Issuu on Google+

Trimestrale di informazione - Anno III numero 3 - Luglio/Settembre 2007 - In caso di mancato recapito restituire al mittente che si impegna a pagare la relativa tassa.

George W Bush

scrive al Presidente di Sibeg

Look of The Year

A Barbara Pintus la fascia Coca-Cola Light

GDA

indicazioni per una dieta equilibrata


Sommario Cristina Busi Ferruzzi presidente

Editoriale Missione Arcobaleno: CCBS in prima linea con le forze armate e i volontari. 2 di MARIA CRISTINA BUSI FERRUZZI

Lettera di George W Bush al Presidente di Sibeg Estate 2007: nuovi lanci e risultati storici. Luca Busi amministratore delegato

di Luca Busi

Management Pensieri ad alta voce dopo un anno da dg.

4

Una pausa forzata. Lettera aperta del Direttore commerciale. 3.400.000 casse, nuovo record di Sibeg

5 5

di Natale Lia

Natale Lia direttore generale

2 3

di Fabio Fronti

Commerciale La chiusura del cerchio. di Francesco Nicotra

Fabio Fronti direttore commerciale

Marcello Mammana direttore amministrativo

Sergio Sapienza direttore produzione e logistica

6

Marketing & Communication a cura di Massimo Stella e Nunzio Orsini Alcamo: Burn al Summer blues festival. A Fontane Bianche con il lato Coca-Cola della musica. a Scicli Il podismo olimpionico. Augusta sede dell’equitazione internazionale. “Operation Soundwave”, MTV e Coca-Cola ai Mercati Generali. Debutto per la full sleeve dedicata ai colori dell’isola. Look of The Year: Taormina capitale dell’alta moda e della bellezza. Coca-Cola Light illumina il galà. Salute, piacere e benessere. Alzi la mano chi… non è stato raggiunto dai sampling. Stage in marketing di Gabriela Heisecke. Fotocronaca di un successo. Burn riscalda le notti siciliane. Alu bottle limited edition.

7 7 7 8 8 8 9 9 10 10 10 11 12 12

Clienti Anno III numero 3 Luglio/Settembre 2007 Direttore editoriale Luca Busi Direttore responsabile Sebastiano Mazzarino Segreteria Manuela Panebianco Comitato editoriale Maria Cristina Busi Ferruzzi, Luca Busi, Fabio Fronti, Natale Lia, Marcello Mammana, Nunzio Orsini, Sergio Sapienza Direzione, redazione e amministrazione Sibeg S.r.l. Strada V Zona Industriale, 28 - Catania Tel. 095.59.11.44 - Fax 095.73.57.651 sibeginside@sibeg.it Impaginazione Claudio Cocuzza - Miashi Group Stampa Arti Grafiche le Ciminiere - Catania

Pata Pata, perla di Sicilia e dolce alcova dei pensieri rilassati.

13

Attualità Informazioni nutrizionali, Coca-Cola anticipa i tempi della direttiva 14 comunitaria.

People Risorse umane, a Marletta quelle di Acies. Ufficio stampa: Latitudine 54°, la ricerca della sfida. Foto: Vivi il lato Coca-Cola dell’estate.

15 15 15

Visti da vicino Gianluca Novello / Francesca Paternò.

16

Registrazione n. 27/2005 del 20.09.2005 è vietata la riproduzione totale o parziale di articoli, fotografie e illustrazioni pubblicati su Sibeg Inside senza espressa autorizzazione dell’editore.

“Spingendo quotidianamente i nostri limiti riusciamo, a piccoli passi, a superare le paure che ci vietano il possesso della nostra esistenza”. Angelo D’Arrigo


Editoriale

Missione Arcobaleno: CCBS in prima linea con le forze armate e i volontari. Quella telefonata da Atlanta.

Con Ivester Douglas regaliamo un sorriso ai bambini. di MARIA CRISTINA BUSI FERRUZZI

A

volte, tutto è organizzato a tavolino nei migliori dei modi ma alcuni piccoli dettagli dimenticati creano moltissimi problemi. Sono in visita al campo Arcobaleno e chiedo al capitano del campo, che mi accompagnava: “di che cosa avete urgentemente bisogno?”“Abbiamo il latte, il pane, il cibo necessario, pasta, carne ecc.; ma non abbiamo mestoli e contenitori per distribuire, cioè tazze, bottiglie ecc, … E chissà quando ce li mandano!” CCBS, in un’ora aveva procurato un centinaio di mestoli, imbuti, secchi di plastica, comprati nelle bancarelle e nei negozi di Tirana, e due camion di bottiglie PET vuote, gli sfridi. Da quel giorno, anziché distruggerli, li abbiamo mandati al campo, tutti i giorni, per mesi. Tutt’ora quando guardo una bottiglia di PET difettosa, penso che da qualche parte del mondo potrebbe servire a dissetare un bambino, un anziano. Quante cose utili sprechiamo! Un giorno, il mio caro amico Luigi Cantone, nonché eroico generale, mi confida che ha un grosso problema: “stanno per arrivare a Durazzo 1000 container pieni di tutte le cose raccolte in Italia e non so dove metterli! …e devo anche collocare il magazzino dei medicinali! Ho necessità di un grande spazio perlomeno recintato con un muro! Mi hanno messo a disposizione i moli di Durazzo e di Valona, ma non ci sta tutto, non ho sicurezza, non ho nulla!” “Mi mandi 300 container alla CCBS, e tutto il magazzino dei medicinali, noi ti mettiamo a disposizione tutto quello che ti necessita, uffici, elettricità, celle frigorifere, ma ad una

condizione: metti delle tende con i soldati nel campo attorno allo stabilimento, per vigilare e controllare e fare servizio di sicurezza.” In un attimo anche noi, CCBS, facevamo parte di “Missione Arcobaleno” e tutto il campo attorno allo stabilimento era trasformato in un’enorme



magazzino, con tutte le tende della Guardia Forestale per il servizio di sicurezza. Certamente tutto questo non aiutava a risolvere i grossi problemi che avevamo, r i fo r n i m e n t o e sdoganamento m a te r i e p r i m e, spazio esterno e interno, viabilità, energia elettrica, ma era tutto superabile ed eravamo ben felici di poter fare qualche cosa anche noi, piccoli sacrifici. Era ben poco in confronto a tutto il meraviglioso compito che facevano i nostri militari e volontari. La sensazione che più mi sconvolgeva quando andavo al campo “Arcobaleno” era il silenzio: uomini anziani, donne di tutte l’età, in silenzio. Bambini, tanti bambini, giocavano, ma anche loro in silenzio. Nessuno parlava, non un dialogo, solo sguardi, tristi. Un silenzio carico di tragedia, di tristezza e di rassegnazione. Qualche giorno prima di Pasqua, arriva una telefonata direttamente sul mio cellulare, mai successo prima: era il Presidente di CocaCola mondiale di Atlanta. Ivester Douglas in persona - “Cristina, dobbiamo fare qualcosa!”“veramente, noi stiamo già facendo!” E gli racconto tutto. Come prodotto abbiamo dato solo acqua di Tepelene. Allora decidiamo assieme, offerta al 50% da Atlanta e al 50% da CCBS, di mandare Fanta ma senza etichetta. Non vogliamo che girino per il mondo le foto e che ci sentiamo accusare di voler speculare sulla pelle dei profughi. Sono salita sul primo camion da consegnare, siamo stati circondati dai bambini, i bimbi che ero purtroppo abituata a vedere con visi pallidi, tristi, senza sorrisi, senza sguardi, silenziosi, si sono trasformati. Tendevano le mani per prendere le nostre bottiglie arancione, ridevano,

scappavano con il loro tesoro in mano: Fanta, solo con la forma della bottiglia e il suo colore, aveva dato loro un momento di grande gioia, e forse, avevano dimenticato il dolore della loro tragedia. Erano tornati bambini. Quando sono tornata in Italia, a casa, ed era Pasqua, guardavo i bambini italiani, felici, con i loro papà, con le loro uova di Pasqua: negl’occhi e nel cuore avevo tutte quelle manine tese verso la nostra semplice Fanta albanese.


Estate 2007:

nuovi lanci e risultati storici.

Obiettivi sempre più ambiziosi attendono Sibeg. di LUCA BUSI

3

. 4 0 0 . 0 0 0 c a s s e u n i t a r i e, u n record come punto di par tenza per migliorare costantemente le nostre performances. Lo storico risultato,

Lettera di

George W Bush P u b b l i c h i a m o l a l e t t e ra d e l P r e s i d e nt e d e g l i St a t i U n i t i d’A merica, George W. Bush, inviata al Presidente di Sibeg, Sig.ra M.C. Busi Ferruzzi, per ringraziarla dell’assistenza fornita, a lui e alla first lady Laura, da CCBS nel corso della storica visita, 10 giugno, in Albania, la prima di un Presidente USA nel paese delle aquile. “Questa lettera rappresenta un motivo di orgoglio per l’intero gruppo che rappresento - ha tenuto a sottolineare M.C. Busi Ferruzzi nel commentare la missiva”.

raggiunto lo s cor s o mes e di giugno, conferma come la politica del gioco di squadra possa por tare a spingere ogni giorno i nostri limiti per fare sempre meglio. Un risultato raggiunto, come sempre, grazie all’attiva partecipazione di tutto il personale della Sibeg. A confermarlo è il fatto che tale record di vendite nasce dalla perseveranza anche dei repar ti di produzione, logistica e amministrazione che hanno profuso il massimo sforzo per garantire la disponibilità di tali volumi di prodotto. L’effetto generato è stato decisamente positivo: un nuovo record è stato registrato anche per l’ef ficienza produt tiva dello stabilimento, il valore che misura tale ef ficienza (k = litri /ora lavorativa) ha raggiunto la soglia di 587. Il periodo estivo è stato caratterizzato da nuovi lanci a cui il pubblico ha risposto con entusiasmo. Il 5 giugno abbiamo presentato alla stampa la sleeverata dedicata alla nostra isola ed è andata subito a ruba, nello sesso periodo sul mercato è arrivata Coca-Cola Zero, un gran successo come quello dell’intera linea Light supportata da capillari e coinvolgenti sampling e promozioni che hanno raggiunto il pubblico entusiasmandolo grazie anche ai pack di successo. Le summer promo

sono state attivate in 1500 punti vendita nel canale fc e 3000 nel canale ic, uno sforzo non indifferente per l’intera forza commerciale che ha risposto prontamente alle emergenze clas siche del p eriodo estivo ed in particolar modo nelle zone tipicamente vacanziere. Ed in queste ultime zone, con particolare attenzione, la nuova visual identity è stata protagonista delle vacanze di tutti quei turisti che hanno scelto la Sicilia e le sue isole per vivere un’estate all’insegna del relax e del divertimento come nello stile del lato Coca-Cola della vita. Molto è stato fatto e si continua a fare nel campo della distribuzione con l’incontro periodico e regolare con i venditori e i promoter al fine di migliorare la rete e il rapporto con i suoi attori. Rimanendo in tema estivo quest’anno Sibeg con CocaCola è stata protagonista in numerosi e importanti eventi dalla musica, ricordiamo in particolar modo l’Operazione Soundwave con MT V, alla moda passando per lo sport. Adesso, da quota 3.400.000 casse, non ci resta che continuare a guardare avanti, seguendo il leit motiv dello Step Change, per raggiungere quegli obiettivi sempre più ambiziosi che ci siamo posti e che, step by step, stiamo raggiungendo ogni giorno sempre più.




Management

Pensieri ad alta voce dopo un anno da DG. Riflessioni sul percorso umano e professionale all’interno di Sibeg e non solo… di Natale Lia

I

l primo settembre di un anno fa mi veniva assegnato l’arduo compito di ricoprire il ruolo di Direttore Generale di questa splendida azienda. L’aggettivo splendida non è buttato lì per caso, le aziende vengono spesso percepite come entità astratte, ma in realtà rappresentano l’insieme “caotico” di tutte le persone che ne fanno parte, come un organismo molto complesso, inoltre le persone che ne fanno parte sono tutti quelli che interagiscono direttamente o indirettamente con l’azienda stessa, in inglese tutti questi attori si chiamano in una parola sola stakeholders, e sono la proprietà, i dipendenti, i cli e nt i, i fo r ni to r i, i partner, il territorio inteso come tessuto sociale, la Coca-Cola Company etc. Pensando ad ognuna di queste categorie, vi invito a riflettere, mi sono reso conto che siamo circondati da uomini e donne veramente splendidi. Luca e la sig.ra Cristina figure di grande intuito imprenditoriale ma allo stesso tempo vicini a tutti condividendo giorno d o p o giorno pro blemi, s u cc e s s i e d i n s u cc e s s i sempre con lo stesso spirito ot timista e propositivo, i dipendenti un insieme di persone perbene che è praticamente impossibile trovare tutte nello stesso posto, immaginate solo la varietà che esiste in un piccolo condominio e provate a confrontarlo con i vostri colleghi, il marchio che rappresentiamo dire splendido forse è riduttivo direi quasi “magico” e così via per tutti gli altri stakeholders. Lascio immaginare a tutti quanto ho sentito forte il peso di questo impegno, di riuscire a



continuare a far crescere questa azienda. Per riuscirci mi sono fissato un obiettivo sopra tutti gli altri: la crescita delle competenze, del rispetto, della disciplina, dell’orientamento sempre più spinto ai risultati, in una sola

parola della professionalità di tutte le risorse umane che compongono questa azienda. Anch’io sono una risorsa di questa azienda e come tale deve fare un suo percorso di

crescita insieme a tutti gli altri, il percorso passa anche attraverso coloro che ti stanno più vicino giorno dopo giorno e in questo anno ho rafforzato la convinzione che gli obiettivi sono tutti raggiungibili, anche quelli più impensabili, se sei circondato dalle persone giuste dentro e fuori dall’ambito lavorativo. Gli uomini e le donne che interagiscono con me ogni giorno in azienda, rappresentano una squadra eccezionale sia come professionalità che umanamente e voi le conoscete tutte, all’esterno d ell’azienda ho la mia famiglia che ho voluto mos trar vi nella foto in uno dei pochi momenti in cui riesco a stare con loro, inoltre stiamo per avere la seconda “cucciola” e questo mi riempie di gioia. Quando sono giunto in Sicilia, vi ricordo che sono un orgoglioso emigrato al Sud, non immaginavo niente di tutto questo, credevo che la Sibeg e Catania dovesse rappresentare una breve tappa del mio percorso di crescita professionale, invece è stato un continuo crescendo di impegni ed emozioni che non mi hanno fatto nemmeno pensare a cambiare lavoro, poi a rafforzare il tutto c’è stato l’incontro con la donna della mia vita e tutto il quadro si è completato, adesso so di avere tutte le condizioni per continuare insieme con voi questa sfida e vincerla. Ci tenevo a condividere questi pensieri e l’ho fatto, Ringrazio la Sibeg, questa stupenda terra e tutti voi, perché insieme sono convinto che cresceremo ed avremo sempre più soddisfazioni.


Una pausa forzata.

Lettera aperta del direttore commerciale alla famiglia Sibeg. di Fabio Fronti

M

ercoledì 16 Maggio 2007 è una data che rimarrà nella mia memoria per lungo tempo. Quel giorno il mio tempo si è fermato in un istante, e quella che sembrava una banale caduta di gioco si è rivelata essere una brutta frattura del femore. 36 ore dopo venivo operato da una equipe guidata dal professor Longo, primario di or topedia dell’ospedale Canniz zaro di Catania, e circa 3 giorni dopo potevo rientrare a Padova per iniziare una riabilitazione che mi avrebbe visto estremamente impegnato nelle settimane successive. Oggi 25 agosto, ripensando a quei momenti mi viene un sorriso sulle labbra, perché ormai tutto è passato, ma questo episodio, che ha segnato i miei ricordi, rimarrà per almeno tre altri motivi. I l primo perché nella situazione ho sperimentato un calore e un coinvolgimento di tutto il personale medico che mi ha preso in cura e che oggi ringrazio pubblicamente perché sono stato molto for tunato ad incrociare la mia strada con questo “sistema Sicilia” che spesso viene additato più per episodi negativi che per altro; beh, io posso dire con orgoglio di aver visto il lato migliore di questa sanità, e ne serberò sempre un ricordo estremamente positivo. Il secondo perché al calore riscontrato in ospedale è corrisposto un altrettanto potente coinvolgimento di tutte le persone della grande famiglia Sibeg che non hanno mai mancato di farmi sentire a casa e in un ambiente famigliare anche in quelle circostanze. Il mio ringraziamento va a Cristina, Luca, Natale, il mio team e a tutte (tantissime)

Il Direttore Commerciale al lavoro nel suo “metro quadro”.

le persone che mi hanno testimoniato direttamente o indirettamente un affetto che va oltre il normale rapporto di lavoro. Il terzo perché per 6 settimane ho operato da quello che affettuosamente definivo il mio “metro quadro”, dal momento che il letto era diventato il mio ufficio da cui mantenevo stretti contatti con il mondo Sibeg. In questo caso ho sperimentato una forte coesione del mio team, che ha dimostrato che il lavoro sviluppato in due anni, la gestione della delega e soprattutto la responsabilizzazione dei ruoli, ha dato i suoi frutti. Sinceramente avevo

il timore che questa pausa forzata avrebbe avuto degli effetti negativi sul rendimento delle vendite, ma oggi posso dire con grande orgoglio che siete stati grandi! Questo era il segnale più forte che mi potevate dare, quello che mi ha dato la forza e la tranquillità di potermi dedicare a sfidare me stesso nel ridurre il più possibile i tempi di recupero. Oggi tutto è passato e posso guardare avanti con grande fiducia, perché anche in una situazione così difficile la reazione è stata estremamente adeguata e all’altezza. Grazie a voi tutti.

3.400.000 casse, nuovo record di Sibeg. Lo storico risultato su una maglietta celebrativa.

Il primo semestre si è chiuso con un risultato estremamente positivo grazie al mese di Giugno che ha visto il raggiungimento di ben 3.400.000 casse unitarie. Mai nella storia di Sibeg si era raggiunto questo valore, a coronamento di un grandissimo lavoro di

squadra di tutte e tre le direzioni. A celebrare l’evento è stata stampata a tempo di record una t-shirt celebrativa che è stata regalata, nel corso di una “frizzante” serata sotto le stelle del Sobhà, a tutti i dipendenti dell’azienda intervenuti per festeggiare, con il management lo storico traguardo. (F.F.)




Commerciale

LA CHIUSURA DEL CERCHIO.

Gli attori della distribuzione sul campo verso la meta. di FRANCESCO NICOTRA

Q

uesta frase racchiude tutto il lavoro di completamento di un progetto iniziato da qualche anno. Ricordiamo la situazione del Canale Distributivo Immediate Consumption appena qualche tempo fa, nel 2003: i colleghi DSM (District Sale Managers) contattavano gli allora 60 Distributori con un portfolio menu non assortito come quello attuale. I Sale Promoters lavoravano sodo per confermare sempre più spazio all’interno delle nostre frigo attrezzature e per ampliare le referenze nei punti di vendita, ricevendo talvolta ostilità per “l’esagerazione” quando disponevamo il ritiro delle vetrine frigo non a standard. Con il passare del tempo i Sale Promoters hanno conquistato visibilità e sono stati riconosciuti da tutta la filiera distributiva. è stata certo una battuta d’arresto il fatto che CCHBC nelle regioni del nord italia abbia cominciato a vendere direttamente all’interno dei punti di vendita. Ciò ha provocato sul territorio siciliano (dove tra l’altro questa azione non viene praticata) una perdita di fiducia da parte dei nostri Distributori/Agenti. Dopo un importante impiego di energie, Sibeg ha dimostrato che questo tipo di vendita non viene da noi perseguita e adesso, la situazione è la seguente: I DSM ricevono direttamente, dai circa • 100 Distributori, la parte di ordine dell’assortimento che serve al lavoro dei Sales Promoter che in seguito si occupano del completamento dei carichi con quelle referenze più sensibili alle dinamiche di prezzo;

Gli Agenti dei Distributori spesso lavorano in sinergia sul punto vendita con i Promoter; • I Promoter,coadiuvati dai Senior (novità di quest’anno, uno per ogni zona della Sicilia) si occupano delle attivazioni,assortimenti e gestione delle nostre attrezzature con un lavoro sicuramente difficile e impegnativo ma finalmente riconosciuto; • I Colleghi del Trade-Marketing in maniera sempre più coinvolgente e flessibile ci forniscono gli strumenti per perseguire al meglio i nostri obiettivi. Ecco appunto l’Importanza della “Chiusura del Cerchio”: mai come ora tutti gli Attori della

Da sinistra: Francesco Nicotra, Mario Barone, Giancarlo Galati e Salvatore Guarnera.



Distribuzione (Distributori,Agenti,DSM,Senior Promoter, Sales Promoter, Trade Marketing ed esercenti) devono essere consapevoli della propria funzione in gioco e mettendocela tutta per arrivare all’interpretazione finale e più proficua per tutti.

riunioni periodiche Operativamente abbiamo deciso di incontrarci per discutere e far decollare il progetto delle zone commerciali secondo alcuni appuntamenti fissi: • ogni primo giorno del mese riunione Venditori-Senior con Mario Barone e i colleghi del Marketing su Analisi e Statistiche; • ogni mese (durante la prima settimana) riunioni di zona commerciale a cui sono presenti Francesco Nicotra e Mario Barone, il DSM/Senior e Promoter di ciascuna zona; • ogni Trimestre riunione di Canale IC presenti tutti i componenti del Canale. Il 2 agosto si è tenuta la riunione del secondo trimestre (vedi foto sopra) durante la quale come consueto c’è stato un confronto tra le varie zone siciliane di presidio.


Marketing & Communication

a cura di Massimo Stella e Nunzio Orsini

Alcamo: Burn al Summer Blues Festival. La kermesse musicale conferma la sua valenza europea.

G

iunto alla sua 14 a edizione il Summer time Blues Festival di Alcamo, svoltosi dal 26 al 29 luglio, si conferma un importante punto di riferimento musicale siciliano capace di creare momenti di aggregazione e importanti occasioni di scambio socio-culturale grazie alla mediazione dei valori insiti nella cultura afro-americana. Nata nel 1994 l’importante kermesse è divenuta una tradizione in grado di coniugare al meglio l’ottima musica e la valenza turistica del territorio attirando, edizione dopo edizione, un grande afflusso di pubblico. Il Festival ha incontrato il positivo e caloroso riscontro di una audience, proveniente da tutta Italia e dall’estero, che ha affollato la centrale Piazza Ciullo di Alcamo grazie al ricco e valido cartellone che contribuisce

alla riqualificazione ed al rilancio turistico di un territorio ricco di cultura e antiche tradizioni. Tra gli artisti che hanno animato le notti alcamesi la Chicken Mambo Blues Band, Smokin’ Joe Kubek & Bnois King; grandi nomi in linea con la tradizione di un festival che, anno dopo anno, conferma la sua valenza internazionale divenendo un appuntamento di primo piano del circuito turistico e culturale siciliano. Anche l’edizione 2007 ha visto la partecipazione del distributore locale Finazzo con cui Sibeg ha collaborato attraverso un’attività Burn che ha animato il programma musicale delle serate.

a Fontane Bianche con il lato Coca-Cola della musica.

Il cartellone del Palalive attira gli amanti della musica da tutta Sicilia, iniziativa apprezzata dai turisti. Coca-Cola e Palalive Summer Arena di Fontane Bianche, per il secondo anno il binomio si rivela vincente e all’insegna della buona musica. Il ricco e ricercato cartellone proposto dal gruppo del Lido Nuovo Show Live si è rivelato ancora una volta vincente riuscendo a spostare il baricentro musicale siciliano verso Siracusa, non solo più Catania e Taormina per gli importanti appuntamenti musicali ma anche

il siracusano grazie ad una struttura capace di 8000 posti a sedere e 4000 mq di parterre. Ad allietare le calde notti aretusee si sono alternati artisti come gli intramontabili Hearth Wind and Fire, una romantica Fiorella Mannoia, Pino Daniele, Raf e il king della canzone italiana, Renzo Arbore e la sua l’orchestra italiana. Notevole l’impegno organizzativo reso possibile grazie al sostegno ottenuto da

parte della Regione Sicilia, dal Comune, dalla Provincia e dall’APIT di Siracusa nonché dagli sponsor che hanno permesso di proporre un calendario di concerti a prezzi accessibili rispetto a quelli applicati altrove per gli stessi artisti. Un’impegno questo sposato subito da Coca-Cola che ancora una volta propone di vivere il lato Coca-Cola della vita.

a Scicli Il podismo olimpionico.

Powerade e Conad rinfrescano gli atleti al termine dei 10 km.

Nella suggestiva cornice di Scicli, lo scorso 4 agosto, si è svolta la corsa podistica internazionale “Peppe Greco”. L’appuntamento sportivo si conferma ancora una volta un appuntamento di grande valore sportivo e di promozione di quel territorio esaltato dalla serie televisiva di Montalbano e riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, ingredienti di grande prestigio per un appuntamento di rilevanza internazionale grazie all’impegno e l’amore profuso dai suoi organizzatori. Allo start, puntuale alle 22.15 di sabato 4 Agosto, si sono presentati atleti di indiscusse capacità come Martin Lel, vincitore di due edizioni della

Maratona di Londra e trionfatore nel 2006 a New York; Stefano Baldini; Paul Kosgei; Giuliano Battocletti; Eshen Wondimu ed Elias Chelimo Kemboi, oltre a Massimo Vincenzo Modica ed altri top siciliani pronti a compiere i dieci giri del circuito cittadino per un totale di 10.000 metri. A margine dell’evento sportivo grande interesse ha suscitato tra il pubblico il villaggio Conad allestito nelle adiacenze del traguardo. Powerade, in collaborazione con Conad Sicilia partner ufficiale della manifestazione sportiva, ha avuto il piacere di rinfrescare gli atleti al termine della gara.




Marketing & Communication

a cura di Massimo Stella e Nunzio Orsini

Augusta sede dell’equitazione internazionale. ADIM, successo per il concorso ippico Hyblon 4 stelle. contenuto spettacolare e di livello assoluto. Il concorso si colloca nella categoria delle manifestazioni a “q u a t t r o s t e l l e ”, cioè quelle con un montepremi di 170 mila euro. Oltre questo livello ci sono le manifestazioni a “cinque stelle” ma di queste ultime, in tutto il mondo, non si arriva a contarne più di dieci. (U/S)

ph S. Mazzarino

C

ento cavalieri con 250 cavalli in rappresentanza di 14 nazioni si sono dati battaglia, dal 15 al 17 giugno scorsi, sul nuovissimo campo dell’Associazione Dilettantistica Ippica Megarese di Augusta in occasione del 1° Concorso ippico internazionale Hyblon CSI 4 stelle. Una grande occasione che ha visto sbarcare in Sicilia i migliori cavalieri, a livello internazionale, promuovendo il siracusano a tappa di primo piano nel circuito dell’ippica mondiale. Non solo cavalli ma anche una serie di eventi collaterali che ben si sono prestati per la promozione turistica del territorio. Nella tre giorni dell’importante concorso si è avuto modo di assistere a performance tecniche ad elevato

“Operation Soundwave”, Mtv e Coca-Cola ai Mercati Generali. Un importante opportunità per le giovani band musicali. loro vivere la musica come colonna sonora per momenti di vera felicità e divertimento.

Il clou dell’operazione si è registrato con i due concerti di Rimini, il 22 luglio, e Bari, l’1 settembre, dove si sono esibiti artisti internazionali ed italiani, presentati dalla splendida Carolina di Domenico e da Alessandro Cattelan. Il primo concerto si è presentato come uno dei maggiori appuntamenti musicali dell’estate, con l’attesissimo ritorno in Italia, dopo lo storico concerto del 2000, di Ricky Martin, anticipato da Zero Assoluto e L’Aura: ben 40.000 persone hanno applaudito ilbravissimo artista latino, che è tornato ad esibirsi dal vivo e ha fatto ballare tutto il pubblico presente a Rimini. (U/S) ph D. Camuto

Too Much Blond e Fresh Air Of Hiroshima. Sono le due band musicali che, lo scorso 28 giugno ai Mercati Generali, si sono aggiudicati la tappa etnea di “Operazione Soundwave”, il programma, prodotto da Mtv Italia con Coca-Cola, interamente dedicato a sei band emergenti. Oltre ai giovani artisti protagonisti della serata sono stati i Velvet (nella foto), la band romana ben nota a livello nazionale dopo il successo di “Boy band” nell’estate 2001. Quello tra Coca - Cola ed M T V è un connubio ormai più che consolidato per parlare quanto più possibile il linguaggio dei giovani, condividendone le passioni e facendo

Debutto per la full sleeve dedicata ai colori dell’isola. Martedì 5 giugno oltre venti rappresentanti dei media regionali hanno affollato la sala meeting “Pantelleria” per conoscere, in anteprima, la nuova sleeverata celebrativa della nostra isola. A fare gli onori di casa il top management di Sibeg con in testa l’amministratore, delegato Luca Busi, che nell’accogliere i giornalisti, oltre a presentare la nuova bottiglia divenuta già oggetto di culto, ha reso noti i risultati economici, ottenuti nel corso del 2006, e illustrato le politiche di tutela ambientale messe in atto dall’azienda. Molti giornalisti, al termine



della conferenza stampa, hanno partecipato ad una visita aziendale prima di raggiungere la sala “Stromboli” dove è stato allestito un brunch di arrivederci. La presentazione della nuova bottiglia ha trovato ampio spazio all’interno dei maggiori TG regionali e nelle pagine dei principali quotidiani, settimanali e mensili siciliani oltre che su radio e web che hanno apprezzato l’iniziativa. (U/S)

Un momento della conferenza stampa.

ph D. Camuto

In conferenza stampa presentati i risultati economici e le politiche ambientali di Sibeg.


Look of The Year: Taormina capitale dell’alta moda e della bellezza. A Barbara Pintus la fascia Coca-Cola Light.

P

er il secondo anno consecutivo Taormina ha premiato, lo scorso 22 settembre al Palacongressi, i protagonisti nazionali della moda e della bellezza con il “Fashion Award” The Look of The Year. Anche in questa edizione Sibeg con Coca-Cola Light è stata presente alla kermesse offrendo refrigerio e dissetando le giovani modelle. Di rilievo i nomi dei personaggi che hanno ricevuto i premi The Look of The Year: il premio alla carriera è andato a Fausto Sarli, stilista italiano che in oltre cinquant’anni di attività ha vestito grandi stelle del mondo dello spettacolo. Il premio per l’alta moda internazionale è andato ad Addy Van Den Krommenacker, designer “vicino” a dive del calibro di Julia Roberts e Glennis Grace. La kermesse è stata allietata dalle performance musicali dei violinisti in jeans, Angelo Di Guardo e Antonio Macrì apprezzati dall’importante parterre, che hanno fatto da colonna sonora all’uscita di alcuni degli abiti più suggestivi. La serata, magistralmente condotta da Nino Graziano Luca affiancato da Danny Mendez, ha raggiunto il suo clou con l’assegnazione dell’ambito titolo “The Look of The Year”. A sancire le decisioni della commissione tecnica, chiamata a valutare le modelle, è stato il notaio della Rai Luigi Pocaterra. Ad aggiudicarsi il titolo The Look of The Year è stata la toscana Elisa Sarti. Per stile e personalità la giuria tecnica ha ritenuto la giovanissima Barbara Pintus la ragazza ideale a cui assegnare la fascia Coca-Cola Light. Tra i presenti Lele Mora, agente dei vip; l’attrice Barbara Bouchet; l’attore Edoardo Costa, impegnato con la sua onlus Ciak nel progetto “Respiro del mondo” con il quale raccoglie fondi per un ospedale di Kabul e Costanza Afan de Rivera, vicepre-

sidente di Alta Roma, che ha confermato, anche in questa edizione, il forte legame tra Look of The Year e la moda. Ad accogliere il pubblico del palacongressi la limousine brandizzata Coca-Cola Light e un capillare sampling. Organizzato da Eventitalia ed Eventsworlds, The Look of The Year andrà in onda sul canale satellitare Fashion Tv. (u/s)

Barbara Pintus è

nata ad Iglesias, nella splendida Sardegna, il 13 dicembre del 1988. Studentessa di ragioneria nel tempo libero, poco, ama giocare a pallavolo ed è in forza alla We@nozze, agenzia di servizi per moda, spettacolo e congressi, Barbara da anni calca le passerelle in occasione dei più importanti eventi moda che si svolgono nella sua suggestiva regione.

Coca-Cola light illumina il galà. Sullo sfondo del palazzo centrale dell’università etnea si è svolta, lo scorso 21 luglio, l’ottava edizione di “Catania talenti & dintorni”, il premio abbinato al galà della moda. Organizzato dalla Production Moda e Spettacoli, di Agata Patrizia Saccone, la kermesse della moda è divenuto uno dei pochi appuntamenti del fashion in meridione accreditato a livello nazionale, e non solo. Un successo confermato dalle telecamere della prestigiosa Fashion Tv e della trasmissione M.O.D.A. in onda su La 7. Una serata incorniciata tra il barocco catanese che ha visto protagonisti sul palco splendide creazione d’arte magistralmente

interpretate dalle modelle ora in grado di evidenziare la sicilianità degli abiti di Patanè ora quelli dei berlinesi Klaus Unrath & Ivan Loris Strano, indicati come i Dolce e Gabbana d’oltralpe. Numerosi i premi assegnati nel corso dell’appuntamento tra i quali quello alla solidarietà a Santo Versace per il suo impegno a sostegno della Fondazione “Operation Smile”. Sul palco anche la Sibeg, presente con Coca-Cola Light, per consegnare, dalle mani di Nunzio Orsini, un premio alla professionalità all’attore Kaspar Capparoni, naturalizzato catanese dopo il fidanzamento con la modella Veronica Maccarone. (U/S)

ph S. Mazzarino

Sibeg a “Catania Talenti e dintorni”.




Marketing

Salute, piacere e benessere il leit motiv delle Summer promotion.

Light e Powerade

protagonisti negli iper siciliani.

N

ei mesi di maggio e giugno sono state attivate otto “in store” promotion, dedicate ai prodotti light, negli ipermercati più importanti della Sicilia. La meccanica prevedeva la consegna di programmi di wellness in dvd (metodo pilates, yoga e body conditioning) e la partecipazione all’estrazione di due soggiorni di salute e benessere alle Terme di Saturnia. In campo anche Powerade pro con quaranta giornate in store nei mesi di luglio, agosto e settembre. In questo caso a chi acquistava tre bottiglie di Pwd è stata regalata la trousse brandizzata. Nel loro insieme le “Summer promo” hanno visto

attivati 1.500 PdV nel canale FC con Materiale POP; 3.000 PdV nel canale IC con Materiale POP; 100 PdV nel canale FC con Mega Display dedicati alla Summer Promo. Dieci iPod firmati Coca-Cola sono stati destinati all’edizione della full body sleeve, PET 0,50, dedicata alla summer promotion con relativa attività di sell out. Gli incentive per i promoter hanno previsto la premiazione, con quattro i pod in totale, delle migliori attivazioni dei PdV con materiale dedicato alla Summer promo. Se al promoter è andato l’I pod per il cliente la musica è stata live al concerto Coca-Cola MTV di Bari lo scorso 1 Settembre. (Ha collaborato Michele Buono)

Alzi la mano chi…

Stage in marketing di Gabriela Heisecke Non è stato raggiunto dai sampling Coca-Cola. di Massimo Stella Anche quest’estate Coca-Cola Light ha animato le spiagge e le località turistiche più cool della Sicilia: un motoscafo light ha solcato le acque delle coste siciliane e le esclusive Isole Eolie portando il gusto di Coca-Cola Light a più di 30.000 persone. Ma se i mari siciliani sono stati l’insegna di Coca-Cola Light, i cieli hanno avuto un altra protagonista: CocaCola Zero! Un dirigibile di 45 metri ha sorvolato Catania, Milazzo, Palermo e Messina portando il nome dell’ultima nata in casa Coca-Cola, mentre un bus inglese a due piani è stato il bar a 4 ruote di 8.000 persone che hanno così scoperto il gusto di Coca-Cola con Zero Zucchero.

L’attività lavorativa in Sibeg è sempre ricca di sorprese e non rischi mai di annoiarti. Seguendo questa linea di pensiero all’inizio dell’estate mi è arrivata la notizia che una ragazza proveniente dal sud America avrebbe voluto partecipare ad uno stage nell’area marketing. In quel momento non avrei sicuramente immaginato della bella esperienza che stava per iniziare. Leggendo il curriculum vitae e la lettera di presentazione la cosa che emergeva era la voglia di imparare e la consapevolezza delle attività su cui avrebbe voluto lavorare. Gabriela è arrivata a Catania a metà luglio ed è stata con noi fino agli inizi di settembre. Ha affiancato tutte le persone che lavorano nel marketing e in generale nella funzione commerciale, ha visitato il nostro stabilimento e imparato le nostre strategie di attivazione del mercato, ha visitato i punti vendita e testato i nostri metodi analisi e pianificazione del business. In breve Gabriela ha rispettato in pieno il programma che era stato organizzato e ci ha permesso di brevettare un metodo di organizzazione degli stage che porteremo avanti anche nei mesi futuri. Adesso lo stage si è concluso e Gabriela è tornata in Paraguay ma ha lasciato penso in tutti noi un ottimo ricordo perché a parte il lavoro Ga b r i e la è una persona simpatica e in gamba!!!


attivazioni:

Fotocronaca di un successo.

di MARIO BARONE

I

kit che vestono la nuova Visual identity “Vivi il lato Coca-Cola della vita” sono gli indiscussi protagonisti dei punti vendita e dei locali vacanzieri dell’isola. Legati alle

¼ pallet Burn

CSOL

¼ pallett Light

¼ pallett Powerade

Elimina code

PBS

Top visibility

della nuova veste grafica ha invitato clienti e consumatori a creare la propria realtà positiva, ad essere spontanei, ad ascoltare il proprio cuore vivendo a colori la splendida estate siciliana.

¼ pallett Nestea

Eating at home

Turismo

Sport

occasioni di consumo i kit sono stati distribuiti sull’intero territorio siciliano e delle isole minori in coincidenza dell’avvio della stagione estiva. L’esplosione di colori e l’immagine gioiosa

In store

Quick stop refreshment

Night

CSOL 11


Night Life a cura di Gianluca Novello

Alu Bottle Limited Edition.

L

a contour di Coca-Cola si veste di alluminio e di musica: in un formato da 25 cl Coca-Cola verrà servita in alcuni dei migliori locali notturni delle 9 province siciliane. A partire dal mese di Agosto la limited edition Alu Bottle sarà disponibile per tutti gli appassionati collezionisti.

Burn

riscalda le notti siciliane. Fuoco e passione hanno caratterizzato le tre notti siciliane della festa Burn lo scorso mese di luglio. Sobhà di Catania il 13, Paradiso di Milazzo il 14 e il Touchè di Marina di Cinisi, in provincia di Palermo, il 21 luglio sono state le location animate da acrobati del fuoco e bellissime modelle sui trampoli accompagnate dalle percurssioni di special guest che si sono alternate per regalare notti all’insegna del sogno, della sensualità e del fuoco con una inarrestabile carica di passione ed energia in linea con lo stile unico di Burn. Alle serate era abbinato il sorteggio di una vacanza ad Ibiza che è stata vinta da Cataldo De Leonardo (foto a sinistra).


Clienti

Pata Pata, perla di Sicilia e dolce alcova

dei pensieri rilassati. Con un’occhio all’impatto ambientale e incastonato

nel litorale ibleo è uno dei locali di eccellenza di Sibeg.

è

una storia relativamente giovane, appena 9 anni; ma dai successi, dagli avvenimenti, dai fatti che l’hanno contraddistinta; è una storia che dimostra l’eccellenza e l’effervescenza imprenditoriale che c’è in questo lembo di Sicilia, che si inarca dall’Etna e sino al Val di Noto, creando un arcobaleno naturale, di suoni, luci, colori e fantasia. Quella imprenditoriale, appunto, applicata a questa bella realtà del Pata Pata, nata sei mesi dopo il nucleo iniziale di questo sistema nuovo e diverso di porsi come interlocuzione privilegiata per chi vede nella ricezione turistica la chiave di volta dell’economia del territorio. Giorgio Vindigni, crea Millennium (il nucleo di cui sopra), nel cuore storico di Scicli, dove il barocco pulsa e riflette di luce propria. Sei mesi dopo, siamo nel giugno dell’anno domini 1999, in piena estate, crea Pata Pata (nome di fantasia, “che suonava e suona bene…“, dice Vindigni), su una delle spiagge più belle di Sicilia, dalla sabbia dorata e morbida, all’ombra di una fornace in disuso da 80 anni, i cui resti cadenti, però, ispirano ancora oggi Andrea Camilleri, nel descrivere la “mannara”, luogo ameno che si affaccia sul mare, dove spesso va a parare il suo Montalbano. Il lido Pata Pata è qualcosa di unico e di particolare, assumendo i due termini nelle accezioni più veritiere; unico perché libero, “free village” per usare un inglesismo che meglio d’ogni altro fotografa oggi ciò che è la struttura. Si pagano solo i servizi; per il resto, entrarci non costa nulla; passare da lì, insomma, è un “dovere” assolto con gaudio e felicità, come dimostrano le migliaia di persone che nei mesi estivi affollano una struttura “all inclusive”, che vive 24 ore su 24, tra musica, mare, gusto e divertimenti. Senza soluzione di continuità, dunque; Pata Pata oggi è un lido singolare e diverso, che ti accompagna durante l’arco della giornata, che ti mette a tuo

Da sinistra: Luca Alfano responsabile promoter Sibeg, Giorgio Vindign, Innocenzo Plachino e Stefano Alfano.

agio e che risuona in ogni momento nel modo migliore; riservando qualità di servizio sui livelli eccellenti. Divertire il turista senza disturbare il villeggiante tradizionale, quello di sempre, quello che Sampieri la conosceva come tempio del silenzio ed oggi la scopre come “movida” iblea. Una delle chiavi del successo del Pata Pata riguarda la linea prezzi. L’obiettivo, da queste parti, è quello di contenere i costi dei servizi, perché la clientela va tutelata e non strapazzata. La struttura, vuole essere anche questo, nella consapevolezza che, da privato, si può essere m o t o r e d e l l ’e c o n o m i a turis tic a a pat to di coglierne le opportunità e non dilapidarla con la politica dell’uovo oggi. Innocenzo, S al vo e Gianni oggi sono l’anima d e l Pa t a Pa t a, l’essenza delle idee; punti “umani” di riferimento costanti, per una serie di servizi eccellenti, che beano il gusto, gli occhi e l’animo. La struttura offre ogni genere di confort, di servizio; dal bar, al ristorante, alla pizzeria, ai tabacchi; cocktail, aperitivi e comfort, tanto ed in ogni modo: è il gusto trend dell’estate iblea; l’asse del litorale ibleo by day e by night; il picco dell’attrattiva e dell’estate. Far conto oggi di quanti la frequentino è un po’ come mettersi a contare le stelle; tante, troppe, impossibile ! I numeri dicono così ma quel che più fa piacere ai suoi creatori e il gradimento di quanti la frequentano; un gradimento generalizzato e diffuso che è davvero la fonte della spinta a far sempre più e sempre meglio.

13


Attualità

Informazioni nutrizionali,

Coca-Cola anticipa i tempi della direttiva comunitaria.

Sulle etichette dei prodotti le indicazioni per una dieta equilibrata e uno stile di vita sano.

G

DA, guideline daily amounts, ov vero le quantità giornaliere indicative. Con l’entrata in vigore, lo scorso luglio, del regolamento europeo 1924 / 20 0 6, relati vo alle “indic azioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari”, è fatto obbligo alle aziende alimentari di specificare, chiaramente, sulle etichette dei prodotti alcune indicazioni relative ai valori nutrizionali del prodotto

TESTO 200%

stesso tempo, viene indicata anche la RDA, recommended daily allowance, cioè la percentuale ideale giornaliera del prodotto stesso per una dieta equilibrata secondo i valori approvati dall’autorità europea per la sicurezza alimentare relativi ad adulti sani. Inoltre, in funzione del prodotto, vengono inserite informazioni aggiuntive come la percentuale di sali minerali, per gli sport drinks, o la quantità di vitamine nei succhi di frutta.

Le GDA possono essere considerate un valido punto di riferimento per valutare il contributo di ogni alimento, al fabbisogno giornaliero individuale, dando la possibilità al consumatore di valutare direttamente l’appor to energetico e nutritivo di ciò che consuma in maniera tale da poterlo inserire all’interno di una dieta bilanciata, imparando a combinare gli alimenti in modo da ottenere un apporto ottimale di tutti i vari nutrienti.

73,00 mm

stesso. The Coca-Cola Company, insieme ad altre nove multinazionali del settore, ha anticipato i tempi, la direttiva comunitaria prevede l’inserimento dei nuovi dati solo dallo scorso set tembre, inserendo già le nuove ed ulteriori informazioni che si affiancano a quelle già presenti sulle confezioni. Sulle etichet te vengono evidenziate le percentuali dei quattro composti principali: calorie, grassi, zuccheri e proteine e, allo

14 142,00 mm

142,00 mm


People

Risorse umane,

a Marletta quelle di Acies.

Per il manager catanese una nuova scommessa professionale.

R

isorse umane: dallo scorso novembre 2006 il gruppo Acies ha chiamato Antonio Marletta a gestire questa

po del servizio post vendita delle filiali di un’importante azienda, operante nel settore degli elettrodomestici, nel Regno Unito, Spagna e Russia. Infine, la proposta di Acies, giunta nel Novembre del 2006, lo riporta con grande gioia al sole della Sicilia. “Negli ultimi 15 anni ho cambiato 4 volte città racconta Antonio Marletta - ma con me ho sempre portato 4 cose: la mia mountain bike che mi ha permesso di esplorare e conoscere in profondità i luoghi dove ho vissuto; l’attrezzatura fotografica che mi aiuta ad avvicinarmi meglio alla realtà che mi circonda; una montagna crescente di libri che sono il mio rifugio allo stress di tutti i giorni; la quarta, è il piacevole ricordo delle amicizie fatte”.

funzione. Nato a Catania nel 1973, dopo la maturità classica si trasferisce a Milano dove frequenta la Facoltà di Economia Aziendale presso l’Università Bocconi. Subito dopo la laurea in Economia Aziendale, indirizzo Organizzazione e Risorse Umane, inizia il suo percorso lavorativo nelle “capitali industriali” del ricco nord, maturando esperienze sempre più significative all’interno di aziende di rilievo non solo nazionale. Tra gli incarichi assolti anche quello che lo ha visto protagonista in un importante progetto di svilup-

Ufficio stampa: Latitudine 54°,

dagli spazi infiniti di Chatwin alla comunicazione per Sibeg. Consapevole della strategica importanza di costruire e mantenere i rapporti con i media anche Sibeg, dallo scorso mese di marzo, si è dotata di un suo ufficio stampa affidando l’incarico a Latitudine 54°. L’agenzia di comunicazione e servizi fa capo a Sebastiano Mazzarino, già direttore responsabile del magazine, e Deborha Camuto. Tra i compiti affidati all’ufficio, oltre a quelli canonici di un press office, anche l’implementazione, solo per la parte giornalistica, dei media aziendali, SMIN e internet (w w w.sibeg.it) insieme all’house organ. Perché il nome Latitudine 54°? “ Bella domanda - sorride Sebastiano. Mi sono innamorato di quelle latitudini nel corso delle spedizioni, sedici, effettuati nell’area della “fin del mundo”. La latitudine 54° racchiude in sé l’avventura, quella vera, rappresenta la massima espressione della forza degli elementi della natura. La latitudine dove il silenzio degli spazi infiniti è interrotto dalla musica del vento. Ecco perché Latitudine 54°, la ricerca della sfida”. Sebastiano Mazzarino ha costruito la sua carriera in giro per il mondo documentando gli angoli più remoti del pianeta passando

dall’inestricabile giungla del Borneo, alla Terra del Fuoco senza dimenticare la sua Etna e il blu dei mari del sud est asiatico. Non solo giornalismo e comunicazione, numerosi gli uffici stampa nei crediti dell’agenzia, ma anche turismo nel curriculum e nei progetti di Sebastiano, direttore tecnico di tour operator, e di Latitudine 54°. Quando non veste i panni del giornalista indossa, da 19 anni, la divisa della Croce Rossa Italiana dove è istruttore di soccorsi con mez zi e tecniche speciali, specializzazione aerosoccorso. La passione per gli spor ts estremi, legati alla scoper ta geografica, ha fat to incontrare Sebastiano con Deborha Camuto. Addetta stampa dello scomparso recordman Angelo D’Arrigo, Deborha è sociologa specializzata in comunicazione e mass media, con una significativa esperienza nell’ambito degli studi statistici applicati al marketing. Dopo un

lungo e importante periodo lavorativo a Roma è rientrata all’ombra del vulcano per seguire le imprese di D’Arrigo, che l’ha voluta accanto

a se, occupandosi dei rapporti con i media e della logistica. Quando non si confronta con grafici e numeri ama impugnare la macchina fotografica per immortalare i volti delle persone incontrate in viaggio.

Vivi il lato Coca-Cola dell’estate.

La foto prescelta, tra quelle giunte in redazione, che meglio rappresenta la gioia di vivere il lato Coca-Cola di un viaggio è quella inviata da Enrico D’Arrigo dell’Ufficio ICT di Sibeg Srl. “In viaggio da Dubai verso il deserto per un safari e per fare il “Dune Bashing” a bordo dei fuoristrada, ci siamo fermati in una tipica area di servizio araba, naturalmente brandizzata Coca-Cola. Ne abbiamo approfittato per fare una foto in puro stile CSOL”.

15


Visti da vicino

Gianluca Novello Età: 33 : libero Stato civile sappia no Figli: che io giurisprudenza o: laurea in Titolo di studi : Brand Manager azienda o in a gennaio Ruolo ricopert in Sibeg: 3 anni anni Da quanti

Il tratto principale del tuo carattere: Aggressivo, ambizioso, passionale,testardo…leone 100%. La qualità che preferisci in un uomo: Onestà. La qualità che preferisci in una donna: Onestà. Il tuo sogno di felicità: Continuare a sognare. Il tuo rimpianto: Le cose non dette… L’incontro che ti ha cambiato la vita: Professionalmente l’incontro con Coca-Cola Italia. Nella vita privata…attendo. Il giorno più felice della tua vita: Deve ancora arrivare. Il più infelice: Deve ancora arrivare…ma spero ci sia ancora tempo. La materia scolastica preferita: Italiano. La città: Roma e Catania. Il colore: Nero. La bevanda: Ma che domande…Coca-Cola!!!! Il piatto preferito: Tutto ciò che è salato. Libro preferito di sempre: Aforismi di Oscar Wilde. Poeti preferiti: Baudelaire. Il tuo eroe o eroina: Chiunque riesca a lasciare un segno significativo nella vita. La trasmissione televisiva più amata: Per carità… Il film cult: Fiori d’acciaio. Attore preferito: Non c’è…comunque gli istrioni alla Jack Nicholson. Attrice preferita: Come sopra alla Meryl Streep. La canzone che fischi più spesso sotto la doccia: Di tutto e di più. Personaggio storico più ammirato: Napoleone. Se non avessi fatto il mestiere che hai fatto: Avrei lavorato nell’ambito dello spettacolo… e chi dice che sia tardi… Il dono che vorresti avere: La pazienza. Il regalo più bello che hai ricevuto: Tutti quelli che mi sono fatto con i miei guadagni. Come vorresti morire: E se potessi scegliere secondo te vorrei morire???? Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza: Quelle inconsapevoli. Cosa ti aspetta di ottenere da qui ad un anno in ambito lavorativo: Essere soddisfatto di ciò che faccio…e perché no….un aumento??!!?? Il tuo motto: Le tempeste fanno mettere agli alberi radici più profonde.

16

Francesca Paternò Età: 56 Stato civile: coniugata Figli: 2 Titolo di studio: liceo classic o Ruolo ricoperto in azienda : IS Manager Da quanti anni in Sibeg: 20 anni + 10 come

consulente esterno

Il tratto principale del tuo carattere: Perfezionista (altrimenti detta rompiscatole). La qualità che preferisci in un uomo: Farmi sorridere. La qualità che preferisci in una donna: Non avere… interessi… in comune con me. Il tuo sogno di felicità: Centrare un super-enalotto. Il tuo rimpianto: Non esserci ancora riuscita. L’incontro che ti ha cambiato la vita: Quello tra mio padre e mia madre. Il giorno più felice della tua vita: Deve ancora arrivare. Il più infelice: Il giorno dopo quello più felice. La materia scolastica preferita: La matematica. La città: Qualunque città in riva al mare e ai piedi di un vulcano attivo. Il colore: Nessun dubbio: il rosso. La bevanda: Che domande !!! Il piatto preferito: Spaghetti alla carbonara. Libro preferito di sempre: La Centona di Nino Martoglio. Poeti preferiti: Dante. Il tuo eroe o eroina: Mio marito. La trasmissione televisiva più amata: Carosello. Il film cult: Fantasia di Walt Disney. Attore preferito: Robin Williams. Attrice preferita: Meg Ryan. La canzone che fischi più spesso sotto la doccia: Non so fischiare purtroppo, ma canticchio spesso “All’alba vincerò…”. Personaggio storico più ammirato: Il ragazzino cinese che in piazza Tien Ammen tentava di bloccare il carro armato. Se non avessi fatto il mestiere che hai fatto: La casalinga depressa, ma con tanto tempo per fare shopping e massaggi. Il dono che vorresti avere: Leggere nel pensiero. Il regalo più bello che hai ricevuto: …come per il giorno più bello…: lo sto aspettando ancora. Come vorresti morire: … non vorrei morire, magari ascendere al cielo non sarebbe male. Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza: le bugie con le gambe cortissime. Cosa ti aspetta di ottenere da qui ad un anno in ambito lavorativo: Un notevole aumento di stipendio… che altro ? Il tuo motto: I piccoli passi sono quelli che portano più lontano.


Sibeg S.r.l. Catania - 95121 - ITALY - V Strada Zona Industriale, 28 tel. +39 095 523811 fax +39 095 592713 email sibeg@sibeg.it


Sibeg inside