Issuu on Google+

Una Riunione. Dove? Perchè? Con chi? Quando? Eh? Un'introduzione, per dire e non dire. E' una serata d'inverno, freddissima, con l'aria che gela il fiato e intorpidisce il corpo. Ma in un angolo della città esiste un posto che sa bene come sconfiggere il ghiaccio di stagione, animato dal calore delle persone che lo affollano: è un teatro di quartiere. Entrando da una porticina sul retro, tra mura e scale, si scende fino a al motore pulsante dell'intera struttura. Un luogo dove le idee nascono e crescono, e sfociano, poi, dinanzi a una platea di poltrone color porpora, al piano di sopra. E' una sala prove come tante, arredata per funzionalità, con sedie tutte diverse e dalla dubbia provenienza, un baule stracolmo di oggetti di scena, e un tavolo, ancora solidissimo, che ha fatto il giro di tantissimi teatri italiani. C'è persino un vecchio divano, così comodo che sostituirlo sarebbe un vero peccato. Il silenzio del mattino è interrotto dal fruscìo di una scopa: il custode del teatro è già... all'opera. Toglie la polvere, accende le stufette, si prepara per l'arrivo della Compagnia. Stasera si decide! La nuova stagione teatrale è alle porte e i membri sono convocati ad una riunione speciale per decidere il nuovo spettacolo da portare in scena. Sono ben accette tutte le proposte, e nessuno, proprio nessuno, si risparmierà dall'esprimerle. Al vivacissimo dialogo artistico si intrecceranno i caratteri dei presenti, scoppiettanti, timidi, testardi o pragmatici, e quelle dinamiche di gruppo, quelle vicende intime che si cerca di tenere nascoste per evitare che la sfera professionale si mischi con quella personale. Lo spettatore si calerà dall'alto con un filo trasparente, oppure si apposterà dietro ad una porticina a spiare dal buco della serratura. Potrà guardare cantanti, attori e ballerini misurarsi con le proprie emozioni e con i brani che costellano il panorama internazionale del musical. E potrà farlo senza essere visto... o quasi.

Com'è la vita di teatro? Cosa accade dietro le quinte, prima che il sipario si apra? Dove punta l'occhio di bue prima di accendersi? Come nasce un nuovo spettacolo?


“Riunione di Compagnia - Un geniale pretesto per fare musical" vuole provare a dare una risposta, giocando con il ruolo che la musica assume nella vita delle persone, e sorprendendo il pubblico con elementi e storie di tutti i giorni, ma reinventati, ricontestualizzati: vini e provini, dive e romantiche, rospi e vipere. Ma anche iene, gioielli, reggicalze, e teschi. I brani proposti durante lo spettacolo sono estrapolati da Musical famosi in tutto il mondo, presi in prestito dalla trama originale e adattati al contesto. Nessuna nota o parola è a caso: in quel momento, in quell'incontro, ogni brano si arricchisce della trama in cui i protagonisti sono immersi, intessendosi nelle loro vite ed evolvendosi insieme.

In questo calderone teatrale, con innumerevoli ingredienti, si cuoce una pozione che profuma di commedia: poco meno di due ore di divertimento assicurato. Un geniale pretesto per fare musical. Perchè ogni scusa è buona per fare quello che (ci) piace. "Riunione di Compagnia" è uno spettacolo nello spettacolo, fatto insieme al pubblico. E' un caleidoscopio che cattura le luci della ribalta e i brani più rappresentativi delle opere di maggior successo, e che incanala le energie di un nutrito cast in una storia gustosa. Storia che, in fondo, potrebbe essere quella di qualunque gruppo teatrale. La compagnia in scena approfitta della riunione tecnica per trasformare la sala prove in un palco vero e proprio, sfoggiando i brani di repertorio e avendo come pubblico unicamente loro stessi. Lo stillicidio di proposte è una corsa alla decisione finale, ma è soprattutto un fiume in piena, ricco di immissari, che travolge tutti i cantattori, anche coloro che coltivano gusti diversissimi. Perchè riunirsi intorno al tavolo a blaterare per ore, quando il modo più efficace per proporre un Musical è viverlo? E allora... via! Non si alza la mano per dire la propria, si inizia subito a suonare e a


cantare. Non si perde tempo a parlare di costumi, li si indossa, ci si muove. Qualcuno alimenta il sogno di esibirsi? Gli sia dato ascolto, senza troppi indugi! L'occasione per fare teatro, per fare Musical, si trova sempre. Oppure la si crea, quando non c'è. E una riunione di compagnia è un pretesto davvero geniale.

"Aspettando Broadway", compagnia reale, impersona i membri di questo affiatatissimo gruppo di artisti. E lo fa seguendo una filosofia che accompagna da sempre il lavoro nei teatri in cui si esibisce: non occorrono scenografie sfarzose, oggetti di scena impegnativi, costumi sontuosi. Un corpo e una voce, da soli, riempiono stanze, illuminano strade. Ogni luogo e tempo possono accogliere l'arte teatrale, ed ogni scusa che si presenta diventa un'occasione per esibirsi e coinvolgere chi vuole vivere di emozioni.

Articolo di MIRKO BUZZONI Foto di Valentina Strada


Riunione di compagnia