Page 92

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato - Rev. 01/10/2011 5 - Realizzazione della centrale eolica 5.1 - La valutazione delle infrastrutture

5 - Realizzazione della centrale eolica Il presente capitolo descrive le fasi di realizzazione della centrale eolica, dall'organizzazione delle infrastrutture e del cantiere, all'entrata in servizio della centrale. L’ultimo paragrafo è stato dedicato ai relativi aspetti di sicurezza da attuare in cantiere di cui al D.Lgs. 81/2008.

5.1 - La valutazione delle infrastrutture La valutazione delle infrastrutture è molto importante ai fini della corretta realizzazione della centrale eolica. Essa deve essere eseguita su più fronti e prima di iniziare la costruzione, per evitare brutte sorprese proprio nella fase realizzativa. Gli aspetti principali da valutare preventivamente sono: • viabilità ed accessibilità, con studio di eventuali modifiche che permettano un

accesso migliore al sito da parte dei trasporti più impegnativi, sia dal punto di vista dei pesi, sia delle dimensioni; • allaccio alla rete elettrica in media tensione (MT) o in alta tensione (AT), con

studio su eventuali situazioni critiche di sovraccarico. Lo studio della viabilità e dell’accessibilità al sito prescelto è di fondamentale importanza, in quanto non sempre é possibile costruire nuove vie d’accesso ed in alcuni casi l’adeguamento delle vie esistenti potrebbe risultare troppo oneroso, anche se spesso soprattutto in zone montane - si realizzano percorsi alternativi non asfaltati che possono essere riutilizzati dalla viabilità rurale locale, oppure possono essere riassorbiti dall’ambiente stesso, essendo tracciati provvisori per i quali non si eseguono lavori definitivi. L’allaccio alla rete di trasmissione di energia nazionale è un altro punto focale importante. Sovente le zone di interesse per la realizzazione di centrali eoliche sono zone rurali lontane dai grandi centri abitati e generalmente dipendenti dall’esterno per la fornitura di energia elettrica poiché non vi è nelle vicinanze produzione di energia né da fonte rinnovabile né da fonte tradizionale. Ne consegue che la rete a MT (15-20 kV) è stata pensata per essere una rete passiva, ossia una rete di distribuzione di energia elettrica senza la presenza di un generatore nella zona. Questo fatto è importante, in quanto le fattorie eoliche hanno spesso delle potenze significative, quindi occorre uno studio sul comportamento della rete elettrica locale soggetta all’esportazione dell’energia. Centrali con potenza superiore a 10 MW sono normalmente collegati ad una rete di trasmissione tra 60 e 150 kV. Oltre alla maggiore capacità di esportazione di energia, una tale rete é caratterizzata da una maggiore stabilità e, soprattutto, da una minore frequenza di interruzioni. Si possono riscontrare centinaia di interruzioni su una rete MT

A cura del dott. mag. ing. Attilio Domenico CARDILLO - http://sites.google.com/site/dottmagingcad

85

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato  

Il testo si presenta come una panoramica generale, a carattere divulgativo, sulle caratteristiche del vento quale fonte di energia rinnovabi...

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato  

Il testo si presenta come una panoramica generale, a carattere divulgativo, sulle caratteristiche del vento quale fonte di energia rinnovabi...

Advertisement