Issuu on Google+

attitude redazione@attituderagusa.it

anno 3 _ numero 24 _ maggio 2011


Dallo scorso mese potrai sfogliare Attitude anche sul web in formato Pdf. A portata di click i nostri sponsor, gli eventi e i nostri articoli.

Dal mese di aprile abbiamo un altro indirizzo mail vademecum@attituderagusa.it mandaci una mail così ti iscriverai alla newsletters di Attitude per essere sempre aggiornato su ciò che c'è di bello e di brutto nella nostra provincia.

attitude

design e storia di Claudio Criscione

S W NE

Non l'hai trovato? Sono finite le copie? Vai sul nostro blog attituderagusa.wordpress.com qui troverai i due link per sfogliare, copiare o scaricare Attitude Giorno e Attitude Notte.

2

Colophon editore e direttore Saro Distefano Via Ing. Migliorisi, 33 Ragusa saro.distefano@attituderagusa.it cell. 320 6399738

Impaginazione grafica

www.kreativamente.it Stampa

direttore responsabile Carmelo Riccotti La Rocca Hanno collaborato Miriam Alderisi, Teresa Bellina, Emiliano Tidona, Giorgio Biazzo, Reg. Trib, di Ragusa 2/2009 Andrea Distefano Matteo Luppi, Claudio Criscione, Otto, Leandro Papa, Salvo Corallo, L’insettivoro, Luca Martorana, Ivana Luparello.

Con il blog di Attitude e la pagina Facebook sarai sempre informato su eventi, concerti, programmazioni teatrali e tutto ciò che accade di bello (e di brutto...) in provincia. Articoli, foto, recensioni ed eventi adesso sono a portata di click. Il gruppo di Attitude è: Comunicazione, Ufficio stampa, Realizzazioni grafiche, Creazione siti web.

Per la tua pubblicità info@attituderagusa.it Per le tue comunicazioni redazione@attituderagusa.it

info: 320 63.99.738


U

na voce dal basso, un rappresentante per i giovani che non si sentono più rappresentati dal vecchio modo di fare politica”: così viene definito il nuovo candidato Sel Salvatore Piccitto detto Gabriele. Sono tante le battaglie che vuole portare avanti insieme al suo gruppo di lavoro ma in primis afferma di voler lavorare per una democrazia partecipata che non si prenda gioco dell'ideologia giovanile. " Il comune di Ragusa dispone di una quantità notevole di immobili di sua proprietà lasciati nel degrado più totale afferma Piccitto eppure ad oggi non è stato fatto nessun programma concreto di rivalutazione; le associazioni culturali della nostra città faticano ad avere una sede dove svolgere le proprie attività, per non parlare poi della totale assenza di spazi sociali dove i giovani possano aggregarsi, confrontarsi e favorire la libera circolazione di idee ed iniziative sociali e culturali. Un esempio fra tutti di come l'amministrazione uscente abbia sempre impedito l'aggregazione giovanile è lo sgombero dell'ex spazio autogestito la Fabbrica: il collettivo che circa due anni fa occupava i locali dell'ex hotel San Giovanni aveva dato in poco tempo dimostrazione di come si possa rivitalizzare una zona ormai morta come quella dei Cappuccini attraverso iniziative sociali e culturali ed in più cominciava ad essere anche un importante punto di riferimento per tutta la città dove poter fare controinformazione ed anche politica dal basso: tutto questo non è piaciuto all'amministrazione Dipasquale che non ne ha impedito lo sgombero". Cosa ancora più grave è che oggi l'ex hotel San Giovanni vive nel più totale stato di abbandono. Ma la strada che intende perseguire Piccitto non riguarda solo i giovani. I punti programmatici della sua candidatura puntano anche al ripopolamento del centro storico attraverso l'introduzione dell'equo canone che permetterebbe di controllare mediante leggi il costo degli immobili e degli affitti; il decongestionamento del traffico urbano grazie ad un Servizio Metropolitano Urbano che non solo rappresenterebbe un investimento in termini di qualità di vita ma che per-

metterebbe anche di sfruttare l'antica linea ferroviaria già esistente sotto la città. Ancora, la riorganizzazione dei servizi sociali e una migliore gestione dell'accoglienza agli immigrati, comprendenti da una parte la destinazione di maggiori fondi alle cooperative sociali mentre dall'altra il potenziamento di servizi essenziali che permettano una prima integrazione nel territorio: corsi di italiano per stranieri “continui, specializzati e non sporadici” e anche l'inserimento di figure professioniste bilingue (principalmente di lingua araba) presso gli sportelli amministrativi che possano snellire la lunga trafila burocratica che la maggior parte degli immigrati è costretta a fare, molto spesso con scarsi risultati. Nella folta rosa di candidati le idee del giovane Piccitto spiccano per determinazione e voglia di cambiamento.

VIA DEI NORMANNI, 35 - RAGUSA IBLA

messaggio elettorale committente Salvatore Piccitto

GABRIELE PICCITTO: “LAVORO PER UNA DEMOCRAZIA PARTECIPATA CHE NON SI PRENDA GIOCO DELL'IDEOLOGIA GIOVANILE”

presenta la mostra: “Kyoki Shop" Nuovo marchio ragusano di borse, accessori e t-shirt

domenica aperto lunedì chiuso Menu di carne a soli 20 euro

Menu di pesce a soli 25 euro

di fronte Palazzo Beneventano Scicli, piazzetta Ficili tel. 0932 931028 3


IL XLVII CICLO DI RAPPRESENTAZIONI CLASSICHE TEATRO GRECO DI SIRACUSA - dall’11 maggio al 26 giugno 2011

I

l XLVII Ciclo di Spettacoli Classici dà voce a due tragedie poco rappresentate ma di particolare intensità, per certi versi due drammi della crisi (composti, così come la commedia in cartellone quest’anno, nel periodo difficile della guerra peloponnesiaca), che portano in scena figure di grande dignità e nello stesso tempo relegate ai margini. Ostaggi di una umanità meschina, di un destino che appare senza via di uscita, intrappolate da regole anguste di convivenza sociale o dalla loro stessa inflessibilità. Per il terzo anno consecutivo la Fondazione INDA compone in un dittico i drammi di Sofocle e Euripide approfondendo una indagine condotta su due filoni complementari. ANDROMACA DI EURIPIDE - Datazione: Intorno al 427 a.C Euripide riprende qui il tema del doppio talamo, delle nozze legittime contrapposte all’unione con una donna “barbara” priva di riconoscimento sociale. Come Medea (INDA 2009), sebbene con esiti ed uno sviluppo del personaggio molto diversi, Andromaca incarna il fragile statuto della straniera, rispetto alla sposa greca condannata alla emarginazione. I personaggi femminili di questo dramma si fanno anche portatori di due diverse visioni del gamos. Andromaca donna del buonsenso, unisce alla fedeltà la sopportazione e la mitezza, ma è anche provata e temprata da un dolore che la sua antagonista non è in grado di comprendere. Ermione, giovane e impulsiva, volubile fragilissima creatura, rivendica una assolutezza nel gamos cui associa, malcelando la propria frustrazione, una forma di competizione con il marito. Ma emerge anche un secondo leitmotiv interno al dramma: la violenza dell’eros, il potere distruttivo insito nella passione incontrollata, compressa dentro le mura domestiche e nel contempo alimentata da questa stessa repressione. L’ombra lunga di Fedra (INDA 2010) sembra toccare anche la fragile Ermione. Questo rischio è sottolineato anche dal vecchio Peleo, che nell’agone con Menelao fa riferimento ad Elena di Sparta, la donna perversa per eccellenza, alludendo al rischio che Ermione ne abbia ereditato la natura sessualmente avida, l’impudica insaziabilità. Una indagine sulla femminilità, dunque, declinata da Euripide tra eros e gamos, nei suoi aspetti più complessi e censurati (inclusi i vincoli imposti dall’universo maschile…), che conferisce alla Andromaca, all’interno di una struttura drammaturgica fortemente dinamica, una sostanziale unità tematica. TRAMA La tragedia è ambientata in Tessaglia, dinanzi al tempio di Teti e presso la reggia di Neottolemo, figlio di Achille. Andromaca, dopo la caduta di Troia, è divenuta schiava di Neottolemo, da cui ha avuto un figlio, Molosso. Anche per questa ragione la “principessa-schiava” incorre nella gelosia di Ermione, sposa legittima di Neottolemo e figlia di Elena e Menelao, che la accusa di esercitare su di lei arti magiche per renderla sterile e potere così prendere il suo posto nella casa dello sposo. Con la complicità del padre Menelao, Ermione trama per uccidere Andromaca e Molosso, ma l’arrivo di Peleo, padre di Achille, riesce a sventare il pericolo e fermare Menelao, che con un pretesto rientra a Sparta, abbandonando vilmente la figlia alla sicura vendetta di Neottolemo. Costei, per la paura e per l’affronto subito, tenta di suicidarsi, ed è a stento trattenuta dalla Nutrice. Giunge Oreste, figlio di Clitennestra e Agamennone, che rivela ad Ermione di aver già messo in atto un piano contro il figlio di Achille, con cui era entrato in conflitto proprio per la mano della ragazza, inizialmente promessa ad Oreste ma poi concessa a Neottolemo. Per vendicarsi, Oreste ha istigato gli abitanti di Delfi contro di lui, instillando il sospetto che egli volesse depredare il santuario dei tesori offerti dai devoti. Credendo alla calunnia, i Delfici gli tendono un agguato e fanno scempio del suo corpo, bersagliandolo con dardi e pietre per poi gettarlo fuori dallo spazio sacro. Il cadavere di Neottolemo è condotto a sepoltura da Peleo, confortato dalla sua sposa divina, Teti. La dea ordina che Andromaca si trasferisca nella terra dei Molossi, dove sposerà Eleno. Da Molosso nascerà una dinastia che governerà quella terra. Teti libererà Peleo “dai mali degli uomini” e lo renderà suo sposo immortale. FILOTTETE DI SOFOCLE - Datazione: 409 a.C Il conflitto tra individuo e società, ma soprattutto la natura dell’eroe tragico portatore di un destino misterioso e dato dagli dei, è al centro del Filottete, che l’INDA mette in scena seguendo il solco tracciato con Edipo a Colono e Aiace, rappresentati negli ultimi due Cicli al Teatro 4

Greco di Siracusa. Come Edipo, Filottete vive un costante contrasto tra potere e fragilità, precipita nella sventura sino ad essere “nulla”, diviene per una volontà imperscrutabile fonte di salvezza. Oggetto prima di emarginazione e poi della rapacità degli uomini, che ora cercano di manipolarlo avendone scoperto il “potere” (solo il suo arco potrà distruggere Troia), Filottete attraversa un conflitto interiore dilaniante, una collera tanto “giusta” quanto lacerante e selvaggia, che dovrà superare per accogliere e realizzare quel destino, quella missione che gli dei gli hanno affidato. Morto Aiace, Filottete rimane l’ultimo degli eroi, testimone e portatore di quel mondo di guerrierileoni sempre più lontano, costantemente minacciato dalle volpi come Ulisse, che anche qui (come in Aiace) quasi nulla mantiene del personaggio omerico ma diviene simbolo delle devastazioni prodotte dall’uso distorto della parola, sofista, politico corrotto, capro espiatorio di tutta una generazione tradita che assiste impotente al declino della polis ateniese. Vilipeso e abbandonato dai compagni, Filottete ha però una seconda possibilità: quaranta anni dopo la scrittura dell’Aiace, Sofocle torna in qualche modo sugli stessi passi, e “salva” il protagonista, accostandogli un amico umano (Neottolemo) ed un amico divino (Eracle). TRAMA La tragedia è ambientata sull’isola di Lemno. Filottete, partecipe della spedizione contro Troia, è stato morso da una vipera che gli ha procurato una ferita insanabile e infetta. I Greci, non sopportando la compagnia e le urla dell’ammalato, lo hanno abbandonato sull’isola di Lemno con l’arco che aveva ricevuto in dono da Eracle. Ma un vaticinio svela che l’arco di Eracle costituisce l’unica arma in grado di debellare la resistenza dei Troiani: l’abbandonato, l’escluso, diviene improvvisamente il perno della conquista della città nemica. Ora Odisseo torna sull’isola accompagnato dal giovane Neottolemo, figlio di Achille, per sottrarre con l’inganno l’arco a Filottete: fingendosi nemico di Odisseo e degli Atridi, Neottolemo dovrà guadagnarsi la fiducia dell’eroe. Il “piano”giunge a buon fine, quando Filottete, colto da un accesso del suo male, consegna l’arco al giovane “amico”. A questo punto, in preda al rimorso, il figlio di Achille si oppone ad Odisseo, mostrando nobiltà d’animo e rispetto nei confronti del sofferente, a cui restituisce l’arma tentando invano di persuaderlo a imbarcarsi con loro per conquistare la città nemica. L’intervento ex machina di Eracle sancisce la risoluzione dell’intreccio e la partenza di tutti per Troia dove Filottete sarà curato e la città conquistata grazie all’arco e al suo possessore.

CALENDARIO MAGGIO (inizio spettacoli h. 18.30) 11 MER 12 GIO 13 VEN 14 SAB 15 DOM 16 LUN 17 MAR 18 MER 19 GIO 20 VEN 21 SAB

Filottete Andromaca Filottete Andromaca Filottete Riposo Filottete Andromaca Filottete Andromaca Filottete

22 DOM 23 LUN 24 MAR 25 MER 26 GIO 27 VEN 28 SAB 29 DOM 30 LUN 31 MAR

Andromaca Riposo Andromaca Filottete Andromaca Filottete Andromaca Filottete Riposo Filottete

Info: Tel. 0931 487248 biglietteria@indafondazione.org Corso Matteotti, 29 - dal lun-ven 10/13 – 15/17


Lungomare A. Doria Marina di Ragusa Tel. 0932 616543 www.margaritabeach.it

Parco Giovanni Paolo II Ragusa info e prenotazioni 0932 686992


IL 17 MAGGIO FINALMENTE SI INAUGURA LA BIBLIOTECA COMUNALE Saro Distefano

F

inalmente Ragusa ha la sua biblioteca. Non che non ci fosse, ma dopo 25 anni il Comune di Ragusa è riuscito a donare alla sua cittadinanza uno spazio adeguato per la corretta fruizione dell'importante, e dai più disconosciuto, patrimonio librario, ricco tra l'altro di testi rari ed antichi. 25 anni di rimandi, 25 anni di menzogne, 25 anni di amministrazioni e di progettisti a dir poco ambigui. Ma questo forse non è più il momento di far polemiche, con buona pace di qualche collega provinciale che nei mesi scorsi si è divertito a mandar in onda servizi canzonatori sulle promesse dell'assessore Francesco Barone, che, insieme al sindaco Dipasquale, può oggi fieramente sottoscrivere il risultato raggiunto. Il prossimo 17 maggio alle ore 18 il Comune di Ragusa, alla presenza delle autorità e dei tanti cittadini inaugurerà la nuova sede della Giovanni Verga in via Zama. Una marcia a tappe forzate iniziata nel 2007 quando l'attuale amministrazione, nell'incredulità generale, aveva promesso che nel giro di poco tempo avrebbe tagliato il famigerato nastro. Nel

6

novembre scorso noi della redazione fummo invitati a visionare la struttura e lo stato dei lavori, con nostro stupore constatammo che la biblioteca era quasi pronta, risolti gli ultimi problemi allora legati al sistema antincendio e all'arredamento degli interni, oggi possiamo brindare alla nascita della nuova sede. “Una nuova scommessa vinta – ha dichiarato entusiasta l'ass Francesco Barone – forse la più importante del mio mandato. La storia di questo edificio è lunga ed oramai era divenuta una vergogna, per noi come amministratori, ma sopratutto per noi come cittadini”. Una struttura all'avanguardia dotata di una biblioteca multimediale, con gli spazi dedicati all'apprendimento dei più piccoli e con la sala per i non vedenti. In un momento di crisi quale è quello che stiamo vivendo, che coinvolge anche le amministrazioni pubbliche, “non è stato facile trovare i finanziamenti adeguati – continua l'assessore Barone – senza dilapidare le casse comunali, ma alla fine anche grazie alle sponsorizzazioni dei privati siamo riusciti nell'intento”.


Fino al 16 maggio alla Galleria Koiné di Scicli

L

LUOGHI E RITI. UN VIAGGIO NEL TEMPO DI GUGLIELMO MANENTI

a mostra personale dell’artista siciliano Guglielmo Manenti presenta circa 25 opere a tecnica mista su carta che raccontano, come spesso accade con questo artista che è anche illustratore, il paesaggio dei palazzi,delle chiese e le vie di Scicli e di Modica in uno stile trasognato e ideale, cercando di recuperare l’antico anche nella scelta dei colori quasi antichizzati e sfumati. E’ la Sicilia dei silenzi e dell’armonia, ma anche della solitudine e del lutto nelle citazioni artistiche dei dipinti presenti in alcune chiese della cittadina. Manenti continua il suo viaggio alla ricerca delle tradizioni e dei riti della sua

terra (Milizie, 2009), consapevole della profondità del suo racconto evocatore. Lo stile, che ricorda le stampe ottocentesche degli artisti europei, si espande in coloriture e tratteggi sfumati, leggeri, tenui per dare all’immagine un’emozione di sogno, di perfezione mai più raggiunta. C’è del rimpianto nelle opere dell’artista per un mondo che si va imbarbarendo e perde il senso del passato e della storia di tutti noi, ma anche la consapevolezza che la memoria delle nostre radici e della nostra cultura è ancora fondamentale per vivere il nostro difficile presente e affrontare il futuro

TEATRO & MOSTRE MUSICA Sabato 7 maggio 16 ° Stagione Concertistica Internazionale "Melodica" - IL FLAUTO DI PAN Flauto: Michele Menardi Noguera (Italia) Pianoforte: Loris Orlando (Italia) Auditorium della Camera di Commercio - start 20.00 ingresso gratuito domenica 8 maggio 4ª Stagione Concertistica "Ibla Classica International 2011" "MELODIE GIOCOSE E DIVERTENTI PASSANDO PER ... NAPOLI" Eugenio Gallani Leggiadri, baritono - Maria Gabriella Orlando, pianoforte Teatro Donnafugata Ragusa Ibla - Start h. 18 Ingresso 10 euro domenica 15 maggio 4ª Stagione Concertistica "Ibla Classica International 2011" "TU, CHE DI GEL SEI CINTA...." Victorya Nosovskaya, soprano - Francesco Mirabella, pianofote Teatro Donnafugata Ragusa Ibla - Start h. 18 ingresso 10 euro domenica 22 maggio 4ª Stagione Concertistica "Ibla Classica International 2011" LA GRANDE LIRICA: TRE SECOLI DI PASSIONI Alexandra Oikonomou, soprano Daniele Petralia, pianoforte Teatro Donnafugata Ragusa Ibla - Start h. 18 ingresso 10 euro

27 maggio I MAESTRI DI... LONDRA Ensamble "I Maestri" di Londra (Inghilterra) Violino: George Hlawiczka Oboe: Melanie Rothman Teatro Naselli Comiso Sabato 28 16 ° Stagione Concertistica Internazionale "Melodica" Concerto Orchestrale di chiusura Orchestra “I Maestri” di Londra (Inghilterra) Direttore: George Hlawiczka Oboe: Melanie Rothman Pianoforte: Laura Nocchiero (Italia) Auditorium della Camera di Commercio Apertura al pubblico ore 20 Ingresso gratuito

TEATRO domenica 8 maggio TAORMINA 5 STELLE VISTA MARE spettacolo della Compagnia teatrale di Enrico Guarneri con la partecipazione di Enrico Guarneri e Manuela Villa Teatro Tenda Ragusa Start h 19 info. 388.8965593 095.7225340 giovedi 13 maggio LAVORI IN CORSO di C. Fava Regia di N. Bruschetta Con D. Coco, M. Marchetti, F. Taher, A. Alveario - Musiche di T. Canto Teatro Garibaldi Modica C.so Umberto I 207/211 Modica - 0932 1972298

MOSTRE Dal 9 aprile al 7 maggio PERSONALE DI SIMONE ETERNO Galleria Lo Magno - Via Risorgimento 91 - Modica Dal 9 aprile al 9 maggio YOUNG FOREVER Marco Bonafè, Giuseppe Buzzotta, Valentina Cirami, Francesca Fiore, Francesco Fontana, Giuseppe Lana, Andrea Martinucci, Stefania Palmieri, Alia Scalvini, Stefania Zocco. A cura di Francesco Lucifora. Palazzo della Cultura Corso Umberto I 149 – Modica Bassa Visite: ore 9 - 19 Dal 16 aprile al 14 maggio WOMEN X WOMEN Fotografie di Giuliana Mariniello, Claire Joubert, Malka Inbal, Susana Girón, Lucia Ganieva, Rania Akel. Degustarte Spaziostrano corso Vittorio Veneto,120 Ragusa Inaugurazione : sabato 16 aprile 2011 h.19 Orari : da lunedì a sabato h. 17-20 Dal 16 aprile al 16 maggio GUGLIELMO MANENTI. LUOGHI E RITI UN VIAGGIO NEL TEMPO Galleria d'arte Koiné Via F.M. Penna 40 - Scicli Visite: mercoledì-giovedìvenerdì 18.30-20.30; sabato-domenica 10.3012.30, 18.30-21.30

Dal 20 aprile al 18 giugno UKIYO-E. STAMPE GIAPPONESI ‘700 / ‘800 Shunsho|Koryusai, Kiyonaga|Utamaro, Hokusai|Kyoden, Eisho|Toyokuni, Kunisada|Eisen, Hiroshige, Yoshitoshi. Centro Esposizioni Chiaroscuro - via Aleardi 20 - Scicli Visite: martedì – domenica 17.00-21.00 Dal 6 maggio al 30 giugno Mostra antologica Omaggio ad Antonio Bettini, in arte "Nino Caffè". Edonè - via Cavour, 39 Vittoria Visite: 10/13 - 17:30/21:00 dal martedì alla domenica Inaugurazione: venerdì 6 maggio ore 19:30. Dal 23 aprile al 2 luglio AGAIN AND AGAIN a cura di Adrian Paci. Claudia Campus, Emma Ciceri, Giulia Marin, SusanaPilar Delahante Matienzo, Driant Zeneli. Laveronica arte contemporanea Via Grimaldi 93 - Modica Inaugurazione: Sabato 23 Aprile, ore 21 Visite: dal martedì alla domenica ore 15:00 - 22:30. Fuori orario su appuntamento. Tel. +39 339 2429308

7


show con THE BALLROOM KINGS and MISS BEAU ROCKS from LONDRA

i ritmi scatenati degli anni ‘50 {12 musicisti, 4 ballerini, 1 presentatore, 1 miss burlesque}

Il rock'n roll e il Burlesque… Insieme!

R

accontare la storia di un decennio, gli anni 50, attraverso la musica, il ballo, il burlesque, fare un viaggio a ritroso nel tempo per riappropriarsi di alcuni valori ormai persi e ritrovare una felicità nel presente fatta di cose semplici, questo è The Ballroom Kings Show Show. Si tornerà a ballare nei teatri, come nell’America degli anni ‘50, il rock’n roll, lo swing e il rythm and blues. The Ballroom Kings Show infatti riporta questa musica, interamente live, nei teatri, proprio come fece Alan Freed negli anni ‘50 in America (il fenomento che si scatenò in America in quel decennio è sicuramente dovuto a questo personaggio poliedrico). Al Brooklyn Paramount Theatre di New York, Freed, organizza numerosi e mitici "Rock’n Roll Stage Show" nei quali, fra il 1955 e il 1958, allo stesso Freed, con la sua orchestra, si alternano tutti i "grandi": Bill Haley and His Comets, The Platters, Freddie Bell and the Bell Boys, Frankie Lymon, Little Richard, Chuck Berry etc. La storia racconta che mentre lavorava come disc jockey alla WJW radio, a Cleveland (Ohio), decise di organizzare il primo concerto di rock and roll: "The Moondog Coronation Ball" alla Cleveland Arena. Capienza di 10 mila posti, arrivarono 30 mila persone. Fu il finimondo e lo show dovette chiudere prima. Nei teatri del terzo millennio sarà Freddy, conduttore dello Show, che vi accompagnerà in questo percorso multisensoriale attraverso la narrazione storica di fatti, vicende e curiosità di alcuni tra gli artisti che hanno segnato quell’epoca. La presenza dei Ballroom Kings, combo orchestra di 12 elementi eleganti nei loro smoking neri, che con il loro esplosivo rythm and blues, jive e swing faranno diventare il teatro una vera sala da ballo con l’ausilio delle coreografie in stile delle due "sensational dancers". Accanto ai The Ballroom Kings…. la bellissima ed eterea Miss Beau Rocks, direttamente da Londra, ci condurrà, con movenze eleganti e sensuali, nel magico pianeta del Burlesque. Che cos'è il Burlesque? Per i pochi che ancora non lo sapessero è una forma di scanzonato e spensierato spettacolo che diverte e stuzzica, in cui delle belle signorine si spogliano con un certo senso dello humor. Le signorine in questione non rimangono però mai interamente nude: slip e "puntini" rimangono al loro posto e lo spettacolo è di buon gusto e raffinato, adatto per un pubblico elegante. Insomma uno show dalle radici antiche e crea vede le sue origini negli spettacoli teatrali di strada, nel vaudeville e nei side show soprattutto degli anni '40 e '50.

8

VENERDI 27 MAGGIO 2011 - ORE 21.00 MAGIC BURLESQUE SHOW - Concerto con THE BALLROOM KIGS Performance di MISS BEAU ROCKS TEATRO TENDA - RAGUSA ingresso 10 euro - INFO E CONTATTI TEL. 348.0320646 stranofficina@gmail.com


Mercatino delle Pulci Appuntamento a Marina di Modica, il 1 maggio 2011 , con la I° edizione del Mercatino delle Pulci, organizzato dall'Associazione “Il filo di Arianna”, nella piazza Mediterraneo, fronte porto. Dall'alba sino al tramonto la prima domenica di ogni mese da maggio ad ottobre, un assaggio di novità nell'incantevole Marina di Modica attraverso oggetti altrimenti destinati a restare nascosti che invece con l'uso del mercatino delle pulci rinascono a nuova vita e con nuovi proprietari. Caterina Di Perri

Sabato 7 maggio LIVE BAND CAPITAN FATTUME E GLI INDIFFERENZIATI genere: folk Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30 giovedì 12 maggio Dj set Coach present: RAP STORM IN DJ SET Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30 venerdì 13 maggio SYNCOPATICS DJ STONIC Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

lunedì 16 maggio FONDERIE SONORE dj set Jose Dicaro Baqqalà – Scicli piazzetta Ficili start 22.30 giovedì 19 maggio BASS FREQUENCE DRUM & BASS Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30 venerdì 20 maggio REGGAE_ROCK PARTY DJ SET THE ROCK HOUSE Antonio Pulvirenti Dario Di Pietro Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

LIVE BAND DAVIDE DI ROSOLINI & I CASI CLINICI genere: cantautorale Jester Pub Ragusa viale Europa n° 294/296 start 22.30

sabato 21 maggio Marco Trapani: "DUNE" DARK AMBIENT Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

sabato 14 maggio COMMA COMMA PART 4 DANCEHALL Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

giovedì 26 maggio Saro Occhipinti be coming x – from rock to electro Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

venerdì 27 maggio LIVE BAND ACUSTI BAHIA genere: brazilian music Baqqalà – Scicli piazzetta Ficili start 22.30 FLYING BEATS DJ SALVO SALAFIA Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30 sabato 28 maggio Dj set Coach present: RAP STORM IN DJ SET Manaki Ragusa Ibla via dei Normanni 35 START 22.30

Da lunedì al giovedì cuciniamo su richiesta, quello che volete...

9


Attitude maggio notte