__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

presents

PRESS REVIEW bjcem donors: Artegiovane, Lago spa, Cantine Nervi www.symbiosis2011.gr www.bjcem.org


INDEX Thessaloniki: ΕΛΕΥΘΕΡΟΤΥΠΙΑ - 31st March 2011

p. 7

ΕΘΝΟΣ - 31st March 2011

p. 8

ΜΑΚΕΔΟΝΙΑ - 31st March 2011

p. 9

ΤΑ ΝΕΑ - 31st March 2011

p. 10

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ - 31st March 2011

p. 11

Karfitsa WEEKEND – 2nd April 2011

p. 12

ΜΑΚΕΔΟΝΙΑ – 20th April 2011

p. 13

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ – 3rd May 2011

p. 15

ATHENS Voice – 12th May 2011

p. 16

FREE SUNDAY – 15th May 2011

p. 17

Soul ΗΨΥΧΗ ΤΗΣ ΠΟΛΗΣ – 31st May 2011

p. 18

ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗ – 26th September 2011

p. 19

Auρiavn – 28th September 2011

p. 20

ΜΑΚΕΔΟΝΙΑ – 1st October 2011

p. 21

Auρiavn – 2nd October 2011

p. 23

ATHENS Voice – 6th October 2011

p. 24

Informer – 6th October 2011

p. 26

ΤΟ ΠΟΝΤΙΚΙ - 6th October 2011

p. 27

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ - 6th October 2011

p. 28

Auρiavn – 7th October 2011

p. 29

ΕΛΕΥΘΕΡΟΤΥΠΙΑ - 7th October 2011

p. 30

Εξωστης – 6th October 2011

p. 31


Φιλµ νουαρ - 6th October 2011

p. 32

ΜΑΚΕΔΟΝΙΑ - 7th October 2011

p. 33

ΤΑ ΝΕΑ - 7th October 2011

p. 35

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ - 7th October 2011

p. 36

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ - 7th October 2011

p. 37

τυπος ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ - 7th October 2011

p. 38

ΤΑ ΝΕΑ - 8th October 2011

p. 39

ATHENS NEWS - 7th October 2011

p. 40

ΕΠ7Α – 9th October 2011

p. 41

ΕΘΝΟΣ – 10th October 2011

p. 42

ΕΘΝΟΣ – 10th October 2011

p. 43

ΕΘΝΟΣ – 14th October 2011

p. 44

Η ΚΑΘΗΜΕΡΙΝΗ – 15th October 2011

p. 46

Το ΠΑΡΑΣΚΗΝΙΟ – 16th October 2011

p. 47

Εξωστης – 13th October 2011

p. 48

Glow – 1st November 2011

p. 49

Αγγεϑιοφορος – 25th October 2011

p. 51

ΜΑΚΕΔΟΝΙΑ - 25th October 2011

p. 52

H ΑΥΓΗ – 26th October 2011

p. 53

ΤΟ ΒΗΜΑ – 29th October 2011

p. 54

ΕΛΕΥΘΕΡΟΤΥΠΙΑ – 1st November 2011

p. 55

Parallaxi – 1st November 2011

p. 56

Soul ΗΨΥΧΗ ΤΗΣ ΠΟΛΗΣ – 31st October 2011

p. 57


Rome: Terra – 14 December 2011

p. 60

Il Messaggero, Roma – 15 December 2011

p. 61

Leggo, Roma – 15 December 2011

p. 62

CORRIERE DELLA SERA, Roma – 16 December 2011

p. 63

Il Messaggero, Roma – 16 December 2011

p. 64

La Repubblica, Roma – 16 December 2011

p. 65

City, Roma – 16 December 2011

p. 66

La Repubblica, Roma – 16 December 2011

p. 67

Adnkronos – 16 December 2011

p. 68

IL TEMPO, Roma – 17 December 2011

p. 69

METRONEWS, Roma – 17 December 2011

p. 71

Web: www.labforculture.org – 21 August 2011

p. 73

www.ilmediterraneo.it - 3 October 2011

p. 74

www.perotorino.it - 4 October 2011

p. 76

www.artribune.com - 5 October 2011

p. 77

www.artivist.com - 6 October 2011

p. 83

www.exibart.com - 6 October 2011

p. 85

www.lastampa.it - 7 October 2011

p. 86

www.arci.it - 11 October 2011

p. 87

www.iltitolo.it - 12 October 2011

p. 88

www.artribune.com - 20 October 2011

p. 90


www.exploringbelgrade.wordpress.com - 23 October 2011

p. 93

www.teknemedia.net - 21 November 2011

p. 96

www.teknemedia.net - 21 November 2011

p. 99

www.lastampa.it - 14 December 2011

p. 104

www.nextexit.it - 14 December 2011

p. 105

www.paperideas.it - 14 December 2011

p. 107

www.premioterna.it - 14 December 2011

p. 108

www.romaprovinciacrativa.it - 14 December 2011

p. 110

www.incontragiovani.it - 15 December 2011

p. 111

www.tafter.it - 15 December 2011

p. 112

www.artapartofculture.net - 16 December 2011

p. 114

www.artribune.com - 16 December 2011

p. 118

www.insideart.eu - 16 December 2011

p. 120

www.lastampa.it - 16 December 2011

p. 122

www.ilgiornaledellarte.com - 16 December 2011

p. 124

www.repubblica.it - 16 December 2011

p. 125

www.undo.net - 16 December 2011

p. 126

www.exibart.com - 17 December 2011

p. 128

www.delo.si - 20 December 2011

p. 129


Thessaloniki


7


8


9


10


11


12


13


14


15


16


17


18


19


20


21


22


23


24


25


26


27


28


29


30


31


32


33


34


35


36


37


38


39


40


41


42


43


44


45


46


47


48


49


50


51


52


53


54


55


56


57


58


Rome


60


61


62


63


64


65


66


67


68


69


70


71


Web


Events: XV Biennale de la Méditerranée: 7 October - 6 November 2011, Thessaloniki, Greece - LabforCulture

07/02/12 16:47

Home (/en) | Community (/en/labforculture/browse) | Groups (/en/labforculture/groups) | Young Researchers Forum (/en/groups/open/young-researchers-forum) | Events (/en/groups/open/young-researchers-forum/events) | Blog

XV Biennale de la Méditerranée: 7 October - 6 November 2011, Thessaloniki, Greece Blog: Events (/en/groups/open/young-researchers-forum/events) Author: Lidia Varbanova (/en/labforculture/redirect/1089) - Date: 21 Aug 2011, 12:22

add comments (#comments)

25 years after the first successful organization of the Biennale of young creators from Europe and the Mediterranean, the city of Thessaloniki is ready to host the XV Edition of the Biennale de la Méditerranée. This year, the Biennale will be characterized by a new format, not just a single event, but a long journey through the Mediterranean area, with the participation of 2 main cities – Thessaloniki in october and Rome in december 2011. The organizing institutions – the General Secretariat for Youth, the Municipality of Thessaloniki, the Macedonian Museum of Contemporary Art and the Aristotle University – are collaborating with other local institutions and independent organizations (among these Dynamo Project (http://dynamoprojectspace.blogspot.com/) ), in order to activate all the creative forces of the city towards the creation of a memorable event. For further information, visit: http://www.bjcem.org/ (http://www.bjcem.org/)

Tagged as:

BJCEM (/en/tagcloud/keyword?keyword=BJCEM) , young artists (/en/tagcloud/keyword? keyword=young+artists)

Previous

Next

Arts and Health: 14 October, 2011, Helsinki, Finland (/en/labforculture/redirect/87149)

International Workshop on Resource Mobilisation: 25-28 October 2011: Bangkok, Thailand (/en/labforculture/redirect/87157)

Comments Only registered members can add a comment. Sign up (/en/user/register) or log in (/en/user/login) at the top of this page.

There are no comments yet. (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/) LabforCulture is a partner initiative (/en/AboutUs/Contents/Governance) of the European Cultural Foundation (http://www.eurocult.org) . LabforCulture is grateful for the support provided by its funders (/en/About-Us/Contents/Funders) .

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License

(http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/) . | Terms of use (/en/content/view/full/1458) .

http://www.labforculture.org/en/groups/open/young-researchers-forum/events/87150

Pagina 1 di 2

73


15° Biennale del Mediterraneo: tutto pronto a Salonicco per l'inaugurazione

07/02/12 16:57

GRECIA ARTE - PITTURA

15° Biennale del Mediterraneo: tutto pronto a Salonicco per l'inaugurazione ITALIA redazione ilmediterraneo

Fisco Come evitare che il Fisco possa portarti Via i tuoi Beni www.AgenziaDebiti.it/Opposizioni

SALONICCO - Tutto pronto a Salonicco per l'inaugurazione, il 6 ottobre, della XV edizione della Artisti

Biennale

dei

dell’Europa

Mediterraneo,

tra

importanti

Giovani e

del

le

più

vetrine

mediterranee della creatività giovanile. La novità di questa edizione è nel format, caratterizzata da un evento singolo e da un lungo

viaggio

attraverso

il

Mediterraneo, che farà tappa in due città: Salonicco nel mese di ottobre 2011 e Roma a dicembre 2012. Parole chiavi di questo nuovo formato sono: Arte e territorio: ogni attività si basa sul concetto di sito specifico sviluppato con partner locali; Sponda sud: più forte presenza nel litorale sud con più partner, più artisti e attività svolte in zona; Opportunità per gli artisti: una piattaforma di scambi e esperienze, con partner più forti e più visibilità. Un pool di esperti e curatori da Salonicco, guidati da Christos Savvidis, ha redatto un testo sul tema "Simbiosi?". Qui potete trovare un estratto: "La XV Biennale de la Mediterranée formula il suo argomento in forma di domanda:? Simbiosi ... questo progetto cerca di sollevare una serie di domande, tra cui: come potremmo vivere insieme? Meglio, come vivere insieme in diverse modalità di esistenza politica?

Come è condivisa la realtà per mezzo dello

sviluppo delle arti? ... Come f are a riorientare le condizioni di vita insieme nel bacino del Mediterraneo? In che modo l'opera d'arte può funzionare come un mezzo di 'lettura' del 'sé' e degli 'altri'?"... A partire da questo testo, abbiamo invitato esperti e curatori a definire orientamenti specifici per ogni http://www.ilmediterraneo.it/index.php?view=article&catid=282%3A…nent&print=1&layout=default&page=&option=com_content&Itemid=709

Pagina 1 di 2

74


15° Biennale del Mediterraneo: tutto pronto a Salonicco per l'inaugurazione

07/02/12 16:57

campo dell'arte: Costanza Paissan, curatore - MACRO Roma, Emilia Giorgi, curatore indipendente di architettura; Alessandro Montedoro, chef - Suzhou Marriott Hotel, Gaia Tridente, programmatore RomeFictionFest e Francesco Gavatorta, blogger - Scuola Holden di Torino. Alla manifestazione parteciperanno più di 400 artisti, dai 18 ai 30 anni, che vivono in oltre 30 paesi, con forte presenza di artisti provenienti dal bacino del Mediterraneo. La selezione dei partecipanti è stata effettuata, secondo i criteri generali condivisi, da esperti locali e curatori nella maggior parte dei casi attraverso il processo di un invito aperto a partecipare. I criteri di selezione principali sono stati: la coerenza del concetto proposto in relazione al tema e il talento potenziale dell'artista in relazione alle tendenze attuali dell'arte contemporanea e della cultura "Simbiosi?". Una volta selezionati gli artisti, un team di curatori in ogni città definirà un programma della manifestazione e della mostra, al fine di dare coerenza alla selezione e di presentare gli artisti e le relative attività secondo le caratteristiche specifiche della città e della sua cultura e contesto sociale.

Prenota Prima e Risparmia Prenota un Breve Soggiorno a Malta! Voli da Soli €49 s/a Tutto Incluso www.AirMalta.com

Lunedì 03 Ottobre 2011

Consiglia

Consiglia questo elemento prima di tutti i tuoi amici.

Tweet

0

Commenti

Nome * Inserisci l'e-mail per la verifica Iscriviti alla News Letter URL

http://

Code

Invia commento

http://www.ilmediterraneo.it/index.php?view=article&catid=282%3A…nent&print=1&layout=default&page=&option=com_content&Itemid=709

Pagina 2 di 2

75


Text Size

cerca...

HOME

ATTUALITÀ

POLITICA

SPORT

CULTURA E TEMPO LIBERO

DALLA RETE

VIDEO

AZIENDE

EVENTI

Articoli dei lettori

LA BIENNALE DE LA MÉDITERRANÉE FA TAPPA A SALONICCO (6 OTTOBRE - 6 NOVEMBRE 2011) Comune di Torino

Però Torino su Facebook Mi piace Però Torino piace a 7,116 persone.

SCRITTO DA WWW.COMUNE.TORINO.IT MARTEDÌ 04 OTTOBRE 2011 16:00

0

Mi piace

0

Venticinque anni dopo il grande successo dell'edizione del 1986, Salonicco, la seconda città della Grecia per numero di abitanti e la prima e più importante della regione della Macedonia, è pronta ad ospitare l'evento principale della XV^ edizione della Biennale de la Méditerranée, che avrà la sua tappa conclusiva, nel mese di dicembre a Roma.

Mario

Cirri

Mauro

Massimo

Emilio

Giuseppe

Luna

China

Carmen

Daniela

La cerimonia di apertura - a cui parteciperà Luigi Ratclif della Città di Torino, presidente dell'Associazione internazionale BJCEM -, si terrà presso il Palazzo municipale di Salonicco, giovedì 6 ottobre alle 19. Una parata con performance artistiche accompagnerà il pubblico sul lungomare verso la zona industriale del Porto, sede principale della manifestazione dove è prevista una grande festa di inaugurazione. Da venerdì 7 a domenica 9 ottobre, si potrà assistere a un ricco programma di eventi, seminari e conferenze con la partecipazione di organizzazioni internazionali, esperti e curatori. La rassegna, promossa dalla BJCEM è realizzata dalla Repubblica Ellenica-Segretariato generale per la gioventù, Comune di Salonicco, il Museo macedone di arte contemporanea e l'Università Aristotele. “La XV° edizione della Biennale dei Giovani Artisti dellʼEuropa e del Mediterraneo si delinea come unʼimportante tappa nella ormai lunga storia di questa manifestazione – sottolinea Luigi Ratclif -. La scelta di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è nata dalla necessità di creare un percorso articolato tra i diversi Paesi che fanno parte della nostra rete. Il titolo Symbiosis – continua il presidente - ben evidenzia lʼurgenza di rispondere a una domanda quanto mai pertinente, come possiamo oggi vivere insieme? Gli artisti sanno proporre soluzioni e, con le loro opere, spesso sottolineano le emergenze con le quali oggi è necessario misurarci: la crisi economica, la crisi politica di molti stati e soprattutto di quelli della Riva Sud del Mediterraneo, i problemi legati alle migrazioni, alla disuguaglianza sociale e alla globalizzazione”. Alla manifestazione è prevista la partecipazione di oltre 500 artisti nelle sezioni arti visive, design e architettura, moda e gastronomia, provenienti da 25 paesi del Mediterraneo. Un'occasione unica per incontrare e scoprire il lavoro di una nuova generazione di talenti come Mito Gegic, Axel Koschier, Ana Teresa Vicente, Muhammad Ali e Samar El Barawi. “Trovo nei giovani grande forza, una risorsa preziosa di rinnovata energia che aiuta a non abbandonarsi alla facile tentazione del disfattismo. la lotta di riconquista della democrazia, oggi quanto mai attuale, fa respirare aria di rinnovamento, riaffermazione della libertà e rilancio di valori irrinunciabili. La costruzione di legami stabili e lʼesaltazione del ricco patrimonio culturale che ciascuno di noi porta con sé sono le basi per favorire conoscenza e generare utili scambi, radici di un futuro certamente migliore”, conclude Ratclif.

V I DE O P RO MO

La Biennale coinvolgerà tutta la città con oltre 10mila mq di allestimenti: l'area principale sarà quella del Porto industriale, il cui allestimento degli spazi espositivi trae ispirazione dal lavoro di Lina Bo Bardi, architetto modernista brasiliano nato in Italia. Eventi ed esposizioni si svolgeranno sul Lungomare, nella storica Piazza Aristotele, presso la nuova sede del Municipio, alla Torre Bianca, nel quartiere di Valaoritou e nel campus dell'Università Aristotele. La Biennale de la Méditerranée è un progetto BJCEM aisbl association internationale biennale des jeunes créateurs de l'Europe et de la méditerranée Donors: Artegiovane, Lago spa e cantine Nervi. Per il programma completo: www.bjcem.org (lc) Torino, 4 Ottobre 2011 Mi piace

0

0

< Prec

Succ >

Per lasciare i vostri messaggi, è necessario iscriversi a www.perotorino.it

76


Giovani all’arrembaggio. La Biennale mediterranea a Salonicco Inaugura domani a Salonicco la prima tappa - la seconda sarà a Roma - della 15esima Biennale del Mediterraneo. In uno scenario di profonda crisi economica, la Grecia ha la forza di ospitare un evento che dà speranze. Anche grazie alla BJCEM, che fa della proprio sostenibilità un vanto. Ne abbiamo parlato con Emiliano Paoletti, segretario generale dell'associazione. Scritto da Marco Enrico Giacomelli | mercoledì, 5 ottobre 2011 · Lascia un commento

XV Biennale del Mediterraneo - Salonicco

77


Lione, Istanbul, Salonicco, e volendo pure Mosca. Cos’hai visto e come ti sembra la situazione generale, per quanto riguarda i “giovani mediterranei”? Credo ci sia un processo di profondo rinnovamento in corso, che non è semplice seguire o intercettare con i nostri tradizionali strumenti di indagine. Non mi riferisco necessariamente ai fenomeni politici e sociali che tanto clamore hanno fatto in questi mesi, ma a un’onda più lunga, spinta da una corrente più profonda, che ho la sensazione si stia propagando e di cui certi eventi sono paradossalmente solo un epifenomeno. In generale, mi pare evidente che dobbiamo munirci di una nuova bussola per orientarci, i poli di attrazione sono cambiati: il mondo arabo, la Cina, la Russia rappresentano nuovi punti di riferimento e il nostro mar Mediterraneo non è certo l’unico da attraversare nel dialogo tra le diverse culture. Da qualche tempo la BJCEM ha la sua sede operativa a Torino. La situazione cittadina non proprio rosea (mi riferisco a tutta la polemica sul Castello di Rivoli, ad esempio) ha influito in qualche modo sul vostro lavoro? Devo dire di no. C’è grande attenzione e sensibilità per il lavoro che facciamo, la Città di Torino e le altre istituzioni ci sono vicine e sono molto disponibili al dialogo. Lo scorso giugno abbiamo inaugurato un nuovo spazio in città, al Cortile del Maglio, reso disponibile proprio dalla Città di Torino, che attualmente ha anche assunto la presidenza dell’Associazione, con il suo rappresentante, Luigi Ratclif. In questo luogo, oltre a essere la nostra sede operativa, abbiamo anche avviato un interessante programma di incontri e presentazioni in occasione dei principali eventi cittadini. Il prossimo cadrà appunto nei giorni di Artissima.

XV Biennale del Mediterraneo - Salonicco

78


Veniamo alla imminente apertura della BJCEM. Qual è la struttura portante del progetto, in generale e di questa edizione? Abbiamo iniziato un percorso di profondo rinnovamento del progetto, i primi risultati si vedranno quest’anno, altri arriveranno in maniera più strutturata nel 2013, per poi completare questo percorso con il 2015. Parliamo di un evento che esiste da oltre 25 anni e oggi stiamo lavorando per costruire le condizioni per garantirgli un futuro importante. Il concetto fondamentale su cui stiamo lavorando è la sua sostenibilità, intesa come quell’insieme di valori politici, culturali, sociali ed economici che tengono insieme il nostro progetto e lo rendono un valore per le comunità che è in grado di aggregare a livello locale e internazionale. Il progetto si realizza grazie al contributo di un centinaio di partner e organizzazioni dall’Europa, dal Mediterraneo, dall’Africa e dal Medio Oriente; tra queste ci sono associazioni culturali, musei, ministeri, enti locali, centri d’arte. È un processo creativo ricchissimo e stimolante. Salonicco è una prima tappa. L’evento sarà fortemente radicato sul territorio grazie al dialogo instaurato in questi mesi tra reti di operatori locali e internazionali. Per il futuro, stiamo lavorando a un progetto di “curatela nomade”, con un ampio gruppo di giovani curatori internazionali coinvolti, con l’obiettivo di avere una diversa integrazione tra le discipline, un numero crescente di interventi e opere originali e un importante contributo teorico.

XV Biennale del Mediterraneo - Salonicco

79


Parliamo di allestimento. A Salonicco avete scelto spazi non proprio facili, andando a rimestare nel porto, ed evitando di utilizzare le consuete pannellature… C’è stato un grandissimo lavoro da parte dei curatori Stephanie Bertrand, Christos Savvidis e Efi Halivopoulou, accompagnati da un gruppo di architetti e maestranze di altissimo livello. Certo l’ambiente del porto industriale è molto forte, duro, con tanto ferro, ruggine, cemento, un ambiente non semplice ma con il quale tutti gli artisti che sono arrivati in questi giorni si stanno misurando con molta sensibilità e attenzione. Fra i progetti “a latere”, se così si può dire, c’è Teenage Angst, e coinvolge ragazzi dai 15 ai 18 anni. Questi sì che sono giovani! C’è un programma di eventi paralleli straordinario, abbiamo davvero immaginato la nostra biennale come una piattaforma che, una volta installata, potesse essere usata e valorizzata dal territorio nelle sue tante e diverse espressioni. Teenage Angst è uno di questi esperimenti, ma vale la pena ricordare anche il progetto Hotel Ariston, una residenza temporanea per oltre 80 artisti ospitata in un bellissimo albergo abbandonato ormai da anni, il progetto Face the art con grandi interventi in città, tra cui una nuova opera realizzata da Blu, così come l’interessante scambio tra le scuole di design di Salonicco e Istanbul, la collaborazione con Biennale 3, le cui istituzioni stanno tutte contribuendo a questo importante programma parallelo, e tanto altro ancora.

XV Biennale del Mediterraneo - Salonicco

80


La Simbiosi, che è poi il titolo di questa 15esima edizione, si sviluppa su due main city, ovvero Salonicco e poi Roma. Perché questa scelta di raddoppiare? Inoltre: la scorsa edizione è stata a Skopje, che dista assai poco da Salonicco. Anche in questo caso: perché? Sicuramente l’Italia e i Balcani sono le due aree di riferimento per la nostra rete. L’Associazione è nata nel 2001 a Sarajevo durante la X edizione, la successiva fu ad Atene, poi Napoli, Bari, Skopje e ora Salonicco con Roma. Nel mezzo ci sono stati due importanti tentativi di far approdare il nostro progetto nel Nordafrica, prima ad Alessandria d’Egitto e poi a Casablanca. Purtroppo i tempi non sono ancora maturi per riuscire in una simile impresa. Negli anni ’80 e ’90 protagoniste furono soprattutto le città iberiche e francesi con Barcellona, Valencia, Lisbona, Marsiglia. La scelta di raddoppiare è data dalla volontà di lavorare su un percorso con continuità, nel 2012 tra l’altro parteciperemo con una grande selezione di artisti al primo WEYA – world event young artist, previsto a Nottingham nell’ambito del programma delle Olimpiadi culturali di Londra 2012. Collegandoci a quanto ti chiedevo prima, non puoi esimerti dal dare qualche anticipazione ai nostri lettori. Insomma, quali saranno le prossime città? Intanto mi auguro che i vostri lettori si appassionino a questa edizione, che attraverso il web o direttamente possano scoprire il lavoro che stiamo facendo. Per il futuro, oltre al 2012 a Nottingham e a una serie di eventi a Torino, stiamo proprio in queste settimane definendo importanti prossimi appuntamenti: li scoprirete presto!

XV Biennale del Mediterraneo - Salonicco

81


Chiudiamo parlando di soldi. Come vi sostenete? Qual è il budget per questa edizione e chi lo copre? L’Associazione copre i propri costi attraverso diverse fonti: le quote annuali dei soci aderenti, i finanziamenti della U.E., il comitato dei donors e altri progetti di fundraising, nonché da un contributo che le città che ospitano l’evento le riconoscono, per un budget annuale complessivo che si aggira intorno ai 200mila euro. Il budget dell’evento è così articolato: i costi di promozione, selezione, produzione, trasporto opere e viaggio artisti sono assicurati dai partner e soci della nostra rete, ognuno per il proprio territorio di riferimento. I costi di organizzazione, produzione, comunicazione e ospitalità sono a carico della città ospitante, che ne garantisce la copertura con finanziamenti pubblici, sponsor e finanziamenti internazionali. Complessivamente i nostri soci e partner investono circa 200mila euro; la città ospitante, nel caso di Salonicco, circa 500mila euro, Roma intorno ai 150mila euro. A questo vanno aggiunti tutti quelli che sono i servizi “in kind”. Per fare un esempio, nei tre giorni di inaugurazione qui a Salonicco gli oltre 500 artisti, delegati e ospiti potranno usufruire gratuitamente di tutti i mezzi di trasporto pubblico, grazie a un ticket pass speciale, e potranno mangiare a pranzo e cena gratuitamente presso la mensa universitaria della città. Il nostro è davvero un modello di economia di rete unico nel suo genere, che ci consente ancora oggi di realizzare un evento di questa portata nonostante il drammatico contesto di crisi economica, cercando di spendere il giusto, disperdere il meno possibile e valorizzare al meglio. Marco Enrico Giacomelli Salonicco // fino al 6 novembre 2011 XV Biennale del Mediterraneo a cura di Stephanie Bertrand, Christos Savvidis e Efi Halivopoulou www.bjcem.org

Link to web-page: http://www.artribune.com/2011/10/giovani-all’arrembaggiola-biennale-mediterranea-a-salonicco/

82


Thessaloniki: XV Biennale De La Mediterranee «Symbiosis?»

25 years after the first successful organization of the Biennale of young creators from Europe and the Mediterranean, this international event returns to Thessaloniki. Don’t miss today 6/10 the opening party with The Speakeasies’ Swing Band at the Warehouse 8 in the Port area! This year, the Biennale is characterized by a new format, not just a single event, but a journey through the Mediterranean area, with the participation of 2 main cities – Thessaloniki and Rome, and other small-scale local events. At the end of this journey, more than 400 artists between 18-30 years old, from Europe and the Mediterranean will have participated in the activities, presented in the framework of the common theme: “SYMBIOSIS?”. The theme has been defined by a pool of experts and curators from Thessaloniki, where the sectors Visual Arts, Applied Arts (Architecture, Design, Fashion), Urban Acts and Gastronomy will be hosted.

83


The organizing institutions in Thessaloniki –the General Secretariat for Youth, the Municipality of Thessaloniki – Department of Culture, the Macedonian Museum of Contemporary Art and the Aristotle University– are collaborating with other local institutions and independent curators, in order to activate all the creative forces of the city towards the creation of a memorable event. The XV Biennale de la Mediterranee will thus take over the whole city, as it will unfold in a variety of public and alternative spaces around the city, beyond the standard museum-type presentation. Along with the physical areas that will be occupied on land AND sea (Port area, Seacoast and Aristotelous Square, New Town Hall and the White Tower area, Valaoritou area, Aristotle University campus), local students will also work towards the taking over of the city’s media (TV, radio and web productions). Finally, the Biennale aims at providing young artists the possibility of networking with established art professionals from around the world. XV Biennale de la Mediterranee: “SYMBIOSIS” in action.

This entry was posted on Πέµπτη, Οκτωβρίου 6th, 2011, at 07:50, and is filed under: What's up.

Link to web-page: http://www.artivist.gr/en/2011/10/xv-biennale-de-la-mediterraneesymbiosis/

84


Oggi parte la XV Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo...

.

home english version inaugurazioni calendario onpaper

mobile

bookshop

rss

pdf

tv

1195 utenti online in questo momento

speedforum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti news le vostre foto

blog

alert

newsletter

international

segnala

Oggi parte la XV Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo...

cerca in Exibart.com

cerca

pubblicato giovedì 6 ottobre 2011

community email

log in password persa? mail attivazione non arrivata? REGISTRATI

Inizia oggi la XV edizione della Biennale mediterranea a Salonicco, una delle vetrine più importanti per l'arte contemporanea emergente. Quest'anno la manifestazione si terrà in due luoghi diversi, per tutto il mese di ottobre sarà a Salonicco, mentre a dicembre 20120 farà tappa a Roma. Parole chiave di quest'edizione saranno arte e territorio, intorno a cui si svolgeranno workshop e performance fra cui quella di Marko Markovic, le visite alle mostre e alle esibizioni. Interessante la tavola rotonda in cui si presenteranno i progetti di tesi di diploma delle Facoltà di Architettura di AUTH e ITU, presentati dal prof.George Papakostas, la prof. Vilma Hastaoglou-Martinidis, il prof. Orhan Hacihasanoglu e il prof. Arzu Erdem. Il 9 ottobre invece si terrà la conferenza tenuta da Enriqueta Llabres e Eduardo Rico, responsabile dello Studio di Urbanistica relazionale al Berlage Institute, in cui si parlerà dell'”Urbanismo relazionale: città, modelli e utopie di sistema”. Insomma sono tanti gli eventi e li troverete su www.bjcem.org (a cura di giulia fontani)

recensioni bologna friuli v. g. genova marcheabruzzi milano napoli roma sardegna sicilia torino toscana trento bolzano venezia altrecittà around

rubriche architettura arteatro decibel design didattica essai fashion fiere fotografia in fumo libri mercato parola d'artista pre[ss]view random visualia

6 ottobre 2011 ore 19 cerimonia di aperura XV Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa White Tower dal 6 ottobre al 6 novembre a cura si Stephanie Bertrand, Christos Savvidis e Efi Halivopoulou www.bjcem.org

speed-news Un'arte esplosiva nei Campi Fregrei... “Portici di carta, un libro per decidere cosa vogliamo diventare”... Ancora un mese per iscriversi al Premio Laguna... Architettura parametrica e suoni digitalizzati in un'installazione di 400 mq a Istanbul... A Palazzo Madama continuano “I Grandi discorsi della democrazia” con Libera Chiesa in libero Stato… La Libreria Feltrinelli di Bologna fra incontri e proiezioni... PhotoArtVerona: and the winner is... Le molteplici Storie dell'Arte vi aspettano al MAXXI... La Wunderkammer della GAM sempre più ricca... La Galleria Chigi torna a splendere... altre news»

[exibart] Exibart.tv

strumenti invia la notizia ad un amico versione in pdf versione solo testo registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente inserisci un commento alla notizia

argomenti personaggi politica e opinioni progetti e iniziative

classifiche acuradi... curator parade 22 V. Sgarbi 8 B. Pavan 7 A. Bonito Oliva 6 E. Agosti 5 L. Pratesi 5 R. Semeraro 5 I. Quaroni 4 C. Franza 4 G. Celant 3 M. Pinali

Report: NICO VASCELLARI - BUS DE LA LUM Roma, Monitor. Report - ROSALIND NASHASHIBI, LA VISIONE DI CARLO - Milano, Peep-Hole visto 5078 volte 02/10/2011 Report - 54 BIENNALE DI VENEZIA - Partecipazioni nazionali, POLONIA - Venezia, Padiglioni ai Giardini. visto 3871 volte 28/09/2011 Report - STEFANO ARIENTI, CARTOLINE - Milano, Studio

85


86


arci

arcireport 6

cultura

A Salonicco, per l’inaugurazione della Bjcem, un vivace melting pot artistico e culturale iamo arrivati a Salonicco il giorno dopo lo sciopero generale contro la crisi, il governo, la BCE. Com'era prevedibile molti hanno subito ritardi e ci siamo ritrovati tutti solo in tarda serata. I lavori dei curatori e delle maestranze della Biennale del Mediterraneo erano ancora in corso, con qualche ripercussione sull'installazione delle opere nei vecchi hangar del porto della città. Già, il porto. Una parte dell'area portuale è stata riconvertita in spazi culturali e luoghi di aggregazione. Dal tardo pomeriggio migliaia di giovani greci si ritrovano fino a sera. In questi quattro giorni di inaugurazione della Biennale, centinaia di loro parlavano tutte le lingue del Mediterraneo. Un bel melting pot artistico-culturale. Lo stesso avveniva negli spazi occupati da centinaia di opere molto diverse tra loro, com'è ovvio, ma tutte saldamente ancorate al contemporaneo. Il nostro tempo è il tempo del conflitto, delle differenze, delle contraddizioni, e i giovani artisti ne sono contemporaneamente protagonisti e spettatori. Nei tre giorni in cui la delegazione dell'Arci (Puglia, Sardegna, Milano, Bari)

S

ha partecipato agli eventi della Biennale, abbiamo scoperto una città straordinaria. Vivace, giovane, sempre in movimento, culturalmente attivissima. Tanti i negozi abbandonati. È il segno della crisi. Ma la città è ancora estremamente viva, sicuramente non si è arresa. Durante l'inaugurazione della Biennale, davanti al comune di Salonicco, una cinquantina di indignados hanno scandito slogan contro il sindaco e il governo. Ma quando è iniziata la performance di una giovane ballerina e del suo accompagnatore con le percussioni, chi protestava si è unito al pubblico, con grande rispetto per l'arte e gli artisti. Abbiamo visitato i luoghi della città che ospitano l'arte giovane. Nel centro del quartiere più animato della città, un vecchio albergo abbandonato è stato occupato dagli artisti e dalle loro opere. Un posto straordinario valorizzato dalla Biennale e dall'impegno dell'amministrazione della città. Il governo greco si è anche impegnato a portare una selezione degli artisti della Biennale (che resterà aperta per tutto il mese di novembre) anche ad Atene, a conferma del grande

Una bella storia di impegno e passione: il Nuovofilmstudio di Savona Nel 1978 apriva a Savona Filmstudio, circolo Arci che aveva come obiettivo lo sviluppo e la diffusione della cultura cinematografica. Il circolo nasceva dall'esperienza del circolo culturale Calamandrei, sorto nel dopoguerra e punto di riferimento del dibattito politico e culturale della città. Il circolo del cinema nacque anche in seguito all'organizzazione della rassegna Momenti di un cinema italiano, che ottenne un notevole successo. In seguito, il Filmstudio fu costretto a chiudere, la sede totalmente smantellata, la sala sventrata, il bar sradicato. Grazie soprattutto al lavoro di un gruppo di giovani, il 30 aprile 2003 apre il Nuovofilmstudio, riportando a Savona un cinema che mancava alla città, quel cinema di qualità fuori dal circuito commerciale. All'inaugurazione fu proiettato Il dottor Stranamore di Stanley Kubrick, un vero manifesto programmatico: un film pacifista impastato di sferzante ironia verso le alte gerarchie militari e i residuati del nazismo. Insieme al lavoro fisico dei giovani volontari, fondamentale per la rinascita del cinema è stato il coinvolgimento dei savonesi: «Prima della riapertura siamo partiti facendo un pre-tesseramento

e abbiamo ottenuto una forte risposta dai cittadini - racconta Andrea Tessitore, presidente del circolo - la sala era ancora senza poltrone, ma avevamo una grande fiducia nei soci». Oggi l'associazione culturale Nuovofilmstudio aderente all'Ucca conta circa 3000 associati ed è riconosciuta a livello nazionale e regionale per la qualità della sua programmazione, organizza rassegne introdotte da critici, propone incontri con autori, matineé e laboratori didattici per le scuole medie inferiori e superiori della Provincia di Savona. Il Nuovofilmstudio fa parte del Consiglio direttivo regionale della Federazione dei Cinema d'essai. Dall'estate 2012 la sede sarà trasferita presso le ex Officine Solimano, nella vecchia Darsena, dove sorgerà un nuovo spazio culturale per la città. Il Nuovofilmstudio occuperà il piano terra e gestirà, in consorzio con i circoli Arci Cattivi Maestri, Raindogs e Truelove, gli altri spazi a disposizione per offrire un contenitore culturale che risponda alle esigenze delle realtà locali e al tempo stesso essere centro di aggregazione giovanile, di solidarietà e di progettazione del futuro. Info: scarnati@arci.it

n. 35

11 ottobre 2011

interesse dell'attore pubblico per la promozione della giovane arte, anche in questo momento terribile. Venerdì 7, nell'hangar numero 13, abbiamo lanciato il nostro workshop La Forma. A più di 50 artisti è stato chiesto di realizzare un'opera che poi farà parte di un lavoro collettivo in forma di rivista. Volevamo avere un feedback artistico dell'impatto che i giovani hanno avuto con la città, con lo spazio urbano, con la comunità di Salonicco. Il risultato di questo percorso sarà presentato a Roma durante la seconda tappa della Biennale 2011. Sabato si è svolto il consiglio di direzione e l'assemblea dell'associazione Bjcem dove si è parlato del prossimo percorso che dovrà individuare il nuovo Presidente e si è deciso di accettare la candidatura del Comune di Ancona di ospitare la Biennale dei Giovani Artisti d'Europa e del Mediterraneo. Una bella proposta che l'Arci dovrà valorizzare mettendo a disposizione la propria capacità di aggregazione e la messa a punto di momenti ad hoc per costruire relazioni tra i giovani artisti del Mediterraneo. Info: testini@arci.it

Tre giornate per Ansano Giannarelli La Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento operaio e democratico, in collaborazione con la Cineteca nazionale Centro sperimentale di cinematografia e la Casa del cinema, promuove un’iniziativa dedicata ad Ansano Giannarelli, a due mesi dalla morte, per avviare un percorso di maggiore conoscenza e diffusione della sua opera, delle sue riflessioni sul cinema, del suo impegno umano, culturale e politico. Nel corso delle tre giornate, dal 19 al 21 ottobre, saranno proposti alcuni dei film più significativi diretti da Ansano, che ha sempre rifiutato di accomodarsi nei modelli del cinema industriale, con i suoi linguaggi abusati e il conformismo delle idee, prediligendo invece la sperimentazione formale e il pensiero critico, senza fare sconti a nessuno, neanche alla sua parte politica. I suoi film attraversano problematicamente i territori del lavoro e delle sue lotte, della memoria e della Resistenza, della libertà e consapevolezza intellettuale, della possibilità della rivoluzione. Lo racconteranno, nel corso degli incontri, amici, compagni, collaboratori, studenti, colleghi, studiosi. Info: www.amood.it

87


BIENNALE DE LA MÉDITERRANÉE Estero Scritto da Ufficio Stampa Martedì 04 Ottobre 2011 17:58 Tappa a Salonicco dal 6 ottobre al 6 novembre. Venticinque anni dopo il grande successo dell'edizione del 1986, Salonicco, la seconda città della Grecia per numero di abitanti e la prima e più importante della regione della Macedonia, è pronta ad ospitare l'evento principale della XV^ edizione della Biennale de la Méditerranée, che avrà la sua tappa conclusiva, nel mese di dicembre a Roma. La cerimonia di apertura - a cui parteciperà Luigi Ratclif della Città di Torino, presidente dell'Associazione internazionale BJCEM -, si terrà presso il Palazzo municipale di Salonicco, giovedì 6 ottobre alle 19. Una parata con performance artistiche accompagnerà il pubblico sul lungomare verso la zona industriale del Porto, sede principale della manifestazione dove è prevista una grande festa di inaugurazione. Da venerdì 7 a domenica 9 ottobre, si potrà assistere a un ricco programma di eventi, seminari e conferenze con la partecipazione di organizzazioni internazionali, esperti e curatori. La rassegna, promossa dalla BJCEM è realizzata dalla Repubblica Ellenica-Segretariato generale per la gioventù, Comune di Salonicco, il Museo macedone di arte contemporanea e l'Università Aristotele. “La XV° edizione della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo si delinea come un’importante tappa nella ormai lunga storia di questa manifestazione – sottolinea Luigi Ratclif -. La scelta di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è nata dalla necessità di creare un percorso articolato tra i diversi Paesi che fanno parte della nostra rete. Il titolo Symbiosis – continua il presidente - ben evidenzia l’urgenza di rispondere a una domanda quanto mai pertinente, come possiamo oggi vivere insieme? Gli artisti sanno proporre soluzioni e, con le loro opere, spesso sottolineano le emergenze con le quali oggi è necessario misurarci: la crisi economica, la crisi politica di molti stati e soprattutto di quelli della Riva Sud del Mediterraneo, i problemi legati alle migrazioni, alla disuguaglianza sociale e alla globalizzazione”. Alla manifestazione è prevista la partecipazione di oltre 500 artisti nelle sezioni arti visive, design e architettura, moda e gastronomia, provenienti da 25 paesi del Mediterraneo. Un'occasione

88


unica per incontrare e scoprire il lavoro di una nuova generazione di talenti come Mito Gegic, Axel Koschier, Ana Teresa Vicente, Muhammad Ali e Samar El Barawi. “Trovo nei giovani grande forza, una risorsa preziosa di rinnovata energia che aiuta a non abbandonarsi alla facile tentazione del disfattismo. la lotta di riconquista della democrazia, oggi quanto mai attuale, fa respirare aria di rinnovamento, riaffermazione della libertà e rilancio di valori irrinunciabili. La costruzione di legami stabili e l’esaltazione del ricco patrimonio culturale che ciascuno di noi porta con sé sono le basi per favorire conoscenza e generare utili scambi, radici di un futuro certamente migliore”, conclude Ratclif. Premio Internazionale Giuseppe Sciacca 2011 © Inviate i VOSTRI VIDEO, breve descrizione e link a direzione@iltitolo.it in Oggetto "MyVideo" LE VOSTRE FOTO Pitigliano (GR), il paese del buon vino! Saluti da Carlo © Inviate le VOSTRE FOTO, breve descrizione a direzione@iltitolo.it in Oggetto "MyFoto" generare utili scambi, radici di un futuro certamente migliore”, conclude Ratclif. La Biennale coinvolgerà tutta la città con oltre 10mila mq di allestimenti: l'area principale sarà quella del Porto industriale, il cui allestimento degli spazi espositivi trae ispirazione dal lavoro di Lina Bo Bardi, architetto modernista brasiliano nato in Italia. Eventi ed esposizioni si svolgeranno sul Lungomare, nella storica Piazza Aristotele, presso la nuova sede del Municipio, alla Torre Bianca, nel quartiere di Valaoritou e nel campus dell'Università Aristotele. La Biennale de la Méditerranée è un progetto BJCEM aisbl association internationale biennale des jeunes créateurs de l'Europe et de la méditerranée Donors: Artegiovane, Lago spa e cantine Nervi. Per il programma completo: www.bjcem.org Info

www.torinoclick.it

89


Biennale mediterranea numero quindici Ingorgo di biennali a Salonicco. A dispetto della atroce crisi greca la seconda capitale della repubblica ellenica si piglia il lusso di ospitare contemporaneamente la ‘sua’ biennale e quella dei Giovani Creatori dell’Europa e del Mediterraneo. Arrivata alla 15esima edizione è proprio di quest’ultima che parliamo. Scritto da Antonello Tolve | giovedì, 20 ottobre 2011 ·

La relazione e il dialogo, l’incontro o, viceversa, lo scontro. Uno scontro costruttivo, naturalmente. La nuova avventura della Biennale de la Mediterranée, giunta al suo 15esimo appuntamento, presenta un viaggio variegato all’interno delle arti contemporanee con l’intento di ridefinire – attraverso un titolo significativo, Symbiosis? – i legami tra forme di creatività differenti e, a volte, apparentemente distanti. Divisa in cinque sezioni – Visual

90


Arts, Applied Arts, Cinema, Literature e Gastronomy – che spaziano, appunto, in territori creativi diversi, il 15esimo volto di questa biennale promossa da BJCEM – Biennale des jeunes créateurs de l’Europe et de la Méditerranée, si presenta ricca di stimoli, progetti, programmi ed eventi preziosi. Tra questi, la meravigliosa performance (When We Meet Again – Introduced As Friends) del collettivo Me and the Machine formato dal duo Sam Pearson e Clara García Fraile, il lavoro site specific (12 Years, 2011) proposto da Fabrizio Cotognini, il progetto Caravaggio’s (2011) di Karmil Cardone, la serie If I Had A Pony My Curly Heart (2011) dell’austriaco Birgit Petri, Fears Fresh (2009-11) di Muhammad Ali e la potente installazione (Anomalistic / Ayriksi, 2011) di Didem Erk, ne sono alcuni esempi luminosi.

91


Disegnata all’interno di sei capannoni del porto di Salonicco – Warehouse 1 con uno Special screenings, Warehouse 7 dedicato interamente alle Applied Arts, Warehouse 8, uno spazio organizzato per accogliere progetti musicali e un vivace palinsesto di performance, Warehouse 9 con Visual Art (1), Warehouse 13, approntato sul gusto e la Gastronomy, e Warehous 15 con Visual Art (2) – la biennale struttura un programma esteso e parallelo che, in sinergia con la 3. Thessaloniki Biennale of Contemporary Art, si schiude alla comunità cittadina con caratteri linguistici tesi a ridefinirne il tessuto urbano. Potente e innovativo, Face Art – Public Murals si pone come un seducente (ma anche potente) progetto di ricostruzione e revisione del tessuto che interessa alcune aree urbane (Students Flats, Ladadika area, Rotonda area, Ippokratio Hospital, Workers Residences of Xirokrini e City Center) mediante i calibri artistici di Blu, Faith47 & Dal, Live2 & Apset, Nade & Nastwo, Woozy & Kez, Same84 e Ser.

Tarato sul concetto di riqualificazione e di riappropriazione di un edificio storico abbandonato, anche Symbiosis?: Hotel Ariston (Ariston could mean we can live together), progetto curato da Thouli Misirloglou, presenta una parabola estetica interessante ma scadente purtroppo, con un viaggio tra le camere un vecchio albergo – utile, in passato, a consumare ore di piacere a pagamento – la cui struttura anche senza opere, o magari con un palinsesto di lavori qualitativamente più generosi, avrebbe accolto ugualmente lo spettatore con grande suggestione. Antonello Tolve LEGGI ANCHE: Intervista con Emiliano Paoletti Salonicco // fino al 6 novembre 2011 XV Biennale del Mediterraneo a cura di Stephanie Bertrand, Christos Savvidis e Efi Halivopoulou www.bjcem.org Link alla pagina web: http://www.artribune.com/2011/10/biennalemediterranea-numero-quindici/

92


XV Biennale de la Mediterranee « ExploringBelgrade

07/02/12 17:01

ExploringBelgrade art, clubbing and lifestyle Home

OCT

23

What is ExploringBelgrade?

XV Biennale de la Mediterranee Posted on October 23, 2011 by Christine Carter

Thessaloniki 6 October 6 November 2011 Symbiosis ???

Recent Posts Vladimir Acic & Pan-Pot@The Tube

This time I write about art for real, not music and of course I don’t mean that music isn’t art, but Visual art. Subject for this

H.O.S.H. & Fakir@The Tube

years Biennale is Symbiosis. It is takeing place in Thessaloniki in the fall of 2011. I havent been in this city for a couple of years, but i remember good times when I was little my parents liked going there for vocation. It’s quite cool city, very vibrant and dynamic. This time there wasnt enough space in the car so I didn’t unfortunately attended this event. But i feel like presenting Serbian artist which took part in this exhibition and write a little about event.

Fakir makes good mixes

This year topic Symbiosis I find very interesting. Art can make questions and answers to all problems that modern society brings. Art can explore identity as individual or as plural , Who are we ? Who are others? How communication affects people in Mediterranean space and the world. How politics affects people. Maybe also things as luck of communications , rise of new technology and social networks. On this exhibition artist from different art genders take part, as : Aplied arts, Gastronomy (Is that also art?) , Visual arts.

The music icon David Bowie: a life in pictures Visit to Sarajevo, Bosnia and Herzegovina The king of Tech House: Terry Francis @ The Tube Samuel L. Session@ The Tube Jelena Kostica knows good Art Mike Huckaby@20/44

Serbian artist are Jelena Kostica, Sejma Prodanovic, Mihajlo Vasiljevic, Mirjana Radovanovic.

Clubbing 4 New Years Eve

Jelena Kostica Project Void examines the various forms of communication and interaction, verbal ( Speech-understanding and misunderstanding), nonverbal (gesture-a movement). The work also deals with the communication capabilities and limitations of this phenomenon. What are the limits? Why are They present?

Categories Select Category

Follow Blog via Email Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Follow

Top Posts & Pages Vladimir Acic & Pan-Pot@The Tube H.O.S.H. & Fakir@The Tube The king of Tech House: Terry Francis @ The Tube Sejma Prodanovic

What is ExploringBelgrade? Jelena Kostica knows good Art

http://exploringbelgrade.wordpress.com/2011/10/23/xv-biennale-de-la-mediterranee/

Pagina 1 di 5

93


XV Biennale de la Mediterranee ÂŤ ExploringBelgrade

Toothbrushes project questions relation of societyâ&#x20AC;&#x2122;s invisible borders and individual, in context of Mediterranean as a mix

07/02/12 17:01

Fakir makes good mixes

of cultures and nations. Artworks are made of pieces of images found in old newspapers and jurnals colleged inside anthropomorfological shape of transparent package of toothbrushes.

Mihailo Vasiljevic Toys are based of photographic models of real animals. It seems sensible posing a question of consequences these figures have as a toys. Does realism suggest that living creatures should be equated with piece of plastic based on a photograph? In time when animal meat becomes mass not totally different from plastic, these toys can have symbolical meanings for future understanding of miniature importance of a living world.

Mirjana Radovanovic The work is considering the position and heritage of space in which the work itself has been made. Arranging diverse elements that are connected with the legacy of the space, and relationship between the space and enviroment and people, gives opportunity to the audience to read information displaced from their origin context.

http://exploringbelgrade.wordpress.com/2011/10/23/xv-biennale-de-la-mediterranee/

Pagina 2 di 5

94


XV Biennale de la Mediterranee « ExploringBelgrade

07/02/12 17:01

Vladimir Macar will present Serbia in Biennale in Italy. He is into sound designing and producing. His project is based on computer generated music and the possibility of its visualization. Problematisation of the body in the experience of music is seen through symbiosis of the head as thoughts and ideas and feet as experience and psychical movement. vlada-macar-razzia ADVERTISEMENT

Prestiti on line Finanziamenti alle migliori condizioni! http://www.prestitionline.it

Mutui on line Più scelta, più risparmio http://www.mutuionline.it/ Che Banca ! quando la tua vita non può aspettare http://www.chebanca.it/

4 Votes

RATE THIS: SHARE THIS:

0

LinkedIn

LIKE THIS:

Facebook 6 Tumblr

Twitter 3

Digg

Reddit

Email

Print

StumbleUpon

Like One blogger likes this post.

Filed under art, exibition and tagged Biennale, Jelena Kostica, Symbiosis, Tessalonniki, Visual art | 1 Comment

Previous Post

Next Post

One Response »

dama7neba on October 23, 2011 at 22:11 said: hvala Jasna , sto citash !! pozdrav

http://exploringbelgrade.wordpress.com/2011/10/23/xv-biennale-de-la-mediterranee/

Pagina 3 di 5

95


Comunicato stampa evento: XV BIENNALE DE LA MEDITERRANEE - Symbiosis?

Ingrandisci immagine

Dal venerdì 16 dicembre 2011 al sabato 17 dicembre 2011 PROGRAMMA Roma, MACRO 16-17 dicembre 2011 VENERDÌ 16 DICEMBRE Reading room dalle ore 18.30 SEZIONE LETTERATURA 1. Keith Azzopardi, Malta; 2. Fabio Chiriatti, Italia / Italy; 3. Andrew Jamison, Regno Unito / United Kingdom; 4. Faris Sabaneh, Palestina / Palestine; 5. Keith Borg, Malta; 6. Stergios Vrizas, Grecia / Greece. Auditorium dalle ore 18.30 SEZIONE LETTERATURA 1. Lejla Alimanović, Bosnia Herzegovina; 2. Hend Bakr, Egitto / Egypt; 3. Edlira Rama, Albania; 4. Mohamed Korna, Egitto / Egypt; 5. Zhivko Grozdanoski, Repubblica Ex Jugoslava di Macedonia / Former Yugoslav Republic of Macedonia; 6. Andres González, Spagna / Spain. Video tunnel dalle ore 18.30 alle ore 22.00 SEZIONE CINEMA Giacomo Abbruzzese, Italia / Italy (23’); Eirini Steirou, Grecia / Greece (14’);

96


Khaled Jarrar, Palestina / Palestine (04’); Manfredi Lucibello, Italia / Italy (15’); Marco Longo, Italia / Italy (15’); Valentina Ferrandes, Italia / Italy (12’51’’). Gianluca e Massimiliano De Serio, Italia / Italy (74’) Foyer dalle ore 18.30 alle ore 24 SEZIONE LETTERATURA Point Blank Poets, Regno Unito / United Kingdom SEZIONE MUSICA Scarlett O’Hanna, Francia / France Si Tew, Regno Unito / United Kingdom SABATO 17 DICEMBRE Reading room dalle ore 18.30 SEZIONE LETTERATURA 1. Leïla Anis, Francia / France; 2. Michele Ciavarella, Italia / Italy; 3. Arbër Selmani, Kosovo; 4. Clery Celeste, Italia / Italy; 5. Ana Pino, Spagna / Spain; 6. V. S. Luoma-aho, Finlandia / Finland; 7. Mari Koski, Finlandia / Finland. Auditorium dalle ore 19.30 SEZIONE LETTERATURA 1. José Trigueiros, Portogallo / Portugal; 2. Nermin Ahmić, Bosnia Herzegovina; 3. Marwa Diab, Egitto / Egypt; 4. Julijana Velickovska, Repubblica Ex Jugoslava di Macedonia / Former Yugoslav Republic of Macedonia; Video tunnel dalle ore 18.30 alle ore 20.00 SEZIONE CINEMA Matteo Giacchella, Italia / Italy (07’05’’); Lino Strangis, Italia / Italy (04’03’’); Ivan Ivanovski, Repubblica Ex Jugoslava di Macedonia / Former Yugoslav Republic of Macedonia (04’07’’); Cristiano Mourato, Portogallo / Portugal (08’); Vladimir Macar, Serbia (04’15’’) Ergys Peqini, Albania (10’); Darijan Pejovschi, Repubblica Ex Jugoslava di Macedonia / Former Yugoslav Republic of Macedonia (09’10’’); Fabrizio Cotognini, Italia / Italy (12’12’’); Manon Nammour, Libano / Lebanon (01’27’’); Tarek (Tarek Korkomaz), Libano / Lebanon (02’44’). Foyer dalle ore 21.00 alle ore 24

97


SEZIONE LETTERATURA 1. Valentina Facchini, Italia / Italy; 2. Daniel Marcus Clark, Regno Unito / United Kingdom; SEZIONE MUSICA 3. Liburn Jupolli, Kosovo; 4. Hyphen Hyphen, Francia / France. Sala conferenze dalle ore 18.30 alle ore 22.00 SEZIONE CINEMA Bianca Maria Zammit, Malta (30’); Association Rencontres Musicales, Francia / France (29’54’’); Alberto Diana, Italia / Italy (04’04’’); Urška Djukić, Slovenia (24’); Sami Nathseh Barragán, Spagna / Spain (11’15’’); Almudena Verdés Durá, Spagna / Spain (11’46’’); José Trigueiros, Portogallo / Portugal (16’37’’); Gabriele Piazzesi, Italia / Italy (08’40’’); Shota Bukoshi, Kosovo (25’05’’; 15’13’’).

Link to web-page: http://www.teknemedia.net/archivi/2011/12/16/mostra/46280.html

98


SYMBIOSIS? 6 DOMANDE A LUIGI RATCLIF Autore: Antonello Tolve Data: 21.11.2011

Symbiosis? / XV Biennale de la MediterranĂŠe, 2011, exhibition view

99


Atmosfere suadenti e armoniche. “Symbiosis?”, la “XV Biennale de la Mediterranée” (organizzata da “ / Biennal of Young Artists from Europe and the Mediterranean”), ha aperto le strade ad una nuova avventura dei giovani artisti del Mediterraneo per evidenziare, ancora una volta, la convivenza dell'arte, l'intreccio forte che i prefissi creativi hanno con la realtà. Con un mondo della via in continua metamorfosi che si proietta nei brani - sempre preziosi e pungenti - di un necessario, pulsante presente. Antonello Tolve: Symbiosis? È il titolo che hai consegnato alla prima tappa della XV Biennale de la Mediterranée. Ti andrebbe di delineare, in linea di massima, questo primo evento? Luigi Ratclif: Rispondo fornendo alcuni dati che aiutano a far capire la struttura particolarmente articolata della Biennale del Mediterraneo. L’edizione di Salonicco ha visto coinvolte le principali istituzioni: è stata promossa dal Segretariato della Gioventù Ellenico, dalla Città di Salonicco, dall'Università di Artistotele e dal Museo Macedone d'Arte Contemporanea. La manifestazione ha ospitato oltre 400 artisti di 23 paesi di cui circa 250 presentati nella selezione ufficiale e i restanti nei numerosi appuntamenti paralleli che hanno arricchito l'intero programma. Complessivamente le aree espositive hanno superato i 10.000 metri quadrati: cuore della Biennale i docks del porto industriale oltre ad una serie di spazi come l'Hotel Ariston, il Dynamo Project Space ed alcune facciate di suggestivi palazzi destinati a interventi di street art. La città ha risposto con entusiasmo alla nostra proposta. Larga è soprattutto la partecipazione della popolazione giovanile di Salonicco che continua ad affollare gli eventi ancora in atto in queste settimane, ulteriore conferma della vivacità culturale che, malgrado la crisi, anima questo Paese. A.T: Quale sinergia è stata concepita tra la 3. Thessaloniki Biennale of Contemporary Art e Simbiosis? L.R: Salonicco è una città che sta puntando molto sul contemporaneo. Far coincidere le due manifestazioni è una intelligente opportunità per rimarcare questa vocazione. Abbiamo apprezzato moltissimo la lungimiranza della scelta dei greci che, malgrado un periodo di grave crisi, con coraggio hanno deciso di riaffermare il ruolo della cultura quale importante strumento di un

100


processo di trasformazione a sostegno della vitalità creativa, valore oggi irrinunciabile. Una risposta esemplare alle gravi questioni che affliggono nei nostri giorni non solo la Grecia ma l’intero mondo occidentale. A.T: Visual Arts, Applied Arts, Cinema, Literature e Gastronomy. Cinque sezioni che spaziano in territori creativi diversi. Da quale riflessione nasce l'esigenza di raggruppare sotto uno stesso cielo queste diverse manifestazioni della creatività? L.R: La Biennale del Mediterraneo ha sempre spaziato tra i diversi linguaggi della creatività favorendo non solo l’incontro delle molteplici forme espressive ma anche e soprattutto l’incontro degli artisti. Caratteristica fondamentale della nostra manifestazione è infatti invitare tutti i giovani che, oltre a presentare le proprie opere e i propri progetti, vivono una esperienza unica di reciproca conoscenza. L’idea è vincente poiché nascono nuovi stimoli, sollecitate inedite curiosità, si moltiplicano idee ma anche amicizie: un arricchimento professionale e umano che spesso contribuisce ad interessanti produzioni che vanno oltre il concetto di discipline artistiche, una esigenza oggi quanto mai attuale.

Symbiosis? / XV Biennale de la Mediterranée, 2011, exhibition view

101


Symbiosis? / XV Biennale de la Mediterranée, 2011, exhibition view A.T: Qual è stata la partecipazione italiana? L.R: L’Italia ha da sempre rivestito un ruolo di tutto rilievo nella Biennale del Mediterraneo. Alla XV edizione sono stati invitati complessivamente 26 artisti provenienti da diverse città e, tra queste, Ancona, Bologna, Ferrara, Forlì, Genova, Messina, Milano, Roma, Modena, Padova, Prato, Venezia. Da aggiunge poi una selezione di artisti dalla Puglia, dalla Sardegna, dalla Basilicata e dal Lazio. Diverse le modalità di partecipazione: alcuni artisti hanno presentato opere inedite, altri hanno invece frequentato interessanti workshop come, a titolo esemplificativo, quello promosso dal Comune di Milano e curato da Studio Azzurro. A.T: Quale ruolo ha giocato l'associazione lucana Visioni Future nell'organizzazione della Biennale? L.R: La collaborazione con l’associazione Visioni Future è nata nel 2009 in occasione della precedente edizione della Biennale del Mediterraneo a Skopje, in Macedonia. La qualità delle proposte artistiche e la capacità organizzativa da subito dimostrate dagli amici lucani ci hanno fatto capire l’importanza di questa partnership che è stata riconfermata anche per il 2011. Grazie a loro il programma si è arricchito di progetti innovativi di grande

102


interesse, ciò a sottolineare la volontà della Regione Basilicata ad investire sul proprio capitale creativo: una serie di intelligenti azioni di sistema che rappresentano opportunità concrete per il sudi del Paese e in particolare per i giovani artisti di questo affascinante territorio. A.T: A dicembre l'appuntamento si sposterà su Roma per una due giorni. Ne daresti un'anteprima? L.R: L'evento, promosso da Roma Capitale attraverso l’Assessorato alla Gioventù, si svolgerà il 16 e 17 dicembre nella sede centrale del MACRO, il museo d'arte contemporanea della città. Complessivamente verranno presentati 70 artisti provenienti da 16 paesi. La manifestazione riguarderà nello specifico tre discipline: cinema, letteratura e musica. Sarà un'occasione di importante contaminazione per il MACRO che accoglierà una due giorni di video, reading e performance musicali presso alcuni spazi ad accesso gratuito: i due auditorium, il tetto del nuovo auditorium, la grande hall di ingresso. Link to web-page: http://www.teknemedia.net/magazine_detail.html?mId=9006

103


XV Biennale del Mediterraneo a Roma

La città di Roma chiama a raccolta artisti e creativi internazionali negli spazi del Macro per un programma che vedrà succedersi, il 16 e 17 dicembre, giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti, in occasione della XV edizione della Biennale del Mediterraneo. Nella due giorni, curata da Costanza Paissan, il mondo dell'arte cercherà di rispondere alla domanda «Symbiosis?», affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze. (Nell'immagine: Scarlett O'Hanna, sezione musica) + Informazioni e catalogo online sul sito dell'Associazione Bjcem

http://multimedia.lastampa.it/multimedia/cultura-e-arte/lstp/103480/

104


NextExit

07/02/12 17:03

Home | Chi Siamo | Contatti | Dove trovarci | Editore | Privacy

Mar 07 Feb 2012

Place

14/12/2011 - Arte e Design

Biennale de la Méditerranée

[Archivio] LATEST 10 Fiere ed Eventi 24/01/2012 - Federculture presenta il concorso internazionale per giovani artisti Centro-Periferia a Fiere ed Eventi Bologna Arte Fiera 23/01/2012 - Nuova Edizione per l'Est Film Festival a Montefiascone

SALA STAMPA 25/11/2010 - FESTIVAL DELLA CREATIVITA'. PLAYGROUND: ECCO I VINCITORI 25/11/2010 - NEXT EXIT INVITA I CREATIVI A PLAYGROUND

Fiere ed Eventi 23/01/2012 - Aperte le iscrizioni per la sesta edizione del Tour Music Fest Fiere ed Eventi 19/01/2012 - Tempo di Vita al teatro Palladium

25/11/2010 - A FIRENZE IL FORUM DELLE ECCELLENZE

Al via la XV Biennale de la Méditerranée il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d'Arte Contemporanea di Roma, con tanti eventi di cinema, letteratura, musica e video arte.

Naviga per categorie: Arte e Design Comics Editoria Creativa Fiere ed Eventi Fotografia Grafica e Web Lifestyle Moda e Tendenze Pubblicità

L'Assessorato alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, in collaborazione con l'Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovraintendenza ai Beni Culturali, porta a Roma, dopo 12 anni di assenza, la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM - Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo, il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d'Arte Contemporanea di Roma. Due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, e che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell'area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina.

25/11/2010 - E' NATO ROMA CREATIVA: IL PRIMO LIBRO GALLERIA SUI CREATIVI 25/11/2010 - YOUNG BLOOD 09 ANNUAL DEI TALENTI PREMIATI NEL MONDO COMMUNITY 280 users, 0 online latest topics 29.07.2009 - Buy Leukeran (Chlorambucil) Online no Prescription (0) 29.07.2009 - Order Cheap Lasuna (0) 29.07.2009 - Buy Flagyl ER Without Prescription (0)

«Un grande risultato per la Capitale, che torna ad ospitare la manifestazione dopo 12 anni di assenza - commenta l'Assessore Alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani Gianluigi De Palo -. La creatività è una delle qualità che da sempre ha fatto crescere le città, grazie soprattutto alle iniziative e alle rivoluzioni che hanno visto i giovani protagonisti. I fatti accaduti durante la scorsa primavera nel Sud del Mediterraneo lo dimostrano. Senza creatività e tecnologia, i giovani non avrebbero trovato il modo per trasformare i loro Paesi. Questa iniziativa - prosegue De Palo - si spinge molto oltre i confini del solo ambito artistico e tocca molte altre emergenze della nostra società contemporanea. La Biennale contiene e promuove molti dei valori su cui Roma Capitale sta lavorando per diventare una città più "a misura di giovane": la condivisione, la fantasia e la speranza attraverso la creazione di iniziative che abbiano una ricaduta concreta sul territorio. Ed è un richiamo per tutti i giovani. Basti pensare ai 40 volontari che abbiamo reclutato tramite i social network. Ragazze e ragazzi, dai 16 ai 35 anni, che ci aiuteranno ad accogliere gli artisti e il pubblico della Biennale, che parlano bene l'inglese, studiano o lavorano e desiderano impegnarsi per la propria città: un bel segnale di cui il Paese intero ha bisogno!», conclude De Palo.

« La XV° edizione della Biennale del Mediterraneo rappresenta un modello inedito nella lunga storia di questa manifestazione - dichiara Luigi Ratclif, Presidente dell'Associazione Internazionale Bjcem -; la scelta infatti di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è una occasione veramente unica per definire un percorso speciale attraverso le opere di giovani artisti dell'area euro mediterranea. Puntare sulla cultura oggi, in un momento di grande crisi economica, assume un significato di particolare importanza: la volontà di investire sulle nuove generazioni, dedicando considerevole spazio ai linguaggi creativi, vuol dire guardare al futuro con fiducia e consapevolezza, un riconoscimento concreto all'arte del proprio ruolo sociale. La necessità di riaffermare la democrazia in alcuni Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, contribuisce inoltre a farci credere fermamente nei giovani che utilizzano i linguaggi della contemporaneità quale espressione di dialogo, elementi di cui la Biennale è certamente ricca», conclude Ratclif. Gli spazi del MACRO, Museo d'Arte Contemporanea Roma, accoglieranno una "primavera creativa" all'insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17 dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell'evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi.

Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all'insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi "Dove andiamo?", "Da dove veniamo?", "Cosa ci ferma?"; l'indie folk di Scarlett O'Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate.

http://www.nextexit.it/?page=content&id=1510

Pagina 1 di 2

105


NextExit

07/02/12 17:03

Poesie, racconti brevi, film d'animazione e documentari, set di musica elettronica e esibizioni con nuovi strumenti musicali: l'offerta ricca e variegata farà dell'evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Le voci convivono e si chiamano, in una sinfonia di modalità espressive, forme artistiche, tonalità e volumi differenti ma allo stesso tempo aperti al dialogo e alla comunicazione. Nella due giorni della Biennale, l'arte cerca di rispondere alla domanda "Symbiosis?", dicendoci che ciò è ancora possibile, affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze.

Info at: Info Home | Chi Siamo | Contatti | Dove trovarci | Editore | Privacy Next Exit Soc. Coop.© Copyright 2008 ® - P.IVA: 06966851005 - Tutti i diritti riservati

http://www.nextexit.it/?page=content&id=1510

Pagina 2 di 2

106


XV Biennale de la Méditerranée - News - Paperzine - Paper Ideas

07/02/12 16:29

Paperzine - News

XV Biennale de la Méditerranée il 16 e il 17 dicembre al Macro di Roma

XV Biennale de la Méditerranée 16 e 17 dicembre 2011 (dalle 18 alle 24) MACRO (Museo d'Arte Contemporanea), via Nizza 138, Roma Ingresso gratuito www.bjcem.org www.incontragiovani.it Oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell'area mediterranea e dalla Palestina per due intense giornate con piu' di 50 eventi tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte. E' la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM Associazione Internazionale Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo, in programma venerdì 16 e sabato 17 dicembre al Macro di Roma. Per il programma segui il link: http://issuu.com/bjcem/docs/tabloid_layout_1_5

Dati societari | Condizioni generali | Privacy | © 2006-2012 FEDRIGONI S.p.A. - P.I. 01664630223

http://www.paperideas.it/paperzine/news/5146-XV_Biennale_de_la_Mediterranee#.TzFDUVH0hVY

Pagina 1 di 1

107


Premio Terna 03 | News- Torna la XV Biennale de la Mediterranee

07/02/12 17:02

News Premio Terna 03 Torna la XV Biennale de la Mediterranee Dopo dodici anni di assenza, riparte la XV Biennale de la Méditerranée, che avrà luogo il 16 e il 17 dicembre al MACRO, Museo d'Arte Contemporanea di Roma, con tanti eventi di cinema, letteratura, musica e video arte. Due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, e che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina. «Un grande risultato per la Capitale, che torna ad ospitare la manifestazione dopo 12 anni di assenza – commenta l’Assessore Alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani Gianluigi De Palo -. La creatività è una delle qualità che da sempre ha fatto crescere le città, grazie soprattutto alle iniziative e alle rivoluzioni che hanno visto i giovani protagonisti. I fatti accaduti durante la scorsa primavera nel Sud del Mediterraneo lo dimostrano. Senza creatività e tecnologia, i giovani non avrebbero trovato il modo per trasformare i loro Paesi. Questa iniziativa - prosegue De Palo - si spinge molto oltre i confini del solo ambito artistico e tocca molte altre emergenze della nostra società contemporanea. La Biennale contiene e promuove molti dei valori su cui Roma Capitale sta lavorando per diventare una città più “a misura di giovane”: la condivisione, la fantasia e la speranza attraverso la creazione di iniziative che abbiano una ricaduta concreta sul territorio. Ed è un richiamo per tutti i giovani. Basti pensare ai 40 volontari che abbiamo reclutato tramite i social network. Ragazze e ragazzi, dai 16 ai 35 anni, che ci aiuteranno ad accogliere gli artisti e il pubblico della Biennale, che parlano bene l’inglese, studiano o lavorano e desiderano impegnarsi per la propria città: un bel segnale di cui il Paese intero ha bisogno!», conclude De Palo. « La XV° edizione della Biennale del Mediterraneo rappresenta un modello inedito nella lunga storia di questa manifestazione – dichiara Luigi Ratclif, Presidente http://www.premioterna.it/pt/news/torna-la-xv-biennale-de-la-mediterranee

Pagina 1 di 2

108


Premio Terna 03 | News- Torna la XV Biennale de la Mediterranee

07/02/12 17:02

dell’Associazione Internazionale Bjcem -; la scelta infatti di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è una occasione veramente unica per definire un percorso speciale attraverso le opere di giovani artisti dell’area euro mediterranea. Puntare sulla cultura oggi, in un momento di grande crisi economica, assume un significato di particolare importanza: la volontà di investire sulle nuove generazioni, dedicando considerevole spazio ai linguaggi creativi, vuol dire guardare al futuro con fiducia e consapevolezza, un riconoscimento concreto all’arte del proprio ruolo sociale. La necessità di riaffermare la democrazia in alcuni Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, contribuisce inoltre a farci credere fermamente nei giovani che utilizzano i linguaggi della contemporaneità quale espressione di dialogo, elementi di cui la Biennale è certamente ricca», conclude Ratclif. Gli spazi del MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma, accoglieranno una “primavera creativa” all’insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17 dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate.

14/12/2011

© 2010 Terna Rete Elettrica Nazionale | P.IVA 0577966100 | Terna.it | Contatti

http://www.premioterna.it/pt/news/torna-la-xv-biennale-de-la-mediterranee

Pagina 2 di 2

109


XV BIENNALE DE LA MEDITERRANEE | ROMAPROVINCIACREATIVA

07/02/12 16:51

Provincia di Roma LOGIN OPPURE REGISTRATI

ROMAPROVINCIACREATIVA

Cerca nel sito

HOME MAGAZINE RITRATTI INTERVISTE NEWS NETWORK LAVORO FORMAZIONE EVENTI LUOGHI BANDI

NEWS Gli appuntamenti principali della creatività attraverso le segnalazioni dei principali eventi, dei luoghi e delle occasioni presenti nella città e sul territorio della provincia.

MAGAZINE BANDI EVENTI LUOGHI NEWS

XV BIENNALE DE LA MEDITERRANEE

ROMACREATIVA POST

Tra cinema, letteratura, musica e video arte, due giorni a ingresso gratuito che vedono protagonisti giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo Dopo 12 anni di assenza torna a Roma la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM – Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo. Il 16 e 17 dicembre dalle ore 18 alle ore 24 al MACRO prenderanno vita più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate. Poesie, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica ed esibizioni con nuovi strumenti musicali: l’offerta ricca e variegata farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Infoline: 060608 Like

Be the first of your friends to like this.

http://www.romaprovinciacreativa.it/magazine/news/xv-biennale-de-la-mediterranee-2/

Pagina 1 di 2

110


Symbiosis? XV Biennale de la Méditerranée | Incontragiovani Roma

07/02/12 16:49

SU

STUDIO E FORMAZIONE

CERCA

LAVORO E IMPRESA

ESTERO

CULTURA E SPETTACOLO

CITTÀ E TEMPO LIBERO

HOME > CULTURA E SPETTACOLO > APPUNTAMENTI E INIZIATIVE > MANIFESTAZIONI

APPUNTAMENTI E INIZIATIVE PER SAPERNE DI PIÙ SPAZI INCONTRAGIOVANI

Dal 16 Dicembre 2011 al 17 Dicembre 2011 dalle ore 18.00 alle 24.00

INFO SERVIZIO

Symbiosis? XV Biennale de la Méditerranée

ELENCO SPORTELLI

MACRO - Via Nizza, 138 - 00198 ROMA (RM)

MAPPA COMPLETA

Documenti allegati XV Biennale de la Méditerranée Roma - Programma

INCONTRAGIOVANI PER LE SCUOLE MAPPA [ Espandi ]

Tra eventi di cinema e letteratura, musica e video arte, la due giorni ad ingresso gratuito promossa da BJCEM: protagonisti i giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo

«

»

FEBBRAIO

L

M

M

G

V

S

D

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

TAG CLOUD

bando concorso musica Unione Europea università Roma Capitale

formazione cultura mobilità orientamento cultura low cost arte gratis a Roma teatro cinema

Dopo 12 anni di assenza, torna a Roma, su iniziativa dell’Assessorato alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovraintendenza ai Beni Culturali, la Biennale de la Méditerranée, promossa da BJCEM - Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo. La Biennale de la Méditerranée, giunta alla XV edizione, sarà ospitata, il 16 e 17 dicembre, nella location del MACRO - Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Due giorni davvero intensi, nel corso dei quali, dalle 18 alle 24, prenderanno vita più di 50 eventi ad ingresso gratuito, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e realizzazioni di video arte, con la partecipazione di oltre 70 artisti di 16 paesi europei e dell’area mediterranea. Protagonisti giovani creativi provenienti da Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia e dalla regione della Palestina. A integrare le sezioni della Biennale già ospitate con successo a Salonicco, dal 6 ottobre al 6 novembre scorsi, la città di Roma chiama ora a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Il MACRO accoglierà una “primavera creativa”, all’insegna delle arti e del dialogo. Gli spazi fluidi museo saranno la sede ideale per un programma dinamico, in costante evoluzione, che proporrà in rapida successione opere di poesia, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica ed esibizioni con strumenti innovativi. Un'offerta ricca e variegata che farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo.

©2011 Navteq XLimag MACRO Via Nizza, 138 - 00198 ROMA (RM)

Calcola percorso Inserire l'indirizzo di partenza

Sarà possibile apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama europeo di oggi, impegnate a confrontarsi sul tema Symbiosis? scelto per la Biennale, per affermare il potere di coesione che scaturisce dal dialogo e dalla convivenza nelle differenze. Tra i numerosi nomi presenti si segnalano: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), con il loro film Bakroman (2010) sui ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976) che, nei loro lavori cinematografici, fanno luce sulle dinamiche nascoste delle guerre; i Point Blank Poets (Regno Unito) che, con uno slang letterario incisivo e ritmato, cercano di dare una risposta personale alle domande più profonde ed urgenti dei giovani di oggi e di sempre; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge l'ascoltatore con le sue sonorità suggestive e delicate. Il programma completo è scaricabile da questa pagina (vedi a destra Documenti allegati).

Informazioni Musei in Comune - MACRO - Museo d'Arte Contemporanea Roma Indirizzo: Via Nizza, 138 - 00198 ROMA (RM) Telefono: 06.671070400 Fax: 06.8554090 Email: macro@comune.roma.it Sito web: http://www.macro.roma.museum Sito web: http://www.bjcem.org http://www.060608.it http://www.zetema.it

Organizzato da BJCEM - Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo Assessorato alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani di Roma Capitale in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovraintendenza ai Beni Culturali a cura di Costanza Paissan

http://www.incontragiovani.it/cultura-e-spettacolo/appuntamenti-e-iniziative/manifestazioni/symbiosis-xv-biennale-de-la-mediterran

Pagina 1 di 2

111


Roma. XV Biennale del Mediterraneo. Il 16 e 17 dicembre - di Redazione 15 dicembre 2011

L’Assessorato alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali, porta a Roma, dopo 12 anni di assenza, la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM – Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, e che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti

provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla regione della Palestina. Gli spazi del MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma, accoglieranno una “primavera creativa” all’insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17

112


dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate. Poesie, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica e esibizioni con nuovi strumenti musicali: l’offerta ricca e variegata farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Le voci convivono e si chiamano, in una sinfonia di modalità espressive, forme artistiche, tonalità e volumi differenti ma allo stesso tempo aperti al dialogo e alla comunicazione. Nella due giorni della Biennale, l’arte cerca di rispondere alla domanda “Symbiosis?”, dicendoci che ciò è ancora possibile, affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze. Consulta il sito Informazioni: MACRO Via Nizza 138 Roma Tel: 060608 www.incontragiovani.it

http://www.tafter.it/2011/12/15/roma-xv-biennale-del-mediterraneo-il-16-e-17dicembre/

113


art fair biennali e festival, arti visive, cinema, libri letteratura e poesia, musica video multimedia, news | 16 dicembre 2011

xv biennale de la mediterranee symbiosis? roma, macro 16-17 dicembre 2011 di artapartofculture redazione

La XV Biennale de la MĂŠditerranĂŠe il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo dâ&#x20AC;&#x2122;Arte Contemporanea di Roma, con tanti eventi di cinema, letteratura, musica e video arte

114


L’Assessorato alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali, porta a Roma, dopo 12 anni di assenza, la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM – Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, e che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina. «Un grande risultato per la Capitale, che torna ad ospitare la manifestazione dopo 12 anni di assenza – commenta l’Assessore Alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani Gianluigi De Palo -. La creatività è una delle qualità che da sempre ha fatto crescere le città, grazie soprattutto alle iniziative e alle rivoluzioni che hanno visto i giovani protagonisti. I fatti accaduti durante la scorsa primavera nel Sud del Mediterraneo lo dimostrano. Senza creatività e tecnologia, i giovani non avrebbero trovato il modo per trasformare i loro Paesi. Questa iniziativa – prosegue De Palo – si spinge molto oltre i confini del solo ambito artistico e tocca molte altre emergenze della nostra società contemporanea. La Biennale contiene e promuove molti dei valori su cui Roma Capitale sta lavorando per diventare una città più “a misura di giovane”: la condivisione, la fantasia e la speranza attraverso la creazione di iniziative che abbiano una ricaduta concreta sul territorio. Ed è un richiamo per tutti i giovani. Basti pensare ai 40 volontari che abbiamo reclutato tramite i social network. Ragazze e ragazzi, dai 16 ai 35 anni, che ci aiuteranno ad accogliere gli artisti e il pubblico della Biennale, che parlano bene l’inglese, studiano o lavorano e desiderano impegnarsi per la propria città: un bel segnale di cui il Paese intero ha bisogno!», conclude De Palo. « La XV° edizione della Biennale del Mediterraneo rappresenta un modello inedito nella lunga storia di questa manifestazione – dichiara Luigi Ratclif, Presidente dell’Associazione Internazionale Bjcem -; la scelta infatti di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è una occasione veramente unica per definire un percorso speciale attraverso le opere di giovani artisti dell’area euro mediterranea. Puntare sulla cultura oggi, in un momento di grande crisi economica, assume un significato di particolare importanza: la volontà di investire sulle nuove generazioni, dedicando considerevole spazio ai linguaggi creativi, vuol

115


dire guardare al futuro con fiducia e consapevolezza, un riconoscimento concreto all’arte del proprio ruolo sociale. La necessità di riaffermare la democrazia in alcuni Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, contribuisce inoltre a farci credere fermamente nei giovani che utilizzano i linguaggi della contemporaneità quale espressione di dialogo, elementi di cui la Biennale è certamente ricca», conclude Ratclif. Gli spazi del MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma, accoglieranno una “primavera creativa” all’insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17 dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate. Poesie, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica e esibizioni con nuovi strumenti musicali: l’offerta ricca e variegata farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Le voci convivono e si chiamano, in una sinfonia di modalità espressive, forme artistiche, tonalità e volumi differenti ma allo stesso tempo aperti al dialogo e alla comunicazione. Nella due giorni della Biennale, l’arte cerca di rispondere alla domanda “Symbiosis?”, dicendoci che ciò è ancora possibile, affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze. XV BIENNALE DEL MEDITERRANEO Symbiosis? 16-17 dicembre 2011 dalle ore 18 alle ore 24 Roma, MACRO – Via Nizza 138 www.incontragiovani.it – www.bjcem.org Per maggiori informazioni 060608

116


Ufficio Stampa Assessorato alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani Roma Capitale Concita De Simone tel 06.6710.70010 – cell 3478429024 concetta.desimone@comune.roma.it Ufficio Stampa MACRO Massimiliano Moschetta – Nicolò Scialanga T +39 06 671070443 stampa.macro@comune.roma.it Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura Patrizia Morici 06 82077371; 348 5486548; p.morici@zetema.it

Link to web-page: http://www.artapartofculture.net/2011/12/16/xvbiennale-de-la-mediterranee-symbiosis-roma-macro-16-17-dicembre2011/

117


E la sera, al Macro. Due giornate intensissime, fra reading, performance e proiezioni: ecco lo step romano della Biennale del Mediterraneo Scritto da Redazione | venerdì, 16 dicembre 2011 · Lascia un commento

I Point Blank Poets

Più di cinquanta eventi in due intense giornate, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e videoarte. Oltre 70 artisti provenienti da sedici paesi europei e dell’area mediterranea, dall’Albania alla Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia, e dalla Palestina. Questa, affidata all’efficacia dei numeri, la sintesi della tappa romana della Biennale del Mediterraneo, che si concede una vetrina al Macro dopo la tappa di Salonicco a ottobre. Dopo il successo in Grecia per le altre sezioni della Biennale,

118


il Macro chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Con un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che vede succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Appuntamento il 16 e 17 dicembre, dalle sei di pomeriggio a mezzanotte: per vedere – fra gli altri – Gianluca e Massimiliano De Serio, che presentano il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), con lavori cinematografici ispirati alle dinamiche nel conflitto e nella guerra, gli inglesi Point Blank Poets. Per poi scatenarsi sull’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985), con le sue sonorità intense e delicate. www.bjcem.org

http://www.artribune.com/2011/12/e-la-sera-al-macro-due-giornate-intensissime-frareading-performance-e-proiezioni-ecco-lo-step-romano-della-biennale-del-mediterraneo/

119


Simbosi dalla giovane creatività Roma, al Macro la "Biennale de la Méditerranée" di Virginia De Simoni | 16 dicembre 2011

La quindicesima "Biennale de la Méditerranée" approda a Roma per un’incredibile due giorni all’insegna del dinamismo e della creatività. Venerdì 16 e sabato 17 dicembre il Macro di via Nizza è sede dell’evento che ha subìto una battuta d’arresto di 12 anni, rilanciandone gli input accolti dal 6 ottobre al 6 novembre anche da Salonicco. Con non poche difficoltà, le forze scese in campo per la realizzazione della manifestazione sono state tante, a partire dalla stessa Bjcem (Associazione internazionale per la Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo), della collaborazione dell’assessorato alla Famiglia, all'educazione e ai giovani di Roma capitale, oltre al prezioso sostegno dell’assessorato alle Politiche culturali e centro storico-soprintendenza ai Beni culturali. Ma ne valeva assolutamente la pena. Gli intenti della Biennale sono numerosi, in ragione della sua lunga assenza e della necessità di recuperare il tempo perduto: oltre 70 artisti "under 35", provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea, avranno spazio nelle sale della sede del museo capitolino per una rassegna che si protrae dalle 18 alle 24 dal titolo “Symbiosis?”, in un continuum simultaneo di stimoli artistici, frutto di ricerche intellettuali e dialettiche ciascuno sotto il segno del proprio paese d’origine. Così poesia, letteratura, proiezioni cinematografiche e di documentari, videoarte, "performance" musicali e "dj set" di musica elettronica contribuiranno a rendere l’evento un "happening" culturale contemporaneo. L’Italia, la Francia, la Gran Bretagna, la Grecia, la Spagna e il Portogallo, Malta e la Finlandia si troveranno a confronto con culture meno occidentali e in rapida crescita come l’Albania, la Bosnia Herzegovina, l’Egitto, la Macedonia, il Kosovo e la Serbia, persino con il Libano e la Palestina.

120


Non mancano ovviamente provocazioni sapientemente confezionate per portare all’attenzione del pubblico problemi di natura sociale, anche se, a pensarci bene, la stessa manifestazione si configura come un colpo basso nei confronti di ciò che accade oggi a livello mondiale. Il panico, frutto della crisi economica e dei valori, viene placato e soprattutto sfidato (con una strizzatina d’occhio) dal lavoro creativo che nonostante tutto le giovani generazioni continuano a produrre e promuovere. Il filo rosso che dipanandosi intreccia ogni modalità espressiva è ben ravvisabile, da “Bakroman”, corto-documentario italiano ideato e realizzato dai fratelli De Serio, fino alle nuove ricerche in campo musicale dei francesi Hyphen Hyphen. Tematiche leggere, ma anche “crude”, come la guerra, la diversità e la censura saranno affrontate con gli unici mezzi a disposizione degli artisti: i linguaggi della contemporaneità, che si pongono come strumenti di enorme valore culturale e punti di partenza per riflessioni di carattere dialogico di più ampio respiro. Gli ambiziosi propositi della “Biennale della mediterraneità” non deluderanno le aspettative, poiché mossi da un’autentica necessità di comunicazione sublimata attraverso l’arte contemporanea, strumento pacifico rimasto (quasi) unica fonte di delizia e piacere. Macro via Nizza 138, Roma Info: www.macro.roma.museum

http://www.insideart.eu/index.php?section=news&idNotizia=75585

121


16/12/2011

XV Biennale De La Mediterranée

Si svolgerà dal 16 al 17 dicembre al MACRO, Museo d'Arte Contemporanea di Roma, la quinta edizione della Biennale de La Mediterranée Dopo dodici anni di assenza, torna a Roma la Biennale de la Méditerranée, due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte. Questa quinta edizione prevede la partecipazione di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi

122


europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina. Gli spazi del MACRO, accoglieranno così una “primavera creativa” all’insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del Museo d’Arte Contemporanea di Roma, diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17 dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film "Bakroman" (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate. Poesie, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica e esibizioni con nuovi strumenti musicali: l’offerta ricca e variegata farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Le voci convivono e si chiamano, in una sinfonia di modalità espressive, forme artistiche, tonalità e volumi differenti ma allo stesso tempo aperti al dialogo e alla comunicazione. Nella due giorni della Biennale, l’arte cerca di rispondere alla domanda “Symbiosis?”, dicendoci che ciò è ancora possibile, affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze.

Link to web-page: http://www3.lastampa.it/extra/articolo/lstp/434690

123


Il Giornale dell'Arte - Dopo 12 Anni La Biennale Del Mediterraneo Torna A Roma. Ma Con Un Interrogativo

Abbonamenti

Chi siamo

Contatti

Privacy

28/02/12 10:44

Pubblicità

Newsletter

RSS

Translate

Notizie ,Archeologia ,Documenti ,EconomiaAntiquariato ,EconomiaAste ,EconomiaGallerie ,Fotografia ,Libri ,Mostre ,Musei ,Opinioni ,Restauro ,Fondazioni ,Lettere,al,giornale

28 febbraio 2012 MOSTRE

RICERCA

ALTRI ARTICOLI DI ANNA SABA DIDONATO

Dopo 12 anni la Biennale del Mediterraneo torna a Roma. Ma con un interrogativo

CONDIVIDI

Roma.,In,un,periodo,difficile,come,quello,che,stiamo attraversando,,in,cui,si,brancola,nell’incertezza,e,le,vie,della giustizia,e,dell’equità,appaiono,sempre,più,impervie,,col pericolo,di,ripercussioni,sulla,coesione,sociale,e,la,convivenza pacifica,dei,popoli,,laXV#Biennale#del#Mediterraneo#2011 sipone,un,interrogativo:,Symbiosis?,Vivere,insieme?,E!«l’arte risponde!dicendo!che!questo!è!ancora!possibile,!nella!diversità!dei linguaggi,!delle!forme!espressive!e!delle!idee,!come,afferma,la,curatrice,Costanza#Paissan. Testimonianza!di!questo!è!la!varietà!delle!opere!presentate!al!Macro,!dai!video!di!Gianluca!e

Quando l'arte viaggia Corpo elettronico, viaggio nella videoarte italiana Melfi, tornano a splendere Santa Margherita e Santa Lucia A Bari tutti a Teatro con Celant

Massimiliano!De!Serio!e!di!Khaled!Jarrar,!ai!reading!collettivi!dei!Point!Blank!Poets!e!di!Daniel!Marcus Clark,!fino!alle!performance!musicali!degli!Hyphen!Hyphen!o!di!Si!Tew».,Così,oggi,e,domani,,dalle,18 a,mezzanotte,,gli,spazi,del,Macro,ospiteranno,il,secondo,appuntamento,,dopo,quello,di,Salonicco, della,XV,Biennale,del,Mediterraneo,,promossa,da,Bjcem,,Associazione,Internazionale,per,la Biennale,dei,Giovani,Artisti,dell’Europa,e,del,Mediterraneo.,Il,programma,è,fittissimo:,più#di#50

Roma, al Macro una tavola rotonda sul «Veterans Book Project» di Monica Haller

eventi,,tra,reading,letterari,,performance,musicali,,proiezioni,cinematografiche,e,videoarte;,oltre 70#gli#artisti#selezionati#per#le#categorie#cinema,#letteratura#e#musica,#provenienti#da#16#Paesi europei,#dall’area#mediterranea,#dalla#Palestina,(il,catalogo,si,può,sfogliare,qui).

Milano, alla Fabbrica del Vapore le «Officine dell’arte»

La,Biennale,torna,a,Roma,dopo,12,anni,,in,un,momento,importante,per,la,manifestazione internazionale.,È,in#cantiere,,infatti,,la#creazione#di#un#nuovo#format,,«un!progetto!che!tende!a costruire!percorsi!di!lavoro!tra!le!diverse!città!del!nostro!network,,spiega,Luigi#Ratclif,,presidente della,Bjcem.,Attraverso!la!realizzazione!di!workshop,!residenze,!atelier!produttivi,!incontri,!seminari, collaborazioni!con!enti!e!istituzioni!culturali!pubbliche!e!private.,Anche!le!selezioni!degli!artisti!e!la curatela!dei!progetti!avverrà!attraverso!una!rete!di!giovani!curatori.,Già!questa!edizione!realizzata!in due!sedi,!con!la!collaborazione!di!più!città,!è!un!primo!segnale!di!questo!nuovo!percorso.!Sicuramente nelle!prossime!edizioni!l'intento!sarà!più!evidente.!A!iniziare!dal!prossimo!autunno!quando,!in collaborazione!con!le!Olimpiadi!Culturali!di!Londra!2012,!la!Bjcem!realizzerà!un!evento!dedicato!ad artisti!dei!cinque!continenti.,Ma!la#vera#svolta#si#avrà#nel#2013#quando#ad#Ancona,#sede#della prossima#XVI#edizione#della#Biennale,#il#nuovo#format#prenderà#corpo». di!Anna!Saba!Didonato,!edizione!online,!16!dicembre!2011

,

,

Al Madre è di scena la performance Partita a quattro tra giovani scultori GLI ALTRI ARTICOLI DI MOSTRE

Scarica,qui,il Rapporto,Arte contemporanea

Feste Ducali nella Serenissima Il Mart inglese fa meraviglie Oltre 160mila visitatori per Leonardo a Venaria Madrid, la «Gioconda» del Prado si presenta al pubblico Padova, per il Simbolismo oltre 141mila visitatori «Se non è Michelangelo è Dio!» Al MoMA di New York la crisi edilizia ispira la mostra Minimalista ma politico L’indizio vale più della prova

Nasce,il VEDERE,A,NAPOLI

http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2011/12/111217.html

Pagina 1 di 2

124


Biennale del Mediterraneo tra cinema e videoarte - Repubblica.it » Ricerca

28/02/12 10:49

ARCHIVIO LA REPUBBLICA DAL 1984

Biennale del Mediterraneo tra cinema e videoarte 16 dicembre 2011 — pagina 15 sezione: ROMA Un' espressione di "primavera creativa" quella della XV Biennale del Mediterraneo, allestita al Macro oggi e domani. Settanta giovani artisti provenienti dai paesi dell' area mediterranea presentano le loro espressioni artistiche: reading, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte. Più di cinquanta appuntamenti che cercano di rispondere alla domanda "Symbiosis?", tema dell' edizione di quest' anno. La manifestazione torna, dopo dodici anni, rinnovata dal gemellaggio con la città greca di Salonicco. Tra le opere presentate, i lavori cinematografici di Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976) sulle dinamiche nascoste dei conflitti di guerra e quelli di Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978) sui ragazzi di strada del Burkina Faso. - (laura viviani)

La url di questa pagina è http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/12/16/biennaledel-mediterraneo-tra-cinema-videoarte.html Abbonati a Repubblica a questo indirizzo http://www.servizioclienti.repubblica.it/index.php?page=abbonamenti_page

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/12/16/biennale-del-mediterraneo-tra-cinema-videoarte.html

Pagina 1 di 1

125


XV Biennale de la Mediterranee Museo d'Arte Contemporanea Roma - MACRO Roma

07/02/12 16:18

βETA

16/12/2011

XV Biennale de la Mediterranee MUS EO D'A RTE CONTEMPORA NEA ROMA - MA CRO, ROMA

MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ROMA - MACRO Roma via Reggio Emilia, 54 (seconda entrata via Nizza angolo via Cagliari) 06 671070400 FAX 06 8554090

Dopo Salonicco, due giorni intensi in cui prendono vita piu' di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte. La XV edizione della manifestazione, intitolata Symbiosis?, prevede la partecipazione di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell'area mediterranea e dalla Palestina. Tra i numerosi protagonisti si segnalano Gianluca e Massimiliano De Serio, che presentano il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso.

WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA XV BIENNALE DE LA MEDITERRANEE dal 16/12/2011 al 17/12/2011 dalle 18 alle 24

SEGNALATO DA Museo d'Arte Contemporanea Roma MACRO

C O M U N I C ATO STAM PA

La XV Biennale de la Méditerranée il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma, con tanti eventi di cinema, letteratura, musica e video arte

WWW.TUTTOCITTA.IT

L’Assessorato alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovraintendenza ai Beni Culturali, porta a Roma, dopo 12 anni di assenza, la XV Biennale de la Méditerranée promossa da BJCEM - Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, il 16 e 17 dicembre al MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Due giorni intensi in cui prenderanno vita, dalle ore 18 alle ore 24, più di 50 eventi, tra reading letterari, performance musicali, proiezioni cinematografiche e video arte, e che prevedono la partecipazioni di oltre 70 artisti provenienti da 16 paesi europei e dell’area mediterranea (Albania, Bosnia Herzegovina, Egitto, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Macedonia, Malta, Spagna, Kosovo, Portogallo, Serbia, Libano, Slovenia) e dalla Palestina. «Un grande risultato per la Capitale, che torna ad ospitare la manifestazione dopo 12 anni di assenza – commenta l’Assessore Alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani Gianluigi De Palo -. La creatività è una delle qualità che da sempre ha fatto crescere le città, grazie soprattutto alle iniziative e alle rivoluzioni che hanno visto i giovani protagonisti. I fatti accaduti durante la scorsa primavera nel Sud del Mediterraneo lo dimostrano. Senza creatività e tecnologia, i giovani non avrebbero trovato il modo per trasformare i loro Paesi. Questa iniziativa - prosegue De Palo si spinge molto oltre i confini del solo ambito artistico e tocca molte altre emergenze della nostra società contemporanea. La Biennale contiene e promuove molti dei valori su cui Roma Capitale sta lavorando per diventare una città più “a misura di giovane”: la condivisione, la fantasia e la speranza attraverso la creazione di iniziative che abbiano una ricaduta concreta sul territorio. Ed è un richiamo per tutti i giovani. Basti pensare ai 40 volontari che abbiamo reclutato tramite i social network. Ragazze e ragazzi, dai 16 ai 35 anni, che ci aiuteranno ad

©2011 NAVTEQ

APPROFONDIMENTI Gianluca De Serio Massimiliano De Serio Eirini Steirou Khaled Jarrar Point Blank Poets Scarlett O'Hanna

http://www.undo.net/it/evento/131491

Pagina 1 di 2

126


XV Biennale de la Mediterranee Museo d'Arte Contemporanea Roma - MACRO Roma

07/02/12 16:18

accogliere gli artisti e il pubblico della Biennale, che parlano bene l’inglese, studiano o lavorano e desiderano impegnarsi per la propria città: un bel segnale di cui il Paese intero ha bisogno!», conclude De Palo. « La XV° edizione della Biennale del Mediterraneo r appresenta un modello inedito nella lunga storia di questa manifestazione – dichiara Luigi Ratclif, Presidente dell’Associazione Internazionale Bjcem -; la scelta infatti di coinvolgere più sedi, Salonicco e Roma, è una occasione veramente unica per definire un percorso speciale attraverso le opere di giovani artisti dell’area euro mediterranea. Puntare sulla cultura oggi, in un momento di grande crisi economica, assume un significato di particolare importanza: la volontà di investire sulle nuove generazioni, dedicando considerevole spazio ai linguaggi creativi, vuol dire guardare al futuro con fiducia e consapevolezza, un riconoscimento concreto all’arte del proprio ruolo sociale. La necessità di riaffermare la democrazia in alcuni Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, contribuisce inoltre a farci credere fermamente nei giovani che utilizzano i linguaggi della contemporaneità quale espressione di dialogo, elementi di cui la Biennale è certamente ricca», conclude Ratclif. Gli spazi del MACRO, Museo d’Arte Contemporanea Roma, accoglieranno una “primavera creativa” all’insegna delle arti e del dialogo. Dopo il successo delle altre sezioni della Biennale, ospitate dal 6 ottobre al 6 novembre a Salonicco, la città di Roma chiama a raccolta gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica. Gli spazi fluidi del MACRO diventano la sede ideale per un programma incessante e dinamico, a cura di Costanza Paissan, che il 16 e 17 dicembre vedrà succedersi giovani autori letterari, poeti, cineasti e musicisti. Il tema della XV edizione della Biennale, Symbiosis?, troverà concreta realizzazione durante lo svolgimento dell’evento e il pubblico potrà apprezzare alcune delle voci più interessanti nel panorama creativo europeo di oggi. Tra i numerosi protagonisti segnaliamo: Gianluca e Massimiliano De Serio (Italia, 1978), che presenteranno il loro film Bakroman (2010), sulle vite dei ragazzi di strada del Burkina Faso, tra dialogo e conflitto, all’insegna della sopravvivenza e della dignità; Eirini Steirou (Grecia, 1981) e Khaled Jarrar (Palestina, 1976), che nei rispettivi lavori cinematografici mostrano le dinamiche nascoste nel conflitto e nella guerra; i Point Blank Poets (Regno Unito), che con il loro slang letterario ritmato e coinvolgente danno la loro risposta alle domande dei giovani di oggi “Dove andiamo?”, “Da dove veniamo?”, “Cosa ci ferma?”; l’indie folk di Scarlett O’Hanna (Francia, 1985) che coinvolge con le sue sonorità intense e delicate. Poesie, racconti brevi, film d’animazione e documentari, set di musica elettronica e esibizioni con nuovi strumenti musicali: l’offerta ricca e variegata farà dell’evento un vero e proprio happening culturale contemporaneo. Le voci convivono e si chiamano, in una sinfonia di modalità espressive, forme artistiche, tonalità e volumi differenti ma allo stesso tempo aperti al dialogo e alla comunicazione. Nella due giorni della Biennale, l’arte cerca di rispondere alla domanda “Symbiosis?”, dicendoci che ciò è ancora possibile, affermando il potere coesivo e comunicativo del dialogo e della convivenza delle differenze. Ufficio Stampa Assessorato alla Famiglia, all'Educazione e ai Giovani Roma Capitale Concita De Simone, tel 06.6710.70010 - cell 3478429024, concetta.desimone@comune.roma.it Ufficio Stampa MACRO - Massimiliano Moschetta - Nicolò Scialanga, +39 06 671070443, stampa.macro@comune.roma.it Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura - Patrizia Morici p.morici@zetema.it Per maggiori informazioni 060608, www.incontragiovani.it, www.bjcem.org Programma completo sul sito Primo appuntamento 16 dicembre Museo d'Arte Contemporanea Roma - MACRO Via Nizza 138 Roma Orari: dalle ore 18 alle ore 24 Ingresso libero

http://www.undo.net/it/evento/131491

Pagina 2 di 2

127


17 dicembre 2011 delle ore 09:12

Al Macro un weekend con la Biennale del Mediterraneo...

Ve ne avevamo già parlato: la quindicesima Biennale del Mediterraneo quest'anno si pone un interrogativo già nel titolo, Symbiosis? Vivere insieme? La curatrice, Costanza Paissan risponde che l'arte è una delle forme di risposta positive a questa sempreverde domanda, perché con-fonde diversità di linguaggi, di forme e idee. Così oggi, dalle 18 a mezzanotte, gli spazi del Macro ospiteranno il secondo appuntamento, dopo quello di Salonicco, della manifestazione. Il programma è fittissimo ed è iniziato ieri: più di 50 eventi e oltre 70 gli artisti selezionati per le categorie cinema, letteratura e musica, provenienti da 16 Paesi europei, dall’area mediterranea e dalla Palestina Di nuovo a Roma dopo 12 anni, la Biennale ha in cantiere un novo format, come lo spiega Luigi Ratclif, presidente della Bjcem degli artisti emergenti, dove la costruzione della rassegna avverrà facendo network su diverse città e le selezioni, anche degli artisti, verranno realizzate da giovani curatori. La vera svolta quindi si avrà nel 2013 quando ad Ancona, sede della prossima XVI edizione della Biennale, il nuovo format prenderà corpo. (a cura di matteo bergamini) link correlati: Oggi parte la XV Biennale dei Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo... dalle 18 alle 24 Macro – Museo d'Arte Contemporanea di Roma Via Nizza – Angolo Via Cagliari www.macro.roma.museum macro@comune.roma.it programma: http://www.macro.roma.museum/mostre_ed_eventi/ eventi/xv_biennale_de_la_mediterranee [exibart]

pagina 1 128


Bienale mladih ustvarjalcev: zliti v umetniško soobstajanje

07/02/12 16:23

Bienale mladih ustvarjalcev: zliti v umetniško soobstajanje Konec preteklega tedna se je v Rimu zaključil drugi del Bienala mladih ustvarjalcev Evrope in Sredozemlja. Tanja Cirman, Delo.si tor, 20.12.2011, 21:00 Bienale mladih ustvarjalcev, namenjen predvsem prvi predstavitvi mladih umetnikov v tujini, je bil sprva predviden v maroškem mestu Casablanca, a sta si zaradi nemirov na tem koncu sveta organizacijo razdelili mesti Solun in Rim, pojasnjuje Jernej Škof, vodja projekta pri Škucu, eden ustanovnih članov mednarodne zveze BJCEM in selektor v Sloveniji. V okviru rimskega dela bienala, ki se je končal prejšnji teden, so predstavili filmska, glasbena in literarna dela, v Solunu pa so razstavljali umetniki s področja vizualnih umetnosti, oblikovanja in gastronomije. Zaradi na hitro porazdeljene organizacije dogodka med dve mesti in vse bolj opaznega zatiskanja proračunskih dotokov, je iz bienala kot sedma umetniška disciplina izpadlo gledališče. Finančna zima je pritisnila tudi na slovensko ministrstvo za kulturo, kar je ob novem rebalansu proračuna utrpel tudi Škuc. Kot edina slovenska predstavnica je tako v rimski muzej sodobnih umetnosti MACRO na lastne stroške odpotovala mlada filmska ustvarjalka Urška Djukić. Poleg njenega kratkometražnega filma Prvi dan v službi je slovensko novejšo umetnost predstavljalo pesniško delo Katje Gorečan aka Dolganoč Žalosti mlade Hane, vendar brez avtorice. Še pred finančnimi spotikami so se v Solunu predstavila dela ostalih treh letošnjih izbranih mladih avtorjev. Akademski slikar Mito Gegič je s poustvarjanjem digitalnih podob na platnu, ki prikazujejo prizore divjega lova, v delu Online/Offline razgalil naše doživljanje sveta, posredovanega prek medijev. Govoreči nahrbtnik Spodbuda Alje Piry je animirana ready made zvočna instalacija, v kateri je avtorica nabrala misli umetnikov in kulturnikov po Sredozemlju kot popotnico mladi umetnici v sodobnem svetu. Dobitnica Plečnikove nagrade in dvakratna dobitnica Prešernovega priznanja Tjaša Kermavner je ustvarila napravo Rogenak, s katero žanje energijo, pridelano med rekreacijo. Naprava v energetsko nenasitnem svetu uporabnika spreminja v sebi lastno elektrarno. Umetnine, ki se gledajo Ključno vprašanje, ki so si ga zastavili na bienalu, je bilo vprašanje mogoče simbioze, na katero je po oceni Škofa odgovoril že sam razstavni prostor (hale starega solunskega pristanišča), v katerem so umetnine »gledale druga drugo«, se dopolnjevale, dograjevale ali si bile v popolnem neskladju. Že sam prostor je simbolično predstavljal zlitje kulturološke, družbene in politične drugačnosti v mogočo skupno koeksistenco. Eden od izvirnih poudarkov bienala je namreč ravno ohranjanje skupnega dialoga v prevetrenem, povojnem, konfliktnem geografskem območju. Podlaga, na katero lahko danes pripnemo še ekonomsko in socialno nestabilnost, ki jo na svoji koži morda še najbolj občutijo ravno mladi. about:blank

Pagina 1 di 2

129


Bienale mladih ustvarjalcev: zliti v umetniško soobstajanje

07/02/12 16:23

Za selekcijo omenjenih petih avtorjev so bili letos zadolženi Tevž Logar za vizualno umetnost, Brane Mozetič za literaturo, Barbara Predan za oblikovanje in Damjan Kozole za film. Med okoli štiridesetimi prispelimi avtorskimi deli sta bila odločilna kriterija predvsem kakovost in sodobnost. Število izbranih avtorjev se vsako leto spreminja in je odvisno predvsem od finančne sposobnosti lokalnih organizatorjev, torej od tega, katere discipline bodo na razstavi dobile svoj prostor. Odskočna deska Predstavitev na bienalu lahko za mladega ustvarjalca pomeni pomembno odskočno desko v tujino in preboj na mednarodno umetniško prizorišče. Med slovenskimi umetniki, ki so se v preteklosti predstavljali kot mladi ustvarjalci na BJCEM, lahko omenimo Esada Babačića, Braneta Bitenca, Martina Briclja, Miho Ciglarja, Aleša Debeljaka, Luko Deklevo, Alana Hranitelja, Alojza Ihana, Žigo Kariža, Mateja Kejžarja, Gregorja Lušteka, Emo Kugler, Malo Kline, Miho Mazzinija, Miladojko Youneed, Borghesio, Demolition Group, Marka Peljhana, Plesni teater Ljubljana, Marjetico Potrč, Tobiasa Putriha, Anjo Rupel, Sašo Sedlačka, Jožeta Suhadolnika in Žoambo Žoet Workestrao. Bienale je še posebno dragocena izkušnja za mlade ustvarjalce južnega Sredozemlja, ki jim zveza BJCEM, v katero je vključenih 23 držav, omogoča lažji vstop v evropske države, saj jim pomaga pri pridobivanju potrebnih papirjev (vizumov in viz), brez katerih je mladim pogosto onemogočen prodor na mednarodno prizorišče. Prva izdaja bienala je bila v Barceloni leta 1985, v letu 2013 ga bo gostila Ancona. Še pred tem bo v britanskem mestu Nottingham v okviru kulturne olimpijade leta 2012 september posvečen svetovni razstavi mladih umetnikov, na kateri bodo zastopani vsi kontinenti sveta. Razstava, ki se organizacijsko zgleduje ravno po BJCEM, bo ponudila pregled najboljših mladih ustvarjalcev v svetovnem merilu. Tudi tokrat bo selektorski kriterij v rokah Škuca, ki bo januarja prihodnje leto objavil razpis za prijavo del. Promocija naših umetnikov bo predvidoma izpeljana tudi v okviru projekta Evropske prestolnice kulture v Mariboru.

about:blank

Pagina 2 di 2

130

Profile for Association Bjcem

XV Biennale de la Méditerranéé - Press Review  

The official press review of the XV Biennale de la Méditerranée

XV Biennale de la Méditerranéé - Press Review  

The official press review of the XV Biennale de la Méditerranée

Profile for bjcem
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded