Page 1

T w i n T o w e r s T e n Y e a r s L aT e r

LE TORRI GEMELLE

1 9 6 9 • 2 0 0 1 f o t o g r a f i e d i t o n y v a c c a r o

DIECI ANNI DOPO


Twin Towers

le torri gemelle dieci anni dopo Ten Years LaTer

1 9 6 9 • 2 0 0 1 f o t o g r a f i e d i t o n y v a c c a r o a c U r a d i U M B e r t o g e n t i L o n i


le torri gemelle 1

9

6

9

•

2

0

0

1

•

P

H

o

t

o

g

r

a

P

f O T O G R A f I E D I T O N y v A C C A R O A C U R A D I U M B E R T O G E N T I L O N I

H

y


dieci anni dopo t w i n t o w e r s t e n y e a r s L at e r

9

R O M A , P A L A z z O v A L E N T I N I s E T T E M B R E – 5 O T T O B R E 2 0 1 1


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

Dieci anni dopo. Per non dimenticare Nicola Zingaretti sono già passati dieci anni da quell’11 settembre 2001. La notizia dell’attacco terroristico alle torri gemelle del world trade center portò in tutti noi un duplice sentimento: all’angoscia per le vittime e per la tragedia che aveva colto migliaia di persone innocenti si accompagnò quasi immediatamente la consapevolezza – e anche il timore – per i possibili effetti dell’attentato. fu un atto vile, compiuto ai danni di migliaia di uomini e donne che – come già altre volte nella storia – erano “colpevoli” solo di vivere e lavorare in una certa comunità e per questo erano divenuti bersaglio di un attacco terroristico. allora era chiara la sensazione di essere tutti, anche noi che abitavamo a migliaia di chilometri di distanza da new york, al centro degli eventi. Per certi aspetti, si può dire che quel giorno è cominciato davvero il nuovo millennio; molte delle categorie politiche, economiche o sociali con le quali eravamo abituati a orientarci furono profondamente modificate. in un mondo che aveva da pochi anni abbandonato la contrapposizione tra est e ovest e nel quale cominciava a essere progressivamente più chiara la portata della nuova globalizzazione, l’attentato al world trade center rappresentò drammaticamente la cesura tra due secoli. nei dieci anni che ci separano da quei tragici avvenimenti il mondo è profondamente mutato; sono cambiate le relazioni tra gli stati e molte delle nostre abitudini e del nostro modo di vivere, di muoverci, di pensare noi stessi e le nostre società rispetto al resto del pianeta. altri attentati e altre vittime innocenti hanno purtroppo seguito quelle di new york e tanti uomini e donne sono morti nelle guerre che da quei fatti sono scaturite. tuttavia, oggi, a dieci anni di distanza, possiamo dire che il terrorismo non ha prevalso. soprattutto nell’ultimo scorcio del decennio appena concluso è apparsa ancora più evidente la necessità di individuare nuove forme di collaborazione internazionale; proprio l’esperienza del “dopo 11 settembre” ci dimostra come soltanto la ricerca di una nuova multilateralità nelle relazioni mondiali può favorire la crescita e il radicamento dei principi democratici e della libertà. nel decimo anniversario dell’attacco al world trade center, la Provincia di roma, per favorire il confronto, il dibattito e la memoria sui grandi avvenimenti del nostro tempo, vuole ricordare tutte le vittime dell’attentato. Lo vogliamo fare con una mostra dedicata non solo ai fatti di quella mattina, ma alla storia delle twin towers, ricordandone – attraverso un omaggio per immagini - la progettazione, la realizzazione e la presenza con cui hanno scandito per circa un trentennio le immagini e i tempi di una città straordinaria e complessa come new york. in queste foto è racchiusa infatti la vita di una comunità e dei suoi abitanti dai mille colori e dalle mille culture. ed è questo, ci sembra, il messaggio migliore che possiamo dare contro tutti i nemici della libertà e della democrazia.


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s

Ten years have already gone by since 11 September 2001. News of the terrorist attack on the Twin Towers of the World Trade Center aroused a dual feeling in each of us: the anguish for the victims and tragedy affecting thousands of innocent people was almost instantly accompanied by the knowledge – and also fear – of the possible effects of the attack. It was an ignoble act that damaged thousands of men and women who – as in other occasions in history – were “guilty” only of living and working in a certain community and, as such, became targets for the terrorist attack. Even for those of us who lived thousands of miles from New York there was a sensation of being at the centre of events. In a certain sense it could be said that the new millennium started that day; many of the political, economic and social groups whom we used to consider as reference points changed dramatically. In a world that only a few years earlier had broken down the barriers between East and West and in which the importance of the new globalization was gradually becoming defined, the attack on the World Trade Center represented a sharp break between the centuries. In the ten years that have passed since the tragic events the world has changed profoundly; relationships have altered between countries and many of our customs and ways of life, of how we think of ourselves and our nations in relation to the rest of the planet are no longer the same. Unfortunately the New York attacks have been followed by others and men and women have died in the wars that these events unleashed. Nevertheless, ten years on, terrorism can be said not to have prevailed. Above all, towards the end of the decade that has recently come to an end, the need to identify new forms of international cooperation has become more and more urgent; the post 9/11 experience has shown us how it is only the search for a new multilateralism in international relations can encourage the principles of democracy and freedom to take root and prosper. On the tenth anniversary of the attack on the World Trade Center, Provincia di Roma wishes to remember all the victims in the hope of encouraging comparison, debate and recollection of the most significant events of our times. This is the aim of the exhibition dedicated not only to the events of that morning, but also to the history of the Twin Towers. It is a way of remembering through pictures their design, building and their very existence, which for some thirty years characterized the extraordinary and complex city that is New York. These photos encompass the life of a multicultural city and its inhabitants – a melting pot of colours and cultures. We feel this to be the most effective way we have of opposing the enemies of democracy and freedom.

T W I N

Ten years on. Lest we forget Nicola Zingaretti


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

L a s e q u e n z a d i i m m a g i n i c h e p u b b l i c h i a m o r a c c o n t a u n a s t o r i a d i o l t re t re n t ’ a n n i : q u e l l a d e l l e t o r r i g e m e l l e d e l wo r l d tr a d e c e n t e r d i M a n h a t t a n . vo g l i a m o r i c o rd a re l e m i g l i a i a d i v i t t i m e d e l l ’ a t t e n t a t o d e l l ’ 1 1 s e t t e m b re 2 0 0 1 . te n e re v i v a l a m e m o r i a d i q u e g l i u o m i n i e q u e l l e d o n n e a t t r a v e r s o i l p e rc o r s o d i u n e d i f i c i o a p a r t i re d a l s u o a rc h i t e t t o , d a l p r i m o p l a s t i c o d i p re s e n t a z i o n e , p e r a r r i v a re a l l a i n d i v i d u a z i o n e d e l l u o g o s e g u e n d o l e t a p p e d i c o s t r u z i o n e e l a re a l i z z a z i o n e f i n a l e . d a q u e l m o m e n t o l e t o r r i s o n o p a r t e d e l l ’ i d e n t i t à d i n e w yo r k , m e t a t u r i s t i c a d i p a n o r a m i s u l l a b a i a e l u o g o d i l a v o ro n e l c u o re d e l l ’ e c o n o m i a m o n d i a l e . L e f o t o d i to n y va c c a ro s i c h i u d o n o c o n i l t r a g i c o e p i l o g o d e l l a s t o r i a , l a d i s t r u z i o n e d e l l e tw i n to w e r s e g l i i n t e r ro g a t i v i s u l m o n d o c h e v e r r à .

To c o m m e m o r a t e t h e t h o u s a n d s o f v i c t i m s o f t h e 9 / 1 1 / 2 0 0 1 t e r ro r i s t a t t a c k , t h e s t o r y t o l d i n t h e p i c t u re s i s t h a t o f t h e Wo r l d Tr a d e C e n t e r. T h e m e m o r y o f t h e m e n a n d w o m e n w h o d i e d i s k e p t a l i v e t h ro u g h a n e x p l o r a t i o n o f t h e Tw i n To w e r s a n d t h e i r a rc h i t e c t , f ro m t h e f i r s t m o d e l t o t h e c h o i c e o f s i t e , t h ro u g h t h e s t a g e s o f t h e i r c o n s t r u c t i o n t o f i n a l c o m p l e t i o n . T h e Tw i n To w e r s i m m e d i a t e l y b e c a m e a l a n d m a r k o f N e w Yo r k : a favourite destination with panoramic views over the bay a s w e l l a s a p l a c e o f w o r k i n t h e h e a r t o f t h e w o r l d e c o n o m y. T h e p h o t o s o f To n y Va c c a ro e n d i n a t r a g i c e p i l o g u e , w i t h t h e d e s t r u c t i o n o f t h e Tw i n To w e r s a n d u n c e r t a i n t y a b o u t t h e f u t u re o f t h e w o r l d t o c o m e .


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N « Q u e l l a “The

d e l l e

Twin

Tw i n

To w e r s

To w e r s

was

è

s t a t a

unfortunately

u n ’ a l t r a yet

g u e r r a

another

war

a

c u i

h o

d o v u t o

I

had

to

witness


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

sfortunatamente during

my

life.

assistere After

the

nella

mia

experience

vita. of

Dopo

the

l’esperienza

Second

World

del

War

secondo I

thought


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N c o n f l i t t o I

h a d

m o n d i a l e

b a n i s h e d

p e n s a v o

v i o l e n c e

a n d

d i

a v e r

a l l o n t a n a t o

d e s t r u c t i o n

f r o m

l a

t h e

v i o l e n z a h o r i z o n

e

o f

l a m y


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

distruzione

dall’orizzonte

experience,

but

I

was

della

mia

mistaken.

esperienza,

Being

present

ma

mi

when

sbagliavo. the

very

Ero

first


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N molto ideas

legato for

the

al

World

towers

Trade

were

Center

conceived,

e

da I

diversi

had

anni.

become

Avevo

closely

assistito

attached

to


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

alle the

prime World

ipotesi Trade

di

concezione

Center.

In

1959

delle Minoru

torri

giĂ

nel

Yamasaki,

1959

an

quando,

American

of


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N Minoru

yamasaki,

Japanese

origin,

americano

began

di

talking

radici for

the

giapponesi, first

time

parlò

about

per

the

la

prima

project

for


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

volta a

del

very

progetto

high

tower,

di

una

the

torre

tallest

elevatissima, in

the

world.

la

He

pi첫

alta

del

suggested

mondo.

two

Lui

identical


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N ne

propose

towers

but

due not

uguali

so

high

ma and

meno he

alte

drew

e

si

ispirò

inspiration

all’architettura from

Italian

italiana:

architecture:


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

il

Palazzo

the

Ducal

ducale

di

venezia

Palace

in

Venice

e

and

le

torri

the

di

san

towers

of

Giminiano. San

Ricordo

Giminiano.

I

le

still


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N sue

parole

recall

h i s

e

i

riferimenti

w o r d s

a n d

h i s

all’Italia,

l’architetto

r e f e r e n c e

t o

I t a l y.

era H e

un w a s

grande a

estimatore

g r e a t

a d m i r e r


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

e

conoscitore a n d

della

cultura,

connoisseur

of

della

Italian

storia

culture,

e

dell’architettura

history

and

italiana.

architecture.


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N Ho

seguito

With

con

interest

partecipazione I

followed

the

le

tappe

successive

development

of

the

al

progetto,

project.

I

did

non not


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

volevo want

perdermi to

miss

un

such

appuntamento an

important

cosĂŹ event

importante that

would

che

avrebbe

change

the

cambiato face

of


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N il

volto

di

New

York.

I

New was

yo r k . present

Assistetti at

their

alla birth

loro when

nascita in

1969

quando Life

nel

1969,

published

one


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

pubblicai of

my

sulla

photos

rivista of

the

Life

towers

una

foto

before

delle they

torri,

were

prima

built.

I

della

costruzione.

photographed

the


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N fotografai two

il

modellino

meter-high

model,

di

due

metri

showing

e

feci

Americans

vedere the

new

per

la

prima

skyline

of

v o l t a

New

l o

York


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

s k y f o r

l i n e t h e

d i

N e w

f i r s t

yo r k

t i m e .

I

a g l i w a s

a m e r i c a n i . t o

c o n t i n u e

H o

c o n t i n u a t o

p h o t o g r a p h i n g

a

f o t o g r a f a r l e

t h e m

i n

m a n y


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N i n

t a n t i

different

m o d i

ways

and

e

i n on

d i v e r s e many

o c c a s i o n i :

different

d i

g i o r n o

occasions:

by

o day

d i

n o t t e ,

and

by

night


al tramonto

and from o

dawn all’alba.

to dusk.

L e

t o r r i

g e M e L L e

d i e c i

a n n i

d o P o


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N Ero

lì, I

a

was

New in

yo r k ,

New

il

York

giorno on

the

della day

loro

they

“morte”.

“died”.


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

N o n Not

v e d e r e seeing

p i 첫

u n a

something

c o s a you

c h e once

a v e v i had

t i

f a

creates

a

p e r d e r e sense

of

s i c u r e z z a . insecurity.


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N I

n e w y o r k e s i , For

months,

u s c e n d o New

d a l l e

Yorkers

s t a z i o n i

would

d e l l a

come

out

m e t r o p o l i t a n a of

the

Subway

p e r

m e s i

looking


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

hanno

continuato

a

skywards

guardare in

search

in

alto

of

verso

il

something

cielo that

cercando

had

una

vanished.

presenza


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N che

era

svanita. There

Ci is

manca a

part

una of

us

parte

di

noi

missing.

stessi.


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

Continuo I

k e e p

a o n

credere

e

b e l i e v i n g

a

sperare a n d

che

h o p i n g

le

guerre

t h a t

t h e

che w a r s

ho I

visto h a v e

e

vissuto,

s e e n

a n d


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N un

giorno

si

experienced

trasformino will

one

day

in

pace.

turn

La

into

speranza

peace.

This

è

la is

stessa the

hope

che

mi

that

ha

has


d o P o a n n i d i e c i g e M e L L e t o r r i L e

dato given

me

la the

forza

di

strength

pensare to

think

al

futuro

of

the

con

future

ottimismoÂť. with

optimism�.


L A T E R y E A R s T E N T O W E R s T W I N To n y

vaccaro,

To n y

New

Vaccaro,

yo r k

New

maggio

York

May

2011.

2011.


Edito da A&C Advertising & Communication srl Finito di stampare nel mese di settembre 2011


Twin Towers

le torri gemelle dieci anni dopo Ten Years LaTer

1 9 6 9 f O T O G R A f I E

•

D I

2 0 0 1 T O N y

euro 10,00

v A C C A R O

LE TORRI GEMELLE, dieci anni dopo  

Catalogo della mostra fotografica di Tony Vaccaro, LE TORRI GEMELLE, dieci anni dopo; a cura di Umberto Gentiloni.