__MAIN_TEXT__

Page 1

LX5POM...............22.02.2010.............23:16:15...............FOTOC21

LIVORNO

IL TIRRENO

MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

V

Avviso Asl: attenti alle formiche in corsia Affissi i cartelli sugli armadietti nel reparto maternità, preoccupate le gestanti

Sui comodini tenete i cibi ben sigillati LIVORNO. Riportiamo il comunicato che è stato affisso nel reparto di ostetricia dell’ospedale cittadino. Oggetto: eventuale presenza di formiche in reparto. Nel corso dell’anno e in particolar modo negli ultimi mesi, si è visto incrementare la presenza di formiche, fenomeno comunque da ritenersi pressoché naturale per il più rapido ciclo riproduttivo. Si prega le pazienti di limitare la presenza di alimenti mal confezionati, mal sigillati e mal riposti sul comodino, e del corretto utilizzo dei cestini presenti nella stanza gettando i rifiuti alimentari nell’apposito contenitore situato nei bagni.

L’oggetto dell’avviso, sistemato a fianco di quelli che informano sugli orari di visita all’interno del reparto, è molto esplicito: «Eventuale presenza di formiche in reparto». Una presenza che in verità le degenti e i loro familiari eviterebbero volentieri, soprattutto in considerazione del fatto che il luogo eventualmente “infestato” dagli insetti non è un edificio qualsiasi, ma una struttura sanitaria, dove dovrebbero essere garantite perfette condizioni igieniche. Le partorienti, dal canto loro, prima leggono il comunicato e poi cominciano a scrutare in terra, lungo le pareti, negli angoli della stanza dove sono ricoverate, aprono gli armadietti e i comodini dove tengono le poche vettovaglie concesse loro dalla “dieta ospedaliera” per verificare che gli insetti non abbiano già cominciato ad avanzare. Una volta scongiurata l’invasione degli animaletti neri, tornano ad osservare con stupore il comunicato, attaccato nelle loro camere come si trattasse di una qualunque nota di servizio. E rimangono stupite, come del resto

IN BREVE VIA DI POPOGNA

Presto via ai lavori per il nuovo manto in asfalto LIVORNO. I lavori della Provincia per il rifacimento del manto di asfalto in via di Popogna saranno avviati nei prossimi giorni, condizioni meteorologiche permettendo. L’intervento interesserà il tratto tra via Grotta delle Fate e la rotatoria di via Rasaguta, le cui cattive condizioni erano state segnalate da parte della circoscrizione. La Provincia ha affidato l’incarico per un costo complessivo di circa 40.000 euro.

CENTO CANDELINE

Per la signora Brunetta Mazzoni una rosa e gli auguri della città LIVORNO. Domani Brunetta Mazzoni compirà cento anni e, per l’occasione, il sindaco Alessandro Cosimi le invierà una rosa e gli auguri della città. Brunetta è una centenaria davvero in gamba: cucina, provvede personalmente alla casa e gioca a carte. Non c’è giorno che salti una partita a ramino con la sorella ottontanovenne, così come la lettura del quotidiano. Brunetta, nata a Livorno, ha sempre vissuto e lavorato in città. Dal 1925 al 1967 ha lavorato nella fabbrica di cedri canditi Torelli.

STAZIONE MARITTIMA

La Cgil provinciale a congresso per eleggere il nuovo segretario LIVORNO. Giovedì 4 e venerdì 5 marzo alla Stazione Marittima si terrà il congresso Cgil provincia di Livorno: “Con Cgil per difendere il lavoro e liberare i diritti”. Parteciperanno: Franca Cecchini, segretaria Cgil regionale per formazione e lavoro, Fabrizio Solari, della segreteria Cgil nazionale. Il programma di giovedì prevede alle 15.15, relazione del segretario generale Maurizio Strazzullo e poi l’elezione del nuovo segretario.

parenti e amici che le vanno a trovare, pensando anche al fatto che il reparto maternità si trova al secondo piano dell’ospedale e non al piano terra, dove per gli insetti

Il comunicato sistemato su un armadietto del reparto maternità

ASSOCIAZIONE LIBRA

Disturbi alimentari: un corso per la diagnosi LIVORNO. In città il 10% dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni soffre di disturbi alimentari. Un disagio, quello legato al rapporto con il cibo, che anche nella nostra zona sembra coinvolgere un numero sempre più elevato di giovani. Per comprendere le basi di questo disturbo Libra, l’associazione dei disturbi alimentari no profit, organizza un percorso formativo rivolto ai docenti delle scuole. «Per i ragazzi moderni - spiega la dottoressa Stefania Pallini, presidente di Libra - il cibo ed il modo di alimentarsi sono diventati come una specie di mezzo di comunicazione con gli altri». Un mezzo attraverso il quale molto spesso tendono a manifestare un loro disagio interiore. Un disagio che spesso si trovano a dover comprendere anche i docenti. Per permettere una veloce diagnosi, Libra organizza quindi un corso di quattro giornate al Cred di villa Letizia (nella foto). Domani il primo incontro (gli altri sono previsti il 3, 10 e 17 marzo), al quale parteciperanno, oltre a Pallini, l’assessore Carla Roncaglia, nella Benfatto (Cred), Francesca Piazza ed Elisabetta Notaro. Il corso ha lo scopo di formare i docenti a saper cogliere la complessità di tutti gli indicatori che possono essere campanelli di allarme, in un giovane, per il manifestarsi di disturbi alimentari.

COME SI COMPORTANO

Attratte da umidità e scarsa igiene LIVORNO. Le situazioni che predispongono un luogo ad “accogliere” colonie di formiche sono scarse condizioni di igiene e pulizia, oltre che il ristagno di umidità e perdite di acqua dalle tubature. Anche la presenza di crepe rende facilita il comparire di questi insetti, che in genere nidificano nei giar-

Cure per invalidi Dal 1º marzo i rimborsi LIVORNO. L’Asl ricorda che da lunedì prossimo, primo marzo, gli invalidi di guerra, per servizio e civili di guerra (ex Onig) potranno ritirare i modelli per la presentazione della domanda di rimborso per le cure climatiche 2010 all’Ufficio Protesi del Centro socio-sanitario di via San Gaetano 7. Ricordiamo che gli orari di apertura al pubblico sono: dalle 8.30 alle 10.30 nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì e dalle 15 alle 17 il giovedì. La data di scadenza per la presentazione della domanda di rimborso è fissata per venerdì 30 aprile.

dini, ma, soprattutto in caso di umidità, tendono a trovare il modo, magari proprio attraverso le crepe che si sono formate all’interno dei muri, di “salire” verso l’alto. Ecco perché, specialmente nelle stagioni umide, è più facile trovarsi a dover combattere vere invasioni di questi insetti anche ai piani elevati.

Corteo contro l’offshore Rigassificatore, si torna in piazza LIVORNO. «Livorno non è una pattumiera». Con questo slogan, il comitato no-offshore si appresta a tornare in piazza. Il corteo è stato fissato per sabato 20 marzo, modalità e percorso restano da stabilire. Ma è pressochè certo che la manifestazione attraverserà le vie del centro. Giovedì gli attivisti del comitato no-offshore si riuniranno per decidere i dettagli dell’iniziativa. L’oggetto è più ampio rispetto a quello delle precedenti manifestazione (in centro e a Stagno). Si torna in piazza per protestare contro il rigassificatore di Olt ma anche per sottolineare i rischi ambientali di altre operazioni. «Vo-

Riparte “Acquaticità” per gli alunni disabili LIVORNO. Bambini con gravi patologie neuromotorie accompagnati in piscina insieme agli altri compagni di classe. Per sentirsi integrati, per sentirsi inclusi, e per favorirne le relazioni e le conoscenze attraverso modalità extra verbali. Sono alcune della finalità del progetto “Acquaticità” che vede coinvolte le scuole elementari e medie dei Circoli didattici Carducci, La Rosa, Bartolena, Bolognesi, Micheli e Collodi (con il sostegno e la collaborazione di Comune e circoscrizioni 5, 2 e 1) al quinto anno di vita e in partenza per la nuova edizione in questi giorni. Per il trasporto alla piscina hanno dato la disponibilità gratuita dei mezzi Svs, Misericordia di Antignano, Croce Rossa, Apici, cooperativa Cohala, Auser e Croce Azzurra. J. M.

PENTAFOTO

IL COMUNICATO

è più facile arrivare. L’ilarità è legata anche alle spiegazioni che del “fenomeno formiche” fornisce il comunicato. Che sottolinea come la presenza di quel tipo di insetti sia da «ritenersi pressoché naturale per il più rapido ciclo riproduttivo». In verità sembra che le gestanti su questa storia delle formiche non ci ridano poi così tanto. Il più delle volte le future mamme, mentre sperano di uscire al più presto dalla struttura sanitaria e temono che per combattere le formiche siano stati sistemati nelle loro stanze insetticidi nocivi, si limitano a seguire i consigli forniti nel comunicato, che in poche parole invita le degenti a evitare di lasciare in giro alimenti che possano essere attaccati in qualche modo dagli insetti. Anna Cecchini

PENTAFOTO

LIVORNO. Attenti alle formiche. Soprattutto se andate all’ospedale cittadino e siete gestanti. Sì perché sugli armadietti del reparto maternità della struttura di viale Alfieri sono stati sistemati in bella vista avvisi molto chiari, che mettono in guardia le pazienti ed i loro familiari dalla presenza dei piccoli insetti. Presenza che l’Asl sembra considerare quasi naturale.

gliamo protestare contro la vergognosa sentenza del Consiglio di Stato - si legge in una nota del comitato Ma anche contro la possibilità di un secondo rigassificatore a Rosignano, contro

In corteo contro l’offshore: qui siamo a Stagno

il progetto di raddoppiare l’inceneritore del Picchianti, contro l’ipotesi di realizzare dentro l’area della raffineria Eni un inceneritore dei rifiuti, contro la decisione di realizzare due centrali a biomasse nel porto». «La giornata del 20 marzo deve diventare la data di avvio della Vertenza Ambiente Livorno, una serie di iniziative dilotta sulle tematiche ambientali, del territorio, a difesa della salute». «Le ultime vicende - spiegano i rappresentanti del comitato - hanno risvegliato l’interesse per la tutela ambientale della nostra città. Non possiamo rassegnarci ad accettare che sul territorio livornese nascano almeno un rigassificatore e due centrali a olio di palma». Da qui l’invito ai livornesi: «Fermiamoli! Salviamo Livorno!». Percorso e orari del corteo saranno pubblicati prossimamente.

Vaccaro (Pdl): raccolte 2.922 firme per mettere le statuette nella struttura sanitaria

In consiglio il caso delle madonnine LIVORNO. La Vergine Maria approderà in consiglio comunale. Non c’è niente di blasfemo, si tratta solo una disputa che dura da alcuni mesi. Al centro due statuette della Madonna, dono di Calogero Panevino all’ospedale di Livorno, che non riescono a trovare una collocazione all’interno dei reparti. Così, mentre le madonnine restano chiuse in un cassetto nella cappella dell’ospedale, Costanza Vaccaro capogruppo del Pdl alla Provincia, annuncia che sono state raccolte 2922 firme, che permetteranno alla questione di approdare in consi-

glio comunale per chiedere di porre le statue nel presidio sanitario. «Un risultato grandioso - spiega il capogruppo -. Molti hanno firmato la petizione al di là della loro fede politica, soprattutto anziani e giovani. La nostra non è una battaglia politica ma culturale. Non rappresentiamo il Pdl, ma tutti coloro che credono sia giusto rispettare le tradizioni religiose del nostro paese». Lo scorso gennaio Vaccaro aveva proposto una petizione popolare contro la decisione di Monica Calamai, direttore sanitario dell’Asl 6, di non porre le due statue nei reparti. «Non si tratta

di una battaglia contro il direttore sanitario, che rispettiamo - precisa Vaccaro - e con la quale spero di avere presto un confronto». Sarebbero bastate 500 firme per portare la questione in consiglio comunale: «Ma noi abbiamo fatto molto di più - continua -. Una volta inserita l’istanza all’ordine del giorno, speriamo che il sindaco e la maggioranza si impegnino per trovare una soluzione. Ma se non otterremo un risultato soddisfacente potremo decidere di portare la questione al consiglio regionale e al parlamento nazionale». Valeria Cappelletti

Profile for associazione Libra

2010 02 23 tirreno libra dca al cred  

2010 02 23 tirreno libra dca al cred  

Advertisement