Page 1

Photography -­‐  Ars     Al   giorno   d’oggi   tutto   è   fotografato   e   fotografabile.   Dal   livello   più   semplice,   quello   che   vede   ciascuno   di   noi   sempre   provvisto   di   un   oggetto   tecnologico   –   a   partire   dai   cellulari   fino   alle   macchine  fotografiche  compatte  –  per  estrapolare  dalla  realtà  un’immagine;  fino  al  livello  più   complesso,   quello   delle   grandi   aziende   che   hanno   fatto   delle   immagini   il   loro   businness,   producendole   e   vendendole,   studiando   metodi   per   renderle   sempre   più   visibili,   presenti,   imprescindibili.   Migliaia   di   immagini   riempiono   i   giornali,   i   cartelloni   pubblicitari,   la   Rete.   Entrano   a   far   parte   della   nostra   stessa   immaginazione,   ci   pervadono   e   ci   influenzano.   Pochi   dicono:   sto   guardando   un’immagine   della   realtà.   La   maggior   parte   afferma,   di   fronte   ad   una   fotografia:   sto   guardando   la   realtà.   Ma   nulla   è   fotografabile   per   quello   che   è.   P-­‐Ars   Andrea   Roccioletti  Studio  sperimenta  gli  scatti  come  porte  per  significati  nascosti  della  realtà,  cercando   il   confine   del   dato   per   scontato   al   fine   di   valicarlo,   e   riconsiderando   i   limiti   tecnici   del   mezzo   fotografico   per   sperimentarne   le   regole   sottintese   che   stanno   dietro   alle   possibilità   di   riproduzione  e  percezione  dell’immagine.     Id  Il  Tempo  delle  mani  2011   Contenuto  dettagli  da  fotografie  senza  scopo  artistico,  e  indagine   Keywords  memoria  muscolare,  pose  simboliche  involontarie     Id  Letto  singolo  2011   Contenuto  scatti  all'alba,  dopo  notti  tormentate   Keywords  meccanicità,  reiterazione,  silenzio,  documento,  solitudine     Id  Cantiere  metafisico  2011   Contenuto  Natura  morta  dall'alto  di  cantiere  senza  presenze  umane   Keywords  trama  del  terreno,  disposizione  casuale,  abbandono,  sguardo     Id  Astrattismo  funzionale  2011   Contenuto  Obbligare  lo  sguardo  a  fermarsi   Keywords  camera  d'albergo,  pura  funzione,  minimalismo,  identità           Id  Privacy  2011   Contenuto  La  realtà  senza  il  consenso  alla  pubblicazione  da  parte  del  fotografato  casuale   Keywords  censura,  fermo  immagine,  spazio  bianco,  identità,  ricostruzione       Id  Superfici  2011   Contenuto  Quando  tutta  la  superficie  occupa  lo  spazio  visivo,  la  realtà  imita  l'arte  informale   Keywords  ingrandimento,  fisicità,  grana,  sfondo,  distanza     Id  Architetture  d’ombra  2010   Contenuto  Giochi  d'ombra  e  di  luce  che  vanno  a  modificare  le  percezioni  architettoniche   Keywords  costruzione,  casualità,  prospettiva,  illuminazione,  colore     Id  Immagini  di  immagini  2010   Contenuto  Fermare  l'immagine  televisiva  con  lo  strumento  fotografico,  e  il  suo  cortocircuito   Keywords  distorsione,  pixel,  disturbo,  fermo  immagine,  sfocatura  


Id Il  Tempo  delle  mani  2011   Contenuto  dettagli  da  fotografie  senza  scopo  artistico,  e  indagine   Keywords  memoria  muscolare,  pose  simboliche  involontarie  


Id Letto  singolo  2011   Contenuto  scatti  all'alba,  dopo  notti  tormentate   Keywords  meccanicità,  reiterazione,  silenzio,  documento,  solitudine  


Id Cantiere  metafisico  2011   Contenuto  Natura  morta  dall'alto  di  cantiere  senza  presenze  umane   Keywords  trama  del  terreno,  disposizione  casuale,  abbandono,  sguardo  


Id Astrattismo  funzionale  2011   Contenuto  Obbligare  lo  sguardo  a  fermarsi   Keywords  camera  d'albergo,  pura  funzione,  minimalismo,  identità     Se  la  stanza  d'albergo  è  stata  ispiratrice  di  metafore  narrative  per  scrittori,  registi  e  performers,   anche   l'universo   delle   arti   visive   annovera   numerose   sperimentazioni   in   merito.   In   contrapposizione   al   mondo   del   fuori   (del   viaggiato   da   fotografare,   ricordare,   conservare)   la   stanza  d'albergo  con  il  suo  design  anonimo  fa  sì  che  lo  sguardo  scivoli  senza  posarsi;  gli  arredi  e   gli   oggetti   diventano   semplicemente   quello   che   sono,   toccati   e   usati,   e   rimandano   ad   archetipi   minimali   e   diluiti:   l'armadio,   il   comodino,   la   lampada;   dunque:   un   armadio   qualsiasi,   un   comodino   qualsiasi,   una   lampada   qualsiasi.   Trovarsi   dunque   da   soli   tra   le   geometrie   minimali   puramente   funzionali   di   certe   stanze   d'albergo   diventa   spunto   per   riprendersi   il   proprio   spazio   interiore,  riscoprire  la  transitorietà  dei  costumi  indossati  e  dell'identità  costruita  che  ciascuno   propone   a   sè   stesso   e   agli   altri   nel   proprio   appartamento.   P-­‐Ars   con   Astrattismo   funzionale   vuole  far  soffermare  lo  sguardo  dell'osservatore  proprio  su  quegli  angoli  di  camera  d'albergo   dove  non  c'è  nulla  se  non  la  materia  in  sè;  materia  che  fa  solo  quello  che  è  nata  per  fare:  il  muro   per   dividere,   lo   specchio   per   riflettere,   lo   stipite   per   permettere   ad   una   porta   di   ruotare,   un   incrocio   d'angoli   per   sorreggere   il   soffitto.   Allora   le   proporzioni,   le   profondità   e   gli   usi   perdono   di   significato,   e   resta   una   "natura   morta"   silenziosa   che   racconta   il   suo   essere   stata   costruita   non  per  essere  guardata.    


Id Privacy  2011   Contenuto  La  realtà  senza  il  consenso  alla  pubblicazione  da  parte  del  fotografato  casuale   Keywords  censura,  fermo  immagine,  spazio  bianco,  identità,  ricostruzione    


P-ars portfolio - 2  

P-ars portfolio - seconda parte. Per tutte le opere visita www.p-ars.com

P-ars portfolio - 2  

P-ars portfolio - seconda parte. Per tutte le opere visita www.p-ars.com

Advertisement