Page 1

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

Condivisione!

Invernale Marina di Capitana

Risultati 2ª giornata

Le tattiche aerodinamiche adottate da Gianluca Costa non servono

Classe F

VALENTINA III PERDE DI VISTA GIRO DI BOA Classifica Regate

AV NEWS

La Vela è divertimento! Non sempre, per motivi di lavoro o familiari, è possibile imbarcare tutti (magari!) AV News periodico di informazione, nato quasi per gioco sulle attività di AvventuraVela, ha come obiettivo principe quello di tentare di rendere partecipi, sia pur indirettamente, quegli appassionati della vela che, loro malgrado, per svariati motivi, non si sono potuti imbarcare. Sfruttando l’evento delle regate di Marina di Capitana abbiamo mosso i primi passi, dando un aspetto embrionale a ciò che da tempo ci balenava in testa. Conoscendo benissimo i siti che ampiamente parlano della vela in Sardegna, abbiamo pensato di dare un aspetto più cordiale e condivisibile anche da un pubblico neofita. Così per gioco e ironizzando, nutriamo la speranza di accattivare molte simpatie e, lusingati dagli elogi e dal cordiale benvenuto di Sailing Sardinia (www.sailingsardinia. it), sito di riferimento sulla vela in Sardegna, confidiamo in una sana collaborazione collettiva utile alla Vela in Sardegna e, in segno di gratitudine, promettiamo di trattare con i guanti bianchi la “Perla” Marianna Orrù. Scherzi a parte! si può fare tanto per la Vela e la Vela può dare tanto alla Sardegna. Noi, con tutta l’umiltà del caso, ci affianchiamo a chi già ne parla. La Vela è divertimento! PS: casomai servissero inviati per la Spagna e Porto Cervo... JL & Pierluca

Open Vele Bianche Pos. Barca Prua 1ª Koala 609 2ª Miokana 616 3ª Valentina III 603 4ª Patuk 617 5ª Giro di Boa 618 6ª Fin Lizzy 620 Continua a pagina 8.

AVSTAFF

L’ Web parla

Sfottò ModeOn

Equipaggio Valentina III

Gli equipaggi in mare, in quella che è una 2^ giornata Invernale dal sapore Estivo, sono confusi. «Non è possibile!», esclama qualcuno pensando di vederci doppio, osservando la compagine di “Giro di Boa” presentarsi, come “Valentina III”, con un Paperella a Prua. «Plagio!» esclama qualcuno tra le risate. Intanto, tra le imbarcazioni, passano tartarughe ninja attaccate al boma e vecchi lupi di mare che al megafono intimano «Consegnateci la Paperella!». In tanti arrivano fuori tempo massimo (DNF), trascinati solo dalla corrente, al cancello della

prima prova. Una seconda manche completamente diversa. Un unico campo di gara ad alto rischio collisioni . L’adrenalina sale grazie all’ingresso del Grecale e ai piccoli Melges che sfrecciano incrociando la bolina delle grandi Vele Bianche e Gran Crociera. La Sfida nella Sfida? Il sondaggio di AVNEWS risulta veritiero. Rivincita Persa. Neanche il nodo in più, guadagnato togliendo la Paperella Tarocca da prua, ha consentito a “Giro di Boa” di battere “Valentina III” che mantiene il 3° posto in classifica generale. Pierluca Fadda

Discorsi facebookkiani

Ettore Siccardo Ciao Gianlu, ho visto le classifiche, volevo farti i complimenti Gianluca Costa Ah si? davvero? siamo andati bene? Ettore Siccardo Si si, pensa che ci avete dato ben 39 secondi! Gianluca Costa Benissimo :D Ettore Siccardo Peccato che sia il distacco nei tempi reali ahahah AVSTAFF

L’ANGOLO DELLE CURIOSITA’ VELICHE DIZIONARIO AV Bugna: anello posto all’estremità della vela attraverso il quale, tramite una cima denominata “scotta”, è possibile cazzarla. MODI DI DIRE Sciogliere le vele: Svolgere le vele per issarle e prendere il vento per navigare. FRASI CELEBRI «Chi vuol navigare finché non sia passato ogni pericolo non deve mai prendere il mare». (Thomas Fuller)

di Chiara Pavan

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 2

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

«Prediligiamo l’altura ma Una vita spartana per tornare alle origini non ci facciamo mancare delle divertenti uscite in SIAMO UN POPOLO DI NAVIGANTI O NO! Avventuravela! Un gioco che diventa filosofia di vita. deriva» Naviganti, poeti e scrittori, ascoltatori… Sempre condividerò il mio viaggio con codesti personaggi: ricchi di emozioni e pensieri volti all’armonia del vivere; dove i loro “vorrei” diventeranno “potrei” Ovviamente siamo appassionati di vela, prediligiamo la navigazione d’altura ma non ci facciamo mancare delle divertenti uscite in deriva. Ciò che desideriamo è il rispetto per il mare, del suo ecosistema, delle regole non scritte che la natura ci suggerisce e che tante volte non ascoltiamo. La sicurezza in mare e il rispetto delle procedure marinaresche sono per noi un chiodo fisso; mettici la voglia di godere, di spostarsi di luogo in luogo, mai con tanta fretta… e poi approdi in un porto che proprio turistico non è, anzi è di pescatori senza lussi e con poche comodità e allora giù! Terra, cultura e gente mai incontrata prima. Ti trovi a chiacchierare in banchina in una lingua che potremo definire esperanto. In banchina ci facciamo la doccia,

foto Archivio

Ritorno in Tunisia

laviamo nel bugliolo i pochi panni che ci portiamo dietro, perché non sempre ci sono i servizi pubblici anzi a volte mancano proprio. E’ una vita spartana ma

Gianluca Costa.

foto di Michele Marchi

piena di emozioni e godimento, certi che né oro, né incenso, o mirra possano in qualche modo garantirti ciò che il mare ti offre, senza chiederti niente in cambio tranne che rispetto! Quando rientriamo poi nella così detta “civiltà” ci sentiamo un pochino spaesati e facciamo fatica a riprendere il ritmo, giusto il tempo per sentire nuovamente il richiamo del mare e aver il desiderio di riprendere nuove avventure. Siamo Sardi! discendenti dagli Shardana grande popolo di navigatori, le cui gesta a pochi sono conosciute e in virtù di questo alta la nostra bandiera, rispet-

AVVENTURAVELA E’ DIVERTIMENTO!

Leggi AVNEWS

«Siamo Sardi! Discendenti dagli Shardana, grande popolo di navigatori» tosa del nostro passato, libra al vento grazie a nostri conterranei quali per esempio Andrea Mura, che con la sua “Vento di Sardegna” ha dato un volto, anzi quattro, a questa meravigliosa disciplina in Sardegna. E’ doveroso da parte nostra, e da chiunque ami questo bellissimo sport, promuovere nei modi più disparati possibili la vela, volta, sempre e comunque, a far appassionare e innamorare chi si approccia al mondo della vela. Nei prossimi numeri avremo modo di parlare delle grandi prospettive di lavoro, che grazie alla vela, si possono sviluppare e che solitamente vengono ignorate e snobbate: infatti, a parer mio, gli incentivi economici, destinati agli sport, hanno sbocco in maniera sproporzionata verso altre discipline. Noi abbiamo il compito e il dovere di spiegare al vento quante più vele possibili, affinché la cultura della vela possa assumere in Sardegna un ruolo di primaria importanza. JL

Edizione AVNEWS N°2

RINGRAZIAMENTI

SEGUICI E CONDIVIDI Sostienici

Hanno collaborato alla realizzazione di questa edizione di AVNEWS: -La Prof. Silvia Macciò

Segui le edizioni online di AVNEWS collegandoti al sito www.avventuravela.it. Siamo presenti anche su Facebook alla pagina www.facebook. com/AvventuraVelaNews. Vieni a trovarci e sostienici cliccando in alto sul pulsante “MI PIACE”. AVSTAFF

-Marianna Orrù -Madel Meloni -Equipaggio TerraThree -Chicco Nieddu -Gianluca Costa -Pierluca Fadda Foto: -ph©robertomarci.com -Michele Marchi

Rapala vivente!

Vignetta di Chiara Pavan

AVSTAFF

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 3

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

Melges 24

Radio Melges 24 Le piccole veloci

Fare il resoconto di una giornata di regate, chiusi dentro una scatola di cemento armato, non è cosa semplice, ma confido su sms di fortuna arrivati durante il pomeriggio. Di una cosa sono certa, ho avuto una notizia in anteprima dalla presidentessa dei Giudici, la simpaticissima Margherita Frau, che sorride nel trovarmi per caso, e mi dice “… certo che oggi sei decisamente più asciutta, rispetto a quando ti abbiamo recuperato dalla scuffia della vela latina!”. Mi anticipa la possibilità di regatare su un unico campo, con partenze separate. Immagino quinArriviamo alla seconda giornata dell’Invernale di Capitana con grandi programmi… il menù è studiato a puntino dal giorno prima: pasta ai ricci! Questo sarà il primo pensiero di tutto l’equipaggio durante la regata: arrivare primi per preparare la pasta!!! E dalla seconda uscita imparo che non è un caso che quasi tutto l’equipaggio arrivi sempre in ritardo… Alessio è l’eccezione che conferma la regola. Tutti a bordo e si mollano gli ormeggi, con un equipaggio un po’ più al femminile e con la certezza che, per questa volta, tutti i parabordi non finiscano dentro il bagno, visto che ci sono più signorine a bordo. Arriviamo sul campo di regata e siamo subito pronti ad aprire il vassoio di paste mignon per la prima manche… affiliamo le lame, pensando a quale sarà la

di la soddisfazione di Gian Luca Manca (Arbatax) che auspicava una situazione di questo tipo, al fine di simulare una manifestazione come la Volvo Cup, la cui grande presenza di imbarcazioni rende insidioso il campo. Dall’interno intravvedo una splendida giornata con pochissimo vento. Non nascondo il senso di frustrazione per dover lavorare in una giornata come questa, ne approfitto per studiare su “Lezioni di catamarano” di Silvia Guerra, ottimo manuale per chi si avvicina alla classe Hobie Cat… non sarebbe male vederli all’Invernale (potrei proporlo alla Commodora). Alle 16,24 ho le prime notizie sulle condizioni meteo da un catter (uno a caso… Murroni, in lista per diventare mio timoniere davanti alla coppia Tocco-Ramazzotti): “.. è salito questo levantino a 15 nodi che sarebbe da urlo in Hobie…”, inizio ad avere la certezza di essermi persa una grande giornata in mare. Alle 17,25 ho le prime notizie dal campo di regata, l’uomo bionico (Alias Stefano Santoni) dell’equipaggio Bajana scrive: “Abbiamo

preso la boa alla seconda. End..” il messaggio non lascia molto spazio alle interpretazioni, infatti rispondo “…e ti pareva, siamo alle solite…”. Alle 18,15, mentre un fiume di gente scorre davanti ai miei occhi, vedo una scritta su di un giubbotto molto familiare “Scuola Italia in Vela”. Penso subito di informarmi sui risultati, freschi freschi di giornata, anche se il

ph©robertomarci.com

tizio non mi pare di averlo mai incrociato, comunque ci provo: “Scusa, hai risultati di oggi? Su che barca eri?”, il tizio mi guarda interrogativo e risponde: “quali risultati? Quale barca? … soffro il mal di mare, non ho mai messo

Vele Bianche categoria E

TerraThree Seconda Giornata “CIAK” L’Invernale da Terra... Three

ph©robertomarci.com

nostra strategia, mentre il capitano tira fuori la sua arma a sorpresa: megafono con sirena per distrarre l’avversario! Dalla giuria iniziano ad arrivare una serie di suoni, conti alla rovescia e ammainamento di bandiere indiane… mah… per dare

il via alla regata… tutte cose per me incomprensibili! Ma io in ogni caso ripongo piena fiducia nel resto dell’equipaggio e mi preparo a cazzare il fiocco per la partenza… e via, si parte. I nostri calcoli erano esatti, o quasi, e sventato il pericolo di

piedi su qualcosa di galleggiante, ma se ti riferisci al giubbino… si l’ho preso su E-Bay”. Chiudo una conversazione che ha del surreale. Solo a notte fonda scopro cosa è accaduto a Capitana, mi preoccupo delle vistose anomalie della classifica, iniziano a crollare divi come l’Avv. Gemini (9-1), non sarà stato mica in OCS? Rimangono comunque in prima posizione. Stabile al secondo posto Arbatax (su cui non mi dilungo, perché si potrebbe pensare ad un debole), risale pian piano Cubo (2-2), al timone di Siv-CFadda. Ottima la prestazione dell’On. Fois, che vince la prima prova al timone di Mariclò, poco d’accordo con GianMarco Verachi (9-6) al timone di Siv-Masnata Chimici. Peccato invece per noi di Bajana, che prendiamo “stranamente” la boa durante la seconda prova, e scivoliamo in quinta posizione, il tutto forse causato da un cambio di equipaggio forzato e da una normale stanchezza di Ignazio Cocco, vincitore il giorno precedente di un Criterium hobie cat di tutto rispetto. Marianna Orrù

un’ancora sulla schiena partiamo decisi e in buona posizione, speranzosi e pronti a combattere, ignari che da li a poco tempo la brezza si sarebbe trasformata in bonaccia. Iniziamo così a sfoderare tutte le tecniche possibili e immaginabili di navigazione senza vento: strambata di là, strambata di qua, tutti sottovento… farfalla di là, farfalla di qua! Ma c’è poco da fare, siamo finiti in un punto di non ritorno, anzi di non arrivo. Non perdiamo le speranze e dopo un’ora e mezza in balia della calma piatta tagliamo il traguardo, anche se fuori tempo massimo. La nostra sofferenza è finita, tiriamo un sospiro di sollievo che in breve tempo si trasforma in una brezza e come per magia arriva la termica. Continua a pagina 5

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 4

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

Mesi di lavoro “oscuro”

Dietro le quinte Chi organizza l’Invernale?

In tanti, nelle diverse discipline sportive, partecipano a campionati, tornei e trofei non curanti del lavoro che occorre per poter organizzare tali eventi. Nel nostro caso parliamo del VI Campionato Invernale “Marina di Capitana”. L’evento organizzato dallo Yacht Club Quartu S. Elena con il supporto logistico di Scuola Italia in

Vela. Ma cosa c’è sotto mesi di organizzazione? Quali le difficoltà? Quali i riscontri alla fine della fiera? Il gioco vale la candela? Le Oche residenti al porto di Capitana sono delle spie? L’Ammiraglio Franco Ricci dorme la notte? Il Presidente Giorgio Cabras quando organizzerà la prossima grigliata? Se si... a base di Oche? Nei prossimi numeri cercheremo di approfondire il lato organizzativo. Di carpire i segreti... e le indiscrezioni! Pertanto... Giorgio Cabras, Stefano Caboni, Silvia Loddo, Gianluca Murgia, Paolo Multineddu, Franco Ricci... preparatevi!

Per non dimenticare

Ricordi nel tempo ph©robertomarci.com

Ricordi, emozioni di attimi vissuti. Informazioni gelosamente custodite nella nostra memoria. Sensazioni che immagazziniamo sotto forma di immagini che di tanto in tanto ripeschiamo con nostalgia, malinconia, felicità... Spesso capita che con il passare AVSTAFF del tempo alcuni ricordi sbiadi-

Melges 24

La GP vi osserva

DICHIARAZIONI...

CHIACCHIERE E GOSSIP...

Direttamente dal molo

scano. Perdono nitidezza. Occorre rispolverarli. Quante volte ci siamo detti, sfogliando un vecchio album impolverato o frugando tra le immagini del pc, “Ah, se non avessi scattato questa foto! che bel ricordo!”. La macchina organizzativa dell’Invernale “Marina di Capitana” ha pensato anche a questo. Tra onde, schizzi e secchiate d’acqua, in uno slalom continuo tra le imbarcazioni in regata, Roberto Marci cattura attimi, sorrisi, fatiche, mangiate e Paperelle. Cogliamo l’occasione per ringraziare Roberto che ci da la possibilità di utilizzare i suoi scatti per la redazione di AVNEWS. AVSTAFF

Direttamente dal web

“Qualcuno in vele bianche ha toccato la boa di bolina e non ha fatto il 360, un altro ha saltato lo staccheto e altri, quasi tutti hanno usato il mezzo marinaio per “tangonare” il genoa.. Ma nessuno controlla?” (Luca Casu) “ieri se ne sono viste delle belle!!! c’era solo da fare dei bei video...sembrava il circo!” (Antonio Concu)

“Nella prima prova abbiamo fatto una bella regata , un’ ora e 50 a giocarcela con Arborea per il primo e secondo posto, all’arrivo la sorpresa ocs !! Nella seconda prova con un po’ d’aria in più qualche incrocio da brivido e un ingresso in boa conteso con l’onorevole: in porto la scelta, ma tutto verrà chiarito in settimana davanti a due spaghetti (paga Pietrino)” (Gian Marco Verachi - SIV Masnata Chimici) “Mari, un film già visto: l’uomo bionico e i cacciatori di boe” (Stefano Santoni - Bajana)

“Ciao Luca,il tuo ragionamento non fa una grinza ma a volte succede che ti guardi intorno passi di fronte alla barca giuria che non dice niente ed allora ti adegui, ma solo a volte ieri noooo ;-),” (Raymond Fadda) “dovete protestare le barche che commettono infrazioni,bandierina rossa al protestato e segnalazione ai giudici,anche a noi gommonauti” (March Ino) “Si si si proteste !!!i giudici sono li anche x quello!!!ci si diverte anche rispettando le regole!!” (Laura Basciu) “Sono d’accordo con Laura. Le regole andrebbero rispettate.... Dopo averlo visto accadere per anni, da parte di alcuni, io sono però tentato dal dichiarare dati “sbagliati” per avere un compenso più favorevole....... Almeno non sarò costretto sempre ad arrivare 10 minuti prima per vincere anche in tempo compensato :-) In ogni caso il divertimento è sempre garantito anche così !!!” (Enrico napoleone)

“I timonieri non contano un piffero” (Stefano Loddo – tattico Bajana - direttamente da Santiago del Cile)

“Visto che il punto 15.2 PROTESTE E RICHIESTE DI RIPARAZIONE delle ISTRUZIONI DI REGATA dice che mi costa 50,00 euro a protesta ieri avrei speso 200,00 euro minimo. Anche se non si tratta di una prova olimpica si parte dal presupposto che se si iscrive ad un campionato conosca per lo meno il regolamento di regata. Perchè dovremmo spendere dei soldi quando tutti dovremmo rispettare le regole? Chi vuole fare la gita domenicale non partecipi in rispetto di tutti gli altri che credono nella serietà di questo campionato!” (Luca Casu)

Marianna Orrù

AVSTAFF

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 5

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

Bar Mario

Quattro risate in compagnia Direttamente dal web e dal campo di regata

VHF: «Prua 605 sul campo di regata» VHF: «Prua 603 sul campo di regata» VHF: «Prua 618 sul campo di regata» e così tanti altri….. Comitato: «Qui è il comitato di regata. Vi chiediamo di lasciare libero il canale. Stiamo posizionando il campo di regata» VHF: «Ci confermate se siamo nel campo 1?» Comitato: «Il campo 1 è l’unico campo» VHF: «Chiediamo il permesso di apparecchiare» Comitato: «Permesso accordato, buttate la pasta» Stefano Ottaviani Bello bello.. la seconda regata da sballo! Ci siamo proprio divertiti! (durante la prima abbiamo fatto la pasta al ragù) Ettore Siccardo grave atto di pirateria sul copyright della paperel- Il CdR verifica la conformità della “Paperella” di “Giro di Boa”. la... la guardia di finanza indaga... si sospeta di alcuni loschi figuri All’unisono: «Si tratta di un Falso!». che vogliono confondere la giuria... AVSTAFF Continua da pagina 3

impeccabile. che arrivano in senso contrario, ta dritti alla seconda boa, e poi Un nuovo vento soffia, ed è il Iniziamo la nostra bolina mure poggiamo e superiamo gli osta- subito di poppa con andatura a preludio per una nuova gara… a dritta, il vento continua a sof- coli che ci separano dalla nostra farfalla mure a sinistra, verso il Ci prepariamo per una seconda fiare deciso, così come deciso è meta e continuiamo la nostra traguardo. manche a suon di pizzette sfo- l’equipaggio su ogni manovra. Guardiamo la nostra posizione corsa. glia, facendo morire d’invidia i rispetto alle altre barche e annostri avversari che ormai pendiamo a orzare sotto consiglio sano sempre più ad una “papedel nostro tattico, per evitare un rella” all’arancia, mentre una sorpasso all’arrivo di un nuovo barca “Dispettosa” inizia la sua avversario, “Vermentino”. danza di guerra attorno a “Giro I nostri nemici “Paperella”, “Didi boa“. spettosa “ e “Giro di boa”, sono Rinunciando ormai all’idea di dispersi in mezzo al mare… la tattornare in porto, abbiamo affitica del capitano ha funzionato! nato la tecnica e iniziamo a scalLa barca giuria è li davanti a darci per una seconda prova. noi: Terra Three stramba, siamo Salutiamo i nostri nemici e dopo Equipaggio Terra Three mure a dritta… poco distante c’è un paio di giri su noi stessi… sarà Aspettiamo che l’ultima barca La posizione è buona, siamo in- “Fermentino” che sopraggiunge l’effetto della birra, prendiamo sottovento a noi viri e pronti an- terni alla boa e abbiamo un’altra sopravento, ci dividono pochi velocità verso la linea di parten- che noi sulle altre mura, risalia- barca di fianco, sottovento… ma secondi… ma la poggiata finale za in posizione ottimale. mo dritti verso la prima boa. la superiamo mentre loro rallen- ci regala un breve vantaggio su L’equipaggio ormai ha acquistaquest’ultima e tagliamo il traIl vento questa volta non ci lascia tano e iniziano ad issare lo spi. to una piena armonia, mosso da e riduciamo il fiocco per dare un Ci prepariamo a lascare le vele guardo pensando al vermentiun intento comune: lasciare dieassetto migliore alla barca, pro- per il traverso, ma appena gi- no che ci saremmo bevuti di lì a tro il nemico! qualche minuto. Il vento soffia, la barca si inclina cediamo veloci e spostiamo i riamo la boa ci troviamo di fron- L’equipaggio è in delirio, l’umoe l’adrenalina inizia a scorrere pesi sopravvento, mentre Terra te una nuova barca, ferma, che re è alle stelle: è il nostro primo nelle vene, siamo un’unica cosa Three cavalca impavida il mare…. non manovra… forse intenta momento di gloria, finalmente Abbiamo di fronte a noi le “gran anch’essa ad issare lo spi. Il nocon Terra Three! ci sentiamo un equipaggio, volaPronti a partire laschiamo le crociera” mure a dritta, con spin- stro comandante, prontissimo e no abbracci e baci, felici di aver vele, per non arrivare troppo naker issati e lì, poco più a dritta, con sangue freddo, poggia ulte- dato il massimo… la pasta ai ricci presto sulla linea di partenza… e la nostra boa… dobbiamo osare! riormente e sposta rapidamente ci aspetta!!! via con le vele a segno, di nuo- Aspettiamo pronti ad infilar- Terra Three in acque tranquille. Madel Meloni vo in posizione per una partenza ci, e via…. in mezzo alle barche, Iniziamo il traverso che ci porper Terra3 per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 6

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela “VECCHI” DIARI DI BORDO... VIAGGI TRA PENSIERI, EMOZIONI E SENSAZIONI... SCAMPOLI DI VITA VISSUTA IN MARE.

STORIA DI UN TRASFERIMENTO E DI UN DOWN SHIFTING Domenica 8 maggio 2011. Ore 05:15. Appena salpati dal porto di Genova, facciamo rotta 190 gradi verso la Corsica ovest, velocità di crociera 8 nodi. Abbiamo posticipato la partenza di un giorno per cause di forza maggiore: non funzionava il pilota automatico. Cinquanta ore di navigazione al timone non è che te le godi proprio tutte! Stiamo effettuando un trasferimento di due imbarcazioni a vela: “Timiama” 45 piedi e “Capitana” 40 piedi. Io Gianluca, e Chicco, siamo su “capitana” e un po’ per passarci il tempo e un pochino perché ci piace, scriviamo due righe per il diario di bordo. Ci hanno appena abbandonato i delfini… Il sole, la leggera brezza di Grecale e il mare poco mosso rendono questo inizio di “Avventura” molto piacevole. Vorrei scrivere del down shifting, chiedo a Chicco… Beh! Volere potere si dice. Chicco dopo tantissimi anni di lavoro ininterrotto ha deciso di riprendersi un pochino della sua vita e viverla nel modo più consono a un essere umano. Intanto quattro mesi di aspettativa per valutare la cosa.

Siamo qua a tre ore da Genova in barca, con la natura, con i nostri viaggi, il nostro coraggio! I nostri pensieri scorrono… Viva la vida! Lunedì 9 Maggio 2011. Ore 17:30. Dopo 18 ore di navigazione a vela e motore costeggiando la Corsica ovest, finalmente, al traverso delle bocche di Bonifacio… vento fresco! 20/25 nodi da est, e vai! Sino ad Alghero a tutta vela. Ad Alghero come previsto, vento di Grecale deciso, sino a

-Ciao Chicco sono Gianluca come vanno i primi giorni di libertà? -Ciao Gianlu tutto bene grazie tu? - Molto bene… come al solito! Senti, ti voglio dare un pretesto per dare inizio alla tua nuova relazione con il mondo… devo trasferire una barca a vela da Genova e portarla a Cagliari, circa 300 miglia, 3/4 giorni di 30 nodi. GODIAMO!!! Arriviamo sino all’imboccatunavigazione, ci sei? ra del porto a vela. -… e me lo chiedi ?!?

Martedì 10 maggio 2011. Ore 10:49. Siamo in rotta per Cagliari, a circa 4 ore di navigazione. In zona Teulada, abbiamo dovuto allargare di 10 miglia perché c’erano i soldatini che giocavano a fare la guerra! A noi che invece giochiamo a fare la pace, non ci resta che ammirare meravigliose coste quali: Spartivento, Chia, Nora, così, giusto per gradire… Comunque, nottata serena, tre turni di guardia, dormito come un sasso, smotorato, fatto gincaCarburante, caffè, quattro na nei pressi dell’isola di “Mal chiacchiere in banchina con di ventre”. chi non hai mai visto, altre quattro con chi avevi già visto; pronti via! Si salpa verso Carloforte con vento favorevole, ovvero di lasco. Or ora ammiriamo ancora una volta un meraviglioso tramonto, la luce, i colori e le emozioni che si percepiscono ti aiutano a com- Dico: “passiamo interni o prendere che sei dalla giusta esterni all’isola?” parte (quelli che viaggiano) e “Faccio acqua io”, esortava Facomprendi sempre più quan- brizio l’aiuto skipper, “conosco to la concezione del tempo sia la zona”. “veramente” relativa. Con la rimanente cambusa, Navigavamo in notturna nei non siamo messi benissimo! pressi di Oristano, sita a ovest della Sardegna e, nel tentativo di passare tra l’isola di mal di ventre e la terra ferma, con rischio secche e altre diavolerie, praticamente giocavamo ad inseguire una barca, con uno “pratico” della zona, che disegnava rotte a zig zag, su e giù, destra sinistra, fermo, riparti… aiutooo! Alla fine, ovviamente, siamo passati esterni, molto più sicuro :) Ora vado a prendere il sole... Mi sa che da ora in poi sarà una Vi auguriamo buon vento, il lotta di sopravvivenza, mmmh miglior augurio per un velista! Chicco è troppo magro! Gianluca & Chicco

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 7

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

E’ fondamentale, per giocare, conoscere le regole del gioco

LE REGOLE DI REGATA 2009-2012 Tratte dal sito FIV - Federazione Italiana Vela Leggendo qua e la, sul web, ci siamo piacevolmente resi conto che il numero di “Marinai alle prime armi” è in crescita. Non poteva essere diversamente considerato che, come detto più volte, “La Vela è divertimento! ”. La vela però è un divertimento che, se preso alla leggera, può essere pericoloso. In mare è importante mantenere l’attenzione e il rispetto delle regole sia durante una semplice veleggiata sia in regata. E’ pertanto fondamentale, per “giocare”, conoscere le norme da seguire in mare. Ciò vale sia per chi si affaccia al mondo della vela sia per chi è oramai un vecchio lupo di mare. Eh si! Non se la prendano i vecchi Lupi, ma spesso capita che la troppa esperienza accresca un senso di sicurezza che abbassa i livelli di attenzione. Studiamo e Ripassiamo! Ne va della sicurezza nostra, di chi è a bordo con noi e di chi naviga sulle nostre stesse acque. AVNEWS pubblicherà, a partire da questo numero, le principali norme del Regolamento di Regata a Vela. Buona Lettura! AVSTAFF PRINCIPIO DI BASE COMPORTAMENTO SPORTIVO E LE REGOLE I concorrenti nello sport velico sono soggetti ad un insieme di regole che sono tenuti ad osservare ed a far rispettare. Un principio fondamentale di comportamento sportivo è che, quando concorrenti infrangono una regola, essi dovranno eseguire prontamente una penalità, che può essere il ritirarsi. PARTE 2 QUANDO LE BARCHE SI INCONTRANO Le regole della Parte 2 si applicano tra barche che stanno navigando nell’area di regata o nei suoi pressi ed intendono regatare, che sono in regata, o che sono state in regata. Comunque, una barca che non sia in regata non deve essere penalizzata per una violazione delle presenti rego- le, ad eccezione della regola 23.1. Se una barca che naviga in base a queste regole incontra un mezzo che non lo sta facendo, essa osserverà le Norme Internazionali per Prevenire gli Abbordi in Mare (NIPAM) o le norme governative sul diritto di rotta. Le regole della Parte 2 sono sostituite dalle regole di rotta contenute nelle NIPAM o dalle regole di rotta governative, se così è stabilito dalle istru- zioni di regata. SEZIONE A - DIRITTO DI ROTTA Una barca ha diritto di rotta quando un’altra barca è obbligata a tenersi discosta da essa. Comunque, alcune regole delle Sezioni B, C e D limitano le azioni di una barca con diritto di rotta.

10 SU MURE DIFFERENTI Quando le barche sono su mure differenti, una barca con le mure a sinistra deve tenersi discosta da una barca con le mure a dritta. 11 SULLE STESSE MURE, INGAGGIATE Quando le barche sono sulle stesse mure ed ingaggiate, una barca al vento deve tenersi discosta da una barca sottovento. 12 SULLE STESSE MURE, NON INGAGGIATE Quando le barche sono sulle stesse mure e non ingaggiate, una barca libera dalla poppa deve tenersi discosta da una barca libera dalla prua. 13 MENTRE SI STA VIRANDO Dopo aver passata la posizione di prua al vento, una barca deve tenersi discosta dalle altre barche fino a quando non si mette su una rotta di bolina stretta. Durante questo tempo non si applicano le regole 10, 11 e 12. Se due barche sono soggette nello stesso tempo a questa regola, quella a sinistra dell’altra o quella a poppa deve tenersi discosta. SEZIONE B - LIMITAZIONI GENERALI 14 EVITARE CONTATTI Una barca deve evitare il contatto con un’altra barca se ciò è ragionevolmente possibile. Comunque una barca con diritto di rotta o avente diritto a spazio o a spazio alla boa (a) non occorre che agisca per evitare un contatto fino a che non è chiaro che l’altra non si sta tenendo discosta o non sta dando spazio o spazio alla boa , e (b) non deve essere penalizzata in forza di questa regola, salvo che vi sia un contatto che causi danni o lesioni. 15 ACQUISIRE IL DIRITTO DI ROTTA Quando una barca acquisisce il diritto di rotta, essa deve inizialmente dare all’altra barca lo spazio per tenersi discosta, a meno che non acquisisca tale diritto a causa di azioni dell’altra barca. 16 CAMBIAMENTO DI ROTTA 16.1 Quando cambia rotta, una barca con diritto di rotta deve dare all’altrabarca lo spazio per tenersi discosta. 16.2 Inoltre, quando dopo il segnale di partenza una barca con le mure a sinistra si sta tenendo discosta navigando per passare di poppa ad una barca con le mure a dritta, la barca con le mure a dritta non deve modificare la propria rotta se, in conseguenza a ciò, la barca con le mure a sinistra debba immediatamente cambiare rotta per continuare a tenersi discosta. 17 SULLE STESSE MURE; GIUSTA ROTTA Se una barca libera dalla poppa diventa ingaggiata entro due sue lunghezze sottovento a una barca sulle stesse mure, essa non deve navigare sopra la propria giusta rotta per tutto il tempo in cui esse rimangono sulle stesse mure ed ingaggiate entro tale distanza, salvo che essa, facendo ciò, passi prontamente a poppa dell’altra barca. Questa regola non si applica se l’ingaggio inizia mentre la barca al vento è obbligata dalla regola 13 a tenersi discosta.

per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews


pagina 8

Cagliari - Giovedì 17 Novembre 2011 - Anno I - N°2 - Edizione GRATUITA

News Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

CLASSIFICHE INVERNALE DI CAPITANA - 2^ GIORNATA Classe J24 Prua 103 102 101 105 106 107 108 104

Barca Paco-Jadine ExpresSiv-Medifarma Bellighè Ornella all’attacco....torra Alia Achab.adda Eupalinos Lybissonis

Armatore/Timoniere Pace Vito Barbara Cao Simone Nenna Laura De Luisa Giorgio Cabras Giorgio Cabras Ornella Vacca Antonello Ciabatti

Classe Gran Crociera Gruppo C 1 1 2 3 6 6 6 6 6

2 1 2 3 6 6 6 6 6

3 1 3 2 6 6 6 6 6

4 8 8 8 8 8 8 8 9

5 2 4 3 1 5 8 8 9

Totale 5 11 11 19 23 26 26 27

Barca SIV Arborea Arbatax SIV CFadda Mariclò-Un mare di vela Bajana Sardegna SIV Masnata Chimici Grendi Marchingegno

Armatore/Timoniere Lorenzo Gemini Raffaele Balzano Roberto Cuboni Pietro Fois Ignazio Cocco Sergio Carta Gianmarco Verachi Carlo Marongiu

1 1 2 4 7 5 3 8 6

2 1 2 8 4 3 6 5 7

3 2 1 3 4 6 8 5 7

4 9 3 2 1 4 5 9 9

5 1 4 2 3 9 7 6 5

Totale 5 8 11 12 18 21 24 25

1 1 2 4 4

2 1 3 4 4

3 5 5 5 5

4 2 3 1 4

5 -

Totale 4 8 9 12

Classe Altura ORC Prua 301 304 302 303

Barca to’ come giro Tatsun Nalù Caesar

Armatore/Timoniere Tore Plaisant Filippo Dore Mattia Meloni Luciano Dubois

Classe Gran Crociera Gruppo A Prua Barca

Armatore/Timoniere

1

2

3

4

5

Totale

506 Hot Foot

Paolo Pirisi

4

1

2

1

-

4

501 505 503 502 504

Antonio Cabras Fois Sandro Attilio Leone Gerolamo Razeto Paolo Basso

1 3 7 2 6

2 3 7 7 4

1 7 3 7 7

3 5 2 4 6

-

4 11 12 13 16

Veladiabetica - Sueno 1 Xalest CRAL Saras M’Atyra II Aloha Aloha

Classe Gran Crociera Gruppo B Prua 405 301 409 406 407

Barca Elixir TO’ COME GIRO Restless La Lupa Occhialuta 3 csc pulce

Armatore/Timoniere Giovanni Marchetti Salvatore Plaisant Cabriolu Roberto Davide Macciotta Antonio Concu

Armatore/Timoniere Sandro Loche

1 2

2 1

3 8

4 Totale 4 7

403 Sims IV

Stefano Liguori

1

2

8

5

8

412 304 302 415 401

Alessandro Sias Filippo Dore Mattia Meloni Luciano Biggio Hoder Grassi

3 4 7 5 6

3 7 7 7 7

8 8 8 8 8

6 2 1 3 7

12 13 15 15 20

1 2 1 3 4

2 3 5 1 2

3 5 5 5 5

4 Totale 1 6 2 8 4 8 3 9

1 2 1 3 7 7 7 7

2 1 2 3 7 5 7 7

3 2 6 3 1 6 8 8

4 Totale 1 4 2 5 3 9 4 12 6 17 8 22 8 22

1 1 2 3 5 4 6 8

2 2 1 3 4 5 6 8

3 2 4 3 1 8 8 8

4 Totale 1 4 2 5 3 9 5 10 4 13 6 18 7 23

1 1 5 2 5 3 5

2 1 5 2 5 3 5

3 1 2 7 3 7 7

4 Totale 2 3 1 8 4 8 3 11 5 11 6 16

Sibelia Tatsun Nalu’ ENIF Jonathan Livingston

Classe Gran Crociera Gruppo G

Classe Melges 24 Prua 202 201 207 206 208 203 204 205

Prua Barca 404 Abbardente

1 1 2 3 5 4

2 3 4 1 2 3 4 5

6 6 6 6 6

1 2 3 4 5

5 -

Totale 3 6 9 13

14

Prua 411 413 410 408

Barca JOD E JOD L SIV Volvo Auto Cagliari SIV Proeco

Armatore/Timoniere Silvia Abis Luca Mereu Massimo Coni Franco Ricci

Classe Vele Bianche Gruppo D Prua 610 604 605 612 606 614 613

Barca Vermentino Luna Luna Galana Stagme alla larga Soxi Six - VI Legio Tinky Winky Kimm

Armatore/Timoniere Silvio Ligia Tommaso Sancio Bruno Contu Luca Casu Andrea Catania Alberto Ledda Cristiano Pietro Grisanti

Classe Vele Bianche Gruppo E Prua 602 615 619 608 601 611 607

Barca Lyra Tinky Winky 2° Losna Wyuna Terrathree Dispettosa Asterix

Armatore/Timoniere Delogu Antonio Enrico Napoleone Giuseppe Fanni Carlo Cottiglia Paolo Antonio Caboni Delio Ciscì Marco Bonansea

Classe Vele Bianche Gruppo F Prua 609 616 603 617 618 620

Barca Koala Miokana Valentina 3 Patuk Giro di Boa Fin Lizzy

Armatore/Timoniere Bruno Carta Leucio Magnante Ettore Siccardo Raymond Fadda Gianluca Costa Giuseppe Sanna

Fonte www.invernalemarinadicapitana.it

CFADDA CUP per info: redazione.avnews@gmail.com oppure seguici su: www.avventuravela.it - www.facebook.com/AvventuraVelaNews

AVNEWS n°2  

Periodico Gratuito di Informazione sulle attività di AvventuraVela

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you