Page 1

ANALISI DEL FILM

THX 1138

L’uomo che fuggì dal futuro


INDICE Introduzione

3

Trama

4

Personaggi principali

5

Scene

6

Scena 4

14

Tema religioso

21

Tempo, ambiente, suono

22

Interpretazione

23


INTRODUZIONE

Titolo originale: THX 1138 Paese di produzione: Stati Uniti d’America Anno: 1971 Durata: 86 min Genere: fantascienza-distopico Regia: George Lucas Sceneggiatura: George Lucas, Walter Murch Fotografia: Albert Kihn, David Myers Montaggio: George Lucas Effetti speciali: John Andrew Berton Musiche: Lalo Schifrin - brano da La Passione Secondo Matteo di Johann Sebastian Bach Scenografia: Michael Haller Cast: Robert Duvall: THX 1138 Donald Pleasence: SEN 5241 Don Pedro Colley: SRT, l’ologramma Maggie McOmie: LUH 3417 Ian Wolfe: PTO Marshall Efron: TWA Sid Haig: NCH John Pearce: DWY Irene Forrest: IMM Gary Alan Marsh: CAM John Seaton: OUE Eugene I. Stillman: JOT Raymond Walsh: TRG Johnny Weissmuller Jr: Robopoliziotto

3


TRAMA Nel 2002, in seguito alla deflagrazione contemporanea di tutti gli ordigni nucleari dovuta a delle radiazioni solari, l’umanità trovò rifiugio sottoterra. Qui cominciò la ricostruzione di un mondo perfetto, uomini di tutte le razze giurarono che mai più ci sarebbe stata guerra. ‘Ma la perfezione non è dell’uomo. La perfezione è solo nella macchina costruita dall’uomo, perciò era la macchina che doveva regolare la vita dell’uomo, e l’uomo costruì il robot’. Il robot diventò tanto perfetto che iniziò a costruire e controllare l’uomo, costruendo una società priva di male e infelicità, perciò costruì un uomo asettico, privo di sentimenti. In questa società, 270 secoli dopo, gli uomini vengono costruiti e programmati, non esistono nomi per le persone ma numeri e lettere, non esistono moda o altre espressioni individuali, tutti sono rasati a zero e vestiti di bianco e l’atto sessuale è stato bandito, insieme a tutte le emozioni umane. THX è uno di questi, la sua routine viene interrotta dal malessere causatogli dalla mancanza di droghe fornite dal governo per controllare il suo pensiero. La causa di questa mancanza è la sua compagna di stanza, LUH 34-17, una donna che a sua volta ha smesso di assumerle e che prova qualcosa per lui. THX prova a cercare più volte conforto nelle ‘unicappelle’, luoghi di preghiera e confessione dove i fedeli si rivolgono a una divinità, OMM, la cui voce è in realtà una registrazione, ma inutilmente. THX e LUH riscoprono l’atto sessuale e la libertà di pensiero, ma nulla può sfuggire in una società dove tutto è controllato da macchine, i due vengono infatti scoperti. LUH, rimasta in cinta, viene distrutta, mentre THX, definito curabile, viene messo in detenzione. Il supervisore SEN 5241, interessato a THX, viola la legge facendoselo assegnare dal computer come compagno di stanza. THX lo vuole denunciare ma anche lui è ormai stato scoperto e i due si ritrovano in una sorta di carcere, una stanza bianca che sembra essere senza confini, dove i soggetti ritenuti ‘non conformi’ alla società vengono rinchiusi. I due si incamminano nel tentativo di evadere, incontrano SRT, un uomo di colore che li aiuta a trovare la via d’uscita. I destini dei tre personaggi si dividono, da una parte SEN e dall’altra THX e SRT, quest’ultimo è in realtà un ologramma, generato elettricamente da un cervello, è un pensiero chiamato dallo stesso THX. SEN ritorna sui suoi passi disposto a farsi reintegrare nella società, è disposto a rinunciare alla capacità di pensiero per rientrare nella normalità. THX ruba un’auto e fugge verso i confini della città sotterranea, inseguito dai robopolizziotti, SRT invece, dopo aver incontrato difficoltà nel far partire la vettura, si schianta. THX fugge verso la superficie tramite un pozzo di evacuazione mentre i robot, ad un passo dalla cattura, devono rinunciare per sforamento del budget. THX emerge in un mondo apparentemente abitabile illuminato dal tramonto.

4


PERSONAGGI PRINCIPALI

THX 11-38 THX è il protagonista, è lui che nelle prime scene ci spiega l’accaduto, come si è arrivati alla costruzione di una società così rigida e dominata dalla macchina. Inizialmente stranito dalla deconcentrazione e dal malessere causatogli dall’assenza delle droghe (sottratte da LUH), decide poi di non assumerle e di fuggire da questa società.

LUH 34-17 LUH è la compagna di stanza di THX, la prima ad essersi ribellata al sistema di questa società smettendo di assumere le droghe e sottraendole a THX stesso. Lei rappresenta il personaggio in cui maggiormente riscontriamo caratteristiche umane, in primis la capacità di pensiero e il senso di ribellione, non ultimo l’istinto sessuale.

SEN 52-41 SEN è un supervisore, facendosi assegnare THX come compano di stanza viola la legge, per questo anche lui viene arrestato. Manifesta un attaccamento morboso nei confronti di THX, il quale non vuole avere a che fare con lui. A differenza degli altri ‘ribelli’ lui non vuole avere la capacità di pensiero, l’unica cosa che vuole è rientrare nella normalità, anche se ciò significherebbe non provare alcuna emozione.

5


SCENE 1. L’inseguimento 00:00 – 00:02:12 La scena si apre con quello che, grazie all’alternanza di inquadrature, capiamo essere un inseguimento, THX 11-38 sta scappando dai suoi inseguitori a bordo di un veicolo futuristico, il motore si sta per rompere e lui vuole lasciare un messaggio telepatico per raccontare la sua storia.

2. La storia 00:02:12 – 00:03:56 THX spiega cosa è accaduto in passato, 270 secoli fa, e come la macchina sia arrivata a prendere il controllo sull’uomo.

3. La routine 00:03:56 – 00:06:58 Il lavoro è interamente regolato dalle macchine, tutto viene attuato tramite braccia meccaniche di precisione. Iniziano a delinearsi le regole di questa società come la produzione standardizzata e le attività sessuali illegali. THX ha problemi di concentrazione, gli vengono ‘prescritte’ delle pillole.

4. Confessione 00:06:58 – 00:10:51 THX si dirige in una stanza, dove si rivolge ad un’immagine ritraente Gesù, a cui confessa di avere avuto un tranfer termico, non si sente bene ed è preoccupato per la sua salute. Gli risponde una voce registrata.

6


5. LUH 34-17 00:10:51 – 00:14:28 THX è nella sua stanza, vediamo per la prima volta la sua compagna di stanza: LUH 34-17. Lei scambia delle pillole destinate a THX, mentre lui è intento a ‘rigenerarsi’ guardando l’immagine olografica di una donna.

6. Seconda confessione 00:14:28 – 00:15:15 THX si confessa per la seconda volta, la sua salute è peggiorata, si interroga sulla compagna, cerca di autoconvincersi che per lei non prova nulla.

7. Divieto d’amare 00:15:15 – 00:16:15 Tornato nella sua stanza THX si sente male, la compagna lo aiuta affettuosamente. Una voce registrata recita: ‘l’amore è la vera dannazione dell’uomo, eliminando ‘l’amore abbiamo eliminato la sua infelicità’.

8. Sensazioni umane 00:16:15 – 00:17:56 I due compagni di stanza si scambiano gesti affettuosi, Thx è inizialmente titubante ma entrambi si lasciano poi andare alla passione, si baciano e hanno un rapporto sessuale.

9. Gli altri sanno? 00:17:56 – 00:19:10 THX entra in una stanza, ogni individuo lì presente lo fissa con sguardo freddo e penetrante, sono già a conoscenza dell’infrazione compiuta da lui e dalla sua compagna? Lui richiude la porta della stanza andandosene. 7


10. Il richiamo di LUH 34-17 00:19:10 – 00:20:16 LUH è stata chiamata da SEN 52-41, assegnatole come cambio, nella sua stanza. THX non si fida di lui, non vuole che lei vada ma è costretta per non violare il regolamento.

11. Un nuovo compagno 00:20:16 – 00:22:41 THX si reca nella stanza di SEN, quest’ultimo gli dice di volerlo come compagno. THX chiede confuso cosa si siano detti lui e LUH, SEN risponde che lei ha convenuto che fosse opportuno cambiare compagno di stanza. THX se ne va dicendo di sentirsi male.

12. Idea di fuga 00:22:41 – 00:24:02 THX si trova in una stanza con LUH, lei vuole scappare con lui, evitando il reparto sedativi che implicherebbe la scomparsa dei sentimenti che provano reciprocamente.

13. Diffidenza verso SEN 52-41 00:24:02 – 00:24:55 SEN dice di essersi occupato del trasferimento di LUH. THX è scontroso nei suoi confronti, lo vuole denunciare.

14. Richiesta di blocco mentale 00:24:55 – 00:28:24 THX è al lavoro, ma risulta essere deconcentrato, viene richiesto un blocco mentale e viene scortato via da due robopolizziotti.

8


15. L’arresto 00:28:24 – 00:28:47 THX viene arrestato per evasione di droga. È bendato e sporco di sangue. Un robopolizziotto lo slega, mentre si sente la voce registrata di ‘Dio’ dirgli che andrà tutto bene.

16. In dolce attesa 00:28:47 – 00:30:35 THX si risveglia in una stanza completamente bianca. La compagna LUH corre verso di lui piangendo, gli rivela di aspettare un bambino. I due si abbracciano felici, e si lasciano andare alla passione.

17. Diagnosi: instabilità chimica 00:30:35 – 00:33:38 I due vengono sorpresi dalle guardie, THX si ribella a loro e cerca di contrastarli ma viene immobilizzato e portato via per fargli degli esami. Dalla diagnosi risulta instabile chimicamente.

18. Il processo 00:33:38 – 00:35:07 THX viene portato in una stanza, una sorta di aula di tribunale, dove prende luogo un processo per decidere sulla sua distruzione o meno. Il verdetto stabilisce che il soggetto è curabile, dovrà essere sottoposto a cure e messo in detenzione.

19. La punizione 00:35:07 – 00:36:50 Ancora una volta THX si ritrova in una stanza bianca che sembra non avere confini. Tre guardie lo gli infliggono dolore semplicemente sfiorandolo, lui cerca di diferdersi ma è inerme.

9


20. Osservatori 00:36:50 – 00:38:14 THX viene osservato da uno schermo. Due interlocutori discutono sul fatto che sia stato giusto o meno non distruggerlo, presenta forti tratti di personalità. I due dicono inoltre che LUH è stata distrutta in quanto presentava gravi tracce di sessualità.

21. In ‘carcere’ 00:38:14 – 00:43:23 THX si ritrova in una stanza, anch’essa bianca e senza confini definibili. Qui trova altri soggetti, tra cui SEN, che gli rivolge la parola, gli pone delle domande, gli dice di voler trovare un’idea per scappare da lì. THX non lo calcola, è distaccato da tutto ciò che lo circonda.

22. La fuga dal carcere 00:43:23 – 00:46:46 Un nuovo individuo viene portato in carcere: è un servo dell’aria, abitante delle infrastrutture. THX perde il controllo per un attimo, lanciando in aria tutto ciò che trova, decide poi di andarsene, SEN lo segue e i due si incamminano svanendo nell’orizzonte di quella stanza senza confini.

23. L’uscita 00:46:46 – 00:51:05 I due camminano senza una meta apparente, vedono qualcuno in lontananza avvicinarsi, lui li porta all’uscita e tutti si ritrovano in un corridoio affollato, dove sembra essere in corso una sorta di evacuazione. I tre vengono separati: THX e il misterioso soggetto da una parte, SEN dall’altra.

24. Ologramma 00:51:05 – 00:52:33 Il personaggio misterioso rivela di essere in realtà un ologramma, non reale, generato elettricamente da un cervello, è nella realtà solo un pensiero chiamato dallo stesso THX. Ha sempre voluto diventare un’entità, perciò è scappato.

10


25. La fuga di SEN 52-41 00:52:33 – 00:53:18 SEN si trova su un mezzo pubblico, una sorta di bus del futuro, scende al capolinea e si incammina attraverso una lunga galleria.

26. La fuga di THX e l’ologramma 00:53:18 – 00:54:38 I due cercano di nascondersi dalle guardie all’interno di una stanza computerizzata.

27. Ripensamento 00:54:38 – 00:55:32 SEN torna indietro correndo e sale al volo sul bus diretto al braccio centrale.

28. Continua la fuga 00:55:32 – 00:56:22 THX continua a scappare dai robopolizziotti, una voce registrata afferma: ‘non riusciamo a controllare il cervello di THX 11-38’.

29. L’etichettatura 00:56:22 – 00:57:40 THX e l’ologramma si trovano in un ‘obitorio’, all’arrivo di qualcuno si fingono dei cadaveri stendendosi su dei lettini. I cadaveri vengono etichettati ma quando arriva il turno di THX lui sobbalza e i due scappano via.

11


30. Il pentimento di SEN 00:57:40 – 00:59:58 SEN entra in una stanza di registrazione da cui provengono canti ecclesiastici, lì trova il medesimo ritratto di Gesù presente nelle ‘unicappelle’. SEN si inginocchia e rivela di non aver mai voluto la capacità di pensare, vuole tornare come prima, quando era felice. Qualcuno lo scopre e vuole fare rapporto per l’infrazione, ma SEN lo atterra. 31. La verità su LUH (?) 00:59:58 – 01:02:29 THX si chiude in una stanza, cerca la compagna attraverso un computer e scopre che è stata distrutta e riassegnata, l’immagine mostra un feto. Lui non ci crede, anche le macchine possono sbagliare.

32. SEN 52-41 individuato 01:02:29 – 01:04:04 SEN è seduto in disparte, dei bambini gli si avvicinano e lui interagisce con loro. Viene individuato tramite un monitor in una stanza di controllo e viene comunicata la sua posizione.

33. La fuga in macchina 01:04:04 – 01:06:26 THX e l’ologramma prendono due macchine per darsi alla fuga, l’ologramma non riesce a farla partire perché non viene rilevata la presenza di germi di pensiero attivi in quanto lui è la produzione in transfer di pensiero da THX, thx riesce a scappare. L’ologramma riesce a partire ma subito si schianta. 34. La cattura di SEN 01:06:26 – 01:07:05 SEN viene portato via da due robopolizzioti, mentre i bambini salgono le scale che portano probabilmente alle unicappelle.

12


35. Ritorno al presente 01:07:05 – 01:12:49 La storia si ricollega al presente con la ripetizione di alcune inquadrature della scena iniziale dell’inseguimento. THX riesce ad ostacolare i suoi inseguitori.

36. Fuga a piedi 01:12:49 – 01:14:04 THX prosegue la fuga a piedi, inseguito da due robopolizziotti. Ha un breve scontro con un servo dell’aria.

37. Verso la libertà 01:14:04– 01:17:24 Posizione attuale: pozzo di evacuazione, livello 1. THX sta salendo lungo una parete, le guardie lo inseguono ma l’operazione viene annullata. Una voce continua intimare THX di tornare indietro, ma lui prosegue verso la luce, trovando la libertà.

13


ANALISI SCENA 4 - Confessione Inquadratura 1 00:06:58 – 00:07:02 Interno, sera Piano: campo medio Punto di ripresa: leggermete dal basso Movimenti di macchina: fissa Suono di sottofondo cupo, inquietante

THX sta percorrendo un corridoio interno, alle sue spalle qualcun’altro si muove nella direzione opposta allontanandosi. L’illuminazione intradiegetica presente è contrastata: crea netti contrasti per conferire drammaticità allo spazio circostante. Questi contrasti luministici, insieme al suono, creano una sorta di tensione visiva che prelude agli sviluppi drammatici della vicenda. Stacco Inquadratura 2 00:07:02 – 00:07:09 Interno, sera Piano: campo lungo Punto di ripresa: dall’alto Movimenti di macchina: fissa Voce femminile registrata fuori campo: ‘Se non ti senti completamente a tuo agio chiama il 348844’ THX esce dal corridoio. I contrasti luministici sono ancora molto forti, in particolare per quanto riguarda la sagoma di THX che viene delineata a favore di un forte impatto visivo. Anche il corridoio è fortemente marcato, questo contrasto crea una sorta di effetto di quadro nel quadro, dove il protagonista è THX al centro del corridoio, mentre lo spazio intorno è scuro e indefinito. Stacco Inquadratura 3 00:07:02 – 00:07:14 Interno, sera Piano: campo lungo Punto di ripresa: dal basso Movimenti di macchina: fissa Voce femminile registrata fuori campo flebile Suoni emessi dalle vetture THX si trova all’interno di un edificio. La voce registrata fuori campo che nell’inquadratura precedente era chiara e nitida si fa flebile, tanto che non distinguiamo le parole, fino a scomparire. I rumori dei motori futuristici delle macchine la sovrastano. I volumi appaiono marcati e i contrasti luministici sono ancora presenti, l’ambiente è caratterizzato da una geometrizzazione degli spazi. Stacco

14


Inquadratura 4 00:07:14 – 00:07:23 Interno, giorno Piano: figura intera Punto di ripresa: dal basso Movimenti di macchina: fissa Musica serena Voce femminile registrata fuori campo: ‘Oggi è il tuo giorno di riposo, sii efficiente nel riposare, sii effiTHX sta salendo delle scale mobili. Non indossa più la ‘cuffia’ che porta a lavoro, la voce fuori campo ci suggerisce infatti che è il suo giorno di riposo, anche in questo giorno viene però richiesta l’efficienza. Alla sommità delle scale la luce appare intensa, la salita è una sorta di metafora di ascesa al paradiso, anche il suono ha cambiato connotazione: sentiamo una musica dolce, piacevole e che trasmette serenità. Raccordo sonoro Inquadratura 5 00:07:23 – 00:07:28 Interno, giorno Piano: campo lungo Punto di ripresa: dal basso Movimenti di macchina: fissa Musica serena Voce femminile registrata fuori campo: ‘Camminare aiuta la circolazione del sangue’ THX cammina all’interno di un edificio con altri soggetti. Sia la musica che la voce fuori campo collegano l’inquadratura precedente a questa. Contrasti luministici sono ancora presenti nella defiizione dei volumi architettonici interni dell’edificio. Raccordo sonoro Inquadratura 6 00:07:28 – 00:07:31 Interno, giorno Piano: campo lungo Punto di ripresa: dal basso Movimenti di macchina: fissa Voce maschile registrata fuori campo: ‘Correre aiuta la circolazione’ In questa inquadratura vediamo, oltre ai diversi soggetti vestiti di bianco, i robopolizziotti, che controllano la zona. Di nuovo viene ‘consigliato’ il movimento fisico, la voce fuoricampo è cambiata, è una voce maschile e non più femminile. Ancora netti i contrasti di luce nei volumi. Raccordo sonoro

15


Inquadratura 7 00:07:31 – 00:07:34 Interno, giorno Piano: mezza figura Punto di ripresa: dall’alto Movimenti di macchina: fissa Musica serena

Delle persone corrono in una direzione, mentre THX cammina nella direzione opposta. Questo potrebbe essere un primo segnale della ribellione di THX, della sua ‘non conformità’ rispetto alla società e alle sue regole. Raccordo sonoro Inquadratura 8 00:07:34 – 00:07:39 Interno, giorno Piano: primo piano Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: carrello laterale Musica serena

THX entra in una stanza, guarda verso il basso. Per la prima volta vediamo dei colori diversi dal bianco in un interno. Raccordo sonoro Inquadratura 9 00:07:39 – 00:07:42 Interno, giorno Piano: primo piano Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica serena

Il personaggio inquadrato non viene identificato, anche lui, analogamente all’inquadratura precedente, si trova nella stanza colorata e guarda anch’egli verso il basso. Raccordo sonoro

16


Inquadratura 10 00:07:42 – 00:07:59 Interno, giorno Piano: mezza figura Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica serena Voce maschile registrata: ‘Se le vostre necessità sono urgenti chiamate il 62748’ Voce robopolizziotto THX preleva un oggetto dalla stanza. Sul vetro delle pareti della stanza vediamo il riflesso di un robopolizziotto, quando THX lascia la stanza entra infatti la guardia e sequestra il soggetto dell’inquadratura precedente dicendogli semplicemente: ‘Tu, vieni’ e afferandogli il braccio. Raccordo sonoro Inquadratura 11 00:07:59 – 00:08:10 Interno, giorno Piano: da mezza figura a primo piano Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: movimenti subordinati Musica serena

THX percorre un corridoio tenendo in mano l’oggetto preso inprecedenza nella stanza colorata. Non parla ma sembra mostrare sentimenti di preoccupazione, paura e senso di colpa. Raccordo sonoro Inquadratura 12 00:08:10 – 00:08:28 Interno, giorno Piano: figura intera Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica serena in attenuazione Voce registrata femminile: ‘Attenzione, questo ascensore è momentaneamente sospeso dal servizio, prego utilizzare l’ascensore posto alla vostra destra’ Delle persone sono all’interno di un ascensore, altre due se ne aggiungono in seguito. Una voce annuncia la sospensione del servizio ma nessuno sembra reagire alla notizia, rimangono tutti all’interno dell’ascensore. Raccordo sonoro 17


Inquadratura 13 00:08:28 – 00:09:15 Interno, giorno Piano: mezzo primo piano (tagliato) Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica flebile Voce OMM Voce THX THX entra in uno stanzino, chiamato ‘unicappella’, un’immagine che ricorda una sorta di divinità (OMM) si illumina. THX recita a bassa voce una preghiera, capiamo solo le ultime parole: ‘sempre tuo’. OMM - Il mio tempo è tuo, procedi Dialogo: THX - Ho avuto un transfert termico stamattina, non mi era mai accaduto, non riuscivo a concentrarmi OMM - Sì, ne ero al corrente THX - Sentivo dentro di me... Dalle parole dell’OMM capiamo che il controllo e la sorveglianza è parte integrante di questa società, THX espone i suoi problemi ma lui ne era già al corrente. Vediamo inoltre che in alcuni momenti qualcuno ci blocca la visuale passando davanti alla macchina da presa: probabilmente dei robopolizziotti stanno controllando passando avanti e indietro, nessuno è mai veramente solo. Raccordo sull’asse (sonoro) Inquadratura 14 00:09:15 – 00:10:18 Interno, giorno Piano: primissimo piano (tagliato) Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica flebile Voce OMM Voce THX È proprio l’attraversamento di un robopolizziotto che scandisce il passaggio dall’inquadratura precedente a questa. Dialogo: THX - ...come un fremito OMM - Sì, procedi THX - Ho commesso molti errori, la mia compagna si comporta in modo molto strano, non la capisco OMM - Procedi THX - Ieri non mi sentivo molto bene OMM - Sì, lo so THX - Lei si sentiva bene OMM - Sì, procedi THX - Avevo bisogno di aiuto ieri notte, sentivo come se qualcosa... OMM - Eccellente THX - ...qualcosa di strano mi stesse accadendo 18


OMM - Sì THX - Ma non capisco OMM - Non puoi essere più specifico? THX - I sedativi...prendo l’entrasen ma non è abbastanza forte, non riesco a concentrarmi OMM - Tu sei un vero credente, benedizione dello stato THX - Ti prego aiutami OMM - Benedizione delle masse La divinità non sembra ascoltare i bisogni di THX, che non trova conforto nelle sue parole ripetitive e standardizzate. In questa inquadratura vediamo il dettaglio dell’occhio del volto dell’immagine, occhio che rimanda ancora una volta al maniacale controllo e alla continua osservazione di questa società, anche qui vediamo infatti spesso passare davanti alla stanza qualcuno. Raccordo sonoro Inquadratura 15 00:10:18 – 00:10:20 Interno, giorno Piano: dettaglio Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Voce OMM

Viene inquadrata dell’attrezzatura da registrazione, un nastro scorre. Questo ci fa capire la voce di OMM non è altro che una registrazione, anche ‘Dio’ è una macchina. Voce OMM: ‘Tu sei un soggetto della divinità’ Raccordo sonoro Inquadratura 16 00:10:20 – 00:10:26 Interno, giorno Piano: dettaglio Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Voce OMM

Nell’inquadratura appare un animale, il primo e unico che vediamo all’interno di questa società. É un rettile, in particolare somiglierebbe ad un ramarro, metafora di distacco emotivo e allontanamento dal male. Voce OMM: ‘creato a immagine dell’uomo dalle masse e per le masse’ Simobologia: il ramarro nella pittura antica Il ramarro e la lucertola, nella pittura antica, assumono una connotazione positiva, per quanto il loro aspetto possa apparire inquietante. Essi hanno la funzione di risvegliare le donne e gli uomini dal torpore del vizio o da un errore amoroso, riportandoli sulla strada della piena coscienza e della virtù. Dotati di freddezza, si scaldano al sole e, secondo gli antichi, non conoscono le passioni travolgenti dell’umanità e sono nemici dei serpenti, incarnazione del male e del demonio. Raccordo sonoro

19


Inquadratura 17 00:10:26 – 00:10:36 Interno, giorno Piano: mezzo primo piano (tagliato) Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica tranquilla Voce OMM Nell’inquadratura appare un animale, il primo e unico che vediamo all’interno di questa società. É un rettile, in particolare una lucertola o un geko. Voce OMM: ‘lascia pure essere noi ad occuparci dei tuoi problemi, lavoro duro, aumento di produzione’ Raccordo sonoro Inquadratura 18 00:10:36 – 00:10:44 Interno, giorno Piano: mezza figura Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica tranquilla Voce OMM THX si affaccia fuori dalla unicappella per poi uscirne sconsolato. Voce OMM: ‘prevenzione degli infortuni e tu sei felice’ Raccordo sonoro Inquadratura 19 00:10:44 – 00:10:51 Interno, giorno Piano: figura intera Punto di ripresa: frontale Movimenti di macchina: fissa Musica tranquilla Voce robopolizziotto: ’Solo per questa volta, ma state attenti’ Dei bambini sono interressati all’arma del robopolizziotto e lui la mostra.

20


TEMA RELIGIOSO Quella della divinità OMM è una presenza costante all’intern del film, anche quando non lo vediamo lo sentiamo. Le ‘Uni-cappelle’ sono i luoghi in cui i fedeli possono rivolgersi a questa divinità, delle piccole stanze con vetrate, che ricordano gli odierni confessionali. Perchè in una società dove l’uomo non ha sentimenti, è però presente la fede? In una società così rigorosa ed organizzata, la figura divina potrebbe rappresentare uno sfogo per coloro che ci abitano, oppure semplicemente uno strumento attraverso il quale meglio controllarli. I riferimenti religiosi sono molteplici, sia sul piano figurativo che su quello uditivo. La colonna sonora del film è rappresentata da un brano da La Passione Secondo Matteo di Johann Sebastian Bach, inoltre in diversi momenti sentiamo in sottofondo delle musiche che ricordano dei canti ecclesiastici. THX nelle scene iniziali si identifica in Adamo, facendo riferimento al racconto biblico di Adamo ed Eva. THX ribellandosi alla società, ha accettato il male per avere il bene, così come Adamo ed Eva avevano fatto mangiando i frutti dell’albero. THX - ‘Già l’essere supremo aveva costruito un paradiso terrestre nel quale l’uomo visse finché non sentì che solo avvicinandosi all’albero del bene e del male avrebbe trovato il male, ma anche il bene e la felicità. Non so perché questo sentire in questo mondo sia toccato a me e perché ho dovuto cercare questa felicità... Forse il mio nome non è quello posto sulla provetta nella quale fui costruito, thx 1138, forse il mio vero nome è Adamo’

21


TEMPO Già dalle prime inquadrature, soprattutto per merito degli effetti sonori, si riesce a intuire che la storia è ambientata in un futuro più o meno remoto. Nella seconda scena il narratore ci toglie ogni dubbio, dandoci diverse informazioni. ‘La storia iniziò nel lontano luglio del 2002, 270 secoli fa’ sono le parole da lui pronunciate, indicandoci così che la realtà filmica si stà svolgendo nell’anno 29002 (291esimo secolo). Non ci vengono invece dati indizi informanti riguardo al periodo precedente la fuga di THX, ma possiamo ipotizzare che duri da una settimana a qualche mese. Durante il film fatichiamo a capire che momento del giorno sia, in quanto essendo in strutture costruite sotto terra, non vediamo mai la luce del sole.

AMBIENTE - COLORE Gli ambienti sono prettamente chiusi, essendo la vicenda ambientata in un mondo costruito in profonde caverne. Gli spazi asettici, completamente bianchi e spogli, riflettono la società di un periodo futuro dove non c’è spazio per le emozioni, i sentimenti, il gusto estetico, la personalizzazione. Tutto deve essere standardizzato, sia per quanto riguarda gli ambienti che i personaggi che li abitano. Tutto è meccanizzato, gestito da robot, non c’è presenza di elementi naturali. Il colore dominante è in assoluto il bianco, che caratterizza le pareti interne delle stanze e gli abiti dei personaggi, questa convergenza di colore porta i personaggi a confondersi con lo sfondo, a evidenziarne una mancanza di identità e personalità.

Realtà

Film

Marin County Civic Center, California.

SUONO Gli effetti sonori presenti in questo film sono essenziali alla definizione del contesto ambientale e storico. Suoni futuristici, soprattutto attribuiti ai motori dei veicoli, ci aiutano a capire che essi non sono i mezzi di trasporto che solitamente conosciamo. Una grande importanza è giocata dalle voci fuoricampo, perlopiù registrate, che sentiamo continuamente nel corso del film, esse ci ricordano i divieti, le regole della società, e spesso collegano molteplici inquadrature o scene. Gran parte dei suoni che sentiamo rimandono infine alla sfera religiosa. 22


INTERPRETAZIONE Il film si apre con l’inseguimento di un uomo, capiamo subito che ci troviamo in un tempo futuro, grazie ai suoni dei mezzi futuristici. Il pensiero del fuggitivo diventa istanza narrante, per spiegarci quello che è successo negli ultimi 270 secoli. A causa dello scoppio di ordigni nucleari, i superstiti furono costretti a rifugiarsi sotto terra, dove si prefissarono di costruire un “mondo perfetto“ libero dal male e dall’infelicità. Ma per essere perfetto l’uomo doveva essere macchina, così, robot sempre più perfetti arrivarono a costruire uomini sempre più robot. Ma eliminando il male, anche il bene sparì, in quanto sua contrapposizione. In questo distopico futuro è quindi vietato “essere umani“, le persone non provano emozioni, non hanno capacità di pensiero autonoma, non hanno un nome ma un numero, sono tutti standardizzati, vestiti tutti di bianco e tutti rasati. Sono macchine. Nel film sentiamo più volte delle voci registrate o loro stessi definirsi: “soggetti“, “elementi“, si parla di “costruzione“ e non di nascita. THX stesso, il protagonista, non viene “distrutto“ per il solo fatto che il suo è un corpo sano e distruggerlo sarebbe stato “un grande spreco per la società“. Un altro episodio in proposito consiste nella scena in cui un robopolizziotto mostra ad alcuni di questi soggetti dei posti di lavoro affermando: “gli addetti precedenti verranno distrutti in quanto superati“, analogamente a quando noi sostituiamo un cellulare obsoleto con uno maggiormente aggiornato. “Alcuni elementi sono programmati talmente bene, che non sanno di essere programmati“. Solo la voce corrispondente a ‘Dio’ usa la paola “uomo“ (“l’amore è la vera dannazione dell’uomo, eliminando l’amore abbiamo eliminato la sua infelicità“). La riproduzione avviene infatti artificialmente, e le pulsioni sessuali vengono sfogate tramite macchine masturbatrici associate ad ologrammi erotici (“rigenerazione“). Dopo la scena iniziale di inseguimento ha inizio un flashback diegetico, che prende vita dai pensieri di THX 11-38, il quale vuole lasciare un messaggio telepatico ai posteri raccontando la sua vera storia. Non si ha la certezza di quanto questa storia duri effettivamente, in quando non vengono mostrati indizi informanti, ma si può supporre che possa variare da una settimana a qualche mese. La storia inizia in un normale giorno di lavoro, THX sta muovendo dei bracci meccanici per costruire un robot ma è stranamente deconcentrato, gli viene consigliato di prendere dei ‘farmaci’, o meglio delle droghe attraverso le quali il pensiero può essere tenuto sotto controllo. Niente sfugge a questa società che sembra esercitare un controllo ‘orwelliano’, elemento fondamentale e ricorrente nel contesto in cui ci troviamo, su tutti gli elementi che ne fanno parte. LUH 34-17 viene inquadrata in seguito ad un’esplosione in un settore, sullo schermo appare un cadavere sanguinante trascinato fuori una stanza da un robopolizzioto, lei sembre essere molto scossa dall’accaduto, nel suo volto leggiamo paura e compassione, a differenza del volto del supervisore a fianco a lei (SEN 52-41) che non cela indifferenza. A primo sguardo verrebbe da chidersi perchè l’uomo a fianco a lei, come del resto tutti gli altri, non mostrino una minima reazione di fronte ad una scena così forte; ma la domanda da porsi, immaginandosi di far parte di questa società distopica, è: perchè LUH ha avuto delle reazioni umane? La risposta ci viene data tramite una targa che indica LUH come probabile responsabile di furto di droga. LUH infatti ha smesso di prendere la ‘droga del controllo’, cominciando a provare sentimenti prettamente umani: capacità di pensiero, istinto sessuale, paura, compassione, solitudine, amore. Gli stessi sentimenti che l’hanno poi portata a sottrarre la droga di nascosto anche al compagno di stanza, THX.

23


THX, non capendo cosa gli stia succedendo, decide di cercare risposte nelle “unicappelle“, strutture simili a dei confessionali, al cui interno una voce registrata parla attraverso un’immagine rappresentante la divinità OMM. La voce di questa divinità accompagna d’ora in poi gran parte del film, facendosi sentire come voce fuori campo, ribadendo regolamenti e divieti della società. THX tornerà nuovamente a ‘confessarsi’, la seconda volta però le sue condizioni sono peggiorate, attraversa un climax ascendente di emozioni, che possono trovare sfogo solo nel ricambiare i sentimenti della sua compagna, LUH. I due violano il regolamento commettendo attività sessuali illegali, e il sisitema ne verrà subito a conoscenza, giudicandoli non conformi alla società. Società nella quale si è instaurato un clima di terrore coperto da un finto buonismo, quando THX durante la fuga si rinchiude in una stanza i robopolizziotti cercano di farlo uscire con parole ragionevoli (‘si deve essere bloccata, prova dalla ta parte’, riferito alla porta), al contempo però vengono appositamente fatte vedere delle scene in cui elementi non conformi alla società vengono massacrati. Le parole che più di tutte vengono ripetute a THX sono “andrà tutto bene, vogliamo solo aiutarti“, dove ‘aiutare’ significa però rimanere succubi di una macchina perdendo tutte le emozioni umane e la capacità di pensiero autonomo, o essere distrutti. Alla notizia della dolce attesa di LUH, nessuno mostra compassione nei suoi confronti, viene ugualmente distrutta. Nell’utima scena vediamo THX arrivare in superficie, la sua sagoma è definita dal tramonto alle sue spalle, è il mondo come noi lo conosciamo. Anche se non si vedono delle costruzioni umane, un uccello che attraversa l’inquadratura ci fa capire che c’è vita e che in quel posto è ancora possibile la sopravvivenza. Vorremo conoscere di più di quel mondo, ma il film si conclude.

24


Profile for beatrice.simonini

ANALISI DEL FILM | THX 1138  

Analisi del film fantascientifico-distopico "THX 1138", diretto da George Lucas nel 1971. In questo progetto sono stati analizzati trama, p...

ANALISI DEL FILM | THX 1138  

Analisi del film fantascientifico-distopico "THX 1138", diretto da George Lucas nel 1971. In questo progetto sono stati analizzati trama, p...

Advertisement