Page 1

Anno 1 n° 29

www.barcellonabasket.net

Rubrica a cura di Dan reed e Show

N

Giocatore

N

Pos

Sabato 30 Aprile 29a giornata Palalberti ore 20:45

7

Joe Crispin

1-2

11

Michael Hicks

12

Giocatore

Pos

4

Troy Bell

1-2

3-4

5

Dawan Robinson

1-2

Ryan Bucci

2

7

Francesco Veccia

2-3

15

Manuele Mocavero

5

8

Rodolfo Valenti Jr

4-5

17

Daniele Bonessio

3-4

10

Matteo Frassineti

2

19

Andrea Ghiacci

3-4

11

Giovanni Pini

5

20

Matteo Da Ros

4-5

12

Alessandro Frosini

5

13

Donatas Slanina

18

Riccardo Cervi

5

19

Roberto Chiacig

5

22

Kieron Achara

4-5

33

Michele Cardinali

2-3

51

Gennaro Sorrentino

1-2

Coach: Cesare Pancotto

Vs Reggio Emilia

Classifica

Casale Monf. Venezia Barcellona Udine Scafati Veroli Rimini Jesi

19 22

12 Ghiacci

Achara

11

Bucci

Hicks

Impaginazione e grafica: Il marziano

40 40 37 34 34 34 34 28

Pistoia Imola Ferrara Verona

26 26 22 20 Casalpusterlengo 20 ForlĂŹ 20 Reggio Emilia 20 San severo 12

Starting 5 7 Crispin

Bell

Coach: Fabrizio Frates

13

4

2-3

Slanina

19 8 Chiacig

5 Valenti Robinson

Foto a cura di BarcellonaBasket.net


Barça non mollare! Occ Si avvicina l’ultima sfida casalinga di regular season, e siamo tutti pronti per una gara col…botto. Dopo aver omaggiato i bianco-rossi di un’importante vittoria in quel di Peggio nell’Emilia, li ritroveremo adesso (ma sono la stessa squadra???) per una gara all’ultimo respiro. Se potremo ancora farlo vista la reazione post-Pasquale del Caprone del Conte e di Bokassa al nostro “Non mollare mai”… Dawan Robinson Forte dell’esperienza in una delle serie TV più apprezzate d’America, continua ad irridere gli avversari col suo palleggio e le sue battute. In un periodo di “ambiguità” è stato omaggiato di una splendida canzone da Simon & Garfunkel. Predica spesso nel deserto, e anche stavolta dovrà tentare di vincere la partita da solo. Il suo socio, Venerdì, sarà infatti in ritardo di un giorno… Naufrago

Un po’ incostante, non riesce mai ad instaurare un “rapporto duraturo” con la tifoseria.In dubbio per la gara di Sabato sera…è stato convocato per un importante match a Villa Grazioli! Per non perderlo il ds Lele Mora manderà al suo posto il comunitario di scorta, Trojs Ostlers. Il cognome prima del nome Dona-tas Slanina Spesso accusato dai compagni di “regalare” le partite agli avversari, si è rivolto anche lui al tas (tribunale anti scommesse), ma l’ha trovato occupato: Udine aveva fatto ricorso a Venezia per acqua alta irregolare! Comunitario di lusso, è uno dei pochi in Italia a regalare il dovuto obolo allo Stato, mosca bianca! In forte ripresa, piomberà a Barcellona come una valanga di neve pronta a seppellire gli avversari…ma non l’hanno avvisato che c’è scirocco??? Ho visto sla-Nina volare

Rodolfo Valenti Troy Bell La tatuata ala biancorossa è passata dai film d’amore Sempre molto apprezzato, in qualsiasi città vada a in bianco e nero ad un thriller ancora non risolto. portare i suoi servigi. Chissà perché viene invocato da Era stato scelto in Emilia perché facesse innamorare i tutti al palas e ricoperto di banconote dalla società… tifosi, se dovesse andar male tornerà a condurre 90’ mi-

C

on la partita contro Reggio Emilia Barcellona conclude le proprie fatiche casalinghe della stagione regolare forte di un rendimento interno che è andato oltre le più rosee aspettative. Il percorso al PalAlberti è stato quasi netto ed il “quasi” è dovuto all’unica sconfitta rimediata contro Casale Monferrato in quella che fu, comunque, una partita con tante attenuanti per la truppa di coach Pancotto. Per il resto i giallorossi tra le mura amiche hanno sempre dato grandi dimostrazioni di forza, soprattutto contro le squadra più quotate, trovandosi in difficoltà solamente nella partita contro Forlì, l’unica squadra oltre Casale Monferrato che ha avuto la concreta possibilità di sbancare il PalAlberti. Con una vittoria contro gli emiliani, Bucci e compagni raggiungerebbero due obiettivi che solo qualche settimana addietro sembravano pure illusioni: la matematica certezza della terza posizione con un turno di anticipo e la possibilità di giocarsi qualcosa di più nella partita di Venezia qualora Casale Monferrato e/o la stessa Venezia tornassero sconfitte da due partite difficili come quelle che dovranno disputare rispettivamente a Forlì ed a Verona contro squadre che hanno il disperato bisogno di punti per evitare la retrocessione. Barcellona incontrerà una squadra pericolosissima sia per l’indubbio valore di un roster che - almeno sulla carta - poco ha a che fare con le ultime posizioni della classifica, sia perché Reggio Emilia arriverà al PalAlberti con l’acqua alla gola visto che, probabilmente, avrà bisogno di vincere entrambe le partite che le restano per mettersi in salvo. In questo momento, infatti, i reggiani con i loro 20 punti sono

2

www.barcellonabasket.net

in penultima posizione - anche se in compagnia di altre 3 squadre - ma rischiano seriamente la retrocessione in caso di arrivo a 22 punti con altre formazioni perché condizionati da due pesantissimi 0-2 negli scontri diretti con Verona e CasalPusterlengo. Reggio Emilia paga un girone di andata deficitario e, in generale, un rendimento interno deludente per una squadra che ad inizio campionato era accreditata di ben altre ambizioni, in linea con le potenzialità economiche di una società tra le più ricche di LegaDue. La dirigenza reggiana non ha certo badato a spese per raddrizzare la stagione storta operando un numero incredibile di tagli ed acquisti sia nel parco giocatori che nello staff tecnico; e così sono andati via ben 7 atleti (Salvi, Smith, Kudkacek, Beck, Fultz, Defant e Verri), sostituiti con Bell, Robison, Ostlers e Chiacig, si sono succeduti 3 coach (Coen, Finelli e Frates, cui va il nostro augurio di una pronta guarigione), sono cambiati sia il direttore sportivo che il preparatore atletico. Questa rivoluzione sembrava avere portato negli ultimi tempi qualche risultato positivo con 3 vittorie casalinghe consecutive ed il successo sul campo della capolista Venezia; domenica scorsa, invece, Reggio Emilia ha fatto un clamoroso harakiri in casa contro Rimini in quella che doveva essere la partita che le avrebbe garantito una buona fetta di salvezza. In ogni caso, una squadra che riesce a battere Casale Monferrato e Venezia, con giocatori del calibro di Bell, Robison, Chiacig e Frosini, non può certo essere presa sottogamba. I numeri della formazione di coach Frates sono puramente indicativi e poco attendibili visti i tanti cambiamenti in termini di

Scanner: l’


chio a sco....Reggio Emilia nuto. Pizzicaturi

Roberto Chiacig Abbiam già detto tutto di lui in occasione della sfida con Scafati. Ce lo ritroviamo contro con un’altra canotta. “Ghiaccio” infatti, grazie alla sua grande esperienza, ha capito che a Barcellona è difficile raffreddare gli entusiasmi…Nell’infuocato catino giallorosso sarà una sfida da “brividi” con Andrea… Redivivo Matteo Frassineti Cercherà di punirci con le sue legnate dall’arco, quando tira da 3 é Vangelo (secondo Matteo). Prelevato dalla sua Forlì per le presunte doti del suo prezioso legno, al momento è ancora alla Caccia al vampiro

Alessandro Frosini Evoca brutti ricordi Alessandro ‘Magno’… Tutti pensiamo ancora alla trasferta in Ciociaria, nella città che gli ha dato il nome quando, al di fuori della grande abbuffata, appunto, abbiamo preso solo “scocce di collo”! Speriamo non sia Vero…li Riccardo Cervi 2 metri e 14 di gioventù ed esplosività per il giovane pivot, anche se qualcuno insinua che senza questo cognome avrebbe potuto fare al massimo il playmaker. Massima attenzione sotto canestro, perché, come canta il suo omonimo (s)Cocciante, è pronto a rinascere! Occhio alla Primavera

Coach Fabrizio Frates Smesso il saio si è comunque dedicato ad opere di bene, se non al tentativo di compiere veri e propri miGiovanni Pini Sceglia la linea (sempre)verde Reggio, e si affide- racoli. Prima cercando di nobilitare le telecronache di rà a questo giovane talento per mettere il risultato in SI, poi tentando di salvare l’armata Reggioleone. In convalescenza per un intervento, manderà in cassa(forte). Un po’ “legnoso” nei movimenti, assieme all’amico Matteo ha aperto una falegnameria a Reggio. panca il secondo, Cucinus. “Orate Frates” …ma che siano fresche Geppetto

Sidùn uomini e conduzione tecnica che si sono susseguiti nel corso dei mesi; ciò, però, che salta maggiormente all’occhio guardando i numeri è la difficoltà in fase realizzativa di una squadra che presenta tanti elementi di grande talento (Reggio Emilia è il terz’ultimo attacco della serie e si trova nelle ultime posizioni di tutte le classifiche riconducibili alla fase offensiva). I due americani ingaggiati dopo il taglio di Beck e Smith sono potenzialmente una delle migliori coppie di guardie dell’intera Legadue: Dawan Robinson (20.2 punti, 4 rimbalzi, 3 recuperi e due assist in 35 minuti) ha avuto un impatto decisamente positivo risultando determinante nella serie di vittorie emiliane degli ultimi periodi. Con i suoi uno contro uno può mettere in grande difficoltà una difesa come quella giallorossa che in passato ha dato prova di soffrire penetratori veloci e fisici come l’ex verolano. Troy Bell (9.9 punti, 2.8 rimbalzi, un recupero ed un assist in 31 minuti), invece, ha avuto un approccio più soft, lasciando a Robinson le luci del palcoscenico; si tratta, in ogni caso, di uno di quei classici giocatori che, se in serata, possono cambiare il volto di una partita. L’altro esterno da quintetto è il lituano Danatas Slanina (6.9 punti, 1.6 rimbalzi, 1.4 assist in 24 minuti), guardia/ala dalla grande esperienza che, recuperata una condizione fisica accettabile dopo il lungo infortunio che lo ha condizionato, è tornato su discreti livelli. Completa il reparto esterni Matteo Frassineti (8.2 punti, 2.2 rimbalzi, un recupero ed un assist in 26 minuti), una delle po-

’avversario

che note positive della stagione reggiana; molto discontinuo, ha comunque sfoderato prestazioni buone per un rookie della LegaDue. Il ruolo di ala forte delle starting five è coperto da Rudy Valenti (8.6 punti con un notevole 59% da due punti, 5.3 rimbalzi, 1.6 recuperi in 24 minuti), l’altro giocatore emiliano dal rendimento positivo, sta dando quell’apporto in termini di fisicità e grinta ad una squadra che, proprio su questi aspetti, risulta carente; probabilmente a lui sarà dato l’ingrato compito di difendere su Michael Hicks. Il pivot titolare è Roberto Chiacig (9.2, 8.2 rimbalzi e 2 recuperi in 26 minuti), tornato a Reggio Emilia dopo l’esperienza di Scafati, non ha certo inciso per come i dirigenti emiliani si aspettavano; si tratta, comunque, pur sempre di uno dei migliori pivot italiani e lo ha dimostrato proprio contro Barcellona nella partita disputata con la maglia di Scafati. Dalla panchina esce Alessandro Frosini (6 punti, 4.5 rimbalzi in 20 minuti), altro giocatore che ha fatto la storia del basket italiano degli ultimi 15 anni; il suo minutaggio e, in generale, le sue cifre sono nettamente calate dopo l’arrivo di Chiacig ed in concomitanza con un infortunio da cui non si è ancora completamente ripreso. Gli altri due lunghi in roster sono due grandi promesse, prodotti del floridissimo vivaio reggiano, come Riccardo Cervi (2.4 punti, 3.4 rimbalzi in 11 minuti) ai box da diversi mesi per problemi fisici e Giovanni Pini (2.4 punti, 2.2 rimbalzi in 7 minuti), giovanissima ala/centro (classe ‘92) che è risultato determinante in almeno due delle ultime vittorie di Reggio Emilia.

www.barcellonabasket.net

3


Zoom: Le statistiche Per la penultima giornata della Regular Season, Barcellona e Reggio Emilia lottano per due obiettivi contrapposti. I primi cercano una collocazione ottimale in vista degli imminenti Play Off, mentre i secondi auspicano una salvezza in una stagione che definire disgraziata è poco. Ma come hanno costruito le due formazioni questa loro posizione in classifica? Il grafico sottostante mostra l’andamento delle due compagini nel corso dell’intero campionato.

Barcellona ha avuto un cammino decisamente più regolare di Reggio Emilia, alternando comunque vittorie a sconfitte. Infatti, Barcellona ha costruito tra le mura amiche buona parte della sua classifica, avendo ottenuto 25 dei 37 punti al PalAlberti con un bilancio di 13 V. e 1 P. – al pari di Casale Monferrato e Scafati – con uno score casalingo di 1203 PF (su 2359 totali, pari al 51%, secondo attacco casalingo) e 1077 PS (su 2235 totali, pari al 48%, dodicesima difesa casalinga). Di contro, Reggio Emilia fuori casa ha uno score da ultima della classe, con appena 6 punti conquistati in 14 gare disputate, con 1033 PF (su 2059 totali, pari al 50) e 1134 PS (su 2159 totali, pari al 53%). La tabella seguente mette a confronto i due roster sulle diverse specialità.

Barcellona

Reggio Emilia

Crispin 21,0

Punti

Robinson 20,2

Mocavero 70,6%

%T2

Valenti 58,9%

Bucci 42,0%

%T3

Slanina 31,8%

Crispin 90,2%

%TL

Frassineti 81,5%

Crispin 4,8

Assist

Robinson 1,8

Hicks 6,3

Rimbalzi

Chiacig 8,2

Achara 2,5

Palle Recuperate

Robinson 2,9

Hicks 3,7

Palle Perse

Robinson 3,5

Crispin 21,6

Valutazione

Robinson 19,5

Contattaci per avere il tuo logo qui Manda un’email a info@barcellonabasket.net oppure chiamaci al 334 5421361 www.barcellonabasket.net

Baskettando n° 29  

magazine by barcellonabasket.net, barcellona - reggio emilia campionato lega2 italia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you