Page 1

GIRANNE P’FOGGJE Guida semiseria per girare in auto a Foggia

Questo libretto è stato pubblicato in versione cartacea, con il contributo dell'Amministrazione Provinciale di Foggia, nel dicembre 2003. Ne mettiamo un estratto a disposizione di tutti sul web. Info: http://benfoggianius.blogspot.com Mail: benfoggianius@bengodi.org

IN GIRO PER LA CITTA’

Sei venuto per la prima volta a Foggia per andare a trovare un parente ricoverato in ospedale ma pensi di approfittarne per conoscere un po’ la nostra città? Sta tranquillo, ti guido io… Partiamo da Piazzale Vittorio Veneto (‘A Stazion), per prima cosa dobbiamo decidere se parcheggiare e fare due passi a piedi o andare avanti in auto. Nella prima ipotesi per trovare un parcheggio “CIAMMA FA NA CAPE DE CHIANDE”(dobbiamo disperarci).

a cura di Sandro Simone Paolo Frattulino Silvio Pagliara Maurizio Iorio Michele Frattulino

http://benfoggianius.blogspot.com

ecco un parcheggio da evitare… non solo rischi che i Vigili ti rimuovebbero sicuramente la macchina, ma l’acqua della fontana potrebbe rovinarti la carrozzeria…


Intanto che cerchi parcheggio leggiti sta poesia: “ U PARCHEGGE” (di Michele Frattulino): Quanda machene che stanne, ogni diurne sèmbe pègge; ggìre a mmanghe, ggire a dritte ma nen truve ‘nu parcheggi. Vèrse ‘u cendre, nne parlàme, Te cunvìne ji all’appìde O sennò ck’a circulàre Pùre s’eje ‘nu pòche càre. Hanne fatte ‘i strisce azzurre Ck’u tassametre a menùte, manghe mìtte mìlle lire, ind’a nnìnd so fenùte. Ogni ttande guarde ‘u ‘llòrge E pìnze sèmbe ‘e solde spìcce, s’avvecìne ‘u carre attrèzze: “Mamma sande e ch’atu ‘ìmbìcce! Bregatì, pe dduji menùte Me combìne ‘stu dammagge?” -‘u verbale agghie ggìa scrìtte! Paghe ‘a mùlte e te stàje cìtte. Tùtte queste, manghe è ninde; pùre ainde ‘o cemetère, ogni vìsete parènde mìlle lìre de tangènde. Pe’ nen fa’ na fadegate A raggione oppure a turte Mitte mane o’portafoglie “Friska l’aneme e …. Ki t’e…”

Capito l’antifona? Andiamo avanti, optiamo quindi per la seconda soluzione, anche perché a cape de chiande ci toccherà già al momento dell’ospedale. Dalla stazione proseguiamo per Viale 24 Maggio (detto anche “U VIALE A STAZIONE”) non è che la cosa sia proprio facile, visto il traffico quotidiano, ma con un po’ di pazienza e senza PRESCIA (fretta) anche perché “ A PRESCE FACE ASCI’ I FIGGHIE CECATE” (la fretta fa’ uscire i figli cechi) ce la faremo. Ah, dimenticavo la cosa più importante: dalla stazione siamo partiti con 20 punti nella patente, quindi il massimo, cerchiamo di non perderli per strada. Alla fine di Viale XXIV Maggio troviamo un semaforo, se è rosso ci fermiamo, possiamo anche approfittare delle lunghe fermate (circa cinque minuti) per ammirare facce fronde (di fronte a noi) la fontana di Piazza Cavour, fatta edificare dall’Acquedotto Pugliese in occasione del primo getto d’acqua a Foggia e lo splendido Pronao della Villa Comunale (Pronao termine brasiliano il cui significato è colonnato). Ripartiamo, dieci metri e… altro semaforo e un altro ancora, quindi altra poesia.


“ U ZEMAFERE” (di Michele Frattulino): Quèste è stàte na ‘nvenziòne De na grosse utilità, so scanzàte tanda scùndre però tù l’è respettà. Quanne èje gialle te mandìne, quanne èje rùsce, na frenate quante èje vèrde ‘nniste ‘a marce e te sìnde na sgummàte. Eje de quelle annande a tè Tène prèsce ‘u poverìlle, manu màle chè s’è ‘ccorte che passive ‘u vicchiarìlle! Stàce prende n’àte ùne Dòpe manghe dìce mètre: “Vuje cumbrà sti facciulètte, te vuje fa lavà sti vètre?” Marucchìne e zengarèlle, chi te vòle lègge ‘a màne: -‘ndènghe spicce, n’ata vòte, moche arrìve poidumàne. Ed indande è asciute ‘u rùsce, ‘e spettà duje trè menùte, chi te tozzele da rète chi te dìce: “sì chernùte!” M’assemmègghie nu presèpie Spècialmènde quante è sère Lùce vèrde, ròsce e gialle -Uh che rumbamind ‘e…

-“Quante ce vòle ce vòle” (Quando è necessario bisogna dirlo). Andiamo avanti e giriamo a destra, anche perché a sinistra non è possibile, ci immettiamo su Via Lanza, a costo di titiarti (scocciarti) ti ricordiamo di rispettare il CdS (che non è il Corriere dello Sport ma il Codice della Strada), non vorremmo che il traffico ti venisse uno scatto di nervi e ti venisse voglia di fare qualche “sparata”, sia perché potresti far male a qualcuno sia perché da quelle parti è sempre pieno di vigili. A proposito hai messo le cinture? Vabbè, facciamo finta che non abbiamo visto, ora mettile e proseguiamo per Piazza Giordano, dove sulla sinistra potrai osservare le statue raffiguranti i personaggi delle opere del famoso compositore U. Giordano. Ok, però non guardare troppo le statue, pensa a guidare… ora ci fermiamo e facciamo due passi, e qua “stim pund e daccape” (ci risiamo) perché non si trova parcheggio, ma siccome la poesia l’abbiamo già letta andiamo avanti. Qui non hai soluzioni, devi proseguire per Corso Cairoli perché l’altra biforcazione, Corso Vittorio Emanuele porta all’isola pedonale, e non pensare neanche di andarci in auto perché rischieresti troppi punti. Finito Corso Cairoli eccoci in Piazza XX Settembre, il salotto di Foggia, con il palazzo della Provincia, la chiesa di San Francesco Saverio con il solito colonnato, antichi palazzi e ‘NU CACATILLE DE FUNDANE (una piccola fontana), in compenso però proprio lì vicino, in via Angiolillo 2/4, c’è MASSIMO GIOIELLI con una vetrina che “te face addecrià”. Fine e mmò t’agghie fatt sparagnà nu sacche de sold de parcheggie, mo però è arruate ‘u timb de truvà u post e pagà. (Fino ad ora hai risparmiato molti soldi di parcheggio, ora però è arrivato il momento di trovare un posto e pagare). Ferma la macchina nei pressi del Palazzo di Città, scendi e torna indietro passando davanti alla Prefettura, subito a sinistra ti immetti nel centro storico dove puoi ammirare “A Chisa madre” (la Cattedrale).


Ora usciamo dal centro storico e, tornando indietro, giriamo a sinistra e se alzi la testa potrai vedere di fronte a te il teatro Umberto Giordano, ma soprattutto potrai fare una pausa e bere un buon caffè e magari un cornetto caldo al BAR CATALANO dell’amico Pietro, in Corso Garibaldi 32. Se ti va puoi fermarti un attimo alla storica libreria Dante dell’amico Lilino per vedere le novità. A proposito, da quelle parti vedere tante persone di tutte le estrazioni sociali, alcuni un po’ turbolenti, non preoccuparti, contrattano vendite di grano, di olio, di uva ecc., in sintesi “ NA BURZETTE” (una piccola borsa). Riportiamoci alla macchina, pure perché si avvicina l’ora della visita in ospedale. Ora il percorso dovrebbe essere più scorrevole. Allacciati la cintura “sennò pird i pund” (altrimenti perdi i punti) prosegui sempre dritto per Via Vittime Civili e giungi a Via Napoli, cercando di non correre, se giri a destra e ti fai la rotonda a pochi centimetri trovi l’ingresso dell’ospedale, all’interno del quale, se non hai rispettato la segnaletica hai diritto a due trattamenti: gli agenti di Polizia ti tolgono i punti sulla patente, i medici te li aggiungono……’mbronde (in fronte).

altro posto dove non è il caso di parcheggiare… con la fortuna che ti ritrovi rischi quel giorno c’è un matrimonio… o addirittura un funerale… A questo superando la Cattedrale sulla destra ci dirigiamo verso i tre archi di via Arpi, dove ci sono anche il museo Civivo e il Conservatorio. ASPE’ ASPE’ e QUILLE CHE E’? (Aspetta aspetta, e quello cos’è?) E’ il Pozzetto di Piazza Federico II, proprio lì vicino ci sono tre attività commerciali UNE MEGHJIE DE L’ATE (uno meglio dell’altro). BELLA STA MUSICHE! DA ‘NDO VENE? (bella questa musica, da dove viene)? Dal negozio di strumenti musicali Quero Musica Team Service (Corso Vittorio Emanuele II 117/119/121), STU POSTE ME PIACE PROPJIE ASSAJE (questo posto mi piace davvero, ci facciamo una foto?) Certo! Anzi, ce la facciamo fare dal W. D’Andrea (Corso Vittorio Emanuele II 174), ti assicuro che è uno davvero bravo, EJE QUILL CHE HA FATTE I FOTOGRAFIJE O’ MATRIMONIE MIJE... E SI HA FATT ASCI’ BELLE A ME... (è quello che ha fatto le foto al mio matrimonio, e se ha fatto sembrare bello me...). “ASPE’ ASPE’ NUN SCATTANNE, TENGH L’UCCHIE ABBUTTATE, FAMM ACCATTA’ NU PARE D’OCCHIALE” (aspetta aspetta non scattare, ho gli occhi gonfi, lasciami comprare un paio di occhiali): proprio qui di fronte ho visto un negozio davvero forte: ATELIER – Roberto Poliseno Ottico (Piazza Federico II 9 e 10).

fossi in te non parcheggerei lì… potresti ostruire il passaggio e far saltare una riunione del consiglio comunale…


Come dici? Hai fatto tutto sto giro e il tuo parente è stato dimesso dall’ospedale? Megghiaccussì (meglio così), hai fatto un giro nella nostra città, hai conosciuto le strade, le piazze, i monumenti, probabilmente anche qualche bella ragazza… e visto che hai risparmiato un po’ di tempo e sei in anticipo sull’orario previsto potresti anche chiudere nel migliore dei modi questa tua visita a Foggia andando a mangiare al RISTORANTE LA NUOVA MANGIATOIA del CAV. MARIO FICARELLI, in Viale Virgilio 2. Mi raccomando, ora che torni a casa non correre, e rispetta le altre regole del codice della strada, altrimenti finisce che ti tolgono i punti e te la prendi con i Vigili, non sono mica loro “Quill che fann perd i pund” (quelli che fanno perdere i punti), ma siamo noi che non rispettiamo il codice… A proposito di punti: leggiamo insieme l’ultima poesia: “ ‘A PATENDE A PPUNDE” (di Michele Frattulino): Ije m’arrecord sèmbe, ère criatùre, E ‘zumulàve pùnde e jucàture. Cchiù n’accucchiàve, cchiu ‘u prèmie ère pesande, pratecamènde, ‘a smèrze d’a patènde. Baste chè parle ck’u telefonane, chè nen appìcce ‘i lùce ggià a matìne, ‘stu “mondèprèmije ‘u truve demezzàte, e mènza patènde, ormàje t’a ‘si frusciate. Si ‘po ‘si nàte probbije scurdajule, è mègghije chè ‘a tamobbele t’’a vìnne. Pe quatte vòte chè ‘ndè mìse ‘a cìnde, ‘si ggià arruàte ‘o massime ch’èje vinde. Te lèvene ‘a patènde e …. Vatta spicce! Pefforze ‘e returnè da càpe ‘a scòle, Nen de ‘ngazzanne, nen resùlve nind, pecchè ‘a patènde, èje ùne e ùna sòle.


LE AUTO “FOGGIANE” DALLA A ALLA Z

I siciliani? Gente allegra, simpatica, ma se vai a trovarli non toccare le banane… si incazzano ! Lo diceva Roberto Benigni al suo amico Lillo nel film “Johnny Stecchino” Lo stesso potrebbe dirsi per i foggiani, gente sempre a disposizione per qualunque cosa, ma non chiedetegli di prestarvi l’auto, non avete nessuna speranza… d’altronde non è Foggia la città in cui hanno inventato il modo di dire: “L’auto è come la moglie, non si presta”. Per molti ormai l’auto rappresenta quello che l’asino ha rappresentato per secoli per i contadini foggiani, ricordate come diceva la canzone “U CIUCCIE” ? Quann m’è mort migghiereme magghiè magnate u presutte mo che m’è murt u ciuccie m’attocca a mette u’lutte A voce che t’neve Parev nu tenore Ciuccie bell, pricchiacchill de stu core Cumm n’te pozz amà Chiagnite chiagnite uagliune è murte u ciuccie mije cussì ha vulute ddiè pe farle arrecettà Ma cos’hanno di strano le auto dei foggiani? E come si fa a riconoscerle dalle altre? Proviamo ad elencarne le caratteristiche dalla A alla Z: A come ANTIFURTO: nelle auto dei foggiani ci sono tutti gli antifurto possibili: da quelli elettronici a quelli satellitari, ma i più diffusi sono quelli che bloccano i pedali, a proposito le ricordate le pubblicità dei due più famosi? “Quello duro” e “quello con le palle”… complimenti alla fantasia degli esperti di marketing, che i facime studià a’ffà tand’anne?

Ma il vero cult foggiano è il bastone bloccaruota, che ogni volta che esci dalla città ti si affianca una macchina e ti dice che stai perdendo un ruota e che hai già due bulloni mezzi svitati… B come BOTTARELLA: nelle macchine dei foggiani c’è sempre una bottarella che “agghia truà a qualcune che me face a dununcie”… cosa che poi puntualmente non capita… con quello che costano le assicurazioni oggi… C come CERCHIONE: in quasi tutte le auto dei foggiani manca una coppa da un cerchione… il problema è che se ne vendono quattro alla volta, e se te ne fregano uno è un peccato comprarne quattro, così tutti cercano qualcuno che abbia la stessa loro auto ed a cui ne manchi almeno uno e per fregargliene un paio… “tande se n’adda accattà quatt…” D come DUNA: la macchina più sfigata della storia della FIAT, a sentire i foggiani nessuno l’ha comprata, eppure fino qualche anno fa se ne vedevano parecchie in giro… è un po’ come per Berlusconi, avete mai sentito qualcuno dire “io l’ha votato”? E come ESPACE: i modelli diffusi nella altre città d’Italia vengono dalla Francia e si pronunciano “espas”, a Foggia probabilmente arrivano dall’Inghilterra o dagli Usa perché tutti li chiamano “espeis”. F come FAZZOLETTINI DI CARTA: i foggiani ne hanno sempre un pacchetto in macchina, alcuni li usano dopo fugaci rapporti sessuali avuti in macchina, altri per mostrarli ai venditori ambulanti che stazionano ai semafori e far capire che non ne hanno bisogno. E tu di quale categoria fai parte? G come GIALLO: secondo il codice della strada davanti ad un semaforo giallo ci si dovrebbe fermare a meno che non si è già superato l’incrocio… a Foggia se ti fermi col giallo ti tamponano… H come HANDICAPPATI: una vecchia battuta diceva: in un parcheggio per handicappati parcheggia sicuramente sempre un handicappato. Anche a Foggia è così… I come IMMAGINETTA: il santino di Padre Pio non può mancare… a cosa poi serva il santino se uno corre come un matto, gira senza cinture, e guida


anche se è stanco o se ha bevuto molto nessuno lo sa… cosa deve fare Padre Pio un miracolo? L come LEONE DI LERNIA: è uno cantanti (?) preferiti dai foggiani, in molti lo amano così tanto che cercano di condividere con gli altri le note delle sua canzoni (?) alzando al massimo il volume dell’autoradio… a proposito di autoradio: sia che ti piaccia Leone di Lernia, sia che tu preferisca Beethoven, il miglior modo per ascoltarli in macchina è farlo con un’autoradio acquistata da TV SIMONE , in VIA MOGADISCIO 11. M come MATTO: per i foggiani lo è chiunque guida più velocemente di loro, mentre chi guida più lentamente “assemmegghje che vace apprisse a’ pr’cession” N come NOTTOLINO: è quella parte della serratura che ti cambiano quando cercano di fregarti la macchina aprendola con lo spadino… da anni ingegneri di tutto il mondo cercano di inventare antifurti sempre più complicati mentre i ladri foggiani continuano ad aprire le macchine con lo spadino… amma vedè chi è chiù tuste… O come OROLOGIO: molte auto ne hanno uno sul quadro, ma di solito sono regolati dieci minuti indietro… a volte può essere un’ottima scusa per quando si è in ritardo… P come PALLONE: non ti è mai capitato di dire “mo ci vulesse nu pallone… ce faciarrimme na bella scartatell… davvero non ti è mai capitato? Allora lo vedi che il pallone in macchina ce l’hai anche tu? Q come QUATTRORUOTE: non può mancare nelle macchine degli esperti: quelli che sanno a memoria R come RISERVA: le auto dei foggiani sono sempre a riserva, la spia arancione fa ormai parte delle luci del quadro, è una scusa sempre pronta se un amico di chiede un passaggio dall’altra parte della città o se tua madre ti chiede di accompagnarla a fare shopping in centro… e poi con la tecnica di partire con poca benzina Schumacher ha vinto un sacco di Gran Premi… S come SEGNALATORE ACUSTICO (volgarmente detto CLACSON): dovrebbe servire per segnalare un pericolo ma lo si usa soprattutto ai

semafori, per indicare a quello davanti che è uscito il rosso e che deve partire. Di solito questo avviene una frazione di secondo dopo che è scattato il rosso. T come TABELLONE AUTOSTRADALE: forse non c’entra niente, ma perché il tabellone dell'importo pedaggi segna rosso quando devi pagare, mentre segna verde quando devi ricevere il resto? U come USATO: un’auto usata ma in buone condizioni è il sogno di tutti gli automobilisti foggiani. Una volta ce n’era una in vendita che valeva 50 euro, ma solo perché il padrone aveva appena fatto il pieno. V come VOLANTINO ELETTORALE: in ogni auto foggiana c’è sempre qualche bigliettino delle passate elezioni, di solito è di quel politico che se dovesse assegnare tutti i posti che ha promessa in campagna elettorale dovrebbero aprire un enorme stabilimento solo per i suoi “clienti”. Z come ZIG ZAG: lo devi fare tra i fosso quando cammini per le strade della periferia… se va avanti così faranno una tappa del Camel Trophy a Foggia… ma per par condicio sappiate che anche le strade della provincia non sono certo migliori…


INCIDENTI STRADALI

Ogni tanto capita che qualcuno non rispetti i segnali, altre che ci si distragga un po’ e capiti qualche indicente. Ma in questo caso l’importante è non perdere la pazienza e compilare il CID, il modulo di Constatazione Amichevole, se non ne avete uno in macchina chiedetelo al vostro assicuratore. Ma state attenti quando lo compilate, su internet ci sono tanti siti internet che raccolgono gli errori e gli strafalcioni trovati nei CID, ad esempio: 1) Andando a casa ho girato nella villetta sbagliata e mi sono scontrato con un albero che non ho. 2) L'altra vettura mi ha urtato senza dare avviso delle sue intenzioni. 3) Mi sono scontrato con una pompa di benzina proveniente dall'altra direzione. 4) Un camion si è scontrato con la faccia di mia moglie. 5) Un pedone mi ha colpito ed e' finito sotto la mia auto. 6) Il tipo barcollava in mezzo alla strada. Ho dovuto sterzare diverse volte prima d'investirlo. 7) Mentre tentavo di uccidere una mosca, mi sono scontrato con un palo del telefono. 8) Avevo comprato diverse piante. Arrivato a un incrocio, una di queste mi si fece davanti coprendomi la visuale; ecco perché non vidi l'altra macchina. 9) Ho guidato per 40 anni; poi mi sono addormentato al volante e ho avuto un incidente. 10) Giungevo all'incrocio, quando improvvisamente apparve un topo. Non riuscii a fermarmi in tempo.

11) Per evitare di colpire il paraurti della macchina davanti, stirai il pedone. 12) Una macchina invisibile usci, da chissa, dove, urto' la mia auto e scomparve. 13) Avevo detto alla polizia che non ero ferito, ma togliendomi il cappello ho scoperto di avere il cranio fratturato. 14) Il pedone non aveva idea di dove scappare, cosi', io andai verso di lui. 15) Il palo della luce si stava avvicinando. Stavo tentando di schivarlo, quando mi venne addosso. 16) La mia auto era perfettamente parcheggiata quando ha investito l'altro veicolo.


TEST E tu, che automobilista sei? Scoprilo rispondendo a queste domande: 1. E’ un sabato pomeriggio d’autunno, comincia a piovere, cosa fai? A. B. C.

Pensi:”Mannaggia, questa pioggia sporcherà l’auto appena lavata”, e batti tutti i record per tornare in garage lasciando tua moglie sola sotto la pioggia con le buste della spesa Sei per strada a piedi e pensi: “Ora torno a casa a prendere la macchina così si lava un po’” Guardi il traffico fuori la finestra e pensi: “Meno male che ho fatto la spesa ieri”

B. C.

“Aspetto che il posteggiatore sia distratto per sfuggire dal bagagliaio” “pago il minimo e giacché ci sono mi faccio un giro in zona”

5. Il tuo film preferito è: A.

B. C.

“Ricomincio da tre”: perché tre sono i punti che ti sono rimasti sulla patente Mission Impossible”: per tutte le volte che cerchi parcheggio “La Bella Addormentata nel Bosco”: così ti chiama tua moglie quando al semaforo decidi di leggere il giornale per aspettare il verde

2. A cosa servono gli scivoli alla fine di ogni marciapiede?

6. In autostrada:

A.

A.

B. C.

A evitare che gli ammortizzatori subiscano danni ogni volta che parcheggi Ad arrivare con il carrello della spesa esattamente davanti l’auto che hai parcheggiato lì A consentire un più facile accesso da parte di portatori di handicap mamme con carrozzino etc.

3. Devi parcheggiare in centro, cosa fai? A. B. C.

Ti fermi, accendi le doppie frecce e metti l’antifurto: c’è troppa gentaglia in giro, meglio non fidarsi e il primo che protesta lo fulmini con uno sguardo “Mannaggia, sono uscito a piedi, sennò avrei lasciato la macchina proprio come ha fatto quello lì, quasi quasi torno a casa a prenderla” La lasci nel box perché abiti in centro

4. Puoi parcheggiare solo sulle strisce blu a pagamento, come ti comporti? A.

“Devo solo comprare le sigarette e poi il posteggiatore è amico mio”

B. C.

viaggi sempre sulla corsia di sorpasso, giungendo come un pazzo dietro le altre auto che non si spostano e pensi: “Ah come vorrei che gli abbaglianti fossero dei laser” vorresti avere un’auto più potente per tenere testa a quei pazzi che ti piombano dietro all’improvviso chiedendoti manovre impossibili non la usi, viaggi in aereo

7. E’ sabato sera e non c’è un posto neanche a pagarlo, tranne quello riservato ai disabili, cosa fai? A. parcheggi a spina di pesce tanto è solo il tempo di una pizza con gli amici di sabato sera B. parcheggi lo stesso, e quando scendi zoppichi un po’ fino a che non giri l’angolo C. torni a casa e ti affitti un film 8. Incontri una comitiva di ciclisti della domenica, come ti comporti? A.

hai comprato il marchio della mercedes per prendere bene la mira


B. C.

decidi che è giunto il momento di provare le nuove trombe da 5000 watt li raggiungi appena puoi

9. Domenica c’è il blocco del traffico, cosa fai? A. B. C.

Esci alle 7.00 e guidi nelle zone dove è consentito fino al termine del blocco per poi tuffarti nell’immancabile traffico cittadino Te ne sei dimenticato ancora una volta, e fai il conto alla rovescia aspettando in macchina la fine del blocco per intrappolarti nel traffico Finalmente ti godi una domenica a piedi con la famiglia

Scopri il tuo profilo Se hai ottenuto una maggioranza di risposte A John Wayne Al volante hai la delicatezza di un elefante, correvi come un matto fino da quando andavi per casa col girello. A 10 anni andavi già a scuola col motorino… ovviamente solo con la ruota posteriore… A 15 anni hai cominciato a guidare di nascosto l’auto di papà, a 16 lui ti ha scoperto e “t’a accise de taccarate”. Ma quelli presi da tuo padre sono solo i primi colpi subiti per colpa dell’auto, dopo i tanti incidenti che hai avuto, quasi tutti causati da te, hai più punti in testa di qualsiasi raccolta del Mulino Bianco. Sei il John Wayne dei giorni nostri: scendi dalla tua auto-cavallo solo per estrema necessità e appena puoi ci rimonti sopra. La tua auto è il tuo unico grande amore, hai carenato perfino i poggiatesta, e i tuoi amici ti sentono arrivare da tre isolati di distanza grazie al tuo stereo da 2 megawatt autocostruito. Le cinture le indossi solo perché ritieni che le bretelle non siano virili, per te il codice stradale è un libro come un altro, ottimo per fare da “zipponta” sotto quel cacchio di tavolo che continua a ballare. La tua auto è sempre in perfette condizioni. Domanda: perché non partecipi al Rally del Gargano? Almeno lì potresti sfogarti un pò...

Se hai ottenuto una maggioranza di risposte B Fantozzi A 6 anni hai imparato ad andare in bici, a 10 hai fatto togliere le rotelline. A 15 passavi interi pomeriggi a guidare l’auto di tuo padre, poi lui arrivava con le chiavi, la accendeva, la tirava fuori dal box e andava a lavorare. A 16 anni il tuo amico ti ha fregato la ragazza perché sapeva impennare con il motorino e tu neanche con il triciclo. Sei il Fantozzi che è in ognuno di noi: vorresti fare il duro ma riesci a fare solo una caricatura, vorresti osare di più con il tuo bolide ma hai paura che ci sia il vigile a fermarti. Ma prima o poi una scelta dovrai farla: acquistare una fiammante auto sportiva e far morire di invidia quelli che ti prendevano in giro… o magari farti masterizzare il nuovo gioco “Formula 1 Gran Prix” per playstation. Il codice della strada ricordi di averlo letto ai tempi dell’esame per conseguire la patente ma non hai mai capito come si impegna una rotatoria.

Domanda: perché non ti dai all’ippica? Nel senso che potresti comprare un bel cavallo e la domenica mattina andartene in giro per le campagne senza far troppi danni? Se hai ottenuto una maggioranza di risposte C San Francesco Hai raggiunto la pace dei sensi. Da piccolo conquistavi le ragazzine con la tua gentilezza e al massimo le portavi sul risciò, lasciando che quel tuo amico continuasse a raccogliere punti all’ospedale impennando con il motorino. Indossi le cinture da quando le hai montate sulla tua vecchia auto, fosse per te indosseresti anche il casco. Prendi l’auto solo se strettamente necessario, di solito vai in giro a piedi o in bici: “sparagne e cumbarisce”. La tua auto è un catorcio, ma ci tieni perché te l’ha regalata tuo nonno. Una volta c’erano 5 milioni di incentivo per chi rottamava la vecchia auto, ma quando sei andato con la tua ti hanno che se volevi rottamarla dovevi pagare tu. Domanda: ma l’auto che ce l’hai a fare?


(QUARTA DI COPERTINA) Perché questo libretto? In principio furono i segnali stradali in dialetto foggiano, pubblicati su Bengodi Sity subito dopo l’approvazione del nuovo codice della strada che, su proposta di alcuni esponenti della Lega Nord, prevede la possibilità di realizzare i segnali che indicano località sia in dialetto che in italiano. Poi un giorno sotto un’ombrello di Sciale degli Zingari è nata l’idea... Bengodi Sity http://bengodisity.blogspot.com è un sito internet di satira e umorismo fondato da alcuni ragazzi foggiani desiderosi di creare una città virtuale libera da buonismi, censure, violenze, ingiustizie ecc. Sandro, Silvio (i fondatori) e Maurizio costituiscono il nucleo centrale della redazione a cui si affiancano una decina di collaboratori sparsi per l’Italia. Nei primi tre anni di vita, Bengodi Sity ha raccolto oltre due milioni di pagine visitate e quasi 600.000 visitatori. Il sito ha raggiunto le cronache nazionali grazie alle contraffazione dei manifesti elettorali di Berlusconi e alla collaborazione con la trasmissione televisiva ZELIG ed in particolare Natalino Balasso, inoltre sul sito ci sono sezioni dedicate alla satira, all’umorismo, a Toti e Tata, alla musica, all’impegno sociale e a tantissime altre cose inutili. Michele Frattulino, poeta foggiano, autore del libro in vernacolo “p’e tutte i guste”, accademico onorario del periodico IL RICHIAMO, rivista con cui collabora. Paolo Frattulino, fratello di Michele, è Vigile Urbano a Foggia. E’ anche autori di testi teatrali, canzoni e trasmissioni televisive che ha realizzato con il gruppo I MAST.

Sandro vive a Milano, Silvio a Napoli, gli altri a Foggia, tutti insieme abbiamo scritto questo libretto. Ci siamo dovuti mettere in cinque per scrivere un libretto di 30 pagine. Figurati se dovevamo scrivere una cosa seria... Info: http://benfoggianius.blogspot.com Mail: benfoggianius@bengodi.org

'Nu ggìre per Fogge  

guida semiseria per girare in auto a Foggia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you