Page 95

L’UOMO E L’AMBIENTE IN VALCONCA

81

81. Montegrimano in una cartolina di Þne Ottocento

94

lo al lavoro delle macchine; molte colline appaiono denudate e i dossi piallati. Da un lato ritorna lʼarativo semplice, quantunque ai cereali ora si accompagnino coltivazioni più redditizie; dallʼaltro si affermano le colture legnose nella forma specializzata del vigneto, dellʼoliveto e del frutteto. La tradizionale diversiÞcazione produttiva del podere mezzadrile viene compressa e il paesaggio ne perde in varietà, risulta semplificato e in qualche misura mortificato, vedendosi cancellata la ricca stratiÞcazione storica che lʼaveva prodotto. Qualche lembo residuo è ancora visibile qua e là, specie nella collina, in piccoli fazzoletti di terra curati da vecchi contadini, ormai pensionati, sopravvissuti alla “mutazione”. Fra bassa e media valle, altri segni del cambiamento appaiono evidenti; degni di particolare nota sono i “capannoni” dellʼartigianato e della piccola industria sorti in maniera sparsa (talora accanto alle vecchie case), oppure enucleati in apposite piccole “aree”. Rappresentano il tentativo di coesistenza fra il settore primario e il secondario, posto in essere per garantire opportunità di

lavoro aggiuntive a quelle – chiaramente insufficienti e inadeguate – offerte dallʼagricoltura; è il tentativo di dare risposta allo spopolamento e al declino che gravano sui piccoli comuni. Percorrendo la valle, lʼocchio rimane abbastanza turbato da queste presenze che mal si accordano con lʼarmonia dei luoghi; si potrà dire, a discolpa, che non è sempre facile conciliare la poesia dellʼambiente con la prosa dei bisogni materiali81. Tuttavia lʼaspetto che rompe in modo più drastico la continuità col passato, proviene dalla nuova edilizia “rurale”, diffusa un poʼ ovunque. Le case che sorgono al limitare delle strade o al centro dei poderi, segnano la morte della cultura contadina e il trionfo della mentalità urbana: fabbricati che scimmiottano le forme degli edifici presenti in molti viali cittadini, anche a costo di rinunciare alla funzionalità e praticità che le case tradizionali avevano acquisito attraverso lʼafÞnarsi di una esperienza plurisecolare. Persino la tinteggiatura, fatta di colori inopportuni, si scontra coi toni e le cromie della campagna. Forse è stato lʼin-

L'uomo e l'ambiente in Valconca  

Banca Valconca

L'uomo e l'ambiente in Valconca  

Banca Valconca

Advertisement