Page 1

12

€ 2,00 S P E D I Z I O N E I N A B B O N A M E N T O P O S T A L E - D . L . 3 5 3 / 2 0 0 3 ( C O N V. I N L . 2 7 / 0 2 / 2 0 0 4 N ° 4 6 ) A R T. 1 C O M M A 1 . D C B B R E S C I A

mensile bergamasco

PUB B LI Z E TA

M E N S I L E D I E C O N O M I A , C O S T U M E E S O C I E T À - A N N O 2 - N ° 1 2 - ottobre 2 0 1 0

Sicurezza:

Tenenza Carabinieri di Seriate A PASSEGGIO PER LA CITTà:

Il monastero di Astino BEL PAIS:

Sarnico

EVENT:

Kartell; B2 Bar Borsa; 4° Rally della solidarietà; Bobadilla inaugura la stagione 2010/2011; Notte d’Aqua; Tsunami, l’aperitivo diventa evento.

SPECIALE:

SALUTE

W W W . B E R G A M O U P. I T


“Quando qualcuno dice: questo lo so fare anch’io, vuol dire che lo sa rifare altrimenti lo avrebbe già fatto prima” Bruno Munari

BERGAMO

giugno

2009

www.bergamoup.it 1


10 /2010

2


I n frig o verita s… Qualche tempo fa sono andata a cena da una mia carissima amica che mi ha chiesto di prendere l’acqua che aveva dimenticato in frigo. Che sorpresa quando sul secondo ripiano mi è cascato l’occhio su un reggiseno. Mi ha spiegato che la sua speciale imbottitura immagazzina il freddo e permette, indossandolo regolarmente, di rassodare i tessuti del décolté. Incuriosita, mi sono messa a rovistare nei frigo dei miei amici alla ricerca di altri segreti da carpire. Mentre la perlustrazione è praticamente impossibile - tanto è pieno - in quello delle coppie con bambini, è presto fatta nei frigo - spesso monotematici - dei single. Infatti, benché tutte le mie amiche affermino di mangiare equilibrato, qualcuna sembra fare la dieta dello yogurt, altre non mangiare che verdure, e altre ancora essere sempre pronte a compensare a colpi di cucchiai di gelato al cioccolato le avversità della vita. Così, visto che una buona dieta alimentare è una condizione sine qua non per una vita sana, in questo numero di BergamoUp dedicato alla salute, abbiamo invitato il dott. Caliendo, biologo nutrizionista, a parlarci di alimentazione. Ma non solo, invero questo mese troverete anche consigli di Fitness, idee di ricette sane, i risultati della preziosa indagine sull’acqua del rubinetto realizzata da Altroconsumo, la rivista dell’associazione indipendente dei consumatori, e tanto altro.

P.S.: Sulla porta del frigo disegnato da Alessandro, il nostro bravissimo grafico, troverete il marchio europeo per i prodotti biologici, entrato in vigore il primo luglio. Il logo comunitario è obbligatorio sui prodotti confezionati, etichettati e con una percentuale di origine agricola biologica di almeno il 95%. Quindi occhio a quei prodotti che si dicono rispettosi della natura, ma che ne saranno sprovvisti!

3


Codice QR BergamoUp sempre più multimediale di Maryline JM-W

Istruzioni per QR: Se il vostro telefonino non ha un lettore QR di serie, basta un semplice telefono con fotocamera che supporti java e poco più di 1 minuto e tre clic: 1. mandate un sms al +447797882325 scrivendo: i-nigma. 2. In pochi secondi vi arriverà un sms. Lanciate il download (dovrebbe riconoscere automaticamente il vostro cellulare altrimenti scegliete, a secondo del tipo di cellulare che avete, iPhone, BlackBerry, o altro). 3. Finita l’istallazione, cliccate sull’icona del programma i-nigma. 4. Inquadrate questo codice:

E cliccate! Potrete così vedere BergamoUp sui maxi schermi di UCI cinema di Curno.

Il servizio è completamente gratuito, pagate solo l’sms iniziale e l’eventuale navigazione internet se il QR è un link ad un sito.

4


5


10 /2010 Sommario

6

10

Sicurezza in provincia:

18

Non solo Farmacia... sorelle Fappiani

20

Medicina Estetica

22

FUTURA 2001

24

In attesa del nuovo ospedale

26

BergamoUp segnala: Disintossicati

34

BergamoUp Model: Sara

40

Bel Pais:

46

Smile: Ora

48

Si Salvi chi può:

50

Accademia Carrara

54

Conti in tasca: P.E.C.

56

Andiamo per monti:

Tenenza CC Seriate

Gualdi

Sarnico si può le Istituzioni o gli ultrà

L’e-mail certificata

Tra genuinità e golosità


60

A passeggio per la città:

110

Un tavolo per due:

66

BergamoUp segnala:

114

Il bene e il Bello

70

Personal Trainer

118

Avvenimenti:

76

Agenzia delle entrate

120

Avvenimenti:

78

Dans les coulisses...

124

Appuntamenti

82

Nutrirsi bene per vivere meglio

127

Event

84

La salute al femminile

128

Event:

88

Stars in the city:

Lucio Parenzan

130

Event:

92

Incontri sportivi:

Giorgio Domenghini

132

Event:

96

Uno psi per amico: Corpo

134

Event:

98

Top Speed:

136

Event:

138

Event:

il monastero di Astino Bevi l’acqua di casa

di guarigioni miracolose

& Cibo

test Alfa Romeo Giulietta

Boutique Cafè Giordano

Mediafriends CUP 2010 I love ostrica

Kartell

B2 BAR BORSA Moda Mobil 4° Rally solidarietà Bobadilla stagione 2010/2011 Notte d’Aqua

104

Moda:

106

Tecnologia:

140

faceberghem

108

Come allungare la vita?

142

Oroscopo: Bilancia

Mua Mua dolls

Il mondo interconnesso/2

L’aperitivo diventa evento...

7


Editore Pubblizeta

DI EMANUELE ZARCONE VIA DELLA VALLE, 42 - 25128 BRESCIA -ITA INFO@BERGAMOUP.IT Direttore Generale

Michele Oggioni

direttore@bergamoup.it Direttore Responsabile

Luca Marinoni info@bergamoup.it Caporedattrice

Maryline Milesi

milemary@hotmail.com Redazione

Raffaella Ravasi Amministrazione

Barbara Epis

amministrazione@bergamoup.it Art

BM ADV Advertising grafica@bergamoup.it Impaginazione

Alessandro Di Miceli grafica@bergamoup.it Pubbliche Relazioni

Vincenzo Cutrì Progetto Grafico Originale

Raineri Design Segreteria

Maria Verderio

segreteria@bergamoup.it Web www.bergamoup.it Stampa

Tipolitografia Pagani S.R.L. Fotografi

Matteo Mottari Simone Montanari Laura Marinoni

Hanno collaborato: Glenda Manzi, Sara Esposito, Matteo Zanga, Mario Tintori, Joseph Procino, Valentina Fradegrada, Luca Leidi, Danilo Tomasi, Marco Aceti, Paolo Valoti, Stefano D’Aste, Maria Verderio, Rossana Rossi, Ettore Maffi, Roberto Capellini, Dimitri Salvi, Emanuele L. Cavassa, Mafalda Giovinazzi, Sebastiano Cascone, Roberto Sacchi, Laura Assini, Nicola Catania, Luca Savoldi, Paola Cervi e Davide Lollio, Rach. Finazzi, Vip International S.r.l. REDAZIONE: info@bergamoup.it 24121 BERGAMO, VIA CASALINO, 5H BERGAMOUP MAGAZINE TESTI E IMMAGINI DELLA PRESENTE PUBBLICAZIONE NON POSSONO ESSERE RIPRODOTTI SENZA AUTORIZZAZIONE FIRMATA DA PUBBLIZETA PRODUCTION

BERGAMOUP, PERIODICO MENSILE DI INFORMAZIONE LOCALE ISCRIZIONE PRESSO IL TRIBUNALE DI BERGAMO N° 16/2009 DEL 18 MAGGIO 2009.

CONCESSIONARIA PUBBLICITÀ E ABBONAMENTI: T: 035 23 66 61 - F: 035 23 66 61 www.bmadv.it

8


9


Sicurezza in Provincia Tenenza dei Carabinieri di Seriate di Maryline JM-W

10

La stampa viene spesso accusata di “terrorismo media-

abitanti dei 6 comuni di competenza (Seriate, Gorle, Pe-

tico”. Di sicuro, i fatti di cronaca nera che avvengono su

drengo, Scanzorosciate, Albano e Torre de’ Roveri) e per

tutto il territorio nazionale e che entrano nelle nostre case

le 30/35000 persone che transitano su questo territorio

non mancano, che sia ascoltando i TG radiofonici, televi-

per dovere o per piacere, o per via dell’ospedale e dell’as-

sivi, o leggendo la stampa cartacea. Così, questo mese,

se stradale, ci è sembrato opportuno rivolgerci a colui

abbiamo voluto valutare se la sensazione d’insicurezza

che è stato al suo commando fin dalla sua istituzione, il

che invade la provincia è corroborata da dati obiettivi,

Capitano Giuseppe Regina, il quale ha gentilmente accet-

quali numeri ed evoluzione nel tempo.

tato di comunicarci i dati provenienti dalla banca dati del

E siccome la tenenza di Seriate - una tenenza si distin-

Ministero dell’Interno (alimentata mensilmente dal com-

gue da una stazione dei carabinieri in quanto è operativa

mando generale sulla base delle risultanze) per quanto

sul territorio e aperta al pubblico 24 ore/24 - è stata

riguarda il suo territorio di competenza, e soprattutto di

la prima ad essere istituita in Provincia, nel 2003, e da

aiutarci a non cadere in analisi ascetiche che tendono ad

allora è diventata un punto di riferimento per i 55 000

amplificare i fenomeni:


11


�������

��������� �������� ����������������� ��������������� ���� ������� �������� ���� �������������� ����� �������������� ���� � ������ ���� ���� !����� "����������� ���� # �� ������ $� ��������������������� #��������������� %���� �������� $�������������������� ��������#���%�������� �������������� ������&������������� ����'

� � � � � ��

�������� �

����� ��

�� ����� ��� �������� ���

����������������������������������� ������������������������������������������ ����������������� ��������������������

!����""����� !����""����� !����""����� ������ ��� ����� ��� ������� ��� ������� ���

(���������������%��������������������������� ����������������%���������&���������� �����"��������������������������#���%���������� ���������)� *����������������&����������������������� �����%�)�

&������� � $�����+,�#���������� ����������+,���������� �����"������������������� ���������������%������ ��"�������������������� �������,������')�

������ ��� ������� ���

'� ����

# ������

��

(���� �����������

������� ��� � ����� ��� ������� ��� ������� ��� 2����������������� *����&���������������������������������,� ������������� ��������� ��������#��������)�4%%��������������������� ���"�����&����������� ,�����"�����&����������)�5������������ $�������������������')� "�����&�����������#�������������� 3��������������������� �����+�����%���������������&��������"�����&�� ���������������#�)�������������)�!�����������+��������������������� #����&����������"���� #� ��������������������������������������%����� ������������������� �����������%�������������+�������������������� ��������������) ���%������#����������&&����"���������� ���&������������&������������6���������#���� ��������������%�&&������������������������� ������ ���� ������"�����#��������#������#�����������)� ������ ���

)����������������� *����� $��������&������������&�� ���������������� �����%%������'

� ���� �������������������&����������� �������$��6������������������ ��') ��������������������#�������� ������������������������������� �������������������������� ��������) 5���7��������������.�����/������ �����������������#�������%��� ����������������������������� ������������������#���������� ��������������������������� ������������)

12

� �����#��������� ���� ������� ������ �����&����������� "���������������)

-���������������������%���������������������� �������.������������������/������0������1� ���������������������#������,�����������������)� ��������������������"����������������� ��������������%����������#��������������������� ���"�����#������������������%%�����&������ ������"���������������������+������������ ���������������0����������"��������������)�

����#�������������"������������#������%��� ��������������)�8���"�%���������"����������� ���������������������������������������� ���������������������"����������������������� ���&��������������#������������������������� ��7��������������%����������������)�2������ !�������������� "�����������������"��%��������������������� ����������������� �����������+�������� �����������������1�������������&��������� �������������������������������������������� ��������������� ����,�����������������������#�������)�2�� #��������) ��������������������������������������� �����9�,�������#������%���)�


13


�������

��������� �������� ����������������� ��������������� )��� � ������� �������� $�����������##)���������� ���� �������������� ����� ������&��������������� �������������� ���� � ������������������ ���&�����������"������� ������ ���������������)' ���� ���� !����� "����������� ���� # �� ������ $� ��������������������� +���� #���������������

���� �

%���� �������� !�,��������������� � $�������������������� ��������#���%�������� �������������� ������&������������� ����'

�� �

� � � � � �

&������� � �������� � $�����+,�#���������� ����������+,���������� �����"������������������� *������ ���������� ���������������%������ �� $������������������ ��"�������������������� ������������������� �������,������')� �������������������)' # �� ��

'� ����

# ������

��

(���� �����������

�� ������� �� ��� �������������������� "������������%�&������)�

�� ���--� �� )���� ��%���������������&�� )����������������� �����#������ *����� $��������&������������&�� ���������������� �����%%������'

� �

� ���� �������������������&����������� �������$��6������������������ ��') ��������������������#�������� ������������������������������� �������������������������� ��������) 5���7��������������.�����/������ �����������������#�������%��� ����������������������������� ������������������#���������� ��������������������������� ������������)

�������� � �������

����� ��

�� ����� ��� ����������������������������������� ����������������� �������� ��� ������������������������������������������ #��������)�2������������ ����������������� �������������������� ������+������&����� �����������&����� �����"���� �:��� ����������+������� !����""����� �+����������������� !����""����� ��������)� ������� ��� !����""����� ������ ��� ��������������������������"�����������)� � ����� ��� 6����������������������%��������������) ������� ��� ����� ��� ������� ��� ����� ���

(���������������%��������������������������� 8������������������������������������� ����������������%���������&���������� �����������������������"������)�6��������"����� �����"��������������������������#���%���������� ����;<#����&�������������������������� ���������)� ��%�&&������������������������������������ *����������������&����������������������� ������)�$(������,������#��������� �����%�)� ���+������������� ���') ������ ��� -���������������������%���������������������� ������ ��� 8��������%���%%�������)�6������������ ������� ��� �������.������������������/������0������1� ������ ��� �������������������������������������� ���������������������#������,�����������������)� �����������������������������%����������) ��������������������"����������������� ������� ����� 6������������������������������"������ ��������������%����������#��������������������� �������� ����� ������&��������)� ���"�����#������������������%%�����&������ ������� ���) ������"���������������������+������������ ���������������0����������"��������������)� ������� ��� -�������������������������)��������� ������ ��� ����������������� ����$�������������%������ ������� ��� ������ ��� ��������������� �����������%��������'����� � ����� ��� ��������,��������&&���)�6���������������� ������� ��� ����������������"���������������������������� ������� ��� 3����������������"�����������������)� ��"��������������������������&&���� 2����������������� *����&���������������������������������,� ������������� ��������� 6�������<���������������������������������� ��������#��������)�4%%��������������������� ���"�����&����������� %���"���������������������������������� ,�����"�����&����������)�5������������ $�������������������')� �����������=���������%�������<����� "�����&�����������#�������������� 3��������������������� �������������#��%���&��������������������) �����+�����%���������������&��������"�����&�� ���������������#�)�������������)�!�����������+��������������������� �������� ��� #����&����������"���� -���������������������������#����������� #� ��������������������������������������%����� �������� ��� ���������%��##������������,�������%%�������� ������������������� �����������%�������������+�������������������� �������������������������)�>�����9���������� ��������������) ���%������#����������&&����"���������� ������������������������%�&��������%%����)� ���&������������&������������6���������#���� ��������������%�&&������������������������� ������ ���� ������"�����#��������#������#�����������)� ������ ��� ������� ����� (���������������"�������� �����6����������� ����� ���� �������&&������������"�)�>�������"������ � ���+����������� �����"�������������������������������#������ ����#�������������"������������#������%��� �����#��������� ���� ��%�����������������������������)� ��������������)�8���"�%���������"����������� ������� ������ ���������������������������������������� �����&����������� ���������������������"����������������������� "���������������) ���&��������������#������������������������� ��7��������������%����������������)�2������ !�������������� "�����������������"��%��������������������� ����������������� �����������+�������� �����������������1�������������&��������� �������������������������������������������� ��������������� ����,�����������������������#�������)�2�� #��������) ��������������������������������������� �����9�,�������#������%���)�

14

���� ���


15


“Questi sono tutti dati negativi. Ossia numeri di reati

storico, dove i residenti e esercenti sono principalmen-

avvenuti. Sarebbe interessante capire quanti reati sono

te extracomunitari, non rileviamo particolari episodi di

stati evitati grazie alle forze dell’ordine. Per riprendere

violenza. Abbiamo predisposto, anche d’intesa con la

l’ultimo dato, mi ricordo un’intercettazione telefonica

Polizia Locale, un presidio fisso dopo le ore 21 per tran-

nel quadro di un’indagine legata all’uso di stupefacenti

quillizzare la gente che magari, anche per pregiu­dizi, ha

nel 2005 credo. Lo spacciatore - un extracomunitario di

paura. Ma, ripeto, grazie anche sicuramente al controllo

Trescore - chiese all’acquirente - un Italiano di Bergamo

continuo e costante del territorio, la violenza è quasi

- di non passare per Seriate per via dell’intenso monito-

del tutto nulla. In merito, ricordo che le pattuglie miste,

raggio del territorio da parte dei carabinieri. Confesso

carabinieri e alpini, dal 2009, ci hanno permesso di au-

che è stato un bel riconoscimento per me.

mentare il numero delle pattuglie destinate al controllo

Infine vorrei ricordare che a Seriate non è possibile indi-

del territorio. L’anno scorso sono state comandate 2010

viduare una zona critica. Non c’è un quartiere, una piaz-

pattuglie, quest’anno siamo già a 1384 (dato di agosto).

za o una strada che noi riconosciamo come particolar-

Questo aiuto in risorse umane è stato fondamentale per

mente pericolosa. Perfino in Piazza Bolognini, nel centro

il monitoraggio del territorio.”

n

Giuseppe Regina 38 anni, nato in Calabria, Carabiniere da 17 anni, Comandante della Tenenza di Seriate dal 2003 Circa 1000 arresti a suo credito. Siccome una tenenza può essere comandata solo da un tenente, in seguito alla sua promozione a Capitano, sarà a breve trasferito a Saronno. Auguriamo a lui e al suo successore buon lavoro.

16


17


Non solo Farmacia… Grazie alle sorelle Agostina e Aurora Fappiani

Nel cuore di Credaro, le dottoresse Fappani rivoluzionano

A questo proposito, di notevole interessi gli appuntamenti

il concetto di Farmacia.

mensili organizzati in farmacia con specialisti di medici-

Oltre ai banconi dedicati alla medicina tradizionale, il nu-

na estetica, oltre alla possibilità di fissare incontri mirati

mero 45 di via Roma, in attività dal 1996, propone una

per disturbi alimentari e tricologici.

vasta scelta di prodotti omeopatici, fitoterapici e alimen-

Infine, una cura particolare viene dedicata alla prima età

tari.

grazie ad una linea di abbigliamento per bimbi accurata-

Ma non solo, infatti, appena entrati, potrete scorgere

mente selezionata per soddisfare le esigenze delle mam-

l’angolo dedicato a cosmetici e profumi che si declinano

me più esigenti in fatto di qualità.

sempre più al maschile, dove ampia è la scelta fra prodotti delle migliori marche non solo italiane, ma anche americane, francesi e inglesi per la cura, ad esempio, del

FARMACIA FAPPANI

viso con creme antirughe e liftanti d’ultima generazione,

Via Roma, 45

per accontentare una clientela sempre più esigente e al

Credaro (Bergamo)

passo con i tempi.

18

Tel.: 035 935151


19


Medicina Estetica A cura del Dott. Nicola Catania1

Mastoplastiche Il seno costituisce la maggiore attrattiva di una donna, o almeno quella di impatto più immediato. Gli psicologi sono concordi nell’affermare che un bel seno, in grado di suscitare attenzione ed ammirazione, ha un’importanza primaria per il senso di sicurezza di una donna. Al contrario, un seno poco attraente genera disagio e scarsa autostima. Fatta questa premessa entriamo dei dettagli descrivendo le operazioni chirurgiche che consentono di ottenere dei risultati estetici apprezzabili. Mastoplastica additiva

Mastoplastica riduttiva

L’intervento di chirurgia estetica per ottenere un aumento

La mastoplastica riduttiva, invece, è l’intervento di chi-

del seno è la mastoplastica additiva che, grazie all’inseri-

rurgia estetica opposto a quello sopracitato. Si esegue

mento di protesi in silicone, consente l’ingrandimento dei

in anestesia generale con la paziente supina, braccia e

seni. Esistono protesi mammarie di varie forme e volumi e

tronco perfettamente in asse: si procede con l’incisione

vengono scelte al termine di una valutazione pre operato-

lungo i disegni predisposti, si procede allo scollamento

ria in relazione alle dimensioni del torace, delle mammelle

della ghiandola del piano muscolare e si asporta l’ec-

e in base alle aspettative della cliente. La superficie delle

cesso ghiandolare/cutaneo previsto. Ciò che resta della

protesi utilizzate nell’intervento di mastoplastica additiva

ghiandola mammaria è rimodellato ed il complesso areo-

può essere testurizzata o liscia e contenere gel di silicone

la/capezzolo è trasferito in posizione più craniale.

o una soluzione fisiologica sterile, oppure usare il lipofilling o acido ialuronico. Prima di procedere con l’interven-

Mastopessi

to, il chirurgo estetico esegue le fotografie (di fronte, di

Per restare in tema di décolté, un altro intervento assai ri-

profilo e di tre quarti a braccia alzate e piegate a 90 gra-

chiesto è la mastopessi, utile per risollevare il seno caden-

di) ed illustra alla paziente il tipo di protesi da impiegare,

te svuotato dopo una gravidanza, da un’eccessiva perdita

la modalità d’incisione per introdurle e la loro posizione

di peso o da un invecchiamento precoce.

n

rispetto al muscolo gran pettorale. È possibile, infatti, introdurre le protesi e per via ascellare, in modo tale che la cicatrice rimanga nascosta, periareolare, quando invece l’incisione interessa la metà inferiore dell’areola o, infine, all’altezza del solco mammario, le protesi possono essere inserite sotto oppure sopra il muscolo gran pettorale. La tecnica operatoria prevede (in anestesia generale ed in una sala operatoria attrezzata di flussi laminari) l’incisione stabilita per creare una tasca sotto la ghiandola mammaria o sotto il muscolo pettorale secondo il programma prescelto. Prima di utilizzare le protesi definitive è utile introdurre una “protesi di prova” per verificare sia la forma che il volume della neo-mammella. Va quindi inserita la protesi definitiva e valutato il risultato ottenuto con la paziente in posizione semi-seduta.

Specialista in Ostetricia - Ginecologia e Chirurgia Estetica - Via Roma 50L Credaro (Bergamo) Tel. 035/935426 - Via E. Fermi, 12 scala 7/16 Manerbio (Brescia) Tel. 030/9938829

1

20


21


FUTURA 2001 “ALL ON FOUR” di Raffaella Ravasi - Ph. Matteo Mottari

22


Il poliambulatorio odontoiatrico FUTURA 2001 a Cologno al Serio, moderna e attrezzata struttura sanitaria, dotata di due unità operative e di una nuovissima e all’avanguardia sala chirurgica, si occupa a 360° di Odontoiatria con particolare specializzazione nel campo della Chirurgia orale, dell’Implantologia a carico immediato con la tecnica chirurgica “All on Four”. Ideata dal Dottor Paulo Malò della Clinica Malò di Lisbona, “All on Four” consente l’immediata funzione masticatoria in poche ore e in una sola seduta. La nuova frontiera dell’Implantologia, oggi accessibile a tutti grazie ai prezzi contenuti, consiste nell’applicazione di quattro impianti – due per ogni semiarcata – in titanio, materiale biocompatibile, installati appunto in poche ore e in una sola seduta anche nei casi con grave deficit osseo, dove si dispone la protesi fissa con appoggio solo sui quattro impianti e con carico masticatorio immediato. Il paziente edentulo è operato il mattino e la sera torna a casa con denti fissi definitivi. “All on Four” è una tecnica chirurgica minimamente invasiva, comporta un ridotto trauma operatorio -, risolutiva per la totale riabilitazione dell’apparato boccale consigliata per i pazienti edentuli con problemi di atrofia mascellare o mandibolare. L’équipe dell’Ambulatorio Odontoiatrico FUTURA 2001, che si avvale della collaborazione di undici medici, offre professionalità medica e massima qualità dei servizi presso il poliambulatorio a Cologno al Serio per garantire il benessere e ridare il sorriso ai pazienti.

FUTURA 2001 Ambulatorio Medico Specialistico Via Cesare Battisti, 11/13 Cologno al Serio (Bergamo) Tel. 035 898707 www.futura2001.it - E-mail: futura2001srl@alice.it 23


In attesa del nuovo ospedale Task force per il trasloco di Claudio Sileo1

1

24

Direttore sanitario degli Ospedali Riuniti e responsabile della Task force per il trasferimento


Il trasferimento nell’ospedale nuovo ci è apparso fin

na efficienza nelle attività particolarmente delicate: le

da subito come una questione delicata e complessa,

sale parto, i trapianti, gli interventi di neurochirurgia,

che merita la massima attenzione. Grazie al confronto

per fare alcuni esempi. Per un breve periodo attiveremo

con realtà italiane e straniere che hanno già vissuto

“in doppio” alcuni servizi fondamentali, come la Radio-

esperienze simili, abbiamo elaborato un Piano per il

logia, le sale operatorie e le rianimazioni, per le quali

trasferimento, affidato a una Task Force che riunisce

avverrà una sorta di travaso graduale.

sanitari, tecnici e amministrativi dell’Azienda ospeda-

Quando tutti i malati saranno ricoverati nel nuovo ospe-

liera.

dale, anche il Pronto Soccorso di Largo Barozzi chiu-

Puntiamo a far sì che dal primo “ingresso” nel Papa

derà i battenti, e contemporaneamente aprirà quello

Giovanni XXIII alla definitiva chiusura di Largo Barozzi

alla Trucca. Il 118 dell’Areu, l’Agenzia regionale per

non passino più di quattro settimane. I primi a trasfe-

l’emergenza-urgenza, sarà coinvolto in tempo reale e

rirsi saranno gli Uffici amministrativi, seguiti dagli am-

indirizzerà correttamente i mezzi di soccorso, mentre

bulatori e infine, nel giro di una settimana, i degenti,

una campagna di comunicazione ai cittadini “guiderà”

cominciando dai reparti con casi meno critici, fino alle

coloro che si presentano spontaneamente al PS.

Terapie intensive e al Pronto Soccorso.

E’ ovvio che questa complessa operazione avrà un im-

Prevediamo di utilizzare diversi tipi di mezzi: dal pul-

patto sull’intera città, e per questo stiamo valutando

mino con infermieri a bordo per i casi meno gravi, fino

con le istituzioni la creazione di corsie preferenziali per

alle unità di rianimazione con un’équipe dedicata per

il trasporto dei malati da un ospedale all’altro e gli ora-

ogni singolo paziente.

ri migliori in cui muoversi. E’ un ingranaggio molto de-

Per contenere i tempi, l’attività programmabile e non

licato, dal quale però prenderà finalmente vita il nuovo

urgente subirà un rallentamento, passando dai consue-

ospedale di Bergamo. Per questo l’attenzione di tutti

ti 950 pazienti a circa 450, garantendo però la pie-

gli operatori è e resterà massima fino all’ora X.

n

����������� ������������� � �� ��������

������ ���������� �� ����������������������

�� ���� ����������������� �� ���� ������� ��� ��� ������ ��������� � �������� ������ ��� ������������������� ������� ����������������� ���������������� ������������������ �� ��� ���� ������� �����

��� ��������� �� �������

��� ���� ���� ����

���������� �� �� ����������������������� � ������������������ ����� ��

����������� �� �� ������� � � ������������� ��

���������� ���������������������

����������� � ��������������� ��

���������� ������������������������� ���� �����

����� ����� �� ����

��������� ������� �������

����� �������� ���

���� �������� ����������������������������

��������������� ������������ �������� ���� �����

�����������!� ��������� �� ��������������� ���

�����������!� ��������������������������� ���� ������ �� ��������� �������������� ��

����������������

�����������!� ������������������������������ ���� ���������� �������� �������������� ���������� ��������� �������� ��

25


sp ec ial e

TUTT

O D+R:

LE RISP

AI OSTE

TUOI

DUBB

I ALIM

ENTA

RI

solo

9eu0ro

,

®

ACH H CO COAC ACH ILE H CO UT 0% COAC AL10

R I PE GL TA NSI VI CO TUA LA

IA MANG IO L G E M

DAL MA

I PESO BITO PERDPANCIA SUACI VIA LA CHI EFFIC I TRUC

COLI I I MUS R FATTTI MIGLIORI PE LI I PIAT ADDOMINA I TUOI

RESS I LO ST I BATTIMENTI GIUIST GLI AL ASSART PER RIL

A SANO RESTIA QUESTOORE

Men’s

Health

le Coach Specia

n.2

MANGEGGI IL CU PROT

SICATI NTOS TE O ATTIVO DISIRB URAN IL CA O PER L’UOM O PULIT & SESS : CIBO IN PI� A OGGI NI TAZIO MIGLIOR E PRES LE TU

BergamoUp segnala

5 27

OACHMONDO H C COACHILE PI� LETTO NEL SC

E ETT RIC O VE’UOM O NUER L P

108

R TE I PO IV ER TT E P BIE AL I O AN UO IM I I T TT TT SE TU NOGERE IA P N E ILGGIU RA

Disintossicati di Men’s Health coach1 - Disegni di Alessandro Di Miceli

Adotta il nostro piano alimentare per l’ultima settimana prima di una gara e riuscirai a polverizzare ogni record personale e a raggiungere tutti i tuoi obiettivi agonistici, pasto dopo pasto. I primi 5 giorni prevedono pochi carboidrati, mentre negli ultimi 2 dovrai riempire di nuovo le riserve di glicogeno.

Giorno 1

OTTOBRE

il camembert a fettine, servi con l’uva (o mangiala come

colazione : Uova strapazzate con pancetta e verdure

dessert). Importante: evita il pane.

Ingredienti: 4 uova, 2 cucchiai di olio di oliva, 100 g di

Valori nutrizionali: 822 kcal • 30 g di carboidrati • 46 g di

pancetta affumicata, 150 g di pomodori, 100 g di pepe-

grassi • 62 g di proteine.

roni, 20 g di formaggio morbido, 1 spicchio di aglio, erba

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.509 kcal

01 02 01 02 03 3

cipollina.

• 103 g di carboidrati • 144 g di grassi • 172 g di proteine

Preparazione: taglia a dadini peperoni, aglio e pancetta e

Giorno 2

falli appassire in una padella con un po’ d’olio. Aggiungi

COLAZIONE: Power-drink di yogurt e frutta.

le uova, strapazzandole e mischiandole. Togli la padella

Ingredienti: 300 g yogurt naturale (magro), 1 mela, 1

dal fuoco e cospargi con il formaggio e l’erba cipollina.

kiwi, 20 g di semi di lino, 20 g di semi di papavero, 300

Valori nutrizionali: 835 kcal • 10 g di carboidrati • 58 g di

ml di latticello.

grassi • 59 g di proteine.

Preparazione: taglia a dadini la mela e il kiwi e mescola

PRANZO: Petto di tacchino con verdure, ananas e curry

con yogurt e latticello, poi aggiungi i semi.

Ingredienti (2 porzioni): 300 g di petto di tacchino, 300 g

Valori nutrizionali: 594 kcal • 48 g di carboidrati • 28 g di

di ananas, 200 g di germogli di bambù (in scatola, sgoc-

grassi • 32 g di proteine

ciolati), 200 g di broccoli, 1 cipollotto, 100 g di zucchine,

PRANZO: Sformato di pollo e verdure.

250 ml di panna da cucina, 20 g di burro, 40 g di noci, 2

Ingredienti (2 porzioni): 600 g di petto di pollo, 400 g di

cucchiaini di curry.

carote, 600 g di broccoli, 400 g di formaggio fresco, 400

Preparazione: taglia a dadini il petto di tacchino e metti-

ml di brodo di verdura, 2 cucchiai di concentrato di po-

lo a marinare con il curry. Fai soffriggere la carne nel bur-

modoro, peperone dolce in polvere Preparazione: taglia

ro, sbuccia ananas e cipolla, monda broccoli e zucchine

a pezzetti il pollo. Pela le carote e tagliale a fettine, poi

4 05 05 06 06 07 07 08 09 10 04

GARA!!!

11 12 13 14 15 16 17 :)

18 19 20 21 22 23 24

e taglia tutto a pezzetti piccoli. Fai cuocere verdure e ger-

dividi i broccoli a rosette. Distribuisci verdure e pollo in

mogli di bambù con la carne per 10 minuti, ricordando

una teglia da sformato. Unisci formaggio fresco, brodo e

di coprire la pentola con un coperchio. Aggiungi la panna

concentrato di pomodoro in modo da formare una salsa

e riporta a bollore.

e aggiungi peperone in polvere a piacere.

Trita le noci, mescola tutto e porta in tavola.

Insaporisci con sale e pepe. Versa la salsa sul mix di ver-

Valori nutrizionali: 852 kcal • 63 g di carboidrati • 40 g di

dure e carne e cuoci in forno per un’ora a 200 gradi.

grassi • 51 g di proteine

Valori nutrizionali: 1.108 kcal • 38 g di carboidrati • 61 g di

CENA: Salmone affumicato con uva e formaggio.

grassi • 91 g di proteine

Ingredienti (2 porzioni): 400 g di salmone affumicato,

CENA: Spinaci alla panna con uova all’occhio di bue.

60 g di camembert, 400 g di uva.

Ingredienti (2 porzioni): 600 g di spinaci pronti con la

Preparazione: prepara il salmone su un piatto, disponi

panna (surgelati), 4 uova, 40 g di cipolle impanate e frit-

25 26 27 28 29 30 31

SNACK 6 merende proteiche leggere e 8 bocconi per darti resistenza 1

26

• 1 porzione di frutta in guscio (una manciata di nocciole, mandorle o semi di girasole).

Il supplemento del mensile Men’s Health di Mondari editori.

• 100 g di fiocchi di latte con un 1 cucchiaio di olio di oliva o di sale e pepe.


27


Disintossicati

te, 4 cucchiai di olio d’oliva, tabasco Preparazione: scal-

verdura, 50 g di cipollotti

da gli spinaci con la panna al microonde (o sul fornello),

Preparazione: taglia il tofu a dadini. In una pentola, porta

mescolando di tanto in tanto. Rompi le uova e cuocile in

a ebollizione acqua e brodo e aggiungi il miso, poi lascia

una padella con l’olio, finché si rapprendono. Distribuisci

bollire la zuppa a fuoco medio, mescolando (evita che si

gli spinaci su un piatto con le uova e le cipolle fritte e

sollevi bollendo). Una vola sciolto bene il miso, aggiungi

insaporisci con il tabasco.

tofu e fagioli di soia e riscalda di nuovo a fuoco medio,

Valori nutrizionali: 758 kcal • 45 g di carboidrati • 48 g di

mescolando. Taglia il cipollotto in fettine di 1 millimetro

grassi • 29 g di proteine

di spessore e versa nella zuppa.

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.468 kcal

Valori nutrizionali: 454 kcal • 19 g di carboidrati • 33 g di

• 132 g di carboidrati • 137 g di grassi • 152 g di proteine

grassi • 59 g di proteine

Giorno 3

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.353 kcal

COLAZIONE: Frullato energizzante.

• 124 g di carboidrati • 148 g di grassi • 150 g di proteine

Ingredienti (1 porzione): 2300 g di yogurt naturale (ma-

Giorno 4

gro), 1 banana, 1/2 cucchiaio di olio di cardo, 150 ml di

COLAZIONE: Ricotta all’avocado.

latte, 15 g di germe di grano, 100 ml di succo d’aran-

Ingredienti (1 porzione): 300 g di ricotta, 50 g di yogurt

cia.

bianco magro, 100 g di avocado, 1 mela piccola

Preparazione: facilissimo: mescola tutti gli ingredienti

Preparazione: sbuccia l’avocado e amalgama la polpa

nel frullatore.

con la ricotta e lo yogurt, formando una crema. Aggiungi

Valori nutrizionali: 525 kcal • 57 g di carboidrati • 18 g di

la mela tagliata a dadini.

grassi • 30 g di proteine

Valori nutrizionali: 714 kcal • 22 g di carboidrati • 45 g di

PRANZO: Gamberetti all’aglio con verdure

grassi • 46 g di proteine

Ingredienti (2 porzioni): 700 g di gamberetti surgelati,

PRANZO: Bistecca di manzo con salsa di olive.

20 spicchi d’aglio, 400 g di pomodori, 400 g di zucchine,

Per la bistecca.

50 g di olive (nere), 1 peperoncino, 5 cucchiai di olio di

Ingredienti (2 porzioni): 2 bistecche di manzo (da 200 g

oliva, 80 g di burro, 100 ml brodo di pesce (o di verdura),

l’una), 8 cucchiai di olio di oliva

prezzemolo

Preparazione: scalda bene l’olio in una padella, cuoci le

Preparazione: taglia a dadini le verdure, scongela i gam-

bistecche a fuoco alto per 1 minuto, poi abbassa la fiam-

beretti, puliscili (togli l’intestino), spremi uno spicchio

ma e fai cuocere altri 3 minuti per lato. Alla fine, insapo-

d’aglio. Scalda l’olio in padella, aggiungi burro, peperon-

risci con sale e pepe. Tieni in caldo la carne.

cino e metà dell’aglio. Soffriggi per 3 minuti e mescola,

Per la salsa.

Aggiungi i gamberetti e il resto dell’aglio, e fai cuocere

Ingredienti (2 porzioni): 200 g di olive (verdi), 2 cipolle

per 3 minuti. Arricchisci con le verdure, copri con il brodo

rosse, 200 g di peperoni, 500 g di pomodori, 2 spicchi

e lascia bollire per altri 4 minuti. Togli gli spicchi d’aglio

d’aglio, 1 cucchiaino di rosmarino

e cospargi di prezzemolo.

Preparazione: pela cipolle e aglio, tagliali a dadini e ro-

Valori nutrizionali: 1.374 kcal • 48 g di carboidrati

solali bene nella padella dove hai cotto la carne. Taglia i

• 97 g di grassi • 61 g di proteine

pomodori a cubetti e aggiungi nella padella, insieme al

CENA: Zuppa di tofu e miso

rosmarino. Fai ispessire la salsa a fuoco alto.

Ingredienti (2 porzioni): 500 g di tofu, 200 g di miso,

Taglia e olive a metà e aggiungile alla salsa, insaporisci

100 g di fagioli di soia, 1 l d’acqua, 200 ml di brodo di

(anche con un pizzico di zucchero) e poi mangia di gu-

• 1 manciata (20 g) di semi di soia tostati: ottimi anche ricoperti di cioccolato.

28

• 1 uovo sodo: ma ricorda, meglio condito con sale o un cucchiaino di senape piccante.

• Ricotta alla frutta: mescola 70 g di ricotta con un cucchiaio di yogurt e 3 cucchiai di mirtilli.

• 40 g di mozzarella con un pomodoro, basilico o menta aggiungono freschezza.


29


Disintossicati

sto.

nuti. Aggiungi il brodo e la panna, lascia cuocere per 10

Valori nutrizionali: 800 kcal • 27 g di carboidrati • 53 g di

minuti.

grassi • 51 g di proteine

Versa la salsa sul pesce condito con la zucca, cospargi

CENA: Insalata di fagioli e caprino.

col parmigiano e inforna a 200 gradi per 15-20 minuti.

Ingredienti (2 porzioni): 300 g di formaggio di capra,

Valori nutrizionali: 1152 kcal • 20 g di carboidrati • 59 g di

200 g di fagioli cannellini (in scatola), 100 g di mais (in

grassi • 114 g di proteine

scatola), 200 g di peperoni, 200 g di pomodori, 1 vasetto

CENA: Minestra di cocco con tofu e funghi.

di salsa di pomodoro bio, 6 cucchiai di aceto, 2 cucchiai

Ingredienti (2 porzioni): 500 g di funghi, 300 g di tofu,

di olio di oliva Preparazione: fai scolare fagioli e mais e

200 g di cavolo cinese, 100 g di carote, 50 g di cipollotti,

versali in una ciotola, poi aggiungi i pomodori e il formag-

100 g di peperoni verdi, 30 g di zenzero, 1 citronella,

gio di capra, tagliati in modo grossolano.

500 ml di latte di cocco, 100 g di panna, 400 ml brodo di

Condisci con aceto, olio e salsa di pomodoro e mescola

verdura, 4 cucchiai di olio di semi di girasole, coriandolo,

bene. Insaporisci con sale, pepe e peperoncino in polve-

1 cucchiaino di Tom-Kha negli alimentari asiatici).

re.

Preparazione: pela zenzero, carote e cipollotti. Taglia le

Valori nutrizionali: 965 kcal • 80 g di carboidrati • 47 g di

carote a striscioline e il cipollotto e lo zenzero a dadini.

grassi • 45 g di proteine

Stacca i gambi dai funghi e affetta i cappelli.

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.479 kcal

Elimina i semi dai peperoni e tagliali a dadini. Affetta il

• 129 g di carboidrati • 145 g di grassi • 142 g di proteine

cavolo cinese, taglia a metà la citronella, poi soffriggi la

Giorno 5

verdura e i funghi in olio caldo, per 2 minuti.

colazione : Yogurt con frutta in guscio.

Bagna con il brodo, aggiungi il Tom-Kha e fai cuocere per

Ingredienti: 300 g di yogurt naturale, 1 arancia grossa,

5 minuti. Taglia a dadini il tofu, aggiungilo alla zuppa con

25 g di arachidi (tritate), 20 g di mandorle (tritate), 1

il latte di cocco, porta a ebollizione, poi spegni il fuoco,

cucchiaio di olio di lino.

togli la citronella e cospargi la zuppa con il coriandolo

Preparazione: sbuccia l’arancia, tagliala a pezzetti e

tritato.

mescolala allo yogurt con le arachidi, le mandorle e

Valori nutrizionali: 740 kcal • 56 g di carboidrati • 42 g di

l’olio di lino.

grassi • 27 g di proteine

Valori nutrizionali: 596 kcal • 29 g di carboidrati • 41 g di

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.488 kcal

grassi • 22 g di proteine

• 105 g di carboidrati • 142 g di grassi • 163 g di proteine

PRANZO: Zucca e pomodori con filetti di pesce

Giorno 6

Ingredienti (2 porzioni): 700 g di merluzzo, 2 cipolle ros-

colazione : Cornflakes con latte e frutta

se, 600 g di polpa di zucca, 400 g di pomodori, 200 g di

Ingredienti: 150 g di cornflakes integrali bio, 250 ml di

parmigiano, 80 g di panna, 250 ml di brodo di verdura,

latte intero, 1 mela, 1 banana, 15 g di uvetta, 1 cucchiaio

4 spicchi d’aglio, succo di limone, 8 cucchiai di olio di

di sciroppo d’acero.

oliva, basilico.

Preparazione: taglia a dadini mela e banana, mescola

Preparazione: scalda 4 cucchiai di olio in una pentola e

il latte con lo sciroppo d’acero e versa sui cornflakes.

facci appassire l’aglio e le cipolle che hai tritato. Aggiungi

Aggiungi la frutta.

i pomodori, aggiusta di sale e pepe e fai bollire per 15

Valori nutrizionali: 1.056 kcal • 194 g di carboidrati • 19 g di

minuti. Taglia la polpa di zucca a fettine, riscalda l’olio

grassi • 20 g di proteine

che è avanzato in una padella e friggi la zucca per 5 mi-

PRANZO: Penne integrali con salsa al gorgonzola.

• Una manciata di gomme da • 1 porzione (50 g) di baston- • 1 porzione (50 g) di frutta cini salati. Prova quelli di essiccata: datteri, uvetta, masticare o di liquirizia, da farina di farro o di mais. fettine di mela o fichi. masticare durante lo sport.

30

• 200 g di mousse di mela, 175 g di macedonia di frutti di bosco, con 1 cucchiaino di miele.


31


Disintossicati Per la salsa ingredienti (2 porzioni): 1 vasetto di panna,

po’ di acqua, miele e sciroppo d’acero. Ora, aggiungi il

80 g di gorgonzola, 60 g di formaggio olandese (grattu-

miglio e lascia cucinare per un’ora circa a fuoco lento,

giato).

fino a quando non ottieni una crema ruvida. Taglia la pera

Preparazione: scalda la panna e lasciala cuocere a fuoco

a dadini, trita in modo grossolano le mandorle e versa in

lento per qualche minuto. Aggiungi gorgonzola e formag-

una tazza grande.

gio olandese, poi insaporisci col pepe.

Valori nutrizionali: 566 kcal • 60 g di carboidrati • 29 g di

Per la verdura ingredienti (2 porzioni): 200 g di zucchi-

grassi • 11 g di proteine

ne, 4 cucchiai di olio di oliva, 50 g di pancetta affumica-

PRANZO: Sformato di rabarbaro e quinoa.

ta.

Ingredienti (2 porzioni): 100 g di quinoa, 300 g di rabar-

Preparazione: taglia le zucchine e la pancetta a strisce.

baro, 350 ml di latte, 2 bustine di zucchero vanigliato,

Scalda l’olio d’oliva in una padella e friggi le zucchine e

2 uova, 100 g di miele, 80 g di panna, 2 cucchiaini di

la pancetta.

cannella, burro per la teglia

Per la pasta ingredienti (2 porzioni): 200 g di penne in-

Preparazione: porta a ebollizione la quinoa con il latte e

tegrali.

lo zucchero vanigliato e lascia bollire per circa 10 minuti.

Preparazione: cuoci la pasta al dente in acqua bollente

Scalda il forno a 180 gradi, poi imburra una teglia grande

salata.

e bassa. Dividi i tuorli dagli albumi delle uova, sbattili con

Valori nutrizionali: 1134 kcal • 70 g di carboidrati • 72 g di

il miele e mescolali alla quinoa. Lava il rabarbaro e taglia-

grassi • 39 g di proteine

lo a pezzetti di 3 cm. Monta a neve gli albumi e amalga-

CENA: Curry di zucca e patate.

mali al composto, versa nella teglia e distribuiscici sopra

Ingredienti (2 porzioni): 600 g di patate, 100 g di ceci (in

rabarbaro e cannella. Cuoci in forno per circa 35 minuti.

scatola), 1 cipolla, 100 g di polpa di zucca, 1/2 vasetto

Valori nutrizionali: 940 kcal • 146 g di carboidrati • 24 g di

di panna, 1 cucchiaino di crema rossa al curry 4 cucchiai

grassi • 26 g di proteine

di olio di semi di girasole, prezzemolo.

CENA: Fettine di vitello con pasta integrale e salsa di

Preparazione: pela la cipolla e tagliala a pezzetti, lava le

avocado.

patate, pelale e riducila a dadi. Pulisci la zucca, elimina

Ingredienti (2 porzioni): 2 avocado, 200 ml di panna,

i semi e falla a pezzi.

1/2 dado per brodo, 1 cucchiaio di senape, 300 g di pa-

Soffriggi la cipolla in olio, e copri con mezzo litro di ac-

sta integrale di farro, 200 g di fettine di vitello, 6 cucchiai

qua. Aggiungi la crema al curry e mescola. Versa le pata-

di olio di oliva, 4 spicchi d’aglio, 200 g di champignon

te, la zucca e lascia cuocere a fuoco lento per 10 minuti,

Preparazione: cuoci la pasta. Intanto sbuccia gli avocado,

poi aggiungi i ceci.

schiaccia la polpa in una ciotola con sale, pepe e senape.

Alla fine, insaporisci con prezzemolo, sale e pepe.

Poco prima che la pasta sia cotta condisci le fettine con

Valori nutrizionali: 756 kcal • 83 g di carboidrati • 35 g di

sale e pepe e friggi in 4 cucchiai di olio. Affetta gli cham-

grassi • 19 g di proteine

pignon e falli saltare in una padella con 2 cucchiai di olio.

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 2.946 kcal • 346 g di car-

Aggiungi il dado, copri con un po’ d’acqua e panna e

boidrati • 126 g di grassi • 78 g di proteine

insaporisci con sale e pepe. Alla fine, spalma le fettine

Giorno 7

di vitello con la crema di avocado e condisci la pasta con

colazione : Zuppa di miglio.

la salsa ai funghi.

Ingredienti: 50 g di miglio, 1 pera di media grandezza,

Valori nutrizionali: 1526 kcal • 156 g di carboidrati • 70 g di

50 g di panna, 20 g di mandorle, 1 cucchiaio di sciroppo

grassi • 53 g di proteine

d’acero, 1 cucchiaio di miele, 10 cucchiai di latte.

VALORI NUTRIZIONALI TOTALI: 3.032 kcal

Preparazione: lava il miglio. Fai bollire la panna con un

• 362 g di carboidrati • 123 g di grassi • 90 g di proteine

• 1 porzione di yogurt di soia al gusto che preferisci. In alternativa va bene anche alla frutta.

32

• 500 ml di succo di carote. • 1 porzione (30 g) di banana Se non ti piace, bevi acqua chips. In via eccezionale, minerale gassata con del anche intinte nel cioccolato. succo di mela.

n

• 4 fette di pane croccante di segale: perfette per farti un panino con ricotta e prosciutto.


33


BergamoUp Model Ph. Matteo Mottari1

Sara Gualdi

1

34

www.matteomottari.it


35


SARA GUALDI 25 anni di Bergamo

BergamoUp Model 36


05,30 Colazioni 12,15 Pranzi di lavoro 16,00 Sala the e cioccolate 18,00 happy hour 21,00 Serate in musica con par tite calcio in tv NINIVA Restaurant e Lounge Bar Via Milano, 42/A Almè Tel. 035/638123 w w w. n i n i v a . n e t 37


BergamoUp Model La rubrica di BergamoUp che permette a tutti i giovani bergamaschi, aspiranti modelli di usufruire di un servizio fotografico che verrĂ , successivamente, pubblicato sulle pagine della nostra rivista.

Se siete interessati contattate la nostra redazione telefonicamente allo 035.236661 o via e-mail: info@bergamoup.it.

Cercaci anche su Facebook.

38


Ristorante Antica Locanda Crotti Via Brughiera, 8 - Almè (BG) Tel. 035/639055 Giorno di chiusura: martedì sera e il mercoledì 39


Bel Pais

Sarnico di Ettore Maffi - Ph. Roberto Capellini

40

Sarnico, ridente cittadina del Lago d’Iseo collocata allo

Nella parte più antica di “Palazzo Gervasoni”, uno stabile

sbocco del fiume Oglio, fu originariamente un borgo

del XV secolo, si trova la Pinacoteca “Gianni Bellini”, che

fortificato a pianta semicircolare, dotato di fossato e

ospita una donazione di 150 opere, per la maggior parte

mura difensive data la sua posizione strategica dal punto

quadri, d’epoca compresa tra il 1500 e il 1700 (Palma il

di vista militare ed economico.

Giovane, Alessandro Magnasco, Antonio Cifrondi, Carlo

Le vie del centro storico, la Contrada, sono strette

Ceresa, Nicolas Regnier, Francesco Cairo).

e, di tanto in tanto, intervallate da arcate, sulle quali

Ma a Sarnico vi si trovano anche bellissime ville nobiliari,

si affacciano case dalla struttura possente e con dei

appartenenti ad epoche diverse (dal Rinascimento al

bei portali. La chiesa parrocchiale, eretta nel 1777

primo ‘900). Sarnico rappresenta anche una piccola

e dedicata a San Martino di Tours, presenta opere di

capitale dello stile Liberty in Lombardia, infatti si

grandi artisti, quali A. Fantoni, Cavagna, F. Cappella,

ammirano due importanti realizzazioni dell’architetto

G. Sanz. Nella piccola e racchiusa piazzetta antistante la

Giuseppe Sommaruga (uno dei massimi cultori dell’art

chiesa si erge la Torre dell’Orologio: la sua importanza

nouveau, già allievo di Camillo Boito): Villa Faccanoni

storica è da attribuire al fatto che essa si eleva sopra

e Villa Faccanoni Surre. Le dimore ripropongono

la torre dell’antico fortilizio risalente all’anno 1000. Da

magnificamente le suggestioni del movimento artistico

questa fortezza dipartivano le mura, riportate alla luce

d’oltralpe.

nel cortile interno della Torretta Civica di via Parigi,

La tradizione nautica di Sarnico è un caposaldo

risalente al XII Secolo e oggi adibita a spazio espositivo

dell’economia: nel 1841 venne

per mostre ed attività culturali.

Leopoldo, il primo battello a vapore d’Italia e nel 1842

Altre importanti testimonianze di strutture edilizie

iniziò l’attività dei Cantieri Riva che – da sempre – è

medievali sono visibili nelle torri e nelle murature degli

sinonimo di Sarnico in tutto il mondo.

edifici di via Scaletta (caratteristica, stretta viuzza che

Non solo, dal XV secolo si incominciò a cavare in

scende a lago) e di vicolo Aie, dove era collocata l’antica

località Molere l’arenaria (la famosa pietra di Sarnico)

sede municipale fino al XVIII secolo.

sviluppando così una fiorente industria.

varato l’Arciduca


41


Bel Pais

Sarnico

Da sempre centro di turismo d’élite, la cittadina ospitò nei secoli personaggi famosi come

Caterina Cornaro,

nobildonna veneziana divenuta regina di Cipro

nel XV

secolo, la cui vicenda è stata immortalata dalla musica di Gaetano Donizetti. Quest’opera fu l’ultima rappresentata nel 1843 ancor vivente Donizetti, ma già minato dal suo terribile morbo. In tempi più recenti, Sarnico ospitò anche Gorge Sand, famosa quanto spregiudicata scrittrice francese - basti pensare che pubblicò le proprie opere con uno pseudonimo maschile - che ebbe anche una tormentata relazione con il grande musicista Federico Chopin. Poco distante, a Paratico, si trova il castello dei Lantieri, situato su una piccola e suggestiva altura rocciosa che,

42


43


44


17 ottobre

secondo la tradizione, ispirò Dante Alighieri per la raffigurazione del monte del Purgatorio quando vi fu ospite nel 1311. Sarnico non è solo storia, turismo e industria

Touring Club

Sarnico Il Liberty nel centro storico, nelle ville di Sommaruga e il museo civico “Gianni Bellini”

ma anche sport, cultura e spettacolo, infatti

Informazioni e prenotazioni presso la

vengono

l’arco

Libreria Arnoldi

dell’anno a beneficio dei visitatori e dei suoi

tel 035243462

cittadini.

proposti

eventi

durante

n

45


ORA SI PUò! Avere denti fissi e altamente estetici nell’immediato di Luca Savoldi

Come anticipato nelle precedenti pubblicazioni, il labo-

Vengono proposte tre soluzioni: la “overdenture”; la tecni-

ratorio odontotecnico “SMILE “ e gli studi professionali

ca “all-on-4”; il lavoro d’eccellenza.

da esso sponsorizzati , cercano di fornire ai clienti una

Queste tecniche permettono di risolvere il problema del

assistenza globale.

paziente in circa otto ore.

Tale assistenza assicura risultati ottimali nel minor tem-

Solitamente l’intervento viene effettuato alle nove del

po possibile e a prezzi concorrenziali, grazie alla collabo-

mattino. Vengono prese le impronte, utilizzate poi per la

razione con partnership internazionali.

realizzazione del manufatto (o per la eventuale modifica

L’ambizione di soddisfare le esigenze dei nostri pazienti,

di quello mobile già in possesso del paziente); entro le

utilizzando metodi sempre meno invasivi ed assicurando

ore 19 il manufatto viene consegnato al clinico, il quale

materiali di alta innovazione a prezzi contenuti, ci porta

potrà proseguire con il fissaggio in bocca.

ad investire continuamente in ricerca e sperimentazione di tecnologie avanzate.

Questi ultimi step richiedono soltanto dieci minuti.

In questa sede vogliamo trattare la soluzione dei seguen-

Già dal giorno successivo alla seduta, il paziente potrà

ti casi:

tornare ad avere capacità di masticazione ottimale (tutto

• totale mancanza di denti naturali (edentulia totale),

ciò rimanendo senza denti solamente otto ore dal mo-

provocata nella maggior parte da malattia paradentale

mento dell’intervento al carico immediato).

(piorrea) o da traumi;

Per i pazienti particolarmente ansiosi, se espressamente

• quantità di osso insufficiente per ospitare impianti tra-

richiesto, il centro mette a disposizione il proprio aneste-

dizionali ed il rifiuto di sottoporsi ad un trapianto osseo;

sista di fiducia che effettuerà un’anestesia cosciente.

• desiderio di un risultato fisso e immediato.

46


Nei casi specifici di riabilitazione implantare di pazienti giovani e non, che perdono elementi o gruppi frontali, sono oggi possibili impianti con monconi e relative capsule in zirconia o in di-silicato di litio. Questi materiali presentano un alto grado di biocompatibilità e leggerezza, durezza, resistenza alle flessioni e alla rottura, ovvero proprietà indispensabili per una riabilitazione robusta ed esteticamente perfetta.

Ampliamo ora il discorso sulle tecniche prima elencate cercando di esplicitarne il funzionamento. La “overdenture” consiste in una seduta di 10 minuti durante la quale la protesi mobile, già in possesso del paziente, viene fissata a livello canini con due impianti, in modo tale da eliminare le problematiche tipiche della dentiera e trovare una stabilità a prezzi limitati. La tecnica “all-on-4”, letteralmente “tutto su quattro”, è nata agli inizi degli anni ’90 grazie agli studi del dott. Paulo Malò ed è collaudata e utilizzata da anni.

I nostri “gioielli” dentali sono disponibili presso: • Centro di Radiologia e Fisioterapia Via Passo del Vivione, 7 - Bergamo Via Roma, 28 - Gorle (BG) • Dottor Federico Zanardi Via Mazzini, 23 Trezzo Sull’Adda (MI)

Questa tecnica permette di eseguire l’ intervento in meno di un’ora risolvendo il problema di masticazione grazie all’applicazione di dodici elementi dentali fissi, avvitati a carico immediato.

• Dottor Giuseppe Maria Terzitta Via S. Orsola, 9 - Bergamo • Cliniche Dentali Caredent Italia

“All-on-4” prevede l’utilizzo di quattro impianti per la riabilitazione dell’arcata superiore o inferiore. Grazie all’inclinazione degli impianti in zona molari si possono innestare impianti più lunghi e quindi più stabili.

• Dottoressa Annarosa Zingarelli Via Solferino, 9 - Ciserano (BG)

Questa tecnica di carico immediato evita processi di chirurgia invasivi, non richiede numerose sedute grazie all’applicazione di protocolli standard, permette un recupero immediato della masticazione e un miglioramento della qualità di vita; evita spese eccessive per il paziente. Infine i lavori d’eccellenza vengono eseguiti su impianti post estrattivi posizionando sei impianti per arcata e quattordici elementi in zirconia.

Laboratorio di Estetica Dentale di Luca Savoldi & c. Via Manzoni, 17 - 24044 Dalmine (Bergamo) Tel. 035/565076 laboratoriosmile@alice.it - lucasavoldi@libero.it

47


Si Salvi chi può di Stefano Salvi1

Belotti scelga: le Istituzioni o gli ultrà “Dopo trentacinque anni – su quarantadue - passati a seguire l’Atalanta non andrò più in Curva Nord - spiega l’assessore regionale all’Urbanistica, Daniele Belotti - In tutto questo tempo ne ho viste di tutti i colori, ma quello che è successo ad Alzano è assolutamente inaccettabile. Veder lanciare bombe carte e sassi, assistere all’incendio di auto di fronte ad una festa a cui partecipavano centinaia di famiglie con bambini è qualcosa di inimmaginabile”. Questa è stata la dichiarazione a caldo dell’assessore, dopo l’assalto ultrà dei tifosi atalantini alla Bèrghem Fest contro il ministro Maroni. E’ incredibile che Belotti se ne esca bello bello, dichiarando che non andrà più a vedere l’Atalanta dalla curva, perché dopo ben trentacinque anni si è accorto di che pasta sono fatti gli ultrà atalantini. Non è possibile che una persona si renda conto solo dopo trentacinque anni che quella parte di tifosi, per la quale l’assessore ha più volte fatto da ambasciatore, da portavoce, da intermediario, sia in realtà un’accolita di delinquenti in cerca di visibilità. Nel prendere atto della decisione dell’assessore Belotti di andarsi a vedere la partita in un altro settore dello stadio, sorge spontanea una domanda, ma in questi

Il reporter, dal 1994 al 2001, svolge per il Tg satirico di Antonio Ricci importanti inchieste, diventando l’emblema del giornalismo d’assalto, preso poi a modello da varie trasmissioni televisive e riceve nel 1996 a Forte dei Marmi il Premio Satira Politica per la Televisione. Dopo Striscia la Notizia, diventa un punto di riferimento per i giovani e, in particolare, per gli studenti che hanno dimostrato di non voler rinunciare alle sue inchieste-verità. La forza comunicativa del Si Salvi chi può, un verace one man show dell’informazione portato in Tour nelle Università italiane e nei Teatri, diventa anche oggetto di tesi di laurea. E’ autore del capitolo “Il mio viaggio in Iraq” per il libro “L’informazione deviata”, edito da Zelig-Baldini e Castoldi e presentato al Premio Ilaria Alpi nel 2002. Corteggiato dalla Rai in più di un’occasione, dal Dopofestival di Sanremo all’Isola dei Famosi, rinuncia, preferendo il nuovo linguaggio della Rete a quello televisivo e apre www.stefanosalvi.it, che diventa ben presto la prima webtv d’inchiesta.

1

48


trentacinque anni che cosa ha fatto? Era catatonico, dormiva? Era assente? I casi sono due: o era in buona fede, ed è per questo che non se ne è accorto, e allora è assolutamente deficiente (dal latino deficere, cioè mancare di) o era ed è in assoluta malafede, ben sapendo con chi avesse ed ha a che fare, ben sapendo che le persone di cui sopra sono senz’altro un enorme catino di voti per la sua carriera politica. Comunque, in entrambi i casi, l’assessore si deve DIMETTERE. Ci piacerebbe sapere dov’era Belotti, che oggi si scandalizza per auto bruciate, per bombe carta lanciate, quando le stesse identiche cose sono state eseguite da questo stesso branco per anni sia all’esterno del nostro stadio, che

all’esterno di tanti stadi italiani.

Non ci risulta affatto che l’assessore Belotti abbia mai assunto posizioni critiche a tal riguardo negli anni precedenti. Evidentemente, questa levata di scudi, questo disconoscimento avviene ora per un fatto semplicissimo: non tanto per la natura degli atti compiuti che sono, come ricordato, all’ordine del giorno nel Dna di queste persone, bensì perché consumati contro il partito politico a cui Belotti appartiene, perché perpetrati contro ministri del partito politico a cui Belotti appartiene, perché manifestati in seno ad una festa del partito a cui Belotti appartiene. Ci piacerebbe tanto sapere se questo signore si sarebbe comunque indignato se tali criminose azioni si fossero svolte all’interno di una kermesse di Forza Italia, del Pd o dell’Udc. E se le bombe carta al posto di sfiorare il viso d’angelo del nostro eroe avessero sfiorato visi anche più comuni appartenenti ad altri soggetti politici. Perché il lettore possa meglio capire con chi si è confrontato per anni Belotti, senza rendersene conto, riportiamo attoniti le dichiarazioni che il capobranco di questa accolita di frustati energumeni, che risponde al nome di Bocia, ha rilasciato al Corriere della Sera: «L’apice dello scontro è la cosa più bella che si possa avere perché è dettata dal cuore, perché nasce dalla passione. Roma, Torino, Firenze sono tifoserie tutte grandi, noi vogliamo sempre avere problemi con questi, e se non ce li abbiamo li cerchiamo noi i problemi. Ci stanno tutti sul c... e poi c’è la voglia - ed è la mia droga - di picchiarmi con un ultrà di qualsiasi altra squadra per fargli capire che qua non c’è la possibilità per te di fare il galletto». Nel prevedere la sorpresa e lo sgomento del lettore, dopo queste dichiarazioni, non ci resta che concludere che la pasta che modella codeste persone l’hanno capita tutti. Meno Belotti. Un rappresentante delle Istituzioni non può accorgersi, in buona o in malafede, dopo trentacinque anni, di una cosa per la quale un cittadino medio si accorgerebbe dopo trentacinque secondi. Un appartenente alle Istituzioni è, prima di tutto, un nostro dipendente e, come tale, deve tutelare prima di tutto la legalità, cosa che non figura nel vocabolario né di questi signori né, evidentemente, di chi li ha difesi per trentacinque anni. Ecco perché le dimissioni di Daniele Belotti sono doverose.

n 49


L’Accademia Carrara Un museo in giro per il mondo di Claudia Sartirani1

Quando un restauro di un Museo diventa occasione per

si è trasformata in un’opportunità. A tanti, infatti, la

farne conoscere le più importanti collezioni fuori dalle

chiusura della Carrara ha permesso di ammirarne

mura della Città a cui esse di diritto appartengono ...

le opere fuori sede. Ma partiamo dal disallestimento

Potrebbe cominciare così il capitolo più recente della

della

storia dell’Accademia Carrara. Il Museo è chiuso dal

la delocalizzazione di tutto il patrimonio artistico,

2008 perché sia possibile restaurare la struttura del

preceduta da un censimento/inventario delle opere nella

neoclassico edificio che lo ospita. Per la nostra Città una

sua reale collocazione. La delocalizzazione ha richiesto

sorta di mutilazione - Bergamo e la Carrara sono legate

l’identificazione di idonee sedi di deposito che fossero

a doppio filo e i bergamaschi amano profondamente e

strutturate per lo stoccaggio, ma anche agibili per la

sinceramente la “loro” Carrara -; una mutilazione che,

verifica periodica dello stato di conservazione. Così, oltre

però, per molti altri amanti dell’arte, italiani e stranieri,

1.800 dipinti hanno trovato ospitalità sicura nei caveaux

1

50

Assessore alla Cultura e allo Spettacolo di Bergamo.

Carrara;

disallestimento

che

ha

comportato


Se vivi in città o in Provincia, abbonati alla rivista più diffusa per chi vive Bergamo, così non dovrai più correre in edicola, ti verrà personalmente recapitata. Basta spedire il tagliando che trovi sul retro al nostro indirizzo: BMADV Via Casalino, 5H 24121 Bergamo o via Fax: 035 236661


52


L’Accademia Carrara di una grande banca cittadina e presso il deposito di una

e testimonianze scritte di visitatori che hanno dichiarato

società specializzata nella custodia di opere d’arte.

la nostra collezione degna del Louvre.

Le opere della nostra Carrara sono in sostanza state

Il 13 ottobre di quest’anno 80 capolavori della nostra

messe in sicurezza. Ciò ci è parso fin da subito poco,

Accademia daranno vita alla Mostra I Grandi veneti, che

troppo poco. Inevitabile mutilare Bergamo della Sua

verrà inaugurata al Chiostro del Bramante di Roma. La

Accademia, ma perché non renderla accessibile ad altri?

stessa Mostra si trasferirà successivamente al Palais

Questo il pensiero che ci ha guidati nel momento in cui

des Beaux Arts di Bruxelles, dove i nostri capolavori ne

abbiamo scelto di volgere in chiave positiva la situazione

affiancheranno 20 fiamminghi, provenienti dal Museo di

dolorosa della chiusura della Carrara.

Anversa.

Si è deciso dunque di dare avvio ad un’importante

A fine 2011 la Carrara volerà oltreoceano, a Camberra

operazione di valorizzazione del patrimonio artistico della

in Australia, per una grande Mostra sul Rinascimento

Carrara mediante la coproduzione di prestigiose Mostre

italiano, cui seguirà un’ulteriore esposizione nella

in Italia e all’estero, oltre alla scelta del Palazzo della

primavera 2012 al Metropolitan di New York.

Ragione quale temporanea prestigiosa sede espositiva per allestire Mostre – prima tra tutte quella inaugurata

La Carrara e con essa il nome di Bergamo sono volati e

nel luglio 2008 – e dar corso, senza soluzione di

ancora voleranno nel mondo. Il ritorno della Carrara a

continuità, ad una serie di progetti espositivi temporanei

casa sua dovrà essere sostenuto da un progetto museale

volti a mettere in luce aspetti peculiari della storia

di primissimo ordine, perché la laboriosa Bergamo non

dell’istituzione museale. Dal prossimo mese di dicembre

sia solo la Città del lavoro che tutti conoscono, ma sia per

sarà allestita una mostra di 80 opere dell’Accademia

sempre una Città d’Arte.

n

Carrara, articolata per collezioni di provenienza; Mostra che inaugurerà un periodo di approfondimento dedicato alla storia del Museo e delle sue raccolte. Ma diamo ora conto dei grandi sforzi che sono stati condotti per realizzare diverse Mostre fuori dalla nostra Città al fine di valorizzarne e promuoverne il patrimonio artistico. Nel 2008 la Mostra La pittura italiana del Rinascimento al XIII secolo. Tesori italiani della Carrara di Bergamo, realizzata alla Fondation de l’Hermitage a Losanna; nel 2009, l’importante Mostra organizzata in collaborazione con il Museo Ferenczy di Szentendre in Ungheria, con successiva tappa a Bekescsaba, poi ripresa, peraltro con l’aggiunta di alcune opere, a Treviglio. Sempre nel 2009 sono stati concessi in prestito al Museum of Fine Arts di Budapest 10 dipinti, esposti in occasione della Mostra Da Botticelli a Tiziano. Capolavori di due secoli della pittura italiana. Ulteriori Mostre sono state coprodotte tra il 2009 e il 2010 a Palazzo Trevi di Bolzano (La Luce del Rinascimento) e alla Kurhaus di Merano (Dal Rinascimento al Romanticismo - Le collezioni di Accademia Carrara). Proprio il 19 settembre scorso si è conclusa la Mostra di opere della Carrara allestita al Musée des Beaux Arts de Caen in Normandia, visitata lo scorso fine settimana da una delegazione degli Amici della Carrara, che ci hanno riportato commenti entusiastici raccolti in quel contesto 53


Conti in tasca di Danilo Tomasi1 - Disegno di Alessandro Di Miceli

La posta elettronica certificata La tecnologia ed il diritto sovente mettono a disposizione degli operatori economici e dei cittadini alcuni strumenti tanto utili e sofisticati quanto complessi e, se non correttamente utilizzati, a volte addirittura “pericolosi”. Tra i più recenti si deve annoverare senz’altro la Posta Elettronica Certificata (PEC). Cosa é?

mozilla thunderbird…) con i parametri forniti dal gestore

La PEC è un «sistema di posta elettronica (NDR “p.e.”)

di PEC prescelto.

nel quale è fornita al mittente documentazione elettronica

- possibilità di verificare, nella ricevuta di avvenuta

attestante l’invio e la consegna di documenti informatici».

consegna, il contenuto del messaggio originale.

Si usa assimilare la PEC alla raccomandata A/R,

L’obbligo di legge

accostando invece la normale p.e. alla posta ordinaria,

La PEC è stata istituita in Italia con il D.P.R. 68/2005,

Il paragone è tuttavia esemplificativo: la PEC ha, infatti,

ma è solo con il D.L. 185/2008 che la PEC assume la

una propria regolamentazione che ne definisce modalità

funzione di strumento di comunicazione tra società,

e valore legale.

professionisti e amministrazioni pubbliche.

La PEC (sempre che sia il mittente che il destinatario

Il D.L.185/2008, entrato in vigore il 29/11/2008,

abbiano indirizzi P.E.C.) dà certezza rispetto ad alcuni

stabilisce, infatti, l’obbligo, per alcuni soggetti, di dotarsi

elementi inseriti nella p.e:

di un indirizzo PEC secondo il seguente calendario:

1. data e ora di spedizione e ricezione;

- per le società costituite a partire dal 29/11/2008

2. provenienza;

è immediatamente obbligatoria e deve essere

3. integrità del messaggio.

comunicata

La PEC fa quindi risparmiare tempo e denaro rispetto

(in

ad una raccomandata A/R, perché ha i seguenti enormi

procedimento di iscrizione al Registro Imprese);

pregi:

- per le società già costituite al 29/11/2008

- semplicità ed economicità di spedizione (anche a

deve essere richiesta entro il 29/11/2011 e

più destinatari contemporaneamente), riproduzione,

comunicata

archiviazione e ricerca;

- per i professionisti iscritti in albi o elenchi avrebbe

- velocità e sicurezza della consegna, non necessitando

dovuto essere richiesta entro il

della presenza fisica del destinatario;

comunicata all’ordine o collegio di appartenenza;

- possibilità di utilizzo in qualsiasi luogo e in qualsiasi

- per le amministrazioni pubbliche che non vi avessero

momento; si può accedere alla propria casella di PEC,

ancora provveduto ai sensi dell’art. 47, comma 3, lettera

infatti, sia attraverso un client di p.e. che attraverso

a), del Codice dell’Amministrazione digitale (CAD),

un browser internet. Nel primo caso, prima di poter

deve essere istituita una casella di posta certificata

utilizzare la propria casella sarà necessario configurare

per ciascun registro di protocollo e ne deve essere data

il proprio programma di p.e. (outlook, windows mail,

comunicazione al DigitPA.

difetto

al si

al

Registro

Imprese

determina

Registro

la

Imprese

1 Dottore commercialista e revisore legale in Bergamo. TOMASI & ASSOCIATI - Studio associato di consulenza aziendale e tributaria e-mail: danilo.tomasi@tomasiassociati.it

54

competente

sospensione

del

competente;

29/11/2009 e


.P E.C.

Sono esclusi da tale obbligo gli imprenditori individuali, (al

pari

dei

i

quali

TRONICA POSTA ELET

privati)

possono in ogni caso,

A.Di Miceli 2010

A

CERTIFICAT

facoltativamente, richiedere una PEC.

rjnd sej rm 38 m e n soo m Aom iusnr mkt b P Via 5 Birg 1 1 4 2

In seguito all’attivazione della propria PEC, tutte le

comunicazioni

tra

i

professionisti, le società

che servono a scopi differenti. La prima garantisce

e le P.A. potranno avvenire

l’autenticità di un documento, la seconda offre, invece,

tramite PEC senza che risulti

garanzie sull’avvenuta consegna di un messaggio ad

necessario dichiarare la propria

un destinatario e sul non ripudio di quel messaggio. Il

disponibilità in tal senso.

fatto che questa garanzia, nella PEC, sia materialmente

Al momento della comunicazione agli enti preposti della

espressa da una ricevuta firmata digitalmente dal

propria PEC i soggetti obbligati, in sostanza, dichiarano

provider è puramente contingente e dipende dal fatto

la esplicita volontà di accettare l’invio di messaggi PEC.

che al momento attuale la firma digitale è uno strumento

Si noti che in sede di conversione del D.L. 185/2008 il

riconosciuto dalla legge.

legislatore ha apparentemente “ammorbidito” l’obbligo

Come e quando utilizzare la PEC?

della PEC per i soggetti suindicati, consentendo in

La PEC è indicata soprattutto per effettuare comunicazioni

alternativa la pubblicità di un «analogo indirizzo di posta

“ufficiali” per le quali il mittente vuole avere delle

elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora

evidenze con valore legale dell’invio e della consegna del

dell’invio e della ricezione delle comunicazioni e l’integrità

messaggio. Ciò non toglie che, volendo, la PEC possa

del contenuto delle stesse, garantendo l’interoperabilità

essere utilizzata per qualsiasi altra comunicazione.

con analoghi sistemi internazionali». In realtà da un punto

Conclusioni

di vista funzionale l’unico strumento che

attualmente

La PEC rappresenta uno strumento innovativo e potente

garantisca tali requisiti è proprio quello della PEC, per

quindi è assai consigliabile che il suo utilizzo (ma, si

cui la modifica apportata alla norma originaria è più

noti, ancor più quello della firma digitale) sia preceduto

teorica che pratica (le istruzioni emanate dagli organi

da un’adeguata formazione di tipo tecnico-informatico

ufficiali dei soggetti obbligati, infatti, fanno riferimento

(per il suo funzionamento) e giuridico (per i suoi risvolti

attualmente solo all’obbligo della PEC.)

legali.) fornisce

In particolare è opportuno che tutti gli utenti provvedano

gratuitamente a tutti i cittadini italiani una PEC che,

a dotarsi di procedure affidabili di costante monitoraggio

tuttavia, può essere usata solo nelle comunicazioni

della casella di posta; ciò al fine di evitare che la

con la P.A. e non include un servizio di firma digitale.

mancata o tardiva lettura di messaggi aventi rilevante

Per le comunicazioni

tra privati i soggetti interessati

portata giuridica (si pensi ad esempio alla disdetta di un

(od obbligati) debbono invece richiedere un PEC di tipo

contratto, alla notifica di un atto giudiziario o impositivo)

commerciale ad un operatore autorizzato al relativo

possa arrecare un danno grave ed irreparabile all’incauto

rilascio.

destinatario che lo ha ricevuto (ma anche all’incauto

Firma digitale e pec

mittente che non abbia verificato il ricevimento o meno

Firma digitale e PEC sono due strumenti differenti

dell’avviso di consegna).

Il

Governo

Italiano

attraverso

il

DigitPA

n 55


Andiamo per monti di Paolo Valoti1 - Ph. Matteo Zanga

Tra genuinità e golosità Rifugio Antonio Curò, 1915 m

Paolo Valoti è socio della Sezione di Bergamo del Club Alpino Italiano (CAI) dal 1982 e attualmente Presidente sezionale eletto per il terzo mandato 2008/2010, nonché Istruttore Nazionale di Sci Alpinismo (INSA) nella Scuola di Sci Alpinismo “Bepi Piazzoli” e Istruttore di alpinismo. La Sezione CAI di Bergamo è stata fondata il 23 maggio 1873 ed è stata dedicata nel 1936 alla memoria di Antonio Locatelli. Oggi è la prima Sezione italiana per numero di soci e conta circa 10.000 soci distribuiti nelle 19 sedi territoriali capillarmente diffuse nella provincia bergamasca. Il Club Alpino Italiano è una storica e moderna realtà associativa con profonde e sane radici in montagna che si rinnovano senza sosta nel servizio per la montagna e per le sue genti grazie alla dedizione dei soci attivi impegnati a diffondere i grandi valori del Club e a condividere l’intramontabile passione per la Montagna, in ogni sua espressione, in particolare coinvolgendo i giovani d’ieri, di oggi e di domani. www.caibergamo.it 2 Foto archivio CAI 1

56


“Il carattere di un rifugio non dipende solo dal luogo

la montagna un lavoro che, oltre alla gestione complessa

in cui sorge, dalle montagne che lo circondano, dalla

della struttura, consiste nel dare volto e carattere al

lunghezza e dalla difficoltà del sentiero che si percorre

rifugio, ma anche nel cercare di valorizzare una delle

per raggiungerlo. A dare carattere a un rifugio è lo spirito,

zone più belle delle Orobie attraverso la promozione e il

il calore umano, l’accoglienza che si incontrano, e,

rilancio della pratica dell’alpinismo e dello scialpinismo.

perché no, la genuinità e la bontà della cibo gustato con

Le possibilità di effettuare belle salite sulle cime che

l’appetito che sa dare una giornata in montagna.

contornano il Lago del Barbellino sono in effetti molteplici,

Si possono incontrare tutti questi elementi salendo al

si pensi al Pizzo Recastello (2886 m), al Monte Gleno

Rifugio Antonio Curò, che sorge a 1915 metri sul livello

(2882 m), al Pizzo del Diavolo della Malgina (2926 m),

del mare e si affaccia sul Lago del Barbellino, in cima

alla bellissima Cresta Est del Pizzo Coca (3050 m), in

all’Alta Valle Seriana.

cima alla selvaggia Valmorta.

Da tre stagioni il rifugio è gestito da un gruppo di giovani,

Ma la zona del Barbellino è strategica anche per

tutti residenti nei paesi dell’alta valle: Fabio Arizzi con

escursioni e trekking: il rifugio è infatti tappa del Sentiero

la moglie Milena e le due piccole Beatrice e Diletta, da

delle Orobie, ma è anche punto di partenza dell’itinerario

Marzia Albricci con Vincenzo Baronchelli e infine dal

naturalistico dedicato ad Antonio Curò che si sviluppa

cuoco Angelo Ghilardini.

lungo la bellissima Val Cerviera. La zona permette inoltre

Insieme, nell’aprile del 2007, si sono buttati in questa

escursioni verso i passi che conducono in Valtellina (con

avventura molto bella e difficile con la voglia di provare a

a nord il Passo di Caronella, a 2612 metri, e a est il Passo

vivere nella e della montagna bergamasca, a impegnarsi

Grasso di Pila, detto anche Barbellino, a 2513 metri, lungo

in una professione che richiede tanta passione, energia,

un itinerario che lascia scorgere i magnifici laghi della

entusiasmo e inventiva, che ha il valore aggiunto di essere

Malgina e Gelt, oltre al Lago Naturale del Barbellino.

offerta dal territorio e che evita il pendolarismo verso la

Per alcuni versi quello del rifugista è un mestiere d’altri

pianura a cui moltissimi, nelle alte valli bergamasche,

tempi, che costa fatica e capacità di adattarsi ai rigori e

sono obbligati.

ai capricci della meteorologia, che richiede competenze

La scommessa è stata quella di fare della passione per

in campo ristorativo e alberghiero, ma anche l’esperienza

57


Tra Genuinità e Golosità Rifugio Antonio Curò, 1915 m tecnica necessaria alla cura e alla manutenzione della struttura e degli impianti. Ma fare il rifugista oggi significa anche svolgere una professione a volte frenetica e in forte cambiamento, necessariamente aperta alle innovazioni: si pensi all’arrivo della connessione ad internet in rifugio, con webcam e possibilità di accesso alla rete per i frequentatori, oppure alla crescita di nuove pratiche sportive, come la corsa in montagna (il Rifugio Curò è punto di passaggio dell’Orobie Skyraid, giunta quest’anno alla terza edizione), o ancora alla presenza, in costante crescita, di frequentatori stranieri, soprattutto svizzeri, olandesi e tedeschi, che del rifugio apprezzano l’accoglienza, la buona cucina e la disponibilità di letti in cameretta. L’impegno professionale che questi giovani hanno avviato è quindi una scelta di vita, certamente faticosa, ma anche ricca di soddisfazioni, dove la sveglia suona alle cinque del mattino per preparare le colazioni e far partire l’attività della giornata, e dove solo raramente, la sera, si va a letto alle 22, ora del silenzio secondo il canonico regolamento dei rifugi, oggi poco rispettata, soprattutto con una bella compagnia e qualche vecchia canzone alpina… La prospettiva e il progetto di valorizzare la frequentazione estiva e invernale delle montagne circostanti consiste nel promuovere la pratica di nuove discipline, oggi molto attrattive per i giovani, come la mountain bike, o come l’arrampicata, attrezzando magari una palestra di roccia nella Conca del Barbellino, o, ancora, riscoprendo discipline da sempre legate alla montagna, come lo scialpinismo, oggi in forte crescita, o, ancora, riprendendo la tradizione della la storica gara di sci alpino del Gleno. La buona collaborazione con la Sezione di Bergamo del Club alpino italiano, proprietaria del rifugio, è stata molto importante con l’avvio dell’attività nell’aprile del 2007, e trova costante riferimento negli Ispettori e Tecnici volontari della Commissione Rifugi del Cai di Bergamo. Tutto questo concorre a dare un’identità forte al Rifugio Curò e alla sua tradizione, e, oltre all’ottima accoglienza che si può trovare, lascia ben sperare in un’esperienza professionale in montagna a lungo termine, vissuta con passione.”

Stefano Morosini Dottore di ricerca in Storia delle Istituzioni e della società nell’Europa contemporanea. Consigliere della Sezione di Bergamo del CAI e Istruttore di arrampicata libera. 58


Accesso principale Da Valbondione, segnavia n. 305 percorribile in 2,30 ore. Altri accessi Da Lizzola, segnavia 306 percorribile in 3 ore; dal rifugio Coca, segnavia 303 percorribile in 3,30 ore.

Scheda tecnica

Ascensioni Pizzo Coca (3050 m.) F - via normale; PD cresta Est o cresta Nord; Pizzo Recastello (2886 m.) EE

Altitudine: 1895 metri sul livello del mare

- via normale; PD - canale nord; Monte Gleno (2882 m.)

Zona: Località Conca del Barbellino - Valbondione –

F - via normale; Monte Torena (2911 m.) EE. Il Sentiero

Alta Valle Seriana (BG)

delle Orobie Occidentali: dal rifugio Curò (5° tappa) si

Gestore: Arizzi Fabio, Albricci Marzia, Ghilardini

procede alla volta del rifugio Albani (6° tappa) tramite

Angelo

segnavia n. 304/401 percorribile in 7 h.

Recapito telefonico gestore: 333.10.13.878 -

Note: La conca del Barbellino è senza dubbio l’area

328.90.78.105 - 328.32.65.100

escursionisticamente più interessante di tutte le Alpi

Email: info@antoniocuro.it

Orobie, per la presenza di tutta una serie di bellissime

Recapito telefonico rifugio: 0346.44076

e non troppo impegnative vette, a quote che spesso

Proprietà: CAI Bergamo

sfiorano i 3000 m. La zona fa parte della riserva naturale

Apertura: per il 2010 dal 1 ottobre al 01 novembre

Belviso-Barbellino e pertanto la fauna alpina pregiata,

aperto festivi e prefestivi.

specialmente nelle conche più appartate, è molto

Sito: www.caibergamo.it - www.antoniocuro.it

abbondante. Il rifugio Curò è conosciuto dagli appassionati anche a per l’immediata vicinanza delle famose Cascate del Serio che, con un triplice salto di oltre 315 metri,

Eventi da non perdere:

sono le più alte d’Italia e le seconde d’Europa.

Le gara di scialpinismo “Skisteto” in primavera, le gare

Biodiversità e tipicità enogastronomica del rifugio:

di skyrunning Orobie Skyraid e la Tre laghi Tre rifugi in

casoncelli bergamaschi, risotto con radicchio e formaggio

estate, e la grande festa di chiusura del rifugio dal 30

Branzi FTB, polenta e brasato, arrosti vari, salumi e

ottobre al 1 novembre.

n

formaggi locali, vini della Valcalepio e per finire ottimi dolci fatti in rifugio. 59


A passeggio per la città di Ettore Maffi - Ph. Dimitri Salvi

Il monastero di Astino tra passato e futuro

La piccola valle di Astino è situata in una amena posizione

bergamasco, il Beato Guala, discepolo di San Domenico

nella parte occidentale dei colli di Città Alta, tra i boschi

e già priore del primo convento dei Domenicani a Brescia.

dell’Allegrezza e il colle della Benaglia, in cui campeggia

Guala svolse, per conto della Santa Sede, intensa attività

il monastero di Astino, fondato dai padri Vallembrosiani

diplomatica, per conto della Santa Sede, presso la corte

nel 1070 sotto la guida di Bertario.

di Federico II per dirimere le controversie tra i comuni

Nel secolo successivo vennero istituiti l’Ospedale del

dell’Alta Italia e l’imperatore ed assunse una posizione

Santo Sepolcro di Astino e, contestualmente, un’opera di

di grande prestigio in seno alla Curia romana. A seguito

beneficenza a favore dei poveri e dei carcerati che furono

del dissenso di ordine personale con il legato apostolico

sempre sostenuta da cospicue donazioni.

in Lombardia, ottenne il trasferimento ad Astino, dove

Nel 1239 il monastero ospitò un grande personaggio

venne accolto con grande considerazione al punto che fu per lui costruito, nell’ala orientale un appartamento, con annessa cappella. Alla sua morte il Beato volle essere sepolto nel convento e il calco delle impronte dei suoi piedi venne collocato all’interno della chiesa. Le reliquie del Beato, dal 1896, si trovano nel Monastero di Matris Domini. La vita del monastero continuò nei secoli con interventi e miglioramenti strutturali e terminò a seguito della soppressione napoleonica dei conventi del 1797. I beni

60


furono accorpati all’Ospedale maggiore: nel 1832 divenne manicomio, funzione mantenuta fino alla costruzione del nuovo ospedale psichiatrico di Bergamo, avvenuta nel 1892 e da allora il monastero rimase disabitato. Il complesso di Astino venne dato in affitto per usi agricoli. Nel 1910 fu stato inserito nell’elenco degli edifici monumentali ad uso pubblico: nel 1924 fu posto all’asta ed acquisito da un privato che lo utilizzò per fini agricoli per cinquant’anni e fu in seguito ceduto ad un’immobiliare che progettò di costruirvi un campo da golf, che poi sarà effettivamente realizzato poco distante, a Longuelo. Questa notizia scatenò un ampio dibattito tra le istituzioni, le associazioni particolarmente sensibili come Italia Nostra, e i privati con l’intento di disegnare una nuova funzione per l’ex monastero. Si segnala, tra le altre, anche un’idea di Luigi Veronelli, che propose di 61


Il monastero di Astino

62


63


Il monastero di Astino

trasformare la valle e parte del monastero in un Centro ricerche per la promozione della qualità degli alimenti e, in particolare, del vino. Anche i nuovi strumenti urbanistici, come il Piano particolareggiato dei Colli, hanno confermato la vocazione pubblica, già decretata dalla legge. Ma tutto si frenò o, meglio, rimase in una fase di stallo per la mancanza di fondi da parte degli enti pubblici locali: nel 2008 la Fondazione MIA si propose come capofila di istituzioni e privati per il recupero e la rinascita dell’ex monastero di Astino. Nel parliamo ora proprio con il Presidente della Fondazione MIA, prof. Giuseppe Pezzoni, che ci precisa: “La Fondazione ha deciso di farsi parte attiva in questo ambizioso progetto per due ordini di motivi. Innanzi tutto per motivi storici: difatti sin dal 1305 la Misericordia Maggiore ha instaurato proficui rapporti con il Consorzio dell’Ospedale di Astino e da allora sono state organizzate iniziative benefiche comuni. In tempi decisamente più recenti, dovendo provvedere al restauro del palazzo di via Arena, 9 si è operato il trasferimento provvisorio dell’Istituto

superiore

di

studi

musicali

“Gaetano

Donizetti” in Città bassa e, in considerazione del fatto che il binomio musica e Misericordia Maggiore è un fatto inscindibile sin dai tempi di Simone Mayr e Donizetti, il Consiglio dell’Ente ha pensato di proporre la nuova sede del Conservatorio proprio ad Astino: abbiamo quindi coinvolto il Comune di Bergamo, la Provincia, il Consorzio

64


del Parco dei Colli, la Val d’Astino e UBI Banca Popolare di Bergamo in questa operazione. È stato sottoscritto un protocollo d’intesa per destinare prioritariamente i nuovi spazi, oltre che all’Istituto musicale, anche all’Istituto Mario Negri. I lavori per la messa in sicurezza del complesso sono già stati avviati e coerentemente a quella che da sempre è una nostra mission, cioè la Basilica di Santa Maria Maggiore, abbiamo cercato un’intesa anche con la Curia vescovile per riaprire al culto la Chiesa del Santo Sepolcro. Naturalmente il Parco dei Colli e l’Orto Botanico dedicheranno la loro attenzione alla fruibilità del parco, valorizzando anche le miniere di marna della zona.” Per seguire gli sviluppi del progetto: www.fondazionemia.it

n 65


BergamoUp segnala

L’acqua di casa è buona e sicura di Maryline JM-W

Dopo aver parlato a lungo di sviluppo sostenibile prima delle vacanze, come non dedicare spazio all’appena conclusa campagna intitolata BEVI L’ACQUA DI CASA, di Altroconsumo. Campagna attraverso la quale l’associazione indipendente di consumatori ha voluto diffondere la cultura dell’acqua in casa e dare un colpo di piccone ai pregiudizi. “L’acqua del rubinetto non è un ripiego più economico, ma una scelta intelligente, che fa anche risparmiare” perché è buona e sicura come lo attestano analisi effettuate da Altroconsumo su 35 campioni di acqua, prelevati da fontanelle pubbliche di altrettante città italiane, e su cinque campioni di acqua imbottigliata delle marche più pubblicizzate e acquistate (vedi loro sito: www.altroconsumo.it). Per maggiori informazioni, ecco un loro articolo in merito, nel quale gli idro-scettici del rubinetto troveranno risposte a molti dubbi. I maniaci dell’acqua in bottiglia cominceranno a nutrirne alcuni. E gli entusiasti dell’acqua di casa si rafforzeranno nella loro convinzione:

Oro blu sgorga a casa tua. Sbagliano gli italiani a non berla. Tracce di contaminanti in Levissima e Sant’Anna. Buonissima, sicurissima, comodissima: l’acqua del rubinetto non ha nulla da invidiare alla parente arricchita che si presenta chiusa in bottiglia e accompagnata da bei marchi (350 solo in Italia). Tranne che a Reggio Calabria, dove l’acqua, scandalosamente, non è potabile a causa di infiltrazioni d’acqua di mare (non bevetela), nelle altre città quello che scorre negli acquedotti è autentico oro blu. Tutto da bere e a un prezzo mille volte inferiore rispetto all’acqua griffata. Quella in bottiglia è ottima, ci mancherebbe. Ma siccome non viene imbottigliata in paradiso ed è parte di un ecosistema in sofferenza, si rivela non immune da possibili contaminazioni. Ergo, sbaglia chi associa alla minerale l’idea della sicurezza assoluta.

66


Ce l’hanno data a bere Oligominerale, con il giusto calcio e adatta alle diete povere di sodio. Scommettiamo che state pensando a qualche marchio di acqua minerale? E invece si tratta di una descrizione che vale (quasi sempre) anche per l’acqua che sgorga dai rubinetti. È quello che emerge dalle nostre analisi. Peccato che la sbornia da minerale spesso offuschi queste evidenze chiarissime. La pubblicità martellante ci ha convinto che siano addirittura qualità esclusive dell’acqua in bottiglia, quando invece sono caratteristiche comunissime a gran parte dell’acqua potabile. Un equivoco che non conviene risolvere, visto che vale 100 miliardi di dollari: a questa stratosferica cifra ammonta il mercato mondiale delle acque in bottiglia. Prendiamo il tanto vituperato sodio (quello del sale). Un cracker contiene da solo la quantità di sodio di due litri d’acqua potabile, cioè la quantità consigliata per un intero giorno. Chi è iperteso non deve certo preoccuparsi dell’acqua, ma di quello che mangia. Così il calcare: l’opinione comune, abilmente condizionata, vorrebbe che l’acqua di casa sia causa di calcoli o di problemi alla digestione, perchè troppo dura. È una bufala. Le acque più dure della media fanno male agli elettrodomestici (incrostazioni), non alle persone. Per contro, le acque troppo dolci non danno l’apporto di minerali necessario alle funzioni vitali. C’è chi sguazza nel torbido A inquinare le acque della buona informazione, non sono purtroppo solo i problemi di percezione che molti italiani hanno nei confronti di quel tesoro liquido che arriva nelle loro case. O la fiducia acritica che ripongono nelle minerali. Ogni tanto fanno capolino studi allarmistici sulla cui imparzialità e correttezza è il caso di nutrire qualche dubbio. L’ultimo in ordine di tempo, quello dell’Università Federico II di Napoli, ha generato forti preoccupazioni. Afferma che le acque potabili, il 24,83% delle volte, sarebbero interessate da contaminazioni fecali. Cosa che alle Asl, che certificano la potabilità delle acque con centinaia di migliaia di controlli l’anno, non risulta. Altre incongruenze? Lo studio non fa alcun riferimento ai limiti di legge, che sono fissati per tutelare la salute dei cittadini e sono universalmente riconosciuti come validi. Anche le nostre analisi evidenziano la presenza, in pochi casi, di solventi (dovuti a processi industriali) e più frequentemente di trialometani (che si formano quando il processo di disinfezione delle acque non avviene in maniera ottimale), ma si tratta di valori inferiori anche alla metà del limite di legge e senza conseguenze per la salute. Anzi, rispetto alla nostra precedente inchiesta (AC 194, giugno 2006) si registrano miglioramenti.

67


L’acqua di casa è buona e sicura

nella città pugliese anche trialometani. Le città centromeridionali hanno mediamente un’acqua più buona di quelle del Nord, dove si trovano più frequentemente sostanze indesiderate, sebbene in quantità non pericolose. In un’ideale classifica sulla qualità dell’acqua, secondo le nostre analisi, nella top ten figurano ben otto città del Centro-Sud. Al veritce, vere superstar dell’inchiesta, Potenza e Campobasso, le cui acque sono talmente buone che meriterebbero di essere imbottigliate. Ma solo in senso figurato, visto che il motto della nostra campagna è “Bevi l’acqua di casa”. Un invito a liberarsi alla svelta delle minerali. Pochi disturbatori e per ora innocui Sono originati da residui di prodotti chimici (dai pesticidi ai detergenti) o di farmaci, ma possono essere anche naturali come gli estrogeni. Hanno la caratteristica di interferire con il sistema ormonale dell’uomo e degli animali, per esempio causando la femminilizzazione dei pesci maschi. L’Unione europea fa sapere che il consumo di acqua potabile non espone la popolazione a rischi. Lo abbiamo verificato con le nostre analisi: la loro presenza è davvero marginale. Caccia a tre gruppi di contaminanti che potrebbero Potenza e Campobasso superstar

interferire con il sistema endocrino (ormoni) umano.

Gli acquedotti non lesinano i controlli e sono perfetta-

Niente allarmismi: sono tutti sotto i limiti di legge.

mente in grado di rispettare i parametri di legge. Chi ha dubbi dovrebbe consultarli e informarsi prima di rinunciare inopinatamente a bere l’acqua di casa. Nelle valutazioni noi siamo stati più severi rispetto a quanto imposto dalla normativa in vigore, giudicando negativamente i valori, che pur essendo lontani dai limiti di legge, andavano oltre la metà dello stesso limite. E bocciando i campioni che hanno almeno un parametro superiore ai limiti, com’è successo all’acqua di Reggio Calabria, a causa dei sali in eccesso. Anche Lecce e Ferrara ottengono un giudizio mediocre, perchè abbiamo trovato un cocktail di sostanze indesiderate: cloriti e perturbatori endocrini, e 68

Pesticidi Atrazina e terbutilazina (e loro derivati), simazina e linuron: sono i pesticidi sospettati di avere un’azione sugli ormoni.

Bisfenolo A enonilfenoli I nonilfenoli sono tensioattivi usati in detergenti e prodotti per la casa. Il bisfenolo A è un additivo di plastiche e vernici.

Estrogeni naturali e artificiali Sono nell’urina femminile, negli anticoncezionali e nelle terapie ormonali: l’ambiente li assorbe attraverso gli scarichi.


C’è nessuuuno? Ve lo ricordate il gridolino della particella di sodio sola soletta in un’acqua poco ospitale con le sue consimili? Un tormentone. Poi nelle battute tra amici la particella è diventata il solo neurone rimasto nella testa delle persone di cui ci si voleva far beffa. Quel neurone sulla cui solitudine puntano i pubblicitari per far presa con le loro promesse, spesso fittizie. Promesse grandi e artefatte, che sono l’anima della pubblicità. Ecco l’acqua con proprietà salutistiche che rende giovani e belli, l’acqua con zero calorie (sic) che idrata e depura, l’acqua diuretica che fa fare plin plin, l’acqua della salute e del Minerali più sicure?

benessere, l’acqua della bellezza e del fitness. All’acqua del rubinetto manca in effetti una sola cosa, la pubblicità.

Levissima, Lillia, Rocchetta, Sant’Anna e San Benedet-

Sarebbe del tutto simile alle minerali. Liscia, gassata o

to sono le 5 acque minerali che abbiamo sottoposto ad

di fontanella? Buonissima, sicurissima, economicissima.

analisi per verificare la presenza di pesticidi, perturbatori

Cristallini dentro, splendidi fuori. Oro blu, mi piaci tu.

endocrini ed estrogeni naturali. Esiti buoni per tutti i pa-

Acquasnella di rubinetto. Fanciulli fin da Fanciulli. Tlin,

rametri, com’era prevedibile. Non senza sorprese: mini-

Tlin. C’è nessuuuno...che vuole provarci?

n

me tracce di contaminanti sono state trovate nell’acqua Levissima (terbutilazina) e nella Sant’Anna (atrazina, terbutilazina, nonilfenoli). Nessun problema per la salute, la lezione è un’altra: la purezza è una qualità sempre più rara e nessun prodotto può ormai vantare di essere immune da contaminazioni ambientali. Liscia, gassata o di fontanella? Ecco lo spot che ti fa bella L’acqua che sgorga dal rubinetto è spesso oligominerale, non ha tutto il calcio e il sodio che si vuole far credere. Una cosa ha in meno rispetto alla minerale: le centinaia di milioni di euro che le aziende imbottigliatrici investono in marketing e pubblicità. Il risultato? Spot e campagne che fanno passare l’acqua minerale per elisir di bellezza. 69


PERSONAL TRAINER Un valore aggiunto per il vostro benessere di Emilio Catellani1

“Salve, sono il vostro Personal Trainer, la vostra guida verso la conquista del benessere! Che cosa fa un PT?” Nell’ultimo decennio ha acquisito sempre maggiore importanza la figura del Personal Trainer, guida sicura per il socio del fitness club verso l’ottenimento di un risultato tangibile e duraturo. Come lo illustra questo simpatico racconto tra un professionista dell’allenamento individualizzato e la persona che aspira al miglioramento della propria forma fisica. Isabella supera timidamente l’ingresso della sala fitness in cerca della persona che realizzerà il suo segreto desiderio: fare scomparire quegli odiosi agglomerati di ciccia mal distribuiti su cosce, fianchi e sedere. Un uomo con un’uniforme sportiva le si avvicina sorridente, tendendole la mano in offerta di una stretta amichevole. “Sono

Davide,

il

suo

Personal

Trainer”

dice,

accompagnandola attraverso la sala affollata di persone che sbuffano e ansimano impegnate a sudare su tapis roulant e altri congegni che promettono migliaia di calorie bruciate e invidiabili silhouettes da top model, “E questa è la zona dove ci si allena con i pesi” spiega l’uomo in uniforme, mostrandole un altro settore della palestra. “Pesi? Ma io non voglio mica i muscoli! Voglio dimagrire qua, qua e qua” risponde lei indispettita, sottolineando l’iterazione monosillabica dall’effetto paperesco con vigorosi pizzicotti sulle zone problematiche.

Emilio Marco Catellani, catanese residente a Bergamo, classe 1964. Certified Fitness Trainer ISSA, autore di fumetti, blogger, in futuro attore suo malgrado. Lavorare no, eh?

1

70


“Il PT programma l’esercizio muscolare… … ovviamente senza esagerare! ”

Davide è abituato a quella reazione, l’ha osservata decine di volte e sa già che cosa rispondere. “Vedi Isabella, voler dimagrire è un obiettivo vago. Stabiliamone uno più preciso: tu vuoi perdere peso o perdere grasso?” “E non è la stessa cosa?” “Non esattamente. Il peso del corpo umano è determinato da una quantità variabile di fluidi e da tre tipi di tessuti: il grasso, appunto, le ossa, e i muscoli. Però, dei tre l’unico metabolicamente attivo, cioè che produce una spesa energetica per il proprio mantenimento, è quello MUSCOLARE, il primo a venire sacrificato dall’organismo quando si trova, per esempio, in una condizione di

71


PERSONAL TRAINER “… programma il lavoro per migliorare l’efficienza del muscolo cardiaco…”

restrizione alimentare. Il grasso è un carburante di riserva

“Io mangio pochissimo… salto la colazione, a volte

finito di banchettare con i muscoli. Quindi si può perdere

anche il pranzo. E alla sera preparo solo un po’ di pasta

peso anche attaccando il tessuto sbagliato”.

in bianco …”

Isabella guarda perplessa Davide.

72

magra”

per i tempi di carestia che il corpo utilizza solo dopo aver

“Invece faresti meglio a fare tre pasti completi e due

“Ma correre non fa dimagrire? Che c’entrano i pesi?”

spuntini ogni giorno scegliendo alimenti adeguati, ricchi

Davide sorride paziente: “ Non c’è un esercizio che faccia

di fibre (ortaggi, frutta), di proteine per nutrire i muscoli

dimagrire. è la combinazione fra differenti tipi di attività

(carne, pesce, uova), pochi grassi salubri come olio extra

e un’alimentazione corretta che migliora la composizione

vergine d’oliva e semi oleosi (noci o mandorle) evitando

corporea, cioè il rapporto tra massa grassa e massa

troppi carboidrati inutili, pasta, pane, prodotti da forno,


“… controlla le vostre abitudini alimentari… “

dolciumi vari etc., specialmente la sera quando l’attività

intuendo lo stato d’animo della sua cliente. “Come ti ho

fisica diminuisce. Allenarti con i pesi è utile perché

detto prima, il muscolo è un tessuto che richiede energia

è l’unico modo per aumentare la massa muscolare,

per la propria conservazione. Quindi, quanto più ce n’è,

elemento chiave per farti consumare più energia durante

tante più calorie si consumano nelle 24 ore. Mangiare

tutto il giorno, anche quando dormi”.

cinque volte al giorno aumenta il ritmo metabolico perché

Isabella sembra confusa. Pensa: ma come, io mi sono

il processo digestivo comporta un impiego di energia. La

iscritta in palestra per correre, pedalare e sudare e questo

digestione delle proteine ne richiede una maggior quantità

qui mi dice che per dimagrire devo mangiare cinque volte

rispetto a carboidrati e grassi. Le verdure contenenti

al giorno e diventare grossa come Conan il barbaro?

fibre, oltre ad essere ipocaloriche, saziano a lungo e

“Non ti spaventare, ti spiego tutto in breve “ dice Davide

contengono preziosissimi minerali e vitamine necessari 73


PERSONAL TRAINER

“…e alla fine il risultato è assicurato… SENZA TRUCCHI!”

per il corretto svolgimento di tutte le funzioni organiche. Un bravo nutrizionista ti spiegherà tutto nei dettagli e preparerà un piano alimentare personalizzato”. Isabella comincia a dimostrare un certo interesse mentre Davide conclude: “Sarà come trasformare un’utilitaria in una vettura di Formula 1” La metafora sembra piacerle; però ancora un dubbio la tormenta: “Mi farai fare solo i pesi o anche correre?” chiede preoccupata. Davide sorride rassicurante. “Farai tutto… al momento opportuno. Adesso andiamo in infermeria, dove misureremo la tua composizione corporea con un calibro. Fra sei mesi ripeteremo le misurazioni e avrai la prova tangibile del tuo miglioramento”. Mentre segue Davide in infermeria, Isabella sorride e già s’immagina con un corpo più tonico e asciutto. Non parteciperà a Miss Italia ma avrà vinto il premio più importante: un lasciapassare illimitato per la buona salute.

74

n


75


AGENZIA DELLE ENTRATE Nuova struttura di Paola Cervi

È operativa la Direzione Provinciale di Bergamo, a

La nuova organizzazione, prevede che:

completamento di un processo di riorganizzazione

gli atti privati (quali contratti di locazione, contratti

dell’Agenzia delle Entrate sul territorio nazionale, iniziato

di comodato o contratti preliminari di compravendita)

in Lombardia poco più di un anno fa, avente per obiettivo

e

una migliore dislocazione delle risorse, l’efficienza e la

presso qualsiasi Ufficio territoriale della Direzione

funzionalità nel raggiungimento degli obiettivi.

provinciale;

L’attivazione delle Direzioni Provinciali, ha il vantaggio di

in caso di successione, la relativa dichiarazione, può

garantire un potenziamento e un’alta specializzazione,

essere presentata indifferentemente in uno degli Uffici

sia per quanto riguarda le strutture che si occupano dei

territoriali ricadenti nell’ambito della Provincia in cui

servizi all’utenza, sia per quelle che curano il controllo ed

era fissata l’ultima residenza del defunto. Attenzione,

il contrasto dell’evasione fiscale, rafforzando i controlli in

in caso d’integrazioni o modifiche di una precedente

relazione alla tipologia di contribuenti.

dichiarazione di successione, è opportuno che siano

La nuova struttura, sita in Largo Belotti 3, è costituita da

presentate allo stesso ufficio a cui è stata consegnata

un Ufficio controlli e da sette Uffici territoriali: Bergamo

la prima dichiarazione;

1, Bergamo 2, Clusone, Ponte San Pietro, Romano di

i rimborsi IVA sono di competenza dell’Ufficio

Lombardia, Treviglio e Zogno.

territoriale Bergamo 2.

le

dichiarazioni,

possano

essere

registrati

Il nuovo assetto organizzativo è così strutturato: Un Ufficio controlli che cura sia le attività di controllo (escluse quelle di competenza degli Uffici territoriali) che

I 14 e 15 ottobre, presso l’Aula dell’Ente Fiera di

il contenzioso, ed è suddiviso in quattro aree:

Bergamo, si terrà un importantissimo convegno

. area imprese medie dimensioni,

avente per oggetto: “Federalismo e partecipazione

. area imprese minori e lavoratori autonomi,

dei

. area persone fisiche ed enti non commerciali,

controllo e segnalazioni qualificate”. Sull’onda del

. area legale. Sette uffici territoriali destinati ad attività di assistenza e informazione agli utenti, alla gestione degli atti, delle dichiarazioni e dei rimborsi ed alla registrazione

all’accertamento

metodologie

di

patto siglato tra Agenzia delle Entrate e Comuni quali Bergamo e Milano, l’obiettivo è di avviare su tutto il territorio nazionale una collaborazione

dei provvedimenti giudiziari. Tali uffici sono inoltre

tra i due enti che favorisca la lotta all’evasione. Si

competenti in materia di:

ricorda che l’Agenzia metterà a disposizione dei

. controllo formale di dichiarazioni e atti;

comuni firmatari il proprio know-how nell’attività di

. accertamenti parziali su segnalazioni centralizzate;

controllo e al Comune spetterà il 33% delle somme

. attività di controllo esterno per l’emissione di ricevute

effettivamente riscosse in seguito alle segnalazioni

e scontrini; . acquisizione dati e informazioni per gli studi di settore; . accertamenti su imposta di registro, successioni, donazioni e tributi collegati.

76

comuni

inviate su eventuali situazioni “anomale”. Sarà nostra premura tenervi informati dei risultati risolti sul prossimo numero di BergamoUp.


UFFICI DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DI BERGAMO DENOMINAZIONE

INDIRIZZO

TELEFONO

CODICE UFFICIO

DIREZ. PROVINCIALE DI BERGAMO

L.GO BELOTTI, 3

UFFICIO CONTROLLI

Via Papa Giovanni XXIII, 106

035/38801

T9E

035/38801

T9F

L.GO BELOTTI, 3

035/38801

TMF

VIA BONOMELLI 1/3

035/2279211

TMG

VIA S.CARLO BORROMEO, 5

0346/70201

TMU

P.ZZA DELLA LIBERTA’, 8

035/6223411

TN2

VIA S.GIUSEPPE, 4

0363/91930

TN4

VIA ROSSINI, 3

0363/313111

TPH

P.ZZA BELOTTI, 1

0345/55511

TPU

UFFICIO TERRITORIALE DI BERGAMO 1 UFFICIO TERRITORIALE DI BERGAMO 2 UFFICIO TERRITORIALE DI CLUSONE UFFICIO TERRITORIALE DI PONTE S.PIETRO UFFICIO TERRITORIALE DI ROMANO DI LOMB. UFFICIO TERRITORIALE DI TREVIGLIO UFFICIO TERRITORIALE DI ZOGNO

Gli uffici sono tutti aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 alle ore 12.30 e il martedì e il giovedì anche dalle ore 14.00 alle ore 16.00.

n

77


Dans les coulisses... di Maryline JM-W1

Il potere della mente. Argomento che da sempre ha animato molti dibattiti. Si ricordano le parole di Antifonte, filosofo greco del V secolo a. C.: “In tutti gli uomini è la mente che dirige il corpo verso la salute o verso la malattia, come verso tutto il resto”. Ma finché lo dice un filosofo, la dialettica rimane aperta. Invece, quando a parlare del potere di vita del nostro cervello sul nostro corpo è Enzo Soresi, un studioso con oltre 150 articoli comparsi su riviste scientifiche nazionali e internazionali, nonché tisiologo, pneumologo e oncologo, già primario dell’Ospedale di Niguarda, oggi libero professionista come pneumologo a Milano, allora confesso che sono curiosa di andare a vedere cosa si nasconde dans les coulisses di…

guarigioni miracolose. Per definizione, un miracolo (dal latino «miraculum», cosa meravigliosa) è un evento difficilmente spiegabile secondo cause conosciute e che sembra svolgersi in contrasto a causa paranormale o ad intervento soprannaturale o divino. Infatti, ogni volta che sentiamo di un malato afflitto da un tumore maligno che guarisce come per incanto, andando a Lourdes per esempio, pensiamo tutti ai misteri della vita o della fede. Invece queste guarigioni hanno una spiegazione biologica, come lo dimostrano le nuove scoperte della PNEI, la Psico Neuro Endocrino Immunologia, una scienza a cui il professor Enzo Soresi, dedica il suo ultimo libro, Il cervello anarchico2. Per capire questa spiegazione scientifica bisogna partire proprio dal titolo e dall’idea centrale di quest’opera. Il nostro encefalo è anarchico in quanto privo di un codice rigido, e quindi continuamente in modificazione in relazione al mondo che ci circonda. Modificazione e non evoluzione perché il mondo che ci circonda può influire sia in bene che in male sul nostro cervello. In parole povere questo significa che, come ogni alterazione biologica genera un’emozione (vedi l’effetto sull’umore delle donne di certi sbalzi ormonali durante il ciclo), ogni emozione genera una reazione fisica (vedi l’impotenza maschile in caso di tensioni legate all’ansia da prestazioni).

Nata in Francia, a vent’anni l’autrice è venuta a vivere in Italia dove, dopo la pubblicazione del suo primo romanzo collage - Dans les coulisses... ed. Il filo -, ha iniziato a collaborare con la rivista BergamoUp senza abbandonare le sue passioni, insegnare la propria lingua, viaggiare, dipingere e fotografare riflessi. Anche se, dalla pubblicazione di Se la donna fosse un elefante… ed. Miele, la scrittura occupa ormai un posto predominante nella sua vita. www.romanzocollage.it 2 Enzo Soresi, Il cervello anarchico, UTET 2005

1

78


Sul blog del Prof. Enzo Soresi e di Pierangelo Garzia, oltre ad articoli preziosi sul tema e non solo, troverete un appuntamento da non perdere: Perché si devono amare i bambini sabato 30 ottobre – Ore 9 Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2, angolo piazza Oberdan (MM1 e passante ferroviario: stazione Porta Venezia) Ingresso gratuito ad esaurimento posti. http://bioneuroblog.wordpress.com/

Ed è proprio questa capacità del nostro corpo a reagi-

no temibile concorrente della medicina occidentale, è

re alle situazioni/emozioni che giustifica “le guarigio-

universalmente riconosciuto che il placebo è efficace

ni miracolose” derivate appunto da shock carismatici

nell’alleviare dolore e sofferenze (nel 40 % dei casi) e

(forti emozioni). La religione è, in effetti, riconosciuta

che la risposta al placebo è la manifestazione della no-

dagli studiosi come un placebo molto efficace per co-

tevole capacità dell’organismo di auto curarsi nel caso

loro che hanno la fede. E, contrariamente alla convin-

di una vasta gamma di malattie che vanno dalle coro-

zione generale, l’effetto placebo non è un fenomeno di

naropatie alle malattie autoimmuni, al dolore cronico,

autosuggestione grazie al quale la gente che si consi-

alle malattie gastroenteriche, ecc.

derava malata di fatto si convince di star meglio, bensì

Attenzione però, se è vero che ogni emozione genera

uno stimolo inviato al cervello che genera vere risposte

una reazione biologica, le reazioni variano da persona

biologiche. Così come lo fanno le medicine alternati-

a persona. Infatti, di fronte alla stessa situazione di

ve, sempre più diffuse, quali l’omeopatia, l’agopuntu-

pericolo, qualcuno inizierà a tremare, altri a sudare,

ra, la fitoterapia, la musicoterapia o ancora le tecni-

altri invece, come si dice dalle mie parti, feront le gros

che di rilassamento. Ecco perché, come lo sottolinea

dos3. Inoltre la PNEI spiega questi meccanismi, ma la

l’autore, sarebbe molto importante preparare in tale

scienza non può né generare emozioni, né controllare i

senso sia gli studenti di medicina che gli infermieri,

loro effetti biologici. Quindi le guarigioni non possono

giacché “sempre più accertamenti lasciano intuire che

essere sistematizzate.

qualsiasi tipo di esperienza emotiva tranquillizzante è in grado di migliorare la salute del nostro fisico”,

Entusiasta da queste scoperte, mi sono permessa di

allo stesso modo che il suscitare speranza ha un reale

sollecitare uno dei nostri endocrinologi della città, il

affetto terapeutico.

dottore Giorgio Pagani, in merito alla loro storia e al

Inoltre, anche se l’effetto placebo è considerato l’eter-

loro impatto sulla medicina. Ecco la sua risposta.

Fare la schiena grossa (ispirata ai gatti che drizzano il pelo per sembrare più grossi quando si sentono in pericolo) significa raccogliersi su stessi aspettando che la situazione di pericolo passi.

2

79


Indubbiamente, la disciplina scientifica che ha visto il più tumultuoso sviluppo negli ultimi vent’anni è la psiconeuroendocrinologia (PNE). La PNE ha, infatti, permesso di chiarire i meccanismi che collegano il Sistema Nervoso Centrale con gli organi periferici suggerendo l’esistenza di “traduttori psicosomatici” a precisa struttura chimica, vale a dire molecole di tipo ormonale. Inoltre, la scoperta che queste sostanze (neuropeptidi) sono presenti sia nel sistema nervoso centrale, che nei tessuto periferici, ha portato alla formulazione di un nuovo modello interpretativo dei fenomeni psicobiologici. Da una concezione psicosomatica dualista, basata sulla stretta dicotomia mente/ corpo si è passati ad una visione unitaria nella quale comportamento e biologia sono visti come aspetti integrati di programmi adattivi per la sopravvivenza dell’individuo, della specie e del gruppo. Soprattutto, la PNE ha dimostrato come non vi possa essere emozione senza una precisa reazione fisica e come, analogamente, ogni modificazione fisica condizioni alterazioni emozionali e comportamentali. Le modalità variano da persona a persona, ma la reazione è inevitabile. Se ci agitiamo, il nostro corpo reagisce, poco importa che sia tramite sudorazione, arrossamenti o nodi alla gola, quel che è certo è che l’emozione creerà reazione fisica e vice versa, basti pensare agli effetti deprimenti che hanno, sulle donne, gli sbalzi ormonali in certi periodi del ciclo. Quindi la PNE ha aperto nuove e insperate possibilità terapeutiche. Infatti, la possibilità di disporre di sostanze con azione contemporanea ed integrata, sia sui tessuti periferici, che sul sistema nervoso centrale, ha permesso di proporre le prime vere terapie psicosomatiche. Senza dimenticare che questo affascinante campo di ricerca in continua evoluzione ha infine permesso di formulare un nuovo modello di funzionamento del cervello, basato sulle interazioni tra neurotrasmettitori tradizionali e i nuovi neuromodulatori nell’ambito dei programmi di adattamento. Inoltre, ancora più recentemente, numerosi peptidi ad attività neurotrasmissibile sono stati scoperti in grado di modulare la risposta immunitaria verso agenti patogeni, sia di tipo umorale (anticorpi) che cellulo-mediata (linfociti e macrofagi). Questa categoria di sostanze, veri e propri ormoni, comprende le svariate sottoclassi di interleuchine, che rappresentano i modulatori delle risposte immunitarie e sono a loro volta regolate da complessi sistemi neurotrasmissorialipeptidici. In questo modo si viene a realizzare un grado di reciproco controllo tra sistema endocrino, comportamento emozionale e risposta immunitaria, il cui stadio è l’oggetto delle moderna psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI). Questi passi avanti verso l’organicismo entusiasmano. L’endocrinologia spera un giorno di poter curare obesità e anoressie comportamentali grazie a queste scoperte. Ma dobbiamo rimanere cauti. La delusione generata dalle troppe aspettative nei confronti della molecola della felicità, la fluoxetina presente nel Prozac per intenderci, c’insegna che i risultati di laboratorio o l’esame di un certo numero di casi, non è sufficiente per gridare eureka. Solo il tempo e il riscontro con i pazienti potranno confermare queste speranze legate alle ultime scoperte della PNEI. Quel che fin d’ora risulta indubbio è che il nostro stile di vita influisce notevolmente sulla nostra salute. Se non può guarirci, di sicuro può generare malattie e ormai sappiamo anche il come grazie alla PNEI.

Dr. Giorgio Pagani Direttore Endocrinologia Ospedali Riuniti di Bergamo

80


Al di là di questa spiegazione delle guarigioni miracolose, l’idea del cervello anarchico è formidabile e fondamentale per il nostro benessere visto che ci dimostra scientificamente le parole del filoso Antifonte. Tuttavia, appurata la capacità del nostro encefalo di farci guarire - anche se non in modo sistematico -, ammalare e anche morire, l’autore tiene a precisare che, se la maggior parte delle malattie sono la conseguenza di stili di vita e di relazioni socio ambientali, non bisogna cadere in facili interpretazioni moralizzatrici, in quanto un eventuale danno biologico primario - ossia un’alterazione organica determinatasi nei primissimi anni di vita per la quale non abbiamo nessuna responsabilità influisce molto sulle nostre reazioni/emozioni e quindi sulla nostra salute. La nostra “responsabilità”, o meglio, il nostro margine d’azione sulla nostra salute si ferma dunque alle scelte legate al nostro stile di vita. Margine per il quale vale più che mai, alla luce di queste nuove scoperte della PNEI, la saggezza popolare: meglio prevenire che curare. Come? Scegliendo un modello di vita volto a ridurre al minimo il disagio psichico, con conseguente prevenzione del danno biologico, e seguendo piccoli accorgimenti che influenzino il nostro sistema immunitario, innalzando il livello di resistenza alle malattie. Fondamentale a questo punto ricordarci che i nemici della nostra salute sono i radicali liberi provenienti da radiazioni, fumo di sigarette, inquinamento, grassi saturi e stress cronico. Oltre alla dieta mediterranea che porta il popolo italiano in seconda posizione di longevità dietro i Giapponesi, per aumentare le nostre difese antiossidanti, Enzo Soresi ci consiglia di consumare pesce crudo, in particolare pesce azzurro e di bere una spremuta di arancia o ancora mangiare mirtilli; di camminare 40 minuti tre volte la settimana, altrimenti si blocca il ricambio delle cellule e non si libera un fattore di accrescimento, il Bdnf, che nutre il cervello; di studiare, perché quando ci impegniamo a leggere o a compilare le parole crociate, le staminali vengono catturate dalla zona

“I

concetti

universali

di

pratiche

terapeutiche tradizionali, che vanno dagli sciamani preistorici ai medici ippo-

dell’encefalo interessata a queste attività creando nuove map-

cratici occidentali e agli indigeni d’Ame-

pe cerebrali; e infine, di tenere lo stress sotto una certa soglia

rica, includono la convinzione che la

perché è vero che “una volta percepito l’evento stressante, il sistema nervoso centrale attiva una cascata di fattori neuroendocrini che mettono l’organismo in grado di modificarsi e di adattarsi alle nuove richieste; ma se l’evento stressante diventa cronico, si va verso l’esaurimento delle risorse in perife-

salute sia uno stato di armonia tra mentre e corpo e che la perdita di quest’armonia conduca alla malattia.”

ria e la malattia è la naturale conseguenza di questo eccesso di richiesta”. Quindi, benché elemento di coesione che ci permette di dare il meglio di noi in certe situazioni, lo stress è anche una forza disgregante che può diventare distruttivo se portato avanti troppo a lungo per il nostro corpo. Attenzione, ancora una volta tutto è relativo. L’uomo si distingue per la “capacità del [suo] organismo di modificarsi in relazione all’ambiente sociologico che affronta”. Steven Rose parla di Darwinismo dinamico, detto anche autopoiesi, ossia costruzione del sé, che spiega come “le modificazioni biologiche siano indotte dall’impatto con l’esperienza”. Quindi quello che è dannoso per l’uno potrebbe non esserlo per l’altro, dipende appunto dalla nostra “evoluzione”, ma di sicuro tutti noi abbiamo limiti oltre i quali lo stress diventa dannoso per la nostra salute. Tanti sono ancora gli spunti di riflessione di questo prezioso libro, ma lo spazio a mia disposizione è finito. Vi lascio dunque con un pensiero del Prof. Soresi raccolto due anni fa da Stefano Lorenzetto durante un’intervista per Il Giornale: “Credo nella forza della parola. Se noi due ci parliamo, piano piano modifichiamo il nostro assetto biologico, perché la parola è un farmaco, la relazione è un farmaco.”. Quindi, come si dice dalle mie parti, à bon entendeur, salut4.

Il disegno è stato realizzato da Rach. Finazzi. Per saperne di più ci ritroviamo in questa rubrica il mese prossimo.

A buon intenditore, arrivederci (poche parole). Nata nel xvii secolo quest’espressione è un invito alle persone che hanno colto il senso delle parole dette di agire e reagire. In questo caso è anche un invito a scrivermi, se avete delle quinte da svelare. Quindi vi lascio il mio indirizzo e-mail: milemary@hotmail.com. E, per i più curiosi, le quinte di chi vi scrive le trovate sul blog del mio libro che si è divertito a raccontarmi e sul quale ora pubblico quotidianità : http://milemary.blogspot.com/.

4

81


Nutrirsi bene per vivere meglio del dott. Massimo Caliendo1

La scienza è unanime: nutrirsi bene è fondamentale per

to dei loro involucri ad alto contenuto di fibre, che ne

la salute. Correggendo gli errori alimentari, si possono,

modulano l’assorbimento intestinale - si comportano

infatti, migliorare notevolmente patologie quali diabete,

come zucchero vero e proprio. Come lo zucchero, infatti,

cefalee, allergie, gastriti, coliti, artriti, dermatiti, pato-

anche i cereali della colazione, i crackers o i biscottini

logie legate ad eccesso di colesterolo e trigliceridi nel

“light” usati come “spezzafame”, o l’eccessivo consumo

sangue.

di pane, pasta o riso raffinato, innalzano velocemente la

Ecco perché, senza entrare nel merito delle diverse pato-

glicemia, cioè i livelli di zucchero nel sangue, provocando

logie, bisogna almeno sfatare alcuni preconcetti.

veloci innalzamenti dell’insulina, l’ormone che promuove

Il primo è che la qualità degli alimenti e le modalità con

nelle cellule la veloce trasformazione dello zucchero in

cui questi vengono consumati contano quanto, se non di

grassi. Attenzione, per eccessivo consumo di carboidrati

più, della quantità. Di fatto, il problema del sovrappe-

non s’intende una grande quantità in peso di prodotto per

so che, a prima vista, potrebbe sembrare legato a un’eccessiva quantità di calorie introdotte, in realtà si giustifica con la cattiva qualità dei cibi. Per dimagrire

pasto, bensì la frequenza ecces-

Dimmi cosa mangi, ti diro’ chi sei

non serve a molto consumare

siva con cui questi carboidrati vengono introdotti nel corso della giornata: questo “obbliga” il metabolismo a indirizzarsi sempre sull’accumulo (liposintesi) e

alimenti “light”, cioè a basso tenore di grassi o senza

mai sul rilascio di grassi (lipolisi). Quindi, se al mattino

zucchero (dove lo zucchero è stato sostituito con dolci-

per prima colazione, oltre la frutta, si mangia pane in-

ficanti “dietetici”) se poi si consumano pasti o spuntini

tegrale, è importante che il pane non sia presente negli

quasi prevalentemente a base di carboidrati raffinati, che

altri pasti.

sono ad alto indice glicemico, ossia con alimenti che,

Il secondo preconcetto da sfatare riguarda quella che

anche se contengono pochi grassi, in realtà sono ricchi

viene, giustamente, considerata un tipo di alimentazio-

di zuccheri prontamente assimilabili dall’organismo. In

ne ottimale per il mantenimento della salute, cioè la

sintesi, l’indice glicemico è indicatore della velocità con

dieta mediterranea. Su iniziativa di Italia, Spagna, Gre-

cui un carboidrato viene assorbito e reso disponibile per

cia e Marocco, il Comitato tecnico dell’Unesco ha dato

le cellule. Non tutti sanno che gli alimenti che conten-

recentemente il via libera per un possibile inserimento

gono cereali raffinati - cioè privati in parte o del tut-

della Dieta mediterranea tra i patrimoni “culturali” del

Biologo, nutrizionista, specializzato in patologia clinica, il dott. Caliendo ha uno studio a Milano, a Lugano e a Bergamo, in via Borgo Palazzo. Tel.: 035 210 532

1

82


pianeta; questo è un grande traguardo per la salvaguardia di un patrimonio culturale e dei prodotti che ne costituiscono l’essenza, ma l’opinione comune è quella di ritenere questa dieta costituita essenzialmente da pane, pasta e pizza, mentre la dieta mediterranea comprende sì pane e pasta, ma all’interno di un’alimentazione a prevalente consumo

fabbisogno di sale per una settima.

di verdura, frutta, pesce, olio di oliva. In questo modo

Inoltre, per mancanza di tempo, sempre più le perso-

si preservano salute e linea, senza correre i rischi che

ne ricorrono purtroppo a cibi industriali e precotti, che

un’alimentazione ad alto contenuto di carboidrati raffina-

vengono consumati soprattutto durante il pasto serale.

ti contempla, primi tra tutti, obesità, diabete e patologie

Cosicché, quello che per mantenersi in salute dovrebbe

cardiovascolari.

essere il pasto più leggero, diventa per molti il pasto prin-

Tra gli altri errori alimentari più comuni, si colloca an-

cipale e più ricco della giornata, comportando un’ecces-

che l’eccessivo consumo di sale, soprattutto di quello

siva introduzione di grassi, sale, conservanti e additivi.

“nascosto” in alimenti conservati, industriali, precotti, o

Questo può comportare facilmente un aumento di peso

in salumi e formaggi. Molte donne che lamentano pro-

anche in chi durante la giornata ha mangiato poco o ha

blemi di cellulite e ritenzione idrica, vedono, infatti, mi-

consumato solo un panino.

gliorare in modo considerevole questo inestetismo con la

Infine, ricordiamoci che è importante dedicarsi ad un’ade-

riduzione dell’apporto di sale e una minor introduzione

guata attività fisica, da valutare ovviamente attentamente

di cibi raffinati e industriali. Anche il fastidioso senso di

in base al proprio stato di salute e all’età. Il consiglio più

“gonfiore addominale” che molti accusano, può trovare

semplice è sempre quello di camminare tutti i giorni, al-

miglioramento in pochi giorni apportando queste modifi-

meno per 40 minuti, a passo sostenuto: si tratta di un’at-

che nell’alimentazione che sono la riduzione dell’apporto

tività semplice e naturale che però consente di migliorare

di carboidrati, latici e sale. Un dato fra tutti da memo-

il metabolismo e di promuovere le funzioni cardiovasco-

rizzare: circa un etto di prosciutto crudo copre il nostro

lari e respiratorie.

n

83


La salute al femminile Conoscenza del proprio corpo e prevenzione della Dott.ssa Stefania Mazza1

I tumori femminili più diffusi e temuti sono quelli che

mori cervicali. Ogni donna dovrebbe sottoporsi con rego-

colpiscono gli organi riproduttivi e il seno. In molti casi

larità e con cadenza annuale ad una visita ginecologica,

però, si possono prevenire o comunque diagnosticare in

anche in assenza di particolari problematiche.

fasi molto precoci, purché le donne siano costanti in piccoli accorgimenti e negli screening raccomandati secon-

Tra i 40 ed i 50 anni si registra un primo aumento dell’in-

do l’età:

cidenza dei tumori femminili. E’ fondamentale iniziare lo screening mammografico.

Tra i 20 ed i 40 anni i tumori femminili sono alquanto rari ma è l’età giusta per fare prevenzione. Una sana alimen-

Dopo i 50 anni si verifica il vero picco di incidenza dei

tazione, l’astensione dal fumo, la protezione dalle malat-

tumori femminili. Questo non significa che non si possa

tie a trasmissione sessuale, l’autoesame mensile della

fare più prevenzione, ma diventa ancora più importan-

mammella (vedi pagina seguente) e la visita ginecologica

te l’effettuazione della visita ginecologica e del pap test

annuale, rappresentano una giusta chiave per ridurre il

anche in virtù del più comune cambiamento del corpo

rischio di ammalarsi.

femminile con il sopraggiungere della menopausa.

A partire dall’inizio della vita sessuale e comunque non oltre i 25 anni, è consigliabile eseguire il pap test, un

Dopo i 60 anni la visita ginecologica, i controlli senologi-

esame veloce e poco invasivo che consente di riconoscere

ci, il pap test e la mammografia rappresentano strumenti

le cellule che precedono l’insorgenza di un tumore o di

indispensabili per prevenire i danni di un tumore diagno-

identificare il tumore della cervice uterina in fase molto

sticato nelle fasi precoci  e che quindi può essere curato

precoce. E’ opportuno eseguirlo con regolarità ogni 2-3

senza lasciare sequele.     

anni. Nelle donne a rischio il pap test viene associato

all’HPV test che consente di riconoscere la presenza del

Il Ministero della Salute ha definito gli “screening” un li-

DNA del virus del papilloma umano responsabile dei tu-

vello “essenziale” di assistenza: un servizio gratuito a cui tutte le donne hanno diritto. Infatti, le donne fra i 25 e 64 anni di età hanno diritto ad un pap test gratuito ogni 3 anni e le donne tra i 50 e 69 anni ad una mammografia ogni 2 anni. Inoltre, a partire dal gennaio  2008, le regioni italiane

Lo speculum serve per tenere la vagina leggermente aperta mentre si effettua il prelevamento utile al pap test con il cotone.

hanno avviato l’offerta gratuita del vaccino anti-papillomavirus umano (HPV) alle dodicenni con la possibilità di estenderla ad altre fasce di età.

Dirigente Medico presso la Divisione di Ostetricia e Ginecologia degli Ospedali Riuniti di Bergamo. Studio Bergamo : via Broseta , 133 tel 3398690020 - 035 5293593 - Studio Azzano S. Paolo : via Papa Giovanni XXIII , 15 tel. 035- 533289

1

84


Nastro rosa Si ricorda che per tutto il mese, la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore al seno, organizza visite senologiche e controlli strumentali gratuiti in 390 ambulatori medici su tutto il territorio nazionale. Prenotazione al numero verde Sos Lilt 800 998877.

Il tumore della cervice uterina e della mammella sono

2. autopalpazione (in piedi e sdraiata)

malattie che invalidano profondamente la vita di una

In piedi:

donna e ne improntano la stessa esistenza causando

Solleva il braccio sinistro, metti la mano destra a piatto e

sofferenze fisiche e psicologiche, limitandole nella quo-

con i polpastrelli palpa dolcemente la mammella sinistra,

tidianità, nella sessualità e nella possibilità di divenire

cominciando dalla parte superiore esterna, passando poi

mamme. Quindi benché questi screening non escludano

alla superiore interna, alla inferiore interna e alla inferio-

la possibilità che l’evento malattia si verifichi, senza, la

re esterna. La mammella viene divisa idealmente in quat-

salute di una donna sarebbe in ogni caso a rischio ancora

tro spicchi (o più correttamente quadranti), che vanno

più elevato.

esaminati in successione. Quindi palpa, con i polpastrelli e con la mano disposta a piatto, il capezzolo e la zona areolare. Cerca attentamente ogni eventuale protuberan-

Autoesame della mammella in due tempi, da effettuare

za o massa sotto la cute. Se trovi una bozza nel tuo seno

mensilmente e preferibilmente il 7° giorno del ciclo2,

interpella il medico.

per evitare le fasi ormonali che possono rendere il seno granuloso.

Per essere certa che l’esame copra l’intera mammella, non andare di fretta e segui una metodologia e un anda-

1. Osservazione (davanti allo specchio)

mento ben definiti : cerchi, linee, onde.

In piedi, a torso nudo davanti allo specchio, in posizione eretta, con le braccia lungo i fianchi. Cerca in ciascuna mammella: a) ogni eventuale modificazione della cute: arrossamento, infossamento,  increspatura, gonfiore, bozza o deformità del contorno dell’organo; b) ogni eventuale alterazione del capezzolo e del suo orientamento : retrazione, eczemi, fuoriuscita di secrezioni. Ogni volta che  esaminerai il tuo seno  acquisterai maggiore consapevolezza e padronanza: l’esercizio ti metterà   in grado di cogliere immediatamente ogni eventuale modificazione. Annota le dimensioni e la forma di ciascuna mammella e l’orientamento abituale del capezzolo; ricorda che una mammella può essere normalmente  più grande dell’altra e che un capezzolo può essere retratto dalla nascita o in seguito ad una infiammazione causata dall’allattamento ( tuttavia astieniti da trarre da sola queste conclusioni, ma affidati sempre  al giudizio del medico).

2

I giorni del ciclo mestruale si contano a partire dal primo giorno di mestruazione.

85


La Salute al femminile

Non dimenticare di esaminare il prolungamento ascellare della ghiandola (che va dal quadrante superiore esterno all’ascella). Cerca eventuali secrezioni dal capezzolo (siero, latte, sangue) premendo delicatamente sul capezzolo e sull’areola. Prosegui premendo con i polpastrelli delle due mani in opposizione dalla parte esterna della mammella verso l’interno, in modo concentrico. Ripeti premendo circolarmente intorno a tutta la mammella. Se riscontri una secrezione consulta il medico. Palpa infine con attenzione il cavo ascellare, prima superficialmente poi profondamente, alla ricerca di eventuali linfoghiandole ingrossate. Normalmente non si palpano, se avverti qualche nodosità, consulta il medico : potrebbe trattarsi di una banale infiammazione delle ghiandole sudoripare oppure di qualcosa di più importante. Al termine, esamina la mammella destra con le stesse modalità.   Sdraiata: Distenditi sul dorso con un cuscino (se il seno è voluminoso) o una asciugamano piegata sotto la spalla sinistra ed esamina con la mano destra la mammella sinistra, ripetendo senza fretta quanto già fatto al punto 4. Se la mammella è particolarmente grande, puoi aiutarti a sostenerla con la mano sinistra, mentre la destra la esamina. Esamina poi anche la mammella destra. 86

Qualsiasi spotting (perdita di sangue tra un ciclo e l’altro spesso dovuta allo stress) in fase fertile o perdita ematica in post e peri-menopausa deve essere un campanellino d’allarme per ogni donna per l’insorgenza di eventuali patologie benigne (polipi, miomi, ectopie) o per patologie tumorali e quindi merita un adeguato accertamento

n

diagnostico dal proprio ginecologo.


Stars in the City di Glenda Manzi - Ph. Matteo Mottari

Lucio Parenzan A t u pe r t u c o n le stelle d i ca sa nostra

88

«Nicolò ha quattro anni ed è il mio angelo biondo. I

docente in Pediatria, Chirurgia Pediatrica, Chirurgia

gemellini invece hanno un anno e un mese e quando ieri

Generale, Clinica Pediatrica e Cardiochirurgia presso

sono rientrato da Ginevra li ho trovati che camminavano

l’Università di Milano. E adesso che ha superato gli

da soli». La voce calma e serena del professor Lucio

ottant’anni, il professor Parenzan continua a mettere al

Parenzan si riempie di tenerezza non appena nomina i

servizio degli altri la sua scienza e il suo cuore generoso:

suoi nipoti. E del resto, quello con i bambini è sempre

oltre ad aver fondato l’International Heart School, è

stato per lui un rapporto speciale e privilegiato. Nato in

Direttore del progetto internazionale di prevenzione e

provincia di Gorizia, Lucio Parenzan si è laureato a Padova

cura delle malattie del cuore nei paesi africani presso il

nel 1948, ha diretto la Divisione di Chirurgia Pediatrica e di

Centro Internazionale di Cultura Scientifica di Losanna

Cardiochirurgia di Bergamo dal 1964 al 1994, diventando

presieduto dal prof. A. Zichichi, ed è a capo di una équipe

uno dei più stimati cardiochirurghi in Italia e all’estero.

chirurgica al Mater Hospital di Nairobi, che interviene

Ha iniziato a Milano la sua carriera nella cura delle

gratuitamente sui bambini di origine africana.

patologie cardiache infantili, dopo lunghi periodi di

Professor Parenzan, di quante cose si occupa ancora?

studio presso l’Università di Stoccolma e l’Ospedale dei

Ci sono tre cose che occupano il mio tempo e che mi

Bambini di Pittsburgh negli Stati Uniti. Dal 1998 al 2009

rendono orgoglioso. La prima è l’International Heart

ha ricoperto la carica di Direttore Scientifico di Humanitas

School di Bergamo, la mia creatura, nata con l’obiettivo

Gavazzeni e dal 2003 fino al 2009 è stato co-Direttore

di formare dei cardiochirurghi, dei cardiologi e degli

della Scuola Europea di Chirurgia Cardiotoracica. Pioniere

anestesisti provenienti dei paesi sottosviluppati attraverso

della moderna cardiochirurgia pediatrica italiana, è stato

un training di uno o due anni. La cosa eccezionale, che


rende questo istituto unico al mondo, è la sua gratuità. Dal 1993 a oggi abbiamo addestrato trecentocinquanta allievi provenienti da quarantacinque nazioni, io e i miei collaboratori ne siamo molto fieri. La seconda cosa? A causa della mia molto elevata età e anche grazie alla mia esperienza posso vantarmi di essere un “advisor” di quella meraviglia che è l’Ospedale Cardiochirurgico di Khartoum, in Sudan. È stato messo in piedi da Emergency e dal mio grande amico Gino Strada (assistente volontario del prof. Parenzan dal 1984 al 1986, ndr) ed è splendidamente costruito, splendidamente attrezzato e modernissimo. Non esiste un esempio simile al mondo, dove tutte le persone malate possono essere curate come fossero a Londra o a Milano o a Bergamo senza dover sborsare un soldo. Credo che questo sia un nuovo e straordinario modo di pensare al mondo e alla sanità,

89


Stars in the City

Lucio Parenzan

solo, non erano curati nel modo giusto e così mi sono specializzato nella chirurgia infantile. Eseguivo interventi sui loro piccoli esofagi, sugli intestini e sui polmoni e mi chiedevo perché mai si pensasse che, invece, il cuore malato di un bambino molto piccolo, al di sotto dei dieci chilogrammi di peso, non avrebbe retto un intervento. E così ho iniziato a farlo. Quanto fegato ci vuole per operare i bambini così piccoli? Ci vuole scienza, più che coraggio. Operare un bambino che sta molto male a causa di una grossa cardiopatia congenita e vederlo passare da un colorito bluastro a un colorito roseo e sapere che potrà finalmente correre con i suoi coetanei è una soddisfazione enorme. Questa è una fantastica specialità, certamente anche molto difficile perché tutto quello che è più piccolo è più difficilmente riparabile

e

comporta

un’attenzione

costante

e

spasmodica, ma i risultati sono eccezionali. Parliamo di Bergamo: lei è nato in provincia di Gorizia ma è qui da più di quarant’anni. Che rapporto ha con la città e con i bergamaschi? Che domanda difficile. Io sono qui dal 1963, ho sposato una bergamasca nel 1968, ho quattro figli che sono bergamaschi, vivo in quel paradiso che è Città Alta e sono stato primario nel nostro ospedale per trent’anni. Ho moltissimi amici e credo di essermi integrato bene, specialmente per merito di mia moglie. Quindi direi che io, qui, sono a casa mia. Tuttavia, avrei voluto che Bergamo mi desse qualche chance in più: quello che le rimprovero è di non aver capito che poteva diventare il un’opera di estrema importanza che capovolge un po’ le

centro di cardiochirurgia pediatrica numero uno nel

cose.

mondo, avremmo potuto fare qualcosa di più. Inoltre

E la terza cosa che la rende orgoglioso?

Bergamo è una città che non risponde al cento per cento

Il fatto di aver dato un contributo allo sviluppo della

al mio modo di vivere ideale, la vorrei più gioiosa mentre

cardiochirurgia italiana offrendo al Paese una quantità

qui sono tutti un po’ troppo seri.

notevole di cardiochirurghi e cardiologi, tutti molto bravi

Per concludere, ci dà qualche consiglio da luminare per

e anche molto onesti. Adesso l’Italia non ha niente da

proteggere il nostro cuore?

invidiare all’Europa o agli Stati Uniti.

Non fumate, prima di tutto. Non bevete alcolici ma

Perché ha scelto proprio la cardiochirurgia infantile?

concedetevi ogni tanto del vino rosso. Fate ginnastica,

Mi sono laureato a Padova con l’intenzione di fare

ginnastica e ancora ginnastica, camminate. Evitate

l’ostetrico ma non ho avuto nessuna possibilità per farlo.

burro e altri alimenti grassi, seguite una dieta leggera e

Così ho scelto Pediatria e lì è iniziato il mio rapporto

misuratevi spesso la pressione. Così il vostro cuore sarà

privilegiato con i bambini. Facendo il pediatra mi accorsi

a posto.

che molti bambini con problemi intestinali, ma non 90

n


91


Incontri sportivi di Raffaella Ravasi - Ph. Fabrizio Zani

Giorgio Domenghini

92

Se dovessimo scegliere due aggettivi per descrivere l’uo-

In questi giorni Giorgio (15/09 ndr), che è anche Cam-

mo, diremmo disponibile e simpatico, mentre per raccon-

pione Italiano di Beach Volley - stagione 2007-2008 -, sta

tare l’atleta Giorgio Domenghini, lasciamo parlare i suoi

scegliendo la squadra dove militerà nella stagione 2010-

risultati: dal debutto nel 1995 nell’Olympia Sav Bergamo

2011: lo vedremo indossare la maglia del Cagliari in B1

in B1 dove ha giocato fino al 2000, all’ultima vincente sta-

o la maglia della squadra di prima serie della Polonia se

gione giocata con il Volley Segrate promossi in A2.

Giorgio deciderà di andare all’estero.


I tuoi “numeri” Giorgio? Altezza, peso, scarpe, e maglia… «Sono alto 1,90 m, peso 90 kg, ho il 44 di piede e il numero della mia maglia è il 17, il giorno in cui sono nato. (17-03-1977 ndr). Praticamente 90 - 60 - 90!». Ti dividi fra Beach Volley e pallavolo, quando hai iniziato? «Sì, sono Campione Italiano stagione 2007-2008 di Beach Volley e ho vinto diversi campionati e coppe in Indoor a livello nazionale … quando ho iniziato? Seriamente solo dopo il servizio militare - ma esiste ancora? … quanti anni sono passati … sono vecchio! - iniziando a militare nella prima squadra di Bergamo, saltando tutte le fasi giovanili e trovandomi chiuso in palestra per anni ad allenarmi, dal mattino alla sera». Sinceramente, preferisci la sabbia e il sole o il palazzetto? «Diciamo che se dovessi proprio scegliere, direi sabbia e sole che definisco un connubio decisamente di livello superiore rispetto a un palazzetto!». Il

17

ottobre

inizia

il

campionato,

un pensiero per la tua ultima squadra,

il

Volley

Segrate

al

debutto

in A2? «Sicuramente occhi puntati sul Volley Segrate in questa stagione … come in tutti gli sport, anche nella pallavolo, le neopromosse sono “sottopressione” rispetto alle veterane». Ph. Matteo Mottari 93


Giorgio Domenghini

Parliamo un po’ di te Giorgio, ci racconti la tua giornata? «La mia giornata inizia con colazione abbondante al bar sotto casa e per abbondante intendo cappuccino e tre brioches, leggo diverse riviste fra le quali BergamoUp e poi via in macchina per raggiungere il palazzetto dove ho il primo allenamento della giornata di due ore. Pranzo con i compagni, mi concedo un pisolino pomeridiano e poi ancora via in palestra per la seconda sessione di allenamento di tre ore alla quale segue massaggio con successiva applicazione di diverse borse del ghiaccio sul corpo per prevenire gli infortuni e poi … via, si ritorna in quel di Bergamo per preparare la cena e rilassarsi un po’ sul divano! Diciamo che vedo più il palazzetto che casa mia …». E quale il tuo piatto preferito? «Troppi, ma pensandoci un po’ direi … gnocchi». E quindi come lo passi il poco tempo libero che ti rimane? «Praticando uno sport ad alti livelli ne rimane davvero poco di tempo libero, comunque quel poco che ho, lo dedico soprattutto allo shopping e alla musica, ma un po’ anche al lavoro!». Senti Giorgio ma secondo te chi è la sportiva italiana più sexy? «Per non far torto a nessuna, penso che tutte le nostre sportive siano sexy!». Vacanze? Mare o montagna? «Vacanza è ovunque sempre vacanza, ma se posso scegliere, preferisco il caldo e il mare». Magari per hobby, pratichi altri sport? «Sì, ma te lo dico sottovoce … snowboard».

Siamo tutti con te Giorgio, torna presto.

94

n


95


Uno psi per amico di Mario Tintori1 - Ph. Laura Marinoni

Corpo & Cibo

Il cibo è simbolicamente l’emblema

è

del

interessante

considerare

quel

rapporto con l’altro.

comportamento

Presente in misura

diffuso, che corre dalla

s ov r a b b o n d a n t e,

normalità alla patologia

non

più

avvertito

e che spinge la ragazza,

elemento

la casalinga o la donna

fondamentale per la

in carriera, al di fuori

come

sussistenza,

il

cibo

è

diventato

di

gratificazione,

nonché

di un reale bisogno, a

fattore

frustrazione

o

mangiare, di

pulsionale, elemento

di

meno

Qual è la ragione di tale impulso? La risposta risiede nel fatto che il corpo, malgrado il soggetto vorrebbe il contrario,

l’altro, individuale e sociale. dell’alimentazione

parla. Infatti il desiderio dell’individuo sarebbe quello di diverse

governare il proprio corpo, di sottoporlo al proprio volere.

manifestazioni di anoressia, bulimia, obesità ne sono la

Desiderio che i disagi psichici e i disturbi alimentari ne

manifestazione.

dimostrano inequivocabilmente l’illusorietà.

Attraverso il cibo si manifesta il modo con il quale il

Nei disturbi legati al cibo, il corpo diventa campo di bat-

soggetto vive le proprie pulsioni: gratificate nell’obesità,

taglia della lotta che il soggetto ingaggia con le richieste

frustrate nell’anoressia, in rapporto conflittuale di

dell’altro, famigliare e sociale, e con l’immagine di sé che

soddisfazione e al contempo di rifiuto nella bulimia.

questo altro, prima, a partire dalla tenerissima età, gli ha

Senza addentrarci nello specifico di questi disturbi,

trasmesso, e poi, dalla pubertà gliene ha chiesto conto.n

1

disturbi

o

sregolatamente.

ciascuno occupa nel suo rapporto con I

più

esageratamente, più o meno

riconoscimento della posizione che

96

tuttavia

nelle

loro

Psicologo Psicoterapeuta - e-mail: mario_tintori@fastwebnet.it - www: psicologo.bergamo.it


97


Top Speed di Stefano D’Aste1 - Ph. Matteo Mottari

Da Test di vetture a test di moto, scooter, quad passando per barche, jet sky e magari aerei o elicotteri, potrebbe sembrare il programma del magazine di un pazzo, invece sono solo alcuni argomenti che andremo a trattare tra queste pagine; parleremo di Motorsport (a cui molti Bergamaschi sono legati) parleremo delle loro esperienze e risultati, di quello che capita nel dietro le quinte delle corse svelando curiosità e aneddoti a volte simpatici quasi ridicoli ma a volte sconvolgenti; la vita di un pilota che spesso può sembrare semplice e senza problemi ma che poi raramente è così. Alcune semplici pagine sulla tecnica di base applicata ai veicoli o alla guida, consigli su come affrontare le 4 stagioni con la propria auto stradale, spesso smentendo i luoghi comuni che non fanno altro che complicare le cose. E per concludere non poteva mancare l’argomento a richiesta, se avete dubbi che volete chiarire, inviatemi un e-mail a sdaste@pbracing.it farò il possibile per risolvere i Vs dubbi.

Test Alfa Romeo Giulietta by Rotagroup spa:

per la portiera nella parte sopra ai pannelli che, a esser

Modello della prova: 2.0 JTDm-2 170cv Distinctive

pignoli, può essere l’unico particolare non all’altezza del resto dell’abitacolo.

ABITACOLO:

Nella parte anteriore lo spazio non manca e i porta

Appena saliti a bordo l’abitacolo stupisce, un mix perfetto

oggetti sono facili da raggiungere e comodi da utilizzare,

di eleganza e sportività; l’idea di massiccio arriva dopo

al posteriore diciamo che il comfort è garantito per due

la chiusura dello sportello. Il cruscotto è molto semplice

persone di buona statura, senza problemi ci può entrare

con comandi ben in vista e facili da trovare. I sedili

una terza, ma il livello di comfort chiaramente cala.

sono ben avvolgenti e comodi, la posizione di guida è di impostazione sportiva.

SU STRADA:

Peccato la

Il comfort di marcia è garantito dal silenzioso abitacolo

plastica utilizzata

che si mantiene tale anche su strade sconnesse. L’assetto è di impronta sportiva e lo sterzo reattivo

quanto

basta;

pur

avendo

una notevole coppia (350Nm a 1750rpm) le reazioni sul volante sono lievi e facili da controllare anche

per

i

meno esperti; in alcune situazioni s e m b r a quasi

non

nemmeno

sia una

trazione avanti. La frenata è buona,

Stefano D’Aste pilota automobilistico Casco d’Oro 2007 “Italia che Vince” - vincitore nel 2007 del campionato del Mondo Turismo FIA Yokohama independent’s Trophy, nonché nel 1994 5th al Campionato Italiano 125 cc su Cagiva (Vinto da Valentino Rossi) - 1998 5th Campionato Italiano 250 su Aprilia 4th Classe A7 Rally di Monza su Clio A7 - 2003 2nd Campiontao Europeo Clio 3.0 V6 1° classificato Rally di Monza (Toyota Corolla) - 2004 4° Campionato Europeo Turismo Ind (BMW 320i) - 2005 3° Campionato del Mondo Turismo I(BMW 320i) - 2006 3° Campionato del Mondo Turismo I (BMW 320i) - 2007 Campione del Mondo Turismo I (BMW 320si) - 2008 3° Campionato del Mondo Turismo I (BMW 320si) - 2009 4° Campionao del Mondo Turismo I (BMW 320si)

1

98


se messa alla frusta l’abs interviene in modo abbastanza invasivo garantendo ottimi spazi di frenata. Il selettore Alfa DNA, posto davanti alla leva del cambio, personalizza il comportamento della vettura grazie a tre diversi set-up, DYNAMIC, NORMAL e ALL WEATHER. Questo sistema modifica i parametri di funzionamento di motore, cambio, sistema sterzante, differenziale elettronico Q2, oltre alle logiche di comportamento del sistema di controllo della stabilità (VDC). TELAIO: Architettura Compact è il segreto del telaio della Giulietta, telaio molto rigido e leggero grazie all’utilizzo di una buona dose di materiali ultraleggeri. Non è un controsenso dire però che allo stesso tempo è flessibile in quanto è il pianale che farà da base a tutte le prossime vetture medie  dei marchi Fiat; infatti la struttura base del telaio può essere allungata di parecchi centimetri rispetto a quello di Giulietta; può ospitare sia trazioni anteriori che integrali e questo ci può far ben sperare ad un ritorno di una Delta 4x4.

99


Top Speed

Prezzo e allestimento vettura Test: Parabrezza Termico Vernice micalizzata Sport Pack 17’’ Premium Pack Sedili in pelle e tessuto microfibra con cuciture rosse Ruotino di scorta Prezzo chiavi in mano 30 850 euro

CONTROLLI ELETTRONICI E IMPIANTO FRENANTE

Le prestazioni sono notevoli:

Il differenziale elettronico Q2 si comporta benissimo riducendo al minimo le reazioni sullo sterzo; nemmeno

Giulietta 2.0 Jtdm

i 350Nm di coppia riescono a metterlo in crisi. Grazie al comando DNA si può intervenire sulla taratura a tre stadi di regolazione: Sportiva, Comfortevole o per fondi a poca aderenza. Complemento del Q2 è il sistema VDC (Vehicle Dynamic Control), che non è altro che l’interpretazione di Alfa del sistema ESP (controllo di stabilità); il dispositivo ha una soglia di intervento più alta di un normale ESP, lasciando così un po’ più liberta ai più sportivi; l’intervento comunque avviene prima che la situazione diventi critica. Come parte integrante del VDC ci sono poi: ASR (Anti Slip Regulation) evita lo slittamento dei pneumatici, il CBC (Cornering Brake Control) che in caso di frenata brusca in curva ripartisce la frenata sulle 4 ruote in modo da evitare reazioni di sotto o sovrasterzo, il DST (Dynamic Steering Torque) sterzo elettronico attivo che aiuta il guidatore ad effettuare le correzioni in condizioni critiche. MOTORE, PRESTAZIONI, CONSUMI: La vettura del nostro test è equipaggiata con il 2.0 Jtdm-2 da 170cv, pur essendo un motore diesel comunque dimostra di avere una buona dose di allungo fino a soglia 4500rpm; la coppia ai bassi regimi è degna di un turbodiesel della nuova generazione con 350Nm a 1750rpm.

100

Potenza Coppia 0/100 km/h Vel. Max. Consumo combinato

170cv 350Nm a 1750 rpm 7.91 sec 219Km/h 16.1 Km/l


Intervista ad Arturo Merzario:

di un pilota, io corsi da solo; mi ricordo che ad ogni giro

Arturo Merzario nasce a Civenna nel 1943; ex pilota

mi fermavo velocemente a bere al bar all’incrocio del

di F1 corse con le più prestigiose auto del circus tra

Giogo arrivando da Firenzuola. Quella era una gara molto

cui Williams e Ferrari; dal 1978 divenne costruttore

ambita da Enzo Ferrari a cui partecipò diverse volte ma

schierando una sua vettura in F1 la Merzario. Uomo dal

non riuscì mai ad arrivare in fondo; fu da quel momento

Palmares imbarazzante, nel 1976 salvò la vita a Niky

che gli nacque l’interesse nei miei confronti. Ma il vero

Lauda gettandosi tra le fiamme e slacciandogli le cinture

motivo per cui fu speciale è che 3 minuti dopo la vittoria,

per estrarlo dalla Ferrari.

Rai1 stava mandando in onda le immagini dello sbarco sulla Luna di Neil Armstrong.

Da cosa nasce la tua passione? Nasce fin da bambino con la bicicletta, allora vivevo

Il rischio grosso?

vicino alla Madonna del Ghisallo e spesso incontravo

Al di là di quello al Nurburgring con Niky fu durante le

ciclisti come Coppi e Bartali che venivano ad allenarsi; mi

prove ufficiali della 1000km di Monza, ero pilota ufficiale

affascinava ed esaltava vedere con quale grinta venissero

Ferrari con la F 512, a Monza facevamo 241km/h di

su e la costanza che ci mettevano nell’allenamento. Con

media con punte di 350km/h, arrivai alla prima di Lesmo

i miei amici facevamo gare tutto il giorno su e giù con la

e si ruppe la sospensione posteriore sinistra; la macchina

bicicletta all’inizio e poi con dei carretti che costruivamo

decollò tra le piante e rimasi incastrato con la vettura

in casa con delle rotelle, cose da matti ma almeno non

a 20 metri d’altezza. Non potevo muovermi perché ad

c’era traffico! Lo spirito della competizioni l’ho sempre

ogni minimo movimento la macchina rischiava di cadere;

avuto.

furono costretti a chiamare un mezzo con una gru speciale

A 10 anni mio padre mi regalò la prima moto, un Demm

per tirarmi giù e ci misero un bel po’ di tempo.

e feci le prime gare dilettantistiche in moto. A 18 anni e 6 giorni esattamente il 19 marzo debuttai a Monza con la

L’auto da corsa a cui sei rimasto più affezionato e

Giulietta e arrivai sesto alla prima gara.

perché?

Il ricordo più bello?

La Abarth 2000 e la Iso Marlboro del 1974, sono le due

Belli sono tutti e tanti belli, quando fai una prestazione

macchine che mi sono sentito più cucite addosso in

che sia una vittoria o un quarto posto è bello comunque

assoluto, riuscivo a portarle a spasso come volevo e non

perché solo tu sai lo sforzo che ci è voluto per arrivare al

mi sono sentito una sola volta in difficoltà.

risultato. Ma la vittoria del Gp del Mugello con la Abarth

La Iso derivava da un vecchio telaio Detomaso F1 che

2000 fu davvero speciale, ma non perché arrivai primo:

recuperò Frank Williams. Come supporto tecnico venne

la gara era lunga 820Km, si percorrevano 10 giri di un

chiamato G.P. Dallara che la mise a punto in un modo

tracciato di 82 km, tutte le squadre la facevano con più

perfetto.

101


Top Speed

Strati di acqua estesi, uniti ad una velocità sostenuta (ma a volte bastano 60 km/h) causano il galleggiamento del pneumatico detto anche aquaplanning. Quanto più è usurato e largo un pneumatico tanto più facile è trovarsi in situazioni di aquaplanning. Il pneumatico con battistrada usurato non riesce a scaricare in tempo l’acqua, mentre quello largo esercita una pressione a terra inferiore aumentando il rischio di galleggiamento. CONSIGLI: Controllare bene usura e pressione pneumatici Attenzione alle prime piogge: il mix acqua, polveri sottili, olio o carburante rende l’asfalto scivolosissimo. Nelle località di mare poi la salsedine è pericolosissima. Saper distinguere i vari asfalti: generalmente quelli a bassa aderenza sono chiari e lucidi, drenano poco l’acqua facendo sollevare molta acqua alle vetture con

Pioggia, asfalti bagnati e aquaplanning.

conseguente riduzione della visibilità.

Determinante, per la tenuta di strada di un veicolo, è

Attenzione ai freni bagnati: se percorrete lunghi tratti

l’attrito che avviene tra pneumatico e fondo stradale;

senza toccare i freni ogni tanto date una frenatina per

maggiore è l’attrito e maggiore è la tenuta; questo

scaldarli e far si che si asciughino.

attrito è generato dal contatto della gomma all’asfalto.

Aquaplanning: in caso di aquaplanning moderare la

Nel momento in cui questo contatto viene meno, si ha

velocità senza sterzare e frenare, cercare di mantenere

una perdita di controllo della vettura che sarà soggetta

il volante dritto e utilizzare i vari comandi in modo molto

alle sole regole della fisica (forze e direzioni della stessa

delicato. Ricordate che in mancanza di aderenza la vettura

all’innesco del fenomeno) e non più alla nostra volontà di

mantiene il moto e la direzione che aveva al momento

farla andare in una direzione piuttosto che in un’altra; la

dell’innesco del fenomeno; quindi se siete in rettilineo

cosa è poco piacevole e spesso spaventa.

subite un aquaplanning e non fate manovre irruente con

Purtroppo la pioggia crea molti problemi di aderenza

lo sterzo e i freni la vettura continuerà ad andare più o

interponendosi tra pneumatico e asfalto e riducendo

meno dritta.

drasticamente l’attrito o in gergo il grip che c’è tra

Luci accese: in caso di nubifragi e bassa visibilità

gomma e asfalto.

accendere anti e retro nebbia per sicurezza. Se la visibilità

Sotto queste condizioni atmosferiche lo stato di usura

non ci permette di mantenere una velocità moderata

dei pneumatici e la loro pressione sono le prime cose da

allora è meglio fermarsi, chiaramente in punti sicuri che

tenere sotto controllo; potete avere la vettura più bella

non ostacolino le altre vetture.

del mondo con tutte le ruote motrici che volete, ma se il pneumatico non è buono e in ottime condizioni siete

Buona strada e appuntamento il mese prossimo con

comunque a rischio.

un’intervista a Beppe Gabbiani, il test auto della Nissan

Il battistrada ha lo scopo di drenare l’acqua che si

GTR by Motor 3000 Spa e ancora alcuni consigli su come

interpone tra gomma e asfalto, ma a volte non basta.

affrontare l’inverno e gli asfalti freddi. n

102


103


Moda di Valentina Fradegrada1

Mua Mua dolls Le bambole davvero speciali raffiguranti personaggi modaioli che hanno spopolato nel fashion world diventando una vera ossessione! Le adoro! Sono le creazioni di Ludovica Virga, la fashion designer italiana della linea Luvilù. Com’è noto, le Mua Mua, vengono da un posto molto speciale: Bali, terra di misteri. Tutte le loro piccole personalità diaboliche nascono in un altro mondo, che non possiamo capire. Quello che probabilmente non sapete è come arrivano su questa terra e la storia reale di come hanno cominciato:

1 Fashion Blogger, ossia blogger di moda che tramite uno spazio interattivo (blog) commenta le sfilate e porta ispirazione. Valentina Fradegrada,  Bergamasca di 18 anni, ha due passioni, la moda e la fotografia, e un legame speciale con la famiglia, cane compreso! Le sue muse ispiratrici, per stile ed eleganza, la mamma e Gabrielle Coco Chanel.”Essere alla moda non è la ricerca disperata della marca da mostrare, essere alla moda vuol dire essere se stessi perché non c’è nulla di meno alla moda che essere forzati e sentirsi inadeguati.” www.coopstyle.com valentina.fradegrada@gmail.com

104


“Quando sono a Bali che progetto le mie collezioni, amo nuotare. Su una delle spiagge dove vado frequentemente c’era una indonesiana che usava l’uncinetto per fare i bikini. Era molto carina e volevo sostenerla, quindi ne ho comprati due, un giorno dopo l’altro. Effettivamente, questa storia non poteva continuare, perché i bikini non mi piacevano realmente, quindi ho iniziato a parlare con lei. Ho saputo che si era mossa da un piccolo villaggio nel centro di Bali per venire a vendere le sue creazioni ai turisti sulla spiaggia. Era il genere di donna che emetteva luce appena raccontava una storia. In qualche modo, e non so esattamente perché, ho schizzato la prima Mua Mua per lei, là, chiedendole di realizzarla per me. Dal 2006, lei e la sua famiglia hanno fatto più di 10.000 Mua Mua. E’ andata via dalla spiaggia per tornare nel suo luogo natio al centro di Bali, dove dà da lavorare a 15 persone, che realizzano Mua Mua ogni giorno. I guadagni le hanno permesso di far studiare la figlia più grande all’università, in Giappone. L’ho rivista recentemente quando è venuta con tutta la sua famiglia, ospiti a casa mia, per consegnarmi un importante ordine di Mua Mua. Vestita con un abito tradizionale Balinese, era assolutamente affascinante, ed ho rivisto nuovamente la sua luce. Ho fatto del mio meglio

Sono davvero felicissima perché ora ne ho una tutta mia,

per ringraziarla ad aver reso possibile la diffusione delle

creata a mia immagine e somiglianza.

Mua Mua in tutto il mondo, e lei ha sorriso”.

Anche io, ora, ho un posto tra le Mua Mua dolls !

Mantenendo fede allo stile diretto dei blog inviate via email i vostri outfit, verranno selezionati per trovare spazio in questo rubrica. Aspetto commenti, critiche e consigli, tutto quanto possa rendere questo spazio sempre in linea con la moda! n

105


Tecnologia di Emanuele Lorenzo Cavassa1

Il mondo interconesso/2 Facebook Places e la privacy

Facebook è il più grande network sociale del pianeta.

lo post per abilitare solo certi amici).

Conta più di 500 milioni di iscritti in continua crescita

Ma adesso sta per arrivare una nuova insidia per la nostra

ed espansione.

privacy: Places. Places (“Luoghi” in inglese) è la nuova

Su Facebook si trova di tutto, dalle ragazzine che scrivo-

frontiera dello sbandieramento dei fatti propri sul social

no frasi sdolcinate o semi filosofiche con corredo d’im-

network più popolare. Moltissimi degli accessi a Facebo-

magini altrettanto sdolcinate o semi filosofiche, a siti web

ok vengono fatti da dispositivi mobili come iPhone, Black-

di notizie che riportano i loro articoli.

berry, Android, ecc. Questi smartphone hanno la possibi-

Nel mezzo, un’umanità di persone normali che scrivono i

lità di sfruttare servizi di geolocalizzazione, a partire dal

fatti loro per condividerli con gli amici.

GPS fino alla triangolazione in base alla distanza dalle

La definizione di “amico” su Facebook è sempre stata

antenne dell’operatore. Perché a questo punto, dato che

un po’ problematica: non ci sono livelli di amicizia, da

moltissimi utenti caricano i loro contenuti su Facebook

quella più stretta giù fino ai conoscenti. Tutti diventano

direttamente da cellulare, non dare anche la possibilità

ugualmente e senza filtri amici di una persona, ma nella

di rivelare la propria posizione geografica?

vita reale ci sono differenti gradi a distinguere un rappor-

L’idea non è del tutto nuova: esistono già alcuni social

to di parentela, dal migliore amico, da una persona che

network dedicati alla condivisione della propria posizio-

incontriamo spesso al bar.

ne, che tra l’altro hanno la possibilità di interfacciarsi a

Questa situazione ha spesso creato problemi con la pri-

Facebook e postare sulla nostra bacheca elettronica il

vacy delle persone, in quanto nel passato ciò che veniva

luogo in cui ci troviamo. Il più diffuso tra questi è sicu-

scritto (i “post” su Facebook) erano automaticamente vi-

ramente Foursquare, un social network che consente di

sibili dagli amici e dagli amici degli amici che potevano

effettuare “check-in” nel luogo in cui ci si trova,  con più

essere emeriti sconosciuti.

di 3 milioni d’iscritti. Un numero enormemente inferiore

Due gradi di visibilità automatica di quanto pubblicato

a Facebook, certo, ma che rende comunque l’idea della

anche a persone totalmente sconosciute. Oggi i controlli

diffusione tra gli utilizzatori dei social network della vo-

sulla propria privacy sono stati leggermente migliorati,

glia di condividere informazioni molto sensibili quali la

tanto che direttamente dall’editor di scrittura si può de-

propria posizione.

cidere a chi far vedere quello che si sta scrivendo (amici;

E con l’arrivo di Places in Facebook, la platea virtuale

amici di amici oppure tutti gli iscritti a Facebook; ancora,

si allarga a 500 milioni di persone. Lo strumento di per

si possono personalizzare i livelli di accesso ad un singo-

sé utile - se mi trovo in un luogo e vedo che un amico

1

106

Emanuele Lorenzo Cavassa, blogger e techwriter, si occupa di tecnologia e new media dal 2001. Creative all’Apple Store, cura il sito www.ilifetutorial.org


fa check-in lì posso contattarlo per incontrarci - può rivelarsi un’arma a doppio taglio se non usato nella maniera corretta. Come per le foto pubblicate su Facebook, nelle quali le persone presenti possono essere “taggate” (segnalata la loro presenza sulla foto), anche con Places sarà possibile “taggare” una persona presente con noi nel luogo del check-in. Questo ovviamente crea problemi nel momento in cui non dovremmo essere in un certo posto, ed invece veniamo “traditi” e la nostra posizione rivelata. Ma le implicazioni possono essere assolutamente peggiori. Se con la funzione Places la gente sa dove sei, sa anche dove non sei. Diventa a questo punto una questione di fiducia verso i tuoi contatti che hai su Facebook, che come detto possono spaziare dal molto stretto all’assolutamente sconosciuto. Una buona gestione delle impostazioni di privacy di Facebook, che purtroppo non sono mai sufficientemente chiare nel loro uso, diventa assolutamente importante. Un giornalista statunitense del Guardian, Leo Hickman, ha dimostrato come sia possibile effettuare lo stalking di una persona senza troppa difficoltà: individuata nella sezione “Hanno fatto check-in qui” di Places, è stata sufficiente una ricerca in internet per riuscire a

del millennio, se non lo aiutiamo con le nostre mani è

risalire a vita, morte e miracoli della ragazza, riuscendo

meglio.

non solo a seguirla negli spostamenti, ma addirittura an-

Quando Places arriverà anche da noi (il servizio per ora

ticiparne le mosse.

è attivo solo negli USA, anche se la sezione Places nelle

La vicenda si è risolta come esperimento giornalistico,

applicazioni per cellulari è già disponibile ovunque), usia-

con Hickman che incontra la ragazza in un bar e le rivela

molo. Ma controlliamo molto bene le nostre impostazioni

i rischi a cui era andata incontro, ma non è detto che

di privacy e impediamo agli “amici” di poter taggare la

altri sarebbero stati così gentili. Lo stalking, uno dei mali

nostra posizione in un determinato luogo. n 107


Come allungare la vita? Trovatevi una passione e andategli appresso di Maryline JM-W

Sull’onda dell’opera prima di Rocco Papaleo, Basilicata coast to coast, in questo numero dedicato alla salute, non potevano mancare le passioni e i sogni che, secondo il regista, hanno la capacità di allungare questo viaggio breve che è la vita. Tuttavia, ad onor del vero, devo confessare che non è stata una mia idea, bensì quella del caso. Tornando dall’aperitivo a favore degli amici della pediatria organizzato allo Tsunami (vedi pagina 136) camminavo a passo lento, godendomi la nottata dopo una giornata intensa. Dietro di me una voce femminile parlava della sua passione e di questo sogno che uscirà dal cassetto il tempo di una sera. Rallentai il passo. Rubai frammenti di vita. Quindi, senza pensarci troppo, mi girai, mi presentai e confessai di avere origliato. (Prometto che non mi succede mai, non perché io non sia curiosa, ma semplicemente perché, purtroppo, i miei passi di solito sono troppo veloci per cogliere i segreti delle vite che incrocio.) Carolina sorrise, si fermò e accettò di svelarsi.

Bergamasca di 24 anni, Carolina Corna è laureata in scienze dell’educazione e oltre ai suoi studi specialistici e a un lavoro di educatrice che le piace molto, sta cercando di realizzare un sogno: condurre programmi televisivi sulla cucina. Questa passione la deve alla nonna e la mamma Pugliese che fin da piccola l’hanno guidata verso prelibatezze nostrane. Però lei si diletta volentieri anche con ricette nuove: “amo inventare ed equilibrare il gusto e il piacere tra una dieta sana e una cucina etnica”.

108


Di fronte a questo atto di volontà del destino come

le 416? Questa ricetta è leggerissima, il pollo ha molte

potevo resistere al piacere di presentarvi in anteprima

proteine ed è privo di grassi, il limone è importante per

la ricetta che Carolina presenterà alla sua prima televi-

sgrassare l’olio e per le sue vitamine, il pomodoro per

siva il 22 ottobre alle 20:30 durante la trasmissione cu-

il licopene una sostanza importate sopratutto al genere

linaria Mattia detto fatto su alice tv, il canale satellitare

maschile, il curry infine ha proprietà anti infiammatorie e

interamente dedicato alla cucina, visibile su SKY al cana-

protegge l’intestino.

Pollo al curry

Procedura:

Ingredienti:

Far rosolare lo scalogno precedentemente tagliato a cubetti fine, fine,

olio

nella wook con poco olio (un filo).

sale pepe qb

Aggiungere pomodorini tagliati, quindi sale e pepe  e far andare per

scalogno

qualche minuto.

pomodorini pizzutello

Aggiungere mezzo bicchiere d’acqua, poi il petto di pollo tagliato a

curry

cubettoni e far rosolare bene.

limone

Spremere sopra al pollo per sgrassarlo un limone intero.

zenzero

Ultimata la cottura aggiungere zenzero grattugiato, un cucchiaio di

basilico

curry, il basilico e, a chi piace piccante, anche un pochino di peperon-

petto di pollo

cino in polvere.

In bocca al lupo Carolina, da parte di tutto lo staff di BergamoUp! 109


Appassionato di cucina, membro di un’importante accademia gastronomica, quando passa per Bergamo, cerca un buon locale per TRASCORRERE un momento con Lei.

Un tavolo per due

Boutique Cafè Giordano

1

Secondo te a cosa servono questi microscopici sgabelli? Forse perché le signore ci appoggino le loro borsette?

Anche chi come me detesta i posti alla moda, è felice

sedercisi sopra, pazienza). Vanno dunque prese a livello

quando trova un luogo trendy ma grazioso e ben curato,

decorativo le molte gloriose bottiglie esposte in vendita a

diciamo pure elegante, dove ristorarsi un poco e vedere

mille e più €, che forse non ci guadagnano a stare un po’

quanta strada abbiamo fatto dalle caverne ad oggi. Piace

troppo in luce, e nell’arredo si può glissare su alcuni toni

a molti criticare l’Occidente sazio e viziato, io invece,

alla “Gold” dei Dolce & Gabbana, non proprio il massimo

guarda un po’, lo apprezzo enormemente, e tutte le

dell’ understatement, perché l’insieme è invece originale,

mattine mi bacio i gomiti per la suerte di essere nato qui

di buon gusto e solo garbatamente lussuoso.

ed ora: duemila anni di storia, arte e tecnologia non sono

Al piano di sotto si broccola e sbocconcella, a quello di

passati invano, tantomeno a tavola.

sopra si mangia: orsù, saliamo! La sala è graziosa, e sia

Dunque, evviva i posticini accoglienti, anche in una città

io che lei concordiamo - miracolo - nel trovare azzeccate

felice che pur nei locali modesti quasi mai cade nel

le tovagliette a righine bianche e rosa. Vicino a noi, non

trash; se poi si mangiasse bene sarebbe il massimo,

troppo perché i tavoli giustamente non si pestano i piedi,

ma su questo lasciamo un po’ di suspense, per tenere

tace un lui serio commercialista, e parla molto una giovane

l’impaziente lettore avvinghiato alla pagina intera.

lei visibilmente innamorata: noto come l’amore trasforma

Il Caffè Giordano è dunque carino, cosy direbbero gli

i visi, e tonifica l’appetito, un piacere a vedersi.

inglesi, perché ha un taglio minimalista che consente di

Arriva celere e cortese un cameriere, e porta una notizia

sfumare alcuni passaggi a rischio kitsch, frequenti in locali

buona ed una cattiva. La buona è che arriva subito

chiaramente rivolti a clientela dal portafoglio ben turgido

dell’ottimo e leggero pan-focaccia, con dei grissini di alto

(i portafogli una volta ingrassavano nutriti di morbidi

livello, che trasformano l’attesa in un piacevole, pur poco

bigliettoni, oggi di rigide carte di credito, scomode a

dietetico incipit. La cattiva è che la carta è deludente: ti

1

110

Vicolo Macellerie, 6 – Bergamo Tel.: 035 246364


111


Un tavolo per due

aspetti qualcosa di particolare, che faccia con discrezione

senz’aglio non decolla. Il branzino con patate è un mio

un po’ la differenza rispetto ai mille tavoli in giro per la

errore: buonino per carità, ma è un piatto che, cucinato

città a quest’ora di pranzo, e invece no. Potessi dormire al

da me, da voi, da Ciccio Papero o da Paul Bocuse, sempre

pomeriggio, mi butterei sui gnocchi al gorgonzola e sulla

quello è.

polentina con lumache, ma ahimè non è il caso. Quando

Mi conforto con un buon Friulano (anche se una carta dei

leggo prosciutto e melone, grugnisco dal disappunto, e

vini non vien fornita, bensì recitata in modo sommario:

quando vedo un non meglio specificato “carpaccio” (di

dal primo al secondo piano si perde qualche colpo…), e

carne ? di pesce ?), in un locale che giustamente gioca sui

con un dolce quello sì convincente, sorta di zuppa inglese

dettagli dico “mah!”. Il carpaccio, se la carne è buona, ci

con crema e panna montata.

vuol poco a renderlo egregio: una salsina di capperi, o

L’ambiente è piacevole, si parla tranquilli, che è oggi qua-

del pepe un po’ speciale, potrei scriverci per ore, ma qui

si un lusso, il servizio è cortese: possibile che si cada

no: carpaccio e basta (e magari era buonissimo, ma così

nel banalotto proprio sul cibo? Il conto, sui 50 in uno e

male etichettato…). Lista dunque stranamente banale

mezzo (lei stavolta rosicchia qualcosa soltanto), non spa-

per un locale che offre oggetti ricercati in tutto il mondo:

venta, anzi avrei anche pagato qualcosa in più per veder

voglio pensare di essere capitato il giorno sbagliato.

la differenza.

Scelgo spaghetti alle cozze e vongole e poi un branzino: ero venuto cercando qualcosa di diverso. L’esecuzione non delude e non entusiasma: la mancanza di un filo di profumo d’aglio nei primi aiuta il dialogo, ma la vongola 112

Mr. Pink


Se la donna fosse un elefante, sarebbe... di Maryline JM-W Edizioni Miele Qualcuno sostiene che donna si nasce, altri che lo si diventa, ma che cosa vuol dire essere donna? È solo una questione di apparato genitale? Riduttivo. Allora di cervello, di corpo? Banale. Di cuore? Perché no, ma basta? Partendo da queste domande l’autrice ha iniziato un viaggio nell’universo femminile. Una passeggiata fatta d’ironia e di pensieri seri, ma mai seriosi, che l’ha portata a guardarsi dentro, ma soprattutto a confrontarsi con donne simili e diverse da Lei. Con Roberta, chimica e project manager, si è fermata a riflettere sulla materia grigia che caratterizza le abitanti di Venere. Mentre con Cristiana Longhi, scrittrice erotica, è l’universo dei sensi che ha destato il suo interesse. Dal sesso al corpo il passo era breve, ma difficile da fare senza l’aiuto di Oliana e Sara, volontarie dell’associazione Aiuto donna, che l’hanno presa per mano e portata a riflettere sulle violenze inflitte e subite “per amore”. L’amore, punto di partenza che condiziona tutta una vita, che sia per la sua presenza, la sua assenza o le sue forme contorte, come ha potuto rendersene conto con la testimonianza di Piccola Venere che l’ha portata al termine del suo viaggio, aprendole il suo cuore. Un libro scritto per le donne? Non proprio e soprattutto non solo, anzi.

Il Romanzo collage©, un libro se non sperimentale, di sicuro inusuale


“Il bene e il bello” I luoghi di cura storia e curiosità

1

di Paola Cervi - ph Davide (12 anni)

“Curante è colui che in ogni luogo, ospedale sala operatoria o corsia si applica a ricostruire il malato intorno ai suoi bisogni e i suoi diritti, rispondendo ad attese, compensando a mancanze, soccorrendo a sofferenze”.

Una fitta ed insistente pioggia annuncia l’ultimo week-and d’estate, sto concludendo la mia fase digestiva sonnecchiando sul divano, mentre penso a cosa fare per non permettere alla noia di sopraffarmi, improvvisamente ricordo che oggi inaugurano una mostra patrocinata dagli Ospedali Riuniti di Bergamo e dall’Asl di Bergamo intitolata “Il bene e il bello. I luoghi di cura” organizzata dall’Associazione no-profit Medicina e Persona. L’idea di un “viaggio” nel passato, mi risveglia subito dal torpore, armata di impermeabile e stivali, metto al collo di mio figlio Davide la macchina fotografica e mentre lo trascino per un braccio fino ad arrivare alla macchina, gli spiego che sarà il mio fotoreporter. Ripresosi dal vortice che in un attimo l’ha portato dalla sua camera all’auto mi chiede: “cosa devo fotografare?” Tutto ciò che vedrai a questa mostra. Entusiasta della veste che avrebbe dovuto ricoprire, ha cominciato a preparare la macchina fotografica. MEDICINA EGIZIANA Nell’antico Egitto, il medico veniva chiamato “SUNU”, da

europeo Georg Ebers, è un rotolo di papiro lungo 20 m.

sun “essere malato, soffrire”. Il primo medico della storia

e altro 20 cm. suddiviso da 108 pagine in cui vengono

si chiamava Hesyra. Il centro delle attività mediche era il

date indicazioni precise relative alla terapia, sono de-

palazzo reale. Ogni medico era medico di una sola malat-

scritti 500 diversi medicamenti; polveri, tisane, decotti,

tia, c’erano medici per gli occhi, la testa, i denti, le malat-

macerazioni pastiglie, erano perfettamente conosciuti.

tie del ventre e le malattie di identificazione incerta.

I medici egizi, ritenevano il cuore centro della vita e sem-

Il Papiro Ebers (ca.1550 a.C.) dal nome del suo acquirente

bra che già ricollegassero il suo battito a quello del polso.

1

114

Mostra inaugurata il 18 settembre, che si è tenuta fino al 1° ottobre nella Sala Lombardia dell’Asl di Bergamo


115


“Il bene e il bello”

CURIOSITà:

il medico è: l’unione del perfetto uomo con il perfetto stu-

Rimedio per liberare gli eccessi di gas e i postumi dell’in-

dioso: calma nell’azione, serenità nel giudizio, moralità,

digestione: cumino assieme ad abbondante grasso d’ana-

onestà, amore per la propria arte e per il malato sono

tra e latte, il tutto bollito e consumato. Sonno, dieta e

i cardini della personalità che deve avere. Non è certo

purghe erano le cure per tutti.

un essere superiore e infallibile come i sacerdoti degli

I papiri danno notizie che i medici consigliavano con insi-

antichi templi, ma deve sopperire alla sua fallacità con il

stenza di lavarsi il corpo, in particolare il viso, la bocca e

massimo dell’impegno e della diligenza in modo da com-

i denti al mattino, le mani prima e dopo i pasti. Inoltre “è

mettere solo errori di lieve entità. Deve inoltre essere filo-

bene indossare vesti di lino e come abiti, oltre al gonnelli-

sofo, ma non tanto da farsi distogliere dalla vera scienza

no o la tunica, far uso di un panno triangolare stretto alle

che è quella che si appoggia su solide basi pratiche. Il

anche a proteggere i genitali”. Importante è inoltre soste-

suo abito, infine, deve essere decoroso ed il suo aspetto

nersi con una nutrizione completa, e dormire su un letto

denotare salute.

dotato di rete elastica con materasso vegetale e coperte

Con il passare dei secoli, questa concezione rimase im-

di lino, non eccedere negli alcolici, limitandosi alla birra

mutata, al punto che il Papa Clemente VII stabilì che il

e al vino, in età avanzata era concesso qualche blando

laureato in medicina si impegnasse solennemente ad os-

afrodisiaco, principalmente la lattuga, pianta sacra al dio

servare il testo del giuramento ippocratico.

della fecondità Min.

Ippocrate, segna la nascita della clinica intesa come stu-

E’ sorprendente quanto siano attuali queste raccoman-

dio dei segni e dei sintomi osservabili sul paziente.

dazioni! CURIOSITà: MEDICINA GRECA

Gli interventi più eseguiti erano la riduzione di lussazioni

Tutto ruotava attorno a Asclepio, Dio della medicina e

e di fratture, la trapanazione del cranio in seguito a frattu-

marito di Salute, e alla sua sacerdotessa Panacea, “colei

re delle ossa del capo e la cura dei piedi torti. Molto par-

che tutto guarisce”. Presso molti santuari sparsi nel ba-

ticolareggiata era la tecnica delle fasciature. Era vietata

cino del Mediterraneo esisteva una sorta di ricoveri posti

la pratica dell’interruzione volontaria della gravidanza.

sotto la protezione di Asclepio, che oggi potrebbero definirsi ospedali, nei quali si accoglievano gli ammalati per

MEDICINA ROMANA

ricevere cure e medicamenti. La maggior parte degli in-

Galeno il secondo padre fondatore della Medicina dopo

terventi si faceva di notte, oltre a somministrare sedativi a

Ippocrate, era in grado di spiegare fatti e fenomeni che

base di erbe, si facevano anche operazioni chirurgiche da parte di sacerdoti medici. Di questa “arte medica” si valse il più grande medico greco Ippocrate, destinato a diventare nei se-

sfuggivano ai medici della sua epoca, fu inoltre il primo vero esperto di medicina legale. Conosceva 500 sostanze di origine vegetale e una vasta gamma di origine animale e minerale.

coli il simbolo stesso dell’arte medica. Nell’antica Grecia, la medicina veniva praticata nei ginnasi e nelle palestre.

CURIOSITà:

Secondo Ippocrate,

I composti più famosi erano la pi-

116


cra (purgante amaro a base di aloe) e la hjera (purgante sacro a base di coloquintide). Gli ospedali erano per gli schiavi ed i soldati (beni preziosi su cui lo stato o il padrone avevano investito risorse nell’addestramento). Un comune cittadino poteva contare solo sulle cure dei parenti o nella casa del medico stesso. Anche in epoca romana, venivano consigliate norme igieniche soprattutto ai soldati. Inoltre era raccomandata una corretta dieta, moderazione nei rapporti sessuali e attività fisica. MEDIOEVO Nel Medioevo solo la Chiesa e il Vescovo in locali annessi alla Chiesa si occupavano dei malati. Successivamente confraternite hanno offerto ospitalità ai viandanti e ai malati. Il rapporto con il malato era importante in quanto questi rappresentavano Cristo. Furono costituiti nuovi ospedali da congregazioni religiose o laiche. Nel periodo in cui si diffusero peste e lebbra, i malati di peste furono inizialmente espulsi dalle città e le navi che venivano da regioni sospette dovevano trascorre 40 giorni fuori dai porti prima di attraccare, da cui nacque il termine quarantena. Successivamente, vennero istituiti luoghi di ricovero costruiti a spese dello Stato e, grazie a donazioni private dove si potevano isolare i malati di peste, i lazzaretti. CURIOSITà: Per debellare i morbi delle pestilenze, venivano accesi fuochi ed in essi venivano gettati unguenti, resine ed erbe aromatiche per depurare l’aria dai miasmi che si riteneva diffondessero il male.

n 117


Mediafriends CUP 2010 La prima partita si è giocata a Bergamo Ph. Sara Esposito

Le nuvole scure non hanno spaventato gli spettatori che l’8 settembre si sono riuniti allo Stadio di Bergamo per la partita tra la squadra del Grande Fratello e quella dei Piloti. Il risultato finale ha visto vincitori i ragazzi del GF per 2 a 0. Ma la vera vincitrice è stata la beneficenza, capace di raccogliere ben 31.770 € devoluti all’AIL. Commuovente il calcio d’inizio, quando Tiribocchi è sceso in campo con un bimbo campione di vita, che ha sconfitto, guarendo, la leucemia. Il progetto di Mediafriends CUP comprende 4 partite in 4 città e la finalissima contro la Nazionale Cantanti. Madrina della serata, Melita Toniolo. Un’idea per la squadra del GF: sarebbe bello creare le Gieffine Pom Pom. Attrarrebbero qualche spettatore in più e ne beneficerebbe la raccolta fondi. Una sola goccia in più, nel mare della beneficenza, può fare miracoli. n

118

avvenimenti


119


I LOVE OSTRICA Ph. Laura Marinoni

Il 23 luglio scorso l’ambiente raffinato, giovane e modaiolo ha coinvolto i numerosi ospiti che hanno partecipato all’esclusivo aperitivo Luxury Fish della Piazzetta del Pesce, organizzato in collaborazione con Vita Cafè di Borgo Palazzo a Bergamo. Il menù classico è stato impreziosito dalla fantasia dello chef Ivan per ingolosire gli ospiti: salmone scozzese, tonno e spada pescati a Mazara del Vallo serviti in tartare, Capesante, scampi e gamberi rossi di profondità pescati a Mazara del Vallo serviti in cruditè, una selezione speciale tra le più prestigiose ostriche francesi (belon, tsarskaya, gillardeau, fines de claires, mouirgen, speciale vertes), il tutto accompagnato da fresco champagne della maison Bollinger. n

120

avvenimenti


121


La proposta piu’ preziosa della citta’.

BERGAMO, CONCA D’ORO

In elegante contesto, appartamento posto al terzo piano per tot. 220mq, da ristrutturare, box, due cantine. € 830.000,00. BERGAMO, VALTESSE

BERGAMO, V.LE VITTORIO EMANUELE II

Affacciato sul prestigioso Viale, in elegante palazzo, strepitoso appartamento 260mq su unico piano, da ristrutturare, spettacolare terrazzo per totali 150mq, affacci stupendi su città alta dalle grandi ed ininterrotte vetrate. Ampio box, cantina. € 2.500.000,00.

BERGAMO, REDONA

Rarissima opportunità, magnifico vero attico al sesto piano, libero sui 4 lati, 350mq con 500mq di terrazzi: ingresso, luminosissimo soggiorno, cucina, 5 camere, 4 bagni, ampia lavanderia. Capitolato e finiture di elevatissimo pregio. Completano la proprietà n. 2 box, di cui uno doppio in larghezza e n. 2 grandi cantine. € 1.600.000,00.

BERGAMO, ROTONDA DEI MILLE BERGAMO, VIA MAZZINI

via Alcaini, straordinaria villa unifamiliare per tot. 350mq in lussureggiante verde contesto di parco di 1.500mq, box quadruplo. € 1.500.000,00. BERGAMO, VIA SAN BERNARDINO

Centralissimo attico 250mq distribuito su 3 livelli: soggiorno, cucina, bagno, camera ospiti; secondo soggiorno, bagno, lavanderia, soppalco; 2 camere, cabina armadi, 2 bagni. L’immobile si caratterizza per i luminosissimi ed ampi spazi, le ampie vetrate con eccezionale vista su città alta, finiture di lusso e deliziosi terrazzi. Box e cantina. € 1.700.00,00.

Centralissimo di pregio, esclusivi appartamenti e uffici in elegante piccola palazzina in fase di costruzione, 180mq cad. con giardino o terrazze. Autorimesse interrate, cantine. Possibilità scelta finiture e spazi. Consegna dicembre 2011. € 5.500/mq.

BERGAMO, V.LE VITTORIO EMANUELE II, 28

BERGAMO, BORGO SANTA CATERINA

Stupendo attico trilocale: ampio soggiorno, angolo cottura con penisola, camera matrimoniale con cabina armadio, camera/studio, doppi servizi, terrazzo 66mq con vista su città alta, cantina, box doppio in larghezza, riscaldamento a pavimento, arredamento design, elevato capitolato. € 550.000,00.

BERGAMO, via Verdi Bellissimo appartamento al sesto piano, 150mq composto da: ingresso, soggiorno, zona pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni, lavanderia, 3 ampi terrazzi, posto auto coperto, ottima vista su città alta. € 785.000,00.

122

VENDESI n. 14 box singoli Euro 80.000,00 cad. e n. 2 box doppi Euro 150.000,00 cad.

Affacciate su una grande corte privata, varie unità abitative disposte su uno o più livelli. Gli appartamenti, da bilocale al quadrilocale, possono essere studiati su misura, personalizzando spazi e finiture. Degni di nota i loft e la piccola casetta indipendente. I materiali originari (travi a vista, pietre) si incontrano con vetrate, nuovi materiali e un ottimo capitolato. Possibilità vari box, cantine, porzioni di giardino. Consegna primavera 2011.


TRESCORE BALNEARIO

Collinare, nel rinomato Castello dei Lanzi (sec. XIII-XIV) in contesto unico di sole 8 unità abitaive, magnifico ed esclusivo appartamento disposto su due livelli oltre a sottotetto abitabile: ingresso, ampio soggiorno, cucina abitabile 4 camere, 3 bagni, capitolato di elevato pregio, 2 posti auto coperti, cantina, parco in comune di ca. 7.000mq.

TORRE BOLDONE

Zona residenziale, recentissimo stupendo quadrilocale 200mq al terzo e ultimo piano, libero su 3 lati, grandi terrazzi, capitolato di elevatissimo pregio, box triplo. € 790.000,00.

Inquadra il codice QR con il Tuo smartphone per accedere direttamente al nostro sito internet e visionare tutte le nostre proposte

CENATE SOTTO

GORLE, ECOBIOCOMPATIBILITA’

L'intervento si colloca nel centro di Gorle, a due passi da Bergamo. Si compone di tre ville servite dal corsello comune di accesso carrale da via Kennedy, strada a fondo chiuso ad esclusivo servizio del complesso. La villa n. 1 è la più ampia del lotto, posta di testa, con ampia area verde: Piano interrato: autorimessa, locali tecnici, area fitness e sauna, specchio d'acqua interrato: tot. 145mq; Piano terra: 110mq oltre a 385mq di giardino; Piano primo: 110mq oltre a balconi. La villa n. 2 è la più luminosa del lotto, posta di testa, con ampia area verde: Pinao interrato: autorimessa, locali tecnici, area fitness e sauna, specchio d'acqua interrato: tot. 120mq; Piano terra: 110mq oltre a 273mq di giardino; Piano primo: 110mq oltre a balconi. La villa n. 3 è la più accessibile del lotto, posta di testa, con ampia area verde: Pinao interrato: autorimessa, locali tecnici, area fitness e sauna, specchio d'acqua interrato: tot. 120mq; Piano terra: 110mq oltre a 268mq di giardino; Piano primo: 110mq oltre a balconi. Capitolato altissimo livello, classe A di consumo, grandi vetrate, specchi d’acqua, design attento e ricercato, impianti d’ultima generazione, finiture lussuose ed innovative, grandi spazi aperti e luminosi, living estivi, riservatezza. A partire da € 1.350.000,00.

Collinare, meravigliosa posizione dominante, esclusiva villa singola di recente costruzione distribuita su 3 livelli oltre a interrato, predisposta per 2 unità abitative, capitolato altissimo pregio, stupendo giardino 800mq irrigazione automatica, predisposizione piscina, antifurto, box triplo.

RANICA

Collinare, pregevolissima e meravigliosa villa singola su unico piano: soggiorno, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni, veranda coperta fronte giardino piantumato di 2.500mq con piscina mt 12 x 10; appartamento trilocale indipendente al primo piano; piano interrato taverna, lavanderia, bagno, box quadruplo, doppio posto auto coperto.

123


APPUNTAMENTI di Maryline JM-W Chighini, Roberto Solinas. Ore 15 - negozio Bergamo musica di Seriate, via Nazionale La band genovese incontrerà la stampa e i fans. Ore 22 - Paprika Jazz di Dalmine Concerto acustico con il meglio della loro produzione, da «Jesahel» a «Dolce acqua» a «Bourèe» a «Culto

Una mostra,

disarmonico», nonché alcune cover internazionali.

un concerto, uno spettacolo, tante occasioni per incontrarsi e confrontarsi, e per fare del

Inaugurazione sabato 9 ottobre ore 18.00 Sarà presente l’artista. Bergamo - Galleria Marelia

CLAUDIO DESTITO - SENO E COSENO

presente un futuro

Evento inserito nel programma “Bergamo opens to Contemporary” organizzato da THE BLANK (Associazione gallerie d’arte moderna e contemporanea

piacevole

di Bergamo) in occasione della “Giornata del con-

ricordo.

temporaneo” promossa da AMACI (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani) Negli anni della frequentazione dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, Claudio Destito ha familiarizzato con arte povera, arte concettuale, minimalismo che permeavano a fondo l’ambiente artistico torinese. Tale bagaglio artistico-culturale resta la matrice fondamentale dal quale si sviluppa il suo linguaggio espressivo che sfrutta la rappresentazione di oggetti banali e d’uso quotidiano rapportandoli all’ironia dei giochi di parole e dei doppi sensi, grazie anche ai titoli delle opere che ne forniscono la chiave di lettura. Fino al 18 novembre

9 ottobre

Blank, letteralmente bianco da riempire.

uno

spazio

La neonata associazione senza fine di lucro mira a promuovere e diffondere la cultura dell’arte moderna e contemporanea esistente nella città di Bergamo, favorendo la conoscenza e ampliando l’offerta degli eventi in atto nella città, proponendosi come network d’incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali comuni. Per l’occasione il 9 ottobre tutte le gallerie d’arti indicate sulla mappa organizzano momenti musicali, incontri con l’artista o conferenze. Programma disponibile: www.theblank.it http://milemary.blogspot.com/2009/06/et-si-on-sortait.html

10 ottobre

124

9 ottobre

Mura di Città Alta

I Delirium

BOXRALLY

Nella storica formazione post-Ivano Fossati: Mar-

Gara finale del campionato in 16 tappe (di cui 10

tin Fredrick Grice, Ettore Vigo, Pino Di Santo, Fabio

nella bergamasca, e le altre tra Lombardia, Trentin


o e Piemonte) tra macchinine di legno biposto senza motore che

Venerdì 15 ottobre 2010, ore 20.30

vanno con la forza gravitazionale.

Domenica 17 ottobre 2010, ore 15.30 Amor ingegnoso (Venezia, 1799). Farsa in un atto di Catterino Mazzolà. Musica di Giovanni Simone Mayr. Edizione critica a cura di Pierangelo Pelucchi. Prima esecuzione secondo l’edizione critica Il Campanello (Napoli, 1837). Farsa in un atto. Libretto e musica di Gaetano Donizetti. Edizione critica a cura di Ilaria Narici. Prima esecuzione secondo l’edizione con i dialoghi in napoletano.

Fino al 17 dicembre

Direttore d’orchestra PierAngelo Pelucchi

Bergamo – Auditorium di P.za della libertà. Prosegue la

50°edizione del Lab 80 mercoledì 6 ott 2010, 21:00 MINORITY REPORT di Steven Spielberg venerdì 8 ott 2010, 21:00 IL RICCIO di Mona Achache lunedì 11 ott 2010, 21:00 FRANKENSTEIN JUNIOR di Mel Brooks martedì 12 ott 2010, 17.30 21.00 BASILICATA COAST TO COAST

Giovedì 28 ottobre ore 20.30

di Rocco Papaleo

Bergamo - Biblioteca Tiraboschi

martedì 19 ott 2010, 17.30 21.00 MINE VAGANTI

Guide all’ascolto: Federico Fornoni presenta Rigoletto

di Ferzan Ozpetek

(Venezia, 1851)

mercoledì 20 ott 2010, 17.30 21.00 IL TEMPO CHE CI RIMANE

Melodramma in tre atti di Francesco Maria Piave

di Elia Suleiman

che verrà rappresentato al Teatro Donizetti

venerdì 22 ott 2010, 21:00

venerdì 5 novembre 2010, ore 20.30

CHLOE TRA SEDUZIONE E INGANNO

domenica 7 novembre 2010, ore 15.30

di Atom Egoyan

Musica di Giuseppe Verdi

martedì 26 ott 2010, 20.30

Direttore d’orchestra Hirofumi Yoshida

CORTOPOTERE – SERATA FEDERICO FELLINI di FEDERICO FELLINI martedì 2 nov 2010, 17.30 21.00 IL PADRE DEI MIEI FIGLI di Mia Hansen-Løve mercoledì 3 nov 2010, 21:00

24 -31 ottobre

SUR ET SOUS TERRE

Bergamo - Auditorium P.za Libertà

di Paolo Jamoletti e Alberto Valtellina

Cortopotere Short film Festival - X edizione

venerdì 5 nov 2010, 21:00 DONNE SENZA UOMINI di Shirin Neshat

Inaugurazione il 24 ottobre – ore 20 Spazio Polaresco “DIECIANNI del festival” – prima parte, con aperitivo Auditorium di P.zza della Libertà Martedì 26, Mercoledì 27 e Giovedì 28 dalle 8.30 alle 12.30 Progetto Ambiente, iniziativa dedicata alle scuole di secondo grado Martedì 26, ore 20.30 “FEDERICO FELLINI a episodi” Tre film: Tony Dammit, Le tentazioni del Dottor Antonio, Agenzia matrimoniale.-

Bergamo - Teatro Donizetti

Venerdì 29, ore 22.30

Prosegue il cartellone della quinta edizione del

“N.A.C: animazione americana underground degli anni Sessan-

Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti.

ta” prima parte 125


Sabato 30 nel pomeriggio : CortoKids cinema d’animazione e laboratori per i più piccoli, ore 20:30: cerimonia di premiazione con successiva proiezione dei cortometraggi vincitori. Domenica 31 “DIECIANNI del festival” - seconda parte e “N.A.C: animazione americana underground degli anni Sessanta” seconda parte. Arte, storia e Cultura

La provincia di Bergamo Visite guidate gratuite (2/3 ore) 17 ottobre ore 15 Leffe (ritrovo: chiesa parrocchiale) 24 ottobre ore 15 Canonica d’Adda (ritrovo: chiesa parrocchiale) 31 ottobre ore 15

9 e 10 novembre - ore 21

Albino (ritrovo: stazione TEB di Albino)

PalaCreberg - Teatro di Bergamo

7 novembre ore 15

Arturo Brachetti in “Brachetti, ciak si gira!”

Calcio (ritrovo: chiesa parrocchiale) Dal 23 ottobre al 27 novembre Inaugurazione sabato 23 ottobre ore 18

regia di Serge Denoncourt Dopo tre anni dalla sua ultima apparizione in citta’, Arturo Brachetti, artista famoso in tutto il mondo per i suoi velocissimi cambi d’abito, torna al Creberg Teatro con un grande spettacolo ricco di sorprese e di sicuro divertimento. Quella di Bergamo e’, oltre Cremona, l’unica tappa prevista in Lombardia. È già aperta la prevendita dei biglietti.

Per segnalazioni, scrivetemi a: milemary@hotmail.com e per vedere altri appuntamenti, cliccate su questo QR:

Bergamo – Galleria Elleni

MARCO LODOLA AVANTI POP! La mostra proporrà 30 sculture luminose di Marco Lodola tutte con soggetti riferibili alla cultura POP della seconda metà del Novecento: Michael Jackson, Beatles, Vespine, Automobili, Ballerini di Tip Tap, Chitarre di Jimi Hendrix, ecc.

126


event

127


Kartell

Nuova apertura Ph. Sara Esposito Il 23 settembre scorso Mobilberg ha inaugurato il suo nuovo KARTELL Flagstore nel cuore della città. Durante la serata lo staff ha avuto il piacere di presentare una collezione unica per originalità, varietà e ampiezza di gamma, tra cui Kartell à la mode, la nuova linea di calzature. Un cocktail con ricco buffet all’insegna del glamour e dei colori del Design Kartell è stato offerto ad amici e clienti venuti numerosi per festeggiare l’apertura di questo elegante negozio di via Sant’Orsola. Innovativo l’allestimento della flower designer Claudia di Hanami che ha trasformato la via in un piacevole luogo d’incontro… una serata di magia e gioco dei sensi, di trasparenze e forme uniche per oggetti unici… Kartell è riconoscibile a prima vista in tutto il mondo per l’emozione che regala. n

128


129


B² BAR BORSA BE TWO - BE COOL Ph. Matteo Mottari Il 23 settembre, il BAR BORSA in Piazza della Libertà, ha festeggiato il nuovo look dopo un breve periodo di chiusura per i lavori, con un graditissimo e affollatissimo NEW OPENING PARTY. Musica di DJ Francesco Zazza per intrattenere i numerosi ospiti ed amici presenti per festeggiare Marianna Blandina e il suo B² BAR BORSA. Fra le novità del BAR BORSA, ci anticipa Marianna, ci sarà ogni mese una “serata particolare”. Basta curiosare nel sito del BAR BORSA www.barborsa.it per scoprire le novità e il calendario degli appuntamenti da segnarsi. n

130


131


Moda Mobil Alla partenza del 4° Rally della solidarietà Ph. Sara Esposito Sabato 11 settembre si è svolto l’attesissimo 4° Rally della Solidarietà – Raduno di auto d’epoca con prove di regolarità – valido come 5° prova del Challenge della Solidarietà 2010, una serie di raduni organizzati per raccogliere fondi e sostenere l’associazione “Make a Wish”. La manifestazione, organizzata dal Club Orobico Auto d’Epoca di Alzano Lombardo, ha riscosso grande successo grazie anche alla splendida giornata di sole, regalando agli appassionati di auto d’epoca un sabato dall’intenso programma: ritrovo la mattina a Torre De Roveri, arrivo la sera a Treviglio. n

132


133


BOBA Inaugurazione stagione 2010/2011 Ph. Simone Montanari Al Bobadilla di Dalmine nel week-end 17 - 18 settembre. Il Boba, storico locale di Dalmine, ha accolto i suoi numerosi e affezionati clienti confermando il calendario dei classici appuntamenti con le serate il venerdì e il sabato, e il primo martedì del mese con “La Festa del Segno”. Dalla prima domenica di ottobre, la novità “Aperitivo Martini anni ‘80” dalle 19.00 alle 24.30 - un nuovo appuntamento - un party la domenica all’ora dell’aperitivo, buffet e tanta musica, per gli amanti delle serate cool del Boba! n

134

event


135


Notte d’Aqua Notte d ’Aqul baeach restaurant di

apertura de l’ o aromi im s d e e tt ri a o b p a a s , re lo e A ten cqua e cie a a tr e c n a rm e lounge z z ja a tr te Paratico perfo o n erranea e , un in salsa medit la struttura

svelato ori ente ne ha m a iv s rama di sap s o re n g a p ro p n u to e a essenza i Iseo, urro sollev tto intuire l’ e del la go d u fa Un telo azz q a c h a e e n ll i a d m i ed aro un paradiso nd. E’ nato e a rn rm fa u o a gioco di luc g d e n ta he bas nato la vocazio quel tanto c tte g giarne la a to tr la ne ha rivela A fi e . o d in ta b s e fficiale, nt del S olo di co ll’opening u ach restaura e in quell’ang e d b e o n m io s ri ia p c il , oscenico raff to ieri, in oc lc a lusivo, AQUA s a c n p s e e n p u n o a tt h fa ci beach restaurant die nSe, A tenere a battesimoel’apertura aeree di una ballerina naCirque eridel hannole evoluzioni relax, del e infatti, e di una ball ale, ch ra charm & n re tu e io a z i a n rn io z te lu in no Paratico performance tratuacqua aro- ttdu dai suoni del gruppo “Smoma” o ra e cielo, sapori ed, in le evaccompagnata fa i, Soleil moma” han S “ e S o r tisti di cara . p a e p c n ru a g rmjazz e lounge. Un ahanno o-speterfotra ni del l’inizio della nserata mi in salsa mediterranea (ore 21),plo odecretato roepnote a za contem nata d i su d g a i p nato per le lo d m lo o o c c c a a tt la e telo azzurro sollevato progressivamente ne ha svelato la2 1tacolo contemporanea “Water Face”, to affidato u Soleil ), lo dispdanza , ha racconta ta (ore del Cirque d lò ra k e ta s a a K ll i e e d d i io aromi ne ha fatto intuire struttura, un gioco di in luci dei Kataklò, ha raccontato la metamorized erinballerini aalldue u ge decretato l’ ato a due b fil rocreando id ff eacqua a il , ib ” e is c v a n F u l’essenza e un panorama di sapori ne ha rivelato la vofosi dei corpi in un visibile fil rouge, tra r o te d a n W a “ ranea qua cre ’Aqua eladnatura i indelaclago tt o rp N o c a i L e . d le i cazione gourmand. E’ nato dalle acque di Iseo, l’ambientazione e del locale. La Notte d’Aqua è s a metamorfo tazioatura del loc s n u g la e e d e e n ll a io z quel tanto che basta in quell’angolo defilato da ffproseguita sulle note dei sapori affidati alle degustazioni idati bienta mcosta tra l’adi dei sapori a iate dalff te a o n n n e a ll d u e s f e terra e mare proposterndallo farne un paradiso restauchef ed annaffiate dal- le guita AQUA, il primoobeach llo chtra è proseesclusivo, ella fo ita prop ste da d re li a a n m io e z a a n rr rant del n Sebino. charme & relax, territoriali e nazionali della fornita li e prestigiose etichette i tra Atetratteggiarne lahnatura atteneva i tte territoria i intrun tic edell’opening c e lu e i s d io g o c ti ci hannole pensato ieri, in occasione ufficiale, cantina, mentre sofisticato gioco di luci intratteneva i s io pre ofisticato g un via g gio s in n u a v e a n tr g n a e p . M compresenti, la danza del palato li accompagnava in un viagartisti diccaratura che ne hanno fatto acun antinainternazionale, del palato li a z n a d la , ti en palcoscenico per le loro performance. gio nei sensi. presraffinato i. s n e s nei

136 BRESCIA UP 136


137

137


L’Aperitivo diventa evento… Allo Tsunami Ph. Sara Esposito

L’Aperitivo diventa evento… 4th edition: sono tornati, grazie al successo delle passate edizioni, i giovani barman Alessandro Zana, Giovanni Bologna e Alessandro Rubis insieme ai colleghi dei migliori locali di Bergamo ed hanno accolto i numerosi ospiti della serata organizzata domenica 19 settembre allo Tsunami di via Statuto 19/a con buffet offerto dal ristorante “Da Vittorio” e dolci dal “Cavour”. Serata speciale, non solo divertimento per l’aperitivo evento, occasione anche per un pensiero e un aiuto per i bimbi meno fortunati: parte del ricavato sarà, infatti, devoluto all’Associazione Amici della Pediatria Onlus, nata nel 1990, presso l’U.O. di Pediatria degli Ospedali Riuniti di Bergamo. n

138

event


139


faceberghem La rubrica dedicata a tutti i bergamaschi di Alessandro Di Miceli

Un saluto speciale a Ringhio che ci ha lasciati il 6 ottobre 2009

Inviandoci, entro la fine di ogni mese, una vostra fotografia avrete la possibilità di vederla pubblicata il mese successivo all’interno di questo apposito spazio. La foto va inviata all’indirizzo mail:grafica@bergamoup.it. Si da per appreso, che chiunque invii la fotografia per e-mail, si assume ogni responsabilità in merito alla divulgazione e pubblicazione della stessa approvando e sottoscrivendo quanto segue: “Al fine di far pubblicare la mia foto sul mensile BergamoUp acconsento al trattamento dei miei dati personali, come stabilito dalla legge sulla privacy. Dichiaro, di avere il diritto di distribuire questa immagine e che essa non viola le condizioni d’uso, e sollevo da ogni possibile controversia legale il mensile BergamoUp (nel nome dei suoi rappresentanti legali), per la quale mi ritengo personalmente responsabile”.

140


...e auguri a: Diletta Camponuovo (15 anni il 25/10), Alessandra, Francesco e Christian.

141


Oroscopo di Joseph Procino1

Segno Zodiacale del mese:

Bilancia Dal 24 settembre al 23 ottobre Il segno della Bilancia, settimo segno della cerchia zodiacale rappresenta l’individuo nella società, la voglia di espressione con e attraverso gli altri. E’ il segno del giudizio, simbolizzato da due piatti soppesanti il bene ed il male, la luce e l’ombra, l’indecisione e la scelta. Racchiude in sé valori di giustizia, la ricerca di un equilibrio, la collaborazione, il matrimonio, la conciliazioni, la non violenza, l’equità e l’ingiustizia, l’arbitraggio, la pace, il bisogno degli altri, l’associazione. Venere, in domicilio conferisce finezza di sentimenti, natura delicata, senso dell’armonia, capacità di capire il punto di vista dell’altro, affabilità e socievolezza negli approcci, fascino e naturale spigliatezza comunicativa. E’ il Segno dell’equinozio d’autunno, punto d’inizio per un nuovo equilibrio in ragione del quale la forza della notte comincia a prevalere su quella del giorno. Saturno è qui in esaltazione e riduce le Bilancia ad individui estremamente esitanti, sentimentali, indecisi. I Paesi protetti dal segno sono: la Cina, l’Austria, L’Argentina. Le professione legate al segno sono: artisti, scultori, giudici, uomini di legge, avvocati, uomini politici, commercianti di lusso e di arte, diplomatici.

Scheda tecnica FRASE CHIAVE: Noi siamo SIMBOLO: piatti delle bilancia PIETRA PORTAFORTUNA: zaffiro, giada, agata, corallo rosa, acquamarina, diamante COLORE: blu e verde PIANTE E FIORI: Giglio, Iris, Rosa METALLO: Rame ESSENZE: Rosa, Tabacco, Verbena, Muschio

Nati Sotto Questo Segno 1. Silvio Berlusconi (29 settembre 1936) - Imprenditore e uomo politico italiano 2. Oscar Wilde (16 ottobre 1854) - Scrittore e poeta irlandese 3. Monica Bellucci (30 settembre 1964) - Modella e attrice italiana 4. George Gershwin (29 settembre 1898) - Compositore americano 5. Antonio Di Pietro (2 ottobre 1950) - Magistrato e uomo politico italiano

1 Laureato in scienze della comunicazione, e specializzando in editoria multimediale presso l’Università di Bergamo, Joseph Procino studia astrologia dal Prof. Umberto Pirotta di Milano, partecipando a vari seminari su come predire avvenimenti nella vita del singolo in relazione al transito dei pianeti. Per informazioni: “e-mail: JosseP.84@gmail.com”.

142


143


ARIETE nati tra il 21 marzo e il 20 aprile

TORO nati tra il 21 aprile e il 20 maggio

GEMELLI nati tra il 21 maggio e il 21 giugno

CANCRO nati tra il 22 giugno e il 22 luglio

LEONE nati tra il 23 luglio e il 22 agosto

VERGINE nati tra il 23 agosto e il 22 settembre

Amore: Un Ottobre energico. Dopo un Agosto\ Settembre di riflessione e prese di coscienza con ripercussioni sull’equilibrio della coppia, Ottobre vi fa ritrovare quell’armonia in più con il vostro partner. Per i single possibilità d’incontri passionali, ma nulla di duraturo!

Amore: In ripresa dopo una pesante opposizione di Marte al vostro Sole radicale che ha portato un evento circa un cambiamento nel vostro ordinario. (Un amore concluso, ritrovato, trasferimenti, cambi professionali) Tante sono le incertezze, stanchezze che si acquieteranno nel corso del mese.

Amore: Un mese all’insegna del ritrovato equilibrio di coppia. I molti che hanno interrotto negli scorsi mesi una storia apparentemente importante, troveranno la spinta giusta e le circostanze per riprendere i contatti. Per i single, tante le possibilità di espandere la cerchia di conoscenze: un incontro passionale vi trasporterà in una dimensione onirica dimenticata.

Amore: Qualcosa sta già cambiando nella vostra vita. Settembre-Ottobre potrebbero regalarvi un incontro speciale e duraturo. Per chi è in coppia da tempo questo è il momento in cui si concretizzano progetti. Può trattarsi di compravendita immobiliare, un figlio, un matrimonio, un viaggio importante che consoliderà il rapporto di coppia.

Amore: Tanti Leone hanno trovato negli ultimi anni l’amore e concretizzato progetti di coppia. Ottobre non è un mese ricco di avvenimenti emozionanti sul fronte passioni. Attendete l’inverno e soprattutto un meraviglioso e stabilizzante 2011 che vedrà protagonista il Leone single che troverà un amore importante.

Amore: Ottobre di stasi ed equilibrio umorale ritrovato, visto i passati mesi non semplici. Rimane Giove che ancora si oppone al vostro Sole non dandovi quella lucidità mentale e quella forza per fare delle scelte definitive. Vi ostinate a portare avanti per inerzia situazioni affettive già chiuse nei mesi estivi.

Lavoro: E’ una strada piena di buche quella che state percorrendo. I molti di voi, che hanno visto un cambiamento professionale negli ultimi 3 mesi troveranno solo ora la grinta giusta per ricominciare.

Lavoro: Situazione di stasi. Giove in aspetto di sestile supportato dall’armonico Marte e Venere in Scorpione garantiranno piccole fortune, ma attenzione agli alti e bassi umorali che si accentueranno nelle giornate del 23, 24, 25 con la luna nel segno.

Lavoro: Buona la sfera professionale. Ottobre di comunicazioni e contatti. Firme di contratti, documenti e avanzamento di progetti che negli scorsi mesi risultavano bloccati e che da tempo attendavate. Incontro di persone giuste che vi aiuteranno.

Lavoro: L’aspetto professionale richiede più sforzi del previsto. Tanti saranno i cambiamenti a cui andrete incontro nei prossimi mesi. Per ora mi limito a parlare di Ottobre come un mese di stasi in cui non ci saranno particolari importanti nella sfera professionale. Attenzioni a piccole discussioni e nervosismi dal 15 in poi.

Lavoro: Situazione stazionaria che troverà un fermo a partire dalla fine del mese, dove sarà necessario prestare maggior attenzione alle uscite di denaro. Buona la situazione tra colleghi e dipendenti.

BILANCIA nati tra il 23 settembre e il 23 ottobre

SCORPIONE nati tra il 24 ottobre e il 21 novembre

SAGITTARIO nati tra il 22 novembre e il 21 dicembre

CAPRICORNO nati tra il 22 dicembre e il 20 gennaio

ACQUARIO nati tra il 21 gennaio e il 19 febbraio

PESCI nati tra il 20 febbraio e il 20 marzo

Amore: Buono sul fronte contatti e amicizie. Ottime possibilità di espandere le conoscenze frequentando ambienti nuovi. Per chi è single colpi di fulmine che mozzano il fiato, ma che non troveranno lunga vita. Per chi è in coppia attenzione alle giornate di Mercoledì 13 e Giovedì 14 per possibili futili litigate.

Amore: Ottobre movimentato. Molti i cambiamenti e gli sbalzi d’umore. Tante anche le soddisfazioni e le possibilità di mostrare il proprio sex appeal. Ottimo periodo per avventure passionali. Gli astri parlano di un incontro importante di natura passionale.

Amore: Ahimè l’estate se ne è andata via e ha portato con sé quell’amore che vi ha riempito il cuore. Ora, con Ottobre, preludio di un’imminente inverno tutto cambia. Mercurio in sestile congiunto al sole in Bilancia e Marte che sta per entrare nel vostro segno diventate più spigoloso e capricciosi. Desiderate stabilità. Abbiate pazienza perché dalla fine di questo mese un incontro stellare vi farà sorridere di nuovo e ritrovare il buon umore.

Amore: Non è certamente il vostro mese! Tante le difficoltà di comunicazione con il vostro partner. Intesa non buona e un forte nervosismo garantiranno litigi e discussioni. Chi è single sfuggirà dal caos della mondanità per dedicarsi al relax in casa, con amici.

Amore: C’è qualcosa che non va nella vita di coppia. Grandi insoddisfazioni cresciute nei mesi scorsi troveranno l’apice nel mese di Ottobre e molte crisi si trasformeranno in separazioni. Per i single tanta la voglia di evasione. Possibili notti intense in compagnia di partner occasionali.

Amore: Le stelle brillano per voi nati “sotto il segno dei Pesci”. Tante le novità in campo affettivo. Vi sentirete desiderosi di conoscere ed incontrare nuove persone. Tra tutti, segnalo per i molti, un incontro passionale, intenso che certamente lascerà il segno e che difficilmente si dimenticherà. Per le coppie che ultimamente vacillano un po’ con Ottobre entrante riceverete quelle sicurezze in più di cui avete costantemente bisogno.

Lavoro: Ripresa in campo professionale. Buone possibilità di trovare lavori extra od opportunità di incrementare il denaro. Mercurio congiunto al Sole vi regala una dialettica vincente.

Lavoro: Buona la situazione lavorativa. Ottimo momento per trovare serenità tra colleghi e richiedere quell’aumento che da tempo avete in mente. Possibili trasferimenti o concretizzazione di progetti attesi da tempo

Lavoro: Buoni i contatti con i datori di lavoro. Energia in lenta ripresa.

Lavoro: Venere e Marte in sestile al vostro Sole vi danno l’energia necessaria per affrontare contrattempi e incomprensioni sul lavoro e in famiglia. State in guardia e attendete un Novembre più sereno.

Per ascoltare l’intervista di Joseph rilasciata a Radio Lattemiele, inquadrate questo QR (Vedi istruzioni a pag. 4)

144

Lavoro: Nessuna novità sul fronte lavoro. Un consiglio dalle Stelle: siate più pazienti e diplomatici. Dal 21 Mercurio in aspetto infelice e Venere in quadratura per tutto il mese inducono a maggior cautela nel trattare con superiori, colleghi, parenti, amici. Potreste incappare in malintesi difficili da risolvere.

Lavoro: C’è molto da fare per voi. Vi attende un 2011 meraviglioso con Giove in Sestile e Saturno in trigono, con un nuovo lavoro, un incremento delle vostre entrate e per molti un miglioramento del ruolo sociale in ambito lavorativo.

Lavoro: Buona anche la sfera professionale. Consolidamento di un progetto attraverso una firma importante dopo il 20. Buone le entrate e soprattutto l’intesa con colleghi e datori di lavoro.


12

€ 2,00 S P E D I Z I O N E I N A B B O N A M E N T O P O S T A L E - D . L . 3 5 3 / 2 0 0 3 ( C O N V. I N L . 2 7 / 0 2 / 2 0 0 4 N ° 4 6 ) A R T. 1 C O M M A 1 . D C B B R E S C I A

mensile bergamasco

PUB B LI Z E TA

M E N S I L E D I E C O N O M I A , C O S T U M E E S O C I E T À - A N N O 2 - N ° 1 2 - ottobre 2 0 1 0

Sicurezza:

Tenenza Carabinieri di Seriate A PASSEGGIO PER LA CITTà:

Il monastero di Astino BEL PAIS:

Sarnico

EVENT:

Kartell; B2 Bar Borsa; 4° Rally della solidarietà; Bobadilla inaugura la stagione 2010/2011; Notte d’Aqua; Tsunami, l’aperitivo diventa evento.

SPECIALE:

SALUTE

W W W . B E R G A M O U P. I T

BergamoUp N° 12 ottobre 2010  

Mensile di economia, costume e società