Issuu on Google+

PAMOJA giovani insieme per la solidarietà e l’interculturalità RIMINI•BILBAO 2012 ONFERNO 2/11 AUGUST


“L’interculturalità e la democrazia partecipativa sono oggi più che mai bisogni concreti; in un mondo dai confini sempre più aperti, con la possibilità di viaggiare e conoscere persone e culture, l’educazione alla multiculturalità, alla conoscenza e accettazione dell’altro è una fase necessaria per la formazione di un cittadino cosciente e di persone autenticamente umane che vogliono vedere le differenze senza timore ma come grande possibilità di crescita. La democrazia partecipativa è altresì il metodo per poter lasciare un segno all’interno del proprio contesto, sia esso locale, nazionale o internazionale. Per una società più giusta sono indispensabili cittadini attivi e consapevoli, responsabili e creativi. Per questo abbiamo ritenuto importante investire tempo, energie e risorse in RIMINIBILBAO2012 – Pamoja giovani insieme per la solidarietà e l’interculturalità. sperando che esso abbia fornito nuovi strumenti e chiavi di lettura, utili ai ragazzi, per inserirsi con successo in una società sempre più complessa e indecifrabile.”

PAMOJA • GIOVANI INSIEME PER LA SOLIDARIETA E L’INTERCULTURALITA è uno scambio per giovani, tra i 15 ei 19, provenienti da Italia e Paesi Baschi. Lo scambio ha avuto luogo dal 2 all’11 Agosto 2012, ad Onferno nella provincia di Rimini e ha visto partecipare 28 giovani, 12 partecipanti e due leaders da Rimini e altrettanti da Bilbao. Il progetto dando la possibilità di vivere in un contesto interculturale ha potenziato le capacità sociali dei ragazzi ma anche l’attitudine alla vita comunitaria e al volontariato. I ragazzi si sono avvicinati a tematiche diverse, come la lotta contro il razzismo,l’ interculturalità, l’identità europea, la solidarietà, la partecipazione sociale e la democrazia diretta, attraverso un approccio non formale utilizzando il dibattito, il dialogo, varie attività pratiche e artistiche e i giochi di ruolo. Durante la loro permanenza i partecipanti hanno sperimentato alcune attività di volontariato in un campo estivo per i bambini Saharawi. Nel tempo libero hanno partecipato ad attività come serate interculturali, pomeriggi in spiaggia, visite a musei, festival e a siti storici.

I volontari di AKAP

“Interculturalism and participatory democracy are nowadays practical needs, in a world of increasingly open borders, with the opportunity to travel and meet people and cultures, multicultural education, knowledge and acceptance of the other are necessary step for the formation of a national consciousness and for humans that want to see the differences without fear but as a great opportunity for growth. Participatory democracy is also the only method to make a difference in our own context, whether local, national or international. For a just society we need active, aware, responsible and creative citizens. For this reason we considered important to invest time, energy and resources in RIMINIBILBAO2012 - Pamoja giovani insieme per la solidarietà e l’interculturalità Hoping that it has provided new tools and points of view, useful for the participants to integrate successfully in an increasingly complex and incomprehensible world. “ AKAP volunteers

PAMOJA – GIOVANI INSIEME PER LA SOLIDARIETA E L’INTERCULTURALITA is an exchange for youth people, aged 15 to 19, from Italy and Basque Country. The exchange toke place from the 2 August tillthe 11 August 2012, and participate 28 young, 12 from Rimini plus 2 leaders and 12 from Basque Country plus 2 leaders. The project improved the social skills, the attitude of community life, and the volounteering attitude of partecipant; showing and living the intercultural context. The youth approached on different thematics like fight agaist racism, interculturality, european identities, solidarity, social partecipation and direct democracy by using the non formal approach using debate, dialogue, practical and artistical activities, role playing. Duruing their permanence the participants experienced some volunteering activities in a summer camp for Saharawi children. They partecipate in some leisure activities like intercultural evenings, afternoon at the beach, visits to museums, festivals and historic sites.


L’Associazione Karibuni Assistenza alle Popolazioni – A.K.A.P. 

L’Associazione Karibuni Assistenza alle Popolazioni – A.K.A.P. 

nasce nel 2006 dall’idea di un gruppo di ragazzi tra i 18 e 25 anni, accomunati da esperienze di volontariato in Italia e all’estero. Nel suo percorso A.K.A.P. ha acquisito sempre nuovi membri ed ha potuto crescere passo per passo, ampliando il proprio campo di azione con progetti in Italia, Tanzania ed Etiopia. Dal 2008 A.K.A.P. collabora con la rete di associazioni creata da Volontarimini un centro servizi per il volontariato Riminese attraverso il quale ha creato una forte connessione tra se stessa e gli enti locali, le altre associazioni ma soprattutto con il mondo dei giovani. Nell’agosto del 2009 è entrata a far parte del Coordinamento della Protezione Civile della Provincia di Rimini, ed è iscritta come ONLUS al registro provinciale del volontariato. A.K.A.P., ora, lavora in collaborazione con scuole, ospedali e associazioni di diversi paesi; organizza eventi di divulgazione, informazione e sensibilizzazione; mantiene rapporti con le missioni estere e porta avanti progetti di sostegno all’istruzione, alla sanità, alle famiglie, ai disabili. Lo scopo dell’associazione è quello di promuovere la partecipazione sociale, la solidarietà e una consapevolezza diversa e nuova in relazione a questioni come la cooperazione, lo sviluppo, la sostenibilità ambientale ed economica, i diritti umani.

was founded in 2006 by a group of young people aged between 18 and 25, who shared volunteer experiences in Italy and abroad. During these years A.K.A.P. has gained new members and has been able to grow step by step, expanding its goal by creating new projects in Tanzania, Ethiopia and Italy. Since 2008 A.K.A.P. collaborates with the network of associations created by Volontarimini, the volunteering service center of Rimini, through whom created a strong connection between itself and the local authorities, but also with other associations and with the world of youth. In August 2009 it became part of the coordination of Civil Protection in Rimini, the Association is also registered as non-profit - ONLUS in the Provincial Registry of Volunteers. It’s now working in collaboration with schools, hospital and associations in different countries; organizes events of dissemination, information and awareness; maintains relations with the foreign missions and carries out projects supporting education, health, families and people with disabilities. The aim of the association is to promote participation and to achieve social solidarity trying to further a new awareness in relation to issues such as cooperation, development, environmental and economic sustainability, human rights.

www.akap.it www.akap.it

Kiribil Sarea

Kiribil Sarea

è una rete di organizzazioni no-profit che lavorano nel sociale e che promuovono progetti socio-educativi a livello comunale per il rafforzamento della comunità. La rete è formata da un totale di 6 enti che gestiscono più di 30 progetti con un organico di oltre 150 volontari e 44 professionisti retribuiti. Attualmente promuove il lavoro di gruppi di giovani in strutture regionali (gruppi di quartiere), scambi giovanili internazionali stimolando un dialogo interculturale, lavori di gruppo utili all’integrazione di ragazzi emarginati, progetti di collaborazione con le scuole, sportello di sostegno a giovani professionisti e a migranti. Attraverso scambi internazionali Kiribil Sarea si propone di diffondere tra i più giovani la consapevolezza e la comprensione reciproca di paesi e culture diverse promuovendo buone prassi che facciano nel tempo sparire il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia. L’associazione lavora prevalentemente grazie a volontari e promuove da anni la cultura del volontariato.

is a network of nonprofit institutions of local social initiatives, working for community empowerment through socio-educational programs at the municipal level. In total we are a network of 6 entities that manage more than 30 projects with human resources professionals trained over 150 volunteers and 44 paid professionals and girls with different dedications. Current work includes youth group working in regional structures (district groups), international youth exchange through intercultural dialogue, socially integrative group work, collaborative projects with school, youth professional help and integration work with migrants. Through international exchanges Kiribil Sarea hope to advance the leadership, awareness and mutual understanding for different countries and cultures alongside protecting against racism, nationalism and xenophobia. The association works mostly with volunteers and has a lot of experience of how to foster a culture of volunteering.

www.kiribilsarea.org

www.kiribilsarea.org


Si ringraziano

Thanks to

Il programma ‘youth in action’ e la BancaValmarecchia che hanno finanziato e supportato il progetto. Il comune di Rimini e Santarcangelo, in particolare l’assessore Sara Visintin. La provincia di Rimini perché sostiene sempre le nostre iniziative. La cooperativa Terre Solidali, in particolare Lorenzo e la sua famiglia, Gino e Francesco, l’Anna, Hassan, Nassir, Monhir-uno, Monhir-due e Mohib. Per i loro sorrisi, per l’amicizia, per il buon cibo ma soprattutto per l’aiuto datoci durante la nostra permanenza ad Onferno. Tutti i volontari di AKAP, perché senza di loro il progetto non sarebbe stato realizzabile. Kiribil Sarea e Boluntà. Volontarimini in particolare Maurizio Maggioni. Davide e tutta l’associazione Rio de Oro perché sono stati capaci di accompagnarci durante una bellissima esperienza di volontariato. I centri sociali e i Punti Giovani del territorio per la collaborazione. Lucia, Elena e Stella, Alida, Selenia, Maria Laura, Barbara, Marina, Elisa, Jhon, James e tutti gli amici e le associazioni che hanno partecipato alla cena dei popoli. Caterina e Mattia per averci aiutato con la cucina oltre che ad essere stati degli ottimi compagni di avventura. L’associazione millepiedi per averci fatto scoprire la Riserva di Onferno e averci permesso di usare i loro spazi. Massimo e Alessandro del gruppo dello Zuccherifico per averci raccontato una parte di Italia che spesso non vogliamo ricordare. Tutti i ragazzi del GAP per la simpatia. Beth Shelton, Gigi Mattei e il Comune di Pennabilli per averci fatto fare una bellissima visita del paese e averci permesso di usare il Saloon. Matteo e Francesca per averci accolto allo SMIAF di San Marino. Luca, Serena e Mara Nicolò per l’ospitalità al bagnino Maracanà 54. Selenia Franca e AFS per averci portato con l’immaginazione in paesi lontani. Monica Gori e Barbara Ermeti per il grande lavoro di grafica e comunicazione.

The ‘youth in action’ Program and Valmarecchia Bank who supported and financed the project. The towns of Rimini and Santarcangelo, in particular Sara Visintin. The province of Rimini that always supports our initiatives. The cooperative Terre Solidali , especially Lorenzo and his family, Gino and Francesco, Anna, Hassan, Nassir, Monhir-uno, Monhir-due and Mohib. For their smiles, their friendship and good food but above all for the help given to us during our stay in Onferno. All AKAP volunteers, because without them the project would not have been achievable. Kiribil Sarea and Boluntà. Volontarimini in particular Maurizio Maggioni. Davide and the association Rio de Oro because they were able to join us in a wonderful volunteer experience. The socials youth centers for the collaboration. Lucia, Elena and Stella, Alida, Selenia, Maria Laura, Barbara, Marina, Elisa, John, James and all the friends and associations who participated in the activity “Cena dei popoli”. Caterina and Mattia for helping with the kitchen and also to being excellent fellow adventurers. The association “Millepiedi” for letting us discover the natural reserve of Onferno and letting us use their spacs. Maurizio and ... of “Gruppo dello Zuccherificio” for telling us about a part of Italy that often we don’t want to remember. All the guys of “GAP” for the pleasantness. Beth Shelton, Gigi Mattei and the City of Pennabilli for letting us do a wonderful visit and allowing us to use the Saloon. Matteo and Francesca for welcoming us to SMIAF of San Marino. Luca , Mara and Serena Nicolò for their hospitality in Maracana 54.. Selenia Franca and AFS for bringing our imagination all around the world. Monica Gori and Barbara Ermeti for the great work of graphic and communication they done.

Altarimini e Elisa Drudi per l’attenzione dedicataci.

Altarimini and Elisa Drudi for the attention dedicated to us.



PAMOJA giovani insieme per la solidarietà e l’interculturalità