Issuu on Google+

GUIDA ALLE ECCELLENZE periodico culturale - enogastronomico - turistico aziendale lemiemarche.it - bar.it bar.it - lemiemarche.it - happyhourtime.it

PRYNGEPS MILANO 1956

Comune di Montecassiano


mmelstadt Nurnberg Chisinau Bertrange Barcelona Montreal Kingersheim Romcaf ograd Chorzow Romcaffè Kioto Nurnberg Himmelstadt Melbourne Beograd Nurnber elbourne Chorzow Stockholm Montreal Seoul Chorzow Barcelona Kioto Utrecht mmelstadt Jeddah Chisinau London reiburg London Dublin Athens echt Seoul Stockholm Jedda Himmelstadt Bertrange eograd Kingersheim Seoul Barcelona Dublin Freiburg Romcaf ndon Athens Seou Athens Dublin Kioto ockholm Nurnberg Jeddah Himmelstadt Bertrange Melbourne ngersheim Beograd reiburg Athen hisinau Bertrang ondon Dublin Montre ockholm Chorzow ddah Barcelon echt Kioto Utrech rtrange Jedda ngersheim Freibur eiburg Londo omcaffè Utrech ublin Seoul Dubl oul Athen rnberg Stockholm mmelstadt Himmelstad elbourne Romcaffè eograd Nurnberg ontreal Melbourne horzow Bertrange rcelona Barcelona ublin Montreal ddah Kingersheim ondon Beograd echt Athens Chorzow Stockholm Athens Kioto mmelstadt Nurnberg rnberg Himmelstadt rtrange Melbourne omcaffè Beograd rcelona Nurnberg ontreal Melbourne ngersheim Chorzow ograd Chorzow Montreal Chorzow oto Romcaffè e Barcelona Barc Kioto Utrech www.romcaffe.it stadt Kioto Jeddah Melbo rnberg Himmelstadt Melbourne Beograd Kin g Chisinau M g recht Melbourne rne Dublin Bertrange Montreal ontreal Kingersh Kingersheim Romcaffè Kioto omcaffè Himmelstadt N isinau Utrecht JJeddah eddah Athens Stockholm RRomcaffè Nurnberg urn Freiburg H ndon Utrecht Seoul Romcaffè Dublin Athens London Dublin Chisinau Stockholm Utre ddah Bertrange Seoul Kingersheim Barcelona Seoul Beograd Romcaffè Barcelona


f

r

happy hour!

n

a e m a

f

g t e

n g

VARNELLI SOUR

w n h a r o h

SIBILLA SPRITZ

n m d

MANDARINHA

“It’s party time”

o g

g

w h n o H e a

Scarica le nostre ricette su www.varnelli.it


ORARI APERTURA OUTLET Tutti i pomeriggi 16.00 - 20.00 il venerdĂŹ e sabato 09.00 - 13.00 / 16.00 - 20.00 Domenica chiuso GALIZIO TORRESI srl Via Romagna 19 - 62010 Morrovalle (MC) - T. 0733.222333 - F. 0733.221371 info@galiziotorresi.it - www.galiziotorresi.it


EDITORIALI

CON IL PATROCINIO di Andrea Ercoli

ari lettori, anche in questo bimestre abbiamo il piacere di presentarvi un numero de Il Magazine che riteniamo completo e di qualità, nonostante il momento di crisi che stiamo vivendo. Come sempre, all’interno, troverete tutti i nostri speciali: presentazioni di aziende solide e attività commerciali rinomate, la qualità dell’enogastronomia, i

comuni del nostro territorio, le nostre rubriche e i personaggi eccellenti del mondo delle 4 e delle 2 ruote. Non solo cartaceo però: inizia la stagione dei nostri concorsi, che vedranno cuochi e pizzaioli protagonisti; vi presentiamo la novità dell’happy hour time e le iniziative del club di Bar.it, senza dimenticare il nuovo servizio della nostra App. Vi ricordiamo di visitare i nostri siti, www.bar.it e www.lemiemarche.it per rimanere sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e su tutte le nostre notizie.

Dear readers, we are pleased to present an issue of The Magazine that we believe complete, despite the crisis we are experiencing. Inside you will find: companies presentations, food and wine, municipalities of our area, our sections and excellent characters of the mo-

torsport. The season of our contests, then, begins presenting the new happy hour time and the news of the club Bar.it, without forgetting the new service of our App. Please remember to visit our websites www.bar.it and www.lemiemarche.it, in order to remain constantly updated on all our initiatives.

C Patrocinio:

P ROVINCIA DI M ACERATA

Redazione: Readazione: via Moretti 33, 62100 Macerata Telefono : 333.3916482 email: commerciale@lemiemarche.it Direttore responsabile: Giuliano Rossetti Hanno collaborato: Peppino Manzi, Benito Striglio, Donato Bevilacqua, Tito Galanti, Enzo Martusciello, Tiziana Costantini, Mauro Ercoli, Yuki Potenza, Massimo Pigliapoco, Thunde Stift, Barbara Borgi, Laura Tonti, Eva Kottrova, Simona Mancuso, Mauro Caprari, Cecco d’Ascoli (Giuseppe Matteucci ), Marco Leoni, Francesco Valeri. Amministrazione: Le mie Marche soc. Coop. Amministratore: Dott. Andrea Ercoli 338.4369629 Amm.re Bar.it: Fabio Renzetti 334.9134426 - bar@bar.it Bar.it club: Presidente Massimo Castignani Direzione eventi: Antonella Ciccarelli Concessionaria Pubblicità: Le Mie marche Soc. Coop. Direttore Commerciale: Domenico Rita Grafica: Genna Maccari Webmaster: Dreamsnet Stampa: Arti Grafiche Picene Media Partner: Youitaly.tv

arissimi lettori, è con enorme piacere che annuncio la fondazione ufficiale del Club di Bar. it, che avverrà martedì 13 novembre presso la sede sociale, in via Moretti 33 a Piediripa di Macerata. In quell’occasione presenteremo tutte le attività del Club, leggeremo insieme lo statuto, nomineremo le cariche ed affronteremo le problematiche che ogni socio vorrà sollevare. In giornata avverrà anche un piccolo concorso tra le “vecchie

glorie” del mondo del bar, per mostrare ai giovani la voglia di mettersi ancora in discussione. Vi aspettiamo quindi numerosi. Riparte poi la stagione dei concorsi. Il 19 febbraio, presso lo stabilimento dell’azienda Lievita nella Zona Industriale di Corridonia, si terrà il Gran Premio della Pizza. Ad aprile invece, in occasione dell’apertura del nuovo Centro Fiere a Civitanova Marche, riproporremo il Cappuccino dell’anno, il Mastro Pasticcere e l’Artista del Gelato. La Forchetta di platino sarà invece l’occasione di presentare la nuova guida dei menù selezionati da Bar.it. Seguiteci sempre nel sito www.bar.it per essere sempre aggiornati.

Dear readers, with great pleasure I announce the official founding of the Club Bar.it, which will take place on Tuesday, November 13 at the head office, where we will present all the activities of the club. The season of competitions then starts again. On February 19, at the company Lievita in the Industrial Zone of Corridonia,

there will be the Grand Premio della Pizza. In April for the opening of the new Fair Center of Civitanova Marche, we will present the competitions Cappuccino dell’anno, Mastro Pasticcere and l’Artista del Gelato. During the challenge Forchetta di platino we will present the new guidebook of the menus selected by Bar.it. Follow us on www.bar.it.

di Peppino Manzi

C

Consulenti: Dott. Nazareno Donnari, Avv. Danilo Bonpadre, Dott. Martina Guidobaldi, Avv. Stefano Filippetti, Avv. Marco Spataro, Dott Serenella Cicarè, Dott. Moreno Mastrocola Partners: Let’s go Mobile, Federalberghi, Confartigianato Macerata, C.A.E.M. Artista: Tutte le opere artistiche dei nostri concorsi sono realizzate dal Maestro Costantino Castorio Photo: Franco Esse per Happyhourtime. Iscrizione al Tribunale di Macerata n. 605 del 13/09/2011

Le Mie Marche Soc. Coop Unci Presidente Francesco D’Ulizia Via Lorenzoni, 18 - 62100 Macerata (MC) info 333 3916482 www.lemiemarche.it commerciale@lemiemarche.it

entili lettori, l’Happy Hour Time è una novità che vi presentiamo e che ci riempie di gioia. Un braccialetto che non è solo un oggetto di moda e alla moda, ma un tentativo di portare i giovani verso un bere più calibrato, mettendoli a conoscenza delle ricette dei cocktails e dell’orario nel quale andrebbero bevuti. L’obbiettivo è quello di farli bere consapevolmente, sperando magari che approfondiscano la materia diventandone anche veri appassionati. La fondazione

Happy Hour Time, in proposito, devolverà parte del ricavato della vendita del braccialetto ad un fondo destinato alla realizzazione di un progetto (presentato in maniera dettagliata) atto a sensibilizzare i giovani alle tematiche dell’alcolismo. Nel sito www.happyhourtime.it troverete il bando e le modalità di presentazione dei progetti. Tutto questo in riferimento al nostro slogan: Respect Yourself! Protect our youngest. Rispetta te stesso! Proteggiamo i nostri giovani. Se qualche collega ed operatore del settore volesse supportare questa iniziativa, contatti la nostra redazione. Per ogni informazione e per seguire i nostri eventi, visitate il nostro sito www.bar.it

Dear readers, Happy Hour Time is the novelty that we present. A bracelet that is not just a fashion item, but an attempt to bring young people to a calibrated way of drinking, by making known cocktails’ recipes and the best hours in which they should be drunk. The Foundation Happy Hour Time will donate part of the profits of the bracelet

to a fund for the implementation of a project (presented in detail) designed to raise awareness among young people about the issues of alcoholism. All this is summed up in our slogan: Respect Yourself! Protect our youngest. If the operators of the field want to support this initiative, they can contact our editorial staff. For further information visit our website www.bar.it.

di Fabio Renzetti

G

IL MAGAZINE 


SOMMARIO Una provincia tutta da scoprire ospitale e ricca d’emozioni.

Vivi le bellezze, i paesaggi, i centri storici in un percorso di arte, cultura e tradizioni. Ritrova il gusto ed i piace ri più genuini della tavola. Scopri l’emozione di uno shopping di qualità.

www.provincia.mc.it www.turismo.provinciamc.it

9 – Presentazione Happy Hour Time 10 – Nasce l’Happy Hour Time Club 13 – Top Aziende: Tecnobar 21 – Paolo Petrini e gli OGM 23 – Da Loreto riparte la speranza 31 – Qm: le pesche della Valdaso 35 – Azzurro: cielo, mare...e pesce! 39 – Gli atleti marchigiani a Londra 2012 47 – Con le Marche ai piedi: dal Micam al resto del mondo 50 – Il villaggio del cane 51 – Le cose semplici sono per uomini raffinati 52 – Qm: il mare a tavola 54 – Bar.it Club 55 – Gran Prix “Filippo Buscemi” 57 – Non solo pane 59 – Pico, Mega e Fra Canappa 61 – Quattro chiacchiere al bar 62 – Una Miss nello Shaker 69 – Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini 74 – Lungo il 43° Parallelo 76 – Speciale Gran Premio della Pizza 82 – Varnelli a Tales of the Cocktail 86 – MIV: fantasie di cioccolato 90 – Il turismo di massa tra il materiale e il simbolico 91 – Speciale comuni 103 – Raccontare le Marche 105 – Tra sorrisi e nasi rossi 109 – I menù della Forchetta di Platino 123 – I ragazzi dell’Happy Hour Time 125 – Programmazione concerti ottobre 127 – Programmazione concerti novembre 128 – Mister Martini e Signora 131 – Il suono della nostra terra si apre al mondo 135 – Artisti allo specchio 137 – Fuori onda 138 – Cocktail? Una soluzione 142 – Top Bar Romcaffè: Doppio zero Lab 143 – Una partita e tanto cuore per la Croce Verde 145 – Fashion & Co. 147 – Sfilata a Villa Berta 150 – Bartist 2012: chi sarà il vincitore? 151 – Tiziana Fagiani 155 – Folklore 157 – Mauri Mines tra musica e parole 159 – Mi ritorni in mente 165 – Speciale Ruote e Motori 167 – Sognare di volare fa spuntare le ali 171 – Una moto si compra...il manico no! 172 – Voglia di vincere...tanta! 174 – Il cavallo d’acciaio 175 – La storia tra il Chienti e il Potenza 177 – Chiunque può far parte della storia


Ingrosso prodotti per panificazione - pasticceria - pizzeria

QualitĂ  e professionalitĂ ... ...a vostro servizio

Via delle Maestranze, 1/3/5 - 62014 Corridonia (MC) - Tel. 0733.283698 - Fax. 0733.286642


La vera felicità costa poco, se è cara non è di buona qualità” F.R. de Chateaubriand. Che cos’è la felicità? Bella domanda vero? Se avessimo la pazienza, l’interesse e la curiosità di scoprire nei testi di tutte le epoche quale sia il quesito fondamentale che l’uomo si è posto, scopriremmo che è l’infinita ricerca della felicità. Si potrebbe definire come quello stato d’appagamento dei bisogni materiali e spirituali, considerato come fine delle opere umane. Ma i bisogni materiali, fatta naturalmente eccezione di ciò che permette all’uomo di vivere dignitosamente, una volta soddisfatti mostrano tutta la loro illusorietà. Possedere un diamante, un elicottero, uno yacht o un grattacielo non da nessuna soddisfazione se non viene messo in mostra. Una Ferrari nel mezzo del Sahara è soltanto ferro, plastica e carbonio assemblati, nulla più. Un Re senza sudditi è soltanto un uomo, e non sempre.

di Fabio Renzetti

BRACELET

Dunque, probabilmente, va ricercata nelle manifestazioni spirituali più che materiali. L’uomo è un animale sociale. Ha bisogno di condividere le sue scoperte, le sue esperienze,il suo sapere. Troviamo la manifestazione di tutto questo negli eventi: pensate che assistere in perfetta solitudine alla finale di Coppa del Mondo di calcio, ad un concerto della London Symphony Orchestra o ad una rappresentazione di Shakespeare possa dare gioia? Probabilmente no. Gli acrobati del circo senza gli spettatori non saprebbero volare. Dall’amore di due persone che si vogliono bene alle Olimpiadi tutto è condivisione.

alle persone siano il più possibile cordiali ed aggreganti. E’ per questo motivo che noi di Bar.it abbiamo pensato di dare il nostro piccolo contributo creando il primo di una serie di oggetti che possa esprimere tale filosofia. Siamo dell’opinione che il bar non sia un semplice distributore di bibite e caffè ma il luogo di cultura per eccellenza. Fateci caso. E’ nei bar che ci si da appuntamento, ci si rilassa nelle pause o a fine lavoro, dove s’incontrano amici e persone nuove, dove si discutono tutti gli argomenti e si acquisiscono nuovi concetti. E il barman? Un amico, un confidente e un maestro,nella sua scienza naturalmente. Quando, per esempio, ordiniamo un cocktail, sappiamo veramente cosa stiamo chiedendo? Ci rendiamo conto di quanta ricerca,esperimenti, tempo gli esperti di tutto il mondo abbiano impiegato per offrirci questa bevanda colorata? Presumibilmente no. E’ a questo scopo che abbiamo ideato un braccialetto che sia un vademecum per tutti coloro che di questo piacere vogliono essere anche dei profondi conoscitori. E si, perché sapere è sinonimo di coscienza e libertà.

La felicità dunque dovrebbe essere ricercata nell’arricchimento del proprio essere, nel fare in modo che i nostri interessi siano il più possibile numerosi e che le nostre reazioni alle cose e

Sul cinturino sono riportati 12 cocktails internazionali che possiamo degustare nelle varie ore del giorno, dalle 13 alle 24,per assaporare quell’attimo di felicità di cui tutti noi abbiamo tanto biso-

We have designed a bracelet for all those who want to enjoy bar’s world, with awareness. On the strap are shown 12 international cocktails that we can enjoy at different times of the day, from 1pm to midnight.

Inside the box containing the bracelet, there’s a brochure which shows the various recipes of cocktails, so as to permit their preparation even at home with friends. Inside the package there will be also a numbered card

gno. Il termine “happy hour” nasce in Inghilterra per designare quel momento di svago, solitamente dalle 17 alle 18, per rilassarsi dopo una giornata di lavoro. E chi l’ha detto che la felicità sia confinata da un tempo? Si può imprigionare la propria serenità? Certamente no. Ragione per qui abbiamo volutamente esteso l’happy hour time” dall’ora di pranzo a dopo cena. Questo ovviamente ha un suo preciso significato. Non vuol dire affrontare la vita in maniera sconsiderata e tanto meno annebbiare le proprie esperienze con l’alcol. Tutt’altro! Il nostro è un invito alla consapevolezza, a dare il giusto senso di proporzione alle cose. All’interno della scatolina che contiene il braccialetto è contenuto un pieghevole ove vengono riportate le ricette dei vari cocktails, così da permetterne la preparazione anche a casa, tra amici. Nella confezione sarà presente anche una tessera numerata che darà diritto al possessore del cinturino di partecipare ad una serie di promozioni che stiamo mettendo in atto. Il prodotto sarà disponibile presso i Bar da noi selezionati, che esporranno la locandina all’ingresso, e sul nostro sito “happy hour time”.Ci auguriamo che questa nostra iniziativa venga accolta per quello che è:una maniera giocosa di trasferire sapere,esperienza e un po’ di felicità. Cin cin...e tanta salute a tutti.

which entitles the holder to join various promotions that we are planning. The product will be available in Bar selected by us, wich will have the official flyer at the entrance, and also on our website “happy hour time”.


INTERNATIONAL DRINKS

Roberto Mercuri e Maria Pepa i ragazzi testimonial del braccialetto HHT

Se vuoi che le cose cambino comincia col cambiare te stesso!

N

ei giorni durante i quali stavamo ideando questo nostro progetto, di cui il braccialetto è il simbolo, abbiamo pensato di istituire una fondazione; lo scopo? La collaborazione! Non ci crederete ma per realizzare questo semplice oggetto da polso si sono messe in moto 16 aziende ed una diecina di nostri amici collaboratori; incredibile vero?! Se tutti questi professionisti non ci avessero aiutato con le loro arti e il loro sapere probabilmente il braccialetto non sarebbe mai nato. Siamo convinti

che il particolare momento storico che stiamo vivendo sia dovuto al dilagante egoismo individuale che ha messo tutti contro tutti con i discutibilissimi risultati che abbiamo davanti agli occhi; non ha senso! Accantoneremo dunque parte degli introiti provenienti dalla vendita del cinturino in un fondo destinato a sostenere un progetto che sensibilizzi i giovani ad un corretto approccio alle bevande alcoliche, e ripristinare una situazione che crediamo sia sfuggita di mano. Leggi nel sito il bando e come inviare il tuo progetto.

Per l’ideazione del ricettario ci siamo avvalsi della competenza e professionalità dei barmen di Bar.it Club che sono a disposizione per delucidazioni in merito alla giusta preparazione dei drinks citati.

pure leather all rights are reserved ®

IL MAGAZINE 11


UN’AZIENDA DI SUCCESSO La qualità paga, il prezzo non sempre. Questa è la filosofia vincente di Tecnobar, un’azienda di successo che oggi è in grado di soddisfare ogni richiesta dei clienti, muovendosi a 360 gradi nel mondo dell’ho.re.ca. Una fortuna che nasce innanzitutto dalla professionalità, unita al forte legame con i migliori marchi del settore, e alla volontà e capacità dei suoi leader di non fossilizzarsi mai nelle scelte, guardando al futuro ed ampliando le aree di interesse. La Tecnobar nasce negli anni ’80 con

un servizio specializzato nell’assistenza tecnica grazie a Orlando Brandi e Gianni Cimarelli. Si arricchisce, nel 1997 della professionalità di Gianluca Cipriani, responsabile commerciale per le vendite, e ottiene così il riconoscimento di marchi di prestigio della ristorazione come Zanussi Professional e Sirman, delle pizzerie Forni Moretti, delle macchine da caffè La Cimbali, delle gelaterie IceTeam 1927 e dell’ arredo bar Ifi. Grazie alla professionalità e all’impegno dimostrati negli anni, Tecnobar si è guadagnata la fiducia dei clienti per la provincia di Macerata,

Ascoli Piceno, Fermo ed Ancona. Nel 2004 viene inaugurata la nuova sede nella zona industriale di Tolentino, un polo di eccellenza per la professionalità e la vasta gamma di prodotti offerti. Oggi l’azienda si propone come punto di riferimento nella regione per la realizzazione di soluzioni complete, soddisfacendo le esigenze della richiesta gastronomica locale ed internazionale, dall’ideazione all’arredo degli ambienti, sia lavorativi che di accoglienza. Tecnobar offre consulenza, progettazione, design, alta qualità dei materiali e l’istallazione di attrezzature.


SHOW ROOM Il nuovo spazio della Tecnobar è un ambiente dinamico e altamente professionale, in cui la cortesia si unisce all’elevata preparazione di ogni singolo componente dello staff. Il grande stabilimento permette di avere il controllo di ogni singola fase della produzione e della distribuzione. Entrando potrete avere una bella panoramica dei prodotti e delle attrezzature che Tecnobar offre agli operatori di settore: dal materiale tecnico ai complementi d’arredo, fino al design dei marchi più prestigiosi. Proprio in sede avvengono anche le fasi di progettazione, di riparazione, di direzione commerciale e le lavorazioni effettuate in falegnameria. Da sottolineare anche la presenza di un’ampia sala attrezzata magistralmente, in cui avvengono dimostrazioni pratiche e corsi di formazione.

PRODOTTI TecnoBar è specializzata nella vendita e nell’installazione dei marchi “LaCimbali”,“Zanussi Professional”, “Sirman”, “IceTeam 1927”, ed è concessionaria ufficiale per “Ifi Arredamenti”. Offre prodotti per ogni tipo di attività nel settore della ristorazione e dell’intrattenimento come bar, pasticcerie, gelaterie, pub, vinerie, ristoranti, agriturismi, alberghi e self service. In particolare fornisce banchi bar, vetrine espositrici per pasticceria, gelateria, panetteria, gastronomia, macelleria e pescheria. Esse fanno parte di una vasta gamma di prodotti rivolti all’arredo di bar, alberghi, ristoranti, con numerose soluzioni estetiche proposte da catalogo, ma completamente personalizzabili dal cliente. Da non dimenticare anche l’offerta dei complementi d’arredo come tavoli, sedie, vetrine.

PROGETTAZIONE Un’azienda che offre soluzioni e scelte a 360 gradi. La Tecnobar è innovazione, progettazione e realizzazione di arredamenti su misura. TecnoBar è all’avanguardia nella progettazione; la collaborazione tra i designer Giulio Perfetti e Massimiliano Marconi, offre ai locali un aspetto unico, sia in termini di design che di stile, grazie anche ad uno staff versatile di artigiani che riesce a determinare il successo visivo di qualsiasi ambiente. Uno staff interno e qualificato che da vita ad ogni idea d’arredo. Gli architetti e gli interior designer realizzano progetti di ogni tipologia, consigliando sempre la soluzione più adatta per ogni esigenza.

IL MAGAZINE 15


ASSISTENZA Lo staff di Tecnobar non lascia mai soli i suoi clienti, e fornisce assistenza specializzata e personalizzata per ogni tipo di richiesta. Grazie ai tecnici presenti ogni problema viene risolto prontamente, ad ulteriore garanzia delle apparecchiature che vengono fornite. I tecnici altamente specializzati effettuano riparazioni direttamente in sede, avendo a dispozione un fornitissimo magazzino di ricambi. Il reparto tecnico, inoltre, dispone di automezzi attrezzati che permettono di intervenire presso i clienti in breve tempo, risolvendo richieste di riparazione e sostituzione. La Tecnobar offre assistenza alle apparecchiature fornite con un servizio di riparazione in sede a domicilio garantito anche nei giorni festivi.

FALEGNAMERIA E MONTAGGIO La Tecnobar, per la realizzazione di arredi, si avvale di falegnami specializzati che operano con esperienza, utilizzando materiali di alta qualità, specializzati negli arredi su misura. Gli abili commerciali sapranno consigliare ai clienti le soluzioni più adatte per ogni tipo di esigenza. Le realizzazioni sono effettuate con macchine di ultima generazione, proprio per dare vita ad ogni idea. Non esitate a contattare l’azienda per avere informazioni, preventivi, consigli. Il personale qualificato della Tecnobar, al servizio dei suoi graditi clienti, esegue montaggi ed istallazioni di locali ed attrezzature direttamente in sede. Gli istallatori dello staff si distinguono per esperienza, professionalità e grande precisione rivolta anche ai particolari.

Impianti Villa Serita

FORNITURE ED IMPIANTI Dal 2009 l’azienda ha aperto un nuovo showroom e servizio hotellerie dedicato alle forniture alberghiere entrando a far parte del consorzio ho.f. Hotel forniture, con una vasta scelta di porcellane, posateria, vetrineria, articoli per la sala, cucina, abbigliamento da lavoro; il settore è diretto dall’esperto Luca Cecconi che vi

guiderà nelle scelte dando un tocco particolare al vostro locale. Ma Tecnobar è anche realizzazione e montaggio di impianti per strutture ricettive di alto livello. Ne sono una dimostrazione Villa Serita e Villa Lattanzi, antiche dimore storiche rispettivamente in provincia di Macerata e Fermo, che dopo le recenti ristrutturazio-

ni hanno acquistato ancora più fascino. Grandi spazi dedicati alle cucine altamente professionali, di cui Tecnobar ha seguito il progetto installando le più moderne apparecchiature: dai forni agli abbattitori di temperatura, fino ai blocchi di cottura ed alle aree lavaggio. Strutture di eccellenza che si sono affidate ad una grande azienda.


FORMAZIONE Nella sala interna all’ azienda si organizzano corsi di specializzazione per cuochi e barman tenuti da chef professionisti che illustrano le tecniche di lavorazione e di cottura per ogni esigenza in cucina e al bar. La Tecnobar da anni sostiene il settore ristorativo ed enogastronomico marchigiano promuovendo corsi di aggiornamento sulle materie prime e sulle nuove tecnologie in cucina. Inoltre sarà pos-

MISSION sibile avere a disposizione uno chef Tecnobar presso la sede dei clienti per la messa in funzione delle attrezzature nuove, e che illustrerà tutti i funzionamenti in base alle singole esigenze di cucina. Sarà cura dell’azienda fornire i mezzi migliori per l’aiuto. Questo per ottimizzare il rendimento dei sistemi offerti, ove è necessario che lo chef abbia tutte le informazioni sul giusto utilizzo delle apparecchiature.

Ogni locale a marchio Tecnobar diventa un punto di riferimento, proponendosi con una veste elegante, affascinante e ricca di particolari. Proprio la scelta dei particolari e degli abbinamenti è fondamentale per il successo. Realizzazione di concept attraverso cui creare degli scenari adatti alle più svariate esigenze. Ciò che oggi trasmette la Tecnobar è la voglia di mettersi costantemente in gioco, senza sottostare a regole precise ma reinventandosi continuamente. “Ripartire ogni volta da un foglio bianco”. Queste le parole di Gianluca, “cercando di ampliare la gamma dei servizi e diventare un punto di riferimento nel settore di riferimento”. Il tutto in un momento storico sicuramente particolare, in cui forse si è persa un po’ di professionalità ed in cui i margini di movimento sono inferiori e le spese sono superiori. Con l’aiuto di Tecnobar i locali (dai bar ai ristoranti) possono ancora essere centro di qualità e ambienti in cui riscoprire eleganza e serenità.

We have discovered the professionalism and the guarantee of a successful company born in the 80s: Tecnobar. It is specialized in the supply, support and marketing of products, machinery and equipment for ho.re.ca. premises. Today Gianluca Cipriani is responsible for the sales department for a catchment area covering the entire region, arriving also abroad. Tecnobar offers every solution, from design to assembly, from assistance to realizations in carpentry. It also offers training, thanks to a large room in the new facility (born in 2004) in Tolentino. Entrusting Tecnobar is a guarantee of elegance, professionalism and success.

Gianluca Cipriani responsabile commerciale vendite

In collaborazione con Bar.it la Tecnobar aprirà le porte dell’azienda per una giornata di formazione. Scuole Alberghiere e clienti saranno invitati a seguire un master sul cappuccino e tecniche Latte Art (tenuto da Laura Tonti), e un master sui cocktail al caffè tenuto da Fabio Renzetti.

IL MAGAZINE 17


Natale 2012

Enoteca Gastronomia Recchioni La ricerca di un pensiero unico, originale e di qualità da regalare a chi merita una considerazione speciale, sia esso un cliente, un collaboratore, un amico. Recchioni distribuisce bevande nella nostra regione dal 1940, e da sempre la competenza, la costanza e la serietà sono caratteristiche che la contraddistinguono. Trattare i nostri clienti come dei veri e propri amici è il nostro impegno quotidiano.

Come ogni anno ci proponiamo per offrirvi un servizio di ideazione, confezionamento e consegna strenne natalizie. Disponiamo di un’ ampia gamma di prodotti enogastronomici locali, nazionali ed internazionali di assoluta qualità. Via Borioni snc 62012 Civitanova Marche (MC) Tel. 0733.897777 Fax 0733.897666 info@recchioni.com www.recchioni.com


Conferenza della Rete delle Regioni Europee libere da OGM di Paolo Petrini

A

d Erfurt, nel Land tedesco della Turingia, si è tenuto, nei primi giorni di settembre, il IX Congresso delle Regioni Ogm-free: “Etichette Ogm-free cosa c’è sotto?”, il titolo dato a questa edizione è indicativo. La rete, costituita da 56 amministratori locali di otto Paesi Ue (Italia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Croazia), presieduta dal Vicepresidente e Assessore all’Agricoltura della Regione Marche, Paolo Petrini, hanno posto, come prioritaria, la questione delle etichettature.Una sentenza della Corte di Giustizia di Lussemburgo che dà ragione alla Pioneer contro l’Italia è un esempio di quanto sia urgente dotarsi di nuove norme comuni in Europa riguardo alla direttiva n.18-2001 (normativa sugli Ogm, in via di revisione) per restituire la possibilità di vietare o limitare l’introduzione degli Ogm nel proprio territorio.

Rosario Trefiletti, che ha sottolineato la necessità categorica che le decisioni europee debbano basarsi sui principi di precauzione e responsabilità. Altro aspetto essenziale del dibattito ad Erfurt, quello della coesistenza tra agricoltura tradizionale e transgenica con lavolontà di affermare il principio del “chi inquina paga”.

La precedente Presidenza danese della Ue ha posto, in tal senso, un progetto, attualmente bloccato da Germania, Francia, Gran Bretagna e Belgio.“Tocca quindi all’Europa accelerare il dibattito e valutare le eventuali modifiche da apportare per concludere il provvedimento” ha affermato Petrini aggiungendo che sia necessario inoltre aprirsi alla società civile, “agli agricoltori e consumatori ed agli ambientalisti” per diventare una massa critica in grado di portare avanti le battaglie per un’agricoltura tradizionale ed organica. “Dobbiamo fare sentire la nostra voce sui dossier comunitari che riguardano la qualità (agricoltura biologica e denominazioni di origine ndr) e la produzione di proteine, in modo da limitare l’importa-

zione di soia transgenica realizzata nell’allevamento e rendere così l’Europa più autonoma e le filiere più controllate. Il tema della tracciabilità e trasparenza è centrale e alla base dell’etichettatura. Le norma vigenti attualmente in Ue coprono solo i prodotti agricoli e non quelli di derivazione animale ed è questa una lacuna che va colmata. Rispetto a tali diritti i consumatori, le autorità locali e gli Stati devono poter recuperare la loro autonomia per decidere sevogliono o meno gli Ogm, per sapere cosa vogliono nel loro piatto, per decidere come e cosa intendono coltivare ed allevare.

At Erfurt, in the German Land of Thuringia, was held in early September, the IX Congress of GMO-free Regions: “GMO-free labels, what lies beneath?”, was the title of this edition. The 56 local administrators of eight EU countries (Italy, Austria, Belgium, France, Germany, Spain, United Kingdom, Croatia), chaired by the Vice President and Councillor for Agriculture of the Marche

Region Paolo Petrini, have placed as a priority the labeling question. A judgment of the Court of Justice in Luxembourg that vindicates Pioneer against Italy, is an example of how urgent it is to build new common standards in Europe with regard to Directive 18-2001 (legislation on GMOs, under review), restoring the ability to prohibit or restrict the introduction of GMOs in our territories.

Del medesimo avviso il Presidente dell’associazione nazionale consumatori,

Nel collegamento video con il seminario sugli Ogm organizzato dal parlamento Ue di Bruxelles dal gruppo dei verdi, Petrini ha invitato i deputati ad unirsi a loro per far sentire un messaggio forte alla commissione Ue e a tutto il Parlamento e per poter proseguire nella lotta per un’agricoltura di qualità.La coesistenza tra Ogm e non Ogm è estremamente costosa e i prezzi non sono pagati da chi inquina. Peter Rohing, direttore dell’Asscoziazione tedesca dei produttori di cibo organizo a seguito di uno studio realizzato in Europa e nelle Americhe ha affermato che i costi operativi della coesistenza delle due agricoltura sono indefinibili tanto a livello politico quanto burocratico, inoltre i costi non si possono calcolare in anticipo, sono comunque immensi, come quando i produttori perdono la possibilità di etichettare i loro prodotti come Ogmfree ed il raccolta va gettato “in Europa la sogia di contaminazione è dello 0.9%. Rohering pertanto ha chiesto la possibilità che venga riconosciuta la responsabilità civile di chi inquina, ammettendo tuttavia che ciò renderebbe gli Ogm economicamente non più sostenibili.Il lavoro è vasto ma altresì urgente poiché i consumatori chiedono trasparenza nelle etichette che dichiarino cosa c’è nei mangimi usati in allevamento e quindi nella carne che mangiamo.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 21


a logic o n e a n llenz Ecce vinaria i TA. te COR ed ar

IA

NC FRA

Agente di zona Tito Galanti 320.6973812


Da Loreto riparte la speranza di Antonella Ciccarelli

Spacca incontra il papa a Loreto

N

ella crisi attuale che interessa non solo l’economia, ma tanti settori della società, la visita del Papa a Loreto ci invita alla speranza e alla ricerca della pace per superare i problemi delle famiglie e dei giovani che guardano al futuro con preoccupazione. Benedetto XVI si rivolge ai marchigiani e a tutti i fedeli dicendo che dove abita Dio, dobbiamo riconoscere che è anche casa nostra e solo la fede può determinare la vera svolta della nostra vita, anche se a volte abbiamo paura che la presenza del Signore possa essere un limite alla nostra libertà. La Santa Casa di Loreto, sottolinea il Papa, non appartiene a una persona o a una famiglia, ma è un’abi-

tazione aperta a tutti, che sta, per così dire, sulla “strada” di tutti noi. Si legge dalle scritture che la casa di Nazareth apparve improvvisamente su una via di campagna consolidandosi sul terreno priva di fondamenta, con sole tre pareti perimetrali semplicemente appoggiate perpendicolarmente sul terreno e la parte, quella senza parete, appoggiata, invece, su di un fosso, o meglio, si è posta a chiusura di una grotta. La celebre e sacra reliquia, che il Santuario di Loreto custodisce al suo interno, è proprio la Santa Casa di Nazareth, dove la Beata Vergine Maria è nata, è vissuta, ha ricevuto l’annuncio dell’Angelo Gabriele sulla nascita miracolosa di Gesù. Il Papa ha voluto affidare alla

The Pope’s visit to Loreto invites us to hope, searching for peace to overcome the problems of families and young people. According to tradition the house was carried “miraculously” (for the Will of God) from Nazareth to Trsat in

1291, and then to Loreto on December 10, 1294. That date is an official recurrence of the Marche Region, even celebrated in the communities abroad where it is customary to light large fires in the countryside, in towns or in the various districts of the cities.

Madonna questo tempo di grazia per la Chiesa: infatti tra pochi giorni si apre l’Anno della fede e il Sinodo dei Vescovi, ed ha ricordato anche l’evento della traslazione della Santa Casa della Vergine Maria la quale, secondo la tradizione diffusa in ogni luogo, suffragata da innumerevoli prove storiche e archeologiche, fu trasportata “miracolosamente” (per Volontà di Dio) da Nazareth a Tersatto nel 1291, e a Loreto il 10 dicembre 1294. Quest’ultima data è una ricorrenza ufficiale della Regione Marche, addirittura festeggiata anche presso le comunità marchigiane all’estero dove è usanza accendere grandi fuochi o falò, nelle campagne, nei paesi e nei vari quartieri cittadini.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 23


GAME &GAME SRL VIA A. MANZONI 56 62012 CIVITANOVA MARCHE (MC) TEL: 0733.784535 - FAX: 0733.819906 info@gamegame.it - www. gamegame.it


Il marchio Qm per le pesche della Valdaso

Marcello D’Erasmo - Maestro pizzaiolo

L

e pesche e le nettarine della Valdaso sbarcano sui banchi della grande distribuzione. Questo frutto è tipico delle zone di Fermo ed Ascoli, e il metodo di coltivazione con materiali privi di ogm rende possibile la tutela della biodiversità e il mantenimento delle caratteristiche organolettiche, oltre a quelle morfologiche e chimiche dell’ambiente. Da oggi questo prodotto tipico delle nostre zone conquista il marchio QM della Regione Marche, entrando nel progetto integrato di filiera promosso da Nuova Agricoltura. Massimo Sandroni, presidente

della Cia di Ascoli e Fermo ha spiegato come questo progetto di valorizzazione sensibilizzi l’opinione pubblica su tematiche ambientali e sulla qualità degli alimenti, in particolare di quelli legati alle tipicità locali e alle tradizioni. Il marchio QM garantisce il pregio dei prodotti attraverso un disciplinare rigoroso e rigorosi controlli, tracciabilità in ogni fase del processo e informazioni sia sull’etichetta che nel web. Tutelando le caratteristiche produttive si ha così la certezza di acquistare un prodotto completamente sano e naturale, e con questo marchio le pesche del-

Valdaso peaches landed on the shelves of supermarkets. This fruit is typical of Fermo and Ascoli, and the method of cultivation with materials GMOs free, makes pos-

sible the protection of biodiversity and the preservation of the organoleptic characteristics. This typical product of our area has won the QM trademark of Marche region.

la Valdaso saranno inserite nella filiera attiva dei tradizionali canali di distribuzione all’interno dei punti vendita della grande distribuzione. La filiera crea anche una rete tra l’ortofrutticolo ed il turismo, sfruttando l’immagine del territorio. “La qualità QM della Pesca della Valdaso sarà ovviamente diffusa e fatta conoscere a tutte le famiglie non solo delle Marche ma anche di altre Regioni, attraverso una campagna di marketing che coinvolgerà regioni come l’Umbria e l’Abruzzo”, ha affermato Pio Geminiani, presidente associazione Nuova Agricoltura.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 31


PREZZI

+

BASSI

ASSORTIMENTO

+

VASTO

SERVIZIO

+

RAPIDO

PAGAMENTI

+

FLESSIBILI

PREZZI IMBATTIBILI PER CHIUNQUE, GRAZIE ALLA COMBINAZIONE STRATEGICA- BEVERAGE & GAMING Via Fontanella, 1 - 62012 Civitanova Marche (MC) Tel. 0733 810973 - Fax 0733 717474 - assodrink@gmail.com


il partner perfetto... per il tuo noleggio!

Central’obiettivo! Informazione e consulenza

Novità ed assistenza

Qualità e design Sicurezza e serietà

DISTRIBUTORI VLT - HBG DISTRIBUTORI DI GIOCHI ONLINE DISTRIBUTORI DI TOTEM KIOSKO TI SEGUIREMO DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE Via Fontanella, 1 - 62012 Civitanova Marche (MC) Tel. 0733 810973 - Fax 0733 717474


Azzurro:cielo,mare...e pesce di

Stefano Isidori iniseme a Pierpaolo Piermarini

I

ndubbiamente collaborare alla stesura di una rivista presenta dei privilegi. Come rappresentante del Magazine il 1° Settembre sono stato invitato alla Vela di Porto Sant’Elpidio, ristorante della Lega Navale, per una cena-degustazione. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato al Turismo, nella persona della Sig.ra Milena Sebastiani, dalla Regione Marche e coadiuvata dall’Università di Camerino. Scopo dell’iniziativa è quello di dare il giusto risalto al pesce azzurro dell’Adriatico. La manifestazione “Amare il Mare”, che è alla sua 3° edizione, viene presentata da due noti e stimati insegnanti della Scuola Alberghiera Tarantelli: Stefano Isidori e Pierpaolo Piermarini. Mi accomodo a tavola in compagnia di altri sei buongustai: la già citata Milena Sebastiani (Ass. al Turi-

smo), Stefania Morbidelli (Sommelier), Sara Ricci e Angelo Cecchetti (“Il gusto della vita”), Ignazio Mietti (“Prima Pagina”), e Giuseppe Lambertucci (Gastronomo). I piatti da degustare, e valutare, sono cinque: Azzurro fritto (alici), Sarde ripiene di pesto rosso su letto di lenticchie, Risotto con melanzane sgombro affumicato e rapa rossa, Tre di tonno e Trancetto di suro con panatura speziata popcorn e purè di sedano e rapa. Naturalmente i due maestri chef hanno decantato tutta la loro poesia nella preparazione di tali pietanze; e come si fa a giudicare?...è tutto talmente buono! Tant’è che a fine pasto non credo sia risultato un piatto vincitore:..exequo! Il fine di questa cena è quello di inculcare il concetto che utilizzando il pesce azzurro del nostro mare, sapientemente preparato, si possono ottenere risultati

As a representative of the Magazine on September 1, I was invited for a dinner-tasting at Vela of Porto Sant ‘Elpidio, the Navy League’s restaurant. The initiative is sponsored by the De-

partment of Tourism, in the person of Mrs. Milena Sebastiani and by the Marche Region and it is supported by the University of Camerino. The aim of the initiative is to give proper emphasis to Adriatic blue fish.

deliziosi. Alici, sgombri, sarde, acciughe, i cosiddetti “pesci poveri”, oltre che a prestarsi ad ottime preparazioni sono pesci ricchissimi di fondamentali sostanze nutritive: sali minerali, calcio, ferro, iodio, vitamine (A e B) oltre un’altissima concentrazione di omega3, il famigerato killer del colesterolo cattivo. “Ment sana in corpore sano” dicevano i latini e parlaando con Stefano non possiamo che trovarci d’accordo nell’utilizzare questi doni della Natura, tanto spesso sottovalutati. Attendo con un certo languore un’altra telefonata dell’Assessorato al Turismo...per il piacere di fare da cavia alle ricette dei maestri Isidori e Piermarini. Grazie! Chi volesse approfondire la composizione di questi piatti può trovare il ricettario nel sito www.lemiemarche.it

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 35


Percorsi enogastronomici di qualità di Andrea Ercoli

D

al 1946 Mimotti, grazie alla continua ricerca nel mondo della qualità, ricopre un posto di primo piano nello scenario enogastronomico regionale. Un luogo dedicato ai grandi sapori, in cui tradizione, innovazione e ricerca sono un must da anni. Marcello Mimotti ha coltivato per 30 anni la passione per l’enogastronomia,

e per 25 ha ricercato il posto ideale in cui mettere in pratica questa passione. La volontà era quella di aprire un negozio che potesse offrire il meglio del meglio, raccogliendo anche l’eredità del fratello Mario, per anni rappresentante nel settore dei vini, dei liquori e dei whisky. Oggi Mimotti può contare su uno spazio di ben 465 mq, con

un ampio spazio che ospita una cucina attrezzata per l’alta gastronomia, salumi, formaggi, vendita di frutta e verdura e una macelleria interna. Ben 195 mq per la preparazione, 270 per la vendita e un self-service con un’area riservata ai tavoli per un pasto veloce e per il buffet. Chef professionisti offrono ogni giorno freschezza e creatività


dei prodotti. Mimotti è ristorazione ma anche, nell’area adiacente al locale, enoteca dei distillati, grandi vini ed immancabile spazio dedicato al biologico. Il 30 luglio l’inaugurazione di questo affascinante spazio, a cui hanno parteci-

pato Marcomini Alberto (il re dei formaggi), l’Azienda agricola Il Mongetto (specializzata nella produzione dei peperoncini), Gioacchino Palestro (re del fegato Doc) e il Caseificio Di Nucci Antonio (il più vecchio caseificio italiano che

produce stracciata e caciocavallo dal 1600). I prodotti sono stati offerti in degustazione per il pubblico presente. Cura del dettaglio, degli interni e un’architettura pensata per “ritrovarsi” nel conviviale, per esaltare il buon gusto dei prodotti.

Since 1946 Mimotti holds a prominent place in the scenery of regional food and wine, thanks to a continuous research of quali-

ty. Today Mimotti has a space of 465 square meters, that houses a fully equipped kitchen for high gastronomy, selling even fruit and vegeta-

bles and having a butchery inside. There are 195 sqm for preparing, 270 for sale and a self-service with an area reserved to tables for a quick meal.

Mimotti il

enogastronomia e ristorazione via Elia 1/3 (zona Tribunale) Ancona Tel. 071.205837

gusto


Cantine SAPUTI

RIBONA SPUMANTE BRUT Dopo 50 anni di attività una nuova sfida entrava a far parte della famiglia Saputi, quella di creare un nuovo prodotto che ci portasse alla conquista di palati amanti di bollicine. La territorialità del Maceratino insieme all’accurata vinificazione con metodo Charmat lo hanno reso unico ed entusiasmante. Soddisfazione e immensa gioia ci ha portato il primo riconoscimento ottenuto (in basso a sinistra). Merita sicuramente di essere assaggiato…anche nel nuovo locale degustazione che nella prossima uscita vi mostreremo!

1° Selezione Internazionale Vini da Pesce

CANTINE SAPUTI Società Agricola Saputi s.s. Contrada Fiastra, 1 - Colmurano (MC) T. +39 0733.508137 F. +39 0733.508928 www.saputi.it - info@saputi.it


I meravigliosi atleti marchigiani a Londra 2012 di Antonella Ciccarelli

D

opo 2 ori e 1 bronzo conquistati dalle fiorettiste marchigiane alle olimpiadi di Londra, una medaglia d’argento da un altro marchigiano, questa volta di Monteprandone, Massimo Fabbrizi, 35 anni che ha conquistato la medaglia azzurra numero 17 nella fossa. Il contributo al medagliere azzurro è stato notevole, grazie alle medaglie conquistate da Elisa Di Francisca, Valentina Vezzali, senza dimenticare il contributo decisivo dato dalle fiorettiste jesine nella conquista dell’oro a squadre e dai pallavolisti marchigiani per il bronzo nel volley (Emanuele Birarelli). Ma tutti i campioni che erano a Londra hanno fatto onore alle Marche sportive, e per questo vanno ringraziati: la bella finale conquistata da Paolo Ottavi nella ginnastica artistica, l’impegno e la grinta dimostrati da Julieta Cantaluppi, Filippo Baldassari, Michele Regolo, Filippo Magnini e Gianmarco Tamberi, senza dimenticare la maratoneta Rosalba Console, “marchigiana d’adozione”, visto che vive e si allena a Jesi. Anche le Paralimpiadi per il movimento marchigiano è stata un edizione di grande successo con i nostri corregionali che hanno onorato la maglia azzurra ottimamente. I cosidetti “Fantastici 4″ Andrea Cionna, Giorgio Farroni, Assunta Legnante e Riccardo Scendoni hanno totalizzato due grandi medaglie che danno alla nostra regione grande lustro ed onore. L’oro di Assunta Legnante nel lancio del peso con la misura di 16,74 metri ha fatto registrare il nuovo record del mondo mentre l’argento di Giorgio Farroni nella gara su strada 24 km ha fatto registrare il grande tempo di 45’24”. Bilancio quindi di assoluto prestigio per i nostri atleti e per il movimento sportivo marchigiano che con l’ottimo livello di partecipazione ha manifestato una crescita esponenziale anche per i risultati raccolti e il lavoro svolto sia dagli atleti stessi che dalle loro rispettive società sportive con un particolare menzione alla grande società sportiva di Civitanova Marche “Anthropos” diretta dal Presidente Nelio Piermattei. Tutti gli atleti che hanno partecipato alle Olimpiadi e alle Paraolimpiadi di London 2012

A great success for Italy in the London Olympics just ended. Among Italian athletes many successes for the Marche region,

which helped to increase the italian medal count thanks to Emanuele Birarelli, Massimo Fabrizi, Elisa Di Francisca, Valentina Vezzali.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it


I tesori esistono...ed aspettano..

Questo locale è come lo vedi, basta accendere le luci ed aprire il rubinetto del gas, ed è pronto.


l’uomo giusto nel momento giusto.

Hai talento? Passione? Voglia di fare? Insomma, sei un professionista? Puoi contattarci, ti daremo delle notizie...e non solo.

Per informazioni .. redazione de Il Magazine Bar.it. 333.3916482 - 3349134426 - 340.5973954 commerciale@lemiemarche.it - bar@bar.it


ssione bblici a u p p n i o l mo c loca voria o per a t l n e i m er a a. ann ione p ’arred igenz Da 25 z s a ll e e tt i d e n g e og ro ttor i per ione. o di p n z n r e r Nel se e c e t n t n o n i c i si zzando ase di fficio f u n n alsia i u u reali o q i i d e l r o g a rma aliam un dett rasfo ss t e i Ci avv n d e r do , ascura in gra r o t n zione n o u o s c n i e t s . r e ie ile ci esp à erti d angib c t i à p t Tecni m l qualit te ea a r , t e r i n r e i u tto e off unto d rnit r p o o f n i u l e proge g a mi nd nell a azie are la alità r u zz t t i s n l o u a P an re sign. anni l e ntà di d i o l l t g o c e v ra la so n l cont e nno re d a e h r o idee. setto e prezz l u e t n o e ment ura l s i m riferi u s

mo

zzia i l a e anni r 5 2 a D

34 peri, C) s a G e M d ( Via A. orridonia 5 C 6 8 4 1 6201 33.28 Tel 07 33.283544 com . Fax 07 nameriabf om g . e abf c fal info@ alegnameri www.f


o n g e l l i o m a i r ! o a v r a e i n a ...l m a i h cc e v a all e In fed


Viale Don Bosco, 99 - 62010 Montecosaro (MC) Cell. 347.1067426 - newgreenspace@alice.it - www.newgreenspace.eu


“ È la natura che sceglie gli equilibri del mondo... e l’uomo la de�e curare�� � Giuseppe Sassano Titolare New Green Space


Sveglia! Il vero caffè al ginseng è solo...

Via D. Concordia, 24 62010 Piediripa di Macerata T. 0733.281104 - 348.8260581 info@piccadillycoffee.it www.piccadillycoffee.it


Con le Marche ai piedi: dal Micam al resto del mondo di Donato Bevilacqua

T

orna a calare il sipario, come ogni anno, sulla più importante manifestazione internazionale della calzatura: il Micam. Oltre 1.600 espositori, di cui 600 stranieri, per una superficie di quasi 70.000 metri quadri. In questa cornice sono state ben 200 le imprese marchigiane arrivate a Milano per presentare le loro collezioni. Un distretto calzaturiero d’eccellenza quello della nostra regione, con alto contenuto di moda e altissima qualità delle proposte, così da rispondere alle difficoltà dell’economia globale. Il “Distretto Calzaturiero delle Marche” presente in fiera si è posto come una vetrina delle nostre eccellenze, promosso dai vari enti istituzionali, tra i quali Camere di Commercio e Regione Marche. I nostri imprenditori si sono presentati con il meglio dei loro prodotti, dimostrando di saper ben lavo-

rare anche durante la crisi, grazie ad una grinta invidiabile. Ben 200 le imprese del fermano, e oltre 100 quelle del maceratese, dove, per fornire qualche dato, vi sono più di 12mila addetti occupati in circa 1000 aziende, che rappresentano il 30% dell’economia locale, con più di 1.500 milioni di euro di fatturato. A ciò vanno aggiunti gli oltre 3.500 addetti che si occupano della produzioni di tacchi, suole e accessori. Il risultato va oltre le aspettative, e dimostra che il Made in Italy è un trand che ha ancora il suo valore, nonostante la sofferenza del mercato interno e delle piccole-medie imprese di cui si caratterizza il nostro territorio. L’export rimane ancora un deterrente per la crisi, così come l’auspicio di creare una rete che possa lavorare con successo anche nel mercato interno. Istituzioni e imprese devono guardare avanti e raffor-

The most important international event of the footwear, the Micam, has ended also this year. In this frame have been over 200 companies from Marche arrived in Milan to present their collections. Our region has a footwear district of excellence with high fashion and high

quality proposals, so as to respond to the difficulties of the global economy. The “Footwear District of Marche” at the show has set itself as a showcase of our excellence, promoted by the various institutional bodies, such as the Chamber of Commerce and the Marche Region.

zare internazionalizzazione e infrastrutture. Basti pensare che nel solo periodo gennaio-marzo 2012 l’export di calzature italiane verso l’oriente è cresciuto del 42% in quantità e del 76% in valore, con il Paese asiatico che rappresenta il 13° mercato di sbocco per il settore. Proprio a proposito di export, da sottolineare la grande presenza in fiera dell’estremo oriente (soprattutto dalla Cina) e i progetti di qualche marchio marchigiano che mira ad espandersi oltre i confini: così Fornarina apre nuovi store a Monaco e Beirut e Fabi si espande in Cina con abbigliamento e accessori nei 120 store. Seguendo questa scia il progetto Micam si vuole aprire al mondo, ed organizzerà per la prima volta un’edizione ad hoc della rassegna in Cina, a Shangai, con la collaborazione della Fiera di Milano. Il Micam Shangai si terrà dal 9 all’11 aprile 2013.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 47


Francesco Valeri e Marika Cicarilli (Commerciale Velenosi)


Il buongiorno si vede dal mattino...

Laura Tonti Barmade Major - Tutor Latte Art

Direttamente presso il tuo bar mini master di 2 ore per te e tutto il tuo personale. Contattaci per maggiori informazioni al 334.9134426 - latteart@bar.it

...il tuo cliente merita un bel cappuccino! Seguici su latteart.bar.it

Vuoi imparare il mestiere di barman? Vuoi rinnovare il tuo menÚ? Vuoi incrementare l’aperitivo? Vuoi organizzare la pausa pranzo? Vuoi ravvivare il tuo locale? Vuoi conoscere i drinks + trend? Vuoi rinnovare la tua immagine? Vuoi gli spettacoli + in voga?

me! o c i c i Chied

bar@bar.it - 334.9134426


Villaggio del Cane : la nostra storia

T

ra le verdi colline di Villa Luciani, Montegranaro. in una bellissima oasi verde, sorge Il Villaggio del cane. La nostra avventura ha inizio il 12 MARZO 2007 quando insieme al corpo speciale del nucleo della forestale, il NIRDA di Roma (nucleo anti danno e randagismo animale) sequestrammo,su denuncia di un un gruppo di persone che prestava attività di volontariato , il canile Pluto House di S Elpidio a Mare. L’esperienza è stata durissima, ma grazie alla nostra tenacia e in particolare all’amore per i nostri amici pelosi, e soprattutto all’impegno del nostro Presidente Nazionale Bruno Mei tomasi, ce l’abbiamo fatta.Un ringraziamento particolare comunque lo rivolgeremo sempre all’ allora Sindaco Dott. Basso, che mostrando grande spirito di collaborazione, ma soprattutto sensibilità al problema, ci ha concesso un terreno dove oggi sorge il “Villaggio del cane”, che fu dedicato dal nostro Presidente alla memoria di un grande giornalista, Emilio Nessi, la cui vita è stata interamente dedicata alle denunce sui maltrattamenti verso ogni tipo di specie animale. Molti si chiederanno il perché di questo nome, perchè no, semplicemente, canile o rifugio ha inizio la nostra avventura Occore innanzitutto fare una precisazione, l’A.N.T.A di principio è contraria ai canili ,purtroppo essendo il randagismo una piaga devastante, occorre offrire a questi poveri e sfortunati animali un rifugio dignitoso e rispettoso del loro benessere, ma allo stesso tempo integrato nella comunità.per questo abbiamo scelto ,di comune accordo con il sindaco Basso di chiamarlo villaggio del cane, per

permettere un continuo connubbio tra uomo e animale. A tal proposito l’A. N.T.A ha promosso diverse iniziative, in particolare recentemente ha collaborato con l’ufficio animali e ambiente della Regione Marche, al progetto “la scuola adotta un canile”che ha visto diverse classi della quarta elementare partecipare sia attraverso lezioni tenute da una nostra veterinaria comportamntalista, sia attravero una visita al villaggio, con grande interesse ed entusiasmo. Il villaggio ,comunque vuole coinvolgere tutte le fascie di età e per questo si sta impegnando per promuovere delle giornate di svago per gli anziani ospiti delle case di riposo. Il Villaggio del cane offre inoltre ,servizi di Pet Terapy, e grazie al nostro bravissimo educatore cinofilo, Denis Calzonetta, corsi di addestramento ed educazione cinofila. Per tutti coloro che sono soci A.N.T.A, il villaggio offre con un piccolo contributo, servizio di pensione per i vostri amici a quattro zampe, per tutte le volte che non po-

tranno accompagnarvi. Presso la nostra struttura è presente un servizio di toelettatura aperta al pubblico. Per tutti coloro che lasceranno il loro cane in pensione e soprattutto per chi adotterà uno dei nostri ospiti sarà sempre disponibile un servizio di assistenza veterinaria. Dunque un vero proprio centro dove vige il nostro motto: L’UOMO IL MIGLIORE AMICO DEL CANE.

Among the green hills of Villa Luciani, Montegranaro, in a beautiful oasis, arises the dog village Il Villaggio del Cane. The organization ANTA has promoted various initiatives: recently it has collaborated with the Office of animals and environment of the Marche Region in the project “the school adopts a kennel” which saw various classes participate through lectures given by one of our behaviourist veterinary, and through a visit to the village. The Village houses unlucky dogs and it also offers Pet Therapy and training, a grooming service open to the public and much more.

ANTA onlus Civitanova Marche Via Centofiorini, 8 – Civitanova Marche Alta (MC) Sede rifugio: “Villaggio del Cane” Via Alpi 300 – Villa Luciani – Montegranaro (FM) Tel 0733. 823690 - www.villaggiodelcane.it


Le cose semplici sono per uomini raffinati di

P

rimi di ottobre, siamo vicini alla stampa del giornale e come sempre le giornate sono sempre più frenetiche. Ore 18, arriva Mauro in ufficio e mi dice :” andiamo a cena insieme stasera?” “volentieri, dove?” da un amico”. Ore 21; lo seguo con la macchina e ci dirigiamo a Casette Verdini di Pollenza. Parcheggiamo le auto davanti ad una palazzina di recente costruzione difronte lo stadio e la pista di pattinaggio. Saliamo degli scalini che conducono al locale e leggo: “Il Tesoro Goloso; ristorante a km 0”... originale! Veniamo accolti da due ragazze che lavorano in sala e dal proprietario; subito una buona impressione. Ci sediamo e ci fa visita lo chef: Peppe Amoroso... ah ah ah..quanto tempo! Conosco Peppe da quando più o meno avevo 16 anni. Quelli erano tempi di motori e di sfide. Dopo cena ci divertivamo con le “tirate”. Un nutrito gruppo di giovani “suonati” che si davano appuntamento su qualche strada poco frequentata e gareggiavano con moto e macchine. Poi, a mezzanotte, tutti a mangiare alla Taverna degli Amici...da Peppe. Gli uomini di estro sono sempre alimentati da grosse passioni. Una volta, dopo aver lucidato una Laverda 1000 l’ha piazzata sul tavolo del buffet tra le fiamminghe degli antipasti e dei contorni. A chi entrando gli chiedeva: “e questa?” lui rispondeva...”è l’amore mio!” Bei ricordi! “Che mangiate?”..”fa tu Peppe, noi ci fidiamo.” Durante la cena ci fa compagnia Roberto, il proprietario. Ci racconta la storia della sua vita e le mie impressioni iniziali vengono confermate: è

At the restaurant “Il Tesoro Goloso; ristorante a km 0” we are welcomed by two girls who work in the room and by the owner Roberto, who has made his experience working in many fields. We sit down and comes the chef Peppe Amoroso. He is a lover of truth, and his research never stops. It is fully aware that traditions are handed down because they are composed of what is closer to man and nature. In fact he uses “Km 0” products, all coming from our land. The owner and the chef have shared their forces and their experiences for this restaurant, obtaining excellent results.

un brav’uomo. Romano di estrazione e maceratese d’adozione ha lavorato nei campi più svariati. Per 15 anni dirigente dell’Alitalia fino agli anni ‘90 ha poi maturato la sua formazione professionale alla Nazareno Gabrielli. Ha viaggiato, ha conosciuto ed ha affinato la sua sensibilità; sa cosa cerca un cliente. E di Peppe che dire?...ha girato mezzo mondo tramite la sua arte. Consulente e collaboratore di aziende e locali importanti ha scritto libri e trattati sul mondo della cucina. È un cultore del vero; la sua ricerca non si arresta mai. È pienamente consapevole che le tradizioni vengono tramandate perché

cuoco solista, F.G. Amoroso,

sono composte da ciò che è più vicino all’uomo e alla Natura. Non per niente utilizza prodotti a” Km 0”; tutta roba della nostra terra e di chi sa fare. Ora questi due personaggi hanno condiviso le loro forze e risultati sono palesi. Tra l’altro scopro che tutti e due fanno di cognome Amoroso. Non si conoscevano fino a poco tempo fa e il nome è di origine spagnola: coincidenza?... non credo alle coincidenze! A questo punto vi chiederete come abbiamo mangiato: “e che ve lo dico a fa?”. Le parole sono sempre in difetto quando si devono descrivere le belle emozioni. Provate e giudicate voi... io ci ritorno!.

Via G. Falcone, 29 - 62010 Casette Verdini - Pollenza (MC) Tel. 0733201559 - info@iltesorogoloso.it - www.iltesorogoloso.it

IL MAGAZINE 51


Il mare a tavola con il marchio Qm

MEZZEMANICHE ALLE ALICI

Ingredienti per 4 persone 20 sardoncini a marchio QM 1 kg di pendolini capperi salati piccoli olio extra vergine di oliva aglio peperoncino Procedimento Scaldare i pendolini, sbucciarli e tagliare a pezzi. Lavare e spinare accuratamente i sardoncini. Soffriggere l’aglio con i pendolini, aggiungere i sardoncini e far cuocere lentamente. Cuocere le mezzemaniche in abbondante acqua salata, scolarle al dente e saltare in padella insieme al sugo dei pendoli e sardoncini.


Dalla Regione Marche un marchio ricco di contenuti QUALITÀ Il mantenimento di elevati standard qualitativi è garantito dal rispetto di un rigoroso disciplinare di produzione e da controlli indipendenti svolti da organismi privati e autorità pubbliche, con la vigilanza della Regione Marche.

SISTEMA AMBIENTALE Le tecniche di pesca e di allevamento devono impattare il meno possibile con l’ambiente perché ogni settore economico deve dare il proprio contributo alla salvaguardia ambientale.

SICUREZZA Le norme di produzione mirano al conseguimento di risultati tangibili nel campo della sicurezza alimentare per tutelare il nostro bene più prezioso: la salute.

INFORMAZIONE Sull’informazione si basa il mantenimento del rapporto di fiducia tra produttori e consumatori che, grazie al marchio QM, è stato attivato con la “mediazione” della Regione Marche. L’informazione deve essere sempre trasparente e completa e questo è possibile combinando le informazioni presenti in etichetta/ricevuta con quelle disponibili su internet. Basta accedere al sito www.qm.marche. it e digitare il codice di rintracciabilità riportato in etichetta/ricevuta per conoscere tutta la storia del prodotto. È anche possibile conoscere, in tempo reale, presso quali esercizi è possibile acquistare un prodotto a marchio QM.

The brand Qm guarantees Marche’s food and wine quality. We can learn about the production phases of each product,

caring about environmental protection for fishing or farming, reducing our health’s risks, maintaining the relationship of trust between consumer and producer.

TRACCIABILITÀ Con l’ausilio delle più avanzate tecnologie informatiche, la tracciabilità è assicurata per ciascuna fase e per tutti i soggetti coinvolti nel processo di produzione ovvero dal peschereccio o allevamento fino alla pescheria o ristorante. In questo modo è possibile conoscere la provenienza dei prodotti ittici che finiscono sulla nostra tavola.

CARATTERISTICHE DEI DISCIPLINARI Per entrambi i disciplinari: • rintracciabilità a tutti i livelli di filiera fino alle imprese di pesca attraverso l’utilizzo informatico regionale Si.Tra. in grado di assicurare il necessario flusso di informazioni. • certificazione obbligatoria da parte dell’Organismo di controllo. Per la filiera ittica: vendita al consumatore finale entro 36 ore dalla data di vendita all’asta del mercato ittico per i dettaglianti e 48 ore per i ristoratori. Per la filiera molluschi: pesca in mare o in allevamento in acque classificate “A” che non richiedono successiva stabulazione e prodotto commercializzato avente taglia minima superiore a quella richiesta dalla normativa vigente (mitili e lumachini).


Martedì 13 novembre: nasce ufficialmente il club di Bar.it

M

artedì 13 novembre sarà il giorno della fondazione ufficiale del nuovo Club di Bar. it, un progetto nato già da qualche tempo che trova ora la sua ufficialità. Una giornata piacevole quella che si svolgerà nella sede di Bar.it, in via Moretti 33 a Piediripa di Macerata. Sarà infatti l’occasione per presentare ad i soci i numerosi vantaggi che offre il club: le tessere di appartenenza, lo spazio dedicato al profilo del loro locale sul sito www. bar.it, la pagina ne Il Magazine destinata al locale dell’associato. E poi la possibilità di seguire un master all’anno su tematiche del mondo turistico tenuto da esperti del settore, e la partecipazione provilegiata ai nostri eventi e concorsi. Da segnalare anche l’enorme vantaggio di far parte del “club acquisti”, che permetterà di usufruire di facilitazioni nell’acquisto di prodotti del settore. Ogni socio avrà a disposizione anche un legale ed un commercialista che risponderanno (tramite mail o su appuntamento) ad ogni problematica. Proprio in ogni riunione del club si esamineranno tutte le problematiche sollevate dagli iscritti. Dopo la giornata di fondazione il club organizzerà infatti 5 riunioni al-

l’anno che serviranno da occasione di confronto e di presentazione delle nuove iniziative. Ricordiamo anche che i nostri magazine (cartaceo ed on-line) saranno in abbonamento gratuito per gli associati.. All’interno del progetto è anche attivo il sito Barman.pro, uno spazio completamente a disposizione dei baristi che possono inserire le loro

ricette, le loro preparazioni e le loro schede personali. Il 13 verranno nominate le cariche che guideranno il club, ed in più avverrà un piccolo concorso tra le vecchie glorie del mondo del bar e dei barmen, per mostrare ai più giovani la voglia di mettersi ancora in gioco ed in discussione. Nel nostro sito troverete tutte le novità e gli aggiornamenti.

Tuesday, November 13th will be the day of the official foundation of the new Club Bar.it, which will take place at its head office, at Piedi-

ripa of sion to offered During

that will guide the club will be named, and there will be a short competition between glorious barmen. In our website you will find all news and updates.

Macerata. It will be the occapresent the many advantages by the club to its members. this first meeting, the charges


Grand Prix “Filippo Buscemi” di Marcello Iezzi

Il Preside Filippo Buscemi intervistato da Marcello Iezzi

In primo piano il professor Franco Regis con alcuni studenti della sua classe, negli anni settanta.

U

Lo chef Esterino Forti con la brigata di cucina

Al centro il professor Emidio Galiè con gli chef Emanuele Bani (a sinistra) e Giovanni De Mola (a destra)

na manifestazione per ricordare 3 personaggi che hanno fatto grande l’IPSSAR “Filippo Buscami” di San Benedetto. Proprio nei laboratori della Scuola saranno organizzati 3 Memorial, eventi riservati agli Istituti Alberghieri di Marche e Abruzzo, con la probabile partecipazione dell’Istituto Alberghiero di Welkè Mezerici (Repubblica Ceka) per anni gemellata con l’IPSSAR di San Benedetto. Il progetto prevede la realizzazione di un concorso-Memorial dedicato allo chef Esterino Forti, con uno show di dolci da portare già pronti in Istituto e da montare a scuola. Il secondo Memorial-concorso sarà dedicato al

professor Emidio Galiè, e consiste nella preparazione di uno Sparkling con attrezzatura e prodotti a cura dei concorrenti. Il terzo Memorial sarà dedicato al professor Franco Regis, e prevede la realizzazione di un piatto alla Lampada a base di carne o pasta o vegetali di origine biologica. Da citare l’azienda di provenienza dei prodotti Il Gran Prix “Filippo Buscami” sarà organizzato dall’Associazione 43° Parallelo Italy, di cui è Presidente Marcello Iezzi, Bar. it, Ipssar di San Benedetto, dirigente professor Alfonso Sgattoni con la collaborazione di Aiab Marche e Confcommercio di San Benedetto. Alle 18.30 gli invitati (familiari dei docenti scompar-

Grand prix “Filippo Buscemi” is an event to remember three great men who have made the hotel management school Filippo Buscemi of San Benedetto. The school will host the 3 Me-

morials, events reserved to the Institutes of Marche and Abruzzo, with the possible participation of the Welke Mezerici Institute (Czech Republic), twinned since many years with the IPSSAR of San Benedetto.

si, del preside Buscemi, ospiti degli organizzatori e autorità) assisteranno alla preparazione dei cocktail e dei piatti alla Lampada, mentre i dolci saranno già esposti in sala. Ogni concorso-Memorial avrà la sua giuria composta da 3 membri (un professionista, un giornalista e un esponente del pubblico). Alle 20.30 la premiazione dei primi 3 classificati per ogni categoria, più il premio speciale del pubblico e quello della famiglia Buscemi. Personaggi che hanno contribuito, con il loro lavoro e con le loro attività, a migliorare l’immagine di questa rinomata località turistica dell’Adriatico. La data ed i temi del Concorso saranno resi noti in seguito.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 55


Non solo pane... Sapori e tradizioni di qualità di Donato Bevilacqua

N

on solo pane è un evento che ha il grande pregio di riunire operatori e produttori locali del settore enogastronomico, per presentare tecniche e metodi di produzione di qualità. Appurati professionisti dell’enogastronomia si daranno appuntamento nel centro storico di Macerata dal 16 al 18 novembre per riscoprire il sapore della tradizione. Due location d’eccellenza ospiteranno i 3 giorni della manifestazione: presso gli Antichi Forni sarà possibile assaporare il gusto dei prodotti tipici dell’enogastronomia locale (pane, formaggi, salumi, cioccolato), avere un contatto diretto con i produttori ed entrare in sintonia con l’anima più “culturale” di questo settore di mercato. Un vero e proprio percorso tra sapori, colori e odori proprio nell’ambiente dove un tempo, i nostri nonni, sfornavano prodotti semplici ma genuini, che avevano nella qualità la loro ca-

ratteristica essenziale. Proprio qui agli Antichi Forni l’evento verrà inaugurato venerdì 18. Il percorso di gusto porterà gli appassionati, gli operatori e gli amanti della qualità nei locali dell’Enoteca, dove panificatori, cioccolatieri, caseari e altri professionisti del mondo dell’alimentazione, daranno dimostrazione pratica dei metodi tradizionali con cui vengono prodotte le nostre eccellenze. Sarà così possibile scoprire piccoli segreti, tecniche di lavorazione, manualità e artigianalità. Un momento formativo e divertente al tempo stesso, soprattutto per i più piccoli e per gli studenti delle scuole che parteciperanno all’evento. Non solo pane è un evento fortemente voluto dalla Confartigianato Imprese di Macerata, che si è fortemente attivata per la realizzazione e l’organizzazione. Invitiamo tutti, operatori e non, a partecipare con entusiasmo, per riscoprire sapori e tradizioni che fanno la qualità.

Non solo pane is an event that will be held in the center of Macerata from November 16 to 18, and it has the great merit of bringing together operators and local producers of food and wine, to

present techniques and methods of high quality production. The Antichi Forni (ancient furnaces) and then the wine cellar of the city will host a tasting of local products and also demonstrations of professionals.

Macerata


Clementoni ci lascia... Con un mondo di giochi! di Antonella Ciccarelli

E

’ morto a 87 anni Mario Clementoni, l’imprenditore che a Recanati fondò l’omonima azienda di giocattoli, leader nel settore. Sono firmati ‘Clementoni’ alcuni dei giochi educativi più diffusi degli ultimi decenni. Mario Clementoni era nato nel 1925 a Potenza Picena. Si era diplomato presso l’Istituto industriale ‘Montani’ di Fermo, dedicandosi fin da subito a inventare giocattoli per ragazzi nel garage di casa, la sua prima ‘fabbrica’. Nel 1963 il salto di qualità, con la costruzione del grande stabilimento ‘Clementoni’ a Fontenoce di Recanati. I giochi ‘intelligenti’ nascono negli anni Settanta: con i primi giochi di prestigio ‘Portobello’, ‘Befana’ o ‘Mago Silvan’. Poi vennero i giochi a quiz (in uno dei quali compariva anche l’allora presidente del Consiglio Giulio Andreotti) e il ‘Sapientino’ nelle sue diverse formulazioni. Negli ultimi anni, l’imprenditore aveva fatto un passo indietro in azienda, per lasciare spazio ai figli. Lascia la moglie Matilde e i figli Giovanni, Stefano, Pierpaolo e Patrizia. Figlio di un imprenditore pesarese (il padre aveva un’azienda di camion), fu uno dei primi a produrre i componenti elettronici interni dei suoi giochi perchè per lui il gioco era una cosa seria, tanto di averne fatto la ragione di una vita. Si può dire fosse diventato il nonno del giocattolo italiano, capace di creare e sviluppare un’azienda che non ha avuto mai difficoltà e ancor oggi, il Sig. Mario, ci avrebbe invitato a sforzare il cervello come se fossimo davanti ad un suo gioco, per rubare le idee alla vita di ogni giorno usandole per anticipare il futuro!

Mario Clementoni died at the age of 87. He is the entrepreneur who founded the toy company in Recanati, which is a leader in the industry. In 1963, the breakthrough came with the building of the factory ‘Clementoni’

at Fontenoce of Recanati. The ‘smart’ games were born in the seventies with the first sleights of hand called ‘Portobello’, ‘Befana’ or ‘Mago Silvan’, later moving to quiz games like ‘Sapientino’ in its various formulations.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it


PicoMega e Fra Canappa di

Chi crede che il presente sia l’unica cosa presente,non sà nulla dell’epoca in cui vive.

F. Buongiorno Pico, che bel sole stamattina! P. Buongiorno a te Fraky,è vero, ottimo irraggiamento quest’oggi: aria fresca, cielo terso ripulito dal vento della notte, e sole splendente. Però,se mi permetti, tutto questo mi dà lo spunto per una riflessione e cioè che non sempre ci rendiamo conto della realtà che ci circonda. F. Spara Pico!Lo sai che mi piace ascoltare le tue argomentazioni. P. E a me piace ascoltare te Fraky, le tue teorie mi affascinano sempre. Forse questo è uno degli aspetti che ci rende tanto amici,abbiamo sempre tante cose da raccontarci. Allora! Le cose stanno più o meno così: la velocità della luce è stata misurata e si aggira sui 300’000 km/s.è stata misurata anche la distanza media che separa il Sole dalla Terra,circa 149 milioni di chilometri.Un fotone, cosi viene chiamato quel pacchetto d’energia che ci dà la luce, inpiega 8/9 minuti per percorrere tale distanza; dunque noi, in questo momento, percepiamo la luce di 8/9 minuti fà. F. Caspita!...interessante... P. Aspetta!...non è finita qui! E’ vero che luce e calore si irraggiano dalla superfice del Sole che raggiunge una temperatura di circa 7000 gradi centigradi,ma l’energia che permette tale feomeno si sprigiona nel nucleo della nostra stella, dove scoppietta il fuoco nucleare, la cosiddetta fusione, e lì la temperatura è di circa 14 milioni di gradi.Questa energia impiega, grossomodo, un milione di anni per raggiungere la superfice e trasformarsi in calore e luce. Risultato è che in questo istante noi stiamo godendo di un fenomeno molto antico. Per essere più vicini alla realtà stammatina dovremmo dire: che bel sole un milione d’anni e 8/9 minuti fà! Per non parlare poi delle stelle! La loro distanza è talmente smisurata che quando d’estate ci lasciamo magicamente trasportare dalla contemplazione della volta celeste non sempre siamo consapevoli che potremmo essere vittime di un’illusione. Potremmo infatti percepire la luminosità di un astro che non esiste più ma,data la velocità finita della luce, quei rag-

Whoever believes that the present is the only thing actually present, doesn’t know anything of the age in which he lives. For example, to move closer to reality we should not say:

gi continuano a giungere a noi nel momento attuale. Per spiegarmi meglio è quello che accade quando assistiamo ai fuochi d’artificio o ai fulmini di un temporale che si stanno svolgendo in lontananza. Dapprima i nostri occhi percepiscono il bagliore e solo alcuni secondi dopo sentiamo il fragore. Questo perchè, nell’aria, il suono è enormemente più lento della luce: 1200 km orari uno e 300’000 km/s l’altra. Quindi se noi basassimo la nostra percezione soltanto sul suono saremmo testimoni di un evento che in realta si è verificato diverso tempo prima. F. Che bello!...sai cosa mi viene in mente!? Tanto tempo fà un saggio filosofo raccomandava: “cogli l’attimo!”. Io aggiungerei:”e cogli anche il passato!” Effettivamente credo che la vita sia una questione di consapevolezza.Quante volte m’è capitato di consolare uomini che sono venuti da me dicendo:”Tutto questo, perchè proprio a me?” Anch’io assecondando le mie curiosità, certo non al tuo livello, mi sono interessato delle meccaniche dell’universo e mi sono chiesto: se esistono delle leggi fisiche, alcune scoperte...infinite altre da scoprire, grazie alle quali la natura è organizzata, l’uomo, che è parte integrante della natura, non deve obbedire alle stesse leggi? E’come affermare: se l’Oceano ha le sue realtà non vedo per quale motivo una goccia prelevata da questa sconfinata quantità d’acqua non goda della stessa realtà. Questo per dire che spesso, se non quasi sempre, l’uomo crede di essere un’entità separata da tutto il resto e non sa dare spiegazione come mai gli capitino certe esperienze. Fondamentalmente penso che non capisca come vadano le cose: non è consapevole! Se potesse andare a ritroso come fà la scienza per cercare di capire “COME” la natura si svolge, forse troverebbe alcune ragioni. Non dico di risalire al “PERCHE’” la natura sia fatta così: i disegni delle divinità forse saranno sempre irraggiungibili ma ogni “COSA”, uomo compreso, deve avere una ragione d’essere. Ogni cosa che capita, capita necessariamente. Ritengo che tutti noi abbiamo una missione da svolgere, il cui tragitto è costellato da prove. E’ come andare all’università: il numero degli esami è fissato e noi

what a beautiful sun this morning. But rather: what a beautiful sun a million years and 8/9 minutes ago! Instead of trying to understand the universe it often happens that we would like

dobbiamo sostenerli, uno ad uno. A quelli non superati bisogna ripresentarsi, non c’è scampo! Se veniamo bocciati ce la possiamo prendere con il destino?...non credo! Bisognerebbe essere consapevoli della propria preparazione senza pretendere che gli esiti prendano la direzione voluta: aiutati che Dio t’aiuta! Faccio queste riflessioni perchè con il tempo, c’è sempre il tempo di mezzo guardacaso, alcuni di noi diventano più sensibili alle sfumature. Piccoli eventi, all’apparenza insignificanti, ai quali da giovane non davo alcuna importanza, hanno significato svolte determinanti nella mia vità e credo che questo capiti più o meno a tutti. Dunque abbiamo bisogno di più consapevolezza... dobbiamo ascoltare il cuore prima di far funzionare la mente. L’autore dell’Odissea ripete 16/17 volte al suo eroe:”Và dove ti porta il cuore!” e l’eroe era l’uomo dal multiforme ingengno... ma l’ingegno non basta! Tutto ciò che ci è destinato arriva a noi nel momento voluto. P. E si mio caro Fraky...sembra un paradosso ma sono d’accordo con te. Stranamente la verità è in contrasto con la nostra natura, l’errore no, e ciò per un motivo molto semplice: l’errore ci lusinga, ci fa credere di essere, in un modo o nell’altro, illimitati. La presunzione della mente! In “2001 Odissea nello spazio” l’elaboratore sfida l’uomo, il suo creatore. Così accade che anzichè comprendere l’universo vorremmo governarlo! Dobbiamo essere attenti! Esiste anche la legge di causaeffetto. E’ lo slittamento di un singlo cristallo di neve che scatena la valanga. Bisognerebbe immergersi nelle profondità del passato per cercare di comprendere i significati di questo istante...e semmai provare a correggere il futuro. Un mio maestro diceva:”non avrei mai pensato che il batter d’ali di una farfalla nel Golfo del Messico pottesse scatenare un’uragano nel Pacifico”. F. Bella!...uno dei miei amici invece osservava:” la mente è come il paracadute, funziona solo se è aperta!”...”al cuore”aggiungo io. P. Comporrò una poesia “tempo e cuori, la verità vien fuori”. F. Ah ah ah ...Pico!...Sei incredibile!

to rule it! But we have to be careful! We should dive into the depths of the past, attempting to catch the meaning of a present moment ... and maybe we could try to correct the future.

IL MAGAZINE 59


dal passato...

... al futuro!

Vieni a trovarci a Piediripa di Macerata in via Moretti 33. Da fine ottobre inizio corsi formazione per gelati e pasticceri e tante altre interessanti novitĂ . via Moretti 33 - 62100 Macerata - tel. 0733.281981 - fax. 0733.281081 - info@paccaferri.it - www.paccaferri.it


dal Blog di

4 chiacchiere al bar

a cura di

Antonella Ciccarelli

MR JACK E IL N° 7

LA MORETTA DI FANO

La leggenda del numero 7 sulle bottiglie del Jack Daniel ha molte versioni: dal numero delle fidanzate di Mr. Jack all’idea di fortuna legata a questo numero, fino al modo in cui scriveva la lettera “J”, simile ad un 7. L’importante comunque è il prodotto.

La Moretta Fanese nasce nelle Marche tra i marinai e i pescatori fanesi che erano soliti prendere bevande corrette simili per scaldarsi e rinvigorirsi sul lavoro. I rimasugli di liquori avanzati venivano raccolti insieme; da questi nacque in seguito la miscela ideale.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

LA “SANTA BUCA”

COTTO O CRUDO?

La leggenda narra che Luigi Manzi, la cui distilleria era posta in un locale situato sopra il porto di Civitavecchia, avesse fatto un foro nel pavimento per introdurre l’alcool di contrabbando; e siccome quel “buco” era da considerarsi veramente “santo”, in quanto gli consentiva di realizzare notevoli risparmi sui costi di produzione, da qui l’idea di immortalare, con un acronimo, l’astuta trovata.

Da qualche anno a questa parte sono in aumento le persone che intraprendono diete molto particolari o che decidono di eliminare alcuni alimenti dalle proprie abitudini alimentari. Vegetariani, vegani, filosofie orientali...ma forse il vero problema è: meglio mangiare cotto o crudo? Una cosa è certa: il cibo influisce sul fisico e sullo spirito ed il detto “dimmi quello che mangi e ti dirò chi sei” è sempre più attuale.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

UN VINO DA INDOSSARE!

ACQUA GASSATA DAL 1768!

Due studiosi contemporanei Donna Franklin e Gary Cass Bioalloy hanno creato il vestito derivato dal vino sotto la loro etichetta di moda Micro’-be. L’abito è fatto di una cellulosa – una componente che è chimicamente simile al cotone – facendo crescere un tipo di batterio chiamato acetobacter che viene utilizzato per convertire in aceto il vino rosso formando così una “pelle”.

L’acqua gassata fu inventata da Joseph Priestley nel 1768, un sacerdote inglese appassionato di filosofia e di scienze naturali, il quale vivendo vicino ad una fabbrica di birra, studiò i processi di fermentazione e il gas rilasciato durante tali processi, ovvero, quello che oggi chiamiamo anidride carbonica, scoprendo che aggiungendo questo gas all’acqua, la si trasformava in frizzante.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

FERMIAMO LO SPRITZ ALLA SPINA!

BACCHE DI GOIJ... PER VIVERE DI PIU’

Due tizi, Luca e Marco, dopo lo shaker meccanico, il barman robot e la cocktail machine, hanno inventato lo “Sprizzer”, una macchina che oggi si compete la leadership del mercato con la spritz machine. Non solo toglie la manualità del bartender ma toglie quel fascino della preparazione che poi è personalizzabile sia di barman in barman, che per cliente e cliente .

Durante la dinastia Tang (circa 800 d.C.), un pozzo era circondato da piante di Goji; gli abitanti del luogo che regolarmente si recavano al tempio per pregare, bevevano la sua acqua. Essi godevano di ottima salute, anche all’età di 80 anni non avevano capelli bianchi e non avevano perso neanche un dente. Le bacche di Goji che circondavano il pozzo cadevano nell’acqua, rendendola così “magica”.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

GARIBALDI... L’ITALIANO DA BERE! Il Garibaldi chiamato anche Campari Orange è un Long Drink dal tenore alcolico contenuto, per cui ottimo cocktail Any Time, anche se nasce come aperitivo apprezzato, soprattutto, dai turisti nord europei.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

PAOLETTI

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

La rivista da collezione “Veicoli pubblicitari d’epoca” dedica due bellissime pagine all’Om Leoncino portabottiglie utilizzato dall’azienda Paoletti subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Un altro grande successo per questa storica azienda che propone un prodotto di qualità e una “frizzante” immagine aziendale.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito blog.bar.it

IL MAGAZINE 61


Tra estetica e sapienza di

N

e “Il ritratto di Dorian Gray” l’autore afferma che la bellezza è un aspetto del genio, anzi, è qualcosa in più del genio, poiché non richiede nessuna spiegazione. Se poi amalgamiamo bellezza e genio, beh...il pacchetto diventa interessante. E’ quello che è accaduto domenica 2 settembre all’Hotel Villaggio Girasole di Marotta: Misshaker. La manifestazione, ideata da Massimo Castignani e Fabio Renzetti, presidente ed amministratore di Bar.it, ha voluto creare un connubio tra qualità estetiche e sapere professionale: giovani modelle in passerella e barmen professionisti al banco. Le ragazze, partecipanti al concorso “Bella d’Italia”, la cui finale si svolge in Calabria dal 9 al 15 settembre, hanno sfilato a bordo piscina indossando abiti variopinti. Poi, ad estrazione, sono state abbinate a professionisti dello shaker che hanno dovuto Foto di gruppo dei barmen e delle modelle abbinate

I° edizione

I° edizione

contest preparare cocktails che facessero pendant con le miss. È stato bello assistere a queste prove che hanno trasmesso quanto intuito, conoscenza ed emozione, siano parte integrante dell’arte dei barmen. Due giurie, una estetica l’altra tecnica, hanno poi decretato le classifiche, purtroppo necessarie quando si svolgono gare e competizioni, pur essendo alto il livello di tutti i partecipanti. Tra le ragazze ha vinto il primo premio (Bella d’Italia) Valentina Lo Biondo, 23 anni di Fano, seconda (Ragazza Prima Pagina) Isabella Branchesi, 16 anni anche lei di Fano, terza classificata (Viso Tv) Elena Battaglia di Castelcolonna, 17 anni. Tra i barmen si è aggiudicato il primo premio Laura Ceccacci, a cui era abbinata la modella Ariana Enache. Al secondo posto Monia Rinaldi, a cui era abbinata Ester Manieri, e al terzo posto Leo-

nardo Paglialunga, abbinato con Elena Battaglia. Assegnati anche alcuni premi speciali: per esperienza tecnica a Andreea Belean, per abbinamento vestiti e colori a Carlo Giuffrè e per abbinamento bellezza e sapori a Cristian Santini. La manifestazione è stata magistralmente presentata da Tunde Stift che si è costantemente interfacciata in maniera simpatica e scherzosa con Massimo e Fabio, commentatori, giocherelloni dell’evento. Tunde, oltre che bravissima conduttrice è l’ideatrice di Planet Moda, noto programma televisivo che va in onda su Tvrs (canale digitali 11 e 111) e tratta di moda, attualità e divertimento da circa 11 anni. Le riprese televisive sono state effettuate da Maurizio Niesi, titolare della “Top model Agency” di Senigallia. Presente anche il Corriere Adriatico nella persona di Kruger, noto giornalista

contest


N

e “Il ritratto di Dorian Gray” l’autore afferma che la bellezza è un aspetto del genio, anzi, è qualcosa in più del genio, poiché non richiede nessuna spiegazione. Se poi

amalgamiamo bellezza e genio, beh...il pacchetto diventa interessante. E’ quello che è accaduto domenica 2 settembre all’Hotel Villaggio Girasole di Marotta: Misshaker. La manifestazione, ideata

da Massimo Castignani e Fabio Renzetti, presidente ed amministratore di Bar.it, ha voluto creare un connubio tra qualità estetiche e sapere professionale: giovani modelle in passerella e barmen

La modella Ariana Enache e la barmade Laura Ceccacci 1 classificata

La modella Ester Manieri e la barmade Monia Rinaldi 2 classificata

La modella Elena Battaglia e il barman Leonardo Paglialunga 3 classificato

La modella Lucia Girolanini e il barman Daniele Andreucci

La modella Luigia De Matteis e La modella Giorgia Schiavo e il barman Carlo Giuffrè il barman Cristian Santini premio speciale per abbinamento vestito/colori premio speciale abbinamento bellezza/sapore

La modella Eleonora Fattori e il barman Imre Csobanczi

La modella Sharon Renzi e la barmade Andreea Belean

La modella Giulia Donati e il barman Fabio Renzetti

On September 2, the new competition organized by Bar.it was staged in Marotta: Misshaker is a meeting between the professionalism of the bartenders and the beauty of girls parading on the catwalk. Each girl has been combined with a bartender, who had to invent a cocktail matched with her according to flavor, color, taste and beauty. The event was another great success for Bar.it and its collaborators.

La modella Valeria De Angelis e il barman Massimo Castignani

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 63


Lo show room di casa Marinangeli …ovvero le propositrici di sogni di Yuki Potenza

U

no spazio tutto al femminile dove le signore Vittoria e Paola hanno animato oggetti, tessuti, profumi e colori. I visitatori sono rapiti in un viaggio immaginario, nell’eleganza accogliente e sobria di ambienti sognati e che fanno sognare felici focolari domestici ai futuri sposi o piacevoli oggetti d’arredo agli amanti della casa. L’idea nasce nel 2010, agli inizi dell’estate e, nella perfetta composizione sinergica in cui le donne sono peculiarmente capaci. Diviene realtà effettiva l’8 dicembre dello stesso anno, data dell’inaugurazione dell’Atelier. Con passione e professionalità lo Show Room offre un ampia selezione di articoli all’insegna dell’originalità e dell’eleganza. Idee e suggerimenti, dettagli classici o insoliti ed originali che permettano di costruirsi intorno una propria nuova atmosfera. Gli oggetti vengono scelti con cura ed atten-

zione dalla signora Paola che effettua viaggi ad hoc per rifornirsi in Europa e nel mondo. Ricerca primaria il pensiero originale e stravagante, pur utile e rappresentativo di un nuovo mondo multietnico che tutti comprenda in tradizioni di vita quotidiana in discreta rapida trasformazione. Obiettivo ultimo la ricerca del piacere: fare e/o farsi un regalo in ogni occasione, un piccolo grande pensiero che dia alla vita un nuovo piccolo “amusement”, per ricordare a farsi ricordare. Oggetti che interrompano lo spazio per incuriosirci, per metterci allegria e per divertirci. L’aspettativa è quella di offrire un prodotto sempre nuovo in ideale relazione tra qualità e prezzo. Le soddisfazioni sono ottime: chi conosce il luogo, appena fuori dal centro cittadino con uno splendido panorama sulle montagne, acquista, è attentamente coccolato da affettuosi suggerimenti, ne racconta e

Apri una Lista Nozze presso lo SHOW ROOM Marinangeli e scopri le esclusive condizioni a Te riservate

ritorna di regola a cercare nuove idee, nuovi stimoli, nuovi generi tra gli articoli da regalo, l’oggettistica e i complementi di arredo. I prodotti in offerta sono unici e i prezzi assolutamente accessibili. Gli articoli vengono rinnovati ad ogni stagione cercando di incontraare al meglio il gusto della clientela. Due le aperture durante l’anno: una natalizia, dal 20 novembre al 10 gennaio, dove vengono effettuate le scelte per i regali di natale e le lista nozze per la stagione successiva, l’altra da fine aprile a fine settembre. Per organizzare la lista nozze si riceve su appuntamento al n° 339/4335030. Per chi effettui la lista nozze entro il 31 marzo 2013 si offre un particolare sconto per l’acquisto delle fedi d’oro biancoe/o giallo 18 kt 750 ... presso la gioielleria Marinangeli di Sarnano.

ORARI DI APERTURA DELLO SHOW ROOM:

Martedì - Sabato

10.30 / 13.00 16.00 / 20.00 Aperto tutte le domeniche Lunedì Chiuso


“Ladi ciòmiachecasasono.è il nitido riflesso

Mi circonda con le cose che amo di più e giorno dopo giorno mi accompagna nella vita.

moda - casa - cerimonia

Mariangeli jewelery of Sarnano is a feminine space where Victoria and Paola have animated objects, textiles, perfumes and colors. Visitors are caught up in an imaginary journey, into a welcoming and unpretentious elegance of environments, that make you dream a domestic hearth. The aim is to offer new products in the ideal relation between quality and price.


Tiberi Distribuzione

Tiberi Distribuzione Tiberi Distribuzione snc Via Gioacchino Rossini, 63 - Tolentino (MC) Tel e Fax : +39 0733 961177 info@tiberidistribuzione.it


MOND

HORECA

Visita il nostro sito dove puoi trovare migliaia di articoli a prezzi vantaggiosi per tutti gli operatori e gli amanti del settore HO.RE.CA.

www.mondohoreca.it


I concorsi di

www.bar.it

Pane, amore, vino e... fantasia


Tra sacro e magia il “nostro” parco fiorisce di storia di Cecco d’Ascoli (Giuseppe Matteucci) IL NOSTRO TERRITORIO UN LUOGO DA VISITARE L’Ente Parco, istituito nel 1993, è vasto circa 70 ettari e comprende le Regioni Marche ed Umbria, precisamente le Province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Perugia.

N

Panoramica dei Monti Sibillini

el territorio del Parco possono essere distinti quattro versanti: fiorito, storico, sacro e della magia. Il versante fiorito comprende i prati di Ragnolo dove, nel periodo estivo, si possono osservare splendide fioriture di orchidee, liliace ed altre interessanti specie come la fritillaria dell’Orsini, il narciso o l’astro alpino e le pianure di Castelluccio, famose per la fioritura delle lenticchie. Il versante storico fa riferimento ai numerosi centri abitati, ognuno con la sua specificità. Montefortino, per esempio, ha la sua interessantissima Pinacoteca. Cuore del settore sacro del parco è Norcia , patria di S. Benedetto patrono d’Europa, famosa per il Duomo che nelle sua sommità ha un’ anomala croce celtica. Al versante sacro appartiene anche il Santuario dell’Ambro dove nell’anno 1000 apparve la Madonna. Inoltre meritano menzione anche le chiese della Madonna della Quercia (Norcia, Amandola, Montefortino, Sarnano) di

chiara provenienza celtica. La magia, invece, aleggia in tutto il territorio del Parco ed in particolare nella presenza della Sibilla Appenninica, “l’illustre profetessa” che viveva in una grotta sita sull’omonimo monte, nelle leggende delle Fate, donne celtiche belle e sessualmente disinibite, ed in luoghi veramente fatati come il Lago di Norcia (ora di Pilato) e l’Infernaccio. Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini è un luogo incantevole e pregiato che deve essere visitato con le dovute regole. 1) Scegliere itinerari in funzione delle capacità fisiche e tecniche e, nelle Case del Parco, documentarsi sulle zone da visitare. 2) Fornirsi di un abbigliamento ed equipaggiamento consono all’impegno ed alla lunghezza dell’escursione e portare nello zaino l’occorrente per eventuali situazioni di emergenza. 3) Non intraprendere da soli escursioni in montagna e, in ogni caso, lasciare detto a qualcuno l’itinerario che si prevede di percorrere. 4) Informarsi sulle

One of the most beautiful and interesting sites of Marche region is definitely the National Park of Monti Sibillini, a pleasant and varied place where to hike and spend a relaxing holiday. The Park Authority, established in 1993,

is large 70 hectares and includes the regions of Marche and Umbria, specifically the provinces of Ascoli Piceno, Fermo, Macerata and Perugia. It includes four typical sides: the flowery one, the historical one, the sacred and even the magic ones.

previsioni meteo ed osservare costantemente lo sviluppo del tempo. Nel dubbio tornare indietro. A volte è meglio rinunciare che rischiare. Studiare preventivamente itinerari alternativi di rientro. 5) Riportare a valle i rifiuti (eventualmente anche quelli lasciati da altri). Non arrecare danni alla flora e alla fauna. Evitare di uscire inutilmente dai sentieri e di fare scorciatoie. 6) Rispettare le culture e le tradizioni locali ricordando di essere ospiti delle genti della montagna. Nel Parco, comunque, oltre alle escursioni nella natura c’è dell’altro. Ci sono paesi caratteristici con i loro musei, le loro biblioteche, i loro castelli, i loro negozi e, da non dimenticare, i loro ristoranti dove assaporare le ricette tipiche. Sparse nelle campagne ci sono le aziende agricole dove si possono acquistare i prodotti locali. Per chi vuole soggiornare ci sono alberghi, agriturismi e bed & breakfast. Una cosa è certa, una vacanza nelle zone sibilline sarà indimenticabile.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 69


Via del Progresso, 10 - 64023 Mosciano S. Angelo (TE) Tel. +39 085.80793 - Fax. +39 085.8071464 info@frigomeccanica.com - www.frigomeccanica.com

Seguici su


Lasciatevi trasportare dalla fantasia di Marcello Iezzi

Giuseppe Marcozzi (imprenditore), Luigi Santori (imprenditore, Gervasio Gestori (Vescovo), Domenico D’Annibali (Sindaco Cupra Marittima), Marcello Iezzi (Presidente Associazione 43° Parallelo), Filippo Olivieri (Vice Presidente Associazione 43° Parallelo e imprenditore alberghiero), Marino Mecozzi (Sindaco Massignano), Luigi Merli (Sindaco Grottammare), Sandro Luciani (Sindaco Pievebovigliana)

Planisfero con le località attraversate da 43° Parallelo

A Grottammare (AP), è nata l’associazione 43° Parallelo Italy, i cui ideatori sono il giornalista Marcello Iezzi (Presidente), l’imprenditore turistico Filippo Olivieri (vice Presidente), il rappresentante di commercio nel campo del caffè Luigi Santori (Segretario) e l’artigiano del ferro Giuseppe Marcozzi (Consigliere). Un team senza scopo di lucro che vuole valorizzare le risorse culturali, economiche e turistiche di una vasta area ricadente nel 43° Parallelo dell’emisfero boreale. Libri, riviste, giornali, documentari, iniziative per promuovere l’arte, la cultura, i prodotti agricoli, artigianali ed industriali, convegni, gemellaggi, eventi (culturali, sportivi, ricreativi), scambi commerciali per favorire integrazione e aggregazione tra le popolazioni che vivono nella fascia del 43° Parallelo. I soci si sono autofinanziati per la realizzazione del “Drean Pont” una scultura in travertino ascolano del peso di 35


Foto di Anselmo Josè Buonamici Sanchez

quintali realizzata dal maestro Francesco Santori, dedicata al passaggio del Parallelo stesso, lungo la pista ciclopedonale che collega Grottammare a Cupra Marittima, costeggiando la riva del mare per 2.600 m. La scultura rappresenta il globo terrestre con al centro una G (che sta per Grottammare), attraverso la quale si osserva il mare. Il monumento è stato inaugurato sabato 5 maggio 2012 alle ore 11, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, scolaresche e testate giornalistiche, RAI compresa. Alla base del blocco c’è una panchina sulla cui spalliera sono incise le icone dei 4 santuari attraversati dal 43° Parallelo: Santiago De Compostela (Spagna), Lourdes (Francia), Assisi (Italia) e Medjugorie (Bosnia Erzegovina). Sulla sinistra un grosso planisfero in cui sono indicate le maggiori località toccate dal Parallelo ed una frase che invita a sognare: “Chiu-

dete gli occhi e lasciatevi trasportare dalla fantasia. In questo preciso luogo siete sul 43° Parallelo dell’emisfero boreale. Un filo immaginario che congiunge l’Adriatico al Tirreno, l’Oceano Pacifico all’Oceano Atlantico. Ora potete sognare di trovarvi a Komiza sull’isola di Lis (Croazia) a Finisterre (Spagna) a Milwaukee e a Buffalo (USA), a Sukhumi sul Mar Nero (Abkhazy), a Makhachkala sul Mar Caspio (Dagestan), a Vladivostok sull’Oceano Pacifico (Russia), a Sapporo (Giappone) e inoltre sulla via dei grandi pellegrinaggi da Santiago de Compostela (Spagna), a Lourdes (Francia), da Assisi (Italia), a Medjugorie (Bosnia Erzegovina) Grazie per aver scelto Grottammare e per aver viaggiato con noi nel fantastico mondo del “Dream Point 43° Parallelo”. Sulla destra un totem in travertino riproduce il monumento in alto rilievo,

At Grottammare (AP), was born the 43 ° Parallel Association of Italy. The members have self-financed the creation of the “Dream Point 43 ° Parallel”, a sculpture in Ascoli travertine weighing 35 tons made by the master Francesco Santori, dedicated to the passage of the parallel along the cycle-pedestrian

track linking Grottammare to Cupra Marittima, along the shore of the sea for 2,600 m. At the base of the block there is a bench on which are inscribed the icons of the 4 sanctuaries crossed by the 43rd Parallel: Santiago De Compostela (Spain), Lourdes (France), Assisi (Italy), and Medjugorje (Bosnia and Herzegovina).

e presenta una scritta in Braille per i non vedenti. Un’idea nata da un’intuizione di Marcello Iezzi e dalla sua volontà di sostituire i vecchi cartelli che indicavano il passaggio del Parallelo. Una lingua di terra larga meno di 20 km in cui sono racchiuse tutte le peculiarità della penisola. Alla realizzazione hanno contribuito l’Amministrazione comunale con il sindaco Luigi Merli, il vice Enrico Piergallini, l’Ufficio Cultura e l’Ufficio Manutenzioni, Marcheflor, L’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti della provincia di Ascoli e della regione Marche. Si tratta di una iniziativa unica al Mondo realizzata sul 43° Parallelo dell’emisfero boreale, citato perché meglio di ogni altro sintetizza la diversità dei paesaggi dell’Italia, oltre ad essere considerato un riferimento dai geografi e dai climatoligi in quanto a sud di esso inizia il clima mediterraneo.

IL MAGAZINE 75


quinta

Ricordiamo che a breve attivo il sito pizzaiolo.pro in cui ogni professionista avrà a disposizione il proprio spazio e la propia mail personalizzata con la desinenza “.pro”, ad indicare la professionalità e la qualità del lavoro.

19 FEBBRAIO 2013 PRESSO L’AZIENDA

Via delle Maestranze 1/3/5 - 62014 Corridonia (MC) Tel. 0733.283698 - info@lievitagroup.it

VERDURE, POLPA DI POMODORO E FARINA saranno messi a disposizione dalle aziende partners.


Via IV Novembre, snc 62010 Appignano (MC) Tel. 338.5364427


MOLINO dal 1850 Molino CARASSAI ROBERTO Eredi s.a.s. di Carassai Matteo & C.

VIA MOLINO 1 - MONTE SAN MARTINO (MC) - Tel. 0733660123

SPONSOR UFFICIALE CONCORSO

DELLA

ALLA FIERA

2013


Via Matteotti, 10 62028 Sarnano (MC) Tel. 0733657246


Just and Pizza Via Pace, 3/B 62100 Macerata T. 0733.239175

Andrea Giustozzi presenta nel suo locale una pizza in pala che nasce da una tradizione di famiglia. Un prodotto sincero, semplice e fatto con passione, su cui spicca la crescia con cipolla, vera specialità della casa. Se volete tre motivi per visitare Just and Pizza eccovi serviti: gusto, l'estrema puntualità e la simpatia. Oltre alla pizza anche un servizio bar. Alcune ultime novità che potrete trovare sono la pizza al metro, pizza senza glutine, ed impasto integrale.

Andrea Giustozzi in his pizzeria presents a pizza that comes from a family xxxxxxxxxxxxx tradition. Sincere and simple products, made with passion, among which crescia with onion is the real specialty. If you need three reasons to visit Just and Pizza, here they are: taste, punctuality and friendliness. In addition to the pizzeria there is also a bar. Some latest news that you will find are: pizza by the meter, gluten-free pizza, and integral dough.

Titolare

Giustozzi Andrea

Giorno di chiusura

Lunedì

Tipologia Pizza

Pizza in pala e pizza al piatto per celiaci senza glutine su ordinazione

Specialità

Crescia con la cipolla

Servizio bar/ NO Self Service Pizza Pizza d’asporto d’asporto

SI

Consegna a domicilio

NO


ARCOBALENO

PIZZA

ARCOBALENO PIZZA via Trieste, 4 62016 Porto Potenza Picena (MC) Tel. 0733 880116


La Distilleria Varnelli alla decima edizione di Tales of the Cocktail di Fabio Renzetti

Orietta Varnelli (la sesta in piedi da sinistra) nella foto di gruppo del Tales of the Cocktail

L

a Distilleria Varnelli è stata protagonista indiscussa nel corso di Tales of the Cocktail 2012, la più importante convention mondiale nel settore spirits e cocktails che si tiene ogni anno a fine luglio in quel di New Orleans (www.talesofthecocktail.com). Per il decennale della convention, la Distilleria Varnelli ha organizzato il seminario più innovativo dell’edizione, mai nulla di simile era stato proposto in passato negli USA. “Anise: the Mediterranean Treasure”, un seminario dedicato alle bevande anisate tipiche del Mediterraneo e l’opportunità, unica, di comparare i vari anici, dal Varnelli al pastis ed all’anisette francesi, dal Chinchon spagnolo all’ouzo greco, dal raki turco all’arak libanese, La Distilleria Varnelli ha lanciato nel gotha dei mixologists americani il proprio prodotto, già premiato nel 1950 come “miglior anice secco d’Italia”, attraverso un evento di taglio culturale e formativo che ha riscosso grande successo di

pubblico ed ha posto in grande evidenza il gusto raffinato e distintivo del Varnelli, proposto in purezza e come ingrediente di un originale frozen cocktail. Oltre 130 attendees hanno partecipato al seminario sotto la guida dell’autorevole mixologist italo-americano Francesco Lafranconi, che ha trattato con estremo rigore ed eleganza l’approfondimento sull’anice, alternando le sue puntuali note a contributi tratti dall’esperienza Varnelli ed a quelli della valente coppia di mixologists londinesi Anistatia Miller e Jared Brown. L’evento è stato altresì occasione per presentare al grande pubblico di Tales un’altra iniziativa fortemente voluta dalla Distilleria Varnelli per confermare negli Stati Uniti la propria dedizione alla Cultura dell’Anice: la costituzione, proprio a New Orleans ovvero nella capitale del cocktail, del primo presidio americano dell’Ordre International des Anysetiers, antica confraternita fondata nel 1263 a Parigi e tuttora attiva prevalentemente in Europa, anche come club service per ini-

ziative di solidarietà. Nella mattina del 26 luglio, nel corso di una suggestiva ed affascinante cerimonia di derivazione medievale, presso il prestigioso Omni Royal Hotel nel cuore del French Quarter, è nato il Bailliage Anysetiers della Louisiana, come “dipendenza” della Commanderie della Liguria, destinato a trasformarsi esso stesso in Commanderie nei prossimi anni. Oltre ad Orietta Maria Varnelli, Maistre Anysetier della Commanderie dell’Umbria, altri illustri Anysetiers sono giunti dall’Italia per officiare la cerimonia, fra cui Anna Maria Traversa, Cancelliere delle Province Italiane e Gran Maestro della Commanderie della Val d’Aosta, Angelo Germani Vice Cancelliere delle Province Italiane e Gran Maestro Onorario della Commanderie di Liguria, Mario Gasparino, Gran Maestro della Commanderie di Liguria. Madame Paule-Henriette Champagnat è arrivata a New Orleans da Parigi in rappresentanza del Consiglio Internazionale. Francesco Lafranconi ha assunto il ruolo di Bailli (presidente),


affiancato da due Echevins (Vicepresidenti) di grande valore quali Elizabeth Williams - Presidente del Southern Food and Beverage Museum di New Orleans e Laura McMillian - Managing Director del Museum of American Cocktails. Fra gli altri illustri amici cooptati per essere primi Anysetiers statunitensi: Ann e Paul Tuennerman - fondatori ed animatori di Tales of the Cocktail, Camper English e Brenda Maitland - giornalisti e scrittori di riferimento nel settore spirits, Jacques Bezuidenhout - talentuoso mixologist di San Francisco, Paolo Domeneghetti, esperto di vini e liquori di alta qualità con sede a New York.. La Distilleria Varnelli ha interamente sostenuto la costituzione del Bailliage e continuerà a supportare gli Anysetiers americani nel percorso di diffusione della Cultura dell’Anice: uno step di assoluto rilievo sarà rappresentato dallo spazio dedicato all’Ordre ed all’Anice che il Southern Food and Beverage Museum si accinge a realizzare, per consentire ai visitatori di scoprire il mondo delle bevande anisate

Varnelli Spritz 15 ml Varnelli Anice Secco 30 ml Aperitivo Italiano 90 ml Prosecco - 30 ml club soda Versare gli ingredienti in un bicchiere da vino bianco con mezzo cucchiaio di ghiaccio. Guarnire con peperone rosso e basilico fresco.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

Back & White di Macerata per salutare l’amico Jorge Alberto Soratti) accorsi alla chiamata del loro maestro, Francesco Lafranconi, ha curato la preparazione con mirabile perizia e gioiosità (strepitoso il Bloody Mary al Varnelli per il brunch!). Nel corso delle varie attività promozionali, il Varnelli è stato indiscusso protagonista della tradizione mediterranea delle bevande anisate, proposto come raffinato liquore da bere in purezza o come innovativo ingrediente di sorprendenti cocktails. Affascinato l’esigente pubblico americano interve-

nuto per entrambe le occasioni, sotto la cura di Hanna Lee, famosa PR specialista del settore spirits. I produttori erano presenti sul campo, per dare ulteriori spiegazioni e portare testimonianza viva delle straordinarie ed antiche tradizioni di cui ogni azienda è espressione. Ottimo cibo italiano, ottimi cocktails, la simpatia italica del team, lo charme e l’elegante professionalità di Francesco Lafranconi, le storie delle aziende italiane: appuntamenti certamente memorabili per le centinaia di esperti, giornalisti, retailers ed opinion leaders che hanno partecipato.

in un contesto prestigioso come quello del SOFAB. Nel 2013 ricorreranno i 750 anni dell’Ordre e l’azienda sta già pensando di sottolineare un simile traguardo, fra l’altro, con la presentazione dell’edizione inglese del libro “Varnelli: la cultura dell’anice”, finora disponibile in italiano e francese. Inoltre, la storica distilleria marchigiana ha partecipato a Tales of the Cocktail anche come componente di The Spirit of Italy (www.thespiritofitaly.com), gruppo di prestigiose aziende liquoristiche italiane che vede il marchio Varnelli accanto ad Amaro Lucano, Distillerie Moccia, Grappa Nardini, Toschi, Pallini e Luxardo. Insieme ai suddetti colleghi, l’azienda Varnelli ha promosso due eventi molto partecipati ed estremamente vivaci: un Media Lunch ed un divertente Brunch. Per entrambe le occasioni sono state create 7 ricette volte ad esaltare la mixabilità dei 7 prodotti “leader” proposti dalle aziende; il team di 7 giovani mixologists (tra cui Mauro Mahjoub, che da Monaco di Baviera scende periodicamente al Bar

Mixologits & Producers

The group of companies The Spirit of Italy (www.thespiritofitaly. com) has been the subject of two distinctive events during the tenth edition of Tales: a Media Lunch on July 27 and an innovative Brunch on 28. For both occasions were made 7 recipes designed to enhance the mix of 7 “leader” products proposed by the companies, the team of 7 young mixologists has supervised the preparation with admirable skill and joyfulness (amazing was the Bloody Mary made with Varnelli for brunch!). An event in which the art of cooking is mixed to didactic and typicalness of the territories.

IL MAGAZINE 83


HH Festival: il conto alla rovescia è iniziato di Fabio Renzetti

S

tanno procedendo i lavori di realizzazione del nuovo quartiere fieristico di Civitanova Marche: inaugurazione prevista per aprile 2013. In quell’occasione Bar. it organizzerà il primo Festival Happy Hour Time. E’ un evento che ci sta molto a cuore, e alla cui realizzazione stiamo dedicando da tempo le nostre risorse. Il nostro intento,

in questa occasione, sarà quello di creare un giusto sodalizio tra tutti quei professionisti che hanno dedicato la loro vita allo studio di quella magnifica scienza che si occupa del buon mangiare e del buon bere. Sarà, come noi ci auspichiamo, un momento di relax per tutti coloro che ci verranno a trovare e, in particolar modo, un’occasione di godimento

per i nostri amici del club HH. Inviteremo aziende e personaggi di spessore nazionale che presenteranno e offriranno ciò che di meglio si trova sul mercato. Saranno presenti esponenti della cultura, sport e spettacolo, che rimarranno a disposizione dei nostri ospiti per creare un sano rapporto familiare e soddisfare le nostre curiosità. Valenti musicisti ci accom-


pagneranno in questa magica atmosfera. Creeremo una Kinder Heim per i più piccoli, in maniera tale che i nuclei familiari possano passare una giornata in tranquillità e serenità. Un baby bar condotto da esperti nutrizionisti che daranno consigli sull’alimentazione ai genitori dei loro

piccoli. Distribuiremo a tutti coloro che avranno il piacere di acquistare il nostro braccialetto HH una tessera che permetterà ai possessori di usufruire delle nostre iniziative e dei vantaggi offerti da tutti gli esercizi che saranno con noi convenzionati. Oltre ai gadgets offerti dalle aziende

organizzeremo dei giochi a quiz mediante i quali estrarremo dei doni offerti dal club. Nel prossimo numero forniremo un programma dettagliato che presenteremo mediante tutti i nostri canali di comunicazione e attraverso i siti www.happyhourtime.it e www.bar.it. Continuate a seguirci!!

The works for the construction of the new exhibition center in Civitanova Marche are proceeding. The inauguration will be in April 2013. On that occa-

sion Bar.it and HH will organize the first Happy Hour Time Festival . We will invite companies and personalities that will present and will offer the best products on the market. Ta-

lented musicians will join us in this magical atmosphere. We will create a Kinder Heim for children and a baby bar run by nutritional exper ts who will give advices about right diet.

IL MAGAZINE 85


MIV: Fantasie di cioccolato di Eva Kottrova

N

ell’atelier della dolcezza MIV a Casine di Ostra il mastro cioccolatiere plasma piccole e deliziose praline ripiene di liquori cremosi, finissime creme di cioccolato al gusto di nocciola o fondenti da spalmare al gianduia, burrose creme al pistacchio o tavolette croccanti al peperoncino, alla liquirizia oppure stupendi salami di cioccolato. I tradizionali dolcetti della Marca come la Lonzetta di fico dal fine impasto, la Schiacciata marchigiana al latte, fondente o volendo al gianduia guarnita con un misto di frutta secca e naturalmente i quattrocenteschi Medaglioni della Rovere a base di fichi, uvet-

ta, noci e rum ricoperti da uno strato generoso di cioccolato fondente seducono i palati più esigenti con sapori e profumi d’altri tempi. Altre ghiottonerie come i Filetti di limone ricoperti al cioccolato, lo Spicchio di fossa al cioccolato bianco con cristalli di sale di Cervia e le dragées assortite che nascondono un cuore di nocciole tostate del Piemonte IGP completano la gamma di prodotti MIV Cioccolaterie di Ivan Spadoni. Quando i semi di cacao acquisirono elevato valore di scambio quale strumento di pagamento e la bevanda da essi prodotta divenne l’offerta preziosa per le divinità indios, “Il Cibo degli

In the atelier of sweetness MIV Casine of Ostra by Ivan Spadoni, the master chocolatier creates small and delicious pralines filled with liqueurs, fine spreadable cho-

colate creams flavored with hazelnut or gianduja, buttery pistachio creams or crunchy bars with red pepper or liquorice flavor, besides the traditional sweets of Marche region.

Dei” fu concesso solamente ai sovrani, nobili e guerrieri. L’elisir preparato dalla polvere amara di cacao con l’aggiunta di acqua e arricchito di peperoncino, pepe o vaniglia è giunto a noi grazie all’imperatore azteco Montezuma che fece conoscere la venerata pozione all’invasore Hernán Cortés il quale, a sua volta, portò in dono le pregiate fave di cacao, la ricetta della cioccolata e gli utensili necessari per la preparazione dell’intruglio denso di contenuti mistici al re spagnolo Carlo V°. Da allora la fama e le preparazioni anche stravaganti hanno invaso il mondo intero conquistando popoli in ogni dove.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it


IL MAGAZINE 87


IL MAGAZINE 89


Il turismo di massa tra il materiale e il simbolico di Donato Bevilacqua

U

na bella riflessione e un’analisi sul significato del viaggio e del consumo turistico nella nostra epoca. Il turismo di massa inteso, come ricorda il filosofo Marc Augè (presente all’inaugurazione), “come espressione più compiuta del mondo globale del consumo”. E’ tutto questo Linea di demarcazione/Ligne de démarcation, mostra personale del fotografo Francesco Pergolesi, curata da Francesca Pergreffi e Roberta Fiorito, in collaborazione con Fabrica Fluxus Art Gallery di Bari. La mostra, ospitata nello Spazio Meme di Carpi, in via Giordano Bruno 4 è stata inaugurata sabato 15 settembre, nell’ambito dell’edizione 2012 del festivalfilosofia, e proseguirà poi fino al 21 ottobre. «Una mappa turistica in cui ogni fotografia-tassello vive autonomamente e concorre con le altre per una struttura finale che s’interroga sul significato del tempo, dello spazio e del loro consumo», come hanno commentato le curatrici. Francesco Pergolesi è un maceratese d’adozione, vivendo nel nostro territorio ormai da qualche anno. Nasce a Venezia nel ‘75, e frequenta le accademie di Roma e Barcellona dove si specializza in fotografia d’architettura d’interni ed esterni. Intesse una fitta rete lavorativa come fotografo in diverse catene alberghiere nazionali e internazionali, tour operator, ristoranti e ogni tipo di servizio inerente al settore turistico, occupandosi della catalogazione e documentazione. L’incontro con il fotografo Martin Parr porta la sua ricerca personale a fotografare il mondo del turismo di massa in tutti i suoi aspetti e le sue varianti, utilizzando un linguaggio ironico e una composizione cinematografica. «La sua poetica si basa su una riflessione sull’uso del linguaggio, il tempo, i luoghi, il materiale e il simbolico. La ricerca artistica di Pergolesi non è reportage e giudizio criti-

co, ma una narrazione che osserva e ironizza l’oggetto del quotidiano attingendo dal mondo del turismo di massa. Il gesto fotografico di Pergolesi taglia, estrapola, sottrae porzioni di mondo per svelarci un universo silenzioso, sospeso, situato sulla linea di mezzo tra il detto e non detto, schiarito da sovraesposizioni che, esasperando i contorni, scolpiscono le forme in atmosfere rarefatte quasi oniriche portando con sé un equilibrio formale di matrice ghirriana. Nello scenario dell’artista ogni elemento si fa strutturale e necessario per la visione finale dell’insieme; anche i corpi non sono uomini o donne in quanto tali ma, essendo inseriti nel contesto formale, si fanno simboli, si svuotano della loro linfa, si privano della loro carne diventando degli automi. Essi subiscono un violento processo di oggettivazione per diventare elementi architettonici che partecipano alla costruzione della narrazione fotografica. Pergolesi in modo spontaneo, asciutto e riservato ha cercato e colto a

A beautiful reflection and analysis of the meaning of travel and tourism consumption in our time. Mass tourism “as the fullest expression of the global world of consumption”, as noted by the philosopher Marc Augé (present at the inauguration). This is “Line of demarcation / Ligne de dé-

marcation” exhibition by the photographer, curated by Francesca Pergreffi and Roberta Fiorito, in collaboration with Fabrica Fluxus Art Gallery. The exhibition was inaugurated on Saturday, September 15th (and will continue until October 21) and it is hosted in Space Meme of Carpi, in the 2012’s Festivalfilosofia.

Francesco Pergolesi, geometrie fonctionelle

lungo la “linea di demarcazione”, una discriminante impercettibile che ironicamente crea una tensione tra il materiale e il simbolico...» Meme, in collaborazione con Fabrica Flexus Art Gallery, ha pubblicato per l’occasione (nel settembre di quest’anno), un catalogo con le fotografie di Francesco Pergolesi e testi di Alessia Ferrari, Francesca Pergreffi, Roberta Fiorito e Marc Augè. Il progetto grafico è di Enrico Nurri ed il catalogo è edito dal Centro Culturale Lucio Lombardo Radice.

Francesco Pergolesi

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it


lemiemarche.it

i nostri comuni Patrocinio:

P ROVINCIA DI M ACERATA

I

n questo spazio ospiteremo alcune comunicazioni dei comuni della nostra regione. Di volta in volta segnaleremo i più importanti eventi culturali e le maggiori manifestazioni d’interesse storico, artistico, turistico, enogastronomico, sociale; senza dimenticare ricorrenze e rievocazioni. Da sempre siamo

promotori del territorio marchigiano, delle sue qualità e delle sue bellezze, una finestra aperta sulla nostra regione con la concreta possibilità di emozionarsi ancora raccontando la realta che ci circonda. Tutto ciò convinti del fatto che proprio sulla valorizzazione dell’ambiente parta la prima fase per il ri-

lancio del nostro turismo. Grazie al sito www.lemiemarche.it stiamo riuscendo a proporre le innumerevoli possibilità ed attrazioni che la nostra regione può offrire non solo per un turismo extra regionale, ma per rendere consapevoli tante persone che ancora non conoscono a pieno la loro stessa regione.

In this space we have decided to host some of the communications of our parishes. From time to time will signal the most important cultural events and major events of historical, ar-

tistic, touristic, gastronomic, social, not forgetting anniversaries and commemorations. We have always been promoters of the Marche region, its quality and its beauty, opens a window into our

region with a realistic chance to get excited again telling the reality that surrounds us. All this convinced that enhancing the environment starts right on the first step in the revitalization of our tourism.

IL MAGAZINE 91


Tolentino

i nostri comuni

Piazza della Libertà - Tel: 0733 9011 - Fax: 0733 901360 - comune.tolentino.mc@legalmail.it - www.comune.tolentino.mc.it

Terza edizione di TolentinoExpo: un territorio che sa fare impresa con creatività, passione, innovazione e cultura del lavoro Oltre 90 importanti aziende presentano i loro prodotti di qualità in uno spazio espositivo allestito nel centro storico. Da giovedì 11 a domenica 14 ottobre, il centro storico di Tolentino ospita la terza edizione di TolentinoExpo, un evento biennale promosso con l’intento di presentare le eccellenze produttive del territorio. TolentinoExpo è una fiera di alto profilo organizzativo che consente di presentare in mostra le produzioni manifatturiere tolentinati e non solo, evidenziandone la qualità delle lavorazioni e le loro peculiarità, una grande manifestazione dove si incontrano tutti gli operatori, mostrando le loro produzioni e le opportunità di partnership presenti nel territorio. TolentinoExpo prevede spazi espositivi - in piazza della Libertà, via Filelfo, piazza Mauruzi, Palazzo Parisani – Bezzi, piazza Martiri di Montalto - e relazionali – Teatrino San Francesco - e un importante programma di convegni, incontri, mostre e spettacoli. Vale la pena sottolineare come le finalità di questo evento espositivo, anche in questa terza edizione,

siano quelle di promuovere e valorizzare le produzioni industriali, artigianali e commerciali del territorio, suscitando in tutti gli operatori quel sentimento di orgoglio della produzione “Made in Tolentino”. Questo progetto – ricorda il Sindaco Giuseppe Pezzanesi - vuole tenere insieme questi elementi coniugando i caratteri distintivi della cultura e la varietà delle produzioni manifatturiere tolentinati, mostrando l’immagine di una Città in movimento, in crescita, che vuol essere protagonista, originale e competitiva, anche nel mondo della globalizzazione, rendendo omaggio ai tanti artigiani e imprenditori che con passione, creatività, innovazione e cultura del lavoro hanno fatto conoscere, grazie alle loro produzioni ed ai loro servizi, il nome di Tolentino nel mondo. TolentinoExpo – sottolinea l’Assessore alle Attività Produttive Orietta Leonori – è capace di coniugare tradizione e modernità. Le tante aziende espositrici danno l’idea della varietà dei prodotti realizzati con grande cura nel nostro territorio. Per questa terza edizione sono previste anche le visite di alcune delegazioni straniere. Il nostro intento è quello di offrire possibilità di partnership e di sviluppo. TolentinoExpo sarà visitabile giovedì 11 ottobre dalle ore

Third edition of TolentinoExpo: a land that knows how to make business with passion, creativity, innovation and

work culture. More than 90 major companies present their quality products in an exhibition area in the historic center on October.

17 alle ore 21, venerdì 12 ottobre dalle ore 10 alle ore 24, sabato 13 ottobre dalle ore 10 alle ore 24 e domenica 14 ottobre dalle ore 10 alle ore 20. Ingresso gratuito. TolentinoExpo è promossa dall’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Tolentino, organizzazione a cura dell’Associazione TolentinoExpo e di Expo Marche. EVENTI, MOSTRE e MUSEI Fino al 17 ottobre Festeggiamenti religiosi e civili in onore di San Catervo Protettore della Città di Tolentino. Da visitare le Sale Napoleoniche, il complesso monumentale della Basilica di San Nicola e il Museo del Santuario, il Castello della Rancia, l’Abbadia di Fiastra. “Al MIUMOR Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Palazzo Sangallo, fino al 14 ottobre, “Nuvole di Confine. Graphic Journalism. L’arte del reportage a fumetti.” SPECIALE TOLENTINOEXPO APERTURE STRAORDINARIE - venerdì 12 ottobre: 10.00-13.00 / 15.30-20.00 e 21.00-24.00; - sabato 13 ottobre: 10.00-13.00 / 15.3020.00 e 21.00-24.00; - domenica 14 ottobre: 10.00-13.00 / 15.30-20.00.”

IL MAGAZINE 93


i nostri comuni

Porto Sant’Elpidio Via Umberto I, 485 - 63821 - Tel. 0734-9081 - Fax. 0734-908286 - pseturismo@elpinet.it - www.elpinet.it

Porto Sant’Elpidio: la città del mare e non solo Un’estate che rimarrà nel cuore, l’estate 2012 del Comune di Porto Sant’Elpidio. Un ricco elenco di eventi che hanno fatto da scenario ad un lungomare la cui bellezza è davvero unica. Dalla scenografica Tappa del Giro d’Italia, alla consegna della Bandiera Blu, una straordinaria conquista, un risultato che testimonia il continuo tentativo di migliorare la qualità del turismo e dei servizi ad esso legati. Dalle numerose sagre, alla tradizionale Festa del 1° Maggio e da lì ancora avanti tra tipicità gastronomiche, eventi sportivi e cultura. Ma le possibilità di vivere e conoscere la ricchezza di questo territorio non finiscono mai. Dopo tutto il mese di Settembre, trascorso all’insegna di musica, pittura e poesia, l’impegno de l’amministrazione non smette di protendersi alla valorizzazione del territorio. Nuovi eventi in programmazione per chiudere un anno davvero incredibile. Gli occhi sono ora puntati sul Gran Galà dello Sport, manifestazione con la quale si celebrano le numerose Società Sportive cittadine per la loro preziosa attività. Come tutti gli anni sono attesi grandi ospiti ad allietare la serata e grandi campioni a conferire i premi. Un’occasione per riflettere sull’importanza dello sport e del suo spirito di aggregazione. Come sottolineato dallo stesso Assessore Milena Sebastiani: “Il Gran Galà dello Sport vuole essere un momento per promuovere le nostre società sportive ed un ringraziamento per l’impegno che mettono nell’organizzazione delle loro attività”. In realtà anche questo sarà solamente l’evento apertura per un Dicembre dalle note fortemente natalizie. La Città del Natale di Porto Sant’Elpidio ritorna con una variegata lista di eventi: dalle suggestive casette di legno, fulcro di un mercatino dai toni tipicamente natalizi e proteso alla valorizzazione delle più diverse categorie merceologiche, ai numerosi momenti che vedranno come protagonista indiscussa la musica. Non mancheranno le tipicità e tutto il gusto delle tradizioni del Natale. Un momento per riconfermare la forte collaborazione tra le varie

“Festa della Bandiera Blu - Assessore Milena Sebastiani “

associazioni locali, creando davvero occasioni di divertimento per grandi e piccoli. Si riconferma dunque l’obiettivo principale di destagionalizzazione del turismo: pronte ad affrontare tutti questi eventi sono anche le numerose strutture ricettive (in elenco) di Porto Sant’Elpidio. Il loro impegno va ad aggiungersi a quello già profuso dall’amministrazione e da tutti coloro che collaborano alla realizzazione di queste manifestazioni che rendono orgogliosi gli abitanti di questo Comune.

Festa del 1° Maggio - Lungomare

The Municipality of Porto Sant ‘Elpidio hosted a full list of events during this summer: from the spectacular stage of the Tour of Italy, to the delivery of the Blue Flag. The Gran Galà dello Sport will open December’s manifestations. It is an event in which many sports clubs are celebrated for their valuable work. The Christmas City of Porto Sant ‘Elpidio then, returns with a varied list of events ranging from suggestive wooden houses which will be center of a marketplace, to the many initiatives dedicated to music.


Belvedere Via Belvedere 1 Tel. 0734 991712 www.hotelbelvederepse.it info@hotelbelvederepse.it

Gilda Viale della Cooperazione 4 Tel. 0734 877383 - 333 6794171 www.gildamusichotel.it info@gildamusichotel.it

Holiday Lungomare Trieste Tel. 0734 9071 www.centroturistico.it holiday@centroturistico.it

Il Gambero Via Mazzini 1 Tel. 0734 901944 - 0734 900238 www.hotelilgambero.it info@hotelilgambero.it

1

2

3

Nazionale Via Cavour 231 Tel. 0734 903786 www.nazionaleresidence.it info@nazionaleresidence.it

Pineta Lungomare Trieste 199 Tel. 0734 900259 www.hotelpinetapse.it info@hotelpinetapse.it

Promenade Viale Trieste - Lungomare Centro Tel. 0734 901179 www.promenadehotel.it info@promenadehotel.it

Holiday

8

Lungomare Trieste Tel. 0734 9071 www.centroturistico.it holiday@centroturistico.it

5

Nazionale

9

Via Cavour 231 Tel. 0734 903786 www.nazionaleresidence.it info@nazionaleresidence.it

6

G.F.M.

10

Via IV Novembre 44 Tel. 0734 902249 - 329 2337818 www.gfm-srl.it info@gfm-srl.it

7

4

Holiday Lungomare Trieste Tel. 0734 9071 www.centroturistico.it holiday@centroturistico.it

Alba Marina Via Gramsci 22 Tel. 0734 995359 - 366 4349932 www.bbalbamarina.it info@bbalbamarina.it

Armonia della Sera Contrada Pescolla 8/A Tel. 335 5612107 www.armoniadellasera.it daniela.pier@libero.it

Azzurromare Via Siena 16 Tel. 0734 993653 - 335 6370177 www.azzurromarerosapriscilla.it alfred5@alice.it

Diamanti Paola Via IV Novembre 124 Tel. 0734 994055 - 333 7361966 diamanti57@libero.it

Girovagando Via Dei Tigli 31/a Tel. 338 1214784 www.girovagandobeb.it info@bebmarche.it

Il Giardino delle Noci Contrada Pescolla 35/a Tel. 320 3876214 www.ilgiardinodellenoci.it ilgiardinodellenoci@libero.it

La Casa di Alfredo Strada Provinciale Sant’Elpidio 30 Tel. 329 4770879 - 388 9060930 www.lacasadialfredo.it info@lacasadialfredo.it

14

15

16

17

18

L’Edera Via Cavour 185 Tel. 0734 877267 www.bedandbreakfastedera.com info@bedandbreakfastedera.com

Lounge Via Cesare Battisti 105 Tel. 0734 992440 - 334 1522683 www.bblounge.it info@bblounge.it

Onda Blu Via Don Minzoni 45 Tel. 330 279697 www.bbondablu.com info@bbondablu.com

Pao Via Monte Nerone scn Tel. 328 4168649 www.bedpao.tk bedpao@libero.it

Rosa Priscilla Via Siena 16 Tel. 0734 993653 - 335 6370177 www.azzurromarerosapriscilla.it alfred5@alice.it

19

Villa Rosa Contrada Pescolla 1 Tel. 0734 993143 - 335 8041437 giorgio.massetti@fastwebnet.it

20

21

22

La Risacca

11

12

Lungomare Europa 100 Tel. 0734 991423 www.larisacca.it info@larisacca.it

Le Mimose Lungomare Faleria 15 Tel. 0734 900604 www.villaggiolemimose.it info@villaggiolemimose.it

13

23

24

25

La Finestra sul Mare Via Pescolla 7/a Tel. 0734 994968 www.lafinestrasulmare.it info@hotellafinestrasulmare.it

27

26 Pensione degli Ulivi

28 Via Garda 43 Tel. 0734 993007/909927 - 393 9204809 www.pensionedegliulivi.it info@pensionedegliulivi.it

IL MAGAZINE 95


i nostri comuni

Montecassiano

Via Rossini 5 - 62010 Montecassiano Macerata Tel.0733 299811 - www.comune.montecassiano.mc.it

Palazzo Palazzo dei Priori

PINACOTECA CIVICA “GIROLAMO BURATTO” Palazzo Compagnucci : La Pinacoteca ospita la raccolta archeologica, con numerosi reperti di epoca picena ed una quadreria con notevoli esempi di pittura sacra e profana dei Secc. XVII e XVIII. Tra le opere esposte, “Il Sogno di Giacobbe”, attribuito proprio al Buratto, proveniente da una nobile famiglia montecassianese ed allievo del Pomarancio, che raffigura un episodio tratto dal libro della Genesi. Nella pinacoteca si trova anche l’espressione più significativa della raccolta civica e cioè la tavola “La Madonna in trono con Bambino tra i SS. Andrea ed Elena ed angeli musicanti”, opera del pittore iberico Juan Rodriguez Fernandez, conosciuto come Ioannes Hispanus. L’opera, originariamente concepita per la piccola chiesa rurale di Santa Maria di Lenze (ora Chiesa di San Giuseppe), richiama la devozione alla Croce, viva a Montecassiano per la presenza di una reliquia, fu avviata alla fine del 1506, alla fine di un’epidemia di peste e costituisce una delle poche testimonianze certe della permanenza dell’artista nelle Marche. ARCHIVIO STORICO Palazzo Ferri Contiene 184 pergamene a partire dal 1131, ivi compreso il documento, risalente al 1151, dell’indicazione del primitivo toponimo del paese “Castrum

Montis Sante Marie”, 33 volumi cartacei, 14 custodie contenenti atti vari. Vi è inoltre conservato tutto l’archivio del ‘900, con libri, testi, raccolte, materiale bibliografico e sotrico-artistico, oltre agli archivi dell’ex ECA, delle Opere Pie e di altri Enti di beneficenza. L’archivio è stato riordinato per la prima volta: nel 1903, dall’Avv. Zefferino Fogante con la conferma della classificazione dei documenti in tre raggruppamenti ed elenchi distinti: il primo composto da pergamene datate tra il 1131 e il 1783, monografie ed opere su Montecassiano e sugli uomini illustri, il secondo composto da volumi manoscritti e rilegati che vanno dal 1396 fino al 1808 ed infine il terzo composto da raccolta di documentazione e materiale vario suddiviso a sua volta in tre periodi. MUSEO DI ARTE SACRA “GIOVANNI DA SAN GUGLIELMO Chiesa di San Giovanni Battista: Il museo conserva numerosi oggetti liturgici (reliquiari, calici, croci, opere di botteghe orafe marchigiane e romane) di proprietà del Comune e, in forza di apposita convenzione, della Parrocchia di Santa Maria Assunta. I pezzi più importanti sono gli argenti dei maceratesi Domenico e Antonio Piani, una croce astile in argento fuso, inciso e dorato firmata da Lorenzo d’Ascoli datata 1414, una stauroteca in argento inciso realizzata nella seconda metà del XV secolo e acquistata dal Comune nel 1481 che contiene una fra le più antiche raffigura-

zioni della Traslazione della Santa Casa di Loreto. Un cenno particolare merita il reliquiario a statua di San Giuseppe, in argento, realizzato nel 1744 dall’orafo romano Antonio Arrighi, utilizzato ogni anno in occasione della processione e delle celebrazioni in onore del patrono.

MUNICIPAL ART GALLERY“GIROLAMO BURATTO” - Palazzo Compagnucci: The Art Gallery houses the archeological collection, with numerous artifacts of the Picenian period and a picture gallery with remarkable examples of sacred and secular painting of XVII and XVIII centuries. HISTORICAL ARCHIVE - Palazzo Ferri It contains 184 parchments since 1131, including the document of the primitive name of the country “Castrum Montis Sante Marie” (1115), 33 paper volumes, 14 cases containing various documents. There is also preserved the whole archive of 1900. MUSEUM OF SACRED ART “GIOVANNI DA SAN GUGLIELMO” Church of San Giovanni Battista: The museum houses numerous liturgical objects (reliquaries, chalices, crosses, works of goldsmiths from Marche and Rome) property of the Municipality and, by virtue of a special agreement, of the Parish of Santa Maria Assunta.


i nostri comuni

Monte San Pietrangeli Piazza Umberto I - 63815 - Tel. 0734 969125 - Fax.0734 969271 - www.comune.montesanpietrangeli.fm.it

Vista Panoramica - Monte San Pietrangeli

Torre civica

Piccoli gioielli da scoprire Grazioso comune del fermano da cui si scorge un tenue lembo dell’Adriatico e la bella catena dei Sibillini. Tra la storia, l’arte e il paesaggio, pregevoli aziende del settore agricolo e rinomate imprese, calzaturiere e artigianali, che realizzano prodotti di raffinata eleganza. La nascita potrebbe risalire all’anno 720 d.C. con la venuta dei Monaci Benedettini di San Pietro di Ferentillo (Treni). Si

realizzarono delle possenti mura difensive per cui Monte San Petro poté presto gloriarsi col nome di castello. Nel 1536 i fermani riuscirono ad assoggettare il paese ribelle e costruirono una piccola rocca, distruggendo una parte della chiesa dei Benedettini. Si accesero feroci scontri: la rocca fu distrutta ma il paese alla fine fu messo a ferro e a fuoco. Successivamente, con bolla papale il comune fu dichiarato soggetto solo alla S. Sede. Il 29 settembre, festa di San Michele Arcangelo, data memorabile dell’ indipendenza, il paese cambia nome. Da quel momento in poi non si chiamerà più Monte San Pietro degli Agli ma Monte San Petri Angeli, italianizzato Monte San Pietrangeli. Iniziarono opere di ricostruzione: una larga via centrale con ampia piazza e due vie laterali leggermente curve. Le attività agricole, artigianali e commerciali ripresero con successo tanto che una quindicina di famiglie benestanti riuscirono a costruire non case ma veri palazzi patrizi, oggi se ne contano dodici adeguatamente restaurati. Girando per le campagne del nostro comune non è difficile trovare dei “piccoli tesori ambientali”. Entrando in questa oasi di pace ci si accorge di un mondo privo di frenesia e di rumore. Animali caratteristici della zona, e piante di grande valore, tanto che in questo paese sorge l’Accademia delle Erbe spontanee. Di Monte San Pietrangeli si ricordano anche alcuni personaggi celebri: Luigi Fontana (Pittore, scultore e architetto), Romolo Murri (precursore e attivo uomo politico), Oscar Marziali (pittore) e Mengone Torcicolli maschera picena

ideata da Andrea Longino Cardinali. La cucina si basa su prodotti genuini di produzione locale. Le specialità sono quelle della cucina marchigiana: tagliatelle, lasagne, cannoli, polenta, fagioli con le cotiche, il baccalà o stoccafisso con le patate, i salumi, gli arrosti misti alla brace, le olive ripiene e i cremini. Le tipicità del territorio sono: li caciù de fava, il serpe (dolce tipico natalizio) e lo zampetto de maiale in porchetta. Una menzione speciale va alla Cucina delle ERBE, studio e tradizione si fondono nella scoperta di antichi e nuovi piatti a base di erbe spontanee.

Monte San Pietrangeli is a nice town area of Fermo from which you can see a thin strip of the Adriatic and the beautiful Sibillini range. Between history, art and the landscape, valuable companies in the agricultural sector and well-known footwear and handicrafts companies, make products of refined elegance. The typical kitchen then, is based on natural local products and also on spontaneous products as the herbs of great value, so that here was born the Academy of Wild herbs.

IL MAGAZINE 97


i nostri comuni

Pievebovigliana

P.zza V.Veneto - CAP 62035 - Tel.: 0737 44126 - comune.pievebovigliana@emarche.it - www.comune.pievebovigliana.mc.it

La chiesa di San Giusto a San Maroto, un gioiello dell’arte italiana

L

a chiesa di San Giusto si trova nei pressi della frazione di San Maroto di Pievebovigliana. Questo piccolo edificio di culto, che risale ai secoli XI-XII, è considerato uno degli episodi più originali ed importanti dell’arte romanica marchigiana: un vero e proprio gioiello, vanto ed orgoglio di un territorio ricco di testimonianze architettoniche ed artistiche di ogni epoca storica. La chiesa si presenta come una rotonda con quattro absidi, affiancata da un campanile aggiunto in epoca successiva. È proprio questa peculiare struttura che nel corso del tempo ha richiamato l’attenzione di studiosi e storici dell’arte, e numerosi sono i saggi ad essa dedicati. Martedì 14 agosto 2012, presso il suggestivo cortile della chiesa di San Giusto, è stato presentato il libro curato dal prof. Paolo Cruciani “San Giusto a San Maroto. Una chiesa circolare nel romanico italiano: storia, architettura, arte”, un’analisi conclusiva rispetto a tale percorso di studi. Si cerca di fare chiarezza sulle diverse ipotesi intorno all’origine e all’evoluzione del com-

plesso architettonico, ricostruendone l’intera vicenda, fino ad oggi. Il libro è corredato da un’ampia serie di immagini e disegni, alcuni dei quali inediti e di grande valore. I NOSTRIè EVENTI L’amministrazione comunale particolarmente orgogliosa di questa pubblicazione, che si affianca ad altri importanti libri già dedicati ad alcuni monumenti

ed opere pittoriche presenti nel suo territorio. Il volume La Crocifissione di Petrignano. Storia e restauro di una tela del Seicento romano e quello di Francesca Arcangeli, I dipinti murali a soggetto cortese nella signoria di Giulio Cesare da Varano, entrambi usciti nel 2009, hanno avuto un grande successo di pubblico e di critica. L’impegno dell’amministrazione non può che continuare in questa direzione, nel tentativo di far conoscere le bellezze del territorio comunale, sempre più meta di turisti attratti dalla sua storia e dalle sue testimonianze artistiche o riconducibili alla cultura materiale del luogo, come le fornaci da laterizi e la gualchiera-tintoria, sapientemente conservate ed oggetto di vasti ed articolati interventi di recupero. Tramandare la conoscenza di queste opere, attraverso dei libri, oppure restaurare quadri e complessi edilizi significa conservare la memoria di una comunità, come un costante punto di riferimento per ogni prospettiva futura, non solo di crescita culturale, ma anche di sviluppo economico. Pubblicare questi libri significa voler guardare al futuro con ottimismo, nella certezza che le basi di ogni società sana e capace di crescere siano sempre nella conoscenza e in una cultura messa a disposizione di tutti.

I NOSTRI EVENTI

OTTOBRE Sabato 13 e Domenica 14: • “18° edizione Sagra della castagna”. Sabato: Passeggiate naturalistiche nei castagneti – Visita al Museo e ai monumenti storico artistici – Degustazione prodotti “Varnelli”. Domenica: dalle ore 10:00 mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici; dalle ore 12:30 apertura stand gastronomici; dalle ore 15:30 alle 17:30 spettacolo del gruppo folkloristico “La cocolla de Mojià”; dalle ore 17:30 musica da ballo con “Roberto Carpineti”. Degustazione di castagne e dolci tipici locali a base di castagne.

Domenica 14: • “Giornata Bandiere Arancioni 14.10.12”: - Visita guidata al Museo Civico R. Campelli con Sezione Archeologica V. Cianfarani, al Museo Storico del Territorio con sezioni Varnelli, Tessitura e Laterizi ed alle raccolte Filippo Marchetti, Maria Ciccotti e Gino Marotta presso il Palazzo Comunale. Orario: mattina dalle10:30 alle 12:00 – pomeriggio dalle 15:30 alle 18:30. Palazzo Comunale, Capoluogo. - Visita alla chiesa di Santa Maria Assunta con cripta romanica (centro storico del capoluogo). Orario: dalle 9:00 alle 11:00.

Distribuzione a tutti i partecipanti, fino ad esaurimento scorte, del “sacchetto della qualità”, con materiale informativo sul territorio e un prodotto distintivo del territorio. - Passeggiate naturalistiche nei castagneti alla scoperta delle meraviglie del bosco con possibilità di raccolta di castagne. Orario: mattina dalle10:00 alle 13:00 – pomeriggio dalle 15:00 alle 17:00.


i nostri comuni

Ci www.comune.cingoli.mc.it www.comunecingoli.it

Ufficio Turismo: Tel. 0733 601913 Atc/Proloco e IAT Tel. 0733 602444 / www.prolococingoli.it

I

mmersa in una delle zone floristicamente più belle, ricche e rare del paesaggio mediterraneo, Cingoli (m. s.l.m. 630) sorge in posizione panoramica sul lato orientale del gruppo montuoso, comunemente indicato come Preappennino, che si staglia sull’alta valle del Musone e alle cui spalle si erge la Dorsale Appenninica vera e propria. L’eminenza topografica di Cingoli - cui un antico mito di fondazione collega a un ancestrale culto solare legato al nome della maga Circe - considerata in relazione alla superba veduta panoramica a cui questa da adito, ha con il tempo permesso alla città di guadagnarsi l’appellativo di “Balcone delle Marche”. Una “Posizione incantevole” dalla quale si ha accesso a “Panorami sconfinati” per parafrasare ciò che il pittore Donatello Stefanucci aggiunse a commento di una sua celebre veduta di Cingoli (ora in Pinacoteca comunale). L’omogeneità del tessuto urbano corrisponde a una forte coesione ambientale: l’abitato, la cui salubrità climatica è proverbiale ormai da cinque secoli, si inserisce armonicamente in un paesaggio dove l’opera dell’uomo e quella della natura si sono perfettamente integrate valorizzandosi a vicenda. Esempio di grande fascino dell’atmosfera tipica di altri medi e piccoli centri della zona dell’antica provincia Picena, Cingoli se ne discosta al tempo stesso per la nobiltà, la complessa profondità e la gloria di un passato che ancor oggi è percepibile nelle ombre lunghe che alla sera gli antichi eleganti palazzi proiettano sulle piazze e sulle vie. Da vedere, entro le mura: il Museo archeologico, la Pinacoteca comunale, la chiesa di S.Domenico (sede della Madonna del Rosario di Lorenzo Lotto), il Palazzo comunale, la Fontana di Maltempo, la

Portella, Palazzo Castiglioni (casa natale di papa PIO VIII), Palazzo Cima, Palazzo Conti, Palazzo Puccetti, le chiese di S.Nicolò, S.Spirito, S.Filippo e la cattedrale di S.Maria Assunta; fuori le mura: le chiese di S.Esuperanzio, di S.Sperandia, di S.Giacomo e di S.Vitale. Suggestive e indimenticabili per gli amanti della natura le passeggiate che i boschi che attorniano Cingoli regalano e che ad ogni stagione offrono colori e sensazioni nuovi: il percor-

so di Tassinete, quello di S.Bonfilio e quello detto del Fosso delle scalette. Ma Cingoli è luogo anche di sapori e profumi. Una varietà eccellente e rara di olivo, la Mignola, da cui si ricava un olio di raffinata qualità. Una cucina di grande varietà e gusto, basata su elementi genuini della tradizione, con piatti tipici come i calcioni, la pizza di formaggio e salumi di altissima qualità e dolci propriamente cingolani come le ciambelle, i cavallucci e il serpe.

Cingoli is located in a panoramic position on the eastern side of the so called Preappennino mountain range, it stands on the Musone valley and behind it stands the Apennine ridge. The

city has a noble and glorious past to discover through museums, churches and historic buildings within its walls. For nature lovers then, hikes in the woods around Cingoli will be especially evoca-

tive. But Cingoli is also a place of flavors and fragrances, thanks to its typical dishes and its products generally, including a rare variety of olive(Mignola), from which comes an oil of refined quality.

IL MAGAZINE 99


i nostri comuni

Fermo Via Mazzini, 4 - 63900 Fermo - Tel. 0734.2841 - Fax 0734.224170 comune.fermo@emarche.it - comune.fermo.it

IL NOSTRI COMUNI

Guercino- Et in Arcadia Ego In mostra a Fermo lo straordinario dipinto del Guercino Et in Arcadia Ego dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Roma. Dal 4/08/2012 al 4/11/2012 Palazzo dei Priori Info e prenotazioni: Musei di Fermo 0734/217140 museidifermo@comune.fermo.it Stagione d’opera 2012 LUCIA DI LAMMERMOOR Dramma tragico in tre atti Libretto di Salvatore Cammarano da The Bride of Lammermoor di W.Scott Musica di Gaetano Donizetti Orchestra Filarmonica Marchigiana  Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”Maestro del coro David Crescenzi

Montegranaro Piazza Mazzini, 1 - 63812 Montegranaro (FM) T. 0734 89791 - F. 0734 889991 info@comune.montegranaro.fm.it - www.comune.montegranaro.fm.it

IL NOSTRI COMUNI

L’ANTICA VERGARA IL NOSTRI COMUNI Un’antichissima tradizione vorrebbe che nel territorio di Montegranaro fosse esistita l’antica città romana di “Beregra” o “Veregra” , col relativo “ager Veregranus”, adiacente agli “ager” di Firmum, Pausula  e Cluana. Quella a cui il Colucci assegna sicuramente la dignità di “Colonia“ dell’antica Roma fu, tra gli altri, citata da Tolomeo, dal Cluverio e da Plinio il Vecchio nella sua “Naturalis Historia”, mentre nel Liber Coloniarum (trattato rifluito nel “corpus” degli scritti degli agrimensori) l’Ager Veregranus è ricordato dopo quello di Tolentino e Treia.


i nostri comuni

Pievetorina Via Roma, 126 - T. 0737 518 022 - F. 0737 51202 comune@pievetorina.sinp.net - www.comune.pievetorina.mc.it

IL NOSTRI COMUNI

CONOSCERE PIEVETORINA Immerso in un paesaggio naturale ben conservato fatto di boschi e prati, Pievetorina è oggi un importante centro per l’allevamento di suini e bovini. Al centro del paese la chiesa seicentesca, da poco restaurata, offre una piccola collezione di opere di autori marchigiani. Di grande interesse anche la trecentesca torre campanaria che si affaccia sulla piazza. Seleziona nella colonna a sinistra le informazioni utili per venire alla scoperta della nostra città.

Matelica Piazza Enrico Mattei, 1 - T. 0737 781811 protocollo.comunematelica@pec.it - www. comune.matelica.mc.it

IL NOSTRI COMUNI

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO Il museo e’ stato allestito all’interno di Palazzo Finaguerra, edificio storico gia’ appartenuto all’omonima famiglia matelicese, ubicato nei pressi del complesso monumentale di S. Francesco. Il palazzo risale nel suo aspetto attuale alla fine del XVIII - inizi XIX secolo, periodo in cui sono state realizzate anche le decorazioni pittoriche degli ambienti del primo e del secondo piano. Il museo e’ costituito dai reperti archeologici provenienti da Matelica e dal suo comprensorio rinvenuti, principalmente, nel corso di recenti campagne di scavo. I materiali esposti coprono un arco cronologico piuttosto ampio che va dalla Preistoria fino al Medioevo e all’eta’ rinascimentale.

IL MAGAZINE 101


i nostri comuni

Civitanova M. Piazza XX Settembre n.93 - Tel.:07338221 comune.civitanovamarche.mc@legalmail.it - www.comune.civitanova.mc.it

IL NOSTRI COMUNI

CARTA CANTA Inaugurata giovedì 4 ottobre, alle ore 18.15, la quattordicesima edizione di “Cartacanta festival-expò”, il festival dedicato al settore carta, grafica ed editoria. L’evento è stato ospitato nei padiglioni dell’Ente Fiera di Civitanova Marche fino a domenica 7 ottobre. Due le novità importanti: la realizzazione di un museo della grafica nei locali dell’ex Mattatoio e lo spostamento della sezione dedicata alla carta a Fabriano, città creativa riconosciuta dall’Unesco. L’ingresso è libero.

Camerino Corso V. Emanuele II n. 21 - Camerino (MC) - Tel./Fax 0737-632534 www.proloco.camerino.sinp.net

IL NOSTRI COMUNI

CENNI STORICI Camerino si trova a 670 metri di altitudine, a cavallo tra le valli del Potenza e del Chienti e a poca distanza dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini. La posizione di dominio ha permesso alla città di mantenere per lungo tempo una notevole autonomia da tutti i centri di potere del territorio circostante, fin dai tempi dell’assoggettamento al dominio romano. Per molti anni Camerino ha svolto un ruolo importante nella storia politica e culturale dell’Italia centrale, specie nei secoli in cui la signoria dei Da Varano governò la città, improntando l’attuale aspetto urbanistico e favorendo lo sviluppo dell’università che è ancora oggi uno dei fiori all’occhiello della città.


Raccontare le Marche di Marco Leoni IL NOSTRO TERRITORIO UNA REGIONE NEI LIBRI E.. ...MOLTO ALTRO Come viene rappresentata la nostra regione? Quali sono gli elementi che più interessano e su cui maggiormente si soffermano gli autori, i turisti e gli studiosi? I libri sono sicuramente il media attraverso cui le Marche sono state e sono maggiormente rappresentate, ma non vanno dimenticati spot, documentari e riconoscimenti a livello mondiale.

N

el vastissimo panorama dei libri dedicati alle tradizioni e alla geografia della nostra terra, vanno sicuramente ricordati Marche: gente e terra (sugli usi e costumi dei popoli), Le Marche sono così (sulle attività produttive e le vicende storiche) e Letteratura delle Marche (con testi di autori storicizzati marchigiani). La cucina e i vini non possono mancare in questa rassegna, con Le Marche nel bicchiere 2012, che esamina proprio il mondo enologico regionale (per il quale si consiglia comunque di visitare le varie cantine regionali spar-

se nel territorio), Le Marche a tavola e Quando il cibo è amore. Le Cesarine delle Marche e dell’Umbria. In netto contrasto con la frenesia moderna, il caro benzina e l’innalzamento dei prezzi, si segnala il volume A piedi nelle Marche, che propone itinerari percorribili con lentezza. Siamo anche regione di storia, e tra i tanti Papi che hanno contribuito ad affibbiarci l’appellativo di “papalini” e le battaglie famose combattute nei territori di Tolentino e Castelfidardo, sono da evidenziare Le Marche e l’Unità d’Italia, e un saggio intitolato Il governo della

Marche region has always been a rich territory to discover by tourists, travelers, celebrities. There are many books dedicated to this region and its characteristics: people,

literature, excellence of wines and cuisine and typical personalities. Should also be noted its beautiful landscapes and all the cultural and historical events that took place here.

Resistenza: il CNL delle Marche. Una regione resa speciale anche dalle tante personalità illustri che vi sono transitate, viaggiatori spesso divenuti stanziali che hanno reso omaggio alle bellezze locali: da Franz Listz a Gabriele D’Annunzio, da Matilde Serao a Pio IX, da Gioacchino Murat alle regine Caterina di Wuttenberg e Maria Anna di Spagna, passando per Giuseppe Garibaldi, Vittorio Emanuele II e Martin Lutero. Senza mai dimenticare che oggi, la nostra regione, è inserita nel patrimonio materiale dell’UNESCO grazie al centro storico di Urbino.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it

IL MAGAZINE 103


i nostri comuni

Monte San Giusto Via Bonafede, 28 - Tel. 0733 839 011 - segreteria@montesangiusto.sinp.net - www.comune.montesangiusto.mc.it

E

’ arrivata l’VIII edizione del festival che scalda il cuore, con il delizioso paese di Monte San Giusto invaso da clown di tutti i tipi: dottori, artisti e persone comuni... Ospite d’onore quest’anno è stato Lino Banfi, che ha presieduto la giuria della II edizione del concorso Premio Takimiri per artisti di strada e che ha ricevuto il premio “Il Clown nel cuore”. Insieme a Enzo Iacchetti, testimonial del Festival, è tornato Michael Christensen, il primo clown-dottore della storia. Tanti spettacoli in strada e sul palco, con artisti eccezionali come Bustric, I Rastelli, gli spagnoli Leandre Ribera e Trukitrek, l’argentina Veronica Ginzales, il persiano Saeed Fekri, gli italiani Mo’ Better Band, Mr David e Lucchettino. Centinaia di clown-dottori rappresentanti di decine di associazioni, con la Federazione Nazionale ClownDottori che ha organizzato convegni, workshops e la sua assemblea annuale. E poi la partita del cuore con la Nazionale Italiana Amici, composta da ragazzi dell’omonima trasmissione. Musica con ospite principale Peppe Voltarelli, incontri con le scuole, mostre fotografiche, Street Food, yoga della risata in piazza. 25.000 nasi rossi distribuiti gratuitamente e

l’ormai tradizionale grande evento di chiusura con migliaia di megapalloncini. Il Clown&Clown Festival è una manifestazione internazionale che fonde clownerie e volontariato in un connubio vincente, tanto da diventare in pochi anni uno degli appuntamenti più attesi in Europa, sia per gli aman-

ti dello spettacolo dal vivo che per gli spettatori. Il delizioso borgo di Monte San Giusto diventa per una settimana la “Città del Sorriso” e si trasforma in un grande circo a cielo aperto con tendoni spalancati gratuitamente per chi si sente pronto a fare il pieno di allegria, divertimento, abbracci e sorrisi!

Lino Banfi, ospite d’onore dell’edizione 2012

Clown & Clown Festival

The Clown & Clown Festival is an international event at its 8th edition that combines clowning and volunteering in a winning combination, so as to become in a few years one of most awaited events in Europe. The delightful village of Monte San Giusto becomes the “City of Smiles” for a week and turns into a big open air circus.


Tra sorrisi e nasi rossi

Il premio clown & clown realizzato nei laboratori di Dora Lombardi Gioielli

D

i questi nove giorni in cui Monte San Giusto è diventata la “città del sorriso”, ci restano immagini ed emozioni che sarà difficile dimenticare. Un abbraccio collettivo sulle note di “Ti vorrei sollevare” (canzone di Elisa e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro) per esempio. Ma anche un gigantesco naso rosso sul campanile della chiesa che si spegne in serata. E poi le facce dei protagonisti, di Lino Banfi, Enzo Iacchetti e Michael Christensen, sul palco

per testimoniare impegno ed allegria. Rimangono gli spettacoli degli artisti di strada arrivati da tutto il mondo, e le diecimila persone che, solo nell’ultimo giorno, hanno animato le vie del centro. E poi i “rimbalzi di gioia” dei tredicimila palloncini rossi rilasciati nella piazza. L’ente Clown&clown, organizzatore della manifestazione, è attivo anche nella comicoterapia nei reparti di pediatria delle Asur di Civitanova e Macerata. La Provincia di Macerata, notizia degli

Of the nine days in which Monte San Giusto has become the “City of Smiles”, images and emotions still remain. The institution Clown&clown, which has organized the event, is also active in comic therapy in the pediatrics of Civitanova and Macerata, so the Province

of Macerata has renewed the Memorandum of Understanding for the coordination and implementation of activities and comic therapy. Among the companies also Dora Lombardi Jewels has participated, and has made a beautiful framework presented during the event.

ultimi giorni, ha rinnovato, assieme al Comune di Monte San Giusto e all’ente Clown&clown, il Protocollo d’intesa per il coordinamento e la realizzazione delle attività e dei servizi di comicoterapia del territorio maceratese, stanziando un contributo di 20.000 euro. Un evento che attira anche numerose aziende di successo. Tra di esse era presente all’evento anche Dora Lombardi Gioielli, che proprio per l’occasione ha realizzato uno splendido quadro presentato durante l’evento.

Il testo integrale seguendo il codice Qr o visitando il sito lemiemarche.it


trasforma in oro... ...tutto quello che tocca


Mignolio

Rosciolio

Olio Colato

Incoronato

Alfeo

Sponsor Ufficiale Dr. Francesco Alfei: 333.8738678 Olio extra vergine di oliva Produzione e vendita Servizi per la ristorazione Frantoio Oleario Alfei Giuseppe via Salvo D’Acquisto - Belforte del Chienti (MC) Tel e Fax. 0733.906136 info@frantoioalfei.it - www.frantoioalfei.it


sponsor ufficiali

www.pastificiocarassai.it

3

L’evento si svolgerà in aprile nel nuovo quartiere fieristico di Civitanova Marche nel padiglione che ospiterà il primo Happy Hour Festival in occasione dell’inaugurazione dell’Ente Fiera

Primi piatti

con la pasta del Pastificio Leonardo Carassai.

3


Menù Antipasti

Primi Piatti

Il Classico ( serie di assaggi 6 freddi e 6 caldi, elaborati con cura dedizione e fantasia)

Tagliatelle e Gnocchi fatti in casa Spaghetti, Risotto, Paccheri azienda DE CECCO

Gratinati misti Crudità miste ( ostriche, noci di mare, fasolari, capesante, cannelli, mazzancolle, scampi, panocchie)

(Tutti i nostri primi sono ESPRESSI niente precotture. Talvolta necessitano di qualche minuto di attesa a vantaggio della qualità)

Carpaccio di pesce spada, tonno in crosta di sesamo, ricciola, spigola.

Marinara - Vongole veraci Scampo e pomodorino

Scorfano (in caso di disponibilità)

Gabbiano - Astice

Pentolaccia ( Misto di crostacei e molluschi in unmido con pomodorini freschi e crostini fragranti. ( Abbinabili alla pasta ). Cozze, scampi, calamari, vongole, cannelli, granchi, fasolari.) Sautè di cozze - Sautè di vongole Insalata di mare - Insalata di polipo

Secondi Piatti Date un osguardo alla vetrina in sala, dove viene esposto tutto il pescato di giornata. Tutto quello che vedete potrà essere fatto in tutti i modi descritti di seguito. Possiamo adeguarci alle vostre richieste, dato che anche per i secondi piatti di cottura ESPRESSA è il solo utilizzo

Le classiche proposte Grigliata mista - Frittura mista Brodetto con polenta Se volete qualcosa di speciale possiamo proporre... Scampi, pauri, gamberi e leoni di mare ( astici) Alla catalana - All'anans Al vapore - Al forno in crosta di sale Al vino bianco - Al guazzetto Alla griglia - Al melograno - Allo zenzero

Altre proposte... Spigola, rombo, passera, coda di rospo (rana pescatrice), orata, gallinella scorfano, scampi, astici, pauri, sogliole e calamari, verranno preparati con fantasia ed attenzione nei seguenti modi: Al guazzetto In potacchio In porchetta Al cartoccio Al sale

Contorni

Le nostre verdure sono scelte con cura dai contadini della campagna circostante Insalata mista Patate fritte Verdure gratin


Ristorante premiato con la Forchetta di Platino “Eccellenze in cucina” 2011

Civitanova Marche (MC)

Da tre generazioni il miglior pesce dell’Adriatico

ORA APERTO ANCHE IL LUNEDI’

Ristorante Il Gabbiano Luana Berrettoni

Pesce fresco dell’Adriatico

Pasta, pane, dolci € 30/50

Sempre Aperto

Lungomare Nord, 256 - 62012 Civitanova Marche (MC) - Tel. 0733.70113 - www.ristorantegabbiano.it


Il Tesoro Goloso: cucina tipica a Km 0 di

I

l nome del ristorante non lascia dubbi sulle sue specialità: “Il Tesoro Goloso” propone, infatti, i piatti tipici della tradizione locale, rivisitati in chiave moderna e con materie prime di assoluta freschezza. Grazie alla creatività del cuoco-solista, F.G. Amoroso, gli accostamenti più tradizionali sposano i sapori ed i profumi più inaspettati. Il locale, situato nella tranquilla via Giovanni Falcone, a Casette Verdini di Pollenza (Macerata), presenta un ambiente raffinato e versatile, curato nei minimi particolari. Un luogo dove scegliere liberamente che serata passare: allegra e scanzonata con gli amici, oppure intima e tranquilla con i sensi intenti a cogliere i sapori della tipicità. La gentile cortesia e la professionalità del personale di sala, contribuiscono a rendere il ristorante particolarmente indicato per cene romantiche, banchetti, cerimonie, incontri di lavoro e/o eventi particolari come cene aziendali, seminari, conferenze, presentazione di Autori

RISTORANTE -PIZZERIA CON FORNO A LEGNA CUCINA TIPICA A KM0


MARCHE D’ECCELLENZA IL TESORO GOLOSO “La mancanza di contatti sociali e di senso della comunità potrebbe essere il problema sociale più urgente del nuovo millennio.” Robin Dunmba. Professore di antropologia evolutiva dell’ Università di Oxford La definizione “chilometro zero” caratterizza quel modo di cucinare e reperire alimenti e cibi esclusivamente prodotti nel territorio circostante,

ed Artisti . Durante il periodo estivo il locale offre inoltre un piacevolissimo de hors dove ristorarsi all’aperto ritagliandosi un’oasi di refrigerio. A chi voglia riscoprire le origini marchigiane e riassaporarne gli antichi sapori ”Il Tesoro Goloso” propone un’ampia scelta di antipasti e molte specialità della casa come, i vucatini sferisterio”, gli gnocchi di patate di Colfiorito cò la papera muta, le chitarrine del “tesoro”, le pappardelle di prima mano lardiate sul cinghiale al ragù bianco, ecc. I secondi piatti, poi, molti dei quali cotti sulla gratella rigorosamente su brace di legna vegetale, rendono golosamente accattivante la scelta tra la mini fiorentina di manzo marchigiano,

la costoletta di suino bianco marchigiano (taglio speciale), la grigliata mista con 6 tipi di carne, la tagliata di manzo di controfiletto…ecc. “Il Tesoro Goloso” per i propri piatti di carne usa esclusivamente olio extravergine di oliva estratto a freddo, selezione monovarietale “il Fiero”. Inoltre l’ampia scelta di insalate di “crudità semplici e commiste” ed altri contorni fritti ,completano un perfetto abbinamento ai “secondi piatti”. “Il Tesoro Goloso” per condire le verdure e le insalate usa esclusivamente olio extravergine di oliva estratto a freddo, selezione monovarietale “il Baldo”. Per concludere in “dolcezza”, una scelta tra almeno 7 dolci tipici della casa quali: “lu ciammellot-

Via G. Falcone, 29 - 62010 Casette Verdini - Pollenza (MC) Tel. 0733201559 - info@iltesorogoloso.it - www.iltesorogoloso.it

tu de lu vate “Ciò Ciò””, la mattonella della nonna al cioccolato, la zuppa del Duca/tiramisù, il tortino al cioccolato, ….ecc. Alla sera, il ristorante si arricchisce anche di un servizio di pizzeria che offre una vasta scelta tra almeno 20 tipi di pizze rigorosamente cotte nel forno a legna per rendere il prodotto ancora più speciale. Inoltre “cacciannanze, ovvero pizze del fornaio, tipicità della tradizione del Piceno. Infine, un’importante carta di vini, tutti accuratamente selezionati fra le migliori cantine marchigiane, riesce a soddisfare i più esigenti palati di buongustai che scelgono Il Tesoro Goloso quale tempio più rappresentativo della vera cucina marchigiana a Km.0 .

The restaurant “Il Tesoro Goloso” offers typical dishes of the local tradition with a modern twist and raw materials of absolute freshness. The restaurant is located in the quiet Via Giovanni Falcone, Casette Verdini Pollenza (Macerata). It offers a locally sourced menu with a wide choice of starters, pasta, salads and meat of the highest quality. The type of cooking and also the dressings used (the oil is only extra virgin olive oil cold pressed) guarantee authenticity. Finally, an important selection of wines, all carefully selected from the best local wineries, is able to satisfy the most demanding palates of gourmets who choose this restaurant as the more representative temple of the true cuisine of Marche.

IL MAGAZINE 113


MenĂš Antipasti

Primi Piatti

Antipastone del Pincio Involtini di bresaola con crema al formaggio Carpaccio di chianina, tartufo e grana Pane pugliese con pachino e lardo di Colonnata Tagliere di pecorino sardo con marmellate

Spaghetti al cartccio Penne al limone Ravioloni con mozzarella di bufala, pachino e basilico Tortellini del Pincio Tagliatelle o chitarrine alla crema di peperoni Gnocchi alla sorrentina

Secondi Piatti

Contorni

Tagliate alla brasiliana Filetto alla Giulio Cesare (grigliata) Filetto al pepe verde (in padella) Scaloppine ai porcini

Fritture (patatine, olive, crema, verdure) Gratinati Insalate

Pizze Rosse

Pizze Bianche

Spianata x 2 (pomodoro, mozzarella, mista farcita) 4 sapori (pom, mozz, crudo, speck, bresaola, pancetta aff.) Zozza (pom, mozz, cotto, funghi, carciofi, olive, wrustel, salame Pincio (pom, mozz, pomodorini, scamorza, bufala, olio, pepe)

Cacio e pepe (mozz, pancetta, pecorino) Stracchina (mozz, stracchino, crudo, rucola, funghi) Trevigiana (mozz, radicchio, noci, gorgonzola)

Calzoni

Dolci

Mozzarella, prosciutto cotto e funghi

Croccantino alle mandorle Soufflè al cioccolato con crema Crepes al mascarpone e nutella


Il Pincio Pierluigi Zorzi

Tagliata radicchio e ananas

pasta - dolci

Via Matteotti, 10 - 62028 Sarnano (MC) - Tel. 0733657246

lun


Via Purità 23 - Monte San Giusto (MC)

PROSSIMA APERTURA PREVISTA PER META’ NOVEMBRE

Solo Alta Qualità Certificata


Macelleria Ciccioli: la tradizione che si rinnova di Antonella Ciccarelli

L

a storia della macelleria Ciccioli ha inizio negli anni quaranta con nonno Agostino, norcino di Monte San Pietrangeli. Un uomo leale e ben voluto da tutte le famiglie contadine ma anche dai macellai e alimentaristi i quali erano sempre in attesa del suo arrivo anche quando la neve ed il freddo invernale rendevano gli spostamenti molto difficoltosi. Agostino però non si perdeva d’animo e con stivaloni e zainetto sulle spalle faceva chilometri e chilometri pur di garantire un’ottima salata (la cosiddetta pista) a tutti i suoi clienti. Una passione innata che nel 1960/61 si tramanda di padre in figlio; infatti Aleandro, appena dodicenne, affascinato da questo mondo iniziò a seguire il babbo Agostino, cercando di rubare con gli occhi i segreti del mestiere, per poi mantenerli gelosamente costoditi, in paziente attesa di rimetterli poi in uso nel momento opportuno. Crescendo Aleandro diventa sempre più attratto da questo mestiere, nutrendo il desiderio di poter

aprire prima o poi una macelleria tutta sua per poter esprimere tutta la professionalità oramai pronta per affrontare un’esperienza di questo tipo. Finalmente il primo ottobre del 1980 Aleandro, all’età di 30 anni, riesce a coronare questo suo grande desiderio insieme alla sua amatissima consorte Gabriella elemento determinante e traino portante della Macelleria Ciccioli di Monte San Giusto. Quest’ultima si distingue subito, oltre che per la qualità delle carni selezionate, anche per la vasta scelta di salumi e norcinerie di produzione propria con preparazioni completamente artigianali capaci di esprimere profumi e sapori genuini. La storia si ripete anche questa volta infatti la passione “genetica” coinvolge anche il nipote Francesco che quattordicenne viene iniziato al mestiere di famiglia lasciando in lui un segno indelebile che poi lo porterà 20 anni dopo a ripercorrere i passi di suo nonno e suo papà. Nel 2003 viene a mancare la signora Gabriella grande donna di famiglia e perno

dell’azienda del marito il quale sia per il grosso dolore e per la mancanza della sua spalla fidata sul lavoro preferisce non continuare nell’attività cominciata con lei molti anni prima. Oggi Francesco a 38 anni accetta una grande sfida ovvero quella di dare seguito alla terza generazione della salumeria/macelleria Ciccioli con ritrovato entusiasmo e grinta data anche dall’apporto importantissimo dell’esperienza del padre che nell’aspetto esteriore sembra ancora un giovanotto  e nell’animo c’è una rinnovata energia nel rivedere proseguire l’attività di famiglia nata più di 70 anni fà. Francesco in questi dieci anni ha rincorso sempre le “gioie del palato”, facendo esperienze enogastronomiche di rilievo internazionale diventando conoscitore ed esperto delle qualità esistenti sul mercato che sta selezionando e scegliendo per la sua futura clientela. Aspettiamoci dunque un servizio ed una accoglienza familiare ma sopratttutto una qualità certificata alla fonte.

The story of the butchery Ciccioli began in the forties with Agostino, butcher of Monte San Pietrangeli. A passion that in 1960/61 has been handed down from father to son. On October 1st 1980, his son Alean-

dro has realized his greatest desire with his beloved wife Gabriella opening the Butchery Ciccioli of Monte San Giusto. History is repeating itself once again, in fact now the passion involves his nephew Francesco.

Francesco has always had enogastronomic experiences of international importance becoming knower and experienced and he’s now going to take on the family business with welcoming nature and professionalism.

IL MAGAZINE 117


... Sapere per saper bere... di

Q

uesto locale apre i battenti intorno al ‘70 con papà Franco e mamma Edelvise che imbottivano panini e baguette con salumi e formaggi prodotti artigianalmente da contadini e pastori del luogo. Alessandro, che fin da giovane aiutava in bottega, all’età di 17 anni conosce due signori che lo introducono, in punta di piedi, in mondo fantastico e sterminato: il vino. Quell’incontro ha segnato il suo destino. È proprio lui a raccontarlo: “quando i treni della nostra vita si fermano bisogna essere pronti a salirci su”. Sono passati più di 20 anni ed il ragazzo va forte. Ha conosciuto tanti maestri che l’hanno maturato al pari del legno che custodisce i suoi preziosi vini. È sommelier dal 2001 e grazie alla sua enoteca richiama i poeti del palato da ogni dove. Nel suo locale si può anche mangiare; è aperto, infatti, tutti i giorni, tranne il lunedì, a pranzo. Poi, nel tardo pomeriggio, l’aperitivo-cena: un susseguirsi di gustosi stuzzichini accompagnati da vini deliziosi. È il clou nel fine settimana: sabato e domenica porchetta per tutti. Mamma Edelvise si occupa delle carni, per il pesce ci pensa Paolo, chef che ha lavorato per anni in rinomati ristoranti di mare. Circa ogni due settimane Alessandro organizza un evento, una cena – spettacolo allietata, dall’ottimo mangiare e bere. In questo periodo fervono anche i preparativi dei succulenti cesti di natale, contenitori nei quali si trova ogni ben di Dio, per rallegrare le festività di fine anno. Vino, cibo e accoglienza; indubbiamente Bar Breakfast è un posto di quelli che una volta conosciuti si ricordano. Alessandro Nepi - titolare Breackfast

Alessandro nella sua enoteca

Bar Breakfast is in the field since the 70s. It is open every day for lunch, except Mondays. In the afternoon there is a cocktail-dinner with tasty snacks accompanied by delicious wines. Every two weeks, Alexander organizing an event, which is a dinner - show, cheered by entertainment personalities, as well as by excellent food and drinks. In this period the staff is also preparing succulent Christmas packs to brighten your holidays. Breakfast Bar means wine, food and hospitality.


lo chef Paolo, la caposala Daniela, il sommelier Alessandro

e n r a c i d Specialità

ragù ovo con u ’ l l a e manich ne e castagne Mezze iagio di cacc limone campi, s i l g a filoni Campo e mentuccia , araona a con f c n a i b i atic etta Lasagn asparagi selv e e fav tta porche iale in le a m i d cia ettto Tronch crosta di guan n o c ato al o e sfum n e i p i r e Piccion Cognac con pinaci s e a l o di ricci rrosto Tortino di pomodori a crema

e

c s e p i d à t i Special Fanta

rudità sia di c

Sala pranzo

pi

di scam

attuto o con b ia r b m o g a di s e aranc Insalat cipolla , o n a d di se ostrana colla n n a z z ano a M melogr e c a n al Cog chiette pannoc n o c a t ra Calama e vongole scottata zzolina riduzione a m i d anti e Filetto e crocc co n i h c c u mi con z di balsa lato l ciocco a o n i t r To rossi e frutti

BAR - ENOTECA Via Prosperi 2 - Campiglione di Fermo (AP) Tel. 0734.628155


Viale Biagioli, 47 - 62027 S.Severino M. (MC) - Tel: 0733.634608 - info@ristorantecavallini.com ristorantecavallini.com Chiuso il martedĂŹ sera e il mercoledĂŹ


magazine_32