Issuu on Google+

BiB

n. 69 dicembre 2013 - febbraio 2014

NOTIZIARIO

DELLA

BIBLIOTECA

COMUNALE DI

TRENTO


munale di Biblioteca co Trento

CHIUSURE NATALIZIE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI TRENTO La Sede centrale e il Bibliobus rimangono chiuse da mercoledì 25 a sabato 28 dicembre 2013 Tutte le sedi periferiche rimangono chiuse da martedì 24 a martedì 31 dicembre 2013

ASPETTANDO IL NATALE STORIE, RACCONTI E FIABE PER I BAMBINI IN TUTTE LE BIBLIOTECHE! martedì 3 dicembre ore 16.15 ­ punto di prestito di Martignano giovedì 5 dicembre ore 16.30 ­ sedi di Meano e Povo venerdì 6 dicembre ore 16.30 ­ sedi di Gardolo e Mattarello lunedì 9 dicembre ore 16.30 ­ sede di Ravina martedì 10 dicembre ore 16.30 ­ sede di Sopramonte martedì 10 dicembre ore 17.30 ­ sede di Clarina mercoledì 11 dicembre ore 16.30 ­ sedi di Meano e di Povo giovedì 12 dicembre ore 16.30 ­ Sezione ragazzi, sede di via Roma venerdì 13 dicembre ore 17.00 ­ Cortesano Sala ex Caseificio venerdì 13 dicembre ore 17.30 ­ sede di Clarina lunedì 16 dicembre ore 14.00 ­ punto di prestito, Romagnano martedì 17 dicembre ore 16.30 ­ sede di Villazzano martedì 17 dicembre ore 17.30 ­ sede di Clarina A Cognola, sede dell'Argentario "L' albero dei pensieri belli. Frasi, aforismi, auguri degli utenti per un Natale positivo". In vetrina e in prestito i libri: "Natale da decorare" e “Tutto ciò che fa Natale, inverno e freddo". E, PER TUTTI, NELLA

SALA DEGLI AFFRESCHI DELLA SEDE CENTRALE DI VIA ROMA

giovedì 5 dicembre ore 17.30 "La leggenda del santo bevitore" lettura scenica del racconto di Joseph Roth con Giacomo Anderle e Alessio Kogoj

giovedì 12 dicembre ore 17.30 “Il Canzoniere di Petrarca nel madrigale rinascimentale” letture e canti con Ensemble vocale Nicolò d’Arco

lunedì 16 dicembre ore 17.00 "Un'eredità storiografica: Umberto Corsini a 20 anni dalla morte" incontro in collaborazione con la Società di studi trentini di scienze storiche. Intervengono: Andrea Di Michele, Mauro Nequirito, Mirko Saltori, Fabrizio Rasera mercoledì 18 dicembre ore 17.30 “Gloria in cielo e pace in terra. Il Natale nelle Laudi medievali” letture e canti di e con Alfonso Masi, e con le voci di Ester D’Amato, Mariabruna Fait, Paola Fumana, Fiorenzo Pojer, Lino Tommasini, Vito Basiliana e la partecipazione di studenti delle scuole di teatro presenti a Trento.

In copertina: Manifesto di un veglione al Teatro Sociale. Foto di Luciano Palombi

In questo numero: • Indagine sul gradimento della Biblioteca

• Un castello di sogni:

il calendario per il 2014

• E fra le pagine, la musica e le storie

• Inverno è ...


IN CRESCITA IL GRADIMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE DI TRENTO! Si chiama Customer Satisfation – gradimento dell'utente. E' un'indagine rivolta ad un campione rappresentativo utile a comprendere il livello di soddisfazione dei servizi erogati dal Comune di Trento. Per quanto riguarda la Biblioteca comunale i risultati, anche quest'anno, sono lusinghieri. Ne parliamo con il dirigente del Servizio, dott. Fabrizio Leonardelli. Si evidenzia che circa metà delle 1006 persone che hanno risposto, nel corso del 2012 ha utilizzato i servizi offerti dalla nostra Biblioteca. Parliamo quindi di un numero di 500 rispondenti. Tengo a precisare che i risultati non possono essere considerati rappresentativi dell'intera cittadinanza, sono tuttavia significativi dato il consistente numero di persone coinvolte. Innanzitutto le risposte confermano un diffuso utilizzo della Biblioteca (49,9 dei rispondenti), che trova riscontro nei dati reali dello stesso anno. Nel 2012 infatti sono state registrate quasi 789.000 presenze (di cui il 14% ragazzi fino a 14 anni) e 399.000 prestiti (di cui il 30% a ragazzi fino a 14 anni). Tornando all'indagine, qual è l'età e quale la provenienza dei rispondenti? Il 13,3% ha meno di 29 anni, il 23,9% tra i 30 e 44, il 34,/% trai 45 e i 59 anni e il 28,1% ha più di 60 anni. Il 93,3% sono cittadini italiani, il 6,1% stranieri (qualcuno non risponde). Quali servizi della Biblioteca hanno utilizzato? Tra quelli che hanno risposto di aver frequentato la Biblioteca molti hanno utilizzato più servizi. L'87% ha effettuato perlopiù operazioni di prestito, il 22% ci ha fatto visita per leggere giornali e quotidiani, il 22% per frequentare la sezione bambini e ragazzi, e il 20,8% indica di frequentare principalmente le sale studio. Anche gli altri servizi e proposte, nel loro insieme, riscontrano un'alta percentuale di utilizzo (70% circa). I servizi offerti dall'Archivio storico sono stati utilizzati in misura minore, ma comunque significativa (8,2%).

E per quanto riguarda la valutazione complessiva? La Biblioteca si conferma un servizio particolarmente apprezzato. Il giudizio è infatti pari a 8.5, ed è il valore maggiore che sia stato attribuito ai Servizi comunali oggetto di questa indagine, ed è superiore a quello dell'indagine del 2010, che era 8,37. Il punto più alto va alla valutazione del personale, che vede un 8.5. Mentre i punti sono 8.4 per i tempi di risposta alle diverse richieste, e lo stesso punteggio è dato per la funzionalità della sede. 8 sono i punti per gli orari di apertura. Piace anche constatare l'omogeneità delle valutazioni espresse, in riferimento sia ai diversi fattori, sia alla distribuzione sul territorio (valori compresi tra 8,1 e 9), sia alle diverse fasce di età (valori tra 8,2 e 8,7). Può dirci qualcosa a proposito di percezione nel tempo dei livelli di qualità? Sì, certo, il 61% ritiene che la prestazione sia rimasta allo stesso livello, mentre il 35% individua dei miglioramenti. Solo il 3,1% degli intervistati trova un leggero peggioramento. Si mette anche in evidenza in quali settori? Dai dati rilevati risulta che il piccolo numero intervistati (25 tra 500), come motivi di peggioramento indica la percezione di uno spazio poco sicuro e altre osservazioni che purtroppo sono collegate con una frequentazione impropria dello spazio bibliotecario. Posso dire che su questo manteniamo una costante attenzione. Di contro, chi trova i servizi offerti migliorati (oltre 80 persone) ci conforta indicando le azioni innovative che sono state intraprese: Media Library On line, che consente di prendere in prestito libri in formato digitale; il prestito automatizzato; l'aumento del periodo di prestito e la disponibilità di pubblicazioni nuove. Vengono inoltre notate altre attività che sono ormai di tradizione, come la presenza del WI/FI; la funzionalità del prestito interbibliotecario; la varietà delle iniziative culturali proposte. E non ultimo un dato piuttosto importante: la competenza e la disponibilità del personale. Proprio al personale desidero, anche in questa sede, esprimere il mio ringraziamento sentito: se la Biblioteca comunale di Trento vede un alto apprezzamento si deve in primo luogo a loro.

le a n u m o c a c e t o li ib B a ll e d Lo staff vi augura Buone Feste!

3


“U N

CASTELLO DI SOGNI .

T RENTO ,

LA CITTÀ NEL VASTO

I MPERO ”

Dai documenti e dalle collezioni della Biblioteca comunale e dell'Archivio storico immagini e cronache prima della Grande Guerra. In occasione del nuovo anno la Biblioteca comunale e l'Archivio Storico di Trento hanno realizzato un calendario con notizie riguardanti avvenimenti del passato e immagini tratte dai propri documenti e collezioni, con particolare riferimento all'epoca che precede la Grande Guerra. Un calendario che testimonia e racconta un clima “di sogno”, un'epoca di tranquilla vitalità cittadina, di nuove attività economiche, di aspirazioni autonomistiche e irredentistiche, condita da un'attenzione e apertura culturale al resto d'Europa. Una atmosfera positiva per una cittadinanza che sembra ignara di quanto si sta preparando. Come ci ricorda Joseph Roth nel suo romanzo La marcia di Radetzky, “Allora nessuno di loro aveva un udito abbastanza fine da avvertire il rumore degli ingranaggi dei grandi mulini nascosti che già cominciavano a macinare la grande guerra.” Per la popolazione, come racconta un testimone dell'epoca, la dichiarazione di guerra “l'è sta tut en colpo a ciel sereno”. Una novità assoluta nella società trentina, che da un

secolo non era stata coinvolta in eventi bellici. Mesi che scandiscono una vita quotidiana elegante, o semplicemente normale e decorosa, vivacizzata da figure simpatiche ­ “macchiette” ­ e popolari... Fino al giorno della mobilitazione generale e del famoso appello “Ai miei popoli” di Francesco Giuseppe, quando si apre un capitolo completamente diverso della nostra storia. Il calendario, e questo è un aspetto assai curioso, contiene pure un estratto dall'annuario statistico del 1914, che pubblichiamo nella pagina successiva. L'ideazione dei testi e il progetto grafico sono dell'archivista Franco Cagol e dei bibliotecari Silvano Groff e Mauro Hausbergher. Le fotografie sono di Luciano Palombi.

4

In vendita presso le edicole con il quotidiano “l’Adige”, e da gennaio presso tutte le sedi della Biblioteca comunale.

Sulla colonna di sinistra, dall'alto in basso: Bozzetto per la vetrina in via Belenzani (1913) Bozzetto per l’insegna in via Posta vecchia, 4 (attuale largo Carducci), 1905 Bozzetto per la vetrina in via S. Croce, 10 (1914) Bozzetto per la vetrina in largo Porta Nuova (1914) In mezzo, bozzetto per l’insegna in via S. Pietro, 14 (1914)

Sulla colonna di destra, dall'alto in basso: Cartolina pubblicitaria dell’Hotel Carloni, in via Lunga (attuale via Manci) Bozzetto per l’insegna all’angolo di via Mantova e vicolo della Roggia Grande (1912) Bozzetto per l’insegna in via S. Pietro, 15 (1910) Un reparto dell’ i. r. artiglieria da montagna in marcia nei pressi della chiesa di San Lorenzo


TRENTO 1914 31.140 gli abitanti della città 3.284 i militari della guarnigione 1.853 gli ettari del territorio comunale 11,5 gradi la temperatura media 0,843 m l’altezza media del fiume Adige 3 corone il costo di un kg di formaggio Vezzena 18.189 gli ettolitri di birra consumata 1.023 le lampadine per l’illuminazione pubblica 2.920.675 i kg di pane prodotti 1.391.643 i kg di carne macellati 8.730.000 ettolitri il consumo di acqua 89.534 le razioni distribuite alla cucina popolare 14.804 i bagni presso il bagno popolare comunale 949 i bambini iscritti agli asili 2.249 gli studenti iscritti alla scuola popolare 424 gli studenti iscritti alla scuola popolare tedesca 114.868 le lettere e le cartoline postali inviate 494.621 i colloqui telefonici 717.462 i passeggeri in partenza e 726.478 i passeggeri in arrivo con la ferrovia 424 i cavalli 517 le vacche 417 i cani 1.087 i polli 32.355 i forestieri in transito 3.172 le persone ricoverate all’ospedale 39 gli assistiti dell’orfanatrofio maschile 30 le assistite dell’orfanatrofio femminile 69 gli anziani in casa di riposo 793 le biciclette 3 i tricicli 9 le motociclette 9 gli autocarri 26 le automobili 1.259 i visitatori del museo 2.103 gli studiosi in biblioteca Dati dall’Annuario statistico comunale, pubblicato nel 1914


... E

FRA LE PAGINE , LA MUSICA E LE STORIE

I legami fra la musica e la letteratura sono antichissimi. Nei secoli, alcuni generi letterari nascono come supporto a melodie, e viceversa molte melodie sono state composte appositamente per accompagnare i racconti. La musica è stata, e rimane tuttora, protagonista di romanzi, favole e racconti. Proponiamo in queste pagine una selezione di letteratura sul tema.

E v a B a r on s k y Il signor Mozart si è svegliato

Elliot, 2010 Vienna 5 dicembre 1791. Mozart si trova sul letto di morte. Gli è accanto la moglie Constanze, mentre il medico di famiglia gli pratica l'ennesimo, inutile salasso. Mozart tenta di ribellarsi ma è ormai allo stremo delle forze e perde i sensi. Vienna 6 dicembre 2006. Un uomo si sveglia in una camera che non riconosce. I vestiti che indossa non sono i suoi e tutto gli appare diverso, strano. L'ultimo ricordo risale alla sera prima, quando sembrava essere giunta la sua ora. Invece adesso si sente bene. Presto si rende conto di trovarsi in una città e in un tempo a lui totalmente sconosciuti. Egli sa di essere Wolfgang Amadé Mozart in persona, ma realizza immediatamente che quella che per lui è la verità agli altri appare come il vaneggiamento di un folle.

C ho c ha n a B o u k ho b z a Il terzo giorno

Einaudi, 2012 A Gerusalemme il soffio caldo dello Sharav accarezza gli oleandri dei viali, le sinagoghe e le moschee, la vita quotidiana di una città all'apparenza pacifica. Così come sembra serena la vita di due donne, due musiciste, giunte in Israele per tenere un concerto: Elisheva, una famosa violoncellista, e Rachel, la sua allieva prediletta, vengono da New York e resteranno a Gerusalemme solo tre giorni. Per entrambe, però, quello è un viaggio nel passato.

N a m i t a De v i d a y a l La stanza della musica

Neri Pozza, 2009 E' un pomeriggio d'estate a Bombay nel quartiere malfamato di Kennedy Bridge. A partire dalle prime ore del pomeriggio, i marciapiedi davanti ai bordelli e ai ritrovi per soli uomini si riempiono di sguardi equivoci e indiscreti. Proprio nei pressi dei bordelli, in fondo alla strada, vive Dhondutai, la grande musicista, l'allieva di Bhurji Khan, il figlio di Alladiya Khan, il leggendario fondatore del gharana di Jaipur, una delle più antiche scuole di musica classica indiana, e di Kesarbai, la

6

cantante che quando intonava un raga di straordinaria bellezza dietro l'altro trascendeva davvero la sua natura mortale.

G e o f f Dy e r Natura morta con custodia di sax: storie di jazz

Einaudi, 2013 Durante un lungo viaggio "on the road" in compagnia del suo autista baritono, Duke Ellington pensa, ricorda, progetta e compone. Dalle sue riflessioni e fantasie prendono forma sette narrazioni indipendenti su altrettanti musicisti jazz: Lester Young, Thelonious Monk, Bud Powell, Charlie Mingus, Ben Webster, Chet Baker, Art Pepper.

J e a n E c he n o z Ravel

Adelphi, 2007 Elegante e inaccessibile, laconico e gelidamente cortese, il protagonista di questo romanzo potrebbe sembrare una maschera ­ o un enigma. Eppure è un personaggio che affascina. Forse per il suo raffinato distacco. Forse per la casa minuscola e complicata in cui vive non lontano da Parigi, affollata com'è di miniature d'ogni sorta, statuette e ninnoli, carillon e giocattoli a molla. O forse perché è Ravel, uno dei musicisti più celebri al mondo.

J e n n i fe r E g a n Il tempo è un bastardo

Minimum fax, 2011 "Il tempo è un bastardo" è un romanzo insolito, formato da una serie di racconti collegati dal ricorrere degli stessi personaggi. Al centro ci sono Bennie Salazar, ex musicista punk e ora discografico di successo, e il suo braccio destro Sasha, una donna di polso ma dal passato turbolento. Le loro storie si snodano fra la San Francisco di fine anni Settanta e una New York prossima ventura in cui gli sms e i social network strutturano le emozioni collettive, passando per matrimoni falliti, fughe adolescenziali nei bassifondi di Napoli, scommesse azzardate su musicisti dati troppe volte per finiti.


K a z u o I s hi g u r o Notturni: cinque storie di musica e crepuscolo

Einaudi, 2009 Il «notturno» in musica è una composizione di carattere lirico e melodico, veicolo di atmosfere sognanti e sentimenti ambivalenti, e in senso ampio ispirata alla notte. Nei cinque racconti di questa raccolta prevale l'ambientazione notturna delle scene cardine, la qualità onirica e comunque surreale delle vicende e soprattutto quell'alternanza di toni lievi e toni gravi che contraddistingue anche il genere musicale.

M i c he l e M a r i Rosso Floyd

Einaudi, 2010 Un romanzo che ricostruisce la parabola artistica dei Pink Floyd facendo coincidere i dati biografici con quelli fantastici, dando forma a un impasto unico modellato intorno a una delle band più celebrate del ventesimo secolo. A sovraintendere a questa febbrile requisitoria sono "i siamesi": due cervelli per un solo corpo, un legame conflittuale come quello che unì Roger Waters e David Gilmour.

Ma qual è stato l'originario "evento scarlatto" che ha fatto dei Pink Floyd la leggenda che sono diventati?

Y u k i o M i s hi m a Musica

Feltrinelli, 2005 Un giorno d'autunno, alla porta del dottor Kazunori, uno psicoanalista, si presenta un'affascinante ragazza che lo informa di non riuscire a sentire la musica. Da qui si sviluppa un'intricata vicenda in cui i tentativi di risalire alla causa del problema (la musica è una metafora dell'orgasmo) vengono descritti con una suspence da romanzo giallo.

T on i M or r i s on Jazz

Frassinelli, 1993 Harlem, 1926; un venditore nero cinquantenne uccide la giovane amante di diciotto anni; al funerale, la moglie dell'uomo cerca di sfigurare la salma... Questa, in sintesi, la trama del romanzo, il cui valore va però ben oltre l'intreccio: esso è soprattutto un grandioso affresco dell'America di colore tra il 1880 e la vigilia della Grande Depressione, dove il jazz, la musica nera per eccellenza, rappresenta il principio unificante tematico, strutturale e stilistico della narrazione.

M i k a e l Ni e m i Musica rock da Vittula

Iperborea, 2002 È la fine degli anni Settanta, quando le strade di Pajala, piccola cittadina del Tornedalen, all'estremo nord della Svezia, vengono asfaltate. Insieme all'asfalto arriva una novità ben più dirompente e pericolosa: la musica pop. Per il giovane Matti e il suo taciturno amico Niila inizia una nuova vita, anche se loro ancora non lo sanno.

Racconti musicali

a cura di Carlo Boccadoro Einaudi, 2009 In un arco temporale che va dall'800 ai giorni nostri, questa antologia propone ventidue racconti e una poesia, da "Musica per camaleonti" di Truman Capote a "Canto del cigno" di Agatha Christie, da "Musica" di Vladimir Nabokov e a "La ragazza di Ipanema", brano inedito di Murakami Haruki. Conclude il volume "L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello" di Oliver Sacks.

R o b e r t Sc hn e i d e r

Ombre

Einaudi, 2004 La violinista Florence Goldin e la psicanalista Kasha Markovski si sono conosciute sui banchi di un collegio femminile ebraico di Sydney. Ma la loro amicizia nasce solo qualche anno dopo, quando scoprono di amare entrambe lo stesso uomo. E sebbene Kasha sia destinata a sposare Collin Lamont, Florence è pienamente partecipe della sua felicità: per un breve periodo, le due donne sono legate da un rapporto molto intenso, fatto di grande complicità, del tutto privo di gelosia. Ma il giorno del matrimonio, quando per gli sposi suona il suo amato strumento, Florence decide di scomparire per sempre dalla loro vita.

V i k r a m Se t h Una musica costante

7

Corbaccio, 2004 Un incontro casuale su un autobus londinese, una lettera che non avrebbe mai dovuto essere letta, una pianista con un segreto che tocca il cuore della sua musica. E, ancora, la ricerca di un raro quintetto per archi di Beethoven e un violino amato fino all'ossessione, ma mai posseduto. Il romanzo è insieme una storia d'amore, intensa e struggente e una meditazione profonda sulla musica e sull'essere musicisti.


N OVITÀ

DI NARRATIVA IN LINGUA

Ma r ti n A m i s LIONEL ASBO LI AMI 1 K 8577855

Young Desmond Pepperdine desires nothing more than books to read and a girl to love. Unfortunately for him, he's the ward of his uncle, Lionel Asbo (self­named after England's infamous Anti­Social Behaviour Orders), a terrifying yet oddly principled thug who's determined to teach him the joys of pit bulls, internet porn, and all manner of more serious criminality. But just as Desmond begins to lead a gentler, healthier life, Lionel wins £139 million in the lottery, hires a public­relations firm, and begins dating a cannily ambitious topless model and poet.

E l i z a b e t h St r o u t

THE BURGESS BOYS LI STR 2 K 8577854

Haunted by the freak accident that killed their father when they were children, Jim and Bob Burgess escaped from their Maine hometown of Shirley Falls for New York City as soon as they possibly could. Jim, a sleek, successful corporate lawyer, has belittled his bighearted brother their whole lives, and Bob, a Legal Aid attorney who idolizes Jim, has always taken it in stride. But their long­standing dynamic is upended when their sister, Susan urgently calls them home. Her lonely teenage son, Zach, has gotten himself into a world of trouble, and Susan desperately needs their help.

M o Y a hn POW!

LI MOYA 1 K 8585715 Reminiscent of the novels of dark masters of European absurdism like Gunter Grass, Witold Gombrowicz, or Jakov Lind, Mo Yan's "Pow!" is a comic masterpiece. In this bizarre romp through the Chinese countryside, the author treats us to a cornucopia of cooked animal flesh ­ ostrich, camel, donkey, and dog, as well as the more common varieties. As his dual narratives merge and feather into one another, each informing and illuminating the other, Yan probes the character and lifestyle of modern China.

8

J e n n i e Fi e ld s

THE AGE OF DESIRE LI FI.E 1 K 8590163

They say that behind every great man is a great woman. Behind Edith Wharton, there

was Anna Bahlmann—her governess turned literary secretary and confidante. At the age of forty­five, despite her growing fame, Edith remains unfulfilled in a lonely, sexless marriage. Against all the rules of Gilded Age society, she falls in love with Morton Fullerton, a dashing young journalist. But their scandalous affair threatens everything in Edith’s life—especially her abiding ties to Anna.

J u li a n B a r n e s PULSE

LI BARN 4 K 8592743 Julian Barnes returns with fourteen stories about longing and loss, friendship and love, whose mysterious natures he examines with his trademark wit and observant eye. From an imperial capital in the eighteenth century to Garibaldi's adventures in the nineteenth, from the vineyards of Italy to the English seaside in our time, he finds the 'stages, transitions, arguments' that define us. Whether domestic or extraordinary, each story pulses with the resonance, spark, and poignant humor for which Barnes is justly heralded.

C ol m T oi bi n

THE EMPTY FAMILY LI TOI 1 K 8592741 Colm Tóibín returns with a stunning collection of stories, offering an incredible range of periods and characters, people linked by love, loneliness, desire. In the breathtaking long story “The Street,” Tóibín imagines a relationship between Pakistani workers in Barcelona—a taboo affair in a community ruled by obedience and silence. In “Two Women,” an eminent and taciturn Irish set designer takes a job in her homeland and must confront emotions she has long repressed. “

K e n F ol l e t t

FALL OF GIANTS LI FOL 14 K 8614214 This is a huge novel that follows five families through the world­shaking dramas of the First World War, the Russian Revolution, and the struggle for votes for women. It is 1911. The Williams, a Welsh coal­mining family, is linked by romance and enmity to the Fitzherberts, aristocratic coal­mine owners. Lady Maud Fitzherbert falls in love with Walter von Ulrich, a spy at the German Embassy in London. Their destiny is entangled with that of an ambitious young aide to U.S. President Woodrow Wilson.


Inverno e’...:

Mercatini!

Una casa addobbata per le Feste!

Gu i d a a i m e r ca t i n i d i Na t a l e d i t u t t a E u r op a di Ughetta La catena, ed. Morellini, 2012

C om e r e a l i z z a r e d e c or a z i on i p e r l a t a v ol a d i N a t a l e

C i t t à d ' E u r op a : g u i d a a l w e e k ­e n d

di Polly Pinder, ed. Il castello 2012

F e s t e g g i a m o i l N a t a l e : t r a d i z i on i , a d d obbi , r e g a l i , r i c e t t e

ed. White Star, 2009

ed. Gribaudo, 2010

I d e e f a ci l i p e r Na t a l e a cura di Francesca Peterlini, ed. Peter

C om e r e a l i z z a r e d e c or a z i on i p e r l ' a l be r o d i N a t a l e di Judy Balchin, ed. Il castello 2012

Neve! S c i a l p i n i s m o i n Do l o m i t i : 6 5 i t i n e r a r i + 3 t r a v e r sa t e . . . di Enrico Baccanti, Versante sud

Comfort food! Ca n e d e r l i di Maria Teresa Di Marco, ed. Tommasi, 2011

P a n e e z up p a : r i c e t t e d i z u p p e d a l m on d o a cura di Jane Price, ed. Tommasi, 2010

M e n u c oc ot t e : p i ù d i 1 0 0 r i c e t t e or i g i n a l i d i m i n i c oc ot t e José Maréchal, ed. Tommasi 2010

Z u p p e p e r t u t t i i g i or n i a cura di Sophie Grigson, ed. Tecniche nuove, 2010

P i s t e d a s l i t t a i n Su d t i r o l o : 1 3 0 i t i n e r a r i a c on t a t t o c on l a n a tur a d' i n v e r n o di Heiner Oberrauch, Athesia, 2005

P a r a d i s i d e l l o s c i d i f on d o: i p r i n c i p a l i a n e l l i p e r l o s c i d i f on d o. . . Azzurra Music, 2010 C i a s p ol e : 1 5 i t i n e r a r i p e r t u t t a la f a m i g li a Azzurra Music, 2012

E s c u r s i on i c on l e c i a s p ol e i n A l t o A di ge : g u i d a a i 6 0 i t i n e r a r i p i ù be l l i Oswald Stimpfl, Folio Editore

I n m on t a g n a c on l e c i a s p ol e : i t i n e r a r i sce l t i p e r v i v e r e l a n e v e su lle A lp i e su g li A p p e n n i n i Michele Dalla Palma, Hoepli, 2012

Un caldo maglione fatta a mano! P i c c ol i p r og e t t i a m a g l i a _ d a f a r e i n m e z z ' or a ! Carol Meldrum, Il castello, 2013

M a g l i a : u l t i m a m od a p e r ba m bi n i Debbie Bliss, White Star 2012

L a v or a r e a m a g l i a : i m p a r a r e a l a v or a r e a m a g l i a c on 2 0 s p l e n d i d i p r og e t t i Sasha Kagan, Keybook 2010

Una tazza di thè caldo! I l q u a d e r n o d e l l e t i s a n e d i u n a v ol t a : d e c ot t i e i n f u s i p e r s t a r be n e a cura di Erio Bernard , ed. Kellermann 2013

T i sa n e : i l g u st o d e lla sa lu t e Walter Pedrotti, ed. Giunti Demetra, 2010

T è e i n f u s i p e r l a n o s t r a s a l u t e s e c o n d o l e a n t i c he r i c e t t e c i n e s i Zong Xiao­fan, ed. Il punto d'incontro, 2002

T è , ca f f è , i n f u si : d e l i z i e i n cu ci n a Giuliano Valsecchi, ed. Nardini, 2000


Ludwig Wittgenstein Wittgenstein. Una biografia per immagini a cura di Michael Nedo Carocci, 201 3

Rampollo di una delle famiglie più in vista della Vienna fin-de-siècle, ingegnere aeronautico, volontario nella prima guerra mondiale, maestro di scuola elementare, giardiniere in un monastero, architetto, professore a Cambridge... genio. Quante vite si nascondono dietro lo sguardo leggermente beffardo con cui Ludwig Wittgenstein ci osserva dalla copertina di questo libro? Per rispondere a quest'interrogativo, Michael Nedo, che a Wittgenstein ha dedicato la propria esistenza, ha raccolto in questo volume foto, lettere, citazioni, taccuini, appunti, memorie di parenti e amici del filosofo austriaco, nel tentativo di rivelare la complessa interazione tra la vita e l'opera, l'ambiente culturale e quello familiare, siglando così il suo tributo a una delle figure più originali ed enigmatiche del Novecento.

Biblioteca austriaca Österreich-Bibliothek Doron Rabinovici Altrove

traduzione di Alessandra Luise postfazione di Michaela Bürger-Koftis Giuntina, 201 3 ed. originale:

Andernorts . Roman Suhrkamp, 201 0

Ethan Rosen e Rudi Klausinger sono due ambiziosi professori nello stesso campo di studi. Non sarebbe certo stato singolare uno scontro tra loro per una cattedra, ma il corso degli eventi li costringerà a una ben altra sorprendente competizione: una gara per la riscoperta delle proprie origini, costellata di colpi di scena. Al centro delle loro attenzioni c'è Felix, il padre di Rosen, un vecchio ebreo viennese sopravvissuto ad Auschwitz e trasferitosi in Israele. Felix ha urgente bisogno di un nuovo rene e stranamente entrambi si ritrovano al suo capezzale. Ben presto la ricerca dell'organo e di donatori compatibili si trasforma in un viaggio tragicomico nei segreti della famiglia Rosen e in rivelazioni impreviste sulle vere origini di Klausinger, il tutto condito dalle iniziative di un celebre rabbino che tenta di portare il Messia al mondo attraverso esperimenti genetici senza precedenti.

Doron Rabinovici Nato nel 1 961 a Tel Aviv, vive a Vienna dal 1 964. E' scrittore, saggista e storico. 1 961 in Tel Aviv geboren, lebt seit 1 964 in Wien. Er ist Schriftsteller, Essayist und Historiker


Notizie dalla Biblioteca civica di Rovereto UN ALLA

LABORATORIO DIDATTICO DI ARTE GRAFICA

B IBLIOTECA

CIVICA

T ARTAROTTI

DI

R OVERETO

Al piano interrato del “Palazzo del grano”, la parte più antica della Biblioteca civica di Rovereto che nel 2014 celebrerà i suoi 250 anni di vita, trova posto la splendida sala che ospita attività didattiche e allo stesso tempo si presta come luogo di esposizione. Qui è stato ricostruito l’ambiente di lavoro di una antica tipografia: dalla composizione a mano con i caratteri mobili, all’uso di tecnologie sempre più evolute. Gli oggetti, i torchi, le taglierine, macchinari da stampa originali dei secoli XIX e XX, provengono in gran parte da donazioni di privati. Un torchio, posseduto in passato da Ines Fedrizzi, invece appartiene al MART. Grazie alla disponibilità ed al lavoro di un gruppo di ex tipografi sono stati restaurati e rimessi in funzione e già da qualche tempo la Biblioteca, sempre grazie alla disponibilità degli artigiani, offre un'attività didattica indirizzata ai bambini delle scuole materne ed elementari. I due percorsi didattici si intitolano “Nella Bottega di Gutenberg” e “Per tipi di carattere”. I piccoli apprendisti accompagnati dal personale della biblioteca e dagli esperti artigiani, possono provare l'emozione di stampare con un torchio ottocentesco, utilizzando inchiostri e caratteri mobili come al tempo di Gutenberg. Ai più grandicelli vengono poi mostrati i magazzini storici, dove si custodiscono i tesori della Biblioteca. I bambini

imparano così il valore dei libri anche come oggetti risultanti da un lavoro lento e complesso che oggi solo pochissimi conoscono. Queste attività sono effettuate in collaborazione col MART. A completamento del percorso vi sono alcuni pannelli espositivi che illustrano e riassumono l’evoluzione del processo di produzione del libro dall’antichità al medioevo e quindi dalla “rivoluzione” di Gutenberg alla stampa digitale. Questo laboratorio ospita anche mostre temporanee dedicate a singoli aspetti dell’arte tipografica e iniziative connesse alla stampa e promozione del libro. Nel novembre 2010 in occasione del cinquantenario dalla morte di Depero, sono stati realizzati uno spettacolo musicale e una stampa a tiratura limitata di una poesia del noto artista futurista. Tra le varie macchine la Biblioteca conserva anche quella proveniente dalla Tipografia Mercurio, con la quale è stato stampato il famoso libro imbullonato di Fortunato Depero. L’integrazione del “Laboratorio Didattico Arte Grafica” con le altre sezioni in cui è attualmente organizzata la Biblioteca permette di cogliere l’intero processo di produzione del libro, articolato in tre fasi: la sua creazione, documentata nelle carte dei singoli autori conservate nella sezione manoscritti e archivi personali; la sua realizzazione in tipografia (laboratorio didattico di arte grafica) e commercializzazione (archivio delle Arti grafiche Manfrini) e, infine, la sua fruizione, conservazione e valorizzazione (biblioteca storica e moderna).

11

Nel 2013 ha avuto inizio la collana "Autori per il Riccio", stampata dal Laboratorio Arte Grafica. L'intento guida della collana è quello di pubblicare libri in numero limitato di copie (un centinaio alla volta), proponendo un costante dialogo tra testo e illustrazione d'arte.


P e te r Ma y

L'UOMO DI LEWIS Einaudi

idealisti e i gruppi religiosi, ricorrendo a mezzi poco ortodossi.

P a s c a l M or i n

ISTRUZIONI PER CINQUANTENNI IN CERCA D'AMORE

Einaudi

Sull'isola di Lewis viene rinvenuto il cadavere di un ragazzo miracolosamente conservatosi nel tempo. Il corpo, sul quale sono ancora visibili profonde ferite da taglio, ha un tatuaggio sul braccio destro: Elvis. Dunque il ragazzo deve essere rimasto nella torba per una cinquantina d'anni al massimo. Sull'isola nel frattempo, ha fatto ritorno l'ex detective Fin Macleod. La storia del ragazzo della torbiera, però, lo coinvolge fin da subito. Il Dna del cadavere

infatti ha diversi punti in comune con quello di Tormod Macdonald, padre di una vecchia fiamma di Fin, ora diventato un vecchio obnubilato dalla demenza senile.

M o hs i n H a m i d

COME DIVENTARE RICCHI SFONDATI NELL'ASIA EMERGENTE

Einaudi L'autore presenta la storia di un'altra ascesa, ma cambia classe sociale e voce, proiettando il lettore quasi direttamente nei panni del "tu" protagonista, a cui è rivolto il libro di autoaiuto. Dal poverissimo villaggio di una non meglio precisata nazione dell' "Asia emergente", il protagonista muove il primo passo. Da qui, sempre guidato all'apparenza dalle istruzioni a volte singolari del manuale, il protagonista si appresta a conquistare la ricchezza a tappe forzate, facendosi un'istruzione, evitando d'innamorarsi, scansando gli

12

Catherine Tournant insegna in un liceo della periferia di Parigi. Cerca di colmare i divari tra i ragazzi insegnando loro la letteratura francese ma soprattutto impegnandosi e dimostrando di essere per loro un punto di riferimento. Ma le

malelingue allignano ovunque. Cosi, quando dopo aver invitato a un tè una studentessa di origini polacche a cui è morta la mamma, a scuola si sparge la voce che Catherine ci prova con le ragazze. E trent'anni di carriera sembra vadano in fumo per uno stupido pettegolezzo. Delusa, umiliata, Catherine decide di prendersi una pausa. E di dar fondo a tutta la sua ironia.

ragazzina bionda che soltanto Marta è in grado di vedere. E questa ragazzina sta cercando di dirle qualcosa.

J u li a n B a r n e s

LIVELLI DI VITA Einaudi I tre leggendari pionieri ottocenteschi che rivivono nella prima parte di questo memoir, sono accomunati dalla passione per il volo, allora ai suoi albori, dall'impulso a sganciarsi dal regno che ci è deputato e conquistare lo spazio degli dei. Più giù, a livello terra, le turbolenze sono quelle dell'amore. A quello infelice di Fred Burnaby, colonnello della cavalleria inglese, per la "divina" attrice Sarah Bernhardt, e a quello invincibile del vignettista, aeronauta e inventore della fotografia aerea Félix Tournachon, alias Nadar, per sua moglie, è dedicata la seconda sezione del libro. Nell'ultima sezione del libro, l'autore racconta

i cinque anni successivi alla morte della moglie, e s'immerge negli abissi del lutto e del ricordo per riprendersi ciò che è suo.

Se b a s t i a n F i t z e k IL SONNAMBULO Einaudi

E m m a C ha p m a n

COME ESSERE UNA BRAVA MOGLIE

Feltrinelli Marta ed Hector sono sposati da tanto tempo, talmente tanto che Marta fatica a ricordare la sua vita prima di quell'evento. Lui si è sempre preso cura di lei, e lei ha sempre fatto tutto il possibile per essere una brava moglie. Ma quando Hector le rivela un segreto, la loro ordinata vita domestica comincia ad andare a rotoli. Nell'ombra c'è una

Leon vive in un elegante appartamento con la giovane moglie Natalie. Nonostante tutto sembri procedere per il meglio, l'uomo comincia a notare qualche dettaglio sospetto e un giorno la moglie scompare nel nulla. Leon è tormentato dall'idea di aver commesso qualcosa di


irrimediabile e che siano tornati a manifestarsi i sintomi della grave forma di sonnambulismo che aveva funestato la sua adolescenza. Terrorizzato da se stesso, decide di piazzare una telecamera nella stanza da letto e monitorare i propri comportamenti. E cosi scopre la vita notturna della quale era totalmente inconsapevole...

desiderato. Ma la donna dovrà pagare un costo imprevisto e devastante.

H a n s T uz z i

CASTA DIVA Bollati Boringhieri

R os a V e n t r e l l a

IL GIARDINO DEGLI OLEANDRI Sperling & Kupfer

C'è un oleandro in fiore nel giardino di una casa a Carbonara, in Puglia. Lo ha piantato Agostino

Il vicequestore Melis, scortato dall'agente D'Aiuto, partecipa a un convegno organizzato a Napoli dal Ministero. Conclusi i lavori, come rifiutare l'invito del suo ex questore a passare un fine settimana in villa, sulla Costiera? È un universo un po' a sé, appartato, una piccola società dalla mondanità molto particolare: un universo dove non

quando si è trasferito lì con la moglie Anita, per tutti "la Margiala". Donna di rara e misteriosa bellezza, la Margiala è in grado di lenire i dolori dei bambini, di aiutare le donne durante il parto e, quando occorre, di togliere il malocchio. Ha tre figlie, la Margiala: Rosetta, Cornelia e la più piccola, Diamante. Diamante ama la libertà e invidia chi, come il fratello Giuseppe, non accetta regole ferree.

mancano le vecchie glorie e i mostri sacri di un tempo ormai trascorso. Ma l'idillio è guastato da un incidente che forse incidente non è, la morte di un turista che forse solo turista non era. Così, mentre il bel D'Aiuto si ritrova oggetto di un inaspettato tentativo di seduzione, Melis, su richiesta del suo ex superiore, si trova costretto a prolungare una vacanza ormai tramutata in indagine.

Cl a i r e M e s s u d

L'OMBRA Einaudi

LA DONNA DEL PIANO DI SOPRA Bollati Boringhieri 2004, Cambridge, Massachusetts. Nella classe di Nora, un'insegnante sulla quarantina, in apparenza rassegnata a una vita monotona, arriva il piccolo Reza, figlio di un'artista italiana e di un ricercatore libanese. L'incontro cambierà la vita di Nora, aprendole le porte del mondo dell'arte, da lei sempre ambito e

senza identità, che ripulisce le scene dei crimini senza lasciare la minima traccia di sé.

A n t o n i o T a b u c c hi

PER ISABEL: UN MANDALA Feltrinelli Solo l’apparente indecifrabilità del sogno sa guardare il mistero. La realtà è una superficie piena di buchi, diceva Tabucchi, e ha bisogno di ipotesi oniriche che li riempiano. È quello che accade in questo postumo e bellissimo libro. Al centro una donna, una donna inquieta e imprevedibile, di cui tutti sanno o sembrano sapere una verità diversa. Come in un mandala, l’autore procede per centri concentrici, di voce in voce, verso la ricerca di una possibile verità, l’ultima verità. E tuttavia, sia pur davanti all’esplicita menzione del termine “verità”, non siamo all’interno di una ricerca religiosa o scientifica. Qui si gioca una grande festa della parola e della ricerca letteraria: il

monologo lascia il posto al delirio, il delirio alla lucidità del gioco e alla tensione lirica.

H a n i f K u r e i s hi

L'ULTIMA PAROLA Bompiani

R og e r H obbs Quando una rapina a mano armata a un casinò di Atlantic City finisce in un bagno di sangue, con uno dei rapinatori ferito e in fuga, all'uomo che ha organizzato il colpo non rimane che rivolgersi a Jack Delton. Pochi sanno che lui è esistito, e ancora meno immaginano che è ancora vivo. Perché Jack è quello che nel gergo si definisce un'"ombra": un uomo

Mamoon è un noto scrittore nato in India, ma che ha costruito la sua carriera in Inghilterra. Sono i primi anni '70 e la sua reputazione si sta affievolendo, le vendite calano e la sua nuova moglie ha gusti molto costosi. Harry è un giovane scrittore che accetta di scrivere la biografia di Mamoon per rivitalizzare sia la figura del vecchio leone sia il

13


conto in banca. Harry ammira molto il lavoro di Mamoon e vuole svelare la verità sulla vita di questo artista. Ma l'editore cerca molto più di questo, cerca lo scandalo, qualcosa che possa solleticare la curiosità dei media. E persino lo stesso Mamoon sta cercando di capire la verità su se stesso e la vita che ha condotto.

B a r b a r a A . Sha p i r o LA FALSARIA Neri Pozza

Basato esclusivamente su fatti storicamente accertati, il romanzo ricostruisce la vicenda di Claire Roth, una giovane e promettente

artista la cui carriera è stata stroncata da uno scandalo (ha osato dichiarare che l'autrice di una celebre opera era lei e non l'artista cui era attribuita). Ridottasi a falsario, Claire non può resistere all'offerta di un trafficante d'arte che le propone di realizzare un falso a partire da una delle opere di Degas trafugate durante il celebre furto del 1990 all'Isabella Stewart Gardner Museum di Boston. Ma mentre realizza la sua copia, Claire matura il sospetto che lo stesso capolavoro di Degas, che per oltre un secolo ha campeggiato su una parete del Gardner Museum, sia esso stesso un falso.

14

L a ur e n B e uk e s

THE SHINING GIRLS il Saggiatore

Chicago, 1931. Harper Curtis trova la chiave di una casa le cui porte permettono di viaggiare avanti e indietro nel tempo. Per questo dono, però, c'è un prezzo molto alto da pagare. L'uomo deve cercare e

uccidere delle vittime particolari. Devono essere giovani donne, intense, talentuose: ragazze splendenti. Harper le scova da bambine e torna a ucciderle da adulte, una ad una, lasciando sui loro corpi indizi anacronistici. Nel 1989, però, Kirby Mazrachi sopravvive al suo brutale attacco e comincia una ricerca che la porterà vicina a una verità impossibile.

volo. L’analisi della Scientifica non lascia alcun dubbio: esplosivo al plastico c4, utilizzato negli anni ’60 e ’70 per gli attentati a sfondo politico. Un omicidio, dunque. Ma la squadra di Laurenti è sempre un passo avanti e, seppur avvalendosi di metodi non sempre del tutto ortodossi, riuscirà a mettere le mani sui banditi e scoprire cosa si cela dietro la morte di Spechtenhauser.

M a r c o M on t e m a r a n o

M a r g a r e t Do o d y

LA RICCHEZZA Neri Pozza

A quindici anni Fabrizio Pedrotti è già un gigante. È bello, è un leader. A scuola è attorniato da una folla di cortigiani, e il mondo gli si srotola ai piedi come un tappeto. Un giorno del 1975, nel corridoio di un liceo romano, Fabrizio sceglie Giovanni come amico. Gli mette una mano sulla testa e lo elegge a suo scudiero. Poi lo ribattezza Hitchcock e lo accoglie nella cerchia più intima della sua famiglia. Nel lussuoso appartamento dei Pedrotti,

Giovanni­Hitchcock si muta nel testimone della vita dell'intero nucleo familiare.

V e i t H e i n i c he n IL SUO PEGGIOR NEMICO E/o

Una mattina di fine maggio l’imprenditore Franz Xaver Spechtenhauser, altoatesino residente da anni sul Carso e proprietario di diverse aziende vinicole, carica alcune casse di vino sul suo cessna privato e decolla alla volta del Sud Tirolo. È un esperto aviatore, ma dopo pochi minuti dalla partenza l’aeroplano esplode in

ARISTOTELE NEL REGNO DI ALESSANDRO Sellerio

Arpalo ­ ex tesoriere di Alessandro il Grande ­ giunge al Pireo con una flotta e un tesoro di oscura provenienza, che vuole mettere a disposizione della cittadinanza, se questa lo accoglierà benevolmente. Mentre in città si discute sul da farsi, Stefanos parte per una missione in Persia ed è lo stesso Aristotele ad affidargli un incarico delicato: cercare il nipote Callistene, che è lo storico di fiducia di Alessandro, di cui non si hanno notizie da tempo. Dopo un viaggio pieno di pericoli, Stefanos giunge in Persia e si ferma nella città dove Alessandro sta trascorrendo la stagione calda. I giardini sontuosi e le mura rivestite d’oro e d’argento sembrano tutti segni di un regno prospero e felice. Ma a Stefanos poco a poco si disvelano una serie di intrighi e sotterfugi. Quando la corte si trasferisce a Babilonia gli eventi precipitano: in un giorno di nuvole muore Alessandro Magno. Chi può avere voluto la morte di Alessandro?


G r e g or i o C a t a l a n o, M a z z e r bo C a r l o

NE VALE LA PENA. GORGONA, UNA STORIA DI DETENZIONE, LAVORO E RISCATTO

Nutrimenti In Italia solo il 13% della popolazione carceraria lavora. Il resto passa venti ore al giorno in cella, senza alcuna occupazione. Ma per più di quindici anni una piccola isola in mezzo al Tirreno è riuscita a essere un vero e proprio modello. Carlo Mazzerbo racconta in prima persona il suo periodo di direzione del penitenziario di Gorgona, la sfida difficile ma possibile di recuperare i detenuti attraverso il lavoro, dando loro un futuro fuori dal carcere.

meringa colorati, e a quelle mini torte decorate e servite in modo scenografico o infilate su bastoncini come leccalecca? Macaron, cupcake e cakepop sono i dolcetti più amati del momento, facili da preparare, divertenti da decorare e perfetti per ogni occasione.

F r a n c e s c a Sg o r b a t i B o s i GUIDA PETTEGOLA AL SETTECENTO FRANCESE Sellerio

S e r g i o D' A l e s i o

IL POETA CON LE SCARPE DA TENNIS. ENZO JANNACCI IN 100 PAGINE

Aereostella

C a r l os C a s t a n e d a

A SCUOLA DAGLI STREGONI. DUE INTERVISTE A

CASTANEDA SEGUITE DA

QUATTRO STORIE DI SCIAMANI

Nuovi Equilibri Quanti giovani negli anni ’70 e ’80 hanno lasciato le strade indiane del Siddharta per quelle del Peyote di

don Juan alla ricerca di sballo, evasione o consapevolezza, oltre che di felicità? Lo hanno fatto irretiti dagli stregoni sudamericani attraverso le pagine dei libri di Carlos Castaneda. In due interviste egli parla e racconta per aggiungere altre “perle” di conoscenza a quelle contenute nei suoi libri.

M i a O hr n

MACARON, CUPCAKE, CAKEPOP. E TANTE ALTRE DELIZIE DA FORNO

Gribaudo

Nasce nella Francia del '700 il pettegolezzo, che allora si definiva "rumours" in inglese e "bruits" in francese. Per essere informati, in

quell’epoca bastava interrogare i venditori ambulanti e le persone di servizio, ritrovarsi nei mercati e nelle piazze dove c’era sempre qualche beninformato che discuteva sulle ultime notizie. Se si apparteneva all’alta borghesia e all’aristocrazia ci si teneva al corrente frequentando i salotti, i teatri, e la Corte. Le notizie correvano di bocca in bocca, venivano scribacchiate su pezzi di carta, stampate su giornaletti clandestini e anonimi. Più si era famosi, più si era oggetto di pettegolezzi. Più l’indiscrezione era ghiotta, più velocemente circolava per Parigi.

L or e d a n a L i p p e r i n i

MORTI DI FAMA. IPERCONNESSI E SRADICATI

Corbaccio

Chi può resistere alla tentazione di quei piccoli, deliziosi biscotti di

dall'estrema semplicità delle piattaforme da Youtube a Word Press e dalla nascita continua di nuove piattaforme e applicazioni che permettono di documentare, condividere, amplificare e promuovere ogni istante della propria vita/attività. Si diventa il marchio, la merce, non è necessario produrre nulla e ci si allea con altri brand simili alimentando la propria fama attraverso blog, facebook twitter.

La rete è il luogo dove gli individui si creano una identità, fanno di se stessi un marchio, un prodotto da promuovere. Il tutto è facilitato

Cantautore, attore, cardiologo, ateo convinto e pioniere del rock'n'roll italiano insieme a Celentano e Gaber, Enzo Jannacci è uno dei grandi protagonisti della scena musicale dal dopoguerra al nuovo millennio. Caposcuola del cabaret italiano, nel corso della sua carriera collabora con stelle del mondo dello spettacolo, del giornalismo e della t

elevisione diventando una icona per le successive generazioni di comici e di cantautori.

I a n Sa n s o m

L'ODORE DELLA CARTA TEA

15

La carta è un elemento essenziale della nostra storia, della nostra vita e della nostra cultura. Senza di essa, non saremmo mai arrivati dove siamo oggi. La nostra civiltà è stata costruita sulla carta: soldi cartacei hanno dato vita alle nostre economie; mappe cartacee hanno diviso i nostri Paesi; leggi cartacee


sono state emanate dai nostri governi; e soprattutto volumi cartacei hanno trasmesso la nostra cultura. E' un viaggio nel mondo della carta che ne ripercorre gli usi e la storia, diradando ogni dubbio sulla sua importanza capitale che la cellulosa oggi e per sempre avrà sempre nella vita di ognuno di noi.

T om M u e l l e r

EXTRAVERGINITÀ. IL SUBLIME E SCANDALOSO MONDO DELL'OLIO DI OLIVA

Biblioteca di Ulisse

M i c he l P a s t o u r e a u

VERDE. STORIA DI UN COLORE Ponte alle Grazie

G i ov a n n i L i s t a

ENRICO PRAMPOLINI, FUTURISTA EUROPEO

Carocci Enrico Prampolini ha vissuto l'avanguardia come tensione verso un rinnovamento totale dei linguaggi dell'arte. Dalla sintesi analogica astratta all'arte meccanica, dall'idealismo cosmico al polimaterismo, il libro ne individua l'evoluzione e i caratteri specifici.

C a r l o B or d on i

GUIDA ALLA LETTERATURA DI

In Italia, una persona su sei dichiara che il verde è il suo colore preferito. È un colore ambivalente, ambiguo, simbolo della vita, della fortuna, della speranza, ma anche del veleno,

della sfortuna, del diavolo. Questo libro ripercorre la lunga storia sociale, artistica e simbolica del verde nelle società europee dal Paleolitico fino ai nostri giorni. Sottolinea come questo colore, che per lungo tempo è stato difficile da fabbricare e ancora di più da issare, non è solo il colore della Natura ma anche quello del Destino.

L a u r a R i cci

PARALETTERATURA. LINGUA E STILE DEI GENERI DI CONSUMO

Carocci

16

Si analizzano le peculiarità stilistiche e linguistiche di un'ampia produzione racchiusa sotto varie etichette e articolata in più tipologie: dall'antica stampa popolare alla contemporanea chick­ lit, dal "rosa" al "giallo", dalla narrativa per l'infanzia al fumetto, dal feuilleton al fotoromanzo.

Il libro racconta l’avvincente storia di una sostanza simbolo di purezza e di energia primordiale a contatto con la modernità globalizzata: è una storia di inganni perpetrati dalle grandi multinazionali dell’alimentazione, di interessi del crimine organizzato, di trappole del mercato globale. Ma è anche una storia di bellezza e di coraggio: il mondo dei piccoli coltivatori di qualità, di attivisti della consapevolezza alimentare, di aziende artigiane che difendono

strenuamente il valore di questo nutrimento, della sua cultura e della sua purezza.

Di e g o A b a t a n t u o n o , G i or g i o T e r r u z z i LADRI DI COTOLETTE Einaudi

Diego Abatantuono svela qualcosa di sé, ripercorrendo "il dietro le quinte" di tutti i grandi film di cui è stato protagonista, e usa il cibo come filo conduttore: ricette incontrate quasi per caso e diventate memorabili, piatti poveri spesso arricchiti dalla conversazione. Così riporta alla memoria i profumi e i sapori di paesi lontani, le risate che hanno rallegrato le tante nottate passate lontano da casa, circondato da colleghi, divenuti con il tempo sinceri amici. Storie e aneddoti divertenti, a volte memorabili, fatiche, imprevisti e anche appassionate "storie d'amore".

FANTASCIENZA

Odoya

A partire dalla fine dell’800, quando

i primi scrittori hanno cominciato a immaginare un futuro dominato dalla macchina, dalle nuove scoperte scientifiche, da vettori capaci di vincere la gravità terrestre e viaggiare nello spazio, questa narrativa fantastica, a volte giudicata “povera” e “popolare”, ha contribuito a costruire il futuro dell’uomo spesso anticipando invenzioni, soluzioni e scoperte.

M a u r o C r oc e , R a sca z z o Fr a n ce sca

GIOCO D'AZZARDO, GIOVANI E FAMIGLIE

Giunti Il fascino del rischio, insieme all'illusione di vincere sono un mix potente in una società in cui emergere e osare sembrano essere regole inderogabili per riuscire, per vincere. Sulla dipendenza e su come affrontarla il libro propone un insieme di strategie al centro delle quali c'è la promozione di una cultura della responsabilità.


FRANCO RELLA

"Sono un filosofo che si occupa di letteratura, o sono un letterato che si sporge verso la filosofia? Sono un lettore che scrive, o uno scrittore che legge? Ha importanza saperlo? La cosa più importante qui rimane fuori del testo. La cosa più importante è quale vita, quali relazioni, quale comprensione del mondo ho ottenuto attraverso la lettura e attraverso la scrittura. Questa non posso dichiararla semplicemente. Posso solo rinviare a quello che si sporge dai miei libri." Ego scriptor (da Egli 1999)

Ed ecco nel 2013 altre due pubblicazioni del filosofo roveretano. Nella collana “Narrazioni della Conoscenza” diretta da Flavio Ermini, è uscito con la casa editrice Moretti&Vitali: Metamorfosi. Immagini del pensiero di Franco Rella. Libro che si configura come un viaggio, un’avventura attraverso le immagini e le figure che la poesia, l’arte, la filosofia hanno creato per cercare di dare un senso a ciò che si affolla fugace intorno a noi. È un viaggio in compagnia di Walter Benjamin, di Baudelaire, di Valéry, ed è anche il racconto di questo viaggio. Infatti, le grandi figure, attraverso le quali la realtà metropolitana in cui viviamo fa trasparire il suo senso, sono catturate attraverso un racconto critico che si declina in una vera e propria appassionata narrazione. Per i tipi di un piccolo editore di Palermo, Franco Rella pubblica, sempre nel 2013, Sguardi sull'arte del moderno, Edizioni di Passaggio. Dalla "rottura dell'arte mimetica che già si annuncia nel Romanticismo" alle riflessioni sullo spazio critico ­ affrontando, con l'aiuto di autori come Benjamin, Freud, Bataille, il rapporto tra storia e critica lo sguardo di Rella si posa sulla luce e, dunque, sull'ombra ­ perché "nell'ombra è la vera luce che illumina" e transita per le avanguardie del primo Novecento ­ e "tra queste l'espressionismo che presenta dei tratti assolutamente originali e al tempo stesso sembra porsi come l'erede diretto della rivoluzione romantica".

Franco Rella è nato a Rovereto nel 1944 dove risiede. È stato professore ordinario di Estetica presso la Facoltà di Design e Arti dello IUAV Venezia. Ha partecipato a seminari e convegni, soprattutto in materia di estetica, in molte istituzioni accademiche italiane e straniere presso le quali ha anche soggiornato come Visiting Professor. L'attività di insegnamento è stata molto importante anche per lo scambio che si è sempre realizzato con gli studenti: un dialogo che è stata anche una spinta per la ricerca. Ha lasciato anticipatamente l'Università, tiene a precisare nel suo sito personale, risparmiandosi il suo progressivo e inarrestabile degradare degli ultimi anni.

Sa n d r a F r i z z e r a

TRENTO UNIVERSITARIA: ROMANZO

Edizioni31

contemporanea. E nell’altro emisfero, l’Argentina: quella più recente dei generali golpisti e della repressione.

Da v i d e Z o r d a n

LA BIBBIA A HOLLYWOOD. RETORICA RELIGIOSA E CINEMA DI CONSUMO

EDB

La parte onirica della storia è nella fattispecie quella racchiusa in quello spicchio di Trento universitaria che l’autrice ritaglia, immagina e concentra in tre appartamenti contigui in un palazzo del centro cittadino. Ma c’è un’altra parte del racconto che dà ai lettori la sensazione di venire trasportati in luoghi e in realtà ben noti agli occhi aperti di chi li descrive e li racconta. E sono Stivor nella Bosnia

Nativity di Catherine Hardwicke, ha riacceso l'interesse di Hollywood per la figura di Gesù e per i temi della Bibbia. L'attenzione agli immaginari di tipo mitico­religioso nella cultura di massa non è certo una novità per l'industria cinematografica americana, come testimonia la figura del regista e produttore Cecil B. DeMille (1881­ 1959). Con il grande successo dei "Dieci comandamenti" (1923) e del "Re dei Re" (1927) egli ha infatti notevolmente contribuito a rendere il cinema consapevole delle proprie possibilità come veicolo di mentalità e serbatoio dell'immaginario sociale.

17

M a r i a p i a C op p ol a Il successo commerciale e mediatico della "Passione di Cristo" di Mel Gibson (2004), seguito due anni dopo dall'ampia distribuzione che ha accompagnato l'uscita del film

INVISIBILI ALLODOLE: ROMANZO Edizioni del Faro

L'itinerario di questi versi ­ che rappresentano l'inoltrarsi dell'autrice nella nuova dimensione della maturità ­ si snoda tra


nostalgie e inevitabili distacchi attraversando albe lattiginose e notti stellate, attento a recepire onde di misteriose emozioni capaci di stemperare l'amarezza.

Si l v i a V e r n a c c i n i

ROVERETO E DINTORNI. CON

GRESTA, BRENTONICO, PASUBIO E FOLGARIA

Athesia In questa nuova guida l'autrice

descrive oltre 10 passeggiate urbane di grande interesse per conoscere Rovereto e i suoi musei e 30 escursioni per godere del territorio che circonda la città, itinerari non troppo impegnativi e godibili in

ogni stagione dell’anno, adatti sia alle famiglie per la gita domenicale sia all’esperto escursionista. Percorsi tutti da fare a piedi ma alcuni, se si vuole, spingendo anche il passeggino, oppure con la mountain bike o con le racchette da neve in inverno. Oltre alla sua storia antica, insieme alla sua modernità, Rovereto, «Città della Pace», offre il piacere dei suoi dintorni, delle campagne coltivate a vigneto, delle profonde vallate, delle boscose pendici delle montagne segnate da sentieri e passeggiate.

il secondo corso d'acqua italiano, dalle origini fino alla foce. L'affascinante storia di un fiume che ha sempre influenzato il territorio sul quale scorre, e con esso le condizioni sociali e culturali dei suoi abitanti.

AUTOBIOGRAFIA DI UN CANE

Curcu & Genovese

PROTAGONISTI NELL'EFFIMERO: OLTRE UN SECOLO DI TEATRO AMATORIALE IN

TRENTINO

Regione Autonoma Trentino­ Alto Adige La ricerca di Gigi Cona ripercorre la vita delle filodrammatiche trentine (e non solo) dal 1900 al 2010. Oltre 750 pagine che rappresentano il frutto di una ricerca condotta “sul campo” – o, per meglio dire, sul palcoscenico e dietro le quinte – da Gigi Cona, autore teatrale, attore e regista recentemente scomparso. Il testo raccoglie i frutti di un lavoro durato oltre dieci anni, da quando l'autore, lasciata la presidenza della Co.F.A.s. (la Federazione delle

Filodrammatiche trentine) si è posto il problema di come far vivere la memoria delle migliaia di persone che, dall'inizio del '900 ad oggi, hanno animato la scena amatoriale in Trentino.

Scivolata nell'universo senza tempo, Mia decide di dedicare al mondo degli umani un ultimo dono tangibile: narrare se stessa. Ha così inizio un viaggio a ritroso che, partendo dal primo giorno di vita si muove lentamente verso il giorno della fine. Nel corso delle pagine, emergono le descrizioni di ciò che è stato autentico e vero; il richiamo a concetti e principi di etologia, di apprendimento e di psicologia canina.

J o hn W . O ' M a l l e y

TRENTO: IL RACCONTO DEL CONCILIO Vita e pensiero

C l a u d i a P a t e r n os t e r LE PORTE DI ISDOR Caosfera

L'ADIGE. UNA STORIA D'ACQUA Azzurra Music

18

DAGLI OCCHI DI MIA:

a c u r a d i G i g i C on a

A l d o G or f e r

Torna con una riedizione, la prima era di Cierre Edizioni del 2002, il lirbo L'Adige, una storia d'acqua, a cura del conosciutissimo Aldo Gorfer (Cles 1921 – Trento 1996). Una completa carrellata in un centinaio di pagine ricche di illustrazioni, che mostrano l'Adige,

St e f a n o M a r g he r i

Aron ha un viaggio da compiere. Attraverso mille prove da superare, il suo cuore di adolescente, pieno di lealtà, di senso dell'amicizia e di valore, seguirà un percorso che lo porterà a scontrarsi con l'arroganza dei potenti e a dover scegliere a quale mondo appartenere.

Il Concilio di Trento (1545­1563) fu il tentativo della Chiesa cattolica di mettere ordine 'a casa propria' in risposta alla Riforma protestante. Eppure capire cosa successe a Trento non è mai stato facile, così come diverse, e spesso del tutto opposte, sono le considerazioni sulla sua eredità. Lo storico americano John O'Malley fa giustizia di questi tratti mitologici o mistificatori restituendoci il racconto vivido di un momento decisivo della storia europea non solo religiosa, ma anche politica, culturale e sociale.


B li n d n e ss

Q u a n d o l a n ot t e

C on t a g i on

Un uomo sta guidando nel traffico cittadino. D'improvviso la sua auto non riparte più. L'uomo non vede più nulla se non un biancore lattiginoso. L'epidemia si espande a macchia d'olio e i primi colpiti vengono internati in un ospedale nel quale si fa ricoverare anche la moglie del medico che è l'unica a non essere stata colpita dal morbo. All'origine di questo film sta un famosissimo romanzo di Josè Saramago.

Marina, sposata e con un bambino piccolo, arriva in montagna per trascorrere un mese di vacanza con lui. La casa in cui alloggia è fuori dal paese ed appartiene al solitario e cupo Manfred, guida alpina. Il piccolo piange e non dorme esasperando Marina. Finché una notte accade qualcosa. Manfred sfonda la porta, trova il bambino ferito e lo soccorre. Tratto dal romanzo omonimo della regista.

Un virus sconosciuto e letale, velocissimo nella trasmissione e nell'incubazione, giunge anche negli USA e in breve infuria in tutto il mondo, sterminando milioni di persone. La narrazione segue alcuni personaggi, coinvolti a vari livelli, ognuno dei quali è un simbolo: della medicina, del potere, dei media, delle associazioni umanitarie, del cittadino qualunque.

N or t h F a c e Un film di Philippe Stölzl

Dr i v e

Germania, Svizzera, Austria 2008 DRAMMATICO K 8554392

Un film di Nicolas Winding Refn USA 2011 DRAMMATICO K 8555694

N on l a s c i a r m i

Luglio 1936. Due militari bavaresi in licenza, Toni Kurz e Andi Hinterstoisser, decidono di affrontare l'inviolata parete nord dell'Eiger in territorio svizzero, un'impresa considerata impossibile. L'ascensione, che ha inizio il 18 luglio, attira immediatamente le attenzioni della stampa dell'epoca. Il regime nazista decide di utilizzare i due come strumenti di propaganda per quanto nessuno dei due sia iscritto al partito. Le cordate però saranno due perché anche gli austriaci hanno deciso di tentare l'impresa.

Driver (non ha un nome) ha più di un lavoro. È un esperto meccanico in una piccola officina. Fa lo stuntman per riprese automobilistiche e accompagna rapinatori sul luogo del delitto garantendo loro una fuga a tempo di record. Ora Driver avrebbe anche una nuova opportunità: correre in circuiti professionistici. Ma le cose vanno diversamente. Driver conosce e si innamora di Irene, una vicina di casa. Irene però è sposata e quando il marito esce dal carcere la situazione precipita. Basato sul romanzo di James Sallis Drive.

Kathy H. è una badante che affianca i pazienti durante le donazioni degli organi. In un lungo flashback ricorda l'infanzia e l'adolescenza trascorse nel college inglese di Hailsham. Durante quegli anni i protagonisti vennero informati che il loro destino era già stato pianificato. Vivranno in una condizione di orfani, assuefatti alla grigia e silente crudeltà di Hailsham, li ridurrà a polli da batteria per servire il progresso scientifico. Dal romanzo di Kazuo Ishiguro.

Un film di Fernando Meirelles Giappone, Brasile, Canada 2008 DRAMMATICO K 8633805

Un film di Cristina Comencini Italia 2011 DRAMMATICO K 8622323

Un film di Steven Soderbergh USA 2011 DRAMMATICO K 8631933

Un film di Mark Romanek Gran Bretagna USA 2010 DRAMMATICO K 8605804

19


T he E a g l e

I g u a r d i a n i d e l d e st i n o

L a k r y p t on i t e n e l l a bor s a

Marcus Aquila nel 140 d.C. giunge in Britannia come giovane comandante al suo primo importante incarico. Sulle sue spalle grava un pesante fardello. Suo padre tempo prima era alla guida della Nona Legione composta da 5.000 uomini tutti scomparsi. Insieme a loro è andato perduto anche il simbolo dell'orgoglio di Roma: il vessillo con l'aquila. Marcus insieme allo schiavo britannico Esca torneranno in Britannia alla ricerca dell'aquila. Dal best seller di Rosemary Sutcliff.

David Norris, candidato alla carica di senatore nello stato di New York, David punta tutta la sua campagna sulla freschezza dei suoi pochi anni e su uno spiccato talento oratorio. Ma una foto goliardica, pubblicata dalla stampa, compromette la sua vittoria, assicurandogli nondimeno la simpatia, la fiducia e il voto di Elise, una ballerina incontrata per caso. Quel loro amore tuttavia non è scritto nel libro del Presidente, una sorta di deus ex machina che decide il destino degli uomini. Dal racconto di Philip K. Dick “Squadra di riparazioni”.

Napoli, 1973. Peppino è il più giovane membro della famiglia Sansone. Neanche dieci anni, l'onta di una forte miopia giovanile e un'ammirazione per lo strambo cugino che crede di essere Superman. In seguito alla sua morte, il piccolo Peppino comincia a immaginarne la presenza, e di questo supereroe fantasma dal naso aquilino e dal forte accento napoletano fa il suo unico amico fidato e sarà proprio lui a insegnargli come trovare il proprio posto nel mondo.

N oi c r e d e v a m o

L ' a l be r o

G u i d a p e r r i c on os c e r e i t u oi s a n t i

Un film di Julie Bertuccelli Francia Australia 2010 DRAMMATICO K 8634704

Un film di Dito Montiel USA 2006 DRAMMATICO K 8605796

Gli O'Neil vivono felicemente con i loro quattro figli nella campagna australiana. Un giorno un infarto coglie il padre mentre è alla guida del suo furgone ed ha con sé la piccola Simone di otto anni. L'auto si arresta contro il grande fico che si trova dinanzi alla loro casa. Da quel momento Simone, che non vuole accettare la scomparsa del padre, si convince che il suo spirito viva nell'albero e comunichi con lei. Dal romanzo di Judy Pascoe.

Queens, 1986. Manhattan è a pochi chilometri ma temporalmente ad anni luce di distanza. Dito vive con i suoi genitori e trascorre la giornata con i suoi amici di strada, fra droga, noia e microcriminalità. Una sorta di ghetto in cui la società wasp americana sembra aver confinato italiani, portoricani, greci, un quartiere senza via di scampo che a un certo momento inizia a stare troppo stretto a Dito che decide così di partire per la California.

Un film di Kevin Macdonald USA Gran Bretagna 2010 STORICO K 8596955

Un film di Mario Martone Italia Francia 2010 STORICO K 8612201

Tre ragazzi del sud reagiscono alla pesante repressione borbonica dei moti del 1828 che ha coinvolto le loro famiglie affiliandosi alla Giovane Italia. Attraverso episodi che li vedono a coinvolti vengono ripercorse alcune vicende del processo che ha portato all'Unità d'Italia; dall'arrivo nel circolo di Cristina Belgioioso a Parigi e al fallimento del tentativo di uccidere Carlo Alberto nonché all'insuccesso dei moti savoiardi del 1834.

20

Un film di George Nolfi USA 2011 THRILLER K 8605900

Un film di Ivan Cotroneo Italia 2011 DRAMMATICO K 8639077


Biblioteca comunale - Sede centrale Via Roma, 55. Tel 0461/889521; Fax. 0461/889520 info@bibcom.trento.it SALA MANZONI (narrativa, sezioni tematiche, Biblioteca Austriaca, informatica, cd­rom, cd musicali, dvd fiction e documentari, prestito interbibliotecario provinciale) da lunedì a venerdì: 08.30 ­ 20.30 sabato: 08.30 ­ 18.30

SALA CATALOGHI (ricerche bibliografiche, prestito interbibliotecario provinciale, nazionale e internazionale, internet) da lunedì a venerdì: 08.30 ­ 20.30 sabato: 08.30 ­ 18.30

PRIMO PIANO (saggistica, enciclopedie e dizionari, prestito interbibliotecario provinciale, nazionale e internazionale) da lunedì a venerdì: 08.30 ­ 20.30 sabato: 08.30 ­ 18.30 Al primo piano si richiedono anche i libri che hanno segnatura DG, che per la maggior parte non sono ammessi al prestito e devono essere consultati in sede. I DG non sono immediatamente disponibili (tranne i DG 3), perchè si trovano nei depositi di via Maccani, da dove vengono ritirati il mercoledì.

SECONDO PIANO (sezione trentina, libro antico, manoscritti)

EMEROTECA (consultazione quotidiani e periodici) da lunedì a venerdì: 08.30 ­ 20.30 sabato: 08.30 ­ 18.30 In emeroteca possono essere consultate tutte le le riviste e i quotidiani esposti; per consultare i fascicoli arretrati conservati a deposito, l'utente deve rivolgersi in sala trentina; fanno eccezione i quotidiani nazionali e stranieri per i quali e' prevista la conservazione di 3 mesi nel deposito del seminterrato (in questo caso va fatta richiesta in emeroteca dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00)

SEZIONE BAMBINI E RAGAZZI da lunedì a venerdì: lunedì e giovedì anche: sabato:

da lunedì a venerdì: 08.30 ­ 18.30 I depositi sono chiusi (quindi il materiale non può essere preso in prestito o in consultazione) dalle 12.30 alle 14.00 e dopo le 18.00.

ARCHIVIO STORICO (secondo piano) lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 08.30 ­ 12.30 giovedì:

08.30 ­ 12.30 14.00 ­ 18.00

14.30 ­ 18.30 10.00 ­ 12.30 08.30 ­ 18.30

Se volete essere informati sulle iniziative della Biblioteca, iscrivetevi alla nostra newsletter sul sito www.bibcom.trento.it

La Redazione di BIB di questo numero è composta da: Elisabetta Alberti, Paola Andreatta, Claudia Dalla Zotta, Elena Leveghi, Paolo Malvinni, Fabrizia Mosca, Maria Orsingher, Eusebia Parrotto, Lucia Tavernini. Hanno collaborato: Luciano Palombi, Alessandra Betta Impaginazione e grafica: Claudia Dalla Zotta.

Su p p l e m e n t o a " T r e n t o n o t i z i e " . Tutti i numeri di BIB sono consultabili online all'indirizzo: issuu.com/bibtn

21

Per informazioni, proposte, suggerimenti, scrivere a: redazio neb ib @c o mune. trento . it


Orari di apertura delle Sedi Periferiche SEDE DELL'ARGENTARIO Centro Civico di Cognola. Tel. 0461/889797 Piazza dell'Argentario, 2 tn.argentario@biblio.infotn.it SEDE DI MATTARELLO Centro San Vigilio. Tel 0461/889868 tn.mattarello@biblio.infotn.it lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì

9.00 ­ 12.30 9.00 ­ 12.30

14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30

SEDE DI GARDOLO Piazza Lionello Groff, 2. Tel 0461/889815 tn.gardolo@biblio.infotn.it lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì

9.00 ­ 12.30

9.00 ­ 12.30

14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30

SEDE DI RAVINA Via Val Gola, 2. Tel. 0461/889786 tn.ravina@biblio.infotn.it lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì

9.00 ­ 12.30

14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30

SEDE DI CLARINA Via Clarina, 2/1. Tel. 0461/889879 tn.clarina@biblio.infotn.it SEDE DI POVO Via don T. Dallafior, 5. Tel. 0461/889918 biblioteca_povo@comune.trento.it SEDE DI VILLAZZANO Via Villa, 3. Tel. 0461/912533 tn.villazzano@biblio.infotn.it lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì

9.00 ­ 12.30

14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30 14.30 ­ 18.30

SEDE DI MADONNA BIANCA Piazzale Europa, 11. Tel. 0461/921377 tn.madonnabianca@biblio.infotn.it SEDE DI MEANO Via delle Sugarine, 26. Tel. 0461/889758 tn.meano@biblio.infotn.it SEDE DI SOPRAMONTE Via di Revòlta, 4. Tel. 0461/889897 tn.sopramonte@biblio.infotn.it dal lunedì al venerdì

14.30 ­ 18.30

Orari dei Punti di Prestito PUNTO DI PRESTITO DI CADINE Via del Molin, 34 Tel. 0461/865481 comunicazioni@oasi.tn.it dal lunedì al venerdì

PUNTO DI PRESTITO DI MONTEVACCINO c/o Centro Sociale. Tel. 0461/992166 puntodiprestito@montevaccino.it

9.00 ­ 10.00 15.30 ­ 18.30

Bibliobus Tel. 329/1718618

19.00 ­ 22.00 16.30 ­ 18.30

PUNTO DI PRESTITO DI ROMAGNANO Via alle Sette Fontane, 1

PUNTO DI PRESTITO DI MARTIGNANO Piazza Menghin, 5. Tel. 0461/828402 martignano@biblio.infotn.it martedì e giovedì

mercoledì venerdì

15.00 ­ 18.30

bibliobus@biblio.infotn.it

martedì giovedì venerdì

14.30 ­ 17.00

15.00 ­ 17.30 09.00 ­ 11.30 20.30 ­ 21.30


UN

PARCO DI STORIE Alla scoperta delle statue di piazza Dante Dal 22 novembre è possibile visitare una nuova mostra dedicata alla storia della città di Trento organizzata dalla Fondazione Museo storico del Trentino. Nella sala Manzoni della Biblioteca Comunale, in via Roma, si incontreranno le raffigurazioni dei busti e si potranno scoprire le storie dei monumenti che costellano il parco della vicina Piazza Dante. Nel 1896 fu inaugurato il grande monumento a Dante Alighieri, il primo e il più importante delle statue che impreziosiscono il parco, ma da quell’anno molti altri busti hanno arricchito le stradine di quel parco. I personaggi sono: Prati, Canestrini, Gazzoletti, Carducci, Verdi e poi – dopo la Grande guerra – Ranzi, Chini, Negrelli, Bresadola, fino al monumento alla famiglia. Quali storie raccontano queste statue? Perché sono stati scelti proprio quei soggetti? La mostra, oltre ad offrire un percorso conoscitivo di una straordinaria esposizione permanente a cielo aperto, racconta le vicende della città di Trento anche attraverso le polemiche e le feste che hanno accompagnato l’inaugurazione di ogni monumento. Un modo diverso per conoscere la storia. Una cartolina tratta da "Catina" il Catalogo trentino di immagini

Mostra della Fondazione Museo storico del Trentino a cura di Elena Tonezzer Catalogo a cura di Tommaso Baldo, Luca Caracristi, Elena Tonezzer

LE CELEBRAZIONI VERDIANE NELLA TRENTO DI CENTO ANNI FA Nel 1913 si celebrò anche a Trento, allora faceva parte dell’Impero Austroungarico, il primo centenario della nascita di Giuseppe Verdi. Nel marzo di quell’anno, la Società pro Trento aveva ottenuto dal Municipio di poter collocare in piazza Dante un busto del celebre compositore italiano, realizzato anche grazie ad una raccolta fondi tra la cittadinanza. Sabato 28 giugno 1913, si tenne al Teatro Sociale un concerto dell’orchestra della Filarmonica Trentina in memoria di Giuseppe Verdi. Il giorno dopo un corteo imponente si snodò da via Alessandro Vittoria, l’attuale via Verdi, a piazza Dante, dove viene inaugurato il busto. Le feste continuarono in città con una conferenza, un concerto della banda di Levico, altri eventi musicali e con uno spettacolo pirotecnico. Il quotidiano L’Alto Adige scrisse in quei giorni che «Trento rigurgitava di forestieri» e «non crediamo di esagerare affermando che in città convennero dal di fuori 10.000 persone. Gli esercizi pubblici, le vie e le piazze cittadine furono animatissime tutto il giorno fino a tarda notte». L’inaugurazione del busto di Verdi fu un omaggio a un grande musicista e anche un modo per celebrare il legame della popolazione locale con la cultura italiana, simboleggiata dal celebre compositore.

Massimo Dalle Vedove Headline ­ Rovereto

(Tommaso Baldo – Luca Caracristi)

"Un caloroso ciao a tutti i lettori del Bib siamo Aurora e Mattia i due giovani volontari del servizio civile provinciale. Siamo a disposizione per "prestare la nostra voce" per chiunque abbia difficoltà visive. Tra i nostri obiettivi (oltre a quello di non farvi addormentare!) c'è quello di trasmettere emozioni e sensazioni tramite la lettura ad alta voce. Speriamo che in quest'anno il nostro lavoro possa esssere utile non solo a noi stessi ma a tutti quelli con cui entreremo in contatto. Grazie a tutti e a presto!"

Aurora e Mattia


RIMANI IN CONTATTO CON NOI! SITO WEB E NEWSLETTER: www.bibcom.trento.it PAGINA FACEBOOK: www.facebook.com/bibliotecacomunaleditrento

BIBLIOTECA DIGITALE: trentino.medialibrary.it CATALOGO BIBLIOGRAFICO ONLINE: http://www.cbt.biblioteche.provincia.tn.it/oseegenius/

CATALOGO TRENTINO DI IMMAGINI: www.catinabib.it BIBLIOGRAFIA TRENTINA DEI SECOLI XV-XVIII: www.esterbib.it

NOTIZIARI "Bib" e "A tutto Bib" sfogliabili on line: issuu.com/bibtn/


Bib (n. 69, dicembre 2013/febbraio 2014)