Page 1

odontoiatria

18

19

Vivere a tempo pieno 128

Riabilitazione protesica La riabilitazione protesica consiste nella sostituzione dei denti mancanti, cioè quei denti che, per svariati motivi, sono stati estratti, oppure che non sono cresciuti. L’obiettivo è quello di ripristinare la funzione masticatoria, la fona-

zione, l’estetica ed evitare ulteriori danni all’apparato stomatognatico. Innanzitutto dobbiamo distinguere tra due tipi di riabilitazione protesica: quella fissa, in cui il manufatto protesico (corone e

situazione. n Protesi ibrida: sostituisce una parte o tutti i denti assenti dell’arcata e le parti di osso e mucosa che si sono riassorbite. Al di sotto di essa possono però ancora esPer sostituire dei denti mancan- sere presenti delle radici che venti tramite un ponte è necessario gono utilizzate come appoggio o limare i denti adiacenti (detti ancoraggio tramite dei bottoni o pilastri) in modo da poterli rico- altri attacchi speciali, così da aveprire con delle corone alle quali re un doppio appoggio (sui denti sono saldati gli elementi dentali naturali e sugli attacchi protetici). assenti. La ricostruzione viene In caso di protesi totale troppo cementata ai pilastri. Purtroppo instabile si potranno aggiungere spesso capita di dover limare dei degli impianti in un secondo temdenti sani! Negli ultimi decenni, po, e anche questa riabilitazione con l’avvento degli impianti en- protesica rientra nella sezione dossei, si è però potuto ovviare a protesi ibride. In caso di perdita di questo problema: si tratta di viti una o più delle radici sottostanti in titanio che mediante un inter- la protesi è facilmente adattabile vento chirurgico vengono inseri- alla nuova situazione, a volte con te nell’osso. Dopo un periodo di un semplice ribasaggio. guarigione si può fissare su que- n Protesi totale: sostituisce tutti i sta vite una corona, andando così denti (corona e radice) dell’arcaa sostituire unicamente il dente ta così come l’osso e la mucosa mancante senza toccare quelli riassorbiti. Si fissa tramite effetto “ventosa” alla mucosa sottostansani adiacenti. te. Per quanto riguarda le protesi amovibili possiamo distinguerne La protesi parziale e quella ibrida sono più confortevoli da portadi tre tipi: n Protesi parziale: sostituisce al- re visto che appoggiano su altri cuni denti mancanti e l’osso e denti (rispettivamente radici) e la mucosa andati persi in quella quindi le regioni edentule sono regione. Si fissa ai denti restanti soggette ad una minor pressione. tramite dei ganci. Nel caso andas- Storicamente la protesi ibrida è sero persi altri denti si può ab- nata come una protesi provvisobastanza facilmente modificare ria in modo da abituarsi all’insered adattare la protesi alla nuova zione, in seguito, di una protesi ponti) viene fissato in modo permanente (il paziente non lo può rimuovere), e quella amovibile, in cui il paziente deve mettere e togliere la protesi tutti i giorni.

totale. Le protesi parziali e totali erano invece considerate delle ricostruzioni definitive. Oggi, grazie ai progressi nella prevenzione e nella chirurgia, possiamo osservare un andamento esattamente opposto: le protesi ibride restano in funzione per lungo tempo, mentre le protesi parziali e totali fungono da provvisori in attesa del posizionamento di impianti.

e parallelamente l’igienista aiuta il paziente a migliorare e mantenere un’igiene orale adeguata. Non va infatti dimenticato che con l’inserzione di qualsiasi ricostruzione in bocca si aumenta anche il rischio di contrarre nuove carie o lesioni parodontali, a causa della difficoltà nel pulire gli elementi protesici.

Trattamento protesico In questa fase si preparano i Contrariamente a quanto si pos- denti in maniera definitiva e si sa comunemente pensare la con- prendono le relative impronte. fezione di manufatti protesici, Le ricostruzioni, rispettivamente nella maggior parte dei casi, può le protesi, vengono elaborate in anche durare dei mesi. cera, quindi provate e corrette Di regola possiamo comunque direttamente in bocca al paziendistinguere 3 fasi di terapia: te. Quando tutto è in ordine vengono ritornate all’odontotecnico Trattamento preliminare che provvederà a terminarle. A Viene effettuata un’anamnesi e questo punto la protesi può esun rilevamento clinico e radiolo- sere consegnata al paziente che gico di tutti i denti e delle muco- viene istruito riguardo all’uso, alla se. Tenendo conto della prognosi manutenzione e all’igiene necesdei denti, dei desideri del pazien- saria per mantenerla sempre in te e dei costi, si cerca di decidere buono stato. insieme quale sia la terapia più indicata. Nella maggior parte dei Terapia di mantenimento casi si ha una scelta tra più varian- Per garantire una buona riuscita ti. a lungo termine sono necessari, a In questa prima fase si estraggo- dipendenza della situazione, uno no i denti che non si potranno o più controlli annuali. Durante salvare, si restaurano i denti rovi- queste visite vengono controllati nati con delle otturazioni, si effet- tutti i denti, le gengive e le mucotuano interventi chirurgici pre- se, le ricostruzioni e le protesi e protetici, si confezionano corone, l’igiene orale. Di tanto in tanto si ponti oppure protesi provvisorie rendono necessarie, soprattutto

per quel che riguarda le protesi, sul sito della SSO Ticino al link delle piccole correzioni o adatta- www.stmd.ch al paragrafo “info menti (per esempio ribasaggio, pazienti”. sostituzione di denti abrasi, ecc.). Troverete un mini-breviario con Per la CISI: le istruzioni per la buona manuMed. dent. Marco Ponti e tenzione delle protesi, assieme Med. dent. Danilo Avolio ad altri interessanti manualetti,

Vivere 128.indd  

n Protesi totale: sostituisce tutti i denti (corona e radice) dell’arca- ta così come l’osso e la mucosa riassorbiti. Si fissa tramite effet...