Page 87

L’UOMO E L’AMBIENTE IN VALCONCA 75. La vecchia sede del PastiÞcio Ghigi a Morciano 76. FotograÞa aerea della costa nel 1943

75

del secolo presso la spiaggia nascono vari villini aristocratici, in concomitanza con lo stabilimento balneare (1883). Allʼinizio del Novecento parte una seconda ondata di villini, ad opera dei ceti borghesi e – dopo la parentesi bellica – una terza, di tipo economico. Gli anni Trenta si caratterizzano per due momenti signiÞcativi: da un lato lo sviluppo delle colonie, dallʼaltro il decollo della struttura alberghiera, formatasi grazie

76

86

a nuove fabbriche ed alla trasformazione delle vecchie ville. Nel 1933 Cattolica possiede già 29 esercizi; nel 1942 sono 54 (10 alberghi, 26 pensioni e 18 locande). Sullʼaltra sponda del porto canale, lo sviluppo turistico di Gabicce rißette, in misura ridotta, gli eventi della vicina sorella maggiore. La base materiale di partenza è formata dalle case dei pescatori, scesi dal colle al piano per integrare le risorse della terra con quelle del mare; la trasformazione in apparato alberghiero avviene con gradualità: nel 1933 si contano appena 3 pensioni, che salgono ad 8 nel 1940. A Misano il forte peso dellʼeconomia agricola e la proprietà latifondistica della fascia costiera ritardano lʼavvento del turismo più che altrove; in parallelo, anche le dinamiche demografiche sono cronologicamente sfalsate rispetto agli altri comuni rivieraschi. Lʼarea situata a mare della falesia – non a caso denominata “Fienile” – mantiene a lungo la sua connotazione rurale e solo nel 1924-1926 vede i primi ediÞci ad uso turistico; quindi una pausa, seguita da isolate iniziative. La prima pensione è del 1933; nel 1938 sono diventate 2; poi la guerra.

L'uomo e l'ambiente in Valconca  

Banca Valconca

L'uomo e l'ambiente in Valconca  

Banca Valconca

Advertisement