Issuu on Google+


CON SIMEST IL MONDO È A PORTATA DI MANO. IL PASSAPORTO PER L’IMPRESA ITALIANA • Partecipazione al capitale di imprese all’estero • Venture capital • Finanziamenti agevolati • Ricerca di partners e opportunità di investimento • Assistenza specialistica

www.simest.it


Le economie mondiali sembrano lentamente ricomporre il puzzle del loro percorso di sviluppo nonostante la crisi non abbia esaurito ancora la sua spinta. Il commercio internazionale, dopo un biennio di immobilità, ha ripreso la sua crescita e l'Italia, dato un mercato interno debole, si affida (a ragione) con sempre maggiore convinzione alla domanda estera. L'export può costituire il nostro asso nella manica: lo sanno bene le PMI italiane che da anni, avvalendosi di una buona dose di “istinto” e “visione strategica” operano con successo nei mercati mondiali. Il Made in Italy - che sempre più viene apprezzato per il suo contenuto immateriale, fatto di cultura, know-how del territorio e valori della piccola impresa - sta compiendo un’importante transizione per legarsi sempre meglio alle esigenze del consumatore estero, aumentando il suo grado di innovazione, di assistenza post vendita, nonché di personalizzazione. La fidelizzazione del cliente è dunque tra i passi fondamentali per operare stabilmente su un mercato. Altro importante passaggio è stringere alleanze con imprese locali per costruire accordi reciprocamente vantaggiosi. In questa prospettiva, le imprese hanno sempre più bisogno di poter contare su riferimenti certi che assicurino una presenza costante e forte sui mercati esteri, cui rivolgersi per richiedere quell’assistenza necessaria per realizzare operazioni così delicate. Le 75 Camere di Commercio Italiane all’Estero rendono possibile la garanzia di queste condizioni e, in generale, la creazione di un ambiente di business favorevole nei 50 paesi del mondo in cui operano da moltissimi anni. Nel 2010, sono state oltre 2.000 le iniziative realizzate dalle CCIE, un traguardo, questo, non facile in momenti economicamente così critici, che però dimostra la capacità di questa rete di saper intercettare la domanda di assistenza che viene costantemente posta. Le CCIE collaborano con le istituzioni italiane ed estere ed in particolare con la rete camerale in Italia, con la quale esiste da molti anni una tradizione di progetti ed iniziative congiunte. Il Business Atlas, principale pubblicazione del Sistema delle CCIE, è il risultato tangibile dell’esperienza maturata nel corso degli anni dalle Camere grazie al costante presidio nei mercati esteri, e rappresenta un ulteriore servizio a disposizione delle PMI italiane che intendono aprirsi al mondo o approfondirne la conoscenza: 50 schede Paese offrono un’agile descrizione del nuovo contesto che lentamente esce dalla crisi e indagano sulle opportunità d’affari e le strategie di mercato più funzionali per avere successo all’estero. Il Business Atlas vuole essere, dunque, la chiave di lettura per interpretare mercati in continua evoluzione.

Augusto Strianese Presidente dell’Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero


In collaborazione con:

Assicor ....................................................................364 Autogrill..................................................................167 Banca Agrileasing....................................................235 Banca di Credito Cooperativo di Roma......................78 Banca Popolare di Sondrio.........................................29 BNL Gruppo BNP Paribas...........................................12 Camera di Commercio di Arezzo.............................283 Camera di Commercio di Brescia.................................2 Camera di Commercio di Cosenza ..........................155 Camera di Commercio di Crotone...........................230 Camera di Commercio di Fermo..............................132 Camera di Commercio di Foggia .............................271 Camera di Commercio di ForlĂŹ Cesena.........................2 Camera di Commercio di Livorno............................107 Camera di Commercio di Massa Carrara .................119 Camera di Commercio di Matera ............................113 Camera di Commercio di Monza e Brianza .............252 Camera di Commercio di Napoli .............................211 Camera di Commercio di Parma..................................3 Camera di Commercio di Reggio Calabria...............141 Camera di Commercio di Roma ................................51 Camera di Commercio di Salerno............................183 Camera di Commercio di Torino................................93 Camera di Commercio di Vercelli ................................3 CESP ...........................................................................3 CNA........................................................................289 Eurosportello Napoli................................................210 Il Denaro .................................................................353 Indis........................................................................321 Infocamere................................................................72 Intertrade................................................................191 Intesa Sanpaolo.........................................................87 Istituto di Studi e Ricerche - CCIAA Massa Carrara......3 Italplanet.................................................................343 L@riodesk ..................................................................3 Lucca Promos..............................................................3 Promozione Modena Economica ...............................65 Promobrindisi..........................................................335 Simest.......................................................................10 Unioncamere ...................................................311/382 Unioncamere Emilia Romagna...................................65 Unioncamere Lazio....................................................50 Universitas Mercatorum...........................................347

2


BUSINESS ATLAS 2011

Camera di Commercio di Napoli

ISTITUTO DI STUDI E RICERCHE Azienda Speciale CCIAA Massa Carrara

3

INSERZIONISTI


Medio Oriente e Africa

Europa

Presentazione ........................................................1 Indice degli inserzionisti .........................................2 Sommario ..............................................................4 Le CCI nel mondo..................................................6 Cartina Europa ....................................................13 Dati macroeconomici ...........................................14 Albania .............................................................. 16 Austria ............................................................... 24 Belgio ................................................................ 30 Bulgaria .............................................................. 34 Francia ............................................................... 40 Germania .......................................................... 52 Grecia .................................................................60 Lussemburgo ......................................................66 Malta.................................................................. 74 Moldova ............................................................. 79 Olanda .............................................................. 83 Portogallo .......................................................... 88 Regno Unito ....................................................... 94 Repubblica Ceca .............................................. 101 Romania .......................................................... 108 Russia .............................................................. 114 Serbia ................................................................120 Slovacchia .........................................................128 Spagna .............................................................133 Svezia ...............................................................142 Svizzera ............................................................148 Turchia ..............................................................156 Ungheria ..........................................................162 Cartina Medio Oriente e Africa .........................168 Dati macroeconomici .........................................169 Egitto ...............................................................170 Emirati Arabi Uniti ............................................178 Israele ...............................................................184 Marocco ...........................................................192 Sud Africa..........................................................197 Tunisia ..............................................................203

Asia

Cartina Asia.......................................................212 Dati macroeconomici .........................................213 Cina ed Hong Kong S.A.R. ...............................214 Giappone .........................................................231 India .................................................................236 Singapore .........................................................247 Thailandia .........................................................253

4


BUSINESS ATLAS 2011

SOMMARIO

Oceania

Cartina Oceania ...................................................262 Dati macroeconomici............................................263 Australia...............................................................264

Centro e Sud America

Nord America

Cartina Nord America...........................................272 Dati macroeconomici............................................273 Canada ...............................................................274 Messico ...............................................................284 Stati Uniti .............................................................290

Cartina Centro e Sud America..............................301 Dati macroeconomici............................................302 Argentina ............................................................304 Brasile .................................................................312 Cile ......................................................................322 Colombia ............................................................329 Costa Rica ...........................................................336 Ecuador................................................................342 Nicaragua.............................................................348 Paraguay .............................................................354 Perù ....................................................................359 Repubblica Dominicana .......................................365 Uruguay ..............................................................371 Venezuela ...........................................................376

Collophone

Il Sistema Camerale Italiano .................................384 Le Camere di Commercio in Italia.........................386 Unioni Regionali delle Camere di Commercio .......393 Strutture camerali per l’internazionalizzazione.........................................394 Coordinamento editoriale Pina Costa Coordinamento operativo Silvia Fontana Redazione Silvia Fontana, Federica Siddu Impaginazione e Progetto Grafico Mimmo Vicino by Magma Associati - Roma

Tel. 06/45493588 - info@magmaassociati.it

ASSOCIAZIONE DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE ALL'ESTERO (CCIE) V.le Regina Margherita 279 - 00198 Roma Tel +39 06 44231314 - Fax +39 06 44231070 www.assocamerestero.it • info@assocamerestero.it

È possibile richiedere copie del "Business Atlas 2011" direttamente alla sede dell'Associazione. Supplemento al numero odierno di “ItaliaOggi Sette” - Direttore Responsabile: Paolo Panerai Consegnato per la stampa a cura di Arti Grafiche Boccia spa il 3.06.2011

5


Vancouver Montreal Toronto New York Chicago

Bru Pa

Lio

Los Angeles

Marsiglia Lisbona

Houston Miami

Casablan Santo Domingo

Città del Messico Managua San Josè

Caracas Bogotà Belo Horizonte

Quito

Rio de Janeiro Lima

San Paolo

Asunción Florianópolis Porto Alegre

Cordoba Santiago Mendoza Rosario Montevideo Buenos Aires

6


BUSINESS ATLAS 2011

Monaco Francoforte Lussemburgo Amsterdam Londra uxelles arigi ne

Pechino

Stoccolma Vienna Bratislava Budapest Zurigo

nca Atene Belgrado Tirana Ta’ Xbiex

Barcellona Tunisi

Tokyo

Mosca

Praga

Nizza

Madrid

LE CCI NEL MONDO

Chisinau Bucarest Sofia Istanbul Izmir Salonicco

Hong Kong

Tel Aviv

Bangkok Brisbane

Il Cairo

Sharjah Mumbai

Singapore

Perth Adelaide Melbourne Sydney

Johannesburg

7


BNL imp

10-05-2011

18:12

Pagina 14


Mosca

• Stoccolma

Londra

Amsterdam Francoforte • • Bruxelles

• • Lussemburgo Praga • Bratislava • Parigi Monaco • • Vienna • • Budapest • Zurigo Lione

• Chisinau

Belgrado Bucarest

Marsiglia

• •Nizza

Lisbona Madrid

Sofia

Tirana

Barcellona

Salonicco

Atene

• •

Ta’Xbiex

Istanbul

• Izmir


Tasso inflazione %

Tasso disoccupazione % Tasso variazione PIL %

Prev. crescita PIL per il 2011 % Tot. import (mld €) Tot. export (mld €)

Saldo Bilancia Commerciale (mld €) Tot. import da Italia (mld €)

Tot. export verso Italia (mld €)

Saldo interscambio Italia (mld €) Investimenti esteri (mld €)

Investimenti all'estero (mld €) Investimenti italiani (mld €)

Investimenti in Italia (mld €)

2.711 28.537 32.600

Malta9

Lussemburgo8

Grecia7

Germania6

4.787 25.715 30.677 15.800 40.380 15.095

3,3

1,9

3,1

2,4

1,4

1,2

4,4

2,3

2,0

13,8

4,5

8,4

11,2

8,7

7,7

14,2

6,5

7,0

4,1

2,0

2,1

0,2

1,5

3,6

-4,5

3,6

3,7

5,0

2,2

1,8

2,0

1,6

2,3

-2,5

3,0

2,5

3,48 116,10 213,80

17,19 452,74 806,16

47,72

13,37

3,66

1,17 112,80 226,70

14,01 385,99 959,49

16,25

9,16

2,22

-2,31

-3,30

12,90

-3,18

-66,75 153,33 -31,47

-4,21

-1,44

0,97

7,65

13,37

1,26

33,90

43,70

4,71

0,35

0,85

0,58

8,55

8,66

1,39

31,17

58,50

1,75

0,50

0,15

-0,39

0,90

-4,71

0,13

-2,73

14,80

-2,96

0,16

-0,70

0,33

6,20

n.d.

1,36

86,10 654,16

n.d.

60,10

n.d.

n.d.

4,66

n.d.

0,15 159,70 850,86

4,12

83,37

n.d.

n.d.

1,59

n.d.

0,03

2,00

34,03

1,10

3,15

n.d.

n.d.

1,03

n.d.

0,01

0,70

31,25

0,09

1,65

n.d.

1 Fonte: INSTAT; Banca di Albania; Ministero delle Finanze. Il dato sul reddito procapite è riferito al 2009. Il dato sugli investimenti esteri è riferito al primo semestre 2010 2 Fonte: Statistik Austria; Österreichisches Institut für Wirtschaftsforschung (WIFO); Österreichische National Bank (OeNB); Eurostat, EU-Kommission. Reddito pro-capite e dati sugli investimenti aggiornati al 2009 3 Fonte: Banque nationale de Belgique; OCSE 4 Fonte: NSI National Statistical Institute of Bulgaria; BNB Bulgarian National Bank; ISTAT; ICE. I dati sul commercio estero sono riferiti al periodo gennaionovembre 2010 5 Fonte: Dogana francese; ICE. Dati sugli investimenti esteri riferiti al 2009 6 Fonte: Ufficio Statistico Federale; Ministero Federale dell’Economia; Germany Trade & Invest; Bundesbank. Dati sugli investimenti riferiti al 2008

Note

Francia5

Bulgaria4

Belgio3

Austria2

Reddito Procapite €

Albania1

EUROPA

7 Fonte: Ente Ellenico di Statistica. Il dato sugli investimenti del Paese all’estero è riferito al 2008; gli investimenti italiani sono lo stock dal 2003 al mese di ottobre 2009, mentre quelli greci in Italia sono riferiti al periodo 2003-2008 8 Fonte: Statec (Nota congiunturale num. 2-2010); FMI. Pil aggiornato al III trimestre 2010; il tasso di disoccupazione è riferito al mese di dicembre 2010; i dati sul commercio estero complessivo sono aggiornati al 2009; i dati sugli investimenti sono riferiti al 2008 (eccetto gli investimenti svizzeri in Italia) 9 Fonte: Banca Centrale di Malta; Ufficio Nazionale di Statistica maltese 10 Fonte: Ministero dell’Economia della Repubblica di Moldova; Moldovan Investment and Export Promotion Organisation (MIEPO); Ufficio Nazionale di Statistica della Repubblica di Moldova 11 Fonte: FMI; Istituto Statistico Olandese (CBS); ICE; Banca centrale olandese (DNB) 12 Fonte: Banco de Portugal; Statistics Portugal (INE)


Ungheria23

Turchia22

Svizzera21

Svezia20

Spagna19

Slovacchia18

Serbia17

Russia16

Portogallo12

Olanda11

Romania15

5.200 12.190

Regno Unito13

925 32.500 16.250 31.758 13.423

Moldova10

Repubblica Ceca14

DATI MACROECONOMICI 2010

4.016 18.700 22.367 40.980 50.474 10.294

9.706

7,0

1,9

1,4

3,2

1,5

6,1

6,7

10,3

0,7

1,8

1,3

0,7

6,4

4,9

7,4

5,1

10,8

7,9

7,0

7,6

7,6

16,5

14,1

20,1

8,5

3,8

11,0

11,2

6,9

1,7

1,4

1,6

2,2

-2,5

3,6

1,5

4,1

-0,1

5,6

2,6

8,0

1,2

2,5

1,5

-1,3

1,8

2,3

1,5

3,8

3,0

4,3

0,8

3,8

2,0

4,5

2,8

2,91 274,00

56,91 417,17

94,80

46,70 179,00

12,62

48,65 238,08 122,10 125,84 139,92

65,88

1,19 309,00

36,76 305,55

99,65

37,20 284,15

7,39

48,79 185,80 130,10 140,47

85,94

71,40

35,00 -20,15 -111,62

4,85

-9,50 105,15

-5,23

0,14 -52,28

8,00

14,63 -53,98

5,52

-1,72

8,00

3,23

16,60

3,70

2,62

12,14

1,08

1,55

16,69

3,60

13,70

7,69

2,45

0,10

19,00

1,39

10,80

4,43

2,45

6,44

0,85

2,71

16,29

3,70

11,70

4,91

3,63

-0,07

11,00

-1,84

-5,80

0,74

-0,17

-5,70

-0,23

1,16

-0,40

0,10

-2,00

-2,78

1,18

2,04 457,00

35,10

32,08

5,12

2,59

61,80

1,00

0,16

11,63 229,20

21,40

6,71

2,50

n.d. 659,00

5,77

12,97

1,29

n.d. 196,50

0,27

0,05

25,79 235,90

26,40

n.d.

1,21

n.d.

21,00

0,17

n.d.

0,02

1,40

1,04

0,04

0,02

0,97

0,68

-0,10

n.d.

0,19

n.d.

17,00

0,04

n.d.

0,01

n.d.

41,29

0,002

0,65

0,55

3,60

-0,50

n.d.

0,10

Note

0,18

13 Fonte: Economist Intelligence Unit, “The world in 2009”; UK Trade & Investment; HM Treasury; Office for National Statistics; ICE; UNCTAD 14 Fonte: Ufficio di Statistica ceco; Ministero delle Finanze ceco 15 Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Romeno (INNSE); Banca Nazionale Romena (BNR); FMI; ISTAT. Dati sull’interscambio con l’Italia riferiti al I semestre 2010. Il valore degli investimenti italiani nel Paese è relativo al capitale sociale versato 16 Fonte: Business Guide Federazione Russa; The World Factbook, CIA; ISTAT; ICE; www.rcrussia.it. Tasso di inflazione e disoccupazione, PIL 2010 e dati sul commercio con l'estero sono stime. Gli investimenti sono aggiornati al 2009, eccetto quelli russi all'estero 17 Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Serbo; Banca Nazionale della Serbia; Ministero delle Finanze della Serbia; Camera di Commercio della Serbia 18 Fonte: Ufficio Statistico slovacco (www.statistics.sk); Banca Centrale slovacca (www.nbs.sk); Regulatory Office for Network Industries (www.urso.gov.sk). Il

dato sulla disoccupazione è riferito al III quadrimestre 2010; i dati relativi agli investimenti sono storicamente riconducibili al primo quadrimestre del 2009 19 Fonte: Instituto Nacional de Estadística (INE); Base dati ESTACOM - Agencia Tributaria; Ministerio de Industria Turismo y Comercio; Gabinete de Coyuntura y Estadística; Fundación de las Cajas de Ahorros (FUNCAS); World Economic Outlook Database; FMI. Il dato relativo al reddito pro-capite risale al 2009 20 Fonti: Statistical Centralbyran (SCB); Konjunktur Institutet. I dati sugli investimenti esteri verso il Paese sono riferiti al 2009 21 Fonte: Ministero Svizzero dell’Economia (SECO); Amministrazione federale delle dogane; Banca Nazionale Svizzera 22 Fonte: Ufficio Statistico Turco (TUIK); Banca Centrale 23 Fonte: Ufficio Centrale delle Statistiche (KSH); Banca Mondiale (PIL pro capite); Rapporto ICE-MAE. Il valore degli investimenti esteri nel Paese è un dato previsionale


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

10 12 13 18 22 25 28 28 25 21 15 13

Quadro dell’economia

Media min

5 6 7 10 14 19 21 21 18 14 8 7

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 28.748 kmq Popolazione 3.195.000 Gruppi etnici Albanesi (91,7%), Aromuni (3,6%), Greci (2,3%), altri (2,4%) Comunità italiana 623 iscritti AIRE Capitale1 Tirana (717.426) Città principali Durazzo (242.801); Elbasan (224.689); Korça (138.898); Scutari (185.646); Fier (199.422); Valona (151.314) Moneta Lek (ALL) Tasso di cambio1 1 Euro= 137,733 ALL Lingua Albanese Religioni principali Musulmani (84,4%), Ortodossi (8,7%), Cattolici (6,2%), altri (0,7%) Ordinamento dello Stato Repubblica Parlamentare in cui il potere legislativo è affidato al Parlamento unicamerale, composto da 140 membri eletti ogni 4 anni in base ad un sistema proporzionale. Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento, con un mandato di 5 anni, rinnovabile una sola volta Suddivisione amministrativa 12 circoscrizioni (Berat, Dibër, Durazzo, Elbasan, Fier, Gjirokastër, Korçë, Kukës, Lezha, Scutari, Tiranëa, Valona) suddivise in 36 regioni e 374 comuni. Le Unità del Governo Locale sono autonome e sono amministrate dai rispettivi consigli comunali, eletti direttamente dai cittadini.

1 2

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Istituto di Statistica (www.instat.gov.al); Banca d’Albania (www.bankofalbania.org); Ministero delle Finanze

16

Quadro macroeconomico2 La crescita del PIL attestatasi negli ultimi anni ad un ritmo superiore al 6% annuo, ha subito un ridimensionamento nel 2009 (+3%). Nel 2010 la crescita è risultata pari al 4,1%. Oltre alla scarsa incidenza delle esportazioni sulla bilancia commerciale albanese ed alla limitata dipendenza dal mercato finanziario, i principali fattori alla base della tenuta dell’economia sono da attribuirsi, secondo le istituzioni internazionali, alle politiche di incentivazione fiscale adottate dal Governo ed alla solidità dimostrata dal sistema bancario, sorretto da un’attenta e lungimirante politica monetaria attuata dalla Banca d’Albania. L’economia continua, inoltre, a trarre beneficio dalle rimesse dei numerosi emigranti (mln/euro 392, in diminuzione del 7,3% rispetto al 2009), residenti soprattutto in Europa ed in particolare in Italia e Grecia. Tali rimesse, di fatto, contribuiscono a coprire il disavanzo commerciale. Il tasso di povertà registra un incremento dell’1,1% in coincidenza con un sostanziale incremento dei costi dei generi alimentari (+ 4,4%) e dell’energia elettrica (+27%). Il tasso di disoccupazione, che a fine 2008 aveva mostrato segnali di ripresa (dal 13,2 al 12,6%), ha segnato un’inversione di tendenza attestandosi, secondo gli ultimi dati relativi al secondo quadrimestre 2010, sul 13,8% (144.641 unità). Le Autorità comunque continuano ad impegnarsi, pur nel difficile clima di crisi globale, sulla strada del consolidamento dell’economia di mercato e dell’attrazione di investimenti esteri (da ultime, la creazione dell’Agenzia Albanese per lo Sviluppo degli Investimenti e l’approvazione della Legge sugli Investimenti Esteri). Nel 2010 è proseguito il piano del Governo per completare il programma di privatizzazioni dei principali asset statali già avviato nell’ultimo biennio che ha sinora riguardato la telefonia fissa (Albtelecom), la distribuzione dell’energia (OSSH) e la compagnia di raffinazione del petrolio, ARMO. Oltre a completare la vendita delle residue partecipazioni statali del Governo nelle aziende già privatizzate, sono in atto le procedure di vendita dell’ente petrolifero ALBPETROL, della compagnia assicurativa INSIG e delle joint venture concluse dallo stato con imprese straniere.


BUSINESS ATLAS 2011

Principali settori produttivi Il settore privato controlla ormai oltre l’80% dell’economia, con un tessuto di circa 120 mila imprese, di cui il 99% di piccolissime dimensioni (1-4 addetti). Nello specifico: il 44,1% della forza lavoro è impiegato nel settore agricolo, il 10,8% nel commercio, il 10% nell’industria, il 9,9% nell’edilizia, il 3,7% nel trasporto e servizi; il restante 21,5% è impiegato in altri servizi. Infrastrutture e trasporti3 La rete viaria è lunga circa 18.000 km di cui 7.450 km sono considerate arterie principali. Solo il 32% della rete stradale è pavimentata; in tale ottica, il Governo ha lanciato, e completato in parte, il programma National Highway Corridors, concentrando l’attenzione soprattutto verso numerosi progetti tra cui il collegamento stradale Durazzo-Kukes (al confine con il Kosovo) e i collegamenti nord-sud (con eventuale collegamento alle infrastrutture del Corridoio paneuropeo V). Di particolare importanza il completamento del Corridoio intermodale VIII, progetto per il quale il Governo ha richiesto l'appoggio italiano in sede europea per l'attivazione dei fondi necessari. Numerose sono, inoltre, le iniziative previste o in corso di realizzazione nel settore stradale nel breve-medio periodo: entro il 2011 la costruzione di un collegamento di 70 km tra Tirana e Diber (strada Arbri), della superstrada Tirana-Elbasan di 32 km, oltre che dell’asse meridionale, la cui conclusione è prevista a fine del 2012. Recentemente sono iniziati i lavori di costruzione per le prime due sezioni della superstrada, inclusa la sezione da 7,7 km da Ura e Vashes a Bulqiza. Dal punto di vista della distribuzione il porto di Durazzo e tutta l’area circostante sono da sempre considerati una delle aree di accesso privilegiate - secondo quanto previsto dal Corridoio 8 – alla zona balcanica, in particolare verso la direttrice Kukes/Morine/Pristina (Kosovo) e verso Skopje (Macedonia). L’Italia si è impegnata con un finanziamento a credito d’aiuto di mln/euro 15 per la riabilitazione del Porto di Valona (gara in corso di aggiudicazione). Gioca un ruolo importante anche il Porto di Saranda che collega l’Albania con Corfù e il Porto di Shengjin, via di accesso del Paese verso numerosi porti dell’Adriatico. In totale la rete ferroviaria (3 linee principali) conta circa 447 km su un’unica rotaia. Le ferrovie albanesi versano in una situazione generale di degrado determinata per la maggior parte da un’assoluta assenza di politiche di manutenzione e sviluppo. Risulta quindi evidente la necessità di provvedere ad una completa opera di riqualificazione del servizio, soprattutto della rete tra Tirana e Durazzo. Quest’ultimo riveste infatti particolare importanza ai fini della realizzazione del Corridoio VIII, la direzione di trasporto intermodale che intende svilupparsi da Bari ai porti bulgari sul Mar Nero, passando per Albania, Macedonia e Bulgaria per una lunghezza complessiva di circa 1.270 km di linee ferroviarie e di 960 km di strade. Il costo della riabilitazione integrale della linea Tirana-Durazzo-Lin (in prossimità del confine macedo-

ALBANIA

ne) sono stimati, dal Segretariato del Corridoio VIII, in circa mln/euro 250, cui vanno aggiunti mln 6 per la costruzione della tratta che collega la stazione di Lin stessa al confine macedone. Necessari saranno inoltre proprio gli interventi per il miglioramento delle condizioni delle infrastrutture sulla linea Tirana-Durazzo-Elbasan e gli investimenti (quantificati in uno studio finanziato dall’UE in oltre mln/euro 80) per l’installazione dei sistemi di segnaletica e di comunicazione dell’intera rete ferroviaria nazionale. La Commissione Europea, nell’ambito dei fondi di preadesione IPA, ha già previsto un primo finanziamento di mln/euro 8 per la tratta Tirana-Durazzo, i cui lavori saranno appaltati nel corso di quest’anno, e un ulteriore finanziamento di mln 20 che saranno formalizzati dal Comitato IPA nella primavera del 2011. La BEI ha inoltre espresso la volontà di rafforzare il tratto ferroviario tra il Kosovo e Durazzo. Per quanto attiene al settore del trasporto aereo, nel 2004 il Governo ha firmato il contratto di concessione per venti anni con il Consorzio tedesco-americano (TIA), per la gestione dell’aeroporto internazionale di Rinas. Inaugurato il nuovo aeroporto nel 2007, il consorzio ha, da allora, realizzato la costruzione di due nuovi terminal (merci e passeggeri) e di un altro di più recente inaugurazione. Attualmente sono circa tredici le compagnie aeree operanti in Albania. Non risultano progressi in merito alla costruzione di altri aeroporti minori nel Paesi.

Commercio estero Totale import: mld/euro 3,5 (+6,4%) Totale export: mld/euro 1,2 (+48,9%) Principali prodotti importati: macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio (19%); minerali, combustibili, energia elettrica (18%); alimentari, bevande, tabacco (16%); materiale edile e metalli (16%); prodotti chimici ed in plastica (10%); tessile/calzature (10%). Principali prodotti esportati: tessili e calzature (35%); minerali, combustibili, energia elettrica (28%); materiale edile e metalli (21%); alimentari, bevande, tabacco (5%); macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio (4%); prodotti in legno e carta (3%). Principali partner commerciali Da segnalare, il netto incremento degli scambi con Paesi extra-UE come Cina e USA, con la Turchia a seguito dell’accordo di libero scambio entrato in vigore dall’1.05.2008 e i Paesi dell’area balcanica in particolare Kosovo, Macedonia, Croazia. Paesi Clienti: Italia (50,9%, oltre 10 punti in meno rispetto al 2009); Kosovo (6,1%); Turchia (6%); Cina (5,5%); Grecia (5,4%); Svizzera (4,1%); Spagna (3,5%); Germania (2,8%). Paesi Fornitori: Italia (28,3%, crescita di oltre 2 punti sul 2009); Grecia (13,1%); Cina (6,3%); Germania (5,6%); Tur3

17

Fonte: UE (First five year review of Albanian National Transport Plan, giugno 2010; Infrastructure Project Facility in the Western balkans-Albanian Railway Network: infrastructure and signalling improvement Project, novembre 2009); INSTAT


EUROPA

ALBANIA Aspetti normativi e legislativi5

chia (5,6%); Francia (2,2%); Russia (2,2%); Svizzera (1,5%); USA (1,6%); Spagna (1,6%).

Interscambio con l’Italia4 Oltre ad essere primo partner commerciale con una quota di ca. il 35%, l’Italia è anche primo investitore per numero di imprese e primo donatore bilaterale. Si conferma la crescente domanda di prodotti Made in Italy, in particolare aumenta l’interesse verso prodotti alimentari, tecnologia e macchinari, funzionali allo sviluppo di produzioni locali, spesso avviate in collaborazione con imprese italiane. Saldo commerciale: mld/euro –0,4. Principali prodotti importati dall’Italia: macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio (23%); tessile e calzature (18%); materiali per edilizia e metalli (17%); prodotti alimentari, bevande e tabacco (12%). Principali prodotti esportati in Italia: tessile e calzature, soprattutto lavorazioni a façon (74%); minerali, combustibile ed energia (10%); materiali per edilizia e metalli (9,5%); macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio (4,5%).

Regolamentazione degli scambi Gli scambi nella Repubblica di Albania sono regolamentati dal Codice Doganale Albanese. La Direzione Generale delle Dogane è l'Istituzione preposta all'attività doganale. La legislazione albanese è in linea con la normativa europea in base alla quale la nomenclatura della merce cambia ogni anno secondo le richieste della WTO6 e degli Accordi di Libero Scambio. Le Dogane albanesi utilizzano l’Automatic System for Custom Data (ASYCUDA), un metodo che consente procedure più veloci e trasparenti. Tale sistema ha unificato le procedure doganali di tutti i distaccamenti ed assolve automaticamente tutte le procedure doganali dalla registrazione fino al momento del pagamento. L'Albania è inoltre membro della Word Customs Organization dall'agosto del 1992; dal gennaio 1985 del Transport International Routier (TIR) aderente alle Nazioni Unite; della Convenzione di Johannesburg sul sostegno reciproco in materia doganale e della Convenzione di Nairobi sul sostegno reciproco nella prevenzione, investigazione e persecuzione delle violazioni delle regole doganali. Accordi bilaterali sull'assistenza doganale sono stati firmati con Italia, Grecia, Macedonia, UNMIK, Moldavia, Bulgaria, Slovenia, Romania, Polonia, Turchia, Croazia e Cipro. Sdoganamento e documenti di importazione: il Paese gode di un accesso preferenziale al mercato dell’Unione Europea, beneficiando di agevolazioni fiscali sulle esportazioni. Il 12 giugno 2006 l’Unione Europea e l’Albania hanno firmato un accordo di stabilizzazione e associazione (ASA) ed un ulteriore Interim Agreement che consente la libera importazione delle merci dai Paesi dell’Unione Europea. L’Interim Agreement è entrato in vigore l’1.12.2006 e in base alla nuova normativa l’83% dei prodotti industriali importati in Albania dai Paesi dell’Unione Europea è esentato dalle tasse doganali. Per il restante 17% (idrocarburi, fertilizzanti, prodotti plastici, etc.) è prevista invece una graduale riduzione dei dazi in un periodo di cinque anni. Dall’1.05.2007 l’Albania fa parte del CEFTA (Accordo centroeuropeo di libero scambio). Le tariffe doganali sono applicate su tutte le merci specificate nella nomenclatura basata sul Sistema Armonizzato e il loro valore va dallo 0% al 15%. L'aliquota massima è applicata, a titolo esemplificativo e non esaustivo, su: tessuti, gioielli e alcuni prodotti alimentari. L'aliquota più bassa (0%) viene applicata principalmente per aiuti umanitari e apparecchiature per lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti. Le tariffe doganali includono: a) tariffe e altri oneri normalmente applicati sulle merci inserite nel sistema armonizzato; b) misure della tariffa preferenziale contenute negli accordi

Investimenti esteri (principali Paesi) Nel corso dell’ultimo decennio l’Albania ha avviato una serie di riforme politiche ed economiche volte a trasformare un’economia pianificata e centralizzata in una aperta e di mercato. Le riforme intraprese hanno puntato principalmente ad accelerare il processo di privatizzazioni e all’attrazione di investimenti esteri. E’ stata avviata, quindi, una politica di interventi in campo fiscale e per la semplificazione di procedure connesse all’avvio delle attività economiche, anche in settori strategici come l’energia, le telecomunicazioni, le infrastrutture e il turismo. Paesi di provenienza: Italia, Grecia, Germania, Turchia, Regno Unito. Investimenti esteri (principali settori) Secondo gli ultimi dati disponibili, nel I semestre dell’anno, gli investimenti diretti hanno raggiunto mln/euro 328,9 con un incremento del 19% rispetto al 2009. Il settore delle telecomunicazioni ha assorbito metà degli investimenti, mentre il 20% è stato destinato al settore degli idrocarburi. Verso il Paese: energia, banche, immobiliare, servizi, edilizia, abbigliamento, agro-alimentare, calzaturiero, telecomunicazioni, turismo, infrastrutture. Italiani verso il Paese: energia, banche, edilizia, tessile e calzaturiero, servizi, agro-alimentare.

4 5 6

18

Fonte: ISTAT; Direzione Generale delle Dogane albanesi Fonte: Direzione Generale delle Dogane L’Albania è membro WTO dal settembre 2000


BUSINESS ATLAS 2011

bilaterali o multilaterali che contengono la clausola della tariffa presenziale; c) misure di riduzione o annullamento di dazi doganali per l'importazione di determinate merci (Favorable Tariff Treatment); d) altre misure tariffarie previste nell'ambito della politica commerciale albanese. L'IVA sulle importazioni è pagata nel momento in cui le merci entrano nel territorio albanese, ed è applicata nella misura del 20% sul valore dei prodotti più il trasporto e i pagamenti assicurativi fatti fino al momento dell'entrata nel territorio. Nel valore tassabile è incluso inoltre il pagamento di qualsiasi tassa di import-export effettuato fino a quel momento. Per i macchinari e gli equipaggiamenti importati per investimenti nella produzione, costruzione, trasporto, telecomunicazioni e le importazioni per la Corporazione albanese dell'energia (KESH) si applica il differimento del pagamento dell'IVA. Tale sistema prevede il pagamento dell'IVA solo nel momento in cui viene presentata la dichiarazione IVA presso l'Ufficio tasse dove è registrato l'imprenditore, comunque non oltre i 12 mesi. Il Ministero delle Finanze può concedere una ulteriore proroga, qualora la durata dell'investimento superi i 12 mesi. Le esportazioni albanesi sono esenti da IVA. La dichiarazione di esportazione serve come prova dell'avvenuta esportazione. Tale dichiarazione è concepita secondo il Documento Unico Amministrativo (UAD) disponibile presso gli Uffici doganali per l'esportazione. Gli esportatori possono beneficiare del credito IVA per gli acquisti fatti per le loro esportazioni. Inoltre, se il credito fiscale di un periodo è maggiore dell'IVA applicata, gli operatori hanno il diritto di utilizzare tale credito fiscale per il periodo successivo. Per le procedure di importazione è necessario presentare presso le autorità doganali: la dichiarazione di esportazione (CMR), il certificato EUR 1 (se la merce è stata prodotta in Europa), la fattura della merce, il codice fiscale dell’importatore, altri documenti relativi alla natura della merce. Restrizioni alle importazioni: ai sensi della L. 10366/2010 e L. 9981/2008 sull’Approvazione dei Livelli della Tariffa Doganale, modificata, è vietata l’importazione di rifiuti urbani (cod. dog. 38251000), melma delle acque reflue (cod. dog. 38252000) e rifiuti clinici (cod. dog. 38253000, 38254100 e 38254900). Importazioni temporanee: sotto tale regime le merci non albanesi destinate alla riesportazione non possono essere commercializzate poiché godono dell'esenzione totale o parziale di ogni diritto doganale se non soggette a nessuna variazione eccetto in caso di deprezzamento (periodo massimo di un anno). Il regime è consentito anche per: a) lavorazione attiva (regime a facon) per prodotti stranieri che subiscono trasformazioni nel territorio albanese senza essere sottoposti a tariffe doganali eccetto per alcuni oneri amministrativi pertinenti la dogana, a condizione che tali prodotti risultino riesportati; b) lavorazione sotto il controllo doganale permette l'importazione delle merci in Albania per operazioni che modificano la loro natura o il loro stato, senza il pagamento di dazi di importazione o altre misure di politica commerciale (i dazi saranno dovuti a prodotto finito e sdoganato); c) lavorazione passiva per merce albanese che può essere esportata tempo-

ALBANIA

raneamente per essere elaborata e successivamente reimportata con esenzione totale o parziale dei dazi doganali; d) regime di transito di merci e veicoli attraverso il territorio albanese è esente da qualsiasi dazio doganale, IVA e accise; e) regime di stoccaggio temporaneo con cui i prodotti assumono status di stoccaggio temporaneo dal momento che entrano negli uffici doganali fino al momento della loro destinazione finale. Tali merci sono tenute in speciali aree autorizzate dalle autorità doganali. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: la L. 10316/2010, ha modificato la L. 7764/1993 sugli investimenti stranieri, e per la prima volta prevede e riconosce le Società Europee. La Legge prevede un nuovo tipo di protezione per gli investitori e investimenti esteri, chiamata protezione statale speciale; la legge prescrive che: a) non è necessaria nessuna autorizzazione preventiva in nessun settore per gli investimenti esteri; b) nessuna limitazione sulla percentuale di capitale straniero (è possibile detenere il 100% della società); c) gli investimenti esteri non possono essere espropriati o nazionalizzati né direttamente, né indirettamente, a eccezione di casi speciali di interesse pubblico previsti dalla legge; d) gli investitori stranieri hanno il diritto di trasferire dal territorio albanese qualsiasi risorsa finanziaria collegata agli investimenti; e) è applicato il trattamento più favorevole previsto dagli accordi internazionali; f) parità di trattamento per investitori locali e stranieri sia per quanto riguarda le attività e le strutture legali, sia per l'applicazione del sistema fiscale. Legislazione societaria: la L. 9901/2008 sulle imprese e le società commerciali prescrive che è possibile costituire vari tipi di entità legali includendo quelle commerciali, società in nome collettivo, società in accomandita, società a responsabilità limitata, e società per azioni. Inoltre, è possibile costituire una filiale (branch) di una società straniera. Imprese e società devono tenere i libri contabili, indicare i conti annuali ivi inclusa la verifica da parte dei revisori contabili, a tal fine autorizzati dalla normativa sulla contabilità e sulle dichiarazioni finanziarie. Qualora non sia diversamente previsto, il Tribunale con riferimento alla presente legge sarà l'autorità competente in base agli articoli dal 334 al 336 del Codice della Procedura Civile. La L. 9228/2004 su Contabilità e Dichiarazioni Finanziarie viene applicata a tutte le entità economiche aventi scopo di lucro, a tutte le società commerciali, indipendentemente dalla loro forma legale.

19

Brevetti e proprietà intellettuale La L. 9947/2008 sui diritti della proprietà intellettuale protegge i copyright, i marchi di fabbrica, marchi di origine e il disegno industriale. La legge prevede la protezione del brevetto per una durata ventennale; l’estensione del termine per i disegni industriali e per i marchi registrati è invece, rispettivamente di cinque e dieci anni. Nel 2000 l'Albania ha ratificato l'Accordo di Marrakesh ed è entrata a far parte del TRIPS. Il Paese ha, inoltre, aderito all’Organizzazione Europea Brevetti e alla World Intellectual Patent Organization.


EUROPA

ALBANIA

Sistema fiscale7 Attualmente il quadro normativo è costituito dalle seguenti leggi e successive modifiche e dalla loro normativa di attuazione: L. 9975/2008, L. 9632/2006, L. 8438/1998, L. 7928/1995, L. 8976/2002, L. 9920/2008, ed infine la recente Decisione del Consiglio dei Ministri 55/2010, che rende obbligatoria la modalità telematica per le dichiarazioni fiscali. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre. Imposte sui redditi delle persone fisiche: sono tenuti a versare l'imposta su tutte le loro fonti di reddito i residenti, le persone a quest’ultimi equiparate ed i non residenti. I non residenti sono soggetti all'imposta solo sulle fonti di reddito prodotte in Albania. Ai sensi della Legge 8438 l'imposta è calcolata separatamente per ogni categoria di reddito. La L. 9766/2007 prevede una tassazione progressiva sulla base delle seguenti aliquote per salari, stipendi e altre indennità annue derivanti da rapporti di lavoro: fino a ALL 10.000, 0%; da ALL 10.001 a 30.000, 10% sulla differenza tra la somma percepita e la somma di ALL 10.000; oltre ALL 30.001, 10% della somma effettivamente percepita. Tassazione sulle attività d’impresa: legge prescrive che tutte le imprese (albanesi o straniere) registrate a fini IVA sono soggette all'imposta sul reddito aziendale. I soggetti residenti sono tassabili sull'intero reddito, mentre i non residenti sono tassati sul reddito prodotto in Albania. Una persona giuridica è considerata come residente in Albania se ha una struttura permanente (sede principale) o una sede per la reale gestione degli affari nel Paese. A partire dall’1.01.2008 l'aliquota d'imposta sul reddito è pari a 10%. La base imponibile è determinata dalle risultanze dal bilancio annuale d’esercizio e dalle scritture contabili ad esso annesse. La L. 8438 ha introdotto un elenco analitico delle spese non deducibili. Non possono essere dedotte – tra le altre – le spese inerenti ai costi di acquisto, miglioramento, rinnovo e ricostruzione di beni ammortizzabili; i versamenti per contributi previdenziali volontari; l'aumento di capitale; i dividendi societari; gli interessi su prestiti che eccedano il tasso medio dichiarato dalla Banca d'Albania; le spese di rappresentanza e per i ricevimenti eccedenti lo 0,3% dei flussi di cassa annui; le spese per le sponsorizzazioni che eccedono il 3% del reddito prima della tassazione e le sponsorizzazioni per l'editoria che eccedono il 5% del reddito non tassato; gli interessi passivi relativi a prestiti della società nel caso in cui il prestito e l’anticipo versato eccedano di 4 volte l’apporto del socio al capitale sociale (non si applica alle banche, alle compagnie di assicurazione e di leasing). Non sono soggetti a tassazione i dividendi distribuiti da società, consorzi o gruppi di società che abbiano sede legale o che gestiscano effettivamente la propria attività economica in Albania nel caso in cui esse siano soggetti passivi IVA e il soggetto beneficiante per quanto riguarda le società sia in possesso di non meno del 25% del pacchetto azionario o delle quote o del diritto di voto e, se consorzio, non meno del 25% del capitale sociale.

Le autorità fiscali possono procedere a una valutazione discrezionale ed alla ridefinizione dell’imposta da corrispondere in anticipo, se ritengono che i profitti dell’anno corrente siano superiori di almeno il 10% rispetto al periodo di riferimento. L'evasione fiscale ed il falso in bilancio sono puniti con un ammenda pari al 100% della differenza tra l'importo dovuto e quello dichiarato. Dal mese di gennaio 2006, i piccoli imprenditori (persone fisiche o giuridiche) che realizzano un fatturato annuo lordo massimo pari a ALL 5.000.000 sono soggetti alla tassa locale sulla piccola impresa, disciplinata dalla L. 9632/2006 e successive modifiche. L'ammontare della tassa locale è determinata in base al volume di affari realizzato durante l'anno fiscale e varia in base al tipo di attività svolta e al luogo in cui essa viene esercitata. La tassa dovrà essere corrisposta in quattro rate: all’atto della registrazione o del rinnovo del certificato di registrazione, entro il 20 aprile; entro il 20 luglio; entro il 20 ottobre ed entro il 20 gennaio dell'anno successivo. Inoltre, la normativa di riferimento, prevede per i piccoli imprenditori aventi un volume di affari: fino a mln/ALL 2 il pagamento della sola tassa locale; da 2 a 5 milioni il pagamento della tassa locale e dell'imposta sul reddito delle persone fisiche (pari a 10%); da 5 fino a 8 milioni il pagamento della tassa locale, dell’imposta sul reddito per persone fisiche (pari a 10%) ed anche dell'imposta sul valore aggiunto (pari al 20%). Imposta sul valore aggiunto: l’introduzione dell'imposta sul valore aggiunto in sostituzione dell’imposta sul fatturato è stata approvata dal Parlamento nell'aprile del 1995 ed è entrata effettivamente in vigore l’anno successivo. La L. 7928/1995 stabilisce due criteri territoriali fondamentali ai fini del pagamento dell'imposta: alle cessioni di beni ed alle prestazioni di servizi effettuate dal soggetto che esercita la propria attività d'impresa nel territorio della Repubblica d'Albania e alle importazioni di beni nel territorio albanese.La Tassa sul Valore Aggiunto (VAT) è applicabile sulla vendita delle merci e dei servizi ad un tasso standard del 20% e 10% sulle medicine. La VAT non si applica sulle esportazioni ed i servizi internazionali come per esempio il trasporto di merci e passeggeri. Tutte le persone (individui o entità legali) il cui fatturato eccede ALL 5.000.000 nell'anno e tutte le persone fisiche o giuridiche che hanno attività di export-import devono registrarsi come contribuenti per la VAT. Per richiedere il rimborso dell'IVA il contribuente deve avere maturato un credito VAT per tre mesi consecutivi e il rimborso totale deve eccedere ALL 400.000. La legge prevede VAT pari allo 0% per esportazioni di beni fuori del territorio; prestazione di servizi effettuata fuori del territorio da un soggetto, la cui sede d'impresa o luogo di residenza (se persona fisica) si trova in Albania; fornitura di beni o prestazio7

20

La legislazione fiscale è affidata alla Direzione Ge-nerale delle Imposte. Informazioni più dettagliate sulla normativa delle imposte sono disponibili sul sito del Dipartimento Generale delle Tasse (www.tatime.gov.al)


BUSINESS ATLAS 2011

Attività SIMEST

ne di servizi relative al trasporto internazionale di persone o beni; fornitura di beni o prestazione di servizi relativi ad attività commerciali od industriali marittime.

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA

Notizie per l’operatore

Rischio Paese8 6/7 Condizioni di assicurabilità SACE9 apertura senza condizioni

Sistema bancario Il mercato finanziario albanese è controllato per oltre il 50% dall’austriaca Raiffeisen Bank, che ha inglobato all’inizio del 2004 la Savings Bank, la più grande banca albanese in termini di presenza sul territorio e di somme depositate. Seguono, per diffusione sul territorio e per solidità finanziaria, Intesa Sanpaolo Bank, che nel 2007 ha acquisito l’80% del capitale azionario dell’ABA (American Bank of Albania) e la National Commercial Bank, precedentemente di proprietà dello Stato ma privatizzata nel giugno 2000. Nell’aprile 2007 la Société Générale de France ha firmato un accordo per l’acquisto del 75% delle azioni della People’s Bank, una delle tre banche di proprietà albanese, fondata nel 2004 da 30 investitori locali. Numerosa è anche la presenza di banche greche. La Banca Italiana di Sviluppo (BIS), nata nel 2006 dall’acquisizione della Dardania Bank da parte della Banca Popolare Pugliese, è stata rilevata dal Gruppo Veneto Banca; dal marzo 2010 il Gruppo è ufficialmente presente nel Paese come Veneto Banka con 8 filiali dislocate nei principali distretti del Paese quali Tirana, Durazzo, Fier, Valona e Scutari. Tipologia

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche10 I parchi industriali possono essere gestiti da società commerciali, istituite ai sensi della legge 9789/2007. La creazione di un parco industriale si basa su un accordo di joint venture tra autorità pubbliche, operatori economici e/o altri partner interessati. Sono stati dichiarati parchi industriali: Koplik (61 ettari), Shengin (3,2 ettari), Elbasan (oltre 254 ettari), Valona (125 ettari), Spitalle-Durazzo (850 ettari), Lezha (54 ettari); Scutari (137 ettari).

Accordi con l’Italia Accordo di cooperazione economica e tecnica (1989); Accordo sulla promozione e protezione degli investi-menti (1992); Accordo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica con Allegato firmato (1997); Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali (1994); Trattato di Amicizia e collaborazione (1995); Accordo di mutua assistenza amministrativa per la prevenzione, la ricerca e la repressione delle infrazioni doganali (1998); Memorandum d'Intesa cooperazione giudiziaria (2002); Accordo Bilaterale in materia di lavoro con Protocollo Aggiuntivo (2008); Accordo quadro di Cooperazione allo Sviluppo (2008).

Tassi bancari

Tasso di interesse legale Deposito a 1 mese Deposito a 3 mesi Deposito a 6 mesi Deposito a 12 mesi Deposito a 24 mesi

Valore

5% 1% 2,5% 3% 3,75% 4,55%

Costo dei fattori produttivi

Manodopera11 (valori medi mensili in €)

Principali finanziamenti e linee di credito Accordati da tutti i più importanti organismi internazionali e da Stati esteri (Cooperazione Italiana, USAID l’Agenzia Statunitense per lo Sviluppo Internazionale), GTZ tedesca.

8

9 10 11

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Ministero albanese dell’Economia Fonte: INSTAT (2009) per il settore pubblico. Stime della Camera per il settore privato. Secondo dati 2010 della Banca d’Albania lo stipendio medio è pari a euro 320

ALBANIA

Categorie

Operaio Ingegnere Dirigente

21

da

170/226 253/295 550/874

a

245/425 360/630 750/1.354

Organizzazione sindacale Presenti Federazioni dei Sindacati degli Impiegati del settore: istruzione, industria, amministrazione statale, trasporto e telecomunicazioni, edilizia-legno, infrastruttura pubblica, tessile-confezioni-artigianato, agricoltura-alimentare-forestale e ambiente; Federazione dei Sindacati della Sanità; Federazione dei Sindacati del servizio della Polizia; Federazione dei Sindacati dei Pensionati e dei Disoccupati.


EUROPA

ALBANIA Elettricità12 (in € cent/KW/h)

Categorie

da

Alta e media tensione Combustibile

a

0,057

0,070

Prodotti petroliferi13 (in € /l)

Media

Benzina 100 RON Benzina 95 RON Nafta LPG (gas liquido)

1,22 1,13 1,17 0,68

Acqua14 (in € /m3) Ad uso industriale Tipologia

Ufficio ICE17 Sheshi Skenderbej, Pallati i Kultures - 1000 Tirana tel +355 4 2251051 / 2251034 - fax +355 4 2251051 tirana.tirana@ice.it Cooperazione allo Sviluppo Rr. Abdi Toptani, Torre Drin, kati V Tirana tel+355 4 2240 881/2/3 - fax +355 4 2240 884 utl.albania@esteri.it ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Intesa Sanpaolo Bank Albania (Head Office) Rruga Ismail qemail 27, PO Box 8319, Tirana tel +355 4 2276000 www.intesasanpaolobank.al Veneto Banca Bulevardi Dëshmorët e Kombit - Kullat Binjake, Tirana tel +355 42 280555 - fax +355 42 280356 info@venetobanka.al

da

a

0,086

0,100

Immobili15 (canone mensile in € /m2)

Affitto locali uffici

da

20

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata Via Asmara, 3-5 - 00199 Roma tel 06 862241 – fax 0686224120 www.ambalbania.it

a

35

Consolati generali Bari via Calefati, 7 - 70121 tel 080 5727647 - 080 5289728 - fax 080 5283335 www.consolatoalbanesebari.org consulate.bari@mfa.gov.al Milano piazza Duomo, 17 - 20121 tel 02 8051265 / 86467782 / 86467423 www.consolatoalbanesemilano.org

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

Formalità doganali e documenti di viaggio Per entrare nel paese necessario il passaporto/carta d'identità valida per l'espatrio (scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania). Per i cittadini UE non è necessario il visto d'ingresso. Tuttavia per soggiorni superiori a 90 giorni nell'arco di 6 mesi è necessario richiedere un permesso di soggiorno alle competenti autorità albanesi. Coloro che non ottemperano a tale obbligo rischiano di vedersi rifiutato il diritto di ingresso in Albania (o di essere espulsi dal Paese, con conseguente divieto di reingresso).

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE16 Ambasciata d’Italia Rr.Papa Gjon Pali II 2 – Tirana tel +355 4 2275900 - fax +355 42 250921 www.ambtirana.esteri.it segreteriaambasciata.tirana@esteri.it

Consolato Generale Rruga Ismet Cakerri 45 - Valona tel +355 33225705/7 - fax +355 33225706 www.consvalona.esteri.it consolato.valona@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Rruga Budi 74, Tirana tel +355 4 2379579/80/81 - fax +355 4 2379577 iictirana@esteri.it

Fonte: Ente Regolatore Nazionale dell’Energia (www.ere.gov.al) Fonte: Associazione Nazionale dei prodotti petroliferi (www.karburant.al) 14 Fonte: Direzione Generale Acquedotti Fognatura (www.dpuk.gov.al) 15 Fonte: stima della Camera su informazioni delle principali agenzie immobiliari del Paese (www.albaniaprestige.com, www.balkimo.com, www.albania-properties.co.uk, www.century21albania.com, www.inf-93.com, www.leonardo2000.com) 16 Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 17 Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) 12

13

22


BUSINESS ATLAS 2011

Corrente elettrica 220 volts

ALBANIA

Assistenza medica Pronto Soccorso operativo h24: 127, oppure +355 4 222 22 35

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 09.00-17.30 Negozi: lun-dom 08.30-21.00 Banche: lun-ven 08.30-15.30 (per clienti)

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Albanian Airlines Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Adria Airways, AirOne, Alitalia, Austrian Airlines, British Airways, Lufthansa, Malev Hungarian Airlines, Olymipic Air, Turkish Airlines. Trasferimenti da e per l’aeroporto: con servizio taxi (circa euro 20); con autobus (ca. euro 2 solo andata).

Festività 1-2 gennaio; 14 (Festa della Primavera), 22 (Novruz) marzo; Pasqua Cattolica, Pasqua Ortodossa; 30 agosto (Granda Bajram); 19 ottobre (Giornata di Madre Teresa); 6 (Piccolo Bajram), 28 (Indipendenza), 29 (Liberazione) novembre; 8 (Giornata della Gioventù), 25 dicembre.

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Albtelecom. Telefonia mobile: Vodafone, AMC, Eagle Mobile, Plus

Media Quotidiani: Gazeta Shqip, Gazeta Shqiptare, Gazeta Panorama, Gazeta Standart, Gazeta Sot, Gazeta Shekulli, Gazeta 55, Gazeta Tema, Rilindja Demokratike, Koha Jone. Riviste: Revista Monitor, Femra Moderne, Revista Jeta, Ndertuesi, Psikologji. TV: RTSH, Top Channel, Vizion Plus, Klan Tv, News 24, Ora News, ABC News.

Siti di interesse Consiglio dei Ministri: www.keshilliministrave.al Parlamento: www.parlament.al Comune di Tirana: www.tirana.gov.al Ministero dell’Economia, Commercio ed Energia: www.mete.gov.al Direzione Generale delle Imposte in Albania: www.tatime.gov.al Agenzia Nazione per la Promozione degli Investimenti: www.anih.com.al

Alberghi 4/5 stelle: singola euro 120-320; doppia 130-360 (a notte).

Camera di Commercio Italiana in Albania

Tirana

Anno di fondazione 1996 Anno di riconoscimento 2011 Presidente Giovanni DEGENNARO Segretario Generale Alda BAKIRI Indirizzo Piazza Scanderbeg, Palazzo della Cultura, 1001 Telefono +355 4 2234243 Fax +355 4 2259098 Web www.ccia.al E-mail segreteria@ccia.al

Orario lun-ven 09.00-17.00 Numero dei soci 140 Quota associativa Soci Ordinari euro 300 annuali Newsletter Rassegna Stampa Albanese (quotidiana in italiano); Newsletter (mensile in italiano) Pubblicazioni Aggiornamenti Albanesi (trimestrale in italiano e albanese) Uffici di Rappresentanza Scutari, Valona

23


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

2 3 9 14 17 21 24 22 19 14 9 4

Media min

Quadro macroeconomico1 Nel 2010 il tasso di crescita del PIL ha raggiunto il 2%, segnale positivo considerando la crescita negativa registratasi nel 2009 (–3,6%). Il tasso di variazione del PIL previsto per il 2011 è del 2,2%. Le attuali stime sulla disoccupazione segnalano un leggero calo che porta il tasso al 4,5%. Il tasso di inflazione registra una crescita dallo 0,4% del 2009 fino all´1,9% del 2010. La quota di investimenti rispetto al PIL è in leggero calo anche se il trend stimato per il prossimo anno è positivo.

-3 -1 2 8 12 15 18 18 13 8 3 0

Principali settori produttivi1 L’agricoltura contribuisce al PIL con una quota dell’1,5%, il settore industriale con il 29,5% e il settore terziario con il 69%.

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 83.870 kmq Popolazione 8.355.260 Gruppi etnici Austriaci (89,6%), ex-Jugoslavi (3,5%), Tedeschi (1,5%), Turchi (1,3%) Comunità italiana 14.337 Capitale Vienna (1.681.049) Città principali Graz (253.222), Linz (189.059), Salisburgo (147.947), Innsbruck (118.037), Klagenfurt (93.360) Moneta Euro Lingua Tedesco (ufficiale), minoranze croate e ungheresi nel Burgenland, slovene in Carinzia Religioni principali1 Cattolici (66,2%), Protestanti (3,9%), Islamici (4,2%), atei (12%) Ordinamento dello Stato Repubblica Federale di tipo democraticoparlamentare. Gli organi legislativi sono il Consiglio Nazionale (183 seggi), il Consiglio Federale e le Diete delle Regioni (Länder). I 183 deputati del Consiglio Nazionale e le Diete delle Regioni sono eletti a suffragio universale, mentre i deputati del Consiglio Federale sono designati dalle Diete. Il Presidente della Repubblica è eletto a suffragio universale diretto ogni sette anni. Capo dell’esecutivo è il Cancelliere, responsabile di fronte al Consiglio Nazionale Suddivisione amministrativa 9 stati federali, i Bundesländer (Vorarlberg, Tirolo, Salisburgo, Alta Austria, Bassa Austria, Vienna, Burgenland, Stiria, Carinzia).

Infrastrutture e trasporti Le reti stradale ed autostradale si estendono rispettivamente per 133.718 e 1.677 km. La rete ferroviaria conta 6.256 km di collegamenti, mentre le vie navigabili interne si estendono per circa 358 km. I principali porti fluviali sul Danubio sono Vienna e Linz. I maggiori aeroporti si trovano a Vienna, Linz, Salisburgo, Graz, Innsbruck e Klagenfurt.

Commercio estero2 Totale import: mld/euro 116,1 Totale export: mld/euro 112,8 Principali prodotti importati: macchinari e autoveicoli (32,4%); prodotti lavorati e semilavorati (15,8%); prodotti chimici (12,7%). Principali prodotti esportati: macchinari e autoveicoli (37,7%); prodotti lavorati e semilavorati (23%); prodotti chimici (13%). Principali partner commerciali Paesi Clienti 2009: Germania (35,3%); Italia (8,7%); Svizzera (5,3%); Francia (4,7%). Paesi Fornitori 2009: Germania (39,5%); Italia (6,7%); Svizzera (5,2%); Cina (4,8%); Repubblica Ceca (3,7%). 1

24

2

Fonte: Statistik Austria; Österreichisches Institut für Wirtschaftsforschung (WIFO) Fonte: Statistik Austria


BUSINESS ATLAS 2011

Interscambio con l’Italia2 Saldo commerciale: mld/euro 0,9 Principali prodotti importati dall’Italia: (2009) macchinari e autoveicoli (mld/euro 2,4); prodotti lavorati (mld/euro 1,7) di cui metalli e acciai (mld/euro 1); altri prodotti lavorati (mld/euro 1), fra cui articoli di abbigliamento ed accessori (mld/euro 0,3). Principali prodotti esportati in Italia: (2009) prodotti lavorati (mld/ero 2,4), di cui metalli e acciai (mld/euro 1,4), sughero e legno (mld/euro 0,4); macchinari e autoveicoli (mld/euro 1,8); materie prime (mld/euro 1,1).

libero scambio con lo scopo di sottoporle a lavorazioni per poi rivendere i prodotti finiti all’interno della stessa area di libero scambio. La vorübergehende Verwendung (impiego temporaneo) è invece una forma di sdoganamento che permette l’esonero parziale o totale dall’imposizione doganale per le merci che vengono impiegate solo temporaneamente per un determinato scopo all’interno dell’UE, o che durante la loro permanenza non vengono trasformate. Classificazione doganale delle merci: in uso la nomenclatura combinata. Restrizioni alle importazioni: in vigore alcune limitazioni all’introduzione di articoli tessili o d’abbigliamento, e articoli in ferro acciaio per i quali è necessario avere delle autorizzazioni. Importazioni temporanee: con il termine aktive Veredelung si intende l’introduzione nel Paese, senza imposizione doganale, di merci da sottoporre a ulteriori trasformazioni e successiva riesportazione.

Investimenti esteri (principali Paesi)3 Paesi di provenienza: Italia (25,6%); Francia (22,7%); Lussemburgo (16,4%); Germania (11,1%). Paesi di destinazione: Germania (30,6%); Italia (22,2%); Turchia (13,6%); Romania (10,3%).

Investimenti esteri (principali settori)4 Verso il Paese: (2009) vendita al dettaglio inclusi autoconcessionari (53,4%); attività immobiliari e servizi alle imprese (19,3%); banche e assicurazioni (8,6%); industria meccanica (5,1%). Italiani verso il Paese: commerciale e bancario. All’estero del Paese: (2007) settore bancario e assicurazioni (33%); attività immobiliari e servizi alle imprese (26%); commercio (11%); chimica (5%). In Italia del Paese: settore alimentare (supermercati Billa che opera con 67 filiali nel Nord Italia e che ha acquistato circa 120 magazzini Standa); settore edilizio (la ditta costruttrice Strabag e l’impresa Wienerberger, maggior produttore mondiale di mattoni, presente in Italia con 5 stabilimenti); energia (partecipazione di Verbund, per il 26%, al consorzio italiano Energia e al gruppo Sorgenia).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: in linea di massima, non vi sono restrizioni agli investimenti esteri, salvo per quanto concerne il settore delle armi e degli esplosivi, e dei trasporti. Gli investimenti esteri che comportano il trasferimento di tecnologie o contribuiscono alla creazione di nuovi posti di lavoro sono incoraggiati con sussidi e incentivi di vario genere. La Austrian Business Agency ha il compito di favorire ed indirizzare gli investimenti stranieri in Austria. Legislazione societaria: il codice commerciale (Unternehmensgesetzbuch) regola la materia. Il diritto austriaco prevede per le società di capitali le forme a responsabilità limitata e per azioni e la società europea (SE). Per le società di persone le forme principali sono la società semplice, la società in accomandita semplice e la Offene Gesellschaft (simile alla società in nome collettivo).

Brevetti e proprietà intellettuale Il brevetto, la cui protezione è ventennale, si può ottenere tramite un procedimento nazionale (Legge sui Brevetti del 1970), europeo (Accordo europeo sui brevetti) oppure internazionale (Patent Cooperation Treaty).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi In linea con la legislazione UE per qualunque prodotto industriale; fanno eccezione a questo principio le merci definite dual use, armi e prodotti militari. Sdoganamento e documenti di importazione: previste l’importazione classica (le merci extra-comunitarie vengono ammesse nell’area di libero scambio previa imposizione di un dazio d’importazione), la spedizione comunitaria o gemeinschaftlicher Versandverfahren (trasferimento di merce non comunitaria fra due Paesi membri dell’area di libero scambio) e la spedizione comune gemeinsamer Versandverfahren (lo scambio di merci non comunitarie fra Paesi UE e Paesi EFTA). L’Umwandlungsverfahren (procedimento di sdoganamento per trasformazione) si applica alle merci non comunitarie introdotte nell’area di

AUSTRIA

Sistema fiscale

Imposta sui redditi delle persone fisiche (€)

Reddito

fino a 11.000 da 11.000 a 25.000 da 25.000 a 60.000 oltre 60.000

Aliquota mensile

0% 36,5 % 43,2 % 50,0 %

Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre 3 4

25

Fonte: Österreichische National Bank; dati 2009 Fonte: Österreichische National Bank


EUROPA

AUSTRIA

Tassazione sulle attività d’impresa: 25%. Dal 1994 esiste per la società con sede o amministrazione in Austria, una minimum tax di euro 1.750/anno per le Srl e di 3.500 per le SpA; per banche e assicurazioni la minimum tax è di euro 5.452. Per le spese destinate allo sviluppo o al miglioramento delle invenzioni di grande valore dal punto di vista politico-economico può essere applicata l’esenzione dalle tasse per l’anno dell’investimento; l’importo esente ammonta in linea di massima al 25% delle spese di ricerca, mentre è possibile richiedere una maggiorazione pari al 35% se le spese di ricerca superano la media degli ultimi tre anni. La quota percentuale esentasse con riferimento ai costi diretti di istruzione per le attività aziendali di formazione e aggiornamento è pari al 20%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 20% (tasso ridotto), 10% (per prodotti alimentari, libri, giornali, manifestazioni culturali, affitto per uso privato). Casi speciali: vendita diretta di vino (12%); nelle comunità di Jungholz (Tirolo) e Mittelberg (Vorarlberg) vige un regime IVA del 19%.

addetti e oltre 250 imprese) e componenti in Stiria. Inoltre, il cluster della plastica (più di 60.000 addetti e oltre 400 aziende) e della meccatronica (più di 49.000 addetti, 290 imprese) nell’Alta Austria, il cluster biofarmaceutico in Tirolo, il cluster del legno nel Salisburgo e il cluster creativo a Vienna. Gli incubatori aziendali offrono affitti ridotti per start-up. Gli incentivi previsti variano da una regione all’altra: il cluster alimentare in Alta Austria, per esempio, offre un tetto massimo del 30% dei costi e al massimo euro 25.000 a richiedente.

Accordi con l’Italia Accordo bilaterale per evitare le doppie imposizioni (1985). Costo dei fattori produttivi

Manodopera8 (valori medi annuali in €)

Categorie

Notizie per l’operatore

Elettricità ad uso domestico9 (in €/KW/h)

Categorie (2008)

Sistema bancario La Banca Nazionale austriaca esercita le funzioni di banca centrale. Principali banche commerciali del Paese sono la UniCredit Bank Austria, la Erste Bank, la Raiffeisen Zentralbank (RZB), l’Österreichische Volksbanken, la BAWAG/P.S.K. e la Hypo Group Alpe Adria.

Fino ad un anno Fino a 5 anni Oltre i 5 anni

Alta e media tensione

Media

0,19

Prodotti petroliferi10 (in €)

Combustibile (2008)

Benzina (Superbenzin 98) Nafta Combustibile industriale

Tassi bancari7 Valore

Principali finanziamenti e linee di credito

Ad uso industriale

Attività SIMEST

Tipologia

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

1,09

da

7,80

a

19,00

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it 7 Fonte: Österreichische National Bank 8 Fonte: Statistik Austria (reddito lordo, 2009) 9 Fonte: Statistik Austria (2009). Non disponibile il costo dell’elettricità per uso industriale 10 Fonte: Statistik Austria (2009) 11 Fonte: OVGW (2008) 12 Fonte: WKO Fachverband Immobilien (2009) 5

6

26

Media

Immobili12 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Media

1,19/l 351,38/t 335,44/t

Acqua11 (in €/m3)

2,64 % 3,00 % 2,81 %

Parchi industriali e zone franche I parchi industriali sono oltre 40 ben distribuiti sul territorio nazionale. Cluster particolarmente efficienti in termini di produttività e impiego sono quello del settore auto (più di 50.000

22.905 33.403 63.964

Organizzazione sindacale L’Organizzazione Sindacale Unitaria Austriaca (ÖGB) è costituita da 7 sindacati e conta circa 1,24 milioni di associati.

Rischio Paese5 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE6 apertura senza condizioni

Tipologia

Media

Operaio Impiegato Dirigente (2008)


BUSINESS ATLAS 2011

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Pergolesi 3 - 00198 Roma tel 06 8440141 - fax 06 8543286 www.austria.it • rom-ob@bmeia.gv.at Consolato generale Piazza del Liberty 8/4 – 20121 Milano tel 02 783743 - fax 02 783625 mailand-gk@bmeia.gv.at

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE 13 Ambasciata d’Italia Metternichgasse, 13 - 1030 Vienna tel +43 1 7125121 / 7135671 - fax +43 1 7154030 www.ambvienna.esteri.it ambasciata.vienna@esteri.it

AUSTRIA

ISTITUTI DI CREDITO Alpenbank Raingasse 20/l (Greif Center) - 39100 Bolzano tel 0471 301461 - fax 0471 977404 www.alpenbank.com • info@alpenbank.it Bank Austria Hypo Alpe-Adria Bank (direzione-sede legale)) via Marinoni, 55 - 33100 Udine tel 0432 532130 - fax 0432 532134 www.hypo-alpe-adria.it • hypofinance@hypofinance.it Hypo Tirol Bank Italien piazza Walther, 2 - 39100 Bolzano tel 0471 066319 - fax 0471 066399 www.hypotirol.it • info@hypotirol.it RZB Österreich via A. Costa, 2 - 20131 Milano tel 02 28040646 - fax 02 28040658 www.rzb.it • info@it.rzb.at Raiffeisenbankengruppe Salzburg vicolo Dotto, 4 - 35139 Padova tel 049 8755677 - fax 049 8755676 www.salisburgo.it • banca@salisburgo.at Raiffeisen Landesbank Kärnten viale Uccellis, 1 (p.zzale Osoppo) - 33100 Udine tel 0432 511814 - fax 0432 512285 www.rib-bank.at Kärntner Sparkasse via Aquileia, 5 - 33100 Udine tel 0432 243911 - fax 0432 243940 www.sparkasseitalia.it • info@sparkasseitalia.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura Vienna Ungargasse 43/A - 1030 tel +43 1 7133454 - fax +43 1 7133454 10 www.iicvienna.esteri.it iicvienna@esteri.it Innsbruck Palais Trapp, Marie-Theresien Straße, 38 - 6020 tel +43 512 583373 - fax +43 512 5833735 www.iicinnsbruck.esteri.it iicinnsbruck@esteri.it Ufficio ICE14: Karlsplatz 1/6 - 1010 Vienna tel +43 1 5039080 - fax +43 1 503908020 vienna@ice.it Ufficio ENIT15: Kärntner Ring 4 - 1010 Vienna tel +43 1 5051639 - fax +43 1 5050248 vienna@enit.it ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca di Trento e Bolzano (Filiale) Innsbruck Wilhelm Greil Straße, 4 - 6020 tel +43 512 582111 fax +43 512 572111 www.btb.at • info@btb.at Dornbirn Lustenaurer Straße, 64 - 6850 tel +43 55 72386462 BNL c/o BNP Paribas Fortis Euro Plaza/D Technologiestrasse 8 Vienna tel +43 1 8110438171 wolfgang.helpa@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Südtiroler Sparkasse (Filiale) Mitterweg 16/II - 6020 Innsbruck tel +43 512 271174 - fax +43 512 280186 www.sparkasse.it info@sparkasse.it

Formalità doganali e documenti di viaggio Libera circolazione di beni e persone. Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.00-16.30/17.00 (orario continuato) Negozi: lun-ven: 6.00-19.30; sab 6.00-18.00 Banche: lun-ven: 8.00-12.30/13.30-15.00; gio 8.00-12.30/13.30-17.30 13

14 15

27

Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA

AUSTRIA

Festività 1, 6 gennaio; festività pasquali; 1 maggio; 2, 12, 13, 23 (Corpus Domini) giugno; 15 agosto; 26 ottobre (Festa Nazionale); 1, 2 novembre; 8, 24, 25, 26, 31 dicembre

Trasferimenti da e per l’aeroporto: Aeroporto di Wien-Schwechat: City Airport Train (CAT) euro 10; Ferrovia (linea S7) euro 3,60; Pullman Vienna Airport Lines euro 6; taxi ca. euro 30. Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telekom Austria, UPC, Tele 2, UTA. Telefonia mobile: A1, T-Mobile, Orange, 3, tele.ring.

Media Quotidiani: Kronen Zeitung, Kleine Zeitung, Österreich, Kurier, Der Standard, Salzburger Nachrichten, Die Presse, Wirtschaftsblatt, Die Wiener Zeitung Riviste: Profil, Format, News, Trend TV: ORF1, ORF2, ATV, PULS 4

Siti di interesse Ministero delle Finanze: www.bmf.gv.at Ministero dell’Economia: www.bmwfj.gv.at Statistik Austria: www.statistik.at Austrian Business Agency: www.aba.gv.at Camera di Commercio austriaca: Wirtschaftskammer Österreich (www.wko.at) Sportello della camera di commercio austriaca per l’apertura di nuove attività: Gründerservice der WKO (www.gruenderservice.at) Istituto austriaco di ricerca economica: Österreichisches Institut für Wirtschaftsforschung (www.wifo.ac.at)

Alberghi16 Tariffe medie per notte, euro 87

Assistenza medica La Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) permette ad un cittadino in temporaneo soggiorno all’estero di ricevere tutte le cure mediche necessarie (non solo urgenti).

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Austrian Airlines Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Niki e le principali linee aeree straniere.

16

Fonte: Hotel Price Index (2009)

Camera di Commercio Italiana per l’Austria Certificata ISO 9001:2000

Vienna

Anno di fondazione 1923 Anno di riconoscimento 1957 Presidente Alfred W. MALLMANN Segretario Generale Karin SCHNEIDER Indirizzo Reisner Straße 20 - 1030 Telefono +43 1 7158782 Fax +43 1 7158789 Web www.italcham.at E-mail vienna@italcham.at Orario lun-gio: 8.30 -16.30; ven: 8.30 -13.30

Numero dei soci 210 Quota associativa soci individuali e società di persone euro 240; società di capitali e Camere di Commercio euro 480; soci sostenitori euro 960 Newsletter Gazzetta (tedesco); Notizie dall’Austria (italiano) Accordi di collaborazione Università Ca’ Foscari Venezia Delegazioni: Graz, Innsbruck, Klagenfurt, Linz, Salisburgo

28


Caratteristiche generali

Mesi

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

6 6 9 13 17 19 22 22 19 14 9 7

Media min

1 1 3 4 8 11 13 13 11 8 4 2

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 30.528 kmq Popolazione 10.780.000 Gruppi etnici Fiamminghi, Valloni, Tedeschi; minoranze di Italiani, Francesi, Marocchini, Olandesi, Spagnoli, Turchi Comunità italiana 170.00 (concentrata nelle zone di Charleroi, Liegi, Gand, Bruxelles) Capitale Bruxelles (1.050.000) Città principali Anversa (473.000), Liegi (192.000), Gand (240.000), Charleroi (202.000), Bruges (120.000) Moneta Euro Lingua Fiammingo (56%), Francese (43%), Tedesco (1%). Bruxelles è istituzionalmente bilingue (francese e fiammingo), anche se almeno l’85% degli abitanti è di lingua francese. La regione vallone è monolingue (francese), così come la regione fiamminga (olandese). Tutti gli atti amministrativi e i rapporti con il pubblico avvengono, per legge, esclusivamente nella lingua regionale Religioni principali Cattolici (maggioranza), Protestanti, Ortodossi, Anglicani, Ebrei e, dal 1976, è riconosciuto il culto islamico (seconda confessione in ordine d’importanza) Ordinamento dello Stato1 monarchia costituzionale e stato federale, il cui Capo è il Re Alberto II. Il potere esecutivo è esercitato dal Re e dal Governo federale. Il Governo è responsabile di fronte al Parlamento bicamerale (Senato e Camera dei Rappresentanti) che resta in carica quattro anni Suddivisione amministrativa dal giugno 1993 il Belgio ha assunto una nuova struttura amministrativa, costituita da una federazione che comprende le Fiandre di lingua olandese, la Vallonia francese e l'area urbana di Bruxelles. 1 2

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Per ulteriori informazioni, www.fed-parl.be/index.html Fonti: Banque nationale de Belgique; OCSE

Quadro macroeconomico Nel 2010 il PIL del Paese ha registrato una variazione positiva del 2,1% rispetto all’anno precedente. Per il 2011 il dato stimato dall’OCSE è +1,8%. Il tasso di disoccupazione del 2010 è stato dell’8,4%. Nella capitale, sede delle più importanti istituzioni dell’Unione europea, nonché della NATO, sono, attualmente presenti circa 2.500 società che svolgono un’attività di progettazione europea, consulenza sui finanziamenti comunitari e lobby nei confronti delle istituzioni.

Principali settori produttivi L'agricoltura copre l’80% del fabbisogno nazionale, ma incide scarsamente sull'economia (8% del PIL); le produzioni animali (allevamento di bovini e suini) prevalgono su quelle vegetali. L’industria e i servizi concorrono alla formazione del PIL rispettivamente per il 23,8% e il 75,2%. Il settore secondario è caratterizzato dalla presenza di industrie meccaniche, chimiche, farmaceutiche, elettroniche e alimentari.

Infrastrutture e trasporti I collegamenti interni sono garantiti da 150.567 km di strade, 1.600 km di reti navigabili, e 3.500 km di linee ferroviarie gestite, queste ultime, dalla Société Nationale des Chemins de Fer belges (SNCB). Treni ad alta velocità (Tgv) collegano la capitale con Parigi, Londra e Amsterdam. Sono presenti tre grandi porti: Anversa (terzo al mondo), Zeebrugge e Gand. Una rete moderna di vie navigabili collega il porto di Anversa con vari Paesi vicini fra cui Svizzera e Nord Italia. Sviluppato il trasporto aereo: il Brussels National Airport è in grado di accogliere un flusso di 15 milioni di passeggeri all’anno e si classifica fra i primi aeroporti europei anche per il traffico merci. In forte espansione l’aeroporto Brussels South Charleroi (Rynair), a 60 chilometri dalla città. Commercio estero Totale import: mld/euro 213,8 Totale export: mld/euro 226,7 Principali prodotti importati: chimico-farmaceutico, metalli e meccanica. Principali prodotti esportati: chimico-farmaceutico, autoveicoli, mobili e meccanica.

30


BUSINESS ATLAS 2011

Principali partner commerciali: Paesi Clienti: Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, USA, Italia. Paesi Fornitori: Germania, Francia, Olanda, Regno Unito, USA, Italia.

BELGIO

Notizie per l’operatore

Rischio Paese4 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE5 apertura senza condizioni.

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro -4,71 Principali prodotti importati dall’Italia: macchinari e apparecchiature meccaniche; materiali di plastica e ghisa; ferro o acciaio; prodotti farmaceutici. Principali prodotti esportati in Italia: materiali di plastica; macchinari ed apparecchiature meccaniche; reattori nucleari; prodotti chimici organici, prodotti farmaceutici.

Sistema bancario L’Istituto Centrale di emissione è la Banque Nationale de Belgique. Tra le principali banche commerciali: Fortis Banque, KBC, ING. Le banche italiane sono presenti soprattutto sotto forma di uffici di rappresentanza o di partecipazione a gruppi europei d'interesse economico. Rilevante il ruolo crescente della Borsa di Bruxelles e della nuova borsa su scala europea Easdaq.

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza e di destinazione: Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Regno Unito, Svizzera, USA, Giappone.

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Aspetti normativi e legislativi

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: secondo normativa comunitaria. Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura Combinata.

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Il Belgio conta circa 60 parchi industriali ben distribuiti sul territorio. La lista completa con la relativa descrizione si trova sul sito www.idea.be.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri3: le tre regioni belghe gestiscono direttamente gli investimenti stranieri nel territorio di loro competenza. Legislazione societaria: forme societarie simili a quelle italiane. Nessuna formalità particolare per aprire un ufficio di rappresentanza. Per le pratiche amministrative, consultare il sito web del Ministero degli Affari Economici (www.economie.fgov.be).

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni e per prevenire la frode e l’evasione fiscale in materia di imposte sul reddito. Costo dei fattori produttivi

Manodopera6 (valori medi mensili in €)

Categorie

Brevetti e proprietà intellettuale Membro dell’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale.

Operaio Account manager e consultant Dirigente (impresa)

media

2.074 4.140 7.624

Organizzazioni sindacali Centrale Générale des Syndicats Liberaux de Belgique (CGSLB), Confederation des Syndicats Chretiens (CSC ACV), Fédération Générale du Travail de Belgique (FGTB).

Sistema fiscale Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sul reddito delle persone fisiche: da 25 a 50% in base all’ammontare netto imponibile. Tassazione sulle attività d’impresa: 34% a carattere progressivo. Ai residenti in Italia si applica una ritenuta del 6,7% (nessuna imposta dovuta se la società italiana possiede almeno il 25% del capitale sociale della controllata belga). Imposta sul valore aggiunto (IVA): 21%

3

4

5 6

31

Ulteriori informazioni: Regione di Bruxelles (www.srib.be), Regione vallone (www.investinwallonia.be), Regione fiamminga (www.investinflanders.com) Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Bureau of Economic Analysis (www.bea.gov)


EUROPA

BELGIO

Elettricità Il costo della fornitura elettrica varia sensibilmente a seconda della società erogatrice, del tipo e della durata del contratto e del comune di residenza. Per una comparazione consultare il sito www.monenergie.be. Combustibile

Prodotti petroliferi7 (in €/l) da

Benzina Diesel Gasolio

1,60 1,40 0,70 Acqua8 (in €/m3)

Ad uso industriale Tipologia

a

1,70 1,50 0,80

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Monte Paschi Belgio Rue Joseph II 24, 1050 Bruxelles tel +32 2 2207211 - fax +32 2 2188391 www.montepaschi.be BNL c/o BNP Paribas Fortis Warandeberg 3 Brussel • tel +32 2 2286992 ibd@bnpparibasfortis.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Representative Office International Regulatory and Antitrust Affairs Square de Meeus, 35/b - 1000 Bruxelles tel +32 2 6400080 intesasanpaolo.brussels@intesasanpaolo.com

media

2,20

Immobili9 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici (Bruxelles)

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto di Cultura rue de Livourne, 38 - 1000 Bruxelles tel +32 2 5332720 - fax +32 2 5346292 iicbruxelles@esteri.it Ufficio ICE11 place de la Liberté 12, 1000 Bruxelles tel +32 2 2291430 - fax +32 2 2231596 bruxelles@ice.it Ufficio ENIT12 place de la Liberté 12, 1000 Bruxelles tel +32 2 6471154 - fax +32 2 6405603 brussels@enit.it

da

14

a

25

Informazioni utili

IN ITALIA

Indirizzi Utili

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via dei Monti Parioli 49 - 00197 Roma tel 06 3609511 - fax 06 3226935 www.diplomatie.be/romeit

NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE10 Ambasciata d’Italia rue Emile Claus 28, 1050 Bruxelles tel +32 2 6433850 - fax +32 2 6485485 www.ambbruxelles.esteri.it ambbruxelles@esteri.it

Consolati Milano corso Magenta, 10 - 20123 tel 02 29062062 - fax 02 87385439 milan@diplobel.fed.be

Consolati Generali Charleroi boulevard Audent 24, 6000 tel +32 71 328650 - fax +32 71 322494 www.conscharleroi.esteri.it segreteria.charleroi@esteri.it Liegi place X. Neujean, 31 - B/4000 tel +32 42 302800 - fax +32 42 224972 www.consliegi.esteri.it consolato.liegi@esteri.it

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini UE richiesta carta d’identità o passaporto. Necessario il visto per i cittadini extra UE.

7 8

9 10

11 12

32

Dati rilevati nel mese di maggio 2011 Fonte: Société Wallonne des Eaux (SWDE, tariffa applicata dal 1.01.2011) Ulteriori informazioni: www.immoweb.be Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


BUSINESS ATLAS 2011

Corrente elettrica 220 V, 50 Hz

BELGIO

generale 3 stelle euro 120-180, 4 stelle, euro 160-240, 5 stelle euro 220-280 (per notte in camera doppia).

Giorni lavorativi ed orari Uffici: 9.00-13.00; 14.00-18.00 Uffici pubblici: 8.00-12.00; 14.00-16.30 Banche: 9.00-12.30; 13.00-16.30 Negozi: 10.00-18.30

Assistenza medica Necessaria la Tessera europea di assicurazione malattia, in sostituzione del modello cartaceo E111. Richiesta l’iscrizione ad una Mutuelle, da effettuarsi in loco, che rimborserà visite mediche e farmaci secondo le disposizioni in vigore.

Festività 1 gennaio; festività pasquali; 1, 12 (Pentecoste), 25 (Ascensione) maggio; 21 luglio (Festa nazionale); 15 agosto; 1, 11 (Armistizio) novembre; 25, 26 dicembre.

Mezzi di trasporto Trasferimenti da e per l’aeroporto: Aeroporto di Bruxelles National: 20 km dal centro città, percorribili in treno (euro 5,05) o taxi (euro 45). Aeroporto Brussels South Charleroi: 70 km dal centro di Bruxelles, con navetta di collegamento fra l’aeroporto e la stazione di Bruxelles Midi (solo andata euro 13, ultima corsa 23:30); il costo del taxi è di euro 100/120.

Media Quotidiani: (olandese) De Standaard, Het Laatste Nieuws, De Morgen, Het Nieuwsblad, Gazet Van Antwerpen, ‘T Stad, De Gentenaar, De Nieuwe Gazet, Het Belangv van Limburg, De Financieel-Ekonomische Tijd (quotidiano economicofinanziario); (francese) Le Soir, La Libre Belgique, La Dernière Heure, L’Echo de la Bourse. TV: 4 emittenti pubbliche (2 in francese e 2 in fiammingo) e 5 private.

Telecomunicazioni Telefonia mobile: Proximus, Mobistar, Base.

Siti di interesse Informations et Services Officiels: www.belgium.be

Alberghi13 Il costo degli hotel varia in funzione delle sessioni del Parlamento europeo e delle riunioni del Consiglio Europeo; in

13

Per ulteriori informazioni: www.belgio.it

Camera di Commercio Belgo-Italiana Certificata ISO 9001

Bruxelles

Anno di fondazione 1950 Anno di riconoscimento 1987 Presidente Fabio MORVILLI Segretario Generale Matteo LAZZARINI Indirizzo Avenue Henri Jaspar, 113 – 1060 Telefono +32 2 2302730 Fax +32 2 2302172 Web www.ccitabel.com E-mail info@ccitabel.com Orario 9.00 – 17.30 Numero dei soci 240

Quota associativa euro 75, 150, 250, 500, 800 in base alla categoria dei soci Newsletter InfoItalie (trimestrale in italiano, francese, olandese, inglese); Newsletter Appalti Comunitari (in italiano) Pubblicazioni Guida ai finanziamenti dell´Unione europea (in italiano e inglese); Annuario dei Soci (in italiano, francese, olandese) Accordi di collaborazione Commissione Europea; Confprofessioni; Federexport Campania; Enti fiera: Bologna, Milano, Rimini, Verona; Intertrade; Istituto di Studi europei dell’Università Cattolica di Lovanio.

33


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

3 5 11 17 22 25 28 27 23 18 10 4

(0,8%); Protestanti, Gregoriani-Armeni (1,6%) altri (1,1%) Ordinamento dello Stato Repubblica Parlamentare il cui Presidente, eletto direttamente dal popolo, ha un mandato di 5 anni, rinnovabile una sola volta. Il Parlamento (Assemblea Nazionale) è di tipo monocamerale. Oltre ad esercitare il potere legislativo controlla il bilancio dello Stato, stabilisce e quantifica le imposte, stabilisce la data delle elezioni per la carica di Presidente della Repubblica, concede e revoca la fiducia al Primo Ministro Suddivisione amministrativa 28 regioni (Blagoevgrad, Burgas, Dobrich, Gabrovo, Haskovo, Kardjali, Kjustendil, Lovech, Montana, Pazardjik, Pernik, Pleven, Plovdiv, Razgrad, Russe, Shumen, Silistra, Sliven, Smolyan, Sofia, Stara Zagora, Targovishte, Varna, Veliko Turnovo, Vidin, Vratza, Yambol) e 287 Comuni. Le Regioni sono unità territoriali amministrative che attuano le decisioni politiche prese a livello centrale e non dispongono di una reale autonomia di spesa. I Comuni sono amministrati dai rispettivi consigli eletti direttamente dai cittadini e godono di una limitata automomia decisionale e di spesa. Ai fini della politica strutturale l’UE ha introdotto il sistema di classificazione NUTS a tre livelli che suddivide gli Stati membri in differenti unità territoriali. In base agli impegni assunti, l’articolazione della Bulgaria è rispondente ai requisiti delle unità territoriali NUTS 1, NUTS 2 e NUTS 3.

Media min

-4 -4 2 6 11 14 17 16 12 9 3 -2

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 110.910 kmq Popolazione 7.583.710 Gruppi etnici Bulgari (83,9%); Turchi (9,4%); Rom (4,7%); Armeni, Greci, Israeliti, Russi, Tartari e altri (2%) Comunità italiana1 646 Capitale Sofia (1.165.503) Città principali Plovdiv (348.465), Varna (320.837), Burgas (193.765), Rousse (156.509) Moneta Nuovo Lev Bulgaria (BGN) Tasso di cambio2 1 Euro=1,9558 BGN Lingua Bulgaro (alfabeto cirillico) Religioni principali Cristiano Ortodossi (82,6%); Musulmani (12,2%); Cattolici (1,7%); Ebrei

Quadro dell’economia3

gricoltura (5,3%). Quest’ultimo settore continua a presentare un elevato potenziale di sviluppo dovuto al continuo processo di modernizzazione. Tra le principali coltivazioni vi sono: cereali, prodotti ortofrutticoli, semi oleosi, tabacco, piante da tessuto e rose. Interesse sempre maggiore è riservato alle coltivazioni industriali ed energetiche (colza e girasole per la produzione del biodiesel), incoraggiate da consistenti finanziamenti europei: fino al 2013 il Fondo Europeo Agricolo di Orientamento e Garanzia (FEAOG) punterà allo sviluppo delle regioni agricole bulgare sulla base di quanto annunciato dal programma nazionale approvato dal Governo il 1.03.2007. I settori che hanno mostrato crescite più rilevanti sono stati l’industria (+8,4% alla fine del IV trimestre), in particolare quella di trasformazione (+7,9%) e il settore finanziario

Quadro macroeconomico Nel 2010 il trend di crescita dell’economia bulgara ha mostrato un segnale di ripresa rispetto all’anno precedente, registrando una crescita dello 0,2%. Il tasso di crescita previsto per il 2011 è pari al 2 – 2,5%. Il tasso di inflazione registrato a dicembre 2010 era del 2,4%, mentre quello di disoccupazione era in aumento a quota 11,2%, in crescita di 3,3 punti percentuali rispetto al 2009; si prevede tuttavia che diminuisca nel 2011 all’8,2%.

Principali settori produttivi Il settore che contribuisce in maniera più rilevante al PIL è quello dei servizi (63,5%); seguono l’industria (31,2%) e l'a-

1 2 3

34

Fonte: Aire Tasso di cambio medio 2010 Fonti: NSI National Statistical Institute of Bulgaria; BNB Bulgarian National Bank; ISTAT; ICE. Dati acquisiti il 15.03.2011


BUSINESS ATLAS 2011

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro 0,13 Principali prodotti importati dall’Italia: prodotti tessili (+16,7%); macchine di impiego generale (–0,1%); articoli in pelle (+12,8%); articoli di abbigliamento (–20,7%). Principali prodotti esportati in Italia: prodotti della metallurgia (+104,3%); articoli di abbigliamento (+9,4%); calzature (+21,3%); prodotti derivati dal petrolio (+241%).

(+5,2%). Anche il turismo mostra performance positive: nel 2010 sono stati 8.374.034 i visitatori, soprattutto comunitari, che hanno scelto la Bulgaria come meta delle loro vacanze, in aumento del 6,4% rispetto al 2009.

Infrastrutture e trasporti La rete stradale bulgara comprende 19.435 km, di cui 418 km di autostrade, 2.975 km di strade di primo livello, 4.028 km di strade di secondo livello e 12.014 km di strade di terzo livello. Il Paese è attraversato dai Corridoi Europei di trasporto IV, VII, VIII, IX e X che uniscono, con un’unica direttrice, l’Adriatico al Mar Nero partendo dal porto di Durazzo, attraversando Skopije e Sofia fino al porto di Burgas. Anche grazie agli stanziamenti dell’UE è in realizzazione un progetto di ampliamento della rete autostradale e con i fondi PHARE si sta provvedendo all’ammodernamento della rete stradale in direzione della Turchia e della Grecia. Inoltre, l’entrata in vigore degli emendamenti alla Legge sui Trasporti del 2004 ha dato il via alla realizzazione delle principali autostrade bulgare avvenuta grazie alla costituzione di partenariati pubblico-privati tra aziende pubbliche bulgare e partner stranieri. La rete ferroviaria si estende per 4.151 km di collegamenti tra la Bulgaria e gli stati confinanti (ad eccezione della Macedonia). Viene data priorità ai progetti con maggiori prospettive di transito lungo i corridoi di trasporto transeuropei o a rilevanza transfrontaliera. Scopo comune è quello della modernizzazione delle infrastrutture al fine di garantire il miglioramento del servizio offerto e un abbassamento dei costi. Il 30.01.2007 è stato dato avvio al primo progetto finanziato con Fondi di Coesione nel Paese, ossia la costruzione del ponte combinato sul Danubio (presso Vidin/Kalafat). I trasporti fluviali possono attualmente contare su 3 porti principali sul Danubio (Russ, Lom e Vidin): tutti dispongono di terminal per il traffico internazionale e di zone franche. I principali porti marittimi sono quelli di Varna e Burgas che servono il 60% dei carichi nazionali. Il porto di Varna dispone di terminal e di container specifici per grano e petrolio. Entrambi i porti dispongono di collegamenti diretti con la rete ferroviaria e quella stradale nazionale. In Bulgaria sono presenti, infine, 5 aeroporti civili, di cui il principale ha sede a Sofia, rilevante per la sua centralità e il posizionamento lungo i corridoi IV e VIII.

Commercio estero4 Totale import: mld/euro 17,19 Totale export: mld/euro 14,01 Principali prodotti importati: (mld/euro) beni di consumo (4,2); beni d'investimento (4); carburanti (3,8); materie prime (1,4). Principali prodotti esportati: (mld/euro) beni di consumo (5,6); beni d’investimento (2,3); combustibili (1,9); materie prime (1,2). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Turchia (+57,1%); Romania (+38,2 %); Italia (+38,2%); Germania (+24,4%). Paesi Fornitori: Romania (+39,7%); Italia (+5,2%); Germania (+5,6%); Russia (+33,4%).

BULGARIA

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: UE, in particolare Olanda (mld/euro 1,4; 60,4%); Germania (0,2; 6,8%); Belgio (mld/euro 0,1; 5,3%); Russia (mld/euro 0,1; 4,9%). Paesi di destinazione: Isole Marshall (mln/euro 49, 32,7%); Italia (mln/euro 11, 7,1%); Austria (mln/euro 10, 6,8%); Macedonia (mln/euro 10, 6,5%).

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: industria (33,3%); trasporti e logistica (16,8%); fornitura di elettricità, gas e acqua (15,5%); intermediazione finanziaria (9,3%). Italiani verso il Paese: tessile, abbigliamento, meccanica, metallurgia, energia, public utilities. Nel periodo 1996-2009 il volume totale degli investimenti italiani in Bulgaria ammonta a oltre 2 mld/euro. L’Italia è nel 2010 il decimo Paese investitore con l’1,3% del totale dei capitali incoming, pari a mln/euro 31. La presenza delle imprese italiane sul mercato bulgaro riguarda sia grandi gruppi, sia piccole e medie imprese (si contano circa 800 imprese bulgare a capitale italiano o misto italo-bulgaro). L’interesse primario degli investitori italiani è stato espresso per i settori del tessile/abbigliamento, della meccanica e della metallurgia, dell’energia e delle public utilities e, in questi ultimi anni per il settore edile, impiantistico, ambientale, immobiliare e dei servizi. All’estero del Paese: trasporti e comunicazione, attività immobiliari, commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autovetture, motocicli e altri beni, industria.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi5 Sdoganamento e documenti di importazione: la Bulgaria applica la politica commerciale comune in relazione all’import dai Paesi non membri, inclusa la Tariffa Doganale Comune e gli 4 5

35

Dati riferiti al periodo gennaio-novembre 2011 Dal 1.01.2007 il regime degli scambi è regolato dalla normativa doganale comunitaria, in particolare dal Regolamento (CEE) 2913/92 del Consiglio del 12.10.1992 e successivi emendamenti, che istituisce il Codice Doganale Comunitario, e sul Regolamento (CEE) 454/93 della Commissione del 2.07.1993 e successivi emendamenti. Per ciò che concerne la normativa nazionale, si applica, in via residuale, la Legge sulle Dogane (2000) e successivi emendamenti (ultimo in GU 45/2005)


EUROPA

BULGARIA

accordi di commercio preferenziali, così come le misure antidumping e di protezione applicate dall’UE. Per le importazioni sono necessari la dichiarazione doganale e la fattura. L’importatore deve presentare a una banca bulgara fattura proforma e contratto con il partner straniero per l’apertura di una Lettera di Credito o per altro tipo di pagamento anticipato e, dopo l’importazione, la dichiarazione doganale relativa all’operazione (entro 7 giorni); lettera di vettura; licenza per l’importazione (nei casi necessari - prodotti bellici); certificati veterinari e fitosanitari (per prodotti animali e vegetali); certificato di controllo sanitario, emesso dall’Ufficio Statale per il Controllo Sanitario sulle merci incluse negli elenchi allegati della Disposizione 171 del Ministero delle Finanze, Ministero della Sanità, Ministero dell’Agricoltura e Industria Alimentare e il Comitato per la Standardizzazione. Classificazione doganale delle merci: Tariffa Doganale Bulgara, basata sulla Nomenclatura Combinata UE. Restrizioni alle importazioni: in vigore le misure non tariffarie applicabili all’interno dell’UE, quali controlli veterinari e fitosanitari, controlli farmaceutici, sui narcotici e precursori chimici, su materiali e scorie radioattive, metalli ferrosi, prodotti tessili, prodotti e tecnologie dual-use, trasporto di rifiuti nocivi, beni artistico-culturali, armi ed esplosivi, etc. Importazioni temporanee: procedura ammessa dal diritto. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: gli investitori stranieri godono dello stesso trattamento riservato agli operatori locali (Legge sugli incentivi agli investimenti). Non esistono settori dell’economia dove l’investimento straniero sia disciplinato in modo discriminante. Le persone straniere e le società di capitali straniere devono avere un’autorizzazione da parte del Governo per l’acquisizione di beni immobiliari in alcune aree (i.e. aree di confine di rilevanza per la sicurezza nazionale). In Bulgaria esistono settori per i quali sono richieste speciali autorizzazioni, che però riguardano ugualmente sia gli investitori stranieri sia quelli bulgari: produzione e commercio di armi, munizioni ed equipaggiamenti militari, attività bancarie e assicurative. L’Investment Encouragement Act, radicalmente modificato nei suoi contenuti nel 2004 e ulteriormente emendato nel giugno 2007, regolamenta alcune agevolazioni per gli investimenti diretti, che riguardano sia gli investitori stranieri che quelli bulgari. Il regime di incentivo e agevolazione si sostanzia in quanto segue: l’art. 11a prevede la costituzione di un’Agenzia Bulgara per gli Investimenti, che ha competenza per l’applicazione di regimi agevolati per ciò che riguarda i servizi informativi e di consulenza; i servizi amministrativi; l’accesso all’acquisto di beni (senza partecipazione a un’asta pubblica); gli investimenti diretti in infrastrutture destinate ad agevolare lo stesso investimento (i.e. strade, acqua, energia elettrica, gas, impianti per la purificazione, etc.); gli investimenti diretti dell’Agenzia per la cessione all’investitore di terreni a fondo perduto. Così come emendata nel 2007, la Legge promuove, inoltre, gli investimenti iniziali di beni fissi intangibili e tangibili e i rela-

36

tivi nuovi posti di lavoro nell’ambito della normativa della Commissione Europea 1628/2006 sull’applicazione degli artt. 87 e 88 del Trattato nazionale per il supporto all’investimento regionale (Treaty to National Regional Investment Aid). Secondo la normativa, il Ministero dell’Economia e dell’Energia è l’autorità garante della politica statale nel settore degli investimenti. Per bene-ficiare del trattamento preferenziale IEA, gli investimenti devono rispondere alle seguenti esigenze: devono essere allineati con il nuovo accordo introdotto o con l’estensione di quello già esistente, devono diversificare la produzione con beni innovativi e supplementari o apportare significative modifiche al processo produttivo esistente nelle seguenti attività economiche: industria della trasformazione e della produzione di energia rinnovabile; settore dei servizi; attività high-tech dei settori informatico, ricerca e sviluppo, educa-zione e benessere. Inoltre, al fine di beneficiare del trattamento, a) almeno l’80% delle entrate future deve essere generato da prodotti provenienti dalle attività sopra descritte; b) almeno il 40% delle spese eleggibili per gli investimenti devono essere finanziate con fondi degli investitori oppure con fondi attratti; c) il periodo per la realizzazione non deve eccedere i 3 anni dalla data di avvio del certificato di classe; d) l’occupazione legata agli investimenti deve essere mantenuta nella rispettiva regione, almeno per i 3 anni successivi dalla data di avvio dell’attività; e) gli investimenti devono essere mantenuti nella rispettiva regione almeno per un periodo di 5 anni. Gli investimenti promossi in virtù delle clausole presenti all’interno di questo atto saranno divisi in 2 classi basate sull’investment location, sul settore economico e sull’effettivo valore del progetto. Il valore degli investimenti delle classi A e B sono specificati nel Rules on the Enforcement della IEA, come segue: Classe A (mln/BGN 70); Classe B (mln/BGN 40). Se l’investimento iniziale è interamente incluso all’interno di amministrazioni comunali con tasso di disoccupazione del 35% inferiore alla media nazionale prevista, i limiti sono: Classe A (mln/BGN 35), Classe B (mln/BGN 20). Se l’investimento iniziale è interamente incluso all’interno di amministrazioni comunali con un tasso di disoccupazione del 35% superiore alla media nazionale prevista per i prossimi anni, i limiti sono: Classe A (mln/BGN 45), Classe B (mln/BGN 25). I limiti fissati per investimenti in attività di produzione high-tech sono: Classe A (mln/BGN 35), Classe B (mln/BGN 20). I limiti fissati per investimenti in attività di servizi high-tech sono: Classe A (mln/BGN 24), Classe B (mln/BGN 14). L’autenticazione del certificato determina le classi dell’investimento ed i relativi diritti legali dell’investitore. Sono, infine, previsti alcuni incentivi per le classi A e B, quali: a) snellimen-to dei servizi amministrativi per gli investitori certificati (una volta ottenuto il certificato attestante la classe d’investimento, le autorità governative centrali e locali provvederanno ai servizi amministrativi con un tempo inferiore di 1/3 rispetto a quello previsto per legge); b) supporto finanziario per coloro che, con un’età superiore a 29 anni, intendessero ottenere una qualifica professionale, includendo anche persone uscite dalle università


BUSINESS ATLAS 2011

BULGARIA

Notizie per l’operatore

bulgare ma che svolgono attività legate all’investimento; c) creazione del diritto di proprietà o limitazione di tale diritto alle proprietà immobiliari, costituendo proprietà private-statali o private-comunali. Gli investimenti autenticati come classe A beneficeranno, inoltre, di trattamenti preferenziali aggiuntivi come: servizi individuali amministrativi necessari per l’adempimento delle clausole contrattuali del progetto d’investimento e il supporto finanziario per la costruzione di elementi infrastrutturali necessari per l’adempimento di uno o più progetti d’investimento. Legislazione societaria: la Legge Commerciale (LC) indica le forme giuridiche delle imprese (Società, Cooperativa, Ditta Unipersonale) e le forme giuridiche nelle quali possono costituirsi le società commerciali (Società a responsabilità limitata, Società per Azioni, Società in accomandita e in accomandita per Azioni). Le Srl e le SpA possono anche essere unipersonali. La registrazione fiscale di un’azienda deve essere effettuata presso l’ufficio locale dell’Agenzia Nazionale delle Entrate. È recentemente attivo il Registro delle Imprese che gestisce il registro unificato delle imprese bulgare e presso il quale si effettua la costituzione aziendale. Per la registrazione di un ufficio di rappresentanza è competente la Camera di Commercio e dell’Industria bulgara, mentre non è richiesta alcuna registrazione all’apertura di una filiale da parte di una persona fisica straniera o di una società.

Rischio Paese6 4/7 Condizioni di assicurabilità SACE7 apertura senza condizioni

Sistema bancario Il sistema bancario bulgaro è per l’80% privato. Sul mercato sono presenti numerosi operatori stranieri che hanno contribuito a migliorare ed a rendere più efficiente il settore. Il gruppo italiano Unicredit è uno dei maggiori operatori del Paese e la fusione dei tre istituti da esso controllati ha generato il primo gruppo bancario bulgaro. Tipologia

Tassi bancari8

Valore

Prestiti fino a un anno Prestiti tra un anno e 5 anni Tasso d’interesse BnB

9,23 % 12,71 % 0,19 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Brevetti e proprietà intellettuale Il marchio e i brevetti sono regolati, rispettivamente, dalla Legge sui marchi e le indicazioni geografiche e dalla Legge per il disegno industriale, applicabili alle persone fisiche e giuridiche bulgare e a quelle straniere che appartengano a Paesi contraenti convenzioni internazionali di cui fa parte la Bulgaria. La protezione legale dei diritti di proprietà industriale è demandata all’Ufficio Brevetti.

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Presenti zone franche a Burgas, Vidin, Russe, Plovdiv, Svilengrad, Dragoman, istituite con apposito Decreto (2242/1987) e disciplinate dal relativo Regolamento di attuazione. Parchi industriali e commerciali sono quelli di ElinPelin, Kouklen, HiTech Park Panagiurishte, Rakovski.

Sistema fiscale Il regime fiscale prevede imposte dirette (corporativa, sul reddito delle persone fisiche, ritenute alla fonte) e indirette (Imposta sul valore aggiunto, accise). Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sui redditi delle persone fisiche: 10% (aliquota fissa). Tassazione sulle attività d’impresa: 10% (dal 1.01.2007). Le persone giuridiche straniere sono soggette all’imposizione corporativa solo per i redditi riguardanti l’attività svolta in Bulgaria. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 20%.

Accordi con l’Italia Accordo sulla reciproca promozione e protezione degli investimenti; Convenzione per assistenza giudiziaria e riconoscimento delle sentenze in materia civile; Convenzione per evitare la doppia tassazione. Costo dei fattori produttivi

Manodopera9 (valori medi mensili in €)

6

7 8

9

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Banca Nazionale Bulgara (BNB). Dati riferiti a dicembre 2010 (prestiti a società non finanziarie fino a 1 mln/euro) Fonte: Istituto Nazionale di Statistica (NSI)

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente 37

da

100 200 1.000

a

400 600 2.500


EUROPA

BULGARIA

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sono la Confederazione dei Sindacati indipendenti in Bulgaria (KNSB) e la Confederazione del Lavoro (Podkrepa).

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas 2, Tzar Osvoboditel Blvd Sofia - tel +359 2 9154750 george.georgiev@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Bulbank – Unicredit (sede centrale) Sveta Nedelja sq., 7 - 1000 Sofia tel +359 2 9232111 - fax +359 2 9884636

Elettricità ad uso industriale10 (in €/KW/h)

Categorie

Alta e media tensione Combustibile

da

0,06

Prodotti petroliferi10 (in €/l)

Acqua11 (in €/m3)

Ad uso industriale

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via P.P Rubens 21, 00197 Roma tel 06 3224640/3 - fax 06 3226122 embassy@bulemb.it

media

Benzina Nafta Combustibile industriale

Tipologia

a

0,05

1,26 1,30 0,02

da

0,50

0,92

Immobili (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

da

5

Formalità doganali e documenti di viaggio Ai cittadini dei Paesi UE, dello Spazio Economico Europeo e della Federazione Svizzera è consentito transitare e permanere in Bulgaria fino ad un massimo di 90 giorni nell’arco di un semestre con la sola Carta d’Identità valida per l’espatrio. Per gli stranieri che entrano in Bulgaria per un breve soggiorno è necessario munirsi di assicurazione medica valida.

a

a

Corrente elettrica 220V (prese C e F)

30

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-17.30 Negozi: lun-dom 9.00-20.00 Banche: lun-ven 9.00-16.00

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

Festività 1 gennaio; 3 marzo (Liberazione); 2-5 aprile (Pasqua Ortodossa); 1, 6 (S. Giorgio), 24 (Festa della Scrittura e della Cultura Slava) maggio; 6 (Unione della Rumelia alla Bulgaria), 22 (Indipendenza) settembre; 24, 25, 26, 31 dicembre.

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE12 Ambasciata d’Italia Via Shipka 2 - 1000 Sofia tel +359 2 9217300 - fax +359 29803717 www.ambsofia.esteri.it • ambasciata.sofia@esteri.it

Media Quotidiani: Pari; Bulgarian News Network; Dnevnik; The Sofia Echo (inglese); 24 Chassa; Bulgarian Post; FocusNews (bulgaro/inglese); Sega; Standart (disponibile in inglese); Monitor. Riviste: The Insider, NIE (news e politica); Bulgarian Economic Review, Business Spectrum, Kapital, Banker (economia), Vagabond. TV: BNT, BTV, NOVA TV, TCM, AXN, TV2.

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Via Aleksander Zhendov 1, app. 10 - 1113 Sofia tel +359 2 8170480 - fax +359 2 8170490 www.iicsofia.esteri.it • iicsofia@esteri.it Ufficio ICE13: Blv. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center Tzum 5º piano - 1000 Sofia tel +359 2 9861574 / 9861624 / 9861618 fax +359 2 98173 46 sofia@ice.it

Fonte: Energy.eu (settembre 2010) Fonte: Commissione Statale per il regolamento delle Acque e dell'Energia (www.dker.bg) 12 Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 13 Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it)

Alberghi 3 stelle, euro 70-96; 4 stelle 95-155; 5 stelle 140.

10 11

38

Assistenza medica L’assistenza di base è garantita. Se si necessita di particolari farmaci, è consigliato l’acquisto in Italia, ricordando, tuttavia, che occorre rispettare prescrizioni particolari qualora si tratti di medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e psicotrope. Pronto soccorso medico: 150.


BUSINESS ATLAS 2011

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Bulgaria Air Altre compagnie aeree operanti nel Paese: (voli charter e privati) Hemus Air, Bulgarian Air Charter, Viaggio Air. Trasferimenti da e per l’aeroporto: dal terminal 1 attiva la linea 84 verso il centro di Sofia, mentre dal terminal 2 attiva la linea 284 (tutti i giorni dalle 5 alle 22). Gli hotel principali offrono il servizio navetta da e per l’aeroporto. Disponibile un economico servizio taxi (OK Taxi tel. +359 29732121).

BULGARIA

Telecomunicazioni Telefonia fissa: BTK/Vivacom, Orbitel, Spectar Net Telefonia mobile: Mobiltel, GloBul, Vivacom

Siti di interesse Governo Bulgaro: www.government.bg Invest Bulgaria Agency: www.investbg.government.bg Informazioni turistiche: www.bulgariatravel.org; www.nsi.bg,www.sofia.bg

Camera di Commercio Italiana in Bulgaria

Sofia

Anno di fondazione 2003 Anno di riconoscimento 2006 Presidente Marco MONTECCHI Segretario Generale Tiziana CARLINO Indirizzo via Oborishte 1/B – 1504 Telefono +359 2 8463280 / 1 / 2 Fax +359 2 8463280 / 1 Web www.camcomit.bg E-mail info@camcomit.bg Orario lun-ven 9.30 -18.30 Numero dei soci 70 Quota associativa persone fisiche, società individuali, srl euro 412; spa, CCIAA, Associazioni euro 773 Newsletter CamComit.bg (settimanale elettronico bilingue); Sportello Europa Italian Desk; Sostenibilità Ambientale; blog Nuovo Corriere Italia Bulgaria (http://corriereitaliabulgaria.wordpress.com) Pubblicazioni Nuovo Corriere Italia Bulgaria (bimestrale bilingue); Guida informativa legale (formato elettronico) Accordi di collaborazione Antenna Regione Campania; Associazione HoReCa; Associazione ITACA; Associazione Nazionale dei Comuni in Bulgaria; Associazione Piccole e Medie Imprese Biella; Bulgaria Economic Forum; Bulgaria Invest Agency; Bulgarian Association of Apparel and Textile Producers and Exporters; Bulgarian Small and Medium Enterproses Promotion Agency; Camere di Commercio e dell’Industria: Bulgara, Plovdiv; Camera Nazionale dell’Elettrotecnica; CCIAA: Biella, Brindisi, Vercelli; Confederation of Employers and Industrialists in Bulgaria; Confederazione Nazionale del Lavoro Podkrepa; Consorzio Umbria Export (Antenna Bulgaria); ENEA BridgEconomy; Enti fiera: Bulgarreklama Sofia, Milano (Rassegne, ufficio di rappresentanza), Rimini; Irecoop Veneto; National Business Development Network; National Wine and Vine Agency; Network ER-Energie Rinnovabili; Promec; Università: Bocconi Milano, Fondazione Politecnico Torino.

Osservatorio sui Fondi Strutturali e Programmi Comunitari Prseidente Anselmo CAPOROSSI Indirizzo c/o CCIE Sofia Telefono +359 2 8463280 / 1 E-mail europa@camcomit.bg

Sportello di Plovdiv Responsabile Elena TSONCHEVA PAROVA Indirizzo c/o Euro Info Centre Camera di Commercio Plovdiv Telefono +359 32 962618 /43 E-mail eic@pcci.bg Referenti Biella e Provincia Responsabile Roberto SCENNA Indirizzo c/o API Biella e Provincia Telefono 015 2520811 Fax 015 2521835 E-mail info@apibiella.it Liguria Mario PONTE Telefono 348 1311403 E-mail mp@euro-7.eu Provincia di Bari e BAT (Barletta, Andria, Trani) Raffaele LABARILE Telefono 328 7774034 E-mail raffaelelabarile@erretrading.eu Regione Sicilia Antonino DI GIACOMO Telefono 335 8034957 E-mail antoninodigiacomo@gmail.com

39


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

8 10 13 15 20 24 26 27 22 17 11 9

Media min

Quadro macroeconomico Dopo un periodo difficile caratterizzato da una forte recessione, l’economia francese è tornata su valori positivi a partire dal secondo trimestre del 2009. Il 2010, ha visto una crescita del PIL dell’1,5%, e per il 2011 il trend dovrebbe rafforzarsi ulteriormente (+1,6%).

2 3 4 8 10 11 15 17 11 8 5 4

Principali settori produttivi La Francia è la prima potenza agricola dell’UE e la seconda a livello mondiale, dopo gli USA. L’agricoltura, che contribuisce al PIL per il 3,5%, è fortemente sovvenzionata a livello statale ed europeo. Le principali produzioni agricole francesi sono i cereali (48,5 milioni di tonnellate) e il vino (52,3 milioni di ettolitri). L’industria, che pesa per il 19,2% è ben diversificata; i settori chiave sono: l’aerospaziale (con consorzi dello stampo di Airbus, Eurocopter e Arianespace), il settore ferroviario, il nucleare, le telecomunicazioni, l’elettronica, l’automotive (Peugeot-Citroën, Renault, Michelin), il farmaceutico (Sanofi Aventis, Institut Pasteur, Pierre Fabre, Servier) e l’agro-alimentare. Il settore terziario, che rappresenta il 77,3% del PIL, vede come comparto di punta il turismo. La Francia, a partire dagli anni Novanta, si conferma infatti prima destinazione al mondo, con più di 80 milioni di turisti ogni anno.

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0. Superficie 544.000 kmq Popolazione1 64.700.000 (compresi DOM) Gruppi etnici Celtici, Indocinesi, Latini, minoranze basche, Nordafricani, Tedeschi, Slavi Comunità italiana 540.000 Capitale Parigi (2.211.297) Città principali Marsiglia (852.420), Lione (474.946), Tolosa (439.553), Nizza (348.556), Bordeaux (235.891), Lille (225.789) Moneta Euro Lingua Francese. Presenza di minoranze linguistiche bretoni, corse, basche, provenzali e alsaziane; lingue non-territoriali di Francia, riconosciute nel 1999: arabo dialettale, armeno occidentale, berbero, romeno, yiddish, giudeo-spagnolo Religioni principali Cattolici (64%), Atei (27%), Musulmani (3%), Protestanti (2,1%), Ebrei (0,6%) Ordinamento dello Stato Repubblica costituzionale e semipresidenziale, in cui il Presidente della Repubblica (eletto a suffragio universale ogni 5 anni) è anche Capo dell’Esecutivo, nomina il Primo Ministro e, su consiglio di quest’ultimo, i Ministri. Il potere legislativo è affidato ad un Parlamento bicamerale, composto dall’Assemblea Nazionale (577 membri eletti ogni cinque anni a suffragio universale) e dal Senato (343 membri, eletti ogni sei anni dai grandi elettori). Il potere giudiziario è suddiviso tra un ordine amministrativo e uno giudiziario, le cui più alte cariche sono il Consiglio di Stato e la Corte di Cassazione Suddivisione amministrativa 96 Dipartimenti, 22 Regioni, 4 Dipartimenti e Regioni d’Oltremare – DOM (Martinica, Guadalupa, Guyana francese, Réunion) e alcune Collettività d’Oltremare – COM (St. Pierre et Miquelon, Wallis e Fortuna, Polinesia Francese, Mayotte, St.Martin, St.Barthélemy). La Nuova Caledonia costituisce una collettività sui generis, come definito nel titolo XII della Costituzione. Anche, l’isola di Clipperton fa parte delle proprietà demaniali dello Stato.

Infrastrutture e trasporti La rete stradale e autostradale conta oltre 1.000.000 km, di cui 11.000 km di autostrade (8.2000 km in concessione) e 9.000 km di strade nazionali. La rete ferroviaria è una delle più sviluppate e moderne del mondo, in particolare grazie al TGV (Treno ad Alta Velocità), che collega Parigi alle principali metropoli nazionali ed estere (Parigi-Londra in 2h15; ParigiBruxelles in 1h22; Parigi-Francoforte in 3h50; Parigi-Ginevra in 3h25, Parigi-Marsiglia in 3h30). I progetti attualmente allo studio prevedono un incremento massiccio delle tratte veloci; nel medio periodo, è prevista la realizzazione di un 1

2

40

Fonte: Institut National de la Statistique et des études économiques (INSEE); dato aggiornata al 1.01.2010 Fonte: Institut National de la Statistique et des études économiques (INSEE)


BUSINESS ATLAS 2011

Principali prodotti esportati in Italia: veicoli e automobili; prodotti siderurgici; preparazioni farmaceutiche; materie plastiche; agroalimentare.

asse che collegherà Francia e Spagna. Sono già attive, intanto, una tratta mediterranea da Nimes a Perpignan, la tratta della Provenza Alpi Marittime da Marsiglia a Nizza, la tratta Lione-Torino, Digione-Mulhouse e Metz-Strasburgo. La rete fluviale francese è costituita da circa 15.000 km tra fiumi e canali navigabili. Il trasporto fluviale rappresenta circa il 4% del totale del traffico merci terrestre (mln/t 66,5). Il trasporto marittimo può contare su 8 porti principali: Le Havre, La Rochelle, Bordeaux, Marsiglia, Nantes, Brest, Rochefort e Dunkerque. La rete aerea interna è molto sviluppata; i principali aeroporti del Paese si trovano a Parigi (il Roissy e l’Orly, rispettivamente primo e secondo per numero di passeggeri), Nizza, Lione e Marsiglia.

Investimenti esteri (principali Paesi) Secondo dati UNCTAD, i flussi di investimenti diretti in entrata, nonostante il contesto economico sfavorevole, rimangono importanti: la Francia è, infatti, il secondo Paese a livello mondiale, dopo gli USA. I flussi di IDE outgoing sono rimasti sostanzialmente stabili, passando da mld/euro 170 a 166.

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: industria farmaceutica; aeronautica; telecomunicazioni; software (investimenti USA); macchinari, attrezzature, legno e arredo, lavorazione dei metalli (Svezia); automobilistico, attrezzature elettroniche e mediche, consulenza alle imprese (Germania); banche e assicurazioni, distribuzione, farmaceutica, prodotti al consumo, petrolchimica (Regno Unito); logistica, alimenti animali, fonderia, energie rinnovabili (Olanda). Italiani verso il Paese: automotive (Fiat e Iveco); materiali da costruzione (Italcementi, Marazzi, MAPEI); macchine agricole (Case New Holland, Merlo France); aerospaziale (Finmeccanica); finanza (Generali); energia (Eni, Enel); lavorazione dei metalli (Gruppo Zeni, Riva Acciaio); moda (Benetton, Prada, Armani, etc.); distribuzione (gruppo Borletti-Printemps); editoria (Mondadori); salute (Ligresti); ristorazione (Cremonini, Autogrill). All’estero del Paese: industria (manifatturiera, chimica, agroalimentare, automobile); settore bancario/finanziario e assicurativo; immobiliare e servizi alle imprese. In Italia del Paese: servizi (finanziari e alle imprese); attrezzature e prodotti intermedi; moda e beni di lusso.

Commercio estero3 Totale import: mld/euro 452,7 Totale export: mld/euro 385,9 Principali prodotti importati: componenti informatiche ed elettroniche (+66,2%); prodotti chimici (+19,6%); prodotti metallici (+25%); macchinari per l’industria (+11,9%); attrezzature elettriche (+24,2%), per le quali l’Italia si posiziona tra i primi 3 Paesi esportatori; autoveicoli (+9,8%); prodotti dell’industria automobilistica e associati (+17,1%); prodotti dell’industria agro-alimentare. Principali prodotti esportati: prodotti della costruzione navale e dell’industria aeronautica (+14,4%) e ferroviaria; prodotti dell’industria agro-alimentare (15,7%); prodotti chimici (+17,2%); prodotti metallici (+19,3%); preparazioni farmaceutiche (+5,2%); componenti informatiche ed elettroniche (+53,5%, in cui l’Italia compare tra i principali Paesi importatori, congiuntamente alla Germania e ai Paesi asiatici); autoveicoli (+15,6). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (mld/euro 62); Italia (mld/euro 31); Belgio (mld/euro 29); Spagna (mld/euro 28); Regno Unito (mld/euro 25); USA (mld/euro 22); Olanda (mld/euro 16); Svizzera (mld/euro 11); Cina (mld/euro 10); Russia (mld/ euro 6); in generale, oltre il 70% delle merci francesi sono destinate al mercato europeo (62% verso l’UE27 e 49% verso la Zona Euro). Paesi Fornitori: Germania (mld/euro 78); Cina (mld/euro 36); Belgio (mld/euro 35); Italia (mld/euro 34); Spagna (mld/euro 28); USA (mld/euro 26); Regno Unito (mld/euro 19); Olanda (mld/euro 19); Russia (mld/euro 12); Svizzera (mld/euro 10).

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –2,7 L’Italia è il secondo Paese cliente (quota passata da 8,5% a 8,4%) e quarto fornitore della Francia (+6,1% rispetto al 2009). Principali prodotti importati dall’Italia: veicoli e automobili; preparazioni farmaceutiche; meccanica automobilistica; prodotti siderurgici; calzature e abbigliamento; prodotti elettrici ed elettronici.

FRANCIA

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi4 Sdoganamento e documenti di importazione: prevista la Dichiarazione di scambio di beni (DEB) tra Paesi UE, mentre per gli scambi con Paesi Terzi è in uso il codice TARIC. La DEB non è necessaria se la merce comunitaria in ingresso sul territorio nazionale non supera il valore di euro 150.000, o nel caso in cui si tratti del primo scambio commerciale intercorso con il Paese UE. Nel caso di consegna di merce francese in UE è obbligatorio compilare la dichiarazione, qualunque sia il valore della merce. 3 4

41

Fonte: Dogana francese e ICE Dogana francese e italiana


EUROPA FRANCIA la SA (società anonima), la SARL (società a responsabilità limitata) e la SAS (società per azioni semplificata). Presenti, inoltre, forme più semplici, come le società in nome collettivo (SNC), le società civili e i Gruppi di interesse economico (GIE). I Gruppi sono meno utilizzati poiché prevedono una responsabilità sociale impegnativa, tuttavia l’assenza di capitale sociale minimo, la semplicità di funzionamento e la trasparenza fiscale, le rende attrattive soprattutto come filiali. La Loi de modernisation de l’économie (L. 2008-776) ha introdotto importanti misure con lo scopo di stimolare la crescita economica e l’occupazione. La principale è lo Statuto de l’Auto-entrepreneur, una serie di misure che permettono di esercitare una piccola attività professionale indipendente, beneficiando di modalità di creazione alleggerite, di un regime sociale semplificato e minimizzando i costi amministrativi. Presenti, infine, le micro-imprese, tipologia che prevede l’imposizione dei redditi dell’imprenditore individuale sulla sua cifra d’affari realizzata, diminuita di una quota forfettaria.

Il codice TARIC (10 cifre), permette di definire il tasso dei diritti di dogana e la regolamentazione comunitaria da applicare alla merce in ingresso. Dal 01.01.2010, un soggetto stabilito in Francia che rende delle prestazioni di servizi sottomessi ad autoliquidazione della TVA (Iva francese) da parte del cliente stabilito in un altro Stato UE, deve trasmettere all’amministrazione delle dogane la dichiarazione europea dei servizi, che ricapitolerà le operazioni effettuate. Dal 01.01.2011 in tutte le dogane comunitarie sono in vigore le nuove procedure sulla sicurezza delle merci in ingresso nel territorio comunitario. Tali misure saranno basate sull’invio telematico dei “dati sicurezza” prima che le merci entrino sul territorio, in maniera tale da consentire l’analisi dei rischi connessi. La Francia ha previsto un periodo transitorio di due mesi, durante i quali le nuove procedure non produrranno effetti negativi sugli operatori inadempienti. A livello comunitario tutte le amministrazioni doganali UE, hanno approvato un “periodo di grazia” di 6 mesi, durante i quali non saranno applicate sanzioni per l’incompletezza dei dati di sicurezza. In particolare per i vettori stradali - ultimo anello della filiera - sui quali rischiano di ricadere gli effetti negativi nel caso in cui le merci non fossero “liberate” per mancanza dei dati sicurezza, con un allungamento dei tempi di consegna delle merci stesse. Prima d’introdurre un prodotto o della merce in Francia, è opportuno contattare la dogana di frontiera per evitare spiacevoli disguidi. Classificazione doganale delle merci: utilizzate la NAF (Nomenclatura Attività Francesi) e la CPF (Classificazione Prodotti). Da gennaio 2008 sono in vigore le versioni riviste, NAF rév. 2 e CPF rév. 2. Restrizioni alle importazioni: i diritti di dogana sono relativamente poco elevati, in particolare per i prodotti industriali (media del 4,2%); tuttavia, il settore dei tessuti e articoli di abbigliamento (presenti diritti elevati e contingentamenti) e dell’agroalimentare (diritto medio del 17,3%, contingentamenti elevati e regole dettate dalla PAC), conoscono ancora misure di protezione. Importazioni temporanee: regime regolato a livello comunitario dal TAP (Traffico di Perfezionamento Attivo) che si applica a merci e semilavorati da riesportare sotto forma di prodotti finiti5. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: l’Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali (AFII), in partenariato con le agenzie regionali di sviluppo economico, è incaricata della promozione e del controllo degli investimenti stranieri. Legislazione societaria: un investitore straniero può operare secondo differenti modalità in base allo scopo e al grado di autonomia rispetto alla scocietà madre. Sussistono soluzioni temporanee (Bureau de liaison; rappresentanza commerciale in loco; presenza di un agente commerciale) e soluzioni durature (creazione di una succursale o di una filiale). Tra le forme più utilizzate ritroviamo le società di capitali, quali

Brevetti e proprietà intellettuale La Francia aderisce alla Convenzione di Parigi e al Trattato di Washington. Sussistono tre tipi di brevetti: d’invention, d’addition e i certificats d’utilité. La richiesta di registrazione di un brevetto deve essere effettuata presso l’Istituto Nazionale della Proprietà intellettuale (INPI), che ha il compito di analizzare il brevetto e procedere alla sua registrazione.

Sistema fiscale Previste imposte obbligatorie e altre tasse da versare ad organismi diversi dalle amministrazioni pubbliche. Tra quelle obbligatorie, rientrano le imposte (tassazione tradizionale, tasse parafiscali, canoni detti redevances per i servizi resi, i diritti di dogana e alcune aliquote sociali). Il sistema fiscale prevede circa 200 imposte e tasse differenti. Le principali sono: l’imposta sui redditi delle persone fisiche, l’imposta sul reddito d’impresa e l’imposta sul valore aggiunto; la tassa sulla ricchezza (obbligatoria per coloro che hanno beni per un valore superiore a euro 800.000); la tassa professionale (dovuta da tutte le persone fisiche o giuridiche che esercitano un’attività commerciale, industriale o artigianale); la tassa fondiaria e l’imposta catastale. Tra le imposte indirette: il diritto di accisa, la tassa interna sui prodotti petroliferi (a partire dalla legge finanziaria del 2006, una piccola parte di tale tassa è destinata alle regioni). Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre

5

42

La legislazione comunitaria relativa al regime di perfezionamento è contenuta nel Reg. Cee 2913/92 – Codice doganale comunitario artt. 114 – 129 e nel Reg. Cee 2454/93 – Disposizioni di applicazione del codice comunitario (DAC) artt. Dal 496 al 523 e dal 536 al 550. I dettagli sulla legislazione nazionale francese che disciplina tale regime sono contenuti nel BOD (Bulletin Officiel des Douanes) 6527 del 31.08.2001, DA 1-124


BUSINESS ATLAS 2011

Imposta sui redditi delle persone fisiche6

Reddito (in €)

Da 0 a 5.963 Da 5.963 a 11.896 Da 11.897 a 26.420 Da 26.421 a 70.830 Oltre 70.830

FRANCIA

addetti. I principali istituti di credito sono: BNP Paribas, Banque Populaire, Caisse d’Epargne, Crédit Industriel et Commercial (CIC), Crédit Agricole, Crédit Lyonnais, Crédit Mutuel, Société Générale.

Valore d’imposta

0% 5,5 % 14 % 30 % 41 %

Tipologia

Tassi bancari

Tasso interesse legale (2011)

Tassazione sulle attività d’impresa: 33,3% a cui si aggiunge una sovrattassa sociale del 3,3%, con deduzione di una franchigia fissa pari a euro 763.000. Le società che hanno un giro d’affari superiore a euro 7.630.000 e quelle in cui la partecipazione di privati che ne detengono il capitale non supera il 75% sono soggette ad una contribuzione sociale supplementare del 3,3%. Le società che non superano euro 7.630.000 e quelle in cui la partecipazione di privati che ne detengono il capitale supera il 75% beneficiano di un tasso ridotto, pari al 15% sui primi euro 38.120 di utile. Dal 01.01.2007, le plusvalenze a lungo termine non sono più imponibili. Imposta sul valore aggiunto (VAT): basata sul meccanismo della TVA collectée (che i soggetti caricano ai loro clienti) a cui si sottrae la TVA déductible. In Francia continentale esistono 3 tassi di TVA applicabili: il tasso generico del 19,6% si applica a tutte le operazioni di vendita di beni e servizi ad eccezione di quelle previste dalla legge; il tasso ridotto del 5,5% si applica ai prodotti di prima necessità e di consumo corrente, come i beni alimentari non trasformati e i beni culturali (il codice delle imposte menziona una lista completa di tali beni), e dal 01.07.2009 sulla ristorazione; il tasso del 2,1% è applicabile in via eccezionale ad alcune categorie di prodotti come i medicinali rimborsabili dal Sistema Sanitario, le pubblicazioni della stampa, i biglietti delle prime 140 rappresentazioni di opere teatrali di nuova messa in scena. Tassi ridotti speciali sono applicabili in Corsica ai quali si applica il ridotto della Francia continentale; 8% su lavori di manutenzione e restauto immobili, materiali agricoli; 13% sui prodotti petroliferi. Sottostando ad alcune condizioni, si può beneficiare di una riduzione del tasso ridotto al 5,5%, invece che 19,6% per i lavori di miglioramento, sviluppo e manutenzione di strutture abitative.

Tasso fisso (prestiti immobiliari) - media

Tasso variabile (prestiti immobiliari) - media Tasso prefinanziamento (prestiti immobiliari) Tasso prestiti ≤ 1.524 euro

Tasso conti scoperti, prestiti permanenti e finanziamenti di acquisti o vendite rateali ≤ 1.524 euro

Tasso prestiti personali ed altri prestiti > 1.524 euro

Valore

0,38 % 3,60 % 3,80 % 4,10 % 16,05 % 15,15 % 6,90 %

Principali finanziamenti e linee di credito Presenti due tipologie di sostegni finanziari alle imprese gestiti dalla COFACE (Assurance prospection e l’Assurance Crédit): il primo copre le PMI contro il rischio di fallimento a seguito di una prospezione in mercati stranieri; il secondo consiste in una garanzia dello Stato francese tesa a coprire i rischi derivanti dall’esportazione verso i Paesi emergenti e in via di sviluppo. Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Nel Paese sono, attualmente presenti 44 zone franche urbane (ZFU), 38 nella Francia continentale (la più grande a Bordeaux) e 5 nei territori d’oltremare. L’obiettivo è quello di accordare esoneri fiscali e sociali alle piccole imprese. In contropartita, le imprese ivi operanti devono riservare 1/3 dei posti di lavoro disponibili a beneficio di abitanti dei quartieri classificati come zone sensibili. Il Governo francese ha designato, inoltre, 71 poli di competitività, aree caratterizzate da forte concentrazione di imprese, laboratori di ricerca e stabilimenti di formazione, sovven-

Notizie per l’operatore

Rischio Paese7 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE8 apertura senza condizioni

Sistema bancario Il settore bancario che rappresenta il 3,3% del PIL del Paese è composta da oltre 500 istituti e offre lavoro a 500.000

6 7

8

43

Fonte: Amministrazione Fiscale Francese (www.impots.gouv.fr) Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


EUROPA FRANCIA zionate anche da aiuti statali. Gli obiettivi di ogni polo di competitività sono di rafforzare la competitività dell’economia francese e di sviluppare la crescita e l’impiego in settori industriali, a forte contenuto tecnologico, quali aerospaziale, biotecnologie, ICT ed energia, ma anche agroalimentare e trasporti. Tra i progetti prioritari di interesse nazionale, è previsto lo sviluppo del parco di Sophia Antipolis o la creazione dell’Eco Vallée. Il primo progetto è stato concepito nel 1969 a scopo non lucrativo, grazie alla volontà degli attori della Provincia delle Alpi Marittime, dello stato francese, della Regione Provenza Alpi Costa Azzurra e dei cinque comuni (Biot, Valbonne, Mougins, Vallauris e Antibes) sul cui territorio si estendono gli attuali 2.300 ettari del parco. Sophia Antipolis è un parco tecnologico situato all’interno di una pineta che si estende su più di 2.300 ettari nel comune di Valbonne, tra le città di Nizza e Cannes. Il parco che conta oggi oltre 1.260 imprese, per un totale di circa 30.000 posti di lavoro nel settore della ricerca scientifica, delle tecnologie, dell’ICT, della medicina e della biochimica. Il secondo progetto, già in fase di attuazione, è lo sviluppo dell’Eco Vallée, un’area di 10.000 ettari sulla piana del Var (dipartimento delle Alpi Marittime) dedicata alle imprese che operano nel campo delle nuove tecnologie e dello sviluppo sostenibile. Si prevede nel medio periodo l’insediamento di oltre 10.000 imprese con la creazione di 60.000 nuovi posti di lavoro.

Combustibile

da

Tipologia

Immobili (canone mensile in €/m2) da

30

a

60

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE14 Ambasciata d’Italia 51, rue de Varenne - 75007 Parigi tel +33 1 49540300 - fax +33 1 49540410 www.ambparigi.esteri.it ambasciata.parigi@esteri.it

Consolati Generali Lione 5, rue Commandant Faurax - 69452 tel +33 47 8930017 - fax +33 47 8943343 www.conslione.esteri.it consolato.lione@esteri.it Marsiglia 56, rue d’Alger - 13392 Cedex 5 tel +33 49 1184918 - fax +33 49 1184919 www.consmarsiglia.esteri.it consolato.marsiglia@esteri.it Metz 7, Boulevard Clémenceau - 57000 tel +33 38 7385870 - fax +33 38 7504951 www.consmetz.esteri.it consolato.metz@esteri.it

a

1.500 1.800 17.500

Per ulteriori informazioni consultare il sito dell’Ambasciata di Francia in Italia (www.ambafrance-it.org) Fonte: Institut National de la Statistique et des études économiques (INSEE) 11 Fonte: Edf 12 Fonte: Prox du Baril (prixdubaril.com) 13 Fonte: Office International de l’Eau (2010) 14 Fonte: Ministero degli Affari esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 9

Elettricità11 (in €/KW/h)

Alta e media tensione

3,09

Affitto locali uffici

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sono: la Confédération Générale du Travail (CGT), Force Ouvrière (CGT-FO o FO), Confédération française et démocratique du travail (CFDT), Confédération française des travailleurs chrétiens (CFTC), Confédération française de l’encadrement-Confédération générale des cadres (CFE-CGC). Categorie

Media

Acqua

Manodopera10 (valori medi mensili in €) 1.200 1.100 3.400

1,568 1,395 392,60/t

Acqua potabile (in €/m3)13

Costo dei fattori produttivi

Operaio Impiegato Dirigente

Media

Benzina (98) Nafta Combustibile industriale

Accordi con l’Italia9 Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire l’evasione e le frodi fiscali (firmata il 5.10.1989, entrata in vigore il 1.05.1992).

Categorie

Prodotti petroliferi12 (in €/l)

10

Media

0,117 44


BUSINESS ATLAS 2011

Monte Paschi Lione 55 avenua Mal de Saxe, 69003 tel +33 47 8629401 - fax +33 47 8606765 Marsiglia 26 rue Grignan, 13001 tel +33 49 91044100 - fax +33 49 1333290 Nizza 13 rue Alphonse Karr, 06000 tel +33 49 3165300 - fax +33 49 3168437 Parigi 7, rue Meyerbeer, 75009 tel +33 1 40078800 Unicredit 45 avenue Gorge V, 75008 Parigi tel +33 1 53675161

Nizza 72, boulevard Gambetta - 06048 Cedex 1 tel +33 49 2144090 – fax +33 49 3881108 www.consnizza.esteri.it • connizz.mail@esteri.it Parigi 5, boulevard Emile Augier, 75116 17, rue du Conseiller Collignon, 75116 tel +33 1 44304700 - fax +33 1 45200704 / 45258750 www.consparigi.esteri.it • informazioni.parigi@esteri.it ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura Grenoble 47, avenue Alsace Lorraine - 38000 tel +33 47 6460938 - fax +33 47 6853291 www.iicgrenoble.org • iicgrenoble@esteri.it Lione 45, rue de la Bourse - 69002 tel +33 47 8421384 - fax +33 47 8371751 www.iiclione.esteri.it • iiclione@esteri.it Marsiglia 6, rue Fernand Pauriol - 13005 tel +33 49 1485194 - fax +33 49 1926790 www.iicmarsiglia.esteri.it • iicmarsiglia@esteri.it Parigi Hotel de Gallifet 50, rue de Grenelle - 75007 tel +33 1 44394939 - fax +33 1 42223788 www.iicparigi.esteri.it • iicparigi@esteri.it Strasburgo 7, rue Schweighaeuser – 67000 tel +33 3 88455400 - fax +33 3 88411439 www.iicstrasburgo.esteri.it iicstrasburgo@esteri.it italcultur.strasburgo@wanadoo.fr

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata piazza Farnese, 67 - 00186 Roma tel 06 6860111 - fax 06 68601360 www.ambafrance-it.org

Consolati Milano via Mangili, 1 - 20121 tel 02 6559141 – fax 02 65591344 www.france-italia.it/consulat/milan cogefirmi@tin.it Napoli via F. Crispi, 86 - 80121 tel 081 5980711 – fax 081 5980730 www.france-italia.it/consulat/naples Roma via Giulia, 251 - 00186 tel 06 68601500 - fax 06 68601260 www.france-italia.it/consulat/rome consulat-rome@france-italia.it Torino via Roma, 366 - 10121 tel 011 5732311 - fax 011 538762 www.consultfrance-turin.org

Ufficio ICE15 44, rue Paul Valéry 75116 Parigi tel +33 1 53757000 - fax +33 1 45634034 parigi@ice.it

Ufficio ENIT16 23, rue de la Paix – 75002 Parigi tel +33 1 42660396 - fax +33 1 47421974 paris@enit.it ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Carige 8, rue Maccarini, 06000 Nizza tel +33 49 9822828 fax +33 49 3823333 Banca Regionale Europea 5, avenue de Suède, 06000 Nizza tel +33 49 7036080 - fax +33 49 3824295 Banque Générale du Commerce (BGC) 36, rue Marbeuf, 75008 Parigi tel +33 1 40745700 - fax +33 1 40745947 Italian Desk BNL c/o BNP Paribas 5 bis, place de la Defense Puteaux - Parigi tel +33 1 41268228 sergio.carriero@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Branch 23, rue de Linois, 75015 Parigi tel +33 1 45237222 paris.fr@intesasanpaolo.com

FRANCIA

ISTITUTI DI CREDITO CIC corso Porta Vittoria 29, 20122 Milano - tel 02 55196242 Crédit Agricole Corporate & Investment Bank via Brera 21, 20121 Milano - tel 02 723031 Crédit Foncier de France via Banco di S.Spirito 42 - 00186 Roma - tel 06 6810151 Crédit Lyonnais via Monte Grappa, 4 - 20124 Milano - tel 02 627141 Société Générale via Olona 2, 20123 Milano - tel 02 85491

15 16

45

Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA FRANCIA

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini UE è sufficiente un documento d’identità, per quelli di Paesi terzi è invece necessario il passaporto (il Visto è necessario solo in alcuni casi).

lizzata per il trasferimento all’estero per cure di alta specializzazione (cure programmate), per le quali è necessaria l’autorizzazione preventiva da parte della propria ASL. Gli italiani che si stabiliscono in Francia usufruiscono del sistema sanitario francese. Occorre quindi contattare ed iscriversi presso la CPAM del quartiere in cui si abita. Il sistema sanitario francese assicura ai cittadini un Regime di Base che richiede un contributo forfettario in funzione delle prestazioni mediche: da 1 a 18 euro per gli atti medici se la tariffa è uguale o superiore a 91 euro. Per i più svantaggiati, l’1.01.2000 è stata creata la Copertura Malattia Universale. Anche le persone che soffrono di malattie gravi a lungo termine (ALD) possono essere completamente esonerate dal pagamento delle prestazioni sanitarie.

Corrente elettrica 230 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-17.00/18.00 Negozi: lun-sab 10.00-19.00 (giorni di chiusura il lunedì o il giovedì) Banche: lun-ven: 8.30-12.30 / 14.30-17.30 (alcune chiuse di lunedì e aperte il sabato mattina) Festività 1 gennaio; Lunedì di Pasqua; 1, 8 (Giorno della Vittoria) maggio; 2 giugno; 14 luglio (Festa nazionale); 15 agosto; 1, 11 (Armistizio) novembre; 25 dicembre.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Air France Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Alitalia, British Airways, Corsair, Easyjet, Lufthansa, Blu Express, Ryanair. Trasferimenti da e per l’aeroporto: dall’aeroporto di ParisCharles de Gaulle – centro città con RER euro 8,40 per una durata di 50 minuti; con taxi euro 50.

Media Quotidiani: Le Monde, Le Figaro, Les Echos, Liberation, La Tribune, Le Parisien, L’Equipe. Riviste: L'Expansion, L'Express, Le Nouvel Observateur, Le Monde Diplomatique, Le Monde 2, Le Point, Paris Match, Le Courriel International. TV: TF 1, France Télévision (France2, France 3, France 5), M6, Arte, Canal Plus.

Telecomunicazioni Telefonia fissa: France Telecom, Neuf, Numericable, Free, Alice Telefonia mobile: SFR, Bouygues Telecom, France Telecom (Orange), Virgin Siti di interesse Ministero del Commercio estero: www.exporter.gouv.fr Ministero dell’Economia, delle Finanze e dell’Industria: www.economie.gouv.fr Ministero del Bilancio, dei Conti Pubblici, della Funzione Pubblica e della Riforma dello Stato: www.budget.gouv.fr Ministero degli Interni: www.interieur.gouv.fr Ubifrance: www.ubifrance.fr www.invest-in-france.org Istituto Nazionale Statistica e Studi Economici: www.insee.fr Istituto Nazionale Studi Demografici: www.ined.fr Gazzetta Ufficiale Francese: www.journal-officiel.gouv.fr Sistema fiscale: www.edvfrance.com

Alberghi 1 stella: euro 34-72; 2 stelle: 40-90; 3 stelle: 80-90; 4 stelle: 110-250; 5 stelle: 210-380

Assistenza medica La tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) permette di usufruire delle cure necessarie (non solo urgenti) coperte in precedenza dai modelli E110, E111, E119, E128. In Francia, in cui vige un sistema basato sull’assistenza in forma indiretta, viene generalmente richiesto il pagamento delle prestazioni. Il rimborso può essere richiesto direttamente presso la Caisse Primaire d’Assurance Maladie (CPAM). In caso contrario il rimborso dovrà essere richiesto alla ASL al rientro in Italia. Si sottolinea che la TEAM non può essere uti-

46


BUSINESS ATLAS 2011

FRANCIA

Camera di Commercio Italiana di Lione Certificata ISO 9001:2000

Lione

Anno di fondazione e di riconoscimento 1987 Presidente Achille LANZUOLO Segretario Generale Mirco IADAROLA Indirizzo 8, Rue Joseph Serlin – 69001 Telefono +33 47 2003240 Fax +33 47 8395214 Web www.ccielyon.com E-mail ccil@ccielyon.com Orario lun-ven 9.00 -13.00; 14.00 -18.00 (ven 17.00) Numero dei soci 145 Quota associativa (Iva esclusa) Ordinario: euro 400; Sostenitore 1.000; Club d´Affaires 200; Italianissimo 15 Newsletter ITAlieLYon (bimestrale in francese) Pubblicazioni Business Atlas (annuario delle aziende italiane presenti nella regione); Indagine sul comparto delle costruzioni in Francia (in collaborazione con il collegio edile di API Bologna); CreaImpresa sociale (edizione comune con le CCIE di Marsiglia, Nizza e Parigi); Cahier Lyonnais du Droit talien Accordi di collaborazione Ademval; Aderly; Aérospace Cluster in Rhône-Alpes; Affiches Lyonnaises; Afirit; Agefos; Agence Economique de Savoye; Air France; Aldec; April Assurances; Assist Bergamo; Ascom Bergamo; Ascom Vercelli; CCIAA: Aosta, Arezzo, Benevento, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Foggia, Forlì, Latina, Livorno, Lucca, Parma, Perugia, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Torino, Treviso, Salerno, Siena, Varese; CEPI; CEI Piemonte; CGPME Confederazione Piccole e Medie Aziende Rhône-Alpes; Chambre de Com-

merce et d'Industrie: de l’Ain, Nord-Ardèche, Ardèche Méridionale, de la Drôme, de Grenoble, de la Haute-Savoie, de Lyon, Nord-Isère, du Roannais, de Saint-Etienne/Montbrison, de Villefranche et du Beaujolais; Chambre Française de Commerce et d´Industrie en Italie; Chambre des Métiers du Rhône; Chambre Régionale de commerce et d’Industrie Rhône-Alpes; Chokogou; Cibly Lyon; Città della Scienza; Comité pour la Transalpine; Compagnia delle Opere; Consorzio Romagna Alimentare; Coopération Beaujolais/Romagna; ECE Ecole de Commerce Européenne; EDF; EM Ecole de Management Lyon; ENI France; ERAI; Fedeclaira; Fiera Milano International; Foire de Lyon; GL Events; Groupe Paris-Lyon; HIC Aciers; Idrac Lyon; Indis; Ines; Intertrade Salerno; Institut Paul Bocuse; IRA Institut Régional d’Administration Rhône Alpes; ISEG; Istituto Italiano di Cultura Lyon; Le Progrès; Le Tout Lyon; Licée technologique «La Martinière» Lyon; Lyon Biopole; Lyon Place Financière et Tertiaire; Maurienne Expansion; Medef Lyon Rhône; Promex; Promoberg; Promos Milano; Promovarese; Rimini Fiera; Savoye Technolac; Scuola Verde l’Olmo; Scuola di Italiano per Stranieri Nel Blu; Senaf; Sepelcom; SIRHA; Technopole Alimentec; Tenerdis; Toscana Promozione; Trentino Sprint; Ubifrance; Unioncamere Campania; Università: Bologna, Ca´ Foscari Venezia, Orientale Napoli, Padova, Perugia, Politecnica Marche, ESTRI Catholique de Lyon, IAE Lyon III, Lille; Vinomedia; Vins, Saveurs et Traditions; VIT’Eff.

Camera di Commercio Italiana per la Francia di Parigi Certificata ISO 9001:2000

Parigi

Anno di fondazione 1886 Anno di riconoscimento 1956 Presidente Laura FELICI Segretario Generale in corso di nomina Indirizzo 51, Rue de Varenne - 75007 Parigi Telefono +33 1 53937373 Fax +33 1 42891458 Web www.ccif-france.it E-mail commercial@ccif-france.fr Orario lun–ven 09.00-12.00 Numero dei soci 250 Quota associativa Società A (fatturato fino a mln/euro 25), professionisti, associazioni: euro 350; Società B (fatturato fino a mln/euro 100): 600; Società C (fatturato oltre mln/euro 100): 1.200; Camere di Commercio, enti pubblici: 1.000; amministratori: 1.500

Newsletter France Italie (bimensile) Pubblicazioni Quelques activités italiennes a Paris et Région parisienne (brochure semestrale); Annuario Fiere e Saloni; Brochure corsi; Les italiens en Lorraine (1997); Une amitié difficile (2000); Les italiens à Paris et en Ile-de-France (2001); Italiani di prestigio a Parigi e Ile-de-France (2002, bilingue) Accordi di collaborazione CCIAA: Perugia, Salerno; Consorzio Tas Abano Terme; Ecole de Communication INSEEC; Enti fiera: Milano, Verona, Ubifrance; Intertrade Salerno; MEDEF; Mod’Art International; Sportello Internazionalizzazione; Università: Bocconi Milano, Ca´ Foscari Venezia Delegazioni Grand Est-Metz


EUROPA FRANCIA

Camera di Commercio Italiana per la Francia di Marsiglia Certificata ISO 9001:2000

Marsiglia

Anno di fondazione 1901 Anno di riconoscimento 1950 Presidente Franco BOTTIGLIONI Segretario Generale Marie BOTTAI Indirizzo 2, rue Henri Barbusse – Immeuble: Centre Méditerranéen de Commerce International - 13001 Telefono +33 49 1908117 Fax +33 49 1904150 E-mail info@ccif-marseille.com Web www.ccif-marseille.com Orario lun-ven 9.00–13.00/ 14.00–17.00 Numero dei soci 234 Quota associativa Quota speciale espositore: euro 100; Persone fisiche: 155; Camere di Commercio, Istituzioni, Collettività: 300; Soci Partner: 1.700; persone giuridiche in funzione della CA: da euro 1 a 100.000: euro 200; da 100.000 a 500.000: 400; da 500.000 a 1.000.000: 600; oltre 1.000.000: 1.000 Newsletter Trait d’Union (bimestrale) Pubblicazioni Programma d’attività, (annuale); Lista dei servizi (annuale); Brochure sui corsi d´italiano Accordi di collaborazione Camera di Commercio e Industria di Barcellona; Camere dei Mestieri: Camera Regionale Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Eure e Loira, Midi Pyrénées; Camere di Commercio e Industria francesi: Ajaccio, Avignone, Bastia, Marsiglia-Provenza, Montauban, Montpellier, Tolone Camere Regionali di Commercio e Industria francesi: Languedoc Roussillon, Midi-Pirenei, Provenza Alpi Costa Azzurra; CCIAA italiane: Ancona, Bari, Bergamo, Cagliari, Como, Cosenza, Foggia, Forlì, Genova, La Spezia, Lucca, Napoli, Oristano, Parma, Pescara, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Sassari, Torino; CCIE: Amsterdam, Barcellona, Bruxelles, Casablanca, Francoforte, Istanbul, Lione, Londra, Lussemburgo, Madrid,

Uffici Regionali AVIGNONE E VAUCLUSE Responsabile Monica ALBERGATI Indirizzo Camera di Commercio Industria di Avignone 46, Cours Jean Jaurès – 84000 Telefono +33 49 0141041 Fax +33 49 0855678 E-mail antenne.avignon@ccif-marseille.com LANGUEDOC ROUSSILLON Responsabile Danilo FAGGIONI Indirizzo Camera di Commercio Industria di Montpellier Hôtel St Côme - 32 Grand rue Jean Moulin - 34944 Cedex 9 Telefono +33 4 99515284, +33 6 62239022 Fax +33 4 89069953 E-mail antenne.montpellier@ccif-marseille.com

Monaco, Montreal, Rosario, Sydney, Vienna, Zurigo; Municipi francesi: Cassis, Frejus, Marsiglia, Martigues, Ste Maxime; Comuni italiani: Genova, Reggio Calabria; Consolati: Generale d’Italia a Marsiglia; Generale di Francia a Roma; Onorario di Francia a Bari e Firenze; Enti Fiera francesi: Brignoles, Enjoy Montpellier, Safim Marsiglia; Enti Fiera italiani: Firenze, GEFI Milano, Levante Bari, Roma; Organismi per formazione professionale: Aequinox Marsiglia, SV Formation Marsiglia, WTC Marsiglia; Province francesi: Aude, Bouches du Rhône, Corsica, Gard, Hautes Alpes, Hérault, Lozère, Var; Province italiane: Firenze, Genova, Napoli, Novara, Torino; Regioni francesi: Corsica, Languedoc Roussillon, Provenza-Alpi-Costa Azzurra; Regioni italiane: Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Piemonte, Puglia; Scuole: Scuola di Gestione e Commercio Avignone, Scuola di Management Euromed Marsiglia, CCI Servizio Formazione Continua del Polo Gestione e Commercio della Camera di Commercio e Industria Avignone, Liceo Alphonse Daudet Nîmes, Liceo dei Metiers d’Art Uzes; Università: Aix, Bologna, Parma, per stranieri Perugia, Roma, Udine; Altre reti/organismi: ASCAME Associazione Camere di Commercio del Mediterraneo, Antares Developpement e CEDEM, Cesvitec Napoli, EEN Enterprise Europe Network, EuroPôle Méditerranéen de l’Arbois, Federazione ANIE, Istituto Italiano di Cultura Marsiglia, Laboratorio Immagine Donna Firenze, Polo agroalimentare di Bizerte, Polo Capénergies, Polo di Competitività Gestion des Risques et la Vulnérabilité des Territoires, Polo EA-IMAGE, Polo Europeo Innovazione Frutta e Verdura Avignone, Polo Mare PACA, RMEI Rete Mediterranea delle Scuole di Ingegneria, SIMPLER Bologna, Stazione Sperimentale Industria Conserve Alimentari Parma, UNIDO; Confartigianato Liguria, CTS-Saracino viaggi, ISNART, Ubifrance, Ufficio Turismo St.Maxime, WTO Genova.

VAR – TOLONE Responsabile Robert ARPINO Indirizzo Camera di Commercio Industria di Tolone 236, Bd Marechal Leclerc - 83000 Telefono +33 6 74082962 E-mail robert.arpino@wanadoo.fr CORSICA Responsabile Monica CALORE Indirizzo p/o COMMENTIS 8, Rue M. Bozzi - 20000 Ajaccio Telefono/Fax +33 4 95253194 E-mail commentis@wanadoo.fr Antenna TOLOSA c/o Banca Monte dei Paschi

48


BUSINESS ATLAS 2011

FRANCIA

Camera di Commercio Italiana Nice, Sophia-Antipolis, Cote d’Azur

Nizza

Anno di fondazione 1997 Anno di riconoscimento 2000 Presidente Daniele VACCARINO Segretario Generale Aggiunto Myriam BARTOLETTI Indirizzo 11, avenue Baquis, quartier des Musiciens - 06000 Telefono +33 49 7030370 Fax +33 49 7038788 Web www.ccinice.org E-mail segreteria@ccinice.org Orario 09.00 - 18.00 Numero dei soci 310 Quota associativa da euro 1.500, in funzione del fatturato Pubblicazioni Guida turistica alla Costa Azzurra (9ª edizione 2010); Crea Impresa (4ª edizione 2008); Dieci anni di crescita (2008); Premio Falotico: La creazione di valore per il territorio. L’Euroregione Alpi-Mediterraneo (2009); Regional Competitiveness Index (2008); Le strategie identitarie delle marche italiane: il ruolo dell’italianità nel cuore della globalizzazione (2007) Accordi di collaborazione Associazioni di categoria: Assolombarda, Chambre de Métiers, Chambre Agriculture, Club de la Press 06, CNA, Coldiretti Cuneo, Confartigianato Cuneo, Confédération des Boulangers et Patissiers, Confindustria Uffici di rappresentanza in Francia Referente Dorotea TROSO Telefono +33 6 34299635 E-mail segreteria@ccinice.org Antibes c/o La Maison des Associations 288 Chemin de Saint Claude - 06600 Cannes c/o Cannes Bel Age 68, Boulevard Carnot - 06400 Gap c/o La Maison des Associations 3-7, place Jules Ferry - 05000 Menton c/o Banca Regionale Europea 21 avenue de Verdun - 06500 Sophia Antipolis c/o Agora Einstein.fr 905 rue Albert Einstein - BP 60247

Arezzo, Cuneo, Rieti, Torino, UPE 06; Comuni: Cagnes sur Mer, Cuneo, Cutigliano, Gap, Genova, Grasse, Mentone, Nizza, St. Laurent-du-Var, Sorrento, Tivoli, Vence, Vicenza, Villefranche, Villeneuve-Loubet; Consorzi Export: Artea Cuneo, Artex Firenze, Artigianexport Rovigo; Dipartimenti: Alpes de Haute Provence, Alpes Maritimes, Hautes Alpes, Var; Enti fiera: Cuneo, Internazionale Nizza, Lingotto Fiere, Padova; Media: 20Minutes-Nice, Cesar, Direct Azur, E’Italia, Il Secolo XIX, Italia Oggi, Kiosque, La Semaine des Spectacles, La Stampa, La Strada, La Tribune, L’Avenir, Le Petit Cannois, Le Petit Niçois; Menton Plus, Metro Côte d’Azur, Nice Matin, Nice Premium, Nice Rendez-Vous, Vins et Gastronomie de France; Province: Ancona, Aosta, Bologna, Bolzano, Brindisi, Cuneo, Ferrara, Genova, Imperia, Lecce, Macerata, Modena, Parma, Piacenza, Pordenone, Ragusa, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Savona, Siracusa, Terni, Torino, Trento, Trieste, Udine; Regioni: Liguria, PACA, Piemonte; Università: Bocconi Milano, Bologna, Ca’ Foscari Venezia, Cattolica, Foggia, Genova, International University Monaco, Luiss Roma, Messina, Nizza Sophia Antipolis, Orientale Napoli, Padova, per stranieri Perugia, Salerno, Siena, Verona; Altri enti: Direzione Concorrenza e repressione frode, Fondazione Sophia Antipolis, URSSAF. Uffici di rappresentanza in Italia Cuneo c/o Consorzio Artea - via Cuneo 52/I 12011 Borgo San Dalmazzo Referente Patrizia DALMASSO Telefono 0171 268019 Genova c/o CNA Liguria - via XII Ottobre 2/61 - 16121 Referente Nicola CAPRIONI Telefono 010 5959171 E-mail nicola.caprioni@liguria.cna.it Rovigo c/o Artigianexport - via Maestri del Lavoro, 7/e 45100 Fraz. Borsea Referente Franco CESTONARO Telefono 0425 987611 E-mail info@artigianexport.it Roma c/o ECIPA - via G. Tomassetti, 12 - 00161 Referente Filippo D’ANDREA Telefono 06 44188501 E-mail ecipa@cna.it Torino c/o CNA - via Roma, 366 - 10121 Referente Daniele VACCARINO Telefono 011 5541811

49


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

2 3 8 13 18 21 23 22 19 13 6 3

(520.966), Lipsia (518.862), Norimberga (503.673), Duisburg (491.931) Moneta Euro Lingua Tedesco Religioni principali Cattolici (31%), Protestanti (30,8%), Musulmani (3,9%), altri (1,8%), atei (32,5%) Ordinamento dello Stato Repubblica formata da 16 stati federali (Länder). Il capo dello Stato è il Presidente Federale (Bundespräsident), che ricopre funzioni principalmente rappresentative ed è eletto ogni cinque anni dai membri del Parlamento Federale (Bundestag) e da altrettanti elettori, scelti dai singoli parlamenti regionali dei Länder. Il potere esecutivo è esercitato dal Cancelliere (Bundeskanzler) e dal Consiglio dei Ministri, mentre quello legislativo è affidato al Parlamento, composto di due Camere: la prima è il Bundestag, con circa 600 deputati (il numero varia con le legislature), eletto ogni quattro anni a suffragio universale; la seconda è il Bundesrat con 69 membri delegati dai governi dei Länder in proporzione alla popolazione. Quest’ultimo riveste un ruolo di mediazione tra il Governo Federale e gli Stati ed ha il potere di porre il veto alle leggi approvate dal Bundestag Suddivisione amministrativa 16 Länder (Amburgo, Assia, Baden-Württemberg, Bassa Sassonia, Baviera, Berlino, Brandeburgo, Brema, Meclemburgo-Pomerania, Renania Palatinato, Renania Settentrionale-Westfalia, Saarland, Sassonia, Sassonia-Anhalt, Schleswig-Holstein, Turingia), suddivisi in 438 Kreise (circondari).

Media min

-3 -3 0 3 8 11 13 12 9 5 1 -2

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 357.104 kmq Popolazione1 81.742.000 Gruppi etnici2 Turchi 1.738.831, Italiani 534.657, Polacchi 361.696, Serbi e Montenegrini 316.823, Greci 303.761, Croati 227.510, Russi 187.514 Comunità italiana 534.657 Capitale Berlino (3.456.264) Città principali Amburgo (1.785.204), Monaco (1.330.440), Colonia (998.105), Francoforte sul Meno (671.927), Stoccarda (601.646), Düsseldorf (586.217), Dortmund (581.308), Essen (576.259), Brema (547.685), Hannover

Quadro dell’economia

Quadro macroeconomico3 Il 2010 è stato un anno di forte crescita: dopo la crisi del biennio 2008/2009 (-4,7%), il PIL tedesco ha ripreso la sua risalita verso valori positivi fino a quota 3,6%, superando di gran lunga le aspettative (1,7%). La crescita economica si è concentrata prevalentemente nella primavera e nell’estate 2010. La ripresa ha riguardato sia il commercio interno, che quello estero, quest’ultimo il vero motore della crescita del Paese. Le esportazioni aumentate, in termini reali, di oltre il 14%, hanno beneficiato delle nuove richieste da parte dei mercati emergenti e sono state facilitate dalla svalutazione dell’euro registratasi nel corso della scorsa primavera. A seguito di un incremento delle esporta-

zioni rispetto alle importazioni, anche il valore della bilancia commerciale è cresciuto dell’1,2%. Per quanto riguarda i consumi, invece, la loro dinamica è piuttosto modesta: quelli privati sono aumentati dello 0,5%, mentre il consumo pubblico del 2,2%. La grande ripresa del Paese si traduce anche in un aumento dell'occupazione, che nell’ultimo anno ha superato ogni record, toccando quota 40,5 milioni di persone, con un aumento dello 0,5%. La disoccupazione pari al 7,7%, è calata di circa 2 punti percentuali rispetto al 2009. Nel 2010, inoltre, si è registrato anche un importante incremento dei salari: quelli lordi sono cresciuti del 2,2%, mentre quelli netti del 3,4%. Per il 2011 si attende un incremento del PIL, intorno al 2,3%. 1 2 3

52

Censimento 2007 Censimento 2006 Fonte: Ufficio Statistico Federale (www.destatis.de); Ministero Federale dell’Economia (www.bmwi.de); Agenzia Federale Lavoro (www.arbeitsagentur.de)


BUSINESS ATLAS 2011

Principali settori produttivi4 Nel 2010 la Germania ha generato un PIL pari a mld/euro 2.497,6. L’agricoltura contribuisce per lo 0,9% al reddito nazionale. I prodotti agricoli più diffusi sono: frumento, orzo, patate, luppolo per la produzione di birra; buone le performances soprattutto del comparto della viticoltura, praticata nelle valli del Reno e della Mosella, dove il clima ne favorisce lo sviluppo, mentre una discreta importanza riveste la pesca. Il settore dei generi alimentari si concentra nella produzione di latte e nella lavorazione di carni. La Germania gode, inoltre, della presenza di giacimenti di gas naturale e di ricchi giacimenti minerari nella Regione della Ruhr e nel Saarland. Il potassio abbonda a sud-ovest, nella zona di Friburgo e a nord, vicino alle foci dei fiumi Ems e Weser. L’industria contribuisce per il 23,8% alla formazione del PIL; i comparti di punta si confermano: la meccanica, il siderurgico, l’automobilistico, l’industria elettrica ed elettronica, il settore delle costruzioni (4,1%) e quello chimico. Inoltre, stanno via via acquisendo sempre maggiore importanza comparti come la micro-elettronica e l’aerospaziale. Si riconosce, infine, un’altissima competenza a livello internazionale anche alla meccanica di precisione, all’industria ottica e delle apparecchiature fotografiche, sebbene in questo campo la Germania debba misurarsi con la forte concorrenza giapponese. Il settore dei servizi (turismo, commercio, banche, assicurazioni e media) si afferma come più importante per la costituzione del PIL, contribuendo per il 54%.

Rostock e Lubecca; tra i porti interni da ricordare quello di Duisburg e Magdeburg.

Commercio estero4 Totale import: mld/euro 806,2 Totale export: mld/euro 959,5 Principali prodotti importati: IT, elettronica ed informatica (mld/euro 90,2); veicoli e componenti (mld/euro 69,2); petrolio e gas (mld/euro 63,2); chimica (mld/euro 61,5); metalli (mld/euro 49,2); prodotti farmaceutici e simili (mld/euro 38); apparecchiature elettroniche (mld/euro 37,6); generi alimentari e mangimi (mld/euro 33,2). Principali prodotti esportati: veicoli e componenti (mld/euro 159,4); macchinari (mld/euro 138,7); chimica (mld/euro 90,6); IT, elettronica ed informatica (mld/euro 81,4); apparecchiature elettroniche (mld/euro 60); prodotti farmaceutici e simili (mld/euro 51,1); metalli (mld/euro 50,3); generi alimentari e mangimi (mld/euro 37,5); prodotti in metallo (mld/euro 32); gomma e plastica (mld/euro 33). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Francia (mld/euro 66,4); USA (mld/euro 47,8); Olanda (mld/euro 45,4); Regno Unito (mld/euro 43,8); Italia (mld/euro 42,1). Paesi Fornitori: Cina (mld/euro 55,2); Olanda (mld/euro 46,1); Francia (mld/euro 45,3); USA (mld/euro 33); Italia (mld/euro 31,8).

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro 14,8 Principali prodotti importati dall’Italia: veicoli e componenti (mld/euro 4,6); macchinari (mld/euro 4,8); metalli (mld/euro 3,5); prodotti chimici (mld/euro 3,1); apparecchi elettronici (mld/euro 2,6); generi alimentari e mangimi (mld/euro 2,4); gomma e plastica (mld/euro 1,8); prodotti in metallo (mld/euro 1,8); prodotti farmaceutici (mld/euro 1,7). Principali prodotti esportati in Italia: veicoli e componenti (mld/euro 10,7); macchinari (mld/euro 6,3); gomma e plastica (mld/euro 2); prodotti informatici/elettronici e ottici (mld/euro 6); prodotti chimici (mld/euro 6,7); metalli (mld/euro 4); prodotti farmaceutici (mld/euro 2,5); apparecchi elettronici (mld/euro 3,5); generi alimentari e mangimi (mld/euro 4).

Infrastrutture e trasporti5 La rete autostradale è la terza al mondo (dopo quella statunitense e quella cinese) e si estende per circa 12.550 km. La rete stradale invece si estende su un totale di circa 40.700 km. La rete ferroviaria tedesca è dotata di treni ad alta velocità (InterCityExpress) e sta sviluppando il Transrapid, un sistema di treno a lievitazione magnetica, che è in grado di viaggiare ad una velocità di circa 500 km/h. Possiede circa 41.000 km di strade ferrate, con un traffico di oltre 33.000 treni al giorno ed un movimento passeggeri pari a più di 5 milioni. I principali aeroporti internazionali sono quelli di Francoforte, Monaco, Stoccarda, Amburgo e Düsseldorf, tutti ben collegati col centro di ogni città e con le stazioni ferroviarie da comodi mezzi di trasporto pubblici. La città di Berlino che attualmente beneficia di due scali principali (Tegel e Schoenefeld) a partire dal 2012 vedrà l’attivazione di un unico a aeroporto, il Berlin Brandeburg International. Molto sviluppato è, inoltre, il trasporto fluviale (circa 7.500 km di vie fluviali navigabili), che permette di raggiungere via nave le principali città della Ruhr e del Meno, nonché il Mar Nero grazie al canale che collega il Danubio con il Reno. I principali porti sono Amburgo, Wilhelmshaven, Brema, 4 5

6 7

Fonte: Ufficio Statistico Federale (www.destatis.de) Fonte: Ufficio Statistico Federale (www.destatis.de); Germany Trade & Invest (www.gtai.com) Fonte: Bundesbank (www.bundesbank.de); dati 2008 Fonte: Bundesbank (www.bundesbank.de)

GERMANIA

Investimenti esteri (principali Paesi)6 Paesi di provenienza: (mld/euro 109,1); Lussemburgo (mld/euro 69,9); USA (mld/euro 48,3); Francia (mld/euro 44,5); Regno Unito (mld/euro 41,6); Italia (mld/euro 34); Giappone (mld/euro 14). Paesi di destinazione: USA (mld/euro 207,7); Regno Unito (mld/euro 97); Lussemburgo (mld/euro 55,6); Olanda (mld/euro 55,1); Belgio (mld/euro 46,8); Francia (mld/euro 46,7); Italia (mld/euro 31,2); Cina (mld/euro 18,9); Giappone (mld/euro12,6).

53

Investimenti esteri (principali settori)7 Verso il Paese: industria chimica (mld/euro 39,4); Meccanica


EUROPA

GERMANIA

(mld/euro 19,2); trasporti e telecomunicazioni (mld/euro 43,3); settore automobilistico (mld/euro 57,4); tecnologie per il settore medico, strumenti di misurazione e ottica (mld/euro 10,3); settore alimentare (mld/euro 8,6); settore bancario (mld/euro 39); settore immobiliare (mld/euro 18,2); assicurazioni (mld/euro 16); società di partecipazioni (mld/euro 72,7). Italiani verso il Paese: assicurazioni (mld/euro 4); settore bancario (mld/euro 2,8); industria chimica (mld/euro 2,4); operatori finanziari (mld/euro 1,8); meccanica (mld/euro 1,1); attrezzature per la produzione e distribuzione di energia (mld/euro 1,1); settore automobilistico (mld/euro 1); partecipazioni finanziarie (mln/euro 124). All’estero del Paese: istituti finanziari (mld/euro 222,5); holding di partecipazione (mld/euro 118,6); industria chimica (mld/euro 75,8); settore bancario (mld/euro 58,1); settore automobilistico (mld/euro 57,4); società di partecipazioni (mld/euro 52,5); assicurazioni (mld/euro 42,7); meccanica (mld/euro 22,9); attrezzature per la produzione e distribuzione di energia (mld/euro 16,9). In Italia del Paese: partecipazioni finanziarie (mld/euro 124); assicurazioni (mld/euro 4); industria chimica (mld/euro 2,4); settore bancario (mld/euro 2,8); operatori finanziari (mld/euro 1,8); meccanica (mld/euro 1,1); attrezzature per la produzione e distribuzione di energia (mld/euro 1,1); settore automobilistico (mld/euro 1).

logativo, la dichiarazione deve essere tra-smessa agli uffici competenti (il termine di spedizione coincide con il termine di presentazione) al massimo entro il 15° giorno lavorativo successivo al mese di riferimento. Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura Combinata. Restrizioni alle importazioni: la normativa europea prevede per alcuni prodotti quali, tessili e acciaio, licenze di importazione e documenti di sorveglianza. Organo competente è il Bundesamt für Wirtschaft und Ausfuhrkontrolle. Licenze di importazione sono anche richieste per alcuni prodotti agricoli, in base a quanto previsto dalla UE. Organo competente è il Bundesanstalt für Landwirtschaft und Ernährung. Importazioni temporanee: carnet comunitario e il Carnet ATA non sono più necessari (salvo per le Canarie, Ceuta, Melilla e i DOM). Per le altre parti del territorio doganale comunitario che non fanno parte del territorio doganale fiscale, è consigliabile prendere contatto con le Camere di Commercio di riferimento. Alle imprese comunitarie che spediscono beni a titolo temporaneo verso uno dei 27 Paesi UE è richiesto di tenere un registro di tali spedizioni. Il registro può essere redatto su supporto informatico. La sua assenza può comportare sanzioni amministrative da parte degli Uffici della Dogana.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese8 Normativa per gli investimenti stranieri: previsti forti incentivi per gli investimenti stranieri (esenzioni fiscali, o sovvenzioni per l’acquisto di macchinari o per l’ampliamento di unità produttive esistenti); alcuni settori (trasporti, assicurazioni e banche) rimangono comunque soggetti alla concessione di una licenza speciale. Legislazione societaria7: previste società di persone prive di personalità giuridica propria, quali la società semplice (Gesellschaft bürgelichen Rechts GbR), la società in nome collettivo (Öffene Händelsgesellschaft HG) e la società in accomandita semplice (Kommanditgesellschaft KG). Tra le società di capitali considerate persone giuridiche, previste la società a responsabilità limitata (Gesellschaft mit beschränkter Haftung GmbH), la società mista tra Srl e Sas (GmbH & Co. KG), la società in accomandita per azioni (Kommandi-tgesellschaft auf Aktien KGaA) e la società per azioni (Aktiengesellschaft AG). Una novità in ambito giuridico tra le Srl è la cosiddetta Unternehmergesellschaft, chiamata anche Mini-GmbH, costituita a novembre 2008, il cui capitale minimo può essere costituito da 1 euro. Infine, le aziende non residenti possono costituire in Germania un branch office mediante iscrizione presso il registro delle imprese insieme al mantenimento delle scritture contabili, secondo quanto dettato dalla legge tedesca.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: tra Paesi comunitari non sussistono obblighi di natura doganale, mentre ai Paesi terzi si applica la tariffa doganale unica UE. I tassi sono riscossi sul valore CIF della merce. Nonostante la soppressione quasi totale delle formalità doganali a livello comunitario, permangono degli obblighi dichiarativi, fiscali e statistici, imposti agli operatori nei loro scambi intracomunitari: 1) dichiarazione IVA dichiarata, liquidata e pagata alla stregua delle tasse interne. La dichiarazione CA3 integra l’ammontare totale esentasse delle spedizioni intra-comunitarie esentate e degli acquisti intra-comunitari; 2) dichiarazione di scambio di beni tra Stati Membri (INTRASTAT), un formulario dell’Amministrazione doganale che riporta mensilmente l’insieme dei movimenti di merci comunitarie (o merci di paesi terzi che abbiano assolto diritti e tasse) che circolano tra l’Italia e un altro Stato membro appartenente all’UE. Esiste un modello semplificato e uno dettagliato. Il numero delle informazioni che le imprese sono tenute a fornire sono in funzione dei volumi d’entrata o spedizione nell’UE. Su supporto cartaceo, magnetico o elettronico, di volta in volta o in modo riepi-

Brevetti e proprietà intellettuale La protezione di marchi e brevetti rientra nell’ambito della tutela della proprietà industriale e avviene tramite registrazio8

54

Fonte: Germany Trade & Invest (www.gtai.com)


BUSINESS ATLAS 2011

Notizie per l’operatore

ne. La legge tedesca che regola la protezione dei marchi commerciali, dei marchi di origine e dei marchi riconosciuti come particolarmente distintivi di determinati prodotti è la Markengesetz9. Le richieste sul regime di tutela della proprietà intellettuale in Germania, di registrazione di un marchio e di rilascio di un brevetto possono essere inoltrate al Deutsches Patent und Markenamt (www.dpma.de). Per l’ottenimento di un brevetto europeo con procedura unica, come da Convenzione Europea sui brevetti del 1973, si può far richiesta a Europäisches Patentamt (www.european-patent-office.org).

Rischio Paese11 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE12 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Deutsche Bundesbank (Buba) di Francoforte sul Meno è la Banca Centrale con sedi in ciascuno dei 16 Länder (Landeszentralbank). Dal 1999, la Bundesbank fa parte del Sistema Bancario Europeo. Il panorama strutturale delle banche tedesche può essere suddiviso in: a) Geschäftsbanken (banche d’affari) attive in tutti i settori bancari, possono detenere quote azionare in società per azioni. Nel Paese vi sono oltre 300 banche di credito; le più importanti sono la Deutsche Bank e la Commerzbank. Sono presenti 16 istituti di credito con funzioni particolari, tra i quali l’Ente di Credito per la Ricostituzione, che concede anche crediti per investimenti in Paesi in via di sviluppo e partecipa al finanziamento delle esportazioni; sono inoltre presenti 500 istituti di credito di proprietà estera; b) Sparkassen (casse di risparmio) più di 450, gestite generalmente dai Comuni, la cui forma giuridica è quella di enti pubblici autonomi. Si occupano anche di attività commerciali. I crediti da loro concessi sono per la maggior parte a lungo termine; c) Vollsbanken/Raiffeisenbanken (casse rurali e artigianali) si occupano di attività minori e di prestiti a livello locale. Sono appoggiate da istituzioni regionali e federali, che sono anche le fonti di finanziamento; d) Hypothekenbanken (istituti di credito bancario) specializzate nella concessione di prestiti ipotecari a lunga scadenza e prestiti a lunga scadenza per il Governo locale, regionale e federale; e) Postbanken (banche postali) separate dal sistema bancario tedesco, gestiscono i risparmi e provvedono a trasferimenti monetari. L’attività di tutti gli istituti di credito esistenti è sorvegliata dall’Ufficio Federale per il Mercato Creditizio di Berlino. Le principali borse valori sono a Francoforte sul Meno e a Düsseldorf.

Sistema fiscale10 Le imposte dirette si applicano sul reddito e sul patrimonio. Le imposte sul reddito sono: l’imposta federale sul reddito delle società (Körperschaftssteuer); l’imposta sul reddito delle persone fisiche (Einkommenssteuer); la ritenuta d’acconto (Kapitalertragsteuer) su dividendi, royalties, canoni d’affitto, compensi e interessi; l’imposta locale sui redditi d’impresa (Gewerbesteuer); l’imposta sulla confessione religiosa (facoltativa). L’imposta sul reddito delle persone giuridiche prevede un’aliquota fissa sul reddito pari al 25%. Oltre alla tassa sul reddito d’impresa, le aziende devono pagare una tassa municipale che varia dal 12% al 18% del reddito lordo ed una tassa di solidarietà pari al 5,5% della tassa sul reddito d’impresa (1.1.2005). L’imposta sul patrimonio netto è rappresentata dall’imposta locale sulla proprietà immobiliare (Grundsteuer). Tra le imposte indirette troviamo: la MwSt (Mehrwertsteuer o Umsatzsteuer), corrispondente all’IVA italiana, che a partire dal 2007 è del 19% (per alcuni prodotti è del 7%); l’imposta sul trasferimento delle proprietà immobiliari (Grunderwerbsteuer); l’imposta sui contratti di assicurazione e varie imposte su alcuni articoli come il petrolio, il caffè e le bevande alcoliche; dazi doganali e una tassa su auto e motoveicoli. Imposta sui redditi delle persone fisiche

Reddito (euro)

Inferiori a 8.004 Inferiori a 16.008 8.004 - 52.882 16.008 - 105.764 Oltre 52.882 Oltre 105.764

stato civile

(singoli) (coniugati) (singoli) (coniugati) (singoli) (coniugati)

Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre

GERMANIA

Valore d’imposta

0% 0% 15 % 15 % 42 % 42 %

Tipologia

Tassi bancari13

Tasso di interesse effettivo per mutui

Medio termine (fra 1 e 5 anni) Lungo termine (fra 5 e 10 anni) Lungo termine (oltre 10 anni)

9

10 11

12 13

55

Valore

3,99 - 4,37 % 3,97 - 4,26 % 4,62 - 4,85 %

I dettagli sulle condizioni di registrazione di marchi, sulla concessione di brevetti in Germania e sulle procedure di domanda sono indicati sulla Business Guide to Germany prodotta da Invest in Germany (www.gtai.de) Fonte: Germany Trade & Invest (www.gtai.com); ICE Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Bundesbank


EUROPA

GERMANIA

Principali finanziamenti e linee di credito14 Finanziamenti agevolati sono concessi dal Governo federale, dai Länder e da istituzioni internazionali (UE) e sono rivolti in particolar modo ai piccoli e medi imprenditori. Tra gli obiettivi, favorire la costituzione di nuove imprese; promuovere investimenti su ricerca e sviluppo; sostenere programmi per la protezione e il miglioramento dell’ambiente; favorire iniziative nell'ambito del comune progetto “Miglioramento delle strutture economiche regionali", etc. Fondamentali sono i finanziamenti concessi per l’avviamento di un’impresa (soprattutto in Germania orientale), quali: ERP (Existensgründung-Programm, aiuti per la fondazione dell’impresa), EHK-Programm (Eigenkapital-hilfe-Programm, aiuti per il capitale proprio). Tali finanziamenti sono elargiti dalla Deutsche Ausgleichbank (DtA), che dipende economicamente dal Ministero delle Finanze. L’organizzazione preposta all’attrazione di investimenti esteri in Germania è la Germany Trade and Invest. Nel caso delle piccole e medie imprese, l’incidenza percentuale della sovvenzione sui costi dell’investimento varia dal 50% (se l’attività si svolge nei Länder più poveri) al 15% (se l’attività si svolge nei Länder più sviluppati). Per le grandi aziende la sovvenzione varia da un massimo del 35% ad un minimo del 18% e non è prevista nelle regioni a più alto grado di sviluppo.

Organizzazione sindacale16 La Federazione dei Sindacati Tedeschi (Deutsche Gewerkschaft Bund) è ente di coordinamento. Alla DGB fanno capo 8 organizzazioni sindacali, ciascuna delle quali si occupa di diversi settori di attività economica. Gli iscritti ai sindacati nazionali sono 6.264.923, di cui 2.263.020 appartenenti al sindacato del settore metallurgico (IG Metall). Le strutture sindacali in Germania partecipano alla cosiddetta “cogestione” dell’impresa, affiancando il management all’interno del Consiglio di vigilanza nelle decisioni di politica aziendale. Con l’attuale sistema le società di capitali con più di 500 dipendenti sono soggette a cogestione. Elettricità ad uso industriale17 (in € /KW/h)

Categorie

Combustibile

Attività SIMEST

Ad uso industriale Tipologia

Parchi industriali e zone franche Nel Paese i principali porti franchi sono quelli di Brema, Bremerhaven, Cuxhaven, Deggendorf, Duisburg, Emden, Amburgo e Kiel. La Renania-Westfalia, con 7 zone industriali, è la regione tedesca a più alta concentrazione di aree industriali; notevole presenza anche in Assia, Bassa Sassonia, Berlino, Brandeburgo, Brema, Meclemburgo Pomerania, Renania Westfalia Palatinato, Sassonia Anhalt, Sassonia, Schleswig-Holstein, Turingia.

14

Costo dei fattori produttivi Manodopera15 (valori medi mensili in €) min

media

max

2.476

15

2.494 5.449

16 17 18 19

56

a

1,47 1,30 0,71

media

2,10

Immobili19 (in € /m2)

Affitto locali uffici (grandi città) Affitto locali (uso commerciale)

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e prevenire le evasioni fiscali, firmato a Bonn, il 18.10.1989.

1.820

da

1,37 1,17 0,59

Acqua17 (in € /m3)

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Operaio Impiegato Dirigente

0,22

Prodotti petroliferi18 (in € /l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Categorie

media

A partire da 3.000

da

18 125

a

27 290

Fonte: www.franchising-net.org (scheda relativa alla Germania). Informazioni relative alle caratteristiche delle erogazioni e alle condizioni di ottenimento, sono reperibili presso il Ministero Federale dell’Economia e della tecnologia (www.bmwi.de). Un servizio di assistenza e consulenza in tema di finanziamenti e agevolazioni esistenti in Germania a favore di investitori esteri può essere richiesto all’ente federale per gli investimenti esteri (www.gtai.de). Un quadro sui finanziamenti cui hanno titolo gli imprenditori nella fase di fondazione di un’azienda, è disponibile in lingua tedesca sul sito web: www.existenzgruender.de. I prestiti bancari pubblici vengono gestiti in gran parte dalla banca KfW (www.kfw.de) Fonte: Ufficio Statistico Federale (www.destatis.de) www.dgb.de Fonte: Mainova (www.mainova.de) Fonte: Mineralölwirtschaftsverband (www.mvw.de) Fonte: IVD (www.ivd.net)


BUSINESS ATLAS 2011

Informazioni utili

Düsseldorf: Oststraße, 10 - 40211 tel +49 211 387990 - fax +49 211 3879963 dusseldorf@ice.it

Uffici ENIT23 Barckhausstraße, 10 - 60325 Francoforte sul Meno tel +49 69 237069 - fax +49 69 232894 frankfurt@enit.it

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE20 Ambasciata Hiroshimastraße 1- 10785 Berlino tel +49 30 254400 - fax +49 30 25440116 www.ambberlino.esteri.it • segreteria.berlino@esteri.it Consolati Generali di Prima Classe Francoforte sul Meno Kettenhofweg 1 - 60325 tel +49 69 7531138 / 200 - fax +49 69 7531104 www.consfrancoforte.esteri.it segreteria.francoforte@esteri.it Monaco di Baviera Möhlstraße, 3 - 81675 tel +49 89 4180030 - fax +49 89 477999 www.consmonacodibaviera.esteri.it italcons.monacobaviera@esteri.it Consolati Generali Amburgo Feldbrunnenstraße, 54 - 20148 tel +49 40 4140070 - fax +49 40 41400731 www.consamburgo.esteri.it • segreteria.amburgo@esteri.it Colonia Universitätsstraße, 81 - 50931 tel +49 221 400870 - fax +49 221 4060350 www.conscolonia.esteri.it • info.colonia@esteri.it Hannover Freundallee, 27 - 30173 tel +49 511 283790 - fax +49 511 2837930/8 www.conshannover.esteri.it • segreteria.hannover@esteri.it Stoccarda Lenzhalde, 46 - 70192 tel +49 711 25630 - fax +49 711 2563136 www.consstoccarda.esteri.it • consolato.stoccarda@esteri.it ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura21 Francoforte sul Meno Schumannstraße , 24-26 - 60325 tel +49 69 90745150 - fax +49 69 90745151 www.iicfrancoforte.esteri.it • iicfrancoforte@esteri.it Monaco di Baviera Hermann-Schmid-Straße 8 - 80336 tel +49 89 7463210 - fax +49 89 74632125 www.iicmonaco.esteri.it • info.iicmonaco@esteri.it Uffici ICE22 Berlino: Schluterstraße, 39 - 10629 tel +49 30 8844030 - fax +49 30 88440310/1 berlino@ice.it

GERMANIA

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Bayerische Hypo- und Vereinsbank, Gruppo Unicredit Kardinal-Faulhaber-Straße 1 - 80333 Monaco tel +49 89 3780 BNL c/o BNP Paribas Allee 12 - Francoforte sul Meno tel +49 69 71936901 vlassios.papadopoulos@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Branch Neue Mainzer Strasse 46-50 - 60311 Francoforte sul Meno tel +49 69 156810 frankfurt.de@intesasanpaolo.com Monte dei Paschi di Siena An der Hauptwache, 7 - 60313 Francoforte sul Meno tel +49 69 2739020 Mediobanca Neue Mainzer Straße 1 - 60311 Francoforte sul Meno tel +49 69 24007999 IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via San Martino della Battaglia 4 - 00185 Roma tel 06 492131 - fax 06 4452672 www.rom.diplo.de ambasciata-germania@rom.diplo.de Consolati Milano via Solferino 40 - 20121 tel 02 6231101 - fax 02 6554213 www.mailand.diplo.de info@mailand.diplo.de Napoli via Crispi 69 - 80121 tel 081 2488511 - fax 081 7614687 www.neapel.diplo.de • info@neapel.diplo.de 20

21

22 23

57

Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Per i riferimenti di tutti gli Istituti di Cultura Italiani nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA

GERMANIA

ISTITUTI DI CREDITO Bayerische Hypo- und Vereinsbank via Durini, 9 - 20122 Milano tel 02 77931 - fax 02 7793272 Bayerische Landesbank via Cordusio, 2 - 20123 Milano tel /fax 02 864216; lbmil@tin.it BHW Bausparkasse Italia Bolzano via Maso della Pieve, 60A - 39100 tel 047 1255400 - fax 047 1255499 info@bhwitalia.it Roma (ufficio di rappresentanza) corso Vittorio Emanuele II 299, - 00199 tel 06 68193318 - fax 06 68135413 Commerzbank via Cordusio, 2 - 20123 Milano tel 02 725961 - fax 02 72596777 cbk_m@commerzbank.com Deutsche Bank Milano piazza del Calendario, 3 - 20126 tel 02 40241 - fax 02 40242636 Roma largo del Tritone - 00165 tel 06 67184375 - fax 06 67184305 Dresdner Bank CP 1711 piazza degli Affari, 3 - 20123 Milano tel 02 724021 - fax 02 8057639 Westdeutsche Landesbank via Canova 38-40 - 20145 Milano tel 02 349741 - fax 02 33602459

Alberghi23 Lusso: singola euro 200 - doppia 276; 1° cat: singola euro 140 - doppia 180; 2° cat: singola euro 110 - doppia 120.

Assistenza medica Per i cittadini UE sufficiente la tessera sanitaria rilasciata a livello nazionale. Pronto soccorso: tel 112 (nazionale). Cliniche: Clinica Universitaria Universitätsklinikum. Johann Wolfgang Goethe Universität Theodor-Stern-Kai 7 - 60590 Francoforte sul Meno - tel +49 69 63011 / 7920200. Klinikum Rechts d. Isar – Ismaninger Str. 22 - Monaco tel +49 89 41402835; Klinikum München-Grosshadern – Marchininistraße 15 Monaco- tel +49 89 70950

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Lufthansa Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Germanwings, Airberlin Trasferimenti da e per l’aeroporto: Berlino metropolitana o autobus: euro 2,50; taxi: ca. 16,50 Francoforte metropolitana euro 3,80; taxi ca. 29 Monaco metropolitana o autobus ca. euro 8,90; taxi ca. 55. Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telecom, Arcor Telefonia mobile: D1(Telekom), D2 (Vodafone), E-Plus, O2, Debitel

Siti di interesse Informazioni generiche: www.tatsachen-ueber-deutschland.de Statistica: www.destatis.de Economia: www.bundesbank.de; www.gtai.de www.bdi-online.de; www.diht.de www.ifo.de; www.zew.de www.diw-berlin.de Finanziamenti: www.dta.de www.kfw-mittelstandsbank.de www.ixpos.de www.german-banks.de www.bmwi.de www.invest-in-germany.de www.existenzgruender.de Fiere: www.auma.de (sito plurilingue) Governo: www.bundesregierung.de www.bund.de www.rom.diplo.de

Formalità doganali e documenti di viaggio E’ in vigore la libera circolazione di persone e merci con riferimento ai paesi UE. In alcuni casi viene richiesto il documento di identità. Corrente elettrica 220 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: 7.30-17.00 / 9.00-18.00 Negozi: lun-ven 7.30 - 9.00 / 18.00-20.00 Banche: lun-ven 8.30-16.00; gio 8.30-17.30

Festività 1, 6 gennaio; Venerdì Santo, Pasqua, Lunedì in Albis, 1 maggio; 2, 12-13 (Pentecoste), 23 (Corpus Domini) giugno; 15 agosto; 3 ottobre (Unità tedesca); 1 novembre; 25, 26 dicembre. Media Quotidiani: Süddeutsche Zeitung; Handelsblatt; Frankfurter Allgemeine Zeitung; Frankfurter Rundschau Riviste: Der Spiegel, Stern, Focus TV: Ard, Zdf, Sat1, Rtl, Pro 7

23

58

Sul sito www.hrs.com o www.viaggio-in-germania.de sono disponibili le tariffe relative a tutte le categorie degli alberghi, ostelli e B&B


BUSINESS ATLAS 2011

GERMANIA

Camera di Commercio Italiana per la Germania

Francoforte sul Meno

Anno di fondazione 1911 Anno di riconoscimento Antecedente al 1951 Presidente Manlio LA LOGGIA Segretario Generale Claudia NIKOLAI Indirizzo Friedrich-Ebert-Anlage 58 - 60325 Telefono +49 69 97145210 Fax +49 69 97145299 Web www.itkam.org E-mail info@itkam.org Orario 9.00 -18.00 Numero dei soci 674 Quota associativa (quota annuale): persone fisiche o aziende con fatturato annuo inferiore a euro 500.000: euro 110; inferiore a mln/euro 1,5: euro 190; inferiore a mln/euro 5: euro

380; Enti, Associazioni e Consorzi: euro 250; soci sostenitori e altre categorie: euro 600; formula Business Club: euro 1.500 Newsletter Economia (9 numeri annui) Accordi di collaborazione Barabino & Partners; Camera Industria e Commercio Lipsia, CCIAA Parma; Distretto del Vulture; Enti Fiera: Berlino, GeFi, Landbell, Lipsia, Milano, Rimini, Verona; Ordine Commercialisti Napoli; Promex Padova; Sportelli Sprint: Calabria, Puglia; Toscana Promozione; Unione Industriali Torino; Università: Bocconi Milano, Ca’ Foscari Venezia. Uffici Regionali Berlino, Colonia, Lipsia. Uffici di rappresentanza Amburgo, Friburgo, Milano, Roma, Torino, Verona

Camera di Commercio Italiana Monaco di Baviera

Monaco di Baviera

Anno di fondazione 1926 Anno di riconoscimento 1952 Presidente Annamaria ANDRETTA Segretario Generale Alessandro MARINO Indirizzo Ottostraße, 1 - 80333 Telefono +49 89 96166170 Fax +49 89 2904894 Web www.italcam.de E-mail info@italcam.de Orario lun-gio 9.00-12.30 / 13.30-17.30; ven 9.00-14.30 Numero dei soci 379 Quota associativa CCIAA, euro 280; Aziende e liberi professionisti, 225; Ministeri e Associazioni, 150; persone fisiche, 150; Soci sostenitori: a partire da 500

Newsletter Forum (formato elettronico trimestrale) Pubblicazioni Le energie rinnovabili in Germania: tendenze di mercato e prospettive future (novembre 2007); Il settore delle Nanotecnologie in Germania (aprile 2008); Il settore delle Biotecnologie in Germania (settembre 2008) Accordi di collaborazione CEI Piemonte; Comune di Reggio Calabria; EOS Bolzano; Promec Ufficio regionale per il Baden-Württemberg Responsabile Isabella PIGNAGNOLI Indirizzo Lenzhalde, 69 - 70192 Stoccarda Telefono +49 711 2268042 Fax +49 711 2268079 E-mail stuttgart@italcam.de

59


Caratteristiche generali

Mesi

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 131.957 kmq Popolazione 10.939.605 Comunità italiana 10.000 ca. Capitale Atene (3.757.000) Città principali Salonicco (1.047.000), Patrasso (334.000), Heraklion (294.000), Larissa (278.000) Moneta Euro Lingua Greco (ufficiale); diffuso l’Inglese negli affari Religioni principali Greco-ortodossi (97%), Musulmani (1,5%), Cattolici (0,4%) Ordinamento dello Stato Repubblica Parlamentare. Il potere legislativo è affidato a un Parlamento unicamerale, composto da 300 membri eletti ogni 4 anni. Il potere esecutivo è esercitato dal Governo, responsabile di fronte al Parlamento. Il Presidente della Repubblica è eletto ogni 5 anni dalla Camera dei Deputati Suddivisione amministrativa 13 regioni (Periferies) e 325 municipalità (Dimi). Sono state abrogate, nel 2010, le 52 prefetture (Nomi)

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

14 14 16 20 24 29 32 32 28 23 19 15

Media min

7 7 8 11 16 20 23 23 20 16 12 9

Quadro dell’economia1

II settore industriale, pur registrando la presenza di società di livello mondiale nella produzione di cemento, nella siderurgia, nell’elettronica e nell’energia, rimane costituita per la maggior parte da imprese di piccole dimensioni (oltre il 90% impiega meno di 10 dipendenti) e presenta un elevato grado di concentrazione nei pressi di Atene, Patrasso, Salonicco e Volos nonostante la politica di incentivi da parte del Governo a favore della decentralizzazione (politica frenata dallo scarso livello delle infrastrutture regionali). I settori tradizionali più sviluppati ed efficienti sono: il tessile, il cuoio, l’alimentare, le bevande e il tabacco (che rappresentano oltre il 50% della produzione industriale). Seguono il settore della metallurgia, dei mezzi e attrezzature di trasporto, della chimica etc. L’attività mineraria non è particolarmente sviluppata, sebbene il Paese presenti consistenti risorse di lignite (stimate a oltre 2,5 miliardi di tonnellate) e di bauxite (120 mln di tonnellate accertate e ca. 500mln di tonnellate stimate). La Grecia è inoltre tra i maggiori produttori a livello mondiale di prodotti quali la perlite, la bentonite, la pozzolana e la pietra pomice, nonché di prodotti per l’industria delle costruzioni tra cui in particolare marmo e cemento.

Quadro macroeconomico La Grecia sta attraversando un periodo di recessione dovuto alla crisi economica interna. L’economia greca nel 2010 ha registrato un andamento negativo con un PIL del –4,5%. Il tasso d’inflazione è stato del 4,4%, mentre quello di disoccupazione si è attestato intorno al 14% con un aumento del 3,9% rispetto al 2009. Gli investimenti stranieri sono diminuiti di mld/euro 0,8, sintomo di sfiducia verso il Paese. Per l’anno 2011 si stima una nuova frenata per l’economia greca, con una previsione del –2,5% del PIL: possibilità di sviluppo si spera possano derivare dalle entrate del IV Piano di Sostegno Comunitario 2007-2013. Principali settori produttivi La Grecia è tradizionalmente un paese caratterizzato da una netta prevalenza del terziario (71%) rispetto all’industria (22%) e all’agricoltura (7%). In questo settore il Paese è estremamente aperto agli investimenti esteri, in particolare, si segnalano le attività degli armatori (mld/euro 17) e il turismo (mld/euro 11,4). L’agricoltura, nonostante la contrazione degli ultimi anni, conserva un ruolo importante nella struttura economica nazionale. Fra le produzioni più importanti: olio, uva e vino, oltre all’uva passa (di cui la Grecia è il principale produttore al mondo).

Infrastrutture e trasporti La rete stradale si estende per circa 66.000 km, di cui circa 11.500 di autostrade e 31.000 di strade provinciali; essa vede attualmente la realizzazione di collegamenti autostra-

60

1

Fonte: Ente Ellenico di Statistica


BUSINESS ATLAS 2011

industriali (22%, –19,8%); prodotti industriali classificati per materia prima (18,4%, –12,4%); prodotti chimici e affini (17,8%, –12,4%); prodotti agroalimentari e animali vivi (11,6%, –8,7%); minerali e combustibili (3,9%, +33,5%). Principali prodotti esportati in Italia: prodotti industriali classificati per materia prima (25,4%, +28,2%); prodotti agroalimentari e animali vivi (24,5%, –13,9%); minerali e combustibili (10,4%, –22,2%); prodotti chimici e affini (11,1%, +18,1%); oli e grassi vegetali grezzi e raffinati (8,1%, –9,2%); macchine e attrezzature industriali, mezzi di trasporto (6,6%, +44%).

dali sulla direttrice Patrasso–Salonicco (PATHE) e l’ampliamento della direttrice Atene–Salonicco, mentre è stata completata l’autostrada EGNATIA (Igoumenitsa-SaloniccoAlexandroupoli) e i corridoi pan-europei (soprattutto verso i Paesi balcanici – collegamenti transfrontalieri via Evzoni, Promachonas e Ormenio), utilizzando gli ISPA e/o altri strumenti di finanziamento. Il sistema ferroviario si sviluppa per circa 2.500 km, interamente controllati dalla compagnia statale Hellenic Railways Organisation (OSE). La Grecia dispone di oltre 444 porti, 123 dei quali abilitati al traffico merci o passeggeri; i principali porti sono quello del Pireo e di Salonicco, (si ricordano anche quelli di Patrasso, di Kavala, di Alessandrupolis e di Eraklio). Il trasporto aereo, infine, fa capo agli oltre 39 aeroporti internazionali presenti nel Paese, di cui circa i 2/3 dislocati sulle principali isole. L’aeroporto di Atene è quello principale in termini di traffico complessivo. Lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e comunicazione costituisce una delle priorità per il Governo nazionale. L’obiettivo principale degli interventi infrastrutturali è dunque la riduzione degli svantaggi derivanti dalla situazione periferica della Grecia rispetto al resto d’Europa, la promozione e lo sviluppo dei rapporti con i Balcani, la creazione di un sistema di trasporti che possa servire l’intero Paese e coinvolgere tutte le vie di comunicazione (strada, ferrovia, mare, aria), oltre a ridurre i problemi di traffico nelle città.

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Olanda (21,8%), Lussemburgo (17,4%), Cipro (8,9%), Francia (8,0%), USA (4,7%), Regno Unito (3,8%), Germania (11,6%), Spagna (3,6%), Italia (3,3%), Svizzera (2,1%). Paesi di destinazione: Serbia, Montenegro, Bulgaria, Albania (27%), ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Romania.

Commercio estero Totale import: mld/euro 47,72 Totale export: mld/euro 16,25 Principali prodotti importati: macchine e attrezzature industriali, mezzi di trasporto (24,2%, –22,3%); minerali e combustibili (23,5%, +34%); prodotti chimici e affini (15,2%, –6%); vari prodotti industriali (11,8%, –13,7%); prodotti industriali classificati per materia prima (10,6%, –4,4%); prodotti agroalimentari e animali vivi (10,2%, –0,8%). Principali prodotti esportati: prodotti industriali classificati per materia prima (20%, –14,5%); prodotti agroalimentari e animali vivi (18,8%, +6,9%); prodotti chimici e affini (14,5%, +12,2%); macchine e attrezzature industriali, mezzi di trasporto (11,9%, –3,9%); minerali e combustibili (11%, +31,5%); vari prodotti industriali (10%, +0,8%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (10,9%, +4,5%); Italia (10,8%, +4%); Cipro (7,1%, +10,1%); Bulgaria (6,5%, +6,6%); Turchia (5,3%, +41,3%); Regno Unito (5,2%, +31,9%); USA (4,1%, –7,9%). Paesi Fornitori: Germania (10,5%, -15,7%); Italia (9,9%, 15,4%); Russia (9,8%, +57,7%); Cina (6%, -5,4%); Paesi Bassi (5,3%, -4%); Francia (4,9%, -12,1%); Corea del Sud (3,8%, -26,7%). Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –3 Principali prodotti importati dall’Italia: macchine e attrezzature industriali, mezzi di trasporto (23,9%, –20,8%); vari prodotti

GRECIA

61

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: energia, telecomunicazioni, costruzioni, agroalimentare, meccanica, metallurgia, trasporti, turismo. A causa invece della grave crisi ecomonica interna greca e delll’inizio di una seria fase di recessione della stessa secondo i dati forniti dalla Banca di Grecia, relativi al 2010 (gennaio-ottobre), il totale degli investimenti diretti esteri è diminuito rispetto all’anno precedente di 0,78 mld/euro. Il varo di una nuova legge sugli incentivi e sugli investimenti previsto per il 2011, dovrebbe portare a una nuova controtendenza. Il totale degli investimenti stranieri nel Paese, a fine 2009, aveva raggiunto i mld/euro 28,4. Italiani verso il Paese: secondo le statistiche al 31.12.2008 l’Italia si colloca al nono posto nella graduatoria dei principali paesi investitori. Si registra la presenza di numerose piccolemedie imprese che sfuggono a qualsiasi rilevamento statistico e curano, tramite rivenditori ed agenti locali, una capillare diffusione dei beni di consumo e dei prodotti italiani (abbigliamento, mobili, articoli per la casa, prodotti alimentari, etc.). Grande importanza rivestono ad oggi gli investimenti italiani in diversi settori: energia (con Eni, Edison ed Enel a fare da apripista); industria pesante e di trasformazione (soprattutto PMI del Nord Italia che hanno avviato stabilimenti che dovrebbero fungere da “outlet” per i mercati dell’Europa sud-orientale); agroindustria (concentrati nelle regioni della Grecia settentrionale dove operano attraverso investimenti diretti e joint-ventures di produzione); servizi (la partecipazione italiana è significativa e in espansione, con l’unica importante eccezione dei servizi bancari, in cui si è registrata una tendenza di segno negativo, come attesta, tra l’altro, la chiusura di alcuni uffici di rappresentanza); grandi opere (i.e. joint venture italo-greca che sta effettuando i lavori di costruzione della nuova metropolitana di Salonicco con la presenza di Impregilo, Ansaldo STS e Seli); cantieristica; forniture militari.


EUROPA

GRECIA

All’estero del Paese: servizi bancari; agroalimentare; costruzioni e manifatturiero. In Italia del Paese: limitati e concentrati soprattutto nei servizi (trasporti) e nel settore agroalimentare.

Sistema fiscale

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Reddito (in €)

Fino a 12.000 12.000 - 16.000 16.000 - 22.000 22.000 - 26.000 26.000 - 32.000

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: normativa comunitaria. Classificazione doganale delle merci: sistema intrastat. Restrizione alle importazioni: assenti. Importazioni temporanee: consentite ma poco praticate.

0% 18 % 24 % 26 % 32 %

Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tassazione sulle attività d’impresa: aliquota del 24% sugli utili non distribuiti e del 40% sugli utili distribuiti. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 23% con due eccezioni: un’aliquota del 6,5% applicata su giornali, periodici, libri, prodotti editoriali, farmaci e servizi turistici e una del 13% su beni e prodotti considerati di prima necessità. L’ aliquota inoltre e di circa 30% in meno su beni e servizi forniti da soggetti IVA residenti in una delle isole del Mar Egeo. Su un limitato numero di prodotti (alcuni prodotti agricoli, tabacco, prodotti petroliferi, veicoli, alcolici, etc.) sono applicate imposte sui consumi variabili da un minimo del 10% a un massimo del 150% sul valore del bene (tali imposte possono superare anche il 200% per auto di grossa cilindrata).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: L.3299/2004 e successiva integrazione della L. 3522/2006 che disciplina gli investimenti nel paese, e il D.L. 2687/1953 sugli investimenti e la protezione dei capitali provenienti dall'estero. E’ in procinto di essere approvata una nuova legge sugli incentivi e sugli investimenti. Legislazione societaria: per uffici di rappresentanza, filiali, joint ventures sono previste le stesse forme societarie vigenti in Italia. Per quanto riguarda la documentazione necessaria per l’avvio dell’attività di società straniere che intendano costituire una sede secondaria in Grecia, si deve far riferimento alla Circolare 1083/2002 del Ministero delle Finanze, che prevede: - obblighi dei soggetti IVA in merito all’inizio, le variazioni e la cessazione di attività nonché il rilascio di partita Iva; - l’applicazione di detti obblighi (indipendentemente dalla soggezione all’IVA) anche alle società straniere che costituiscono una sede secondaria all'interno del Paese (con il termine "sede secondaria" si intendono gli uffici che le società straniere costituiscono, indipendentemente dal fatto che l’attività di questi uffici richieda o meno l'esistenza di insediamento stabile in Grecia). Di conseguenza, per poter rilasciare partita IVA alle società straniere che costituiscono una sede secondaria in Grecia, è necessario allegare alla domanda di inizio attività la seguente documentazione: statuto legalmente tradotto; contratto di locazione della sede secondaria; delega della società straniera, legalmente tradotta, con la nomina del preposto; certificazione della competente autorità che attesti l’esistenza della società all'estero. L’Ufficio delle Imposte competente per la presentazione di dichiarazione di inizio attività delle società straniere è l’Ufficio Imposte del territorio nel quale si insedia la sede secondaria. In caso di società per azioni che si insediano nelle province di Atene, Salonicco e Pireo, il competente Ufficio Imposte è il FAEE di Atene, FAE di Salonicco e FAE del Pireo. Brevetti e proprietà intellettuale L’ente competente per la registrazione dei brevetti e dei disegni industriali è l’Organismo per la Proprietà Industriale (OBI).

Valore d’imposta

Notizie per l’operatore

Rischio Paese2 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE3 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Banca di Grecia è l'istituto centrale. Il sistema ormai liberalizzato, conta circa 30 banche commerciali di investimento e cooperative locali, quali la Banca nazionale, la Banca Commerciale, l'Alpha Credit Bank, la Banca del Pireo, la EFG Eurobank e la Banca dell’Agricoltura. Tipologia

Prestiti alle imprese Prestiti al consumo

2

3

62

Tassi bancari

Valore

fino a 12 % fino a 15 %

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Tipologia

Parchi industriali e zone franche Presenti nel paese 24 zone industriali; le zone franche per l'immagazzinamento e la trasformazione dei prodotti sono attive in quasi tutti i porti che hanno movimentazione internazionale di merci. Il porto di Salonicco ha una zona franca utilizzata da alcuni Paesi Balcanici.

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE7 Ambasciata d’Italia Odos Sekeri, 2 - 106 74 Atene tel +30 210 3617260 / 3617263 - fax +30 210 3617330 www.ambatene.esteri.it • ambasciata.atene@esteri.it ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Ufficio ICE8 Vass Sofias 14 - 10674 Atene tel +30 210 7294971 - fax +30 210 7294982 atene@ice.it

Costo dei fattori produttivi

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas 94, Vas.Sofias Ave.& 1 Kerassountos Str. Atene tel +30 210 7468100 stratos.andrianis@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Representative Office 11, Evripidou Street, 10561 Atene tel +30 2103222006 athens.repoffice@intesasanpaolo.com

Manodopera4 (valori medi mensili in €) da

727 740 1.200

a

1.006 1.021 2.400

Organizzazione sindacale In Grecia per il settore privato è attiva la Confederazione Generale dei Lavoratori (GSEE) che promuove il Contratto Collettivo di Lavoro, mentre nel settore pubblico agisce la ADEDY. Categorie

Elettricità5 (in € /KW/h)

Alta e media tensione Combustibile

da

0,06

Benzina Nafta Combustibile industriale

Acqua5 (in € /m3)

Ad uso industriale

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata Cancelleria e Ufficio stampa via G. Rossini, 4 - 00198 Roma tel 06 8537551 - fax 06 8415927 Sezione consolare via A. Stoppani, 10 - 00197 Roma tel 06 8082030 Sezione commerciale viale Parioli, 10 - 00198 Roma tel. 06 80690758 - fax 06 80692298

a

0,08

Prodotti petroliferi6 (in € /l) da

1,47 1,27 0,67 da

0,54

a

25

Indirizzi Utili NEL PAESE

Accordi con l’Italia Accordo per evitare la doppia imposizione fiscale sulle eredità (1964); Accordo di Collaborazione Scientifica e Tecnologica (1983); Accordo per evitare la doppia imposizione fiscale sui redditi e sui capitali (1991); Accordo sugli utili delle imprese marinare (1991).

Operaio Impiegato Dirigente

da

10

Informazioni utili

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Categorie

Immobili (canone mensile in € /m2)

Affitto locali uffici

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

GRECIA

a

1,80 1,38 0,80 a

4 5

0,83

6 7

8

63

Fonte: Istituto di Assicurazioni Sociali Stima tra i principali fornitori del Paese Fonte: Ministero dello Sviluppo Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it)


EUROPA

GRECIA

Consolati Milano via Turati, 6 tel. 02 653775 - fax 02 29000833 Napoli viale Gramsci, 5 tel. 081 7611075 - fax 081 666835 Formalità doganali e documenti di viaggio Passaporto o carta di identità.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: l’ex compagnia di bandiera Olympic Airways è passata nel 2009 a privati. Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Olympic Air ed Aegean Airlines (private greche). Per l’Italia i collegamenti sono assicurati anche da Alitalia e dal 2010-2011 dalla Easy Jet e dalla RyanAir. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l'aeroporto di Atene dista 17 km dal centro città ed è raggiungibile con metropolitana (euro 14), autobus (euro 4), e taxi (euro 50); l’aeroporto di Salonicco dista 15 km dal centro città ed è raggiungibile con autobus (euro 1) e taxi (euro 20).

Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.00-13.00 Negozi: orario continuato solo per supermarket Banche: lun-gio 8.00-14.30; ven 8.00-14.00

Telecomunicazioni Telefonia fissa: OTE (statale); Tellas/Wind Hellas, Vodafone, Forthnet ed Hellas On Line e altri minori (privati) Telefonia mobile: Cosmote, Vodafone, Wind e altre minori.

Festività 1, 6 gennaio; 7, 25 (Festa Nazionale) marzo; festività pasquali; Pasqua Ortodossa; 1 maggio; 13 giugno (Santo Spirito); 15 agosto; 28 ottobre (Festa Nazionale); 25, 26 dicembre.

Siti di interesse Ente per le Esportazioni Elleniche (HEPO): www.hepo.gr Agenzia di Governo per la promozione degli investimenti in Grecia: www.investingreece.gov.gr Istituto ellenico di statistica: www.statistics.gr Programma nazionale di sviluppo della Grecia: www.espa.gr Ente delle piccole e medie imprese (EOMMEX): www.eommex.gr Autorità Regolatoria per l’Energia: www.rae.gr Informazioni su commercio internazionale, normativa in materia di accesso al mercato, sistema fiscale, trasporti, etc.: www.interex.gr

Media Quotidiani: Ta Nea; Eleftherotipia; Exoussia; Ethnos; Eleftheros Tipos; Apogevmatini; To Vima; Kathimerini; Makedonia; Aghelioforos; Naftemporiki; Kerdos; Imerissia; Ependytis; Express. TV: ERT; Mega Channel; Antenna; Alpha Tv; Star Channel, Alter. Alberghi 5 stelle: euro 100-300; 4 stelle: euro 80-250; 3 stelle: euro 60-140, 2 stelle euro 40 –70 Assistenza medica I cittadini italiani possono avere assistenza medica gratuita se in possesso del modulo E111 rilasciato dalle autorità sanitarie della città di residenza. Tel. Pronto Soccorso 166.

Camera di Commercio Italo-Ellenica-Atene

Atene

Anno di fondazione 1952 Anno di riconoscimento 2001 Presidente Ioannis TSAMICHAS Segretario Generale Panagiotis VAMVAKARIS Indirizzo Marni & Averof 4, 10433 Telefono +30 210 7213209 Fax +30 210 5239430 Web www.italia.gr E-mail panos.vamvakaris@italia.gr Orario 9.00 -17.00 Numero dei soci 985 Quota associativa Soci ordinari euro 150; Soci sostenitori 500,

Soci italiani 200, Soci sostenitori italiani 400 Newsletter NewsLetter, E-commerce, E-Hellas informa, E-mporium italo-ellenico (in formato elettronico-bilingue) Pubblicazioni Guida delle Fiere Italiane e Greche (annuale, disponibile sul sito) Accordi di collaborazione AssoCampania; Banca Popolare di Sondrio; CCIAA: Latina; CNA Latina; Comune di Leverano; Confartigianato: Como, Cuneo, Lodi, Novara; Confindustria Reggio Calabria; Gal Terra D’Arneo; Promofirenze; Sprint Molise; Unindustria.

64


BUSINESS ATLAS 2011

GRECIA

Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco Certificata ISO 9001:2008

Salonicco

Anno di fondazione 1996 Anno di riconoscimento 1999 Presidente Christos SARANTOPULOS Segretario Generale Marco DELLA PUPPA Indirizzo K.Karamanli 47 – 54639 Telefono +30 2310 947744 / 947844 / 951272 Fax +30 2310 951542 Web www.italchamber.gr E-mail camerait@otenet.gr Orario 8.00 - 16.30 Numero dei soci 395 Quota associativa Persone fisiche, Snc, Sas euro 120; Srl 160, SA 200, Soci sostenitori 300, Aziende italiane 200, Enti e organismi italiani 250 Newsletter Newsletter Opportunità d’Affari (quindicinale); Bollettino Italo-Ellenico (mensile)

Pubblicazioni Notizie Italo-Elleniche (quadrimestrale bilingue); Guida annuale delle fiere italiane e greche; Fare affari in Grecia - Guida per l´imprenditore Italiano (3ª edizione - 2009); Guida delle ditte elleniche di distribuzione; Le Imprese greche ed il mercato italiano nell´ambito del processo di Internazionalizzazione. Accordi di collaborazione Associazione Esportatori Grecia del Nord; Associazione Industriali Grecia del Nord; Camere di Commercio elleniche: Calcidica, Kilkis, Salonicco, Serres, Trikala; CCIAA: Benevento, Crotone, Milano, Napoli, Salerno; CNA Padova; Enti fiera: Helexpo Salonicco; Palermo, Parma, Rimini, Roma, Trieste; Invest in Greece; Ministeri ellenici: Sviluppo, Economia, Turismo, Infrastrutture; Padova Promex.

65


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

10 14 17 24 32 30 32 36 29 24 16 11

Media min

–14 –8 –4 2 4 5 8 9 6 –2 1 –15

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 2.586 kmq Popolazione 502.066 Gruppi etnici Lussemburghesi (285.700), Portoghesi (79.800), Francesi (29.700), Belgi (16.700), Tedeschi (12.000), Inglesi (5.500), Olandesi (3.900), altri UE (20.500), extra UE (30.100) Comunità italiana 18.200 Capitale Lussemburgo (90.800) Città principali Esch-sur-Alzette (30.100), Differdange (21.500), Dudelange (18.500) Moneta Euro Lingua Lussemburghese, Francese e Tedesco Religioni principali Cattolici (72,5%), Protestanti (0,8%), Ebrei (0,15%) Ordinamento dello Stato Monarchia costituzionale ereditaria dotata di un sistema parlamentare unicamerale. Il potere legislativo è esercitato dal Parlamento (60 deputati con mandato quinquennale eletti a suffragio universale); il potere esecutivo è esercitato dal Granduca e dal Governo. Infine un terzo organo, il Consiglio di Stato, è consultato in materia legislativa Suddivisione amministrativa 3 distretti (Luxembourg, Diekirch, Grevenmacher), 12 cantoni e 116 comuni.

Quadro dell’economia1

bancario, dal private banking, dall´amministrazione e dalla distribuzione di OPC (Organisme de Placement Collectives). Il Lussemburgo è, ad oggi, uno dei principali centri internazionali per i fondi d'investimento, settore molto sensibile all'evoluzione dei mercati di capitali internazionali. Nel terzo trimestre del 2010, rispetto al secondo trimestre dello stesso anno, il settore finanziario ha registrato un ribasso del 1,2%, a differenza di quello dei servizi immobiliari, delle locazioni e dei servizi alle imprese che presenta un rialzo del 2,3%. Altro settore trainante è quello dell'industria che ha pagato il contributo più pesante alla crisi economica. Il settore, in ripresa dal terzo trimestre 2009, ha registrato nel 2010 un aumento del tasso di produzione del 10,2%. L’evoluzione del valore aggiunto lordo degli altri settori, per ordine di importanza nel PIL, si presenta come di seguito: commercio, trasporti e comunicazioni (+4,5%), industria ed energia (+0,8%), costruzioni (+2,1%). Le telecomunicazioni, l’high-tech e l'e-commerce rappresentano la nuova risorsa d’avanguardia del Paese.

Quadro macroeconomico L’economia lussemburghese ha conosciuto una crescita del 3,6% nel terzo trimestre 2010 rispetto allo stesso periododel 2009. La progressione del PIL calerà leggermente nel 2011 al 3%, in linea con un contesto europeo rallentato dalle conseguenze della crisi economica. Il tasso di inflazione medio del 2010 è stato del 2,3%; nel mese di dicembre era del 2,8% il più alto dall’ottobre 2008, soprattutto dovuto all’aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi (+4,5% nel solo mese di dicembre e del 16,% nell’intero anno). La crisi libica e il conseguente e ulteriore aumento del costo di tali beni, unita a una generalizzata progressione dei prezzi, ha fatto registrare nel mese di febbraio 2011, un tasso di inflazione pari al 3,6%. Il tasso di disoccupazione, nel mese di dicembre 2010, è stato del 6,5% contro il 6,3% dello stesso periodo del 2009.

Principali settori produttivi Il contributo principale al PIL rimane quello del settore finanziario i cui punti di forza sono rappresentati dal mercato inter-

Infrastrutture e trasporti Il sistema delle comunicazioni è efficiente e al primo gennaio 2010 contava 275 km di linee ferroviarie e una rete stradale di 2.899 km, di cui 152 autostradali.

66

1

Fonte: Statec (Nota congiunturale 2-2010); Statnews


BUSINESS ATLAS 2011

Investimenti esteri (principali settori)3 Verso il Paese: industria (54%); banche (50,6%); assicurazioni (4,6%). Italiani verso il Paese: banche (36,1%); assicurazioni (1,2%); altri settori (62,7%). All’estero del Paese: industria (77,7%); banche (9,1%); assicurazioni (0,9%).

Nel paese esistono anche 37 km di vie navigabili e la cittadina di Mertert è porto fluviale. Il Lussemburgo inoltre dispone di un aeroporto internazionale con la compagnia di bandiera Luxair. Per ciò che concerne il settore cargo, Cargolux, una delle maggiori compagnie aeree del pianeta, ha eletto Lussemburgo come suo hub principale. L’aeroporto in particolare ha subito nel maggio 2008 un processo di rinnovamento con l’introduzione di altri due terminal, A e B. Nel complesso, le compagnie hanno visto un ribasso del traffico passeggeri del 8,55% e del trasporto merci del 20,28%. La compagnia ferroviaria statale è la Société National des Chemins de Fer Luxembourgeois, composta da 6 linee principali. I collegamenti principali sono quelli che collegano il Lussemburgo al Belgio, alla Germania e alla Francia. Dal 2007 è attiva la linea ad alta velocità del TGV che collega Lussemburgo con Parigi.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: in virtù di quanto stabilito dal Trattato dell’Unione Economica belgo-lussemburghese (firmato il 25.07.1921), il Lussemburgo e il Belgio formano un unico territorio doganale e la legislazione belga è valida anche per il Lussemburgo. Classificazione doganale delle merci: Sistema armonizzato. Restrizioni alle importazioni: sottoposti ad accise le categorie di prodotto quali tabacco, oli minerali e alcolici. Di questo elenco non fanno parte il vino e i prodotti a bassa gradazione alcolica. Importazioni temporanee: rilasciati permessi temporanei in caso di eventi occasionali quali esposizioni fieristiche.

Commercio estero2 Totale import: mld/euro 13,4 Totale export: mld/euro 9,2 Principali prodotti importati: macchinari e attrezzature (15,7%); materiali da trasporto (14,8%); combustibili minerali e lubrificanti (12,2%); articoli manifatturieri diversi (11,5%); prodotti chimici e connessi (10,2%); articoli manifatturieri in materiale comune (9,2%). Principali prodotti esportati: articoli manifatturieri in materiale comune (27,4%); macchinari e attrezzature (17,2%); semilavorati (16,6%); articoli manifatturieri diversi (10,6%); materiali di trasporto (9,1%); prodotti chimici e connessi (7,8%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (27,7%); Francia (17,3%); Belgio (13,3%); Olanda (5,3%); Italia (4,7%); Regno Unito (4,4%). Paesi Fornitori: Belgio (36,1%); Germania (29,6%); Francia (11,7%); Olanda (6,8%); Italia (2,7%); Regno Unito (1,8%).

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro 0,16 Principali prodotti importati dall’Italia: metalli comuni e prodotti affini (34,8%); macchinari e attrezzature (22,8%); materie plastiche e legno (11,6%); materiali tessili e affini (10,3%); strumenti di precisione (4,1%). Principali prodotti esportati in Italia: macchinari e attrezzature (16,9%); materie plastiche e legno (12,4%); animali e prodotti animali (10,8%); materiali tessili e affini (10,7%); materiali comuni e prodotti affini (9,8%); alimenti, bevande e tabacchi (6%). Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Germania, Belgio, USA e Francia. Paesi di destinazione: Belgio, Germania, Brasile e Spagna.

2 3

Dati aggiornati al 2009 Fonte: Statec (dati 2008)

LUSSEMBURGO

67

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: le aziende straniere sono poste sullo stesso piano di quelle locali, e godono di sostanziosi incentivi fiscali e d'altro tipo. Nessun settore d'attività è precluso agli investimenti esteri. Con riferimento agli sgravi fiscali sono disponibili le agevolazioni previste dalla Legge 4.12.1967 relativa alle imposte sui redditi e la legge 12.12.1996 sulle imposte dirette e indirette gravanti sulle imprese. Legislazione societaria: filiali e succursali sono inquadrate dal punto di vista giuridico e fiscale in maniera distinta. La filiale mantiene la nazionalità della casa madre da cui è controllata, ma dalla quale rimane giuridicamente indipendente. La succursale, non essendo dotata di propria personalità giuridica, è sottoposta alle stesse formalità di deposito e pubblicità previste per le società di diritto lussemburghese. E’ obbligatorio il deposito presso il Registre de Commerce et des Sociétés (RCS) di alcuni documenti, quali: indirizzo e attività, immatricolazione al registro, identità delle persone che rispondono verso i terzi e la giustizia, documenti contabili. Entrambe sono soggette ad Autorisation d'Etablissement, con validità a tempo indeterminato, rilasciata dal Ministre des Classes Moyennes (MCM). Il rilascio tiene conto in via di principio delle caratteristiche professionali della persona fisica richiedente. La tassazione dei redditi di impresa compete allo Stato nel quale si svolge l’attività principale della stessa. Vige una ripartizione dei ruoli tra lo Stato in cui la società ha sede legale e quello in cui è svolta in misura prevalente e permanente l’attività.


EUROPA LUSSEMBURGO

Brevetti e proprietà intellettuale4 Secondo quanto stabilito dalla sezione sulla proprietà intellettuale del Ministero dell’Economia e del Commercio Estero tutte le opere dell'intelletto e lo sforzo di innovazione delle imprese sono riconosciuti dalle leggi e dalle convenzioni internazionali come meritevoli di tutela. L'ordinamento giuridico distingue tra proprietà intelletuale e diritto d’autore. Il brevetto appartiene alla prima categoria. Esso è un titolo giuridico in virtù del quale viene conferito, al titolare o agli aventi diritto, un monopolio temporaneo di sfruttamento dell'invenzione per la durata di 20 anni con possibilità di rinnovo. Dalla data di scadenza il prodotto brevettato diviene di dominio pubblico.

Sistema fiscale La legge dell’imposta sui redditi (Lir) prevede la validità del principio worldwide income taxation, che presuppone una distinzione tra società residenti totalmente tassabili e società non residenti soggette a tassazione ridotta. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sul reddito delle persone fisiche: sono definite tre fasce di reddito (1, 1a e 2). L’imposta è fissata in un intervallo dallo 0% al 38,9% in relazione al reddito, al numero di figli a carico e alla residenza. I non residenti che realizzano un reddito oltre i compensi professionali rientrano nella classe 1 con un tasso di imposizione non inferiore al 15%. Tassazione sulle attività d’impresa: le società che hanno sede sul territorio sono soggette a tassazione (permangono comunque regimi di esenzione eccezionali su plusvalenze e dividendi da partecipate qualificate). L’imposta sul reddito societario (IRC), applicabile alle società residenti e non residenti, è fissata al 20% per una base imponibile da euro 1.501 a 15.000; 21% per una base imponibile superiore a euro 15.000; 1.500 euro per una base imponibile minore o uguale a 1.500 euro. E’ prevista un'imposta commerciale comunale (ICC), determinata moltiplicando un tasso del 3% fissato dalla legge per un tasso compreso tra il 200% e il 350% stabilito dal comune di competenza. Nel caso del Comune di Lussemburgo l'imposta dal primo gennaio 2006 è del 6,75%. Complessivamente, nel Comune di Lussemburgo, considerate IRC, ICC e il fondo per l’impiego, la tassazione effettiva è del 28,80%. Dal reddito imponibile possono essere dedotte tutte le spese definite dalla legge come spese derivanti da attività imprenditoriale. In questa categoria sono compresi anche gli interessi, le royalties e i compensi di servizio, purché non costituiscano una distribuzione occulta di profitti. Non sono deducibili dal reddito i dividendi e le distribuzioni occulte di profitti. In particolare per quanto riguarda i dividendi, la legge prevede una ritenuta alla fonte del 15% che può essere ridotta al 5% in presenza di una convenzione fiscale internazionale. Un esonero dalla ritenuta è previsto nel caso in cui la casa madre detenga una partecipazione nella figlia di almeno il 10% del capitale per un periodo ininterrotto di 12 mesi o quando il prezzo pagato per l'acquisto della par-

tecipazione stessa sia stato di almeno 1.200.000 euro. Gli utili redistribuiti ad amministratori residenti e non residenti prevedono una ritenuta alla fonte pari al 20%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): le nuove disposizioni in materia di TVA sono in vigore con decorrenza dal 1.01.2010. La direttiva 2008/9/CE introduce nuove procedure di rimborso (per i soggetti passivi non comunitari rimane invariato). La legislazione prevede un tasso ordinario (15%) e uno ridotto (12%, 6%, 3%, a seconda dei casi). In particolare, l’aliquota del 3% è applicata ai prodotti alimentari, libri, giornali, servizi radio e di televisione; quella del 6% ai combustibili, alla fornitura di energia elettrica e gas; quella del 12% alla custodia ed amministrazione di titoli, stampe pubblicitarie e pubblicazioni turistiche. Presente un'imposta sui consumi per alcool, tabacco, oli minerali.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese5 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE6 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Banca Centrale del Lussemburgo, sulla base delle cifre del 31.12.2010, attesta che la somma dei bilanci delle istituzioni finanziarie e monetarie è stata pari a mln/euro 1.053.810 (–5,6%). La somma dei bilanci delle sole banche, alla stessa data, è stata pari a milioni 769.256 (–2,1%). Sempre al 31 dicembre il numero di banche iscritte nella lista ufficiale è di 146 di cui 44 tedesche, 13 francesi , 10 svizzere, 10 belghe e 9 italiane. Alla fine del 2010 la somma dei bilanci degli organismi che gestiscono i fondi di investimento monetari (Organisme de Placement Collectives) ammonta a milioni 284.554 (–12,2%). Principali finanziamenti e linee di credito La legge 27.07.1993 (modificata il 18.12.2008) è legge quadro dell'industria e favorisce operazioni di investimento, ristrutturazione, ricerca e sviluppo che mirano alla promozione, creazione, razionalizzazione o riconversione delle imprese. La legge 30.06.2004 (modificata il 28.05.2009) dispone un regime di aiuti mirati alla creazione, estensione, modernizzazione e razionalizzazione delle imprese. Sono richieste adeguate garanzie di fattibilità degli investimenti. 4

5

6

68

La materia è disciplinata dalla legge del 20.07.1992, così come modificata dalla legge del 22.05.2009, nonché dalle Convenzioni internazionali di Parigi (1883) e del Lussemburgo (1975). Sui redditi generati dall'acquisizione e dallo sviluppo della proprietà intellettuale si beneficia di un tasso di esenzione del 80% Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

Possono beneficiare del regime di aiuti tutte le persone fisiche e giuridiche la cui attività rientri nella definizione generica di piccole e medie imprese (PME). La legge 15.07.2008 promuove lo sviluppo, la diversificazione economica del tessuto produttivo generale e l’equilibrio regionale dell’economia. La legge 22.12.2000 riguarda un regime di aiuti allo sviluppo regionale a favore di tutte le operazioni il cui obiettivo è la creazione, l’ampliamento, la modernizzazione, il riorientamento e la diversificazione di tutte le attività industriali, o di servizi che abbiano un’influenza o un interesse particolare nel contesto regionale in cui si inseriscono o la cui realizzazione possa migliorare la ripartizione geografica dell’attività economica. Gli aiuti sono erogati sotto forma di capitale o eventuali sgravi fiscali. La legge 18.02.2010 reca aiuti a favore delle imprese che intendano investire in progetti a tutela dell’ambiente e rivolti all’utilizzo razionale delle risorse naturali. L’impegno delle imprese in misura superiore rispetto a quanto stabilito dagli standard comunitari è premiato mediante finanziamenti a sostegno di iniziative quali la produzione di energie alternative e/o rinnovabili, e generici studi di ricerca a tutela dell’ambiente.

LUSSEMBURGO

buerg Administration Centrale (NGL); Fédération Chrétienne du Personnel des Transports (FCPT); Syndicat Intercommunal de Gestion Informatique (SIGI); Fédération Générale de la Fonction Communale (FGFC); Syndicat National des Employés Privés (SNEP). Elettricità (in €/KW/h)

Categorie

Alta e media tensione Combustibile

da

0,10

Prodotti petroliferi8 (in €/l) da

Benzina Nafta Combustibile industriale

1,03 0,73 0,42

Ad uso industriale

1,40

Acqua9 (in €/m3)

Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Tipologia

a

0,17

da

a

1,06 0,84 0,43 a

2,80

Immobili10 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

da

6,75

a

38

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Accordi con l’Italia Esistono diversi accordi in materia di doppia imposizione applicabile. In particolare vige una convenzione Italo-Lussemburghese che, in ottemperanza a quanto stabilito dall’OCSE, determina le modalità di trattamento del reddito imponibile. Tali convenzioni si applicano anche alle pensioni stabilendo, di norma, un’unica tassazione. Le pensioni, corrisposte da enti, istituti o organismi previdenziali italiani (ad esempio Inps), sono soggette alla tassazione dello Stato di residenza. La Convenzione con il Lussemburgo contro le doppie imposizioni fiscali è in vigore dal 1983.

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE11 Ambasciata d’Italia 5, rue Marie-Adelaide, L2128 Lussemburgo tel +352 4436441 - fax +352 455523 www.amblussemburgo.esteri.it ambasciata.lussemburgo@esteri.it

Costo dei fattori produttivi

Manodopera7 (valori medi mensili in €)

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura 7, rue Marie-Adelaide, L2128 Lussemburgo tel +352 252274/1 - fax +352 252279 www.iiclussemburgo.esteri.it • iiclussemburgo@esteri.it

media

1.800 2.000 6.500

Organizzazione sindacale Lëtzebuerger Chrëschtlech Gewerkschafts-Bond (LCGB); Onofhängege Gewerkschaftsbond Lëtzebuerg (OGBL); Confédération Générale de la Fonction Publi-que (CGFP); FNCTTFEL - Landesverband; Neutral Gewerkschaft Lëtze-

Fonte: OCSE (2008) Statec (2009) Fonte: Ministére de l'Intérieur et à la Grande Région. Dati con riferimento alla tariffa agricola e al costo generale dell'acqua 10 Fonte: Agenzia immobiliare Immostar 11 Fonte: Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it) 7 8 9

69


EUROPA LUSSEMBURGO

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Popolare dell'Emilia Romagna (Europe) International 30, boulevard Royal, L-2449; BP 215, L-2012 Lussemburgo tel +352 2224301 - fax +352 474887 info@bperlux.lu Banco Popolare Luxembourg 26, boulevard Royal, L-2449; BP 555, L-2015 Lussemburgo tel +352 4657571 - fax +352 470170 direction@bancopopolare.lu Bank BPP 30, boulevard Royal, L-2449 - BP30 L2449 Lussemburgo tel +352 272071 - fax +352 26730131 www.bbpp.lu - contact@bbpp.lu BNL c/o BNP Paribas 50, avenue J.F. Kennedy - Lussemburgo tel +352 42425104 jean.pfeiffenschneider@bgl.lu internazionalizzazione@bnlmail.com Credem International (Lux) 10-12, av. Pasteur, L-2310; BP 1301, L-1013 Lussemburgo tel +352 4759591 - fax +352 227614 sso@credem.lu Eurizon Capital 8, av. de la Liberté, L-1930 Lussemburgo tel +352 4949301 - fax +352 494930349 direction@eurizoncapital.lu Fideuram Bank (Luxembourg) 17a, rue des Bains, L-1016; BP 1642, Lussemburgo tel +352 4690901 - fax +352 469090755 Société Européenne de Banque - Corporate Bank of Intesa Sanpaolo 19-21 boulevard du Prince Henri, L-1724 Lussemburgo tel +352 4614111 contact@seb.lu - www.seb.lu Mediobanca International (Luxembourg) 14, boulevard F.D. Roosevelt, L-2450 Lussemburgo tel +352 2673031 - fax +352 26730308 info@mediobancaint.lu UBI Banca International 37a, av. J.F. Kennedy, L-1855; BP308/11, L-2013 Lussemburgo tel +352 2278511 - fax +352 227852 info@ubibanca.lu UniCredit Luxembourg 8-10, rue J. Monnet, L-2180 Kirchberg Lussemburgo tel +352 42721 - fax +352 42724500

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Santa Croce in Gerusalemme 90, 00185 Roma tel 06 77201177 / 78 - fax 06 77201055 Consolati Firenze via Palestro 4, 50123 tel 055 284232 - fax 055 267605 Milano corso Europa 2, 20122 tel 02 7636931 - fax 02 76369345 Napoli via Santa Brigida 51, 80133 tel 081 55170039 / 060 - fax 081 5513138 Palermo via Siracusa 34, 90141 tel 091 6256218 - fax 091 6256234 Perugia via Alessi 27, 06122 tel 075 576345 - fax 075 5722322 Riccione lungomare Milano 78/c, 47838 tel 0541 601700 - fax 0541 601762 Roma via Toscana 1, 00187 tel 06 42885746 - fax 06 42883488 Torino via Mercantini 5, 10121 tel 011 5622522 - fax 011 5175377 Venezia via Castello 5312, 30122 tel 041 5222047 - fax 041 5222047

Formalità doganali e documenti di viaggio Passaporto e visto sono richiesti solo per cittadini extracomunitari; per i membri UE è valida anche solo la carta di identità. Corrente elettrica 220V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.30-12.00 / 13.00-17.30 Negozi: lun-sab 9.00-18.00 Banche: lun-ven 8.30-11.45 / 13.30-16.30

Festività 1 gennaio; festività pasquali; 1 maggio; Ascensione; Lunedì di Pentecoste; 23 giugno (festa nazionale); 15 agosto, 1 novembre; 25, 26 dicembre. Media Quotidiani: Luxemburger Wort; La voix du Luxembourg; Tageblatt; Le Quotidien; Zeitung vum Lëtzebuerger Vollek. Riviste: Telécran Magazine; Contacto; Land; WOXX; Revue; Le Jeudi; Correio; Paperjam. TV: RTL; Tango tv; Nordliicht tv; Uelzechtkanal.

Alberghi Camera singola/doppia (in euro): 2 stelle 45-50 / 55-65; 3 stelle 75-85 / 85-100; 4 stelle 90-220 / 115-240; 5 stelle 250-285 / 290-320. 70


BUSINESS ATLAS 2011

Assistenza medica Tessera sanitaria europea sostitutiva dei precedenti modelli E110, E111, E 119 ed E128, che consente di usufruire dell’assistenza sanitaria gratuita in tutti gli stati Membri. Il numero utile in caso di emergenza è il 112; componendo questo numero si ottengono informazioni sulle farmacie di turno e la guardia medica.

LUSSEMBURGO

Siti di interesse Sito del Governo: www.gouvernement.lu Sito della Camera dei Deputati: www.chd.lu Sito Legislazione: www.legilux.lu Sito dell’Innovazione e ricerca: www.innovation.pubblic.lu Sito Giovani: www.youth.lu Sito della Formazione professionale continua: www.lifelong-learning.lu Sito Media e Comunicazione: www.mediacom.pubblic.lu Sito Ambiente: www.emwelt.lu Sito Funzioni pubbliche: www.fonctionpublique.public.lu Sito Sportello unico per le Imprese: www.entreprises.public.lu Portale delle statistiche: www.statec.lu Portale Mercati Pubblici: www.marches.public.lu Sito dell’amministrazione comunale: www.vdl.lu Sito dell’ufficio del turismo: www.ont.lu Associazione delle banche: www.abbl.lu Association of Luxembourg Fund Industry: www.alfi.lu Banca Centrale del Lussemburgo: www.bcl.lu

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Luxair Altre compagnie aerea operanti nel Paese: Austrian Airlines, British Airways, Hamburg International, KLM, Swiss Airlines, Tap, Tunis Air, VLM. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l'aeroporto dista 7 km dal centro; servizio taxi al costo medio di euro 30, con bus 1,50. Telecomunicazioni Telefonia fissa: PT Division des Telécommunications, Tango, Cegecom, VoX@home. Telefonia mobile: LuxGSM (servizio di P&T - Ente Statale Poste e Telecomunicazioni); Tango; Voxmobile.

Camera di Commercio Italo-Lussemburghese a.s.b.l. Certificata ISO 9001:2000

Lussemburgo

Anno di fondazione 1990 Anno di riconoscimento 1992 Presidente Fabio MORVILLI Segretario Generale Luisa CASTELLI Indirizzo 45, Blvd Grande Duchesse Charlotte - L-1331 Telefono +352 455083 / 1 Fax +352 448076 E-mail info@ccil.lu Web www.ccil.lu Orario 8.30 -12.45 / 13.45 - 17.30 Numero dei soci 220 Quota associativa Persone Fisiche euro 180; Società e/o Commercianti euro 300; Comitato di Patronato e CCIAA italiane

euro 500; Comitato di Patronato e Sostegno a partire da euro 1.500; Comitato di Patronato e Sostegno superiore a euro 3.000; Soci aderenti euro 50 (questa categoria è riservata al personale delle società iscritte al Comitato di patronato con una quota associativa pari o superiore a euro 1.500) Newsletter Info Italie (trimestrale) Pubblicazioni Annuario; Guida dei ristoranti italiani a Lussemburgo Accordi e collaborazioni Fiera del Lussemburgo (Luxexpo) rappresentante ufficiale per l’Italia; IFBL Istituto di Formazione Bancaria del Lussemburgo; Il Sole 24Ore; Milano Finanza; Pricewaterhouse Coopers Academy; Università La Sapienza Roma.

71


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia1

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

14 15 16 18 22 26 29 29 27 27 20 16

Media min

Quadro macroeconomico L'economia ha registrato una vigorosa ripresa nel 2010, con un PIL in crescita del 3,7% dopo una contrazione del 3,4% nel 2009. La ripresa deve molto ad una forte crescita delle esportazioni, in particolare delle componenti elettroniche, e del turismo, entrambi settori duramente colpiti dalla recessione nel biennio 2008/2009. A partire dal 2011, il contributo al PIL dell’export dovrebbe però rallentare (+2,5%) per risalire leggermente l’anno successivo (+2,9%); il mancato dinamismo potrebbe essere generato dall’instabilità politica dell’area mediterranea, dalle possibile ripercussioni del terremoto in Giappone, come anche dall’aggressivo inasprimento fiscale che molti Paesi europei stanno sperimentando.

10 10 11 13 16 19 22 23 22 19 16 12

Principali settori produttivi Settori che contribuiscono maggiormente al PIL sono: altri servizi (30%); servizi finanziari, e immobiliari (25%); commercio all’ingrosso e al dettaglio, alberghi e ristorazione, trasporti e comunicazioni (23%); industria ed energia (16%). Meno dinamici sono le miniere e le cave, l’agricoltura e pesca e le costruzioni.

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 316 kmq Popolazione 413.609 Gruppi etnici Maltesi (95,5%), Inglesi (2,1%) Comunità italiana 1.314 iscritti all’AIRE Capitale La Valletta (6.500) Città principali Sliema, St. Julians, Birkirkara, Mosta, Paola, Zabbar, Qormi (Malta), Victoria, Rabat (Gozo) Moneta Euro (€) Lingua Maltese e Inglese (ufficiali) Religioni principali Cattolici (98%); presenza di Anglicani, Greco Ortodossi, Ebrei, Metodisti, Islamici Ordinamento dello Stato Repubblica parlamentare indipendente facente parte del Commonwealth. Il potere esecutivo è esercitato dal Primo Ministro e dal Consiglio dei Ministri; il potere legislativo spetta alla Camera dei Rappresentanti (69 membri eletti per 5 anni a suffragio universale diretto) Suddivisione amministrativa amministrazione centralizzata con 67 comuni.

1

Fonte: Banca Centrale di Malta; Ufficio Nazionale di Statistica maltese

Infrastrutture e trasporti Il sistema di trasporti interni si basa esclusivamente sulla rete stradale (oltre 1.550 km). Le isole dell’arcipelago sono collegate da un efficiente servizio di traghetti. Il porto di Valletta è un attivo scalo commerciale, in posizione strategica sulle rotte verso l’Africa e il Medio Oriente. Negli ultimi anni, il porto franco di Malta è diventato uno dei più importanti nel Mediterraneo per la movimentazione di container.

74

Commercio estero Totale import: mld/euro 3,7 Totale export: mld/euro 2,2 Principali prodotti importati: macchinari ed equipaggiamenti per il settore del trasporto (45%, +6,6%); minerali combustibili, lubrificanti e materiali correlati (12,1%, +1,2%); agroalimentare (10,3%, –3,1%); articoli manifatturieri (10,2%, –1,7%); prodotti chimici (9,8%, –1%).


BUSINESS ATLAS 2011

Principali prodotti esportati: macchinari ed equipaggiamenti per il settore del trasporto (51,7%, –5,3%); articoli manifatturieri (14,7%, –3,5%); prodotti chimici (12,1%, +0,2%); minerali combustibili, lubrificanti e materiali correlati (7,8%, +6,2%); agroalimentare (6,1%, +1,8%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (12,2%, –1,1%); Singapore (10,4%, –2,1%); Francia (9,9%, –1,5%); USA (8,9%, –0,5%); Italia (6%, +1,2%). Paesi Fornitori: Italia (25,2%, +0,8%); Regno Unito (8,6%, –3,1%); Francia (8%, +0,4%); Germania (7,9%, –1,4%); Singapore (3,5%, –0,4%).

MALTA

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: strumento di riferimento è il Business promotion Act, che prevede una serie di incentivi a favore degli investimenti esteri tra cui l’esenzione fiscale decennale per le imprese che esportano il 95% della produzione. Legislazione societaria: secondo il Companies Act (1995), tutte le società devono registrarsi presso il Registro delle Imprese, il quale opera in seno al Malta Financial Services (MFSA). Brevetti e proprietà intellettuale Il Patents Act (cap. 417) e l’Intellectual Property Rights (Cross-Border Measures) Act (cap. 414) regolano rispettivamente la registrazione e la protezione dei brevetti e i diritti di proprietà intellettuale.

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –0,7 Principali prodotti importati dall’Italia: combustibili minerali, oli minerali e prodotti della loro distillazione, sostanze bituminose, cere minerali (21,4%, +3,7%); macchine ed apparecchi elettrici e loro parti, registratori e riproduttori audio (19,8%, +2%); reattori nucleari, caldaie, macchine e apparecchi meccanici (6,3%, –12,3%). Principali prodotti esportati in Italia: perle fini o coltivate, pietre preziose o semi preziose, metalli preziosi, metalli placcati o ricoperti di metalli preziosi e lavori di queste, bigiotteria, monete (21,7%, +14,5%); macchine ed apparecchi elettrici e loro parti, registratori e riproduttori audio (15,9%, +2,5%); combustibili minerali, oli minerali e prodotti della loro distillazione, sostanze bituminose, cere minerali (11%, –6,7%).

Sistema fiscale Sistema di tassazione su base mondiale. Per effetto della convenzione, sui dividendi, royalities e interessi corrisposti ai residenti in Italia si applica una ritenuta d’imposta rispettivamente dello 0% e del 15%. Imposta sui redditi delle persone fisiche

Reddito (in €)

0 - 8.500 8.501 - 14.500 14.501 - 19.500 Oltre 19.500

Valore d’imposta

Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tassazione sulle attività di impresa: 35% Imposta sul valore aggiunto (VAT): 18%

Aspetti normativi e legislativi

0% 15 % 25 % 35 %

Notizie per l’operatore

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: sono in vigore le norme europee per lo scambio merci. Solo prodotti non originari dell'UE devono viaggiare accompagnate dal Mod. EUR (certificato utilizzato negli scambi preferenziali tral’UE e Malta in virtù dell’Accordo Associazione) e della fattura CIF, sul cui importo viene calcolata l’IVA al 18% o l’excise duty, applicata sui prodotti di cui Malta intende limitare l’importazione (tabacchi,alcolici, etc.). Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura Combinata. Restrizioni alle importazioni: divieto assoluto di importazione di prodotti d’imitazione, materiale osceno, armi e droghe. Richiesta licenza di importazione per piante, animali, compresi cani, gatti e volatili domestici, esplosivi, carni bovine, pollame e loro derivati, apparecchiature di trasmissione radio. Generalmente tali restrizioni sussistono per la tutela della salute e dell’ambiente. Importazioni temporanee: ammesse per un periodo iniziale di 3 mesi (con deroghe) fino ad un massimo di un anno.

Rischio Paese2 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE3 apertura senza condizioni

Sistema bancario Regolato dall’Atto della Banca Centrale (2002) e dalla L. bancaria del 1994. Il sistema bancario è costituito dalla Banca Centrale di Malta, responsabile per il mantenimento della stabilità dei prezzi, e dalla Malta Financial Service Authority (MFSA), ente autonomo istituito nel 2002, che ha il compito di coordinare l’intero settore e di monitorare e supervisionare le attività a esso collegate. Operano due istituti bancari principali: HSBC (Malta) e Bank of Valletta con un sistema di circa 40 filiali tra Malta e Gozo e controllano circa l’80% del mercato. 2

3

75

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


EUROPA

MALTA

Principali finanziamenti e linee di credito

Elettricità ad uso industriale5 (in € /KW/h)

Attività SIMEST

Categorie

Combustibile

Parchi industriali e zone franche La Malta Enterprise, offre incentivi per gli investitori stranieri diretti e ad imprese locali che dimostrano un dichiarato impegno di crescita e di miglioramento del valore aggiunto del settore (in particolare ICT, di Call Centres, della Salute, della Farmaceutica e Biotecnologia) e dell’occupazione. Gli incentivi messi a disposizione dalla normativa della Malta Enterprise sono suddivisi in 6 categorie: accesso ai finanziamenti con garanzie di credito, crediti agevolati, sussidi sull’imposta dei crediti o il finanziamento di royalty per progetti altamente innovativi); assistenza all’investimento con crediti fiscali sugli investimenti capitali e sulla creazione di posti di lavoro; sviluppo di PMI; R&D e innovazione; assistenza alle imprese per sostenerle nello sviluppo della loro competitività internazionale, nel miglioramento dei loro processi e nel networking con altre imprese; occupazione e formazione con incentivi offerti dalla Employment & Training Corporation (Corporazione governativa per l’occupazione e la formazione). Il Terminal Porto Franco è la compagnia operante nel porto franco di Malta, che controlla e amministra le attività di container e deposito industriale. La Compagnia è ora riconosciuta come porto primario nel Mediterraneo, gestendo oltre 1 milione TEUs all'anno. Attraverso servizi regolari operanti dal Terminal Porto Franco, i clienti raggiungono 97 porti in tutto il mondo.

Ad uso industriale Tipologia

a

2,50

media

50

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE8 Ambasciata d’Italia 5, Vilhena street, Floriana – FRN 1040 - La Valletta tel +356 21 233157 / 58 - fax +356 21 235339 www.amblavalletta.esteri.it • ambasciata.lavalletta@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura p.zza San Giorgio, Valletta VLT 1190 tel +356 21 221462 - fax +356 21 220548 www.iicvalletta.esteri.it • iiclavalletta@esteri.it Società Dante Alighieri – Comitato di La Valletta 134, Old Bakery street, La Valletta VLT 1457 tel +356 21 238408 www.dantemalta.org • info@dantemalta.org Ufficio ICE9: servizi di assistenza/informazione vanno richiesti all’Ufficio di Palermo

a

1.300 1.000 1.900

Organizzazione sindacale Presenti 2 grandi sindacati generali dei lavoratori: il General Workers Union (GWU) e l'Union Haddiema Maghqudin (UHM), e alcuni sindacati settoriali il Malta Union of Teachers (MUT), la Medical Association of Malta (MAM) e il Malta Union of Bank Employees (MUBE).

da

1,75

Informazioni utili

Manodopera (valori medi mensili in €) da

1,34 1,28 656 /TM (200 sec.) 638 /TM (450 sec.) 609 /TM (950 sec.)

Immobili7 (canone mensile in € /m2)

Affitto locali uffici

Costo dei fattori produttivi

820 850 1.650

media

Acqua6 (in € /m3)

Accordi con l’Italia Convenzioni contro le doppie imposizioni sul reddito firmata a La Valletta il 16.07.1981 e entrata in vigore l'8.05.1985. Il 24.11.2010 è entrato in vigore il Protocollo che modifica l'accordo del 1981, entrato in vigore il 24.11.2010.

Operaio Impiegato Dirigente

0,17

Prodotti petroliferi5 (in € /l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Categorie

Media

Alta e media tensione

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

4 5 6 7 8

9

76

Fonte: percezione Camera di Commercio Maltese-Italiana Fonte: Enemalta Corporation (www.enemalta.com.mt) Fonte: Water Service Corporation (www.wsc.com.mt) Fonte: percezione Camera di Commercio Maltese-Italiana Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it)


BUSINESS ATLAS 2011

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE

MALTA

Media Quotidiani: inglese: The Times & Sunday Times, The Malta Independent, Il-Mument, The Maltese Business Weekly, MaltaToday; maltese: -Torca, ulhaddL-Orizzont, Nazzjon. Riviste: inglese: Sunday Circle, Tune-In, Malta Now, Living2000 Magazine, Maltamag; maltese: Antenna, Gwida. TV: Television Malta (TVM, pubblico); (partitico) Super One TV e NET TV; Smash TV; Favourite Channel; ITV Channel; Melita Cable Television.

Ambasciata 12, lungotevere Marzio - 00186 Roma tel 06 6879990 / 6879947 / 6877629 fax 06 6892687 / 6832344 embassymalta.rome@gov.mt

ISTITUTI DI CREDITO Bank of Valletta (ufficio di rappresentanza) via Paolo da Cannobia 9 - 20122 Milano tel 02 97373953 - fax 02 97373954 bovmilano@bov.com

Alberghi Costo medio per camera: 3 stelle euro 50, 4 stelle 150, 5 stelle 220

Assistenza medica L’ospedale pubblico è il Mater Dei Hospital Tal-Qroqq, Limiti ta’ Birkirkara Msida (tel +356 25450000/2132 201).

Formalità doganali e documenti di viaggio Passaporto o carta d’identità (valida per l’estero) per un soggiorno inferiore a 3 mesi. Oltre i 3 mesi di permanenza occorre chiedere il permesso alle Autorità locali competenti. Per l’importazione di valuta estera non esistono limiti. L’esportazione è consentita solo se fa parte della somma dichiarata all’arrivo.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Air Malta Trasferimenti da e per l’aeroporto: taxi (euro 10-30) o bus (euro 0,47) Telecomunicazioni Telefonia fissa: Go; Melita Telefonia mobile: Go Mobile; Vodafone; Melita; Red Touch; Ping.

Corrente elettrica 240/415 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: 8.30-13.00 / 14.00-17.30 Negozi: 9.00-13.00 / 16.00-19.00 Banche: lun-ven 8.30-14.00; sab 8.30-11.30

Siti di interesse Governo di Malta: www.gov.mt Università di Malta: www.um.edu.mt Dipartimento d’informazione (DOI): www.doi.gov.mt Malta Chamber of Commerce, Enterprise and Industry www.maltachamber.org.mt Malta Financial Services Authority: www.mfsa.com.mt GRTU Association of General Retailers & Traders: www.grtu.org.mt

Festività 1 gennaio; 10 febbraio (Naufragio di S. Paolo); 19, 31 (Liberazione) marzo; 1 maggio; 7, 29 giugno; 15 agosto; 8 (Nostra Signora della Vittoria), 21 (Indipendenza) settembre; 8, 13 (Giorno della Repubblica), 25 dicembre.

Maltese-Italian Chamber of Commerce

Ta’Xbiex

Anno di fondazione 1988 Anno di riconoscimento 1991 Presidente Marcello BASILE CHERUBINO Segretario Generale Denis BORG Indirizzo 55/1, Guzeppi Cali Street XBX 1425 Telefono +356 21 244895/27223327 Fax +356 21 236168 Web www.micc.org.mt E-mail info@micc.org.mt Orario 8.30 -13.00 / 14.00 - 17.30

Numero dei soci 84 Quota associativa (Quote Annuali + una Tantum euro 60) aziende: oltre 100 dipendenti euro 360, meno di 100 dipendenti euro 170; persone fisiche euro 80; membri associati euro 60 Newsletter L’Informatore (trimestrale) Pubblicazioni Pagina News (disponibile su sito della camera) Accordi di collaborazione Bank of Valletta

77


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

1 1 7 15 21 24 26 26 21 15 7 3

Media min

Quadro macroeconomico Nel 2010 il PIL moldavo ha registrato una crescita del 6,9%. I settori più dinamici sono stati l’industria (7%), l'agricoltura (7,9%), il comparto energetico (1%) e i servizi (5,3%).

-5 -4 0 6 11 15 16 16 11 6 1 -2

Principali settori produttivi Settori strategici per l’economia del Paese sono: l’agroalimentare, tessile/abbigliamento e calzature, produzione e distribuzione di energia elettrica e termica, meccanica e apparecchi meccanici ed elettrici, mobili.

Infrastrutture e trasporti La rete stradale comprende 9.642 km (3.325 km di strade statali, 6137 km di strade secondarie). Il Paese è percorso da collegamenti di importanza internazionale (E58, E581, E583, E577). Presente un porto fluviale a Giurgiulesti che rientra nel corridoio internazionale di trasporto numero 7 e nel corridoio TRASECA, che collega l'Europa, il Caucaso e l'Asia. La sua posizione geografica consente l'apertura di linee di trasporto per passeggeri e merci nei porti degli altri Stati del Danubio, così come in altri Stati della zona del Mar Nero e del Mediterraneo. Inoltre il Porto dispone della rotta Giurgiulesti-Istanbul per il trasporto di passeggeri con una capacità di 145 posti a sedere. Ci sono diversi aeroporti ma l’unico attivo è quello internazionale di Chisinau.

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 33.843 kmq Popolazione 3.728.353 (ca. un milione all'estero) Gruppi etnici Moldavi/Romeni (78%), Ucraini (8,4%), Russi (5,1%), Gagausi (4,4%), Bulgari (1,9%), altri (1%) Capitale Chisinau Città principali Tiraspol, Balti, Bender, Rabnita Moneta Leu (MDL) Tasso di cambio1 1 Euro =16,3837 MDL Lingua Moldavo (Romeno) Religioni principali Ortodossi (98%), Ebrei (1,5%), Battisti e altri (0,5%) Ordinamento dello Stato Repubblica parlamentare, in cui il Presidente è eletto ogni 4 anni dal Parlamento tramite voto segreto. Il Presidente della Repubblica è comandante supremo delle forze armate e nomina il Primo Ministro. Il Parlamento viene eletto con voto universale, equipollente, diretto, segreto e liberamente espresso, per un mandato di 4 anni Suddivisione amministrativa 32 distretti, 3 municipalità (Chisinau, Balti e Bender) e 2 regioni semi-autonome (Gagauzia e Transnistria). Comrat e Tiraspol hanno lo status di municipalità ma in quanto parte, rispettivamente, delle regioni di Gagauzia e Transnistria, non sono suddivisioni di primo livello.

1 2

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Ministero del’Economia Repubblica di Moldova; Moldovan Investment and Export Promotion Organisation (MIEPO); Ufficio Nazionale di Statistica della Repubblica di Moldova

79

Commercio estero Totale import: mld/euro 2,9 Totale export: mld/euro 1,2 Principali prodotti importati: macchinari e mezzi di trasporto (20,6%); prodotti minerali, lubrificanti e derivati (20%); materie prime lavorate (19,3%); prodotti chimici e derivati (14%); prodotti alimentari e animali vivi (10,6%). Principali prodotti esportati: tessile (22,7%); frutta e legumi (22,5%); prodotti alimentari, bibite e tabacco (13,9%); meccanica, apparecchi meccanici ed elettrici (12,8%); oli e grassi vegetali e animali (2,4%); metalli e prodotti derivati (2,3%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Paesi CSI (38,6%), in particolare Russia (24,5%), Ucraina (5,8%), Bielorussia (5,3%); UE (48,2%), in


EUROPA

MOLDOVA

Importazioni temporanee: l’ammissione temporanea permette l’ingresso, con esenzione totale o parziale del pagamento dei diritti di importazione. L’autorità doganale stabilisce un termine entro il quale le merci devono essere riesportate o devono ricevere un’altra destinazione doganale.

particolare Romania (16,6%), Italia (10,3%), Germania (4,8%), Regno Unito (5,7%) e Turchia (5,4%). Paesi Fornitori: Paesi CSI (31,6%), in particolare Ucraina (14,2%), Russia (14,1%),; UE (45,2%) in particolare Romania (10,2%), Germania (7,7%), Italia (7,1%), Turchia (5,2%); Cina (8%).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: la L. 81/2004, e successivi emendamenti e modifiche sancisce l'importanza strategica degli investimenti stranieri e la necessità di creare condizioni giuridiche e garanzie che promuovano il loro ingresso sul territorio. Legislazione societaria: la più diffusa forma societaria è la SRL con capitale minimo di ca. euro 330. Altri tipi di società contemplati dalla legislazione moldava sono le società per azioni con un capitale minimo di ca. euro 1.200, le cooperative, organizzazioni non profit, aziende statali.

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –0,1 Principali prodotti importati dall’Italia: frutta e verdure, articoli di imballaggio, pellame, tessuti, abbigliamento e accessori, legname, carta e cartone, apparecchiature meccaniche. Principali prodotti esportati in Italia: piante, caffè, carne, tabacco, farmaci, detergenti, insetticidi, carta e cartone, pellame, tessuti, abbigliamento e accessori, scarpe, articoli per edilizia, auto-motive, giocattoli.

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Olanda (18,5%); Cipro (14,4%); Italia (10,5%); Russia (7,6%); Germania (7,2%); Romania (6,5%); Regno Unito (5,5%); Francia (4,1%); USA (3,3%); Spagna (2,5%). Paesi di destinazione: Ucraina, Russia, Romania, Italia, USA.

Brevetti e proprietà intellettuale La L. 461/1995 sui brevetti d'invenzione tutela il titolare di un brevetto, sanzionando l'appropriazione, la fabbricazione, l'utilizzo o la messa in circolazione indebita. La L. 161/2007 relativa alla protezione di disegni e modelli industriali sanziona l'appropriazione del disegno o del modello industriale, la riproduzione, la fabbricazione, la vendita, l'utilizzo dei disegni e dei modelli industriali coperti da privativa. L’AGEPI (Agenzia Statale per la proprietà intellettuale) è l’ente addetto alla registrazione dei marchi e dei brevetti.

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: settore finanziario (22,4%); operazioni immobiliari (18,9%); energia, gas, acqua (8,7%); industria di trasformazione (16%); commercio all’ingrosso e al dettaglio (19,7%); trasporti e comunicazioni (7%); edilizia (3,4%); alberghi e ristoranti (1,3%); agricoltura (0,9%). Italiani verso il Paese: tessile e abbigliamento, calzaturiero, commercio e servizi.

Sistema fiscale In base alla L. 111-XVI del 27.04.2007 e successive modifiche, sono obbligati a pagare l'imposta sugli utili tutte le persone giuridiche (moldave o straniere) che svolgono attività nel Paese (aliquota pari allo 0%); l'imposta sui redditi delle persone fisiche moldave o straniere (per i redditi ottenuti in Moldova) è del 18% se superiori a euro 1.500; per i redditi inferiori a tale soglia,l'imposta è del 7%. Anno fiscale: 1 gennaio - 31 dicembre. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 20% (prevista un’aliquota ridotta dell'8% per pane, latte e derivati e del 5% per gas naturale e derivati).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: lo sdoganamento è effettuato dalle autorità doganali interne e da quelle di frontiera presso il luogo di destinazione della merce o in quello di presenza dello spedizioniere. Su richiesta della persona, lo sdoganamento può essere effettuato (previo accordo con la dogana) in altri luoghi e al di fuori delle ore di lavoro, con l’addebitamento dei costi extra al richiedente. I documenti da presentare sono: la Dichiarazione doganale, il Documento di trasporto della merce e la fattura. Classificazione doganale delle merci: classificazione della Repubblica Moldova. Restrizioni alle importazioni: per prodotti nocivi per la salute, la vita e l'ambiente sono richiesti, in aggiunta alla documentazione di base, certificati e autorizzazioni specifiche.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese3 7/7 Condizioni di assicurabilità SACE4 con condizioni rischio sovrano; senza condizioni rischio privato e bancario. 3

4

80

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

Sistema bancario La Banca Nazionale della Moldova svolge le funzioni di banca centrale, secondo i principi del Comitato di Basilea per la supervisione bancaria effettiva. Tipologia

Tassi bancari

Crediti Depositi valuta locale

MDL

13-16 % 4-8 %

Elettricità ad uso industriale6 (in € /KW/h)

Categorie

Euro

Combustibile

8-10 % 2-3 %

Ad uso industriale Tipologia

media

0,95 0,90 0,50

media

1,68

Immobili9 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

da

7

a

15

Informazioni utili

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche La creazioni di parchi industriali è disciplinata dalla L.182 del 15.07.2010 che offre ai residenti assistenza da parte delle autorità centrali e locali varie agevolazioni fiscali. Le zone franche sono disciplinate dalla L.400-XV del 27.07.2001. Attualmente sono presenti nel Paese 7 Zone Economiche Libere, un Porto Fluviale internazionale libero (Giurgiulesti International Free Port) e un Aeroporto Internazionale Libero (Marculesti International Free Airport), che hanno particolari facilitazioni per i residenti.

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE10 Ambasciata d’Italia str. Vlaicu Parcalab, 63 - 2012 Chisinau tel +373 22 266720 - fax +373 22 266769 www.ambchisinau.esteri.it • amb.chisinau@esteri.it

Accordi con l’Italia In ratifica la Convenzione per evitare la doppia imposizione.

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Eximbank - Gruppo Veneto Banca str. Stefan cel Mare si Sfant, 171/1 - MD2004 Chisinau tel +373 22 301102 - fax +373 22 601611 www.eximbank.com • info@eximbank.com

Costo dei fattori produttivi

Manodopera5 (valori medi mensili in €) da

Prodotti petroliferi7 (in € /l)

Acqua8 (in € /m3)

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA

100 170 500

0,10

Benzina Nafta Combustibile industriale (gas liquefatto)

Attività SIMEST

Operaio Impiegato Dirigente

media

Alta e media tensione

Principali finanziamenti e linee di credito

Categorie

MOLDOVA

a

350 700 2.000

Organizzazione sindacale Presente una Confederazione Nazionale dei Sindacati, costituita il 7.06.2007 e nata dalla fusione di 2 sindacati. 5 6 7 8 9 10

81

Stime Camera di Commercio e Industria Moldo-Italiana (2010) Fonte: Red Union Fenosa Fonte: Lukoil-Moldova; ICS Petrom-Moldova Fonte: Apa-Canal Chisinau Fonte: Bursa Imobiliara LAR Fonte: Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it)


EUROPA

MOLDOVA

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Montebello, 8 - 00185 Roma tel 06 4740210 - fax 06 47881092 www.ambmoldova.it • roma@mfa.md Consolato Bologna via A. Canova, 30/32 - 40138 tel 051 538166 - fax 051 6022413

Riviste: Business Class, ECO, Finconsultant TV: Moldova1, Jurnal TV, Publica TV, ProTV Chisinau, TV7, NIT, Prime. Alberghi 4-5 stelle euro 140-250; 2-3 stelle euro 40-150.

Assistenza medica I cittadini stranieri che soggiornano in Moldova hanno diritto al pronto soccorso (a pagamento). Per emergenze chiamare 901, 902, 904. Pronto soccorso 903.

Formalità doganali e documenti di viaggio I cittadini italiani, titolari di passaporto, non hanno bisogno del visto per entrare nel territorio della Repubblica Moldova, per un periodo di soggiorno fino a 90 giorni, nell’arco di 6 mesi dal momento del primo ingresso.

Mezzi di trasporto Compagnie aerea di bandiera: Air Moldova Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Moldavian Airlines e Tandem Aero. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’aeroporto di Chisinau si trova a circa 12 km dal centro della città. I collegamenti sono assicurati da un servizio regolare di taxi (euro 5 - 10).

Corrente elettrica 220V, 380V

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Negozi: 10.00-21.00; dom 10.00-15.00 Banche: lun-ven 9.00-17.00

Telecomunicazioni Telefonia fissa: MoldTelecom, Orange, Arax, Riscom, Starnet Telefonia mobile: Orange, Moldcell, Unitè

Festività 1, 7, 8 gennaio; 8 marzo; festività pasquali; 1, 9 maggio; 27, 31 agosto; 25 dicembre.

Siti di interesse Governo della Moldova: www.gov.md Ufficio Statistica Moldavo: www.statistica.md Moldexpo (ente fieristico): www.moldexpo.md Ministero Economia: www.mec.gov.md Ministero Affari Esteri: www.mfa.gov.md

Media Quotidiani: Timpul, Jurnal de Chisinau, Moldova Suverana, Makler.

Camera di Commercio e Industria Moldo-Italiana

Chisinau

Anno di fondazione 2007 Anno di riconoscimento 2009 Presidente Roberto PACE Segretario Generale Fabrizio PELIZZARI Indirizzo str. Vlaicu Pircalab, 63 - 5º piano, uff. A2 MD2012 Telefono +373 22 855600 / 01 Fax +373 22 855666 Web www.ccimd.eu E-mail info@ccimd.eu Orario 9.00 -13.00 / 14.00 - 18.00 Numero dei soci 87

Quota associativa (quote annuali) socio simpatizzante euro 250, socio ordinario euro 500, socio sostenitore euro 2.000, socio benemerito euro 5.000 Newsletter Newsletter CCIMD (mensile) Pubblicazioni Il Ponte (bimestrale in italiano); Brochure informative (in italiano, romeno, russo) Accordi di collaborazione Camera di Commercio e Industria della Repubblica Moldova; Cantina Milestii Mici; Confartigianato Imprese: Prato, Toscana; Danube Logistics - Porto Internazionale Libero Giurgiulesti; MIEPO Organizzazione per l’Attrazione degli Investimenti e la Promozione delle Esportazioni dalla Moldova; Moldavian Airlines; Moldexpo; ODIMM Organizzazione per lo sviluppo delle piccole e medie imprese. 82


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperatura nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

7 11 20 25 24 30 34 28 27 22 16 8

Media min

Quadro macroeconomico1 Nel 2010, il PIL del Paese ha registrato una crescita contenuta pari all’1,7% e per il 2011 il valore dovrebbe posizionarsi sull’1,5%. L'Olanda si conferma, tuttavia, la quinta economia dell'area euro, trainata dall’export, che vale il 70% del PIL e si mostra in continua crescita grazie, in particolare alle ottime performance del settore chimico e metallurgico (+11% solo nel I trimestre).

-11 -6 -5 -2 0 4 8 7 4 -2 -5 -11

Principali settori produttivi Servizi (73%), industria (24%) e agricoltura (3%).

Infrastrutture e trasporti La rete ferroviaria si estende per ca. 3.000 km, mentre quella stradale copre 120.000 km. Importante il sistema di vie navigabili interne di circa 5.000 km. I principali aeroporti si trovano ad Amsterdam, Rotterdam e Maastricht. Rotterdam è anche il principale porto europeo.

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 41.526 kmq Popolazione 16.664.887 Gruppi etnici Olandesi (80,9%) Indonesiani (2,4%) Tedeschi (2,4%) Turchi (2,2%) Marocchini (1,9%) altri (8,8%) Comunità italiana 32.180 Capitale Amsterdam (747.440) Città principali Rotterdam (581.615), L’Aja (474.245), Utrecht (290.529), Eindhoven (209.601), Tilburg (200.975), Almere (183.738), Groningen (180.824), Breda (170.451), Maastricht (118.378) Moneta Euro Lingua Olandese Religioni principali Cattolici (32%), Protestanti (23%), atei (36%), altri (9%) Ordinamento dello Stato Monarchia Parlamentare in cui il potere esecutivo è affidato al governo, guidato dal Primo Ministro. Il Parlamento è composto da una camera bassa e da una camera alta con poteri ridotti Suddivisione amministrativa 12 regioni divise in municipalità.

1 2 3

Fonte: Istituto Statistico Olandese (CBS); FMI Fonte: Istituto Statistico Olandese (CBS) Fonte: ICE

Commercio estero2 Totale import: mld/euro 274 Totale export: mld/euro 309 Principali prodotti importati: macchine, computer e mezzi di trasporto (30%); chimica organica, prodotti farmaceutici e materie plastiche (15%); prodotti energetici (18%). Principali prodotti esportati: macchine, computer e mezzi di trasporto (28%); chimica organica, prodotti farmaceutici e materie plastiche (18%), agricoltura e industria alimentare (12%); prodotti energetici (13%). Principali partner commerciali: Paesi Clienti: UE (73%), di cui Germania (24%), Italia (5%). Paesi Fornitori: UE (53%), di cui Germania (17%), Italia (2%); Extra UE (42%).

83

Interscambio con l’Italia3 Saldo commerciale: mld/euro 11 Principali prodotti importati dall’Italia chimica (17%); abbigliamento/calzature (9,2%); meccanica (15,9%); computer (2,6%).


EUROPA

OLANDA

Principali prodotti esportati in Italia: chimica (20%); computer (10,3%); meccanica (9%); tabacco, alimentari (9%); prodotti energetici (3%).

la Naamloze Vennotshap (NV, società anonima) con capitale minimo di euro 45.000, con possibilità di emissione di azioni e obbligazioni e di quotazione in borsa.

Brevetti e proprietà intellettuale Aderisce alla Convenzione Wipo e al Patent Cooperation Treaty (PCT). Durata della protezione del brevetto: 20 anni.

Investimenti esteri (principali Paesi)4 Paesi di provenienza: USA (18%); Regno Unito (13%); Lussemburgo (11%); Francia (10%). Paesi di destinazione: Regno Unito (14%); USA (12,2%); Belgio (10%); Germania (10%).

Sistema fiscale Tassabili i redditi da lavoro e prima casa, i redditi da partecipazione in società (si tassa ill reddito di chi possiede almeno il 5% delle azioni, cui si applica un’aliquota fissa del 25% su dividendi e capital gain). Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: industria (43%) di cui estrattiva e petrolchimica (23%), alimentare, beverage e tabacco (10%), elettronica e meccanica (5%); servizi (57%) di cui commercio (8%), banche e assicurazioni (3%), trasporti e comunicazione (3%). Italiani verso il Paese: industria (26%) di cui estrattiva e petrolchimica (17%), alimentare, beverage e tabacco (7%); servizi (74%) di cui commercio (61%), banche e assicurazioni (3%). All’estero del Paese: industria estrattiva e petrolchimica (30%); alimentare, beverage e tabacco (7%); elettronica e meccanica (9%); commercio (5%); banche e assicurazioni (5%). In Italia del Paese: mineraria, estrattiva e petrolchimica (10%); alimentare, beverage e tabacco (18%); elettronica e meccanica (20%); commercio (7%); banche e assicurazioni (1%); trasporti e comunicazione (3%).

Imposta sui redditi delle persone fisiche5

Reddito (euro)

fino a 17.897 da 17.898 a 32.127 da 32.128 a 54.776 oltre 54.776

2,35 % 10,85 % 42 % 52 %

Tassazione sulle attività d’impresa: 20% degli utili sino a euro 25.000, 23,5% sino a 60.000. Sulla parte eccedente verrà applicata un’aliquota pari al 25,5%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 19%,

Aspetti normativi e legislativi

Notizie per l’operatore

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: per i Paesi UE non è necessario il certificato di origine; verso Paesi terzi valgono gli accordi UE. Classificazione doganale delle merci: Tariffa Doganale Comune su Sistema Armonizzato. Restrizioni alle importazioni: applicate quelle previste a livello comunitario. Importazioni temporanee: in uso carnet ATA.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: non si applicano restrizioni né per settori di attività né per la quota di capitale straniero. La Netherlands Foreign Investment Agency, ente alle dipendenze del Ministero degli Affari Economici, fornisce informazioni, consulenza e servizi agli operatori interessati a investire nel Paese. Legislazione societaria: previste la Eenmanzaak (ditta individuale); la Vennootshap Onder Firma (VOF, società in nome collettivo); la Commanditaire Vennotshap (CV società in accomandita) con almeno 2 soci, uno accomandatario e l’altro accomandante; la Besloten Vennootshap (BV, società a responsabilità limitata) con capitale minimo di euro 18.000;

Aliquota mensile

Rischio Paese6 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE7 apertura senza condizioni

Sistema bancario Le banche presenti sul territorio olandese sono circa 140, tra istituti commerciali e di credito di vari tipi e dimensioni, comprese le filiali di banche estere, europee e non (circa una trentina). La quasi totalità degli istituti è iscritta alla Associazione Bancaria Olandese, la NVB (Nederlandse Vereniging van Banken), che tutela e rappresenta il settore. Le banche principali sono la ABN Amro Bank, la Rabobank e la Internationale Nederlanden Group (ING). Il sistema finanziario olandese è efficiente e versatile. Le banche commerciali svolgono un ruolo fondamentale all’interno del sistema finanziario, offrendo crediti a breve termine e una vasta gamma di servizi supplementari che vanno dal leasing al collocamento di titoli. 4 5 6

7

84

Fonte: Banca Centrale Olandese (DNB); dati 2009 Fonte: Ufficio delle Entrate Olandese Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

Acqua12 (in € /m3)

Quasi tutte le banche offrono anche servizi assicurativi e gestiscono i più svariati fondi di investimento e portafogli azionari e/o obbligazionari. L'ottenimento di mutui non è particolarmente difficoltoso (salvo per settori sensibili quali la ristorazione e la moda), soprattutto se si è in grado, in caso di mutui per l'inizio di attività imprenditoriali, di presentare un piano aziendale ben fatto e rigoroso. Tipologia

Tassi bancari8

Ad uso industriale Tipologia

0,25 % 1,75 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Consolato Generale Vijzelstraat 79, 1017 HG Amsterdam tel +31 20 5502050 - fax +31 20 6262444 www.consamsterdam.esteri.it consolato.amsterdam@esteri.it

Accordi con l’Italia Accordo per evitare la doppia imposizione. Costo dei fattori produttivi

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Uffici ICE14 Westermarkt 2, IV Postbus 10852 1001 EW Amsterdam tel +31 20 5408800 - fax +31 20 6448066 amsterdam@ice.it

Manodopera9 (valori medi mensili in €) da

a

2.100 2.500 9.000

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas Herengracht 477 Amsterdam - tel +31 205501356 theo.schrege@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Representative Office Strawinskylaan 769, 1077 XX Amsterdam tel +31 20 5216100 amsterdam.nl@intesasanpaolo.com

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sindacali attive nel Paese sono: la Federazione Sindacale Olandese (FNV), la Federazione Nazionale dei Sindacati Cristiani (CNV) e la Federazione Sindacale per il ceto medio e gli operai di livello più elevato (MHP). Categorie

Elettricità10 (in € /KW/h)

Alta e media tensione Combustibile

Benzina Diesel

da

a

390

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE13 Ambasciata d’Italia Alexanderstraat 12 - 2514 JL - L’Aja tel +31 70 3021030 – fax +31 70 3614932 www.amblaja.esteri.it embitaly.denhaag@esteri.it

Parchi industriali e zone franche Presso i porti di Rotterdam ed Amsterdam, e all’Aeroporto di Schiphol, le merci possono essere immagazzinate in esenzione doganale.

1.650 2.300 5.000

da

80

Indirizzi Utili NEL PAESE

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Operaio Impiegato Dirigente

a

1,32

Informazioni utili

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Categorie

da

1,16

Immobili (canone annuo in € /m2)

Affitto locali uffici

Valore

Deposit rate (tasso di deposito) Lending rate (tasso di prestito)

OLANDA

a

0,094 0,164

Prodotti petroliferi11 (in € /l)

8 9 10

media

1,65 1,36

11 12 13

14

85

Fonte: Banca Centrale olandese (DNB) Fonte: Banca Centrale olandese (DNB); dati 2006 Fonte: Eurostat (2009) Fonte: AAIreland.ie (febbraio 2011) Fonte: Diun & Water - Dunea (2010) Fonte: Ministero degli Affari esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it)


EUROPA IN ITALIA

OLANDA

Media Quotidiani: NRC Handelsband, Het Parool, De Volkskrant, Het Telegraaf. Riviste: Elsevier, Panorama, Vrj Nederland, FM. TV: Pubbliche Nederlan 1-2-3. Private RTL 4-5, Veronica, SBS 6, Net 5, V8.

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Michele Mercati 8, 00197 Roma tel 06 32286001 - fax 06 32286256 Consolato via San Vittore 45, 20123 Milano tel 02 48558426 - fax 02 48558453

Alberghi Camera doppia 5 stelle (da euro 500), 4 stelle (da 200), 3 stelle (da 90).

ISTITUTI DI CREDITO Abn-Amro Bank via Meravigli 7, 20123 Milano - tel 02 722691 Rabobank via Dante 16, 20121 Milano - tel 02 7252181

Assistenza medica Assicurazioni private

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: KLM - Air France Trasferimenti da e per l’aeroporto: dall’Aeroporto di Schipol al centro di Amsterdam: treno (euro 3,70), navetta (euro 5), taxi (euro 5).

Formalità doganali e documenti di viaggio Carta di identità o passaporto valido Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz

Telecomunicazioni Telefonia fissa: KPN telecom, Tele2, Orange. Telefonia mobile: Telfort, Vodafone, T-Mobile, KPN.

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-18.00 Negozi: lun-ven 9.00-18.00; gio 9.00-21.00 sab 9.00-17.00 Banche: lun-ven 9.00-17.00

Siti di interesse Ministero delle Finanze: www.minfin.nl Ministero di Agricoltura, Natura e Pesca: www.minlnv.nl Ministero dell’Economia: www.minez.nl Ministero degli Affari Esteri: www.bz.minbuza.nl Ministero degli Affari Interni: www.minaz.nl

Festività 1 gennaio; Venerdì Santo, Pasqua, Lunedì dell’Angelo; 30 aprile (Queen’s Day); Ascensione, Pentecoste; 25, 26 dicembre.

Camera di Commercio Italiana per l’Olanda Certificata ISO 9001

Amsterdam

Anno di fondazione 1991 Anno di riconoscimento 1993 Presidente Roberto PAYER Segretario Generale Nicoletta BRONDI Indirizzo de Ruyterkade 5 - 1013 AA Telefono +31 20 7513363 Fax +31 20 7519931 Web www.italianchamber.nl E-mail info@italianchamber.nl

Orario lun-ven 9.00-17.00 (visite su appuntamento) Numero dei soci 144 Quota associativa persone fisiche e piccole imprese (fino a 25 dipendenti) euro 120; medie imprese (da 26 a 100 dipendenti) euro 275; CCIAA, euro 420; grandi imprese, multinazionali, euro 550; soci sostenitori, euro 1.760 Newsletter Italie in Bedrijf (collaborazione) Accordi di collaborazione Globus (Sportello internazionalizzazione imprese); Italie in Bedrijf; Maestro Events. 86


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia3

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

15 15 17 21 22 26 31 31 27 22 18 15

Media min

Quadro macroeconomico La crisi economica ha lasciato un Paese con un'economia ancora molto fragile, caratterizzata da un alto debito pubblico ed un pesante indebitamento con l'estero. I principali indicatori mostrano la vulnerabilità dell'economia portoghese, come il PIL che nel 2010 ha registrato un +1,4% al di sotto della media della zona euro (1,7%) e della UE a 27 (1,8%); anche il deficit è in peggioramento (–7,3%) aggravato dal modesto incremento del PIL e dall'aumento della spesa pubblica, come anche il tasso di disoccupazione (10,8%, a fronte della media UE del 9,6%). In altri casi, le performance del Paese sono migliori di quelle degli altri partner europei: l'inflazione è dell’1,4%, inferiore a quella della UE a 27 (+1,8%); anche le esportazioni di beni e servizi mostrano valori incoraggianti (+15,7%) e crescono a ritmi superiori rispetto alle importazioni (+10,8%).

9 8 10 14 15 16 19 20 17 14 11 9

Fuso orario (rispetto all’Italia): -1 Superficie 91.985 kmq (compresi le Azzorre e Madeira) Popolazione1 10.637.713 Gruppi etnici2 Brasiliani (116.220), Ucraini (52.293), Capoverdiani (48.845), Rumeni (32.457), Angolani (26.557) Comunità italiana ca 4.950 (40% nel distretto di Lisbona) Capitale Lisbona (479.884; 2.033.756 nell’area metropolitana Grande Lisboa che include Oeiras, Cascais, Sintra e Mafra) Città principali Oporto, Braga, Coimbra, Aveiro, Viseu, Setúbal, Évora, Faro, Funchal Moneta Euro Lingua Portoghese Religioni principali Cattolici (90%) Ordinamento dello Stato Repubblica Parlamentare unicamerale. L’Assemblea Nazionale (230 membri eletti per 4 anni) esercita il potere legislativo. Il Governo, detentore della funzione esecutiva, è responsabile del proprio operato dinanzi l’Assemblea. Il Presidente della Repubblica, eletto a suffragio universale, resta in carica 5 anni; è consentito un secondo mandato presidenziale consecutivo Suddivisione amministrativa 18 distretti e due regioni autonome (Azzorre e Madeira).

1 2 3

Fonte: Statistics Portugal - INE (2009) Fonte: SEF (2009) Fonte: Banca Centrale Portoghese; Statistics Portugal - INE

Principali settori produttivi Nel mese di marzo 2011, i fattori che contribuiscono maggiormente alla formazione del PIL sono: le esportazioni di beni e servizi (1,4%; +8,7%), il consumo privato (+2%), il consumo pubblico (+3,2%). L’investimento fisso lordo, invece, ha fatto registrare una diminuzione del 4,8% rispetto al 2009.

88

Infrastrutture e trasporti La rete autostradale ha un’estensione di oltre 2.860 km (circa la metà prevede un pedaggio) e copre oramai l’intero territorio, unitamente alla rete di strade statali in costante ammodernamento e trasformazione. Per il triennio 20102013, Estradas de Portugal, l’ente che gestisce le concessioni stradali e autostradali, ha deciso di investire mln/euro 246 per lavori di manutenzione. La rete ferroviaria copre circa 3.600 km; sono in corso di ammodernamento i collegamenti Lisbona/Porto e Lisbona/Faro, dove circolano i pendolini acquistati, qualche tempo fa, dalla Fiat Ferroviaria. Il Portogallo aderisce al programma europeo per la realizzazione della linea ad alta velocità: in progettazione i tragitti Lisbona-Elvas e Lisbona-Porto-Valencia. I maggiori porti del Paese sono: Lisbona, Leixões (Porto), Setúbal, Aveiro e Sines. Gli aeroporti internazionali si trova-


BUSINESS ATLAS 2011

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: commercio all’ingrosso e al dettaglio (39,3%, +5%); industria della trasformazione (24,4%, +19,7%); attività finanziarie (18,2%, +29,7%); attività di informazione e comunicazione (5,6%, +2,2%); attività di consulenza, attività scientifiche e tecniche (3,1%, +37%). Italiani verso il Paese: attività finanziarie (55,9%, +236,3%); industria della trasformazione (14,5%, –21,3%); commercio all’ingrosso e al dettaglio (10,5%, +36,5%); attività di consulenza, attività scientifiche e tecniche (6%, –64,5%). All’estero del Paese: attività finanziarie (59,3%, –28,8%); attività di consulenza, attività scientifiche e tecniche (12%, –27%); commercio all’ingrosso e al dettaglio (8,6%, +30,6%); edilizia (6,6%, –52,9%); industria della trasformazione (5,7%, –42,60%).

no a Lisbona, Porto, Faro, Funchal (Madera) e Ponta Delgada (Azzorre). È tuttora in fase di progettazione un nuovo aeroporto internazionale che sarà localizzato in prossimità della capitale.

Commercio estero Totale import: mld/euro 56,9 (+10,8%) Totale export: mld/euro 36,8 (+15,7%) Principali prodotti importati: macchine e apparecchi, materiale elettrico e loro parti (16,3%, –5,3%); prodotti minerali (14,9%, +28,3%); materiale da trasporto (14%, +27,9%); prodotti delle industrie chimiche e connesse (10%, +8,4%). Principali prodotti esportati: macchine e apparecchi, materiale elettrico e loro parti (14,9%, +6,9%); materiale da trasporto (12,4%, +22,1%); materie tessili e loro manufatti (10,1%, +6,6%); prodotti minerali (8,5%, +50,8%); metalli comuni e loro lavorati (7,9%, +17,1%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Spagna (26,6%, +13,1%); Germania (13%, +18,5%); Francia (11,8%, +10,4%); Regno Unito (5,5%, +11,6%); Angola (5,2%, –14,5%); Olanda (3,8%, +26,8%); Italia (3,8%, +19,4%); USA (3,6%, +38,7%). Paesi Fornitori: Spagna (31,2%, +6%); Germania (13,9%, +15,9%); Francia (7,2%, –3,9%); Italia (5,7%, +8,6%); Olanda (5,1%, +4,6%); Regno Unito (3,8%, +26,2%); Belgio (2,9%, +12%); Cina (2,8%, +42,3%); Nigeria (2,4%, +10,8%).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: gli scambi intracomunitari non sono soggetti ad alcuna formalità. Per le importazioni da Paesi terzi, fare riferimento alla normativa comunitaria. Classificazione doganale delle merci: tariffa TARIC, basata sulla Nomenclatura Combinata. Importazioni temporanee: da Paesi terzi con carnet ATA.

Interscambio con l’Italia Importazioni dall'Italia ed esportazioni verso il nostro Paese sono cresciuti rispettivamente dell’8,6% e del 19,5%. Saldo commerciale: mld/euro –1,8 Principali prodotti importati dall’Italia: macchine e apparecchi, materiale elettrico e loro parti (21%, –1,8%); materie tessili e loro manufatti (13,1%, +5,3%); metalli comuni e loro lavori (11,9%, +17,4%); materiale da trasporto (11,1%, +16,5%); prodotti delle industrie chimiche e connesse (9%, +8,8%). Principali prodotti esportati in Italia: macchine ed apparecchi, materiale elettrico e loro parti (16,3%, +17,1%); materie tessili e loro manufatti (15,8%, +21,2%); materiale da trasporto (10,8%, +11,5%); prodotti delle industrie alimentari, bevande, liquidi alcolici e aceti; tabacchi e succedanei del tabacco lavorati (8,4%, –25%). Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Germania (18,3%, +53,5%); Francia (16,7%%, +4,4%); Regno Unito (13,7%, –26,6%); Spagna (13,6%, +15,3%); Olanda (10,3%, –36,1%); Lussemburgo (7%, +151%); Brasile (5,5%, +492%). L'Italia è quattordicesima (0,5%, –72,8%). Paesi di destinazione: Lussemburgo (22%, +481,4%); Spagna (16,1%, –26,2%); Olanda (14,4%, –65,5%); Brasile (11,3%, +26%); Angola (3,9%, –67,3%). L'Italia è al diciannovesimo posto (0,8%, +56,3%).

PORTOGALLO

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel paese Normativa per gli investimenti stranieri: gli investimenti esteri sono disciplinati da apposita legislazione che ha subito varie modifiche, in un primo momento per adattarla al raggiunto statuto di Paese Comunitario e successivamente (Decreto Legge 321/95) per armonizzarla alle direttive del “mercato interno” in materia di liberalizzazione dei movimenti di capitali. Le ultime modifiche hanno eliminato tutte le procedure e gli adempimenti prima richiesti e dettato norme che danno notorietà formale all’investimento estero, a fini statistici ed informativi, dopo la sua concretizzazione. Legislazione societaria: il diritto societario è contenuto nel Codice delle società commerciali, aggiornato nel 2006. Le forme societarie più ricorrenti sono la SA (Sociedade Anónima de responsabilidade limitada) e la Lda (Sociedade por quotas de responsabilidade limitada) che corrispondono rispettivamente alla SpA e alla Srl italiane; frequente è la Lda. Unipessoal, la società unipersonale a responsabilità limitata. Brevetti e proprietà intellettuale Il Portogallo aderisce a tutte le Convenzioni Internazionali che regolano la materia.

89


EUROPA

PORTOGALLO

Sistema fiscale Anno fiscale: 1 gennaio - 31 dicembre

Tipologia

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Redditi in €

fino a 4.793 da 4.793 a 7.250 da 7.250 a 17.979 da 17.979 a 41.394 da 41.394 a 59.926 da 59.926 a 64.623 da 64.623 a 149.999 Oltre 149.999

Tassi bancari6

EURIBOR 1 mese EURIBOR 3 mesi EURIBOR 6 mesi EURIBOR 12 mesi

Valore (%)

11,5 14,0 24,5 35,5 38,0 41,5 43,5 46,5

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Tassazione sulle attività di impresa: per l’anno fiscale 2011, l’imposta sugli utili delle imprese, fino a euro 12.500, è del 12,5%. Da euro 12.500 fino a 2.000.000 è del 25%. Oltre i 2.000.000 è del 27,5%. A questa si aggiunge l’imposta municipale (Taxa de derrama) che varia da città a città, da 0 fino ad un massimo del 1,5%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 23% (alcune categorie di prodotti sono esenti, altre sono soggette a imposta ridotta del 6% o del 13%).

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Presenti su tutto il territorio (a eccezione delle zone di Lisbona e Porto), i parchi industriali offrono diverse agevolazioni: vendita o affitto di lotti di terreno a prezzi simbolici, infrastrutture basiche predisposte, esenzione o riduzione delle imposte municipali, etc. Tra i parchi industriali più conosciuti: Castelo Branco, Évora, Viseu, Braga. Esistono inoltre due Zone Franche a Madeira e nelle Azzorre (Isola di Santa Maria). Benché gli incentivi previsti siano pressoché identici, solo l’offshore di Madeira (gestito dalla Sociedade de Desenvolvimento da Madeira) è in piena attività (oltre 4.000 società, 35 succursali di istituzioni finanziarie, 39 imprese industriali e Registro Navale). La zona franca di Madeira è stata autorizzata dall’UE a godere di benefici fiscali fino all’anno 2020.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese4 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE5 apertura senza condizioni

Sistema bancario A seguito della privatizzazione degli istituti di credito ed assicurativi (dopo l'ingresso nella UE), lo Stato mantiene il controllo di una sola banca e di una compagnia di assicurazioni che, peraltro, sono leader in ambedue i settori. Da segnalare la crescente presenza di banche ed assicuratrici estere, sia con partecipazioni in società locali o autonome; tra queste ultime spiccano le banche spagnole.

Accordi con l’Italia Trattato bilaterale contro la doppia imposizione fiscale. Costo dei fattori produttivi

Manodopera7 (valori medi mensili in €)

Categorie

da

Operaio Impiegato Dirigente

4

5 6

7

8

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Banco de Portugal (tassi medi in vigore nel mese di febbraio 2011; indice base 360) Fonte: elaborazioni della Camera di Commercio Italiana per il Portogallo su dati Gabinete de Estratégia e Planeamento (2009). Il Salario Minimo Nazionale 2011 è di euro 485. Il costo di un dipendente per l’impresa è costituito dal salario lordo più il 23,75% da versare alla previdenza sociale. In caso di un accordo tra le parti, o nel caso in cui il datore di lavori opti per l’adozione di un contratto collettivo, a questo si aggiunge il pagamento di un sussidio giornaliero. Previste tredicesima e quattordicesima Fonte: Energia de Portugal (EDP)

Valore

0,894 % 1,087 % 1,352 % 1,714 %

793 1.779

media

775

a

1.096 2.709

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sindacali sono la Confederação Geral dos Trabalhadores Portugueses (CGTP) e la União Geral de Trabalhadores (UGT). Categorie

Elettricità8 (in €/Kwh)

Media/alta tensione 90

da

0,05

a

0,18


BUSINESS ATLAS 2011

Combustibile

media

Benzina Nafta Combustibile industriale

Acqua10 (in €/m3)

1,37 1,15 0,59

da

Ad uso industriale Tipologia

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas Avenida 5 de Outubro 206 - Lisbona tel +351 21 79102 04 antonio.ladeira@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com

Prodotti petroliferi9 (in €/l)

1,071 da

Affitto locali uffici

10

IN ITALIA

a

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata (cancelleria, sezione consolare) viale Liegi 21 - 00198 Roma tel 06 844801/8 - fax 06 8417404/06 8542262 rmbport@embportroma.it Consolato Generale viale Beatrice d’Este 1 - 20122 Milano tel 02 66986480 / 02 66984104 - fax 02 66985230 mail@milao.dgaccp.pt

1,414

Immobili11 (canone mensile in €/m2)

a

45

Informazioni utili

ISTITUTI DI CREDITO Banco Espirito Santo (ufficio di rappresentanza) via Cernaia, 6- 20121 Milano tel 02 29004547 - fax 02 657 0484 info@besmilano.it

Indirizzi Utili NEL PAESE

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini italiani è sufficiente la carta d'identità

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE Ambasciata d’Italia Largo Conde Pombeiro 6 - 1150-100 Lisbona tel +351 21 3515320 - fax + 351 213154926 www.amblisbona.esteri.it ambasciata.lisbona@esteri.it 12

Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-12.30 / 13.00-14.00; 14.30-17.30 / 18.00 Banche: lun-ven 8.30-15.00 Negozi: lun-ven 9.00-13.00 / 15.00-19.00; sab 9.00-13.00

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Rua do Salitre, 146 - 1250 - 204 Lisbona tel +351 21 3884172 - fax +351 21 3857117 www.iiclisbona.esteri.it • iiclisbona@esteri.it Ufficio ICE13 Avenida 5 de Outubro, 95 - 6º - 1050-051 Lisbona tel +351 21 7902440 - fax +351 21 7902449 lisbona@ice.it Ufficio ENIT14 c/o Camera di Commercio Italiana per il Portogallo Avenida 5 de Outubro, 95 - 6° piano 1050 051 Lisbona tel +351 21 7935513 - Fax. +351 21 7977101 lisbon@enit.it 9 10 11 12

13 14

PORTOGALLO

Fonte: DGEG/MEID Fonte: Empresa Portuguesa das Aguas Livres (EPAL) Fonte: Agenzie immobiliari ERA e REMAX Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)

Festività 1 gennaio; 8 febbraio; festività pasquali; 25 aprile (giorno della libertà); 1, 26 (Corpus Domini) maggio; 10 giugno (festa nazionale); 15 agosto; 5 ottobre (proclamazione della Repubblica); 1 novembre; 1 (Indipendenza), 8, 25 dicembre. Feste locali: Lisbona 13 giugno; Porto 24 giugno; Faro 7 settembre.

91

Media Quotidiani: Diário de Notícias, O Público, Jornal de Notícias, Diário Económico, Correio da Manhã, Jornal “i”. Riviste: Expresso, O Sol, Semanário Económico, Visão, Exame; Sábado; Focus. TV: l'azienda pubblica Rádio Televisão Portuguesa (RTP) ha due canali nazionali, RTP 1 e RTP 2, e due regionali per gli arcipelaghi, RTP Açores e RTP Madeira. Inoltre da circa una decina d'anni sono presenti due canali privati nazionali, la Sociedade Indipendente de Comunicação (SIC) e la TV Indi-


EUROPA

PORTOGALLO

pendente (TVI). La televisione via cavo è ampiamente diffusa su tutto il Paese. I due principali operatori sono ZON, in precedenza denominata TvCabo e appartenente al gruppo Portugal Telecom Multimédia (PT Multimédia), e la stessa PT Multimédia, che in seguito alla separazione da TvCabo ha lanciato il nuovo prodotto “MEO”. Per importanza, il terzo operatore è Cabovisão, di proprietà della canadese Cogeco Cable.

stazione ferroviaria; per entrambi i collegamenti il costo di una corsa è di euro 3,50. Telecomunicazioni Telefonia fissa: PT (Portugal Telecom) domina gran parte del mercato; Novis/Optimus/Clix; Oni; ZON; Vodafone; ArTelecom. Telefonia mobile: TMN (Portugal Telecom); Vodafone; Optimus (Sonaecom); Zon; Phone-ix.

Alberghi Il costo indicativo di una camera (singola/doppia) in un 5 stelle (o lusso) è di euro 150/250; 4 stelle euro 90/150; 3 stelle euro 70/100.

Siti di interesse Ministero delle Finanze: www.min-financas.pt Ministero dell'Economia: www.min-economia.pt Ministero del Lavoro: www.mtss.gov.pt Presidenza del Consiglio: www.portugal.gov.pt Banca del Portogallo: www.bportugal.pt Istituto Nazionale di Statistica – Portogallo: www.ine.pt Direzione Generale di Studi e Previsioni: www.dgep.pt Investimento e commercio: www.portugalglobal.pt Attività turistica in Portogallo: www.turismodeportugal.pt Promozione del turismo in Portogallo: www.visitportugal.pt Istituto di Appoggio per le Piccole e Medie Imprese e per gli Investimenti: www.iapmei.pt Fiera Internazionale di Lisbona: www.fil.pt Fiera Internazionale di Porto: www.exponor.pt (anche in versione inglese e spagnola) Portale dell'Amministrazione Portoghese: www.portaldocidadao.pt

Assistenza medica Pronto soccorso: 112; tutti gli ospedali hanno servizi di pronto soccorso.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Tap - Air Portugal Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Easyjet, Sata, Ryanair, Lufthansa, Iberia, Aireuropa, Air France, KLM, British Airways, Vueling. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’aeroporto di Lisbona è vicino al centro urbano; con il servizio taxi il costo varia da euro 8 a 18, con bus di euro 1,50. Vi sono inoltre due collegamenti autobus diretti, chiamati Aerobus e AeroShuttle, che servono, rispettivamente, il centro città e la principale

Camera di Commercio Italiana per il Portogallo Certificata ISO 9001: 2008

Lisbona

Anno di fondazione 1916 Anno di riconoscimento 1917 Presidente Filippo MONTERA Segretario Generale Giovanni INCISA DI CAMERANA Indirizzo Av. 5 de Outubro, 95-4 Dt. - 1050-051 Telefono +351 21 7950263 Fax +351 21 7931984 Web www.ccitalia.pt E-mail lisboa@ccitalia.pt Orario 9.00 -13.00 / 14.00 -17.30 Numero dei soci 467 Quota associativa da euro 175 a 500 a seconda del fatturato. I soci benemeriti versano una quota supplementare non inferiore a euro 1.000. Newsletter La CCI per il Portogallo INFORMA (trimestrale) Pubblicazioni Portogallo visto da vicino (ogni 4/5 anni); Um olhar sobre a Itália; Opportunità Commerciali (bimestrale); Oportuni-

dades Comerciais (bimestrale); Relazione del Presidente (annuale); Calendario delle fiere italiane (annuale); Calendario delle fiere portoghesi (annuale) Accordi di collaborazione Associazione Portoghese delle Piccole e Medie Imprese; Enti fiera: Exponor Porto, FIL Lisbona, Rimini, Roma, Verona; IQF Instituto para a qualidade na formação; Istituto di Conservazione e Restauro Palazzo Spinelli; Rappresentanza per il Portogallo: ENIT, Fiera Milano; Università: Cattolica e IULM Milano, Firenze, Padova, Stranieri Perugia. Ufficio Regionale di Porto - Delegazione Zona Nord Indirizzo Rua da Restauração, 409 - 4050-506 Telefono +351 22 6006546 Fax +351 22 6006532 Videoconferenza +351 22 6006289 E-mail porto@ccitalia.pt

92


Caratteristiche generali

Mesi

Ordinamento dello Stato Monarchia costituzionale ereditaria. Il sovrano britannico è Capo dello Stato, del sistema giudiziario, delle forze armate e delle chiese anglicana e scozzese. L’ordinamento si basa su atti parlamentari (tra cui il Parliament Act del 1911 e lo Statuto di Westminster del 1931), su documenti storici (tra cui la Magna Carta del 1215 e il Bill of Rights del 1689) e sulla Common Law. La funzione escecutiva, normalmente conferita alla Corona, di fatto viene esercitata da un gabinetto presieduto dal premier, nominato dal sovrano nella persona del leader del partito di maggioranza. Il Governo è responsabile del suo operato di fronte al Parlamento. Il sistema legislativo è prerogativa di un Parlamento bicamerale: la Camera dei Lord composta da 786 membri (detti Peers) nominati a vita dal sovrano, e la Camera dei Comuni composta da 650 membri eletti a suffragio universale per una durata di cinque anni. La Camera dei Lord è la massima corte d’appello e impiega solo giudici e giuristi professionisti Suddivisione amministrativa il Regno Unito è costituito dalla Gran Bretagna (Inghilterra, Galles, Scozia) e dall’Irlanda del Nord; è suddiviso in contee, regioni e distretti: l’Inghilterra presenta 48 unità amministrative (78 distretti e 70 contee), il Galles 22 distretti unitari (ripartizioni delle 8 contee locali), la Scozia 32 (ripartizioni delle 12 regioni locali), infine l’Irlanda del Nord è suddivisa in 26 distretti.

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

7 7 9 12 15 18 21 21 18 13 10 7

Media min

1 1 2 4 6 9 11 11 9 7 4 2

Fuso orario (rispetto all’Italia): -1 Superficie 243.610 kmq Popolazione 61.792.000 Gruppi etnici Bianchi (92,1%), Neri (2%), Indiani del Sud (4%), Cinesi (0,4%), altri (1,6%) Comunità italiana 201.034 Capitale Londra (7.556.900) Città principali Birmingham (1.016.800), Leeds (770.800), Glasgow (580.690), Sheffield (534.500), Edimburgo (477.660), Liverpool (434.900) Moneta Sterlina (GBP) Tasso di cambio1 1 Euro = 0,8578 GBP Lingua Inglese, Gallese, Scozzese Religioni principali Cristiani (71,8%), Atei (5,4%), Musulmani (2,8%), Induisti (1%), Sikh (0,6%), Ebrei (0,5%), Buddhisti (0,3%)

Quadro dell’economia

Quadro macroeconomico2 Il Regno Unito è la sesta economia nel mondo con un PIL stimato di oltre mln/euro 1.530, e il secondo maggiore esportatore di merci. Dopo la crisi del biennio 2008/2009, il Paese ha registrato, nel 2010, una crescita dell’1,6% e per il 2011 è previsto un ulteriore incremento di circa 2 punti percentuali. Negli ultimi 30 anni la politica economica del Paese ha promosso un maggior intervento del settore privato, mettendo un freno alla spesa pubblica e ai servizi statali con l’obiettivo principale di contenere il tasso d’inflazione. Tra i settori promossi troviamo le energie rinnovabili, soprattutto l’eolico (le coste scozzesi sono le più ventose d’Europa) e l’energia mari-

na. I provvedimenti principali sono: il Feed-in-tariff (FIT) che prevede un pagamento per ogni KWh di elettricità generato attraverso fonti rinnovabili (ulteriori informazioni su www.fitariffs.co.uk); il Renewable heat incentive (RHI) che entrerà in vigore nel mese di aprile 2011 ed impatterà su tutti i sistemi di riscaldamento rinnovabili (www.rhincentive.co.uk). L’obiettivo della politica governativa è di arrivare entro il 2020 al 15% di produzione energetica da rinnovabili. Il Paese ha subito in maniera evidente gli effetti della crisi, specialmente nei settori automobilistico e manifatturiero. I maggiori distretti industriali si trovano nei pressi di Londra, Manchester, Newcastle, Birmingham e Glasgow. Anche il settore immobiliare ha subito un periodo turbolento per la stretta cre-

1

94

2

Tasso di cambio medio 2011 Fonte: UK Trade & Investment; HM Treasury


BUSINESS ATLAS 2011

Commercio estero3 Totale import: mld/euro 417,2 (+17,2%) Totale export: mld/euro 305,6 (+16,9%) Principali prodotti importati: beni intermedi (14,8%); beni di consumo (13,6%); petrolio e altri combustibili (12,5%); beni industriali (12,4%); prodotti chimici (12,3%); alimenti, bevande e tabacco (9,2%); autoveicoli (5,4%). Principali prodotti esportati: prodotti chimici (19,1%); beni intermedi (15,9%); petrolio e altri combustibili (13,6%); beni industriali (12,3%); beni di consumo (8,1%); autoveicoli (6,4%); alimenti, bevande e tabacco (6%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: USA (14,4%), Germania (10,5%); Olanda (8,1%); Francia (7,2%); Irlanda (6,4%). Paesi Fornitori: Germania (17%); Cina (11,4%); USA (10,4%); Olanda (9,9%); Francia (8,2%).

ditizia delle banche che hanno ridotto l’erogazione dei prestiti. Pertanto la domanda per l’acquisto di nuove case è stata bassa e dopo il calo dei prezzi registrato nel 2009, si è verificata un’impennata nel 2010. Il settore principale dell’economia britannica rimane quello dei servizi, in particolare bancari/finanziari, assicurativi e di credito (15% del PIL), con il centro dei servizi finanziari di Square Mile nella City di Londra.

Principali settori produttivi L’agricoltura e l’allevamento soddisfano il 60% del fabbisogno interno, impiegando l’1,6% della forza lavoro e contribuendo per circa mld/euro 4,7 al PIL nazionale. Il Paese è ricco di risorse minerarie, soprattutto gas naturale, petrolio, carbone, zinco, piombo, argento e oro. Le risorse di oro, argento, petrolio e gas naturale sono proprietà della Corona e possono essere concesse in licenza. Il settore energetico, la cui produzione rappresenta il 10% del PIL, è caratterizzato da un’elevata produzione di nucleare (ca. 19,5% del fabbisogno). Altri settori, come il tessile e l’automobilistico, hanno subito un lieve ridimensionamento determinato dal calo della domanda. Il settore immobiliare è uno dei settori maggiormente colpiti dalla crisi nel Regno Unito dopo anni di boom economico. Il calo della domanda è stato determinato dalla riduzione dei mutui concessi dalle banche e dal calo dei margini di profitto dei costruttori, quest’ultimo dovuto al calo dei prezzi delle case (in alcuni casi anche del 50%) che ha costretto gli imprenditori edili a ridurre il personale o a chiudere l’attività.

Infrastrutture e trasporti I principali porti britannci sono Londra, Liverpool, Dover, Felixstowe, Portsmouth, Tees & Hartlepool e Grimsby. Nelle isole Shetland e Orcadi hanno sede porti a servizio dell’industria petrolifera. Sono, inoltre presenti circa 3.200 km di canali e fiumi navigabili, tra questi il Canale di Manchester e il canale di Caledonia nella Scozia settentrionale, che consente collegamenti tra l’Oceano Atlantico e il Mare del Nord. La rete ferroviaria, prima controllata dalla British Railways, è stata completamente privatizzata. La rete si sviluppa su circa 16.536 km (di cui circa il 30% elettrificato) con oltre 2.500 stazioni e 1.000 terminali per le merci, vede ora diversi operatori. Network Rail, la società pubblica nata nel 2001 dalle ceneri della privatizzata Railtrack, ha avviato un importante programma di investimenti per l’ammondernamento dei binari e le infrastrutture di base. La rete dei trasporti urbani è molto sviluppata: la metropolitana di Londra, la più antica al mondo, si estende per 402 km suddivisa su 11 linee con 270 stazioni. La rete metropolitana è attualmente coinvolta da opere di ingegneria per potenziare ed espandere il servizio di trasporto in occasione dei giochi olimpici del 2012. Per tale data, inoltre, sarà possibile ricevere ed effettuare chiamate all’interno della metro sotto superficie. La rete stradale si sviluppa su 394.428,2 km di cui 3.476 costituiti da autostrade a gestione pubblica (esenti dal pedaggio).

REGNO UNITO

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro –5,8 Principali prodotti esportati in talia: gas (10,4%; +144,9%); autoveicoli (10,2%); medicinali (8,5%); energia elettrica (7,3%; +95,7%); prodotti chimici (4,6%; +18,96%); macchinari (3,6%); telecomunicazioni (2,9%); metalli (2,4%; –19,6%); componenti elettronici (2,3%; +89,5%). Principali prodotti importati dall’Italia: navi (8,4%, valore export quadruplicato rispetto al 2009); macchinari (8,6%); autoveicoli (7,9%); medicinali (4,2%; +22,4%); abbigliamento (4%; +20,4%); mobili (3,7%); bevande (3,2%). Investimenti esteri (principali Paesi)5 Paesi di provenienza: USA (29,9%); Giappone (6,6%); Francia (6,1%); India (5,7%); Germania (5,6%); Cina (4,6%); Australia (4,1%); Canada (3,8%); Irlanda (3,4%); Italia (3,4%); Spagna (2,3%); Olanda (2,3%); altri Paesi UE (8,5%); resto del mondo (13,6%). Paesi di destinazione: USA, Francia, Germania, Olanda, Svezia.

Investimenti esteri (principali settori) Il Regno Unito è il primo Paese europeo per investimenti esteri incoming, e il secondo a livello mondiale dopo gli USA, come stabilito dalla European Attractiveness Survey 2010. Nel 2010 nel Regno Unito ci sono stati 1.619 progetti (–7,16% rispetto al 2009), che hanno contribuito alla creazione di 53.358 posti di lavoro. Di questi, il 52,5% ha riguardato nuovi progetti, il 33,6% espansioni, e il 13,9% M&A. I principali settori degli investimenti incoming sono: software (15,9%), ingegneria avanzata (11,7%), biotecnologie (10,7%), servizi alle imprese (9,8%), servizi finanziari (6,8%), ICT (6,5%), tecnologie ambientali (4,9%), media (4,3%), altro (29,5%).

3 4 5

95

Fonte: Office for National Statistics Fonte: ICE Fonte: UNCTAD


EUROPA

REGNO UNITO

Brevetti e proprietà intellettuale La legislazione in proposito si basa su principi di Common Law ed atti legislativi, quali il Copyright Designs and Patents Act (1998), il Trade Marks Act (1994), il Patents Act (1977), il Registered Designs Act (1949); altre norme di Common Law conferiscono tutela giuridica ai segreti industriali ed alle informazioni confidenziali.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: conformi alle normative comunitarie. Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura Combinata. Restrizioni alle importazioni: presenti per alcune tipologie di prodotti; si consiglia di consultare www.fera.defra.gov.uk (per piante, semi, pesticidi, insetti); www.defra.gov.uk (per animali e prodotti ittici); www.food.gov.uk/foodindustry (per prodotti alimentari). Importazioni temporanee: viene applicato il sistema dei carnet ATA su materiali pubblicitari, merci importate temporaneamente a scopo espositivo, attrezzature usate a scopi educativi, scientifici o culturali, etc. Nel caso in cui si voglia che le merci importate temporaneamente restino all’interno dell’UE, si deve motivare in una lettera la decisione, compilare la dichiarazione e pagare l’IVA dovuta. Infine nel caso in cui si voglia distruggere le merci importate temporaneamente, bisogna contattare il National Carnet Unit per l’approvazione. Anche in questo caso bisogna pagare le tasse dovute.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: presenti limitazioni in alcuni settori, quali finanza, difesa ed esplorazione petrolifera per cui è necessario ottenere licenze o autorizzazioni. Legislazione societaria: la tipologia societaria più utilizzata dai capitali stranieri è la società a responsabilità limitata (Private Limited Company). Le società private non sono autorizzate ad emettere azioni per sottoscrizione pubblica. La società pubblica (Plc nel Regno Unito, equivalente alla Spa italiana), invece non necessariamente deve essere quotata sul mercato azionario. Ogni società privata deve avere la parole “limited” dopo il nome. Tutte le società devono avere un capitale sociale; una società straniera azionista di una società inglese potrà nominare dei rappresentanti per la partecipazione alle assemblee generali della società stessa. La società avrà un numero di registro inserito nel Registrar of Companies con informazioni sui membri, direttori, segretari, ed ipoteche contratte dalla società. Per le filliali di società straniere non si pone la necessità di costruire un’entità legale separata e non ci sono dei requisiti formali per il suo stabilimento (gli affari sono condotti tramite rappresentanti locali). I documenti di una filiale di una società estera dovranno essere registrati presso il Registro delle Società dopo un mese dalla costituzione. Le joint venture non sono ritenute entità legali separate dal diritto inglese. Generalmente, sono costituite nel Regno Unito sotto forma di società a responsabilità limitata oppure partnership. Il sole trader, lavoratore individuale, è soggetto ai requisiti di registrazione comuni a tutte le forme d’organizzazione d’affari.

Sistema fiscale Il Regno Unito ha un regime di bassa pressione fiscale per incoraggiare le attività commerciali (imposta sul reddito delle società tra le più basse in Europa). Anno fiscale: 1 aprile – 31 marzo Imposta sui redditi delle persone fisiche

Reddito (in €)

Da 0 a 43.096 Da 43.097 a 172.840 Oltre 172.840

Valore d’imposta

20 % 40 % 50 %

Tassazione sulle attività di impresa: per profitti annuali inferiori a GBP 300.000 (small profits rate) l’imposta è del 21%; per i profitti compresi tra GBP 300.000 e 1.500.000 l’imposta è ancora del 21%. Tale aliquota sarebbe dovuta aumentare al 22% nel corso del 2009, tuttavia il governo ha deciso di rinviare la riforma. Infine ai profitti superiori a GBP 1.500.000 viene applicata un’aliquota del 28%, che entro il 2014 scenderà al 24%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): dall’1.01.2011, l’IVA è del 20% (fino al 2008 l’aliquota è stata del 17,5%; in seguito alla crisi, nel 2008 il VAT era sceso al 15% per incoraggiare la ripresa dell’economia. La mancata ripresa delle attività economiche ha spinto al nuovo aumento).

Notizie per l’operatore

Rischio Paese6 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE7 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Banca d’Inghilterra è la banca centrale per il Regno Unito. A seguito della crisi finanziaria alcune banche sono state nazionalizzate totalmente come Northern Rock o parzialmente nel caso della Royal Bank of Scotland. I principali istituti bancari sono Barclays Bank, Royal Bank of Scotland e HSBC. La borsa londinese, una delle più importanti al 6

7

96

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

ne da dazi, VAT e da altre accise con la condizione che i beni non siano originari dell’UE e non vengano immessi sul mercato comunitario.

mondo, ad agosto 2009 ha acquisito la Borsa di Milano. Il London Stock Exchange è composto da: Main Market, con oltre 1.600 aziende solide e di successo provenienti da oltre 60 paesi; Alternative Investment Market (AIM), costituito da oltre 3.000 aziende giovani e in crescita, di solito operanti nel settori high-tech; Professional Securities Market, il listino delle securities; Specialist Fund Market, il mercato regolato per i fondi di investimento. Sharemark funziona come asta online per la raccolta fondi per aziende di piccole e medie dimensioni, consentendo il matching tra domanda e offerta. Inoltre, altra fonte di capitale sono le venture capital. Il Regno Unito ha uno dei più forti mercati in Europa. La maggior parte delle venture sono private ma vi sono anche venture capital pubbliche come Enterprise Capital Funds e Regional Venture Capital Funds. Il mercato del capitale di rischio del Regno Unito è il più sviluppato dell’area Euro ed è il secondo a livello mondiale dopo quello degli USA. Tipologia

Tassi bancari

Tasso di interesse

REGNO UNITO

Accordi con l’Italia L. 390/90 per evitare la doppia imposizione in materia fiscale. Costo dei fattori produttivi

Manodopera8 (valori medi mensili in €)

Categorie

Media

Operaio Impiegato Dirigente

1.876 2.038 3.561

Organizzazione sindacale Il Trade Union Congress (TUC) rappresenta la maggior parte delle organizzazioni sindacali nel Paese, per un totale di circa 7 milioni di lavoratori. L’organizzazione più importante non affiliata al TUC è la Police Federation.

valore

0,5%

Elettricità ad uso industriale9 (in €/KW/h)

Principali finanziamenti e linee di credito Le aziende possono ottenere capitali tramite London Stock Exchange, Sharemark, venture capital e agenzie di promozione chiamate Business Angel, regolate dall’istituto governativo, il Financial Services Authority (FSA). I Business Angel sono individui o gruppi che investono tra GBP 25.000 e 500.000. Il sistema bancario britannico offre prestiti, mutui e linee di credito ad aziende che intendono stabilirsi nel Regno Unito. Inoltre, le nuove attività possono ottenere finanziamenti dall’UE oppure da organizzazioni governative britanniche, i cui finanziamenti possono variare in base al settore e l’area di localizzazione dell’azienda. Nel caso in cui l’azienda non sia in grado di fornire le garanzie richieste per ottenere un finanziamento, la via alternativa potrebbe essere lo strumento Enterprise Finance Guarantee (EFG). L’EFG, che ha preso il posto del Small Firms Loan Guarantee Scheme (SFLGS), offre alle aziende un capitale tra GBP 1.000 e 1.000.000 da restituire in un periodo di 10 anni. Il fondo è disponibile solo per le imprese con fatturati non superiori a GBP 25 millioni.

Categorie

Media

Alta e media tensione Combustibile

0,108

Prodotti petroliferi10 (in € /l)

Media

Benzina Nafta Combustibile industriale

1,52 0,83 0,21

Acqua ad uso industriale11 (in € /m3) Media

Acqua Tipologia

Affitto locali uffici

Attività SIMEST

1,45

Immobili12 (€/m2) da

11

a

38

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Zone franche presenti a Birmingham Airport, Humberside, Liverpool, Southampton, Prestwick Airport, Port of Tilbury e Port of Sherness. Principali agevolazioni accordate: esenzio-

8

9 10 11 12

97

Fonte: Office for National Statistics (Annual Survey of Hours and Earnings, 2010) Fonte: UK Trade & Investment Fonte: International Energy Agency Fonte: OFWAT Fonte: UK Trade Investment: Il costo va dall’affitto di locali nel Nord England a quelli di May fair a Londra


EUROPA

REGNO UNITO

BNL c/o BNP Paribas 10 Harewood Avenue London - tel +44 2032968066 stephen.day@uk.bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Branch 90 Queen Street - Londra EC4N 1SA tel +44 20 76513000 general.info@intesasanpaolo.co.uk Mediobanca 33 Grosvenor Place - Londra SWIX 7HY tel +44 20 78625500 - fax +44 20 78625555 Unicredit Bank (Branch) Moor House 120 London Wall - Londra, EC2Y 5ET tel +44 20 78261000 fax +44 20 78261210

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE13 Ambasciata d’Italia 14 Three Kings Yard – Londra W1K 4EH tel +44 20 73122200 - fax +44 20 73122230 www.amblondra.esteri.it ambasciata.londra@esteri.it

Consolati Generali Edimburgo 32 Melville Street, EH3 7HA tel +44 131 2203695 / 63631 - fax +44 131 2266260 www.consedimburgo.esteri.it consolato.edimburgo@esteri.it Londra 38 Eaton Place - SW1X 8AN tel +44 20 72359371 / 8236519 - fax +44 20 78231609 www.conslondra.esteri.it consolato.londra@esteri.it

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via XX Settembre 80 - 00187 Roma tel 06 42200001 www.ukinitaly.fco.gov.uk

Consolati Bari via Dalmazia 127 - 70121 tel 080 5543668 - fax 080 5542977 Cagliari viale Colombo 160 - 09045 Quartu S. Elena tel 070 828628 - fax 070 813412 Catania via N. Coviello 27 - 95128 tel 095 7167336 Firenze lungarno Corsini 2 - 50123 tel 055 284133 - fax 055 219112 Milano via S. Paolo 7 - 20121 tel 02 723001 - fax 02 86465081 Palermo via Cavour 121 - 90133 tel 091 326412 - fax 091 3804901 Venezia piazzale Donatori di Sangue 2/5 - 30171 Mestre tel 041 5055990 - fax 041 950254

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura 39 Belgrave Square - SW1X 8NX Londra tel +44 20 72351461 fax +44 20 72354618 www.iiclondra.esteri.it • iiclondra@esteri.it Ufficio ICE14 14 Waterloo Place - Londra SW1Y 4AR tel +44 20 73890300 fax +44 20 73890301 londra@ice.it Ufficio ENIT15 1 Princes Street - Londra W1B 2AY tel +44 20 74081254 - fax +44 20 73993567 info.london@enit.it

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca d’Italia 39 King Street - Londra EC2V 8JJ tel +44 20 76014201 - fax +44 207 6064065 Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo (BISS) 90 Queen Street - Londra EC4N 1SA tel +44 20 74297981 - fax +44 20 74297992 Banca Monte dei Paschi di Siena Capital House, 85 King William Street - Londra EC4N 7BL tel +44 20 6457800 - fax +44 20 9293343 Banco Popolare - Branch 1-5 Moorgate - Londra EC2R 6JH tel +44 20 7269450 - fax +44 20 7269481

ISTITUTI DI CREDITO Royal Bank of Scotland Milano via Turati, 9 - 20121 Roma via Po, 25/a - 00198 13

14 15

98

Fonte: Ministero Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


BUSINESS ATLAS 2011

HSBC Milano piazzetta Bossi, 1 - 20121 Roma Via Barberini 95, 00187 Barclays Bank via della Moscova, 18 - 20121 Milano Banca Woolwich (Gruppo Barclays) via della Moscova, 18 - 20121 Milano

REGNO UNITO

Assistenza medica L’ente responsabile della salute pubblica è il National Health Service (NHS) che fornisce un servizio generale di assistenza di tipo universalistico. Numero emergenze: 999.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: British Airways Altre compagnie aeree operanti nel Paese: City Jet; Jet2; EasyJet; Ryanair e tutte le principali al mondo Trasferimenti da e per l’aeroporto: Londra-Heathrow: Metropolitana GBP 5 (Piccadilly line), Heathrow Express da London Paddington, da GBP 16,50, solo andata (ogni 15 minuti). Heathrow Connect da London Paddington attraversando West London, GBP 8,50 solo andata (ogni 30 minuti); National Express Coach. Londra-Gatwick: Gatwick Express da London Victoria GBP 17,90 (ogni 15 minuti). National Express Coach; Easybus GBP 6,99. Londra-Stansted: Stansted Express per Liverpool Street GBP 20 solo andata (ogni 15 minuti); Terravision bus GBP 9 solo andata per London Victoria o Liverpool Street; EasyBus da GBP 2, solo andata. Londra-Luton: Thameslink Rail Service; EasyBus da GBP 2, solo andata London City Airport: DLR (Docklands Light Railway).

Formalità doganali e documenti di viaggio Per l’ingresso nel Paese è necessario il passaporto o la carta d’identità. Vi sono delle limitazioni alla movimentazione di valuta in contanti per valori superiori a euro 10.000 per i flussi dall’Italia; nessuna limitazione è invece prevista per i flussi di valuta in contanti in uscita. Per quanto riguarda gli oggetti, è previsto l’obbligo di dichiarazione di trasporto se il valore è pari o superiore a euro 10.000. Corrente elettrica 220 V, 50Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 09.00-17.30 Negozi: lun-sab 09.00-18.00 - dom 12.00-18.00 Banche: lun-ven 9.30-17.00

Festività 1 gennaio, Venerdì Santo, Pasqua, Lunedì dell’Angelo; 2 (Early May Bank Holiday), 30 (Spring Bank Holiday) maggio; 29 agosto (Late Summer Bank Holiday); 25, 26, 27 dicembre.

Telecomunicazioni Telefonia fissa: BT (British Telecom), Cable & Wireless, Talk Talk, Post Office Home Phone, Tiscali, Media. Telefonia mobile: O2, T-Mobile, 3 UK, Orange, Vodafone, Virgin.

Media Quotidiani: Financial Times; Times; Daily Telegraph; Guardian; Daily Mail; Independent; Evening Standard; Sun; Mirror. Riviste Economiche: Investments Trusts, Investors Chronicle, Bloomberg Money Magazine, Mortgage Magazine, New Internationalist, Newsweek Special Personal Finance, Taxation, The Economist, The Investor. Politiche: Guardian Weekly, Labour Party Manifesto, Liberal Democrat, Newsweek, The Spectator. TV: (480 emittenti televisive, 3.523 ripetitori) canali visibili senza l’ausilio della parabolica: BBC1, BBC2, ITV, Channel 4, Channel 5.

Siti di interesse Governo Britannico: www.direct.gov.uk Parlamento del Regno Unito: www.parliament.uk Assemblea Nazionale del Galles: www.wales.gov.uk Esecutivo della Scozia: www.scotland.gov.uk Ministero Imposte e Tributi: www.hmrc.gov.uk Ministero della Difesa: www.mod.uk Ministero del Commercio e dell’Industria: www.berr.gov.uk Dipartimento per l’Ambiente, l’Alimentazione e gli Affari Rurali: www.defra.gov.uk Ministero del Tesoro: www.hm-treasury.gov.uk Registro delle società: www.companieshouse.gov.uk Business Link: www.businesslink.gov.uk

Alberghi 5 stelle: da euro 350; 4 stelle: 150-330; 3 stelle: 80-200; 2 stelle: 65-130 (tutti i costi sono riferiti al soggiorno in camera doppia a Londra, nel periodo infrasettimanale del mese di marzo)

99


EUROPA

REGNO UNITO

The Italian Chamber of Commerce and Industry for the United Kingdom

Londra

Anno di fondazione 1886 Anno di riconoscimento 1956 Presidente Leonardo SIMONELLI SANTI Segretario Generale Helen GIRGENTI Indirizzo 1 Princes Street - W1B 2AY Telefono +44 20 7495 8191 Fax +44 20 74958194 Web www.italchamind.org.uk E-mail info@italchamind.org.uk Orario 09.00-17.30 Numero dei soci 400 Quota associativa (esclusa IVA) - Socio Ordinario individuale: GBP 75 - Socio Ordinario e Aziende: GBP 110 - Socio sostenitore: GBP 300 - Socio benefattore: GBP 600 Quota di iscrizione una tantum: GBP 100 Newsletter Partnership (trimestrale); E-newsletter (mensile); èItalia Pubblicazioni (disponibili sul sito della Camera o in formato cartaceo presso gli uffici) Fourth Survey of Italian Investments in the UK; Annual Conference Proceedings/Atti Conferenza Annuale Accordi di collaborazione CCIAA: Avellino, Cosenza, Reggio Emilia, Rieti, Vercelli, Vicenza; CEI Piemonte; Club di Londra; Enti fiera: Expo Venice, Milano, Padova, Verona; Patridges of London; Promos Milano; Regione Marche; Selfriidges; Think London; UK Trade and Investment.

Ufficio Regionale di Manchester Responsabile: Stefania CORALLO Indirizzo: 9th Floor, Rodwell Tower 111 Piccadilly - M1 2HY Telefono: +44 0161 2445367 Fax: +44 0161 2358792 E-mail: manchester@italchamind.org.uk Ufficio Regionale di Edinburgo Responsabile: Immacolata SCIRPOLI Indirizzo: 32 A Melville Street - EH3 7HA Telefono: +44 0131 2253306 Fax: +44 0131 225 3306 E-mail: scotland@italchamind.org.uk Ufficio Regionale di Glasgow Responsabile: Martina MISSIATO Indirizzo: 24 St Enoch Square - G1 4DV Telefono: +44 0141 2217296 Fax: +44 0141 2217296 E-mail: glasgow@italchamind.org.uk

100


Caratteristiche generali

Mesi

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

0 1 7 12 18 21 23 22 18 12 5 1

Media min

-5 -4 -1 3 8 11 13 13 9 5 1 -3

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 78.864 kmq Popolazione 10.506.000 Gruppi etnici Cechi (90,1%), Moravi (3,6%), Slovacchi (1,8%), Polacchi (0,5%), Tedeschi (0,4%), Slesiani (0,1%), Rom (0,1%), altri (3,4%) Comunità italiana 2.558 iscritti all’Aire Capitale Praga (1.200.000) Città principali Brno (371.399), Ostrava (335.425), Olomouc (231.843), Zlin (192.927), Ceské Budejovice (186.681), Plzen (185.855), Liberec (169.795), Pardubice (167.481), Hradec Králové (163.011), Ústí nad Labem (121.458) Moneta Corona Ceca (CZK) Tasso di cambio 1 1 Euro= 25,284 CZK Lingua Ceco (ufficiale) Religioni principali Cattolici (39%), Protestanti (4,3%), Hussiti (1,7%), Ortodossi (0,2%), atei (54,8%) Ordinamento dello Stato la Costituzione della Repubblica Ceca (approvata il 1.1.1993 a seguito della pacifica scissione della ex Cecoslovacchia) prevede un Parlamento formato dalla Camera dei Deputati (200 membri) e dal Senato (81 membri) eletti a suffragio universale. Il Presidente, eletto dal Parlamento, resta in carica 5 anni e nomina il Primo Ministro e il Governo Suddivisione amministrativa 14 regioni, 77 distretti/province e 6.249 comuni.

1 2

3

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Ufficio Nazionale di Statistica (www.czso.cz); Ministero Ceco delle Finanze (www.mfcr.cz); Statistical Yearbook 2010 Dato riferito al IV trimestre 2010; metodologia ILO

Quadro macroeconomico A partire dagli anni Novanta il Paese ha sostenuto uno sviluppo economico stabile, che nell’ultimo decennio ha raggiunto livelli notevoli con una crescita reale del PIL superiore al 40% in termini reali. Dopo il rallentamento dell’economia dovuto all’accentuarsi della crisi globale nel corso del 2009 (–4,1%), il Paese ha ritrovato già nel 2010 una significativa inversione di tendenza, con una crescita del PIL pari a 2,2%. Nell’ultimo anno, le esportazioni e le importazioni sono aumentate rispettivamente del 17,7% e 20,3%, mentre i dati relativi alla bilancia commerciale con l’estero hanno fatto registrare un surplus di ca. mld/euro 5. Particolarmente positivo il surplus per i beni manifatturieri (mld/euro 0,7) e macchinari e attrezzature per il trasporto (mld/euro 0,2). La ripresa nei volumi dell’interscambio è dovuta chiaramente al superamento della fase più acuta della crisi economica, con vantaggi che si riflettono direttamente anche nella produzione industriale, che nel 2010 ha registrato una crescita del 10,5% su base annua, con un incremento del valore dei nuovi ordini pari al 14,2%. Particolarmente positive le performance della produzione di veicoli, rimorchi e semirimorchi (+22%), manufatti di metallo (+17,5%) e macchinari e attrezzature (+13,5%). Durante il corso dell’anno, il tasso di inflazione ha vissuto una progressiva, seppur contenuta crescita, passando dallo 0,9% di gennaio all’1,5% di dicembre. In questo contesto, il tasso generale di disoccupazione si è mantenuto indicativamente stabile, a un livello del 7%3 (–0,4% rispetto allo stesso periodo del 2009). I dati relativi alle finanze pubbliche evidenziano per il 2010 un disavanzo pubblico pari a ca. mld/euro 6.

Principali settori produttivi Servizi e industria contribuiscono al PIL rispettivamente per il 62,3% e il 35%; il comparto agricolo si mantiene su un valore del 2,8%.

Infrastrutture e trasporti La rete stradale ordinaria è lunga 127.204 km, mentre la rete autostradale e quella ad alta velocità misurano 1.110 km. La rete

101


EUROPA

REPUBBLICA CECA

ferroviaria ha il più alto tasso di densità nei Paesi UE (120 km/1.000kmq) ed è formata da 9.597 km di rotaie, di cui 3.041 elettrificate. Nel 2004 è stata completata la modernizzazione del I e del II corridoio di transito ferroviario per una lunghezza di 694 km, mentre è già stata avviata la costruzione di altri 2 corridoi. Nel 2006 è stato ultimato il tratto autostradale che collega la capitale ceca con Monaco di Baviera. Il sistema di vie navigabili conta 664 km di canali. Le linee dedicate al trasporto urbano a trazione elettrica coprono un’estensione totale di 843 km così suddivisi: filobus (412 km), tram (376 km), metro (55 km). In totale, gli aeroporti nella Repubblica Ceca sono 90, di cui 22 effettuano servizi esclusivamente per i privati. Gli aeroporti internazionali principali sono: Brno-Turany, Ostrava, Karlovy Vary, Pardubice e Praga-Ruzyne. Quest’ultimo, ampliato nel gennaio 2006 col nuovo terminal Server2, è ben collegato alla capitale tramite navette e metro.

tabacchi e succedanei del tabacco lavorati (3,6%); lana, pelli di origine animale, filati e tessuti di crine (2,8%); legname (2,4%). Investimenti esteri (principali Paesi)5 Paesi di provenienza: Austria (18,1%); Polonia (16,9%); Paesi Bassi (13,8%); Cipro (11,1%); Lussemburgo (9,69%); Francia (7,4%); Regno Unito (6,1%); Svizzera (4,4%); Slovacchia (3,3%); Corea del Sud (2,5%); Italia (0,4%). Paesi di destinazione: Olanda (64%); Slovacchia (8,9%); Polonia (6,2%); Germania (3,8%); Bulgaria (3,3%); Russia (3,1%); India (3%); Svezia (1,7%); Italia (0,7%). Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: prodotti manifatturieri (in particolare automotive, metallurgia, prodotti meccanici e macchinari elettrici); industria aerospaziale; intermediazione finanziaria; immobiliare; prodotti farmaceutici. Italiani verso il Paese: componentistica auto; tessile; chimico; immobiliare. In particolare, tra i principali investimenti italiani troviamo: ENI (2002), il principale investitore italiano in Rep. Ceca per volumi di capitale, leader nelle attività di raffinazione e produzione petrolifera del mercato ceco; Candy Elettrodomestici (2000) produce 200.000 frigoriferi per un turnover di mln/euro 43; SIAD (2005) ha avviato uno stabilimento per la produzione di gas liquido (ton.150/giorno); Gruppo Marzotto (2005) entra nel mercato ceco acquisendo la compagnia Nova Mosilana, una delle principali realtà manifatturiere del mercato locale; Unicredit Bank (2007), quarta banca del Paese, con 57 filiali e 17 centri regionali. All’estero del Paese: elettricità, gas ed acqua; commercio; metallurgico; chimico; industria alimentare; intermediazione finanziaria; immobiliare. In Italia del Paese: turismo e terziario.

Commercio estero4 Totale import: mld/euro 94,8 Totale export: mld/euro 99,6 Principali prodotti importati: macchine e apparecchi elettrici (17,9%); reattori nucleari, caldaie, macchine, apparecchi e congegni meccanici (17,4%); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (7,7%); combustibili minerali, oli minerali e loro derivati (9,6%); ferro e acciaio (7%); articoli in gomma e materie plastiche (6,9%); prodotti farmaceutici (2,9%). Principali prodotti esportati: reattori nucleari, caldaie, macchine, apparecchi e congegni meccanici (19,6%); macchine ed apparecchi elettrici (17,2%); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (17,2%); ferro e acciaio (7,7%); articoli in gomma e materie plastiche (5,9%); combustibili minerali, oli minerali e loro derivati (3,7%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (31,9%); Slovacchia (8,8%); Polonia (6,2%); Francia (5,4%); Regno Unito (4,9%); Austria (4,7%); Italia (4,4%); Olanda (3,7%); Russia (2,7%); Belgio (2,5%); Spagna (2,4%); Ungheria (2,3%). Paesi Fornitori: Germania (25,5%); Cina (12,2%); Polonia (6,4%); Russia (5,4%); Slovacchia (5,2%); Italia (3,9%); Austria (3,4%); Francia (3,3%); Olanda (3,2%); Giappone (2,4%); USA (2,2%); Ungheria (2,2%).

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro 0,7 Principali prodotti importati dall’Italia: macchine, attrezzature e congegni meccanici (16,4%); articoli in gomma e materie plastiche (10,1%); ferro e acciaio (10,1%); macchine ed attrezzature elettriche (9,9%); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (8,4%), prodotti alimentari (5,4%); prodotti farmaceutici (4%); prodotti ottici, fotografici, cinematografici, di misurazione, controllo o di precisione (2,3%). Principali prodotti esportati in Italia: macchine, attrezzature e congegni meccanici (20,4%); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (15,8%); macchine e apparecchi elettrici (14,7%); ferro e acciaio (9,3%); articoli in gomma e materie plastiche (6,8%);

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: regolato con il decreto del Consiglio UE 2913/92 e della Commissione 2454/93. I documenti di importazione necessari sono il documento attestante il prezzo della merce, la fattura, altri eventuali documenti in base alle prescrizioni specifiche relative ad alcuni settori e, infine, speciali licenze a seconda della tipologia di beni importati. Classificazione doganale delle merci6: Tariffario Doganale (riformulato con decreto 200/2005). Restrizioni alle importazioni: normative comunitarie. 4 5 6

102

Fonte: Ufficio Nazionale di Statistica (www.czso.cz) Fonte: Banca Centrale (www.cnb.cz) Per ulteriori informazioni consultare il sito della Direzione delle Dogane: www.cs.mfcr.cz


BUSINESS ATLAS 2011

Importazioni temporanee: consentite per operazioni di assemblaggio, modifica o montaggio, per immagazzinamento e uso temporaneo. Le condizioni aderiscono alle prescrizioni comunitarie, integrabili da decreti locali.

REPUBBLICA CECA

Brevetti e proprietà intellettuale Il Paese ha sottoscritto le Convenzioni Universali di Parigi e Berna su marchi e copyright. La legislazione in vigore garantisce la protezione a tutte le tipologie di brevetti, marchi e modelli di utilità.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: secondo l’attuale Programma Nazionale di Incentivi agli Investimenti, le agevolazioni più incisive vanno essenzialmente a sostegno della produzione industriale per nuove produzioni o espansioni (L.72/2000, come modificata il 2.07.2007). I criteri di concessione e la tipologia dei finanziamenti variano in base al settore e alla zona geografica di insediamento e sono aggiornati con cadenza semestrale. Questi i principali strumenti di agevolazione previsti: tax holidays totali e parziali fino ad un massimo di 5 anni, esenzioni del dazio e IVA per l’importazione di macchinari e attrezzature, sovvenzione per la creazione di nuovi posti di lavoro, sovvenzioni per il training del personale, accesso a terreni edificabili a prezzi ridotti, creazione di zone o parchi industriali. Le attività di supporto allo sviluppo di servizi per le imprese e di centri tecnologici, precedentemente previste dal d.gov. 1238/2003 - quali centri di assistenza clienti, centri di servizi condivisi, (inclusi quartieri generali di compagnie multinazionali), centri di sviluppo software, telecomunicazioni, elettronica e high-tech - sono oggi supportate attraverso appositi programmi finanziati dai Fondi Strutturali 2007-2013. Il budget della Repubblica Ceca per il periodo indicato è mld/euro 26, di cui circa 3,4 riservati ai programmi per le PMI. L’ente nazionale preposto dal Ministero del Commercio e dell’Industria alla gestione esclusiva dei finanziamenti per le PMI è Czechinvest (www.czechinvest.cz). Legislazione societaria: la materia è disciplinata dal Codice Commerciale Ceco (L. 513/91). Un'impresa estera che intenda esercitare un’attività imprenditoriale nel Paese può assumere una forma societaria di diritto ceco o istituire in loco una sede secondaria. Il Codice Commerciale riconosce i seguenti tipi di società: società in nome collettivo (verejná obchodní spolecnost) artt. 76-92, società in accomandita semplice (komanditní spolecnost) artt.93-104e, società cooperativa (druzstvo) artt. 221-260, società a responsabilità limitata (spolecnost s rucením omezenym), società per azioni (akciová spolecnost). Tra le principali riforme in materia commerciale si segnalano: la legge del 2006 per la semplificazione dell’iter amministrativo per l‘avvio di un’attività imprenditoriale; il Nuovo Codice del Lavoro del gennaio 2007, che ha recepito le principali normative europee in tema di salute e sicurezza sul lavoro; le modifiche introdotte in tema di contrattazione collettiva e organizzazione sindacale che garantiscono un sistema pluralistico; la nuova legge fallimentare del luglio 2008 volta a fornire procedure più rapide, maggiori garanzie per i creditori e strumenti più adeguati per salvare le aziende in crisi.

Sistema fiscale7

Imposte

Persone giuridiche

19% (5% per fondi di investimento e fondi pensione)

Persone fisiche

Aliquota unica 15% 23% se reddito superiore a CZK 2.311.200

Accise Di circolazione Immobiliari

Trasferimento di immobili

Per petrolio e derivati, alcol e tabacco CZK 1.200 – 4.200 per automobili CZK 1.800 – 50.400 per camion Variabili in base al tipo, all’uso, alla localizzazione 3%

Aliquota progressiva che varia Successioni dall’1% (0,5% per le successioni) per eredità e donazioni al 40% (20% per le successioni) Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sul valore aggiunto (VAT): 10% (alimentari e servizi medici) o 20% (altri beni e servizi).

Notizie per l’operatore

Rischio Paese8 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE9 apertura senza condizioni

Sistema bancario10 La Banca Nazionale Ceca è responsabile della politica monetaria del Paese. Il sistema bancario è composto da 16 istituti bancari e 16 rappresentanze di banche estere. Gli azioni7 8

9 10

103

Fonte: Ministero delle Finanze Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Banca Centrale (Annual Report, 2009)


EUROPA

REPUBBLICA CECA

sti stranieri di maggioranza, controllano direttamente o indirettamente circa il 97% del totale del patrimonio delle banche e filiali di banche estere. Tipologia

Tassi bancari

Combustibile

Ad uso industriale

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Tipologia

Parchi industriali e zone franche Gestite da società private, le principali sono: Free Zone Ostrava, Senzo Cheb, Graddo Zlin, Cechofracht, Free Zone Pardubice, Trinecke Zelezarny, Management Praha, Merka Spedition, Exces, Spedquic.

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE16 Ambasciata d’Italia Nerudova 20, 118 00 - Praga 1 tel +420 233 080111 - fax +420 257 531522 www.ambpraga.esteri.it • ambasciata.praga@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Sporkova 14, 118 00 - Praga 1 tel +420 257 090681 - fax +420 257 531284 www.iicpraga.esteri.it • iicpraga@esteri.it Ufficio ICE17: Zámecké schody 1, 118 00, Praga 1, tel +420 257 532590 - fax +420 257 532 597 praga@ice.it Ufficio Enit18 Cermàkova, 7 - 120 00 Praga tel +420 222 523572 - fax +420 222 523566 www.enit-italia.cz • info@enit-italia.cz

Manodopera11 (valori medi mensili in €) a

785 796 2.691

Organizzazioni sindacali La Confederazione sindacale indipendente ceco-morava (CMKOS), a cui appartengono i principali sindacati attivi nel Paese, ha il potere di negoziare direttamente col governo e terze parti. La CMKOS ha rapporti bilaterali con oltre 60 Paesi stranieri e offre pubblicazioni informative (The Sondy e Pohledy). Elettricità12 (in €/KW/h)

Alta e media tensione

a

145

NEL PAESE

Costo dei fattori produttivi

Categorie

da

9,95

Indirizzi Utili

Accordi con l’Italia Accordo per evitare la doppia tassazione (1981); Accordo per lo sviluppo e la cooperazione economica (4.10.1993); Accordo PECA sul mutuo riconoscimento dei prodotti industriali (novembre 2003).

da

2,34

Informazioni utili

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

545 618 1.644

Media

Immobili15 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Operaio Impiegato Dirigente

1,40 1,27

Acqua14 (in €/m3)

0,50 % 1,37 % 2,42 %

Categorie

Media

Benzina Nafta

Valore

Tasso di sconto PRIBOR 1gg PRIBOR 12mm

Prodotti petroliferi13 (in €/l)

11 12

Media

13 14

0,104

15

16

17 18

104

Fonte: Statistical Yearbook (2010) Fonte: Europe’s Energy Portal (www.energy.eu) Fonte: Banca Centrale (Annual Report, 2009) Fonte: Czechinvest (www.czechinvest.org); Sovak (www.sovak.cz) Fonte: Czechinvest (www.czechinvest.org); Cush-man&Wakefield (www.cushwake.com) Fonte: Ministero Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


BUSINESS ATLAS 2011

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banco Popolare Ceska Republica Lazarská 1718/3, 111 21, Praga 1 tel +420 224 990281/5 - fax +420 222 510099 www.bancopopolare.cz praha.lazarska@bpcr.cz BNL c/o BNP Paribas Myslbek Building Ovocny thr 8 - Praga tel +420 22 5436001 hans.broucke@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - VUB Banka Branch Pobrezní 3, 186 00 Prague 8 tel +420 22 1865111 www.vub.cz Unicredit Bank Czech Republic Na Prikope 20, 111 21, Praga 1 tel +420 221112111 - fax +420 221112132 www.unicreditbank.cz info@unicreditgroup.cz VUB Banka Pobrezni 3, 186 00, Praga 1 tel +420 221 865111 - fax +420 221 865555 www.vub.cz • infovub@vub.cz

REPUBBLICA CECA

Festività 1 gennaio; lunedì di Pasqua; 1, 8 (Liberazione) maggio; 5 (Giorno di Cirillo e Metodio), 6 luglio (Jan Hus); 28 settembre (San Venceslao); 28 ottobre (Indipendenza); 17 novembre (Rivoluzione di Velluto); 24, 25, 26 dicembre.

Media Quotidiani: Hospodarske noviny, Dnes, Lidovy noviny, The Prague Post, www.praguemonitor.com (online). Radio: CR1, CR2, Evropa2, Kiss, Impuls, Frekvence 1 TV: CT1, CT2, TV Nova, Prima TV.

Alberghi Per notte stanza doppia: 3 stelle, euro 70-80; 4 stelle 100120 Assistenza medica Prnto soccorso tel. 155. I cittadini italiani che si recano temporaneamente nel Paese possono ricevere le cure mediche necessarie previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), o in alternativa i modelli E110, E111, E119 ed E128.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Czech Airlines. Trasferimento da e per l’aeroporto: l'aeroporto di Praga si trova a 15 km dal centro città; per raggiungere il centro il trasporto pubblico è l'opzione più economica (ca. 1 euro): l’autobus 119 (frequenza ogni 10 min., dalle h 4.20 fino alle 00.10) collega il terminal con la linea A della metropolitana, capolinea Dejvická; l'autobus 100 (dalle h 5.45 fino alle 23.39) collega l’aeroporto alla linea B della metropolitana con fermata al capolilnea Zlicín. E’ attivo, inoltre, l'Airport Express (ca. euro 1,8) che collega il terminal con il centro della città. Presente anche un servizio notturno (bus 510) in funzione dalle 24.00 alle 4.00. Tra le altre opzioni: Taxi (AAA Taxi: euro 25-30), navette e minibus euro 50-60

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via dei Gracchi 322, Roma tel 06 3609571 - fax 06 3244466 www.mzv.cz/rome rome@embassy.mzv.cz Consolati Onorari Ancona, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Udine, Venezia.

Formalità doganali e documenti di viaggio Il Paese appartiene allo spazio Schengen dal 21.12.2007, vigente, quindi, la libera circolazione di persone e merci. Per i cittadini italiani è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telefonica O2 Telefonia mobile: Telefonica O2, T-Mobile, Vodafone, MobilKom.

Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz/AC

Siti di interesse Sito ufficiale della Repubblica Ceca: www.czech.cz Ufficio Nazionale di Statistica: www.czso.cz Ente governativo di promozione e supporto agli investimenti stranieri: www.czechinvest.org Governo: www.vlada.cz

Giorni lavorativi ed orari Uffici pubblici e banche: lun-ven 8.00/9.00-17.00 Negozi: lun-ven 8.00/9.00 - 18.00/19.00;

105


EUROPA

AUSTRIA

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca

Praga

Anno di fondazione 2001 Anno di riconoscimento 2003 Presidente Antonio PASQUALE Segretario Generale Livia ROMANI Indirizzo Cermakova 7 - 120 00 Telefono +420 222 015300 Fax +420 222 015301 Web www.camic.cz E-mail info@camic.cz Orario lun-ven: 9.00 – 17.30 Numero dei soci 210

Quota associativa persone fisiche, ditte individuali, aziende con 0 dipendenti: CZK 5.000; 1–5 dipendenti, organizzazioni noprofit: CZK 8.000; aziende con 6-49 dipendenti, associazioni di categoria e professionali: CZK 14.000; aziende ed enti con 50-99 dipendenti: CZK 18.000; oltre 100 dipendenti: CZK 26.000; soci sostenitori: quota libera Pubblicazioni CamIC Magazine (bimestrale bilingue), Country Overview (annuale), Guida agli Affari in Repubblica Ceca; Legge sull’IVA e Riforma fiscale 2008 in Repubblica Ceca. Accordi di collaborazione Fondazione Campus Studi del Mediterraneo Lucca; Università: Bocconi Milano, Bologna, Ca’ Foscari Venezia, Macerata, Sacro Cuore Milano, Torino.

106


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

10 16 21 25 30 35 36 35 30 25 20 13

Media min

Quadro macroeconomico3 La crescita economica del Paese iniziata nel 2006, con una percentuale del 7,9% è proseguita a tassi elevati negli anni successivi fino alla brusca frenata in coincidenza della recessione (–7,1% nel 2009). Il 2010 ha confermato il trend negativo con un –2,5%, mentre una ripresa è prevista per il 2011 (1,5%). La contrazione della domanda interna ed il consumo finale delle famiglie rispecchiano il trend negativo del PIL, registrando rispettivamente il –0,3% ed il –2,3%. La bilancia commerciale presenta un saldo negativo di mld/euro 9,5 in crescita rispetto al 2009. Il tasso di disoccupazione è stato pari al 7,6%; i tassi più alti sono stati registrati nelle province orientali e meridionali del Paese (Vaslui, Mehedinti, Teleorman) mentre quelli più bassi a Bucarest e nella regione di Ilfov. Per quanto riguarda il reddito, il guadagno netto medio nominale è aumentato dell’1,3%. A dicembre 2010, il tasso annuale di inflazione ha raggiunto ca. l’8%, in particolare a causa dell’aumento dell’IVA, passata dal 19% al 24% il 1.07.2010. Il debito estero ammonta a fine 2010 a mld/euro 90,7, in aumento dell’11,8% rispetto al mese di dicembre 2009.

-12 -4 -3 0 5 10 15 13 10 0 -1 -12

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 238.391 kmq Popolazione 21.698.000 Gruppi etnici Romeni (89,5%); Ungheresi (6,6%); Rom (2,5%); Tedeschi (0,3%); Ucraini (0,3%); altro (0,8%) Comunità italiana1 2.878 Capitale Bucarest (1.944.451) Città principali Timisoara (311.440); Iasi (308.663); Cluj-Napoca (307.215); Sibiu (154.080) Moneta Leu (RON) Tasso di cambio2 1 euro=4,21216 RON Lingua Romeno Religioni principali Ortodossi (86,8%); Cattolici (4,7%); Protestanti (3,5%); Ordinamento dello Stato Repubblica democratica Semi-Presidenziale; la Costituzione prevede un Presidente, un Parlamento, una Corte Costituzionale e un sistema separato di tribunali inferiori tra i quali la Corte Suprema. Il potere legislativo è attribuito a un Parlamento bicamerale (Camera dei Deputati e Senato) eletto ogni quattro anni a suffragio universale. Il Presidente, eletto con voto popolare per un massimo di due mandati di 5 anni, è Capo di Stato, Comandante Supremo delle Forze Armate e Presidente della Corte Suprema di Difesa. Il Presidente nomina il Primo Ministro, che a sua volta sceglie il Governo che deve essere confermato dal Parlamento con un voto di fiducia. Il sistema giudiziario si basa sul Codice napoleonico. Il potere giudiziario è indipendente e i giudici nominati dal Presidente non sono rimovibili. Il Presidente e gli altri membri della Corte Suprema sono nominati per un periodo di 6 anni e possono essere riconfermati per più mandati consecutivi. La Corte Costituzionale (9 giudici) è in carica per 9 anni e viene eletta dalla Camera dei Deputati, dal Senato e dal Presidente della Repubblica Suddivisione amministrativa 42 Distretti (compresa la municipalità di Bucarest), 263 città, 2.685 comuni e 13.285 villaggi.

Principali settori produttivi1 Alla formazione del PIL ha contribuito in modo importante il settore dei servizi per il 51,3%, seguito dall’industria (27,6%), dalle costruzioni (7,0%), dall’agricoltura (3,3%) e dalle imposte nette sui prodotti (10,8%). I settori che più hanno risentito degli effetti della crisi rispetto all’anno precedente sono le costruzioni (-12%) e i servizi (-2,2%). Anche le imposte nette hanno subito una flessione negativa del 6,1%. Al contrario l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca hanno registrato una crescita dello 0,3% e l’industria del 5,1%. Secondo previsioni, tutti i settori dovrebbero tornare su valori positivi nel 2011. 1 2 3

108

Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Romeno (INNSE) Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Romeno (INNSE); Banca Nazionale Romena (BNR); FMI


BUSINESS ATLAS 2011

Infrastrutture e trasporti La rete stradale si estende per ca. 82.000 km, di cui 321 km sono autostrade, 16.100 km sono strade nazionali, 35.000 km provinciali e 29.800 km strade comunali. Entro il 2013, sono previsti piani di costruzione di un ulteriore tratta autostradale. La rete ferroviaria si estende per 22.200 km, dei quali 8.600 km sono a trazione elettrica; la rete, in corso di ammodernamento, consentirà la circolazione di treni ad una velocità di 160km/h. Il trasporto fluviale copre 1.779 km di cui 1.075 km rappresentati dal Danubio navigabile, 524 km dai bracci e 95 km da idrovie artificiali (Danubio-Mar Nero e Poarta Alba-Navodari). I principali porti fluviali sono a Orsova, Drobeta Turnu Severin, Giurgiu, Cernavoda, Galati, Braila e Tulcea, mentre i principali porti marittimi si trovano a Constanta, Mangalia, Sulina. In Romania sono presenti 16 aeroporti internazionali di cui il più importante è quello di Bucarest Otopeni. Altri aeroporti internazionali si trovano a Sibiu, Constanta, Timisoara, Arad, Bacau, Baia Mare, Cluj-Napoca, Suceava. Craiova, Satu Mare, Oradea, Targu Mures. E’ prevista la costruzione di altri aeroporti a Deva, Alba-Iulia, Bistrita, Brasov e Galati-Braila.

materie tessili e loro manufatti (23,1%); veicoli, aeronavi, impianti trasporto (4,1%); chimica (6,3%); prodotti minerali (0,7%); alimentari, bevande, tabacco (6,4%); plastica, gomma, connessi (4,4%); pelli crude/conciate, pellicceria (2,4%).

Investimenti esteri (principali Paesi)6 Paesi di provenienza: (dati relativi al capitale investito nel primo semestre 2010) Olanda (18,2%); Austria (15,7%); Germania(15,7%); Francia (8%); Grecia (7%); Cipro (5,9%); Italia (5,2%). Paesi di destinazione: Italia (13,9%); Germania (18,3%); Turchia (6,9%); Francia (8,5%); Ungheria (4,7%).

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: energia (eolica), attività industriali (industria metallurgica, automobilistica e componenti, materiali da costruzione, industria alimentare e del tabacco) e servizi (intermediazione finanziaria, bancaria e assicurativa, servizi IT).

Aspetti normativi e legislativi

Commercio estero4 Totale import: mld/euro 46,7 Totale export: mld/euro 37,2 Principali prodotti importati: macchine e dispositivi meccanici, macchine, apparecchiature e attrezzature elettriche (28,1%); prodotti minerali (11,1%); chimica (17,4%); metalli comuni ed altri articoli in metallo (10,9%); autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto (7,2%); altri prodotti (7,9%); materiali tessili e connessi (9%); agroalimentare (8,4%). Principali prodotti esportati: macchine e dispositivi meccanici (26,8%); prodotti minerali (5,8%); materiali tessili e connessi (12,5%); metalli comuni ed altri articoli in metallo (12%); autoveicoli e altri mezzi e attrezzature da trasporto (15,5%); materie plastiche, gomma e articoli connessi (9,5%); agroalimentare (7,8%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (18,3%); Italia (13,9%); Francia (8,5%); Turchia (6,8%); Ungheria (4,7%). Paesi Fornitori: Germania (16,8%); Italia (11,6%); Ungheria (8,7%); Francia (5,9%); Cina (5,5%).

Interscambio con l’Italia5 Saldo commerciale: mld/euro –0,02 Principali prodotti importati dall’Italia: macchine, apparecchiature, impianti elettrici (23,9%); metalli comuni e loro lavori (15,6%); materie tessili e loro manufatti (18,3%); veicoli, aeronavi, impianti trasporto (4,1%); chimica (4,8%); prodotti minerali (1,8%); alimentari, bevande, tabacco (1,6%); plastica, gomma, connessi (6%); pelli crude/conciate, pellicceria (7,6%). Principali prodotti esportati in Italia: macchine, apparecchiature, impianti elettrici (20,8%); metalli comuni e loro lavori (8,9%);

ROMANIA

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: dal 1.01.2007, a seguito dell’ingresso del Paese nell’UE, vige la libertà di circolazione delle merci, nei limiti sanciti dalla regolamentazione comunitaria. Per le merci di origine extraeuropea, occorre presentare presso l’autorità doganale la dichiarazione doganale d’importazione insieme ai seguenti documenti: documento di trasporto della merce, fattura, dichiarazione di valore in dogana, codice fiscale dell’importatore, eventuali documenti per beneficiare del regime tariffario preferenziale o di certificati sanitari, lista dei colli. Classificazione doganale delle merci: classificazione TARIC, utilizzata all’interno dell’UE. Restrizioni alle importazioni: previsto un certificato di conformità alle norme per prodotti in grado di produrre danni alla salute o alla vita, alla sicurezza del lavoro ed all’ambiente. Importazioni temporanee: il regime temporaneo è previsto per merci straniere destinate ad essere riesportate verso il Paese di provenienza (con esenzione totale o parziale dal pagamento dei diritti di importazione e senza l’applicazione delle misure di politica commerciale). L’autorità doganale stabilisce un termine entro il quale le merci debbano essere riesportate o debbano ricevere un’altra destinazione doganale. Qualora i beni siano introdotti temporaneamente nel Paese in base alla Convenzione Doganale per l’Ammissione Temporanea delle Merci (Convenzione ATA), il carnet ATA 4

5 6

109

Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Romeno (INNSE); Banca Nazionale Romena (BNR); FMI Fonte: Istat (I semestre 2010) Fonte: Istituto Nazionale di Statistica Romeno (INNSE); ICE


EUROPA

ROMANIA Notizie per l’operatore

sostituisce la richiesta di autorizzazione ed il volet compilato sostituisce l’autorizzazione e la dichiarazione doganale per la concessione del regime di ammissione temporanea.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: L.332 (29.06.2001) modificata dalla OUG 85/24 giugno 2008, relativa alla promozione degli investimenti diretti con impatto significativo sull’economia; Ordinanza d’urgenza del Governo 92/1997 per stimolare gli investimenti diretti; Ordinanza del Governo 66/1997 relativa al regime degli investimenti esteri in Romania realizzati tramite l’acquisto di titoli di Stato (modificata dalla legge 46/2006). Legislazione societaria: la più diffusa forma societaria è la Srl (Societate cu Raspundere Limitata) che ha un capitale minimo di ca. euro 60, sottoscritto interamente alla costituzione. Altri tipi di società previsti dalla legislazione romena sono la Società per Azioni (Societate pe actiuni – SA), il cui numero di azionisti non può essere inferiore a 5 e il cui capitale minimo obbligatorio è di euro 25.000, di cui il 30% sottoscritto alla costituzione e il resto entro 12 mesi; la Società a nome collettivo (Societate in nume colectiv – SCS); la Società in accomandita per azioni (Societate in Comandita pe Actiuni – ScA). Il testo legislativo di riferimento è la Legge 31/1990 con le ulteriori modifiche e integrazioni.

Rischio paese7 4/7 Condizioni di assicurabilità SACE8 apertura con condizioni per rischio sovrano; senza condizioni per rischio privato e bancario.

Sistema bancario La Banca Nazionale della Romania (BNR) è la banca centrale del Paese; ha sede a Bucarest e dispone di diverse filiali e agenzie dislocate in 19 distretti nazionali. Il sistema bancario romeno è costituito da 42 istituti, la maggior parte a capitale straniero. Le principali banche commerciali sono: Banca Comerciala Romana (BCR), Banca Romana pentru Dezvoltare (BRD), Volksbank Romania, Alpha Bank Romania, CEC Bank, UniCredit Tiriac Bank, Raiffeisen Bank, Banca Transilvania, Bancpost, ING Bank. Tipologia

BNR Reference Rate BNR Lending facility BNR Deposit facility ROBOR (1 anno) ROBID (1 anno) Crediti RON Crediti euro Depositi RON Depositi euro

Brevetti e proprietà intellettuale La L. 64/1991 (ripubblicata nel 2007) tutela il titolare di un brevetto d’invenzione e sanziona l’indebita appropriazione, fabbricazione, utilizzazione o messa in circolazione dell’oggetto; la L. 129/1992 (ripubblicata a norma dell’Art. III della L. 585/2002) sanziona l’appropriazione, la riproduzione, la fabbricazione, la vendita, l’utilizzazione di disegni e dei modelli industriali coperti da privativa. L’OSIM – Oficiul de Stat pentru Inventii si Marci (Ufficio dello Stato per Inven-zioni e Marchi) è l’ente addetto alla registrazione dei marchi e brevetti con 14 centri regionali presenti nelle principali città del Paese.

Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche La creazione dei parchi industriali è disciplinata dalla L.490/2002, che approva l'O. G. 65/2001. I parchi sono soggetti a un particolare regime di agevolazioni concesso dalle pubbliche autorità locali. Attualmente sono presenti in Romania 50 parchi industriali; i principali si trovano a Ploiesti,Timidezza, Bucarest, Zarnesti (Brasov), Craiova. Le zone franche sono, invece, disciplinate dalla L. 84/1992 modificata dalla L. 244/2004. Al momento sono presenti nel

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Imposta unica

Valore

16 %

Tassazione sulle attività d’impresa: 16%. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 24%; aliquota ridotta (9%), prevista per alcuni beni e servizi.

Valore

6,25% 10,25% 2,25% 7,05% 6,30% 11% - 16% 7% - 14% 6% - 7% 2% - 3%

Principali finanziamenti e linee di credito

Sistema fiscale In base alla Legge 571/2003 e ulteriori modifiche, sono obbligati a pagare l’imposta sugli utili tutte le persone giuridiche (romene o straniere) che svolgono attività in Romania. L’imposta sui redditi delle persone fisiche si applica a tutti i soggetti imponibili (persone fisiche romene e straniere) per i redditi ottenuti in Romania, per un periodo che supera un totale di 183 giorni nei 12 mesi. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tipologia

Tassi bancari

7

8

110

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

Paesi 6 zone franche: Constanta Sud-Basarabi, Sulina, Galati, Braila, Giurgiu, Curtici-Arad.

Tipologia

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali (14.01.1977); Accordo in tema di protezione dell’investimento (6.12.1990).

Operaio Impiegato Dirigente

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Aleea Alexandru 41, sector 1 - 011822 Bucarest tel +40 21 2310885 - fax: +40 21 2310894 segreteria.iicbucarest@esteri.it Ufficio ICE14 str. A.D. Xenopol 15, sector 1 - 010472 Bucarest tel +40 21 2114240 - fax +40 21 2100613 bucarest@ice.it ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Cr Firenze Romania Bd. Unirii nr. 55, bloc E4A, tronson 1, 030826 sector 3, Bucarest tel +40 212011930 - fax +40 212011931 www.bancacrfirenze.ro • office@bancacrfirenze.ro Banca Italo-Romena (succursale) Str. Gara Herastrau, 2-4 parter, et.1, 2 si 3 020334, Sector 2, Bucarest tel +40 21 2320712/26 - fax +40 21 2320738 www.italo-romena.ro • office@italo-romena.ro Banca Popolare Vicenza e Banca Popolare Emilia Romagna (Italian desk presso Volksbank Romania) Sos. Mihai Bravu 171, sector 2 - 021323 Bucarest tel +40 21 4056530 - fax +40 21 4056539 christian.neri@volksbank.com.ro

Elettricità ad uso industriale10 (in €/KW/h)

Alta e media tensione Combustibile

da

a

0,09

0,17

Prodotti petroliferi11 (in €/l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

Acqua12 (in €/m3)

Ad uso industriale

a

27

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE13 Ambasciata d’Italia Str. Henri Coanda 9, Bucarest tel +40 21 3052100 - fax +40 21 3120422 www.ambbucarest.esteri.it • ambasciata.bucarest@esteri.it Consolato Generale Timisoara str. Putna 6 - 300593 tel +40 25 6408630 - fax +40 25 6221257 www.constimisoara.esteri.it consolato.timisoara@esteri.it

250 600 5.000

Organizzazione sindacale L’organizzazione sindacale viene disciplinata dalla L. 54/2003. Presenti cinque sindacati maggiori: la Confederazione Nazionale Sindacati Liberi della Romania (CNSLR), con 40 federazioni affiliate e 800 mila soci; la Confederazione Nazionale Sindacale Cartel Alfa (CNSCA) costituita nel 1990 e affiliata alla Confederazione Mondiale del Lavoro, presenta 38 associazioni di categoria affiliate che rappresentano settori pubblici e privati; il Blocco Nazionale Sindacale (BNS) costituito nel 1991 e comprende 39 federazioni dei settori più importanti dell’economia e 36 filiali distrettuali; la Confederazione dei Sindacati democratici della Romania (CSDR) è affiliato alla CES (Confederazione europea dei sindacati) e alla CMT (Confederazione Mondiale del Lavoro) ed ha 20 federazioni affiliate, sia nel settore pubblico e in privato; la confederazione nazionale dei sindacati (CSN) è stata fondata nel 1994 dalla fusione delle due federazioni: la Federazione dei sindacati delle miniere di rame della Romania e la Federazione Unita dell’ industria della gomma, comprende 27 federazioni regionali, 42 sedi a livello provinciale e a Bucarest. Categorie

5

Indirizzi Utili NEL PAESE

a

170 370 1.000

da

Informazioni utili

Manodopera9 (valori medi mensili in €) da

Immobili (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

Costo dei fattori produttivi Categorie

ROMANIA

Media

1,32 1,21 0,67

Fonte: Istituto Nazionale di Statistica rumeno (INSSE) Fonte: www.electrica.ro Fonte: www.petrom.com Fonte: www.apavital.ro 13 Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 14 Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) 9

10

Media

11 12

0,64

111


EUROPA

ROMANIA

BNL c/o BNP Paribas Fortis S-Park, A1, Sector 1 , 11-15 Tipografilor Street Bucarest tel +40 214011701 vincenzo.calla@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo Bank Romania (head office) B-dul Revolutiei 88 - 310025 Arad tel +40 257 308200 (secondary office) Tipografilor Street, 11-15, S Park, Building B3-B4, 5th floor, 013715 Bucarest tel +40 214053600 www.intesasanpaolobank.ro Unicredit Tiriac Bank Str. Ghetarilor 23-25, sector 1 - 014106 Bucarest tel +40 21 2002020 - fax: +40 21 2002002 www.unicredit-tiriac.ro • office@unicredittiriac.ro Unicredit Leasing Corporation (Sede centrale) Str. Nicolae Caramfil 25, sector 1 014141 Bucuresti tel +40 22007777 - fax +40 212007787 www.unicreditleasing.ro • bucuresti@unicreditleasing.ro

Festività 1, 2 gennaio; Pasqua e lunedi dell’Angelo; 1 maggio; Pentecoste, lunedì di Pentecoste; 15 agosto; 1 dicembre (festa nazionale), 25, 26 dicembre.

Media Quotidiani: Adevarul; Evenimentul Zilei; Nine o’clock; Romanialibera; Ziarul finanzia; Ziua. Riviste: economiche BIZ Invest Romania, Piata financiara, Bucharest Business Week, Capital, eWeek; Pubblicazioni in lingua italiana: Sette giorni, Il Gazzettino Romeno, Insieme, Piazza Italia. TV: Societatea Romana de Televiziune; Antena 1, Pro Tv, Prima Tv, National Tv, Otv, Kanal D, Romantica. Alberghi 4-5 stelle: euro 180-300; 2-3 stelle: 50-180.

Assistenza medica I cittadini stranieri che soggiornano in Romania hanno diritto al pronto soccorso. Per emergenze chiamare: 112, 961, 962 o 973.

IN ITALIA

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Tarom Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Alitalia, British Airways, Austrian Airlines, Air France, Carpatair, Lufthansa, KLM, Blue Air, Meridiana, Wizz Air, Easy Jet. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’aeroporto di Bucarest si trova a 18 km dal centro della città. I collegamenti sono assicurati da un servizio regolare di autobus (euro 1,50-2, A/R) e da taxi (euro 20-25).

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via N. Tartaglia 36 - Roma tel 06 8084529 - fax 06 8084995 www.roembit.org • amdiroma@libero.it Consolati Generali Bologna via Guelfa 9 - scala A int. 3 tel 051 5872120 / 5872209 - fax 051 5871950 consulatbologna@gmail.com Milano via Gignese 2 tel 02 40074023 / 40074018 - fax 02 40074023 alebuje@tin.it Torino via Ancona 7 tel 011 2495264 - fax 011 2358136 www.consulatulromaniei.it • torino@consulatulromaniei.eu Trieste via Udine 11 tel 040 411652 - fax 040 44938 consulat.trieste@gmail.com

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Romtelecom, RDS, UPC. Telefonia mobile: Vodafone, Orange, Cosmote.

Siti di interesse Governo della Romania: www.guv.ro Ministero dell’Economia e del Commercio: www.minind.ro Ministero delle Finanze Pubbliche: www.mfinante.ro Ministero degli Affari Esteri: www.mae.ro Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e dello Sviluppo Rurale: www.mapam.ro Banca Nazionale della Romania: www.bnro.ro Agenzia Romena per gli Investimenti Stranieri: www.arisinvest.ro Istituto Nazionale di Statistica: www.insse.ro Romexpo (ente fiere): www.romexpo.ro

Formalità doganali e documenti di viaggio Per cittadini UE sufficiente il passaporto o un documento di identità; per i cittadini di Paesi terzi è necessario il visto. Corrente elettrica 220 V, 380 V

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-17.00 / 18.00 Negozi: lun-ven 10.00-21.00; dom 10.00-15.00 Banche: lun-ven 8.30-12.30; 14.00-18.00; alcune banche aperte anche il sabato mattina.

112


BUSINESS ATLAS 2011

ROMANIA

Camera di Commercio Italiana per la Romania

Bucarest

Anno di fondazione 1994 Anno di riconoscimento 2005 Presidente Guglielmo FRINZI Segretario Generale Adrian Ion DIMACHE Indirizzo Str. Franceza, 13, et. 2 - 030102 Telefono +40 21 3102315 / 3102316 Fax +40 21 3102318 Web www.cameradicommercio.ro E-mail segreteria@cameradicommercio.ro Orario lun-ven 9.00 -18.00 Numero dei soci 195 Quota associativa persone giuridiche, euro 400/ anno; persone fisiche euro 200 / anno

Newsletter Il Bollettino; Bollettino legislativo; Bandi di gara; Fondi strutturali (tutte in versione elettronica) Accordi di collaborazione Camere di Commercio: Brasov, Bistrita-Nasaud, Bucarest, Cluj, Ilfov, Prahova, Vaslui; CEI Piemonte; Promec Modena; Romexpo Bucarest; Università: Bocconi Milano, Ca’ Foscari Venezia, Cattolica Milano, Genova. Ufficio Regionale di Cluj Indirizzo str. Horea, 3 Telefono +40 745818643 Riferimento Camillo TORTA


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia3

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

–6 –5 1 11 18 22 24 22 15 8 1 –4

Media min

Quadro macroeconomico Tra le grandi economie mondiali emergenti, la Russia è stata per circa cinque anni, fino al 2008, al terzo posto per dinamicità di sviluppo, dopo Cina e India. Nel 2009 gli effetti della crisi si sono rivelati particolarmente pesanti per l’economia del Paese con perdite di capitale maggiori rispetto al previsto e un lieve aumento della povertà. La crescita è stata del 2,9% nel primo trimestre 2010 e del 5,2% nel secondo. L'espansione dell'economia russa è stata spinta dall'aumento delle esportazioni delle materie prime e dall'accelerazione della ripresa della domanda interna.

–12 –12 –6 2 7 12 14 12 7 2 –4 –8

Principali settori produttivi Industria mineraria ed estrazione del petrolio; produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua; settore manifatturiero; costruzioni; vendita al dettaglio e all’ingrosso; servizi finanziari; agricoltura; industria alimentare; produzione di carbon coke e prodotti petrolchimici.

Fuso orario1 (rispetto all’Italia): 9 fusi orari (Mosca: +2) Superficie 17.075.400 kmq Popolazione 142.200.000 Gruppi etnici Russi (82%), Tatari (3,8%), Ucraini (2,5%), Ciuvasci (1,2%), Baskhiri (1,1%), Ceceni (0,9%), Armeni (0,8%) Bielorussi (0,8%) Comunità italiana 3.500 ca. Capitale Mosca Città principali San Pietroburgo, Nizhniy Novgorod, Novosibirsk, Ekaterinenburg, Samara, Omsk, Krasnodar Moneta Rublo (RUB) Tasso di cambio2 1 euro=40,2629 RUB Lingua Russo (ufficiale) Religioni principali maggioritari Ortodossi (20%), Islamici (15%) Ordinamento dello Stato Repubblica Federale secondo quanto previsto dalla Costituzione del 12.12.1993. Il Presidente è eletto ogni 6 anni (a seguito della riforma approvata il 31.12. 2008) con suffragio diretto e gode di ampi poteri esecutivi. Il Parlamento, organo legislativo, è articolato in una Camera Bassa (Duma di Stato) e una Alta (Consiglio della Federazione). Il mandato del Parlamento ha durata quinquennale. Il Capo del governo è designato dal Presidente con il consenso della Duma Suddivisione amministrativa 46 Regioni, 21 Repubbliche, 4 Territori autonomi, 9 Kray, una Regione autonoma e 2 città di importanza federale (Mosca e San Pietroburgo).

1 2 3

Fino al 28 03.2010 la Federazione russa ha avuto 11 fusi orari Tasso di cambio medio 2010 Fonti: The World Factbook, CIA; Business Guide Federazione Russa; ISTAT; ICE; www.rcrussia.it

Infrastrutture e trasporti Per ragioni storiche, legate a fattori strategico-economicomilitari (agevolazione dell’industria bellica e della grande industria), la via di collegamento più evoluta nel Paese è rappresentata dalla rete ferroviaria, basata sul sistema a scartamento maggiore. E’ presente, tuttavia, un solo terminal di scambio (in Bielorussia) per il passaggio dallo scartamento russo a quello ridotto europeo che rappresenta un ostacolo al commercio con l’Europa. Sono comunque in progetto grandi investimenti, legati alle infrastrutture ferroviarie in previsione delle Olimpiadi invernali di Soci del 2014. La rete stradale, nonostante nel 2008 sia stato messo in atto un imponente piano di ammodernamento (per mld/euro 11), rimane secondaria per il trasporto commerciale su medio e lungo raggio.

114

Commercio estero Totale import: mld/euro 179 Totale export: mld/euro 284,15 Principali prodotti importati: macchinari, automobili, prodotti farmaceutici, plastica, prodotti metallici semi-finiti.


BUSINESS ATLAS 2011

Principali prodotti esportati: petrolio, gas naturale, legno, prodotti chimici. Principali partner commerciali (2009) Paesi Clienti: Olanda (10,6%); Italia (6,5%); Germania (6,2%); Cina (5,7%); Turchia (4,3%); Ucraina (4%). Paesi Fornitori: Germania (14,4%); Cina (14%); Ucraina (5,5%); Italia (4,8%); USA (4,5%).

partecipazione paritetica. Nel giro di 5 anni Renova intende investire nella produzione di energia rinnovabile quasi un miliardo di euro. Nel gennaio del 2009 sono entrati in funzione i primi due generatori eolici nel parco energetico presente in Toscana); Gazprom, inoltre, a seguito dell’accordo di partenariato strategico con ENI, ha acquisito l’accesso al mercato italiano della distribuzione del gas, concludendo di recente un accordo con le compagnie italiane A2A e Iride. Nel campo della raffinazione del petrolio, Lukoil ha ottenuto da ERG una partecipazione del 49% nella Società Raffinerie Mediterranee, proprietaria del polo nei pressi di Siracusa.

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro –5,70 Principali prodotti importati dall’Italia: (mld/euro) prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori (1,6); articoli in gomma e materie plastiche (0,3); prodotti alimentari, bevande e tabacco (0,2). Principali prodotti esportati in Italia: combustibili (mld/euro 13) e ghisa, ferro e acciaio (oltre mld/euro 2) rappresentano il 94% delle vendite russe.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: il sistema di certificazione e standardizzazione delle regole doganali, dei controlli fitosanitari, delle procedure di registrazione e rilascio di licenze è costoso e poco trasparente. L’autocertificazione viene di rado accettata, mentre prevale un uso estensivo della certificazione demandata a terzi, con autorizzazioni di durata limitata. La certificazione comunitaria non è accettata; sono invece richiesti attestati di qualità e conformità ad hoc che richiedono complesse procedure di registrazione. Nonostante l’entrata in vigore del nuovo Codice Doganale, che prevede una semplificazione e una riduzione dei margini di discrezionalità delle procedure, la situazione rimane insoddisfacente. Classificazione doganale delle merci: secondo i criteri internazionali armonizzati HTS. Restrizioni alle importazioni: notizie recenti riferiscono che il governo ha elevato significativamente il livello dei dazi doganali sulle importazioni di auto nuove (25-30%) e usate a partire dal 12.01.2009. La misura, atta a difendere i produttori locali, tra cui numerose case automobilistiche internazionali, ha sollevato proteste tra gli automobilisti russi. In particolare nella regione di Vladivostok, dove l'importazione dell'usato giapponese e l'indotto collegato costituiscono una delle voci più importanti dell'economia e dell'occupazione. I nuovi dazi doganali possiedono una validità programmata di 9 mesi. Importazioni temporanee: il regime consente un’esenzione totale o parziale dalle imposte e tasse doganali a condizione che le merci vengano poi riesportate entro il termine stabilito dalle autorità doganali, non superiore ai due anni. Non possono essere introdotti temporaneamente materiali e campioni di consumo, prodotti alimentari, bevande (inclusi gli alcolici), tabacco (a eccezione dei singoli campioni aventi finalità pubblicitarie o per esibizione in fiera). Di recente è stato consentito l’utilizzo dei carnet ATA. Se le merci dovessero rima-

Investimenti esteri (principali Paesi)5 Paesi di provenienza: Olanda (18,6%); Cipro (16,6%); Lussemburgo (15,1%); Regno Unito (10,1%); Germania (6,7%). Paesi di destinazione: Cipro (28,4%); Olanda (19,7%); USA (10%); Svizzera (7,1%); Isole Vergini (6,3%); Regno Unito (4,2%).

Investimenti esteri (principali settori)4 Verso il Paese: industria manifatturiera (29%), commercio ingrosso e dettaglio (25%), trasporti (20%), industria estrattiva (12%), operazioni immobiliari (8%), finanza (3%), edilizia (1%). Italiani verso il Paese: settore energetico (nel mese di aprile 2009 è stato sottoscritto il secondo protocollo al memorandum d’intesa tra ENI e Gazprom per aumentare da 31 a 63 miliardi cubi l’anno la capacità della sezione sottomarina del progetto; l’ENEL ha confermato ad aprile 2009 un piano di investimenti in Russia pari a mld/euro 2,1 entro il 2013); settori ad alto contenuto tecnologico (con Alenia Aeronautica – Gruppo Finmeccanica, nel quadro del progetto Sukhoi Civil Aircraft per la produzione di una nuova famiglia di velivoli civili da trasporto regionale, i Superjet 100); telecomunicazioni (Artetra, Alenia ed Aermacchi); industria automobilistica (FIAT e Iveco); elettrodomestici (Indesit, Candy e Merloni; quest’ultima ha finora investito nel Paese mln/euro 204 per la produzione di frigoriferi e lavatrici, e inoltre è presente nella regione di Lipetsk con due stabilimenti e un mega centro logistico di 54 mila mq in cui investirà, nel periodo 2009-2011, ulteriori 45 milioni); agroalimentare (Parmalat, Perfetti, Ferrero, Cremonini); settore bancario (Intesa Sanpaolo e Unicredit). In Italia del Paese: Severstal (dopo aver acquisito il controllo dell’azienda siderurgica Lucchini nel 2005, nell’estate del 2009 ha rilevato il 100% delle aziende del gruppo italiano Redaelli Tecna); Rusal (ha acquisito Eurallumina, la Evraz holding la Palini & Bertoli, azienda friulana produttrice di lamiere in acciaio) e Renova (dopo aver esteso il proprio controllo su Energetic Source ha avviato un partenariato industriale con Kerself, dando origine a una nuova entità societaria con

RUSSIA

4 5

115

Fonte: ISTAT; Business Guide Federazione Russa Dati 2009


EUROPA RUSSIA

Notizie per l’operatore

nere in Russia dopo la scadenza del termine autorizzato, oltre al pagamento di tutte le imposte dovute per l’immissione in libero consumo, il titolare sarà obbligato a versare anche gli interessi ad un tasso di sconto praticato dalla Banca Centrale russa per la dilazione di pagamento.

Rischio Paese7 3/7 Condizioni di assicurabilità SACE8 apertura senza condizioni

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: clima positivo per i capitali incoming, anche se le autorità tendono a proteggere alcuni settori strategici, in particolare quello energetico. Il governo ha manifestato l’intenzione di ridurre la partecipazione delle imprese straniere nei progetti di sfruttamento dei giacimenti. In un tentativo di snellimento burocratico, dal 1.07.2006, le autorità russe hanno abolito tutte le limitazioni, licenze e permessi necessari all’esportazione o all’importazione di capitali. Legislazione societaria: il Codice Civile russo prevede le Società in nome collettivo, in accomandita, a responsabilità limitata e aggiuntiva, le Società per azioni di tipo aperto e di tipo chiuso. Le società a partecipazione straniera possono essere costituite sotto forma di società per azioni di tipo aperto (OAO) o chiuso (ZAO) e di società a responsabilità limitata (OOO). Sono di tipo “chiuso” quelle società in cui le azioni possono essere cedute solo all’interno della compagine azionaria (in generale questa coincide con i soci fondatori). Sono, invece, di tipo “aperto” se le azioni possono essere cedute al mercato (unica forma ammessa per la costituzione di società durante il processo di privatizzazione e per le holding).

Sistema bancario A fine 2009, presenti nel Paese 1.200 banche - di cui 65 detenute al 100% da banche estere e 13 con più del 50% di proprietà straniera. Cinque banche controllano più della metà degli asset totali e due di esse - Sberbank e Vneshtorgbank- sono statali. Il primato di Sberbank è insidiato da Vbeshtorgbank, Gazprom-bank e Alfa Bank. Tassi bancari: 8% Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA

Brevetti e proprietà intellettuale6 Nonostante gli indubbi miglioramenti normativi apportati, sono ancora frequenti le violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, di marchi e brevetti, di denominazioni d’origine e indicazioni geografiche.

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Attualmente presenti 3 ZES legate alle manifatture industriali (Lipetzk, Alabuga, Togliatti), 4 alla tecnologia e all’innovazione (Dubna, Tomsk, Selenograd, San Pietroburgo), 8 turistiche (Byrusovaya Katun, Baikalskaya Gavan, Varota Baikala, Altaiskaya Dolina, Novaya Anapa, Grand Spa Yuza, Kurshskaya Kosa, Ostrov Russyi, regione di Stravopol) e 5 portuali (Ulianovsk, Sovietskaya Gavan, Murmansk, Krasnoyarsk oblast).

Sistema fiscale Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sui redditi delle persone fisiche: aliquota unica al 13%. Vige il world wide principle in base al quale i residenti sono soggetti a imposizione sul reddito ovunque prodotto mentre per i non residenti l’imposizione è limitata ai redditi prodotti nel Paese. Si considera fiscalmente residente il soggetto che ha soggiornato nella Federazione per almeno 183 giorni, anche non consecutivi, nell’anno fiscale o è di nazionalità russa. Tassazione sulle attività di impresa: 24% (6,5% destinato al bilancio federale, 17,5% al bilancio regionale e locale). Imposta sul valore aggiunto (VAT): 18%

6

7

8

L. Brevetti della FR 1317-1 del 23.09.1926; L. marchi, marchi di servizio e nominativi dell'origine di merci 3520-1 del 23.09.1924 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it

116

Accordi con l’Italia Tra gli accordi stipulati il 18-19 novembre 2010 nell'ambito della Task Force Italo-Russa a Bari: Dichiarazione congiunta tra MAE e Vice-Presidente del Governo e Ministro delle Finanze della Federazione Russa per la realizzazione del partenariato bilaterale per la modernizzazione; Accordo di collaborazione nell’ambito dello sviluppo delle piccole e medie imprese tra il gruppo bancario italiano UBI Banca e la Banca per lo sviluppo e per l’attività economica estera (Vneshekonombank); Accordo quadro sulla collaborazione postale italo-russa (Poste Italiane e Elsag Datamat del Gruppo Finmeccanica); Memorandum di intenti sulla collaborazione nel campo dell’energia elettrica tra ENEL e la società per azioni INTER RAO EES.


BUSINESS ATLAS 2011

Costo dei fattori produttivi

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Uffici ICE13 Mosca Krasnopresnenskaja Naberezhnaja, 12 ufficio 1202 Edificio 3 - 123610 tel +7 495 9670275 / 77 / 78 - fax +7 495 9670274 mosca@ice.it Novosibirsk Krasnij Prospekt, 29 - 63099 tel +7 383 2220229/221272 - fax +7 383 2221305 novosibirsk@ice.it San Pietroburgo Teatralnaya Ploshad, 10 190068 tel +7 812 3123216 / 356 / 5718396 - fax +7 812 3148082 sanpietroburgo@ice.it Ufficio ENIT14: Povarskaya 10 str. 1, office 607 (5º piano) - 121069 Mosca tel +7 49 57757828 - fax +7 49 57757805 moscow@enit.it

Manodopera (valori medi mensili in €) 9

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente

da

a

224 310 600

944 1.005 1.718

Organizzazione sindacale Principali organizzazioni sono l'Associazione dei sindacati (SOTSPROF) e la Federazione dei sindacati indipendenti (FNPR). Elettricità ad uso industriale6 (in €/KW/h)

Categorie

Alta e media tensione Combustibile

Acqua10 (in €/m3)

Ad uso industriale Tipologia

media

0,59

Prodotti petroliferi6 (in €/l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca di Roma (ufficio di rappresentanza) Mamonovsky per., 4 uff.8 - 123001 Mosca tel +7 495 2096625 / 501 - fax +7 495 2000233 bdrmo@co.ru BNL c/o BNP Paribas Building 1 Bolshoy Gnesdnikovskiy pereulok 1 - Mosca tel +7 495 6608742 blagoy.botchev@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Banca Intesa - Representative Office Petroverigskij pereulok, 2 bld 2 – 101000 Mosca tel +7 495 4118080 (International Subsidiary Bank - Head Office +7 495 9676707) www.bancaintesa.ru • rep@bancaintesa.ru UBI Banca ul. Nikolskaya 10,7th floor, Business Centre Tretiakov Plaza 109012 Mosca tel +7 495 7254466 - fax +7 495 7254465 moscow@ubibanca.ru Unicredit Precistenskaya naberejnaya, 9, 119034 Mosca tel +7 495 2587200 - fax +7 495 9561524 unicredit@unicreditgroup.ru

media

0,62 0,52 0,29

media

0,53

Immobili11 (canone mensile in €/m2)

Classe A Classe B

media

100 75

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE12 Ambasciata d’Italia Denezhny Pereulok, 5 - 119002 Mosca tel +7 49 57969691 / 59165449 - fax +7 49 92410330 www.ambmosca.esteri.it • embitaly.mosca@esteri.it Consolati Generali Mosca Yakimanskaya Nabereznaya, 10 - 11 tel +7 49 57969692 / 59165451 - fax +7 495 9165453 www.consmosca.esteri.it • consitaly.mosca@esteri.it San Pietroburgo Teatralnaya Ploshad, 10 190068 tel +7 812 7188189 - fax +7 812 5715150 (int. 1413) www.iicsanpietroburgo.esteri.it iicsanpietroburgo@esteri.it

RUSSIA

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Gaeta 5 - 00185 Roma tel 06 494 16804941681 / 4941649 - fax 06 491031 www.ambrussia.com • info@ambrussia.it 9 10 11 12

13 14

117

Fonte: Federal State Statistics Service (www.gks.ru) Fonte: Vodokanal (www.vodokanal.com) Fonte: Vedomosti (www.vedomosti.ru) Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA RUSSIA

Consolati Generali Genova via G. Pescetto 16 - 16167 tel 010 3726047 / 9392 / 6304 - fax 010 3741361 www.genoa.rusembassy.org • consolatoru@tin.it Milano via Sant'Aquilino 3 - 20148 tel 02 48750432 / 48705912 - fax 02 40090741 www.milan.mid.ru • consolato.russo.mi@iol.it

Festività 1, 2, 7 gennaio; 23 febbraio (Difensore della Patria); 8 marzo; 1, 2 (Festa della Primavera), 9 (Giorno della Vittoria) maggio; 12 giugno (Indipendenza); 7 novembre (Concordia e Riconciliazione); 25, 26 dicembre.

Media Quotidiani: Kommersant; Vedomosti; Novaya Gazeta; Izvestia; Nezavisimaya Gazeta; Rossiyskaya Gazeta. Riviste: Ekspert; Kommersant Den’ghi; Profil; Russkiy Fokus.

ISTITUTI DI CREDITO Vnesheconombank p.le Principessa Clotilde, 8 - 20121 Milano tel 02 653625 - fax 02 6551697 v.borisenko@libero.it

Alberghi Camera singola standard in albergo a 3 stelle da euro 86 euro, 4 stelle da 160, 5 stelle da 200.

Formalità doganali e documenti di viaggio Il visto d’affari viene rilasciato su presentazione dell’originale dell’invito fornito dall’azienda partner o da un ente federale, del passaporto valido per almeno 6 mesi a decorrere dalla data della scadenza del visto richiesto, del modulo di richiesta di visto compilato e firmato e del modulo consolare di registrazione; necessarie, inoltre, una fotografia formato tessera e una copia della polizza di assicurazione per tutto il periodo del soggiorno in Russia. Per il soggiorno turistico la registrazione resta a cura degli alberghi che effettuano la notifica tramite un voucher che contenga i seguenti dati: passaporto, date di partenza e ritorno, timbro dell'albergo o della compagnia turistica russa, firma del responsabile con indicazione di carica e nome completo

Assistenza medica Servizio pubblico e privato.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Aeroflot Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Eurofly (dall’Italia), STC Rossiya, Pulkovo, Kunan’, Yakutiya. Trasferimenti da e per l’aeroporto: taxi ca. euro 30-70.

Telecomunicazioni Telefonia fissa: la maggior parte del territorio è coperta, ma si registra uno sviluppo ancora irregolare. Telefonia mobile: MTS, Beeline, Megaphone. Siti di interesse Presidenza: www.kremlin.ru Governo: www.gov.ru Camera di Commercio Federazione Russa: www.tpprf.ru Ministero degli Esteri: www.mid.ru Notiziario dai mercati CSI (Banca Intesa e Il Sole 24 ore): www.intesasanpaolo24.com/Csi

Corrente elettrica 220 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Negozi: aperti anche durante il fine settimana (orario variabile). Banche: lun-ven 9.00-13.00 / 14.00-18.00 (aperte sabato)

Camera di Commercio Italo-Russa

Mosca

Anno di fondazione 1964 Presidente Rosario ALESSANDRELLO Segretario Generale Flavio RAMELLA Indirizzo M.Znamensky per. 8/1 – 119019 Telefono +7 495 9165560 Fax +7 495 9165561 Web www.ccir.it E-mail info@ccir.it Orario lun-ven 9.00 - 18.00 Numero dei soci 300 Quota associativa euro 1.250 Newsletter Newsletter (mensile) Pubblicazioni riviste: E’Italia (sezione Russia coordinamento e direzione del piano editoriale della sezione Italia for Russia); Russia-Italia, Nasha Gazeta, BTF; Next Television (per TG italo-russo su web)

Accordi di collaborazione Associazione Italia Russia Lombardia; Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa; Ente Federale Doganale Rostek; Invitalia; Presidenza del Comitato Imprenditoriale Italo-Russo; Promex (per apertura ufficio a Krasnodar); Sergio Russo per certificazioni doganali Gost R; SACE. Ufficio di Milano Indirizzo via S. Pellico 8, 20121 Milano Tel 02 86995240 Fax 02 85910363 E-mail info@ccir.it Presenza anche a Ufa (Baskortostan) e Krasnodar

118


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale1 (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

3 6 12 17 22 25 27 27 24 18 11 5

Quadro dell’economia

Media min

-2 0 3 8 12 15 16 16 13 8 4 0

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 88.361 kmq Popolazione 7.498.001 Gruppi etnici Serbi (82,9%), Ungheresi (3,9%), Bosniaci (1,8%), Rom (1,4%), Bulgari (0,6%), Romeni (0,5%), Croati (0,9%), Slovacchi (0,8%), altri (7,2%) Comunità italiana ca. 400 Capitale1 Belgrado (1.710.000, 2.000.000 con i sobborghi) Città principali Novi Sad (370.757), Nis (252.000), Kragujevac (175.000), Leskovac (160.000) Moneta Dinaro serbo (RSD) Tasso di cambio2 1 Euro= 103,043 RSD Lingua Serbo con doppio alfabeto (cirillico, latino) Religioni principali Cristiano Ortodossi (in maggiroanza), Ebrei, Mussulmani, Cattolici, Protestanti Ordinamento dello Stato Repubblica nata come soggetto giuridico internazionale autonomo a seguito dello scioglimento dell’Unione degli Stati di Serbia e Montenegro, sancito dalla dichiarazione di separazione del Montenegro il 3 giugno 2006, dopo, che nel referendum del 21 maggio precedente il 55,5% dei montenegrini si è dichiarato a favore dell’autonomia. Il 28 e 29 ottobre 2006 è stata ratificata, a seguito di referendum, la nuova costituzione della Repubblica di Serbia. La Serbia è una Repubblica parlamentare unicamerale. I membri della Camera dei deputati (250) sono eletti con elezione diretta, così come il Presidente della Repubblica. Il Presidente del Parlamento viene eletto dai membri della Camera dei deputati Suddivisione amministrativa 3 regioni (Serbia centrale, Provincia Autonoma della Vojvodina e Kosovo-Metohija che ha autoproclamato l'indipendenza il 17.02.2008). Il territorio è, inoltre, suddiviso in 29 distretti e 198 comuni.

Quadro macroeconomico3 Il PIL nel 2010 ha registrato una crescita dell’1,5 % rispetto all’anno precedente, e per il 2011 è previsto un ulteriore incremento pari al 3%. Anche la produzione industriale è cresciuta del 2,9%, mostrando una leggera flessione solo nel mese di dicembre (–0,8% rispetto allo stesso periodo del 2009). I settori dell’industria della trasformazione (–0,1% rispetto al 2009) che hanno registrato il maggior aumento rispetto al mese di dicembre 2009 sono la produzione di carbone e derivati petroliferi (17,5%) e l’agroalimentare (0,1%). Il fatturato nella vendita al dettaglio è cresciuto del 2,3% rispetto a novembre. Il salario medio netto è pari a circa 330 euro. Il tasso di disoccupazione, pari al 16,5%, è in lieve diminuzione rispetto al 17,4% del 2009; il totale della forza lavoro in Serbia è pari a 1.795.774 unità. L’inflazione è cresciuta rispetto al 2009 (6,6%) ed è pari al 10,3%.

Principali settori produttivi Tra i settori industriali in perdita troviamo la produzione di prodotti capitali (–11,5%), prodotti intermedi (–3,3%) ed energia (–2,3%); sono in crescita la produzione di prodotti non durevoli FMCG (3%) e durevoli FMCG (13,2%). I settori trainanti l’economia del Paese si confermano essere la produzione di metalli e di prodotti chimici, l’estrazione di gasolio e gas naturale e la produzione di macchinari ed apparecchiature elettriche. Infrastrutture e trasporti La Serbia è attraversata dai due Corridoi Paneuropei (VII e X) più importanti dell’Europa Centro-Orientale e meridionale. Queste due importanti vie di comunicazione, una su strada e ferrovia (X), l’altra fluviale (VII), convergono nei pressi di Belgrado. Il territorio è percorso da 40.845 km di rete stradale, di cui 11.540 km di strade regionali, 23.780 km di strade locali, e 5.525 km di vie principali, 634 dei quali autostradali. Per 1 2 3

120

Stime 2010 Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Banca Nazionale della Serbia; Istituto Nazionale Statistica della Serbia; Ministero delle Finanze della Serbia


BUSINESS ATLAS 2011

quanto riguarda la rete ferroviaria che per 827 km rientra nel corridoio X, sono in progetto la ricostruzione e l’ammodernamento dei collegamenti con i confini di Ungheria, Bulgaria e Macedonia, inclusa la costruzione di tre ponti sul Danubio (due a Belgrado ed uno a Novi Sad), e la ricostruzione del nodo ferroviario di Belgrado. In totale, la rete ferroviaria si compone di circa 3.810 km dei quali circa 276 km a doppio binario e 3.533 a binario singolo; infine, 810 km sono per uso industriale, e solo 1.200 km sono elettrificati. Nel corso del 2010 è stato siglato un accordo tra gli enti statali ferroviari di Slovenia, Croazia e Serbia per la costituzione della società “Cargo 10” allo scopo di ottimizzare i costi e la tempistica (con percorrenze massime previste di 48 ore) nel traffico ferroviario dell’area. La rete fluviale presenta circa 1.000 km di vie navigabili. Il Danubio con i suoi 2.783 km totali, risulta navigabile per 588 km, e mette in collegamento il centro-est Europa con il Mar Nero. La Sava che collega la Serbia con Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, presenta 206 km di tratto navigabile su 945 km totali. Altri fiumi presenti in territorio serbo sono: il Tibisco (966 km), il Tamis (359 km), la Drina (346 km), dei quali oltre 500 km risultano navigabili. Di rilievo anche la struttura dei canali che supera i 900 km, dei quali oltre 670 km navigabili. Sul Danubio si affacciano sette porti fluviali: Apatin, Backa Palanka, Novi Sad, Belgrado, Pancevo, Smederevo, e diversi porti minori sulla rete di canali che collega i due grandi fiumi, Danubio e Tibisco, nella regione della Vojvodina. Gli aeroporti internazionali di Belgrado (il Nicola Tesla) e di Nis (il Konstantin Veliki) sono attrezzati per scalo merci e passeggeri.

Commercio estero Totale import: mld/euro 12,6 (+9,7%) Totale export: mld/euro 7,4 (+24%) Il forte incremento delle esportazioni è dovuto principalmente all’ottima performance del settore metallurgico-ferroso e agricolo. La bilancia commerciale estera è negativa (mld/euro 5,2) ma in leggero miglioramento rispetto al 2009. Principali prodotti importati: petrolio e derivati (11,6%); veicoli da strada (6%); gas naturale e industriale (5,6%); elettronica, elettrodomestici (4,6%); macchine industriali per uso generale (3,6%). I saldi commerciali più significativi si rilevano per prodotti intermedi (31,5%, +2,4%); prodotti non classificati (19,4%, –2,2%); energia (17,8%, +2,8%); prodotti capitali (15,8%, –2,4%); prodotti FMCG non durevoli (12,5%, –0,6%) e FMCG durevoli (2,8%, –0,2%) Principali prodotti esportati: ferro ed acciaio (9,6%); metalli ferrosi (7%); cereali e prodotti agricoli (5,8%); frutta e verdura (5,4%); prodotti bellici e prodotti di plastica (4,9%); abbigliamento (4,2%) e calzature (2,1%).I saldi commerciali più significativi si rilevano per prodotti intermedi (44,0%, +6,3%); FMCG non durevoli (25,6%, –4,2%); prodotti capitali (13,9%, –2,5%); prodotti non classificati (7,5%, +0,9%); energia (4,7%, +0,2%); FMCG durevoli (4,3%, –0,7%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Paesi UE (mld/euro 4,3; 57,4%). Tra i Paesi, Italia (mln/euro 847,5; 12% in aumento rispetto a 9,8% nel

SERBIA

2009); Bosnia Erzegovina (mln/euro 826,3; 11%); Germania (mln/euro 770,3; 10%); Montenegro (mln/euro 614,5; 8%), Romania (mln/euro 490,8; 7%). La crescita più sensibile si registra per: Bielorussia, Egitto, Finlandia, Kazakistan, Bulgaria, Ungheria. Anche i Paesi CEFTA rappresentano un importante acquirente di prodotti serbi (mld/euro 2,1) soprattutto grazie alla significativa esportazione di prodotti agricoli (cereali, prodotti di cereali e diverse bevande e alcolici), ferro e acciaio. Paesi Fornitori: Paesi UE (mld/euro 7,0; 54,9%). Tra i Paesi, Russia (mld/euro 1,6; 13%); Germania (mld/euro 1,4; 11%); Italia (mld/euro 1,1; 8% in aumento rispetto a 9,8% nel 2009); Cina (mln/euro 985; 8%); Ungheria (mln/euro 530,3; 4%).

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –0,2. L’Italia si conferma una dei principali partner commerciali, con una quota, sull’interscambio totale, del 9,5%. Principali prodotti importati dall’Italia4: caldaie, bollitori, apparecchiature meccaniche e parti (mln/euro 137,6; –26%); veicoli e parti di ricambio (mln/euro 108,2; +0,9%); abbigliamento (mln/euro 59; –19,2%); calzature e parti (mln/euro 48,8; –12,2%); plastica e articoli di plastica (mln/euro 43,7; +16,2%); pelli e cuoio (mln/euro 35,6; +46,9%); articoli e accessori per abbigliamento (mln/euro 33,7; –6,2%); carta e cartone, polpa di carta e relativi prodotti (mln/euro 33,1; +5,7%); prodotti di ferro e acciaio (mln/euro 32,5; +10,6%); apparecchi elettrici ed elettronici (mln/euro 32,3; +22,2%); filamenti artificiali (mln/euro 30,6; –11%). Principali prodotti esportati in Italia4: ferro e acciaio (mln/euro 139,5; +70,2%); tessile/abbigliamento (mln/euro 91,8; –18,2%); calzature e parti (mln/euro 87,4; +4,1%); rame e articoli di rame (mln/euro 82,8; +71,8%); plastica e articoli di plastica (mln/euro 45,9; +121,2%); prodotti di ferro e acciaio (mln/euro 24,8; +110,1%); articoli e accessori abbigliamento (mln/euro 23,2; +6,5%); gomma e articoli di gomma (mln/euro 20,9; +13,8%); caldaie, bollitori, apparecchi meccanici e parti (mln/euro 20,7; +28,8%); alluminio e articoli di alluminio (mln/euro 19; +97,8%); legno e prodotti di legno, carbone di legna (mln/euro 19; +22%).

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Olanda (22%); Austria (15%); Slovenia (9%); Regno Unito (6%); Svizzera (6%); USA (5%); Italia (4%). Paesi di destinazione: Montenegro (31%); Bosnia Erzegovina (14%); Olanda (9%); Austria (8%); Cipro (8%); Italia (1%). Investimenti esteri5 (principali settori) Verso il Paese: Industria della trasformazione (mln/euro 233); intermediazione finanziaria (mln/euro 217); commercio (mln/euro 141); immobiliare (mln/euro 105); infrastrutture/ rete stradale (mln/euro 66). 4

121

Dati riferiti al periodo gennaio-novembre 2010


EUROPA

SERBIA

Italiani verso il Paese: nel periodo 2005-2009, l’Italia, con oltre mln/euro 800, è il quinto investitore in Serbia. Nel 2010 in Serbia risultano registrate oltre 200 imprese a capitale italiano per un giro d’affari stimato in almeno mln/euro 3 e una forza lavoro locale impiegata di decine di migliaia di unità. Il numero delle aziende italiane che hanno o stanno delocalizzando la propria attività in Serbia negli ultimi anni è notevole e si è quadruplicato negli ultimi 5 anni. Nel processo di privatizzazione in via di attuazione sul territorio è coinvolta anche l’imprenditoria italiana che risulta al secondo posto per numero di aziende privatizzate. Oltre all’investimento FIAT - la creazione di una joint venture con la società Zastava automobili di Kragujevac - figurano tra i più importanti quelli effettuati dalle imprese dei settori: tessile/abbigliamento, finanziario, assicurativo, agroalimentare, energia, infrastrutture/edilizia, editoria, arredamento, agroalimentare, meccanica e meccatronica. Tra i nomi di spicco segnaliamo: Intesa Sanpaolo, Unicredit, Gruppo Generali, Fondiaria-SAI, Magneti Marelli, STG Group, Dytech, Printer Italia Srl, Golden Lady, Pompea, Calzedonia, Mondadori, Giunti, Adige Bitumi, Acegas-APS, Decotra, Ferriplast, Fantini, Italferr, Fantoni, Benetton, SECI Energia (Maccaferri), Vescovini.

Importazioni temporanee: consentite sia per materie prime o semilavorati - da trasformare ulteriormente in territorio serbo e destinate a ri-esportazione - sia per prodotti destinati ai magazzini delle zone franche doganali.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese7 La strategia del sviluppo del cosiddetto E-Governo serbo prevede la riforma delle procedure amministrative (dicembre 2012) e la realizzazione di: un sistema elettronico centrale per lo scambio di documenti (inizio nel dicembre 2010 e conclusione prevista nel 2020); un ufficio elettronico centrale per il pagamento delle tasse, un servizio elettronico per i permessi di costruzione e per l’edilizia e un registro catastale elettronico (dicembre 2012); un servizio elettronico per contributi e assicurazioni e un servizio elettronico per le dichiarazioni doganali (dicembre 2011); una strategia della Biodiversità (2011-2014) e della gestione dei rifiuti (2010-2019). Normativa per gli investimenti stranieri8: la Serbia offre un ambiente favorevole per gli investimenti esteri, grazie al basso costo della manodopera qualificata, alla possibilità d'accesso alla zona di libero scambio del sud-est europeo – CEFTA (che, entrata in vigore nel febbraio 2009, prevede l’abbassamento, e in alcuni casi l’annullamento, dei dazi doganali per le merci in entrata e in uscita), al rapporto preferenziale e di libero scambio con la Russia ed alla tassazione sugli utili del 10%. In base ad un Decreto del giugno 2006, il Governo offre importanti incentivi finanziari in base alla tipologia ed al settore interessato dal progetto d'investimento (commercio, turismo, agricoltura e servizi sono esclusi). In particolare, mette a disposizione tali fondi per progetti nel settore automobili, elettronica, IT con un investimento minimo di mln/euro 200 (in relazione diretta al tasso di disoccupazione nel comune di localizzazione dell’investimento) e un impatto occupazionale pari a 1.000 nuovi posti di lavoro: in questo caso, i fondi governativi messi a disposizione prevedono fino a 25% del totale dell’investimento. Altri settori incentivati sono il manifatturiero (per un investimento da mln/euro 1 a 3 e un minimo di 50 nuovi posti di lavoro) viene concesso da 2.000 ai 5.000 euro per ogni nuova unità lavoro; i servizi per un investimento di almeno mln/euro 0,5 ed un minimo di 10 nuovi posti di lavoro creati, vengono offerti dai 2.000 ai 10.000 euro per ogni nuova unità lavoro; ricerca e sviluppo per un investimento minimo di mln/euro 0,25 ed un minimo di 10 nuovi posti di lavoro, vengono offerti dai 5.000 ai 10.000 euro per ogni nuova unità lavoro. Il progetto d'investimento sarà valutato e gli verrà assegnato un punteggio in base a: referenze dell’investitore, partecipazione di fornitori locali nella produzione ed effetto dell’investimento sulle aziende nazionali, sostenibilità e fattibilità dell’investimento, effetti connessi al settore ricerca e sviluppo,

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi6 Sdoganamento e documenti di importazione: l’importazione di prodotti è, in linea di principio, libera anche se la documentazione di accompagnamento delle merci (fatture, certificati di origine, certificati di qualità) deve essere, ai fini dello sdoganamento, integrata da certificati di analisi rilasciati da enti locali. L’importazione di prodotti agricoli ed alimentari, ad esempio, può richiedere un nulla osta del Ministero dell’Agricoltura e ispezioni sanitarie. Così come per articoli tecnici ed elettrodomestici è necessaria la certificazione rilasciata dall’Istituto Superiore della Tecnologia di Nis. Le importazioni sono soggette al pagamento di dazi doganali e dell’imposta sul valore aggiunto. Le aliquote doganali variano tra 0% e 27%. L’aliquota massima è applicata su beni di consumo e su prodotti agroalimentari. Le aliquote più basse (0%-5%) si applicano alle materie prime e semilavorati destinati alla produzione locale. In alcuni casi sono esenti dai dazi i beni strumentali destinati all’avvio di attività produttive. In aggiunta ai dazi e all’IVA, per alcuni prodotti quali tabacco, caffè tostato, prodotti petroliferi, alcolici (escluso il vino), preziosi e pellicce è prevista l’applicazione anche di accise. Classificazione doganale delle merci: in linea con quella comunitaria. Restrizioni alle importazioni: per farmaci e materiale bellico è necessaria una preventiva autorizzazione dei ministeri competenti.

5

6

7

8

122

Fonte: Banca Nazionale Serba e Istituto Nazionale Statistica della Serbia; SIEPA; ISTAT Fonte: Ministero delle Finanze – Amministrazione Doganale della Serbia Fonte: Ministero Economia Serbo, Governo Serbo (Strategie principali) Fonte: SIEPA


BUSINESS ATLAS 2011

effetti connessi al settore risorse umane, impatto ambientale, trend internazionale del settore, impatto sullo sviluppo della comunità locale, sostegno comunale per la concessione dei permessi necessari e possibili agevolazioni. Il bando di concorso viene pubblicato sulla stampa e sul sito internet dell’Agenzia www.siepa.gov.rs. Per partecipare, i richiedenti possono trasmettere la documentazione alla stessa agenzia. L’erogazione dei fondi avverrà in quattro rate nell’arco della durata del progetto: alla sottoscrizione del contratto di acquisto o di affitto del terreno, al rilascio del permesso di edificazione, alla concessione dell’abitabilità ed in seguito al collaudo delle costruzioni, all'assunzione degli addetti in numero pari a quello dichiarato nel progetto. Incentivi fiscali sono, inoltre, concessi per la realizzazione di nuove unità lavorative localizzate in aree svantaggiate secondo diverse modalità. Legislazione societaria9: in attesa della già annunciata riforma del diritto societario, sono attualmente previste: la AD (Akcionarsko drustvo), corrispondente alla Società per azioni di diritto italiano, è costituita da persone fisiche o giuridiche, i cui soci rispondono nei limiti della propria partecipazione azionaria. La Società per azioni, che può essere di tipo chiuso o aperto, è costituita tramite atto costitutivo (atto pubblico) o, nel caso di un unico socio, mediante atto di fondazione. Il valore nominale delle azioni non può essere inferiore al controvalore in RSD (dinari) di 5 euro e deve essere uguale per ciascuna categoria di azioni (ordinarie o privilegiate). La Società per azioni di tipo aperto, costituita mediante offerta pubblica di sottoscrizione, può essere quotata in borsa e non può subire limitazioni alla libera trasferibilità delle azioni. E’ la forma utilizzata per le realtà commerciali di maggiori dimensioni, soprattutto nei settori bancario ed assicurativo. Il capitale sociale minimo è l’equivalente in RSD di euro 25.000. Per la Società per azioni di tipo chiuso, non quotata in borsa, il capitale non può essere offerto in pubblica sottoscrizione né all’atto della costituzione, né successivamente. Il capitale sociale minimo è, inoltre, l’equivalente in RSD di euro 15.000. Non può avere più di 100 soci e qualora tale limite fosse superato per più di un anno, la società verrebbe considerata una SPA aperta. L’atto costitutivo o gli eventuali statuti potranno prevedere restrizioni alla libera circolazione delle azioni. Per entrambi i tipi di società il 50% del capitale sociale deve essere versato prima della registrazione, la rimanente parte entro i successivi 12 mesi. Disposizioni speciali vigono per le SPA operanti nei settori bancario, finanziario e assicurativo. La Società a responsabilità limitata, ossia la DOO (Drustvo sa ogranicenom odgovornoscu), prevede una persona giuridica distinta dai suoi soci che risponde delle obbligazioni sociali esclusivamente con il proprio patrimonio. Ai fini della costituzione è sufficiente l’atto costitutivo plurilaterale o unilaterale (qualora la società venga costituita da una sola persona, fisica o giuridica). Il capitale minimo è il controvalore in RSD di euro 500, di cui il 50% da depositare in un conto temporaneo prima della registrazione, il rimanente entro i successivi 2 anni. Qualora i fondatori siano persone fisiche o giuridiche straniere, il versamento dovrà essere effettuato in valuta estera su apposito conto bancario. Pos-

SERBIA

sono essere soci sia le persone fisiche che le persone giuridiche, in numero massimo di 50. Se il numero dei soci è superiore a 50 per più di un anno, la società sarà considerata una SPA chiusa. I conferimenti possono essere effettuati in denaro, in beni, in opere o servizi. La formazione di una Società in accomandita semplice, la KD (Komanditno Drustvo), non richiede un capitale sociale minimo e può essere costituita da due o più individui. I soci si distinguono in limited partner/socio accomandante (che risponde delle obbligazioni della società nei limiti della quota conferita e non può compiere atti di amministrazione, ne può conferire opere e servizi) e i general partner/socio accomandatario (amministratori di diritto della società, rispondono solidamente e illimitatamente per le obbligazioni sociali). Oltre alle forme giuridiche elencate, esistono in Serbia anche le Cooperative e le Unioni di Cooperative. L’Ufficio di rappresentanza, invece, può essere costituito da: a) una o più persone fisiche straniere che intendono intraprendere un’attività economico/commerciale nel Paese (compresa l’attività bancaria, assicurativa e finanziaria); b) organizzazioni nazionali o internazionali i cui membri sono persone fisiche straniere che svolgono attività economico/commerciali; c) organizzazioni nazionali o internazionali il cui fine istituzionale è di promuovere il commercio con la Serbia. Le società straniere possono costituire una o più filiali; questa tipologia non ha personalità giuridica, ma agisce in nome e per conto della società madre. Secondo il diritto, inoltre, ogni persona fisica può svolgere un’attività commerciale lecita purché abbia ottenuto la relativa registrazione. L’imprenditore individuale risponde con tutto il proprio patrimonio delle obbligazioni contratte nell’ambito dell’attività commerciale. Può operare sotto il proprio nome, con altro nome o con un nome commerciale. In tutti i casi, dovrà aggiungere al nome prescelto la dizione “imprenditore”. Le più importanti normative di riferimento sono: la legge sull’impresa (GU 125/2004), la legge sulla registrazione degli enti commerciali (GU 55/2004), il decreto legge sulle condizioni e sui modi di attrarre investimenti diretti (GU 56/2006). La competenza in materia di registrazione delle imprese è passata dai tribunali commerciali e dalle autorità locali, all’Agenzia serba per la registrazione delle imprese, creata il 4.01.2005. La procedura è stata semplificata riducendo i tempi necessari per la registrazione da 51 giorni a 13 giorni ed offrendo la possibilità alle imprese di effettuare la registrazione presso un unico ente, anche online. Questo registro è stato ideato come una banca dati elettronica centralizzata per le imprese registrate, i contratti di leasing finanziario e di copertura di credito. La costituzione, per le forme societarie per cui questo è previsto, avviene tramite la stipula e la registrazione e/o deposito dell’atto costitutivo. Le sottoscrizioni devono essere autenticate presso il tribunale competente, ma è anche possibile ottenere l’autenticazione all’estero attraverso gli Uffici Consolari. In base all’attività svolta, potrà essere necessario sottoporre la società ad ispezione al fine di ottenere un permesso sanitario, di lavo9

123

Fonte: Agenzia Serba Registrazioni Imprese


EUROPA

SERBIA

ro, di rispetto ambientale e di mercato. Dopo la stipula dell’atto costitutivo, è necessario procedere alla registrazione della società presso l’Agenzia per la Registrazione degli imprese. Le società acquistano personalità giuridica all’atto della registrazione; fino a quel momento, i soci rispondono con il proprio patrimonio, delle obbligazioni sociali nel frattempo contratte. Elenchiamo alcuni aspetti importanti e comuni a tutte le forme societarie, riguardanti la procedura: la richiesta di registrazione può essere presentata sia personalmente che tramite email, compilando il modulo disponibile sul sito dell’agenzia www.apr.gov.rs. In quest’ultimo caso è prevista una prima trasmissione elettronica dei documenti richiesti ed entro 5 giorni, il deposito degli originali. L’agenzia rilascia una ricevuta all’atto della presentazione della richiesta d’iscrizione. Segue la fase di verifica della documentazione: se la domanda non può essere accolta, l’Agenzia entro 5-10 giorni ne da’ comunicazione all’interessato. Questi può a sua volta ripresentare tutta la documentazione, integrata o rettificata, entro 5 giorni: in caso di accoglimento della domanda di registrazione, questa decorre dalla data della prima domanda. Se la domanda è completa sin dall’inizio, l’Agenzia si pronuncia entro 2 giorni (48 ore). Vige il meccanismo del silenzio assenso. In caso di diniego, l’interessato può presentare appello al Ministero dell’Economia entro 8 giorni. Se il diniego viene confermato, è possibile adire l’autorità giudiziaria entro 15 giorni.

bligazione calcolata nella dichiarazione dei redditi, sotto forma di acconto, è tenuto a pagare la differenza al più tardi entro la presentazione della dichiarazione dei redditi. Oltre alla dichiarazione dei redditi, il contribuente è tenuto a presentare la prova del pagamento della differenza dell’imposta. Nel caso in cui il contribuente, sotto forma di acconto, abbia pagato un ammontare d’imposta superiore a quella dovuta secondo l'obbligazione calcolata nella dichiarazione dei redditi, il sovrappiù sarà calcolato come acconto per il periodo seguente o sarà restituito al contribuente. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre. I bilanci aziendali devono essere approvati e depositati entro il mese di febbraio. Imposte sui redditi delle persone fisiche: 12% (salari); l’imposta annuale è del 10% per redditi annuali netti superiori a RSD 1.708.200 (cittadini serbi e stranieri residenti) e del 15% per quelli superiori alla media di almeno sei mensilità (il reddito medio mensile nel 2010 è pari a RSD 18.980). La dichiarazione dei redditi deve essere depositata entro il 15 marzo. Tassazione sulle attività d’impresa: 10% Imposta sul valore aggiunto (VAT)12: standard (per la maggior parte dei beni tassabili) al 18% e ridotta (per beni alimentari di base, giornali quotidiani, accessori, IT etc.) all’8%. Le voci seguenti non sono assoggettate al pagamento dell’IVA: servizi di trasporto e altri servizi legati all’importazione dei beni (secondo le condizioni della Legge sull’Imposta sul Valore Aggiunto); beni che vengono spediti o trasportati all’estero da parte del contribuente o da un terzo, con la sua autorizzazione; beni che il destinatario estero o un terzo, con l’autorizzazione del destinatario estero, invia o trasporta all’estero; beni che il destinatario estero trasporta nel bagaglio che porta con sé all’estero (per un valore non superiore a 150 euro); merci destinate alla zona franca, prestazione di servizi di trasporto e di altri servizi agli utenti delle zone franche; trasporto dei beni nei duty free degli aeroporti internazionali.

Brevetti e proprietà intellettuale10 La Serbia aderisce alla Convenzione di Madrid e al Trattato Asa, per cui la disciplina di tutela dei marchi, del copyright e dei brevetti è garantita. La registrazione è di competenza dell’Istituto Statale per la Proprietà Intellettuale.

Sistema fiscale11 Tutte le forme imprenditoriali sono soggette a imposta sul reddito di impresa, così come le cooperative che realizzano redditi vendendo i prodotti sul mercato o prestando servizi dietro compenso (Legge sulle imposte sul reddito dell’impresa, GU 25/01, 80/02, 43/03, 84/04). Il contribuente è tenuto a presentare all’organo competente, la dichiarazione dei redditi, il bilancio consuntivo, il rapporto sulle circolazioni monetarie, la relazione sulle modifiche intervenute sul capitale, nonché eventuale diversa documentazione richiesta dalla legge. La dichiarazione dei redditi viene presentata all’organo competente per le imposte entro 10 giorni dal termine del periodo previsto per la presentazione della relazione finanziaria. Il contribuente che nel corso dell’anno avvia un’attività, è tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi presunti entro 15 giorni dal giorno di iscrizione al registro dell’organo competente. Il reddito imponibile viene accertato nel bilancio delle imposte, sulla base dei profitti del contribuente dimostrati nel bilancio consuntivo, e in base alle modalità stabilite dalla Legge sulle imposte sui profitti d’impresa. Il tasso d’imposta sul profitto d’impresa è del 10%. Il contribuente è tenuto a calcolare nella dichiarazione dei redditi l’imposta sul reddito, per il periodo di imposta per il quale viene presentata la denuncia. Nel caso in cui il contribuente abbia pagato un ammontare d’imposta inferiore a quello dovuto secondo l’ob-

Notizie per l’operatore

Rischio Paese13 6/7 Condizioni di assicurabilità SACE14 apertura senza condizioni per rischio privato e bancario; con condizioni per rischio sovrano.

Sistema bancario Il sistema è regolato e controllato dalla NBS (National Bank of Serbia) che si occupa della stabilità dei prezzi attraverso la creazione di un ambiente di inflazione stabile e contenuta – compatibile con i criteri sanciti in sede comunitaria in vista di Fonte: Istituto per la Proprietà Intellettuale della Serbia Fonte: Ministero delle Finanze della Serbia Fonte: Ministero delle Finanze e dell’Economia della Serbia; Agenzia informativa Serba (Tanjug) 13 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default 14 Per maggiori informazioni www.sace.it 10 11 12

124


BUSINESS ATLAS 2011

Attività SIMEST

un futuro ingresso nell’UE – e del coordinamento della politica creditizia e del controllo dell’intero sistema bancario. La NBS, nel gennaio 2011 ha aumentato di mezzo punto percentuale il key policy rate (ora al 12%) in previsione di un ulteriore aumento al 12,25% a inizio marzo 2011 per contrastare la pressione inflazionistica dovuta all’aumento dei prezzi controllati, dei prezzi dei generi alimentari e del prezzo mondiale del greggio. Il sistema bancario serbo è caratterizzato da una rilevante partecipazione straniera; sono, infatti, presenti istituti greci, francesi, tedeschi, sloveni, italiani ed altri. Tra le banche italiane, sono presenti il gruppo Intesa Sanpaolo (al momento il primo istituto di credito in Serbia) e il gruppo Unicredit. A marzo 2011, 33 sono le banche autorizzate ad operare in loco: 21, la cui quota di maggioranza è di proprietà straniera (Austria e Grecia 4 cadauna, Francia 3, Italia 2, altri 8); 4 sono le banche nazionali la cui quota di maggioranza è di proprietà privata serba; 8 banche nazionali la cui quota di maggioranza è di proprietà statale. Il numero dei dipendenti nel sistema bancario è pari a 30.827 unità (355 in meno rispetto a inizio 2010). La rete bancaria si compone nel suo insieme di 2.529 unità operative, di cui circa 2.445 filiali, 100 unità in meno in rispetto a dicembre 2009. Tipologia

Tipologia

Depositi a vista Conto corrente Depositi a 1 anno Depositi a 2 anni

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche17 Ad oggi sono presenti sul territorio il Parco Tecnologico di Vrsac, per il cui ammodernamento è stato istituito un bando di gara europeo, il Parco di Indija, di Stara Pazova e quello di Pecinci. Le zone franche possono essere costituite e gestite da società nazionali o straniere, previa autorizzazione del Ministero delle Finanze della Serbia. Le zone franche, oltre ai vantaggi abituali, godono di una serie di esenzioni da tasse locali e di tariffe agevolate sulle forniture di energia e acqua. Al momento esistono in Serbia sei zone franche in corrispondenza delle città di Subotica, Novi Sad, Sabac, Zrenjanin, Pirot, Kragujevac. Ulteriori 4 sono in costruzione: Uzice, Apatin, Smederevo e Nis.

Tassi bancari15

Tasso di sconto (al 100% KPR) Key Policy Rate NBS

Valore

12,25% 12,25%

Tassi bancari16 Cliente

Persone fisiche Persone giuridiche Persone fisiche Persone giuridiche Persone fisiche Persone giuridiche Persone fisiche Persone giuridiche

Accordi con l’Italia18 Trattato sulla doppia imposizione fiscale (dal 1983); Trattato per lo sviluppo e la protezione degli investimenti; Trattato di cooperazione per lo sviluppo delle energie rinnovabili (2009) e della produzione e del trasferimento dell’energia (2009). Firmato inoltre nel mese di febbraio 2010, l’Accordo ad interim di Libero Scambio con la UE che pone le basi per l’introduzione progressiva di un mercato unico tra Serbia e UE.

% Anno

1,54 4,94 0,47 2,50 11,65 6,30 14,28 17,65

Costo dei fattori produttivi

Manodopera19 (valori medi mensili in €)

Principali finanziamenti e linee di credito Presenti programmi di finanziamento di organismi multilaterali, quali BEI, Banca Mondiale, BERS. Esistono, inoltre, i fondi IPA comunitari ai quali la Serbia può avere accesso in qualità di Paese in fase di pre-adesione. Sul piano bilaterale con l’Italia, nel corso del 2009 è stata rinnovata la linea di credito, di poco superiore ai mln/euro 35, a favore di PMI ed amministrazioni locali che acquistano macchinari di produzione italiana. Fonte: Banca Nazionale Serba (marzo 2011) Fonte: Banca Nazionale Serba (gennaio 2011) Fonte: Amministrazione delle Zone Franche Serbia 18 Fonte: Camera di Commercio e Ministero Affari Esteri Serbi 19 Fonte: Sondaggio SIEPA 2008. Da febbraio 2011 il salario minimo è fissato in RSD 17.480, mentre il tetto massimo per lo stipendio dei direttori nel settore pubblico non può superare RSD 220.734

SERBIA

Categorie

Operaio Ingegnere Dirigente

15 16 17

125

da

200 500 1.000

a

350 1.200 3.000

Organizzazione sindacale L’associazionismo sindacale è debole e frammentato in una miriade di sindacati di categoria (per ottenere l’iscrizione nel Registro dei sindacati è sufficiente avere 15 iscritti). Nel corso del 2010 ci sono stati diversi tentativi di sciopero principalmente di dipendenti statali (sanità e polizia) ma senza risultati significativi; alcune, come quella del sistema scolastico, nel mese di aprile 2011 è ancora in agitazione. I contratti di lavoro possono essere a tempo determinato o indeterminato. I contratti a tempo determinato


EUROPA

SERBIA

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Kneza Milosa 56 - 11000 Belgrado tel +381 11 3629435 - fax +381 11 13629435 www.iicbelgrado.esteri.it iicbelgrado@esteri.it Ufficio ICE25 Kneza Milosa 56 - Belgrado tel +381 11 3629939 - fax +381 11 3672458 belgrado@ice.it

non possono eccedere le durata di 1 anno. La settimana lavorativa prevede 40 ore di lavoro. Sono previsti anche contratti part-time di diverso tipo. Elettricità20 (in € cent/KW/h)

Categorie

da

Alta e media tensione Combustibile

9,48

Prodotti petroliferi21 (in € /l)

Benzina Nafta Gas industriale (eurocent/m3)

Ad uso industriale

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Intesa Beograd (Head Office) 7b Milentija Popoviça St. 11070 - Belgrado tel +381 11 2011200 www.bancaintesabeograd.com BNL c/o Findomestic Banka (Gruppo BNP Paribas) Per informazioni e assistenza sui progetti di sviluppo internazionale: internazionalizzazione@bnlmail.com Unicredit Bank Srbija a.d. Beograd Rajiceva 27-29 Belgrado tel +381 11 3204500 www.unicreditbank.rs

Media

1,20 1,12 35,37 – 42,06

Acqua22 (in € /m3)

Tipologia

a

2,37

da

a

0,46

1,47

Immobili23 (canone mensile in € /m2)

Uffici classe A Uffici classe B

IN ITALIA

Media

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via dei Monti Parioli 20 - 00197 Roma tel 06 3200805 / 3200890 - fax 06 3200868

16 13

Consolati generali Milano via M. Serao 1 - 20144 tel 02 4812490 / 4812019 Trieste strada del Friuli 54 - 34136 tel 040 410125 /6 / 7

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE24 Ambasciata d’Italia Bircaninova 11 – Belgrado tel +381 11 3066100 - fax +381 11 13249413 www.ambbelgrado.esteri.it segreteria.belgrado@esteri.it

Fonte: Agenzia per Energetica della Rep.Serba (EPS) Fonte: Ministero dell’Energia Serbo Fonte: media costi JKP Vodovod Beograd, Novi Sad e altre città 23 Fonte: Coliers International 24 Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 25 Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) 20 21 22

126

Formalità doganali e documenti di viaggio A partire dal 12.06.2010, i cittadini maggiorenni dei Paesi membri dell’Unione Europea possono viaggiare in Serbia con la sola carta di identità valida per l’espatrio per un periodo non eccedente i 90 giorni. Si ricorda che - per periodi di soggiorno superiori ai 90 giorni - è necessario richiedere un permesso di residenza temporaneo. Non ci sono particolari formalità doganali, ma è obbligatoria la registrazione alla questura entro 48 ore dall'arrivo, che di norma, nel caso di soggiorno in strutture alberghiere, è curata dagli alberghi stessi. L’importazione di valuta straniera superiore a 5.000 Euro deve essere dichiarata alle Autorità doganali di frontiera al momento dell'entrata o del transito; a tal fine si deve compilare l'apposito modulo consegnato direttamente dal personale di frontiera. L'esportazione è libera fino ad un massimo di euro 10.000 (oltre tale limite è necessaria una ricevuta bancaria o la dichiarazione doganale). Le franchigie per i beni di consumo sono in generale allineate a quelle dell’Unione Europea.


BUSINESS ATLAS 2011

Corrente elettrica 220 volts

SERBIA

la prima Clinica privata, il KBC di Belgrado, convenzionata con l’Istituto di Assicurazione Sanitaria della Serbia.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: JAT Altre compagnie aeree operanti nel Paese: sono presenti tutte le compagnie nazionali dei maggiori paesi europei e molte compagnie internazionali. Dal 2010 sono state attivate le prime tratte di trasporto aereo low-cost. Trasferimenti da e per l’aeroporto: attivi mezzi di trasporto pubblico, servizio taxi fra 10 e 15 euro, navette messe a disposizione dagli alberghi.

Giorni lavorativi ed orari Uffici pubblici: lun-ven 08.00-15.00 Negozi: lun-ven 08.00-20.00; sab 08.00-16.00 Banche: lun-ven 08.00-17.00 (alcune aperte di sabato).

Festività 1-2 (Capodanno), 7 (Natale Ortodosso) gennaio; 15 febbraio (Festa della Repubblica); Pasqua Ortodossa; 1-2 maggio (Festa del Lavoro).

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telekom Serbia (in via di privatizzazione); Telenor (appalto aggiudicato a società norvegese nel febbraio 2010, da implementare entro 2011); Orion Telekom. Telefonia mobile: Telekom Serbia, VIP, Telenor.

Media Quotidiani: Vecernje novosti, Politika, Blic, Glas, Press, Danas, Kurir, 24 sata. Riviste: Ilustrovana politika, Nin, Gloria, Politikin zabavnik, Ekonomist, Biznis i Finansije, Ekonometar, Profit, Yellow Cab. TV: RTS, B92, Prva Srpska Televizija, Studio B, Avala, Pink, Metropolis, SOS.

Siti di interesse Assemblea Nazionale: www.parlament.gov.rs Governo della Repubblica: www.srbija.gov.rs Provincia Autonoma della Vojvodina: www.vojvodina.gov.rs Agenzia per la Privatizzazione: www.priv.rs SIEPA: www.siepa.gov.rs VIP:www.vip.org.rs/index.aspx Agenzia per la Registrazione delle imprese: www.apr.gov.rs Camera di Commercio e dell'Industria: www.pks.rs Camera Regionale della Vojvodina: www.pkv.rs Camera Regionale di Belgrado: www.kombeg.org.rs Fiera di Belgrado: www.sajam.co.rs Fiera di Novi Sad: www.sajam.net

Alberghi Tariffe per camera singola, suite, doppia: 3 stelle euro 40/70/82; 4 stelle euro 130/180/230; 5 stelle euro 300/380/375.

Assistenza medica Le strutture sanitarie, pur avvalendosi di professionalità di buon livello, presentano, nella maggior parte dei casi, gravi carenze a livello di attrezzature e nell’organizzazione. Sono attive, peraltro, strutture private con un buon grado di efficienza soprattutto in stomatologia. Nel 2010 è stata aperta

Camera di Commercio Italo-Serba

Belgrado

Anno di fondazione 2002 Anno di riconoscimento 2006 Presidente Vincenzo DIVELLA Segretario Generale Pietro VACCHIANO Indirizzo Kneza Mihaila 47/I – 11000 Telefono +381 11 3287725 / 3348703 Fax +381 11 3348702 Web www.camera-italo-serba.org www.cameradicommercio.it/belgrado E-mail office@camera-italo-serba.org Orario lun-ven 09.00-14.00

Numero dei soci 115 Quota associativa Soci Ordinari euro 200; Sostenitori 500; Benemeriti 2.000 Newsletter Prospettive (in collaborazione con Ufficio ICE e Istituto Italiano di Cultura di Belgrado e Ufficio per la Cooperazione dell´Ambasciata d´Italia in Serbia) Accordi di collaborazione Soc. Dante Alighieri - Comitato di Nis; Associazione Borsa Nazionale delle Merci e dei Servizi (NTRUS) Uffici di Rappresentanza Cacak e Valjevo

127


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

2 4 9 16 21 24 26 26 22 15 8 4

Media min

–5 –6 1 6 11 14 16 16 12 7 3 –2

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 49.035 kmq Popolazione 5.429.763 Gruppi etnici Slovacchi (85,8%); Ungheresi (9,7%); Romeni (1,7%); Cechi (0,8%), Russi, Ucraini, Polacchi e altri (2%) Comunità italiana1 852 Capitale Bratislava (428.672) Città principali Kosice (234.596), Presov (91.650), Zilina (85.558), Nitra (84.800), Banska Bystrica (79.197), Trnava (68.466), Trencin (56,760), Martin (59.014), Poprad (55.042) Moneta Euro Lingua Slovacco Religioni principali Cattolici (68,9%) Ordinamento dello Stato Repubblica parlamentare con sistema multipartitico, nata in seguito al dissolvimento della Cecoslovacchia nel 1993; il Capo dello Stato, attualmente Ivan Gasparovic, è eletto dal popolo ogni quattro anni, in seguito a una modifica della Costituzione nel 1998; il Presidente a sua volta nomina il capo del governo (Iveta Radicová) e, su indicazioni di quest’ultimo, i ministri. Il potere legislativo appartiene al Consiglio Nazionale della Repubblica, composta da 150 membri eletti ogni quattro anni con sistema proporzionale. Il più alto organo giudiziario è la Corte Costituzionale composta da 13 membri nominati dal Presidente sulla base di una lista di candidati presentata dal Parlamento Suddivisione amministrativa 8 regioni, kraje (Banska Bystrica, Bratislava, Kosice, Nitra, Presov, Trencin, Trnava, Zilina).

Quadro macroeconomico2 Il tasso di crescita del PIL registrato quest'anno è del 4,1%, in forte aumento rispetto al dato negativo registrato lo scorso anno, prospettando una crescita per il 2011. La bilancia dei pagamenti e quella commerciale mostrano andamenti positivi; quest’ultima registra un surplus dato da un’accelerazione delle esportazioni rispetto alle importazioni. Possiamo notare un risultato positivo con uno sbilanciamento verso le esportazioni. Anche gli investimenti diretti esteri hanno registrato un incremento raggiungendo quota mln/euro 650. Principali settori produttivi3 I principali settori produttivi sono la meccanica, la chimica, la produzione di materiale elettrico e informatico, metalli e beni di consumo. Grande importanza ha anche il settore automobilistico, sono presenti infatti numerosi impianti di produzione, come quelli di Volkswagen, Peugeot, Kia e Ford. Altri grandi investitori sono rappresentati da Samsung, Sony, US Steel, Hydro Alluminium e Whirpool.

Infrastrutture e trasporti La rete autostradale slovacca misura circa 43.761 km, l’autostrada D1 collega Bratislava, Trnava, Nitra e Trencin, la D2 si snoda in direzione nord-sud e collega la capitale con Brno, Praga e Budapest dalla parte opposta. Vienna e Bratislava sono collegate tramite la A6, tra il sistema viario slovacco e quello austriaco. Tra i principali progetti stradali e autostradali in fase di avvio: autostrada D1 Zilina-Martin (30 km), Jánovce -Jablonov (18,5 km), Hubová-Ivachnová (15,4 km), Budimír Bidovce (14,4 km), Fricovce-Svinia (11,2 km), Turany-Hubová (13,6 km, tra cui due gallerie Rojkov e Havran), Dubná Skala-Turany (16,4 km); Superstrada R2 Ziar nad Hronom, raccordo (6,6 km); Superstrada R1 B. BystricaRuzomberok (50 km); Autostrada D3 Cadca Bukov-Svrcinovec (5,75 km). 1 2

3

128

Fonte: Ambasciata d’Italia a Bratislava (AIRE) Fonte: Ufficio Statistico slovacco (www.statistics.sk); Banca Centrale slovacca (www.nbs.sk); Regulatory Office for Network Industries (www.urso.gov.sk) Fonte: ICE; Ufficio Statistico slovacco


BUSINESS ATLAS 2011

Classificazione doganale delle merci: conforme alla Tariffa Doganale d’Uso Integrata. Restrizioni alle importazioni: non presente alcun genere di dazio o restrizione; è richiesta una certificazione di importazione che garantisca gli standard tecnici per alcuni prodotti la cui lista è periodicamente aggiornata dal ministero competente. Importazioni temporanee: previste dalla legge doganale.

Il sistema fluviale, costituito dal Danubio, è lungo 172 km, i porti fluviali di Bratislava e Komarno si trovano al centro di uno snodo che si estende dal Mare del Nord al Mar Nero. La rete ferroviaria conta su 3.662 km di collegamenti, dei quali 3.512 a scartamento standard, 100 a scartamento ampio (è in previsione un prolungamento), e 50 ridotto. In Slovacchia sono, infine, presenti 35 aeroporti, di cui 20 a pista pavimentata e 6 aeroporti internazionali. Lo scalo principale è l’aeroporto internazionale Stefanik di Bratislava, che si trova a circa 9 km dal centro cittadino, altri importanti sono quelli di Poprad, Sliac, Piestany. Altre infrastrutture rilevanti sono gli oleodotti (416 km) e i gasdotti (6.769 km).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: gli investitori esteri possono svolgere attività economiche alle stesse condizioni di quelli locali, ivi compresa la costituzione di società o la partecipazione in quelle slovacche preesistenti; è possibile stipulare contratti senza obbligo di autorizzazione o registrazione, invece richiesta nel caso si vada a operare nel settore bancario, assicurativo, borsistico ed agricolo. L’agenzia governativa SARIO è attiva nell’attrarre e agevolare il flusso in entrata di investimenti stranieri. Legislazione societaria: una società che opera permanentemente in loco è soggetta alla normativa del Codice Commerciale del 2001. La legge slovacca distingue tra società di persone (società pubblica commerciale e in accomandita), società di capitali (società a responsabilità limitata e per azioni) e cooperative. Un’attività economica può essere svolta nelle seguenti forme: Società pubblica commerciale (Verejna Obchodna Spolocnost), Società in accomandita (Komanditna Spolocnost), Società a responsabilità limitata (Spolocnost s Rucenim Obmedzenym), Società per azioni (Akciova Spolocnost), Cooperativa, Società individuale, contratto di associazione in partecipazione e filiale di una società estera.

Commercio estero Totale import: mld/euro 48,7 Totale export: mld/euro 48,8 Principali prodotti importati: macchinari e veicoli (+25,4%); materie prime (+85,1%); combustibili (+34%); beni di consumo (+29,9%). Principali prodotti esportati: materie prime (+45,6%); prodotti chimici (+28,4%); combustibili (+30,4%); macchinari (+22,1%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (19,3%); Repubblica Ceca (14%); Polonia (7,3%). Paesi Fornitori: Germania (15,3%); Repubblica Ceca (10,4%); Russia (9,6%). Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro 1,2 Principali prodotti importati dall’Italia: oli, grassi, minerali (+200%); macchinari e veicoli (+21,6%); beni di consumo (+11,33%). Principali prodotti esportati in Italia: materie prime (+76,6%); prodotti industriali (31,3%); prodotti chimici (28,9%).

Brevetti e proprietà intellettuale La principale fonte normativa sulla tutela dei marchi è la legge 527/90 mentre con la 14/04 vengono riconosciuti i marchi comunitari. Possono essere registrati lettere, numeri, disegni, la forma o l’involucro del prodotto. Il marchio registrato decade dopo 10 anni. La protezione del brevetto ha, invece, durata ventennale.

Investimenti esteri (principali Paesi) Olanda, Austria, Germania, Repubblica Ceca, Ungheria.

Investimenti esteri (principali settori) Intermediazioni finanziarie, energia elettrica, attività immobiliari, servizi commerciali.

Sistema fiscale Nel 2004 è entrata in vigore l’attuale legge relativa alle imposte sui redditi delle persone fisiche che prevede un’aliquota unica del 19% in sostituzione delle cinque aliquote in uso precedentemente. I dividendi sono esenti da imposte.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: la merce può essere sdoganata in qualsiasi punto abilitato, la documentazione richiesta è la stessa prevista dalla regolamentazione comunitaria. Non sono previsti controlli in dogana sui requisiti tecnici dei prodotti importati, ma solo successivamente.

SLOVACCHIA

Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tassazione sulle attività d’impresa: 19% Imposta sul valore aggiunto (VAT): 20%

129


EUROPA

SLOVACCHIA

Notizie per l’operatore

abbiano dato avvio ad attività produttive o di servizi. In concreto il progetto di costituzione del parco industriale, presentato da una amministrazione locale, deve contenere l'indicazione del tipo di produzione prevista, ubicazione, dettagli catastali, nonché lettere di intenti degli imprenditori che desiderino inserirsi all'interno del parco. Il Ministero dell'Economia, esaminati i vari progetti presentati, definisce una graduatoria e provvede all'erogazione dei contributi. In particolare, la legge prevede la concessione di contributi statali fino al 70% per l’acquisto del terreno e le opere di urbanizzazione; se si tratta di affitto di terreni, il contributo è del 70% per i primi dieci anni. Il residuo 30% rimane a carico dell’amministrazione locale. Per incentivare la presentazione dei progetti, è in corso di approvazione una nuova legge che dovrebbe innalzare al 95% la quota a carico dello Stato, nonché la possibilità di costituzione del parco anche con la presenza di una sola impresa. Una volta concesso il contributo, i lavori nel parco industriale devono essere iniziati entro due anni.

Rischio Paese4 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE5 apertura senza condizioni

Sistema bancario La politica monetaria è competenza della Banca Nazionale Slovacca (Narodna Banka Slovenska) e della Banca Centrale europea. Operano, sul territorio, 27 istituti bancari di cui 15 partecipati da capitali stranieri, e 9 filiali di istituti esteri. Tra gli investitori italiani nel settore bancario slovacco figurano UniCredit Bank, controllata da Unicredit Group, e la VUB Banka (la seconda banca del Paese) controllata dal gruppo Intesa San Paolo. Banca Popolare di Vicenza ed EmRo Popolare partecipano in Volksbank slovensko. Le riserve in valuta straniera della Banca nazionale ammontano a mln/euro 38. Tipologia

Nbs Oas

Tassi bancari

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare la doppia tassazione sul reddito e sul patrimonio (ratificata dall’Italia con leggi 303 e 174 del 1983); Accordo sulla protezione e promozione degli investimenti.

Valore

2,21 % 1,53 %

Costo dei fattori produttivi

Principali finanziamenti e linee di credito Nel quadro della legge 571/07 sono stati introdotti incentivi agli investimenti esteri, per favorire specifici progetti a carattere locale (risanamento di strutture produttive e creazione di centri tecnologici e di servizi) che abbiano un alto impatto occupazionale. La legge prevede 10 anni di esenzione sulle imposte delle persone giuridiche e contributi per l’assunzione e la formazione di personale. A gennaio 2009 è entrata in vigore la nuova regolamentazione europea GBER che ha semplificato notevolmente lo stanziamento di aiuti di stato. Tali aiuti sono destinati a specifiche regioni, quali Trnava, Nitra, Trencin, Banska Bystrica e Kosice e riguardano progetti di incorporazione di nuove società, estensione di società esistenti, diversificazione della produzione verso nuovi prodotti, azioni di ristrutturazione di comparti produttivi.

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente

media

440 700 da 1.560

Organizzazione sindacale La Costituzione slovacca prevede e sancisce, all’art. 37, libertà sindacale e diritto di sciopero. Il sindacato più importante è la Confederazione dei sindacati dei lavoratori (KOZ) che al 2008 contava 570.000 iscritti. Categorie

Attività SIMEST

Elettricità7 (in €/KW/h)

Alta e media tensione

media

0,14

Prodotti petroliferi6 (in €/l)

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Combustibile (uso industriale)

Benzina Nafta Combustibile industriale

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Nel Paese non sono presenti zone franche, ma 17 parchi industriali, con agevolazioni per attività definite dalle Leggi 193/01 e 156/03. La legge prevede la possibilità di ricevere contributi per la costituzione di aree in cui almeno due imprenditori

Manodopera6 (in €)

4

5 6 7

130

media

1,16 1,08 0,03

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Europe’s Energy Portal (www.energy.eu)


BUSINESS ATLAS 2011

Acqua7 (in €/m3) Ad uso industriale Tipologia

ISTITUTI DI CREDITO Volksbank Slovensko viale Milano 100 - 36100 Vicenza tel 04 44544732

media

1,06

Immobili8 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

da

5,5

SLOVACCHIA

Formalità doganali e documenti di viaggio Per gli Italiani è sufficiente una carta di identità valida per l’espatrio, il Paese appartiene, infatti, all’Area Schengen.

a

Corrente elettrica 220 V, 50 Hz (le prese di corrente sono di tipo tedesco).

10,0

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-17.00 Negozi: lun-ven 10.00-18.00 Banche: lun-ven 9.00-17.00

Informazioni utili

Indirizzi Utili

Festività 1 (Festa della Repubblica), 6 gennaio; Venerdì, Domenica e Lunedì di Pasqua; 1, 8 (Liberazione) maggio; 29 agosto (Rivolta Nazionale Slovacca); 1 (giorno della Costituzione), 15 (S.Maria dei sette dolori) settembre; 17 novembre (Rivoluzione di Velluto); 24, 25, 26 dicembre.

NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE9 Ambasciata d’Italia Palisady 49 - 81106 Bratislava tel +421 25 9800011 - fax +421 25 4413202 www.ambbratislava.esteri.it • amb.bratislava@esteri.it

Media Quotidiani: SME, Pravda, Hospodarske Noviny. Riviste: Plus 7 Dni, Trend TV: Markiza, Joj, STV

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Kapucinska U. 7 - 81103 Bratislava tel +421 25 9307111 - fax +421 25 9307119 www.iicbratislava.esteri.it • iicbratislava@esteri.it Ufficio ICE8 Palisady 49 - 81106 Bratislava tel +421 25 4410622 / 13420/ 3 - fax +421 25 4430296 bratislava@ice.it

Alberghi Singola 3 stelle (euro 60-100); singola, 4 stelle (135-305); singola, 5 stelle (150-380).

Assistenza medica Per cure mediche nel Paese, è necessario, se cittadini italiani o comunitari, essere in possesso del tesserino sanitario (numero per emergenze 155).

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Unicredit Bank Slovakia Sancova 1/A - 81333 Bratislava tel +421 24 9501111 / 2112 / 2113 / 3445 Volksbank Slovensko Vysoká 9 81000 Bratislava • www.volksbank.sk VUB Banka - International Subsidiary Bank of Intesa Sanpaolo (Head office) Mlynske Nivy 1 - 82990 Bratislava 25 tel +421 25 0551111 • www.vub.sk

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Air Slovakia Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Ryanair, Danube Wings, Czeche Airlines. Trasferimenti da e per l’aeroporto: con linea 61 dalla stazione ferroviaria Hlavna Stanica, o linea 96 che collega l’aeroporto con il quartiere di Petrzalka (ca. euro 1). Telecomunicazioni Telefonia fissa: T-com Telefonia mobile: T-mobile, Orange, O2

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via dei Colli della Farnesina - 00194 Roma tel 06 36715200 - fax 06 31715263 www.sirome.mfa.sk • is@rome.mfa.sk

7 8 9

131

Fonte: Europe’s Energy Portal (www.energy.eu) Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it


EUROPA

SLOVACCHIA

Camera di Commercio Italo-Slovacca

Bratislava

Anno di fondazione 1997 Anno di riconoscimento 2000 Presidente Ignacio JAQUOTOT Segretario Generale Giorgio DOVIGI Indirizzo Michalska, 7 – 81101 Telefono +421 25 9103700 Fax +421 25 9103701 Web www.camitslovakia.sk E-mail info@camitslovakia.sk Orario lun-gio 9.00 -13.00 / 14.00 - 18.00; ven 09.00 - 16.00 Numero dei soci 389

Quota associativa Persone fisiche euro 250, Persone giuridiche euro 500, 750, 1.000 (in base al numero di dipendenti) Newsletter InfoCCIS (in versione settimanale e mensile) Pubblicazioni Est (trimestrale); www.italoblog.it Accordi di collaborazione CCIAA: Arezzo, Cremona, Torino; Centri Estero: Piemonte, Veneto; Città della Scienza Napoli; Confindustria Vicenza; Informest; Università: Bocconi Milano, Bologna, Brescia, Cà Foscari Venezia, Fondazione Politecnico Milano, Padova, Pisa.


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

11 13 16 19 20 27 32 32 25 19 12 10

Media min

Quadro macroeconomico2 Nel 2010 la Spagna ha registrato una crescita negativa dello 0,1%; il tasso di disoccupazione è aumentato di 2 punti percentuali raggiungendo quota 20,3% (4.696.600 persone), mentre l'inflazione è salita dell'1,8%. Come nel 2009, oltre alla crisi finanziaria mondiale, l’economia spagnola ha risentito in particolare della caduta del settore immobiliare e del consumo interno, fattori alla base della forte crescita del Paese tra gli anni novanta e l’inizio del nuovo millennio. Comunità Autonoma di Catalogna3: il PIL ha mostrato una crescita del -0,5%, mentre il tasso di inflazione è salito al 3%. L'economia della Cataluña contribuisce al PIL complessivo spagnolo per il 18,7%, grazie al forte tessuto imprenditoriale. Il tasso di inflazione nel IV trimestre, pur essendo elevato (18%) è inferiore alla media nazionale (19,8%).

5 6 5 9 11 15 18 19 14 10 4 3

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0; Isole Canarie -1 Superficie 504.645 kmq Popolazione1 48.351.532 Gruppi etnici Spagnoli (76%), Catalani (15%), Galiziani (7%), Baschi (2%) Comunità italiana ca 80.000 Capitale Madrid (3.273.049) Città principali Barcellona (1.619.337), Valencia (809.267), Siviglia (704.198), Saragozza (675.121) Moneta Euro Lingua Castigliano; 7 Regioni (Asturia, Catalogna, Galizia, Comunità Valenziana, Navarra, Paesi Baschi e Isole Baleari) riconoscono nei loro Statuti Catalano, Basco, Galiziano Asturiano, Valenciano Religioni principali Cattolici, Islamici, Protestanti, Ebrei Ordinamento dello Stato Monarchia Costituzionale. La Costituzione del 6.12.1978 assegna la funzione legislativa alle Cortes (Parlamento), di cui fanno parte un Congresso dei Deputati di 350 membri eletti a suffragio universale ogni quattro anni e un Senato oggi di 264 membri (il numero varia in funzione della popolazione), eletti in parte a suffragio universale e in parte designati dalle comunità autonome. Al Governo, guidato da un Presidente scelto dal Congresso dei Deputati tra i candidati designati dal Re, spetta il potere esecutivo Suddivisione amministrativa 50 province divise in 17 comunità autonome, oltre alle città autonome di Ceuta e Melilla.

1 2 3 4 5

Dato al 1.01.2010 Fonte: Instituto Nacional de Estadísticas (INE) Fonte: Lavanguardia Fonte: Institut d’Estadistica de Catalunya (IDESCAT) Fonte: Ministerio de Fomento (2009)

Principali settori produttivi2 Il settore che contribuisce maggiormente al PIL è quello dei servizi (74,1%), seguono l'industria (11,5%), le costruzioni (9,2%), l'energia (2,8%) e il primario (2,4%). Considerando il tasso di variazione interannuale del PIL, tutti i settori, con l’eccezione del primario (–1,3%) e della costruzione (–6,3%), hanno registrato una crescita, in particolare l’energia (+3%), l’industria (+0,9%) ed i servizi (+0,5%). Il settore industriale assorbe il 70,5% della forza lavoro, seguono l'industria (13,9%), le costruzioni (10,4%), il primario (4,5%) e l'energia (0,7%). Comunità Autonoma di Catalogna4: l’indice di produzione industriale è aumentato del 4,9% rispetto al 2009; buone performance hanno registrato anche il settore turistico (+3,7%), grazie all'ingresso nella regione di circa 14 milioni di turisti (il 25% del totale spagnolo), i servizi (1,3%) e il settore agricolo (1,4%).

133

Infrastrutture e trasporti5 La rete stradale si estende per 165.466 km, di cui 14.621 di tratto autostradale; la rete ferroviaria per 15.559 km, e la linea ad alta velocità (AVE) per 2.230 km. La Spagna è, per estensione della linea veloce, seconda al mondo dopo la Cina. L’AVE collega Madrid a Siviglia, Saragozza, Toledo, Malaga,


EUROPA

SPAGNA

Valladolid e Valencia. Sempre con i treni ad alta velocità sono in costruzione la tratta Madrid-Lisbona e Madrid Bilbao. Nei primi mesi del 2008, è stata inaugurata, da Barcellona la linea per Madrid, Siviglia e Málaga. Entro il 2012, verrà terminata anche la tratta Barcellona-Girona-frontiera francese. L'impatto economico stimato dell'AVE in Catalogna è di mld/euro 7,7 e ha dato lavoro a 146.000 persone. Circa 250 compagnie aeree operano nei 33 aeroporti internazionali. Nel 2009 un totale di 186.022.000 passeggeri ha transitato negli aeroporti spagnoli, in particolare nel Madrid – Barajas (27,3 milioni), nel Barcellona - El Prat (32,7 milioni) e Palma de Mallorca (21,2 milioni). La Spagna possiede eccellenti comunicazioni marittime grazie ai 53 porti internazionali nella costa atlantica e mediterranea. I principali sono: Barcellona, Bilbao, Valencia, Gijón, Siviglia, Algeciras. Palma di Maiorca. Il traffico marittimo totale di passeggeri è stato nel 2008 (ultimo dato disponibile) di 27,48 milioni, quello di merci di 458,85 milioni di tonnellate, per un totale di 123.29 navi transitate.

Commercio estero6 Totale import: mld/euro 238,1 Totale export: mld/euro 185,8 Principali prodotti importati: tecnologia industriale (21,8%, +7,3%); ambiente ed energia (18,3%, +27%); prodotti chimici (14%, +10,7%); moda (8%, +13,8%); industria ausiliare meccanica e della costruzione (6,4%, +17,3%); abitare (6,2%, +21,2%); materie prime, semi lavorati e intermedi (5,7%, +16,7%); tempo libero (5,6%, +32,9%). Principali prodotti esportati: tecnologia industriale (31,5%, +11,5%); ambiente ed energia (13,5%, +24,1%); prodotti chimici (8,6%, +36,5%); moda (8%, +24,7%); industria ausiliare meccanica e della costruzione (7,8%, +13,5%); abitare (6,3%, +7%); materie prime, semilavorati e intermedi (5,4%, +27,7%); tempo libero (5,3%, +5,6%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Francia (18,3%, +9,8%); Germania (10,5%, +9,9%); Portogallo (8,9%, +12,7%); Italia (8,8%, +24,7%); Regno Unito (6,2%, +13,9%); USA (3,5%, 14,4%); Olanda (3,1%, 20,3%). Paesi Fornitori: Germania (11,7%, +0,9%); Francia (10,7%, +5,9%); Cina (7,9%, +30,5%); Italia (7%, +11,9%); Regno Unito (4,5%, +8,9%); Olanda (4,5%, +16%); USA (3,9%, +10,8%). Comunità Autonoma di Catalogna7 Totale import: mld/euro 66,9 Totale export: mld/euro 48,6 Principali prodotti importati: materie prime, prodotti industriali e beni capitali (65,1%); beni di consumo (23,4%); prodotti agroalimentari (10,7%); carburanti e lubrificanti (13,1%). Principali prodotti esportati: materie prime, prodotti industriali e beni capitali (65,8%); beni di consumo (21,5%); prodotti agroalimentare (11%); automobili (9,7%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Francia (19,3%); Italia (9,9%); Germania (9,5%); Portogallo (7,8%); Paesi extra-UE (34,3%).

Paesi Fornitori: Germania (14,5%); Italia (9,7%); Francia (9,7%); Cina (9,5%); Paesi extra-UE (47,3%).

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –0,40 Principali prodotti importati dall’Italia: tecnologia industriale (23,2%, +0,9%); ambiente ed energia (15,4%, +61,9%); prodotti chimici (13,3%, +8,1%); moda (11,8%, +2,5%); industria ausiliare meccanica e della costruzione (9,7%, +13,7%); abitare (8,8%, +8,4%); materie prime, semilavorati e intermedi (5%, +21,9%). Principali prodotti esportati in Italia: tecnologia industriale (23,2%, +6,4%); ambiente ed energia (16,3%, +39,3%); prodotti chimici (8,9%, +17,1%); moda (7,9%, +53,8%); industria ausiliare meccanica e della costruzione (7,8%, +64,1%); abitare (5,5%, +28,7%). Comunità Autonoma di Catalogna7 Saldo commerciale: mld/euro –0,4 Principali prodotti importati dall’Italia: combustibili e lubrificanti (17,8%); prodotti siderurgici (5,8%); materie prime e semilavorate (5%); abbigliamento femminile (3,3%); prodotti farmaco-chimici (2,3%); chimica organica (2,4%); motocicli (2,1%); occhiali e componenti ottici (1,7%). Principali prodotti esportati in Italia: agroalimentare (15,7%); materie prime e semilavorati (12%); automobili (8,9%); elettrodomestici (5,7%); olio d’oliva (3,7%); prodotti farmaco-chimici (3,6%); motocicli e biciclette (2,8%); combustibili e lubrificanti (2,5%).

Investimenti esteri (principali Paesi)8 Paesi di provenienza: Olanda (21,4%); Francia (18,5%); Regno Unito (16,5%); Italia (8,3%); Lussemburgo (7,4%); USA (7,3%); Germania (4%). Paesi di destinazione: Olanda (30,1%); Regno Unito (24,5%); USA (9,9%); Messico (9,1%); Cina (4,8%); Irlanda (4,1%); Portogallo (2,7%); Brasile (2,4%); Italia (2,2%). Comunità Autonoma di Catalogna7 Paesi di provenienza: Olanda (75,9%); Lussemburgo (11,9%); Regno Unito (2,2%); Germania (1,9%); Portogallo (1,2%); Andorra (1,2%); Italia(1,2%); Svizzera (1,1%). Paesi di destinazione: Hong Kong (36%); USA (11,7%); Italia (9,3%); Irlanda (8,8%); Argentina (6,9%); Russia (5,6%); Regno Unito (3,3%); Brasile (2,7%). Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: attività immobiliari (17%); trasporti-logistica (15,7%); fornitura energia elettrica, vapore, gas (11,9%); servizi finanziari esclusi assicurazioni e fondi pensione (6,5%); attività ausiliarie ai servizi finanziari (6,2%). Italiani verso il Paese: fornitura energia elettrica, vapore, gas (88,8%); commercio al dettaglio esclusi veicoli a motore 6 7 8

134

Fonte: Agencia tributaria (ESTACOM) Fonte: Instituto Español de Comercio Exterior (ICEX) Fonte: Ministerio de Industria, Turismo y Comercio


BUSINESS ATLAS 2011

Importazioni temporanee10: il regime di importazione temporanea è regolato dal Codice doganale comunitario, Regolamento CE 2454/93, Ordine Ministeriale del 28.11.1986, circolare 964 della Direzione Generale delle Dogane e II.EE. Il periodo massimo di permanenza è di 2 anni, prorogabili per circostanze eccezionali con autorizzazione dell’agenzia delle dogane. Il regime permette l’esonero totale o parziale di diritti per l’esportazione di materiali che rimangono temporaneamente nel territorio della Comunità per poi essere successivamente riesportati, senza essere stati oggetto di trasformazione alcuna.

(5,5%); commercio all'ingrosso e intermedio, esclusi veicoli a motore (2,7%). All’estero del Paese: servizi finanziari esclusi assicurazioni e fondi pensione (49,3%); telecomunicazioni (29,4%); fornitura energia elettrica, vapore, gas (5,6%); bevande (2,3%). In Italia del Paese: assicurazioni, fondi pensione (43,1%); commercio al dettaglio esclusi veicoli a motore (18,4%); altre attività professionali, scientifiche e tecniche (18%); servizi finanziari esclusi assicurazioni e fondi di pensione (14,4%). Comunità Autonoma di Catalogna9 Verso il Paese: storage e attività di trasporto (63,8%); industria alimentare (10,5%); energia elettrica, gas, vapore (9,3%); commercio all’ingrosso, esclusi veicoli a motore (3%); attività immobiliare (2,7%); costruzioni (2,4%). All’estero del Paese: servizi finanziari, escluse pensioni e assicurazioni (77,6%); industria alimentare (2,6%); commercio all’ingrosso, escludendo veicoli a motore (1,6%); prodotti minerari non metalliferi (1,6%).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: il Real Decreto 664/1999 stabilisce, in linea con il Trattato di Maastricht, la libertà totale di movimento di capitali sia per quanto riguarda gli investimenti stranieri in Spagna, sia per quelli spagnoli all’estero. Stabilisce, inoltre che si dovranno dichiarare gli investimenti presso il Registro de Inversiones, con una finalità meramente amministrativa e statistica. Eccezioni: nel caso di investimenti provenienti - o con destinazione - da Paesi qualificati come paradisi fiscali sono necessarie pratiche amministrative di dichiarazione preventiva all’investimento. Gli investimenti realizzati in specifici settori (trasporto aereo, radio, minerali e materie prime, minerali d’interesse strategico, televisione, telecomunicazioni, sicurezza privata, produzione, commercio e distribuzioni d’armi ed esplosivo d’uso civile e attività relazionate con la Difesa nazionale) sono soggetti a una regolazione speciale e dovranno adeguarsi ai requisiti fissati nelle rispettive legislazioni settoriali. Gli investimenti stranieri in Spagna in imprese dedicate ad attività relazionate con la Difesa nazionale sono le uniche ad essere sottomesse all’obbligo di ottenere un’autorizzazione previa da parte del Consiglio dei Ministri per potersi realizzare. In materia d’investimenti esteri la legislazione vigente adotta il concetto di residenza effettiva del soggetto investitore e considera investimento estero quello effettuato da: a) persona fisica non residente in Spagna (intendendo, con questo, spagnoli o stranieri domiciliati all’estero o che abbiano all’estero la loro residenza principale); b) persona giuridica all’estero o organismo di proprietà di uno Stato straniero; c) società spagnole con partecipazione straniera nel capitale superiore al 50%; d) società spagnole con partecipazione straniera nel capitale uguale o inferiore al 50% quando i soci non residenti godano di una situazione maggioritaria nella società. Legislazione societaria: • Società anonima (Sociedad Anónima - SA), in particolare società di capitali (minimo euro 60.102) per cui non è

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: il regime doganale è regolato dal codice doganale comunitario (istituito con regolamento CEE 2913/92 del Consiglio del 12.10.1992) e dalle disposizioni d’applicazione dello stesso codice (istituite con regolamento CEE 2454/93 della Commissione del 2.07.1993). Per quanto riguarda la lingua, ai sensi dell’articolo 211 del regolamento CEE 2454/93 della Commissione (1), le dichiarazioni doganali (nella fattispecie le dichiarazioni d’esportazione) vanno redatte in una delle lingue ufficiali della Comunità accettate dalle autorità doganali dello Stato membro in cui vengono espletate le formalità. Spetta agli Stati membri determinare le lingue ufficiali da essi accettate. All’occorrenza, le autorità doganali dello Stato membro di destinazione possono chiedere al dichiarante o al suo rappresentante in tale Stato membro la traduzione nella lingua ufficiale o in una delle lingue ufficiali dello stesso. La Commissione dell'Unione Europea ha emanato il Reg. CE 1192/2008 del 17.11.2008 (pubblicato nella GU L 329 del 6.12.2008) per creare un ambiente più moderno e un sistema comunitario integrato, in grado di evitare distorsioni della concorrenza tra imprese di Stati membri diversi. Una delle conseguenze è stata la unificazione delle autorizzazioni relative ai regimi doganali, alla destinazione particolare di talune merci, alle procedure di dichiarazione semplificata, alle procedure di domiciliazione o procedure semplificate di accertamento. Classificazione doganale delle merci: Tariffa Doganale Integrata (TARIC). Restrizioni alle importazioni: nessuna restrizione per merci provenienti dall’Italia.

SPAGNA

9

10

135

Fonte: ICEX; Ministero spagnolo Industria,Turismo e Commercio. Gli investimenti verso la Catalogna sono mld/euro 2,8, quelli in uscita mld/euro 1,1; i capitali italiani incoming sono mln/euro 32, quelli outgoing sono 102 Per visualizzare la lista dei materiali oggetto di esonero parziale, totale o esclusi da tale regime, consultare la pagina web: www.aeat.es


EUROPA

SPAGNA

richiesto un numero minimo di azionisti. Per la costituzione di una SA è richiesta scrittura pubblica (atto notarile) che dovrà essere iscritto presso il Registro delle Imprese; a seguito della registrazione, la società acquisisce personalità giuridica e capacità legale; • Società Anonima Europea (SE) il cui capitale minimo è di euro 120.000. È una forma societaria di diritto comunitario, si fonda su un diritto indipendente distinto dai diritti nazionali ai quali si rinvia solo per alcuni aspetti. Il vantaggio rappresentato da tale forma societaria è la possibilità di operare in qualunque paese dell’UE sulla base di una disciplina unitaria e il notevole risparmio dei costi amministrativi e finanziari per tutte le imprese strutturate attraverso filiali o gruppi costrette a rispettare legislazioni differenti per ciascun stato membro in cui operano. Limiti: può risultare soltanto dalla trasformazione/fusione di società esistenti o creazione di una holding comune; • Società a responsabilità limitata (Sociedad Limitada - SL) con capitale non inferiore a euro 3.006, interamente sottoscritto al momento della costituzione. Necessario, al fine della costituzione, almeno un socio, mentre è illimitato il numero massimo. La costituzione di una SL avviene con atto notarile, che dovrà essere registrato presso il Registro delle Società; • Sociedad limitada nueva empresa (SLNE) con capitale minimo di euro 3.012 e massimo di 120.202. Creata con la Legge 7/2003 a seguito di varie Raccomandazioni Europee volte a migliorare e semplificare le condizioni e le pratiche per la creazione di piccole imprese. La novità fondamentale è costituita dalla possibilità di creare società in un giorno, attraverso un documento elettronico unico e un unico appuntamento con il Notaio che potrà iscrivere l’atto costitutivo della società nel Registro corrispondente al domicilio sociale, utilizzando la sua firma elettronica. È un sottotipo della SL quindi tutto ciò che non è espressamente regolato dalla Legge 7/2003 trova disciplina generale nelle società a responsabilità limitata; • Sociedad Professional (SP) il cui obiettivo è quello di erogare servizi professionali utilizzando la forma della società di persone o quella della associazione tra privati (non ammessa la società di capitali); • Società in nome collettivo (Sociedad Colectiva - SC), il cui capitale è costituito dall’apporto di ciascun socio (non richiesto un capitale minimo). E’ una forma giuridica a spiccato carattere personale data la responsabilità illimitata dei soci: la condizione di socio non può essere trasmessa senza il consenso degli altri. • La Società in accomandita (Sociedad Comanditaria – S. Com) prevede un capitale costituito dalle quote di ciascun socio (non è richiesto un capitale minimo); la condizione di socio non può essere trasmessa senza il consenso degli altri. I soci accomandatari (colectivos) sono soggetti alle medesime obbligazioni previste per i soci della Società Collettiva; • un operatore straniero può operare in Spagna attraverso una succursale (art. 259 del Reglamento del Registro Mer-

cantil). La costituzione di una succursale (art. 264) avviene tramite atto notarile registrato presso il Registro delle Imprese. La succursale è tassabile come un’azienda spagnola ed ha gli stessi diritti ed obblighi, con la differenza che la casa madre può fatturare le spese sostenute dalla succursale (amministrazione e gestione commerciale, revisione dei conti, etc.). L’importo può essere dedotto dai ricavi di quest’ultima ed è tassato con l’aliquota del 15% al momento del trasferimento all’estero. Per quanto riguarda le filiali d’imprese straniere, il regime legale è di piena libertà tranne per operazioni realizzate in settori specifici soggetti ad autorizzazione previa; • gli Uffici di rappresentanza (Oficina de representación) non hanno personalità giuridica propria, ma dipendono dall’impresa madre: per la creazione non sono richieste formalità commerciali, né l’iscrizione al Registro Mercantile. Indicativamente, le attività dell’ufficio sono limitate alla coordinazione, collaborazione, etc; • la Partnership con rappresentanza spagnola rappresenta una forma d’investimento che prevede l’associazione con un’impresa spagnola attraverso varie forme. La percentuale di partecipazione caratterizzerà l’investimento come estero o meno. La formula tradizionale di partnership è la fusione con una società spagnola già esistente. Una fusione parziale, invece, avviene nel caso di scissione di una società spagnola: in tale operazione quest’ultima scinde il proprio patrimonio e soltanto alcune voci andranno a far parte della nuova società che si costituisce con l’investitore estero. Il vantaggio risiede nel poter scegliere solo le voci patrimoniali della società spagnola più convenienti. • L’istituto di franchising è regolato dal Real Decreto 157/1992: sono autorizzati gli accordi che soddisfano le disposizioni stabilite dal Reg. CE 2790 del 22.12.1999, che sostituisce il Reg. CE 1087/88. L’attuale regime è stato modificato in virtù del Real Decreto 2485 del 13.11.1998 (BOE 283 del 26.11.1998), tramite il quale si fissano due punti importanti: il primo dispone che le persone fisiche e giuridiche che intendono svolgere in Spagna l’attività di franquiciadores dovranno iscriversi in un apposito registro, le cui modalità vengono delineate nel Real Decreto 2485/1998. È stato creato un registro a livello statale (Registro de Franquiciadores) dove sono visibili le imprese attive in più di una Comunità Autonoma, a fini pubblicitari e informativi, mentre a ciascuna Comunità corrisponde un Registro le cui linee guida sono fissate nel Decreto. Il secondo dispone che il franquiciador è tenuto, almeno venti giorni prima della stipula del contratto (o pre-contratto), a fornire per iscritto al franquiciado le informazioni su tutti gli elementi dell’accordo. L’Asociaciòn Española de Franquiciadores (AEF), membro della Federazione Europea dal 1995 rappresenta, difende e promuove gli interessi economici, sociali e professionali dei suoi membri. La Cámara de Comercio e Industria de Madrid dispone di un Dipartimento di franchising 136


BUSINESS ATLAS 2011

Brevetti e proprietà intellettuale Per aver diritto ad una protezione legale della proprietà industriale, è necessaria la registrazione presso l’Oficina Española de Patentes y Marcas, organismo autonomo del Ministero dell’Industria, Turismo e Commercio. La durata della protezione è di 20 anni. Chi risiede in Italia è obbligato a depositare il brevetto in Spagna e attendere un periodo non inferiore ai 3 mesi prima di poterli estendere all’estero. Una soluzione potrebbe essere quella di depositare direttamente una domanda di brevetto europea presso l’Organizzazione Europea dei Brevetti, il cui costo è tuttavia superiore. I diritti relativi a marchi, disegni e modelli possono essere registrati a livello nazionale o europeo. I diritti europei sono registrati dall'Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno, con sede ad Alicante. Tali diritti sono esclusivi e validi in tutta l'UE. La proprietà intellettuale è regolata dal Real Decreto Legislativo 1 del 12.04.1996, così come modificata dalla Legge 26 del 7.06.2006. A differenza della proprietà industriale, per la quale si generano diritti previa registrazione, è assegnata all’autore dell’opera per il mero fatto di esserne il creatore. La registrazione è comunque consigliabile dal momento che costituisce prova. I diritti di sfruttamento dell’opera durano per tutta la vita dell’autore e settant’anni dopo la sua morte. Esistono altre tempistiche, sia per tipologia di proprietà intellettuale sia se l’autore è deceduto prima del 1987. Sistema fiscale Con la legge finanziaria per il 2011, Real Decreto 13/2010 la Spagna ha introdotto una serie di misure in ambito fiscale; le principali novità sono: al fine di snellire la costituzione di imprese, l’art. 3 stabilisce l’esenzione dell’Impuesto sobre Transmisiones Patrimoniales per la costituzione di sociétà, aumenti di capitale, trasferimento della sede direttiva principale o del domicilio sociale da un Paese non appartenente all’UE sul territorio spagnolo; la costituzione di società di capitali per via telematica o per le SL che abbiano un capitale sociale non superiore a euro 3.100 i cui statuti si adattino a quelli approvati dal Ministero di Giustizia; previste 2 tipologie di aliquote ridotte (al 20 per una base imponibile da euro 0 a 300.000 e al 25% per i primi euro 300.00011) sono state introdotte per l'imposta sulle Società (Is) delle PMI con meno di 25 dipendenti e che fatturino annualmente non oltre euro 5.000.000; a decorrere dal 1.07.2010, l'Iva generale è passata dal 16 all'8%, quella agevolata dal 7 al 8%, con effetti a partire dal 1º luglio 2010, ed inoltre il Real Decreto 13/2010 ha eliminato l’obbligo di emettere autofattura nel caso di investimenti effettuati dal soggetto passivo;le prescrizioni dell'art. 108 e ss. Della Ley del Impuesto sobre Sociedades, non dovranno superare i mln/euro 10. La nuova disposizione normativa prevede altresí che, qualora l’impresa dovesse perdere la condizione di PMI, nei tre anni successivi, usufruirebbe comunque del regime fiscale più vantaggioso. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre

SPAGNA

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Imposta dovuta Quota Resto dell’imposta fino ad € fino ad € d’imposta (€)

0 0 17.707,20 2.124,86 33.007,20 4.266,86 53.407,20 8.040,86 120.000,20 22.358,36 175.000,20 34.733.36

17.707,20 15.300,00 20.400,00 66.593,00 55.000,00 Oltre

Aliquota %

12,00 14,00 18,50 21,50 22,50 23,50

Imposta sul valore aggiunto (VAT): previste un'aliquota standard applicata alla maggior parte di beni e servizi del 18%; una ridotta dell’8% applicata su alimenti, edilizia abitativa, alberghi e ristoranti; una super ridotta del 4% per prodotti di base fra cui pane, farina, latte, formaggio, uova, frutta ed ortaggi, libri, giornali e riviste. L’ Iva non è applicata nelle isole Canarie, a Ceuta e Melilla; qui è però presente l’Impuesto General Indirecto Canario (IGIC) la cui aliquota standard é del 4,5% e per alcuni beni può arrivare fino al 40% ed un’imposta d’ingresso canario, l’APIC, la cui aliquota può arrivare fino al 4% e che non è mai rimborsabile. Per l’IGIC invece sono previste norme di rimborso con un sistema simile a quello dell’IVA. Le esportazioni, come anche alcuni servizi sono esenti. In base al sistema comunitario, anche le forniture intracomunitarie sono esenti se si identifica la partita Iva (NIF in Spagna) del cliente e sulla fattura compaiono la partita Iva del fornitore e quella del cliente.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese12 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE13 apertura senza condizioni

Sistema bancario Il Banco de España svolge le attività tipiche di un istituto centrale. Le 6 principali banche commerciali del Paese e le loro consociate raccolgono circa il 30% dei depositi bancari. Sono anche presenti succursali di varie banche straniere che operano sul mercato bancario interno (ca. il 25% dei depositi bancari) e offrono finanziamenti in valuta estera (ca. il 25% del totale). Nel Paese operano 4 borse valori, a Madrid, Barcellona, Bilbao e Valencia. La principale è quella di Madrid, dove vengono effettuati circa i tre quarti delle transazioni finanziarie. 11 12

13

137

Per la parte rimanente si applica il 30% Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


EUROPA Tipologia

SPAGNA Tassi bancari14

Valore

Interbancario a 3 mesi Interbancario a 6 mesi Interbancario a 1 anno

Combustibile

Prodotti petroliferi17 (in € /l)

Benzina Nafta Combustibile industriale (gas)

0,85 % 1,02 % 1,34 %

Attività SIMEST

< 1.600 m3/h > 1.600 m3/h

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008)

Affitto locali uffici

Spagna Madrid - città Barcellona - città

Parchi industriali e zone franche A Barcellona, Vigo e Cadice le merci possono stazionare fino a 6 anni. L’isola di Gran Canaria è zona franca. Non si applica la Condizione d’Ordine Economico, vigente nel resto delle zone franche comunitarie e che impedisce il deposito di componenti e merci procedenti da Paesi terzi che servono a realizzare processi di trasformazione sotto il regime di perfezionamento attivo all’interno di una zona franca comunitaria.

da

13.573

media

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE20 Ambasciata d’Italia Calle Lagasca, 98 - 28006 Madrid tel +34 91 2106910 / 4233300 - fax +34 91 5757776 www.ambmadrid.esteri.it • archivio.ambmadrid@esteri.it Consolato Generale Barcellona Calle Mallorca, 270 - 08037 tel +34 90 2050141 - fax +34 93 4871054 www.consbarcellona.esteri.it • segreteria.barcellona@esteri.it

a

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sindacali spagnole sono le Comisiones Obreras (CCOO), l’Unión General de Trabajadores (UGT), l’Unión Sindacal Obrera (USO) e la Confederación de Sindicatos Independientes y Sindacal de Funcionarios (CSI-CSIF). Categorie

14

Elettricità (in € /KW/h)

Alta e media tensione

8,05 11,75 12,66

NEL PAESE

27.889 18.991 38.662 60.453

16

media

Indirizzi Utili

Costo dei fattori produttivi

Operaio Impiegato Dirigente

0,94 1,41

Informazioni utili

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare la doppia imposizione in materia d’imposte sul reddito, firmata nel 1980 (BOE 22.12.1980). Manodopera15 (valori medi annui in €)

media

Immobili19 (canone mensile in € /m2)

Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Categorie

1,16 1,08 7,7/gigaJoule

Acqua18 (in € /m3)

Principali finanziamenti e linee di credito

media

15

media

16

0,11

17

18 19 20

138

Fonte: Banco de España (Boletín Económico 61, dicembre 2010) Fonte: Instituto Nacional de Estadistica (Encuesta anual de estractura salarial). Salario medio 2010 percepito dal lavoratore. Il costo della manodopera per l’azienda è calcolabile incrementando i valori di una percentuale che varia dal 20 al 40% a seconda della categoria Fonte: Asociación Nacional de Ahorro y Eficiencia Energética (Comparativa europea de precios de la energía) Fonte: Asociación Española de Operadores de Productos Petroliferos (AOP) Fonte: Aigües de Barcelona (tariffe in vigore per il 2011) Fonte: Fotocasa.es (Informe Anual Alquiler, dicembre 2010) Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it


BUSINESS ATLAS 2011

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura Barcellona Pasaje Mendez de Vigo 5 - 08009 tel +34 93 4875306 - fax +34 93 4874590 Madrid Calle Mayor, 86 - 28013 tel +34 91 5478603 - fax +34 91 5422213 Uffici ICE21 Madrid Paseo de la Castellana, 95 ‘Ed. Torre Europa’ pl. 29 - 28046 tel +34 91 5974737 - fax +34 91 5568146 - madrid@ice.it Ufficio ENIT22: Calle Serrano, 120 - 28006 Madrid tel +34 91 5670670 - fax +34 915711579 - madrid@enit.it

Formalità doganali e documenti di viaggio Disposizioni vigenti nell’UE. Corrente elettrica 220 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-14.00 / 16.00-19.00 Negozi: 9.30-14.00 / 16.30-21.00 Banche: lun-gio 8.30-16.30; ven 8.30-14.00; sab 8.30-13.00

Festività 1, 6 gennaio; Giovedi e Venerdi Santo; 23 giugno; 25 luglio; 15 agosto; 12 ottobre; 1 novembre; 6, 8 dicembre; festività natalizie. A Madrid, inoltre, sono festivi anche 2 maggio, 9 settembre e 9 novembre. In Catalogna: Lunedì di Pasqua; 24 maggio, 24 giugno, 24 settembre (festa patronale a Barcellona), 26 dicembre.

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas C/ Serrano, 73 Madrid • tel +34 913888044 pierfrancesco.marafioti@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Fibanc Mediolanum Av. Diagonal 668 – 670 08034 Barcellona tel +34 93 2535400 - fax +34 93 2535584 www.fibancmediolanum.es Intesa Sanpaolo - Branch Paseo de la Castellana, 31 - 7º A - 28046 Madrid tel +34 91 3490400 madrid.es@intesasanpaolo.com Ubibanca International (succursale) Torre Espacio–Planta 45, Paseo Castellana, 259 28046 Madrid tel +34 91 3344061 – fax +34 91 3344062

Media Quotidiani: El País, El Mundo, ABC, La Vanguardia, Expansión, Público, Cinco Días, El Periódico, El Economista, Marca, AS. In Catalogna: La Vanguardia, El Periódico de Catalunya, L’Avui, Mundo Deportivo, Metro Barcelona, Sport, 20 Minutos Barcelona. Riviste: Actualidad Económica, La Clave, Economía Exterior, Mercado de Dinero. TV: TVE 1, La 2, Antena 3, Tele 5, Telemadrid, Cuatro, La Sexta. In Catalogna: TV3, Canal 33

Alberghi Cat. lusso: oltre euro 400; 4-5 stelle: euro 130-380. 2-3 stelle: euro 60-120.

IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata (Cancelleria) Palazzo Borghese, largo Fontanella Borghese 19 - 00186 tel 06 6840401 - Fax 06 6872256 Consolati Genova piazza Rossetti, 1/4 - 16121 tel 010 562669 - fax 010 586448 Milano via Fatebenefratelli, 26 - 20101 tel 02 6328831 - fax 02 6571049 Napoli via dei Mille, 40 - 80121 tel 081 411157 - fax 081 401643 Roma via Campo Marzio 34 - 00186 tel 06 6871401 - fax 06 6871198 ISTITUTI DI CREDITO Santander Consumer Bank via Nizza 262/26 - 10126 Torino tel 011 6319111 - fax 011 6319119 www.santanderconsumer.it Santander Private Banking via Senato, 28 - 20121 Milano tel 02 724381 - fax 02 72438287 www.santanderpb.it

SPAGNA

Assistenza medica Gli Italiani in possesso della tessera sanitaria europea (TSE) hanno diritto all’assistenza sanitaria gratuita. La TSE va richiesta alla struttura sanitaria locale del Paese di apparteneza.

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Iberia Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Spanair, Air Europa, Vueling e le principali linee aeree europee. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’aeroporto di MadridBarajas dista 16 km dal centro della città. I Terminal 1, 2, 3 e 4 sono collegati con la metropolitana. In metro la spesa per arrivare al centro città è di euro 2, in taxi circa 35. L’aeroporto El Prat è situato a 15 km dalla città ed è raggiungibile in treno dalla Stazione di Sants o da Plaza Cataluña (22 minuti, euro 2,30), in autobus con Airbus, con partenza da Plaza Catalunya ogni 8 minuti (30/40 minuti, euro 4,25), in taxi (15 minuti, euro 20/25).

21 22

139

Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA

SPAGNA

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telefonica, ONO, Jazztell, Orange, Comunitel Telefonia mobile: Telefonica, Vodafone, ONO, Jazztell, Orange, Comunitel, Symio.

Istituto del Commercio Estero: www.icex.es Istituto Nazionale di Statistica: www.ine.es Comunidad de Madrid: www.madrid.org Generalitat de Catalunya: www.gencat.es Fiere: www.feriavalencia.com (Valencia); www.firabcn.es (Barcelona); www.feriazaragoza.com (Saragozza); www.ifema.es (Madrid) Centro di Statistica Catalano: www.idescat.net

Siti di interesse Ministero dell’Economia: www.minhac.es Banco de España: www.bde.es

Camera di Commercio Italiana-Barcelona Certificata ISO 9001:2008

Barcellona

Anno di fondazione 1914 Anno di riconoscimento 1984 Presidente Mercedes BRAJ Segretario Generale Livia PARETTI Indirizzo Avda Diagonal 419, 1º 2ª - 08008 Telefono +34 93 3184999 Fax +34 93 3184004 Web www.camaraitaliana.com E-mail info@camaraitaliana.com Orario lun-gio 9.00 -14.00 / 15.00 - 18.30; ven 9.00-15.00 Numero dei soci 216

Quota associativa (Iva esclusa): Socio patrocinatore euro 880; Socio corporativo 385; Socio ordinario 250 Newsletter Newsletter (mensile) Pubblicazioni Annuario Aziende Associate Accordi di collaborazione ACCIÒ Agenzia catalana attrazione investimenti; Barcelona Activa – Agenzia di Sviluppo Economico di Barcellona; APTE Rete dei Parchi Tecnologici Spagnoli; Camera di Commercio di Barcellona; Comune di Barcellona; COACB Collegio Agenti Commerciali di Barcellona; Fira Barcellona; Fomento; Generalitat di Catalunya (Governo Catalano); Goberno di Aragón - Aragón Exterior; InvestinSpain; Pimec; Regione Murcia; Xunta de Galicia

Camera di Commercio e Industria Italiana per la Spagna

Madrid

Anno di fondazione 1914 Anno di riconoscimento 1970 Presidente Marco Silvio PIZZI Segretario Generale Giovanni ARICÓ Indirizzo Glorieta de Quevedo, 5 - Escalera dcha. 1º dcha. – 28015 Telefono +34 915 900900 Fax +34 915 630560 Web www.italcamara-es.com E-mail info@italcamara-es.com Orario 9.00 -14.00 / 15.00 - 18.00 Numero dei soci 208 Quota associativa (Iva esclusa) Socio collaboratore euro 900 (+154 una tantum); Socio ordinario euro 300 (+50 una tantum) Newsletter Newsletter CCIS (quindicinale) Pubblicazioni Bollettino Economico CCIS (trimestrale); Year Book (annuale) Accordi di collaborazione Camera di Commercio di Madrid; Fiera Firenze; Grupo Gourmets; Patronato del Turismo di Madrid

Delegazione di Valencia Competenza territoriale Comunidad Valenciana Responsabile Leonardo CARBONE Indirizzo Poeta Querol 1 p.ta 1ª y 2ª - 46002 Telefono +34 963 519500 Fax +34 963 511910 e-mail comunidadvalenciana@italcamara-es.com Delegazione di Vigo Competenza territoriale Galicia Responsabile Rita CAL RUBIANES Indirizzo Rua Doctor Cadaval, 2 - 2º B - 36202 Telefono +34 98 6912356 e-mail vigo@avinalabogados.com

Ufficio Regionale di Siviglia Competenza territoriale Andalucia - Extremadura Responsabile J. Carlos RUIZ BERDEJO SIGURTÀ Indirizzo C/Fabiola, 10 - 41004 e-mail delccisandalucia.extremadura@gmail.com

140


Caratteristiche generali

Mesi

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

-1 -2 1 8 15 20 23 20 16 12 5 1

Media min

-5 -6 -4 2 6 11 14 13 10 7 1 -2

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 449.964 kmq Popolazione1 9.415.570 Gruppi etnici2 Svedesi, Finlandesi (74.050), Lapponi, Iracheni (55.114), Danesi (40.272), Norvegesi (35.192), Tedeschi (27.527) Comunità italiana3 8.831 Capitale Stoccolma Città principali Göteborg, Malmö, Uppsala, Linköping Moneta Corona Svedese (SEK) Tasso di cambio4 1 Euro=9,53727 SEK Lingua Svedese Religioni principali Luterani (87%), altre religioni: Cattolici, Ortodossi, Battisti, Musulmani, Ebrei, Buddisti Ordinamento dello Stato Monarchia costituzionale ereditaria. Il

Quadro dell’economia

Quadro macroeconomico5 Nel 2010 l’economia svedese ha registrato una forte crescita con un incremento del PIL del 5,6%, tasso superiore rispetto alla media della Zona Euro (1,7%). Per i prossimi anni è prevista una crescita più contenuta ma comunque forte, ad un tasso del 3,8% per il 2011 e del 2,9% per il 2012. La domanda interna è aumentata in misura maggiore al PIL, rivestendo un ruolo importante per la ripresa svedese. Anche sul mercato del lavoro, l’onda lunga della crisi di due anni fa comincia a farsi sentire meno: il tasso di disoccupazione è aumentato dello 0,1% rispetto al 2009 fermandosi all’8,5%, mentre per il 2011 si prevede una riduzione fino al

142

capo dello stato è, dal 19.09.1973, Re Carl XVI Gustaf anche se il suo potere è stato limitato a funzioni ufficiali e formali. Il 19.06.2010 a Stoccolma ha avuto luogo il matrimonio della Principessa Victoria, primogenita dei reali di Svezia e successore al trono di Re Carl XVI Gustaf. La funzione legislativa è svolta da un Parlamento unicamerale composto da 349 membri eletti a suffragio universale con sistema proporzionale per 4 anni. Il parlamento nomina il primo ministro, il quale, a sua volta, sceglie i ministri. Il potere legislativo è così condiviso tra il parlamento ed il primo ministro, capo del governo. Nelle ultime elezioni generali del Settembre 2010 la coalizione di centrodestra «l'Alleanza», guidata dal premier uscente Frederik Reinfeldt, ha ottenuto la maggioranza dei voti. Le prossime elezioni avranno luogo a settembre del 2014. La funzione esecutiva spetta al governo, guidato dal primo ministro, e agli altri ministri. La funzione giurisdizionale spetta alla Corte Suprema o Högsta Domstolen. I giudici sono nominati dal primo ministro e dal governo. Suddivisione amministrativa 21 regioni amministrative o län (Blekinge, Dalarna, Gotland, Gävleborg, Halland, Jämtland, Jönköping, Kalmar, Kronoberg, Norrbotten, Skåne, Småland, Stoccolma, Södermanland, Uppsala, Värmland, Västerbotten, Västernorrland, Västmanland, Västra Götaland, Örebro, Östergötland). 7,9% e al 7,5% per il 2012. L’ultimo quadrimestre del 2010 ha segnato il cambio di rotta definitivo registrando un incremento del numero di lavoratori rispetto allo stesso periodo del 2009, grazie a una politica fiscale di tipo espansionistico. Per quanto riguarda l’inflazione, infine, nel 2010 si è registrato un tasso pari all’1,3%. Tale indice tuttavia ha assunto un andamento crescente: a dicembre 2010 è stato pari al 2,3%, mente nei primi due mesi del 2011 ha raggiunto il 2,5%. La corona svedese ha subito un apprezzamento notevole rispetto all’Euro di quasi il 13%, passando da un cambio 1

2 3

4 5

Fonte: Statistiscal Centralbyran (www.scb.se); dato aggiornato al 31.12.2010 Fonte: Statistiscal Centralbyran Fonte: Consolato Italiano in Svezia (AIRE); dato aggiornato al 3.03.2010 Tasso di cambio medio 2010 Fonti: Konjunktur Institutet (www.konj.se); Statistiscal Centralbyran


BUSINESS ATLAS 2011

Principali prodotti importati: computer e prodotti elettronici e ottici (13,6%, +20,7%); veicoli a motore e rimorchi (10,1%, +37,5%); altri macchinari e attrezzature (9,6%, +11,7%); prodotti chimici (8%, +7,2%); petrolio greggio e gas naturali (7,4%, +32,9%); metalli (6,3%, +41%); prodotti alimentari (5,4%, –1,9%); attrezzature elettriche (5,2%, +11,3%); coke e petrolio raffinato (4,8%, +35%); prodotti plastici (3%, +14,1%). Principali prodotti esportati: altri macchinari e attrezzature (13,3%, +13,1%); computer e prodotti elettronici e ottici (12%, +20,3%); veicoli a motore e rimorchi (9,9%, +32,3%); carta e prodotti in carta (8,5%, +5,1%); metalli (7,7%, +36%); coke e petrolio raffinato (6,8%, +28,9%); prodotti chimici (6,2%, +6,6%); prodotti e preparati farmaceutici (5,9%, –1,9%); attrezzature elettriche (5,1%, –1,1%); prodotti in metallo diversi da macchinari e attrezzature (3,3%, +15,1%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (10%); Norvegia (10%); USA (7,5%); Regno Unito (7,4%); Danimarca (6,5%); Finlandia (6,2%); Olanda (4,9%); Francia (4,9%); Belgio (4%); Cina (3,1%); Italia (2,9%, 11º cliente); Polonia (2,5%); Spagna (2%). Paesi Fornitori: Germania (18,1%); Norvegia (9%); Danimarca (8,3%); Olanda (6,5%); Regno Unito (5,7%); Finlandia (5,3%); Russia (4,8%); Francia (4,6%); Cina (4,1%); Belgio (3,9%); USA (3,2%); Italia (2,9%, 12º fornitore); Polonia (2,9%).

Euro/SEK del 10,25 nel mese di dicembre 2009 a quello registrato nello stesso mese 2010 dell’8,96. Il volume delle esportazioni e importazioni di beni merci sono aumentate, rispettivamente, del 14% e del 17%. La crescita è dovuta, oltre che all’apprezzamento della corona, all’ottima performance di tutti i settori. A seguito di un aumento delle esportazioni maggiore rispetto a quello delle importazioni, sia percentuale che in valori assoluti, nel 2010 il saldo della bilancia commerciale registra un leggero peggioramento rispetto all’anno precedente, passando da mld/euro 8,8 nel 2009 a mld/euro 8 nel 2010.

Principali settori produttivi La Svezia è il Paese europeo più ricco di giacimenti di uranio (80% delle riserve complessive); si trovano anche piombo, rame, zinco, tungsteno, manganese, argento, oro. Di notevole rilevanza il settore secondario, sviluppato e moderno grazie al costante aggiornamento tecnologico e all'impegno nella ricerca e nella formazione professionale perseguito dal governo e dalle imprese medesime. Il Paese ha progressivamente abbandonato la priorità che aveva tradizionalmente conferito alla produzione di materie prime (in particolare legno e minerali di ferro) a vantaggio di settori di punta ad elevato coefficiente tecnologico: mezzi di trasporto, attrezzature elettriche ed elettroniche, telefonia, prodotti chimici, farmaceutici e biotecnologici. Uno dei settori forti del comparto industriale svedese è da sempre quello dell’automotive con Volvo e Saab in testa (si sottolinei che però entrambe le società non sono di proprietà svedese: Volvo Cars è dal gennaio 2010 del gruppo cinese Geely mentre SAAB Automotive, è stata acquistata dall’olandese Spyker Cars, che ha dato vita a una nuova società, la SAAB Spyker Automobiles). Durante il 2010 i settori che hanno registrato la crescita maggiore sono stati quelli metalmeccanico, manufatturiero, dell’industria edilizia e dei servizi privati. I settori dell’automotive e della vendita al dettaglio hanno registrato un andamento molto positivo, sebbene la vendita al dettaglio di beni non durevoli abbia registrato una flessione.

Interscambio con l’Italia7 Saldo commerciale: mld/euro 0,1 Principali prodotti importati dall’Italia: altri macchinari e attrezzature (24,4%, +16,6%); attrezzature elettriche (10,4%, +3,6%); veicoli a motore e rimorchi (7,7%, +57,4%); prodotti alimentari (7,2%, –5,7%); metalli (7%, +51,3%); prodotti plastici (5,6%, +13,4%); prodotti chimici (4,5%, +10,4%); abbigliamento (3,7%, –0,8%). Principali prodotti esportati in Italia: carta e prodotti di carta (21,8%, +7,2%); metalli (14%, +4,1%); altri macchinari e attrezzature (12,2%, –9,7%); computer e prodotti elettronici e ottici (12,1%, +77,2%); prodotti e preparati farmaceutici (8,5%, +12,8%); prodotti chimici (6,1%, +18,8%); veicoli a motore e rimorchi (5,4%, +9,7%); attrezzature elettriche (3,5%, –18,1%). Investimenti esteri (principali Paesi)8 Paesi di provenienza: Olanda, Lussemburgo, Regno Unito, Finlandia, Danimarca, Belgio, USA. Paesi di destinazione: USA, Finlandia, Olanda, Regno Unito, Norvegia, Danimarca, Belgio. Investimenti esteri (principali settori)8 Verso il Paese: chimico/farmaceutico, meccatronica, energia, commercio, agroalimentare, servizi finanziari Del Paese all’estero: meccatronica, chimico e farmaceutico, bancario, commercio, trasporti e comunicazione, legno, carta e industria grafica

Infrastrutture e trasporti6 La rete ferroviaria si estende per 11.481 km, gode di ottima manutenzione ed è ben distribuita su tutto il territorio, così come la rete viaria che si estende per un totale di 215.500 km (di cui 139.400 di strade pubbliche e 76.100 di strade private la cui manutenzione rimane pubblica). Attualmente sono in corso di realizzazione numerosi progetti riguardanti le reti ferroviaria e stradale: Hallandsås, Bothnia Line, Stockholm City line, Citytunnel in Malmö, E20 European Highway, The Stockholm bypass – Förbifart Stockholm, sono solo i principali. I principali porti e terminal si trovano a Brofjorden, Göteborg, Helsingborg, Luleå, Malmö, Stenungsund, Stockholm, Trelleborg. Commercio estero7 Totale import: mld/euro 122,1 Totale export: mld/euro 130,1

SVEZIA

6 7 8

143

Fonte: Fonte: LFV Statsida; Trafikverket; SJ Travel by Train Fonte: Statistical Centralbyran Fonte: Statistical Centralbyran; dati relativi al 2009


EUROPA

SVEZIA

Aspetti normativi e legislativi

zioni previste nel capitolo 1, articolo 5 della legge sulle società per azioni. In alcuni casi, nel gruppo, solo l'affiliato svolge attività operative mentre il compito della società madre è quello di gestire la proprietà delle azioni e di dirigerne l'attività. In questi casi la società madre viene considerata società holding. Altra tipologia è la Società Commerciale (Handelsbolag-HB, www.handelsbolag.nu), disciplinata dalla L. 1102/1980, cap. 2, un’entità costituita da due o più soci che si impegnano a condurre congiuntamente un'attività economica. I partner sono personalmente responsabili delle passività della società e degli accordi contrattuali; la Società Individuale (Enskild Firma, www.enskildfirma.info) in cui il proprietario è personalmente responsabile per i debiti contratti dalla società, non ha personalità giuridica. La ditta individuale non è normalmente tenuta alla nomina del revisore dei conti per il controllo delle attività svolte; la Società in Accomandita (Kommanditbolag), con alcune eccezioni, è disciplinata dalla normativa sulle società commerciali. La società in accomandita è una entità nella quale uno o più soci si riservano di rispondere per le obbligazioni della società limitatamente alla quota conferita. Caratteristico quindi della società in accomandita è la presenza di soci accomandatari (Komplementärer) che rispondono per le obbligazioni della società personalmente, illimitatamente e solidalmente, e i soci accomandanti (Komanditdelägare) che rispondono solo parzialmente. La società in accomandita diventa persona giuridica ed acquista capacità legale con la registrazione nel registro delle imprese. Il diritto di rappresentanza spetta solo ai soci accomandatari. Secondo la legge 1980/1102, cap. 3, l’accordo deve contenere il nome della compagnia, l’attività, il luogo di esecuzione dell’attività, i componenti e il loro ruolo, l’anno fiscale.

Regolamentazione degli scambi9 Sdoganamento e documenti di importazione: la Direzione Nazionale del Commercio è l’autorità competente per la materia. La Svezia, in quanto membro dell’UE, applica la normativa comunitaria in materia. Per quanto riguarda l’importazione di mezzi di produzione ed altri materiali, all'atto del trasferimento nel Paese, le società straniere devono contattare gli uffici doganali regionali di competenza territoriale. Le importazioni del settore tessile e abbigliamento dalla Cina e da altri Paesi in entrata sul territorio comunitario sono soggette a una licenza di importazione. Tale licenza è necessaria anche per le importazioni di ferro e acciaio dai Paesi terzi. Classificazione doganale delle merci: tariffa europea TARIC. Restrizioni alle importazioni: non esistono particolari restrizioni. Tuttavia per l’importazione di alcune categorie merceologiche (i.e. alimentari e vino) occorre presentare un permesso o una licenza di import. In particolare per quanto riguarda vino e alcolici, vige, nel Paese, monopolio di Stato e una tassazione elevata sulla distribuzione al dettaglio. Tutte le bevande alcoliche di gradazione superiore a 3,5% possono essere distribuite al pubblico unicamente via Systembolaget (www.systembolaget.se), o vendute solo presso hotel, ristoranti, o tramite servizi di catering; in entrambi i casi l’importazione avviene solo tramite importatori autorizzati. Per importare e distribuire è necessario ottenere l’autorizzazione in credito di imposta dall’ente statale Riksskatteverket. Importazioni temporanee: per materiale professionale, strumenti e macchine, le imprese/società di Paesi terzi devono contattare l’ufficio doganale regionale di riferimento (Tullverket).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: non esistono impedimenti agli investimenti stranieri che sono ormai consentiti in tutti i settori, senza la necessità di un’approvazione da parte del governo; unica eccezione è rappresentata dal materiale bellico. In generale, la normativa vigente riserva alle società straniere lo stesso trattamento accordato alle imprese locali. L’agenzia di riferimento è la Invest in Sweden Agency (www.isa.se). Legislazione societaria10: il diritto svedese prevede tra le tipologie la Società per azioni (AB Aktiebolag, www.aktiebolagsinfo.se), costituita da uno o più soggetti con personalità giuridica all'atto della registrazione. Normalmente gli azionisti non assumono la responsabilità personale per debiti o altre obbligazioni della società. Presenti due tipologie di Spa: privata per cui è necessario un capitale sociale di almeno SEK 100.000 e pubblica il cui capitale sociale minimo richiesto è di almeno SEK 500.000. Una società madre e una fliale costituiscono un gruppo (koncern) se ricorrono le condi-

Brevetti e proprietà intellettuale La Svezia aderisce alla Convenzione di Berna e di Parigi (www.wipo.int/treaties/en/). Ufficio competente in materia è il Swedish Patent and Registration Office Prv (www.prv.se).

Sistema fiscale Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tassazione sulle attività d’impresa: le società per azioni vengono tassate unicamente per il reddito dell'attività svolta; anche le entrate o le perdite generate da operazioni in capitale, pur non inerenti all'attività svolta dalla società, vengono computate nel reddito; la responsabilità fiscale sussiste anche se il reddito è stato generato da attività economiche svolte all'estero. L'imposta sul reddito delle società per azioni è pari al 28% del reddito imponibile. I dividendi per quote di controllo in altre società per azioni o associazioni economiche svedesi non sono di regola tassati. I gruppi di società 9

10

144

Per ulteriori informazioni, www.tulleverket.se (Agenzia delle dogane) e www.kommers.se (National Board of trade) I termini in italiano sono la traduzione letterale delle voci svedesi e non la forma societaria corrispondente in Italia


BUSINESS ATLAS 2011

(koncern) non sono soggetti fiscali; vengono invece tassate separatamente le singole entità giuridiche del gruppo. La legislazione fiscale tiene tuttavia conto del rapporto di interdipendenza tra società del gruppo, per esempio nel caso di contributi intersocietari che permettono aggiustamenti al fine di realizzare risultati in pareggio. Le società commerciali e le società in accomandita non sono soggetti fiscali; la responsabilità fiscale in questi casi grava sui soci. L'attività della filiale di una società straniera viene tassata in Svezia; il tasso di prelievo fiscale corrisponde a quello previsto per le società per azioni (28%). Per effetto della convenzione e della normativa interna, sui dividendi corrisposti ai residenti in Italia si applica una ritenuta d'imposta del 15% (0% se la società italiana possiede almeno il 25% del capitale sociale della società svedese); per la corresponsione di royalties non vi è alcuna ritenuta alla fonte, ma esse sono egualmente imponibili, previa dichiarazione, con un’aliquota del 5%. Nessuna ritenuta è prevista sugli interessi. L’imposta sulle rendite finanziarie (Capital Gain) è del 30%. Imposta sui redditi della persone fisiche: le persone fisiche sono soggette a una tassa comunale, la cui aliquota è del 30-33%, a cui si aggiunge un ulteriore 20% per redditi annui che superano SEK 384.600; se il reddito imponibile supera SEK 545.200 si è tenuti a pagare un ulteriore 5% sulla parte di reddito superiore a tale soglia. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 25% per servizi e prodotti generici; 12% per alimentari (esclusi alcolici), tabacchi; 6% per giornali e riviste.

Tipologia

Valore

Breve termine (3 mesi) Medio termine (3-12 mesi) Lungo termine (1-5 anni) Lungo termine (oltre 5 anni)

3,36 % 2,68 % 3,71 % 4,50 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Presenti nei porti di Stoccolma, Göteborg e Malmö.

Accordi con l’italia Convenzione bilaterale per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali, ratificata con L. 439/1982, firmata a Roma il 6.03.1980 ed entrata in vigore il 5.07.1983; cooperazione militare nel settore degli armamenti tra Italia e Svezia regolata dall'Accordo bilaterale (MoU), sottoscritto a Stoccolma il 18.04.1997; accordo bilaterale sulla cooperazione culturale, educativa, scientifica e tecnologica stipulato a Roma il 29.11.2002 e ratificato dalla L. 97/2006.

Notizie per l’operatore

Costo dei fattori produttivi

Manodopera15 (valori medi mensili in €)

Rischio Paese 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE12 apertura senza condizioni 11

Sistema bancario La Banca Centrale Svedese (Riksbanken) è responsabile della politica monetaria del Paese. L'unica borsa valori presente sul territorio si trova a Stoccolma. La Svezia ha 32 banche commerciali (le principali sono SEB, Handelsbanken e Nordea Bank) a cui si aggiungono 3 banche commerciali straniere e 27 rami di banche commerciali straniere. Sono, inoltre, presenti 53 casse di risparmio e 2 banche cooperative. Le più grandi banche commerciali e le casse di risparmio offrono una gamma completa di servizi bancari con gradi di minore o maggiore specializzazione. Oltre al sistema bancario esistono altre istituzioni per l’erogazione del credito, quali le società finanziarie, istituti di credito immobiliare, le Corporate Finance Institutions e le società d’assicurazione. Anche il Fondo Nazionale Pensioni fornisce credito a lungo termine alle aziende. Le linee di credito vengono solitamente concesse dietro fornitura di garanzie reali e/o personali.

Tassi bancari14

SVEZIA

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente

13

da

2.571 2.273 4.000

a

2.778 3.069 5.589

Organizzazione sindacale Una caratteristica distintiva dei sindacati svedesi è l'alta partecipazione dei lavoratori. Le tre principali organizzazioni centrali dei lavoratori dipendenti sono la Confederazione sindacale LO (1,5 milioni di aderenti), la Confederazione generale dei funzionari e degli impiegati – TCO (1,2 milioni) e la Confederazione centrale dei lavoratori intellettuali - SACO (600.000). 11

12 13 14

13

145

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Informazioni aggiornate al mese di dicembre 2009 Fonte: Statistical Centralbyran; dati medi relativi a dicembre 2010 per i prestiti in favore di società non finanziarie e famiglie Fonte: Lonestatistik (www.lonestatistik.se)


EUROPA

SVEZIA

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Gärdesgatan 14, 115 27 Stoccolma tel +46 8 54585760 - fax +46 8 54585769 www.iicstockholm.esteri.it iicstockholm@esteri.it • info@italkult.com Ufficio ICE20: Sveavägen 21 (3º piano) 111 34 Stoccolma tel +46 8 248960 - fax +46 8 4114947 stoccolma@ice.it Ufficio ENIT21: Hamngatan 13 box 7652 - 103 94 Stoccolma tel +46 8 54568330 - fax +46 8 54568349 / 348 stockholm@enit.it

Al pari dei lavoratori, anche i datori di lavoro hanno un alto grado di organizzazione. L’organizzazione principale per il settore privato è la Confederazione delle imprese svedesi (SAF) che rappresenta 60.000 imprese per un totale di 1,6 milioni di dipendenti. Elettricità16 (in €/KW/h)

Categorie

Alta e media tensione Combustibile

da

0,07

a

0,10

Prodotti petroliferi17 (in €/l)

Benzina Diesel Olio combustibile

1,49 1,32 1,32/m3

Immobili18 (canone annuale in €/m2)

Affitto locali uffici

Stoccolma Göteborg Malmö

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas Birger Jarlsgatan 25 Stoccolma • tel +46 8 50537551 thomas.wrangdahl@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Representative Office c/o London Branch 90 - Queen Street London EC4N 1SA, United Kingdom tel +44 207 6513114 stockholm.vepoffice@intesasanpaolo.com SEB Retail Non Resident www.seb.se/nonresident; nonresidentprivates@seb.se; nonresidentcorporate@seb.se

media

da

240 160 145

a

425 250 230

IN ITALIA

Informazioni utili

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE22 Ambasciata (Cancelleria e sezione consolare) p.zza Rio de Janeiro, 3 - 00161 Roma tel 06 441941 – fax 06 44194760

Indirizzi Utili NEL PAESE

Istituti di credito In data 30.06.2009 la società italiana di Gestione del Risparmio Vegagest SGR Spa e la società lussemburghese Nordea Investment Funds SA hanno costituito una partnership strategica tramite la quale hanno concentrato in un’unica società le attività condotte in Italia. Come risultato della partnership, il 01.03.2010 è nata la nuova società di Gestione del Risparmio NorVega SGR Spa (www.norvega.it o info@norvega.it).

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE19 Ambasciata d’Italia Djurgårdsvägen 174, 11521 Stoccolma tel +46 8 54567100 - fax +46 8 6600505 www.ambstoccolma.esteri.it • info.stockholm@esteri.it 16

17 18

19

20 21 22

Fonte: Statistical Centralbyran (www.scb.se). La tariffa più bassa indica il prezzo del contratto triennale, quella più alta è il prezzo standard (prezzi al 01.01.2011) Fonte: Svenska Petroleum Institutet (wwwspi.se) Fonte: Invest Sweden (www.investsweden.se). I dati si riferiscono al terzo quadrimestre 2010. Solitamente nell’affitto sono compresi riscaldamento e acqua, ma non elettricità e telecomunicazioni. Spesso inoltre sono inclusi la pulizia degli spazi comuni e la rimozione della neve Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it) Presenti Consolati Onorari ad Anacapri, Bari, Cagliari, Castiglione della Pescaia, Firenze, Genova, La Spezia, Livorno, Milano, Napoli, Palermo, Sanremo, Torino, Trieste, Venezia. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari svedesi in Italia: www.swedenabroad.com

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini UE è sufficiente la carta d'identità. Per i cittadini provenienti da Paesi terzi è consigliabile verificare sui siti delle Ambasciate di riferimento l’obbligatorietà o meno del visto. È consentita l'importazione in quantità illimitata di valuta straniera. I non residenti possono esportare valuta in quantità illimitata. La Svezia è entrata nella convenzione di Schengen il 25.03.2001.

146

Corrente elettrica Principale gestori del servizio sono sono Vattenfall, EON e Fortum.


BUSINESS ATLAS 2011

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.00-9.00 / 17.00-18.00 Negozi: lun-ven 10.00-18.00 sab 10.00-12.00/14.00-16.00 (supermercati e grandi magazzini: tutti i giorni 8.00-22.00) Banche: 9.30-15.00 (alcuni uffici aperti fino alle 18.00)

SVEZIA

Altre compagnie aeree operanti nel Paese: FlyNordic; Malmö Aviation; Lufthansa; Ryanair; Easyjet Trasferimenti da e per l’aeroporto: la tratta Aeroporto Arlanda (Stoccolma) - centro città ha una durata di circa 45 min. con il servizio autobus di Flygbuss (www.flygbussarna.se) con frequenza 10/15 minuti. Il prezzo del biglietto A/R è di SEK 198. Per il servizio taxi, consultare i siti www.taxikurir.se o www.taxistockholm.se; i prezzi variano da SEK 400 a 500. Da dicembre 1999 vi è inoltre un pratico treno, Arlanda Express (www.arlandaexpress.com), che impiega 20 min. dalla stazione centrale dei treni alll’aeroporto, con possibilità di effettuare il chek-in anticipato per i voli SAS. Il costo di un biglietto A/R è di SEK 460. Dall’aeroporto di Göteborg Landvetter si impiegano 30 min. per raggiungere la città col servizio di Flygbuss (frequenza 15/30 minuti). Per il servizio taxi, consultare www.taxigbg.se. Dall’aeroporto di Malmö Sturup si impiegano circa 45 min. col servizio di Flygbuss (frequenza 30/45 minuti). Per il servizio taxi consultare www.taxiskane.se

Festività 1, 6 gennaio; 22, 24, 25 aprile; 1 maggio; 2, 6, 24, 25 giugno; 5 novembre; 25, 26, 31 dicembre.

Media Quotidiani: Dagens Nyheter; Svenska Dagbladet; Sydsvenska Dagbladet; Dagens Industri; Expressen; Aftonbladet Riviste: Affärsvärlden; Veckans Affärer; Ny Teknik TV: SVT1 e SVT2; TV3; TV4; kanal5; kanal 6 Alberghi Camera singola: 1a cat. circa 300 euro, 2a cat. 200, 3a cat. 140 Camera doppia: 1a cat. circa 250 euro, 2a cat. 200, 3a cat. 150

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telia; Tele2; 3 ; Glocalnet Telefonia mobile: Comviq; 3; Telenor

Assistenza medica I cittadini italiani, con il solo possesso del tesserino sanitario, possono usufruire dell’assistenza medica svedese così come i cittadini svedesi in Italia. Il prezzo di una visita medica in ospedale è di circa 16 euro. L'ospedalizzazione è gratuita.

Siti di interesse Istituto Nazionale di Statistica: www.scb.se Pagine gialle nazionali svedesi: www.gulasidorna.se Invest in Sweden Agency – ISA: www.investsweden.se Ufficio Nazionale Alcolici: www.alkoholinspektionen.se

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Scandinavian Airlines System, SAS Sverige AB

Camera di Commercio Italiana per la Svezia

Stoccolma

Anno di fondazione 1956 Anno di riconoscimento 1956 Presidente Dimitrij TITOV Segretario Generale Anna DE GEER Indirizzo Karlavägen 100 - Box 24053 - 104 51 Telefono +46 8 6112540 /1 Fax +46 8 6112542 Web www.italchamber.se E-mail info@italchamber.se Orario 8.00-12.45 / 13.30-17.00

Numero dei soci 130 Quota associativa soci italiani: euro 280; soci svedesi: SEK 2.000 (fatturato fino a mln/SEK 10); SEK 2.500 (fatturato da 10 a 100 mln/SEK); SEK 3.300 (fatturato oltre i mln/SEK 100). Accordi di collaborazione Lufthansa Italia; Mornington Hotel (Stoccolma, Goteborg); Ufficio di rappresentanza di Fiera Milano per la Svezia; Università: Bologna, Ca’ Foscari Venezia, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, IULM Milano, Orientale Napoli, Padova, Palermo, Pavia, Perugia, Pisa, Sapienza e Torvergata Roma, Torino, Trento, Tuscia. 147


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia2

Temperature nella Capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

2 5 10 15 19 23 24 24 20 14 7 3

Media min

Quadro macroeconomico L’economia svizzera ha superato senza grandi danni la recessione del 2009 e, nel 2010, ha registrato una ripresa della crescita pari al 2,6%. Anche la situazione delle finanze pubbliche e il livello di disoccupazione pari a circa il 3,5% testimoniano di una economia in fase di stabilizzazione. Alcuni indicatori mostrano tuttavia tendenze al ribasso a partire dal terzo trimestre del 2010; in particolare per quanto riguarda le esportazioni, il clima di fiducia delle imprese e dei consumatori. Complessivamente, la performance relativa al commercio con l’estero è stata positiva: dopo il notevole disavanzo fatto registrare nel 2009, le esportazioni e le importazioni sono cresciute rispettivamente del 7,1% (mld/euro 140,5) e dell’8,4% (mld/euro 125,8). Nel 2010 l’incremento più marcato della domanda di beni svizzeri è giunta dall’Asia: la bilancia commerciale ha chiuso con il secondo surplus più alto della storia (mld/euro 14,6). In merito ai settori, risultati molto positivi sono stati raggiunti nell’industria degli orologi e strumenti di precisione (+22%) e nell’industria dei metalli (+21,4%) dopo le performance negative dell’anno precedente. Ancora in difficoltà invece l’industria della carta (–0,6% dopo un calo del 18,6% nel 2009) e l’industria dell’abbigliamento (–17,8% dopo un calo del 15,5% nel 2009). L’apprezzamento del Franco Svizzero sulle principali monete internazionali, compreso dollaro ed euro, ha raggiunto livelli superiori a quelli della seconda metà degli Anni Novanta. Comparandolo all’indice reale su base commerciale dei tassi di cambio, si è avuto un apprezzamento tra agosto 2008 e novembre 2010 di circa 14 punti percentuali, e quasi la metà di tale apprezzamento si è avuto dall’inizio del 2010. Il forte apprezzamento potrebbe avere ulteriori effetti frenanti sulla crescita delle esportazioni. Già quest’anno l’evoluzione sul mercato dei cambi ha costretto gli esportatori ad attuare riduzioni di prezzo.

-9 -7 1 4 8 12 14 13 11 6 2 -1

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 41.285 kmq Popolazione 7.697.700 (21,7% stranieri) Gruppi etnici Tedeschi (63,7%), Francesi (20,4%), Italiani (4,5%), Romanci (0,5%), altri (8,9%) Comunità italiana 520.000 ca. (oltre 200.000 con doppio passaporto, non conteggiati nelle statistiche ufficiali in quanto considerati cittadini svizzeri) Capitale Berna (130.000) Città principali Zurigo (370.000), Basilea (167.000), Ginevra (173.000), Losanna (115.000) Moneta Franco Svizzero (CHF) Tasso di cambio1 1 Euro=1,38034 CHF Lingua Tedesco (63,7%), Francese (20,4%), Italiano (6,5%), Reto-Romancio (0,5%), altre (9,0%) Religioni principali Cattolici (41,8%), Protestanti (35,3%), Musulmani (4,3%), atei (11,1%) Ordinamento dello Stato Repubblica Federale in cui la funzione legislativa è affidata all’Assemblea Federale, formata dal Consiglio Nazionale (200 membri eletti ogni 4 anni a suffragio diretto) e dal Consiglio degli Stati (46 membri designati dai Cantoni). L’assemblea elegge il Consiglio Federale composto da 7 membri con mandato quadriennale, tra i quali viene scelto ogni anno un Presidente con funzione di Capo dello Stato Suddivisione amministrativa 26 Stati corrispondenti ai Cantoni omonimi (i Cantoni di Basilea, Appenzell e Unterwalden comprendono tuttavia 2 Stati). Ogni Stato ha una propria Costituzione scritta, un'Assemblea (Gran Consiglio) e un Governo (Consiglio di Stato).

1

148

2

Tasso di cambio medio annuo 2010 Fonte: Ministero Svizzero dell’Economia (SECO)


BUSINESS ATLAS 2011

Principali settori produttivi L’agricoltura svizzera, che contribuisce al PIL nella misura dell’1,3%, ha carattere prevalentemente familiare ed è fortemente sovvenzionata dallo Stato. Particolarmente sviluppato è l’allevamento: i pascoli coprono un'estensione di terreno quattro volte superiore a quella occupata dalle coltivazioni. Il patrimonio zootecnico comprende circa 1,6 milioni di bovini (in prevalenza mucche da latte), 1,5 milioni di suini e circa 6,7 milioni di volatili. Tra le colture vegetali prevalgono il grano, l'orzo e le patate. L’industria svizzera (20% del PIL) è competitiva e specializzata nelle produzioni ad elevato valore aggiunto. Il settore è dominato da importanti gruppi transnazionali che operano soprattutto nei comparti agroalimentare, farmaceutico e meccanico; non mancano, tuttavia, le industrie di piccole e medie dimensioni. Tradizionale ambito di specializzazione dell'industria svizzera è quello agroalimentare, nel quale operano circa 160 aziende.

SVIZZERA

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –2 Principali prodotti importati dall’Italia: prodotti chimico-farmaceutici (mld/euro 3, +4,7%); metalli e articoli in metallo (mld/euro 1,3, +18,4%); prodotti agricoli, silvicoltura (mld/euro 1,3, –0,2%); tessili e abbigliamento (mld/euro 1,2, –13%); veicoli (mld/euro 0,8, –6,9%); prodotti energetici (mld/euro 0,7, +8,3%); altri prodotti (mld/euro 0,7, +34%); gioielleria, oreficeria e bigiotteria (mld/euro 0,6, +41,4%). Principali prodotti esportati in Italia: prodotti chimico-farmaceutici (mld/euro 4,7, +0,1%); prodotti energetici (mld/euro 1,5, –6,3%); macchine industriali, agricole, ufficio, uso domestico, industria elettrica/elettronica, tecnologie di difesa (mld/euro 1,3, +1,2%); metalli e articoli in metallo (mld/euro 0,8, +34,9%); orologeria (mld/euro 0,7, +2,6%); altri prodotti (mld/euro 0,6, +14,5%); prodotti agricoli, silvicoltura (mld/euro 0,5, +2,4%); strumenti e apparecchi di precisione (mld/euro 0,4, –14%).

Infrastrutture e trasporti Pur essendo un Paese prevalentemente montuoso, la Svizzera vanta un sistema di trasporti assai efficiente. Il sistema ferroviario si estende, infatti, per oltre 5.000 km, mentre la rete stradale copre oltre 71.000 km. La rete autostradale collega le principali città e raggiunge i Paesi confinanti. I principali aeroporti si trovano a Zurigo, Ginevra, Basilea, Lugano e Berna. Tra i progetti infrastrutturali in via di realizzazione si segnala l’Alptransit, la linea ad alta velocità ferroviaria svizzera, lungo gli assi del San Gottardo e del Lötschberg che verrà terminata entro il 2015. Nell’ambito del progetto è prevista la costruzione di un tratto ferroviario sotterraneo in direzione nord-sud attraverso le Alpi. Nel 2010 è stato, inoltre, ultimato lo scavo della galleria sotto al massiccio del San Gottardo che rappresenta la galleria più lunga al mondo (circa 57 km).

Investimenti esteri3 (principali Paesi) Paesi di provenienza: Europa (86,3%) di cui Olanda (23,4%), Austria (14,6%), Lussemburgo (21,1%), Germania (6,5%), Francia (7,6%); USA (14,4%). Paesi di destinazione: Europa (43,6%) di cui Regno Unito (9,3%), Germania (6,5%), Francia (3,8%), Olanda (4,9%), Lussemburgo (7,6%); USA (19,2%).

Investimenti esteri3 (principali settori) Verso il Paese: holding e finanze (56,6%); industria (15,8%); banche (7,6%); assicurazioni (4,4%). Italiani verso il Paese: industria e servizi, holding. All’estero del Paese: industria (37,9%); holding e finanziarie (31,2%); assicurazioni (13,4%); banche (9,6%). In Italia del Paese: industria, servizi commerciali, holding, assicurazioni, banche.

Commercio estero Totale import: mld/euro 125,84 Totale export: mld/euro 140,47 Principali prodotti importati: prodotti chimici (mld/euro 27,4, +8,1%); macchinari ed elettronica (mld/euro 22,9, +7%); strumenti, orologeria e bigiotteria (mld/euro 13,3, +20%); veicoli (mld/euro 12, +10,3%); metallo e articoli in metallo (mld/euro 10,4, +16,3%); prodotti agricoli (mld/euro 9,7, +0,6%). Principali prodotti esportati: prodotti chimici (mld/euro 55, +5,9%); strumenti, orologi e bigiotteria (mld/euro 26,7, +13,4%); macchinari ed elettronica (mld/euro 26,4, +7,9%); metallo e articoli in metallo (mld/euro 9,2, +21,4%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (mld/euro 28,3); USA (mld/euro 14,9); Italia (mld/euro 11,7); Francia (mld/euro 11,3). Paesi Fornitori: Germania (mld/euro 42,4), Italia (mld/euro 13,7), Francia (mld/euro 11,3), USA (mld/euro 7,1).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione4: ai fini dello sdoganamento di merci estere nel Paese è necessario che l’importatore sia in possesso della documentazione di accompagnamento che attesti l’origine e il contenuto. In particolare, per prodotti agroalimentari, la documentazione standard prevede: la fattura commerciale (redatta in 2 o 3 copie); il documento EUR 1 (per poter beneficiare del regime preferenziale accordato ai prodotti circolanti nell’UE); Carnet ATA, solo se si 3 4

149

Fonte: Banca Nazionale Svizzera (www.snb.ch) Per ulteriori informazioni consultare il sito delle Dogane Federali (www.dogana.admin.ch) e Unioncamere


EUROPA

SVIZZERA

Legislazione societaria8: la normativa in materia prevede 4 tipologie principali di società. Tra queste, la ditta individuale è la forma giuridica più diffusa. Il titolare della ditta individuale (persona naturale) si assume il rischio legato all'impresa rispondendo con l'intero patrimonio privato e commerciale. Il nome dell'impresa deve prevedere il nome del fondatore. Descrizioni di fantasia o tecniche sono possibili solo come supplemento al nome del titolare. Se il fatturato annuo supera i CHF 100.000 la ditta individuale deve essere iscritta al registro di commercio. Altra tipologia sono la società in nome collettivo, simile, nelle sue caratteristiche, a quella di diritto commerciale e la società a garanzia limitata (Sagl, GmbH, Sàrl) che rappresenta una forma mista tra società anonima e società in nome collettivo. Con oltre 118.000 Sagl, questa forma giuridica è al terzo posto nel paesaggio imprenditoriale svizzero, nonostante la tendenza sia in netta crescita grazie al capitale minimo prescritto di soli CHF 20.000. Infine, la società anonima (SA, AG, SA) può essere costituita da una o più persone naturali o giuridiche. I fondatori apportano un determinato capitale alla ditta che viene scomposto in somme parziali (le azioni). Insieme alla ditta individuale (in Svizzera se ne contano attualmente circa 156.000), la società anonima (SA) è la forma giuridica prediletta (attualmente circa 187.000) in quanto in fatto di responsabilità, prescrizioni sul capitale etc. offre molteplici vantaggi anche per le piccole imprese. Il capitale azionario deve ammontare ad almeno CHF 100.000. I fondatori azionari devono versare tuttavia solo il 20% del capitale azionario previsto per un minimo previsto di CHF 50.000.

tratta di un’importazione temporanea a scopo fieristico e promozionale; certificati sanitari (non esiste obbligo di presentare certificati ufficiali e veterinari ma è necessario il marchio CE e la documentazione descrittiva su merce, produttore e acquirente). Prima dell’importazione è utile accertarsi di eventuali restrizioni all’import nel Paese e verificare la normativa in materia di etichettatura dei prodotti. Questa prevede, infatti, che le indicazioni in etichetta siano riportate nelle tre lingue ufficiali svizzere (tedesco, francese e italiano)5. Classificazione doganale delle merci6: Sistema Armonizzato. Restrizioni alle importazioni: sono vigenti diverse leggi e ordinanze restrittive per determinate merci, soprattutto per prodotti agroalimentari (ortofrutta come frutta fresca, alcune tipologie di verdure e carni fresche), alcolici e oli. Per questi prodotti è necessaria la licenza di importazione ai fini dello sdoganamento. Importazioni temporanee: in via generale il regime di ammissione temporanea deve essere richiesto in forma scritta all'atto dell'introduzione e dell'esportazione delle merci (Dichiarazione doganale per ammissione temporanea o DdAt, moduli 11.73 e 11.74). Nella maggior parte dei casi la competenza diretta ad accogliere le richieste di ammissione temporanea spetta agli uffici doganali. Sostanzialmente quasi tutte le merci possono entrare temporaneamente nel Paese, ma non possono qui subire modifiche o trasformazioni. Nel caso di determinati servizi o merci, può essere presentato, in sostituzione alla dichiarazione doganale, il Carnet ATA (disponibile presso tutte le Camera di Commercio), documento valido internazionalmente per l'importazione temporanea in franchigia di tributi di beni di consumo durevoli; il documento, la cui validità è annuale ed utilizzabile più volte durante il periodo, esonera il titolare dalla fornitura di una garanzia all'atto del passaggio del confine e rende la pratica molto veloce. Il carnet trova applicazione per beni di consumo durevoli, ma non per quelli deperibili. I campi d'applicazione essenziali per la stesura di un carnet ATA sono i seguenti: merce destinata a fiere ed esposizioni, equipaggiamento professionale, campioni per la presentazione (orologi, gioielli, abiti etc.), equipaggiamento sportivo. Il campo d'applicazione può tuttavia essere interpretato in modo diverso da ogni parte contraente. La durata dell'ammissione temporanea (prorogabile con richiesta entro la scadenza del termine) è limitata a due anni. Nel caso di merci la cui durata dall'ammissione temporanea nel territorio doganale supera i due anni, i tributi doganali per ogni mese intero o iniziato (a partire dal 25° giorno del mese) vengono fissati al 3% dell'importo che sarebbe stato riscosso all'atto dell'immissione in libera pratica.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri7: le autorità federali e cantonali accordano incentivi particolari ai progetti che generano nuovi posti di lavoro e a quelli d’impatto ambientale limitato. Particolarmente interessanti gli incentivi previsti da alcune Regioni quali San Gallo, Jura, Berna, Neuchâtel.

Brevetti e proprietà intellettuale Per informazioni consultare il sito web Istituto Federale della Proprietà Intellettuale (www.ige.ch).

Sistema fiscale La struttura federativa della Svizzera ha impedito la creazione di un sistema fiscale unitario. Di conseguenza, la Confederazione, i suoi 26 Cantoni e i circa 2.800 Comuni riscuotono le imposte conformemente alle proprie legislazioni. Generalmente i Comuni prelevano le imposte su basi più o meno identiche a quelle dei Cantoni, a volte essi applicano una propria tariffa che nella maggior parte dei casi corrisponde a un multiplo dell'imposta cantonale di base o a una percentuale della stessa. Mentre la Confederazione è in gran parte finanziata dalle imposte indirette, i Cantoni e i

5

6

7

8

150

Consultando il sito web dell’Ufficio Federale della Sanità (in particolare il link www.bag.admin.ch/import) è possibile visionare l’ordinanza sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari in Svizzera che prevede, a seconda dei prodotti e degli imballaggi importati, 20 disposizioni in tema di etichettatura Per ulteriori informazioni consultare il sito del Dipartimento Federale delle Finanza (www.tares.ch) Per ulteriori informazioni consultare il sito della Banca Nazionale Svizzera (www.snb.ch) Fonte: Ministero Svizzero dell’Economia (www.seco.admin.ch)


BUSINESS ATLAS 2011

Notizie per l’operatore

Comuni coprono le loro uscite essenzialmente con i proventi delle imposte dirette. La fonte di entrate più importante nell'ambito delle imposte dirette è senza dubbio l'imposta sul reddito delle persone fisiche. Essa rappresenta quasi la metà del gettito complessivo dell'ente pubblico. Il sistema fiscale svizzero si distingue da quello degli altri Paesi anche per un'altra peculiarità: le modifiche costituzionali in materia fiscale devono essere sottoposte a referendum popolare, sia a livello federale che cantonale (referendum obbligatorio). Inoltre, in molti Cantoni anche le revisioni di legge sottostanno al referendum obbligatorio, mentre in altri esse sono soggette al referendum facoltativo. Nella maggior parte dei casi i cittadini possono addirittura pronunciarsi in merito alla determinazione delle tariffe, delle aliquote e dei coefficienti d'imposta. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre

Rischio Paese10 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE11 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Banca Nazionale Svizzera, indipendente dal Governo federale, svolge le funzioni di banca centrale, di coordinamento della politica monetaria e creditizia. Il controllo sul sistema bancario è esercitato in collaborazione con la Commissione Bancaria Federale. Il sistema oltre ad essere uno dei più sviluppati del mondo (1 sportello bancario ogni 1.600 abitanti), è fortemente decentrato: a livello locale operano 29 banche cantonali e circa 400 tra banche regionali e casse di risparmio specializzate nell'erogazione di crediti ipotecari. Complessivamente, in Svizzera esistono circa 500 banche ed istituzioni finanziarie il 20% delle quali sono parzialmente o interamente di proprietà straniera. Le due maggiori banche commerciali sono l'UBS (il secondo gruppo del mondo per ordine d'importanza, nato dalla fusione tra l'ex Unione di Banche Svizzere di Zurigo e l'ex Società di Banca Svizzera di Basilea), e il Credit Suisse Group di Zurigo. Le borse valori del Paese hanno sede a Zurigo, Ginevra e Basilea.

Imposta sui redditi delle persone fisiche9

Reddito (CHF)

fino a 45.000 fino a 85.000 fino a 150.000

Valore (CHF) Non coniugati Coniugati

3.500 10.000 22.500

2.500 7.800 18.000

Tassazione sulle attività d’impresa: gestite direttamente dai Cantoni. L’aliquota si attesta intorno all’8,5% dell’utile realizzato. E’ soggetto all’imposta chiunque svolga un’attività indipendente, commerciale o professionale, diretta al conseguimento di entrate, anche senza fine di lucro, purché le forniture, le prestazioni di servizi e il consumo sul territorio elvetico (Svizzera e Liechtenstein) superino complessivamente CHF 100.000 annui. Non sono invece soggette all'imposta le società sportive che non perseguono uno scopo lucrativo e sono gestite a titolo onorifico, le istituzioni di utilità pubblica la cui cifra d’affari annua non superi CHF 150.000, nonché gli agricoltori che forniscono prodotti agricoli della propria azienda. In Svizzera è prevista un’imposta preventiva federale riscossa alla fonte sui redditi di capitale (interessi e dividendi) in misura corrispondente alle seguenti aliquote: 35% sulle rendite vitalizie e sulle pensioni, 15% sulle vincite delle lotterie svizzere e 8% sulle prestazioni assicurative. Imposta sul valore aggiunto (VAT): aliquota tradizionale 8,0%; aliquota ridotta 2,5%; aliquota speciale (alloggio) 3,8%.

9

10

11

Prevista anche la tassa patrimoniale che varia da un minimo dell’1,5% fino a CHF 200.000 a un massimo del 4,28% oltre CHF 1.000.000 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it

SVIZZERA

Tipologia

2 anni 5 anni 8 anni

Tassi bancari Valore

0,49 % 1,41 % 1,52 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Attive circa 30 zone franche. Le principali sono localizzate a Basilea, Ginevra, Zurigo, St. Margrethen, Aarau, Berna, Chiasso e Losanna. In particolare, molto conosciuto è il distretto dell’orologio e degli articoli di lusso localizzato nei sette cantoni della zona dello Jura, il distretto dell’industria farmaceutica nell’area di Basilea e del Lago di Ginevra. 151


EUROPA

SVIZZERA

Accordi con l’Italia In vigore circa 150 accordi di varia natura; i più rilevanti sono: Accordo commerciale tra Italia e Svizzera, concluso a Berna il 21.10.1950, entrato in vigore l’1.11 dello stesso anno; Convenzione del 9.03.1976 per evitare le doppie imposizioni; Accordo del 28.09.1994 riguardante l’imbottigliamento di vini italiani DOC sul territorio della Confederazione svizzera, entrato in vigore l’1.01.1995. Per gli accordi bilaterali Svizzera-UE consultare: www.europa.admin.ch.

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE17 Ambasciata d’Italia Elfenstrasse 14 - 3006 Berna tel +41 31 3500777 fax +41 31 3500711 www.ambberna.esteri.it ambasciata.berna@esteri.it

Costo dei fattori produttivi

Manodopera12 (valori medi mensili in €)

Categorie

da

Operaio Impiegato Dirigente

2.260 3.700 9.700

a

3.555 4.000 –

Consolati Generali di Prima Classe Lugano via Ferruccio Pelli 16 - 6901 tel +41 91 9133050 fax +41 91 9237578 www.conslugano.esteri.it consolato.lugano@esteri.it Zurigo Tödistrasse 67 - 8002 tel +41 44 2866111 fax +41 44 2011611 www.conszurigo.esteri.it segreteria.zurigo@esteri.it

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sono l’Unione Sindacale Svizzera (USS) e l’Organizzazione Cristiano Sociale (OSC). Elettricità13 (in €/KW/h)

Categorie

Media

Alta e media tensione Combustibile

0,10

Prodotti petroliferi14 (in €/l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

da

1,20 1,25 0,80

Acqua15 (in €/m3)

Ad uso industriale Tipologia

12 13 14

15 16 17

18

1,30 1,40 0,90 Media

1,03

Immobili16 (canone mensile in €)

Affitto locali uffici

Consolati Generali Ginevra Rue Charles Galland 14 - 1206 tel +41 22 8396744 / 793253978 fax +41 22 8396745 www.consginevra.esteri.it consolato.ginevra@esteri.it Losanna Rue du Petit-Chêne 29 - 1003 tel +41 21 3411291 fax +41 21 3121377 www.conslosanna.esteri.it segreteria.losanna@esteri.it

a

da

600

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Birmensdorferstrasse 198 - 8003 Zurigo tel +41 44 2024846 fax +41 44 2024857 Ufficio ENIT16: Uraniastrasse 32 - 8001 Zurigo tel +41 43 4664040 fax +41 43 4664041 zurich@enit.it

a

2.000

Fonte: media tra costi dei diversi Cantoni Fonte: Ufficio Generale Energia (www.bfe.admin.ch) Fonte: Erdöl Vereinigung Union Pétrolière (www.erdoelvereinigung.ch) Fonte: Ufficio Generale Energia (www.bfe.admin.ch) Fonte: Il Portale Immobiliare (www.homegate.ch) Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)

152


BUSINESS ATLAS 2011

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Aletti & C. via D’Alberti 1 - 5826 - 6901 Lugano tel +41 91 9118111 - fax +41 91 9118181 Banca Popolare di Sondrio via Maggio 1 - 6900 Lugano tel +41 58 8553100 - fax +41 58 8553115 www.popso.ch Banca Euromobiliare via Serafino Balestra 17 - 6900 Lugano tel +41 91 91255555 - fax +41 91 9125592 Banque de Dépôts et de Gestion Losanna (Sede Centrale) 14 avenue du Théatre CP 5415 - 1002 tel +41 21 3418511 fax direzione / gestione patrimoniale +41 21 3418507 fax clientela privata +41 21 3418503 Lugano (Succursale) piazza Riforma, 3 - 6901 - CP 5839 tel +41 91 9113811 - fax +41 91 9113808 BNL c/o BNP Paribas Place de Hollande 2 - Ginevra tel +41 58 3220961 juerg.hobi@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com BSI Sede centrale: via Magatti 2 - 6900 Lugano tel +41 91 8093842 - fax +41 91 8093678 Fideuram Bank via Canova 1 - 6900 Lugano tel +41 91 9102900 - fax +41 91 9102995

SVIZZERA

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini italiani è sufficiente la carta d'identità. Non esiste alcuna restrizione sull'importazione e l'esportazione di valuta locale o estera. Va dichiarata alla dogana qualora si entri o esca dal territorio italiano con valuta contante superiore ai 10.000 euro tramite apposito formulario (www.agenziadogane.it) Corrente elettrica 220/380 V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.00-12.00 / 13.00-17.00 Negozi: 9.00-18.30 Banche: lun-ven 8.15-16.30

Festività 1, 2 gennaio; 2-5 aprile; 1, 13 maggio; 1 agosto; 25, 26 dicembre

Media Quotidiani: Neue Zürcher Zeitung, Tages-Anzeiger, Corriere del Ticino, Le Temps, La Tribune de Genève, 20 Minuten. Riviste: Beobachter, Facts, L’Hebdo. TV: televisione svizzera e ricezione via cavo e digitale delle maggiori TV europee. Alberghi Camera singola: cat. lusso euro 164/260; 1a cat. 123/177; 2a cat. 75/109. Assistenza medica Policlinico Universitario (Zurigo) e ospedali cantonali sia pubblici che privati.

IN ITALIA

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Swiss Altre compagnie aeree operanti nel Paese: servito da tutte le principali compagnie straniere. Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’aeroporto internazionale di Kloten dista 11 km da Zurigo. È raggiungibile in treno (10 min) dalla stazione centrale (1ª classe euro 6,68; 2a classe 4,08).

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata e Ufficio Commerciale (Cancelleria e Sezione consolare) via Oriani Barnaba 61, 00197 Roma tel 06 809571 - fax 06 8080871

Consolati Milano via Palestro 2, 20121 tel 02 7779161 - fax 02 76014296 Genova piazza Brignole 3/6, 16124 tel 010 545411 - fax 010 54541240

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Swisscom, Cablecom, Tele2. Telefonia mobile: Swisscom, Sunrise, Orange.

Siti di interesse Guida fiscale e legale: www.passepartoutguide.com Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE): www.eda.admin.ch Dipartimento federale dell'economia (DFE): www.evd.admin.ch

ISTITUTI DI CREDITO Tutte le principali banche elvetiche hanno un ufficio di rappresentanza in Italia. 153


EUROPA

SVIZZERA

Dipartimento federale dell'interno (DFI): www.edi.admin.ch Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP): www.ejpd.admin.ch Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS): www.vbs.admin.ch Dipartimento federale delle finanze (DFF): www.efd.admin.ch Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC): www.uvek.admin.ch

Federazione delle imprese svizzere: www.economiesuisse.ch Unione padronale svizzera: www.arbeitgeber.ch Neue Zürcher Zeitung: www.nzz.ch Tages-Anzeiger: www.tagesanzeiger.ch Corriere del Ticino: www.corriere.ch Le Temps: www.letemps.ch La Tribune de Genève: www.edicom.ch

Camera di Commercio Italiana per la Svizzera Certificata ISO 9001

Zurigo

Anno di fondazione 1909 Anno di riconoscimento 1920 Presidente Vincenzo DI PIERRI Segretario Generale Andrea G. LOTTI Indirizzo Seestrasse 123 – CP 8027 Telefono +41 44 2892323 Fax +41 44 2015357 E-mail info@ccis.ch Web www.ccis.ch Orario lun-ven 8.30 -12.00 / 13.30 - 17.00 Numero dei soci 700 Quota associativa imprese: soci benemeriti CHF 1000; sostenitori CHF 800; a titolo collettivo CHF 550; individuali: sostenitori CHF 550; persone singole CHF 200.

Newsletter La CCIS informa… (mensile in italiano, tedesco, francese) Pubblicazioni La Rivista (mensile); Indicatori utili Italia - Svizzera; Annuario Soci; Fiere e Mostre Italiane; Agevolazioni speciali; Recupero crediti in Svizzera; Arbitrato Internazionale e di Conciliazione; Compravendita di beni immobili in Italia; Costituzione di società affiliate di imprese estere in Italia; Il nuovo diritto societario italiano; Servizi ed attività camerali; Guida pratica per gli investitori; Recupero Iva italiana e svizzera Accordi di collaborazione CCIAA: Bolzano, Forlì-Cesena, Ravenna, Reggio Calabria, Rimini; Enti fiera: Milano, Parma, Verona; ICE

Ufficio regionale di Ginevra Indirizzo 12-14 Rue du Cendrier CH-1211 - 1 Telefono +41 22 9068595 Fax +41 22 9068599 E-mail infogva@ccis.ch

154


Caratteristiche generali

Mesi

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

8 9 11 16 21 25 28 28 24 20 15 11

Media min

3 2 3 7 12 16 18 19 16 13 9 5

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 779.452 kmq Popolazione 72.000.000 Gruppi etnici Turchi, Kurdi, Armeni, Micrasiatici Comunità italiana ca. 3.000 Capitale Ankara (4.500.000) Città principali Istanbul (12.000.000), Izmir (3.600.000), Konya (2.500.000), Bursa (2.125.000), Adana (2.000.000), Gaziantep (1.600.000), Mersin (1.600.000), Kayseri (1.060.000), Kirikkale (400.000) Moneta Lira Turca (TRY) Tasso di cambio1 1 Euro=1,99655 TRY Lingua Turco Religioni principali Musulmani-Sunniti (98%) Ordinamento dello Stato Repubblica parlamentare monocamerale in cui il potere legislativo è affidato all’Assemblea Nazionale (550 membri eletti ogni 5 anni a suffragio universale diretto), che nomina ogni 7 anni il Presidente della Repubblica. Il potere esecutivo spetta al Governo, il quale è responsabile del proprio operato di fronte all’Assemblea Nazionale Suddivisione amministrativa 81 Province con a capo un Governatore che risponde direttamente al Ministro degli Interni.

1 2

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Ufficio Statistico Turco (TUIK), Banca Centrale

Quadro macroeconomico Il PIL ha registrato un aumento pari all’8% e il tasso di disoccupazione è pari all’11%. L’indice di inflazione al consumo è stato del 6,4%, quello all’ingrosso dell’8,8%.

Principali settori produttivi Il settore terziario partecipa in modo più consistente alla composizione del PIL (67,8%), seguono il secondario (24,5%) e il primario (7,7%). Infrastrutture e trasporti La rete stradale si estende per 64.033 km (2.105 di autostrade e 61.928 di strade asfaltate), che consentono al Paese di svolgere adeguatamente il suo ruolo di anello tra Europa e Medio-Oriente. Le ferrovie, di proprietà statale, si estendono per 10.984 km (linee principali), oltre a 2.274 di tratto secondario. La Turchia dispone di 16 porti principali di proprietà statale e di 5 aeroporti maggiori (Istanbul, Ankara, Izmir, Antalya, Adana).

Commercio estero Totale import: mld/euro 139,9 (+32%) Totale export: mld/euro 85,9 (+12%) Principali prodotti importati: macchinari, apparecchiature meccaniche ed elettriche, materie plastiche, prodotti chimici, petrolio grezzo e metano, mezzi di trasporto, prodotti farmaceutici, ferro e acciaio. Principali prodotti esportati: abbigliamento e tessile, prodotti agricoli, mezzi di trasporto, materie plastiche, apparecchiature elettriche. Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (mld/euro 8,8); Italia (mld/euro 5); Francia (mld/euro 4,6); Russia (mld/euro 3,6); USA (mld/euro 2,9). Paesi Fornitori: Russia (mld/euro 16,6); Germania (mld/euro 13,5); Cina (mld/euro 13,2); USA (mld/euro 9,5); Italia (mld/euro 7,8). Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –2,8

156


BUSINESS ATLAS 2011

Importazioni temporanee: possibili, ottenendo il relativo permesso doganale prima oppure dopo l’arrivo della merce. È necessario presentare i seguenti documenti: fattura dell’affitto, lettera di richiesta che spiega la ragione dell’uso, contratto con il fornitore.

L'Italia si è confermata quarto partner commerciale dopo Germania, Russia e Cina, con un aumento dell'interscambio del 23% (+33% le esportazioni, +10% le importazioni). Principali prodotti importati dall’Italia: prodotti metallurgici (27%); prodotti chimici (17%); macchine e mezzi di trasporto (14%); prodotti di metallo (9%); altri semiprodotti (9%); ferro e acciaio (9%); tessile (7%). Principali prodotti esportati in Italia: macchine e mezzi di trasporto (34%); tessile (15%); prodotti metallurgici (11%); prodotti di metallo (11%); agricoltura (8%); prodotti chimici (6%).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: è possibile investire il 100% del capitale in tutti i settori, compreso quello bancario e assicurativo, con eccezione dei settori radio e televisione (ammesso solo il 20% di partecipazione straniera). Le licenze vengono rilasciate previa autorizzazione del Dipartimento per gli Investimenti Esteri e del Sottosegretariato al Tesoro e al Commercio Estero. Generalmente, vengono autorizzati quei progetti che si ritiene contribuiscano allo sviluppo economico del Paese e che non siano in concorrenza con attività di imprese turche. Tra le agevolazioni previste per gli investimenti stranieri ci sono opportunità in materia di trasferibilità all’estero degli utili e del capitale versato all’origine. I profitti delle società straniere in Turchia possono essere trasferiti all’estero alla fine di ogni anno fiscale, dopo che il consiglio di Amministrazione ha deliberato il pagamento dei dividendi. Agevolazioni particolari, come esenzioni fiscali ed assegnazioni di terreni, sono offerte per chi investe nelle aree meno industrializzate. Mentre nelle zone franche alle esenzioni fiscali si aggiungono le esenzioni IVA su beni e servizi importati ed esportati. Legislazione societaria: gli imprenditori stranieri possono costituire in Turchia sia filiali che società di capitale, a condizioni paritarie rispetto agli imprenditori locali, senza dover più chiedere autorizzazioni speciali (tranne rare eccezioni per le Spa nei settori assicurativi, bancari e finanziari). Per la costituzione di una Srl è sufficiente versare un capitale minimo di ca. euro 2.300, mentre per una SpA il capitale minimo è di ca. euro 23.000. I capitali possono essere conferiti sia in forma di denaro che di macchinari o know-how o tramite trasferimento di tecnologia. Un quarto del capitale sottoscritto deve essere versato all’atto della costituzione; il resto, entro i successivi 3 anni. Le Srl, tuttavia, non possono svolgere attività nei settori: bancario, assicurativo, finanziario, di leasing, factoring e uffici di cambio; attività queste che possono essere gestite solo da società per azioni e previo ottenimento di specifiche autorizzazioni.

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Germania (9%); Italia (6%); Russia (12%); Cina (9%); USA (7%); Italia (5%). Paesi di destinazione: Germania (10%); Italia (6%); Russia (4%); Francia (5%); USA (3%).

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: auto, banche, finanza, alimentare, prodotti chimici, materie plastiche, parti e accessori per autoveicoli, agricoltura, metallo, servizi, tessile, immobiliare, trasporti e comunicazioni. Italiani verso il Paese: energia, banche, telecomunicazioni, industria delle costruzioni, industria meccanica, alimentare, petrolchimica e tessile. All’estero del Paese: tessile/abbigliamento, prodotti agricoli, mezzi di trasporto, ricambistica, materie plastiche, apparecchiature elettriche e meccaniche. In Italia del Paese: ferro, ghisa e acciaio di prima trasformazione e ferroleghe, autoveicoli, industria alimentare, tessile/abbigliamento, componentistica, prodotti agricoli, apparecchiature elettriche.

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: dall’1.01.1996 la Turchia ha sottoscritto l’Accordo di Unione Doganale con i Paesi UE. Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura Combinata. Restrizioni alle importazioni: simili a quelle comunitarie: armi e accessori; materiali radioattivi e relativi macchinari; materiali per la telecomunicazione; autoveicoli, materiali per aviazione civile; materie esplosive, solventi e alcuni prodotti di petrolio; rifiuti, concimi; beni/materiali usati (per autoveicoli di oltre 10 anni occorre una licenza dell’ufficio competente); materiali non conformi alle norme e requisiti dell’Istituto di Standard Turco; prodotti pericolosi per l’ambiente, gli animali, le persone e le piante; sostanze chimiche definite pericolose (sulla base degli standard internazionali).

TURCHIA

Brevetti e proprietà intellettuale La difesa di tali diritti è subordinata alla registrazione, che deve avvenire entro 6 mesi da quella effettuata nel proprio Paese.

157

Sistema fiscale Le persone fisiche residenti e le persone giuridiche con sede legale o commerciale in Turchia sono tenute al versamento della tassa sul reddito prodotto ovunque (Full tax liability). Qualora, invece, esse non risiedano o non abbiano sede legale o commerciale in Turchia vengono tassate solo per il reddito prodotto nel Paese (Limited tax liability)


EUROPA

TURCHIA La Turchia ne conta 20, tra cui: Mersin (www.mesbas.com.tr), Aegean (www.esbas.com.tr), Antalya (www.asbas.com.tr), Mardin (www.mesbas.com.tr), Izmir Menemen Leather (www.idesbas.com), Istanbul Ataturk (www.isbi.com.tr), Istanbul Leather and Industry (www.desbas.com.tr), Istanbul Trakya (www.isbas.com.tr), European (www.asb.com.tr), TubitakMAM Technology (www.marmarateknokent.com.tr)

Le principali imposte sono dovute su: redditi delle persone fisiche (15-35%), servizi professionali (in genere 22%), attività di esplorazione petrolifera (5%), redditi da affitto (in genere 20%), leasing (1%), royalties (20%), servizi tecnici (20%). Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Tassazione sulle attività di impresa: 20% Imposta sul valore aggiunto (VAT): 18%

Accordi con l’Italia Convenzione sulla protezione giudiziaria e l’assistenza reciproca delle autorità giudiziarie in materia civile e penale e l’esecuzione delle decisioni giudiziarie (10.08.1926); Accordo sui trasporti internazionali su strada con 2 protocolli e 2 tabelle (30.06.1971); Protocollo di modifica del protocollo 1 dell’accordo del 30.06.1971 relativo ai trasporti internazionali su strada (14.06.1971); Accordo sulla cooperazione economica industriale e tecnologica con scambio di note (16.12.1976); Accordo per evitare la doppia imposizione sui redditi derivanti dalla navigazione aerea e marittima con scambio di note (29.09.1981); Accordo per la cooperazione nel settore turistico (13.06.1986); Accordo per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e prevenire le evasioni fiscali con protocollo (27.07.1990); Accordo per la promozione e protezione degli investimenti (3.03.2004).

Notizie per l’operatore

Rischio Paese3 4/7 Condizioni di assicurabilità SACE4 apertura senza condizioni

Sistema bancario La Banca Centrale è l’istituto centrale. Il sistema delle banche commerciali, che costituiscono la maggiore fonte di credito, è disegnato in modo da canalizzare fondi a favore di alcuni settori. Fondamentale in questo senso è l’azione delle banche di sviluppo e di quelle specializzate, le quali costituiscono un’importante fonte di finanziamenti a medio e lungo termine. Nel Paese, sono rappresentate 40 banche straniere, di cui 11 operano concretamente. Tipologia

Tassi bancari

5

Costo dei fattori produttivi

Manodopera7 (valori medi mensili in €)

Valore

Categorie

Tasso di credito commerciale annuo 14 %

Operaio Impiegato Dirigente

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

a

1.000 2.000 10.000

Organizzazione sindacale In Turchia, i diritti delle organizzazioni sindacali e la contrattazione collettiva, non essendo il risultato di una lotta politica e sociale ma piuttosto frutto di un diritto concesso dallo stato, non hanno determinato un senso di solidarietà forte capace di porre le basi per organizzazioni nate invece naturalmente dal basso. Tuttavia, la legislazione e i diritti a riguardo si stanno sempre più evolvendo verso una maggiore uniformità con le norme ILO. Le principali organizzazioni sindacali dei lavoratori sono Türk-Is, DISK e Hak-Is mentre quelle degli impiegati sono BASK, KESK e HAKSEN. Nel paese, sono anche presenti organizzazioni sindacali indipendenti.

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche6 I vantaggi offerti agli investitori stranieri sono: la possibilità di rimpatrio della totalità dei capitali prodotti nelle zone franche e il mantenimento del 100% della proprietà straniera; l’esenzione dall’imposta sul reddito individuale e delle società; l’assenza di limitazioni nelle partecipazioni di capitali stranieri e di restrizioni procedurali relative al prezzo e alla qualità della merce; il permeso di vendita nel mercato locale, contrariamente a quanto accade nella maggior parte delle zone franche.

da

360 400 1.600

3

4 5

6 7

158

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Akbank. Per un credito a breve termine si richiedono ampie garanzie: oltre a ipoteche, avalli da parte di terzi; da corrispondere un interesse del 14%, oltre ad altri oneri come la tassa bancaria e di assicurazione (5% degli interessi). Poche banche affrontano l’onere dei prestiti a medio/lungo termine. Il tasso di interesse risulta simile a quello di un prestito a breve termine Fonte: L. sulle Zone Franche 3218 (15.06.1985) Fonte: Istituto Assicurazione Sociale (SSK)


BUSINESS ATLAS 2011

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo Sümer Plaza Askerocagi Caddesi K18 1802 Elmadag 34367 Istanbul tel +90 212 2492374 - fax +90 212 2492375 filippo.granara@biis.it Intesa Sanpaolo - Representative Office Suzer Plaza Asker Ocagi Caddesi - 18th fl. - 1802 Elmadag 34367 Sisli Istanbul tel +90 212 2512840 istanbul.repoffice@intesasanpaolo.com Italian Desk BNL c/o TEB (Gruppo BNP Paribas) Saray Mah. Kucuksu Cad. Sok. - 34768 Umraniye Istanbul tel +90 21 66352532 massimiliano.terreri@teb.com.tr internazionalizzazione@bnlmail.com Monte dei Paschi di Siena (Ufficio di Rappresentanza) Asker Ocagi Caddesi Suzer Plaza 9 K25 D2505 Elmadag PK34367 Sisli Istanbul tel +90 212 2514087 - fax +90 212 8513001 mps.istanbul@banca.mps.it Unicredit Banca di Roma Yapi Kredi Plaza D Block Levent 34330 - Istanbul tel +90 3397000 - fax +90 3396000 www.unicreditgroup.eu

Elettricità ad uso industriale8 (in €/KW/h)

Categorie

media

Alta e media tensione Combustibile

0,05

Prodotti petroliferi9 (in €/l)

media

Benzina Combustibile industriale

1,79 0,08

Acqua ad uso industriale10 (in €/m3) media

Acqua Tipologia

3,22

Immobili11 (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

da

5

a

20

Informazioni utili

IN ITALIA

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata (Sezione Consolare) via Palestro 28, 00185 Roma tel 06 44594200 - fax 06 4941526 www.ambasciataditurchia.it • roma.be@libero.it Ufficio Commerciale v.le Pasteur 77/8, 00144 Roma tel 06 5925117 - fax 06 5917984 dtrom@fastwebnet.it Ufficio Culturale p.zza Repubblica 56, 00185 Roma tel 06 4871190 fax 06 4882425 www.turchia.it • turchia@turchia.it

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE12 Ambasciata d’Italia Atatürk Bulvari, 118, Ankara tel +90 312 4574200 - fax +90 312 4574280 www.ambankara.esteri.it • ambasciata.ankara@esteri.it

Consolato Generale Istanbul Tom Tom Kaptan Sokak 5 - 34433 Beyoglu tel +90 212 2431024 / 25 - fax +90 212 2525879 www.consistanbul.esteri.it • consolatogenerale.istanbul@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura Ankara Mahatma Gandhi Cad. 32 GOP tel +90 312 4465178 fax +90 312 4465176 www.iicankara.esteri.it • iicankara@esteri.it Istanbul Mesrutiyet Caddesi 75, Tepebasi 34430 - Beyoglou tel +90 212 2939848 - fax +90 212 2510748 www.iicistanbul.esteri.it • iicistanbul@esteri.it Ufficio ICE13 Lutfu Kirdar Uluslararasi Kongre ve Sergi Sarayi Gumus sok. 60 34267 Harbiye Istanbul tel +90 212 3730300 - fax +90 212 2418223 istanbul@ice.it

TURCHIA

Consolati Generali Milano via Larga 19 III piano, 20122 tel 02 5821201 - fax 02 58212081 milanobk@tin.it • milano.bk@mfa.gov.tr Napoli via Pergolesi 1/13, 80122 tel 081 681525 - fax 081 7611016

Fonte: Tedas Fonte: Opet Fonte: Izsu Fonte: www.emlak.net 12 Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it 13 Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) 8 9

10 11

159


EUROPA

TURCHIA

Formalità doganali e documenti di viaggio Per soggiorni di massimo 90 giorni è sufficiente il passaporto o la carta d’identità. Per permanenze di durata superiore a tre mesi è invece necessario munirsi di visto.

Assistenza medica Alman Hastanesi Siraliselviler Cd. 119 Taksim-Istanbul tel +90 212 2932150 International Hospital Istiklal cad. 82 Yesilkoy, Bakirkoy Istanbul tel +90 212 4684444 Ozel Florance Nightingale Hastanesi Abide-i Hurriyet Cad. 164 Sisli, Istanbul tel +90 212 2244950 Saglik Hastanesi 1399 Sok. 25 Alsancak - Izmir tel +90 232 4637700 Ozel Cinarli Hastanesi Anadolu Cad. 14 Cinarli - Izmir tel +90 232 4622727 Akay Hastanesi Akay Cad. Büklüm Sokak, 4 Kavaklidere 06660, Ankara - tel +90 312 4165050 Güven Hastanesi fiimflek Sokak 29 Kavaklidere 06540, Ankara - tel +90 312 4572525

Corrente elettrica Tensione domestica: 220 V; presa tipo C/F (a due poli, non compatibili prese di tipo L a tre poli). Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 8.30-12.30 / 13.30-18.00 Negozi: lun-sab 9.00-20.00 Banche: lun-ven 9.00-12.30 / 13.30-17.00

Festività 1 gennaio; 23 aprile (Festa dei Bambini); 19 maggio (Festa della Gioventù e dello Sport); 30 agosto (Festa della Vittoria); Ramadan; 29 ottobre (Festa della Repubblica); 6-9 novembre (festa del Sacrificio).

Mezzi di trasporto Compagnie aerea di bandiera: Turkish Airlines, Atlas Jet, Pegasus-Izair, Onur Airlines, Sun Express Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Lufthansa, Alitalia, British Airlines, KLM, Austrian Airlines, Singapore Airlines Trasferimenti da e per l’aeroporto: shuttle (società Havas) euro 5, taxi euro 25-45

Media Quotidiani: Turkish Daily News, Milliyet, Vatan, Hurriyet, Sabah, Cumhuriyet, Haber Turk. Riviste: Forum, Ekonomist, Para, Capital TV: Show TV, NTV, Atv, Flash Tv, TRT 1-2-3-4, Kanal D, Fox TV, Cnbc-e, Cnn Turk

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telekom Telefonia mobile: Turkcell, Vodafone, Avea

Alberghi 5 stelle/notte (euro 65-300); 4 stelle/notte (40-60); 3 stelle/notte (30-50)

Siti di interesse Ministero degli Affari Esteri: www.mfa.gov.tr Istituto Nazionale di Statistica: www.die.gov.tr Camera di Commercio di Izmir: www.izto.org.tr Camera di Commercio di Istanbul: www.ito.org.tr Associazione Investitori in Turchia: www.yased.org.tr Sottosegretariato al Commercio Estero: www.foreigntrade.gov.tr Sottosegretariato alla Dogana: www.gumruk.gov.tr

160


BUSINESS ATLAS 2011

TURCHIA

Camera di Commercio Italiana in Turchia

Istanbul

Anno di fondazione 1885 Anno di riconoscimento 1973 Presidente Giuseppe Alberto MOGGI Segretario Generale Fatih AYÇIN Indirizzo Mesrutiyet Caddesi 75 – Tepebasi – 34430 Telefono +90 212 2442268 / 2494191 Fax +90 212 2525885 Web www.cciist.com E-mail cciist@cciist.com Orario 9.00-13.00 / 14.00-17.00 Numero dei soci 550 Quota associativa euro 300 Newsletter Newsletter CCIE Istanbul (mensile)

Pubblicazioni News camerali (mensile); Calendario Fiere Italiane; Brochure di presentazione della CCIE; Guida al Business in Turchia; Guida al Business in Italia; Costituzione di una società in Turchia Accordi di collaborazione AICE; Brescia Export; CCIAA: Brindisi, Crotone, Monza-Brianza, Salerno, Torino, Trieste; Camere di Commercio: Bursa, Inegol, Istanbul, Kocaeli; Camere di Industria: Ankara, Istanbul; Confindustria Monza-Brianza; Diva Eris; Federexport Piemonte; Federexport Puglia; Enti fiera: CNR, Milano, Tuyap, Verona; Promofirenze; Promos; Tubitak (Centro di Ricerca e Sviluppo); Tugiad (Ass. Giovani Imprenditori Turchi); Tusiad; Unioncamere Calabria; Yased (Associazione di Investitori stranieri) Ufficio di rappresentanza (in Ankara presso l´Ambasciata) Indirizzo: Atatürk Bulvari 118 Kavaklidere Telefono: +90 312 4272485 / 86 Fax: +90 312 4272486

Camera di Commercio Italiana di Izmir Certificata ISO 9001: 2008

Izmir

Anno di fondazione 1994 Anno di riconoscimento 1997 Presidente Rebii AKDURAK Segretario Generale Eren SURER Indirizzo Cumhuriyet Bul. Mayis Is Merkezi, 123 Kat 5/504 Alsancak Telefono +90 232 4647747 Fax +90 232 4640739 Web www.cciizmir.org E-mail infocciizmir@cciizmir.org Orario 9.00-12.30 / 13.30-18.00 Numero dei soci 125

Quota associativa euro 200 Newsletter TurchItalia (mensile on-line in turco e italiano) Pubblicazioni Calendario delle Fiere Internazionali in Italia Accordi di collaborazione Ancona Promuove; Agenzia di Sviluppo di Izmir; Camere di Commercio: Adana, Antalya, Bodrum, Izmir, Mersin; Camera dell’Industria di Izmir; Centro di Coordinamento UE di Izmir; Eurosportello Ravenna; Enti fiera: Forza, Orion, Parma; Lucca Promos; Unione degli Esportatori della Regione Egea; Unione degli Esportatori della Regione Mediterranea.

161


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

2 4 10 16 21 24 30 30 22 16 8 3

Media min

Quadro macroeconomico2 Nonostante la politica di austerità adottata dal governo nel corso degli ultimi anni con l’obiettivo di risanare i conti e restituire fiducia presso gli investitori, l’Ungheria è stato uno dei primi paesi emergenti ad essere colpito dalla crisi finanziaria. Secondo l’Ufficio Centrale delle Statistiche il PIL, per l’anno 2010, registra un +1,2% e per il 2011 la crescita dovrebbe rafforzarsi fino a raggiungere quota 2,8%. Il tasso inflazione e di disoccupazione corrispondono rispettivamente al 4,9% e all’11,2%. Un tasso di cambio favorevole rispetto all’euro ha ridotto la perdita di volumi sulle esportazioni, e così la bilancia commerciale presenta un saldo positivo. Il valore di importazioni ed esportazioni sono in crescita, rispettivamente del 12,9% e del 13,8%.

–10 –5 2 6 10 14 15 15 11 6 2 –9

Fuso orario (rispetto all’Italia): 0 Superficie 93.030 kmq Popolazione 9.996.528 Gruppi etnici Ungheresi, Romeni, Croati, Ucraini, Tedeschi, Serbi, Slovacchi, Sloveni, Rom, Cinesi Comunità italiana ca. 3.000 Capitale Budapest Città principali Debrecen, Miskolc, Györ, Szeged, Pécs Moneta Fiorino Ungherese (UHF) Tasso di cambio1 1 Euro=275,48 UHF Lingua Ungherese Religioni principali Cattolici (54,5%), Protestanti (19,5%), Ebrei (0,1%) Ordinamento dello Stato Repubblica Parlamentare in cui il Governo detiene il potere esecutivo ed è responsabile nei confronti dell’Assemblea nazionale. Il Parlamento, composto da 386 membri eletti per una legislatura quadriennale a suffragio universale diretto, elegge, ogni cinque anni, il Presidente della Repubblica e, su proposta di questi, il Primo Ministro ed i membri della Corte Costituzionale. Il Governo è nominato dal Presidente della Repubblica su indicazione del Primo Ministro Suddivisione amministrativa 19 contee, ma con l’entrata nell’Unione Europea sono state costituite 7 regioni (NUTS II), che agglomerano più contee. Tuttavia, la contea resta di fatto l’entità amministrativa principale dopo lo Stato.

1 2 3

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Ufficio Centrale Statistiche (KSH); Banca Mondiale Fonte: Rapporto congiunto ICE-MAE (dati I semestre 2010)

Principali settori produttivi L’industria, seguita dall'agricoltura sono i settori che contribuiscono maggiormente al PIL del Paese. Fra i settori industriali, nel corso di questo difficile anno per l’economia, quello dell’automobile ha risposto meglio alla crisi, grazie soprattutto a nuovi investimenti. Sono notevoli inoltre i capitali messi a disposizione dal governo per lo sviluppo infrastrutturale, soprattutto nel settore della logistica e dei trasporti.

Infrastrutture e trasporti Il sistema dei trasporti comprende circa 7.960 km di linee ferroviarie e 188.365 km di strade, di cui circa 1.295 km di autostrade. Sono presenti tre aeroporti internazionali (Budapest Ferihegy, Debrecen, FlyBalaton), e i principali porti fluviali (Budapest, Dunaújváros, Mohács) si trovano in raccordo con le principali arterie stradali e ferroviarie.

162

Commercio estero3 Totale import: mld/euro 65,9 Totale export: mld/euro 71,4 Principali prodotti importati: macchinari, autoveicoli e componenti (50%); prodotti manifatturieri (31,9%); carburanti ed energia elettrica (11,1%); alimentari, bevande e tabacchi (4,9%); materie prime (2,1%).


BUSINESS ATLAS 2011

Principali prodotti esportati: macchinari, autoveicoli e componenti (60,2%); prodotti manifatturieri (27,5%); alimentari, bevande e tabacchi (6,9%); carburanti ed energia elettrica (2,9%); materie prime (2,4%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Germania (25,8%); Italia (5,6%); Regno Unito (5,6%); Romania (5,1%); Francia (5%); Slovacchia (5%); Austria (4,6%); Polonia (3,6%); Olanda (3,6%); Repubblica Ceca (3,4%); Russia (3,3%); altri (29,4%). Paesi Fornitori: Germania (26,5%); Russia (7,9%); Cina (6,4%); Austria (6%); Olanda (4,5%); Italia (4,2%); Polonia (4,1%); Francia (3,9%); Slovacchia (3,6%); Repubblica Ceca (3,3%); Romania (2,6%); altri (27,1%).

applica le direttive comunitarie in materia (Regolamento CEE 918/83 del Consiglio del 28.03.1983 relativo alla fissazione del regime comunitario delle franchigie doganali), secondo cui per ogni merce importata da un Paese extra UE sul territorio comunitario è richiesto il pagamento del dazio sull’importazione. La franchigia dei dazi può essere prevista solo in conformità alle norme della legge doganale. Importazioni temporanee: consentite per un periodo di sei mesi, periodo rinnovabile una sola volta per ulteriori sei mesi. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: non esistono restrizioni alle partecipazioni di capitale straniero; anche l’acquisizione di una quota di maggioranza in una società non soggiace più all’approvazione delle autorità ungheresi. Legislazione societaria: comune ad ogni forma di società è l’atto costitutivo o di fondazione che prevede: redazione dell’atto costitutivo da parte di un avvocato, sottoscrizione da parte di tutti i soci, controfirma da parte di un avvocato ungherese, autentica delle firme presso un notaio ungherese, eventuale dichiarazione del socio che conferisce i beni ed attesta il valore degli stessi, apertura di un conto bancario a nome della società dietro presentazione dell’atto costitutivo firmato da tutti i soci e controfirmato dall’avvocato e con l’autentica delle firme degli amministratori, pagamento delle imposte di registrazione e pubblicazione, deposito della domanda di omologazione e presentazione della stessa al Tribunale delle Imprese, unitamente alla documentazione indicata ai punti precedenti. A questo punto, la società potrà operare con status pre-societario che tuttavia dovrà sempre essere indicato. Con l’omologazione del Tribunale delle Imprese, la società è costituita. Sono società dotate di personalità giuridica: Srl, Kft; Impresa congiunta, Kv; Società in accomandita, Bt; Società per azioni chiusa, Zrt; Società per azioni aperta, Nyrt; i consorzi; non hanno personalità giuridica: Snc, Kkt. La società per azioni (Zrt o Nyrt) è quella generalmente utilizzata per gli investimenti più rilevanti in termini di capitale investito. Il capitale sociale minimo è, infatti, pari a ca. euro 78.000. Alla costituzione deve essere versato in denaro almeno il 30% del capitale e devono essere liberati tutti i conferimenti in natura. Qualora le azioni della società vengano sottoscritte mediante sottoscrizione pubblica vigono disposizioni specifiche. Il CdA deve essere composto da un minimo di 3 ed un massimo di 11 membri, e il Collegio Sindacale da un minimo di 3 ad un massimo di 15 membri. È inoltre necessaria la nomina di un revisore contabile. La Società per azioni chiusa (Zrt) è simile alla Società per Azioni (Zrt e Nyrt), tranne che per l’impossibilità di essere quotata in Borsa. Sono previsti ulteriori casi in materia di recesso del socio. In merito ai costi di apertura di una società il più rilevante è l'imposta di registrazione, pari a HUF 100.000 nel caso di una Srl (Kft) e a HUF 600.000 per una SpA privata (Zrt).

Interscambio con l’Italia4 Saldo commerciale: mld/euro 1,2 Principali prodotti importati dall’Italia: prodotti manifatturieri (55,3%); macchinari, mezzi di trasporto e componenti (34,7%); alimentari, bevande e tabacchi (5,7%); materie prime (2,5%); carburanti ed energia (1,7%). Principali prodotti esportati in Italia: macchinari, mezzi di trasporto e componenti (49,4%); prodotti manifatturieri (30,3%); alimentari, bevande e tabacchi (13,3%); materie prime (6,7%); carburanti ed energia (0,3%).

Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Germania (34%); Olanda (12,2%); Austria (11%); Francia (5,2%); USA (4,9%). Paesi di destinazione: Slovacchia, Croazia, Polonia, Bulgaria, Romania.

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: manifatturiero (45,9%), servizi (22,6%), commercio (16,7%), attività finanziaria (12,4%). Italiani verso il Paese: la tendenza del flusso di investimenti dall’Italia all’Ungheria ha mantenuto un livello costante negli ultimi anni pari a mld/euro 0,2. Presenti circa 2.400 aziende italiane. All’estero del Paese: manifatturiero, petrolifero. In Italia del Paese: petrolifero (Mol Nyrt ha acquisito la IES Italiana Energia Servizi)

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: conforme alla normativa comunitaria. Classificazione doganale delle merci: secondo i codici internazionali (TARIC). Restrizioni alle importazioni: non previste per i paesi UE. Per quanto riguarda l’importazione da Paesi terzi, l’Ungheria

UNGHERIA

4

163

Fonte: Rapporto congiunto ICE-MAE (dati I semestre 2010)


EUROPA

UNGHERIA

Brevetti e proprietà intellettuale Applicabili le direttive e risoluzioni comunitarie. Per quanto riguarda i brevetti, viene concessa una tutela di 20 anni. Per le procedure di registrazione, sia i cittadini che le ditte straniere, devono avvalersi di un rappresentante ungherese (avvocato o rappresentante di brevetti). Viene riconosciuta anche la brevettabilità dei processi di produzione, ad esempio, per la produzione di medicinali, prodotti sintetici ed alimentari. Per i brevetti accettati precedentemente al 1.01.1996 la legge di riferimento è la 2/1969, mentre successivamente a questa data si dovrà far riferimento alla nuova legge che recepisce la normativa internazionale (L. 33/1995). Per i brevetti accettati dopo l’1.01.2003 la legge di riferimento è la 33/1995, modificata dalla legge 39/2002.

Ungherese (MNB) si occupa della politica monetaria, di battere moneta, gestire le riserve in valuta estera e aurifere, garantire equilibrio nella circolazione della moneta tramite il monitoraggio del sistema di intermediazione finanziaria, partecipazione all’iter legislativo fornendo pareri, supervisione e controllo delle banche, etc. A fine 2009, l’Autorità statale di supervisione finanziaria ha emanato un codice di comportamento per le banche in merito al contratto di prestito, con il fine di rendere le procedure relative a tale operazione più trasparenti. Tipologia

Imposta sugli interessi

Sistema fiscale5 Previste l’Imposta sui Redditi delle Società (Tao); l’Imposta comunale industriale (Ipa); l’Imposta sui Redditi delle Persone Fisiche (Szja); l’Imposta sul Valore Aggiunto (ÁFA); altri oneri e contributi previdenziali e sanitari; l’imposta su prodotti speciali (accise). Sono considerati soggetti fiscali ungheresi: i cittadini ungheresi residenti, qualsiasi persona giuridica ungherese, società straniere off-shore, rappresentanze commerciali, filiali, qualsiasi persona fisica straniera dotata di permesso di soggiorno o che trascorra nel Paese più di 183 giorni. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sui redditi delle persone fisiche: dal 2011, è prevista un’aliquota unica pari al 16%. Tassazione sulle attività d’impresa: l’aliquota dell’imposta sugli utili delle società è pari al 10% fino a fatturato di mln/HUF 500; oltre questa cifra è del 19%. Per l’Imposta locale industriale la base imponibile è costituita dai ricavi netti derivanti dalle vendite diminuiti dei costi sostenuti per l'acquisto di materie prime e degli eventuali costi trasferiti. L'aliquota applicabile varia da un minimo di 0% ad un massimo del 2%. La determinazione dell'aliquota è lasciata alla discrezionalità dell’Autorità Comunale. A partire dal 1.01.2010 l’imposta locale industriale non è più deducibile dalla base imponibile dell’imposta sugli utili. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 25% (presente un’aliquota del 18% per i prodotti come latte e pane).

Valore

20 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Agevolazione dei crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 già Legge 227/77 “Ossola” Acquisizione, a condizioni di mercato, di quote di capitale sociale di imprese aventi sede all’interno della UE (Decreto MISE 23.11.2008) Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche Presenti nel Paese, soprattutto a Budapest e dintorni, nonché nella zona a nord del Paese) 210 parchi industriali, specializzati in settori ad alto contenuto tecnologico, logistica e attività commerciali.

Accordi con l’Italia Accordo 53/1980 per evitare la doppia tassazione; Accordo del 1996 in materia di IVA; Lettera di intenti per la costituzione del Fondo per lo Sviluppo Industriale firmato nell’aprile 1999 tra il Ministero Italiano per il Commercio Estero ed il Ministero Ungherese per l’Industria (mln/euro 34); l’Accordo 30/1990 per la facilitazione e la difesa degli investimenti esteri Costo dei fattori produttivi

Manodopera8 (valori medi mensili in €)

Categorie

Notizie per l’operatore

Operaio Impiegato Dirigente

Rischio Paese6 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE7 apertura senza condizioni

Sistema bancario Il sistema bancario è caratterizzato da una forte presenza di istituti esteri, su 38 banche commerciali, infatti, 27 sono a partecipazione maggioritaria straniera. La Banca Centrale

Tassi bancari

5

6

7 8

164

da

320 420 1.100

a

460 1.140 2.300

Competente in materia è l’Ufficio Nazionale delle Tasse e delle Dogane (http://nav.gov.hu/) Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: Ufficio Centrale delle Statistiche (KSH)


BUSINESS ATLAS 2011

Organizzazione sindacale Le principali organizzazioni sono la Federazione Nazionale dei Sindacati Ungheresi (MSZOSZ) e la Lega Democratica dei Sindacati Indipendenti (FSZDL, rappresentante dei lavoratori del settore pubblico – trasporti, servizi, istruzione, salute). Media

Alta e media tensione (iva esclusa) Combustibile

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas Roosevelt Tér 7-8 Budapest • tel +36 1 483 8501 edit.sziraki@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com CIB Bank - International Subsidiary Bank of Intesa Sanpaolo (Head Office) Medve Utca, 4-14, H-1027 Budapest tel +36 1 4576800 www.cib.hu Presenti inoltre: Banco Popolare Hungary Zrt., Banca IFIS, UniCredit Bank Hungary Zrt., Magyarországi Volksbank Zrt

0,11

Prodotti petroliferi8 (in €/l)

Media

Benzina Diesel Combustibile industriale

Acqua8 (in €/m3)

1,29 1,18 1,11

Ad uso industriale Tipologia

Ufficio ICE10 Rákóczi út 1-3 West Business Center 1088 Budapest tel +36 1 2667555 - fax +36 1 2660171 budapest@ice.it Ufficio ENIT11 c/o Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria Váci utca 81 - 1056 Budapest tel +36 1 3280830 - fax +36 1 2665261 budapest@enit.it

Elettricità8 (in €/KW/h)

Categorie

Media

Affitto locali uffici

IN ITALIA

1,29

Immobili (canone mensile in €/m ) 9

da

7,50

UNGHERIA

2

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via dei Villini, 12-16 - 00161 Roma tel 06 4402032 - fax 06 4403270 www.huembit.it • huembit@tin.it

a

10,45

Consolati Roma via Messina, 15 - 00198 tel 06 4424 9923 - fax 06 44249908 konzulatus@tin.it Milano via Fieno, 3 (IV piano) - 20123 tel 02 726009 - fax 02 72095705 www.consungmil.it • consung@tin.it Ufficio Commerciale Ungherese (ITDH) Milano via Monti 15 - 20123 tel 02 4984731 - fax 02 4984471 www.itd.hu • milan@itd.hu Trieste via Madonizza 7 - 34100 tel. 040 0643015 - fax 040 0643015 www.itd.hu • klara.furedi@itd.hu

Informazioni utili

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE10 Ambasciata d’Italia Stefánia út 95 - 1143 Budapest tel +36 1 4606200 / 1 - fax +36 1 4606290 www.ambbudapest.esteri.it ambasciata.budapest@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura Bródy Sándor Utca 8 - 1088 Budapest tel +36 1 483 2040 / 61 - fax +36 1 317 6653 www.iicbudapest.esteri.it • iicbudapest@esteri.it Centro italiano di cultura Dugonics tér 3 - 6724 Szeged tel / fax +36 62 544375 italiano@primus.arts.u-szeged.hu

Formalità doganali e documenti di viaggio Per i cittadini italiani è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio. Corrente elettrica 230 V, 50 Hz 8 9 10

11 12

165

Fonte: Ufficio Centrale delle Statistiche (KSH) Fonte: Irodahaz (www.irodahaz.info) Fonte: Ministero degli Affari esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari presenti nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


EUROPA

UNGHERIA

Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven 9.00-17.00 Negozi: lun-ven 10.00-18.00; sabato 10.00-13.00 (centri commerciali aperti tutti i giorni 10.00-20.00) Banche: lun-ven 8.00-17.00

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Malév Zrt Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Wizzair, Alitalia, Lufthansa, Austrian Airlines, American Airlines, British Airways, Finnair, Iberia, Quantas, Japan Airlines, Royal Jordanian Airlines, KLM, LOT, SAS, Tarom, Swiss International Airlines, TunisAir, Varig. Trasferimenti da e per l’aeroporto: Airport Minibus, Budapest Airport Transfer, Minibus taxi, Taxi, Pullman N200. I costi sono circa euro 19,5 per taxi (solo andata), euro 11,5 per airport minibus (andata-ritorno).

Festività: 1 gennaio; 15, 23, 24 marzo; 1, 11, 12 maggio; 20 agosto; 23 ottobre; 1 novembre; 25, 26 dicembre.

Media Quotidiani: Magyar Nemzet, Népszabadság, Magyar Hírlap, Népszava Riviste: HVG, Haszon, Figyelõ, HetiVálasz, 168 óra, Kiskegyed, Gyöngy, Évszakok, NŒk Lapja, Maxima TV: MTV1-2, DunaTv, ATV, Echo TV, Hír TV, TV2, RTL Klub, Viasat3, VivaTV, TVPaprika, DekoTV

Telecomunicazioni Telefonia fissa: T-Com, T-Kábel, UPC, Tele2, Invitel, Emitel, Etel, Pantel. Telefonia mobile: T-Mobile, Vodafone, Pannon.

Alberghi Categoria 4-5 stelle: euro 100 – 150 (notte/persona); Categoria 3-4 stelle: euro 60 – 100 (notte/persona)

Siti di interesse Ungheria: www.magyarorszag.hu, www.euvonal.hu Servizi pullmann: www.volan.hu Treni: www.elvira.hu Mezzi pubblici di Budapest: www.bkv.hu

Assistenza medica I cittadini stranieri che soggiornano in Ungheria hanno diritto al Pronto Soccorso. Telefoni per emergenza: 104 o 112.

Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria

Budapest

Anno di fondazione 1992 Anno di riconoscimento 1998 Presidente Maurizio SAULI Segretario Generale Gyula HABETLER Indirizzo Váci Utca Center – Váci utca 81 - 1056 Telefono +36 1 4850200 Fax +36 1 4861286 Web www.cciu.com E-mail info@cciu.com Orario lun-gio 8.30 -17.00; ven 8.30 -15.00 Numero dei soci 300 Quota associativa persone fisiche e imprese fino a 19 dipendenti: euro 300; da 20 a 199 dipendenti, enti pubblici, CCIAA: euro 700; oltre 200 dipendenti: euro 1.500

Newsletter La Circolare; Newsletter Soci; Circolare Sportello Europa; Alert Speciale Bandi; Newsletter Sportello Fiere Pubblicazioni Il Ponte (trimestrale); La gestione dei fondi europei in Ungheria nel periodo 2007-2013 (in italiano e ungherese); Guida pratica ai finanziamenti per le PMI-GOPasse2KMOPasse1; Guida pratica ai finanziamenti per le PMI (II ed.) - Misure a supporto dell’innovazione aziendale (R&S, Energia, Formazione) e strumenti di microcredito Accordi di collaborazione Assindustria Vicenza; Camera di Commercio Regione di Pest; CEI Piemonte; Confesercenti Padova; Enit; Enti Fiera: Hungexpo Budapest, Rimini; ITDH Agenzia Ungherese per lo Sviluppo degli Investimenti e Scambi Commerciali; MKIK Unione Camere di Commercio Ungheresi; Universitá: BGF, Debrecen, ELTE, Györ, Bocconi Milano, Luiss Roma, Padova.

166


Casablanca

Tunisi

il Cairo

• Johannesburg

• Tel Aviv Sharjah


MEDIO ORIENTE / AFRICA

Tasso inflazione %

Tasso disoccupazione % Tasso variazione PIL %

Previsione di crescita PIL per il 2010 % Tot. import (mld €) Tot. export (mld €)

Saldo Bilancia Commerciale (mld €) Tot. import da Italia (mld €)

Tot. export verso Italia (mld €)

Saldo interscambio Italia (mld €) Investimenti esteri (mld €)

Investimenti all'estero (mld €) Investimenti italiani (mld €)

Note

Investimenti in Italia (mld €) 1 Dati 2009. Fonte: Central Agency for Public Mobilisation and Statistics (CAPMAS); Fondo Monetario Internazionale 2 Fonte: Dossier Emirati Arabi Uniti a cura Interprofessional Network (per il Ministero dello Sviluppo Economico); FMI (International Financial Statistics 2010); ISTAT. I dati sull’interscambio EAU-Italia sono riferiti al periodo gennaio-novembre 2010 3 Fonte: Central Bureau of Statistic; Bank Of Israel; Banca d’Italia. I dati sugli investimenti italiani nel Paese e su quelli israeliani in Italia sono riferiti ai primi 11 mesi del 2010 4 Fonte: Ministero degli affari esteri; FMI; Haut Commissariat au Plan; Ministère de l’Economie et Finances; Bank al-Maghrib; Office des changes. I dati sul commercio estero si riferiscono al I semestre 2010; quel-

169

Tunisia6

Sud Africa5

Marocco4

Reddito Procapite €

Israele3

Egitto1

Emirati Arabi Uniti2

DATI MACROECONOMICI 2010

4.365

30.588

17.117

1.900

4.213

6.907

13,6

2,2

2,7

2,3

5,2

4,5

9,7

4,0

6,6

9,6

25,3

14,0

4,7

2,6

4,5

4,0

2,3

4,0

8,0

3,5

3,8

4,0

2,6

5,4

20,59

119,93

44,20

32,60

56,00

16,83

9,39

149,35

38,39

28,00

55,70

12,44

-11,20

29,42

-5,81

-4,60

-0,30

-4,39

2,15

3,32

1,81

1,20

1,33

2,93

1,18

0,43

0,90

0,43

1,18

2,47

-0,97

-2,89

-0,91

-0,77

-0,15

-0,46

n.d.

n.d.

13,50

3,30

4,13

1,14

n.d.

n.d.

20,40

n.d.

1,12

0,13

n.d.

n.d.

0,02

14,20

-0,36

0,17

n.d.

n.d.

0,00

n.d.

-1,40

0,02

li sull’interscambio con l’Italia sono aggiornati a settembre 2010, come anche gli investimenti 5 Fonte: FMI; Statistic South Africa e South Africa Revenue Service; UNCTAD; Banca d’Italia. Tutti i dati sono riferiti al I semestre 2010 6 Fonte: FIPA-Tunisia; API; Banca Centrale di Tunisi; Dogana Tunisina; CIA – World Factbook; Istituto Tunisino della Statistica, ICE


Alla data di stampa, i dati di fonte egiziana e tutte le informazioni presenti nella scheda sono aggiornati a giugno 2010

Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

18 21 24 28 33 35 36 35 32 30 26 20

Media min

8 9 11 14 17 20 21 22 20 18 14 10

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 1.001.449 kmq Popolazione 83.082.869 Gruppi etnici gruppo camitico orientale (90%), stranieri (10%) Comunità italiana ca. 5.000 Capitale Il Cairo (22.000.000) Città principali Alessandria, Port Said, Suez, Tanta, Damietta, Luxor, Aswan, Assiut Moneta Lira Egiziana (EGP) Tasso di cambio1 1 Euro=7,522 EGP Lingua Arabo; diffusi Inglese e Francese Religioni principali Islamici Sunniti (75%), Cristiani (25%) con prevalenza Copta Ordinamento dello Stato Repubblica di tipo presidenziale (dal 18 giugno 1953). Il Presidente della Repubblica è eletto ogni sei anni a suffragio universale. L’Assemblea del Popolo (444 membri elettivi e 10 nominati dal Presidente) esercita il potere legislativo e controlla l’attività di Governo Suddivisione amministrativa dal mese di aprile 2008, 29 Governatorati, che in genere prendono il nome dalla città principale, retti da un governatore designato dal Presidente della Repubblica.

1 2

Aggiornato al 12.03.2010 Fonte: CAPMAS; Fondo Monetario Internazionale

170

Quadro macroeconomico L’anno finanziario 2008-2009 è stato inevitabilmente influenzato dalla crisi finanziaria mondiale. Il PIL è calato del 4,7%, rispetto ad una crescita positiva del 7,2% registrata nel 2008. L'inflazione e la disoccupazione rimangono stabili rispetto al 2008, con tassi, rispettivamente, intorno al 13% e all'8%. Per il 2009/2010 il Governo ha messo in campo un piano di sviluppo che punti, in particolare al risanamento di settori particolarmente colpiti della crisi, con interventi comuni pubblici e privati, all’attrazione di investimenti esteri in attività produttive e progetti di sviluppo - anche grazie all’approvazione di importanti provvedimenti come la riduzione di dazi e tariffe, incentivi fiscali, semplificazioni burocratiche, assenza di limiti alle partecipazioni estere, uguaglianza di trattamento con gli investimenti nazionali, piena trasferibilità dei profitti, riconoscibilità degli arbitrati internazionali, e al sostegno della domanda interna. Il Piano prevede, in particolare, una strategia di promozione dei capitali privati per il rafforzamento dell’economia nazionale; si prevede, di incrementare, infatti, la partecipazione del privato fino al 35% della produzione industriale totale e al 30% nell’agricoltura e nel commercio, tenendo bloccata la loro presenza al 3% nel settore energetico, in mano al governo. La quota dei capitali privati (anche stranieri), nei progetti attuati (nel 2009) e in programma (per il 2010) in PPP raggiunge il 57% del totale. Tali investimenti si concentrano nei settori: industria di trasformazione (15,4%), costruzioni (13,9%), telecomunicazioni e IT (13,9%), servizi sanitari (6,2%), logistica (5,8%), commercio (4,4%), agricoltura (3,8%) e infine, strutture alberghiere e di ristorazione (3,5%). Il governo, inoltre, per far fronte al calo delle vendite all’estero, prevede, entro il 2010, un programma di sostegno finanziario alle esportazioni, e l’espansione o realizzazione di alcune zone industriali export-oriented (ca. mln/euro 350). Gli investimenti pubblici previsti ammontano a oltre mld/euro 4, pari all’88% dell’importo totale dei capitali messi a disposizione del Governo per l’anno fiscale 2009/2010. Il budget verrà così suddiviso: mln/euro 360 per l’industria di trasformazione, mln/euro 120 per il settore finanziario, mln/euro 94, per


BUSINESS ATLAS 2011

il settore energetico (petrolio e gas naturale), mln/euro 32,5 per il settore delle costruzioni, mln/euro 25 per la logistica, mln/euro 20 per i servizi e mln/euro 17 per il settore agricolo.

Principali settori produttivi I settori che contribuisco maggiormente al PIL sono: settore manifatturiero (20,3%), agricoltura (15,5%), telecomunicazioni (15%), commercio all’ingrosso e al dettaglio (14,8%), intermediazione finanziaria (10%), industria mineraria e petrolifera (8,9%), edilizia (6%), industria chimica (5,5%) e trasporti/stoccaggio (4%). L’agricoltura continua a essere uno dei più importanti settori produttivi, occupando il 36% della popolazione attiva, nonostante sia coltivabile solo il 5% delle terre. Il cotone è il prodotto agricolo maggiormente esportato; seguono frumento, riso, mais, pomodori, canna da zucchero e frutta. L’industria, nel suo complesso, è in forte sviluppo grazie alla creazione di nuove zone industriali, zone franche e parchi commerciali dove le imprese straniere che vi operano, godono di numerose agevolazioni ed incentivi, come l’esenzione dal pagamento di imposte o dazi; le importazioni, necessarie per produzioni locali, sono, ad esempio, soggette o all'esenzione totale o soggiaciono a dazi agevolati al 5%. Negli ultimi anni in seguito alla liberalizzazione economica, l’attività industriale egiziana si è considerevolmente diversificata. L’industria tessile (che produce filati di cotone, lana e tessuti di iuta), per molti anni alla base dello sviluppo economico egiziano, è stata affiancata da quella agroalimentare e chimica, della lavorazione di idrocarburi e della produzione di fertilizzanti per l’agricoltura. Inoltre, particolare importanza rivestono i settori siderurgico, meccanico, edile e farmaceutico. L’industria petrolifera, che beneficia di rilevanti investimenti stranieri, rimane controllata dall’Egyptian General Petroleum Corporation, con la collaborazione di una serie di compagnie che detengono quote d’interesse e sono incaricate della ricerca di nuovi giacimenti sul territorio. L’Egitto, inoltre, si sta affermando come produttore di metano, e grazie ai progetti attualmente in corso, è diventato un esportatore di gas naturale liquefatto. In passato il settore dei servizi era quasi completamente composto dalle attività legate al turismo (che ancora oggi contribuisce per il 4,7% alla formazione del PIL e rappresenta la principale fonte di valuta estera e il settore a maggiore fornitura di impiego) e ai trasporti; recentemente invece, il settore terziario si sta aprendo a nuovi spazi: telecomunicazioni, servizi alle imprese e di consulenza, intermediazione finanziaria e assicurazioni. Da ricordare i proventi del Canale di Suez: nazionalizzato nel 1956, rappresenta una via efficacissima per facilitare le comunicazioni e gli scambi fra i tre più antichi continenti del globo (l'8% del trasporto marittimo mondiale passa attraverso il Canale di Suez). Le entrate provenienti dal Canale di Suez nel corso del 2009 ammontano a mln/euro 3,1. Il sistema bancario in Egitto opera sotto il controllo della

EGITTO

Central Bank of Egypt (CBE), e grazie a una serie di riforme graduali, si è consolidata la presenza di banche straniere sul territorio. Fondamentale ai fini degli investimenti stranieri è stato l’emendamento delle leggi sulle banche e sulle assicurazioni del giugno 1998, che consente agli investitori stranieri di detenere il 100% della proprietà. La legge 155 del 1998, inoltre, consente ai privati, anche stranieri, di partecipare al capitale delle banche pubbliche. Tale innovazione ha esteso la proprietà, immettendo nuovi fondi e tecnologia nel sistema bancario, rendendo l’Egitto un importante centro finanziario internazionale.

Infrastrutture e trasporti Il Cairo è il punto nodale di una moderna rete ferroviaria che si estende per più di 5.000 km, mentre la rete stradale copre circa 65.000 km, con il risultato che le strade egiziane trasportano circa il 94% del traffico merci ed il 60% del traffico passeggeri del Paese. Un serie di nuove tangenziali e raccordi sono stati creati allo scopo di collegare meglio le nuove zone con il cuore della città. Efficienti sono anche i collegamenti aerei, che si sono intensificati sotto la spinta dei flussi turistici, e analogamente efficente il sistema delle tratte interne in direzione di tutte le principali città del Paese. I principali aeroporti dell'Egitto sono attualmente in fase di espansione e ammodernamento. Il Paese dispone di oltre 3.500 km di vie navigabili interne (i canali sono utilizzati per il 4% del trasporto merci). I porti principali si trovano ad Alessandria (il più grande porto dell’Egitto, attraverso il quale passa il 55% del commercio straniero), Port Said, Damietta, Dekheila e soprattutto Suez. A tal proposito, le tariffe di transito del canale di Suez rappresentano un’entrata significativa di valuta estera. Il Governo ha predisposto tariffe speciali per navi di grosso tonnellaggio e per i bastimenti di cereali e frumento con destinazione Aqaba, in Giordania. L’autorità del Canale di Suez sta cercando di favorire joint ventures e partnership per la costruzione e la riparazione di navi, per ampliare le superfici industriali esistenti e per lo sviluppo di progetti innovativi. Sono stati realizzati nuovi porti, con il sistema BOT, Port Said Est e Golfo di Suez Nord-Ovest, oltre allo sviluppo del porto di Damietta al fine di incrementarne la capacità. Tutte le principali città e località turistiche sono dotate di aeroporto ed esistono voli giornalieri per tutte le destinazioni.

171

Commercio estero Totale export: mld/euro 9,4 Totale import: mld/euro 20,6 Principali prodotti importati: combustibili e prodotti petroliferi (9,7%); petrolio grezzo (6,7%); lavorati in ferro e acciaio (5,4%); frumento (3,4%); prodotti chimici organici e inorganici (2,6%); plastiche e articoli di plastica (2,4%); accessori e ricambi per auto (2,3%); prodotti farmaceutici (2,1%); legno e lavorati (2%); granturco (2%); grassi animali e vegetali, oli (1,9%). Principali prodotti esportati: prodotti petroliferi (25%); petrolio greggio (16%); ghisa e laminati di ferro (16%); lavorati


MEDIO ORIENTE/AFRICA

EGITTO Aspetti normativi e legislativi

di ferro e acciaio (5,2%); cemento (3%); prodotti metallurgici (2,9%); preparati per l’industria edile (2,9%); fertilizzanti (2,8%); indumenti (2,1%); alluminio (1,5%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: Italia (10,3%), USA (7,7%), Spagna (6,7%), Siria (5,1%), Arabia Saudita (5%), Giappone (4,9%), Germania (4,9%). Paesi Fornitori: USA (10,6%), Cina (10,2%), Italia (7,5%), Germania (7%), Arabia Saudita (5%).

Regolamentazione degli scambi L’Accordo di Associazione tra Egitto e UE, entrato in vigore nel 2004, mira alla creazione di un’area di libero scambio tra i due contraenti. Prevede uno schema di progressivo smantellamento dei dazi e delle quote sui prodotti europei importati in Egitto e sui prodotti egiziani esportati in Europa. Sdoganamento e documenti di importazione3: il regolamento 861/2005 relativo alla legge doganale 8/2005 introduce un elemento innovativo che consiste nella possibilità da parte degli enti statali di poter importare direttamente in nome e per conto proprio evitando intermediazioni. La nuova legge doganale ha snellito le procedure, permettendo una corrispondenza diretta ed immediata tra uffici doganali e importatori. L’importazione di merce è soggetta ad un dazio doganale variabile a seconda del tipo di prodotto importato, calcolato sul valore CIF della merce. I dazi più elevati riguardano gli alcolici, mentre sono state ridotte le tariffe su materie prime e semilavorati. Oltre al dazio viene applicata una sovrattassa del 2% per i prodotti soggetti ai dazi doganali compresi tra il 5 ed il 30% e del 3% per quelli soggetti ai dazi doganali oltre il 30%. In molti casi ai beni importati si aggiunge un’imposta sulle vendite pari al 10%, calcolata sul valore CIF della merce e da versare al momento dello sdoganamento. È stata, inoltre, snellita la documentazione richiesta per l’importazione e facilitata la procedura di ispezione della merce. Le merci devono essere accompagnate da: fattura commerciale, fattura consolare, certificato di origine, documenti di trasporto ed eventuali certificati tecnici o sanitari. Classificazione doganale delle merci: con il Decreto presidenziale 38/1994, l’Egitto ha adottato la tariffa doganale armonizzata. Restrizioni alle importazioni: lo smantellamento dei dazi sull’interscambio UE-Egitto è sbilanciato in favore di quest’ultimo in quanto Paese in via di sviluppo. I prodotti industriali egiziani diretti in Europa sono esenti da ogni dazio doganale e da restrizioni quantitative; mentre i prodotti agricoli sono anch’essi esenti da dazi e le quote, ove presenti, verranno progressivamente aumentate. Per quanto riguarda i prodotti industriali e agricoli esportati in Egitto, sono previste progressive riduzioni dei dazi doganali, fino alla completa abolizione per alcuni prodotti alimentari. Dal 1998 è stata liberalizzata l’importazione di tessili in Egitto e dal 2002 quella dei capi d’abbigliamento preconfezionati. Il Decreto Presidenziale 35/2004 sostituisce i dazi speciali applicati in precedenza ai prodotti del settore tessile con dazi ad valorem, e riduce o abolisce quelli sulle materie prime inerenti al settore. A partire da giugno 2007 è stato adottato un regi-

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –1 Continua ad aumentare il saldo commerciale positivo a favore dell’Italia. Nel 2009 le esportazioni egiziane verso l’Italia sono diminuite del 40,2%, mentre per le importazioni, il calo è stato più contenuto (-8,7%). Principali prodotti importati dall’Italia: macchinari (23%), prodotti petroliferi raffinati (10,4%), prodotti in acciaio (10,4%), prodotti chimici di base (6%). Principali prodotti esportati in Italia: petrolio greggio e gas naturale (30,9%), prodotti petroliferi raffinati (15%), prodotti chimici di base (12%), prodotti di colture agricole non permanenti (8,8%), metalli di base preziosi (6,7%). Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: USA (38,4%), UE (21,8%), Italia (13%). Paesi di destinazione: UE, USA, Italia, Paesi Arabi.

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: petrolifero (67,4%), manifatturiero (9%), finanziario (4,3%), servizi (3,9%), costruzioni (3,8%), turistico (3,1%). Italiani verso il Paese: l’Italia si colloca ai primi posti tra i Paesi investitori in Egitto, oltre ad aver aperto notevoli prospettive per il finanziamento delle operazioni di imprese italiane verso questo Paese. Gli investimenti italiani spaziano da settori d’eccellenza come petrolio, gas, cemento e tessile, a settori quali industria, agricoltura e agroalimentare, edilizia e turismo, infrastrutture e servizi d’igiene ambientale. Si stanno, inoltre, aprendo opportunità d’investimento nei settori delle tecnologie informatiche e delle energie alternative. Da menzionare, l’acquisto di Italcementi, attraverso la sua consociata Suez Cement (che detiene un terzo della produzione totale di cemento in Egitto) di alcuni impianti produttivi locali in seguito al processo di privatizzazione del settore nel 2005 e l’acquisizione dell’80% del capitale della Bank of Alexandria, prima banca privata e terza del Paese, da parte di Banca Intesa San Paolo nel 2006, in seguito alla privatizzazione della terza banca pubblica egiziana. All’estero del Paese: telecomunicazioni. In Italia del Paese: acquisto della società Wind da parte del gruppo Orascom.

3

172

Per ulteriori informazioni sulle esportazioni verso l'Egitto consultare il sito www.agenziadogane.it


BUSINESS ATLAS 2011

me che prevede la registrazione alla General Organization for Import and Export Control (GOIEC) delle società straniere che intendono esportare prodotti tessili verso questo Paese e sono stati limitati i punti d’accesso doganale della produzione tessile (Alessandria, Port Said e Ain Sokhna). Oltre alla barriere tariffarie, e nel quadro di una politica di contenimento delle importazioni, nel sistema egiziano persistono anche barriere di tipo paratariffario, quali ad esempio: controlli di laboratorio, requisiti tecnici e/o standard qualitativi con particolari caratteristiche o attraverso un sistema bancario che impone agli importatori egiziani di merce non essenziale, condizioni difficili (ad esempio: apertura di lettere di credito coperte da garanzie al 100%). Importazioni temporanee: la normativa doganale egiziana consente l’importazione temporanea, libera dal pagamento di dazi, per attrezzature destinate all'esposizione a fiere ufficiali o per attività di vendite promozionali che riguardano le organizzazioni del settore pubblico egiziano. Società o persone fisiche che intendono avvalersi di tali possibilità devono sottoporre alle autorità doganali una lettera di credito valida per almeno 6 mesi, la quale deve essere confermata da una banca accreditata in Egitto, a copertura del pagamento dei dazi doganali e delle tasse imponendo che i beni non siano riesportati. In certi casi i beni temporaneamente importati possono essere smerciati o venduti in Egitto dietro pagamento di un ulteriore dazio doganale del 10%; tale regola non si applica ai beni per i quali è vietata l’importazione. Per riesportare beni importati con il regime di importazione temporanea le società interessate devono garantire che la documentazione sia corretta e devono ottenere la restituzione della lettera di credito dalle autorità doganali per evitare contestazioni successive. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: gli investimenti stranieri sono coordinati dal Ministero degli Investimenti (www.investment.gov.eg) che, da organo regolatore, si sta sempre più trasformando in promotore degli investimenti. Il Governo sta implementando una serie di emendamenti atti a migliorare il clima in cui avvengono gli investimenti. La strategia punta all’incremento degli investimenti diretti esteri: il Governo sta provvedendo a semplificare le procedure abbattendo gli ostacoli burocratici. La legge 8/1997 (sugli incentivi per gli investimenti) ha introdotto nuove agevolazioni che hanno incoraggiato gli investimenti: per trarne beneficio è necessario proporre il progetto all’Autorità competente per gli Investimenti che valuterà se esso presenta condizioni sufficienti a favorire in maniera sostanziale l’economia egiziana. Le agevolazioni riguardano soprattutto quei settori che permettono l’aumento delle riserve in valuta straniera e riducono la dipendenza del Paese dalle importazioni. Tra le diverse sovvenzioni vanno ricordate: l’adozione di garanzie contro nazionalizzazioni e confisca, il divieto di controllo statale sui prezzi, la libertà nel trasferimento dei profitti, la riduzione dei dazi doganali sulle importazioni, la cancellazione

173

EGITTO

del controllo dei cambi. Al fine di facilitare la registrazione delle società di investimenti, il Ministero per gli investimenti egiziano ha creato il One Stop Shop (lo sportello unico) i cui compiti principali sono: interfacciarsi con gli uffici ministeriali per conto degli investitori, rispondere a tutte le richieste di informazioni, ricevere i documenti relativi alla costituzione delle società nei termini di legge, agire da guida per gli investitori stranieri. La legge 83/2002 permette la creazione di zone speciali per attività industriali, agricole e di servizi orientate all’esportazione. Le imprese operanti in queste zone possono beneficiare di incentivi ed infrastrutture progettati per incoraggiare maggiori investimenti nazionali ed esteri nei settori più adatti all’esportazione. Per quanto riguarda la riforma strutturale del Paese, si è realizzata una mappatura elettronica per tutti i progetti di investimento implementati attraverso la modernizzazione dei dati geografici del paese e si è sviluppata l’accessibilità virtuale ad informazioni e documenti societari e legali relativi all’implementazione di un nuovo progetto in Egitto tramite l’Autorità Generale per gli Investimenti. Legislazione societaria: la legge 159/1981 permette la registrazione di una compagnia su presentazione della domanda all’ufficio delle società (Companies Department) che provvederà ad approvarla entro 15 giorni, o a rifiutarla entro 10, in caso di mancato soddisfacimento dei requisiti necessari. Tale procedura è applicabile alle società di capitale, mentre per le società di persone la registrazione viene eseguita attraverso il deposito dello statuto presso il tribunale di competenza territoriale. Gli uffici stranieri di rappresentanza sono soggetti all’iscrizione in un apposito registro depositato presso la General Companies Administration (GCA). La domanda di registrazione deve essere accompagnata da una copia dell’atto di costituzione e dallo statuto della società (con le relative traduzioni in lingua araba), dalla risoluzione adottata dalla ditta straniera in merito all’intenzione di aprire un ufficio nel Paese e dall’indicazione del responsabile in loco dell’ufficio. La tassa di registrazione ammonta a EGP 1.000. Le filiali devono adempiere all’esecuzione degli obblighi derivanti da un contratto con aziende egiziane del settore privato o pubblico. Devono essere anch’esse iscritte al registro del GCA e produrre annualmente una relazione che ne riporti documenti e bilancio, per verificare i profitti aziendali e la corrispondenza dell’attività secondo quanto previsto dalla norma. Nel 2006 la nuova legge fiscale sul reddito ha unificato la tassazione per tutte le forme giuridiche senza distinzione tra società di capitali e società di persone, attestandola al 20%, in sostituzione di una tassa che variava dal 32 al 40%. Il diritto egiziano prevede le seguenti tipologie societarie: a) la Società per azioni prevede almeno 3 soci fondatori e un capitale minimo di EGP 250.000 (quelle quotate in borsa devono avere un capitale minimo di mln/EGP 1). I tempi per la creazione sono ristretti, circa una settimana. Dall’entrata in vigore della Legge 3/1998 non è più obbligatorio che il 49% degli azionisti sia egiziano, così come gli stranieri


MEDIO ORIENTE/AFRICA

EGITTO zione delle norme, guardando al contribuente in maniera positiva e rendendolo responsabile della veridicità dei dati dichiarati e quindi passibile di sanzioni in caso di evasione. La legge amplia la base per la tassazione includendo i residenti che lavorano all’estero e i non residenti che lavorano nel Paese. Il sistema ha ridotto fortemente la tassazione: l’imposta sul reddito è scesa dal 32% al 20%. È stata prevista l’esenzione totale sui redditi che variano da EGP 2.000 a 5.000, una tassa del 10% sui redditi che variano da EGP 5.000 a 20.000, del 15% tra EGP 20.000 e 40.000. Notevoli benefici riguardano le attività industriali e commerciali, la cui tassazione è stata unificata al 20%. La legge ha tuttavia abolito una serie di esenzioni fiscali precedentemente assegnate come incentivo all’investimento, compresa quella decennale per aziende situate nelle nuove zone industriali egiziane. Anno fiscale: 1 luglio – 30 giugno Tassazione sulle attività d’impresa: 20% (previste aliquote diverse in base al settore di attività: alle società estrattive e di produzione di petrolio si applica il 40,55%, alla società del Canale di Suez, alla Banca Centrale e all’Autorità egiziana del petrolio si applica l’aliquota del 40%). Imposta sul valore aggiunto (VAT): 10% (per televisori, radio, gioielli e determinati veicoli a motore si applica l’aliquota del 25%; per beni di lusso, cosmetici, videocamere e veicoli di alto valore si applica l’aliquota del 30%).

attualmente possono rappresentare la maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione. Ogni socio al momento della costituzione della società deve versare un contributo in denaro di almeno il 10%; un altro 15% deve essere versato entro tre mesi dalla data di registrazione della società. Il rimanente sarà versato nei successivi 5 anni; b) la Società a responsabilità limitata ha un capitale minimo di EGP 50.000, e deve essere pienamente versato al momento della costituzione della società e conservato in un conto bancario bloccato fino a che la società non sia stata registrata nel Registro Commerciale. La società deve avere almeno due e non più di 50 soci che possono essere sia persone fisiche che persone giuridiche; c) le Società in accomandita per azioni non possono svolgere attività nei seguenti settori: assicurativo, bancario, risparmio, fondi d’investimento per conto di terzi. I soci fondatori hanno responsabilità sociale illimitata, restando esclusa la partecipazione di un altro tipo di socio alla direzione. La società deve avere un Consiglio di Amministrazione composto da almeno 3 soggetti, che possono essere soci o esterni scelti dai soci. Ciascun manager conferirà parte delle proprie quote, pari a non meno di EGP 5.000, a garanzia di buona amministrazione, che saranno depositate presso una banca egiziana, e che non possono essere distratte fino a che il manager ricopre tale carica. Il capitale sociale minimo è di EGP 250.000 e si divide in due categorie: quota posseduta dai soci fondatori e quote possedute dagli altri soci; i soci fondatori sono illimitatamente responsabili, mentre gli altri soci sono responsabili solo per le quote versate; previste infine le Società in accomandita semplice e le Società in nome collettivo, nella quali i soci stranieri partecipano al capitale per una quota massima del 49%, non hanno diritto di dirigere la società né diritto di firma.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese5 4/7 Condizioni di assicurabilità SACE6 apertura senza condizioni

Brevetti e proprietà intellettuale4 Il periodo di protezione dei brevetti è stato innalzato a 20 anni e sono garantiti i diritti economici dell’autore fino a 50 anni dalla morte oltre ai diritti morali. L’usurpazione dei diritti di proprietà intellettuale è considerato reato, punibile con multe che vanno da EGP 20.000 (€ 2.500) a EGP 100.000 (€ 12.500) e possono arrivare fino alla detenzione (massimo 2 anni) in caso di reiterazione del reato. I marchi sono registrati presso il Trade Registration Department e vengono protetti per 10 anni dalla data di deposito. L’Egitto è membro della World Trade Organisation (WTO), ha firmato gli Accordi TRIPS, ha sottoscritto la Convenzione di Parigi per la protezione della proprietà intellettuale, la Convenzione di Strasburgo del 1971 per la classificazione internazionale dei brevetti e la Convenzione dell’Aja riguardante il deposito internazionale del design industriale. Sistema fiscale La legge 91/2005 ha semplificato il sistema di riscossione, unificando i dipartimenti di tassazione sulla vendita e sul guadagno, riducendo lo spazio lasciato alla libera interpreta-

Sistema bancario Nel corso del 2005, la Banca Centrale d’Egitto ha avviato una sostanziale riforma del sistema bancario, al fine di migliorarne le performance. L’attività principale è stata il processo di privatizzazione con cui circa il 20% del settore bancario è stato trasferito da banche controllate de facto dallo Stato al settore privato. È stata, quindi, operata una razionalizzazione delle banche commerciali e una serie di fusioni tra banche minori. A eccezione di alcuni Istituti (Misr African International Bank, Arab International Bank ed Export Development Bank of Egypt), il sistema opera sotto il controllo congiunto della Central Bank of Egypt (CBE) e del Ministero delle Finanze. Il 50% del capitale complessivo del sistema creditizio è ancora concentrato in tre banche pub-

4 5

6

174

Legge 82/2002 (e Regolamento d’attuazione) Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


BUSINESS ATLAS 2011

mento dell’1% del valore delle merci. Le merci in transito sono esenti da tutte le spese. Inoltre, tutte le attrezzature, come macchinari e mezzi di trasporti essenziali (escluse le autovetture berlina) necessari per il mantenimento della licenza di attività di un’attività sono esenti da qualsiasi pagamento. Un nuovo meccanismo dei prezzi per l'energia elettrica utilizzata ad alta intensità (sopra i 50 milioni di KW) è attualmente in fase di applicazione. In tutti i settori, ad eccezione della trasformazione dei prodotti alimentari e tessili, i costi dell'energia elettrica sono di circa euro/kw 0,3. I prezzi per l’affitto degli immobili sono i seguenti: nel settore industriale di euro/mq 2,50 all’anno, negli altri settori (stoccaggio e servizi) di euro/mq 5. Una riduzione del 50% delle suddette tariffe è possibile in tre delle nuove Zone Franche pubbliche: Ismailia (solo per il settore industriale e dei servizi), Damietta e Shebein el-Kom. Le Zone Economiche Speciali sono state istituite con la legge 83/2002 garantendo privilegi ed esenzioni doganali agli investitori. Essa consente la creazione di zone industriali speciali che abbiano una significativa attività di esportazione. All’interno di tali zone possono essere importati in esenzione doganale beni strumentali, materie prime e semilavorati. Le società che vi operano (nei settori industriale, agricolo e dei servizi) sono soggette a minori imposte di vendita e ad aliquote fiscali privilegiate. È applicata un'imposta sul reddito ad aliquote del 10% sulle entrate nette, e del 5% sui salari. Le importazioni di beni, attrezzature e materiali sono esenti da tasse di dogana e di vendita e non richiedono autorizzazioni. Le esportazioni seguono lo stesso regolamento delle Zone Franche. Sono previste inoltre agevolazioni per lo scioglimento dei contratti di lavoro e la possibilità di istituire un sistema speciale di previdenza sociale e del lavoro. Le concessioni per lo sfruttamento o l’esplorazione sono effettuate sulla base di un accordo di produzione tra il Governo egiziano, la Compagnia pubblica EGPC e la compagnia straniera.

bliche. Il Governo si è impegnato a favore della privatizzazione, la Banca di Alessandria (BOA) è stata la prima delle quattro grandi banche statali ad essere messa all'asta. Alla fine del 2006 Banca Sanpaolo IMI ha acquisito l'80% delle quote di BOA per mld/euro 1,2. Tipologia

Credito Debito

Tassi bancari

Valore

6,5 % - 9,5 % 9,0 % - 13,0 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche La legge per gli investimenti 8/1997 ha stabilito la creazione di 42 zone industriali in 19 governatorati. Le principali città industriali restano 10th Ramadan, 6th October, AlSadat, Borg el Arab, Badr. Nelle città di Sadat e Borg el Arab, a nord de Il Cairo, l’Industrial Development Authority, ente egiziano per lo sviluppo industriale ha messo a disposizione 10 milioni di mq di terreni edificabili ad uso industriale per un investimento previsto di circa mln/€ 780 e la creazione di 18 mila posti di lavoro. Le nuove aree, aperte all’investimento straniero secondo partnership pubblico-private, saranno destinate all’immagazzinaggio di componenti industriali, trasporti integrati, assemblaggi e imballaggi e ai servizi di spedizione ed esportazione, a quelli bancari e finanziari. La legge del 1997 istituisce, inoltre, anche la creazione di Zone Franche: aree geo-amministrative qualificate, istituite per promuovere lo sviluppo degli investimenti esteri attraverso l’introduzione di condizioni tendenzialmente più favorevoli rispetto a quelle previste dal regime ordinario. Le Zone Franche sono di due tipi: pubbliche e private; le prime sono create con Decreto Ministeriale su proposta della General Authority for Investments & Free Zones (GAFI), mentre le private su diretta richiesta dell’impresa investitrice, con il fine di realizzare specifici progetti che abbiano una produzione destinata all’export per almeno il 50%. Nelle Zone Franche l’industria manifatturiera paga un canone annuale dell’1% del totale del valore della produzione con l’esclusione del costo delle materie prime. Anche gli impianti di stoccaggio sono soggetti al paga-

EGITTO

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni e prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito; Accordo in materia di protezione e promozione degli investimenti. Nel 1995, inoltre, grazie alla Dichiarazione di Barcellona, è stato avviato il partenariato euro-mediterraneo tra UE e Paesi del Mediterraneo del sud per una cooperazione di natura politica, economica e sociale, a cui è seguito un accordo di associazione, nel giugno 2004. Costo dei fattori produttivi

Manodopera7 (valori medi mensili in €)

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente 7

175

da

50 300 1.000

Fonte: Sistema Informativo Statale egiziano

a

150 350 1.500


MEDIO ORIENTE/AFRICA

EGITTO

Organizzazione sindacale La legge 84/2002 restringe fortemente la libertà di associazione, dando al Governo il pieno controllo sulla creazione e le attività delle organizzazioni sindacali. L’associazionismo senza previa autorizzazione statale è considerato reato. Tuttavia, con la legge 10/2003, il parlamento egiziano ha approvato per la prima volta il diritto di sciopero dei lavoratori. Il diritto di sciopero è esercitabile in settori non strategici e nei servizi pubblici (sono quindi esclusi: forze armate, sicurezza, produzione militare, difesa civile, telecomunicazioni, panetterie, trasporto merci e passeggeri, porti aeroporti, istruzione, acqua, elettricità e gas), a condizione che ci sia la decisione favorevole di due terzi dei rappresentanti sindacali a seguito del fallimento delle trattative, arbitrato o mediazione con il datore di lavoro. La decisione di svolgere uno sciopero deve essere motivata, e deve essere indicata la sua durata. Il periodo di sciopero non è retribuito. Tutte le organizzazioni sindacali devono per legge essere affiliate all’Egyptian Trade Unions Federation, l’unica associazione di lavoratori riconosciuta legalmente.

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE9 Ambasciata d’Italia Shara Abdel Rahman Fahmi, 15 - Garden City tel +20 22 7943194 / 5 - fax +20 22 7940657 www.ambilcairo.esteri.it • ambasciata.cairo@esteri.it

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura 3, El Sheikh el Marsafi - Zamalek - Il Cairo tel +20 22 7355423 / 8791 - fax +20 22 7365723 www.iiccairo.esteri.it iiccairo@esteri.it Ufficio ICE10 3, Abou El Feda st. bldg, 11th fl. PO BOX 75 Zamalek - 11212 Il Cairo tel +20 22 7351734 / 7357218 / 9 - fax +20 22 7350501 ilcairo@ice.it

Elettricità8 (in €/KW/h)

Categorie

Alta e media tensione Combustibile

media

0,70

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Alex Bank - International Subsidiary Bank of Intesa Sanpaolo Head Office: 46, Kasr El Nil St. Cairo tel +20 22 3992000 www.alexbank.com Intesa Sanpaolo Bank - Representative Office Abou El Feda St., 3 - Zamalek PO Box 2663 - Il Cairo tel +20 22 7356832 cairo.repoffice@intesasanpaolo.com Italian Desk BNL c/o BNP Paribas 3, Tawfik Diab St. Garden City - Il Cairo internazionalizzazione@bnlmail.com Monte dei Paschi di Siena (Ufficio di rappresentanza) Saray El Ghezira St., 10 - Zamalek - 11211 Il Cairo tel +20 22 7358461 / 27358022

Prodotti petroliferi8 (in €/l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

Acqua8 (in €/m3)

Ad uso industriale Tipologia

Informazioni utili

media

0,29 0,13 0,07

media

0,13

Immobili (canone mensile in €/m2)

Affitto locali uffici

media

3,6

IN ITALIA

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via Salaria 267, 00199 Roma tel 06 8417420 – fax 06 8554424 www.ambilcairo.esteri.it • ambasciata.cairo@esteri.it

Fonte: Sistema Informativo Statale egiziano Fonte: Ministero degli Affari esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari presenti nel Paese: www.esteri.it 10 Fonte: ICE (www.ice.it) 8 9

176

Uffici consolari Milano via Modena 26, 20100 tel 02 29516360 Roma via Salaria 267, 00198 tel 06 84241896 - fax 06 85301175


BUSINESS ATLAS 2011

Formalità doganali e documenti di viaggio Necessario il passaporto valido con il visto rilasciato dal Consolato d’Egitto in Italia o, al momento dell’arrivo all’aeroporto del Cairo, presso l’ufficio dei visti situato nella sala d’arrivo. La proroga del visto può essere ottenuta al Cairo presso un ufficio di polizia per un massimo di 90 giorni. Obbligatorie vaccinazioni solo se in ingresso da Paesi segnalati dall’OMS. Non è richiesta nessuna dichiarazione di valuta, ma esiste una limitazione all’importazione ed esportazione di valuta egiziana. L’introduzione di apparecchi fotografici e videocamere può essere soggetta a specifiche formalità doganali. E’ vietato fotografare ed effettuare riprese all’interno dell’aeroporto.

EGITTO

Assistenza medica cliniche con buone attrezzature e personale sanitario qualificato al Cairo: Ospedale italiano Umberto I 17, el Sarayat st. - El Abbassiyya tel +20 2 26740088 - fax 2 4820902 El Nozha International Hospital El Nozha St. behind Sheraton Heliopolis Building tel +20 2 2690555 - 2694241 / 2 / 3 Anglo American El Gezira st. beside Cairo Tower – Zamalek tel +20 2 7356162 / 3 / 4 / 5 – 27354304 – 27359836 Misr International Hospital 12, Saraya st. - Doqqi – Giza tel +20 2 33608261

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Egypt Air Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Air Cairo, Air Sinai, Lotus, AMC Airlines (charter). Trasferimenti da e per l’aeroporto: taxi (€ 7-10), autobus pubblici (€ 0,30).

Corrente elettrica 220 V, 50 Hz per uso domestico; 380 V, 50 Hz per uso industriale. Giorni lavorativi ed orari Uffici: dom-gio 8.30-14.00 Negozi: dom-gio 9.00-13.00 / 16.30-19.00 Banche: dom-gio 8.30-14.00

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Telecom Egypt. Telefonia mobile: Vodafone, Mobinil, Etisalat (le tre reti di telefonia mobile coprono quasi il 100% del territorio abitato).

Festività 1, 7 (Natale Copto), 25 (festa della Polizia) gennaio; 25 aprile (liberazione del Sinai); 1 maggio; 18 giugno (liberazione); 23 luglio (rivoluzione); 6 (giornata delle forze armate), 23 (giornata di Suez) ottobre; 23 dicembre (giorno della Vittoria).

Siti di interesse Ministero Sviluppo Economico: www.mop.gov.eg; Ministero Industria e Commercio: www.mti.gov.eg; Ministero Commercio Estero e Industria: www.mfti.gov.eg; Ministero per gli Investimenti: www.investment.gov.eg; Ministero Turismo: www.touregypt.net; Ministero degli Esteri: www.mfa.gov.eg; Sistema informativo statale: www.sis.gov.eg; The Cabinet Information and Decision: www.idsc.gov.eg; Fondo Sociale Egiziano: www.sfdegypt.org; Bollettino economico: www.economic.idsc.gov.eg; Portale informativo Egitto: www.eip.gov.eg; Forum per la Ricerca Economica: www.erf.org.eg; Biblioteca Mediorientale Studi Economici: www.meles.com; Borsa Valori: www.egyptianstocks.com

Media Quotidiani: Al Ahram, Al Akhbar, Al Goumhuria e Al Youm; Al Ahram Al Iqtisadi, Al Ahram Weekly (inglese) e Hypdo (francese) sono le principali pubblicazioni economiche. Riviste: Egyptian Daily News, Cairo Times. Alberghi categoria lusso euro 146–220/notte; categoria media euro 100–120/notte)

Camera di Commercio Italiana per l’Egitto

Il Cairo

Anno di fondazione 1927 Anno di riconoscimento 1959 Presidente Giancarlo CIFARELLI Segretario Generale Soliman EL WAZZAN Indirizzo 33, Abdel Khalek Sarwat Street P.O.box 19 - 11511 Telefono +20 2 23937944 / 23922275 / 23919911 / 23927733 Fax +20 2 23912503 E-mail info@cci-egypt.org Web www.cci-egypt.org Orario dom-gio 8.00 -16.00 Numero dei soci 817

Quota associativa euro 250 (società di capitale, CCIAA, associazioni di categoria etc.); euro 150 (società di persone e individuali) Pubblicazioni Mediterraneo (annuario soci); Newsletter (bimensile); Brochure illustrativa dei servizi e modalità di iscrizione Accordi di collaborazione Banca Popolare di Sondrio; desk Fiera Milano (Rassegne); desk Promos; Punto operativo della Regione Lombardia in Egitto; Ufficio CNA

Sportello Internazionalizzazione Responsabile Soliman EL WAZZAN Addetto e contatto al desk Silvia SAVIOZZI

177


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

24 25 29 34 38 40 42 48 40 36 31 27

Media min

Quadro macroeconomico L’economia degli EAU, fin dalla nascita della Federazione nel 1971, ha mantenuto alti tassi di sviluppo tanto da rappresentare una delle più dinamiche realtà dell’intera regione del Golfo. Dalla metà degli anni Novanta l’economia del Paese ha conosciuto una crescita sostenuta, in media del 7% a livello nazionale (10% per Dubai). Negli anni più recenti, soprattutto a partire dal 2008 a causa della crisi internazionale e immobiliare locale, l’economia è stata interessata da un rallentamento durato per tutto il 2009 (–2,7%); il 2010 ha, invece, segnato una ripresa economica (+2,6%), che, secondo previsioni, dovrebbe confermarsi anche per il 2011 (+3,5%). Certamente il recente rialzo del prezzo del petrolio e l’espansione dell’industria manifatturiera, sempre in gran parte lagata al settore oil, rappresentano una sicurezza per lo sviluppo economico del Paese. Il trend di crescita delle quotazioni del petrolio, di cui gli EAU sono il quinto produttore mondiale (9,4% delle riserve mondiali) favorisce, inoltre, l’accelerazione degli investimenti statali in infrastrutture. Altri comparti che hanno dato segni di dinamismo, anche durante la crisi mondiale, sono il turismo e il commercio, in particolare la riesportazione verso i Paesi del Golfo. Altamente competitivo è inoltre il settore industriale, in particolare quello siderurgico e metallurgico. L’offerta di fattori produttivi a basso costo e la presenza di numerose zone franche che assicurano trattamenti fiscali vantaggiosi concorrono a rendere il Paese un ottimo terreno di business. Il processo di rinnovamento del quadro giuridico in materia economica-commerciale sta portando al riconoscimento della proprietà immobiliare per stranieri, e in generale a maggiori aperture per l’attività imprenditoriale.

13 13 16 19 23 25 28 29 26 22 18 15

Fuso orario (rispetto all’Italia): +3 (+2 con ora legale) Superficie 83.600 kmq Popolazione 5.671.112 Gruppi etnici Sud Asiatici (50%), Emiratini (19%), altri Arabi e Iraniani (23%), altri (8%) Comunità italiana 684 iscritti all’AIRE nel territorio di competenza dell’Ambasciata (Abu Dhabi); 2.424 i cittadini residenti nei sei Emirati corrispondenti alla circoscrizione consolare di Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al Quwain, Ras al Khaimah, Furjairah Capitale Abu Dhabi Città principali Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-Quwain, Ras Al Khaimah, Fujairah Moneta Dirham EAU (DHS o AED) Tasso di cambio1 1 Euro=4,86925 DHS Lingua Arabo (ufficiale), Inglese (commerciale) diffuso Religioni principali Musulmani (96%), di cui Sunniti (84%) e Sciiti (16%); Cristiani e Induisti (4%) Ordinamento dello Stato Monarchia assoluta federale Suddivisione amministrativa Confederazione di 7 Emirati: Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-Quwain, Ras Al Khaimah e Fujairah.

1 2

Tasso di cambio medio annuo 2010 Fonte: CIA World Factbook; Dossier Emirati Arabi Uniti a cura Interprofessional Network per il Ministero dello Sviluppo Economico

178

Principali settori produttivi2 Il settore che contribuisce maggiormente alla composizione del PIL è quello dei servizi (50,2%), seguono l’industria (48,6%) e l’agricoltura (1,1%). Nel 2010, tutti i settori hanno registrato incrementi nella produzione: servizi (+2%), industria (+ 1,8%), agricoltura (+3,2%); anche per il 2011 il trend è in crescita, con tassi che vanno dal 2% al 4%.


Infrastrutture e trasporti3 Il Dubai International Airport (DXB) è il principale aeroporto del Paese; gli altri hub internazionali si trovano ad Abu Dhabi, Sharjah e Fujairah. L’aeroporto Al Maktoum di Jebel Ali (Dubai) è già attivo per il traffico cargo, mentre si attende la fine del 2011 per l’apertura relativa al traffico passeggeri. Sono presenti inoltre aree portuali di notevole importanza: Jabel Ali (terzo porto commerciale al mondo), Port Rashid, Port Khalid, Port Saeed e Port Zayed. All’interno delle principali città, sono presenti infrastrutture urbane efficienti e gli spostamenti sono facilitati da autobus e taxi a basso costo. Tra i progetti in fase di realizzazione nel Paese, si segnala: la Al-Reem Island una zona residenziale (previste circa 200.000 persone) e commerciale di Dubai; la Masdar City, prima città ad emissione zero di CO2; la Saadiyat Island, “isola culturale” di Abu Dhabi che offrirà numerose attrazioni e luoghi di interesse come il Museo del Louvre e il Guggenheim; AlFalah, un progetto di edilizia popolare che prevede la costruzione di 5.000 villlette da destinare a cittadini emiratini (mln/euro 565,7); l’estensione del Terminal 3 dell’Aeroporto Internazionale di Dubai (oltre mln/euro 900) e la Green Line Metro, una linea metropolitana di 20 km e 22 fermate nella città di Dubai (circa 1 mld/euro).

BUSINESS ATLAS 2011

(14%), manifatturiero (10,1%), trasporti, stoccaggio e comunicazioni (5%), estrattivo (2,8%), acqua ed elettricità (2,2%), agricoltura, caccia e silvicoltura (0,2%), ristoranti e hotel (0,1%), altro (2,2%).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: ispezioni efficienti e pratiche doganali puntuali e celeri. La tassa di importazione è pari mediamente al 5% su tutte le merci, escluse quelle sottoposte a regime di restrizione (vedi sotto). Classificazione doganale delle merci: Sistema Armonizzato. Restrizioni alle importazioni: alcune voci sono regolate da regime monopolistico come gli alcolici (incluso il vino) e i tabacchi. La carne deve essere macellata secondo il metodo Alahl, ma è permessa l’importazione di carne suina. Importazioni temporanee: è consentita la pratica di esportazione temporanea (non usato il Carnet Ata).

Commercio estero4 Totale import: mld/euro 119,9 Totale export: mld/euro 149,3 Principali prodotti importati: macchinari e attrezzature; metallurgia; oreficeria; casa e arredo; agroalimentare. Principali prodotti esportati: petrolio (45%); gas naturali; riesportazioni; pesce affumicato; datteri. Principali partner commerciali Paesi clienti: Giappone (17,3%); Corea del Sud (10,5%); India (10%); Iran (6,8%). Paesi Fornitori: India (14,5%); Cina (13,2%); USA (8,6%); Germania (5,9%); Giappone (4,6%); Regno Unito (3,9%); Italia (3,7%).

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri7: il sistema fiscale è caratterizzato dalla presenza di numerosi regimi speciali e di favore, volti ad incentivare gli investimenti nel Paese. Non stupisce, pertanto, che gli Emirati siano inclusi, anche se con alcune limitazioni, nelle tre black list che individuano gli Stati considerati a fiscalità privilegiata ai fini della normativa italiana. La locale legge societaria prevede delle restrizioni alla possibilità, accordata ai soggetti che non hanno cittadinanza emiratense, di stabilire attività produttive nel Paese, o comunque di acquisire quote di società locali. Legislazione societaria8: il requisito principale per stabilire una società negli EAU è la presenza al 51% di uno sponsor con passaporto emiratino. Questa regola ha però le seguenti eccezioni: i casi in cui la legge preveda il 100% di proprietà locale; le oltre 30 zone franche che permettono il 100% di proprietà straniera; filiali ed uffici rappresentativi di aziende estere riconosciuti a Dubai; aziende professionali o artigiane a cui la legge consente l’intera proprietà del capitale.

Interscambio con l’Italia5 Saldo commerciale: mld/euro –2,9 Principali prodotti importati dall’Italia: macchinari (36,8%, –19,5%); oreficeria (19,7%, +22,9%); combustibili minerali (14,7%, +7,9%); sistema casa (13,2%, –0,5%); tessileabbigliamento (6,9%, –5,6%). Principali prodotti esportati in Italia: combustibili minerali (9%); materie plastiche (26,5%); alluminio (7,9%).

Brevetti e proprietà intellettuale Tre Leggi Federali proteggono la proprietà di brevetti industriali ed intellettuali: L.F. 37/1992 sui marchi commerciali, L.F. 40/1992 sulla protezione della proprietà commerciale e del copyright, L.F. 44/1992 sulla protezione della proprietà industriale.

Investimenti esteri (principali Paesi)6 Paesi di provenienza: Regno Unito (24,6%), Giappone (20,7%), India (11,2%), USA (6,2%), Iran (4,1%), Kuwait (3,7%), Arabia Saudita (3,6%), altri (25,9%).

Investimenti esteri (principali settori) Verso il Paese: intermediazione finanziaria e assicurazioni (34,4%), costruzioni (29%), ingrosso e vendita al dettaglio

EMIRATI ARABI UNITI

3

5

4 5 6 7 8

179

Fonte: Fonte: Fonte: Fonte: Fonte: Fonte:

Constructionweekonline.com FMI (International Financial Statistics, 2010) ISTAT (gennaio-novembre 2010) Ministero dell’Economia degli EAU Fisco Oggi a-z Consultancy


MEDIO ORIENTE/AFRICA

EAU

Sistema fiscale9 Il Consiglio Federale mantiene il potere legislativo su difesa, affari esteri, educazione e salute, mentre ogni singolo Emirato mantiene il potere legislativo su altri settori pubblici, compreso quello fiscale. Anno fiscale: 1 gennaio-31 dicembre Tassazione sul reddito delle persone fisiche: assente, nemmeno a titolo di ritenuta alla fonte. Le imprese che impiegano cittadini con passaporto emiratino sono obbligate a versare agli stessi una quota del salario, corrisposto in appositi fondi pensione. Tassazione sulle attività d’impresa: unica imposta presente nel Paese, e regolata localmente dai diversi Emirati. I decreti fiscali adottati dai sette Emirati, tuttavia, sono improntati ai medesimi principi e criteri generali. L'imposta è tendenzialmente applicabile all'utile netto prodotto da tutti gli enti e le società - con o senza personalità giuridica - che svolgono attività commerciali o industriali negli EAU. Sono soggetti ad imposta anche gli utili prodotti da filiali e sedi secondarie (stabili organizzazioni) di società estere. Imposta sul valore aggiunto (VAT): attualmente non prevista, ma nel corso del 2008, le autorità emiratine hanno preannunciato l'introduzione di un'imposta generale sul valore aggiunto, con un'aliquota del 3%. L'introduzione della nuova imposta, inizialmente prevista per i primi mesi del 2009, sembra, tuttavia, essere stata rinviata.

Tipologia

Tassi bancari13

Immobili Beni di consumo

Principali finanziamenti e linee di credito

Valore

6% 4%

Attività SIMEST

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche14 Attualmente sono 36 le Zone Franche attive o in via di realizzazione sul territorio; alcune di queste consentono, al proprio interno, l’esercizio di qualsiasi attività economica o commerciale, altre invece sono specializzate in determinati settori. Il regime di zona franca prevede trattamenti estremamente vantaggiosi, come la possibilità, per le imprese straniere, di possedere il 100% della proprietà, il totale rimpatrio dei capitali, l’assenza di dazi e di imposte sui redditi di impresa (quest’ultima per 15 anni, rinnovabile per ulteriori 15). In genere, la maggior parte delle zone franche emette licenze commerciali, industriali e di servizi ad eccezione del Dubai Internet City, Dubai Media City, Dubai Health Care City e altre zone franche parte del gruppo Dubai Holding.

Notizie per l’operatore

Rischio Paese10 3/7 Condizioni di assicurabilità SACE11 apertura senza condizioni escluse controparti Ajman.

Accordi con l’Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali (firmata il 22.01.1995, ratificata con L.309/1997 e in vigore dal 5.11.1997); Accordo di cooperazione nel settore della difesa (L.204/2009).

Sistema bancario12 Presenti nel Paese 52 banche, di cui 24 locali e 28 straniere. A queste, si devono aggiungere 90 uffici di rappresentanza, 19 compagnie di investimenti finanziari e 22 compagnie finanziarie. Inoltre, operano un totale di 747 sportelli di cui il 38,7% a Dubai e il 23,8% ad Abu Dhabi. L’organo di controllo, la UAE Central Bank, regola le politiche monetarie e fiscali e supervisiona la condotta e l’operato delle singole banche e le attività di antiriciclaggio. Nel 1987 il governo federale ha congelato la concessione di nuove licenze a banche straniere, limitando inoltre a quelle presenti il numero massimo di 8 branch sull’intero Paese. Non esiste alcuna privatizzazione in corso.

9 10

11 12 13

14

180

Fonte: Diacron Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it Fonte: FMI Non viene applicato un metodo a scalare, la percentuale prevista per il finanziamento del bene viene calcolata sull’intero ammontare moltiplicato per il numero di anni previsti per la restituzione Fonte: Dubai Legal


BUSINESS ATLAS 2011

Costo dei fattori produttivi

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Ufficio ICE20 Sheikh Zayed rd (exit 32) Dubai Internet City Arenco Tower, office 506/508 - 500088 Dubai tel +971 44345280 fax +971 44220983 dubai@ice.it Ufficio ENIT21 c/o Camera di Commercio Italiana negli EAU Suite 903, 9th floor, Al Batha Tower Buhairah Corniche Dubai - Sharjah tel +971 6 5747099 - fax +971 6 5841100 dubai@enit.it

Manodopera (valori medi mensili in €) 15

Categorie

Operaio Impiegato Dirigente

da

a

300 1.000 1.000 3.000 3.000 15.000

Elettricità16 (fils/KWh; 1 fils=0,1 DHS = 2 €cent)

Consumo mensile ad uso industriale

0 - 10.000 oltre 10.000

Combustibile

tariffa media

Benzina Nafta Combustibile industriale

ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Italian Desk BNL c/o BNP Paribas 7th fl., Emaar Building 1, Burj Dubai Sq., Dubai tel +971 4 4248311 luigi.ardizzone@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Intesa Sanpaolo - Branch DIFC-Dubai International Financial Centre Building 1, 3rd floor The Gate Village 1 PO Box 506736 tel +971 4 3729100 dubai.ae@intesasanpaolo.com

23 38

Prodotti petroliferi17 (in €/l) da

a

0,25 0,35 0,18

0,30 0,44 0,22

Acqua16 (fils/imp. gallon; 1 fils=0,1 DHS = 2 €cent)

Consumo mensile

0 - 10.000 10.001 - 20.000 oltre 20.001 Tipologia

Affitto locali uffici

IN ITALIA

tariffa media

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via della Camilluccia 492 – 00135 Roma tel 06 36306100 - fax 06 36306155

3,5 4,0 4,6

Immobili18 (canone mensile in €/m2) da

1.700

EMIRATI ARABI UNITI

Istituti di credito National Bank of Abu Dhabi; National Bank of Dubai; Dubai Bank; Dubai Islamic Bank; Ras Al Khaima Bank; Commercial Bank of Dubai; Mashreq Bank.

a

2.800

Formalità doganali e documenti di viaggio Necessario il passaporto con almeno sei mesi di validità. Ai cittadini italiani viene rilasciato un visto turistico gratuito all’ingresso nel Paese della durata di 30 giorni.

Informazioni utili

Corrente elettrica 220/240 volt a 50 cicli (le prese a muro sono quelle inglesi a 3 fori).

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE Ambasciata d’Italia19 PO Box 46752 Abu Dhabi tel +971 24435622 – fax +971 24453673 www.ambabudhabi.esteri.it • italianembassy.abudhabi@esteri.it Consolato Generale PO Box 9250 Dubai tel +971 43314167 - fax +971 43317469 www.ambabudhabi.esteri.it • info.dubai@esteri.it

15 16 17 18 19

20 21

181

Fonte: Camera di Commercio Italiana negli EAU (stime) Fonte: Dubai Water and Electricity Authority (DEWA) Fonte: Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) Fonte: Real Estate Regulatory Agency (RERA) Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Fonte: Agenzia Nazionale Turismo (www.enit.it)


MEDIO ORIENTE/AFRICA

EAU

Giorni lavorativi ed orari La settimana lavorativa è di 6 giorni (dal sabato al giovedì) o di 5 per tutti gli uffici governativi e la maggior parte delle aziende private (dalla domenica al giovedì). Uffici pubblici: sab-mer 8.00-14.00; gio 8.00-12.00 (inverno 7.00-13.00, estate 7.00-11.00) Uffici privati: sab-mer 9.00-18.00 Banche: sab-gio 8.00-13.00 / 15.00-18.00 Negozi: centri commerciali sab-gio 10.00-24.00; souk 10.0013.00 / 17.00-tarda notte.

TV: Abu Dhabi TV; Dubai TV; Dubai One, City 7; MBC.

Alberghi 5 stelle/5 stelle lusso da euro 150 fino a 5.000 per notte; 4 stelle da 100 a 300; 3 stelle ca. 70.

Assistenza medica Il sistema sanitario è privato. Ospedali, cliniche, ortodonzisti e dentisti sono di buon livello. Tutti i residenti con regolare permesso di soggiorno hanno diritto alla Health Card che garantisce assistenza di base presso le strutture ospedaliere pubbliche.

Festività Tutte le festività cadono in giorni diversi da anno in anno in quando legate al calendario islamico lunare, dai 10 ai 12 giorni più corto rispetto al calendario gregoriano. Le principali festività sono: UAE National Day (2 dicembre); Eid alAdha (Festa del Sacrificio), Capodanno islamico, Nascita del Profeta, Arrivo di Shaikh Zayed (Abu Dhabi), Leilat al-Miraj (Ascensione del Profeta), Eid al-Fitr (fine del Ramadan).

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: Etihad Airways (Abu Dhabi) Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Emirates Airlines, Gulf Air, Air Arabia, Fly Dubai, RAK Airways, AVE, Daallo Airlines. Trasferimenti da e per l’aeroporto: servizio taxi, economico ed efficiente, e servizio di navette che generalmente gli alberghi mettono a disposizione dei propri clienti.

Media Quotidiani: Gulf News, Khaleej Times, Gulf Today, Al Bayan, Itihad, The National. Riviste: Arabian Business; Emirates Today.

Telecomunicazioni Telefonia fissa e mobile: Etisalat, Du

Italian Industry & Commerce office in the UAE

Sharjah

Anno di fondazione 1999 Anno di riconoscimento 2009 Presidente Piero RICOTTI Segretario Generale Mauro MARZOCCHI Indirizzo Al Batha Tower (Suite 903, nono piano) Buhairah Corniche - PO Box 48558 Telefono +971 6 5747099 Fax +971 6 5481100

Web www.iicuae.com E-mail info@iicuae.com Orario lun-gio 09.00 -19.00; dom 09.00 - 17.00 Numero dei soci 72 Quota associativa: euro 250 Newsletter Il Bollettino (settimanale e trimestrale; formato elettronico) Accordi di collaborazione Enit, Padova Promex

182


Caratteristiche generali

Mesi

Quadro dell’economia2

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

22 19 20 25 25 29 32 33 31 27 25 19

Media min

Quadro macroeconomico Tutti i principali indicatori economici 2010 testimoniano, per l’economia del Paese, un’uscita dalla crisi. Il PIL è aumentato del 4,5%, dopo un 2009 caratterizzato da una crescita contenuta, pari all’1%; anche le importazioni e le esportazioni hanno subito importanti incrementi nonché la domanda interna. Il tasso di disoccupazione è calato a quota 6,2%, dopo i picchi raggiunti nella seconda metà del 2009 (8,3%). Il rapporto debito/PIL è cresciuto ad un tasso moderato, in conformità alle prescrizioni degli standard internazionali. Il tasso di interesse della Bank of Israel è aumentato gradualmente fino all'attuale 2%.

8 10 10 11 17 17 20 23 19 14 12 9

Principali settori produttivi Il settore high-tech si è confermato il settore trainante dell’economia israeliana. Ormai da alcuni anni Israele è lo Stato che al mondo investe nella ricerca la maggior percentuale del proprio PIL (4,9%), superando gli USA (2,8%), la Svezia (3,7%), la Finlandia (3,5%) e la Svizzera (2,9%). La principale area di specializzazione dell’attività di ricerca e sviluppo è l’Information&Communication Technology (sistemi di software, attrezzature per semiconduttori, ottica, nanotecnologie, sicurezza, embedded systems, attrezzature mediche e tecnologie legate a internet). Negli ultimi anni si è anche registrata una crescita nel settore life sciences e in quello delle tecnologie energetiche e ambientali, nell'ambito del quale Israele conduce importanti ricerche legate alla desalinizzazione delle acque, al risparmio idrico e allo sfruttamento delle energie rinnovabili (solare in primis). Alla necessità di raggiungere una situazione di autosufficienza nella produzione di sistemi di difesa ad alto contenuto tecnologico è invece legata la ricerca nel campo aeronautico ed aerospaziale (IAI, l’Industria Aerospaziale Israeliana, è considerata leader a livello mondiale). Altri settori produttivi di particolare interesse sono quello agroalimentare e delle bevande, la lavorazione di diamanti, metalli, legno e plastica.

Fuso orario (rispetto all’Italia): +1 Superficie 21.643 kmq Popolazione 7.697.600 Gruppi etnici Ebrei (75,4%), Musulmani (20,4%) Comunità italiana 15.000 Capitale Gerusalemme (780.200) Città principali Tel Aviv-Jaffa (392.000), Haifa (266.500), Rishon Le Zion (228.900), Ashdod (207.800) Moneta New Israeli Shekel (ILS) Tasso di cambio1 1 Euro=4,94568 ILS Lingua Ebraico; diffuse Arabo, Inglese, Russo Religioni principali Ebrei (75,4%), Musulmani (20,4%) Ordinamento dello Stato Democrazia Parlamentare. Il potere legislativo è affidato al parlamento (Knesset), formato da 120 membri eletti ogni quattro anni a suffragio universale diretto. Il potere esecutivo è esercitato dal Governo, presieduto dal Primo Ministro. Il Presidente è eletto dalla Knesset ed ha un mandato di cinque anni Suddivisione amministrativa sei distretti (mehozot): Centrale, Haifa, Gerusalemme, Settentrionale, Meridionale e Tel-Aviv.

1 2

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Central Bureau of Statistics; Bank of Israel

184

Infrastrutture e trasporti La rete stradale israeliana copre circa 15.700 km, di cui 6.200 km di strade extra-urbane e 9.700 km urbane. Auto-


BUSINESS ATLAS 2011

strade collegano Tel Aviv a Haifa, a Ashdod e Gerusalemme. Una delle conseguenze più visibili della crescita economica che il Paese sta sperimentando ininterrottamente da diversi anni è l’aumento esponenziale delle autovetture private circolanti su una rete autostradale che non ha ancora subito i necessari ammodernamenti (anche se solo tra il 2001 ed il 2005 sono stati allocati a questi fini 8,9 miliardi di dollari). Per far fronte a questa situazione, il Ministero dei Trasporti ha deciso di coinvolgere il settore privato nella costruzione e manutenzione di strade ed autostrade. In parallelo è previsto lo sviluppo della rete ferroviaria, con uno stanziamento di circa 9 miliardi di dollari. Per la rete ferroviaria che al momento si sviluppa per 900 km, sono previsti importanti investimenti: nel breve-medio termine, verrà attribuita particolare attenzione alla realizzazione della ferrovia ad alta velocità tra Tel Aviv e Gerusalemme (circa mln/euro 680). E' prevista la costruzione di una metropolitana leggera a Tel Aviv (Red Line Railway), per un valore di circa mln/euro 900. In una fase successiva sarà realizzata la Green Line che collegherà Tel Aviv e le municipalità di Holon e Rishon Le Zion, mentre a lungo termine saranno realizzate altre due linee: la Yellow Line che collegherà le città di Kfar Saba, Raanan, Herzelya e Ramat Hasharon e la Purple Line, un collegamento tra Kiriyat Ono, dintorni e Tel Aviv. Nel 2010 è invece terminato il primo tratto della metropolitana leggera di Gerusalemme. Il principale aeroporto d’Israele è quello di Ben Gurion situato a Lod, a circa 10 km da Tel Aviv. Inoltre vi sono aeroporti a Eilat, Ovdà, Tel Aviv e Haifa. I porti più importanti si trovano ad Haifa, Ashkelon, Ashdod ed Eilat sul Mar Rosso. Recentemente è stato approvato un ambizioso piano di ampliamento di tutto il sistema portuale (Master Plan fino al 2050). La pianificazione riguarda, in particolare, la costruzione di terminal per navi di grandi dimensioni (Mega Container Carrier).

Commercio estero3 Totale import: mld/euro 44,2 (+24,9%) Totale export: mld/euro 38,4 (+21%) Principali prodotti importati: materie prime, in particolare metalli non ferrosi e di acciaio (mld/euro 17,2, +23,4%); beni di consumo (mld/euro 6,5, +13,5%); beni di investimento, in particolare autoveicoli commerciali (mld/euro 6,4, +12,8%); diamanti (mld/euro 6, +59,2%); carburanti, in considerazione dell'aumento dei prezzi (mld/euro 7,8, +29,4%). Principali prodotti esportati: prodotto dell’industria manifatturiera (79,8%, +16,5%), di cui prodotti ad alto contenuto tecnologico (49,6%, +11,6%) come prodotti farmaceutici (+41,5%); diamanti (17,5%, +51%); prodotti agricoli (2,7%, +10,5 %). In particolare, nel settore manifatturiero, sono i prodotti con un valore tecnologico alto (49,6%) a trainare l’export; seguono i settori a contenuto medio-alto (28,7%), medio-basso (16,5%) o basso (5,1%). Principali partner commerciali Paesi Clienti: UE (30%, +21%) di cui Regno Unito (+59%),

ISRAELE

Olanda (+17,2%), Germania (+18,3%), Italia all’8° posto (+16%, 2,5%); Francia (+12%); USA (–1,7%); Cina (+76%); India (+41%); Turchia (+22%). Paesi Fornitori: UE (34,7%, +12,7%) di cui Germania (+9,3%), Italia al 4° posto (+14,3%, 4,2%), Svizzera (–13%), Olanda (+11,5%), Regno Unito (+16,8%), Francia (+6,2%); USA (+10,7%); Cina (+32%); Turchia (+29,7%); Giappone (+16,4%).

Interscambio con l’Italia Saldo commerciale: mld/euro –0,9 L’interscambio Italia-Israele è aumentato del 14,2%, mentre l'avanzo commerciale in favore dell'Italia è aumentato del 13,6%. Rispetto all’UE, l’Italia si conferma uno dei maggiori partner di Israele. L'Italia detiene una quota del 13,7% sul totale degli acquisti israeliani dai Paesi UE (12,1% nel 2009) e una quota del 9,7% sul totale delle vendite israeliane (8,9% nel 2009). In generale, la penetrazione dii prodotti italiani è buona, grazie all’immagine positiva del Made in Italy in termini di qualità, prestigio, design e tecnologia. Le economie italiana e israeliana sono complementari in molti settori, in particolare nei campi riguardanti le alte tecnologie e la ricerca e sviluppo per la produzione di macchinari e di sistemi per la protezione ambientale: Israele opera in particolare nella fase di ricerca mentre l’Italia in quella di realizzazione vera e propria e commercializzazione dei prodotti finiti grazie alla diversificazione, alla flessibilità, all'estensione del sistema industriale italiano. Negli ultimi anni si è affacciata una nuova forma di cooperazione fra aziende italiane ed israeliane, alternativa all’acquisto di aziende o all’apertura di filiali nei due Paesi. Si tratta di una collaborazione sotto forma di alleanze strategiche e di joint venture, che permette di sfruttare al meglio i vantaggi relativi di entrambi i Paesi. Questo tipo di cooperazione permette alle PMI italiane di apprendere conoscenze e tecnologie per rafforzare la propria presenza sul mercato, alimentare la propria crescita, contenere le spese, condividere i rischi e fare leva sui marchi israeliani in campo tecnologico; da parte israeliana, i vantaggi comprendono la possibilità di produrre quantitativi superiori sfruttando così economie di scala, accedendo a mercati altrimenti preclusi, facendo leva sui marchi italiani nel campo della produzione e del marketing, sfruttando le possibilità del Sistema Italia. Principali prodotti importati dall’Italia: macchinari e attrezzature elettriche (mln/euro 523, +10%); prodotti chimici (mln/euro 249, +13,7%); metalli di base, (mln/euro 166, +23%); prodotti in plastica e gomma (mln/euro 125, +16,9%); prodotti tessili (mln/euro 103, –6%); si segnala l'incremento del 51,6% dell'acquisto di autoveicoli (mln/euro 116). Principali prodotti esportati in Italia: prodotti chimici e derivati (mln/euro 360, +34%); prodotti in plastica e gomma (mln/euro 179, +21%); macchinari ed attrezzature elettriche ed elettroniche (mln/euro 166, –1%). 3

185

Fonte: Central Bureau of Statistics


MEDIO ORIENTE/AFRICA ISRAELE

Investimenti esteri (principali Paesi e settori) Verso il Paese: la crescita degli investimenti diretti esteri in Israele è stata determinata dalle crescenti privatizzazioni e apertura del mercato e dal boom dei settori ad alto contenuto tecnologico, considerati il motore trainante dell’economia israeliana. L’acquisizione di startup israeliane rappresenta per le grandi società internazionali dell’hi-tech (i.e. HO, Intel, IBM e Microsoft) una scelta conveniente rispetto allo sviluppo di costosi programmi autonomi di R&S in patria. Italiani verso il Paese: telecomunicazioni, chimico, assicuratizioni. Italia ed Israele sono legate da un Accordo intergovernativo di cooperazione industriale scientifica e tecnologica, entrato in vigore nel 2002. Nel 2009 è stato deciso di triplicare i fondi a disposizione dell'accordo a 3 milioni di Euro all'anno. Grazie al significativo aumento dei fondi a disposizione dell'accordo è stato possibile incrementare in modo significativo il numero dei progetti congiunti di cooperazione che, ogni anno vengono finanziati grazie all'Accordo. In occasione del Primo Vertice Bilaterale Italia-Israele (febbraio 2010) sono stati inaugurati tre Laboratori congiunti italoisraeliani, per una durata di 5 anni. L’Italia è, dal 2010, primo partner europeo scientifico e tecnologico di Israele, e secondo in termini assoluti dopo gli USA. All’estero del Paese: hi-tech, ambiente/energia, farmaceutico, immobiliare. In Italia del Paese: ambiente/energia, farmaceutico, telecomunicazioni, immobiliare. Si segnala che il campo delle energie rinnovabili è diventato uno dei principali ambiti per gli investimenti israeliani in Italia (i.e. la società Gilatz Investements Ltd. ha da poco firmato un MOU con un partner italiano per l'acquisto di 5 parchi solari, ancora in fase di realizzazione per un investimento totale di circa mln/euro 16,6; nel 2009, la società Aspen Building & Development Ltd., ha firmato un accordo per la costruzione di 5 impianti fotovoltaici con una capacità di 1 MW cadauno nella Regione Puglia). Ache il settore accessori risulta particolarmente promettente: nel corso del 2010, l’azienda produttrice occhiali Xray, di proprietà israeliana, ha aperto 20 punti vendita in Italia.

coli in pelle, profumi, medicinali e affini sono obbligatorie etichette con note del Ministero del Commercio); la lista d’imballaggio per merce in quantità superiore ad un collo; la lettera di trasporto aereo/marittimo; dichiarazione d’assicurazione marittima; il formulario EUR 1 o dichiarazione parallela per merce fabbricata in Europa. Alcune tipologie di merci richiedono licenze di importazione rilasciate dal Ministero di riferimento (Trasporti, Sanità o Agricoltura) o un permesso dell’Istituto Tecnico competente. Alcune categorie merceologiche come generi alimentari, cosmetici e prodotti farmaceutici necessitano di una certificazione da ufficio governativi all'estero. Classificazione doganale delle merci: responsabile in materia è una Sezione del Department of Customs & VAT. La classificazione delle merci in Israele è basata sul Sistema Armonizzato. Per ricevere informazioni dall’estero riguardo alla classificazione dei beni e ad eventuali tasse da pagare sull’importazione di prodotti in Israele, è possibile contattare direttamente la Sezione addetta alla classificazione oppure un agente dei servizi doganali israeliani. Restrizioni alle importazioni: applicate su beni provenienti da Paesi che non hanno rapporti diplomatici con Israele, prodotti pericolosi, (semi)militari, altre merci specificate sulla Tariffa Doganale. Importazioni temporanee: permesse usando il Carnet ATA o altri accordi doganali (generalmente un pagamento in deposito che viene restituito dopo l’esportazione della merce).

Aspetti normativi e legislativi

Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: lo sdoganamento avviene tramite procedure informatizzate presso gli uffici dell’Agenzia delle Dogane. Una parte della merce è ispezionata dal funzionario doganale che apre uno o più colli sulla base di direttive fornite dalla direzione generale della Dogana. I documenti richiesti per lo sdoganamento (esclusi campioni, importazione personale, merci per corpi consolari etc.) sono: la fattura originale del fabbricante o della ditta esportatrice, possibilmente firmate (per abbigliamento, arti-

186

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: incentivi agli investimenti sono regolati dalla Legge per il sostegno degli investimenti di capitale (ECIL) del 1959. Il 20.11.1995, un trattato commerciale è stato, inoltre, firmato tra Israele e UE con lo scopo di rafforzare i legami commerciali e politici, in particolare promuovere l’espansione dei parametri delle esistenti free trade zones aggiornando regole sulle origini dei prodotti e rendendole più flessibili, garantendo un accesso facilitato a mercati di approvvigionamento pubblici e statali e semplificando le condizioni commerciali. Questo accordo proibisce l’imposta di dazi sull’import ed export tra Israele e UE. Le agevolazioni concesse dal governo (sovvenzioni, sgravi e garanzie per prestiti) riguardano in particolar modo “le imprese riconosciute” dal Centro di Investimento Governativo del Ministero dell’Industria e del Commercio a progetti che aderiscano agli obiettivi di politica economica del Paese, in particolare quelli export-oriented, che garantiscano un incremento occupazionale delle zone depresse e assicurino investimenti nei settori tecnologico, industriale e turistico. I vantaggi connessi alla concessione di tale status sono di natura fiscale (esenzioni), ma prevedono anche contributi a fondo perduto, sovvenzioni statali sotto forma di prestiti, una riduzione dell’imposta sulle società (con un’aliquota variabile dal 10 al 25% a seconda del grado di controllo estero), una ritenuta alla fonte ridotta al 15% sui dividendi distribuiti alla controllante estera. Vi è, inoltre, la possibilità di usufruire di


BUSINESS ATLAS 2011

na, ma nel caso abbiano investito in valuta straniera possono scegliere di calcolare i guadagni nella valuta originaria anziché in Shekel.

un ammortamento in forma abbreviata per i macchinari e gli impianti necessari alla realizzazione del progetti. L’entità delle agevolazioni varia a seconda dell’ubicazione dell’impresa: il territorio israeliano è stato infatti, suddiviso in tre fasce, due delle quali presentano delle condizioni particolarmente favorevoli in termini di finanziamento. Incentivi sono attribuiti dall’Office of the Chief Scientist (OCS) nel campo della ricerca e dello sviluppo. In questo ambito il supporto varia dal 30% per il miglioramento di prodotti esistenti, al 66% per lo sviluppo di tecnologie altamente avanzate. Fra i maggiori settori d’investimento rivestono particolare interesse i piani di sviluppo regionali per progetti relativi al controllo e alla desalinizzazione delle acque, alla desertificazione, all’agricoltura avanzata, ai software, al turismo, all’industria farmaceutica, alle infrastrutture e ai trasporti, all’energia, alle comunicazioni e ai programmi logistico-ambientali. Legislazione societaria: i cittadini stranieri possono stabilire, con procedure semplice e veloci, una presenza sotto varie forme tra cui: Proprietà esclusiva, Partnership limitata o generale (General or Limited Partnership), Società israeliana a responsabilità limitata e Società straniera. L’assorbimento di una società israeliana come filiale dell’entità operante, oppure la registrazione della stessa come società estera in Israele sono però le pratiche più comuni.

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Redditi (in €)

0 - 11.471 11.472 - 20.368 20.369 - 30.589 30.590 - 43.889 43.890 - 94.605 oltre 94.606

Valore

10 % 14 % 23 % 30 % 33 % 45 %

Tassazione sulle attività d’impresa: l’imposta media sul reddito delle persone giuridiche in Israele è pari al 33%. I dividendi pagati a persone fisiche israeliane e a persone fisiche e giuridiche straniere sono soggetti a ritenuta del 25%, a meno di specifiche norme contenute negli accordi bilaterali sulla doppia tassazione. Le imprese qualificate come Approved Enterprises, le società a controllo straniero e gli investitori stranieri sono sottoposti ad una disciplina specifica. Le società in cui l’investimento straniero supera il 25% possono scegliere di presentare la contabilità in dollari o di legare la loro valuta israeliana al tasso di cambio anziché al CPI. I Capital Gain derivanti dalla vendita di azioni sono soggetti a tassazione. Sui dividendi e sugli interessi corrisposti ai residenti in Italia si applica una ritenuta d’imposta rispettivamente del 25%, e del 15%. Nessuna ritenuta sulle royalties. Inoltre, il guadagno inflazionistico sulla vendita di azioni di società israeliane acquistate originariamente in valuta straniera è esente da tasse se il calcolo è basato sulle variazioni del tasso di cambio rilevante. I capital gain derivanti dalla vendita di azioni alla Borsa Valori di Tel Aviv sono esenti dal pagamento delle tasse. Le perdite in conto capitale possono essere compensate da guadagni reali e possono essere riportate per un massimo di 7 anni. Le perdite sulle azioni possono essere compensate solo da guadagni su azioni. Imposta sul valore aggiunto (VAT): 16% dal 1.01.2010. Nel 2005 il Ministero delle Finanze ha annunciato l’abbassamento graduale, spalmato in 7 anni, della tassa d’acquisto sulle nuove autovetture. La vecchia imposta era del 95%, ma nel 2010 era già all'83%. L’obiettivo è di arrivare al 61% nel 2012.

Brevetti e proprietà intellettuale Israele è firmatario della Convenzione di Parigi nonché membro del Trattato per la Cooperazione in materia di Brevetti (PCT). I metodi diagnostici e di medicazione per esseri umani, nuove varietà di piante o razze animali (fatta eccezione per gli organismi microbiologici non presenti in natura) non sono brevettabili. La protezione dei marchi è garantita dalla Trademark Ordinance (1972) per un periodo di 14 anni rinnovabile a tempo indeterminato. I diritti dei creatori di lavori letterari, artistici e musicali originali sono garantiti dalla Copyright Law (1911). Questo genere di protezione è automatica e non è necessaria alcuna richiesta.

Sistema fiscale Il sistema fiscale prevede imposte sul reddito, sui Capital Gain e imposta sul Valore Aggiunto. La regola generale, secondo l’Ordinamento delle Imposte sul Reddito, prevede che i residenti israeliani e stranieri siano soggetti a tassazione sui redditi derivanti da fonti israeliane, ovvero redditi che siano maturati, derivati o ricevuti in Israele da locali o stranieri residenti nel Paese per più di metà dell’anno fiscale. Anno fiscale: 1 gennaio – 31 dicembre Imposta sui redditi delle persone fisiche: in Israele sia il reddito dei residenti che quello dei non residenti è soggetto a tassazione, purché sia originato da fonti israeliane. I redditi originati all’estero non sono sempre considerati parte del reddito tassabile. Il sistema dell’imposizione è progressivo, con una struttura per scaglioni. Per evitare il fiscal drag, gli scaglioni sono aggiustati trimestralmente in base alle variazioni del CPI. I residenti stranieri sono soggetti alla stessa discipli-

ISRAELE

Notizie per l’operatore

Rischio Paese4 0/7 Condizioni di assicurabilità SACE5 apertura senza condizioni 4

5

187

Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default Per maggiori informazioni www.sace.it


MEDIO ORIENTE/AFRICA ISRAELE

Sistema bancario Le funzioni di banca centrale sono affidate alla Bank of Israel. Il sistema bancario è fortemente centralizzato. Buona parte delle transazioni bancarie vengono effettuate da tre istituti di credito (Bank Hapoalim, Bank Leumi e Israel Discount Bank). Nell’ambito dei programmi di privatizzazione elaborati dal Governo è in corso la cessione, anche tramite la borsa valori, di gran parte del capitale delle principali banche del Paese, tranne che per la Bank Hapoalim, già privatizzata. Tipologia

Tassi bancari

Tasso ufficiale di sconto

Accordi con l’Italia Accordo di Area di Libero Scambio fra Israele ed Unione Europea firmato nel 1975 che prevede l’esenzione tariffaria per i prodotti industriali ed agricoli su presentazione della certificazione d’origine (nel 1995 è stato firmato un ulteriore accordo che, in sostituzione del precedente, concede ai prodotti israeliani più flessibilità in tema di certificazione d’origine; l’accordo include anche libertà di movimento dei capitali, ulteriori liberalizzazioni in tema di costituzione di società; cooperazione economica in aree di reciproco interesse; cooperazione regionale nei settori industriale, agricolo, servizi finanziari, etc.); collaborazione con l’UE nell’ambito del 4°, 5° e 6° Programma Quadro di ricerca scientifica e sviluppo tecnologico; Accordo di Cooperazione Industriale, Scientifica e Tecnologica, firmato nel 2000 ed entrato in vigore nel 2002 (che ha consentito il finanziamento diretto di 17 progetti congiunti di ricerca che coinvolgono le principali aziende, università ed enti di ricerca dei due Paesi) e un Accordo di Cooperazione nel campo della Sanità e delle Scienze Mediche, firmato nel 2002 ed entrato in vigore nel 2003; il 2010 ha visto la nona edizione del Bando per la raccolta di progetti congiunti di ricerca sulla base dell’accordo di cooperazione nel campo della ricerca e dello sviluppo industriale, scientifico e tecnologico tra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo dello Stato di Israele; Accordo di Cooperazione nel Campo della Sanità e delle Scienze Mediche, firmato nel 2002 ed entrato in vigore nel 2003; nel 2003 è stato firmato l’Accordo Agricolo che prevede tariffe preferenziali e quote. Israele aderisce anche a molteplici organizzazioni economiche quali il gruppo della Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo e la Banca Inter-Americana per lo Sviluppo. Israele è, inoltre, membro del WTO dal 1994; dal 2002 è paese membro della rete euro-mediterranea delle agenzie di promozione degli investimenti (il progetto ANIMA è finanziato dal programma comunitario MEDA di cooperazione tra l’Unione europea e i 12 paesi partner del Mediterraneo); dal 27.05.2010, Israele è membro ufficiale dell’OCSE.

Valore

1,76 %

Principali finanziamenti e linee di credito

Attività SIMEST

Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6.10.2008 nº 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all’esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l’inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6.10.2008 nº 133 Servizi di assistenza tecnica Ricerca partner / opportunità d’investimento Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg. 10-11

Parchi industriali e zone franche I porti di Haifa, Ashdod ed Eilat sono stati dichiarati zone franche tramite la Free Trade Zone Law, firmata nel 1969. In tali zone, le imprese beneficiano di alcuni vantaggi fiscali come l’esenzione dal pagamento delle imposte indirette. Alle imprese che hanno sede nella città di Eilat è garantita l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto (ad eccezione delle automobili e dei prodotti elettronici). Nel 1996, in seguito alla firma del trattato di pace tra Israele e la Giordania, gli USA hanno dichiarato l’impegno ad aprire delle Qualifying Industrial Zones (QIZ) allo scopo di attrarre investimenti e rafforzare la cooperazione economica nella regione. Un simile accordo, entrato in vigore nel Dicembre 2004, è stato firmato anche con l’Egitto. A gennaio 2009 risultano 5 QIZ in Giordania e 4 in Egitto. Materiali e costi di trasformazione sostenuti in un QIZ devono costituire almeno il 35% del valore stimato del prodotto al momento dell’esportazione negli Stati Uniti. Di questo 35%, il 15% deve derivare da materiali provenienti degli Stati Uniti o da Israele, e West Bank, Striscia di Gaza, Giordania o Egitto a seconda del programma. Il restante 20% deve provenire da Israele, Giordania o Egitto. Il restante 65% può provenire da qualsiasi parte del mondo. Tutti gli importatori devono inoltre certificare che l'articolo soddisfa le condizioni per l'esenzione dai dazi.

Costo dei fattori produttivi

Manodopera6 (valori medi mensili in €)

Categorie

da

Operaio Impiegato Dirigente Categorie

625 760 2.000 Elettricità7 (in €/KW/h)

Alta e media tensione 6 7

188

Fonte: Central Bureau of Statistic Fonte: Israel Electric Corporation

media

0,09

a

1.350 1.400 8.000


Combustibile

Prodotti petroliferi8 (in €/l)

Benzina Nafta Combustibile industriale

da

1,39 1,20 1,00

da

a

Ad uso industriale Tipologia

1,83

Affitto locali uffici

da

6,50

Formalità doganali e documenti di viaggio Necessario il passaporto in corso di validità. Per gli apolidi occorre un documento di viaggio valido, e un visto di rientro nel Paese in cui è stato rilasciato il documento. I visitatori possono rimanere nel Paese per un massimo di tre mesi a partire dalla data di arrivo. Dal momento che alcuni Paesi non permettono l’ingresso a chi abbia un visto israeliano sul passaporto, è consigliabile l’apposizione del timbro su un foglio separato allegato a una pagina del passaporto.

2,48

Immobili8 (canone mensile in €/m2)

a

20,20

Informazioni utili

Corrente elettrica 220V, 50 Hz

Giorni lavorativi ed orari Uffici: dom-gio 8.30-17.30; alcuni uffici lavorano durante la mattina del venerdì. Negozi: 9.00-19.00; il venerdì e la vigilia delle festività, i negozi chiudono alle ore 14.00. Banche: dom-gio 8.30-12.30; domenica, martedì, giovedì anche dalle 16.00 alle 18.00.

Indirizzi Utili NEL PAESE

RETE DIPLOMATICO CONSOLARE10 Ambasciata d’Italia Trade Tower Building, 25 Hamered Street 21° Piano 68125 Tel Aviv tel +972 3 5104004 - fax +972 3 5100235 www.ambtelaviv.esteri.it • stampa.telaviv@esteri.it

Festività Il sabato (Shabbat), il giorno di riposo, e tutte le feste religiose, cominciano al tramonto del giorno precedente e finiscono al calare della notte. La maggior parte dei negozi (nelle zone ebraiche), le aziende, gli uffici, e i locali pubblici sono chiusi e quasi tutti i mezzi di trasporto (ad eccezione dei taxi) cessano di funzionare; Rosh Ha Shana (Capodanno Ebraico); Kippur (Giorno dell’Espiazione); Sukkot (Festa delle Capanne); Yom Azmaut (Giorno dell’ Indipendenza); Shavuot (Pentecoste) e Pesach (Pasqua).

ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituti italiani di cultura Haifa 12 Meir st. - 35056 tel +972 4 8536091 - fax +972 4 8523934 www.iichaifa.esteri.it • iichaifa@esteri.it Tel Aviv Trade Tower - 25 Hamered st., 68125 tel +972 3 5161361 - fax +972 3 5161330 www.iictelaviv.esteri.it • iictelaviv@esteri.it Ufficio ICE11 The Tower Building 17th fl.- 3 Daniel Frish St. 64731 Tel Aviv-Giaffa tel +972 3 6918130 / 39 / 41 / 42 fax +972 3 6962812 • telaviv@ice.it Ufficio della Cooperazione Mujir al Din 5 – Ghoshosh House - Sheikh Jarrah tel +972 2 5828138 ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI12 BNL c/o BNP Paribas Beit Asia, Weizman street 4 - Tel Aviv tel +972 3 6970 510 Luc.pochet@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com

ISRAELE

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via M. Mercati,14 - 00197 Roma tel 06 6198500 - fax 06 36198555 www.mfa.gov.il • info-coor@roma.mfa.gov.il

a

1,25 1,16 0,80

Acqua9 (in €/m3)

IN ITALIA

BUSINESS ATLAS 2011

Media Quotidiani: (in ebraico), Yediot Aharonot, Maariv, Haaretz, Israel Hayom, Globes; (in inglese), Jerusalem Post, Herald Tribune-Haaretz.

8 9

10

11 12

189

Fonte: Central Bureau of Statistic Fonte: Hagihon Ltd- Jerusalem Water and Waste Water Works Corporation; Mei Avivim Fonte: Ministero degli Affari Esteri. Per ulteriori informazioni sugli uffici consolari nel Paese: www.esteri.it Fonte: Istituto Commercio Estero (www.ice.it) Presenti, inoltre, in maniera indiretta sul territorio israeliano, Generali, che detiene tramite la compagnia locale d’assicurazioni Migdal l`8% della Bank Leumi e UniCredit Group, che tramite la consociata polacca a Tel-Aviv - Bank Pekao (Bank Polska Kasa Opieki), intende intensificare la sua presenza sul mercato valutario in Israele


MEDIO ORIENTE/AFRICA ISRAELE

TV: diverse reti pubblico commerciali, tra cui Arutz 2, Israel 10 ed il canale della Knesset. Notevole successo registra negli ultimi anni la televisione via cavo e via satellite (con Yes e Hot come principali providers).

zioni dall’aeroporto) in circa 10 minuti; l’autobus Egged partono per Tel Aviv ogni 15 minuti (dalle 5.00 alle 22.00) e per Gerusalemme ogni 30 minuti (dalle 6.30 alle 20.30). È disponibile un servizio di shuttle tra l’Airport City e il terminal 3 dell’aeroporto. Disponibile, inoltre, un servizio taxi (anche collettivi, i Sherut).

Alberghi Categoria lusso: euro 200-250; 1a categoria 150-200; 2a categoria 70-150.

Telecomunicazioni Telefonia fissa: Bezeq Telefonia mobile: Orange (GSM); Pelephone; Cellcom, Mirs.

Assistenza medica In caso d’emergenza, rivolgersi al Magen David Adom (l´equivalente della Croce Rossa), al 101 da tutto il Paese.

Siti di interesse Portale del Governo Israeliano: www.gov.il Istituto Nazionale di Statistica: www.cbs.gov.il Ministero degli Affari Esteri: www.mfa.gov.il Ambasciata Israeliana a Roma: roma.mfa.gov.il Ministero dell’Industria e del Commercio: www.tamas.gov.il Israel Export and International Cooperation Institute: www.export.gov.il Manufacturer’s Association: www.industry.org.il Israeli Industry Center for R&D: www.matimop.org.il Museo Italiano dell’Arte Ebraica di Gerusalemme: www.jija.org

Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: El-Al Altre compagnie aeree operanti nel Paese: Arkia Israel Airlines, Israir, Sun D’Or (società controllata dall’El-Al), Tamir Airlines (voli interni). Trasferimenti da e per l’aeroporto: l’autobus 475 collega il Terminal 1 dell’aeroporto Ben Gurion a Tel Aviv (stazione ferroviaria centrale e ai principali alberghi - circa 20 minuti di viaggio), con partenze previste ogni ora dalle 4:00 alle 24:00. Anche con il treno è possibile raggiungere Tel Aviv (4 sta-

Camera di Commercio e Industria Israel-Italia

Tel Aviv

Anno di fondazione 1955 Anno di riconoscimento 1993 Presidente Ronni BENATOFF Segretario Generale Gaia MOLCO Indirizzo Trade Tower, 8th Floor, 25 Hamered Street -68125 (PO Box 50278, 61500) Telefono +972 3 5164292 Fax +972 3 5164306 Web www.italia-israel.com

E-mail info@italia-israel.com Orario dom-gio 9.30 -17.30 Numero dei soci 113 Quota associativa Società israeliane: da NIS 500 a NIS 1.500 a seconda delle dimensioni. Società Italiane: euro 145 Newsletter Trade News Pubblicazioni Business Proposals Accordi di collaborazione Aries Trieste; Enti fiera: Milano, Rimini; Desk: CCIAA Torino, Promec Modena, Promos Milano

190


Caratteristiche generali

Mesi

Fuso orario (rispetto all’Italia): –1 (–2 con l’ora legale) Superficie 710.850 kmq Popolazione 31.700.117 Gruppi etnici Arabi e Berberi Comunità italiana 2.070 Capitale Rabat Città principali Casablanca, Marrakech, Fès, Tangeri, Oujda, Agadir Moneta Dirham Marocco (MAD) Tasso di cambio1 1 Euro=11,1561 MAD Lingua Arabo classico (ufficiale); parlate Arabo dialettale marocchino (63%) e Tamazight (Berbero 24%). La maggioranza della popolazione è bilingue e parla francese Religioni principali Islamici (98,7%); Cristiani (1,1%) Ordinamento dello Stato Monarchia Costituzionale dal 1999. Il Primo Ministro, nominato dal Re Mohamed VI, è responsabile davanti alle due Camere (la Camera dei Rappresentanti e la Camera dei Consiglieri) Suddivisione amministrativa 16 regioni governate da un wali di nomina regia; 160 province; 1.547 comuni (249 urbani e 1.298 rurali).

Temperature nella capitale (in °C)

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Media max

17 18 19 20 22 24 26 26 26 24 20 18

Media min

9 9 11 12 15 17 19 20 19 15 12 10

Quadro dell’economia2

una politica monetaria di contenimento prezzi, si è mantenuta stabile al 2,3%, mentre il tasso di disoccupazione, dopo un periodo di decremento, è aumentato nel 2010 fino a toccare quota 9,6%. Le previsioni per il 2011 sono positive, soprattutto perché la crescita dell’economia mondiale sta portando a un aumento degli investimenti diretti esteri e del commercio, ma a crescere è anche la domanda interna. Le stime per il 2011 prevedono una crescita del PIL pari al 4,3% grazie alle positive performance del settore non agricolo (+5,4%), secondario (+5,7%) e terziario (5,3%).

Quadro macroeconomico Il 2010 è stato caratterizzato da una crescita positiva (+4%) in leggero rallentamento rispetto al 2009 (+5%). Il Paese sembra essere ben tutelato da una politica monetaria rigida e dalla prudenza delle banche locali, poco esposte verso rischi finanziari. Tra i settori più dinamici, oltre all’agricoltura, perno dell’economia marocchina, troviamo l’industria manifatturiera, edilizia e il terziario che crescono a ritmi del 5,4%; le esportazioni sono addirittura cresciute del 22%. La buona performance dell’economia è da imputare alle politiche di Governo che puntano, tra l’altro, all’attrazione di capitali esteri, alla creazione di nuove imprese grazie alla figura dell’Agenzia per lo sviluppo degli investimenti (AMDI), al potenziamento del Fondo Hassan II (fondo di ca. mln/euro 54 per il rafforzamento del settore industriale tramite la costruzione di infrastrutture); altre misure previste sono il Piano Verde del Marocco (per lo sviluppo del settore agricolo) e il Piano Solare del Marocco; a tal proposito è stata istituita l’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Energia Rinnovabile e l’Efficienza Energetica (ANDEREE). Il tasso di inflazione, grazie ad

Principali settori produttivi Dopo l’annata miracolosa del 2009 (+29%), il settore primario ha registrato un +7,5% a causa di una forte diminuzione della produzione di cereali conseguenza di piogge e inondazioni. Il progetto del Governo Piano Verde del Marocco, disciplinato nel 2009 sta dando i frutti desiderati grazie al progressivo aumento degli investimenti agricoli e al sostegno offerto ai piccoli agricoltori. Il settore secondario ha registrato un aumento dello 0,9%, dovuto alla crescita sia della domanda interna che internazionale. Il settore estrattivo, soprattutto fosfati, è entrato in 1 2

192

Tasso di cambio medio 2010 Fonte: Ministero degli affari esteri; FMI; Haut Commissariat au Plan; Ministère de l’Economie et Finances; Bank al-Maghrib