Page 169

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato - Rev. 01/10/2011 11 - I processi autorizzativi degli impianti in Italia 11.1 - La legislazione

11 - I processi autorizzativi degli impianti in Italia Il capitolo presenta la realtà legislativa del nostro Paese in merito alle fonti energetiche rinnovabili - in particolare quella eolica - mettendo in luce da una parte gli strumenti governativi che le sostengono, dall'altra le barriere che ne limitano lo sviluppo. I processi autorizzativi sono inoltre visti alla luce della Valutazione di Impatto Ambientale e delle norme per la pianificazione di impianti onshore e offshore.

11.1 - La legislazione I primi strumenti governativi di un certo rilievo a sostegno delle fonti rinnovabili in generale, e dell’eolico in particolare, sono stati il Piano Energetico Nazionale del 1988, che stabilisce un obiettivo di 300-600 MW di eolico installati al 2000, le leggi 9/91 e 10/91, quest’ultima che prevede un contributo in conto capitale per la realizzazione dei progetti, ma soprattutto il successivo provvedimento CIP 6/92, che stabilisce prezzi incentivanti per la cessione all’ENEL di energia elettrica prodotta con impianti a fonti rinnovabili o “assimilate”. Questo provvedimento determina, per l’energia eolica, un prezzo di cessione composto da due voci: • Voce 1: costi evitati dal proprietario dell’impianto e riconosciuti per l’intera vita

dell’impianto; • Voce 2: sovraccosti correlati ai maggiori costi della specifica tipologia di impianto,

riconosciuti soltanto per i primi otto anni. Tra le altre prescrizioni, vi sono gli oneri di allacciamento che, per le fonti rinnovabili e nelle regioni con deficit energetico, sono fissati nella misura di 1/3 a carico dell’autoproduttore e per 2/3 a carico dell’Enel. Successivamente, con due Decreti del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (luglio 1996 e gennaio 1997), è stato confermato che i prezzi di cessione del Provvedimento CIP 6/92 devono essere pagati per gli impianti già realizzati, in corso di realizzazione, o inclusi sino alla sesta graduatoria al 30 giugno 1995. Gli impianti eolici potenzialmente beneficiari della tariffa CIP 6/92 assommano così ad una potenza complessiva di poco superiore ai 700 MW. Il quadro normativo italiano sulle fonti rinnovabili, anche per rispettare gli impegni internazionali, ha subito più recentemente profonde modifiche. Le principali tappe di tale processo sono state: • Delibera CIPE del 19.11.1998 “Linee guida per le politiche e misure nazionali di

riduzione delle emissioni di gas serra”;

A cura del dott. mag. ing. Attilio Domenico CARDILLO - http://sites.google.com/site/dottmagingcad

162

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato  

Il testo si presenta come una panoramica generale, a carattere divulgativo, sulle caratteristiche del vento quale fonte di energia rinnovabi...

ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato  

Il testo si presenta come una panoramica generale, a carattere divulgativo, sulle caratteristiche del vento quale fonte di energia rinnovabi...

Advertisement