Page 1

Anno I - Numero 3 | Giugno 2013 | “A tutta Manetta� mensile a distribuzione gratuita | Facebook: A tutta Manetta | Twitter: @AtuttaManetta


A

2

tuttA

MAnettA

GiuGno 2013

nella stanza dei bottoni Lo spoletino Orlando Magna da febbraio è il Presidente dei commissari di gara italiani

F

orse non tutti lo sanno, ma diversi spoletini ricoprono ruoli molto importanti nel mondo delle due ruote. A tutta Manetta vuole presentarveli, per questo, uno dopo l’altro, ve li farà conoscere un po’ meglio. Iniziamo con Orlando Magna, eletto lo scorso 8 febbraio Presidente del Gruppo Commissari di Gara della Federazione Motociclistica Italiana. Toccherà a lui, per i prossimi quattro anni, l’onore – ma anche l’onere – di dirigere tutti i commissari (sia sportivi sia tecnici sia fonometristi, nda) italiani. Il culmine di una carriera che l’ha visto impegnato in una miriade di Mondiali. Com’è nata la passione per le due ruote? Ero un ventenne spoletino che seguiva un pilota sulla cresta dell’onda nazionale e internazionale come Remo Venturi. L’ho seguito in giro per l’Italia, un po’ su tutti i circuiti. E poi? E poi, intorno ai 30 anni, venni a conoscenza di un bando della Federazione per

diventare commissario di gara. Ho fatto il corso, poi gli affiancamenti, quindi le prime gare partendo dal basso: circuiti di cross regionali, prima numerosissimi e ora quasi scomparsi, quindi gare di regolarità, com’era chiamato allora l’enduro, e dopo 5 o 6 anni le prime gare di velocità a Vallelunga. Nel 1984 ho avuto il mio battesimo Mondiale e da lì in poi ne ho fatti quattro o cinque all’anno un po’ in tutte le categorie. Oggi come si diventa commissario? Il percorso è lungo due anni. C’è un test di

ammissione, poi un corso teorico, quindi 3 o 4 affiancamenti prima dell’esame finale, che ti fa diventare commissario territoriale. Da lì parte la carriera vera e propria. Da febbraio, per i prossimi 4 anni, è il Presidente del Gruppo Commissari FMI. Eh si, dopo 42 anni sul campo ora dirigo i 235 commissari italiani. Un ruolo molto importante, perché si tratta di un organo di controllo fondamentale della Federazione, ma anche molto impegnativo, visto che praticamente tutti i fine settimana sono in circuito per supervisionare i miei commissari. Dobbiamo cercare di fare meno errori possibili, anzi, dobbiamo cercare di non farne per niente. Quali sono le caratteristiche necessarie per essere un buon commissario? orlanDo Magna, PresIDente Del gruPPo CoMMIssarI DI Disponibigara Della FeDerazIone MotoCIClIstICa ItalIana

lità, abnegazione, modestia, umiltà, capacità di colloquio. La figura è cambiato molto negli ultimi 10 anni, da autorevole e quasi un po’ autoritaria oggi cerchiamo di supportare e consigliare – se ce lo chiedono, senza mai interferire – gli organizzatori per la migliore riuscita possibile delle gare. Quanti sono oggi i giovani che si avvicinano al ruolo di commissario? I bandi non sono annuali ma vengono fatti in base alle nostre esigenze di organico. L’ultimo, ancora non completato, è stato pubblicato nel 2011 per il ruolo di commissario sportivo e 37 ragazzi stanno seguendo l’iter che li farà diventare commissari. Il prossimo credo che riguarderà i commissari tecnici, un ruolo che diventa sempre più complicato con la continua evoluzione delle moto e l’elettronica che è diventato ormai preponderante. Ancora non è deciso nulla, ma per loro dovremmo aprire il bando tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014.

l’InversIone DI MarCIa

In caso di enduro...portatevi degli amici! Un lettore ci dà uno spunto per una possibile nuova rubrica ma, soprattutto, ci ricorda l’importanza degli amici, anche in caso di uscite con l’enduro. Lo ringraziamo per il pensiero e pubblichiamo la sua e-mail, prendendo spunto per ricordare a tutti che potete scriverci a ufficiostampa@motoclubspoleto.it!

Il Direttore

Quando si fa una inversione ? Quando ci si accorge di avere sbagliato strada! (E attenzione a non sbagliare anche la.....inversione!!!) Può accadere quando il gps dei tuoi ricordi non ti porta dove vorresti. Quando chiedi a quello “del posto”, oppure quando ti tolgono un riferimento. Ma può accadere anche nella vita, se ci si accorge di aver scelto la donna sbagliata, il lavoro sbagliato, gli amici sbagliati. A fare inversione, però, ci vuole coraggio. Mentalmente è più facile proseguire per la stessa via che ammettere l'errore. Più facile adattarsi alla scomoda situazione che fermarsi, girarsi e ricominciare da capo. Ecco dunque quello che potrebbe essere il titolo per un rubrica fissa su “A tutta manetta”, può diventare anche spunto per molte e varie riflessioni. In una domenica di aprile, ad esempio, ci siamo infilati in un sentiero di roccia che prometteva bene, verso Cesi. Ma mentre il carrozziere, con la sua esperienza trialistica sfiorava gli spuntoni, ignorava il precipizio e andava su leggero, io e “U” arrancavamo finché la sua Honda è caduta di sotto, a ruote in aria, e l’abbiamo dovuta tirare su con la cinta. Ecco, se non avessimo telefonato a Cesare, chiedendogli di fare inversione, probabilmente avremmo passato la notte a raddrizzare moto. Non che a girarle ci sia voluto poco, eh! Paolo CIrI


A

GiuGno 2013

tuttA

MAnettA

3

Pierfilippo Bertuzzo all’assalto del titolo italiano nella classe MX1 e di quello iridato MX3

Il lavoro paga

«Non sono un talento» dice, ma la tabella rossa della serie tricolore è nelle sua mani

D

isputare due campionati vuol dire avere il doppio delle opportunità di ben figurare, ma raddoppia anche le possibili delusioni, le trasferte e lo stress psico-fisico. Tutte cose, però, che non mettono paura a Pierfilippo Bertuzzo, pilota nato il 18 maggio 1988 a San Donà di Piave e da questa stagione tesserato con il Moto Club Spoleto. Bertuzzo è salito su una moto da minicross a 9 anni, nel 1997, se ne è innamorato e non l’ha più lasciata, disposto anche a fare sacrifici per inseguire i propri sogni. Pierfilippo, aiutaci a conoscerti meglio e raccontaci qualcosa di più di te. Quali sono le tue caratteristiche da un punto di vista tecnico? Sono un pilota che si allena molto. Purtroppo non sono un talento naturale, quindi devo sopperire ogni giorno con l’impegno e il lavoro. Ma non mi

pesa, faccio questo sport da tanti anni ormai e mi piace, quindi accetto volentieri i sacrifici che richiede. La tua stagione è iniziata in salita, con la

caduta nella tappa inaugurale del mondiale MX3, a Valkenswaard, in Olanda, che ti ha lasciato senza punti ma anche, e soprattutto, con un infortunio che ti ha limitato. Tutto giusto, l’inizio di stagione è stato davvero complicato. Ormai, però, ho recuperato praticamente del tutto dall’infortunio e sono totalmente concentrato sul resto della stagione, in primis sul campionato italiano dove attualmente sono in testa. Non voglio pensarci troppo, però, per non mettermi troppa

pressione ed evitare di ‘incasinarmi’ la testa. Penso gara dopo gara, anche perché il Mondiale MX3 non lo accantono di certo, so che posso stare davanti e giocarmi anche lì, in ogni gara, la top5 se non il podio. In questo 2013 per te c’è il doppio impegno ItalianoMondiale. Come si affronta? Il Campionato Italiano è ben distribuito lungo tutto l’arco della stagione, per cui è abbastanza comodo. Il Mondiale, invece, nella parte iniziale è stato abbastanza difficile con trasferte lunghe e complicate. Ora inizia la parte più facile, almeno dal punto di vista logistico. Di trasferte lunghe o complicate rimangono solo la seconda gara in Ucraina e il Brasile. Nel primo caso, però, si tratta di un tracciato nei pressi del confine, quindi più vicino e ‘comodo’ rispetto alla trasferta affrontata a inizio maggio. Per il Brasile, invece, con il team abbiamo un ottimo appoggio in loco che ci permette di fare la trasferta in tutta tranquillità, basta preparare la valigia e salire sull’aereo.

Obiettivi stagionali? Beh, ovviamente il principale è quello di tenere la ‘tabella rossa’ del Campionato Italiano fino al termine dell’ultima gara. Per quanto riguarda il Mondiale MX3, invece, i primi della classifica sono un po’ scappati, quindi non posso fare altro che puntare ad arrivare il più in alto possibile. Voglio inanellare una serie di risultati positivi e risalire in classifica, rientrare tra i primi 5 e poi vedere fin dove posso arrivare.

A tuttA MAnettA Registrato nell’elenco dei periodici presso il tribunale di Spoleto con il n. 2/2013 Numero 3 - Anno 1 Direttore responsabile: Luca Cesaretti Edito da Daniele Cesaretti Redazione: via Cerquiglia, 29 Spoleto (PG) e-mail: ufficiostampa@ motoclubspoleto.it Stampato da 4 Graph srl s.r. km 28,400 Spigno Saturnia (LT)


4

A

tuttA

MAnettA

GiuGno 2013

vallelunga thrilling

Pioggia, bandiere rosse e penalità: vincono Manieri, Cannizzaro, Colazzo e Di Pietrogiacomo

I

l secondo round del National Trophy 2013 passerà alla storia, con tutta probabilità, come il fine settimana thriller del Trofeo. L’incertezza, infatti, è stata la protagonista assoluta della tappa di Vallelunga: incertezza metereologica ma anche di risultati, tra bandiere rosse e penalizzazioni al termine della gara che hanno riscritto le classifiche e tenuto tutti con il fiato sospeso. Pioggia e sole si sono alternati,

danno vita a un elastico che dura tutti i 12 giri fino a un arrivo sostanzialmente in volata. Di Pietrogiacomo (Open) la spunta su Pinna, che però dopo l’arrivo subisce una penalizzazione di 20” per taglio di variante, lasciando la seconda posizione assoluta, e soprattutto la vittoria della Stock, a Gianni Colazzo. Sul podio della Open Letizia Marchetti e Matteo Milanese accompagnano Di Pietrogiacomo; mentre nella

Del Canuto (sx) e totI (Dx) FesteggIano gIusePPe CannIzzaro, PrIMo 600 oPen, sul PoDIo DI vallelunga (Foto DanIele aMato)

nella

al sabato, lasciando tutti sul filo del rasoio. Il secondo turno di qualifiche della classe 1000 è stato praticamente cancellato da un acquazzone improvviso, pochi istanti prima dell’inizio del turno, che ha impedito miglioramenti cronometrici. Mezz’ora dopo, invece, le 600 si sono date battaglia fino all’ultimo secondo. A festeggiare le pole sono stati Tommaso Pinna (1000 Stock), Riccardo Di Pietrogiacomo (1000 Open), Stefano Manieri (600 Stock) e Luca Del Canuto (600 Open). Domenica la pioggia prevista e tanto temuta non c’è stata, lasciando spazio a un bel sole che ha illuminato due gare combattutissime. Nella 1000 Di Pietrogiacomo, Pinna e Colazzo

Stock Paolo Principato e Antonio Marzocchi chiudono rispettivamente secondo e terzo. Ancora più complicata la gara della 600, interrotta da ben due bandiere rosse. La prima arriva nel corso del 4° giro e comporta una ripartenza con somma dei tempi delle due manche. La seconda, invece, arriva all’ultima tornata e “accorcia” la gara di una tornata. Stefano Manieri, che si impone anche nella classifica assoluta per via della penalità che colpisce Luca Del Canuto. Insieme a lui sul podio Scienza e Mottola. Nella 600 Open, Giuseppe Cannizzaro approfitta dei 20” a Del Canuto per scavalcarlo . Il terzo gradino del podio va a Daigoro Tori.

natIonal troPhy 2013 rIsultatI e ClassIFIChe Classe 600 stoCk arrIvo vallelunga: 1) Manieri Stefano 2) Scienza Nicola 3) Mottola Fabio 4) Larini Fabio 5) Marco De Luca ClassIFICa generale: 1) Manieri S. ...........50 2) Scienza N. ..........33 3) Mottola F. ............23 4) De Luca M. .........22 5) Eccheli D. ...........20

Classe 600 oPen arrIvo vallelunga: 1) Cannizzaro Giuseppe 2) Del Canuto Luca 3) Toti Daigoro 4) Lotito Simone 5) Luminari Giacomo ClassIFICa generale: 1) Del Canuto L. ......45 1) Cannizzaro G. .....45 3) Luminari G. ........27 4) Lotito S. .............26 5) Noli Y. ................19

Classe 1000 stoCk Classe 1000 oPen arrIvo vallelunga: arrIvo vallelunga: 1) Colazzo Gianni 1) Di Pietrogiacomo R. 2) Principato Paolo 2) Marchetti Letizia 3) Marzocchi Antonio 3) Milanese Matteo 4) Pinna Tommas 4) Bottari Massimo 5) Galasso Luigi 5) Trombetta Ruben ClassIFICa generale: ClassIFICa generale: 1) Colazzo G. ..........45 1) Marchetti L. ........40 2) Pinna T. ..............38 2) Di Pietrogiacomo 38 3) Santini M. ...........25 3) Milanese M. ........32 4) Giannuzzi M. .......21 4) Mauri P. ..............25 4) Ippoliti F. ............21 5) Bottari M. ...........24 ProssIMa gara: MIsano (14-15-16 gIugno)


tuttA

MAnettA

4x4 = vittoria

Proseguono i successi dei due equipaggi a quattro ruote

F

A tutta...

notizie Punti preziosi

Si chiude con un 11° e un 13° posto il secondo round del Campionato Italiano Velocità, classe Superbike, per il pilota del MC Spoleto Remo Castellarin. Con questi due piazzamenti Castellarin è 13° nella classifica generale.

Primo Podio

Primo podio stagionale per i piloti del MC Spoleto impegnati nel campionato regionale. A Gualdo Tadino Carlo Cappannella ha chiuso terzo nella categoria TR3 Over30, seguito dal compagno di squadra Andrea Orfei, giunto quarto.

trial

Doppio 12°

Nella quarta tappa del Campionato Italiano Minicross, a Grottazzolina, in provincia di Fermo, Leonardo Angeli Jr conferma il buon momento pur dovendosi fermare per due volte appena fuori dalla top10: è 12° sia in gara 1 sia in gara2.

Ancora top10

Ennesimo piazzamento nella Top10, 8°, per Andrea Antonelli nel Mondiale Supersport. A Donington il pilota umbro è stato autore di una grande rimonta in gara dopo il 23° posto in griglia. Confermato l’8° posto nella generale.

Supersport

orse non tutti lo sanno, tutti i mezzi di trasporto, ven- toria nell’Extreme Trophy, con ma il Moto Club Spo- gono risolte con incredibile fa- Musiani-Donati vincitori nella leto al suo interno ha cilità dalle ruote delle loro jeep. categoria Superserie e Fortuanche una – esigua ma non per Dopo l’esordio con doppia vit- nati-Bacchettini a festeggiare questo meno importra i Preparati, i tante – costola a due equipaggi quattro ruote. Quatspoletini sono tortro ruote rigorosanati a scaldare i mente quattro per motori lo scorso quattro e tassellate, 26 maggio ad perché sono quelle Amandola (FM) delle potenti jeep per il Trofeo Duri che gli equipaggi e Puri. composti dal pilota Formula diversa Andrea Musiani con dal solito, con paril navigatore Paolotenza di massa di carlo Donati e dal tutte le jeep per i pilota Alberto For6 giri di percroso tunati con il naviga– con due vatore Diego Bacchetrianti da eseguire tini portano a spasso – previste. Il riper i tracciati più imsultato, però, non pervi ed impegnativi è cambiato, con i d’Italia. due team spoletini I due equipaggi, tessempre nelle priserati FIF-CSAI, missime posizioni partecipano infatti finali. all’Extreme Trophy Musiani-Donati, alto e sotto, Due DIFFICIlI PassaggI Della troFeo DurI e 4x4, il Campionato IPnurI infatti, si sono im. In Mezzo, la PreMIazIone DeI Due equIPaggI sPoletInI. Fuoristrada organizposti tra i Superzato dalla FIF, la Feserie, mentre Forderazione Italiana tunati-Bacchettini Fuoristrada. Non c’è hanno chiuso in praticamente ostaseconda posizione colo, insomma, che tra i Preparati. Un possa fermarli, le ottimo viatico condizioni di terprima della prosreno – e talvolta ansima gara di Exche meteo – più treme Trophy estreme, impossibili 4x4, il 30 giugno per praticamente a Orte.

5

CiV Sbk

A

Minicross

GiuGno 2013


6

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

GiuGno 2013


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

enduro, che spettacolo! I migliori piloti d’Italia a Spoleto per la quarta tappa del Campionato Italiano

C

irca 250 piloti da tutta Italia, un percorso di circa 50 chilometri da ripetere tre volte e che include due prove speciali – il ‘fettucciato’ e la ‘linea’ – per decidere chi sarà, almeno per un giorno, il nuovo duca di Spoleto. Il Campionato Italiano Under23 e Senior di enduro fa tappa a Spoleto, il quarto dei suoi cinque appuntamenti stagionali, e riporta gli specialisti del fuoristrada e delle ruote tacchettate nella città dei Duchi dopo il successo del Trofeo delle Regioni, organizzato

dal Moto Club Spoleto e dal promoter Axiver lo scorso 28 ottobre. Il binomio si ricompone, con la speranza che stavolta il tempo collabori più di quanto fatto sette mesi fa, per proseguire quel percorso di crescita del Moto Club Spoleto nell’organizzazione di gare titolate di enduro. Un percorso che, si spera, dovrebbe avere il culmine nell’organizzazione del Gran Premio d’Italia del Campionato del Mondo di Enduro nel corso delle prossime stagioni. La nomination è già stata presentata

ma, nel frattempo, la città di Spoleto potrà godere del non meno importante campionato tricolore. Dopo Andora (SV), Donoratico (LI) e Pievebovigliano (MC), a Spoleto i punti inizieranno a pesare il doppio, visto che il calendari della serie tricolore vivrà solo un altro appuntamento, la conclusione prevista per fine ottobre a Rufina (FI). Il cuore nevralgico della tappa spoletina sarà Piazza d’Armi, ma lo spettacolo del grande enduro, siamo certi, coinvolgerà tutta la città.

7


8

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

LEATHER CLOTHING FOR MOTORCYCLISTS

GiuGno 2013


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

il saluto del Moto Club Spoleto Un cordiale benvenuto da parte mia e di tutto il CdA il presidente Daniele Cesaretti del Moto Club a tutti i partecipanti. Nonostante le difficoltà globali, abbiamo lottato e siamo riusciti a portare a termine - speriamo - un ottimo lavoro. Per questo motivo, volevo ringraziare innanzitutto voi che con un piccolo gesto o con un grande sforzo avete contribuito alla realizzazione di questo Campionato Italiano. Dopo aver vinto il premio KTM come miglior organizzatore 2011 e dopo il Trofeo delle Regioni organizzato nello scorso ottobre, grazie anche alla fiducia riposta in noi dalla Federmoto, proseguiamo il percorso di crescita dell’off-road nella nostra città. Spero sia anche un’occasione per visitare la nostra città e i luoghi che ne testimoniano la storia, a partire dalla Rocca Albornoziana fino ad arrivare alla Basilica di San Salvatore, inserita dall’Unesco tra i patrimoni mondiali dell’umanità. Chiudo ringraziando collaboratori, sponsor e istituzioni, che ci permettono di svolgere le nostre attività, e i partecipanti, sperando di rivederci a Spoleto, magari per un appuntamento ancora più importante! Daniele Cesaretti Presidente Moto Club Spoleto

il saluto della regione umbria il consigliere Maria rosi

Il 30 giugno si terrà a Spoleto la quarta prova di Campionato Italiano di Enduro categoria Under 23/senior. L’evento, organizzato dal Moto Club Spoleto, vedrà la partecipazione di circa 300 piloti da tutta Italia. Sono onorata di partecipare alla premiazione, ringrazio gli organizzatori, in particolar modo il Presidente del Moto Club di Spoleto Daniele Cesaretti, e esprimo profonda soddisfazione per la scelta della nostra Regione come luogo di manifestazioni di interesse nazionale, a conferma della valorizzazione delle eccellenze locali nonché dello spirito di accoglienza della comunità umbra per eventi di carattere nazionale e internazionale. Maria Rosi Consigliere Regione Umbria

9


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

il saluto del Comune di Spoleto l’assessore Juri Cerasini

La quarta tappa del Campionato Italiano di Enduro Under 23/Senior, così come è stato concepito e organizzato dal Moto Club Spoleto, non si limita ad essere un evento sportivo di richiamo ed interesse. In linea infatti con le nostre intenzioni per quanto riguarda la promozione di eventi sportivi, questa importante manifestazione viene a configurarsi come un’occasione preziosa di incontro e di partecipazione e, cosa non secondaria, anche come vetrina importante per Spoleto, per far conoscere a un pubblico di respiro nazionale lo straordinario patrimonio storico e naturalistico della nostra città. I miei complimenti al Moto Club Spoleto per aver organizzato un evento di questa importanza, all’altezza delle capacità e delle qualità di un club che, ormai da anni, si distingue per le sue capacità organizzative e che porta lustro alla nostra città. Juri Cerasini Assessore allo Sport Comune di Spoleto

11


12

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

GiuGno 2013


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

GioVeDi’ì20 GiuGno ore 11.30 Conferenza stampa di presentazione presso la Sala della Partecipazione di Palazzo Cesaroni (Perugia) VenerDi’ 28 GiuGno ore 15.00 Apertura area expo ore 18.00 esibizione Stuntman ore 19.00 Aperitivo happy hour-cena musica live-after disco Gustoso Village ore 21.00 esibizione Stuntman SAbAto 29 GiuGno ore 9.00 Apertura area expo ore 9.00 Apertura area training ore 11.00 Apertura o.p. parco chiuso ore 12.00 Chiusura area training ore 14.00 Apertura area Hobby Sport minimoto ore 15.00 esibizione Stuntman

ore 16.30 Sfilata sbandieratori Montefalco ore 17.00 esibizione Stuntman (beta open Space) ore 18.00 Chiusura o.p.parco chiuso ore 19.00 Calcio a 5: rappresentativa Cie vs rappresentativa Spoletosport ore 19.00 esibizione Stuntman (beta open Space) ore 19.00 Aperitivo happy hour ore 20.00 Cena in piscina live music DoMeniCA 30 GiuGno ore 9.00 Apertura area expo ore 9.00 Partenza gara ore 10.30 apertura area Hobby Sport minimoto ore 15.00 Fine gara ore 16.00 Premiazioni n.b.: il programma potra’ subire variazioni

13


14

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

GiuGno 2013


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

15


16

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

GiuGno 2013


A

GiuGno 2013

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

17

lADY u23 - Classe 50 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Pavoni M. 60 Merli M. 49 Staccoli l. 35 Coniglio i. 32 rovida M. 32 Piccina F. 28 Zoccola A. 23

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Soreca D. 60 Marchelli M. 51 Gardiol J. 45 Spandre M. 32 bernardi F.M. 27 Aresi F. 26 Abrigo S. 25

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

bruschi n. 50 1. bresolin M. 40 2. Crippa r. 37 3. Giulietti M. 37 4. Di luca A. 36 5. Pellegrinelli n. 32 6. Casaretto A. 25 7.

u23 - 125 cadetti

u23 - e1 2t

1. Marrocco C. 51 2. Sappino A. 40 u23 - e1 4t 3. Grasso S. 39 Montanari t. 60 4. riverditi P. 35 Castellana A. 47 5. balduzzi e. 28 Zaffaroni S. 41 6. belgiovine M.t. 21 rovelli l. 34 7. Cabini r.F. 9 Sordo M. 31 Senior - e1 2t Pini P. 30 1. lenzi M. 57 Zucca M. 24 2. Mayr A. 50 u23 - e2 3. Zecchin M. 49 Conforti G. 60 4. Graziani D. 39 Maule l. 45 5. Morandi l. 28 Sonzogni i. 39 6. Schiappa G. 28 talamo A. 38 7. borghi A. 25 Piccinini n. 34 Senior - e1 4t Pasqualetti F. 32 1. roggeri D. 57 Peila F. 24 2. Falgari G. 54 u23 - e3 3. bassi A. 37 balboni A. 54 4. beconcini M. 34 Zecchin J. 40 5. Caffaratti S. 31 Ferrari M. 34 6. Cargnel M. 28 boffa u. 33 7. Serafini A.M. 24 Meo A. 33 Squadre - Senior Armanni D. 32 1. trial Fornaroli 171 boezi i. 25 2. intimiano 141

Senior - e2 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

nicoletti D. 60 Marcotulli l. 47 Fossati A. 47 Marmi G. 33 Dall’era A. 31 Casucci M. 31 Peroni r. 28

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Cerutti J. 54 bernardi P. 52 Facchin M. 50 Polidori A. 39 Serra A. 31 Valentinuzzi M. 31 Sassoli A. 21

Senior - e3

Squadre - under23

1. treviglio 165 2. intimiano 163 3. trial Fornaroli 148 4. Pavia 115 5. Scud. norelli 110 6. Crostolo 91 7. Costa Volpino 87 3. Marca trev. 138 4. Sebino 92 5. Granozzo Mont. 26


18

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

+

M o l Car

GiuGno 2013

+ a r ala


GiuGno 2013

A

tutto

CAMPionAto itAliAno enDuro

19


A tutta Manetta - Giugno 2013  
A tutta Manetta - Giugno 2013  

Il numero di giugno 2013 del freepress mensile motoristico "A tutta Manetta". Edizione speciale di 20 pagine per il Campionato Italiano di E...

Advertisement