Page 35

Paesaggi visti dal Treno

Il paesaggio naturale ormai è una cosa rara, a fatica resiste in luoghi del pianeta dove la vita dell’uomo è praticamente impossibile. Ne sono esempio i deserti che vedono l’uomo sempre più presente non per le manifestazioni sportive dove ricerca l’estremo ed limite fisico umano, ma per la continua ricerca di depositi di petrolio e gas; le catene montuose dell’Asia centrale e dell’America meridionale, che stanno subendo l’assalto del turismo, che poco cosciente lascia rifiuti ovunque. Il continente antartico tutelato da diverse convenzioni dell’Onu e da trattati internazionali (il più importante è quello Antartico del 1959), in ogni caso subisce il continuo attacco da parte degli stati economicamente più forti, con spedizioni mascherate dall’appellativo ricerca, tese al possesso di territorio che un giorno potranno essere utilizzati per lo sfruttamento di grandi giacimenti di materiali pregiati. Lontano da questi luoghi ci dobbiamo accontentare di questo ambiente umanizzato, che mascherato da paesaggio naturale, permette di separarci fisicamente e mentalmente da una vita banalizzata e da un sistema economico territoriale ormai finalizzato al solo consumismo.

Fig. 15 paesaggio agrario umanizzato, località colline sampolesi, gioco di forme e colori, dove l’uomo e la natura, inconsciamente permettono ad un osservatore attento di cogliere sensazioni ed emozioni profonde, oppure semplicemente di guardare uno spettacolo che non potrà essere mai più ripetuto. foto di Fabrizio Frignani 29

Profile for Biblioteca Archivio Emilio Sereni

PAESAGGI VISTI DAL TRENO. Un viaggio sulla Reggio-Ciano  

Una pubblicazione edita dall'Istituto Alcide Cervi in collaborazione con il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e T.I.L. - Trasporti...

PAESAGGI VISTI DAL TRENO. Un viaggio sulla Reggio-Ciano  

Una pubblicazione edita dall'Istituto Alcide Cervi in collaborazione con il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e T.I.L. - Trasporti...

Advertisement