Page 1

Settimanale ::: Anno 5 N135 ::: 16 Aprile 2010 ::: 1,5 â‚Ź ::: Always Sport Magazine

web

70, 5, 0, 0

copertina foto di Ciamillo Castoria

storicanagni A1

NAPOLI CANCELLATA, RUSH FINALE PER I PLAYOFF minors

LA PRESENTAZIONE DI TUTTE LE GARE


EDITORIALE m ag

w eb

La copertina bordo di AS è dedicata alla Romana Chibianco intorno ai loghi mici Anagni: la sua promozione in A dilettanti 0, 50, 100, 0 70, 5, 0, 0 è qualcosa di magico per la cittadina ciociara, una pagina di storia 50, 50, 50, 100mai scritta prima. Nunzi ha guidato i suoi ragazzi ad un successo forse insperato (come ci ha rivelato il presidente Di Palma nell’intervista all’interno) per come è arrivato, ovvero senza passare dai playoff: una striscia di vittorie che ha permesso di prendere con forza la vetta della classifica ed accendere l’entusiasmo della gente. Al PalaDonati i tifosi per quaranta minuti hanno incitato i propri beniamini, prima di far esplodere la festa con i giocatori all’interno del campo: simbolo di un amore sbocciato definitivamente tra la squadra e la città. Da una favola che inizia e si affaccia al mondo della Serie A, ad una che dalla serie A è finita, forse per sempre. La Sebastiani viene esclusa dal campionato a cinque giornate dalla fine dopo aver giocato per metà stagione con l’U19 per il mancato pagamento della seconda rata professionistica: sembra la classica storia all’italiana, dove a sbagliare sono stati tutti. Nessuno escluso.

Sede e Redazione Via Tommasini 31 00162 Roma

Tel/Fax 06.96035835

Email redazione.as@gmail.com direttore.as@gmail.com www.basketincontro.it info@basketincontro.it

Andrea Alemanni e Nicola Rampa Direttore responsabile

Redazione

Foto

Edito da

Andrea Alemanni

Alessandro Baldi Giuseppe Capuano Roberto De Simone Roberto Contini Emanuele Del Baglivo Matteo Bassi Roberto Pelizzi Vincenzo Arma Emanuele Bellizzi

Ciamillo/Castoria Christian De Massis Pino Rampolla Giuliano Ciolini Sonia Simoneschi Cecilia Palombo

Registrato presso il Tribunale di Roma N° 370/2006 del 29/09/2006

Vicedirettore Nicola Rampa

Art Director Stefania Gubbiotti

Grafico Rocco Lotito

2008


TREVISO ULTIMA CHIAMATA; BOLO

A1

Una Benetton così a Treviso forse non l’avevano viste nemmeno nell’anno del famoso caso Lorbek, quando un errore burocratico rovinò la stagione sul campo. In questo caso a mandare all’aria i piani di dirigenti e tifosi ci sta pensando direttamente la squadra, che continua a rimediare brutte figure in giro per l’Italia e che ad oggi sarebbe out dai play off senza appello. L’addio a Neal è stato l’ennesimo duro colpo per Repesa, che sembra non riuscire a trovare il bandalo della matassa per risollevare i verdi. La medicina potrebbe essere l’adrenalina data da una sfida sempre molto sentita in Veneto, quella contro le Vu Nere di Sabatini che lo scorso anno salutarono la corsa alla finale scudetto proprio con 3 sconfitte rimediate al PalaVerde ai quarti di finale play off. Per Bologna, la Benetton è una sorta di bestia nera, anche all’andata gli uomini di Lardo furono beffati sulla sirena da una prodezza di Neal (guarda caso), che rimane ancora oggi forse la miglior giocata dell’intera stagione in A1. La Virtus dal canto suo continua però a mancare quel salto di qualità che ogni volta sembra maturo, ma che inevitabilmente viene rimandato: domenica scorsa sconfitta casalinga contro Cantù che è costata l’aggancio da parte di ben 4 squadre al 2° posto. Un colpo che però siamo certi coach Lardo sarà bravo ad usare come spinta emotiva per far reagire i suoi, grandi favoriti in questa sfida nonostante Treviso, come detto, sia un campo tabù. In casa Benetton invece l’unica buona notizia arriva da Alessandro Gentile, che continua il suo rodaggio in A1 nel migliore dei modi, anche se è davvero impossibi-

4

di Alessandro Baldi foto Ciamillo Castoria ma g

we b


OGNA 2° POSTO DA NON SPRECARE le chiedere ad un ragazzo di 18 anni di risolvere partite di questo tipo. Si chiede dunque una svolta ai veterani, da Kus a Nicevic, sperando nell’impatto del nuovo arrivato Dixon, e in un risveglio da parte di chi ha deluso tutto l’anno, come Hackett. LA GIORNATA ROMA- VARESE Dopo aver sfatato il tabù trasferta, la Lottomatica torna a giocare tra le mura amiche, contro Varese c’è un’ottima possibilità per consolidare la posizione play off raggiunta e magari rosicchiare ancora qualcosa a chi precede. Varese ha poco da chiedere, se non la salvezza sicura, ma al PalaEur da quando è arrivato Boniciolli sono cadute tutte. Precedenti 27: 20W Roma, 7W Varese Pronostico: Roma 70%, Varese 30% CREMONA- MILANO Derby lombardo di grande importanza per entrambe: Vanoli che deve allontanarsi dall’ultimo posto, ora a +2, Milano che cerca di risalire in seconda piazza. Caja affronta il suo passato con l’intenzione di fare uno scherzetto all’Armani, che in trasferta deve ancora trovare la giusta solidità. Precedenti: Inedita Pronostico: Cremona 40%, Milano 60% MONTEGRANARO- SIENA Trasferta insidiosa per la capolista, Montegranaro ha fermato la sua splendida striscia con due sconfitte di misura, ma resta sempre la miglior formazione (Siena esclusa) di questo girone di ritorno. Vediamo se gli uomini di Frates sapranno regalare un’altra partita combattuta al campionato, contro una Montepaschi che

we b

A1

da qui fino alla fine vuole fare percorso netto. Precedenti 3: 1W Montegranaro, 2W Siena Pronostico: Montegranaro 20%, Siena 80% PESARO- BIELLA Due squadre che ad inizio stagione erano pronosticate da quasi tutti come sicure ai play off, si ritrovano a giocarsi 2 punti d’oro per la salvezza. Pesaro rinfrancata dal successo di Ferrara che vale mezza stagione, Biella che fa esordire Trey Johnson, ennesimo americano in quest’annata difficile per gli infortuni. Precedenti 10: 8W Pesaro, 2W Biella Pronostico: Pesaro 55%, Biella 45% CANTU’- FERRARA Dopo l’esclusione di Napoli, Cantù è seconda solitaria in classifica, una posizione legittimata dal successo esterno su Bologna di domenica scorsa. Ci sarà grande entusiasmo al Pianella, ma la partita contro Ferrara è tutt’altro che semplice, visto che Spinelli e compagni sono ormai con l’acqua alla gola. Precedenti 1: 1W Ferrara Pronostico: Cantù 60%, Ferrara 40% CASERTA- AVELLINO Gran derby campano che promette spettacolo sugli spalti proprio come all’andata. Caserta ha 6 punti in più dell’Air, che occupa l’ultimo posto disponibile per i play off, partita di grande intensità e probabilmente di equilibrio, a decidere sarà la vena dei protagonisti in campo e chi saprà tenere i nervi saldi. Precedenti 2: 1W Caserta, 1W Avellino Pronostico: Caserta 60%, Avellino 40%

5


SERIE A1 - STATISTICHE DI SQUADRA

CLASSIFICA 1.   Montepaschi Siena

44

23 22 

1

2030

1598

432

88.3

69.5

2.   NGC Medical Cantu’

30

24 15 

9

1846

1810

36

76.9

75.4

3.   Sigma Coatings Montegranaro

28

23 14 

9

1807

1812

-5

78.6

78.8

4.   Pepsi Caserta

28

23 14 

9

1863

1772

91

81.0

77.0

5.   Armani Jeans Milano

28

23 14 

9

1750

1713

37

76.1

74.5

6.   Canadian Solar BO

28

23 14 

9

1750

1684

66

76.1

73.2

7.   Lottomatica Roma

26

24 13  11 

1872

1853

19

78.0

77.2

8.   Air Avellino

22

23 11  12 

1728

1784

-56

75.1

77.6

9.   Benetton Treviso

20

23 10  13 

1837

1907

-70

79.9

82.9

10.   Banca Tercas Teramo

18

24

9

15

1839

1846

-7

76.6

76.9

11.   Angelico Biella

18

24

9

15

1852

1949

-97

77.2

81.2

12.   Cimberio Varese *

16

23

9

14

1725

1857

-132

75.0

80.7

13.   Scavolini Spar Pesaro

16

24

8

16

1925

2007

-82

80.2

83.6

14.   Vanoli Cremona

14

23

7

16

1833

1926

-93

79.7

83.7

15.   Carife Ferrara  * 2 punti di penalizzazione

12

23

6

17

1711

1850

-139

74.4

80.4

PUNTI FATTI TIRI DA 2% TIRI DA 3% Montepaschi Siena  90.40   Montepaschi Siena  59.32   Montepaschi Siena  43.20   Pepsi Caserta  85.32   Lottomatica Roma  58.71   NGC Medical Cantu’  41.40   Benetton Treviso  84.08   Air Avellino  56.97   Scavolini Spar Pesaro  39.90   Vanoli Cremona  82.36   Armani Jeans Milano  56.15   Benetton Treviso  39.63   Scavolini Spar Pesaro  82.04   Benetton Treviso  55.81   Montegranaro  38.14   Montegranaro  81.04   Pepsi Caserta  55.57   Cimberio Varese  37.92   Lottomatica Roma  80.40   Scavolini Spar Pesaro  55.48   Pepsi Caserta  37.90   Armani Jeans Milano  80.00   Angelico Biella  55.28   Canadian Solar BO  37.52   Air Avellino  79.28   Carife Ferrara  55.20   Banca Tercas Teramo  36.91   Angelico Biella  79.04   Canadian Solar BO  54.77   Lottomatica Roma  36.54   NGC Medical Cantu’  78.96   NGC Medical Cantu’  54.72   Angelico Biella  36.48   Carife Ferrara  78.12   Vanoli Cremona  54.21   Vanoli Cremona  34.68   Canadian Solar BO  77.72   Montegranaro  53.19   Carife Ferrara  34.02   Cimberio Varese  77.16   Banca Tercas Teramo  52.12   Armani Jeans Milano  32.57   Banca Tercas Teramo  76.96   Cimberio Varese  50.65   Air Avellino  31.51 

RIMBALZI PUNTI SUBITI recuperi  Armani Jeans Milano  37.32   Montepaschi Siena  67.80   Montepaschi Siena  20.72   Pepsi Caserta  36.32   Canadian Solar BO  71.68   Lottomatica Roma  19.16   Air Avellino  35.36   Armani Jeans Milano  72.96   Vanoli Cremona  17.80  Montegranaro  35.20   NGC Medical Cantu’  73.88   Pepsi Caserta  17.60   Benetton Treviso  35.04   Pepsi Caserta  75.16   Benetton Treviso  17.60   Banca Tercas Teramo  34.20   Lottomatica Roma  75.60   Carife Ferrara  17.36   Vanoli Cremona  33.92   Air Avellino  76.48   Air Avellino  17.32   Angelico Biella  33.84   Banca Tercas Teramo  76.68   Armani Jeans Milano  17.28   Montepaschi Siena  33.76   Montegranaro  77.80   Canadian Solar BO  17.28   Scavolini Spar Pesaro  33.44   Carife Ferrara  78.36   Scavolini Spar Pesaro  16.88   Canadian Solar BO  33.40   Cimberio Varese  79.80   Banca Tercas Teramo  16.48   Cimberio Varese  33.36   Benetton Treviso  80.00   Montegranaro  16.28   Carife Ferrara  32.92   Angelico Biella  80.12   Angelico Biella  15.72   NGC Medical Cantu’  32.44   Vanoli Cremona  81.60   NGC Medical Cantu’  15.60   Lottomatica Roma  31.96   Scavolini Spar Pesaro  82.84   Cimberio Varese  15.52 

6

ma g

we b


Aradori Pietro  Angelico BI  16.96   Ere Ebi  Pepsi CE  16.48   Hicks Michael  Scavolini Spar PS  15.88   Jackson Luke  Carife FE  15.80   Lavrinovic Ksistof  Montepaschi SI  15.38   Brown Dee  Air AV  14.84   Bell Troy  Vanoli CR  14.72   Smith Joe  Angelico BI  14.50   Jaaber Ibrahim  Lottomatica RM  14.28   Williams Eric  Scavolini Spar PS  14.05   Rowland Earl Jerrod  Vanoli CR  14.00   Finley Morris  Armani J. MI  14.00   Ciavarroni Riccardo  Nuova AMG Sebastiani   13.87   Jones Jumaine  Pepsi CE  13.68  RIMBALZI  Brunner Greg  Sigma C. Montegranaro  9.38   Troutman Chevon  Air AV  8.29   Williams Eric  Scavolini Spar PS  8.14   Wallace Charles Judson  Benetton TV  7.91   Jones Jumaine  Pepsi CE  7.88   Pasco Pervis  Angelico BI  7.46   Hall Mike  Armani J. MI  7.29   Ivanov Dejan  Sigma C. Montegranaro  6.28   Rocca Mason Richard  Armani J. MI  6.16   Szewczyk Szymon  Air AV  6.12  ASSIST   Brown Dee  Air AV  5.52   Green Marques  Scavolini Spar PS  5.28   Poeta Giuseppe  Banca Tercas TE  4.46   Smith Joe  Angelico BI  4.21   Mc Intyre Terrell  Montepaschi SI  4.09 

SERIE A1- STATISTICHE PERSONALI

PUNTI Grundy Anthony  Carife FE  17.87 

Finley Morris  Armani J. MI  4.08   Childress Randolph  Cimberio VA  3.72   Rowland Earl Jerrod  Vanoli CR  3.56   Kus Davor  Benetton TV  3.00   Bowers Timothy Jermaine  Pepsi CE  2.95 VALUTAZIONE   Lavrinovic Ksistof  Montepaschi SI  19.94   Troutman Chevon  Air AV  18.46   Aradori Pietro  Angelico BI  18.32   Rowland Earl Jerrod  Vanoli CR  17.92   Neal Gary  Benetton TV  17.82   Brunner Greg  Sigma C. Montegranaro  17.58   Williams Eric  Scavolini Spar PS  17.29   Finley Morris  Armani J. MI  16.62   Grundy Anthony  Carife FE  16.61   Jones Jumaine  Pepsi CE  16.44

we b

7


A2

BRINDISI PRONTA AD ESPLODERE: I Il basket sa essere imprevedibile lo sappiamo bene, come lo sanno bene a Brindisi, dove qualche settimana fa forse nemmeno il più ottimista poteva immaginare di ritrovarsi a pochi centimetri dalla serie A1 a 3 giornate dalla fine. La caduta libera di Sassari ha sicuramente agevolato il volo della squadra di Perdichizzi, ma sarebbe ingeneroso togliere meriti a chi ha lavorato per un sogno in tutti questi mesi. Brindisi merita semplicemente la A1 per essere stata la squadra più continua, e per aver dimostrato negli scontri diretti (proprio contro Sassari e contro Reggio Emilia) di essere la più forte. Manca solo l’ufficialità, che potrebbe arrivare addirittura sabato sera se il Banco dovesse cadere a Veroli, ipotesi più che probabile visto il momento di crisi nera dei sardi. C’è da scommettere, però, che giocatori e tifosi preferiscano ottenere questa gioia vincendo sul campo: nella gara in programma domenica a Scafati è pronto un esodo (1500 dalla città pugliese) e il risultato, sia per valori tecnici, che per morale, sembra pendere dalla parte dell’Enel. Non sarà ovviamente una passeggiata, si affrontano le due formazioni che tirano meglio da 3 punti, dunque Scafati ha le armi per mettere in difficoltà i suoi avversari, tanto più che i campani con 2 punti potrebbero entrare ufficialmente in zona play off. Domenica potrebbe però essere una giornata storica per la società Brindisi e per la sua città, per il suo presidente Antonio Corlianò, e per un popolo che in caso di promozione meriterà ben altro palcoscenico rispetdi Alessandro Baldi

8

ma g

we b


IL SOGNO PIU’ BELLO AD UN PASSO

A2

to ai 2500 dell’attuale PalaPentassuglia, decisamente troppo piccolo per contenere un entusiasmo ormai straripante e contagioso.

la testa di serie numero 1 nei play off, essendo ormai in scia a Sassari. Grande sfida tra Whiting, capocannoniere del campionato, e Hite, che sembra aver preso in mano l’attacco reggiano (33 LA GIORNATA punti nella scorsa gara). VEROLI- SASSARI Pronostico: Imola 40%, Reggio Emilia Partita di cartello della giornata, Sassari 60% dopo i segnali di ripresa lanciati a Reggio Emilia vuole tornare a vincere; dall’altra JESI- UDINE parte Veroli con la testa ai play off, ma Sfida ad alta tensione per Jesi, invile ultime brutte prestazioni hanno fatto schiata nella zona retrocessione, Udine scattare più di un allarme in casa giallo- viaggia invece col conforto dei risultati rossa. Partita ricca di interesse. che nel girone di ritorno hanno permesPronostico: Veroli 51%, Sassari 49% so ai friuliani di tornare lassù. Favoriti i padroni di casa, che se perdono rischiaLATINA- CASALE MONFERRATO no davvero di avere brutte sorprese in Latina ormai retrocessa, si preannuncia questo finale. una gara facile per Casale Monferrato Pronostico: Jesi 55%, Udine 45% che può agguantare il 3° posto in questo finale di regular season; in casa pontina PAVIA- RIMINI si gioca solo per l’orgoglio. Pavia deve vincere a tutti i costi, RimiPronostico: Latina 20%, Casale Monfer- ni continua a viaggiare sull’altalena ma rato 80% in un’annata tremendamente difficile a livello economico, i play off potrebbeVIGEVANO- VENEZIA ro cambiare le carte in tavola. Passare La neopromossa che sta stupendo il però sul campo dei lombardi sembra campionato vuole punti per la post sea- dura, Forte e compagni avranno il colson, anche se Venezia non può abbas- tello tra i denti. sare la guardia con Pavia alle costole: Pronostico: Pavia 55%, Rimini 45% serve un successo anche in trasferta, la squadra di coach Mazzon ha cambiato PISTOIA- CASALPUSTERLENGO marcia in casa, ma non basta. Per sal- Due squadre tranquille, con Pistoia che varsi servono anche punti on the road. può staccare il pass definitivo per la post Pronostico: Vigevano 55%, Venezia season, mentre per Casalpusterlengo i 45% play off sarebbero davvero la ciliegina sulla torta di una stagione ottima, culmiIMOLA- REGGIO EMILIA nata con una salvezza abbondante. Derby in cui sembra avere qualcosa da Pronostico: Pistoia 60%, Casalpusterperdere solo Reggio Emilia, che insegue lengo 40%

we b

9


LEGADUE - STATISTICHE DI SQUADRA

CLASSIFICA 1.   Enel Brindisi

40

27 20 

7

2266

2071

195

83.9

76.7

2.   Banco di Sardegna Sassari

36

27 18 

9

2247

2104

143

83.2

77.9

3.   Trenkwalder Reggio Emilia

34

27 17  10 

2046

2018

28

75.8

74.7

4.   Fastweb Casale Monf.

32

27 16  11 

2095

2050

45

77.6

75.9

5.   Snaidero Cucine Udine

32

27 16  11 

2074

1999

75

76.8

74.0

6.   Prima Veroli

32

27 16  11 

2270

2177

93

84.1

80.6

7.   Miro Radici Finance Vigevano

30

27 15  12 

2037

2073

-36

75.4

76.8

8.   Carmatic Pistoia

28

27 14  13 

2167

2154

13

80.3

79.8

9.   UCC Casalpusterlengo

24

27 12  15 

2139

2205

-66

79.2

81.7

10.   Edilizia Moderna Rimini

24

27 12  15 

2209

2188

21

81.8

81.0

11.   Bialetti Scafati

24

27 12  15 

2119

2054

65

78.5

76.1

12.   Aget Imola

24

27 12  15 

2118

2273

-155

78.4

84.2

13.   Fileni Jesi

20

27 10  17 

2197

2241

-44

81.4

83.0

14.   Umana Venezia

20

27 10  17 

1997

2077

-80

74.0

76.9

15.   Paul Mitchell Pavia

18

27

9

18

2090

2162

-72

77.4

80.1

16.   AB Latina

14

27

7

20

1987

2212

-225

73.6

81.9

PUNTI FATTI TIRI DA 2% TIRI DA 3%  Prima Veroli  84.07   Prima Veroli  58.04   Enel Brindisi  40.39   Enel Brindisi  83.93   Enel Brindisi  54.63   Bialetti Scafati  38.56   BancoSardegna  83.22   Carmatic Pistoia  54.10   Edilizia Moderna Rimini  38.13   Edilizia Moderna Rimini  81.81   Snaidero Cucine Udine  53.73   Prima Veroli  38.05   Fileni Jesi  

81.37  UCC Casalpusterlengo  53.27   Aget Imola  37.71 

Carmatic Pistoia  80.26   Aget Imola  53.17   Fastweb Casale  37.70   UCC Casalpusterlengo  79.22   Edilizia Moderna Rimini  53.16   Paul Mitchell Pavia  37.02   Bialetti Scafati  78.48   BancoSardegna  53.04   Snaidero Cucine Udine  36.91   Aget Imola  

78.44  Bialetti Scafati  52.68   BancoSardegna  36.69 

Fastweb Casale  77.59   Fastweb Casale  52.09   Fileni Jesi  36.38   Paul Mitchell Pavia  77.41   Umana Venezia  52.00   Carmatic Pistoia  36.31   Snaidero Cucine Udine  76.81   Miro Radici Finance VI  51.23   UCC Casalpusterlengo  35.05   Trenkwalder RE  75.78   Fileni Jesi  51.22   Trenkwalder RE  33.97   Miro Radici Finance VI  75.44   Trenkwalder RE  51.18   AB Latina  33.69   Umana Venezia  73.96   AB Latina  51.16   Umana Venezia  31.67   AB Latina  

73.59 Paul Mitchell Pavia  48.05  Miro Radici Finance VI  31.14 

RIMBALZI TIRI LIBERI % PALLE RECUPERATE Trenkwalder RE  37.89   BancoSardegna  79.96   UCC Casalpusterlengo  19.00   Miro Radici Finance VI  35.96   Enel Brindisi  79.53   Edilizia Moderna Rimini  18.56   Umana Venezia  35.93   Paul Mitchell Pavia  77.62   Miro Radici Finance VI  18.48   Fileni Jesi  34.96   Bialetti Scafati  77.12   Paul Mitchell Pavia  17.93   Snaidero Cucine Udine  34.41   Edilizia Moderna Rimini  76.75   Enel Brindisi  17.67   UCC Casalpusterlengo  34.37   Fileni Jesi  76.33   BancoSardegna  17.67   Carmatic Pistoia  34.07   Snaidero Cucine Udine  72.26   Carmatic Pistoia  17.41   Edilizia Moderna Rimini  34.00   Prima Veroli  71.93   Fileni Jesi  17.15   BancoSardegna  33.89   Fastweb Casale  71.48   AB Latina  17.15   Enel Brindisi  33.85   Carmatic Pistoia  71.48   Umana Venezia  17.07   Bialetti Scafati  33.44   Trenkwalder RE  71.02   Aget Imola  16.96   Prima Veroli  32.56   Aget Imola  69.79   Prima Veroli  16.26   Paul Mitchell Pavia  32.30   Miro Radici Finance VI  69.11   Bialetti Scafati  16.19   Fastweb Casale  32.11   UCC Casalpusterlengo  68.11   Trenkwalder RE  15.78 

10

AB Latina  

32.07  Umana Venezia  66.41   Fastweb Casale  14.52 

Aget Imola  

31.78 AB Latina  66.02  Snaidero Cucine Udine  14.26

ma g

we b


Goss Phil  Bialetti Scafati  21.33   Kemp Marcelus  Banco di Sardegna SS  19.70   Slay Tamar  Carmatic Pistoia  19.48   Crispin Joseph Steven  Enel Brindisi  18.88   Young Alvin  Umana Venezia  18.65   Adams Thomas  Fileni Jesi  18.63   Thomas Omar  Enel Brindisi  18.30   Rowe Jason  Banco di Sardegna SS  18.15   Hines Kyle Tyrrel  Prima Veroli  18.00   Boyette Jermaine  Vigevano  17.70   Hubalek Jiri  Banco di Sardegna SS  17.59   Ostler Troy  UCC Casalpusterlengo  17.52   Skinn Anthony Oludewa  Carmatic Pistoia  17.37   Waleskowski Keith  Fileni Jesi  17.35 RIMBALZI  Ebi Ndudi  Edilizia Moderna Rimini  13.78   Waleskowski Keith  Fileni Jesi  10.00   Chiacig Roberto  Bialetti Scafati  8.91   Ezugwu Peter  Aget Imola  8.58   Boykin Ruben  Paul Mitchell Pavia  8.41   Hines Kyle Tyrrel  Prima Veroli  7.89   Thomas Omar  Enel Brindisi  7.85   Brkic David  Snaidero Udine  7.54   George Nicholas James  Fastweb Casale Monf.  7.22   DiGiuliomaria Christian  Umana Venezia  7.22 ASSIST  Hatten Marcus  UCC Casalpusterlengo  4.93   Levin Mats  Fastweb Casale Monf.  4.57   Rowe Jason  Banco di Sardegna SS  4.30   Nissim Afik  Prima Veroli  3.96   Brown Lelton  Snaidero Udine  3.58   Eldridge Courtney  AB Latina  3.15 

LEGADUE - STATISTICHE PERSONALI

PUNTI Whiting Trent  Aget Imola  21.81 

Draper Dominic Dontaye  Prima Veroli  3.10   Bertolazzi Matteo  Vigevano  3.07   Garris Kiwane  Umana Venezia  3.06   Whiting Trent  Aget Imola  3.04 VALUTAZIONE Whiting Trent  Aget Imola  25.04   Ebi Ndudi  Edilizia Moderna Rimini  24.93   Thomas Omar  Enel Brindisi  23.41   Hines Kyle Tyrrel  Prima Veroli  23.30   Goss Phil  Bialetti Scafati  22.96   Waleskowski Keith  Fileni Jesi  20.91   Brkic David  Snaidero Udine  20.46   Slay Tamar  Carmatic Pistoia  19.96   Boyette Jermaine  Vigevano  19.15   Chiacig Roberto  Bialetti Scafati  18.83

we b

11


CASTELLETTO ORECCHIE A VERONA SAN SEVERO ATTENTA ALLE SPALLE

Adil

GIRONE A Ultimo ballo di 40 minuti e poi si parte in direzione del raduno ristretto chiamato play off. Nel girone A, figlio del centocinquantesimo regolamento diverso tra i 3 campionati nazionali (….) le posizioni delicate non sono legate alla vetta dove Forlì è sicura del primo posto e del faffore campo (ma sarà una battaglia con la F , basta ricordare la finale di Coppa Italia) , ma casomai c’è da seguire il duello per l’ottavo posto con verona e Castelletto in corsa. Ovviamente Castelletto ha la strada spianata a Jesolo ma se Verona vince gli è comunque davanti per la differenza canestri nello scontro diretto (di 1 punto!). Insomma grande indecisione con la bagarre legata anche al quarto posto con 5 squadre in corsa ma Brescia favorita. Insomma l’ultima giornatya per certi versi ma la prima per quello che riguarda la fase calda della stagione. I posti al sole, nel sogno della serie A, sono pochissimi. Ma questo è il momento in cui nessuno vuole rinunciare a sognare.

GIRONE B Insomma, vi avevamo detto che da questa fase ad orlogio saremmo usciti con le idee più confuse di prima ed effettivamente è andata esattamente così. A Ferentino serve un miracolo per entrare nei play off, Palestrina rischia moltissimo, San Severo si gioca la terza piazza (occhio a Trapani che può passare a Perugia) e Ruvo non può fallire l’appuntamento contro Siena che vale una stagione. Insomma di sicuro non c’è nulla, solo la vetta con Barcellona che sta organizzando la post season ed il fondo della classifica ormai deciso da tempo. In due parole: la pretendenti alla Legadue sono sostanzialemente Barcellona e Ostuni con Trapani e San Severo che comunque non vogliono arrendersi,tutte le altre vivono le emozioni giornata per giornata ma (in tutta franchezza) nessuna sembra avere l’intenzione e la possibilità di accedere al professionismo. Chi pensa che sarà un play off scontato però, si sbaglia di grosso. Il girone sud storicamente, è quello più ricco di trappole.

GIRONE A - 30a giornata Amori Bologna Garda Cartiere Riva Bitumcalor Trento PentaGruppo Ozzano Acegas Aps Trieste VemSistemi Forlì Tezenis Verona Co.Mark Treviglio Paffoni Omegna AgricolaGloria Montecatini JesoloSandonà Bk Nobili SBS Castelletto Edilcost Osimo Centrale del Latte Brescia GIRONE B - Fase a orologio Publisys Potenza Sigma Barcellona Assi Basket Ostuni Mazzeo San Severo Liomatic Perugia Basket Trapani Adriatica Industriale Ruvo Consum.it Siena Nuove Frontiere S.Antimo Etika & Solsonica Palestrina FMC Ferentino Bawer Matera Moncada Agrigento Centro Auto Ford Molfetta di Andrea Alemanni

12

ma g

we b


Solsonica sfavorita, ma sarà battaglia

Adil

SANT’ANTIMO NomE

20 4 5 6 7 8 9 10 11 14 18

CANTONE Carlo D’ORTA Dario POLITI Filippo COMPAGNONE Sossio PETRAZZUOLI Onorio VALENTINI Iacopo VICO Carlos Sebastian GATTI Simone GIZZI Mike SAVARESE Giuseppe MARTONE Raffaele

Ruolo

1 1 5 5 1 2 1 5 2-3 2 5

Nato

AltEZZA

1985 1991 1980 1989 1988 1986 1986 1982 1975 1989 1990

185 168 205 203 192 193 192 202 196 191 205

All. Alfredo Foglia Tutto in una sera, proprio così. La stagione della Solsonica si gioca in questi ultimi quaranta minuti, ricchi di passione e pressione in un dentro o fuori da brividi a Sant’Antimo. Gli arancioverdi quindi, dopo il successo nel derby, provano il colpo di reni che regalerebbe i play off, obiettivo dichiarato di inizio stagione. Di fronte come detto c’è Sant’Antimo, che dopo lo stop di Siena si gioca come Palestrina le ultime possibilità di accesso alla seconda fase. Successo di tutti Se Palestrina è ancora in gioco, molto lo si deve alla vittoria nel derby, una partita molto difficile e sentita, che al di là del risultato ha lasciato molti buoni spunti a coach Steffè: “E’ stato un derby particolare, in cui al contrario di quelle che erano le attese di inizio

14

di Emanuele Bellizzi foto Palombo ma g

we b


battaglia fino all’ultimo secondo

Adil

PALESTRINA NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4  ALESSANDRI Filippo  1-2  1989 190  5   BRONZINO Gustavo  1-2  1990 194  7   PERNA Luca  1-2  1989 182  8   LAUDONI Stefano  2-3  1989 197  10   GAGLIARDO Filippo  5  1978 206  11   LAGIOIA Andrea  2-3  1986 193  12   BENINI Emiliano  4  1977 204  14   GIRONI Simone  4-5  1976 205  15   RISCHIA Simone  1-2  1990 182  16   CARA Augusto  3  1989 196  18   BARRACO Giacomo  3  1987 204  20   PLATEO Tommaso  1-2  1978 187  All. Furio Steffè

                     

stagione entrambe le squadre hanno giocato per lo stesso traguardo da raggiungere. Nonostante questo siamo stati bravi a rimanere in partita soprattutto a livello mentale così da potercela giocare negli ultimi minuti, proprio così come è stato”. La soddisfazione più grande per il coach triestino però, esula dalla vittoria, ed è una sorta di ringraziamento al numeroso pubblico di Palestrina: “La soddisfazione più grande a livello personale è stato vedere tantissima gente al palazzetto, venuta a sostenerci e tifare per noi. Credo che sia una cosa di cui andare orgogliosi e non nascondo che uno dei fattori che poi ci ha portato alla vittoria è stato sicuramente il tifo incandescente di questa gente splendida”.

ha un problema al ginocchio operato che gli sta dando molto fastidio e gli impedisce di correre normalmente; Bronzino soffre per una distorsione alla caviglia e Plateo soffre per problemi al ginocchio. Come al solito non siamo fortunati ma conto di recuperare qualcuno così da poterci giocare tutte le nostre possibilità”. Sulle caratteristiche della formazione campana invece Steffé ha le idee chiarissime: “La nostra preoccupazione più grande riguarda senz’altro il fattore campo che sappiamo essere tra i più difficili per la pressione ambientale che subisci dall’inizio alla fine. Ad ogni modo non dovremo spaventarci e giocare con orgoglio e determinazione tutte le nostre carte. Non sarà una sfida semplice ma se riusciremo a rimanere attaccati alla S.Antimo favorita partita credo che potremo avere un’ocOra però c’è la sfida con Sant’Antimo casione da sfruttare assolutamente”. e i problemi di Steffé, neanche a dirlo, Del resto la Solsonica si gioca tutto in cominciano dall’infermeria: “Laudoni una sera, contro tutto e tutti.

we b

15


Adil

Ferentino tra tanti problemi cerca ferentino NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4 METREVELI Nika 5 1991 211 5  CALBINI Paolo  1  1972 184  6   METZ Matteo  3  1988 194  7   CIRCOSTA Valerio  1  1987 188  8   MASTRANGELI Ernesto  1-2  1990 180  9   BONAIUTI Mauro  2-3  1978 192  10   GUASTAFERRO Gabriele  1-2  1991 178  11   ZACCARIELLO Leonardo  2  1982 190  13   PONGETTI Luca  4-5  1990 200  14   ZIVIC Diego  4  1976 198  15   OCHOA Ignacio  4-5  1979 202  18   MODICA Francesco  3-4 1982 203  All. Massimo Friso

                   

Dopo la sconfitta nel derby, ennesima delusione di una stagione sfortunata, è arrivato un altro sfogo del presidente Ficchi, che ha attaccato tutti senza prendersela con nessuno in particolare. Più che altro sono state riconsiderate alcune scelte, come l’addio a Rajola, e criticato l’atteggiamento di un gruppo che appare disunito e privo di quella voglia che almeno nelle prime giornate aveva portato ad una striscia di sei vittorie nelle prime sette partite. Stagione no Parole importanti che il coach dei gigliati Friso ha così commentato: “Non entro nel merito delle parole del presidente, anche perché credo che nessuno ad inizio anno poteva pensare che Ferentino potesse fare questo cammino. Per quanto riguarda Rajola ammetto che ci è mancata la figura del leader ma anche in questo caso non possia-

16

di Emanuele Bellizzi foto basketferentino.it ma g

we b


cerca una qualificazione impossibile

Adil

matera NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4  AMADORI Marco  2  1989 191   5   D’ERCOLE Luca  1  1993 186   6   GILARDI Federico Adolfo  1-2  1979 190   7   GERGATI Francesco  1  1987 190   8   PROVENZANO Stefano  3  1986 195   9   LONGOBARDI Francesco  2-3  1969 198   10   LOVATTI Fabio  1  1989 192   12   VIGNOLA Innocenzo  2-3  1992 190   17   HASSAN Norman  2  1990 197   19   GRAPPASONNI Cristiano  4  1972 204   20   CANDIDO Fulvio  5  1983 207   BONORA Davide 1 1973 188 All. Francesco Ponticello mo dimenticare l’assenza di Ochoa che doveva essere il nostro leader designato”. Parlando nello specifico del derby invece, Friso analizza e spiega i motivi di una sconfitta davvero pesante: “E’ stata una partita brutta, in cui abbiamo tirato con percentuali ridicole. Questo perché minuto dopo minuto è subentrato quel timore e quell’ansia di perdere che ci ha demoralizzati più di quanto già non fossimo”. Sconfitta decisiva che ha allontanato forse definitivamente i playoff e che potrebbe rendere inutile la vittoria con Matera visto che adesso la qualificazione non dipende più solo dai ciociari. Qualcosa da cambiare Ad ogni modo per mantenere viva la speranza di qualificazione bisognerà vincere innanzitutto la sfida con Matera che come Friso spiega presenta diverse insidie. “E’ una squadra che non è invischiata in nessuna lotta, comun-

we b

que ben organizzata e fatta di giocatori esperti e dotati di un ottimo tiro. Più che altro però mi preoccupa molto di più la mia squadra che si ritrova senza Ochoa, probabilmente il nostro miglior giocatore, e con il morale sotto i tacchi per una situazione che di certo non fa piacere a nessuno”. Una situazione difficile quindi per la FMC che però vuole assolutamente chiudere con una vittoria la stagione: “Non sarà semplice, vista la nostra condizione psicofisica, ma abbiamo il dovere morale di impegnarci al massimo e sperare nell’impossibile”, Infine uno sguardo al futuro, pieno di ombre ma con qualche scomoda certezza: “Per quanto riguarda la mia posizione sarà il presidente a decidere. Per quel che riguarda la squadra invece, è inutile nascondersi, qualcosa andrà cambiato e sarà necessario fare delle scelte scomode ma obbligate”.

17


VERONA-TREVIGLIO UNA PA

Adil

verona NomE

4 5 6 8 9 10 11 12 14 15 18

PANNI Alessandro DRI Filiberto GANDINI Luca GUEYE Ousmane FERRARESE Simone ROSSATO Alberto CAMPIELLO Andrea NOBILE Matteo BELLINA Federico TISATO Davide GORI Francesco

Ruolo

1 2 4-5 1-2 1 4 3 4 4 2 2

Nato

AltEZZA

1991 1989 1985 1982 1987 1990 1987 1973 1979 1981 1977

183 190 205 188 181 202 199 207 205 193 196

All. Filippo Faina Siamo arrivati quasi alla fine del torneo ed ancora le ultime posizioni per i play off non sono state assegnate. Tra le squadre ancora in lotta ci sono Verona e Treviglio che si affronteranno in uno scontro diretto che ricorda molto uno spareggio. EPISODI Data la concomitante partita fra Castelletto e Jesolo, a Verona non resta altra possibilità che vincere per centrare la qualificazione ai play off. “La situazione è molto chiara- commenta coach Fainanoi dobbiamo solo vincere, ma non sarà assolutamente facile perché anche Treviglio rischia grosso in caso di sconfitta quindi giocherà come noi alla morte”. La difficoltà del match, oltre all’ elevatissima posta in palio per entrambe le formazioni, risiede nella similitudine tra i due roster entrambi molto fisici ma con ottime qualità perimetrali. “Treviglio ha un roster di primo livello con dei lunghi molto capaci, ma anche noi non scherziamo sotto questo punto di vista infatti

18

di Matteo Bassi foto Ufficio Stampa Basket Scaligero ma g

we b


ARTITA CHE VALE I PLAY OFF

Adil

TREVIGLIO NomE

Ruolo

Nato

BELLAVITA Carlo Enrico 5 1985 5 MINESSI Nicola 3 1974 6 PLANEZIO Marco 3 1991 7 DEGLI AGOSTI Enrico 5 1974 8 REATI Davide 2 1988 9 MILANI Tommaso 1 1988 10 MORUZZI Alfredo 2-3 1980 12 DEMARTINI Daniele 1 1984 13 ZANELLA Gabriele 4-5 1981 14 GIBELLINI Nicola 2 1991 15 DE MIN Thomas 3-4 1986 19 DA ROS Matteo 4 1989 All. Simone Morandi Gandini, Nobile e Bellina sanno perfettamente farsi rispettare e non bisogna dimenticare che disponiamo anche di Campiello, un lungo atipico molto pericoloso. A mio avviso anche sul perimetro c’è una sostanziale parità, quindi questa sfida alla fine sarà decisa dagli episodi”. MINESSI Per colpa di qualche caduta di troppo nel finale di stagione (soprattutto quella con Castelletto) i bergamaschi sono stati risucchiati nel pieno della lotta per accedere ai play off ed ora sono costretti a giocarsi tutte le chance residue nel match fuori casa con Verona, non proprio la via più semplice. I lombardi con Jesolo sono apparsi in netta ripresa e proprio di quella determinazione e di quella concentrazione avrà bisogno la banda di coach Morandi per battere Verona. Per fare risultato pieno però i bergamaschi oltre al giusto approccio alla gara avranno anche bisogno di un grande apporto

we b

AltEZZA

208 195 195 208 193 190 193 190 205 190 203 204

sia dai lunghi Zanella, De Min e Da Ros chiamati al superlavoro contro i pari ruolo avversari, sia dagli esterni Reati, De Martini e soprattutto da Minessi che con la sua esperienza potrà risultare fondamentale alla causa lombarda.

19


Bdil

Patron Di Palma:” Che soddisfa

Portare una cittadina di meno di 30.000 abitanti dalla serie D alla A dilettanti è un’impresa, senza mezzi termini. L’artefice di questa impresa è Masino di Palma, patron di Anagni, che da quando è alla guida della società anagnina ha fatto riscoppiare l’interesse per la pallacanestro in tutta la città. Con i risultati, con la storica serie A, ma anche e soprattutto con un grande lavoro nel tessuto sociale. Di Palma si racconta adAS a 36 ore dalla vittoria con la Tiber che ha dato la matematica per il salto di categoria. Presidente Di Palma, è arrivata la quarta promozione in sette anni: le sensazioni. “Le stesse di sempre, quelle delle altre promozioni. Quando cominci un progetto ti poni degli obiettivi e raggiungerli tramite il lavoro ti dà certe soddisfazioni, certo la A dilettanti non era vista come

20

un obiettivo primario e soprattutto immediato, adesso che è arrivata siamo davvero molto contenti”. Ha citato il lavoro svolto dalla società, ce lo racconta dall’inizio? “Quando ho preso in mano l’Anagni Basket nel 2003, ho trovato una situazione catastrofica, tanti problemi di varia natura tra cui quello degli impianti, la prima squadra era in serie D e il palazzetto sempre vuoto, c’erano 50 iscritti in totale… Da neofita del basket ho cercato di organizzare la struttura societaria, siamo risuciti a costruire due palazzetti efficenti, un centro sportivo, e piano piano siamo entrati nel tessuto sociale della città, dove c’era un evidente problema di cultura, visto che la pallacanestro di un certo tipo mncava da almeno 15 anni”. La cultura cestistica ad Anagni: a che punto siamo? “Non posso dire che siamo radicati come in città vicine, ad esempio Veroli e Palestrina, ma adesso i nostri spettatori sono quasi 900 di media, che in un palazzo da 1800 possono sembrare pochi, ma per noi è un grande risultato. La cosa migliore però è vedere e sentire le persone, le famiglie che nel centro sportivo parlano e respirano basket, anche semplicemente aspettando i bambini che fanno minibasket o un allenamento di una categoria giovanile: è il sentore che l’interesse per la pallacanestro è vivo. E non solo per la squadra dei grandi, ma anche per tutte le altre categorie, comprese il femminile”. La cosa più bella che ha pensato dopo la promozione. “Sono una persona che non si abbatte di Nicola Rampa foto Palombo ma g

we b


azione la promozione diretta!”

e non si esalta facilmente,non pensavo di vincere il campionato arrivando primi, e questa è una grande soddisfazione. A dir la verità ho pensato che dobbiamo organizzarci per il prossimo anno…” Rivivendo il film della stagione, la mossa vincente. “Senza dubbio la più importante è stata convincere Santolamazza a firmare, ed è stato un caso perché la nostra campagna acquisti era chiusa, lui era senza squadra, ha cominciato ad allenarsi ed è rimasto, sposando il nostro progetto, tanto da rinunciare anche alla Legadue per portare Anagni in A dilettanti”. Ha mai pensato che gli sforzi fatti fos-

we b

Bdil

sero vanificati, per esempio durante il periodo degli infortuni? “No, è vero che per tre mesi ci siamo allenati in 5-6 persone, ma non siamo tornati sul mercato, neanche dopo l’infortunio di Buonanno. Questo perché credevamo fermamente nel gruppo. Certo qualche volta il pensiero che gli infortuni potessero pregiudicare la stagione c’è stato, ma è passato subito”. Una persona che vuole ringraziare. “Ce ne sarebbero tante, la mia famiglia è al primo posto: mia moglie ed i miei figli mi hanno sempre sostenuto soprattutto nei momenti difficili. Il ringraziamento va a loro, senza dubbio”.

21


CECINA E STELLA, LE D

Bdil

CECINA NomE

5 REALINI Maurizio 7 DEL TESTA Maurizio 8 BIANCANI Giuliano 9 BERTOLINI Roberto 11 SCANNELLA Federico 12 FRANCESCHINI Marco 13 FRATTO Francesco 14 MARIANI Leonardo 15 VALLINI Nicolò 16 ELMI Davide 17 RAVAZZANI Nicolò 20 BERNARDINI Marco All. Mattia Ferrari Una pazza Stella Azzurra. Capace di gettare al vento 20 punti di vantaggio in casa contro Castello e poi perdere. Capace di imporsi a Vado Ligure giocando una gara autorevole e di gran personalità. Chi ci capisce è bravo. Sarà la poca costanza endemica per ragazzi di questa età, sarà che a questo punto della stagio-

22

Ruolo

2-3 1 1-2 3-4 3 5 3 3 1 1 5 2

Nato

AltEZZA

1983 1989 1984 1986 1989 1988 1991 1990 1985 1992 1985 1992

189 180 185 198 198 205 198 195 182 180 200 180

ne tra stanchezza ed infortuni ogni gara diventa sempre meno pronosticabile. In sostanza comunque la Stella che va a Cecina è una delle autentiche mine vaganti di questo campionato. E lo sarà anche nei play off. Proprio per questo la sfida con i toscani si preannuncia di grande interesse dal punto di vista tecnico e imprevedibile a 48 ore dalla palla a due. Cecian è la grande sorpresa del girone, in settimana ha “seriamente rischiato” di vincere sul campo di Scauri e si conferma ogni settimana che passa come una squadra di talento ma anche solida e organizzata dal punto di vista difensivo. Insomma sicuramente una delle note più liete di questo campionato. LA GARA Cecina punta tutto sull’organizzazione difensiva che anche durante la regular season è stata l’arma decisiva per Vallini e soci. Le soluzioni tattiche di Ferrari di Andrea Alemanni foto Palombo ma g

we b


DUE OUTSIDER CONTRO

Bdil

stella azzurra NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4  DE FABRITIIS Antonio  2  1990 191   5   COLONNELLI Simone  2  1991 186   7   CICIVE’ Patrisio  4-5  1991 204   8   IANNONE Armando  1  1990 187   9   BARUCCA Nicolas  2  1990 193   13   ONDO MENGUE Bruno  3  1992 193   14   RICCI Gianpaolo  4-5  1991 200   15   DELLE CAVE Gianni  2  1991 186   17   FALL Kader Abdel Pierre  4  1991 202   20   D’ASCANIO Matteo  3  1989 197   18 CHIUCCHI Edoardo 5 1990 200 12 BUSCAGLIONE Stefano 1 1991 180 All. Germano D’Arcangeli (candidato a coach dell’anno) e la versatilità dei giocatori che ha disposizione rendono Cecina perfetta per fronteggiare i cecchini romani. In questa fase ad orologio i toscani hanno dimostrato poi che in attacco la divisione delle responsabilità è sempre d’attualità (anche a Scauri 4 uomini in doppia cifra). Certo che poi quando la palla scotta il duo Realini-Vallini dice la sua. La Stella col dubbio Iannone (anche qualora fosse in campo non sarà certo al meglio) ma col ritrovato De Fabrittis (super a Vado) e con la concretezza di Ricci. D’Ascanio e Petrone che finalmente danno chili e solidità nel pitturato. Tutto passa comunque sempre dalla scelte difensive dei romani che in un modo o nell’altro 75 punti possono farli comunque, ma se concedono tanto in difesa è uno sforzo inutile. Soprattutto se commettono le ingenuità viste contro Castello. A Vado però si è vista un’altra Stella, quella che può dire la sua su qualsiasi campo. Sarà una gara divertente, c’è da starne sicuri.

we b

23


SCAURI A RIETI PER CO

Bdil

BASKET CLUB rieti NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4  CAVOLI Mattia  2  1989 192   5   RADAELLI Luca  3-4  1973 196   6   FILATTIERA Marcello  1  1982 182   7   GRILLO Diego  1  1987 188   8   MARSILI Valerio  4-5  1987 202   9   MOSSI Paolo Emilio  1-2  1976 193   10   MAPELLI Giorgio  3  1978 202   13   BAGNOLI Simone  4-5  1981 205   16   DEL SIGNORE Riccardo  1  1992 182   17   ADDAZI GOUVEIA LIMA Ramon  3  1988 198   20   BERNARDI Luca  1  1984 184   FIASCO Ruggero 5 1979 205 All. Alessandro Crotti Si ripropone la sfida tra la squadra di Crotti e la compagine biancoazzurra che ha infiammato la stagione regolare, stavolta i reatini devono guadagnarsi sul campo la matematica certezza di occupare la prima posizione nella griglia playoff; dall’altra parte Scauri proverà ad intraprendere questo doppio inseguimento cercando di migliorare la propria posizione in classifica a scapito soprattutto dell’USE, impegnata sul campo della neo promossa Anagni. A FATICA CON CECINA La squadra pontina ha perso completamente lo smalto che l’aveva fatta balzare in testa alla classifica nel corso della regular season. La vittoria di misura contro Cecina con un punteggio così basso (56-53) è un ulteriore campanello d’allarme in vista dei playoff. Infatti gli scauresi hanno rischiato grosso contro l’outsider toscana: ad

24

1’30” dal termine gli ospiti conducevano di 5 lunghezze e sembravano avere in pugno il match; solo un miracolo di capitan Violo ha salvato gli uomini di coach Fabbri. Ora sarà decisiva la sfida del PalaSojourner dove Scauri incontrerà una Ircop rinfrancata dal successo con Empoli e decisa a chiudere la partita per il secondo posto come afferma Crotti: “Teniamo molto a questa partita e la stiamo preparando in modo molto accurato per vincerla. –afferma il tecnico- Tuttavia se dovessimo perdere avremmo a disposizione la prova d’appello con la Tiber (già retrocessa ndr)”. Appare meno determinato coach Fabbri: “Nelle nostre condizioni non possiamo fare pronostici, in questo periodo non ci stiamo né fisicamente né psicologicamente. L’unico vantaggio è che non abbiamo niente da perdere e potremo andare a Rieti più tranquilli per continuare a giocarci questo terzo di Emanuele Del Baglivo foto Palombo ma g

we b


ONTINUARE A SPERARE

Bdil

scauri NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

ERRANTE Luca  2  1991 182     D’AGOSTINO Agostino  2  1991 191   5   RICHOTTI Dante  1  1985 180   7   TONETTI Daniel  1-2  1986 188   8   VIOLO Guido  3  1984 193   9   LOMBARDO Andrea  2  1990 195   14   PIERI Federico  1-2  1970 192   15   BIANCHI Pietro  5  1973 204   16   SERPENTINO Antonio  4-5   1990 202   18   COMIGNANI Ernani  3-4  1982 198   20   AMBRUOSO Francesco  3-4  1985 200   ROSSI Gianmarco 1 1990 180 All. Enrico Fabbri posto”. ORECCHIE TESE VERSO ANAGNI Una vittoria potrebbe non bastare ugualmente a Pieri e compagni, il requisito fondamentale per giocarsi la terza posizione anche nell’ultima giornata della fase a orologio è la sconfitta ad Anagni dell’USE, non molto probabile a dire il vero. I ciociari privi di motivazioni, dopo la conquista della promozione con due giornate d’anticipo, potrebbero lasciare strada ai toscani e condannare Scauri alla quarta posizione. Non la pensa così Fabbri: “Io credo che Anagni voglia finire nel migliore dei modi questa stagione davanti al proprio pubblico e che ce la metterà tutta per onorare l’impegno. Dal canto nostro dovremo cercare di vincere in tutti i modi a Rieti per non vanificare una possibile sconfitta della squadra toscana”.

we b

25


Bdil

Tiber, stagione amara: “Retrocediamo LUCCA NomE

4 DROCKER Giampaolo 7 AYTANO Matteo 10 PASSAGLIA Luca 11 LUCCHESI Federico 12 NIERI Giorgio 13 VERGARA Massimo 14 BIAGIONI Riccardo 15 BURICHETTI Luca 16 LAZZERINI Italo 17 MONTI Valentino 19 BANDINI Fabio 20 TOZZINI Jonny All. Alessio Merchini

Ruolo

1-2 1 5 4 3 3-4 1-2 4 2 2 4 3-4

Nato

AltEZZA

1974 1987 1984 1988 1988 1979 1980 1989 1989 1988 1984 1990

193 181 207 202 197 200 185 198 185 194 192 198

La squadra di Montesacro è matematicamente in C dilettanti. Il verdetto tremendo e inappellabile è scaturito dopo la sconfitta casalinga con Anagni che al contrario ha festeggiato la promozione nella categoria superiore. La Tiber ha giocato con fierezza ma al termine della gara l’amarezza era ben visibile sui volti di giocatori, tecnici e dirigenti e coach Marco Cilli non si tira indietro: “Le responsabilità sono di tutti a partire da me; sia chiaro non siamo retrocessi mercoledì sera ma un pezzettino per volta in tutte le gare con Lucca, Arezzo, Firenze dove abbiamo concesso troppo agli avversari. Il nostro comportamento in trasferta, e soprattutto nelle occasioni decisive, è stato davvero negativo: in casa siamo riusciti a fermare compagini di livello ma fuori purtroppo non siamo stati altrettanto convinti. Quando una squadra ha questo andamento in trasferta è giusto che retroceda, non ci sono scuse che tengano!” C’è stato un momento in cui hai sperato di poter rad-

26

di Roberto Pelizzi foto Palombo ma g

we b


etrocediamo per nostre colpe!”

Bdil

tiber NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

6  PUGLIESE Davide  2  1991 188   7   RAMBALDI Stefano  2-3  1991 194   8   CHIMINELLO Giacomo  4-5  1986 198   9   NUCIFERO Simone  1  1991 178   11   DICONE Fabrizio  1-2  1981 194   12   BERTOLDO Filippo  1-2  1989 180   13   RICCIARDI Daniele  1-2  1981 185   14   VECCHI Emanuele  2-3  1986 185   15   DI PIETROPAOLO Andrea  4-5  1984 198   19   PADOVANI Federico  3-4  1981 198   20   GASPONI Federico  4-5  1989 202   SPERDUTO Andrea 3-4 1975 193 All. Marco Cilli drizzare la barca? “Si è stato quando abbiamo battuto la Stella in casa ma purtroppo il treno della salvezza era già passato e non abbiamo saputo prendere con convinzione in mano le redini della rimonta”. Il campionato non è finito ma le due gare che restano sono del tutto ininfluenti: “Noi onoreremo il torneo con il massimo impegno ma lasciatemi esprimere tutte le mie critiche ad una formula che la serie A aveva abbandonato ed è stata rispolverata da qualche “cervellone” in vena di scherzi: meglio molto meglio la formula dello scorso campionato.” Stimolato con l’argomento FIP Marco Cilli diventa un fiume in piena:”Ma questo rientra nel calderone delle decisioni tardive ed incomprensibili della Federazione come dimostrato dai casi Siracusa e Napoli dove si sapeva benissimo che si sarebbe andati a finire male, per tacere dei crediti PAO a … pagamento.” Possibile un ripescaggio? “Si è possibile ma state tranquilli che non succederà: inventeranno di sicuro qualche “marchingegno” ma non fatemi dire altro.”

we b

27


GRANCHI: “SODDISFATTO DELLA S

Bdil

VADO LIGURE NomE

4 5 8 9 10 11 12 14 17 18 19

FANCHINI Fabio BEDINI Angelo MARCHETTI Mattia BIGONI Roberto CAPPA Tommaso PALEARI Andrea PATRIA Paolo GANGUZZA Daniele BAGGIOLI Matteo VARRONE Davide BOVONE Jacopo

Ruolo

1 2 3 3-4 2-3 3-4 4-5 4-5 1 5 3-4

Nato

AltEZZA

1976 1990 1989 1988 1983 1981 1977 1983 1987 1991 1990

182 190 194 195 196 198 204 200 180 206 199

All. Spedaliere In molti, mercoledì sera dopo la vittoria con Firenze, saranno usciti dal Palazzetto dello sport di Castelfiorentino sorridendo per una scena: i giocatori, al centro del campo, sollevano di peso il proprio coach e lo lanciano per aria. “Mi ha fatto tantissimo piacere. –afferma soddisfatto Luca Granchi- Non me l’aspettavo. Credo che sia un segnale importante: c’è fiducia reciproca e si respira un bel clima all’interno del gruppo.” Non male per un coach alla prima esperienza tra i senior. “Sono contento per come è andata finora questa stagione.” Ecco, facciamo un bilancio. “Credo che sia più che positivo. Abbiamo raggiunto l’obbiettivo playoff con due giornate d’anticipo e ci sono vari fattori da considerare: era una squadra nuova su tanti fronti, gli infortuni non ci hanno mai abbandonato e ci sono stati eventi cruciali a livello societario, come la

28

scomparsa del general manager Nedo Betti. Pensando a queste cose, dico che abbiamo fatto un buonissimo lavoro. Adesso, vedremo dove possiamo arrivare. Queste due gare che ci separano dai playoff ci serviranno per recuperare gli acciaccati come Ragionieri e Saponi, rientrato con Firenze dopo quasi un mese di stop.” Con Firenze avete vinto in scioltezza, ciò è stato reso possibile da un’ottima difesa, anche se in attacco, soprattutto nel terzo quarto, ci sono state un po’ di difficoltà. “Il terzo periodo è stato il peggiore, è vero, anche se alla fine l’abbiamo vinto di 1 punto. E questo grazie alla difesa. In attacco comunque stiamo andando bene, costruiamo tiri ad alta percentuale (70% da 2 con i gigliati) e abbiamo trovato i ritmi giusti. Da questo punto di vista l’innesto di Michelon ha fatto girare in meglio la nostra stagione. Non dobbiamo poi dimenticare di Cosimo Firenzani foto ABC Castelfiorentino ma g

we b


STAGIONE, E NON E’ FINITA QUI…”

Bdil

CASTELFIORENTINO NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4 IARDELLA Alessio 2 1988 187 7 ZANI Marco 3 1984 196 11 VISIGALLI Davide 3 1990 203 12 GANDOLFO Giorgio 1 1991 180 13 RAGIONIERI Gianluca 1-2 1975 193 15 SAPONI Alberto 5 1985 203 17 MOIA Alessio 3 1991 196 18 VERDIANI Juri 2-3 1992 190 19 PUCCIONI Samuele 5 1983 205 21 GIANNONI Luca 2-3 1991 188 5 FRISCIA Andrea 1 1984 196 MICHELON Alessandro 1 1977 183 All. Luca Granchi che i fiorentini venivano da quattro vittorie consecutive.” Dov’è che questa squadra ha ancora margini di miglioramento? “In difesa: se garantiamo un ritmo e un’intensità alte per tutti i 40’ sarà difficilissimo per tutti batterci.” Domenica andate a Vado, una squadra in forma, e dovrete stare attenti a Ganguzza. L’Abc ha sofferto finora le ali grandi di ruolo. “Si, perché noi non abbiamo un ‘4’ vero. Sono molto attrezzati e se non avessero avuto tutti quegli infortuni sarebbero certamente più in alto. Non è mai facile affrontarli perché hanno un’infinità di soluzioni. Penso a Paleari che è un 4 che può giocare da ala piccola o a Cappa, una guardia che va spesso spalle a canestro. Vedremo, siamo ai playoff ma quel che è sicuro è che non andremo in gita.”

we b

29


Giugliano, secondo

Cdil

FONDI NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4 FALOVO Federico 1-2 1980 182 5 PIETROSANTO Gaetano 3-4 1981 194 7 MOSCIANESE Andrea 4 1980 200 8 CAPPIELLO Dario 1-2 1988 194 9 FERRARO Domenico 3-4 1986 196 10 MACARO Massimo 1 1972 186 11 FUCEK Emiliano Daniel 4-5 1985 202 12 DI GIACOMO Alessandro 5 1988 206 13 BOSCO Horacio Gabriel 3-4 1973 200 15 ENODEH Oyabradoh 1-2 1987 185 17 IEGRI Edoardo 1 1990 190 18 BIAGETTI Tommaso 1-2 1988 192 All. Stefano Vidili Dopo il regalo della Scuola Basket Cagliari, Giugliano non vuole più rischiare il primo posto e a Fondi ha la seconda occasione di chiudere il discorso promozione, dopo quella fallita in casa della Luiss. Una sfida molto impegnativa per la capolista, sempre battuta in casa delle squadre d’alta classifica, contro un avversario al momento tra i più in forma del girone. CURA BROGIALDI Difficile dire cosa sia cambiato rispetto al corso Vidili, anche se è evidente una nuova ventata d’entusiasmo nell’ambiente e un maggior impegno di alcuni giocatori prima apparentemente spaesati. Sarà stato il monito del presidente Lippa di tagliare gli stipendi in caso di mancati obiettivi prefissati (promozione) ad inizio anno, o la scossa portata dal nuovo coach ad aver provocato gli effetti sperati? Noi

30

crediamo molto di più nella seconda possibilità, un allenatore esperto come Brogialdi era la persona giusta per cercare di mettere ordine dal punto di vista tattico e non solo e di far riacquistare ai giocatori e all’ambiente la giusta consapevolezza nei propri mezzi che sarà necessaria ai play-off. L’HA VINTO GIUGLIANO Se dovesse arrivare il primo posto, non si può dire che non sia meritato o che l’abbia perso la Luiss. Vero che gli universitari hanno sprecato una grande occasione di lottare a braccetto, ma è altrettanto vero che la truppa di Lamberti si è dimostrata la più regolare proprio perché ha avuto un ruolino di marcia perfetto con le “piccole”, contro le quali invece hanno perso punti importanti parecchie concorrenti alla promozione. Non è facile

ma g

we b


secondo match-point

Cdil

GIUGLIANO NomE

Ruolo

Nato

4 BONANNO Emanuele 1 1983 5 LEONE Michele 2 1990 6 CALOIA Antonio 3-4 1989 7 CARBONE Marco 4-5 1989 9 LONGO Cristiano 4-5 1982 10 MORRA Vincenzo 5 1982 11 CUSITORE Vincenzo 3 1980 12 CAIAZZO Marco 1-2 1984 13 FERRANTE Davide 2 1984 14 RUSCIANO Luciano 5 1983 15 RICCIO Fabio 2 1990 17 CHIAVAZZO Francesco 3 1987 All. Alfredo Lamberti

AltEZZA

181 190 195 192 200 205 191 180 188 200 188 190

mantenere la concentrazione alta in tutte le partite, soprattutto quelle considerate alla portata, ed è proprio qui il merito dei campani, che sicuramente arrivano a Fondi molto più tranquilli rispetto alle previsioni. BOTTI IN VERNICE Dovrebbe essere il reparto in cui si decide la partita, entrambe le squadre infatti hanno il miglior potenziale nel pitturato anche se Giugliano è molto temibile anche sul perimetro, dove Fondi invece sembra meno dinamica. Tra gli accoppiamenti, spicca quello tra Chiavazzo e Bosco, dal passo completamente diverso, e c’è curiosità di vedere l’uomo destinato alla marcatura di Bonanno.

di Roberto De Simone foto www.ferrarobasket.it we b

31


Cdil

Incroci pericolosi tra play off e salvezza

Nessuno scontro diretto nella penultima di campionato, nella quale inevitabilmente si sovrappongono i destini di squadre che lottano per obiettivi completamente opposti tra loro. Il primo caso è la gara tra la Luiss e l’Olimpia Cagliari, difficile per gli universitari visto lo stato di forma avversario e il contraccolpo che potrebbe seguire alla trasferta persa nell’infrasettimanale. Incroci simili nelle due sfide Pontano-Aprilia e Nuova Lazio Riano-Scuola Basket Cagliari, partenopei e sardi sono impegnati ad evitare il play-out e venderanno cara la pelle come dimostrato nelle ultime settimane, mentre le laziali corrono per non arrivare ultime nella griglia play-off e di conseguenza potrebbero avere meno stimoli. Importante anche il match di Roma tra una Minerva in cerca di punti salvezza e un Benevento impegnato in una lotta

32

serrata per un posto al sole nei play-off, la sorpresa ci può stare soprattutto se i romani riusciranno ad imporre i propri ritmi. In casa contro la Griff Smit invece il Collana cerca il pass per il terzo posto, non disdegnando di guardare oltre, sperando in un calo della Luiss. Sono proprio queste le partite che Massaro teme di più e per questo i partenopei difficilmente falliranno l’appuntamento. Negli ultimi due incontri infine pronostico pendente dalla parte dei padroni di casa, soprattutto ad Airola dove la truppa di Parrillo cerca immediato riscatto dopo la scoppola di Napoli, in casa contro la già retrocessa L’Aquila. Gaeta invece deve ottenere a tutti i costi al PalaMarina la vittoria contro Ciampino per fugare definitivamente tutti i dubbi che un campionato così equilibrato ha fatto riemergere.

di Roberto De Simone foto Palombo ma g

we b


AS web 135  

Anagni in serie A, Napoli cancellata, tutte le gare del week end dei campionati nazionali

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you