Page 71

meno noti e godere di una ospitalità unica, sia nella semplicità degli ostelli e delle sistemazioni religiose, che nello charme dellle dimore di campagna. Il numero crescente di camminatori, pellegrini ed escursionisti che un po’ ovunque si avvicina a questo genere di viaggio, non solo in Toscana, testimonia l’interesse ad un itinerario culturale che attraversa ben 18 regioni europee da nord a sud: dal Kent, contea inglese dove è ubicata Can-

terbury, alle regioni francesi del Nord-Pasde-Calais, Picardie, Champagne-Ardenne, Franche-Comté, ai cantoni svizzeri Vaud e Vallese, alle regioni italiane della Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia, Liguria, Toscana e Lazio, fino alla città eterna. Dal Giubileo del 2000 questa via ha avuto un particolare rilancio e rappresenta una grande opportunità sia in termini culturali e turistici che di economia sostenibile ed infrastrutture.

TLJ Diary of Slow Living - 24 — 71 —

Tra i cammini religiosi più conosciuti a livello europeo, il nome della via Francigena è strettamente legato alla figura di Sigerico, il vescovo che partito da Canterbury nel 990, che raggiunse Roma per ricevere l’investitura papale da Giovanni XV e il simbolo della sua carica di arcivescovo: il pallio. Lungo la via del ritorno, attraversata tutta l’Italia da Roma al Gran San Bernardo, toccate l’attuale Svizzera e la Francia, Sigerico lasciò un diario, tutt’oggi

The Lifestyle Journal #25  

Stella Mc Cartney - Essere "green" fa parte del mio DNA