Issuu on Google+

il passo di Efesto Poesia 7


Š 2012 ATí Editore S.r.l. www.atieditore.it prima edizione Dicembre 2012 ISBN 978-88-89456-55-2


Edoardo Zuccato

Il dragomanno errante Quaderno di traduzioni


a mo’ dI PrEfaZIonE


Portando al dI qua

Per ogni parola che ho portato al di là, ne ho portate dieci al di qua. Più che tradurre, il mio lavoro è stato cisdurre. dall’estraneo al familiare, dallo straniero al noto. la norma è questa. Pochissimi i traduttori, milioni i cisduttori. Compresi bilingui e trilingui, che viaggiano meglio verso casa pur ignorando dove sia di preciso. o le migliaia che vedono il mondo in traduzione di lingua ignota che per intuire consumano la vita. Cisduttori supremi della perfezione, compilano dizionari umanese-angelese la cui parte seconda resta sempre incompiuta. Il medio patrono dei traduttori, non Girolamo ma Caronte, porta i vivi nel regno dei morti e ogni tanto, per bilanciare la barca, si fa cisduttore e ricarica un morto per il regno dei vivi. Perciò pure lui è un traduttore incompleto. traduttrice perfetta ne esiste una sola, patrona vera di quel mestiere, che viaggia sempre in un senso, senza ritorno e ti trasporta in silenzio nella lingua dell’acqua e terra e aria.

9


I


GuIlhEm DE PEITIEu

Vöri fà ’na puesia faj d’un bel gnent, ca parla né da mi né di òltar gent e nanca da giuentü, dul sentiment o d’àltar ball, ch’a vèss sincer l’ho faj bel e indurment sül mè caval. mi ’l só menga a che ura sun nassüü, sun menga gió da gir ma nanca sü sun no né ’n furesté né vün de nüm, fó quel ca fó parché da nott ’na stria la m’ha striâ sü sü ’n mutarón. Se mi sun dissedâ o sun dré durmì ’l só propi no, sa ma l’han menga dî, e pal dulur ul cör a l’é lì lì vignìgh un émbul: ma mi ’sa ma interessa chi robb chì, oh sacramémbal.

Voglio fare una poesia fatta di un bel niente, / che parli né di me né degli altri / e neppure di gioventù, sentimenti / o altre storie, / che a esser sincero l’ho fatta mentre dormivo / sul mio cavallo. // non so a che ora sono nato, / non sono giù di morale ma neanche su / non sono straniero ma neanche nativo, / faccio quel che faccio / perché di notte una strega mi ha stregato / su un erto colle. // Se sono sveglio o dormo / non lo so proprio se non me l’hanno detto, / e per il dolore al cuore sta / per venire un embolo: / ma che me ne importa di queste cose, / oh sacramento. //

13


mi sun malâ, ma pâr c’ho da murì, só dumâ quel che j òl m’han riferî. G’ho bisogn d’un dutur ’ma disi mi, ma va’ truàl; l’é brau sa l’é bon da fàm guarì, se no l’é ’n ciall. G’ho ’n’amisa e só nanca chi ca l’é; l’ho mai vista, v’al giüri süj giüdé, l’ha m’ha faj no né dispett né piasé, pace, fa gnent: che in câ mia né tugnitt né francés gh’é vignüü dent. l’ho mai vista epür par lé ho perdüü ’l có, regal e tort sun chì a spiciàj ammó; sun tütt cuntent quand mi la vedi no, ga n’ho nan’ paj pé: un’òltra bèla e graziusa ga l’ho, un toch mej che lé.

Io sono malato, penso che morirò, / so solo quello che gli altri mi hanno riferito. / Ho bisogno di un dottore come si deve, / ma vai a trovarlo; / è bravo se riesce a guarirmi, / se no è un ciarlatano. // Ho un’amica e non so neanche chi sia; / non l’ho mai vista, ve lo giuro sui giudei, / non mi ha fatto né dispetti né piaceri, / pazienza, non importa: / che in casa mia né crucchi né francesi / sono mai entrati. // non l’ho mai vista ma per lei ho perso la testa, / regali e torti sto ancora aspettandoli; / sono tutto contento quando non la vedo, / non me ne importa un fico: / un’altra gentile e bella ne ho, / molto meglio di lei.

14


al só menga in dua la staga da câ se in culina opür gió da bass di prâ; l’é mej dìll no ul tort ca la ma fa, basta paroll; e parché lé la vör menga andà ignâ mi meni i toll. Cantà ho cantâ, e da cusé al só menga. mó gh’al mandi travers ’na cunuscenza a vön ca ga la manda cun urgenza in dal Peitau, che pal sò büs ma mand’ indré la ciâv gemèla e s’ciau.

non so dove abiti / se in collina o nei prati in piano; / è meglio non dire il torto che mi fa, / basta parole; / e poiché lei non vuole andarsene / tolgo io il disturbo. // Cantare ho cantato, e di cosa non lo so. / adesso lo mando tramite conoscenza / a uno che lo mandi con urgenza / nel Peitau, / che per il suo buco mi mandi indietro / la controchiave e chiusa lì.

15


SIr PhIlIP SIDNEy

aStroPHIl and StElla SonEtto

1

amando veramente, per dirlo in poesia, così che lei goda un po’ del mio dolore, e godendo legga e sappia del mio cuore, e sapendo abbia pietà e così sia mia, ritrassi il volto nero dell’agonia, studiandole tutte, da intrattenitore, e per la mia mente bruciata dal sole cercai pioggia rinfrescante in libreria. Però ne uscì un balbettio senza inventiva, che, figlia di natura, fuggì dall’arte matrigna i cui ritmi per me non son vivi. Perciò in doglie disperate, pronto al parto, per l’ira mordendo me e la penna inerte, “Bamba”, sentii la musa, “guàrdati il cuore e scrivi.”

16


SonEtto

5

Vero che gli occhi devono servire la ragione, e che la parte divina dovrebbe dare leggi che sfuggire, contro natura, porta alla rovina. Verissimo, “Cupido” è solo un dire da cui caviamo un’immagine fina e andiamo, babbei, nel tempio del cuore finché per quel dio la chiesa rovina. Vero che vera bellezza è virtù di cui questa è soltanto un’ombra bella, figlia di un grumo caduco di chimica. Vero, siamo pellegrini che su dovrebbero dirigersi con l’anima. Vero. Eppure vero che amo Stella.

17


WIllIAm ShAkESPEArE

SonEtto

18

t’ê da métt ti cut un dì dul mes da lüj? ti te sê püssé cerusa e muderâ. ul ventasc dul mes da magg sgarbüta sü i gemm di fiur, e in d’un buff l’està la va. di volt l’ugión dul su l’é tropp sbrujént epür da spess la sò cera la sbiadìss; e prest o tard anca i robb bej passìss quan’ la natüra ga gira ’l sacrament. ma la tò està la dürarà da matt e ti, bèla ’ma te sê, a facia scüra da la mort la ta farà un bell nagótt – ti e i mè vers dürarê fin’ ca la düra. E in mezz aj òmm e i donn ca vegnarà, ti no, ma ’l tò ricord al ga sarà.

Vuoi che ti paragoni a un giorno di luglio? / tu sei più affabile e moderata. / Il vento aspro di maggio maltratta / le gemme dei fiori e in un soffio l’estate passa. / a volte il grande occhio del sole è fin troppo ustionante, / eppure spesso il suo colore sbiadisce; / e prima o poi anche le cose belle appassiscono / quando la natura si indispone. / ma la tua estate durerà moltissimo / e a te, bella come sei, la faccia scura / della morte non farà nulla – / tu e i miei versi durerete quanto è possibile. / E in mezzo agli uomini e alle donne del futuro / tu no, ma il tuo ricordo resterà.

18


Pagine da Zuccato Dragomanno_Zuccato