>>

>201


KONTATTO: IN HEAT WE TRUST! Dopo un lungo inverno, siamo sempre più a “Kontatto” con la nostra voglia di sentire il dolce tepore estivo sulla pelle quando, dall’alba al tramonto e dal tramonto all’alba, vestiremo le trasparenze sexy o easy-chic della nuova collezione Kontatto.

Non esistono più le mezze stagioni! Quante volte lo abbiamo detto o lo abbiamo sentito dire... Questa dipartita ha inciso sul nostro rapporto con il guardaroba: sempre più spesso ormai esausti di un inverno che non sembra destinato a terminare, se non di colpo, approfittiamo dei primi e più timidi raggi di sole per spogliarci. La moda che Kontatto propone per la P/E 2013 sembra aver colto questa nostra voglia di leggerezza vestendo il corpo di trasparenze sexy e romantiche grazie alla freschezza di tulle, pizzi e punti a effetto traforato da sovrapporre con atteggiamento easy e spensierato, divertendosi a mixare fibre, materiali, forme e stampe. >202


>bmmFASHION

>>

>203


UNDER THE SUN Gli occhiali da sole, un accessorio must per dare un tocco glamour al proprio look. Dalle montature tartarugate al gioco di colori, dalle forme geometriche allo stile retrò. Ecco le proposte per la prossima stagione. A cura di > Rossana Costantino

BURBERRY PRORSUM

BALMAIN

MIU MIU

KENZO

GIVENCHY

>204


>bmmACCESSORIES

BLUMARINE

STELLA McCARTNEY

LANVIN

SONIA RYKIEL

>>

>205


MATERIAL MIX Scelte di composizioni asimmetriche per il marchio di Riccardo Forconi che realizza prodotti contemporanei capaci di durare nel tempo. La sperimentazione è negli accostamenti insoliti, uno degli obiettivi che il brand si pone attraverso continue ricognizioni stilistiche.

Sono creazioni ibride quelle di Riccardo Forconi; miscelano sapientemente il sapore vintage della pelle conciata dalle attente mani degli artigiani toscani, forti della loro secolare tradizione, con una metalleria ricercata, pietre dure e preziosi cristalli swarovski incastonati su fibbie arrugginite. Scintillanti luccichii brillano sopra il pellame opaco donando una grande versatilità agli oggetti che si vengono a comporre nella loro unione. Nato nel 1994, il brand bolognese si è sempre distinto per un mood ricercatamente history che accosta fibbie antique silver ottenuto tramite trattamenti speciali, pellami vegetali e pellami di qualità. Forconi è riuscito nel corso degli anni a raggiungere store d’elite grazie a una continua e incessante ricerca, a un’immagine sempre più riconoscibile e ai numerosi materiali usati e mixati tra loro, come nel caso dell’ultima collezione in cui ha trovato posto una particolare lavorazione di ricamo artigianale. La scelta dell’asimmetria tra i vari materiali si conferma, ora, nelle alte polsiere corredate di catene, una delle scommesse Forconi per la P/E 2013 che si unisce alla vasta gamma di oggetti caratterizzati da borchie, teschi e turchesi che hanno fatto conoscere il brand nel mondo. >206

<<


181 TIMES “NEW ELEGANCE” 181 propone le nuove slippers donna, pantofole da passeggio giovani e comode, realizzate in fantasie e materiali ricercati e inattesi. Impreziosite da borchie e pizzi, creano un contrasto che genera un piacevole effetto di spiazzamento iniziale, presto sostituito dall’irrinuciabile desiderio di indossarle.

le più celebri esponenti del jet set le hanno scelte addirittura per il red carpet. Se, andando a sottolineare un’altra di quelle asimmetrie che segnano una moda senza mezze misure, come quella degli immediati passato e futuro in cui le scarpe presentate dai trend-setter sono o altissime o raso terra, 181 decide di schierarsi per la liberazione della donna dalla maledizione del mal di piedi e dell’equilibrio precario. Grazie all’ascesa di questo tipo di calzature, essere aggiornate in fatto di stile non coincide più con l’essere costrette a scomodissimi tacchi e plateau. Sarà

>207

anche per questo motivo che l’eleganza sdrammatizzata delle slipper 181, proposta in più varianti diverse per colori, materiali e fantasie, e quindi adatte a tutte le occasioni, ha fatto centro!

>>

La rivisitazione dei classici è uno dei trend più diffusi non solo nella moda, ma anche nel design, nell’arte, nella musica. 181 ha saputo cavalcare quest’onda della contemporaneità e, come nessun altro, ha dato un’interpretazione fashion, nuova e del tutto personale alle care vecchie babbucce. Possiamo chiamarle slipper per renderle più cool, ma in realtà il modello di partenza su cui ha lavorato la raffinata rielaborazione del marchio è proprio la scarpa da casa. La tendenza viene da oltreoceano, da Hollywood, per l’esattezza; nella città degli angeli, infatti, le attrici e



The asymmetric issue